PLIDA. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana. Novembre 2010 PARLARE. Livello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PLIDA. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana. Novembre 2010 PARLARE. Livello"

Transcript

1 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana Novembre 2010 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE

2 PLIDA 2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PROVA ORALE Livello C1 MATERIALE PER L INTERVISTATORE Durata totale: minuti circa. La prova può essere sostenuta a discrezione dei candidati in coppia o singolarmente. La prova del livello C1 è composta di 3 parti: presentazione, interazione guidata e monologo. La presentazione ha il solo scopo di abbassare la tensione da esame e far parlare il candidato su un argomento non troppo personale ma a lui molto noto: generalmente l intervistatore, dopo essersi presentato, chiede al candidato di presentare brevemente sé stesso e descrivere gli usi che intende fare della lingua italiana in futuro. L interazione guidata prevede la partecipazione attiva del candidato alla conversazione: l intervistatore presenta una situazione adatta al livello e chiede di risolvere un compito. Il monologo deve essere svolto dai candidati su un tema scelto da una lista di tre argomenti proposti dall intervistatore. Il candidato ha a disposizione qualche minuto per scegliere l argomento preferito e organizzare le idee; può prendere qualche appunto ma non può utilizzare materiali personali. L intervistatore è tenuto a sostenere il colloquio con osservazioni, suggerimenti e brevi commenti su quello che dice il candidato. 1. Presentazione (1 minuto circa). Il candidato dovrà presentarsi spiegando in modo chiaro i suoi progetti futuri. 2. Interazione guidata (5-7 minuti). In questa parte il candidato dovrà risolvere situazioni relative ad argomenti non familiari, anche presentati in modo allusivo o scherzoso; dovrà partecipare attivamente alla conversazione con l intervistatore o con un altro candidato facendo domande adatte all argomento e ben formulate, commenti appropriati, proposte alternative a quelle degli altri, spiegando con spontaneità la sua opinione, motivando le sue scelte, e contrapponendosi con valide argomentazioni a quanto detto dagli altri. L intervistatore suggerisce un tema scelto dalla lista seguente, tenendo conto delle caratteristiche del candidato e modificando la scelta dell argomento nel caso in cui non si rivelasse adatto al candidato stesso. A discrezione dell intervistatore, è possibile lasciare al candidato un breve lasso di tempo per riflettere sul tema proposto. L intervistatore è tenuto a incoraggiare la conversazione tra i candidati nel caso di un esame sostenuto in coppia; se il candidato è uno solo, l intervistatore sosterrà una conversazione con lui. Gli argomenti di conversazione potranno essere scelti dalla lista seguente:

3 3 1. State cercando una casa per vivere a Roma perché il prossimo mese vi dovrete trasferire per motivi di lavoro. Attraverso un giornale di annunci avete preso appuntamento per visitare un appartamento: durante la visita vi accorgete però che è decisamente diverso da come il proprietario ve lo aveva descritto per telefono: è molto più piccolo, poco curato, male attrezzato. Dovete: descrivere con perplessità l'appartamento, evidenziando i difetti e ironizzando sulle differenze fra la descrizione fornita a voce dal proprietario e la realtà; spiegare per quali ragioni l'appartamento non può soddisfare le vostre esigenze; commentare il comportamento poco corretto del proprietario. (Indicazioni per l intervistatore: siete una persona senza scrupoli e volete affittare l'appartamento ad ogni costo. Cercate di convincere il possibile affittuario che l'appartamento è migliore di quello che sembra, trascurando i difetti e sottolineando gli aspetti positivi: Ha una splendida esposizione; I vicini sono molto tranquilli; È vicino al centro ed è ben collegato con i mezzi di trasporto). 2. Lavorate da alcuni anni, con passione ed entusiasmo, in una società privata. Quando un vostro collega va in pensione, pensate di poter finalmente ricevere la tanto attesa promozione. Scoprite presto però che, malgrado a voi vengano attribuite le responsabilità che il collega precedentemente aveva, non riceverete nessuna promozione, né nessun aumento di stipendio. Siete molto delusi e decidete di andare a parlare con il direttore: spiegate per quale motivo avete chiesto un colloquio e perché pensate di meritare una promozione e un aumento dello stipendio; chiedete la ragione per cui, malgrado per voi aumentino le responsabilità e il carico di lavoro, lo stipendio rimane invariato; cercare di esprimere la vostra delusione nei confronti dell azienda a cui avete dato tanto. (Indicazioni per l intervistatore: siete il direttore della società privata. Dovete motivare la vostra scelta, determinata da ragioni economiche: è ancora presto per una sua promozione; lei è molto giovane, dobbiamo prima essere certi che lei svolga bene il suo nuovo compito; noi crediamo in lei, ma anche lei deve avere fiducia nell azienda). 3. Lavorate da molti anni in un negozio che vende articoli di lusso (orologi, gioielli, ecc.). Avete sempre dimostrato grande professionalità, affidabilità e onestà nel vostro lavoro e avete conquistato nel tempo la fiducia del proprietario del negozio. Un lunedì mattina nel negozio dove lavorate mancano alcuni oggetti di valore, ma non ci sono segni di effrazione. Il

4 proprietario del negozio vi accusa ingiustamente di avere commesso il furto poiché siete l unica persona ad avere le chiavi del negozio oltre a lui: dimostrate l impossibilità del vostro coinvolgimento nel furto; esprimete la vostra indignazione per l accusa che vi è stata mossa e ricordate al proprietario la vostra lunga esperienza insieme; tentate di ricostruire insieme al proprietario quello che può essere accaduto e ipotizzate il coinvolgimento di altre persone nel fatto. (Indicazioni per l intervistatore: siete il proprietario del negozio, siete fuori di voi dalla rabbia e dalla preoccupazione per il furto subito; ve la prendete con la persona che lavora con voi, ma poi vi rendete conto che la state accusando ingiustamente) Monologo (3-5 minuti). In questa parte verrà sottoposta al candidato una scelta di argomenti su temi che possano rientrare nel suo campo di interesse: egli dovrà fare descrizioni precise e narrare avvenimenti riferendo particolari, mettendo in evidenza gli aspetti principali dell evento; dovrà dimostrare di saper sostenere un ragionamento indicando vantaggi e svantaggi di ogni scelta. Il tema potrà essere suggerito prendendo spunto dalla seguente lista di argomenti: 1. Nel suo libro sulla scuola italiana, il linguista Luca Serianni scrive: «L insegnante deve, più di quel che valga per altre professioni, credere al lavoro che fa e scommettere su sé stesso, proponendosi agli allievi come un esempio positivo [ ]. Come tutte le scommesse, si può vincere o perdere; ma se si vince, ogni docente dalle elementari in avanti resterà un riferimento nitido costante per l allievo, anche quando il ragazzo sarà diventato adulto, e la sua lezione non andrà dispersa». Ripensando alla vostra esperienza scolastica, che tipo di docenti avete conosciuto? Ritenete che siano stati un punto di riferimento negativo o positivo? Hanno inciso unicamente sulla vostra educazione o anche sulla vostra formazione umana? Vi viene in mente qualche episodio particolarmente significativo del vostro rapporto con gli insegnanti? 2. Luca e Francesco Cavalli-Sforza, a proposito delle popolazioni che abitano le foreste tropicali, ricordano: «Le ultime società di primitivi tuttora esistenti non hanno futuro. Sono ridotte a piccoli gruppi di individui, spesso solo poche centinaia o migliaia, e le economie industriali e monetarie stanno distruggendo dappertutto il loro habitat e il loro stile tradizionale di vita».

5 In che modo i paesi più ricchi ed industrializzati possono agire nei confronti dei cosiddetti popoli primitivi contemporanei? Quali sono secondo voi gli aspetti positivi e negativi del rapporto tra popolazioni diverse (per cultura, lingua, religione, usi ed abitudini)? Che cosa possono comunicare e/o insegnare oggi queste ultime società primitive? Quali soluzioni proporreste per la salvaguardia della cultura e delle tradizioni delle minoranze etniche? 5 3. La giornalista Elena Lisa, in un articolo sugli anziani e la città pubblicato su «La stampa», lancia questa proposta: «I trentenni di oggi, gli anziani del futuro, osservino oggi la vita dei loro nonni e pensino a come trasformare le città in cui vivono». Riflettete sul sistema sociale e urbano delle metropoli moderne ed esprimete il vostro giudizio sugli spazi e i servizi offerti oggi agli anziani nei centri urbani: ritenete siano sufficienti? Quali sono le facilitazioni e quali le difficoltà e gli inconvenienti? Come dovrebbe essere la città del futuro per essere realmente una città a dimensione di anziano? Fate proposte concrete di possibili progetti ed interventi per migliorare la vita degli anziani nelle metropoli di domani.

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

PLIDA PARLARE. Livello. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana. giugno 2011

PLIDA PARLARE. Livello. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana. giugno 2011 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009 IL WEB WRITING di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale 15 0ttobre 2009 PARTE PRIMA Perché gli studi professionali sottovalutano ciò che viene riportato nei testi del loro

Dettagli

Guida per i venditori

Guida per i venditori Guida per i venditori Vendere un azienda può essere complicato e impegnativo ed è generalmente un evento che si presenta una volta nella vita. Vi preghiamo di leggere con attenzione i seguenti paragrafi.

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Ecco i consigli per affrontare il colloquio

Ecco i consigli per affrontare il colloquio Ecco i consigli per affrontare il colloquio Agenzie Lavoro www.avvenire.it http://www.avvenire.it/lavoro/agenzie Lavoro/Pagine/ecco-i-consigli-per-affrontare-il-co... Questo sito usa i cookie (anche di

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1

ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1 ATTIVITÀ 1 INTERAZIONE SCHEDA Nº 1 Tempo per la preparazione: 1 minuto Durata dell intervento tra di due candidati: minimo 4 minuti - massimo 5 minuti CANDIDATO/A A VACANZE IN EUROPA Ha deciso di visitare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANZANO PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Anno Scolastico. Classe quinta. Alunno/a Scuola Sez.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANZANO PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Anno Scolastico. Classe quinta. Alunno/a Scuola Sez. ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANZANO PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Anno Scolastico Classe quinta Alunno/a Scuola Sez. PRIMO COMPITO Ogni anno, nella tua scuola, si organizza la Giornata della lettura e

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

Mini progetti Arrivederci! 2 UNITÀ 1

Mini progetti Arrivederci! 2 UNITÀ 1 UNITÀ 1 Sport da seguire o da praticare? A coppie individuate, secondo voi, quali sono gli sport da seguire e quali invece da praticare. Trovate su internet delle foto di vari sport. Attaccate le foto

Dettagli

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO B5 queste schede ti aiuteranno a scoprire quanto sia utile autointerrogarsi e autovalutarsi potrai renderti conto di quanto sia utile porsi domande per verificare la propria preparazione se ti eserciterai

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

Chiaro! FAI LA TUA PARTE! Scheda 6a

Chiaro! FAI LA TUA PARTE! Scheda 6a 6a Obiettivi: Esercitare soprattutto l abilità del parlato, in particolare la competenza discorsiva; organizzare e sviluppare un progetto in team, imparando a reagire con una certa flessibilità a situazioni

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

KIT-PROTOTIPO PER LA REALIZZAZIONE DEL GIOCO DI RUOLO

KIT-PROTOTIPO PER LA REALIZZAZIONE DEL GIOCO DI RUOLO KIT-PROTOTIPO PER LA REALIZZAZIONE DEL GIOO DI RUOLO Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo iao a tutti e tutte e grazie per aver aderito a questa importante iniziativa.

Dettagli

Meglio prevenire che curare.

Meglio prevenire che curare. Cari membri, Delcampe.net comprende oggi alcune migliaia di utenti. Questo numero si ingrandisce sempre di più e conoscerà molto probabilmente una crescita fulminea appena saranno messi in linea i siti

Dettagli

LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS

LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS Le caratteristiche delle prove di produzione orale Centro CILS Siena, 8 maggio 2014 LE TIPOLOGIE TESTUALI parlato bidirezionale faccia a faccia con presa di parola

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

Quida Esame Plida A2:

Quida Esame Plida A2: Quida Esame Plida A2: Il livello A2 ti garantisce un autonomia in situazioni comunicative elementari: a questo livello, sei in grado di dare e ricevere informazioni relative a te stesso, al luogo in cui

Dettagli

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata CORSO LIBERI DI SCEGLIERE Prima giornata Ore 16,45 manuali Benvenuto lezione frontale Foglio firme, biro, posizionare le sedie a cerchio. Breve presentazione del Gruppo di Lavoro e metodologia interattiva...

Dettagli

LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE RICEZIONE ORALE (ASCOLTO) - SCUOLA PRIMARIA L alunno riconosce se ha o meno capito messaggi verbali orali, chiede spiegazioni, svolge i compiti secondo le indicazioni date in lingua straniera

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

A.A.A LAVORO CERCASI!!!

A.A.A LAVORO CERCASI!!! A.A.A LAVORO CERCASI!!! 1 2 Carissimi, l'amministrazione Comunale di Azzano San Paolo nel corso degli anni ha promosso attività volte al sostegno dei giovani cittadini. Pensiamo che sia fondamentale in

Dettagli

Registro 7 PERSONAL BRANDING. Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO

Registro 7 PERSONAL BRANDING. Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO Registro 7 PERSONAL BRANDING Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO INDEX 3 5 9 13 16 Introduzione Che cos è il Personal Branding Una strategia di Personal Branding efficace Comunicazione

Dettagli

Perché siete fan della pagina «Pietro Taricone Onlus» su Facebook?

Perché siete fan della pagina «Pietro Taricone Onlus» su Facebook? Perché siete fan della pagina «Pietro Taricone Onlus» su Facebook? Presentazione a cura di Publisoftweb, società specializzata in Social Media Marketing La storia della presenza su Facebook di Pietro Taricone

Dettagli

A B C. Università Per Stranieri Di Perugia CENTRO PER LA VALUTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE LINGUISTICA DILS - PG Scheda Informativa ...

A B C. Università Per Stranieri Di Perugia CENTRO PER LA VALUTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE LINGUISTICA DILS - PG Scheda Informativa ... Istruzioni Usare una penna nera Segnare la risposta così: 1 3 Scrivere una sola lettera o numero, in stampatello, all interno delle caselle A B C Su di Lei Cognome e Nome Età Sesso M F Istituzione presso

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO Corso Nordic Walking Torino 04-10-2014 METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO CANALI DELLA COMUNICAZIONE METODI DI INSEGNAMENTO STILI DI INSEGNAMENTO ORGANIZZARE UNA SEDUTA I CANALI DELLA COMUNICAZIONE VERBALE

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Per scuole medie superiori. Materie coinvolte: - Storia - Filosofia - Discipline artistiche e letterarie

Per scuole medie superiori. Materie coinvolte: - Storia - Filosofia - Discipline artistiche e letterarie Kit didattico tratto dalle esperienze educative del Centro per l Educazione alla Cittadinanza, dell Istituto per la Memoria Nazionale e del Museo dell Insurrezione di Varsavia, con riferimento al progetto

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

e-commerce per i prodotti tradizionali donne 50+

e-commerce per i prodotti tradizionali donne 50+ PROGRAMMA EUROPEAN PROGRAMME EUROPEO LLP - Leonardo da Vinci - Trasferimento per l Innovazione e-commerce per i prodotti tradizionali donne 50+ Progetto: 2009-1-GR1-LEO 05-01858 www.e50plus.eu ISTRUZIONI

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un

Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un alta frequentazione di bambini con entrambi i genitori

Dettagli

L analisi dei bisogni e delle esigenze dell acquirente per offrire un servizio migliore. di Salvatore Coddetta

L analisi dei bisogni e delle esigenze dell acquirente per offrire un servizio migliore. di Salvatore Coddetta L analisi dei bisogni e delle esigenze dell acquirente per offrire un servizio migliore di Salvatore Coddetta Estrarre i bisogni e le esigenze dei clienti potenziali acquirenti è uno degli aspetti più

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate Rispondi al questionario per scoprire quanto sei incisivo nella PERSUASIONE! Per te 10 domande selezionate dal Prof. Robert Cialdini, cattedra di Psicologia e Marketing presso l Università dell Arizona,

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali - W. Hodding Carter II

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Vittoria Tettamanti Stefania Talini

Vittoria Tettamanti Stefania Talini Vittoria Tettamanti Stefania Talini FOTO PARLANTI immagini, lingua e cultura livello intermedio indice FOTO PARLANTI pagina unità titolo lessico e aree tematiche 5 prefazione 7 01 Questo è il mio piccolo

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

L audizione dei bambini. Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione. Per i bambini dai 9 anni

L audizione dei bambini. Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione. Per i bambini dai 9 anni L audizione dei bambini Si parla del tuo futuro è giusto sentire anche la tua opinione Per i bambini dai 9 anni Cara mamma, caro papà, il presente opuscolo è pensato per essere letto insieme a vostro figlio.

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

CAMPUS PALINDROMO Non esiste un solo modo per leggere

CAMPUS PALINDROMO Non esiste un solo modo per leggere Struttura Complessa di Neuropsichiatria Infantile SAVIGLIANO SALUZZO FOSSANO CAMPUS PALINDROMO Non esiste un solo modo per leggere Il Campus PALINDROMO, nasce nel 2003 dalla collaborazione tra l Istituto

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

INSEGNARE CON I TASK Appunti

INSEGNARE CON I TASK Appunti INSEGNARE CON I TASK Appunti 1. Condizioni per l apprendimento Esposizione alla lingua da apprendere Opportunità per l uso della lingua Motivazione l uso della lingua in attività di ascolto, parlato, lettura

Dettagli

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA IN CLASSE I nomi e le presentazioni; Leggo un altra lingua: attività di lettura, da parte della classe, di parole in lingua madre dell alunno neoarrivato, dedotte dalle

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO

+ DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO + DIPLOMA AVANZATO DI LINGUA ITALIANA SILLABO L'esame è articolato in cinque prove: comprensione di testi scritti, competenza linguistica, comprensione di testi orali, produzione scritta e produzione orale.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DILS-PG di base (I livello)

SCHEDA INFORMATIVA DILS-PG di base (I livello) SCHEDA INFORMATIVA DILS-PG di base (I livello) Su di Lei Cognome e me Età Sesso M F Istituzione presso la quale lavora Ruolo all interno dell Istituzione LIVELLO DI ISTRUZIONE Altri titoli Diploma di scuola

Dettagli

La ricreazione è finita

La ricreazione è finita Roger Abravanel Luca D Agnese La ricreazione è finita Scegliere la scuola, trovare il lavoro Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07571-8 Prima edizione:

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

(secondo le indicazioni di INValSI)

(secondo le indicazioni di INValSI) (secondo le indicazioni di INValSI) Prima della somministrazione COMPITI del Referente di Istituto per le prove INValSI Predisporre i materiali per la somministrazione Definire orario per il giorno stabilito

Dettagli

MANUALE DEL SOMMINISTRATORE INVALSI 2015-2016

MANUALE DEL SOMMINISTRATORE INVALSI 2015-2016 MANUALE DEL SOMMINISTRATORE INVALSI 2015-2016 Nella tabella 1 è indicato, per ciascuno strumento di rilevazione, il tempo previsto per la sua somministrazione. Il tempo si conteggia dal momento in cui,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Siamo molto vicini alla soluzione dei problemi di arredamento della vostra casa.

Siamo molto vicini alla soluzione dei problemi di arredamento della vostra casa. Se siete indecisi dove acquistare i mobili per la vostra casa, ricordate che la convenienza è molto vicino. Siamo molto vicini alla soluzione dei problemi di arredamento della vostra casa. Abbiamo il piacere

Dettagli

RythmoCapital Previdenza individuale. Pianificate la vostra previdenza, ritmate il vostro risparmio

RythmoCapital Previdenza individuale. Pianificate la vostra previdenza, ritmate il vostro risparmio RythmoCapital Previdenza individuale Pianificate la vostra previdenza, ritmate il vostro risparmio RythmoCapital Vaudoise Le carte vincenti di RythmoCapital Nessuno può dire come sarà il futuro. È per

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana Novembre 2010 - Livello A2 Scrivere (40 minuti - 30 punti) Nome e numero del Centro Data di svolgimento dell

Dettagli

Progetti per le vacanze!

Progetti per le vacanze! Progetti per le vacanze! Indicazioni per l insegnante Obiettivi didattici le vacanze: programmare, raccogliere informazioni, parlarne la costruzione con si ci di luogo Svolgimento L attività è finalizzata

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security

Programme Prevention of and Fight against Crime European Commission Directorate General Justice Freedom and Security Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security JUST. Juvenile Justice. Development of child rights based methods of intervention

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

Le frasi sono state mescolate

Le frasi sono state mescolate Roma o Venezia? 1 Questo percorso ti aiuterà a capire che cosa sia e come si costruisca un testo argomentativo Nella prossima pagina troverai un testo in cui ad ogni frase corrisponde un diverso colore.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

CHI E IL CICLISTA. Il ciclista urbano a Firenze, l associazione a lui dedicata e l offerta di noleggio

CHI E IL CICLISTA. Il ciclista urbano a Firenze, l associazione a lui dedicata e l offerta di noleggio CHI E IL CICLISTA Il ciclista urbano a Firenze, l associazione a lui dedicata e l offerta di noleggio Esame in Città e politiche urbane a.a 2014/2015 Relazione di Elena Bellettati 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva

Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva Dynamic Plates, la tettonica a placche interattiva Vincenzo Pancucci Insegnante di Scienze Naturali a Milano vincenzo.pancucci@gmail.com L informatizzazione degli ambienti di apprendimento è uno dei punti

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

E dal momento che le Indicazioni Nazionali ce lo consentono... leggiamo con i ragazzi per piacere!

E dal momento che le Indicazioni Nazionali ce lo consentono... leggiamo con i ragazzi per piacere! Insegnare il leggere per piacere è ora un requisito ministeriale nel curriculo nazionale inglese ed è uno dei descrittori delle competenze attese nel sistema scolastico anglosassone a partire dall anno

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Corsista: Monica Cucchiaro Neoassunti 2008. Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale

Corsista: Monica Cucchiaro Neoassunti 2008. Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale Obiettivi: 1. Analizzare un percorso educativo realizzato in riferimento ai nuovi ordinamenti 2. Individuare il riferimento

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

A Su e giù per le Alpi

A Su e giù per le Alpi Tema A Su e giù per le Alpi In viaggio per le Alpi Viaggi, incontri, attività da turisti Materiale Attività introduttiva: alcuni fonecessario gli formato A 4 Punto 1: un dado per gruppo e una pedina per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Tempistica 40-45 minuti Competenze Competenza 27 conoscere i percorsi professionali di un area

Dettagli

A) Pensi alla Sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e indirizzi di studio. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

A) Pensi alla Sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e indirizzi di studio. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni? Questionario insegnante A) Pensi alla Sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e indirizzi di studio. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni? Indichi una risposta per ogni riga.

Dettagli