RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO"

Transcript

1 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO 2006 Torino

2 Strada delle Cacce, 91 Strada delle Cacce, Torino, Italia Sito Internet:

3 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO 2006 Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 giugno 2007 RA 5 Giugno 2007

4 I N D I C E PRESENTAZIONE V PARTE I SINTESI DELLE ATTIVITÀ SVOLTE E DEI RISULTATI CONSEGUITI 1 ARTICOLAZIONE DELL INRIM 1 2 ATTIVITÀ DI RICERCA, SCIENTIFICHE E TECNICHE DIPARTIMENTO 2 3 AMMINISTRAZIONE E SERVIZI GENERALI 6 4 SERVIZIO ACCREDITAMENTO DI LABORATORI 6 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 6 6 COSTI E RISORSE FINANZIARIE UTILIZZATE 8 7 RISORSE UMANE UTILIZZATE 9 8 VALUTAZIONE DELLE ATTIVITÀ 11 PARTE II ATTIVITÀ SVOLTE E RISULTATI CONSEGUITI 1 UNITÀ ORGANIZZATIVE, RESPONSABILITÀ, RISORSE IMPIEGATE 16 2 DIPARTIMENTO Metrologia del tempo e della frequenza Metrologia elettrica Fotometria e radiometria Acustica e ultrasuoni Dispositivi quantistici per la metrologia Materiali Elettromagnetismo applicato Visione artificiale Metrologia della lunghezza Metrologia della massa Metrologia termica Dinamometria Metrologia per la chimica, la salute e l ambiente Metrologia interdisciplinare Determinazione di costanti fisiche fondamentali (coordinamento) Metodi matematici e statistici nelle misure (coordinamento) Formazione, comunicazione e diffusione della cultura scientifica (coordinamento) Attività di taratura, misura e prova (coordinamento) 71 3 AMMINISTRAZIONE E SERVIZI GENERALI Amministrazione (affari generali, personale, finanza) Biblioteca, attività di comunicazione, promozione e immagine 76 Relazione INRIM Indice e Presentazione I

5 3.3 Servizi generali tecnici Sicurezza nell ambiente di lavoro (coordinamento) Sistemi informatici 80 4 ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DI TARATURA 81 5 SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 86 PARTE III DATI SU ATTIVITÀ SVOLTE E RISULTATI CONSEGUITI 1 PUBBLICAZIONI E PARTECIPAZIONI A CONFERENZE Lavori pubblicati su riviste e su atti di conferenze Rapporti tecnici e bollettini Attività di referee per riviste internazionali Comunicazioni presentate a conferenze, chairmanship Dati su lavori pubblicati e partecipazioni a conferenze Riconoscimenti internazionali CONFRONTI DI MISURE CONCLUSI NEL NUOVE CMC MANUFATTI E REALIZZAZIONI DI RILIEVO BREVETTI INIZIATIVE SCIENTIFICHE Organizzazione e partecipazione a iniziative scientifiche Seminari Principali passaggi televisivi CONTRATTI DI RICERCA E PARTECIPAZIONI A PROGRAMMI DI RICERCA CONVENZIONI E ACCORDI DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA ATTIVITÀ DI FORMAZIONE Corsi di formazione Docenza di personale INRIM presso corsi di formazione esterni Professore a contratto, docenza e tutorato presso università, associazione Corsi di III livello Tesi di laurea di primo e secondo livello Soggiorni e stage presso l INRIM Soggiorni di personale INRIM presso altri istituti, partecipazione a scuole e corsi ATTIVITÀ DI TARATURA E PROVA ATTIVITÀ DI ACCREDITAMENTO DI LABORATORI LAVORI E ACQUISIZIONI DI RILIEVO SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Sistema dei documenti per la qualità Audit interni 141 Relazione INRIM Indice e Presentazione II

6 14 PERSONALE Cessazioni dal servizio Distacco Treu presso altro ente, aspettative Assunzioni con contratto a tempo indeterminato o determinato Concorsi e selezioni (conclusi o in via di espletamento) Part time, telelavoro, proroghe di contratti TI, astensioni dal lavoro per maternità Incarichi o contratti di consulenza o collaborazione Assegni di ricerca Borse d addestramento alla ricerca Dottorati di ricerca Personale associato, incarichi gratuiti di ricerca e collaborazione tecnica Responsabilità e organismi attivati o rinnovati nel PARTECIPAZIONE AD ORGANISMI SCIENTIFICI E TECNICI Organismi metrologici e d accreditamento Organismi scientifici e tecnici Organismi normativi RISORSE UMANE E FINANZIARIE IMPEGNATE NELLE DIVERSE ATTIVITÀ 157 ACRONIMI 157 Appendice 1 - Proposte per conferire autonomia organizzativa e gestionale al SIT 161 Appendice 2 - Proposta del Gruppo di lavoro per l autovalutazione dell attività 162 Elenco dei Prospetti Parte I Prospetto 1 Articolazione dell INRIM dal 1 gennaio Prospetto 2 Alcuni dati sulle attività svolte nel 2005 e nel Prospetto 3 Pubblicazioni e partecipazioni a conferenze nel 2005 e nel Prospetto 4 CMC INRIM e loro stato di approvazione 7 Prospetto 5 Sistema dei documenti per la qualità 7 Prospetto 6 Entrate nel Prospetto 7 Costi nel Prospetto 8 Costi delle diverse strutture nel Prospetto 9 Risorse utilizzate dalle diverse strutture nel Prospetto 10 Personale dipendente al termine degli anni Prospetto 11 Personale a tempo indeterminato al 31 dicembre Prospetto 12 Personale impegnato nelle diverse strutture nel Prospetto 13 Tipologie di personale impegnato nelle attività INRIM nel Prospetto 14 Ripartizione, per attività e unità organizzative, delle risorse umane e di alcuni indicatori di prodotto nel Prospetto 15 Ripartizione, per attività e unità organizzative, delle risorse finanziarie nel Relazione INRIM Indice e Presentazione III

7 Parte II Prospetto 1 Personale impegnato nelle diverse unità organizzative nel Prospetto 2 Costi delle diverse unità organizzative nel Prospetto 3 Risorse finanziarie utilizzate dalle diverse unità organizzative nel Prospetto 4 Attività di taratura e prova svolte nel 2005 e nel Prospetto 5 Attività di taratura, misura e prova: entrate (k ) ed ETP nel 2005 e nel Prospetto 6 Attività di accreditamento di laboratori nel 2005 e nel Parte III Prospetto 1 Lavori pubblicati e comunicazioni presentati a conferenze nel Prospetto 2 Documenti emessi nel Prospetto 3 Documenti del sistema di gestione per la qualità sottoposti a revisione 141 Prospetto 4 Elenco degli audit interni 141 Prospetto 5 Utilizzo delle risorse umane e finanziarie nel Prospetto 6 - Entrate INRIM nel Prospetto 7 - Spese INRIM nel Prospetto 8 Criteri di ripartizione delle spese nel Prospetto 9 Ripartizione delle spese per attività nel Prospetto 10 Ripartizione delle entrate per attività nel Prospetto 11 Personale assegnato alle diverse unità organizzative nel Prospetto 12 Fattore d impatto delle pubblicazioni 2006 su riviste internazionali 179 Relazione INRIM Indice e Presentazione IV

8 PRESENTAZIONE L Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRIM), istituito dal decreto legislativo n. 38/2004 con lo scorporo dell Istituto di Metrologia Gustavo Colonnetti (IMGC) dal CNR e la sua fusione con l Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris (IEN), presenta la sua relazione sull attività svolta nel 2006, primo anno di effettiva operatività dell Ente, essendo i suoi regolamenti entrati in vigore dal 1 gennaio Secondo il decreto istitutivo, l INRIM è Ente pubblico nazionale con il compito di svolgere e promuovere attività di ricerca scientifica nei campi della metrologia; svolge le funzioni d istituto metrologico primario, già di competenza di IMGC e IEN ai sensi della legge n. 273/1991 istitutiva del sistema nazionale di taratura (SNT); valorizza, diffonde e trasferisce le conoscenze acquisite nella scienza delle misure e nella ricerca sui materiali, per favorire lo sviluppo del sistema Italia nelle sue varie componenti. L INRIM costituisce quindi il presidio di quasi tutta la metrologia scientifica in Italia, restandone escluse il campo delle radiazioni ionizzanti tradizionalmente coperto dall Istituto Nazionale di Metrologia delle Radiazioni Ionizzanti (INMRI) dell ENEA. Un Istituto Nazionale di Metrologia non svolge soltanto attività di ricerca e di mantenimento dei campioni di misura, ma sviluppa la sua attività scientifica e tecnica su un orizzonte molto ampio, verso l esterno (partecipazioni a organismi internazionali di coordinamento delle attività metrologiche e collaborazioni con altri istituti metrologici nazionali) e verso l interno (garantire l infrastruttura metrologica allo sviluppo del Paese e una distribuzione di servizi di alta qualità). L INRIM dispone inoltre di laboratori d eccellenza per la ricerca sui materiali magnetici e su dispositivi innovativi per i quali sono di grande aiuto le conoscenze nell ambito delle nanotecnologie e dei film sottili. L impegno per giungere a una situazione di regime dell organizzazione dell INRIM non ha fornito tutti i frutti sperati. Se nella sua prima riunione il CdA ha nominato il Vicepresidente, il Direttore Generale e il Responsabile del Servizio di accreditamento, le designazioni in ritardo dei membri del Consiglio scientifico hanno fatto sì che il Consiglio stesso sia stato nominato dal CdA soltanto il 31 marzo 2006 e si sia riunito per la prima volta il 12 aprile Successivamente la Funzione pubblica ha nominato il rappresentante della Corte dei Conti, mentre la costituzione del Comitato di valutazione è stata definitivamente chiarita all inizio del Un ritardo notevole è stato invece accumulato nella nomina del Direttore di Dipartimento, che è stata possibile solo il 25 maggio 2007, e di conseguenza, sebbene le Divisioni fossero state proposte e approvate nel numero di quattro entro la fine del 2006, la nomina dei responsabili di divisione è prevedibile solo entro il giugno A queste difficoltà si è sopperito con rimedi provvisori in attesa di poter giungere alla costituzione di tutti i ruoli individuati dal decreto istitutivo e dai regolamenti. Inoltre è stato previsto di verificare le possibilità d organizzare attività trasversali ortogonali alle Divisioni per una più efficace interfaccia con i grandi temi di interesse della Comunità Europea e dei programmi nazionali. Da parte sua la struttura Amministrazione e servizi generali ha provveduto a identificare i propri settori e uffici e ad assegnare le responsabilità. Per quanto riguarda le risorse finanziarie il contributo del Ministero Relazione INRIM Indice e Presentazione V

9 dell Università e della Ricerca (MUR) è stato reso noto solo alla fine del novembre 2006: se va riconosciuta l acquisizione di un contributo straordinario da parte MUR di k per la copertura di debolezze strutturali di opere edilizie e per la messa a norma di edifici dell IMGC-CNR, tuttavia non è stata soddisfatta l esigenza di ammodernamento d impianti tecnologici valutata pari a k. Questa riduzione di contributo è stata parzialmente compensata da una forte partecipazione dell INRIM ai bandi della Regione Piemonte per progetti di ricerca cofinanziati, che ha visto i primi parziali successi alla fine del 2005 rinforzati da nuovi risultati positivi nell arco del Questi, come altri progetti cofinanziati favoriscono lo sviluppo delle collaborazioni scientifiche con università e istituti di ricerca aventi finalità scientifiche e tecnologiche complementari, aiutano a mantenere su alti livelli la qualità delle proprie attività e favorire un uso integrato di risorse, costituiscono inoltre una via interessante allo sviluppo dei collegamenti con il mondo imprenditoriale, nella prospettiva di trasferire in modo più efficiente le conoscenze acquisite e le tecnologie sviluppate. Tuttavia i cofinanziamenti non possono risolvere se non occasionalmente le necessità della ricerca istituzionale. Il rafforzamento dell INRIM è essenziale per la competizione internazionale ed europea, particolarmente pressante con l adesione all associazione di Istituti metrologici nazionali dell area europea EURAMET e.v. siglata l 11 gennaio In accordo con le raccomandazioni del Consiglio scientifico prima (7 giugno 2006) e con gli avvisi e gli inviti espressi dal Consiglio di amministrazione poi (12 giugno 2006) circa la Relazione di attività del 2005, il massimo impegno è stato dedicato a superare le difficoltà di avvio con l organizzazione del lavoro scientifico, tecnico e amministrativo. Seguendo lo stesso schema del Piano triennale, questa relazione si articola in tre parti: la prima presenta una sintesi delle attività svolte e dei risultati conseguiti; la seconda li descrive in modo più particolareggiato con riferimento alle unità organizzative dell INRIM, ereditate dagli Istituti costituenti, al Sistema Qualità e alle funzioni di coordinamento; la terza infine fornisce informazioni di dettaglio su attività svolte e risultati conseguiti. Per la ricerca di base la difesa delle posizioni di eccellenza raggiunte e l individuazione di nuove iniziative hanno costituito i punti di maggior impegno. In questi ultimi decenni la ricerca in metrologia ha spesso fatto ricorso all impiego di fenomeni fisici nei quali le costanti fondamentali, la meccanica quantistica, le nanotecnologie e la scienza dei materiali hanno un ruolo essenziale. Le prime assicurano l invarianza spaziale e temporale dei riferimenti, mentre le altre discipline hanno permesso risoluzioni e accuratezze di misura altrimenti non raggiungibili. Su queste sfide riconosciute in ambito internazionale ed europeo l INRIM ha concentrato l attenzione sulle ricerche riguardanti i campioni ottici di frequenza, un nuovo campione a fontana di Cs funzionante a bassa temperatura e la determinazione delle costanti fondamentali N A, R e k B favorendo le possibili collaborazioni in ambito internazionale e nazionale. Si aggiungono ancora le proposte di metodologie di misura di nuova generazione in ottica e lo studio del processo di misurazione nella meccanica quantistica per le sue implicazioni nel calcolo e nella crittografia quantistici. L individuazione e il perseguimento nel campo della chimica delle attività metrologiche di maggior valore aggiunto permane come un obiettivo importante, Relazione INRIM Indice e Presentazione VI

10 essendo questo un settore d interesse per la salute, la sicurezza e l ambiente. Nel 2006 e nei primi mesi 2007 è stato registrato in questo settore un significativo decremento del personale. Si menzionano ancora i progressi sui dispositivi innovativi spesso di tipo quantistico sviluppati con sperimentazioni originali, le indagini approfondite sulla dinamica di magnetizzazione estese alle alte frequenze e sul processo d isteresi e il particolare interesse destato dalle competenze dell INRIM nell ambito dei materiali nanostrutturati. È continuata la partecipazione al progetto EUROMET imera (implementing Metrology in the European Research Area), presentato il 6 ottobre 2004 alla Commissione Europea. Esso pone le basi per una struttura di collaborazione e condivisione in Europa e permetterà di costruire una strategia unica europea per la ricerca in metrologia e la disponibilità dei servizi di taratura. In questa direzione, avendo come obiettivo l avvio di un coordinamento europeo tra Istituti metrologici nazionali, l INRIM ha siglato a Berlino l adesione ad EURAMET e.v., una associazione di Istituzioni Europee regolata secondo il diritto tedesco. Contemporaneamente è stato elaborato il progetto ERA NET Plus che sta originando una call speciale da parte della Comunità Europea e che coprirà un orizzonte temporale triennale ( ) premessa all attivazione di un art La ricerca applicata ha visto l INRIM impegnato in particolare nella partecipazione: ai programmi del sistema di navigazione satellitare GALILEO per quanto riguarda applicazioni della metrologia di tempo e frequenza, intensificando la collaborazione con Alenia Spazio e operando attraverso il Consorzio Torino Time che l IEN aveva promosso sin dal 2003 e al quale aveva aderito nel 2004; ai programmi pluriennali dell Agenzia Spaziale Europea (ESA), ad esempio alle ricerche di metrologia dimensionale e dei propulsori ionici per le missioni GAIA e LISA. In questi programmi le capacità metrologiche di realizzazione di sistemi e d elaborazione di dati, le misure e i sensori di precisione hanno un ruolo fondamentale. In questo contesto l Italia è in posizione favorita, per la sua buona reputazione in ambito metrologico e la presenza d industrie italiane nel settore dei sensori. Nelle sue funzioni d istituto metrologico primario, l INRIM ha svolto anche importanti e onerose attività, non propriamente di ricerca, ma essenziali al sistema produttivo del paese. Queste sono conseguenza d avvenimenti relativamente recenti: Gli istituti metrologici nazionali, firmando nel 1999 il Mutual Recognition Arrangement (MRA) del CIPM, si sono assunti gravosi impegni a causa delle partecipazioni a confronti chiave e supplementari internazionali necessari alla dichiarazione delle proprie capacità di taratura e misura. Il mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e di misura pone le basi per l equivalenza delle misure a livello internazionale. La partecipazione alla costruzione di un infrastruttura metrologica sovranazionale ha conseguenze a livello nazionale ed è di grande importanza per eliminare barriere commerciali e rafforzare il sistema produttivo italiano, essendo l insieme dei riferimenti internazionalmente riconosciuti anche un valido sostegno alla metrologia legale. L INRIM ha ereditato da IEN e IMGC il compito di offrire al Paese servizi di Relazione INRIM Indice e Presentazione VII

11 taratura, prova e accreditamento e ha affrontato i problemi dell accreditamento flessibile. Questa forma d accreditamento, che riguarda un più ampio spettro di attività sperimentali di quanto non sia la taratura di strumenti, interessa Istituzioni dotate di riconosciute competenze misuristiche e impegnate in una sperimentazione varia di ricerca e prova. La realizzazione delle infrastrutture metrologiche, l offerta dei servizi di taratura e il trasferimento di know how alle imprese dovrà trovare un rafforzamento, in accordo con il decreto istitutivo, attraverso convenzioni di sostegno a queste attività tra MUR, Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) e INRIM. Per i rapporti con il MiSE, che ha designato due membri del Consiglio di Amministrazione dell INRIM, speciali intese dovranno essere raggiunte anche per il coordinamento con l INMRI dell ENEA. Tutti i progetti di ricerca e tecnici presentati hanno fondato la loro credibilità sulla presenza di rilevanti conoscenze acquisite tra un personale altamente qualificato e sul funzionamento di numerosi laboratori in buona parte equipaggiati con strumentazione moderna e dotati di sistemi per lo sviluppo di tecnologie avanzate da utilizzarsi anche per la ricerca e l applicazione future. Nel 2006 la consistenza del personale che ha operato presso l INRIM è stata pari a 289 persone equivalenti a tempo pieno (ETP), di cui 201 ETP con contratto a tempo indeterminato e 88 ETP costituito da personale inserito a vario titolo nelle attività dell INRIM (17,5 ETP con contratto a tempo determinato, 17 ETP con incarico di collaborazione retribuito, 11,5 ETP con incarico gratuito di ricerca o collaborazione tecnica, 19 ETP con assegno di ricerca, 10 ETP con borsa di addestramento alla ricerca, 13 ETP come dottorandi, valutati per una quota pari a 0,5 ETP/dottorando). Nel primo semestre 2007 il personale con contratto a tempo indeterminato si è ridotto di altre 6 unità a causa di pensionamenti. Inoltre si assiste ad una continua fuga verso Istituti Europei e internazionali che possono offrire posti a tempo indeterminato a personale non strutturato la cui formazione è avvenuta in INRIM e che è evidentemente apprezzata all estero. Si sta quindi accumulando una grave insufficienza di risorse umane, che richiede interventi urgenti al fine di assicurare una congruità di queste risorse rispetto ai compiti affidati e agli obiettivi che l INRIM è impegnato a perseguire. Torino, giugno 2007 Elio Bava Presidente dell INRIM Relazione INRIM Indice e Presentazione VIII

12 PARTE I SINTESI DELLE ATTIVITÀ SVOLTE E DEI RISULTATI CONSEGUITI La relazione sull attività svolta dall INRIM nel 2006 fa riferimento ad un anno caratterizzato dall avvio dell operatività dell INRIM, dal 1 gennaio 2006, con l entrata in vigore alla stessa data dei suoi regolamenti. Questa relazione è presentata in una fase in cui si sta completando l organizzazione dell INRIM, con la definizione dell articolazione del Dipartimento in Divisioni, la nomina del Direttore del Dipartimento, l esame dei problemi da risolvere per una maggiore efficacia del Servizio accreditamento di laboratori, l unificazione dell amministrazione e dei servizi generali. Prossimi adempimenti sono la nomina dei Responsabili di Divisione e l attivazione del Consiglio di Dipartimento La parte I della presente relazione fornisce una sintesi delle attività svolte dall INRIM e dei risultati conseguiti nel 2006, mentre la parte II fornisce informazioni particolareggiate sull attività svolta dalle strutture di primo livello (Dipartimento, Amministrazione e servizi generali, Servizio accreditamento di laboratori) e da quelle di secondo livello in cui si sono articolate nel 2006 il Dipartimento e l Amministrazione e servizi generali, sui progetti realizzati e sull impegno del personale. 1 ARTICOLAZIONE DELL INRIM Il Consiglio di amministrazione (CdA) nella sua prima riunione del 16 gennaio 2006 ha nominato il vicepresidente, il direttore generale e il responsabile del Servizio accreditamento di laboratori. Secondo quanto previsto dal regolamento di organizzazione e funzionamento: il dirigente dell unità organica Attività scientifiche e tecniche dell IEN e il direttore dell IMGC hanno conservato nel 2006 la responsabilità scientifica delle rispettive strutture (fino alla nomina del direttore di dipartimento dell INRIM nel maggio 2007); i responsabili dei settori tecnico-scientifici IEN e di commessa IMGC sono stati prorogati (fino alla nomina dei responsabili delle divisioni del Dipartimento nel giugno 2007). Nel 2006 l INRIM ha quindi operato avvalendosi delle unità organizzative indicate nel Prospetto 1, derivate dai settori tecnico-scientifici IEN e dalle commesse IMGC. Ad esse si sono aggiunti alcuni coordinamenti, per evidenziare l impegno in aree strategiche o di carattere trasversale rispetto alle citate unità organizzative. Nella riunione del 14 dicembre 2006, il CdA ha approvato, con delibera n. 44/7/2006 e previo parere favorevole del Consiglio scientifico (CS), l organizzazione del Dipartimento in 4 Divisioni (Elettromagnetismo, Meccanica, Ottica e Termodinamica), prevedendo una valutazione e una verifica dopo un anno. Il CdA e il CS hanno espresso l avviso che l articolazione del Dipartimento in Divisioni di tipo disciplinare meglio si adatti alla missione e al funzionamento dell Ente e che l articolazione in 4 Divisioni si presenti come quella ottimale, dal punto di vista culturale e funzionale. Il CdA nella stessa riunione ha deliberato inoltre di prevedere, in coerenza con le direttive regionali, nazionali ed europee, alcune tematiche interdisciplinari, trasversali alle Divisioni per il loro carattere eminentemente "strumentale", ai fini delle richieste di finanziamento. Restano da individuare figure manageriali responsabili delle tematiche, pronte ad interfacciarsi con le Divisioni e con il mondo esterno (Università, Industria, Enti Locali, Ministeri, Unione Europea). Le tematiche proposte sono: Ambiente e Sicurezza; Energia; Nano- e Micro-Tecnologie; Salute e Qualità della Vita; Tecnologie Aeronautiche e Spaziali; Tecnologie per Informazione e Comunicazione. Queste tematiche e le relative Relazione 2006 Parte I

13 responsabilità saranno attivate nel corso 2007, dopo un approfondimento degli aspetti operativi. Altre tematiche d interesse per l INRIM potranno essere individuate in futuro. DIRETTORE GENERALE Prospetto 1 Articolazione dell INRIM dal 1 gennaio 2006 COMITATO D INDIRIZZO PER LA QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DIPARTIMENTO Metrologia del tempo e della frequenza Metrologia elettrica Fotometria e radiometria Acustica e ultrasuoni Dispositivi quantistici per la metrologia Materiali Elettromagnetismo applicato Visione artificiale Metrologia della lunghezza Metrologia della massa Metrologia termica Dinamometria Metrologia per la chimica, la salute e l ambiente Metrologia interdisciplinare Determinazione di costanti fisiche fondamentali (coordinamento) Metodi matematici e statistici nelle misure (coordinamento) Formazione, comunicazione e diffusione della cultura scientifica (coordinamento) Attività di taratura, misura e prova (coordinamento) AMMINISTRAZIONE E SERVIZI GENERALI Segreteria generale Servizi patrimoniali e contabili Affari del personale Stipendi Biblioteca, pubblicazioni e stampa Servizi generali tecnici Sicurezza nell ambiente di lavoro Sistemi informatici SERVIZIO ACCREDITAMENTO DI LABORATORI 2 ATTIVITÀ DI RICERCA, SCIENTIFICHE E TECNICHE DIPARTIMENTO L INRIM ricopre, con l Istituto Nazionale di Metrologia delle Radiazioni Ionizzanti (INMRI) dell ENEA, le funzioni d istituto metrologico primario nazionale. In questo ambito, l INRIM ha sviluppato le sue attività metrologiche su un orizzonte molto ampio, comprendente: ricerca metrologica di base e applicata (determinazione di costanti fisiche fondamentali; studi e ricerche finalizzati a realizzare i campioni primari delle unità di misura del sistema internazionale per l elettromagnetismo, la meccanica, il tempo e la frequenza, la fotometria e la radiometria, la termologia, l acustica, gli ultrasuoni e le vibrazioni; mantenimento dei campioni nazionali di misura e loro riconoscimento a livello internazionale, secondo le modalità e i requisiti dell MRA del CIPM firmato nel 1999, loro partecipazione ai confronti internazionali di misure); Relazione 2006 Parte I 2

14 partecipazione a iniziative e programmi di cooperazione internazionale, in particolare agli organismi che coordinano le attività metrologiche a livello internazionale ed europeo al fine di assicurare la comparabilità e l affidabilità dei risultati di misura a livello internazionale; collaborazioni con gli istituti metrologici di altri paesi; sviluppo dell infrastruttura metrologica indispensabile allo sviluppo del Paese, curando la disseminazione delle unità SI, con il loro trasferimento dal livello di riferimento dei campioni primari a quello applicativo nella comunità scientifica, nell industria e nella società; ricerca di base e applicata su materiali, dispositivi innovativi, nanotecnologie e film sottili, ambiti per i quali esiste nell INRIM una forte e affermata tradizione. In proposito si osserva che negli ultimi decenni la ricerca in metrologia ha spesso fatto ricorso a fenomeni fisici nei quali le costanti fisiche fondamentali, la meccanica quantistica, le nanotecnologie e la scienza dei materiali hanno un ruolo essenziale; trasferimento di conoscenze e di tecnologie a beneficio della comunità scientifica, dell industria e della società; messa a disposizione di riferimenti e di metodi di misura d interesse per la metrologia legale, alla luce anche della direttiva 2004/22/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 31 marzo 2004 relativa agli strumenti di misura (entrata in vigore il 30 ottobre 2006), essendo i riferimenti internazionalmente riconosciuti anche un valido sostegno alla metrologia legale; fornitura di servizi scientifici e tecnici al più alto livello delle competenze metrologiche e misuristiche; supporto alla metrologia legale e alla normazione tecnica; contributo alla formazione di personale ricercatore e tecnico; sviluppo della rete di laboratori di taratura accreditati come centri SIT. Specificamente, si segnalano: l organizzazione, con il Politecnico di Torino e l Università di Torino, della Conference on Precision Electromagnetic Measurements (25th CPEM), svoltasi per la prima volta a Torino, presso il Politecnico, dal 9 al 14 luglio 2006, e a cui hanno partecipato 500 persone di 40 paesi. Questa conferenza biennale è una delle massime sedi scientifiche per la metrologia elettromagnetica e di tempo e frequenza, e, nell edizione torinese, includeva per la prima volta il tema dei metodi elettromagnetici di misura per la chimica. L INRIM ha fatto parte del Comitato Organizzatore, costituitosi in Associazione senza fini di lucro; ha partecipato all attività della segreteria; ha curato la preparazione del Digest della conferenza e la selezione dei lavori presentati per la pubblicazione sul numero speciale della rivista IEEE Trans. on Instrumentation and Measurement, ha organizzato 17 fra riunioni satelliti e workshops che hanno interessato, prima e dopo la conferenza, i gruppi di lavoro ed esperti internazionali attivi nel settore, un workshop sul tema delle misure elettromagnetiche per la chimica e la visita dei congressisti ai propri laboratori; la partecipazione al corso organizzato dalla Società Italiana di Fisica su Metrology and Fundamental Constants, tenuto a Varenna dal 18 al 28 luglio 2006, con il segretario scientifico (M. L. Rastello), tre docenti (R. Gavioso, G. Mana e W. Bich) e 12 allievi provenienti dall INRIM (si veda in proposito il Volume International School of Physics Enrico Fermi, edited by T. Haensch Max Planck Institut fur Quantenoptik, S. Leschiutta INRIM, A. Wallard BIPM, September 2007, 680 pp., IOS Press, Amsterdam, The Netherlands). Di fronte ai nuovi e vasti impegni che la metrologia italiana deve affrontare per le Relazione 2006 Parte I 3

15 parti scientifica e organizzativa sono emerse le seguenti difficoltà d avvio: l unificazione, a fronte della mole di lavoro svolto e in parte ancora da sviluppare, è avvenuto senza risorse nuove di personale e di finanziamento, anzi in riduzione rispetto a una valutazione del 2005 nella quale sono stati riconosciuti quali costi dell IMGC solo quelli di personale e generali di funzionamento e considerando inesistenti quelli d investimento e funzionamento per le attività di ricerca; se va riconosciuta l acquisizione per il 2006 di un contributo straordinario da parte MUR di k per la copertura di debolezze strutturali di opere edilizie e per la messa a norma di edifici dell IMGC, tuttavia non è stata soddisfatta l esigenza di ammodernamento d impianti tecnologici valutata pari a k ; il rafforzamento dell INRIM è essenziale per la competizione internazionale e europea, particolarmente pressante con l adesione all associazione di Istituti metrologici nazionali dell area europea EURAMET e.v. siglata l 11 gennaio In queste condizioni, l INRIM ha puntato sull autofinanziamento, derivante da: partecipazione a progetti europei, nazionali e regionali, acquisizione di contratti di ricerca, offerta di servizi qualificati di accreditamento, di taratura e prova. Tuttavia si osserva che la ricerca istituzionale non è sostenibile se non occasionalmente attraverso il cofinanziamento e che compiti di responsabilità internazionale e nazionale sono a rischio e ledono l immagine dell Istituzione se basati su personale precario. Per la ricerca, il consolidamento delle posizioni raggiunte e l individuazione di nuove iniziative di rilievo hanno costituito i punti di maggior impegno. In particolare, l INRIM si è impegnato sui seguenti fronti: sviluppo del progetto imera, iniziato il 1 aprile 2005 e finanziato dalla Commissione Europea nell ambito delle attività di rete (schema ERA-NET nel VII Programma Quadro); sviluppo dell associazione EURAMET e.v. e in particolare dell European Metrology Research Program (EMRP), che mira a coordinare lo sviluppo di nuove capacità di misura aventi un impatto strategico per l Europa; sviluppo delle collaborazioni scientifiche con università e istituti di ricerca aventi finalità scientifiche e tecnologiche analoghe, per mantenere su alti livelli la qualità delle proprie attività e favorire un uso integrato di risorse; Programma triennale della ricerca della Regione Piemonte, approvato di recente e che offre all INRIM molte occasioni di partecipazione, in sinergia con gli Atenei del Piemonte e in collaborazione con altri enti pubblici e privati di ricerca e con imprese; sviluppo dei collegamenti con il mondo imprenditoriale, nella prospettiva di trasferire in modo più efficiente le conoscenze acquisite e le tecnologie sviluppate. La ricerca applicata, attraverso la quale si opera una parte significativa del trasferimento tecnologico, ha visto l INRIM impegnato nei programmi del sistema di navigazione satellitare Galileo, nei programmi pluriennali dell ESA, nella partecipazione a progetti, iniziative e collaborazioni in ambito europeo e internazionale. Nelle sue funzioni d istituto metrologico primario, l INRIM ha svolto altre attività essenziali al sistema produttivo del paese e d interesse del MiSE, comprendenti: partecipazione al MRA del CIPM, concernente il mutuo riconoscimento, a livello internazionale, dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e misura emessi dagli istituti metrologici nazionali; sviluppo, attraverso il Servizio accreditamento di laboratori, delle attività di accreditamento di laboratori di taratura un tempo proprie dalle strutture SIT-IMGC, SIT-IEN e SIT-ENEA, indicate complessivamente con SIT (Servizio di taratura in Italia). Tali attività devono essere gestite in conformità con la normativa internazionale (ISO/IEC Relazione 2006 Parte I 4

16 17011) per permettere al SIT di mantenere lo stato di firmatario degli accordi internazionali di mutuo riconoscimento EA-MLA ed ILAC-MRA, che coprono le attività di accreditamento di laboratori di taratura. I Prospetti 2 e 3 riportano dati sull attività svolta nel 2005 (ripresi dalla Relazione approvata dal CdA dell INRIM il 12 giugno 2006) e nel Specificamente, il Prospetto 2 fornisce alcuni dati sulle attività svolte, nella forma di indicatori: di attività (brevetti, contratti di ricerca, collaborazioni scientifiche, partecipazioni a organismi scientifici e tecnici, chairmanship di conferenze, attività di referee); della capacità di trasferimento delle conoscenze acquisite knowledge transfer (seminari, partecipazione a corsi di dottorato di ricerca, tesi di laurea e di dottorato svolte presso l INRIM, docenza presso corsi specialistici e università). Il Prospetto 3 fornisce alcuni dati su pubblicazioni e corrispondenti impact factor (IF), attività di referee, partecipazioni a conferenze. Si segnalano: Prospetto 2 Alcuni dati sulle attività svolte nel 2005 e nel 2006 Descrizione N. di seminari tenuti da personale INRIM Brevetti depositati 2 3 N. di contratti di ricerca firmati nell anno Entrate nell anno (k ) * Collaborazioni scientifiche attive Partecipazione a organismi scientifici e tecnici: internazionali nazionali N. di corsi di dottorato ai quali l INRIM ha partecipato 5 7 Tesi di dottorato di ricerca concluse nell anno 9 8 Tesi di laurea concluse nell anno (I liv. + II liv.) Docenza di personale INRIM presso corsi specialistici e università (h) Soggiorni e stage presso INRIM (mesi-pers.) di ricercatori e studenti: stranieri italiani ,9 54,5 Soggiorni di personale INRIM presso istituti scientifici esteri (mesi-persona) Seminari di studiosi esterni tenuti presso INRIM * Di cui 1638 k derivanti da contratti di ricerca finanziati dalla Regione Piemonte. Prospetto 3 Pubblicazioni e partecipazioni a conferenze nel 2005 e nel 2006 Descrizione Pubblicazioni: volumi pubblicati 2 4 Articoli su riviste internazionali (RI) Articoli su riviste nazionali (RN) Comunicazioni su atti di congressi internaz. (AI) Comunicazioni su atti di congressi nazionali (AN) rapporti tecnici (RT) IF delle pubblicazioni su riviste internazionali: minori di 0,5 compresi tra 0,5 e 1 compresi tra 1 e 2 compresi tra 2 e 3 maggiori di 3 n. di pubblicazioni con IF valore medio di IF scarto quadratico medio di IF somma degli IF /135 1,70 1,84 205, /146 1,70 1,24 205,7 Attività di referee per: riviste internazionali atti di conferenze internazionali Comunicazioni presentate a conferenze: internazionali nazionali Chairmanship di sessioni di conferenze Relazione 2006 Parte I 5

17 la pubblicazione di 121 lavori su riviste internazionali con IF (di cui 17 con IF compreso tra 2 e 3, 12 con IF maggiore di 3); l opera in 3 volumi The science of hysteresis, a cura di G. Bertotti e I. D. Mayergoyz (Vol. I Mathematical Modeling and Applications, 705 pp.; Vol. II Physical Modeling, Micromagnetics, and Magnetization Dynamics, 648 pp.; Vol. III Hysteresis in Materials, 751 pp.; nel complesso 22 contributi, di cui 6 forniti da ricercatori INRIM), pubblicata da Elsevier - Academic Press; il volume Advanced Mathematical and Computational Tools in Metrology VII, a cura di P. Ciarlini, E. Filipe, A. B. Forbes, F. Pavese, C. Perruchet e B. R. L. Siebert, pubblicato da World Scientific Series on Advances in Mathematics for Applied Sciences, Vol. 72, 365 pp.. Il volume raccoglie una selezione dei lavori presentati da metrologi e matematici attivi nella scienza delle misure alla 7 a conferenza internazionale sul tema (un ottavo volume è in preparazione per il 2007). il Digest of 25th CPEM, a cura di F. Levi e M. Pisani, pubblicato da CLUT, 766 pp., che raccoglie gli short papers dei 360 contributi presentati alla Conferenza; la partecipazione a conferenze internazionali, con la presentazione di 207 comunicazioni (di cui: 74 pubblicate in forma estesa sui relativi atti; 14 su invito M. Genovese 3, S. Geroso 1, S. Borini 1, G. Bertotti 1, G. Durin 1, V. Basso 1, C. Beatrice 1, G. Mana 2, W. Bich 3) e con la chairmanship di 26 sessioni. 3 AMMINISTRAZIONE E SERVIZI GENERALI La struttura Amministrazione e servizi generali ha svolto le funzioni amministrative, contabili e tecniche d occorrenza all esecuzione delle attività dell INRIM. Queste funzioni comprendono: gli adempimenti riguardanti l ordinamento, il funzionamento, la struttura e l organizzazione dell INRIM; l attività di supporto agli organi di governo e di controllo; la gestione contabile, finanziaria e patrimoniale; la gestione del personale; la predisposizione dei trattamenti economici del personale; la gestione della biblioteca e le attività di pubblicazione e stampa; l esecuzione di quanto occorre al fine del corretto funzionamento degli impianti e dei servizi generali. Detta struttura ha partecipato alla realizzazione del Sistema Qualità, collaborando alla predisposizione del manuale della qualità e delle procedure del Sistema Qualità. 4 SERVIZIO ACCREDITAMENTO DI LABORATORI L attività di accreditamento nel 2006 è sintetizzata dai seguenti dati: aumento dei laboratori accreditati come centri di taratura SIT da 170 a 172; 4 nuovi laboratori accreditati; rinnovo ed estensione dell accreditamento, rispettivamente, per 33 e 23 laboratori; 46 visite di sorveglianza; fatturato pari a 947 k. Sono stati raggiunti alcuni ambiziosi o- biettivi riguardanti questioni di grande interesse, come autovelox, accreditamento flessibile e acustica subacquea; specificamente, si sono conclusi: l'accreditamento a scopo flessibile del Politecnico di Milano, riguardante il riconoscimento all'attività di ricerca metrologica svolta nel campo dell'accelerometria; l accreditamento dell'istituto Corbino del CNR per ultracustica subacquea, primo accreditamento di questo tipo nell'area Mediterranea e primo accreditamento di Laboratorio del CNR. 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Il sistema di gestione per la qualità (SGQ) soddisfa i requisiti per partecipare all MRA del CIPM ed è in accordo con le guide EUROMET n. 1, EUROMET s Policy on the Application of Quality System in National Metrology Institutes e n. 6, EUROMET Relazione 2006 Parte I 6

18 Traceability. Inoltre, il SGQ soddisfa i requisiti per mantenere: l iscrizione all Albo dei laboratori pubblici e privati altamente qualificati del MUR; il riconoscimento tra gli organismi notificati dal MiSE all UE, nell ambito della Direttiva 73/23/CEE - D.M. del 23 luglio sostituita dalla Direttiva 2006/95/CE; la qualificazione, quale organismo riconosciuto dal Ministero delle Infrastrutture e del Ministero dei Trasporti, per l emissione di certificati di conformità di materiali per la sicurezza stradale (pellicole retro-riflettenti, D.M. del 31 marzo 1995); la qualificazione tra i laboratori di prova operanti nella rete dell Associazione per la Certificazione delle Apparecchiature Elettriche (ACAE, membro del LOVAG Low Voltage Agreement Group). Il SGQ sostiene inoltre l attività per conseguire la qualifica di laboratorio di prova notificato dal MiSE per la determinazione delle caratteristiche (acustiche) dei componenti per l edilizia, ai sensi del DM 9 maggio 2003 (GU n.152 del 3 luglio 2003) e del DPR 21 aprile 1993, n. 246, art. 9 comma 2, per la marcatura CE dei materiali da costruzione (direttiva 89/106/CEE). Il prospetto 4 mostra l impegno INRIM 2006 per le capacità di taratura e misura (CMC), inserite nelle divisioni del Dipartimento e classificate nelle aree metrologiche individuate dal KCDB database BIPM (http://kcdb.bipm.fr). Le CMC sono 525 e riguardano 8 delle 9 aree metrologiche del KCDB database; 453 sono state approvate e pubblicate e 72 sono in esame. Il prospetto 5 mostra la consistenza del sistema dei documenti per la qualità. Prospetto 4 CMC INRIM e loro stato di approvazione CMC/N. Divisione / Area metrologica In esame Pubblicate Nuove In revisione ELETTROMAGNETISMO 202 Quantità di sostanza (conducibilità elettrolitica) 1 Elettricità e magnetismo 201 MECCANICA Acustica, Ultrasuoni e Vibrazioni (vibrazioni) 17 Lunghezza 34 2 Massa e grandezze collegate OTTICA 39 Metrologia del tempo e della frequenza 16 Fotometria e radiometria 23 TERMODINAMICA Acustica, Ultrasuoni e Vibrazioni (acustica e ultrasuoni) 21 2 Quantità di sostanza (CO 2, O 3, fluidi biologici e materiali) 6 3 Termometria Totale Prospetto 5 Sistema dei documenti per la qualità Descrizione Predisposti Documenti generali Manuali della qualità 2 Procedure generali 10 Procedure organizzative 17 Procedure tecniche generali 5 Procedure di taratura, misura (PT) e prova (PP) PT PP ELETTROMAGNETISMO Elettricità e Magnetismo Quantità di sostanza (conducibilità elettrolitica) 1 - MECCANICA 65 Relazione 2006 Parte I 7

19 Acustica, Ultrasuoni e Vibrazioni (vibrazioni) 5 - Lunghezza 20 - Massa e grandezze collegate 39 - Anemometria 1 - OTTICA 38 Metrologia del tempo e della frequenza 7 - Fotometria e radiometria 31 - TERMODINAMICA 60 8 Acustica, Ultrasuoni e Vibrazioni (acustica e ultrasuoni) 7 8 Quantità di sostanza (CO 2, O 3, fluidi biologici e materiali) 3 - Termometria 50 - Totale procedure di taratura, misura e prova Nel 2006 l INRIM ha riesaminato i processi organizzativi interni (manageriali e amministrativi) riguardanti la gestione di attività di taratura, misura e prova e ha implementato le nuove procedure; ha riesaminato 7 procedure generali e 8 procedure di taratura e misura; ha predisposto i modelli e le istruzioni per la stesura dei documenti tecnici (certificati di taratura e misura, certificati di conformità, rapporti di prova e relazioni); ha eseguito 12 audit interni; ha trattato e risolto 2 reclami e 19 non conformità; ha effettuato il riesame del SGQ da parte della direzione. La Telecom Italia SpA, utente di attività di taratura e misura INRIM, ha comunicato gli Index Vendor Rating (IVR) attribuiti all INRIM per il 2004 (IVR = 100/100) e il 2005 (IVR = 95/100), essendo IVR è un indicatore usato per valutare la qualità dei servizi ricevuti e considera aspetti scientifici, amministrativi e commerciali. 6 COSTI E RISORSE FINANZIARIE UTILIZZATE Il prospetto 6 riporta dati di sintesi sulle entrate nel 2006, distinguendo tra: contributo ordinario del MUR; contributi aggiuntivi del MUR per specifiche destinazioni; trasferimenti da parte delle Regioni (specificamente, Regione Piemonte); entrate derivanti dalla partecipazione a programmi di ricerca; entrate derivanti da contratti di ricerca con aziende e pubbliche amministrazioni; entrate derivanti dalle attività di consulenza, taratura e prova; entrate derivanti dalle attività di accreditamento di laboratori; altre entrate (redditi e proventi patrimoniali; poste correttive e compensative di spese correnti; entrate non classificabili in altre voci; entrate per alienazione di beni patrimoniali e riscossioni di crediti); avanzo al termine dell esercizio precedente. Il contributo ordinario del MUR per il 2006 ammonta a k, di cui k quale contributo di funzionamento sul cap Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca (comunicazione del MUR del 29 novembre 2006), con la precisazione che la somma di k comprende l importo di k quale contributo straordinario per le necessità connesse alla copertura di debolezze strutturali di opere edilizie e per mettere a norma gli edifici dell IMGC ex CNR. Il prospetto 7 riporta dati di sintesi sui costi nel 2006, distinguendo tra: oneri per il personale dipendente (con contratto TI o TD); oneri per il personale non dipendente (collaboratori, assegnisti e borsisti); spese di funzionamento dirette, per svolgere le attività scientifiche e tecniche; spese di funzionamento indirette, per la gestione e la manutenzione ordinaria delle strutture edilizie, degli impianti tecnologici e dei servizi generali; Prospetto 6 Entrate nel 2006 (k ) Relazione 2006 Parte I 8 Descrizione 2006

20 Contributo ordinario del MUR Contributi aggiuntivi Regione Piemonte: finanziamento di progetti di ricerca presentati dall INRIM contributo annuale Partecipazione a programmi di ricerca 132 Contratti di ricerca 525 Consulenze, tarature, prove, altre attività Accreditamento di laboratori 903 Altre entrate Avanzo al termine dell'esercizio precedente 954 TOTALE spese d investimento dirette, per svolgere le attività scientifiche e tecniche; spese d investimento indirette, per la realizzazione di laboratori e strutture e la loro manutenzione straordinaria; differenza da trasferire all esercizio successivo. I prospetti 8 e 9 riportano dati di sintesi sui costi sostenuti nel 2006 per le tre strutture di primo livello e per il Sistema di gestione per la qualità e sulle risorse finanziarie utilizzate nel 2006 a copertura dei rispettivi costi. Strutture Prospetto 7 Costi nel 2006 (k ) Descrizione 2006 Oneri per il personale dipendente Oneri per il personale non dipendente 873 Spese di funzionamento dirette Spese di funzionamento indirette Spese d investimento dirette Spese d investimento indirette Differenza da trasferire all'esercizio successivo TOTALE Prospetto 8 Costi delle diverse strutture nel 2006 Ricerca e attiv. istituz. Personale Attiv. di tarat., mis. e prova Spese di funz. Spese d'invest. Totale Dirette Indir. Dirette Indir. Totale Dipartimento Amministr. e servizi generali Servizio accredit. di laboratori Sistema di gest. per la qualità Totale Attiv. di tarat., misura e prova Prospetto 9 Risorse finanziarie utilizzate nelle diverse strutture nel 2006 Strutture Contributo ordin. MUR Finanziam. Autofinanziamento Reg. Piem. PR CR CT Accr. lab. Altro Totale Dipartimento Amministr. e servizi generali Servizio accredit. di laboratori Sistema di gest. per la qualità Totale Attività di tarat., misura e prova Relazione 2006 Parte I 9

21 7 RISORSE UMANE UTILIZZATE Il Prospetto 10 riporta alcuni dati sul personale dipendente, con contratto a tempo indeterminato (TI) o determinato (TD), al termine degli anni 2004, 2005 e Specificamente per il personale con contratto TI si segnala quanto segue: nel 2005 si sono verificati 5 cessazioni dal servizio, a fronte di 6 assunzioni in deroga al blocco delle assunzioni; nel 2006 si sono verificati 8 cessazioni dal servizio, 4 trasferimenti dall IMGC ad altri Istituti del CNR e nessuna assunzione in deroga (a fronte di una richiesta di assunzione di 26 unità); il personale dipendente TI al 31 dicembre 2006 ammontava quindi a 210 unità. Nel primo semestre 2007 è stato formalizzato il pensionamento di 6 persone (1 dal 1 marzo 2007, 3 dal 1 aprile 2007 e 2 dal 1 luglio 2007). Di conseguenza, al 1 luglio 2007, il personale con contratto TI passerà a 204 unità. Altri quattro pensionamenti sono previsti entro 2007 (di cui 2 per raggiungimento del limite dei 67 anni). Il Prospetto 11 riporta: la dotazione organica definita dal decreto legislativo n. 38/2004 istitutivo dell INRIM; la situazione, aggiornata al 31 dicembre 2006, del personale dipendente con contratto TI. Il Prospetto 12 riporta dati sul personale impegnato nel 2006 nelle tre strutture di primo livello (Dipartimento, Amministrazione e servizi generali, Servizio accreditamento di laboratori) e nel Sistema di gestione per la qualità, espresso in persone ETP e con una distinzione tra: personale dipendente (con contratto TI o TD); Prospetto 10 Personale dipendente al termine degli anni Descrizione TI TD TI TD TI TD Ricerc. e tecnol (2) Tecnici 85+5 (2) (2) (2) 8 Amministrativi Totale 214+DG (1) +5 (2) DG (1) +5 (2) DG (1) +3 (2) 19 (1) Dirigente superiore fuori ruolo (assunto quale Direttore generale). (2) Personale di ruolo in distacco Treu. Prospetto 11 Personale a tempo indeterminato al 31 dicembre 2006 Livello Prof. Dotaz. organica D.Lvo 38/2004 Personale TI I II III Tot. D R 1 R R I II III Tot. II III Tot. IV V VI Tot. IV V Tot. D T 1 T T 1 D D CT CT CT FA FA Relazione 2006 Parte I (*)

Regolamento del Laboratorio Prove Materiali e Costruzioni (Testing Lab for Materials, Buildings and Civil Structures)

Regolamento del Laboratorio Prove Materiali e Costruzioni (Testing Lab for Materials, Buildings and Civil Structures) Regolamento del Laboratorio Prove Materiali e Costruzioni (Testing Lab for Materials, Buildings and Civil Structures) Emanato con Decreto del Rettore n. 1359/AG del 04 maggio 2013 Art. 1 Finalità Il Laboratorio

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q.

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR INTERNI DI S.G.Q. Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH09 Pag. 1 di 4 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione SENATO ACCADEMICO 20/04/206 CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE 27/04/2016 DECRETO RETTORALE Rep. n. 873/2016 Prot. n. 45381 del 01/06/2016 UFFICIO COMPETENTE Ufficio Dottorato di Ricerca Pubblicato all Albo informatico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Centro di Eccellenza Tecnologie scientifiche innovative applicate alla ricerca archeologica e storico-artistica Scientific Methodologies for

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO

RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO 2005 Torino Strada delle Cacce, 91 Strada delle Cacce, 73 10135 Torino, Italia E-mail: inrim@inrim.it Sito Internet: http://www.inrim.it RELAZIONE SULL ATTIVITÀ

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Indice Art. 1 Norme generali... 2 Art. 2 Strutture e personale coinvolti... 2 Art. 3 Sottomissione delle proposte di progetto e

Dettagli

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA Prot. n. 1226 IL RETTORE VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; VISTO il decreto rettorale n. 987 del 26 gennaio 2012; VISTA la delibera del Senato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

Elisabetta Melli Curriculum aggiornato al 16 marzo 2012

Elisabetta Melli Curriculum aggiornato al 16 marzo 2012 Elisabetta Melli Curriculum aggiornato al 16 marzo 2012 Nata a Luserna San Giovanni (TO) il 12 ottobre 1967. Nel 1986 ha conseguito il diploma di maturità in Ragioneria con voto 60/60 presso l'istituto

Dettagli

Regolamento Interno del Dottorato in Matematica. INdAM Milano Bicocca Pavia. XXXI Ciclo TITOLO I CONSIDERAZIONI GENERALI

Regolamento Interno del Dottorato in Matematica. INdAM Milano Bicocca Pavia. XXXI Ciclo TITOLO I CONSIDERAZIONI GENERALI ISTITUZIONE DEL DOTTORATO Regolamento Interno del Dottorato in Matematica INdAM Milano Bicocca Pavia XXXI Ciclo TITOLO I CONSIDERAZIONI GENERALI E istituito il Dottorato in Matematica in convenzione/consorzio

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 Sezione I Disposizioni generali Articolo 1 Istituzione 1. Al fine di razionalizzare

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Relazione Consuntiva 2007

Relazione Consuntiva 2007 Relazione Consuntiva 2007 Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 22 aprile 2008 SOMMARIO Presentazione... 4 PARTE 1 Elementi generali e Sintesi delle attività svolte... 7 1 INRIM - Compiti

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico

Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico STATUTO Art. 1 - Obiettivi e finalità della Scuola di Dottorato 1. La Scuola di Dottorato è una struttura dell Università degli Studi

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice Linee guida strategiche e policy operativa in tema di valorizzazione della ricerca e di diritti di proprietà intellettuale all Università degli Studi di Brescia dicembre 2014 - ver.1.0 Indice 1. Premessa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" RIPARTIZIONE II Settore IV REGOLAMENTO PER LE ATTRIBUZIONI DI ATTIVITA DIDATTICHE (conferimento affidamenti/supplenze attribuzioni contratti di insegnamento)

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Approvato dal Consiglio direttivo nella seduta

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA Art. 1 - Finalità, durata, e modalità di assegnazione 1. La

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio

Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio Presentazione del nuovo corso di Istruzione Tecnica Superiore inserito nei percorsi di Alta Formazione previsti dal Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 REGOLAMENTO CENTRO ON LINE STORIA E CULTURA DELL INDUSTRIA: IL NORD OVEST DAL 1850 ARTICOLO 1 Obiettivi e finalità

Dettagli

DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI AMMINISTRATIVI Numero Tel. Ufficio 2688 Numero Fax Ufficio 3007 E-mail istituzionale

DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI AMMINISTRATIVI Numero Tel. Ufficio 2688 Numero Fax Ufficio 3007 E-mail istituzionale CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome MARTOCCIA ROSA MARIA Anno di nascita 1959 Qualifica DIRIGENTE I FASCIA Incarico attuale DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI

Dettagli

Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR. A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista

Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR. A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista Breve Analisi della Convenzione Quadro UNINA CNR A. Aloisio, L. Coraggio, L. Lista Premessa CNR e CRUI hanno stipulato nel 2012 un Accordo Quadro per l'attuazione congiunta di programmi di ricerca nazionale

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

Centro di ricerca su Marketing e Servizi Centre for Research on Marketing & Services

Centro di ricerca su Marketing e Servizi Centre for Research on Marketing & Services Centro permanente di ricerca Permanent research centre Acronimo Denominazione CERMES Centro di ricerca su Marketing e Servizi Centre for Research on Marketing & Services Oggetto di attività Strategic &

Dettagli

PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO

PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO SERVIZIO RICERCA PROGETTI DI RICERCA DI ATENEO Bando per la presentazione delle richieste di finanziamento Anno 2015 FINALITÀ Lo scopo principale del finanziamento di Progetti di ricerca di Ateneo (PRAT)

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

Dall obbligo all opportunità

Dall obbligo all opportunità Dall obbligo all opportunità Accreditamento secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 delle prove su attrezzature operanti sotto tensione del Laboratorio multi-sito nell ambito del Sistema di Gestione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE CONVENZIONE PER L ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERUNIVERSITARIO DI RICERCA SUL TURISMO (CIRT) L anno 201X il giorno 15 del mese di dicembre tra: L'Università degli Studi di Firenze, con sede a Firenze, Piazza

Dettagli

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti MODENA ASSEMBLEA CODAU 28 MARZO 2014 Sofia Baggini Servizio Ricerca Università di Pavia NORME E DOCUMENTI

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH131 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 Articolo 5 Presidente 1) Il Presidente è responsabile delle attività dell ente e ne ha la rappresentanza legale, cura

Dettagli

Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF)

Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF) Allegato 6. Commissione regionale per la formazione continua Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF) Giugno 2015 Indice

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 giugno 2007 - Deliberazione N. 1006 - Area Generale di Coordinamento N. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - "Istituzione dell'albo delle strutture

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Modificato con D.R. n. 1033 2013 Prot. n 24843 del 10.07.2013 REGOLAMENTO MASTER

Dettagli

ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Gabriele Gentilini - luglio 2007 a) Istituzione dell Agenzia nazionale per la valutazione dell universita e della

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM)

ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM) ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM) REGOLAMENTO DEL PERSONALE (decreto del Commissario straordinario dell INRIM n. 68/2005, del 18 marzo 2005) INDICE TITOLO I ORDINAMENTO E PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9- Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

ELENCO DEI DOCUMENTI ESTERNI

ELENCO DEI DOCUMENTI ESTERNI Pagina 1 di 19 Testo Unico Regio Decreto 31 agosto 1933, n. 1592 Approvazione del testo unico delle leggi sull istruzione superiore D.P.R., n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia

Dettagli

ACCREDIA SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08)

ACCREDIA SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08) SINCERT E SINAL in cammino verso l Ente unico di accreditamento italiano (Regolamento CE 765/08) I protagonisti SINAL 1988 SINAL accredita i Laboratori competenti per qualsiasi tipo di prova. E stato costituito

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

Ai Docenti All Albo Agli Atti Sito Web

Ai Docenti All Albo Agli Atti Sito Web Prot. 5208 del 23/09/2013 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE " LUIGI DE' MEDICI " Via Zabatta 19, 80044 OTTAVIANO TEL. (081) 5293222 - Fax (081) 5295420 COD.MECC.: NAIS05800R COD.FISC. 84007150638 E-MAIL: de_medici@libero.it

Dettagli

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001)

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Decreto 16 marzo 2001 Programma Tetti fotovoltaici (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Vista la delibera del CIPE del 19 novembre 1998 "Linee guida per le politiche e misure nazionali di riduzione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XII COMMISSIONE IGIENE E SANITÀ AUDIZIONE INFORMALE A. S. 1611 DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ FUNERARIE 15 SETTEMBRE 2015 pag.: 1/6 ACCREDIA ACCREDIA è l'ente Unico Nazionale di Accreditamento,

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; U.S.R. Decreto n. 1226 IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA RITENUTO il Decreto del M.I.U.R. 22 ottobre 2004, n. 270, ed in

Dettagli

Disciplinare Organizzativo della Sezione INFN di Bologna

Disciplinare Organizzativo della Sezione INFN di Bologna Allegato alla deliberazione del Consiglio Direttivo n. 12860/2013 Disciplinare Organizzativo della Sezione di Bologna (ai sensi dell art. 23, comma 1, lett. a), dello Statuto dell e dell art.1, comma 4,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

INDICE. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Obiettivi pag. 3 Articolo 2 - Strumenti pag. 3

INDICE. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Obiettivi pag. 3 Articolo 2 - Strumenti pag. 3 Allegato A REGOLAMENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER PRATICANTATO, STAGE, POSTI AGGIUNTIVI DI DOTTORATO E ALTRE FORME DI SOSTEGNO ALL ATTIVITÀ DI RICERCA 19 ottobre 2004 REGOLAMENTO

Dettagli

U.S.R. Decreto n. 703 IL RETTORE

U.S.R. Decreto n. 703 IL RETTORE U..R. Decreto n. 703 IL RETTORE VITO VITO VITA VITA lo tatuto dell'ateneo; il Regolamento di Ateneo per la disciplina delle attività per conto terzi e la cessione di risultati di ricerca, emanato con D.R.

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

LINEE-GUIDA. per il. Premessa

LINEE-GUIDA. per il. Premessa LINEE-GUIDA per il Regolamento ministeriale sulla struttura e sul funzionamento dell Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) Premessa La legge di istituzione

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA REGOLAMENTO CENTRO DI SICUREZZA STRADALE (DISS) (Centro Universitario ai sensi dell art.6 del Regolamento per l Istituzione ed il funzionamento dei Centri Universitari,

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Sistema Edificio Seminario CAM - "Edilizia"

Sistema Edificio Seminario CAM - Edilizia Sistema Edificio Seminario CAM - "Edilizia" Ing. Roberto Garbuglio Coordinatore Operativo ICMQ Spa Roma 21 settembre 2012 presso il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Chi

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 Primi indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnici abilitati alla certificazione

Dettagli