LE OPPOSIZIONI TIPICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE OPPOSIZIONI TIPICHE"

Transcript

1 LE OPPOSIZIONI NEL PROCESSO ESECUTIVO: LINEE GENERALI PROF. ROMANO CICCONE

2 Indice 1 INTRODUZIONE LE OPPOSIZIONI TIPICHE NORMATIVA APPLICABILE COMPETENZA DIFFERENZE TRA OPPOSIZIONE ALL ESECUZIONE ED OPPOSIZIONE AGLI ATTI ESECUTIVI. 7 6 LE OPPOSIZIONI ATIPICHE- IPOTESI RESIDUALI LE OPPOSIZIONI IN MATERIA DI LAVORO LE OPPOSIZIONI DI TERZO di 13

3 1 Introduzione Il nostro ordinamento riconosce a tutti i soggetti che possono essere potenzialmente coinvolti in un processo, idonei mezzi di tutela. Il Titolo V del libro III del codice di procedura civile è dedicato alle diverse forme di opposizione, contenute nelle norme che vanno dall art. 615 all art Le opposizioni esecutive danno vita ad autonomi processi di cognizione, ed hanno lo scopo di garantire al destinatario di una procedura esecutiva, di esperire un controllo sulla legittimità dell azione intrapresa contro di lui. Atteso che mediante il processo esecutivo si intende soddisfare la pretesa del creditore nei confronti dell esecutato, la possibilità di opporsi riconosciuta al debitore consente, dunque, di bilanciare perfettamente la realizzazione degli interessi contrapposti delle parti. Il capo I del Titolo V ha ad oggetto le opposizioni del debitore e del terzo assoggettato all esecuzione, ed a sua volta è suddiviso in tre sezioni, che rispettivamente trattano: le opposizioni all esecuzione artt. 615 e 616 c.p.c.; le opposizioni agli atti esecutivi artt. 617 e 618 c.p.c.; le opposizioni in materia di lavoro, previdenza e assistenza art. 618 bis c.p.c. Il capo II riguarda, infine, le opposizioni di terzi non soggetti ad espropriazione, artt c.p.c. Qualora nel corso di un processo esecutivo emergano vizi, che non possono essere rilevati mediante gli ordinari strumenti interni al giudizio, diviene indispensabile fare ricorso alle opposizioni esecutive, che hanno la caratteristica di essere dei procedimenti tipici di carattere incidentale, in grado di aprire una parentesi cognitiva esterna ed autonoma rispetto all esecuzione. 3 di 13

4 2 Le opposizioni tipiche Il legislatore, inoltre, ha distinto le possibili opposizioni, a seconda che esse vengano proposte quando l esecuzione è stata solo minacciata, mediante la notifica di un atto di precetto, ovvero quando l esecuzione è già iniziata. Esiste infatti: l opposizione preventiva all esecuzione, da introdursi prima che l esecuzione ha avuto inizio, senza alcun termine di decadenza, con atto di citazione art. 615 comma 1 c.p.c.; l opposizione successiva all esecuzione, intrapresa dopo l inizio dell esecuzione, con ricorso e senza alcun termine di decadenza, art. 615 comma 2 e 616 c.p.c. Si tratta di rimedi giudiziari concessi in relazione ad un esecuzione pendente, ritenuta materialmente e processualmente illegittima; l opposizione preventiva agli atti esecutivi, prima che sia iniziata l esecuzione, con atto di citazione e nel termine di decadenza di 20 giorni dalla notifica del titolo o del precetto, art. 617 comma 1 c.p.c.; l opposizione successiva agli atti esecutivi, proposta con ricorso, nel termine perentorio di 20 giorni dalla notifica dell atto da impugnare, e successivamente all inizio dell esecuzione, art. 617 comma 2 e 618 c.p.c. Pertanto, nei casi di opposizione all esecuzione, oggetto della contestazione è sempre l accertamento dell esistenza del diritto del creditore di procedere esecutivamente, ciò che varia è il tipo di procedimento, il modo ed il momento in cui introdurre il giudizio. Ugualmente per l opposizione agli atti esecutivi, l oggetto è sempre un controllo sulla legittimità degli atti del processo esecutivo, ciò che muta è il momento ed il procedimento da seguire per la relativa introduzione. Inoltre, le opposizioni sia all esecuzione che agli atti esecutivi, che vengono proposte prima dell inizio dell esecuzione vengono comunemente definite opposizioni a precetto, poiché sono conseguenti all atto che preannuncia l esecuzione. 4 di 13

5 3 Normativa applicabile Molte delle norme che disciplinano la materia contengono espressi richiami all udienza di comparizione, che secondo l art. 185 disp.att. c.p.c. è l udienza a cui si applicano le norme del procedimento camerale di cui agli artt. 737 e ss. del codice, e ciò non deve stupire soprattutto laddove si consideri, che attraverso tali strumenti, si istaurano giudizi di ordinaria cognizione. Pertanto, i suddetti procedimenti soggiacciono alla disciplina prevista per i giudizi ordinari. Ed infatti, quando l opposizione è introdotta con atto di citazione, essa deve contenere tutti i requisiti essenziali, tra cui le generalità delle parti, il petitum la causa petendi, oltre che la data di fissazione dell udienza di prima comparizione e l avvertimento espresso del regime preclusivo. Tale atto, deve essere notificato alla controparte ed successivamente deve essere iscritto a ruolo. Nell ipotesi, invece, in cui l opposizione deve essere introdotta con ricorso, questo va depositato presso la cancelleria del giudice dell esecuzione, il quale fissa con decreto l udienza di comparizione delle parti, che dovrà essere comunicata alla controparte, mediante la notifica. Di non poco momento risulta la modifica del titolo V del codice di procedura civile, introdotta dalla L.18 giugno 2009 n.69. Con tale intervento riformatore, è stata espressamente disposta una distinzione del regime impugnatorio delle sentenze, a seconda che esse decidano un giudizio di opposizione all esecuzione o di opposizione di terzo ( artt. 615 e 619 c.p.c) ed in tal caso possono essere impugnate con l appello; ovvero riguardino un opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c., poiché in questa ipotesi sono esclusivamente ricorribili per Cassazione ex art. 111 Cost. (art. 618, comma 3 c.p.c.). E comunque riconosciuta in capo al debitore, la possibilità di promuovere nello stesso procedimento, opposizione all esecuzione ed agli atti esecutivi. In tali ipotesi la giurisprudenza ritiene che la sentenza, formalmente unica, contiene, però, due decisioni distinte soggette rispettivamente all appello ed al ricorso per Cassazione, ai sensi dell art. 111 Cost. E qualora il giudice non abbia dato alcuna qualificazione all opposizione, questa spetta d ufficio al giudice dell impugnazione, non solo ai fini del merito, ma anche ai fini dell ammissibilità dell opposizione stessa 1. 5 di 13

6 4 Competenza Con l entrata in vigore del decreto legislativo n. 51 del 1998 la competenza per l opposizione all esecuzione, sia preventiva che successiva, e per l opposizione di terzo è ripartita tra il giudice di pace ed il tribunale; mentre per i giudizi di opposizione agli atti esecutivi è sempre competente il tribunale, quale giudice dell esecuzione. La competenza per materia, inderogabile, del giudice dell esecuzione, distribuita tra uffici giudiziari diversi dall art. 16 c.p.c., infatti, è stata abolita dall art. 51 D.Lgs. n. 51 del 1998, che ha abrogato detta norma a decorrere dal 2 giugno 1999, si che da allora il Tribunale ha competenza giurisdizionale esecutiva esclusiva 2. Se in una procedura di esecuzione mobiliare il debitore esecutato proponga opposizione deducendo, oltre che l inesistenza del diritto del creditore a procedere ad esecuzione forzata e l impignorabilità assoluta dei beni, anche vizi formali del titolo esecutivo, del precetto e del pignoramento, la domanda configura un opposizione all esecuzione per i primi motivi ed un opposizione agli atti esecutivi per gli altri, con la conseguenza che, se il valore della causa ecceda i limiti della sua competenza, il giudice di pace dovrà rimettere al tribunale soltanto la cognizione della prima, e ritenere, invece, il giudizio relativo all opposizione agli atti esecutivi, devoluto alla sua competenza esclusiva ed inderogabile 3. 1 Cfr. Cass. Civ. sez III sent. N del 12 agosto Cfr. Cass. Civ. sez. III sent. n. 5342/09; Cass. Civ. Sez. III sent. n /02. 3 Cfr. Cass. Civ. sez. III sent. N del 19 aprile di 13

