PARROCCHIA DI BAGNOLO CREMASCO - PREPARAZIONE ALL ASSEMBLEA ECCLESIALE - 1ª SEZIONE: FORMAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARROCCHIA DI BAGNOLO CREMASCO - PREPARAZIONE ALL ASSEMBLEA ECCLESIALE - 1ª SEZIONE: FORMAZIONE"

Transcript

1 PARROCCHIA DI BAGNOLO CREMASCO - PREPARAZIONE ALL ASSEMBLEA ECCLESIALE - 1ª SEZIONE: FORMAZIONE 1.1. LITURGIA E FORMAZIONE Condividiamo il punto N 1 e anche nella nostra comu nità c è un grande impegno a curare la liturgia. Questo punto però sembra in contrasto con il punto 4 circa l improvvisazione nella preparazione della liturgia. Anche noi constatiamo talvolta che la partecipazione alle funzioni religiose è minimale o precettistica, ma è molto difficile trovare la soluzione a queste problematiche. Condividiamo totalmente il punto 2 circa il grande aiuto che le lettere del Vescovo sono state per noi, per farci riscoprire il Battesimo, un sacramento che avevamo archiviato come un sacramento della nostra infanzia e che invece è necessario, ogni giorno, fare memoria di quello che abbiamo ricevuto, perché da lì parte la nostra fede e la nostra testimonianza. Rispetto al punto 4 anche noi ci siamo interrogati sull assenza della presenza degli adolescenti e giovani alla messa, ma bisogna partire dalla famiglia. Ci domandiamo anche noi se è ancora presente la fede nelle nostre famiglie, se si testimonia con la vita la presenza di Gesù nella famiglia. I nostri giovani talvolta hanno alle spalle famiglie che non frequentano e sono molto lontane dalla chiesa. La formazione che i ragazzi ricevono non fa far loro quell incontro con una realtà di chiesa che permette di fare un cammino di fede. Rispetto al punto 5 ci sembra che nella nostra comunità ci sia un numero eccessivo di celebrazioni e che questo vada a discapito della qualità delle stesse. Siamo d accordo con il punto 1 in quanto crediamo che la liturgia sia la più grande scuola di educazione alla fede. Siamo d accordo anche che dobbiamo investire molto in questo, anche se le nostre liturgie sono in generale sempre molto più curate, perché essa è una grande testimonianza di bellezza e di ricchezza della fede. Sul 2 punto abbiamo già ampliamente discusso e purtroppo dobbiamo prendere atto che anche da noi la domenica non è più vissuta come il giorno del Signore. Dopo aver preso coscienza, secondo le indicazioni del Vescovo, del sacramento del Battesimo è necessario anche da noi incentivare i catechisti battesimali e affiancarli alle famiglie di nuova formazione per poterle aiutare, in un contesto ormai sempre più scristianizzato, a recuperare la fede e a trasmetterla ai più piccoli. Siamo d accordo nel riprendere piano piano tutti i sacramenti per renderli nella nostra vita vivi e operanti, non momenti di un passato, ma ciò che dà forma alla nostra fede oggi. E necessario incentivare anche tutte quelle forme che aiutano a comprendere sempre di più la parola di Dio, che va veramente spiegata e attualizzata anche agli adolescenti e giovani FAMIGLIA E FORMAZIONE Nella nostra comunità c è il gruppo-famiglia ma è necessario ampliarlo e dare continuità e stabilità, affinché possa dare una testimonianza visibile di come vive una famiglia cristiana. Questa testimonianza è ancora più urgente in vista della grande emergenza educativa dell oggi. Incentivare quindi incontri e momenti formativi sull educazione, ma non solo teorici, ma sotto forma di testimonianza. Con le parole raggiungiamo poche persone, con una testimonianza di vita vissuta forse sapremo far sorgere negli interlocutori le domande e i perché di un certo stile di vita. I giovani e gli adolescenti si disaffezionano sempre di più alla vita parrocchiale e alle sue proposte perché alle spalle manca la famiglia e gli adulti non sono preparati adeguatamente e per la maggior parte di loro la fede è semplicemente una reminiscenza del passato. Quindi è necessaria una formazione permanente, anche se la fede è sempre un avvenimento, un incontro. Dopo il sacramento della Cresima c è l allontanamento dalla chiesa e dai sacramenti e quindi è veramente assente per la maggior parte dei giovani una preparazione remota al matrimonio. Riteniamo molto utile pensare a un cammino sistematico per le nostre famiglie anche se sappiamo che ciò sarà molto difficile. E buona cosa avvicinare le famiglie quando chiedono il sacramento

2 dell iniziazione cristiana per i loro figli e aiutarli in quelle occasioni a rifarsi le domande sulla loro fede, sul perché chiedono i sacramenti per i loro figli. Dei catechisti battesimali abbiamo già parlato, della loro grande importanza e dell aiuto che potrebbero dare alle famiglie giovani IL CAMMINO DI INIZIAZIONE CRISTIANA Con grande rammarico constatiamo anche noi che il cammino di formazione alla fede si interrompe alle soglie dell adolescenza ed è sempre difficile formare catechisti di qualità che sappiano comunicare la propria esperienza di fede e che abbiano imparato anche un metodo di comunicazione più adeguato ai gruppi di ragazzi, oggi. I catechisti devono saper unire un metodo pedagogico-educativo con una grande fede e un grande desiderio di comunicarla. Molti catechisti hanno bisogno di approfondire la conoscenza della parola di Dio, di conoscere più a fondo le Sacre Scritture. Naturalmente anche i genitori ci tengono meno a mandare i figli a catechismo, l importante è avviarli allo sport, musica ecc. Si approvano le proposte descritte in questo punto, ma sembrano tante belle parole che concretamente faranno fatica a realizzarsi GIOVANI E FORMAZIONE Pensiamo che sia stato molto positivo l avvento della missione giovani, ma pensiamo che i giovani hanno bisogno in modo continuativo di avere accanto testimoni e interlocutori validi per poter vivere un autentica esperienza di fede. Le parrocchie hanno difficoltà ad essere vicino ai giovani nel loro cammino di fede. Noi riteniamo che la parrocchia debba cercare i giovani non solo per coinvolgerli in servizi ma dare loro ragioni adeguate alla loro fede e ai servizi richiesti. Certamente la proposta vocazionale fa molta fatica ad innestarsi nella pastorale parrocchiale, per noi si struttura nell Adorazione Eucaristica mensile, dove peraltro i giovani non sono presenti. Anche noi riteniamo prioritaria l educazione delle fasce giovanili, ma è sempre difficile parlare a questo universo se non da parte di interlocutori che siano formati e pronti a dare la loro testimonianza di fede. Ci sembra che non solo da parte dei laici ci debba essere la preoccupazione di accompagnare i giovani, ma che sia priorità assoluta per i sacerdoti. Siamo d accordo che l oratorio è ancora luogo privilegiato dell educazione giovanile e quindi come ci aveva detto il Vescovo nella lettera inviataci dopo la visita pastorale, l oratorio deve avere un valido progetto educativo. E finito il tempo di rincorrere le situazioni che man mano affiorano, è necessaria una progettualità nuova e aderente alla nuova realtà che viene avanti. E difficile oggi trovare giovani che desiderino impegnarsi nel sociale e nel politico, perché la società e la stessa famiglia non educa i figli a questi valori così importanti. Molti giovani hanno ben altri ideali, dettati da un contesto culturale e sociale che non li indirizza all impegno concreto nella realtà del nostro tempo. La scuola socio-politica è una bella iniziativa, ma poco sentita FORMARE I FORMATORI E vero che buona parte delle persone più impegnate nella parrocchia non fanno un cammino sistematico di formazione, tutto è lasciato alla buona volontà. Tante volte si predilige la partecipazione ad attività piuttosto che ad incontri di carattere formativo. Chi segue esperienze di movimenti ed associazioni fa un cammino di formazione, gli altri sono un po tutti autodidatti. Sarebbe opportuno piuttosto che fare incontri con personaggi famosi, che attirano solo per il nome che portano, fare incontri con persone preparate (ad esempio quel sacerdote che è venuto in avvento) per approfondire la nostra fede. E difficile partecipare a incontri diocesani, anche perché sono troppo specialistici o sporadici.

3 Siamo consapevoli che è necessaria una formazione permanente per sacerdoti ed adulti comunque impegnati ai vari livelli. Ci sembra più necessaria la formazione che l istituzione di ministeri, l importante è che chi presta un servizio nella chiesa sia cosciente di quello che fa e lo faccia per Cristo. Le proposte dell Istituto Superiore di Scienze Religiose molto qualificate, ma i corsi sono lunghi e non a portata degli impegni di tutti. 2ª SEZIONE: MISSIONE Domande che ci siamo posti 1. Perché la parrocchia deve essere missionaria? 2. Perché noi dobbiamo essere missionari? 3. Che cosa testimoniare? 4. Verso quali povertà aprire il nostro cuore? Risposte Gesù definisce i suoi discepoli sale della terra e luce del mondo cioè dice che ogni battezzato è fatto per vivere con gli altri e per gli altri. Il discepolo di Gesù deve spendersi per La parrocchia è una famiglia, è una comunità fraterna ; è missionaria quando ascolta, quando accoglie, quando favorisce il dialogo. La parrocchia cerca di conoscere il proprio territorio, le varie povertà (ammalati, anziani soli, relazioni famigliari fragili, disoccupati, microcriminalità giovanile, giovani tossicodipendenti, cristiani non praticanti, immigrati ) e tutto questo perché Gesù strada facendo predicava e guariva e tutto gratuitamente Da qui l importanza del volontariato (donare gratuitamente un po del proprio tempo per gli altri, è vera testimonianza!) Volontariato/opere di solidarietà potrebbe essere un possibile itinerario da proporre per esempio ai divorziati Si rileva che gli strumenti pastorali sono tanti ma le persone che frequentano la chiesa sono sempre più poche. Perché Forse perché non si conosce a fondo Gesù. Forse perché non si è capaci di testimoniarlo. Forse perché la comunità cristiana non sa vivere la condivisione dei beni e dei talenti non sa vivere in comunione non sa tradurre i valori che vengono offerti dal Vangelo, in linguaggio laico. Da qui la necessità di una catechesi di un programma formativo per ragazzi, giovani, famgilie che abbia come punto di riferimento la Parola di Dio la dottrina sociale della Chiesa. Uomo molto individualista, vive solo per se stesso Non sappiamo più creare una sana tristezza negli altri Strumenti importanti: 1. Centri di ascolto (il Vangelo nelle famiglie) 2. La Santa Messa (che deve essere vissuta durante tutta la settimana cercando di: perdonare, spezzare il pane con, dire grazie) Proposte 1. Incontro mensile delle coppie con figli dagli zero-sei anni e delle coppie giovani (celebrazione più incontro più cena) 2. Incentivare e proporre l Azione Cattolica: esperienze caritative di servizio e di carità; progetto educativo; preghiera quotidiana. 3. Piazza dei non credenti: sullo stile dell incontro con Mons. Sigalini nel contesto della Missione Giovani (proposta dalla Diocesi)

4 3ª SEZIONE: LA COLLABORAZIONE PASTORALE 3.1. LA CORRESPONSABILITA RILIEVI A livello generale, si condivide quanto esposto nella rilevazione dello stato dell arte anche per quanto riguarda la specifica situazione di Bagnolo. Si aggiunge la necessità di incrementare il valore in termini di ispirazione all azione della comunità del ruolo di suore e giovani impegnati. Viene sottolineato, come ambito aggiuntivo a quelli già menzionati per quanto concerne l azione del laicato, quello culturale. La cultura è intesa in generale ovviamente non come fine a sé stessa, ma come metodo di comunicazione dei valori e della cultura della Chiesa. Parlando di corresponsabilità (co-responsabilità) si riflette su come sia indispensabile una condivisione dell esperienza e della responsabilità di tutti i laici impegnati (giovani, non giovani, adulti, delle differenti categorie sociali) per una presa di coscienza maggiore del ruolo dei laici stessi e per lo stimolo ad un nuovo impegno da parte di persone al momento non attive nell ambito del volontariato parrocchiale. L obiettivo deve essere quello di una ORIZZONTALIZZAZIONE dell operato: la necessità non è quella per cui una parte del laicato impegnato sia depositario di un eccessivo potere decisionale e gestionale, ma che tutti i soggetti impegnati abbiano come riferimento il parroco o il curato, senza eccessiva dose di responsabilità personale. In ultimo si riscontra una decisa carenza di impegno nella frazione di Gattolino, in cui sono ormai pochi sia gli abitanti sia i soggetti disponibili a mettersi a disposizione dell azione parrocchiale. PROPOSTE Si necessita l elaborazione di metodi per cui allargare l adesione al Consiglio Pastorale non solo ai soliti impegnati, ma anche a nuove classi sociali e, perché no, professionali (inteso come soggetti con competenze variegate, tutte utili ad essere messe a disposizione del servizio comune). In termini operativi, si propone la potenziale suddivisione del CPP in gruppi di lavoro permanenti. L attuale situazione prevede circa 40 membri che esprimono un parere consultivo sulla vita della comunità: l alternativa potrebbe essere un Consiglio meno allargato, o meglio del quale una parte venga suddivisa in particelle di lavoro permanenti, che saltuariamente si uniscono a tutto l intero Consiglio. Tali gruppi potrebbero operare per trovare soluzioni più operative alle problematiche che si riscontrano (nell ambito sociale, culturale, di preghiera e di iniziative ecclesiali). Tali commissioni poi riferirebbero ovviamente e sempre al parroco, e il loro parere sarebbe in ogni caso preventivo. In questo modo, tuttavia, il Consiglio verrebbe un po snellito (si considera davvero troppo alto il numero di membri) e soggetti anche al momento difficili da coinvolgere potrebbero sentire finalmente un servizio da ricoprire grazie ad una maggiore operatività del consiglio stesso, legata ai gruppi permanenti. Ciò potrebbe far riscoprire nuove missioni di servizio alla comunità, e potrebbe aiutare a rinnovare il consiglio con nuovi volti. In fase di rinnovo, si potrebbe allegare alla lista votazioni una spiegazione di questa eventuale nuova situazione, così da agevolare da subito nuovi accessi. L azione dell Azione Cattolica viene ritenuta importante ed efficace, ma non abbastanza, nel senso che non riesce a coinvolgere l intera comunità, giovanile e non. Pur costituendo un ottimo motivo di collaborazione interparrocchiale, se essa non viene concepita davvero come strumento ed occasione omnicomprensiva difficilmente riuscirà ad attrarre nuovi soggetti: è forse pensabile lo sviluppo di reti non strettamente o esclusivamente legate all AC? Si propongono due aggiunte in merito alla formazione cristiana. Da una parte, si riscontra utile che le coppie di fidanzati che inizino il percorso di formazione non vengano a contatto solo con coppie già sposate, ma anche con separati o divorziati, che hanno dal canto loro esperienze importanti sul capire non solo ciò che in una unione funziona, ma sul comprender ciò che non potrebbe funzionare, e potrebbero aiutare a vedere il matrimonio anche da diversi punti di vista. Naturalmente, tali soggetti dovrebbero essere, in senso buono, selezionati.

5 D altra parte, si nota come la formazione dei volontari dovrebbe essere più intensa e basata anche su capacità concrete, operative, che potrebbero essere d aiuto nell azione comunitaria, quando ben coordinate. Anche l aspetto della filosofia del volontario, a volte, potrebbe essere rinforzato in quanti già operano come laici impegnati: essi sono infatti non volontari comuni, ma persone al servizio di una comunità religiosa LA COLLABORAZIONE TRA DIOCESI E PARROCCHIA Si concorda con quanto rilevato, proponendo: - Una necessità di maggiore diffusione del calendario diocesano delle attività, dato che al momento esso viene distribuito ai soli stretti interessati all attività parrocchiale; - Il bisogno di una formazione per i catechisti che sia di carattere parrocchiale, e non diocesano (in questo caso viene maggiormente rifiutata per varie cause: si sente come calata dall alto, non c è la volontà sufficiente per recarsi ogni volta a Crema per seguire gli incontri, viene considerato già molto il tempo impiegato per gli incontri necessari in parrocchia, quindi non se ne vuole impegnare dell altro ). Eventualmente, la proposta potrebbe prevedere figure formate che possano ruotare nelle parrocchie ed inserirsi in incontri programmativi o organizzativi delle attività dei catechisti (per non richiedere eccessiva disponibilità in più ). Non è più sufficiente la figura del prete alla formazione dei futuri catechisti, ma occorre selezionare figure con una formazione più ampia, dato che il ruolo del catechista non è solo di evangelizzazione ma anche educativo, comunicativo e sociale, ed è indispensabile averne la corretta capacità. Più efficace naturalmente sarebbe trovare catechisti con requisiti di formazione già orientati verso tali attitudini; - l elaborazione di filosofie e strumenti nuovi per una collaborazione più pragmatica tra parrocchie e diocesi. Le modalità attuali non aiutano infatti la stesura e l elaborazione di momenti programmati insieme alla diocesi e che si svolgano sul territorio della diocesi: la collaborazione si ferma spesso all aspetto formativo, e le attività programmate trovano attuazione nella maggior parte dei casi nella città, e non nelle zone. Forse più utile in termini di rinsaldo del legame tra le entità parrocchiali e quella centrale della diocesi sarebbe la creazione di gruppi operativi che possano proporre, discutere ed attuare attività a carattere religioso, culturale, sociale, giovanile da mettere in pratica sull intero territorio diocesano, verso la creazione di una rete che vada a dare importanza anche alle singole parrocchie, senza concentrare tutte le attività sulla sola Crema (il che porterebbe forse anche ad una maggiore partecipazione locale). La proposta di gruppi di lavoro permanenti nei Consigli Pastorali parrocchiali precedentemente esposta si potrebbe collegare a tale idea di coinvolgimento di soggetti delle singole comunità per la messa in pratica di proposte e aspetti più operativi, e non solo limitati alla formazione, sul territorio LA COLLABORAZIONE ZONALE Si concorda con la proposta di ampliamento e diffusione in termini di programmazione della catechesi a livello zonale, onde creare sinergie, unitamente alla possibilità di attivare gruppi di spiritualità non solo parrocchiali ma, anche in questo caso, programmati in modo sistematico tra più parrocchie della stessa zona, anche per portare ad un possibile aumento della partecipazione dei soggetti realmente interessati. Viene data adito alla necessità di creare gruppi zonali per il coordinamento delle attività di pastorale giovanile, anche per elaborare sempre nuove proposte e forme di collegamento con il territorio, e come si diceva sopra per la collaborazione parrocchie-diocesi anche per dare maggiore pragmatismo a tali esperienze di condivisione. Tuttavia, si ritiene importante dare valore anche ad altri aspetti oltre alla pastorale giovanile, come la pastorale sociale e culturale. La cultura stessa oggi non deve e non può essere intesa come solo strumento fine a sé stesso (un errore ancora purtroppo presente in molte realtà), ma come mezzo e strumento di evangelizzazione e accrescimento dell anima: il teatro, la musica, l arte hanno e possono avere messaggi da comunicare, in forme molto più fruibili e digeribili del passivo ascolto di testimonianza, pur belle e interessanti: ciò rientra in una più generale necessità di rinnovo e integrazione delle forme mentali e operative della Chiesa locale.

6 Interessante quindi sarebbe la costituzione di gruppi di lavoro anche su tali aspetti della vita pastorale, che sappiano elaborare proposte concrete da mettere in pratica sul territorio (e non sulla singola città, come prima spiegato, in quanto spesso la città non è davvero più il centro di tutte le attività di una comunità diocesana). In tal senso, ancora utile diviene il ragionamento fatto sui gruppi operativi permanenti nei singoli CPP, che potrebbero trovare rappresentanti in comune a livello zonale (quindi non più e non solo Consigli Pastorali Zonali, ma commissioni permanenti di lavoro anche a questo livello). Tali realtà debbono collaborare per creare sinergie umane, strumentali ed economiche per dare vita ad una rete che sappia davvero integrare e coinvolgere l intera diocesi, tramite una valorizzazione di operati e specificità di differenti parrocchie. Fondamentale, naturalmente, è l appoggio mentale ed economico delle singole realtà, il cui impegno rinnovato deve essere quello di sforzi ed investimenti orientati in questa nuova ottica di collaborazione sovra parrocchiale. Si concorda su quanto specificato in merito ad una oculata e sensata politica di incarichi dei sacerdoti, onde creare sinergie in termini di specifiche e singole qualifiche dei singoli prelati nei vari settori della pastorale, anche in vista di una nuova collaborazione interparrocchiale. Non si ravvisano cambiamenti da porre in atto relativi all attuale suddivisione zonale della diocesi LE UNITA PASTORALI Si concorda con le necessità di programmazione di eventuali unità, in vista di una situazione di carenza dei prelati che in effetti non deve essere vista come una passività cui sottoporsi, ma come una opportunità legata al momento storico e da cogliere come nuova fonte di collaborazione. Effettivamente, i CPP dovrebbero essere messi al corrente di tali Piani predisposti, prima di poterne dare una valutazione basata su riflessioni di senso. Al momento, non vi sono quindi consigli particolari da poter mettere in atto.

7 CONSIGLIO PASTORALE ALLARGATO BAGNOLO CREMASCO DICEMBRE 2010 GENNAIO 2011 Commissioni di lavoro per la fase preparatoria all Assemblea Ecclesiale 2011 Commissioni Referente Domenicangela Don Stefano Stefano Vanelli T. Data di incontro Aderenti Domenicangela Don Stefano Stefano Vanelli T. Rosa Riccardina Giuseppe Dario Domenica R. Stefano F.B. Gigi Domenica L.P. Andrea Augusto Rosella Francesco Piera Franca Tommaso Giacomo Oreste Maria Luisa Agostino Giancarlo Mario Gianna Vanna Rita

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Scheda per il Laboratorio sull educazione

Scheda per il Laboratorio sull educazione ARCIDIOCESI AMALFI CAVA DE TIRRENI EDUCARE alla solidarietà e alla condivisione XIV Convegno Diocesano * Cava S. Francesco, 22-23 Ottobre 2010 Scheda per il Laboratorio sull educazione 1. Dopo la riflessione

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale

Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale Anno 2006/2007 Linee guida per la Commissione Missionaria Parrocchiale 1 di 5 Premessa Queste linee guida presentano l identità della Commissione Missionaria Parrocchiale e le attività che è chiamata a

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 Chi vuole fare sul serio qualcosa, trova una strada; gli altri, una scusa. (Proverbio Africano) Come un uomo saggio che trae

Dettagli

Parrocchia S.Michele Arcangelo Cattedrale. Piazza Duomo 1-81100 Caserta. Tel.Fax 0823/322493. Sito web: www.parrocchiacattedralecasrta.

Parrocchia S.Michele Arcangelo Cattedrale. Piazza Duomo 1-81100 Caserta. Tel.Fax 0823/322493. Sito web: www.parrocchiacattedralecasrta. Parrocchia S.Michele Arcangelo Cattedrale Piazza Duomo 1-81100 Caserta Tel.Fax 0823/322493 Sito web: www.parrocchiacattedralecasrta.org Pastorale Familiare Sito web. : www.famigliadifamiglie.it e-mail

Dettagli

È FRUTTO DEL CAMMINO CHE LA NOSTRA È RISPOSTA AGLI INVITI DEI VESCOVI ITALIANI ATTRAVERSO VARI DOCUMENTI

È FRUTTO DEL CAMMINO CHE LA NOSTRA È RISPOSTA AGLI INVITI DEI VESCOVI ITALIANI ATTRAVERSO VARI DOCUMENTI Diocesi di Padova Il cammino di Iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi È FRUTTO DEL CAMMINO CHE LA NOSTRA DIOCESI HA COMPIUTO È RISPOSTA AGLI INVITI DEI VESCOVI ITALIANI ATTRAVERSO VARI DOCUMENTI

Dettagli

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA

CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA CAMMINO INIZIAZIONE CRISTIANA Percorsi di fede dalla Prima Elementare alla Prima Media Anno Pastorale 2008/2009 Famiglia diventa anima del mondo 1 MOMENTI PER TUTTI I GENITORI Mercoledì 24 settembre Ln

Dettagli

ARCIDIOCESI di Urbino-Urbania-Sant Angelo in Vado

ARCIDIOCESI di Urbino-Urbania-Sant Angelo in Vado ARCIDIOCESI di Urbino-Urbania-Sant Angelo in Vado VISITA PASTORALE dell Arcivescovo Mons. Giovanni Tani 2014-2016 ARCIDIOCESI DI URBINO-URBANIA-SANT ANGELO in VADO VISITA PASTORALE DELL ARCIVESCOVO G I

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ All inizio del nuovo anno pastorale 2014-2015 viene distribuito alla comunità il Calendario Pastorale, segno del cammino comunitario e strumento utile per la programmazione delle diverse attività della

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Progetto Pastorale Parrocchiale

Progetto Pastorale Parrocchiale Progetto Pastorale Parrocchiale E' il desiderio dì vivere come Chiesa il nostro rapporto con Dio: Padre - Figlio - Spirito, e con ogni persona, in una comunione sempre più vera e intensa, perché ognuno

Dettagli

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013)

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) GRUPPO GENOVA LEVANTE Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) Art. 22 Statuto Agesci Progetto educativo del Gruppo Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa Cari Oratori, ci stiamo avvicinando alla settimana diocesana degli Oratori, un momento forte che ci permette di concentrare l attenzione sulle nostre realtà educative.

Dettagli

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna CAMMINI di PROSSIMITA Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna Le motivazioni «Sapete ciò che vi ho fatto?» Gv 13, 12 Radici profonde Il servizio alla carità è intrinsecamente legato

Dettagli

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO SPUNTI DI RIFLESSIONE SULLO STATO DELL ARTE CIRCA IL PROGETTO CATECHISTICO-EDUCATIVO DIOCESANO PREMESSE 1. L attuale anno pastorale 2015-2016 dovrà essere dedicato, dal punto di vista che ci riguarda,

Dettagli

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO 249 CAPITOLO 1 LA CHIESA, COMUNITÀ DI CHIAMATI A) FAR CRESCERE LA CHIESA: EDUCARCI A VIVERE IN COMUNITÁ Formazione permanente per le famiglie, n.

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO

COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO SS. Protaso e Gervaso - Seveso 0362.501623 B.V. Immacolata Baruccana 0362.574486 San Carlo Altopiano 0362.553522 San Pietro martire 0362.70978 www.parrocchieseveso.it

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Da qualche anno si tiene un unico percorso per entrambe le parrocchie. Si svolge unna volta l'anno (indicativamente da ottobre a febbraio). Il percorso

Dettagli

ORATORIO UNO E TRINO. C è un altro bisogno che risulta sempre più impellente ed è la formazione

ORATORIO UNO E TRINO. C è un altro bisogno che risulta sempre più impellente ed è la formazione 2 sperimentazioni 1PROGETTO: ORATORIO UNO E TRINO (per Oratori in crisi d identità) Che cos è Il progetto educativo dell Oratorio è lì, chiuso in un cassetto. I problemi di ogni giorno, l urgenza del quotidiano,

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

INIZIAZIONE CRISTIANA

INIZIAZIONE CRISTIANA www.parrocchiasannicolo.net email: parrocchiasannicolo@tin.it Numero 33 dal 2 al 9 settembre 2007 INIZIAZIONE CRISTIANA Scrivevamo nel foglietto della settimana scorsa degli impegni estivi che ci hanno

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

CORSO COORDINATORI. Quando l amore e l abilità collaborano c è da aspettarsi il capolavoro. (Reade)

CORSO COORDINATORI. Quando l amore e l abilità collaborano c è da aspettarsi il capolavoro. (Reade) Quando l amore e l abilità collaborano c è da aspettarsi il capolavoro (Reade) CORSO COORDINATORI Consiglio Pastorale Stiamo preparando il Grest. Per alcuni motivi di spazio il nostro parroco don Jonny

Dettagli

COMUNIONE E REGIA EDUCATIVA

COMUNIONE E REGIA EDUCATIVA FARE E PENSARE L'ORATORIO ORATORIO "UNO E TRINO" COMUNIONE E REGIA EDUCATIVA Che cos'è Il progetto educativo dell'oratorio è lì, chiuso in un cassetto. I problemi di ogni giorno, l'urgenza del quotidiano,

Dettagli

CarpiUno. Gruppo Carpi 1

CarpiUno. Gruppo Carpi 1 Gruppo Carpi 1 CarpiUno Il Progetto Educativo è lo strumento che, ispirandosi ai principi dello scautismo, individua le principali sfide in cui il Gruppo Carpi 1 è chiamato ad impegnarsi per un determinato

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB

PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB Povertà rilevate dai centri di ascolto parrocchiali aderenti al progetto "Centri di ascolto in rete" nell anno 2013 In ascolto per costruire comunità La

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E PREMESSA Con questo scritto introduciamo in Parrocchia, una nuova tradizione: consegnare a tutta la nostra Comunità, le linee di pastorale che ci impegneranno durante il prossimo anno. Esse ricalcano e

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

SACRAMENTO DEL BATTESIMO PER I LORO FIGLI

SACRAMENTO DEL BATTESIMO PER I LORO FIGLI INFORMAZIONI PER I GENITORI CHE CHIEDONO IL SACRAMENTO DEL BATTESIMO PER I LORO FIGLI Can. 851 - La celebrazione del battesimo deve essere opportunamente preparata; pertanto: 1) l'adulto che intende ricevere

Dettagli

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014

Conclusioni. Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 Conclusioni Incontro continentale LMC America Guatemala, 15-20 Settembre 2014 La terza Assemblea continentale dei Laici Missionari Comboniani (LMC) si è celebrata a Città del Guatemala dal 15 al 20 settembre

Dettagli

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001 E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori Anno 2001 Il Forum degli oratori italiani è un organo di coordinamento nazionale degli organismi ecclesiali che dedicano speciale cura all

Dettagli

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci CURIA VESCOVILE di Civitavecchia-Tarquinia Il Vicario Episcopale per la Pastorale Civitavecchia, 18 settembre 2014 Ai Rev.mi Parroci Ai Rev.mi Assistenti di Movimenti, Gruppi, Associazioni Ecclesiali Ai

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Gruppo Scout CHIARI 1

PROGETTO EDUCATIVO. Gruppo Scout CHIARI 1 PROGETTO EDUCATIVO Gruppo Scout CHIARI 1 Un esploratore è attivo facendo il bene, non passivo contentandosi di essere buono (B.P.) PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO Il progetto educativo descrive gli obiettivi

Dettagli

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA AZIONE CATTOLICA ITALIANA ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA Approvato dall assemblea diocesana del 1 aprile 2006 Dichiarato conforme dal consiglio nazionale del 10-11 giugno 2006 Integrato

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è un organismo di comunione che, come immagine della Chiesa, esprime e realizza la corresponsabilità dei fedeli ( presbiteri, diaconi,

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Signore Gesù, tu ci inviti ad essere germe fecondo di nuovi figli per la tua Chiesa. Fa che possiamo diventare ascoltatori attenti della tua Parola

Dettagli

Andando insegnate... /Italia 23. A catechismo con. Padre Pianzola. di Sannazzaro e di Pieve Albignola

Andando insegnate... /Italia 23. A catechismo con. Padre Pianzola. di Sannazzaro e di Pieve Albignola Andando insegnate... /Italia 23 A catechismo con Padre Pianzola Dalle immagini del DVD alla realtà di Sartirana: a Sannazzaro e a Pieve Albignola un esperienza di catechismo-laboratorio sul Beato Le catechiste

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare Il perché di un Progetto educativo? Lo scoutismo è certamente un avventura affascinante per

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Distretto: torino nord - ciriè Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Animatore/trice: verderone daniela -momenti di aggregazione

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

2. Di sviluppare, come capi, una rete di relazioni con Associazioni, Istituzioni, Parrocchia del comune di Castel d Azzano

2. Di sviluppare, come capi, una rete di relazioni con Associazioni, Istituzioni, Parrocchia del comune di Castel d Azzano PROGETTO EDUCATIVO 2008-2011 TERRITORIO La lettura continua di ciò che ci circonda e la ricerca di relazioni significative sul territorio, costituisce un valore per la Comunità Capi del Verona 8. È ormai

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO BANDO PER L ASSEGNAZINE DI UNA BORSA DI STUDIO anno pastorale 2013-2014 Presentazione Nell ambito della formazione degli educatori per l animazione oratoriale

Dettagli

Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI

Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI PERCORSO DELL INIZIAZIONE CRISTIANA Due parole per spiegare i motivi di una scelta Innanzitutto, non dobbiamo dimenticare

Dettagli

* Attività pastorali della parrocchia per formare:

* Attività pastorali della parrocchia per formare: OBIETTIVO PASTORALE GENERALE: La parrocchia è luogo privilegiato di crescita nella fede attraverso la catechesi, la frequenza ai Sacramenti, la preghiera comune, la comunione e il servizio. * Attività

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, come organismo di comunione e di corresponsabilità, a servizio della comunità parrocchiale, per

Dettagli

Parrocchie di Villongo CALENDARIO PASTORALE 2013-2014

Parrocchie di Villongo CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 Parrocchie di Villongo CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 OTTOBRE 2013 Martedi 1 Ore 20.45: Preghiera del Gruppo La Casa Mercoledi 2 Giovedi 3 Venerdi 4 Sabato 5 Domenica 6 Lunedi 7 Martedi 8 Mercoledi 9 Adorazione

Dettagli

Rp_Co_2-17_El3Col_ValutazioneSintetica

Rp_Co_2-17_El3Col_ValutazioneSintetica Rp_Co_2-17_El3Col_ValutazioneSintetica aspetti positivi aspetti problematici bisognerebbe fare argomenti - celebrazioni - attività poco interesse e poca disciplina più attività ludiche e maggior partecipazione

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi Carissimi parrocchiani, a distanza di due anni dall elaborazione del Piano

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

1.1. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.1. Il Battesimo

1.1. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.1. Il Battesimo 1.1. Diocesi di Lugano Direttive per il ministero pastorale 1.1. Il Battesimo 8 Il Battesimo 1.1.0. Norme generali sul Battesimo Sommario I. Preparazione al Battesimo II. Ministro del Battesimo III. Luogo

Dettagli

CAMMINO DI CATECHESI seconda media, anno 2011-2012

CAMMINO DI CATECHESI seconda media, anno 2011-2012 CAMMINO DI CATECHESI seconda media, anno 2011-2012 Obiettivi generali dell anno: - attraverso la conoscenza di come è nata la Chiesa e della propria Parrocchia, cercheremo di leggere l'azione dello Spirito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Consulta Diocesano di Pastorale Missionaria. Andavano di luogo in luogo, e diffondevano la Parola di Dio. Relazione finale riassuntiva

Consulta Diocesano di Pastorale Missionaria. Andavano di luogo in luogo, e diffondevano la Parola di Dio. Relazione finale riassuntiva Colico Laghetto domenica 21 settembre 2008 Centro/Ufficio Missionario Diocesano Como Consulta Diocesano di Pastorale Missionaria Andavano di luogo in luogo, e diffondevano la Parola di Dio Relazione finale

Dettagli

U na celebre affermazione di. Spiritualità. e dei sacramenti che si celebrano per diventare cristiani. A livello antropologico

U na celebre affermazione di. Spiritualità. e dei sacramenti che si celebrano per diventare cristiani. A livello antropologico Spiritualità L iniziazione Liniziazione CRISTIA di don GIUSEPPE RUPPI U na celebre affermazione di Tertulliano recita: «Cristiani non si nasce ma si diventa». In base a questa convinzione, fin dai primi

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli