ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA"

Transcript

1 ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23

2 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo documento, seguendo le indicazioni che sono riportate nel seguito come guida alla compilazione. Ogni singolo paragrafo indicato nel presente documento deve essere sviluppato, pena l esclusione. L ordine dei paragrafi deve corrispondere a quello del presente documento. Il documento, nella sua interezza, non deve superare le 200 pagine. Il carattere utilizzato deve essere Arial e non deve essere inferiore a 11 punti, interlinea singola. Attenzione: l Offerta tecnica NON deve contenere alcun riferimento ad elementi economici, pena l esclusione. Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 2 di 23

3 Indice EXECUTIVE SUMMARY ORGANIZZAZIONE GENERALE DELLA FORNITURA Modello organizzativo Gestione del rischio Gestione del subentro Trasferimento del know-how verso LI Rapporti con fornitori terzi SOLUZIONI E METODOLOGIE PER L'EROGAZIONE DEI SERVIZI Organizzazione, metodologie e strumenti per l'erogazione dei servizi Sviluppo Manutenzione Assistenza Supporto all Analisi dei Processi/Demand Management Territorio Formazione Strumenti a supporto Qualità del software PRODOTTI Data Governance per il Sistema Informativo Socio Sanitario Soluzione proposta Modalità di attuazione (Progetto pilota ambulatoriale) Gestore workflow e cruscotto monitoraggio flussi Soluzione proposta Modalità di attuazione SERVIZI Manutenzione Modalità di attuazione Gestione e archiviazione moduli cartacei del Consenso ed archiviazione moduli cartacei codici PIN PUK Soluzione proposta Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 3 di 23

4 4.2.2 Modalità di attuazione Gestione Flussi e alimentazione delle Basi Dati Cliniche e di Governo Soluzione proposta Modalità di attuazione Gestione dei Sistemi Direzionali Soluzione proposta Modalità di attuazione Project Management ASL Gestione di Progetto Soluzione proposta Modalità di attivazione Gestione Operatori Socio-Sanitari Soluzione proposta Modalità di attivazione PERCENTUALE DI CONVERTIBILITÀ Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 4 di 23

5 Executive summary In questo capitolo è lasciata libertà al concorrente di descrivere le principali caratteristiche dell offerta. Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 5 di 23

6 1 Organizzazione generale della fornitura 1.1 Modello organizzativo Si richiede al concorrente di descrivere il modello organizzativo per l erogazione dei servizi della fornitura con evidenza degli specifici ruoli richiesti nel Capitolato Tecnico e nel Piano di Qualità, nonché eventuali ruoli aggiuntivi che il fornitore s impegna ad impiegare per la gestione degli aspetti di governo e per l erogazione dei servizi della fornitura. Si precisa che per specifici ruoli si intendono anche eventuali strutture che il fornitore intende rendere disponibili nel corso dell intera durata contrattuale a supporto delle sue strutture operative e della committenza. Il modello organizzativo deve descrivere: proposta organizzativa in cui, per ciascun ruolo indicato in organigramma, sia associata una precisa responsabilità, in modo che ciascun componente del gruppo di lavoro abbia ben chiari il contesto e i servizi di fornitura, nonché i ruoli, i compiti e le responsabilità nell ambito della fornitura stessa; specificazione dei processi interni all organizzazione proposta, con evidenza delle modalità di interazione tra i gruppi di lavoro per lo svolgimento efficace e tempestivo dei vari servizi e le modalità di interazione con LI. 1.2 Gestione del rischio Si richiede al concorrente di descrivere le modalità che si impegna ad adottare per la gestione del rischio per la fornitura nel suo complesso, con particolare riferimento a: gestione del cambiamento (di contesto, tecnologico, organizzativo); gestione dei picchi di lavoro; soluzioni per la stabilità dei team di lavoro per sostituzione e/o integrazione delle risorse. 1.3 Gestione del subentro Si richiede al concorrente di descrivere la soluzione, in termini di risorse, strumenti e modalità operative, in modo da massimizzare l efficacia e ridurre i tempi del subentro, con particolare riferimento a: modalità organizzative proposte per la gestione del subentro ad inizio fornitura e ad inizio del singolo intervento; modalità di addestramento e formazione del proprio personale sulle tematiche funzionali e tecniche oggetto della fornitura; modalità di predisposizione degli ambienti di sviluppo, manutenzione e test. Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 6 di 23

7 1.4 Trasferimento del know-how verso LI Si richiede al concorrente di descrivere le Modalità con cui intende effettuare il trasferimento di know-how al termine di ogni intervento ed al termine della fornitura verso le strutture coinvolte nell erogazione dei servizi, in particolare verso i referenti operativi coinvolti nelle attività. 1.5 Rapporti con fornitori terzi Si richiede al concorrente di analizzare in termini generici le possibili interazioni con altri fornitori terzi di LI che potranno rendersi necessari nello svolgimento delle attività contrattuali, descrivendo quali possibili casistiche potrebbero verificarsi, come verranno gestite e, in caso di criticità, come potranno essere risolte. Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 7 di 23

8 2 Soluzioni e metodologie per l'erogazione dei servizi 2.1 Organizzazione, metodologie e strumenti per l'erogazione dei servizi Sviluppo Si richiede al concorrente di descrivere, ad integrazione della parte di Organizzazione generale della fornitura, le modalità organizzative e le metodologie per l erogazione del servizio di Sviluppo in riferimento al ciclo di vita descritto nel Capitolato Tecnico. In particolare dovranno essere messe in evidenza: modalità organizzative e metodologie per l'erogazione dei servizi oggetto di fornitura evidenziando ruoli previsti, macroprocessi di riferimento, meccanismi di coordinamento con LI, modalità di interazione tra i gruppi di lavoro e meccanismi di monitoraggio e controllo; flessibilità della soluzione organizzativa, in termini di risorse, strumenti e modalità operative, che il Fornitore s impegna a porre in atto per fronteggiare, ad esempio, situazioni determinate da: - instabilità e mutevolezza dei requisiti delle attività di sviluppo, - concentrazione dei tempi pianificati per singola attività del ciclo di vita dovuta ad esigenze specifiche di LI, - picchi che comportano molteplici attività in parallelo Manutenzione Si richiede al concorrente di descrivere, ad integrazione della parte di Organizzazione generale della fornitura, le modalità organizzative e le metodologie per l erogazione del servizio di Manutenzione in riferimento al ciclo di vita descritto nel Capitolato Tecnico. In particolare dovranno essere messe in evidenza: modalità organizzative e metodologie per l'erogazione dei servizi oggetto di fornitura evidenziando ruoli previsti, macroprocessi di riferimento, meccanismi di coordinamento con LI, modalità di interazione tra i gruppi di lavoro e meccanismi di monitoraggio e controllo; flessibilità della soluzione organizzativa, in termini di risorse, strumenti e modalità operative, che il Fornitore s impegna a porre in atto per fronteggiare, ad esempio, situazioni determinate da: - passaggio in esercizio di uno o più attività di manutenzione effettuate su uno o più servizi, - attività di particolare rilevanza o urgenza. Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 8 di 23

9 2.1.3 Assistenza Si richiede al concorrente di descrivere, ad integrazione della parte di Organizzazione generale della fornitura, le modalità organizzative e le metodologie per l erogazione del servizio di Assistenza in riferimento al ciclo di vita descritto nel Capitolato Tecnico. In particolare dovranno essere messe in evidenza: modalità organizzative e metodologie per l'erogazione dei servizi oggetto di fornitura evidenziando ruoli previsti, macroprocessi di riferimento, meccanismi di coordinamento con LI, modalità di interazione tra i gruppi di lavoro e meccanismi di monitoraggio e controllo; flessibilità della soluzione organizzativa, in termini di risorse, strumenti e modalità operative, che il Fornitore s impegna a porre in atto per fronteggiare, ad esempio, situazioni determinate da: - passaggio in esercizio di uno o più servizi a seguito di attività di sviluppo e/o manutenzione, - attività di particolare rilevanza o urgenza; - gestione degli incidenti Supporto all Analisi dei Processi/Demand Management Si richiede al concorrente di descrivere, ad integrazione della parte di Organizzazione generale della fornitura, le modalità organizzative e le metodologie per l erogazione del servizio di Supporto all Analisi dei Processi/Demand Management. In particolare dovranno essere messe in evidenza: modalità organizzative e metodologie per l'erogazione dei servizi oggetto di fornitura evidenziando ruoli previsti, macroprocessi di riferimento, meccanismi di coordinamento con LI, modalità di interazione tra i gruppi di lavoro e meccanismi di monitoraggio e controllo; flessibilità della soluzione organizzativa, in termini di risorse, strumenti e modalità operative, che il Fornitore s impegna a porre in atto per fronteggiare, ad esempio, situazioni determinate da: - instabilità e mutevolezza dei requisiti delle attività; - concentrazione dei tempi pianificati per singola attività dovuta ad esigenze specifiche di LI; - picchi che comportano molteplici attività in parallelo Territorio Si richiede al concorrente di descrivere, ad integrazione della parte di Organizzazione generale della fornitura, le modalità organizzative per le attività di erogazione della macroclasse di fornitura coerentemente con quanto definito nel Capitolato Tecnico. In particolare dovranno essere messe in evidenza: Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 9 di 23

10 modalità organizzative e metodologie per : - l erogazione dei servizi oggetto di fornitura evidenziando le modalità di diffusione delle informazioni su nuovi servizi/funzionalità verso Enti/Operatori (es. organizzazione, comunicazione, meccanismi di monitoraggio e controllo); - la predisposizione e il monitoraggio di piani annuali e di piani operativi di dettaglio degli Enti; - l interazione tra i gruppi di lavoro. flessibilità della soluzione organizzativa, in termini di risorse, strumenti e modalità operative, che il Fornitore s impegna a porre in atto per fronteggiare, ad esempio, situazioni determinate da: - eventi imprevisti che impattano su Enti/Operatori (es. necessità di interventi tecnici generalizzati, nuove normative, ecc.); - il concentrarsi degli obiettivi della programmazione degli Enti in un limitato periodo di tempo (es. fine anno); - altri fattori di rischio identificati dal concorrente relativamente alle attività di territorio di competenza del CT Formazione Si richiede al concorrente di descrivere, ad integrazione della parte di Organizzazione generale della fornitura, le modalità organizzative e metodologie per l'erogazione dei servizi oggetto di fornitura evidenziando ruoli previsti, macroprocessi di riferimento, meccanismi di coordinamento con LI, modalità di interazione tra i gruppi di lavoro e meccanismi di monitoraggio e controllo. 2.2 Strumenti a supporto Si richiede al concorrente di descrivere eventuali proposte di strumenti a supporto per l erogazione delle classi di fornitura (es: assistenza funzionale, gestione del servizio, ecc) che intende offrire a supporto dell erogazione dell attività. NOTA: LI si riserva di considerare le proposte per una possibile adozione. In ogni caso, qualora LI scelga di adottare tali strumenti, il concorrente si impegna a renderli disponibili senza oneri economici per LI. 2.3 Qualità del software Si richiede al concorrente di descrivere risorse, strumenti e modalità operative che s impegna ad adottare per massimizzare la qualità del software. Saranno presi in esame gli aspetti legati a: utilizzo di strumenti e metodologie di modellazione e tecniche di controllo della qualità del software; Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 10 di 23

11 utilizzo di Best Practices nella scrittura del codice; organizzazione della test factory presso il Fornitore (metodologie, strumenti e processi / procedure per le fasi di test management); procedure per l interazione con LI per la verifica degli avanzamenti delle attività di realizzazione e test. Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 11 di 23

12 3 Prodotti 3.1 Data Governance per il Sistema Informativo Socio Sanitario Si richiede al concorrente di predisporre un elaborato tecnico/organizzativo che, nel rispetto dell articolazione nel seguito indicata, approfondisca tutti i contenuti puntualmente richiesti. La proposta del concorrente dovrà essere conforme a tutti i requisiti indicati nel Capitolato Tecnico Soluzione proposta In questo paragrafo il concorrente dovrà descrivere la soluzione proposta relativamente a: approccio metodologico per la Data Governance (DTGV), comprese le fasi del processo di DTGV, attori coinvolti, strumenti di supporto alle fasi, elenco delle linee guida consigliate/necessarie per ogni fase; articolazione e caratteristiche dei deliverable (metodologia esecutiva) previsti come risultato del Pilota, specificando la struttura della documentazione proposta e l indice dei contenuti considerando che quanto proposto dovrà essere applicato a tutto il Sistema Informativo Socio Sanitario; strategie per massimizzare l efficacia dell implementazione in funzione delle specificità organizzative di Lombardia Informatica, per minimizzare gli impatti organizzativi per Lombardia informatica e per velocizzare la diffusione. Inoltre, relativamente alla soluzione software a supporto della DTGV, il concorrente dovrà fornire dettagli in particolare su: architettura soluzione software a supporto della DTGV: architettura prevista (applicativa e di sistema facendo riferimento anche agli ambiti tecnologici e alle piattaforme supportate) in termini di modularità, scalabilità e flessibilità rispetto all estensione degli utenti nonché di integrazione dei moduli funzionali richiesti e degli altri requisiti richiesti dal Capitolato. E richiesto inoltre di specificare i criteri di selezione utilizzati per la scelta della soluzione proposta e l architettura hardware ipotizzata; funzionalità soluzione software a supporto della DTGV: funzionalità previste per ogni modulo della piattaforma e soluzioni previste per la personalizzazione delle funzionalità dei moduli nonché gli altri requisiti richiesti dal Capitolato Modalità di attuazione (Progetto pilota ambulatoriale) Piano di attività Si richiede al concorrente di predisporre il piano delle attività, esplicitando: la calendarizzazione delle attività principali. Il piano dovrà essere corredato da un diagramma di GANTT rispettando le tempistiche massime indicate nel CT; i prerequisiti previsti dal concorrente per l attuazione del piano; Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 12 di 23

13 l analisi dei rischi connessi al piano; il piano per l avviamento su un Primo Gruppo di Utenti rappresentativo di tutte le classi di utenti che possono utilizzare il sistema: il piano formativo previsto per l estensione a tutto il Sistema Informativo Socio Sanitario. L attività di formazione non è da ritenersi inclusa nell offerta pertanto verrà eventualmente richiesta durante lo svolgimento del contratto. Gruppo di lavoro Si richiede al concorrente di descrivere: il gruppo di lavoro previsto, in termini di composizione del team (figure professionali) e percentuale di impegno di ciascuna figura nel tempo; il mix di figure professionali previsto; le conoscenze, le esperienze in attività analoghe, la formazione professionale e le certificazioni specifiche rispetto alla soluzione proposta; il piano di utilizzo per ciascuna figura professionale (es. quando interviene la figura professionale nelle diverse fasi progettuali). Per ciascuna figura professionale è necessario fornire l evidenza su esperienze similari pregresse, ai fini della valutazione di aderenza con gli skill necessari per le attività previste. 3.2 Gestore workflow e cruscotto monitoraggio flussi SI richiede al concorrente di predisporre un elaborato tecnico/organizzativo che, nel rispetto dell articolazione nel seguito indicata, approfondisca tutti i contenuti puntualmente richiesti. La proposta del concorrente dovrà essere conforme a tutti i requisiti indicati nel Capitolato Tecnico Soluzione proposta In questo paragrafo il concorrente dovrà descrivere la soluzione proposta relativamente a: funzionalità e interfacce grafiche per la gestione del workflow che verranno realizzate al fine di garantire la gestione controllata ed automatizzata delle varie fasi del processo (Sistema di Workflow), l usabilità e la fruibilità delle interfacce di front end nei confronti degli utenti; funzionalità e interfacce grafiche per il monitoraggio, la tracciatura e la reportistica di ogni singola attività, per il controllo dei livelli di servizio e l analisi delle performance; soluzioni per consentire l'evoluzione del sistema in termini di scalabilità e flessibilità rispetto all estensione del numero di flussi, della loro complessità e alle necessità di riconfigurazione dei flussi. Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 13 di 23

14 3.2.2 Modalità di attuazione Piano di attività Si richiede al concorrente di predisporre il piano delle attività, esplicitando: la calendarizzazione delle attività principali. Il piano dovrà essere corredato da un diagramma di GANTT rispettando le tempistiche massime indicate nel CT; i prerequisiti previsti dal concorrente per l attuazione del piano; l analisi dei rischi connessi al piano; il piano per l avviamento su un Primo Gruppo di Utenti rappresentativo di tutte le classi di utenti che possono utilizzare il sistema. Gruppo di lavoro Si richiede al concorrente di descrivere: il gruppo di lavoro previsto, in termini di composizione del team (figure professionali) e percentuale di impegno di ciascuna figura nel tempo; il mix di figure professionali previsto; le conoscenze, le esperienze in attività analoghe, la formazione professionale e le certificazioni specifiche rispetto alla soluzione proposta; il piano di utilizzo per ciascuna figura professionale (es. quando interviene la figura professionale nelle diverse fasi progettuali). Per ciascuna figura professionale è necessario fornire l evidenza su esperienze similari pregresse, ai fini della valutazione di aderenza con gli skill necessari per le attività previste. Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 14 di 23

15 4 Servizi 4.1 Manutenzione Modalità di attuazione Si richiede al concorrente di descrivere, per ogni ambito di manutenzione oggetto di fornitura, le modalità di attuazione del servizio distinguendo tra caratteristiche comuni a più ambiti o specificità relative a un singolo ambito. Piano di attività Si richiede al concorrente di predisporre il piano delle attività, esplicitando: il cronoprogramma previsto con particolare riferimento alla fase di attivazione/presa in carico del servizio; le attività previste per la gestione del subentro; le modalità di formazione del gruppo di lavoro; i momenti di verifica e controllo. Gruppo di lavoro Si richiede al concorrente di descrivere il gruppo di lavoro previsto per ogni singolo ambito di manutenzione, sulla base delle caratteristiche richieste. Inoltre, dovrà essere dettagliata la composizione del gruppo di lavoro con particolare riferimento alle competenze possedute per l ambito in oggetto, specificando: il gruppo di lavoro previsto, in termini di composizione del team (figure professionali) e percentuale di impegno di ciascuna figura nel tempo; il mix di figure professionali previsto; le conoscenze, le esperienze in attività analoghe, la formazione professionale e le certificazioni specifiche rispetto ai prodotti associati all ambito; il piano di utilizzo per ciascuna figura professionale (es. quando interviene la figura professionale nelle diverse fasi progettuali e per quale durata). Caratteristiche migliorative Si richiede al concorrente di descrivere eventuali proposte migliorative del servizio offerto. A titolo esemplificativo, le proposte migliorative potranno riguardare: copertura degli orari di servizio richiesti (organizzazione turni, reperibilità, ecc.); livelli di servizio (nuovi livelli di servizio o proposte migliorative di quelli richiesti); disponibilità di supporto specialistico; gestione del processo di chiusura degli interventi e di feedback; altro. Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 15 di 23

16 4.2 Gestione e archiviazione moduli cartacei del Consenso ed archiviazione moduli cartacei codici PIN PUK Si richiede al concorrente di predisporre un elaborato tecnico/organizzativo che, nel rispetto dell articolazione nel seguito indicata, approfondisca tutti i contenuti puntualmente richiesti. La proposta del concorrente dovrà essere conforme a tutti i requisiti e vincoli indicati nel Capitolato Tecnico Soluzione proposta Si richiede al concorrente di illustrare la soluzione tecnico-organizzativa proposta fornendo dettagli in particolare su: l organizzazione per l erogazione del servizio evidenziando: - ruoli previsti; - macroprocessi di riferimento; - meccanismi di coordinamento con LI; gli accorgimenti organizzativi che verranno messi in atto al fine di garantire ad LI: - la tracciabilità delle responsabilità relative alla singola pratica; - la rintracciabilità della storia e della documentazione correlata alla singola pratica; - le modalità previste per prendere in carico, nel minore tempo possibile, i dati e le informazioni pregressi (in formato cartaceo ed elettronico) oggi gestiti dall attuale servizio; - il rispetto degli aspetti di sicurezza e privacy; - il corretto e continuo allineamento informativo tra i componenti del gruppo di lavoro (passaggio di consegne fra diversi turni, ecc.); - la copertura degli orari di servizio richiesti (organizzazione turni, ecc.); - la gestione di picchi di lavoro sia in termini quantitativi (picchi di richieste) sia qualitativi (moduli manoscritti di difficile interpretazione) Modalità di attuazione Piano di attività Si richiede al concorrente di predisporre il piano delle attività, esplicitando: la calendarizzazione delle attività principali. Il piano dovrà essere corredato da un diagramma di GANTT rispettando le tempistiche massime indicate nel CT; i prerequisiti previsti dal concorrente per l attuazione del piano; l analisi dei rischi connessi al piano; Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 16 di 23

17 il piano per l avviamento su un Primo Gruppo di Utenti rappresentativo di tutte le classi di utenti che possono utilizzare il sistema. Analisi dei rischi In questo paragrafo il concorrente dovrà illustrare l analisi dei rischi, con riferimento sia all attività di presa in carico che di gestione a regime del servizio, descrivendo le contromisure proposte. 4.3 Gestione Flussi e alimentazione delle Basi Dati Cliniche e di Governo Si richiede al concorrente di predisporre un elaborato tecnico/organizzativo che, nel rispetto dell articolazione nel seguito indicata, approfondisca tutti i contenuti puntualmente richiesti. La proposta del concorrente dovrà essere conforme a tutti i requisiti indicati nel Capitolato Tecnico Soluzione proposta Si richiede al concorrente di descrivere la soluzione tecnico-organizzativa proposta fornendo dettagli in particolare su: l organizzazione per l erogazione del servizio evidenziando: - ruoli previsti; - macroprocessi di riferimento; - meccanismi di coordinamento con LI. Gli accorgimenti organizzativi ed eventualmente gli strumenti informatici che verranno resi disponibili al fine di garantire ad LI: - la copertura degli orari di servizio richiesti (organizzazione turni, ecc.); - il corretto e continuo allineamento informativo tra i componenti del gruppo di lavoro (passaggio di consegne fra diversi turni, ecc.); - la gestione di picchi di lavoro o delle situazioni di emergenza; - il rispetto degli aspetti di sicurezza (fisica/logica) e di privacy; - il monitoraggio del buon funzionamento dei servizi applicativi e la gestione degli incidenti; - la modalità e le tempistiche di ingaggio a fronte di problemi di gravità elevata o a fronte di necessità di prestazioni straordinarie (ad esempio in concomitanza di rilasci di nuove funzionalità) Modalità di attuazione Piano attività Si richiede al concorrente di descrivere il piano delle attività per il servizio, esplicitando: il cronoprogramma previsto con particolare riferimento alla fase di attivazione del servizio; Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 17 di 23

18 le attività previste per la gestione del subentro all attuale fornitore; le modalità previste per prendere in carico, nel minore tempo possibile, il servizio garantendo la continuità del servizio; le modalità di formazione del gruppo di lavoro. Gruppo di lavoro Si richiede al concorrente di descrivere il gruppo di lavoro previsto, evidenziando: il gruppo di lavoro previsto, in termini di composizione del team (figure professionali) e percentuale di impegno di ciascuna figura nel tempo; il mix di figure professionali previsto; le competenze, le esperienze maturate in attività analoghe e/o la formazione professionale e le certificazioni specifiche (e.g., ITIL); il piano di utilizzo per ciascuna figura professionale (es. quando interviene la figura professionale nelle diverse fasi progettuali). 4.4 Gestione dei Sistemi Direzionali Si richiede al concorrente di predisporre un elaborato tecnico/organizzativo che, nel rispetto dell articolazione nel seguito indicata, approfondisca tutti i contenuti puntualmente richiesti. La proposta del concorrente dovrà essere conforme a tutti i requisiti e vincoli indicati nel Capitolato Tecnico Soluzione proposta Si richiede al concorrente di descrivere la soluzione tecnico-organizzativa proposta fornendo dettagli in particolare su: l organizzazione per l erogazione del servizio evidenziando: - ruoli previsti; - macroprocessi di riferimento; - meccanismi di coordinamento con LI. Gli accorgimenti organizzativi ed eventualmente gli strumenti informatici che verranno resi disponibili al fine di garantire ad LI: - la copertura degli orari di servizio richiesti (organizzazione turni, ecc.); - il corretto e continuo allineamento informativo tra i componenti del gruppo di lavoro (passaggio di consegne fra diversi turni, ecc.); - la gestione di picchi di lavoro o delle situazioni di emergenza; - il rispetto degli aspetti di sicurezza (fisica/logica) e di privacy; - il monitoraggio del buon funzionamento dei servizi applicativi e la gestione degli incidenti; Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 18 di 23

19 - la modalità e le tempistiche di ingaggio a fronte di problemi di gravità elevata o a fronte di necessità di prestazioni straordinarie (ad esempio in concomitanza di rilasci di nuove funzionalità) Modalità di attuazione Piano attività Si richiede al concorrente di descrivere il piano delle attività per il servizio, esplicitando: il cronoprogramma previsto con particolare riferimento alla fase di attivazione del servizio; le attività previste per la gestione del subentro all attuale fornitore; le modalità previste per prendere in carico, nel minore tempo possibile, il servizio garantendo la continuità del servizio; le modalità di formazione del gruppo di lavoro. Gruppo di lavoro Si richiede al concorrente di descrivere il gruppo di lavoro previsto, evidenziando: il gruppo di lavoro previsto, in termini di composizione del team (figure professionali) e percentuale di impegno di ciascuna figura nel tempo; il mix di figure professionali previsto; le competenze, le esperienze maturate in attività analoghe e/o la formazione professionale e le certificazioni specifiche (e.g., ITIL); il piano di utilizzo per ciascuna figura professionale (es. quando interviene la figura professionale nelle diverse fasi progettuali). 4.5 Project Management ASL Gestione di Progetto Si richiede al concorrente di predisporre un elaborato tecnico/organizzativo che, nel rispetto dell articolazione nel seguito indicata, approfondisca tutti i contenuti puntualmente richiesti. La proposta del concorrente dovrà essere conforme a tutti i requisiti e vincoli indicati nel Capitolato Tecnico Soluzione proposta Si richiede al concorrente di predisporre una proposta tecnico/organizzativa riferita al modulo del servizio in oggetto fornendo, inoltre, delle proposte migliorative relative ai seguenti temi: ottimizzazione della copertura territoriale - al concorrente è richiesto di proporre servizi addizionali e/o soluzioni finalizzate ad ottimizzare il presidio territoriale ponendo particolare attenzione alla eterogeneità delle ASL (es.: ASL multi presidio geograficamente distribuite, ASL di Milano con le problematiche della grande città,...); competenze per le soluzioni applicative adottate dalle ASL - al concorrente è richiesto di indicare quali competenze (e.g., suite applicative, standard di codifica, ecc.) intende mettere a disposizione e le modalità con cui saranno rese disponibili (e.g., modalità di richiesta e di fruizione, dimensioni dell intervento, ecc.). Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 19 di 23

20 NOTA: LI si riserva di considerare le proposte per una possibile adozione. In ogni caso, qualora LI scelga di adottare tali soluzioni, il concorrente si impegna a renderli disponibili senza oneri economici per LI Modalità di attivazione Piano attività Si richiede al concorrente di predisporre il piano delle attività per il servizio, esplicitando: il cronoprogramma previsto con particolare riferimento alla fase di attivazione del servizio; le attività previste per la gestione del subentro all attuale fornitore; le modalità previste per il trasferimento a fine fornitura del know how alle risorse di LI o ad eventuale fornitore subentrante. Gruppo di lavoro Si richiede al concorrente di descrivere il gruppo di lavoro previsto per il servizio, evidenziando: il gruppo di lavoro previsto, in termini di composizione del team (figure professionali) e percentuale di impegno di ciascuna figura nel tempo; le conoscenze e le competenze specifiche (e.g., attività svolte presso aziende sanitarie, coordinamento di progetti), formazione professionale e le certificazioni specifiche (e.g., PMI); il piano di utilizzo per ciascuna figura professionale (es. quando interviene la figura professionale nelle diverse fasi progettuali). implicazioni sul Gruppo di Lavoro per il sostegno delle proposte migliorative previste. Si indichi inoltre l effort previsto per il gruppo di lavoro, rispettando i vincoli richiesti nella composizione del gruppo di lavoro e l effort minimo da erogare, compilando la seguente tabella, ipotizzando che la durata della fornitura sia pari all intera durata del contratto (30 mesi). FIGURA PROFESSIONALE U/M COMPLESSIVO IN 2,5 ANNI Program Manager Project Manager giornate giornate Tabella 1 - Dimensionamento gruppo di lavoro La somma delle giornate delle due figure professionali deve essere almeno pari a 2625 giornate (cfr. paragr del Disciplinare di gara), calcolate come segue: 70 giornate annue x 15 ASL x 2,5 anni = 2625 giornate Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 20 di 23

21 4.6 Gestione Operatori Socio-Sanitari Si richiede al concorrente di predisporre un elaborato tecnico/organizzativo che, nel rispetto dell articolazione nel seguito indicata, approfondisca tutti i contenuti puntualmente richiesti. La proposta del concorrente dovrà essere conforme a tutti i requisiti e vincoli indicati nel Capitolato Tecnico Soluzione proposta Si richiede al concorrente di predisporre una proposta tecnico/organizzativa riferita al modulo del servizio in oggetto fornendo, inoltre, delle proposte migliorative relative ai seguenti temi: ottimizzazione della copertura territoriale - al concorrente è richiesto di proporre servizi addizionali e/o soluzioni finalizzate ad ottimizzare il presidio territoriale ponendo particolare attenzione alla eterogeneità degli operatori del territorio (e.g., strutture socio-sanitarie multi presidio geograficamente distribuite, MMG/PDF in ambito citadino, MMG/PDF in territori montani,...); competenze per le soluzioni applicative adottate dagli operatori - al concorrente è richiesto di indicare quali competenze (e.g., suite applicative, standard di codifica, ecc.) intende mettere a disposizione e le modalità con cui saranno rese disponibili (e.g., modalità di richiesta e di fruizione, dimensioni dell intervento, ecc.). NOTA: LI si riserva di considerare le proposte per una possibile adozione. In ogni caso, qualora LI scelga di adottare tali soluzioni, il concorrente si impegna a renderli disponibili senza oneri economici per LI Modalità di attivazione Piano attività Si richiede al concorrente di predisporre il piano delle attività per il servizio, esplicitando: il cronoprogramma previsto con particolare riferimento alla fase di attivazione del servizio; le attività previste per la gestione del subentro all attuale fornitore; le modalità previste per il trasferimento a fine fornitura del know how alle risorse di LI o ad eventuale fornitore subentrante. Gruppo di lavoro Si richiede al concorrente di descrivere il gruppo di lavoro previsto per il servizio, evidenziando: il gruppo di lavoro previsto, in termini di composizione del team (figure professionali) e percentuale di impegno di ciascuna figura nel tempo; le conoscenze e le competenze specifiche (e.g., attività svolte presso aziende sanitarie, coordinamento di progetti), formazione professionale e le certificazioni specifiche (e.g., PMI); il piano di utilizzo per ciascuna figura professionale (es. quando interviene la figura professionale nelle diverse fasi progettuali). Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 21 di 23

22 implicazioni sul Gruppo di Lavoro per il sostegno delle proposte migliorative previste Si indichi inoltre l effort previsto per il gruppo di lavoro, rispettando i vincoli richiesti nella composizione del gruppo di lavoro e l effort minimo da erogare, compilando la seguente tabella, ipotizzando che la durata della fornitura sia pari all intera durata del contratto (30 mesi). FIGURA PROFESSIONALE U/M COMPLESSIVO IN 2,5 ANNI Team Leader Assistente Funzionale Assistente Funzionale giornate giornate Tabella 2 - Dimensionamento gruppo di lavoro La somma delle giornate delle due figure professionali deve essere almeno pari a 3250 giornate (cfr. paragr del Disciplinare di gara), calcolate come segue: 1300 giornate annue x 2,5 anni = 3250 giornate con un minimo di giornate richieste per la figura di Team Leader Assistente Funzionale pari a 525 giornate (210 giornate x 2,5 annualità). Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 22 di 23

23 5 Percentuale di convertibilità Si richiede al concorrente di indicare la percentuale di convertibilità (C) offerta barrando la corrispondente casella. PERCENTUALE DI CONVERTIBILITÀ OFFERTA 10% 20% 30% 40% 50% Tabella 3 Percentuale di convertibilità Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 23 di 23

ALLEGATO 2D MODELLO DI OFFERTA TECNICA LOTTO 4

ALLEGATO 2D MODELLO DI OFFERTA TECNICA LOTTO 4 ALLEGATO 2D MODELLO DI OFFERTA TECNICA LOTTO 4 Allegato 2D Modello di offerta tecnica - Lotto4 Pagina 1 di 16 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag. 1 di 9 ALLEGATO 2 - OFFERTA TECNICA La busta B - Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i per l affidamento dei servizi per

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per procedure e alle conseguenti proposte operative a supporto delle Funzioni e direzioni Aziendali

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Pagina 1 OFFERTA TECNICA La busta B - Gara relativa all affidamento dei servizi di sviluppo, manutenzione e gestione su aree - Offerta tecnica ; dovrà contenere un indice completo

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag. 1 di 10 ALLEGATO 2 - OFFERTA TECNICA La busta B - Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i per l affidamento dei servizi per

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI MANUTENZIONE

GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI MANUTENZIONE ALLEGATO 2 GARA A PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI MANUTENZIONE EVOLUTIVA, GESTIONE APPLICATIVA, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, ASSISTENZA AGLI UTENTI E

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Pagina 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara Europea a Procedura aperta per la fornitura di servizi di supporto Offerta Tecnica, dovrà contenere un indice completo di

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Equitalia SpA. Allegato 2 Schema Offerta tecnica

Equitalia SpA. Allegato 2 Schema Offerta tecnica Equitalia SpA Allegato 2 Schema Offerta tecnica Istruzioni per la composizione dell offerta tecnica La Dichiarazione d offerta tecnica dovrà essere firmata o siglata in ogni pagina e sottoscritta nell

Dettagli

CIG: 0389472A73. Disciplinare di gara

CIG: 0389472A73. Disciplinare di gara DIPARTIMENTO I - TERRITORIO E PROGRAMMAZIONE DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PROGRAMMAZIONE Procedura aperta per l affidamento della fornitura di un sistema di supervisione del traffico e di una piattaforma

Dettagli

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici POR 2000/2006 misura

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it; www.consip.it www.sogei.it ***

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it; www.consip.it www.sogei.it *** Oggetto: Gara per l affidamento di servizi per lo sviluppo, la manutenzione e l assistenza del sistema informativo di gestione iniziative (SIGI) e del portale di governance della convenzione IT tra Sogei/Mef/Cdc

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni

Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni Specifiche dello sviluppo di un progetto software e indicazioni sulla documentazione e sulle modalità di esercizio delle prestazioni Redatto dalla Commissione per l elettronica, l informatica e la telematica

Dettagli

ALLEGATO 4 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 4 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 4 MODELLO DI OFFERTA TECNICA (IN BUSTA B ) 1 PREMESSA L offerta tecnica presentata dal Concorrente deve essere costituita da un documento redatto, pena l esclusione, seguendo le seguenti indicazioni:

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica CAPITOLATO TECNICO PER UN SERVIZIO DI MANUTENZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE DELLA COMPONENTE AUTOGOVERNO DEL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

QUESITI aggiornati al 16 ottobre 2012

QUESITI aggiornati al 16 ottobre 2012 ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE,COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Direzione Generale Servizio

Dettagli

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze

SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Caso di successo Microsoft Integration SACE BT SACE BT realizza su tecnologia Microsoft la piattaforma di gestione delle polizze Informazioni generali Settore Istituzioni finanziarie Il Cliente Il Gruppo

Dettagli

Forniture informatiche

Forniture informatiche Forniture informatiche Nella Pubblica Amministrazione: gestione dei processi contrattuali e qualità Chianese Angelo Contenuti Strategie di acquisizione delle forniture ICT Contratti ICT Qualità delle forniture

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...1 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...1 1.2 AREA DI APPLICAZIONE...1

Dettagli

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO 1B Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO Indice 1.1 Definizioni, Abbreviazioni, Convenzioni...3 1.2 Scopo del Documento...3 2 Requisiti e Richieste...3

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

(in riferimento al Capitolato Speciale d Appalto paragrafo 7.1. pag. 10)

(in riferimento al Capitolato Speciale d Appalto paragrafo 7.1. pag. 10) Quesito 1 Si richiede di sapere se in caso di ATI o RTI queste stesse devono risultare già costituite all'atto della presentazione delle offerte, oppure è sufficiente, come di solito richiesto, l'impegno

Dettagli

Dettaglio Fasi Progettuali

Dettaglio Fasi Progettuali Procedura volta alla realizzazione di un nuovo sistema informatico, denominato G.U.S.-N., finalizzato all automazione dei processi di raccolta, condivisione ed elaborazione dei dati nazionali concernenti

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REDAZIONE DEL PORTALE CLICLAVORO WWW.CLICLAVORO.GOV.IT CIG 6225317E17

PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REDAZIONE DEL PORTALE CLICLAVORO WWW.CLICLAVORO.GOV.IT CIG 6225317E17 PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REDAZIONE DEL PORTALE CLICLAVORO WWW.CLICLAVORO.GOV.IT CIG 6225317E17 RISPOSTE AI QUESITI Aggiornato al 09/06/2015 con i quesiti pervenuti fino al 4/06/2015.

Dettagli

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES è una metodologia per implementare rapidamente sistemi informativi aziendali complessi,

Dettagli

ARIES. Architettura per l implementazione rapida dei sistemi aziendali

ARIES. Architettura per l implementazione rapida dei sistemi aziendali ARIES Architettura per l implementazione rapida dei sistemi aziendali P r e s e n ta z i o n e d e l l a m e t o d o l o g i a a r i e s ARIES è una metodologia che consente di implementare rapidamente

Dettagli

ASSESSORATO PER LA SANITA'

ASSESSORATO PER LA SANITA' R E P U B B L I C A I T A L I A N A REGIONE SICILIANA ASSESSORATO PER LA SANITA' DIPARTIMENTO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO PREVENZIONE E FORMAZIONE PERMANENTE Allegato al punto 4B del Cronoprogramma anno

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici -APQ in Materia

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA GESTIONE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Oil & Gas Business Application Suite Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Il progetto Il bando Nell

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

AVVISI PROFILI RICERCATI/CRITERI DI SELEZIONE ESITI 2015

AVVISI PROFILI RICERCATI/CRITERI DI SELEZIONE ESITI 2015 05 PROFILO ICT (RIF. 0/05) BENI E SERVIZI (RIF. 0/05) ANALISTA MERCATO BENI MOBILI (RIF. 03/05) ANALISTA MARKETING (RIF. 04/05) DESCRIZIONE La posizione ha la responsabilità di assicurare l acquisizione

Dettagli

PORTALE PER LA GESTIONE DEL PERSONALE CONSULENTE DEL LAVORO/ASSOCIAZIONE AZIENDE CLIENTI COMUNICAZIONE / COLLABORAZIONE AMMINISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE

PORTALE PER LA GESTIONE DEL PERSONALE CONSULENTE DEL LAVORO/ASSOCIAZIONE AZIENDE CLIENTI COMUNICAZIONE / COLLABORAZIONE AMMINISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE HR Infinity è la suite Zucchetti per la gestione del personale studiata e realizzata specificatamente per permettere a consulenti del lavoro e associazioni di offrire servizi innovativi e consulenza strategica

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro.

SCHEDA DEL CORSO Titolo: Descrizione: competenze giuridiche e fiscali da un lato, tecniche ed organizzative dall altro. SCHEDA DEL CORSO Titolo: La gestione elettronica e la dematerializzazione dei documenti. Il Responsabile della La normativa, l operatività nelle aziende e negli studi professionali. Come sfruttare queste

Dettagli

Agenzia per l Italia Digitale CAPITOLATO TECNICO PER

Agenzia per l Italia Digitale CAPITOLATO TECNICO PER CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI PROFESSIONALI DI CONSULENZA METODOLOGICA E ORGANIZZATIVA NELL AMBITO DEL PROGETTO Documento Versione Data di rilascio Capitolato tecnico 1.0 4 marzo 2013

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

OGGETTO: Gara per l affidamento dei servizi per la manutenzione, gestione ed evoluzione della Piattaforma. Fisco del Sistema Informativo INPDAP.

OGGETTO: Gara per l affidamento dei servizi per la manutenzione, gestione ed evoluzione della Piattaforma. Fisco del Sistema Informativo INPDAP. OGGETTO: Gara per l affidamento dei servizi per la manutenzione, gestione ed evoluzione della Piattaforma. Fisco del Sistema Informativo INPDAP. Quesito 1 Rif: Disciplinare, schema di Offerta tecnica In

Dettagli

Sistema ERP Dynamics AX

Sistema ERP Dynamics AX Equitalia S.p.A. Servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate Sistema ERP Dynamics AX Allegato 6 Figure professionali Sommario 1. Caratteri generali... 3 2. Account

Dettagli

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE Premessa Il presente report illustra il progetto Cluster Open Source, progetto che mira a sviluppare dinamiche distrettuali all interno del sistema produttivo

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO Procedura selettiva n. 35/2013 ex art. 125 comma 11 del D.Lgs. n. 163/2006, per l'affidamento del servizio di supporto specialistico al Procurement di Expo 2015 S.p.A. 1 Sommario

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA. www.arti.puglia.it

ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA. www.arti.puglia.it Progetto NOBLE Ideas Young InNOvators Network for SustainaBLE Ideas in the Agro-Food Sector Attività cofinanziata dall Unione Europea a valere sul South East Europe Transnational Cooperation Programme

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

RICHIESTE DI CHIARIMENTI E RELATIVE RISPOSTE - Pubblicazione 1

RICHIESTE DI CHIARIMENTI E RELATIVE RISPOSTE - Pubblicazione 1 Prot.n. 3314/2014 Spedizione via SINTEL Milano, 4 agosto 2014 Gara per l affidamento del servizio di assistenza tecnica al POR FESR 2014-2020 ed al POR FSE 2014-2020 per le attività di attività volte a

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità Il Sistema di Gestione della Qualità 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione La gestione del progetto Le interfacce La Certificazione 9001:2008 Referenze 2 Chi siamo

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili anche sul sito www.mef.gov.it sotto la dicitura Concorsi e Bandi - Gare in Corso, sul sito www.consip.

I chiarimenti della gara sono visibili anche sul sito www.mef.gov.it sotto la dicitura Concorsi e Bandi - Gare in Corso, sul sito www.consip. Oggetto: gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs 163/2006., per l affidamento di servizi di sviluppo, manutenzione, gestione, consulenza organizzativa e addestramento utenti per i sistemi di document

Dettagli

Scheda B2 allegata al Capitolato Tecnico --- Formato di Formulazione dell Offerta Tecnica

Scheda B2 allegata al Capitolato Tecnico --- Formato di Formulazione dell Offerta Tecnica ROMA CAPITALE Scheda B2 allegata al Capitolato Tecnico --- Formato di Formulazione dell Offerta Tecnica Procedura Aperta Lotto n. 2 Servizio di Project Management Tecnico e Controllo della Qualità per

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Allegato 7. Criteri tecnici

Allegato 7. Criteri tecnici Allegato 7 Criteri tecnici Criteri tecnici A Organizzazione per l erogazione dei servizi B Metodologia, tecniche e strumenti di lavoro per l erogazione dei servizi 0 C Soluzioni e piano di affiancamento

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI SU PIATTAFORMA IBM WEBSPHERE BPM (EX LOMBARDI)

Dettagli

Tavolo di Sanità Elettronica 22 Marzo 2012

Tavolo di Sanità Elettronica 22 Marzo 2012 Direzione Generale Sanità IPSE: Progetto per la Sperimentazione di un sistema di interoperabilità europea e nazionale delle soluzioni di Fascicolo di Sanitario elettronico: componenti Patient Summary ed

Dettagli

innovare, semplicemente

innovare, semplicemente innovare, semplicemente dalla ricerca al cambiamento, il nuovo partner della PA amica http://www.easygov.it 1 Nasce dall esperienza di un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Ingegneria Gestionale

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 4. TECNICO GRAFICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo LA METODOLOGIA La metodologia OD&M per valutare le risorse umane La metodologia OD&M per valutare le risorse

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI BUSINESS INTEGRATION, TECHNICAL PROJECT MANAGEMENT E CONSULENZA DI SERVIZI

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI BUSINESS INTEGRATION, TECHNICAL PROJECT MANAGEMENT E CONSULENZA DI SERVIZI PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SERVIZI DI BUSINESS INTEGRATION, TECHNICAL PROJECT MANAGEMENT E CONSULENZA DI SERVIZI CHIARIMENTI AL 27/06/2011 1. Domanda Art.. 11 Polizza assicurativa del Disciplinare

Dettagli

Global Legal Advisor. www.strataspa.net amministrazione@strataspa.net agi@strataspa.net

Global Legal Advisor. www.strataspa.net amministrazione@strataspa.net agi@strataspa.net STRATA SpA Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma VAT 04133671000 TC 10086440152 2 Management Tel +39 064468062 Fax +39 06/4467292 Enquiries and Support Tel +39 06/4466656 Fax +39 06/4467376 www.strataspa.net

Dettagli

SAFETY & SECURITY IN AMBITO BANCARIO EXCELLENCE CONSULTING OUTSOURCING STRATEGIES TRAINING TO CHANGE

SAFETY & SECURITY IN AMBITO BANCARIO EXCELLENCE CONSULTING OUTSOURCING STRATEGIES TRAINING TO CHANGE SAFETY & SECURITY IN AMBITO BANCARIO EXCELLENCE CONSULTING OUTSOURCING STRATEGIES TRAINING TO CHANGE CHI SIAMO RECONSULT nasce dall intraprendenza di 5 soci amministratori provenienti da consolidate esperienze

Dettagli

ESAME CISA 2003: 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino in caso di calamità e continuità operativa (10%)

ESAME CISA 2003: 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino in caso di calamità e continuità operativa (10%) ESAME CISA 2003: 1. Gestione, pianificazione ed organizzazione SI (11%) 2. Infrastrutture tecniche e prassi operative (13%) 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

MODELLO SCHEDE INTERVENTO AMBITO DI INTERVENTO: AMBIENTE

MODELLO SCHEDE INTERVENTO AMBITO DI INTERVENTO: AMBIENTE Dipartimento Sviluppo economico, innovazione, istruzione, formazione e lavoro Regolamento regionale della Puglia per gli aiuti in esenzione n. 17 del 30/09/2014 (BURP n. 139 suppl. del 06/10/2014) TITOLO

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Tecnico grafico. Standard della Figura nazionale

Tecnico grafico. Standard della Figura nazionale Tecnico grafico Standard della Figura nazionale 1 Denominazione della figura TECNICO GRAFICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento: ATECO 2007/ISTAT

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Roma, 18 dicembre 2003 Agenda dell'incontro Approvazione del regolamento interno Stato di avanzamento del "Progetto Monitoraggio" Prossimi

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2

PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2 20696 REGIONE PUGLIA. STRUTTURA DI GESTIONE PO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA DI INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2 CODICE OPERAZIONE ALLEGATO N.1 AL DISCIPLINARE PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVERTENZA AI FINI DELLA COMPILAZIONE: La presente

Dettagli

Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale. La cultura è ciò che resta

Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale. La cultura è ciò che resta Lascerei lo stile e le immagini della brochure originale La cultura è ciò che resta GT Cooperation Consulting Il nome GT, oltre a ricordare le iniziali dei nomi dei soci fondatori, Giulio Care e Tullio

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli