ILLUMINAZIONE E RISPARMIO DI ENERGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ILLUMINAZIONE E RISPARMIO DI ENERGIA"

Transcript

1 1 ILLUMINAZIONE E RISPARMIO DI ENERGIA Milano, 3 marzo Premessa Negli ultimi anni l industria illuminotecnica si è mobilitata per consolidare la propria posizione a livello internazionale anche sui temi ambientali, che stanno sempre più assumendo carattere primario. Di fatto, se vengono esaminati i comparti che possono portare il maggior contributo al contenimento degli sprechi energetici e di conseguenza alla riduzione delle emissioni di CO2, tenuto conto della tempistica prevista per l adeguamento, risulta evidente che devono essere presi in considerazione anzitutto quelli più fattibili, fra i quali risultano ai primi posti gli impianti di illuminazione. In generale, l uso razionale dell energia per queste applicazioni può essere ottenuto principalmente riducendo al minimo due variabili: la potenza installata ed il tempo di funzionamento. Ma come ogni buon strumento deve essere bene impiegato per raggiungere lo scopo, il massimo risparmio richiede, oltre ad efficienti apparecchiature, che la progettazione e gestione dell impianto siano effettuate da specialisti. 2 - Le possibilità di risparmio L energia può essere efficacemente convertita in luce visibile in primo luogo mediante la scelta appropriata degli apparecchi, delle lampade e delle unità di alimentazione( nel seguito : alimentatori). Gli apparecchi Gli apparecchi devono avere il massimo rendimento (%), compatibilmente con il campo di applicazione (vedi sotto). Essi servono a distribuire la luce prodotta dalle lampade secondo svariate forme, dette solidi fotometrici, e sono generalmente costituiti da un vano ottico con riflettore, che è il fattore principale del rendimento e dalla eventuale schermatura contro l abbagliamento. Attraverso un appropriata scelta dei materiali ed una precisa conformazione del gruppo ottico è possibile massimizzare l emissione del flusso luminoso a parità di potenza di lampada e quindi ridurre il carico complessivo, cioè il consumo. Il fattore di riflessione del gruppo ottico può variare, a seconda del materiale, dal 60% per riflettori verniciati, al 95% per quelli in alluminio iperpuro brillantato. Tuttavia, qualunque sia il tipo di materiale adottato, il risultato sarà scarso a meno che il riflettore non sia accuratamente studiato al fine di ottenere la distribuzione ottimale delle intensità luminose. L impiego di vani ottici chiusi mediante calotte traslucide a tenuta ( IP 5X o 6X) o sigillate, soprattutto nelle applicazioni esterne, è un criterio assai valido per mantenere elevato nel tempo il rendimento dell impianto. Negli apparecchi per interno la schermatura, indispensabile per contenere o eliminare l abbagliamento ai normali angoli di visione( fra i 55 e 85 dalla verticale ), può provocare significative cadute di rendimento ; ad esempio, i vecchi tipi con griglia in materiale plastico assorbono fino al 50%,per cui, in tal caso ; sarebbe sicuramente conveniente sostituire subito gli apparecchi stessi. Perciò, quando si sceglie un apparecchio per una data applicazione, è necessario individuare il modello appropriato : l energia può essere risparmiata solo scegliendo tipologie che soddisfino il compito visivo previsto nel modo più efficace, in pratica con il massimo coefficiente di utilizzazione, al fine di ottenere un impianto che, fra l altro, possa rispondere ai requisiti attuali dell ergonomia, in conformità

2 2 al Dlgs 626/94. E ormai di fatto accertato che le condizioni di illuminazione degli ambienti di lavoro, determinate dai tipi di apparecchio e dalla loro disposizione, influiscono considerevolmente sulle funzioni visive fisiologiche (prestazione) e su quelle psicologiche (comfort )e, di conseguenza, sulla sicurezza, produttività e benessere generale; d altra parte è noto che condizioni di affaticamento insorgono frequentemente a seguito di attività svolte con inadeguata illuminazione. Allo stato attuale ed in linea di massima, i valori di rendimento secondo il tipo di applicazione sono : domestico : 55%-70% terziario : 52%-75% industriale : 65%-70% residenziale : 60%-70% grandi aree : 65%-70% stradale : 65%-70% gallerie : 65%-70% ( dalla Ricerca /studio dei Gruppi ANIE-ASSARREDO in materia di risparmio energetico) E inoltre in corso a livello CELMA (Federazione Europea dei Produttori di Apparecchi e Componenti di Illuminazione)la procedura normalizzata per la classificazione degli apparecchi in relazione al potenziale risparmio energetico in funzione del campo di applicazione(ler= luminaire efficacy rating).esso è in sintesi il rapporto fra il flusso luminoso emesso dall apparecchio e la potenza totale assorbita, con valori di soglia secondo il tipo di distribuzione fotometrica ( diretta morbida, diretta stretta, diretta media, diretta larga, diretta diffusa, diretta indiretta, indiretta diretta, indiretta ) e il tipo di gruppo ottico (aperto o chiuso ) ; risulterà quindi più preciso rispetto alla attuale valutazione generica del rendimento. Le sorgenti luminose Anche le lampade devono essere scelte sulla base della massima efficienza luminosa (lumen /watt), compatibilmente con l applicazione. Quelle ad incandescenza tradizionali convertono in luce visibile circa solo il 5% dell energia, il resto viene dissipato in calore. La loro efficienza luminosa è al massimo pari a 14 lumen / watt. Le lampade a scarica a bassa pressione,ad esempio, le fluorescenti compatte ( una valida alternativa all incandescenza in molte applicazioni ) hanno un efficienza superiore di almeno 5 volte(oltre la durata da 6 a 10 volte, rispettivamente per i tipi con o senza l alimentatore incorporato ). Per le applicazioni in interni, la possibilità di risparmio è data in particolare dalle lampade fluorescenti lineari a tre bande che hanno efficienze dell ordine di 90 lumen/watt,pari al 135% rispetto al tipo standard e 7-8 volte l incandescenza ; o dalle lampade ad alogenuri con efficienze intorno ai 100 lumen /watt.. Nell illuminazione stradale,sono oggi prevalenti le lampade a vapori di sodio ad alta pressione che raggiungono i 135 lumen/watt, pari al 245 % rispetto alle lampade a vapori di mercurio tradizionali. E quindi fattibile un buon ricupero dell energia scegliendo lampade caratterizzate da efficienza e mantenimento del flusso elevati ( o impiegando se del caso lampade adatte a sostituire quelle installate, se di tipo con minor efficienza). In base al Decreto 10 luglio 2001 del Ministero attività Produttive, le lampade ad incandescenza e a fluorescenza di tipo sia lineare che compatto devono essere dotate di imballo contrassegnato da etichetta EEL(energy efficiency label)

3 3 Una trattazione a parte può riguardare lo sviluppo dei LED per applicazioni particolari, quali la segnaletica e le insegne luminose. Gli alimentatori Quasi tutte le lampade a scarica richiedono un alimentatore, che mediante induttanze e capacità (in bassa frequenza ) o convertitori e invertitori (in alta frequenza), limita la corrente di lampada al valore di funzionamento prescritto. Anche gli alimentatori devono essere selezionati, essendo diversi a parità di prestazioni. Considerevoli risparmi di energia possono essere ottenuti impiegando alimentatori di tipo induttivo a basse perdite o di tipo elettronico, che riducono le perdite al loro interno dal 35% al 65%. La classificazione energetica, per ora limitata alle applicazioni più comuni (per ambienti interni), prevede sette categorie di alimentatori per lampade fluorescenti a cui è stato assegnato l indice di efficienza (EEI = energy efficiency index)distinto da lettere e numeri, cioè : A1-A2-A3-B1-B2-C-D. L efficienza decresce passando dalla A1 alla D. La categoria A riguarda gli alimentatori elettronici, B le basse perdite, C i convenzionali, D quelli più scadenti. Sulla base della Direttiva 2000/55/CE non possono essere commercializzati alimentatori per fluorescenza che non siano controllati sulle perdite. Conseguentemente, la categoria D è già stata vietata; per la C il divieto entrerà in vigore il 21 novembre Il valore dell indice EEI deve essere riportato con i dati di targa. A breve, la Comunità EU stabilirà le fasi per le altre categorie ; ed ha già in corso un ulteriore mandato per gli alimentatori delle lampade a scarica ad alta intensità. I comandi Possono essere suddivisi in due categorie, manuali e automatici. I primi servono per accendere, spegnere o regolare parti semplici dell impianto, mentre i secondi gestiscono i comandi e le regolazioni complesse. I comandi manuali,(ad es.il doppio interruttore a parete)quando usati per parzializzare l impianto, producono discreti risparmi di energia rispetto al controllo unico ; sono quindi utili soprattutto negli uffici o locali a pianta aperta ed i sistemi possono essere più o meno complessi, dall interruttore sopracitato per due o più linee, a quello a fune su ogni apparecchio, al telecomando a infrarossi, fino al controllo centralizzato attraverso la linea telefonica o appositi doppini(vedi sotto i sistemi di regolazione). I comandi automatici variano dall interruttore fotoelettrico sugli impianti esterni, ormai generalizzato; al temporizzatore o al sensore di presenza, da impiegare dove l illuminazione tende a rimanere accesa anche quando non viene usata, come nei locali pubblici o aree comuni, scale, corridoi e servizi;fino al comando centralizzato che, inserito in un elaboratore, consente di ridurre l illuminazione in determinati intervalli, come durante la pausa -pranzo o a fine giornata.

4 4 Le regolazioni Il sistema normalizzato per l illuminazione DALI (digital addressable lighting interface) o quelli più complessi BUS ( EIB, LON,ecc), combinando alimentatori elettronici, temporizzatori e sensori di presenza, consentono una sofisticata gestione dell illuminazione,che sarebbe impensabile mediante i sistemi tradizionali. In ogni caso, un sensore fotoelettrico misura la luminosità diurna presente al momento e regola l illuminazione artificiale in modo da mantenere costante il livello prefissato nell area interessata. La regolazione ad illuminamento costante può risparmiare il 60% di energia rispetto all alimentazione elettronica ordinaria (cioè non dimmerata). Una nuova possibilità è data dai cosiddetti scenari, cioè da una particolare regolazione della luminosità di ciascun apparecchio dell ambiente associata ad un particolare evento, ad esempio,per un salone di soggiorno, la cena, il cocktail, la lettura, la conversazione, il ballo ; e tutto questo memorizzato e richiamabile con la semplice azione su un tasto. Inoltre, all esigenza di comandare le lampade si aggiunge, sempre più spesso, la necessità di visualizzarne lo stato : questa funzione può essere utile nella villetta per verificare,da un unico punto, se sono state spente le luci in garage o in giardino ma diventa indispensabile per le grandi strutture dove gli ambienti fuori vista sono numerosi e distanti. Per l illuminazione pubblica, è oggi possibile applicare un gruppo regolatore nei vari punti di consegna provvedendo così alla riduzione del flusso emesso dell ordine del 50% dopo 3 ore dall accensione dell impianto e riportandolo al valore iniziale a fine notte, circa un ora prima dello spegnimento. Detti sistemi, sia negli impianti interni che negli esterni, attualmente in forte espansione, possono ridurre del 30-40% i consumi. La progettazione Un impianto efficiente richiede una adeguata progettazione. Il calcolo fotometrico, al fine di garantire il massimo comfort visivo al minimo consumo mediante la scelta delle caratteristiche degli apparecchi e dei componenti, la corretta valutazione dei fattori di riflessione dell ambiente, ecc., richiederà una diffusione della cultura della luce basata su criteri moderni : il riconoscimento del ruolo chiave del progettista illuminotecnico dovrebbe stimolare nuovi percorsi formativi ai vari livelli, superiore e universitario, in linea con i Paesi più avanzati ; e far crescere notevolmente il peso,anche in ambito progettuale,degli specialisti in luce. In questo contesto è da notare la recente possibilità offerta dal Marchio IMQ PERFORMANCE, intesa a certificare i dati dichiarati dal produttore (fra cui rendimento, fattori di utilizzazione, ecc.) per i principali tipi di apparecchi (fissi, mobili, a luce radente, proiettori, stradali, di arredo urbano, di emergenza). La manutenzione Una corretto piano di manutenzione contribuisce notevolmente al risparmio energetico, in quanto consente di mantenere elevato il livello di illuminamento medio, a parità di potenza installata. In assenza di un ciclo di pulizia e ricambio lampade a programma, la prestazione dell impianto scende in genere drasticamente con la relativa eventuale rispondenza al sopracitato Dlgs 626/94; il criterio di

5 5 sovradimensionare gli impianti al doppio del valore nominale, è ormai incompatibile con la buona tecnica. Attraverso la scelta dell intervallo di manutenzione a programma, i necessari livelli di illuminamento o luminanza possono essere ottenuti ai costi minimi di gestione(energia + mano d opera + ammortamento). 3 - L attività legislativa e normativa Può essere utile riepilogare il notevole impegno delle Istituzioni per un radicale miglioramento energetico dei prodotti elettrici immessi sul mercato ; in particolare: La Direttiva 92/75 / CE del Consiglio del ,concernente l indicazione del consumo di energia mediante etichettatura e informazioni sul prodotto, in modo che i consumatori possano scegliere apparecchiature più efficienti dal punto di vista energetico; Il DPR 9 marzo 1998,n.107, regolamento di attuazione di detta Direttiva; La Direttiva 98/11/CE della Commissione che stabilisce le modalità di applicazione della Direttiva sopracitata per quanto riguarda l etichettatura (EEL )indicante il consumo di energia delle lampade per uso domestico ed il Decreto di recepimento del 10 luglio 2001 emanato dal Ministero delle Attività Produttive; La Norma EN (CEI 34-87,agosto 99,fasc.5265) in vigore dal 1.agosto. 99, relativa alle condizioni di prova ed al metodo di misura del flusso luminoso, della potenza di lampada e della vita ai fini della etichettatura sull imballo, nonché alla procedura di verifica dei dati dichiarati. La Direttiva 2000/55/CE riguardante il divieto di commercializzare gli alimentatori a basso indice di efficienza (EEI) ed il Decreto di recepimento del 26 marzo 2002 emanato dal Ministero delle Attività Produttive; La Norma EN (CEI 34-85, aprile 99, fasc.5114) in vigore dal 1 giugno 99,relativa al metodo di misura della potenza dei circuiti alimentatore-lampada, tenendo conto dei fattori di flusso degli alimentatori, ai fini della classificazione; Il Mandato M 268 EN della Commissione EU del 6 aprile 98 circa un metodo di misura normalizzato per la determinazione dell efficienza luminosa degli apparecchi di illuminazione con lampade fluorescenti e la relativa classificazione, tenendo conto della direzione e distribuzione del flusso, in pratica delle diverse applicazioni. 4 Conclusioni Ricerche effettuate a più riprese da Organismi autorevoli e indipendenti quali il CADDET(Centre for the Analysis and Dissemination of Demonstrated Energy Technologies), l IEA (International Energy Agency)ed il recente Green Light Programme della Commissione EU( hanno richiamato l attenzione sulle attuali tecnologie che, correttamente utilizzate, consentono notevoli risparmi di energia, fino a 2/3. Inoltre, una efficiente illuminazione produce molto meno calore e può ridurre i relativi consumi per il condizionamento dei grandi edifici. I criteri sopra elencati, validi anche per gli impianti di illuminazione all esterno, sono stati finora generalmente intesi quali scelte costose ed eccessive ;mentre d altra parte hanno provato di essere validi investimenti, se si tiene conto dei risparmi energetici e di mano d opera nella manutenzione a programma. Queste alternative sono anche applicabili agli impianti esistenti tradizionali, per i quali la sostituzione degli apparecchi con nuove lampade/alimentatori e l installazione di sistemi di controllo o regolazione risultano già adesso economicamente vantaggiosi

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Norma CEI 64-8 e aggiornamenti Arcavacata Rende, 8 ottobre 2010 La luce come requisito di legge negli ambienti di lavoro Come riconoscere un apparecchio di illuminazione Direttiva ECOdesign e possibili

Dettagli

Workshop Trasporti e Infrastrutture

Workshop Trasporti e Infrastrutture Workshop Trasporti e Infrastrutture Illuminazione efficiente nel terziario: illuminazione pubblica Fabio Pagano ANIE ASSIL Introduzione L'illuminazione è stato il primo servizio offerto dalle aziende elettriche

Dettagli

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Intervento di riqualificazione energetica ed illuminotecnica della rete di illuminazione pubblica del Comune di Varapodio Progetto Definitivo/Esecutivo

Dettagli

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo L ILLUMINAZIONE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo Dott. Ing. Gianni Drisaldi Le grandezze fotometriche Il Flusso Luminoso L Intensità luminosa L illuminamento

Dettagli

La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia. novembre 2014

La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia. novembre 2014 La nuova illuminazione pubblica a Milano e a Brescia novembre 2014 Milano e Brescia a LED Illuminazione Pubblica 181,76 km 2 area Milano 90,34 km 2 area Brescia 1.316.000 abitanti Milano 195.500 abitanti

Dettagli

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico L impiego dei LED negli impianti di illuminazione permette oggi di contenere in misura significativa i consumi di energia elettrica, ma anche di ridurre

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Risparmiare energia nell illuminazione

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Risparmiare energia nell illuminazione Questa guida è stata realizzata in collaborazione con AIMB - Associazione Industriali Monza e Brianza e Lyte & Lyte Italy Srl Nova Milanese (MI). Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e

Dettagli

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO TECNOLOGIA LED Il LED è un dispositivo elettronico che trasforma la corrente da cui è attraversato in luce e calore, non irradiato, da dissipare attraverso un apposita struttura

Dettagli

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti:

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: Illuminotecnica Sorgenti luminose artificiali Definizioni Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: La lampada L apparecchio illuminante Le lampade, preposte alla conversione

Dettagli

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA. SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITA URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA Approvato con Deliberazione di C.C. n 39 del 09.06.2003 REGOLAMENTO PER L ILLUMINAZIONE

Dettagli

OGGETTO: PRESENTAZIONE LED

OGGETTO: PRESENTAZIONE LED Villafontana, lì 21/12/2010 OGGETTO: PRESENTAZIONE LED Buongiorno, la presente allo scopo di render chiara e nota la funzione dei LED e delle loro funzioni in interattività con la nostra realtà di tutti

Dettagli

Una nuova luce per Brescia

Una nuova luce per Brescia Una nuova luce per Brescia Innovazione dell illuminazione pubblica Brescia, 9 Maggio 2014 L illuminazione pubblica di Brescia Nel 1909 il servizio di illuminazione pubblica fu affidato dal Comune di Brescia

Dettagli

ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO

ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO CONSIGLI PER RISPAMIARE ENERGIA IN UFFICIO I SETTIMANA DELL ENERGIA ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO Buone Abitudini Ecco alcuni comportamenti che è bene adottare per risparmiare energia in ufficio

Dettagli

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale Marraffa Orazio, matr. 263439 Mesto Emanuele, matr. 257491 Lezione dell 11/05/2016, ore 10:30 / 13:30 INDICE: 1. Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale 2. Apparecchi per la diffusione luminosa

Dettagli

IX GIORNATA DELLA RICERCA ANIE

IX GIORNATA DELLA RICERCA ANIE IX GIORNATA DELLA RICERCA ANIE EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI ILLUMINAZIONE: LA LUCE COME DRIVER DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI VITA 19 Novembre 2010 Ing. Fabio Pedrazzi BEGHELLI

Dettagli

PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting

PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting CAT/BRCH-COOP/IT L impianto di illuminazione esterna della Coop di Castelvetro è stato realizzato in partnership con INRES Istituto Nazionale Consulenza, Progettazione,

Dettagli

Inlon Engineering Srl Via Zara, 2 19123 La Spezia Italia Tel: +39 334 9104615 Fax: +39 0187 753322. Luci a led: per risparmiare e illuminare meglio

Inlon Engineering Srl Via Zara, 2 19123 La Spezia Italia Tel: +39 334 9104615 Fax: +39 0187 753322. Luci a led: per risparmiare e illuminare meglio Luci a led: per risparmiare e illuminare meglio La tecnologia LED La tecnologia LED può essere applicata ovunque o sostituita a qualsiasi altra sorgente luminosa: è il futuro dell illuminazione. Il loro

Dettagli

LED, una nuova luce nella vita di tutti i giorni.

LED, una nuova luce nella vita di tutti i giorni. LED, una nuova luce nella vita di tutti i giorni. Vederci chiaro comporta una serie di vantaggi che migliorano la nostra vita in termini di comfort, economia, stile ed efficienza. Richiedile al tuo distributore

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Presentazione!!del!progetto!di!efficientamento!energetico!con!! utilizzo!di!apparati!illuminanti!professionali!!con!tecnologia!led!

Presentazione!!del!progetto!di!efficientamento!energetico!con!! utilizzo!di!apparati!illuminanti!professionali!!con!tecnologia!led! Presentazionedelprogettodiefficientamentoenergeticocon utilizzodiapparatiilluminantiprofessionalicontecnologialed Descrizione progetto di Locazione Operativa con riscatto Riduzione spesa energetica ed

Dettagli

ILLUMINAZIONE A LED green makes bright future

ILLUMINAZIONE A LED green makes bright future ILLUMINAZIONE A LED green makes bright future 1 L illuminazione a led sfrutta la capacità di alcuni diodi (i led) in grado di emettere luce al passaggio della corrente elettrica. I led si accendono immediatamente

Dettagli

LA NATURA, LA NOSTRA ENERGIA RELAMPING ILLUMINOTECNICO FOR COST SAVING AND BETTER LIGHTING QUALITY

LA NATURA, LA NOSTRA ENERGIA RELAMPING ILLUMINOTECNICO FOR COST SAVING AND BETTER LIGHTING QUALITY LA NATURA, LA NOSTRA ENERGIA RELAMPING ILLUMINOTECNICO FOR COST SAVING AND BETTER LIGHTING QUALITY 1. TECNOLOGIA A LED L introduzione del LED sta rendendo obsolete le vecchie lampade al Mercurio e le comuni

Dettagli

percepto THE GREEN LIGHT

percepto THE GREEN LIGHT THE GREEN LIGHT CARATTERISTICHE APPARECCHIO Ermeticità blocco ottico: IP 66 (*) Ermeticità vano ausiliari: IP 66 (*) Resistenza agli urti: senza rilevatore di movimento IK 08 (**) con rilevatore di movimento

Dettagli

Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ. 29 settembre 2014

Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ. 29 settembre 2014 Milano a LED NUOVA ILLUMINAZIONE PUBBLICA IN CITTÀ 29 settembre 2014 Milano a LED Illuminazione Pubblica a Milano 181,76 km 2 area Milano 1.316.000 abitanti 141.963 lampade per l illuminazione pubblica

Dettagli

COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO

COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO COMUNE DI REZZO Provincia di Imperia REGOLAMENTO COMUNALE SULL INQUINAMENTO LUMINOSO Approvato con DCC n. 44 del 18/12/2012 REGOLAMENTO PER LA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO Articolo 1 (Finalità) Il presente

Dettagli

Italian Technical Consultants Ltd. Illuminiamo il Mondo. lighting technologies

Italian Technical Consultants Ltd. Illuminiamo il Mondo. lighting technologies Italian Technical Consultants Ltd Illuminiamo il Mondo lighting technologies Arredo & Design Le lampade LED sono sempre più utilizzate in ambito illuminotecnico in sostituzione di ogni tipo di lampada

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 TIEL TIM a.s. 2011/2012 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini COMPONENTI ELETTRICI

Dettagli

XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED

XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED RISPARMIO Garantito DESIGN Ottimizzato DURATA Impareggiabile ALTERNATIVA Reale XSP IP66 Series. Un nuovo record di prestazioni, un nuovo standard

Dettagli

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE Comune di PISOGNE - BS Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 RISPARMIO ENERGETICO ANALISI DELLA SITUAZIONE F - IN ALLEGATO AI FASCIOLI

Dettagli

Associazione Politico Culturale ALBA NUOVA e COPERTINO MEETUP LAMPADE VOTIVE LED

Associazione Politico Culturale ALBA NUOVA e COPERTINO MEETUP LAMPADE VOTIVE LED LAMPADE VOTIVE LED INTRODUZIONE... 3 DATI TECNICI... 3 LE LAMPADINE AD INCANDESCENZA... 3 LE LAMPADINE A LED... 3 IL RISPARMIO ENERGETICO... 4 ALTRI VANTAGGI... 4 COSTI... 5 Analisi dei costi di gestione

Dettagli

Lampade Compatte integrate Forma Compact Globo 10000 15. per luci soffuse e ombre meno marcate E27 2700 K 4000 K 6500 K

Lampade Compatte integrate Forma Compact Globo 10000 15. per luci soffuse e ombre meno marcate E27 2700 K 4000 K 6500 K Lampade Compatte integrate Forma Compact Globo 10000 15 Forma Compact Globo 10000 Lampade fluorescenti compatte ad amalgama con alimentatore Integrato. Compact Globo 10000 è disponibile nelle potenze 25

Dettagli

1, 2 o 4 metri. Possono essere installate singolarmente o in linea e sono disponibili in versione a soffitto o sospesa.

1, 2 o 4 metri. Possono essere installate singolarmente o in linea e sono disponibili in versione a soffitto o sospesa. E7 E7 - illuminazione a LED per ampi spazi E7 è una serie di lampade in linea e individuali con LED per illuminare ampi spazi. La serie utilizza la tecnologia LED+LENS di ETAP e fornisce soluzioni modulari

Dettagli

ALIMENTATORI ELETTRONICI

ALIMENTATORI ELETTRONICI ALIMENTATORI ELETTRONICI QUICKTRONIC INTELLIGENT dimmerabile QTi DIM 13.02 QUICKTRONIC INTELLIGENT DIM con interfaccia DALI per lampade fl uorescenti 13.04 QUICKTRONIC INTELLIGENT DIM e QUICKTRONIC DIM

Dettagli

SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CITTA SOSTENIBILE

SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CITTA SOSTENIBILE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CITTA SOSTENIBILE Prodotti e servizi per la Pubblica Amministrazione Salvapianeta Beghelli Un aiuto concreto al bisogno di sostenibilità del sistema energetico mondiale La

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

Illuminazione a LED per ampi spazi

Illuminazione a LED per ampi spazi Illuminazione a LED per ampi spazi Sistemi di illuminazione in linea con LED E4, E5 ed E7 di ETAP comprendono una vasta gamma di luci a LED per grandi spazi e soffitti alti, come stabilimenti industriali,

Dettagli

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza

Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Controlli e verifiche periodiche della illuminazione di emergenza Ing. Roberto Vinchi Associazione Imprese di Impianti tecnologici Unione Industriale di Torino D.Legs. 81/08 e s.m.i. CAPO III - Gestione

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

Ridurre i costi energetici per l illuminazione nell industria italiana

Ridurre i costi energetici per l illuminazione nell industria italiana Ridurre i costi energetici per l illuminazione nell industria italiana GEWISS S.p.A. Direttore Commerciale & Marketing LIGHT Aldo Bigatti SMART 4 Un progetto innovativo tutto italiano ma di vasta esperienza

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE

PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE PROGRAMMA DIDATTICO DISCIPLINARE A.S. 2015/2016 Prof. Emanuele Ghironi Prof. Sandro Manca Disciplina Tecnologie e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici Classe: TERZA Sez. Y INDIRIZZO: ELETTRONICA

Dettagli

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI L uso di lampade ad avanzata tecnologia ed elevata efficienza luminosa costituisce un ulteriore criterio tecnico imposto dalla normativa regionale, affinchè

Dettagli

L illuminazione per l ambito industriale e nel terziario

L illuminazione per l ambito industriale e nel terziario Progettazione Focus Indoor 1 Un complesso industriale va accuratamente progettato dal punto di vista illuminotecnico: una buona luce significa evitare incidenti e abbassare i costi d esercizio oltre ad

Dettagli

OFFERTA ABITAGIOVANI Speciale offerta per i partecipanti al progetto Abit@giovani

OFFERTA ABITAGIOVANI Speciale offerta per i partecipanti al progetto Abit@giovani OFFERTA ABITAGIOVANI Speciale offerta per i partecipanti al progetto Abit@giovani Sconto 10% su tutti gli acquisti on-line dei prodotti ILLUMINAZIONE A LED Basta registrarsi sul sito www.desioled.it e

Dettagli

Linea industriale a LED. Quando la luce diventa arte! When light becomes art! Nuova Luce. al tuo risparmio

Linea industriale a LED. Quando la luce diventa arte! When light becomes art! Nuova Luce. al tuo risparmio Linea industriale a LED Quando la luce diventa arte! When light becomes art! Nuova Luce al tuo risparmio Massima illuminazione minimo consumo! RISPARMI FINO AL Tanti buoni motivi per scegliere la LINEA

Dettagli

PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO

PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO PIANO DELL ILLUMINAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO LUMINOSO LEGGE REGIONALE 7 AGOSTO 2009, N. 17 (BUR N. 65/2009) NUOVE NORME PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO LUMINOSO, IL RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

Tubi fluorescenti. Le ESCO e le opportunità dei D.M. 20 luglio 2004 sull efficienza energetica

Tubi fluorescenti. Le ESCO e le opportunità dei D.M. 20 luglio 2004 sull efficienza energetica Tubi fluorescenti I tubi T12 furono i primi tubi introdotti sul mercato negli anni 30. Sono ormai praticamente fuori commercio. I tubi T8 furono introdotti sul mercato nel 1982. Hanno le stesse caratteristiche

Dettagli

WS Series. Plafoniera stagna a LED

WS Series. Plafoniera stagna a LED WS Series Plafoniera stagna a LED Prestazioni straordinarie in ogni condizione ambientale. TECNOLOGIA Evoluta CONSUMI Ridotti RESISTENZA Ottimale VERSATILITÀ Massima La distribuzione uniforme del flusso

Dettagli

Illuminazione Pubblica a LED

Illuminazione Pubblica a LED Illuminazione Pubblica a LED Esperienze sul Campo: Milano, Brescia, Paolo Meneghini Resp. Business Development Italia A2A A2A azienda leader per l efficientamento dell IP Casi di successo: Milano e Brescia

Dettagli

Il risparmio energetico nell ambito. dell illuminazione artificiale degli ambienti. Francesco Leccese

Il risparmio energetico nell ambito. dell illuminazione artificiale degli ambienti. Francesco Leccese GREEN CITY ENERGY PISA 2013 Track 1 Building Terza sessione Strumenti Pisa, 4 luglio 2013 Il risparmio energetico nell ambito dell illuminazione artificiale degli ambienti Francesco Leccese Dipartimento

Dettagli

Linea Maurer Light. Esperti in illuminazione.

Linea Maurer Light. Esperti in illuminazione. Linea Maurer Light. Esperti in illuminazione. - Linea Maurer Light Maurer Light Dallo scorso settembre 2009 l Unione Europea ha progressivamente messo al bando le lampade ad incandescenza che sprecano

Dettagli

La presente relazione riassume i risultati del lavoro svolto nell ambito del progetto Illuminazione pubblica, ovvero:

La presente relazione riassume i risultati del lavoro svolto nell ambito del progetto Illuminazione pubblica, ovvero: 1 Sommario La presente relazione riassume i risultati del lavoro svolto nell ambito del progetto Illuminazione pubblica, ovvero: o Sintesi dei dati di consistenza degli impianti siti sul territorio, di

Dettagli

IE 080 Uffici Novembre 2015

IE 080 Uffici Novembre 2015 IE 080 Uffici Novembre 2015 L impianto elettrico negli uffici deve essere molto flessibile al fine di consentire l allacciamento di nuovi utilizzatori o servire nuovi impianti. La flessibilità dipende

Dettagli

Gamma completa, stile uniforme. Occhio per il dettaglio

Gamma completa, stile uniforme. Occhio per il dettaglio Design discreto K9 dimostra che l illuminazione di emergenza può essere accattivante e allo stesso tempo discreta. Il design minimalista, l esecuzione compatta e le finiture di alta qualità garantiscono

Dettagli

COMUNE DI RODI GARGANICO (Provincia di Foggia) Piazza Giovanni XXIII n. 1-71012 Rodi Garganico (FG)

COMUNE DI RODI GARGANICO (Provincia di Foggia) Piazza Giovanni XXIII n. 1-71012 Rodi Garganico (FG) COMUNE DI RODI GARGANICO (Provincia di Foggia) Piazza Giovanni XXIII n. 1-71012 Rodi Garganico (FG) EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE ATTRAVERSO INTERVENTI TESI ALL AMMODERNAMENTO

Dettagli

VEDERE MEGLIO. ILLUMINAZIONE A LED PER GLI EDIFICI INDUSTRIALI.

VEDERE MEGLIO. ILLUMINAZIONE A LED PER GLI EDIFICI INDUSTRIALI. VEDERE MEGLIO. ILLUMINAZIONE A LED PER GLI EDIFICI INDUSTRIALI. TAUREO UN CAMBIAMENTO CHE CONVIENE. Quando è il momento di rinnovare i sistemi d'illuminazione negli spazi di produzione, nei magazzini e

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 L illuminazione del futuro: i e il loro controllo 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 Classificazione delle sorgenti luminose 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST...

SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST... SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST... 3 3.3 TEP RISPARMIATI... 4 3.4 RIDUZIONE DELLA CO2... 5

Dettagli

l evoluzione della casa

l evoluzione della casa MART Domotica ed Efficienza Energetica: la EN 15232 I consumi Nazionali. I pianti internazionali. La EN 15232. Metodi di calcolo. Risultati Ottenibili con i sistemi HBES 1 I consumi... Energia impiegata

Dettagli

Illuminare lo spazio promuovendo l efficienza energetica: il ruolo del Fornitore di Servizi

Illuminare lo spazio promuovendo l efficienza energetica: il ruolo del Fornitore di Servizi Uso: Riservato Aziendale Illuminare lo spazio promuovendo l efficienza energetica: il ruolo del Fornitore di Servizi 30 Novembre 2011 Giovanni Maria Pisani Responsabile AdB Illuminazione Pubblica Responsabile

Dettagli

COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI BEDIZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA Regolamento per la riduzione dell inquinamento luminoso, per il risparmio energetico e per la corretta illuminazione delle aree scoperte nel Comune di BEDIZZOLE

Dettagli

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it SORGENTI LUMINOSE Lo sviluppo di nuove tecnologia ha consentito di realizzare una gamma notevole di lampade, destinate alle più differenti applicazioni: Irradiazione per effetto termico Lampade a Incandescenza

Dettagli

Lampade elettroniche a risparmio di energia OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL

Lampade elettroniche a risparmio di energia OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL Lampade elettroniche a risparmio OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL Luce intelligente ed Più luce senza apparecchi extra Le lampade elettroniche a risparmio OSRAM DULUX EL e CIRCOLUX EL sono famose per il ridotto

Dettagli

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO

INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO INQUINAMENTO LUMINOSO E RISPARMIO ENERGETICO 1 INQUINAMENTO LUMINOSO: DEFINIZIONI E CAUSE PERCHÉ VEDIAMO QUANDO SI ILLUMINA? La luce per illuminare deve seguire un percorso analogo a quello indicato dalla

Dettagli

LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02

LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02 LINEE GUIDA Per La Corretta Illuminazione Esterna E L applicazione Della Legge Marche N 10 Del 24/07/02 Misure urgenti in materia di risparmio energetico e contenimento dell inquinamento luminoso Rispettare

Dettagli

CATALOGO TC 12. Settore ENERGIA ALTERNATIVA. Gruppo UX Lampade da giardino fotovoltaiche

CATALOGO TC 12. Settore ENERGIA ALTERNATIVA. Gruppo UX Lampade da giardino fotovoltaiche CATALOGO TC 12 Settore ENERGIA ALTERNATIVA Gruppo UX Lampade da giardino fotovoltaiche - 0464 414194 fax 0464 412534 0464 414194 fax 0464 412534 LAMPADE DA GIARDINO ALIMENTATE DALL ENERGIA SOLARE NO CAVI,

Dettagli

Scegliere le lampadine

Scegliere le lampadine Scegliere le lampadine [http://www.premiumlight.eu/] Verificare l'utilizzo e il luogo di installazione della lampadina Passo I - Verifica il tipo di lampadina più adatto al locale e all'utilizzo: La figura

Dettagli

Lighting Energy Domotics

Lighting Energy Domotics Lighting Energy Domotics www.lifeled.it Energia per il futuro LifeLed offre soluzioni innovative nei mercati Lighting, Energy, Domotics per il risparmio energetico e la riqualificazione energetica in ambito

Dettagli

2. REGOLAMENTO (CE) N. 244/2009 DELLA COMMISSIONE Misura di implementazione per le lampade non direzionali di uso domestico (Domestic Lighting Part 1)

2. REGOLAMENTO (CE) N. 244/2009 DELLA COMMISSIONE Misura di implementazione per le lampade non direzionali di uso domestico (Domestic Lighting Part 1) Versione aggiornata a Marzo 2011 INDICE 1. CHE COS È LA DIRETTIVA ECO-DESIGN? 2. REGOLAMENTO (CE) N. 244/2009 DELLA COMMISSIONE Misura di implementazione per le lampade non direzionali di uso domestico

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

Studio di ottimizzazione illuminazione pubblica Comune di Maroggia. Riassunto dei punti principali

Studio di ottimizzazione illuminazione pubblica Comune di Maroggia. Riassunto dei punti principali Studio di ottimizzazione illuminazione pubblica Comune di Maroggia Riassunto dei punti principali 1 Eco-Optimum 6822 Arogno André Roesti (Dipl. Ing. El. ETS) (Dipl. Energy Managment Supsi) (Zertifikat

Dettagli

ILLUMINAZIONE INTELLIGENTE. Luce di qualità e efficienza energetica per il benessere e la sicurezza delle persone

ILLUMINAZIONE INTELLIGENTE. Luce di qualità e efficienza energetica per il benessere e la sicurezza delle persone ILLUMINAZIONE INTELLIGENTE Luce di qualità e efficienza energetica per il benessere e la sicurezza delle persone Illuminazione di qualità e efficienza energetica nel sistema edificio Definizione di ILLUMINAZIONE

Dettagli

Risparmia fino al 30% di consumi di elettricità. Facile e veloce installazione nel proprio circuito elettrico. Non necessitano di alcuna munutenzione.

Risparmia fino al 30% di consumi di elettricità. Facile e veloce installazione nel proprio circuito elettrico. Non necessitano di alcuna munutenzione. Pagina1 I dispositivi progettati e costruiti dalla società Sun Power Energy D&R Institute Co. Ltd. sono in grado di aumentare il rendimento della distribuzione di energia in un impianto elettrico. Risparmia

Dettagli

Vantaggi principali del led. I servizi offerti. Il nostro progetto per le aziende

Vantaggi principali del led. I servizi offerti. Il nostro progetto per le aziende Illuminazione a led Vantaggi principali del led - Rispetto ai prodotti tradizionali (lampade a incandescenza, alogene, fluorescenti e a scarica) la quantità di materia utilizzata nella fabbricazione è

Dettagli

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE

TELECONTROLLO E TELEGESTIONE TELECONTROLLO E TELEGESTIONE NEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE ing. Ruggero Guanella AIDI Associazione Italiana di Illuminazione Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

CITTA' DI ALESSANO. Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA.

CITTA' DI ALESSANO. Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA. CITTA' DI ALESSANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER IL MIGLIORAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA ESTERNA. ------ REGOLAMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELL'ILLUMINAZIONE PUBBLICA E PRIVATA

Dettagli

Completezza di gamma e versatilità di installazione, per illuminazione e segnaletica

Completezza di gamma e versatilità di installazione, per illuminazione e segnaletica GAMMA COMPLETA PER TUTTE LE ESIGENZE 6-8-11-24 W, schermi per la segnaletica in dotazione IDONEA PER TUTTI I TIPI DI INSTALLAZIONE incasso, plafone, a parete, a bandiera SISTEMA OTTICO A DOPPIA RIFLESSIONE

Dettagli

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere!

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA. La manutenzione, un esigenza e un dovere! ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA La manutenzione, un esigenza e un dovere! La vostra guida alla responsabilità e alla prevenzione I Ed. novembre 2014 a cura di Associazione Nazionale Produttori Illuminazione

Dettagli

Il futuro dell illuminazione Adesso e per tutti

Il futuro dell illuminazione Adesso e per tutti olution Il futuro dell illuminazione Adesso e per tutti ligh TEMPERATURA DI COLORE 000K 4000K 5000K 6500K CERTIFICAZIONE FOTO BIOLOGICA EN62471 E14 E27 E40 MR16 GU10 G1 G24 R7S LE LAMPADINE A LED Sfruttano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO

RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO L impianto d illuminazione del Porto Industriale di Oristano risulta composto da 22 torrifaro nel molo sottoflutto e nel piazzale, da 2 torri faro nel piazzale del molo sopraflutto

Dettagli

PICIL IN OTTICA SMART

PICIL IN OTTICA SMART PICIL IN OTTICA SMART Ing. Diego Bonata Belluno, 11 Aprile 2014 La prima associazione europea di progettisti dell illuminazione eco-sostenibile www.lightis.eu 01-gen-05 01-ago-05 01-mar-06 01-ott-06 01-mag-07

Dettagli

Sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con corpi illuminanti Led

Sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con corpi illuminanti Led EX FACOLTA DI INGEGNERIA Sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con corpi illuminanti Led L impianto di illuminazione interna del complesso della ex Facoltà di Ingegneria è oggi tecnicamente obsoleto,

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base Pagina 1 di 11 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione)

Art. 7 (Progettazione, realizzazione e conduzione degli impianti di illuminazione) Regolamento regionale per la riduzione e prevenzione dell inquinamento luminoso Art. 1 (Oggetto ed ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento, in attuazione di quanto previsto dagli articoli 3

Dettagli

Illuminazione intelligente e rivoluzione led per la città Palazzo Vecchio Salone de' Dugento. Claudio Bini A.D SILFIspa

Illuminazione intelligente e rivoluzione led per la città Palazzo Vecchio Salone de' Dugento. Claudio Bini A.D SILFIspa Illuminazione intelligente e rivoluzione led per la città Palazzo Vecchio Salone de' Dugento Claudio Bini A.D SILFIspa Silfispa: Gestione integrata dei servizi di mobilità e illuminazione Sistemi di controllo

Dettagli

QUALITÀ DELLA LUCE E RISPARMIO ENERGETICO

QUALITÀ DELLA LUCE E RISPARMIO ENERGETICO Convegno EPH+ La progettazione integrata a servizio dell efficienza energetica e del comfort ILLUMINOTECNICA QUALITÀ DELLA LUCE E RISPARMIO ENERGETICO ENERGY PERFONRMANCE HOME PLUS 1 Gestione digitale

Dettagli

LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO Novembre 2013 LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO Con i dispositivi domotici del sistema Chorus di GEWISS è possibile ridurre il consumo di elettricità, gas e acqua del 30% e aumentare il livello di

Dettagli

CORSO DI ILLUMINOTECNICA

CORSO DI ILLUMINOTECNICA COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI VARESE CORSO DI ILLUMINOTECNICA PARTE 1 Docente : dott.ing. Paolo Beghelli Bussero ( MI) 1 INDICE 1 INDICE 2 2 IL FENOMENO DELLA LUCE 3 3 DEFINIZIONI

Dettagli

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI Committente: TREVIGLIO FUTURA S.p.a. Societa' Trasformazione Urbana Piazza Manara, 1-24047 Treviglio (BG) Progetto: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI 00 REVISIONE Emissione disegno

Dettagli

DOMOTICA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Massimo Perotto

DOMOTICA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Massimo Perotto DOMOTICA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE Massimo Perotto INDICE ARGOMENTI 1. Domotica: concetti base 2. Domotica e risparmio energetico: guida CEI 205-18 Introduzione Termoregolazione Illuminazione Schermature

Dettagli

REQUISITO. (Parte seconda, allegato 2, punto 19 )

REQUISITO. (Parte seconda, allegato 2, punto 19 ) REQUISITO 6.5 Sistemi e dispositivi per la regolazione degli impianti termici e per l'uso razionale dell'energia mediante il controllo e la gestione degli edifici (BACS) (Parte seconda, allegato, punto

Dettagli

Efficienza energetica e mercato dei certificati bianchi

Efficienza energetica e mercato dei certificati bianchi Efficienza energetica e mercato dei certificati bianchi Simone Mori Milano, 16 febbraio 2006 Efficienza energetica negli usi finali di energia Intensità energetica usi finali (1) L Italia è uno dei paesi

Dettagli

LED. Luce Energia Domotica. Veronafiere 28 ottobre 2015. www.verticale.net. Gli atti dei convegni e più di 6.000 contenuti su

LED. Luce Energia Domotica. Veronafiere 28 ottobre 2015. www.verticale.net. Gli atti dei convegni e più di 6.000 contenuti su LED Luce Energia Domotica Veronafiere 28 ottobre 2015 Gli atti dei convegni e più di 6.000 contenuti su www.verticale.net ILLUMINAZIONE A LED E EFFICIENZA ENERGETICA RISPARMIO ENERGETICO E LED Ing. Maria-Anna

Dettagli

P.I.C.I.L. del Comune di Rosà. Piano dell illuminazione per il contenimento dell inquinamento luminoso L.R. 17/2009

P.I.C.I.L. del Comune di Rosà. Piano dell illuminazione per il contenimento dell inquinamento luminoso L.R. 17/2009 Pag. 1 di 16 totali INDICE STIMA ECONOMICA DEI COSTI DI ADEGUAMENTO... 2 1. PREMESSA... 2 2. COSTI ADEGUAMENTI CORPI ILLUMINANTI... 3 2.1. SOSTITUZIONE CORPI ILLUMINANTI CON NUOVA SORGENTE AL SODIO (SOLUZIONE

Dettagli

Capitolo 2 Impianto di illuminazione.

Capitolo 2 Impianto di illuminazione. Capitolo 2 Impianto di illuminazione. I principali documenti normativi a cui far riferimento per il progetto dell impianto di illuminazione sono le norme UNI 10380: Illuminazione d interni con luce artificiale

Dettagli

LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche

LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche STRUTTURA della LAMPADA LG Possiamo individuare 3 componenti principali che formano la lampada compatta a led (1) Led e diffusore

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA UN OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO: DUE CONCETTI DISTINTI RISPARMIO ENERGETICO EFFICIENZA ENERGETICA CAMBIO COMPORTAMENT I efficienza energetica:

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N.245/2009 NOTA ALLA SECONDA EDIZIONE DELLA GUIDA

REGOLAMENTO (CE) N.245/2009 NOTA ALLA SECONDA EDIZIONE DELLA GUIDA Guida al Regolamento (CE) n. 245/2009, modificato dal Regolamento (CE) n. 347/2010, sui prodotti per l illuminazione del settore terziario Requisiti di Ecodesign per lampade fluorescenti senza alimentatore

Dettagli