7 5 Differenze tra opposizione all esecuzione ed opposizione agli atti esecutivi. Dalla semplice lettura degli artt. 615 e 617 c.p.c. è possibile rinvenire una serie di elementi distintivi, che caratterizzano le diverse forme di opposizione. L art. 615 c.p.c. è rubricato Forma dell opposizione e recita: Quando si contesta il diritto della parte istante a procedere ad esecuzione forzata e questa non è ancora iniziata, si può proporre opposizione al precetto con citazione davanti al giudice competente per materia o valore e per territorio a norma dell art. 27. Il giudice, concorrendo gravi motivi, sospende su istanza di parte l efficacia esecutiva del titolo. Quando è iniziata l esecuzione, l opposizione di cui al comma precedente e quella che riguarda la pignorabilità dei beni si propongono con ricorso al giudice dell esecuzione stessa. Questi fissa con decreto l udienza di comparizione delle parti davanti a sé e il termine perentorio per la notificazione del ricorso e del decreto. L art. 617 c.p.c. è rubricato Forma dell opposizione e prevede che: Le opposizioni relative alla regolarità formale del titolo esecutivo e del precetto si propongono, prima che sia iniziata l esecuzione, davanti al giudice indicato nell art. 480 terzo comma, con atto di citazione da notificarsi nel termine perentorio di venti giorni dalla notificazione del titolo esecutivo e del precetto. Le opposizioni di cui al comma precedente che sia stato impossibile proporre prima dell inizio dell esecuzione e quelle relative alla notificazione del titolo esecutivo e del precetto e ai singoli atti di esecuzione si propongono con ricorso al giudice della esecuzione nel termine perentorio di venti giorni dal primo atto di esecuzione, se riguardano il titolo esecutivo o il precetto, oppure dal giorno in cui i singoli atti furono compiuti. La Giurisprudenza di legittimità e di merito è concorde nel ritenere che l elemento che consente di differenziare l opposizione all esecuzione, dall opposizione agli atti esecutivi, è dato dall oggetto della contestazione. Mentre, infatti, con l opposizione all esecuzione il debitore contesta l an dell esecuzione o nega il diritto del creditore di agire in executivis nei suoi confronti, per difetto originario o sopravvenuto del titolo esecutivo, con l opposizione agli atti esecutivi il debitore 7 di 13

8 contesta il quomodo, e quindi le modalità di esecuzione, in relazione a vizi formali del titolo, del precetto o di altro atto del procedimento esecutivo 4. L affermata distinzione rileva anche dal punto di vista processuale, atteso che l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. deve essere proposta, a pena di decadenza, entro il termine perentorio di 20 giorni, dalla notifica dell atto impugnato, mente l opposizione all esecuzione può sempre essere azionata. Per quanto concerne la sospensione dei termini processuali nel periodo feriale, ai sensi dell art. 1 della L. del 7 ottobre 1969 n. 742, anche a seguito della novella introdotta con la L. 24 febbraio 2006 n. 52, alla stregua dell art. 92 del r.d. n.12 del 30 gennaio 1941, la predetta sospensione non si applica ai procedimenti di opposizione all esecuzione, di opposizione agli atti esecutivi di cui agli artt.615 e 617 c.p.c., a quelli di opposizione di terzo all opposizione ex art. 619 c.p.c., e quelli di accertamento dell obbligo del terzo di cui all art. 548 c.p.c. 5. Quanto detto, ha una ripercussione anche sui termini per azionare mezzi di gravame, contro le sentenze che concludono tali giudizi, che devono calcolarsi, anch essi, senza tenere conto della sospensione feriale. 4 (cfr. Tribunale di Potenza sent n. 714 del 16 ottobre 2009; ex multis Cass. Civ. sez III sent. n del 13 novembre 2009; Cass. Civ. sez. III n. 485 del 20 gennaio 1999) 5 cfr. Cass. Civ. sez. III sent. n del 25 maggio 2007; Cass. Civ. sez. III sent. n del 24 aprile di 13

9 6 Le opposizioni atipiche- ipotesi residuali La giurisprudenza ha elaborato altre vicende oppositive, che esulano dalle forme di opposizione all esecuzione tipiche ricomprese tra gli art c.p.c., con le quali non si intende contestare il diritto di procedere all esecuzione, né la regolarità degli atti, ma che si inseriscono ugualmente nella vicenda esecutiva. Un rimedio che può essere equiparato all opposizione all esecuzione è quello disposto per le controversie sorte in sede di distribuzione del ricavato, ex art. 512 c.p.c., anche se con tale strumento si intende far valere il diritto a partecipare alla distribuzione del ricavato della procedura. L art. 512 c.p.c. rubricato Risoluzione delle controversie dispone Se, in sede di distribuzione, sorge controversia tra i creditori concorrenti o tra creditore e debitore o terzo assoggettato all espropriazione, circa la sussistenza di diritti di prelazione, il giudice dell esecuzione, sentite le parti e compiuti i necessari accertamenti, provvede con ordinanza, impugnabile nelle forme e nei termini di cui all art. 617, secondo comma. Il giudice può, anche con ordinanza di cui al primo comma, sospendere, in tutto o in parte, la distribuzione della somma ricavata. Pertanto, tutti i contrasti relativi all esistenza o alla quantificazione di uno o più crediti, o alla sussistenza di diritti di prelazione, dai quali può derivare la possibilità per il debitore di ottenere il residuo della somma ricavata, non sono comunque disciplinate dalle norme del titolo quinto del codice di procedura civile. Distinta ipotesi è quella contemplata dall art. 591 ter c.p.c., che consente la proposizione del reclamo avverso il decreto del giudice, che risolve le difficoltà emerse avverso gli atti del notaio delegato. L art. 591 ter- Ricorso al giudice dell esecuzione. Quando, nel corso delle operazioni di vendita, insorgono difficoltà, il professionista delegato può rivolgersi al giudice dell esecuzione, il quale provvede con decreto. Le parti e gli interessati possono proporre reclamo avverso il predetto decreto nonché avverso gli atti del professionista delegato con ricorso allo stesso giudice, il quale provvede con ordinanza; il ricorso non sospende 9 di 13

10 le operazioni di vendita salvo che il giudice, concorrendo gravi motivi, disponga la sospensione. Restano ferme le disposizioni di cui all art 617. Qualora oggetto dell espropriazione siano navi ed aerei, la relativa procedura è contemplata all interno del codice della navigazione, ed è assimilabile alla disciplina generale, salvo la forma che l opposizione deve assumere e la competenza. Anche per l esecuzione forzata in materia di brevetti, la disciplina ricalca quella generale, ad eccezione dei criteri per l individuazione della competenza territoriale. Infine, analizziamo i provvedimenti adottati dal giudice, in materia di differimento e graduazione degli sfratti ed il provvedimento di fissazione della data del rilascio ex art. 56 legge n. 392/78, che sebbene non contemplati tra gli atti prodromici all esecuzione, inserendosi nel procedimento giurisdizionale di rilascio, sono impugnabili con l opposizione agli atti esecutivi. 10 di 13

11 7 Le opposizioni in materia di lavoro L art. 618 bis Procedimento Per le materie trattate nei capi I e II del titolo IV del libro secondo, le opposizioni all esecuzione e agli atti esecutivi sono disciplinate dalle norme previste per le controversie individuali di lavoro in quanto applicabili. Resta ferma la competenza del giudice dell esecuzione nei casi previsti dal secondo comma dell art. 615 e dal secondo comma dell art. 617 nei limiti dei provvedimenti assunti con ordinanza. Il predetto articolo stabilisce che tutte le opposizioni all esecuzione ed agli atti esecutivi promosse sulla scorta di un titolo esecutivo, rappresentato da un provvedimento giurisdizionale emesso dal giudice del lavoro, o su un credito da lavoro, rientrano nella competenza del giudice del lavoro, indipendentemente dal valore. Il giudizio, inoltre, soggiace alla disciplina prevista per il processo del lavoro, infatti, terminata la fase istruttoria il giudice pronuncia la sentenza dando lettura del dispositivo in udienza. Tali opposizioni se promosse prima dell inizio dell esecuzione, devono avere la forma del ricorso ex art. 414 c.p.c., che deve essere depositato in cancelleria, e successivamente alla fissazione della data di comparizione, ad opera del giudice, notificato alla controparte. L opposizione all esecuzione o agli atti esecutivi in materia di lavoro, promossa dopo l inizio dell esecuzione, si propone con ricorso al giudice dell esecuzione. Dal punto di vista del regime impugnatorio, la disciplina applicabile è sempre quella inerente le cause di lavoro, tranne per le opposizioni agli atti esecutivi, per le quali vigono le norme speciali. Ed infatti, anche avverso le sentenze in materia di lavoro, emesse sull opposizione agli atti esecutivi, non possono essere impugnate con l appello. Si sottolinea, inoltre, che precetto con il quale si ingiunge l ordine di reintegrazione del lavoratore nelle specifiche mansioni, deve considerarsi nullo, poiché si tratta di una prestazione non suscettibile di esecuzione specifica. Pertanto, l eventuale opposizione all esecuzione proposta, deve essere accolta, non potendo far rientrare all interno di un atto di precetto degli obblighi incoercibili. 11 di 13

12 8 Le opposizioni di terzo La disciplina dell opposizione di terzo è prevista dagli artt. 619, 620 e 621 c.p.c. ed ha lo scopo di accertare l illegittimità dell esecuzione intrapresa nei confronti di un terzo, in relazione all oggetto dell azione. L effetto sarà, dunque, quello di sospendere l azione esecutiva, eliminando gli effetti degli atti già compiuti, o quantomeno di restringerne la portata. Per «terzo opponente» si intende un soggetto estraneo al processo esecutivo, che può anche essere legato da rapporti di parentela con il debitore esecutato, il quale sostenga di essere titolare di un diritto di proprietà sul bene, o di altro diritto da preferirsi rispetto a quello del creditore. Su questo aspetto è intervenuta la Corte Costituzionale con la sentenza del 12 dicembre 1967 n. 143 ha dichiarato l illegittimità costituzionale dell art. 622 c.p.c., all interno del quale si negava espressamente alla moglie convivente, ma non al marito nella medesima condizione, il diritto di proporre opposizione al pignoramento di beni mobili di sua proprietà, presenti nella casa coniugale. L opposizione di terzo si propone con ricorso al giudice dell esecuzione, ovviamente, solo dopo che l esecuzione sia iniziata. Altro aspetto rilevante è costituito dal fatto che nel giudizio di opposizione può essere formulata dall opponente la domanda di risarcimento del danno, a seguito della vendita del bene pignorato; nonché l accertamento della responsabilità ex art c.c. contro il creditore procedente 6. La sentenza che decide sull opposizione può accoglierla e per l effetto dichiarare l inesistenza del diritto di procedere ad esecuzione sul bene, e la conseguente invalidità del pignoramento, oppure accoglierla parzialmente e statuire l invalidità del pignoramento limitatamente ai beni o alla quota del bene di cui il debitore non è titolare. Il terzo, però, per poter dimostrare il suo diritto vantato sui beni pignorati, ha a disposizione un numero limitato di mezzi di prova. L art. 621 c.p.c. nega espressamente di poter utilizzare la prova per testimoni, mentre gli riconosce la dimostrazione con scrittura privata avente data certa anteriore 6 Cfr. Art c.p.c. Evizione: L acquirente della cosa espropriata, se ne subisce l evizione, può ripetere il prezzo non ancora distribuito, dedotte le spese, e, se la distribuzione è già avvenuta, può ripeterne da ciascun creditore la parte che ha riscossa e dal debitore l eventuale residuo, salva la responsabilità del creditore procedente per i danni e per le spese. Se l evizione è soltanto parziale, l acquirente ha diritto di ripetere una parte proporzionale del prezzo. La ripetizione ha luogo anche se l aggiudicatario, per evitare l evizione, ha pagato una somma di denaro. In ogni caso l acquirente non può ripetere il prezzo nei confronti dei creditori privilegiati o ipotecari ai quali la causa di evizione non era opponibile. 12 di 13

13 al pignoramento, e che tali beni si trovavano presso il debitore per un titolo diverso da quello di proprietà. Ed esempio, documenti che vengono considerati idonei a provare l acquisto possono essere una fattura, libri e scritture sociali; mentre non sono considerati tali un contratto di locazione, un atto di donazione se dagli stessi non è possibile desumere la proprietà del locatore o del donante, in maniera certa, oppure una scrittura privata registrata, ma non autenticata. La Corte Costituzionale si è pronunciata, inoltre, sulla sollevata questione di legittimità costituzionale dell art. 621 c.p.c. nella parte in cui non consente al terzo opponente di provare con testimoni il suo diritto sui beni mobili pignorati nella casa del debitore, quando tale diritto sia reso verosimile dalla qualità, posseduta dall opponente di genitore convivente con il debitore, per asserito contrasto con gli artt. 3 e 24 Cost., ritenendola manifestamente infondata. Ebbene, la norma facendo derivare dall ubicazione dei beni pignorati una presunzione di appartenenza al debitore, vincibile nei soli limiti in cui l esistenza del diritto dell opponente sia resa verosimile dalla professione o dal commercio esercitati dal terzo o dal debitore, ha lo scopo di garantire la tutela dei diritti dei creditori, avverso simulazioni fraudolente, in funzione della quale si giustificano razionalmente le limitazioni imposte ai contrapposti interessi dei terzi opponenti 7. 7 Cfr. Cort. Cost. sent. n. 233 del 31 ottobre di 13

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

L OPPOSIZIONE ALL ESECUZIONE

L OPPOSIZIONE ALL ESECUZIONE LE OPPOSIZIONI ALL'ESECUZIONE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 L OPPOSIZIONE ALL ESECUZIONE ---------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE PARTI DELL OPPOSIZIONE

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

Breve sintesi delle più significative novità nel processo di esecuzione.

Breve sintesi delle più significative novità nel processo di esecuzione. Breve sintesi delle più significative novità nel processo di esecuzione. La riforma del processo esecutivo assorbe in maniera prevalente l intervento di riforma del processo civile con le leggi che si

Dettagli

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 491 Prefazione... p. 9 Capitolo I IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 1. Premessa...» 11 2. Il titolo esecutivo, definizione e funzione (art. 474 c.p.c.)...» 11 2.1 Contenuto del titolo esecutivo...» 12

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE CORSO DI FORMAZIONE La Riforma della Legge Fallimentare nei suoi aspetti pratici 3 a giornata Venerdì 19 Maggio 2006 Esercitazioni

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare trattiamo della vendita con incanto.

A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare trattiamo della vendita con incanto. LE ESECUZIONI IMMOBILIARI dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare Parte speciale II A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento

Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento Una corsa contro il tempo per decidere in tre gradi (più uno) i ricorsi contro il licenziamento di Pierluigi Rausei * La Sezione III del Capo III del DDL, contenente gli artt. da 16 a 21 del DDL, è interamente

Dettagli

Controversie relative al licenziamento: applicabilità del rito Fornero

Controversie relative al licenziamento: applicabilità del rito Fornero Controversie relative al licenziamento: applicabilità del rito Fornero A cura di CDL Roberto Cristofaro Lo speciale rito Fornero è istituito dalla riforma del lavoro per l utilizzo nelle controversie relative

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi

CONNESSIONE * * * CONNESSIONE SOGGETTIVA. riguarda i soggetti connessione tenue identità di soggetti e diversi di petitum e causa petendi CONNESSIONE cosa è? obiettivo Relazione tra rapporti giuridici oggetto di domande diverse Elemento in comune persone petitum causa petendi Non vi è identità, neppure parziale assicurare il simultaneus

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c.

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c. INDICE - SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) 1. Il titolo esecutivo... Pag. 1 CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c.) 1. Il precetto... Pag.

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI...

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI... Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 24.9.2015 La Nuova Procedura Civile, 3, 2015 Editrice ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE CONTRO IL TERZO PROPRETARIO

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO I PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI D AUTORITÀ, COMMISSIONI

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... xv Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI 1.1. L espropriazione in generale e l espropriazione persso terzi........ 2 1.2. Premesse

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI 1 A R T. 2 6 D. P. R. 6 3 3 / 1 9 7 2 C O N D I Z I O N I T E R M I N I E M O N I T O R A G G I O W O R K S H O P GISI 8 O T T O B R E 2 0 1 4 Dott. Bellavite Pellegrini

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

INDICE. CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c.

INDICE. CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c. INDICE CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) 1. Il titolo esecutivo... Pag. 1 CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c.) 1. Il precetto... Pag. 21 2. L

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione...

INDICE SOMMARIO. Introduzione... SOMMARIO Introduzione... XV CAPITOLO 1 LA FORMA DEL PIGNORAMENTO 1. Come si articola la disciplina di riferimento... 2 2. Alcune osservazioni sul dato positivo... 5 3. L atto di pignoramento presso terzi...

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

IL FONDO P ATRIMONIALE. di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio

IL FONDO P ATRIMONIALE. di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio IL FONDO P ATRIMONIALE di Daniela Di Gravio dott.ssa in economia e commercio 1 - Inquadramento giuridico del fondo patrimoniale Il fondo patrimoniale è disciplinato dagli artt. 167-171 del codice civile,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Appello contro il decreto di approvazione o di reiezione del Concordatoù L appello è previsto e disciplinato dall art 183 LF che non è stato modificato dalla riforma. Esso stabilisce che: contro la sentenza

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA. nella persona del giudice unico Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO - SEZIONE TERZA nella persona del giudice unico Dott. Manuela MASSENZ ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

Capitolo VII L ESPROPRIAZIONE PRESSO TERZI

Capitolo VII L ESPROPRIAZIONE PRESSO TERZI Capitolo VII L ESPROPRIAZIONE PRESSO TERZI Rilievi introduttivi Oggetto dell'espropriazione presso terzi possono essere beni mobili o crediti appartenenti al debitore; i beni immobili di proprietà esclusiva

Dettagli

RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA RECENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE IN MATERIA ESECUTIVA

RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA RECENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE IN MATERIA ESECUTIVA RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA RECENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE IN MATERIA ESECUTIVA INDICE: 1) CONTRATTI DI MUTUO FONDIARIO RISOLUZIONE E COMPUTO DEGLI INTERESSI 2) TITOLO ESECUTIVO a) interpretazione

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Roma, 12 aprile 2012. Prot. n. 2012/55377. OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative CIRCOLARE N.12/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 aprile 2012 Prot. n. 2012/55377 OGGETTO: Contenzioso tributario - Giudizi concernenti atti della riscossione - Istruzioni operative

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 CORPUS IURIS FISCALIS Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 RISOLUZIONE DEL 17/01/2006 N. 10 Oggetto: Istanza d interpello - Curatela del Fallimento Immobiliare X S.r.L. Procedura esecutiva

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA

TRIBUNALE DI BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO DI AUTOVEICOLO EX. ART. 521 BIS C.P.C. Il Sig. (creditore) nato a. il.. e residente in...., via.. n.. C.F.. elettivamente domiciliato in Bologna via.. n, presso

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE

CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE 1. Inquadramento del problema della giurisdizione 2. Evoluzione storica dei criteri di riparto della giurisdizione e quadro normativo di riferimento 2.1 La legge

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO Con ricorso per decreto ingiuntivo del 2 agosto 2011, la Banca (Omissis) deduceva di avere sottoscritto

Dettagli

Inesistenza del titolo esecutivo e acquisto dell immobile pignorato dal terzo in buona fede nella procedura espropriativa Avv.

Inesistenza del titolo esecutivo e acquisto dell immobile pignorato dal terzo in buona fede nella procedura espropriativa Avv. Inesistenza del titolo esecutivo e acquisto dell immobile pignorato dal terzo in buona fede nella procedura espropriativa Avv. Mario Pisano Filodiritto.it È controverso in giurisprudenza e in dottrina

Dettagli

Indice sommario Capitolo 1 La domanda

Indice sommario Capitolo 1 La domanda Indice sommario Presentazione............................................. V Struttura e contenuto dell opera................................... XV Abbreviazioni e riferimenti.....................................

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

SOMMARIO PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE

SOMMARIO PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE SOMMARIO Prefazione pag. 1 PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE CAPITOLO PRIMO FASE STRAGIUDIZIALE pag. 5 1. Aspetti preliminari pag. 7 F.1 Lettera di richiesta di certificato di residenza

Dettagli

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Il Sig., nato a il, (c.f.: ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio dell Avv. (c.f.: pec: - fax ) che lo rappresenta e difende

Dettagli

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale:

Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Infiltrazioni di acqua dalla terrazza di copertura del fabbricato condominiale: Anche se di proprietà esclusiva risponde il condominio in persona dell amministratore L art. 1126 cod. civ. Lastrici solari

Dettagli

N O T I F I C A. Nel corso del procedimento, nel procedimento cautelare

N O T I F I C A. Nel corso del procedimento, nel procedimento cautelare Dopo la costituzione in giudizio tutte le notificazioni e le comunicazioni si fanno al procuratore costituito, salvo che la legge disponga altrimenti. E sufficiente la consegna di una sola copia dell atto,

Dettagli

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca La fase introduttiva del processo Contenuto e forma dell atto di pignoramento Art. 492 cod. proc. civ. Corte di Cassazione n.

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162 Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E TELECOM ITALIA LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l.

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5

Diritti di avvocato. Pagina 1 di 5 TABELLA B - DIRITTI DI AVVOCATO (redatta dall'autore) I - PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: La sospensione feriale dei termini processuali Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, come ogni anno, anche questa estate la giustizia

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1

Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1 Parte I Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1 Capitolo I Dal divieto di vendita forzata della quota alla riforma del 2005...» 3 1.1. Premessa:

Dettagli

L OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

L OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO L OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO L opposizione a decreto ingiuntivo dà luogo ad un ordinario giudizio di cognizione, in cui il giudice non deve limitarsi a stabilire se l ingiunzione è stata emessa legittimamente

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE Strumento non giurisdizionale di risoluzione delle controversie mediazione > attività svolta per raggiungere un accordo tra le parti conciliazione > il risultato di siffatta

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale (fac-simile predisposto dal consiglio nazionale forense)... 3 2. Dichiarazione

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 34/2011 TITOLO 1.10.21/82 LEGISLATURA IX Il giorno 8 settembre 2011 si è riunito nella sede di Viale

Dettagli

INDICE SOMMARIO LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO I DEL TITOLO ESECUTIVO E DEL PRECETTO

INDICE SOMMARIO LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO I DEL TITOLO ESECUTIVO E DEL PRECETTO INDICE SOMMARIO Presentazione.......................................... Gli autori............................................ Abbreviazioni delle principali riviste............................. V VII

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it Nota a Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, sentenza 22 gennaio 2013, n.

www.ildirittoamministrativo.it Nota a Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, sentenza 22 gennaio 2013, n. Nota a Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, sentenza 22 gennaio 2013, n. 20 a cura di Francesco Lo Gerfo Ammissibilità del giudizio di ottemperanza in relazione ad ordinanze

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE INDICE SISTEMATICO pag. Prefazione alla dodicesima edizione....................... v CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO PRIMO Del titolo esecutivo e del precetto ART.

Dettagli

-------- Le esecuzioni immobiliari dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare

-------- Le esecuzioni immobiliari dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare LE ESECUZIONI IMMOBILIARI dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare Il processo civile e per ciò che è di nostro interesse, quello esecutivo sono stati riformati da

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. 487 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX Determinazione dirigenziale n. 7 del 3 ottobre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., Norme

Dettagli

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Nell ambito di un giudizio svoltosi in Belgio, Tizio ottiene l annullamento di un titolo di credito emesso in favore di Caio, suo

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TORINO Sezione Terza Civile SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TORINO Sezione Terza Civile SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TORINO Sezione Terza Civile in funzione di Giudice di Appello in composizione monocratica ha pronunciato la seguente: SENTENZA nella causa

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE APPLICABILI NEI CASI DI VIOLAZIONI RELATIVE AL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO ART.1

Dettagli

PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI

PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI PROCESSO TRIBUTARIO NUOVI TERMINI La riforma del processo civile (Legge n. 69 del 18 giugno 2009, in S.O. n. 95/L alla G.U. del 19 giugno 2009 n. 140), entrata in vigore sabato 04 luglio 2009, ha modificato

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 7 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 7.1 Quale contenuto ha l elaborato peritale e quali controlli sono demandati alle parti? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice, prima

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONTRIBUTO UNIFICATO PER I GIUDIZI IN MATERIA CIVILE, DI LAVORO, AMMINISTRATIVA E TRIBUTARIA SCHEMA IMPORTI DOVUTI AL 27 Ottobre 2014 ATTENZIONE: 1. La presente Tabella non può ritenersi esaustiva di tutte

Dettagli

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro.

La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. La competenza funzionale nei giudizi riguardanti l accertamento della natura subordinata del rapporto di lavoro. Sovente, i lavoratori autonomi (agenti, collaboratori a progetto, consulenti ecc.) che intendono

Dettagli

Diritto Processuale Civile. Il procedimento Cautelare

Diritto Processuale Civile. Il procedimento Cautelare Diritto Processuale Civile Il procedimento Cautelare L attività cautelare ha una funzione non autonoma, ma strumentale rispetto alla cognizione e all esecuzione. Non ha caratteri strutturali specifici.

Dettagli