Scuola di Scienze della Salute Umana. Università degli Studi di Firenze. Guida. Studente. dello 2013/2014. Scuola di Scienze della Salute Umana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola di Scienze della Salute Umana. Università degli Studi di Firenze. Guida. Studente. dello 2013/2014. Scuola di Scienze della Salute Umana"

Transcript

1 Università degli Studi di Firenze Guida Studente dello 2013/2014 Scuola di Scienze della Salute Umana

2 INDICE Saluto del Presidente 2 Introduzione 3 CORSI DI LAUREA 1. SCIENZE MOTORIE, SPORT E SALUTE BIOTECNOLOGIE ASSISTENZA SANITARIA (a.p.s. di Assistente Sanitario) DIETISTICA (a.p.s. di Dietista) EDUCAZIONE PROFESSIONALE (a.p.s. di Educatore Professionale) FISIOTERAPIA (a.p.s. di Fisioterapista) INFERMIERISTICA (a.p.s. di Infermiere) LOGOPEDIA (a.p.s. di Logopedista) OSTETRICIA TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (a.p.s. di Tecnico di laboratorio biomedico) TECNICHE DI NEUROFISIOPATOLOGIA (a.p.s. tecnico di neuro fisiopatologia) Interateneo Firenze Siena TECNICHE ORTOPEDICHE (a.p.s. di Tecnico ortopedico) TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (a.p.s. di Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro) TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA (a.p.s. di Tecnico di Radiologia Medica) SCIENZE FARMACEUTICHE APPLICATE-CONTROLLO QUALITÁ 75 CORSI DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO 16. MEDICINA E CHIRURGIA ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA Interateneo Firenze Siena FARMACIA CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE 98 CORSI DI LAUREA MAGISTRALE 20. SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE TECNICHE DIAGNOSTICHE BIOTECNOLOGIE MEDICHE FARMACEUTICHE SCIENZE E TECNICHE DELLO SPORT E DELLE ATTIVITÀ MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE (LM67/LM68) SCIENZE DELL ALIMENTAZIONE 144 pag. 1

3 SALUTO DEL PRESIDENTE Care Studentesse e Cari Studenti, le recenti disposizioni normative hanno modificato l immagine e l organizzazione dell Università italiana. Le strutture di governo e le peculiarità dei soggetti finora identificate nei processi del nostro Ateneo sono state profondamente ridefiniti producendo un nuovo assetto organizzativo e gestionale che da un lato conferisce ai nuovi Dipartimenti Universitari, anch essi ricostruiti, funzioni di ricerca e di didattica e dall altro vede le Scuole sostituirsi alle Facoltà, storiche strutture di omogeneità e confronto. La nostra ingloba l Offerta Formativa dell ex Facoltà di Medicina e Chirurgia e dell ex Facoltà di Farmacia ed è articolata in 26 Corsi di Studio, 15 Lauree Triennali e 11 Lauree Magistrali, di cui 4 a Ciclo Unico. Di ogni corso di studio troverete in queste pagine una breve sintesi degli obiettivi, del profilo culturale e professionale; inoltre, sarà possibile reperire le modalità con le quali è organizzata la didattica e i possibili sbocchi occupazionali. La forma professionisti in campo biomedico e farmaceutico, in grado di coniugare quotidianamente la tutela della salute, intesa come ricomposizione operata sia sul piano della persona, attraverso il continuum del processo prevenzione-diagnosi-cura-riabilitazione, sia sul piano delle interazioni tra individui e ambiente. Il percorso educativo è volto a una formazione professionale e umana che conferisce ai futuri laureati capacità e sensibilità non limitate al corretto riconoscimento e alla cura delle malattie nonché alla costruzione di specifiche linee di ricerca traslazionale, in ambito clinico, farmaceutico e assistenziale, ma proiettate verso un concetto più ampio di raggiungimento della salute, del wellbeing incentrato sulla persona nel suo complesso e nella sua unicità. Il processo formativo si realizza in un percorso che prevede la trasmissione di metodi, conoscenze ed esperienze (in una parola competenze), teso a stimolare l attitudine al ragionamento per consentire di risolvere con consapevole responsabilità i problemi sanitari dal punto di vista preventivo, clinico-diagnostico, terapeutico e riabilitativo. Obiettivo della Scuola è anche la scelta di modelli innovativi di formazione con lo scopo di ridurre il gap educativo che separa il soggetto in formazione dalla diretta esperienza professionale. In quest ottica si collocano lo sviluppo e l estensione del ricorso alla simulazione sia di procedure semplici sia di processi di cura complessi su manichini ad altissima tecnologia, con la presenza simultanea teorico-pratica in situ. Questo documento, insieme alle pagine web ufficiali costantemente aggiornate, costituisce uno degli strumenti principali per favorire l accessibilità nel suo senso più ampio. Sulla rete sarà possibile rintracciare l intero sistema organizzativo dell Offerta Formativa, ivi compresa quella post lauream. Mi auguro che queste informazioni vi siano di aiuto nel primo contatto con la nostra realtà e possano rappresentare un supporto utile nell intraprendere o nel proseguire il vostro percorso formativo. Un in bocca al lupo sincero e affettuoso a tutti voi per il vostro nuovo percorso! IL PRESIDENTE Prof. Gianni Forti pag. 2

4 INTRODUZIONE SERVIZI DI SUPPORTO ALLA DIDATTICA A seguito dell applicazione della Legge 240/2010, sono state costituite anche all interno dell Ateneo fiorentino dedicate strutture di raccordo della didattica denominate Scuole. I Corsi di Studio che, in passato, afferivano alle Facoltà di Medicina e Chirurgia e Farmacia sono stati inclusi nel nuovo progetto della Scuola di Scienze della Salute Umana, acquisendo, in più, una diretta rispondenza dai Dipartimenti universitari, anch essi riorganizzati e con funzioni, obiettivi e finalità del tutto rinnovati, comprendenti la ricerca scientifica, i rapporti istituzionali e il supporto alla gestione delle attività clinico-assistenziali definiti all interno delle strutture sanitarie di Area Vasta e della Didattica. Di supporto alle strutture dipartimentali e alla ci sono gli uffici afferenti al DIPINT (Dipartimento Interistituzionale Integrato), costruito come elemento di innovazione gestionale e operativa protesa al potenziamento e consolidamento delle prospettive di Ricerca e Formazione proprie dell Ateneo fiorentino e delle Aziende Ospedaliero-Universitarie Careggi e Meyer. Nell ambito specifico della formazione, la struttura dedicata è la UOC Servizi alla Didattica nelle sue articolazioni. Articolazione della struttura UOC Servizi alla Didattica dott. Francesco Epifani Dipartimento Interistituzionale Integrato c/o Nuovo Ingresso Careggi Padiglione 3 Largo Brambilla, Firenze Ufficio Programmazione e Sviluppo della Didattica c/o Nuovo Ingresso Careggi Padiglione 3 Largo Brambilla, Firenze Ufficio Gestione Carriere Studenti c/o Nuovo Ingresso Careggi Padiglione 3 Largo Brambilla, Firenze Informastudenti L attività di front-office dell ufficio gestione carriere studenti viene svolta presso l Informastudenti. Per maggiori informazioni: Per maggiori informazioni sui servizi di supporto alla gestione delle carriere degli studenti della consultare la pagina web all indirizzo: pag. 3

5 Introduzione Introduzione ORIENTAMENTO Il servizio di Orientamento è volto a presentare l offerta didattica della Scuola di Scienze della Salute Umana dell Università di Firenze al fine di indirizzare gli studenti degli ultimi due anni delle scuole superiori e, più in generale, i portatori d interesse a una valutazione consapevole dei percorsi formativi disponibili. Per maggiori informazioni: Delegati per l Orientamento della Prof.ssa Sandra Furlanetto Dipartimento di Chimica Ugo Schiff Via Ugo Schiff, Sesto Fiorentino Dott. Ferdinando Paternostro Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica c/o Padiglione di Anatomia, Istologia e Medicina Legale Sezione di Anatomia Largo Brambilla, Firenze Tel Ufficio di supporto alle attività di Orientamento UOC Servizi alla Didattica DIPINT c/o Nuovo Ingresso Careggi Padiglione 3 Largo Brambilla, Firenze Fax: Pagina Facebook INIZIATIVE PER STUDENTI DISABILI Il Centro Studi e Ricerche per le Problematiche delle Disabilità (CESPD) si occupa dell accoglienza degli studenti disabili (monitoraggio delle esigenze specifiche, eventuale predisposizione di progetti di intervento personalizzati) e dell espletamento di tutte le pratiche amministrative relative al servizio. Il delegato della Facoltà di Medicina, nonché delegato del Rettore per le iniziative a favore degli studenti disabili, è la Prof.ssa Sandra Zecchi (Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica, Padiglione di Anatomia, Istologia, Medicina Legale Largo Brambilla 3, tel fax Per informazioni rivolgersi a: ü ü CESPD DIPINT c/o Nuovo Ingresso Careggi Padiglione 3 Largo Brambilla, Firenze Orario di apertura al pubblico: lunedì, martedì e giovedì dalle alle 13.00; oppure in altri giorni e orari previo appuntamento. pag. 4

6 Introduzione Introduzione PROGRAMMI DI MOBILITÀ La promozione dell internazionalizzazione avviene tramite programmi di scambio e mobilità opportunamente riportati sul sito dell Ateneo alla pagina web tra questi particolare rilevanza assume il programma comunitario Lifelong Learning Program-Erasmus (http://www.unifi. it/cmpro-v-p-2361.html) che consente agli studenti di svolgere periodi di studio all estero (da 3 a 12 mesi) presso varie sedi universitarie della Comunità Europea, con le quali sono state stabilite relazioni istituzionali per la promozione dell interscambio di studenti. L Ufficio Ricerca e Relazioni Internazionali, affiancato dall Area Internazionalizzazione e Formazione dell Ufficio Coordinamento delle Carriere degli Studenti del DIPINT (UNIFI/AOUC/AOUM) supporta i Delegati e le Commissioni Erasmus dei Corsi di Studio della collaborando alla continua promozione e incremento dell internazionalizzazione e assistendo in tutte le fasi del processo gli studenti, i docenti e il personale tecnico-amministrativo che intendano svolgere un periodo di formazione all estero. La pubblicazione delle informazioni è gestita attraverso il portale it, oltre a una pagina Facebook dedicata; appositi incontri informativi sono organizzati in concomitanza con l uscita dei bandi di mobilità internazionale. Delegati per la Mobilità Internazionale Prof. Renato Corradetti Dipartimento di Neuroscienze, Psicologia, Area del Farmaco e Salute del Bambino (NEUROFARBA) Viale Pieraccini, Firenze Prof.ssa Paola Mura Dipartimento di Chimica Ugo Schiff Via Ugo Schiff, Sesto Fiorentino Ufficio Ricerca e Relazioni Internazionali DIPINT c/o Nuovo Ingresso Careggi Padiglione 3 Largo Brambilla, Firenze Pagina web: https://www.facebook.com/erasmusmedicine.florence?ref=ts&fref=ts Orario di ricevimento: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 13.00; martedì e giovedì dalle alle o per appuntamento. pag. 5

7 Introduzione Introduzione Ufficio Coordinamento delle Carriere degli Studenti DIPINT Area Internazionalizzazione e Formazione c/o Nuovo Ingresso Careggi Padiglione 3 Largo Brambilla, Firenze TIROCINI Nei corsi di studio della l attività di tirocinio curriculare rappresenta una parte fondamentale della formazione del discente, che avvicina la metodologia teorica e le discipline di base alla concreta attività assistenziale, organizzativa, di prevenzione, di riabilitazione e di diagnostica, proprie delle specifiche professioni, e che deve essere programmata per tempo in sinergia con le diverse strutture clinico-assistenziali, aziende pubbliche e private, farmacie, enti sportivi e di ricerca sul territorio, pianificando le esperienze professionalizzanti in consistenti coorti di studenti. L Ufficio Tirocini del DIPINT (UNIFI/AOUC/AOUM) affianca i corsi di studio nella programmazione, pianificazione e attivazione dei tirocini curriculari, promuovendo l aumento delle sedi di tirocinio convenzionate e gestendo complessivamente la pratica di ogni singolo studente, fino alla validazione del progetto formativo e all invio delle comunicazioni obbligatorie. Ufficio Tirocini DIPINT c/o Nuovo Ingresso Careggi Padiglione 3 Largo Brambilla, Firenze Tel Fax ALTRE ATTIVITÀ Collaborazioni part-time Gli studenti iscritti almeno al II anno e in possesso dei requisiti di merito e reddito stabiliti dal bando di Ateneo possono prestare una collaborazione a tempo parziale presso le strutture dell Università (biblioteche, musei e altri centri di servizi), per un periodo massimo di 150 ore annue. Ogni anno viene messo a concorso un certo numero di collaborazioni suddivise per corso di laurea e di diploma e il relativo bando viene pubblicato sulle pagine Studenti del sito web Iniziative studentesche L Università degli Studi di Firenze mette a disposizione ogni anno fondi per finanziare iniziative studentesche culturali e sociali (mostre, convegni, seminari, rassegne di cinema, di musica, concorsi). Possono presentare domanda i Rappresentanti degli studenti, gruppi di almeno 50 studenti regolarmente iscritti all Università di Firenze e le Associazioni studentesche. Per maggiori informazioni consultare il sito di Ateneo. pag. 6

8 Introduzione Introduzione Per maggiori informazioni: UOC Servizi alla Didattica c/o Nuovo Ingresso Careggi Padiglione 3 Largo Brambilla, Firenze BIBLIOTECA BIOMEDICA Viale Morgagni 85, Firenze Tel Fax Pagina web: Orario di apertura: da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle La biblioteca opera al fine di erogare e sviluppare i servizi di supporto alle attività di studio, didattica e ricerca dei propri utenti. Fornisce l accesso a un ampia collezione di libri e riviste in formato cartaceo ed elettronico, banche dati e altre risorse di documentazione. Di notevole interesse e pregio è il patrimonio di libri antichi e manoscritti per la maggior parte inerenti la storia della medicina. La sezione di Medicina della Biblioteca Biomedica è situata all interno del complesso ospedaliero di Careggi, prima costruzione a sinistra dopo l ingresso principale dell ospedale. CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO Il Centro Universitario Sportivo di Firenze (CUS FIRENZE A.S.D.) propone a tutti gli studenti dell Ateneo fiorentino attività di Fitness e Body Building, Aerobica, Body Sculpt, Bosu, GAG, Pilates, Step, Karate, Yoga, Capoeira, Danze caraibiche, Tiro con l arco, Tennis, con istruttori qualificati, negli impianti dell Università. Gli studenti possono usufruire di agevolazioni per l affitto di campi da gioco: calcio, calcio a 5, calcio a 7, tennis ( Palazzetto Universitario e Val di Rose ). Gli studenti possono inoltre frequentare corsi di nuoto libero e acquagym presso impianti convenzionati e partecipare a tornei interfacoltà, attività ricreativo-promozionali, campus invernali ed estivi e manifestazioni competitive (Campionati Nazionali Universitari ecc.). Per l iscrizione occorre presentare 2 foto tessera; l attestazione di iscrizione all Università per l anno accademico in corso (è possibile stampare tale attestazione da servizi studenti on line)*; versamento della quota associativa (tale quota viene stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo del CUS Firenze). * sono validi ai fini dell iscrizione: libretto universitario per gli studenti al primo anno; attestazione di avvenuto pagamento delle tasse a mezzo c/c postale o bonifico bancario; per i dottorandi è sufficiente presentare, oltre le 2 foto, il tesserino. pag. 7

9 Introduzione Introduzione Per informazioni consultare il sito internet presentarsi personalmente alla segreteria generale: via Vittoria della Rovere, 40 Firenze; telefonare ai numeri , oppure alla segreteria dell impianto Val di Rose di Sesto Fiorentino (tel ). GLI IMPIANTI Palazzetto dello Sport Universitario Via Vittoria della Rovere Firenze Tel e (dove è situata la Segreteria Generale) Impianto di Atletica Via Vittoria della Rovere Firenze Tel e Centro Universitario Sportivo Val di Rose Polo Scientifico Sesto Fiorentino Via Lazzerini 213 Sesto Fiorentino (dove è situata la sede distaccata della Segreteria Generale) Tel. e Fax CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO Il Centro Linguistico di Ateneo è un centro di servizi che organizza corsi, test e prove di conoscenza delle lingue straniere moderne. Per informazioni sulle iscrizioni ai corsi e alle prove di verifica della conoscenza linguistica consultare il sito DSU: BORSE DI STUDIO, ALLOGGI, MENSA Viale Gramsci, 36 Firenze Tel Fax Pagina web: Numero verde: La mission dell Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario di Firenze consiste nel realizzare servizi e interventi affinché tutti gli studenti dell Università degli Studi, dell Accademia di Belle Arti, dell Istituto Superiore per le Industrie Artistiche e del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze possano superare le difficoltà materiali e raggiungere i gradi più alti degli studi. Il diritto allo studio si realizza concretamente con servizi rivolti alla generalità degli studenti universitari (anche per coloro che frequentano corsi di specializzazione e dottorati di ricerca) e azioni specifiche per gli studenti capaci e meritevoli, ma in condizioni economiche disagiate, e per gli studenti disabili. L Azienda offre strumenti che favoriscano l integrazione con il mondo universitario, arricchiscano l esperienza di studio e aiutino a risolvere problemi pratici che potrebbero ostacolare il raggiungimento pag. 8

10 Introduzione Introduzione della laurea. L Azienda DSU prevede contributi economici attraverso interventi specifici, attuati per concorso, in materia di: borse di studio; prestiti d onore; contributi per la mobilità internazionale; prestiti agevolati; contributi a favore di studenti disabili; contributi e interventi per la promozione di attività culturali e iniziative editoriali; servizio abitativo per studenti fuori sede e contributi affitto. Inoltre provvede ai seguenti servizi destinati alla generalità degli studenti: servizio di ristorazione; servizio di orientamento al lavoro; servizio sviluppo programmi abitativi; servizio qualità ed europrogetti; altri interventi previsti dagli atti di programmazione regionale. pag. 9

11 Scuola di Scienze della Salute Umana Corsi di Laurea

12 1 CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE E SPORTIVE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE, SPORT E SALUTE Presidente: Prof. Massimo Gulisano Tel PROFILO CULTURALE E PROFESSIONALE I laureati in Scienze Motorie devono: possedere competenze relative alla comprensione, alla progettazione, alla conduzione e alla gestione di attività motorie a carattere educativo, ludico o sportivo, compensativo-adattativo-preventivo, finalizzandole allo sviluppo, al mantenimento e al recupero delle capacità motorie e del benessere psicofisico a esse correlato, con attenzione alle rilevanti specificità di genere; essere in grado di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell Unione Europea, oltre l italiano, nell ambito specifico di competenza e nello scambio d informazioni generali; possedere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell informazione; essere capaci di lavorare in gruppo, di operare con definiti gradi di autonomia e d inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro. ORGANIZZAZIONE DIDATTICA La frequenza ai corsi è consigliata. La frequenza alle esercitazioni pratiche è invece obbligatoria. Deroghe potranno essere previste per casi particolari (studenti lavoratori, categorie ammesse in base a specifiche convenzioni, studenti affetti da specifiche disabilità ecc.) sempre comunque su parere di specie emesso dal Consiglio di Corso di Laurea. Eventuali propedeuticità verranno stabilite anno per anno dal Consiglio di Corso di Laurea in conformità al regolamento didattico. Dal regolamento del Corso di Laurea emerge come l attività normale dello studente corrisponde al conseguimento di 60 crediti l anno. Lo studente che abbia comunque ottenuto 180 crediti adempiendo a tutto quanto previsto dalla struttura didattica può conseguire il titolo anche prima della scadenza triennale. pag. 11

13 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE, SPORT E SALUTE Corsi di Laurea 1 PIANO DI STUDI Anno Corso CFU I II III Discipline Biologiche Applicate 9 Discipline Biomediche Applicate I 9 Discipline Pedagogiche 6 Discipline Psicologiche 6 Discipline Sociologiche e Storiche 6 Fisica 6 Lingua Inglese 1 Metodi e Didattiche delle Attività Motorie I 12 Discipline Biomediche Applicate II 12 Malattie Apparato Locomotore, Medicina Fisica e Diagnostica per Immagini Metodi e Didattiche delle Attività Motorie II 12 Metodi e Didattiche delle Attività Sportive I 12 Metodi e Didattiche delle Attività Sportive II 15 Discipline Biomediche Avanzate 12 Discipline Economiche e Giuridiche 12 Farmacologia, Nutraceutica e Statistica 6 Metodi e Didattiche delle Attività Motorie III 12 Teoria Tecnica e Didattica degli Sport di Squadra 6 Tirocinio 2 Prova Finale 6 6 IL TIROCINIO 30 CFU saranno utilizzati per attività formative pratiche volte ad acquisire particolari competenze e abilità professionali, appositamente organizzate dal corso di studio dentro strutture interne dell Ateneo, o anche esterne appositamente accreditate dalla struttura didattica. È previsto un tirocinio pratico obbligatorio presso struttura esterna qualificata, scelta dallo studente. Tale tirocinio, per un totale di 2 CFU, è di norma collocato al III anno, ma lo studente può svolgerlo anche in altri anni purché ciò non collida con il regolare corso degli studi. Tuttavia esso non può essere verbalizzato prima del III anno. Almeno 30 giorni prima di ogni sessione di tesi una opportuna Commissione si riunirà con gli studenti per effettuare la verbalizzazione dei tirocini svolti. pag. 12

14 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE, SPORT E SALUTE Corsi di Laurea 1 Nell ambito della collaborazione tecnica e scientifica con federazioni sportive convenzionate la preparazione acquisita dagli studenti nel curriculum ordinario di studio potrà essere riconosciuta con titoli federali, utilizzabili nel mondo del lavoro. Le federazioni sportive convenzionate potranno organizzare tirocini pratici, concordati con la struttura didattica, che attribuirà loro un numero di crediti da computarsi nei 30 del presente articolo, cui potranno corrispondere ulteriori titoli federali. Un credito per attività formative e tirocini da attuarsi a studenti suddivisi in piccoli gruppi corrisponde a 25 ore per studente. POSSIBILI SBOCCHI PROFESSIONALI Gli sbocchi professionali particolarmente rilevanti sono i seguenti: educatori per la prevenzione di condizioni che costituiscono rischio per la salute quali sedentarietà, soprappeso, obesità; operatori nel campo dell organizzazione delle attività motorie, sportive e del tempo libero nelle varie fasce d età; consulenti di società e organizzazioni sportive; gestori di palestre e centri sportivi pubblici e privati; consulenti per gli impianti dedicati allo sport; educatori tecnico-sportivi per l attività adattata finalizzata al raggiungimento e mantenimento dell efficienza fisica e psico-fisica; educatori della gestione tecnica di attività motorie e sportive mediante l ausilio di attrezzi e attrezzature specifiche, personal trainers, trainers di gruppo; preparatori fisici ed esperti nella progettazione e nella conduzione dei programmi di allenamento. pag. 13

15 2 CLASSE DELLE LAUREE IN BIOTECNOLOGIE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Presidente: Prof. Francesco Annunziato Tel PROFILO CULTURALE E PROFESSIONALE Il Corso di Laurea propone la formazione di laureati che siano in grado di inserirsi a vari livelli nei processi produttivi tipici del settore biotecnologico. In particolare il laureato in biotecnologie dovrà svolgere ruoli tecnici operativi e gestionali nelle produzioni bioindustriali e nei vari processi di trasformazione a esse connessi. È tuttavia evidente che la ricerca e le applicazioni in campo biotecnologico devono mirare non più solo allo sviluppo di nuovi e più efficienti prodotti, ma anche al modo in cui essi si possono armonizzare con le esigenze di difesa dell ambiente e della salute umana e in genere dello sviluppo sostenibile. La laurea in Biotecnologie consente l inserimento immediato nel mondo del lavoro che, a livello sia di imprese private sia di enti pubblici, va costantemente allargando la richiesta di laureati in discipline biotecnologiche. Si apre inoltre la possibilità per il laureato di svolgere attività libero-professionali di consulenza e progettazione in forma sia indipendente sia associata. Infine, qualunque sia il curriculum scelto, tutti i laureati devono essere in grado di proseguire gli studi e iscriversi alle lauree magistrali. ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Il Corso di Laurea ha la durata normale di 3 anni. Lo studente che abbia comunque ottenuto 180 crediti, adempiendo a tutto quanto previsto dall Ordinamento del Corso di Laurea in Biotecnologie, può conseguire il titolo anche prima della scadenza triennale. Il Corso di Laurea è basato su attività formative relative a sei tipologie: di base, caratterizzanti, affini o integrative, autonome, per la prova finale e la conoscenza della lingua straniera e per ulteriori conoscenze linguistiche, informatiche, relazionali e utili all inserimento nel mondo del lavoro. A ogni tipologia è assegnato un numero di crediti formativi universitari (CFU), per un totale complessivo di 180 crediti nel corso dei tre anni. A ogni credito formativo universitario è associato un impegno medio di 25 ore da parte dello studente, suddivise fra didattica frontale e studio autonomo eventualmente assistito da tutori. pag. 14

16 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Corsi di Laurea 2 Le forme didattiche previste sono le seguenti: a. lezioni in aula; b. esercitazioni in aula o in aula informatica; c. sperimentazioni in laboratorio ovvero in laboratorio informatico, individuali o di gruppo; d. corsi e/o sperimentazioni presso strutture esterne all Università o soggiorni presso altre Università italiane o straniere nel quadro di accordi internazionali. I corsi d insegnamento possono essere organizzati in più unità didattiche (moduli) alle quali corrisponde un unico esame finale. I corsi, definiti nel presente regolamento e che richiedono una prova finale per l accreditamento, possono prevedere per l esame o una prova scritta o una prova orale o entrambe. I dettagli delle modalità di esame per i vari corsi di insegnamento sono di norma definiti nel Manifesto del Corso di Studi, illustrati dal docente all inizio del corso e pubblicizzati sulla pagina web del Corso di Laurea. Per gli insegnamenti a scelta libera ogni studente deve necessariamente scegliere un totale di 18 CFU, indipendentemente dall anno di corso in cui intenda seguirli. Gli insegnamenti sono di norma organizzati in unità didattiche semestrali. pag. 15

17 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Corsi di Laurea 2 PIANO DI STUDI Curriculum Biomolecolare Anno Corso CFU Biologia Generale 6 Chimica Generale e Inorganica 6 Chimica Organica 6 Economia Aziendale 6 I Elementi di matematica e Statistica 9 Fisica 6 Immunologia 6 Lingua Inglese 3 Elementi di Termodinamica Biochimica e Proprietà Molecolari 6 Fisiologia 6 Biologia Molecolare e Applicazioni Bioinformatiche 6 Strutture Biomolecolari 6 Biochimica 9 II Biologia Molecolare 9 Genetica 9 Microbiologia 9 Tecniche in Biotecnologie e Laboratorio di Biotecnologie 12 Chimica Biorganica 6 Ingegneria Genetica 6 III Nanosistemi per Biotecnologie 6 A scelta dello studente 18 Tirocinio 15 Prova Finale 9 pag. 16

18 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Corsi di Laurea 2 Curriculum Medico-Farmaceutico Anno Corso CFU Biologia Generale 6 Chimica Generale e Inorganica 6 Chimica Organica 6 Economia Aziendale 6 I Elementi di Matematica e Statistica 9 Fisica 6 Immunologia 6 Lingua Inglese 3 Morfologia Umana I 6 Morfologia Umana II 6 Fisiologia 6 Patologia Generale 6 Biochimica 9 II Biologia Molecolare 9 Genetica 9 Microbiologia 9 Tecniche in Biotecnologie e Laboratorio di Biotecnologie 12 Farmacologia 6 Analisi del Farmaco 6 Biochimica Clinica e Patologia Clinica 6 III Chimica Farmaceutica 6 Genetica Medica 6 Attività a scelta dello studente 18 Tirocinio 15 Prova Finale 9 pag. 17

19 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Corsi di Laurea 2 Curriculum Agrario e Ambientale Anno Corso CFU Biologia Generale 6 Chimica Generale e Inorganica 6 Chimica Organica 6 Economia Aziendale 6 I Elementi di Matematica e Statistica 9 Fisica 6 Immunologia 6 Lingua Inglese 3 Biodiversità nei Sistemi Agrari 6 Elementi di Biologia Animale 6 Biochimica Agraria 6 Biotecnologie Fitopatologiche 6 Biochimica 9 II Biologia Molecolare 9 Genetica 9 Microbiologia 9 Tecniche in Biotecnologie e Laboratorio di Biotecnologie 12 Biotecnologie applicate alle Produzioni Animali 6 Biotecnologie Microbiche Agroindustriali e Ambientali 6 III Genetica e Biotecnologie Vegetali 6 Attività a scelta dello studente 18 Tirocinio 15 Prova Finale 9 IL TIROCINIO L attività di tirocinio è finalizzata all acquisizione da parte dello studente di informazioni e strumenti utili a facilitare l inserimento nel mondo del lavoro e delle professioni; consiste in un periodo continuativo di attività pratico-applicative presso enti e soggetti, privati e pubblici, che operino nel settore biotecnologico, ovvero presso strutture universitarie. Le attività di tirocinio sono proposte dallo studente tramite domanda al Presidente del Corso di Laurea contenente luogo, modalità e attività previste e periodo di tirocinio ed è firmata anche dal tutore proposto. Il tirocinio si svolge sotto la guida di un tutore, di norma docente del Corso di Laurea, che viene designato contestualmente all approvazione del pag. 18

20 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Corsi di Laurea 2 tirocinio dal Corso di Laurea. In caso di tirocinio svolto presso una azienda esterna all Università, nella domanda dovrà anche essere indicato il nome del tutore aziendale e dovranno essere assicurate le formalità previste dagli uffici preposti presso le singole Scuole. All attività di tirocinio corrispondono 15 CFU. Le attività svolte nell ambito del tirocinio possono concorrere con quelle previste per la prova finale. Le attività di tirocinio sono previste al terzo anno di corso. MODALITÀ DELLA PROVA FINALE DI LAUREA Per essere ammessi alla prova finale occorre avere conseguito tutti i crediti nelle attività formative previste dal piano di studi meno quelli previsti per la prova finale. Le attività formative relative alla prova finale per il conseguimento del titolo e la relativa verifica consistono nella preparazione e discussione di un elaborato scritto frutto di lavoro sperimentale compiuto presso una struttura di ricerca universitaria o non universitaria purché riconosciuta e accettata a tal fine dalla struttura didattica, inclusa la relazione critica, ragionata e circostanziata dell attività svolta durante il tirocinio. Alla prova finale sono riservati 9 CFU. Tirocinio e prova finale sono da considerarsi attività sinergiche che vanno a costituire un momento formativo coerente con gli obiettivi del corso di studio e tale da esaltare, nell insieme, la capacità di applicare conoscenza e comprensione, autonomia di giudizio e abilità comunicative. La prova finale consiste nella discussione dell elaborato scritto, in seduta pubblica dinanzi a una commissione di docenti che esprimerà una valutazione espressa come voto in centodecimi con eventuale lode. La lode viene conferita su proposta del Presidente della Commissione di Laurea e con l unanimità dei membri e qualora il candidato abbia raggiunto il punteggio massimo e presenti valutazioni con lode nel proprio curriculum. Il punteggio minimo per il superamento dell esame finale è 66/110. Alla formazione della votazione concorre il cursus studiorum dello studente come media ponderata dei risultati degli esami e la valutazione della prova finale. POSSIBILI SBOCCHI PROFESSIONALI Obiettivi di apprendimento di tipo trasversale sono: possedere una adeguata conoscenza di base dei sistemi biologici, interpretati in chiave molecolare e cellulare; possedere le basi culturali e sperimentali delle tecniche che caratterizzano l operatività biotecnologica per la produzione di beni e di servizi nei settori interessati delle biotecnologie ambientali, industriali, agrarie, farmaceutiche e medico-diagnostiche; acquisire le metodiche biotecnologiche ed essere in grado di applicarle in situazioni concrete con appropriata conoscenza delle normative e delle problematiche deontologiche e bioetiche; saper utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, la lingua inglese; possedere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell informazione; essere in grado di stendere rapporti tecnico-scientifici; essere capaci di lavorare in gruppo, di operare con autonomia e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro. pag. 19

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013

Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 Immatricolazione e Iscrizione ai Corsi di studio di cui ai DD.MM. 03.11.1999 n.509 (G.U. 04.01.2000), 04.08.2000 (G.U.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia ( livello) Presidente: prof. Adriano Magli

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI

GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI ANNO ACCADEMICO 2013/2014 GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI ANNO ACCADEMICO 2013/2014 SOMMARIO L UNIVERSITÀ DI TRENTO 7 IL SISTEMA UNIVERSITARIO

Dettagli

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015 BRAIN HEALTH CENTRE CENTRO STUDI E RICERCHE CLINICHE NEUROPSICOFISIOLOGICHE Anagrafe Nazionale delle Ricerche (D.P.R. 11/7/1980 n.382-artt.63 e 64) n.55643fru Organizzatore di Attività Formativa Sede legale:

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

CATALOGO ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO A.A. 2014-15 Aggiornato al 09/04/2015

CATALOGO ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO A.A. 2014-15 Aggiornato al 09/04/2015 CATALOGO ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO A.A. 2014-15 Aggiornato al 09/04/2015 Il presente documento riporta l elenco delle iniziative di orientamento dedicate alle future matricole e agli insegnanti delle scuole

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli