REGOLAMENTO. Il Convittore: rende conto al Dirigente e agli Educatori del suo comportamento disciplinare e scolastico;

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO. Il Convittore: rende conto al Dirigente e agli Educatori del suo comportamento disciplinare e scolastico;"

Transcript

1 REGOLAMENTO L Educandato è un Istituzione deputata alla promozione educativa, culturale,ricreativa e al perseguimento del benessere psicofisico del Discente. Per favorire queste finalità, è indispensabile il rispetto di norme che permettano la vita di ogni singolo individuo all interno della comunità educante. Il Convittore: rende conto al Dirigente e agli Educatori del suo comportamento disciplinare e scolastico; rispetta le indicazioni degli Educatori, le regole di convivenza democratica e usa modi cortesi verso tutto il personale in servizio nell Istituto; osserva l orario delle attività interne, in particolare per quanto riguarda le ore da dedicare allo studio; cura, con la massima scrupolosità, l igiene della propria persona, la pulizia e l ordine della propria camera, il rispetto dei locali dell Educandato; frequenta regolarmente l attività scolastica e assolve assiduamente gli impegni quotidiani di studio; utilizza correttamente le strutture, le apparecchiature e gli strumenti della scuola, senza arrecare danni al patrimonio dell Educandato, all integrità personale o a beni di altri convittori; condivide con il personale dell Educandato la responsabilità di rendere accogliente e decoroso il proprio ambiente, impegnandosi ad averne cura; informa l Educatore di qualsiasi suo spostamento, dentro e fuori l Educandato; deve avere rispetto, anche formale, lo stesso che chiede per sé, a qualsiasi operatore. In caso di sospensione per infrazione al regolamento e/o danneggiamento il Convittore non sarà riammesso l anno successivo. Le richieste d iscrizione al convitto da parte di studenti maggiorenni e/o frequentanti scuole esterne all Educandato saranno valutate caso per caso. 1

2 ORARI GIORNALIERI 7.00 Sveglia - ogni Convittore è tenuto ad alzarsi subito senza indugiare e senza costringere l Educatore a ripetuti richiami, deve rifare il letto, lasciare puliti i servizi igienici, riordinare la propria camera, i propri indumenti, gli effetti personali e ad arieggiare la stanza lasciando la finestra aperta anche d inverno Colazione - i Convittori, scendono in sala mensa per la colazione tutti insieme. Per coloro che frequentano scuole esterne è consentito scendere in anticipo. 7.45/ Inizio attività scolastica: tutti i Convittori devono recarsi nelle rispettive classi ed essere presenti in aula al suono della campana Pranzo - i Convittori che frequentano Istituti esterni rientrano per il pranzo segnalando la propria presenza all Educatore del reparto. I Convittori frequentanti le scuole Annesse all Educandato si recheranno a pranzo con la propria classe. È vietato entrare nel reparto durante la pausa pranzo Studio - i Convittori che non frequentano il semiconvitto sono tenuti a svolgere attività di studio nella propria stanza, da soli o se necessario con il supporto del personale Educativo. Si raccomanda il rispetto del silenzio Merenda - tutti i Convittori scendono in sala mensa per la merenda. La permanenza in stanza è possibile solo nel caso in cui sia presente un Educatore in reparto Studio si prosegue con le attività di studio, rispettando il silenzio Cena - tutti i Convittori scendono insieme in sala mensa per la cena. Si raccomanda di accedere in sala con un abbigliamento consono e dignitoso (evitando l utilizzo di ciabatte, pantaloni particolarmente corti e qualsiasi dispositivo elettronico cellulari e i-pod). 20: Momento ricreativo - i Convittori possono frequentare le varie proposte ricreative, se hanno completato tutto il lavoro didattico e le attività di studio per il giorno successivo; finita la cena devono informare il proprio Educatore di riferimento, della loro partecipazione al tipo di attività programmata :00 Doccia e preparazione per la notte entro le 22:00 tutti i Convittori devono essere rientrati in reparto, vengono spente le luci in corridoio. Si raccomanda di fare la doccia e di usare il phon entro le 22:00. Chi deve ultimare l attività di studio può farlo nella propria stanza, da solo e in assoluto silenzio per non disturbare il sonno agli altri. È auspicabile comunque che alle 23:00 tutti siano a letto per garantire a se stessi un adeguato riposo per affrontare gli impegni del giorno successivo. 2

3 DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE Divieto di fumo: nel rispetto della normativa vigente è assolutamente VIETATO FUMARE in qualsiasi luogo dell Educandato compresi gli spazi esterni. Tale divieto è esteso a tutti. Divieto assoluto di assunzione o detenzione di bevande alcoliche e sostanze stupefacenti: è severamente vietato il consumo di bevande alcoliche, e di sostanze stupefacenti. La Direzione effettuerà controlli periodici nelle camere e negli armadi dei Convittori alla presenza degli stessi e degli Educatori del reparto e segnalerà alle autorità competenti i convittori nelle cui stanze siano rinvenibili indizi del possesso di sostanze illegali. Divieto di accesso ai piani e alle camere dei Convittori: si ricorda a tutte le famiglie che non è consentito ai genitori o a parenti accedere liberamente nei reparti e nelle camere dei Convittori fatto salvo il giorno dell accoglienza. Durante l anno scolastico può essere concesso l ingresso ai genitori, ma in orario consono e, limitatamente a particolari esigenze,(non certo per il riordino o il cambio lenzuola) e previa autorizzazione dell Educatore in servizio. Guardaroba: i Convittori, con il permesso dei rispettivi Educatori, possono recarsi in guardaroba, durante gli orari consentiti, per ritirare i propri indumenti personali avendo cura di usare sempre rispetto e cortesia con il personale in servizio. Tutti i capi di vestiario dovranno essere singolarmente numerati, mentre per evitare spiacevoli inconvenienti, è vivamente consigliato di effettuare personalmente il lavaggio di eventuali capi particolarmente delicati. Pulizia personale e abbigliamento: i Convittori sono tenuti a curare la propria igiene personale (doccia quotidiana) e a indossare sempre un abbigliamento adeguato e dignitoso, tale da garantire un aspetto decoroso e consono all Istituzione Educativa.. Pulizia e ordine della camera: per la pulizia delle camere sono preposte persone addette a tale funzione, ed affinché le stesse riescano ad espletare il loro lavoro è richiesto ai Convittori di mantenere il massimo ordine nel disporre i propri indumenti e gli effetti personali. Si raccomanda il cambio settimanale delle lenzuola. Qualora tale condizione non venga rigorosamente osservata, gli stessi convittori saranno ritenuti direttamente responsabili della mancata pulizia della propria stanza. Camere: nel ricordare a tutti che non è consentito portare in Educandato oggetti di valore o ingenti somme di denaro, si ribadisce che l Istituto, pur cercando di prevenire gli eventuali furti con ogni strumento in suo possesso, declina qualsiasi responsabilità riguardo a eventuali smarrimenti di oggetti o ammanchi di denaro non adeguatamente custoditi. A ogni buon conto, la Direzione si riserva inoltre la possibilità di effettuare controlli nelle camere e negli armadi dei convittori alla presenza degli stessi e degli Educatori del reparto. Responsabilità per danni: ogni convittore deve aver cura della propria camera e di tutto l arredo. Non si possono spostare i mobili senza autorizzazione; è vietato unire i letti e dormire in stanze diverse dalla propria, assegnata dalla Direzione all inizio dell anno scolastico. Non è consentito 3

4 l uso di fornelli, candele e di incensi. Si raccomanda di utilizzare le apposite assicelle per appendere poster o fotografie. Chi procura danni volontariamente o per grave negligenza ai beni altrui o dell Educandato è tenuto a risarcire integralmente il danno e sarà oggetto di una sanzione disciplinare in relazione alla volontarietà ed all entità del danno provocato, che potrà anche essere la sospensione dall Educandato. Permanenza in camera: ai Convittori non è consentito permanere nei locali adibiti alla dormizione durante l orario delle lezioni, se non per motivi di salute documentati e accertati dal personale medico. Il Convittore che si assenta dalle lezioni per motivi di salute dovrà rinunciare alla libera uscita pomeridiana e a tutte le attività fuori dall istituto. Libretto personale: le giustificazioni delle assenze possono essere firmate soltanto dai delegati del Dirigente Scolastico e dai genitori, per nessun motivo dagli Educatori né dagli stessi Convittori anche se maggiorenni. Uso del televisore: l uso del televisore è consentito solo nell aula comune nei momenti di ricreazione e a basso volume. I programmi TV saranno concordati con il personale Educativo, che ne vaglierà di volta in volta l idoneità in relazione all età dei Convittori. Uso dello stereo: la musica deve essere sempre ascoltata con gli auricolari e a volume basso. Uso del telefono: si raccomanda un uso discreto e moderato del telefono cellulare che, comunque, non potrà essere tenuto acceso nei periodi di studio e durante i pasti. Dopo le ore tutti i telefoni cellulari devono essere rigorosamente mantenuti in modalità silenziosa e spenti prima di andare a letto. Rispetto del silenzio durante lo studio: poiché il compito primo della comunità educante è la crescita culturale e personale del singolo individuo, si sottolinea l importanza di attenersi ad un comportamento rispettoso del silenzio durante lo studio, evitando di uscire continuamente dalla propria stanza, di sbattere le porte, rammentando che lo studio è primariamente un atto individuale. Uso di medicinali: l Educandato garantisce l assistenza sanitaria di un medico e di un infermiera, che si prendono cura della salute dei Convittori attivando i primi interventi in caso di malattia. Non è consentito fare un uso improprio dei farmaci. Chi segue una terapia farmacologica deve avere con sé una copia della prescrizione medica e dovrà segnalarlo sulla scheda sanitaria all atto dell iscrizione; anche eventuali allergie o intolleranze alimentari devono essere documentate con certificato medico e segnalate sulla scheda. Sarà compito della Direzione predisporre una dieta adeguata. Le visite: sono consentite durante la ricreazione pomeridiana, nell atrio dell Educandato, tutti i giorni dalle ore 17:00 alle ore 18:00. Ogni convittore avrà una scheda valutativa in cui verranno registrati ritardi, intemperanze, danneggiamenti, comportamenti non consoni alla vita convittuale che verrà periodicamente inviata ai genitori. 4

5 USCITE DAL CONVITTO I Convittori possono usufruire di permessi di uscita, previa autorizzazione dei genitori o chi ne fa le veci, a condizione che sia stata depositata all inizio di ogni anno scolastico un autorizzazione specifica da parte degli stessi, (ad es. il convittore maggiorenne) sollevando la Direzione e il personale Educativo da ogni responsabilità. I permessi di uscita sono sempre subordinati all avvenuto rispetto delle regole convittuali (comportamento, impegno nello studio e rendimento scolastico), pertanto possono essere revocati dalla direzione e/o dal responsabile del convitto in qualsiasi momento. L Educandato prevede la seguente tipologia di uscite: Permessi Temporanei per uscite straordinarie; Permessi Permanenti per le uscite durante tutto l anno scolastico (es. rientri in famiglia il venerdì pomeriggio o le uscite per attività sportiva). Per i Convittori frequentanti la Secondaria di Primo grado (entro i 14 anni compiuti) l uscita è prevista solo se accompagnati dal personale Educativo o dai genitori o comunque da adulti delegati dalla famiglia. Per i Convittori fino ai 16 anni sono previste 3 uscite alla settimana (dal lunedì al venerdì) per un massimo di 3 ore ciascuna (anche frazionabili in due momenti separati) con rientro obbligatorio entro le ore Per i Convittori che superano i 16 anni sono previste 3 uscite alla settimana (dal lunedì al venerdì) per un massimo di 3 ore ciascuna (anche frazionabili in due momenti separati) con rientro entro le ore Si precisa che la somma dei permessi di uscita temporanei e permanenti (dal lunedì al venerdì) non deve essere superiore ai tre giorni alla settimana e la durata non deve superare le tre ore giornaliere. Per i Convittori che si fermano in Convitto il fine settimana sono previste uscite pari a 6 ore il sabato e 6 ore la domenica (anche frazionabili in due momenti separati). Sarà possibile cumulare le due uscite in una unica di 12 ore nello stesso giorno previa autorizzazione da parte del referente da richiedere entro le ore 16 del venerdì. Per i Convittori che si fermano in Convitto il fine settimana è previsto solo nei giorni di venerdì e di sabato il rientro alle se con età oltre i 16 anni, alle per i minori di 16 anni. I Convittori che escono con permesso sono tenuti a registrare tutte le uscite e le relative entrate, utilizzando l apposito badge personale, presso la portineria dell Educandato che ne effettuerà anche il riconoscimento. Si ricorda che non è consentito usufruire di permessi di uscita da parte di coloro che rientrano in Convitto nella giornata di domenica. 5

6 Tutti i permessi di uscita vanno presentati per iscritto alla Direzione, personalmente dai genitori o da chi ne fa le veci o tramite telefax al numero , dal lunedì al venerdì entro le ore 16, pertanto non verranno accettate richieste di permesso d uscita presentate dopo tale orario o adottando le vie brevi (verbali e telefono). Le richieste di uscita del fine settimana devono essere presentate entro le ore 16 del venerdì. I Convittori maggiorenni, e regolarmente autorizzati dai genitori a firmarsi i permessi di uscita, sono tenuti a seguire le stesse modalità e tempistica. Qualora un Convittore, a seguito di un permesso di uscita, non rientri in Educandato nell orario convenuto, in assenza di qualsiasi tempestivo avviso di probabile ritardo, l Educatore dopo aver verbalizzato nell apposito modulo il mancato rientro ed avvertito il Responsabile del Convitto, segnalerà il fatto alla famiglia contattandola telefonicamente. In caso di reiterati ritardi si potrà essere sospesi dalla frequenza. I convittori che usufruiscono di autorizzazione al pernottamento fuori dall Istituto non possono rientrare in Convitto prima della data e dell orario indicato sulla richiesta di permesso. I permessi di uscita permanenti non devono essere generici, ma bensì specificare i giorni della settimana e la fascia oraria in cui si intende uscire. 6

7 NORME DISCIPLINARI I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa, tendono al rafforzamento del senso di responsabilità, al ripristino di rapporti corretti all interno della comunità convittuale, e si ispirano ai principi di gradualità, proporzionalità e giustizia. Se si osservano le norme del presente Regolamento e si mantiene un comportamento rispettoso verso la figura degli Educatori e di tutto il personale operante presso la struttura convittuale, non sarà necessario ricorrere alle sanzioni previste. 1.Divieti: non fumare come indicato dalla normativa vigente; non alzare la voce nelle conversazioni; non mancare ai propri doveri di diligenza e puntualità; non allontanarsi dai locali del reparto senza autorizzazione dell Educatore; non riunirsi a gruppi nelle camere senza l autorizzazione dell Educatore; non indossare abbigliamenti non consoni all ambiente comunitario-convittuale; non chiudersi a chiave all interno della propria camera; non detenere alcolici o derrate alimentari deperibili in camera; non detenere ed utilizzare fornelli elettrici o a gas; non detenere coltelli o altri oggetti atti ad offendere ; non detenere e divulgare materiale cartaceo o film inadeguati al luogo; non assumere atteggiamenti irriguardosi nei confronti di compagni, Educatori o altri operatori dell Educandato; non violare le norme di sicurezza; non introdurre all interno dell Educandato alimenti non confezionati (pizza, kebab, panini); non ordinare cibi dall esterno (pizza, kebab, panini); non correre sulle scale e nei corridoi durante gli spostamenti. 2. Mancanze gravi a) Sospensione da 1 a 15 giorni Mancanza di rispetto nei confronti di Educatori, Docenti e personale ATA. Turpiloquio, ingiurie, offese o molestie a compagni o a personale operante nell Istituto. Offese gravi alla dignità delle persone. Comportamenti scorretti durante le uscite programmate: allontanamento non autorizzato dal gruppo e dagli accompagnatori; danni arrecati ad immobili e ai mezzi di trasporto utilizzati. Assenza arbitraria dalle lezioni scolastiche e/o falsificazione della firma di giustificazione. Allontanamento non autorizzato dall Istituto Educativo. Assunzione di cibi e bevande in situazioni ed orari non autorizzati. Atti di aggressività verso i compagni. Comportamenti che offendano il comune senso del pudore. b) Sospensione a tempo indeterminato Danneggiamento delle superfici esterne ed interne. Sottrazione, appropriazione, occultamento o danneggiamento di beni appartenenti all Educandato. Danno ai beni mobili o immobili dell Istituto e delle aree esterne. 7

8 Appropriazione, occultamento e danneggiamento di oggetti di proprietà altrui. Non osservanza delle misure di sicurezza. Furto o danneggiamento volontario di oggetti di proprietà altrui. Consumo e/o diffusione di sostanze alcoliche. Uso o spaccio di sostanze stupefacenti. Comportamenti che determinano altre violazioni di leggi, regolamenti, ordini per i quali sia prevista dall ordinamento una sanzione penale o amministrativa, ovvero responsabilità civile per colpa e dolo, che possano inoltre determinare turbamento all interno della Comunità Educativa. SANZIONI Le sanzioni disciplinari applicabili ai convittori in caso di violazione al presente Regolamento sono: 1. richiamo verbale. 2. privazione di una o più uscite infrasettimanali 3. ammonizione scritta con presa visione della famiglia 4. allontanamento temporaneo dal Convitto 5. allontanamento definitivo dal Convitto. Le sanzioni dei punti 4 e 5 verranno irrogate da una commissione disciplinare che verrà nominata all inizio di ogni anno scolastico, le altre dal Dirigente Scolastico o da suo delegato. SI RICORDA CHE L ISCRIZIONE ALL ANNO SUCCESSIVO SARÀ OGGETTO DI VALUTAZIONE DA PARTE DELLA DIRIGENZA. Verona, Firma per presa visione e accettazione: Il Convittore Il Genitore 8

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

CONVITTO PER SORDI DI ROMA

CONVITTO PER SORDI DI ROMA CONVITTO PER SORDI DI ROMA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 00166 ROMA - Vico lo del Casale Lumbroso, 129 06/66180021 fax 06/66180297 RMVC060009@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 1 PREMESSA Il presente regolamento, ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti)

Dettagli

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI DOVERI MANCANZE SANZIONI ORGANI COMPETENTI Ritardo oltre i 5 minuti senza giustificazione Rispetto dell orario

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Parte istituzionale Art. 1 OFFERTA FORMATIVA A novembre - dicembre, ogni Scuola programma attraverso la Commissione POF dell istituto, il Piano dell offerta formativa per l a.s.

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

CONVITTO NAZIONALE PAOLO DIACONO Polo Scolastico per le Relazioni Internazionali REGOLAMENTO DEL CONVITTO MASCHILE E FEMMINILE

CONVITTO NAZIONALE PAOLO DIACONO Polo Scolastico per le Relazioni Internazionali REGOLAMENTO DEL CONVITTO MASCHILE E FEMMINILE CONVITTO NAZIONALE PAOLO DIACONO Polo Scolastico per le Relazioni Internazionali Piazzetta Chiarottini, 8 33043 CIVIDALE DEL FRIULI (Udine) C.F. 80014900304 - Cod. Mecc. UDVC01000C Distretto Scolastico

Dettagli

REGOLAMENTO SEMICONVITTO

REGOLAMENTO SEMICONVITTO REGOLAMENTO SEMICONVITTO Il Semiconvitto è un luogo di formazione e crescita degli alunni, favorisce la socializzazione e la partecipazione alla vita comunitaria. Il presente Regolamento si ispira alla

Dettagli

Regolamento ENAIP VENETO. REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE)

Regolamento ENAIP VENETO. REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) 1 ANNO FORMATIVO 2015-2016 Il presente Regolamento è stato definito dal Collegio Formatori del Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) e dalla

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE

ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE ISTITUTO SECONDARIO DI PRIMO GRADO CAIO GIULIO CESARE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Si ricorda che il presente REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ha finalità educative per una condivisione e responsabilizzazione del

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 7 LATINA Via Bachelet n. 5-04100 LATINA - Tel. 0773/620905 - fax 0773/629059- ltic846006@istruzione.it SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MANCANZE DISCIPLINARI E CORRISPONDENTI SANZIONI Mancanze disciplinari Doveri

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 1.ORARIO SCOLASTICO L orario delle lezioni è il seguente: CORZANO LONGHENA Entrata dalle ore 8.05 alle 9.00 Entrata

Dettagli

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI Premessa: nelle situazioni in cui un allievo manca di rispetto ai docenti, al personale e ai compagni, vengono richieste scuse immediate e contemporaneamente viene

Dettagli

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato.

Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Il Regolamento di Istituto è integrato dal regolamento di disciplina di seguito riportato. Regolamento di disciplina Il nostro Regolamento di disciplina è stata elaborata sulla base dello Statuto delle

Dettagli

REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA Istituto Comprensivo di Poggio Mirteto La scuola non deve soltanto far acquisire competenze, ma deve anche trasmettere valori per formare cittadini che abbiano senso di identità,

Dettagli

REGOLAMENTO ALUNNI. I.C. MAZZINI-MODUGNO BAIC847001 Via Suppa, 7 70122 Bari Tel. 0805211367 Fax 0805752537 web http://www.icmazzinimodugnobari.

REGOLAMENTO ALUNNI. I.C. MAZZINI-MODUGNO BAIC847001 Via Suppa, 7 70122 Bari Tel. 0805211367 Fax 0805752537 web http://www.icmazzinimodugnobari. Unione Europea Fondo Sociale Europeo Fondo Europeo Sviluppo Regionale I.C. MAZZINI-MODUGNO BAIC847001 Via Suppa, 7 70122 Bari Tel. 0805211367 Fax 0805752537 web http://www.icmazzinimodugnobari.it/ NORME

Dettagli

REGOLAMENTO di DISCIPLINA

REGOLAMENTO di DISCIPLINA REGOLAMENTO di DISCIPLINA Alunni di Scuola Primaria protocollato atti scuola 369/B19_ 23 settembre 2013 Presidenza - plesso Troisi, via Gianturco 75 TELEFAX - 0815743460 Direzione Amministrativa ed uffici

Dettagli

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELSA MORANTE C.M.RMIC805003 C.F. 971980000586 Via A. Volta, 41-00153 ROMA - /Fax

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME

REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Psichiatria Area Residenzialità REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME Gentile Signore/a, nel darle il benvenuto nella nostra comunità, desideriamo fornirle alcune informazioni utili

Dettagli

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola (approvate con delibera della Giunta Comunale n. 190 del 28.09.2009) Premessa Il Comune di

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA RISTORAZIONE SCOLASTICA R E G O L A M E N T O REGOLAMENTO RISTORAZIONE SCOLASTICA - DALL ANNO SCOLASTICO 2013/2014 1 PREMESSA L ambiente scolastico, in quanto comunità

Dettagli

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO 18/08/2014 REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO PREMESSA Le norme scritte in questo documento mirano a regolare la vita interna della Scuola primaria paritaria

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione.

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. Premessa Le norme del presente regolamento si ispirano ai principi dello Statuto delle studentesse

Dettagli

Regolamento Convitto annesso

Regolamento Convitto annesso I.P.S.E.O.A. Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e dell Ospitalità Alberghiera C/da Ponticelli s.n.c. 85025 Melfi (PZ) Tel. 0972-21721 - fax 0972-252934 C.F. 93010330764 ( Foto by

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE»

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO «SOCRATE» Alla luce del nuovo Statuto delle studentesse e degli studenti promulgato con Decreto del Presidente

Dettagli

COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE

COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE COMPORTAMENTI CHE COSTITUISCONO INFRAZIONI DISCIPLINARI SANZIONI ORGANO COMPETENTE MANCATA GIUSTIFICAZIONE DEL RITARDO (PER ALMENO TRE VOLTE ) MANCATA GIUSTIFICAZIONE DELL ASSENZA (PER ALMENO TRE VOLTE)

Dettagli

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011 Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente Anno Formativo 2010-2011 La famiglia deve comunicare al C.F.P. il suo indirizzo e il suo numero telefonico, e un

Dettagli

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto Comprensivo Statale E. Fermi Via E. Fermi 400 21044 Cavaria con Premezzo (Va) Tel: 0331/212640-216284 Fax: 0331/217400 Sedi : scuole dell infanzia, primarie e secondarie 1 grado di Albizzate e

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Via Natta, 11 20151 MILANO C.F. 80122590151 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Il presente regolamento di Disciplina è stato

Dettagli

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 Circolare n. 6/15 Cesena, 12/09/2015 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 - Agli studenti e per loro tramite ai genitori E p.c.: ai Docenti dell Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA , 20060 (MI) - Segreteria: 029566167 e Fax 029567005 -Fax Fax REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art.1. La scuola in collaborazione con le famiglie, svolge un azione educativa volta a dotare gli alunni

Dettagli

Terre Comuni Società Cooperativa Sociale Convitto La Collina lacollina@terrecomuni.it. REGOLAMENTO INTERNO a.s. 2013/2014 PREMESSA

Terre Comuni Società Cooperativa Sociale Convitto La Collina lacollina@terrecomuni.it. REGOLAMENTO INTERNO a.s. 2013/2014 PREMESSA Terre Comuni Società Cooperativa Sociale Convitto La Collina lacollina@terrecomuni.it REGOLAMENTO INTERNO a.s. 2013/2014 PREMESSA Il Convitto La Collina è una struttura della Provincia Autonoma di Trento

Dettagli

ACCOGLIENZA NUOVA OSPITE

ACCOGLIENZA NUOVA OSPITE CASA DI SECONDA ACCOGLIENZA DI CARPI Via Puccini, n. 17-19 ACCOGLIENZA NUOVA OSPITE Agape di Mamma Nina Ramo ONLUS della Pia Fondazione Casa della Divina Provvidenza, Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU)

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU) Visto il D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità ; Visti i D.P.R. n. 249 del 24/6/1998 e D.P.R. n. 235 del 21/11/2007 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO Centro Territoriale Permanente per l Educazione e la Formazione in età adulta Via San Giovanni Bosco, 5-23014 DELEBIO (SO) tel.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONVITTO ANNESSO ALL I.P.S.S.A.R.T G VARNELLI DI CINGOLI

REGOLAMENTO DEL CONVITTO ANNESSO ALL I.P.S.S.A.R.T G VARNELLI DI CINGOLI I.P.S.S.A.R.T. Girolamo Varnelli Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri, della Ristorazione e Turistici 62011 CINGOLI (MC) BALCONE DELLE MARCHE Via G. Mazzini, 2 - Tel. 0733 603866-603095

Dettagli

Regolamento alunni della Scuola Primaria

Regolamento alunni della Scuola Primaria Regolamento alunni della Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO DI FICARAZZI Cortile Giallombardo - 90010 FICARAZZI La Scuola, come ogni società esistente, richiede il rispetto di regole chiare e precise

Dettagli

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo.

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo. Educandato Statale SS. Annunziata Firenze Liceo Classico Europeo - Liceo Scientifico Brocca - Liceo Linguistico Brocca 1. Vita della comunità scolastica Regolamento di Istituto La scuola è luogo di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA MENSA

REGOLAMENTO DELLA MENSA Ministero dell istruzione, università e ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI NAVE Via Brescia, 20 25075 NAVE (BS)-Tel. 0302537490 Fax 0302534680 C.F. 80051740175 Cod.Mecc.BSIC85300T e-mail icnave@provincia.brescia.it--p.e.c.

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica Art. 1 Finalità Il servizio di mensa scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze stabilite dalla legislazione

Dettagli

ITCG ArgentiA REGOLE DI COMPORTAMENTO

ITCG ArgentiA REGOLE DI COMPORTAMENTO 1) ORARIO DI LEZIONE ITCG ArgentiA REGOLE DI COMPORTAMENTO Questo è l orario delle attività didattiche fin qui seguito, fatte salve eventuali nuove disposizioni. Orario Primo Quadrimestre Secondo Quadrimestre

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono.

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono. Carate Brianza, 13 settembre 2013 Comunicazione interna n. 15 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2013-2014 1. COLLOQUI DOCENTI GENITORI

Dettagli

CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI

CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI Vi proponiamo una sintetica Guida per orientarvi tra le molteplici attività ed iniziative della nostra scuola. Naturalmente attendiamo le vostre osservazioni, le vostre

Dettagli

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO.

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale A.Moro di SERIATE Corso Roma, 37 24068 SERIATE (BG) Tel. 035.295297 Fax 035.4240539 @-mail: bgic876002@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 - 1 - INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE

ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE Delibera del 29 novembre 2011 ISTITUTO COMPRENSIVO di via COMMERCIALE Allegato al regolamento di Istituto INTERVENTI EDUCATIVI e SANZIONI Art.1 - Premesse Compito preminente della scuola è educare e formare,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438

ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 REGOLAMENTO D'ISTITUTO Premessa La Scuola è una comunità organizzata

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO "MARCO EMILIO LEPIDO" Via Premuda 34 - REGGIO EMILIA Tel. e Fax. 0522/301282-0522/300221 E-mail: segretlep@tin.it (segreteria) - Sito internet: www.iclepido.gov.it Scuola Secondaria

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO dei Comuni di Anghiari e Monterchi Tel. 0575/749269 e Fax 0575/787954-0575/789102 Via Bozia, 2 52031 ANGHIARI (AR) aree0100n@

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa:

Dettagli

Allegato 2a TABELLA SINOTTICA DEI PROVVEDIMENTI E DELLE SANZIONI DISCIPLINARI ALUNNI SCUOLA PRIMARIA DOVERI INFRAZIONI PROVVEDIMENTI

Allegato 2a TABELLA SINOTTICA DEI PROVVEDIMENTI E DELLE SANZIONI DISCIPLINARI ALUNNI SCUOLA PRIMARIA DOVERI INFRAZIONI PROVVEDIMENTI Allegato 2a TABELLA SINOTTICA DEI PROVVEDIMENTI E DELLE SANZIONI DISCIPLINARI ALUNNI SCUOLA PRIMARIA DOVERI INFRAZIONI PROVVEDIMENTI FREQUENZA REGOLARE E APPLICAZIONE ALLO STUDIO RISPETTO DELLE DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Cellatica Collebeato Viale Risorgimento, 23 25060 Cellatica (BS) Tel: 030.2770188-0302774730 - Fax: 030.2525792 C. F.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Prot. 6037 del 20/11/2014 REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Estremi approvazione: Collegio dei Docenti: Delibera n 5 del 11/11/2014 Consiglio di Istituto: Delibera n 7 del 18/11/2014 Pag. 1 Premessa Ai sensi

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E DEGLI ALUNNI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA' 4. PROCEDURA 4.1 Rilascio del diario 4.2 Assenze 4.2.1 Assenze

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (D.P.R. 21 novembre 2007 n 235) IL GENITORE/AFFIDATARIO ED IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI: PRESO ATTO - Il DPR n.249 del 24 giugno 1998 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI Le lezioni del mattino si svolgono da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30, con un intervallo dalle ore 10.20 alle ore 10.40. Le lezioni pomeridiane si svolgono

Dettagli

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI Adottato dal Commissario Straordinario con delibera n. 7 del 11/09/2015 INDICE Art. 1 - Soggetti Art. 2 Modalità

Dettagli

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII ALTAVILLA SILENTINA (SALERNO) www.icaltavilla.gov.it

Istituto Comprensivo Giovanni XXIII ALTAVILLA SILENTINA (SALERNO) www.icaltavilla.gov.it Istituto Comprensivo Giovanni XXIII ALTAVILLA SILENTINA (SALERNO) www.icaltavilla.gov.it REGOLAMENTO DELLO STUDENTE (approvato con delibera n. 31 del 05/11/2013) Premessa I regolamenti delle singole istituzioni

Dettagli

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14

Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 Regolamento docenti ANNO SCOLASTICO 2013/14 FONTI NORMATIVE Ogni docente è tenuto a rispettare quanto contenuto nel contratto di lavoro individuale, nel contratto collettivo AGIDAE, nel Progetto Educativo,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

Istituto Scolastico Paritario G. Mazzini

Istituto Scolastico Paritario G. Mazzini Istituto Scolastico Paritario G. Mazzini Liceo delle Scienze Umane opzione Economico Sociale D.D.31/8/2010 31100 TREVISO Via Noalese 17/A - Tel. 0422.230028 * Fax 0422.305135 E_mail: info@itasmazzini.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO EMANUELE ARTOM R E G O L A M E N T O anno scolastico 2009/2010 ORARIO SCOLASTICO inizio delle lezioni : lunedì, martedì e giovedì alle ore 8.20 mercoledì e venerdì alle

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO PREMESSA L'uso improprio del cellulare e di altri dispositivi elettronici di comunicazione o di intrattenimento

Dettagli

Regolamento del Convitto

Regolamento del Convitto Regolamento del Convitto Il Convitto si configura come un' Istituzione finalizzata alla promozione educativa, culturale e ricreativa. Il presente Regolamento si ispira alla Costituzione della Repubblica

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV)

Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV) Istituto Statale di Istruzione Superiore Amedeo Voltejo Obici Oderzo (TV) REGOLAMENTO di DISCIPLINA (Approvato dal consiglio d Istituto del 12/7/2012) anno scolastico 2011-2012 via Stadio, 2/a tel. 0422

Dettagli

Istituto Comprensivo Luigi Valli di Narni Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente E.D.A.

Istituto Comprensivo Luigi Valli di Narni Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente E.D.A. 1 Indice Premessa...3 Tipologia degli interventi...3 Iscrizioni...3 Accoglienza...4 Ore di ricevimento...4 Costi a carico dell'utenza...4 Frequenza delle lezioni...4 Certificazioni rilasciate...4 Smarrimenti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche

Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche Disposizioni generali per l utilizzo delle palestre scolastiche Il Comune di Giavera del Montello intende incentivare e facilitare un largo accesso alla pratica sportiva da parte dei cittadini, tanto in

Dettagli

Diritti e doveri degli studenti REGOLAMENTO

Diritti e doveri degli studenti REGOLAMENTO Diritti e doveri degli studenti REGOLAMENTO DIRITTI E DOVERI DEGLI ALUNNI SANZIONI DISCIPLINARI La Scuola è una comunità educativa dove tutti sono impegnati a creare un ambiente accogliente e rispettoso.

Dettagli

ORARIO SCOLASTICO Norme generali compiti dell insegnante

ORARIO SCOLASTICO Norme generali compiti dell insegnante REGOLAMENTO PALESTRA La palestra è l'aula più grande e frequentata di ogni scuola ed in essa vi si alternano settimanalmente tutti gli alunni per le attività curricolari ed atleti di società sportive autorizzate

Dettagli

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI

Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI Liceo STATALE - Pietro Siciliani Via Leuca, 2/L - 73100 LECCE 0832-246023 0832 246020 INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE/STUDENTI 1. Validità dell anno scolastico per la valutazione degli alunni 2. Ingressi posticipati

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE Art. 1 (Segretario Generale) Il Segretario Generale è il capo del personale. Egli, oltre ad assolvere le mansioni stabilite dallo Statuto dell Unioncamere

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (1)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (1) appendice B P.O.F. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Leonardo da Vinci Con Sezioni associate : Liceo Scientifico e Classico Via Leonardo da Vinci - 08045 Lanusei (OG) 0782/42624 42156 Fax 0782/480198 - Cod.

Dettagli

Circolare n. 61 del 26 ottobre 2012 Oggetto: REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE. Ai docenti Agli studenti e ai sigg. genitori

Circolare n. 61 del 26 ottobre 2012 Oggetto: REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE. Ai docenti Agli studenti e ai sigg. genitori Circolare n. 61 del 26 ottobre 2012 Oggetto: REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE. Ai docenti Agli studenti e ai sigg. genitori Comunico che il Consiglio di Istituto nella seduta del 23 ottobre scorso, ha

Dettagli

LICEO PΑΩLINO D AQUILEIA via Seminario, 7-34170 Gorizia scuola paritaria

LICEO PΑΩLINO D AQUILEIA via Seminario, 7-34170 Gorizia scuola paritaria Circolare n. 7 Gorizia, 19.09.2012 Destinatari: tutte le classi Oggetto: Disposizioni urgenti in materia di assenze, giustificazioni, ritardi, entrate e uscite fuori orario Per una ordinata gestione delle

Dettagli

COMUNE DI ROGENO. Provincia di Lecco

COMUNE DI ROGENO. Provincia di Lecco COMUNE DI ROGENO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CAMPO DA BEACH VOLLEY/BEACH TENNIS 1 Le presenti norme disciplinano la gestione e l uso del campo da Beach Volley/Beach tennis di Viale

Dettagli

Regolamento di Disciplina

Regolamento di Disciplina Regolamento di Disciplina Premessa Il presente regolamento di disciplina, avente come riferimenti normativi il DPR 249 del 24.06.1998 modificato ed integrato con il DPR 235 del 21.11.2007 Statuto delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI (appendice del Regolamento d Istituto)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI (appendice del Regolamento d Istituto) SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SEC I GRADO di Melara S. Pertini C. Collodi F. Rismondo Direzione e Segreteria C.F. 8002186032 Via Forlanini 32, 34139 Trieste Tel. 040-912882 / Fax 040-9148004

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena Via Lepanto 2 04100 Latina 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu ltic847002@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO FILIPPO SMALDONE SALERNO Sede 1 di Via Pio XI, 118

ISTITUTO FILIPPO SMALDONE SALERNO Sede 1 di Via Pio XI, 118 ISTITUTO FILIPPO SMALDONE SALERNO Sede 1 di Via Pio XI, 118 CENTRO DI RIABILITAZIONE PER AUDIOLESI FILIPPO SMALDONE di Salerno di Via Pio XI REGOLAMENTO D ISTITUTO A norma UNI EN ISO 9001:2008 Sede Legale:

Dettagli

Liceo Scientifico e Linguistico "Edouard Bérard"

Liceo Scientifico e Linguistico Edouard Bérard Liceo Scientifico e Linguistico "Edouard Bérard" Lycée Scientifique et Linguistique "Edouard Bérard" (D.L.P.C.S. 11-11-1946 n. 365 - D.P.R. 31-10-1975 n. 881) C.F. 80003110071 Av. du Conseil des Commis,

Dettagli

ai docenti al personale ATA

ai docenti al personale ATA Carate Brianza, 11 settembre 2015 Circolare interna n. 16 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2015-2016 1. FORME DI COMUNICAZIONE Tutte

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO

REGOLAMENTO D'ISTITUTO SCUOLA MEDIA STATALE CARLO PORTA AD ORIENTAMENTO MUSICALE Via Moisè Loria, 37 20144 MILANO - Tel. / fax 02 4224553 Cod. mecc. MIMM06900E - Codice fiscale 80171490156 e-mail: smcporta@tin.it - http://www.scuolacarloporta.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 DISPOSIZIONI ACCOGLIENZA MODELLO ORGANIZZATIVO ADOTTATO DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AI SENSI DEL D.LGS N.81-2008 Titolo I - Organi e soggetti tenuti alla regolazione e alla realizzazione della

Dettagli

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento CAPO V ALUNNI Art. 8 Norme di comportamento 1. Gli alunni sono tenuti ad avere, nei confronti del Dirigente Scolastico, dei docenti, di tutto il personale e dei compagni, un atteggiamento rispettoso della

Dettagli

CAMPING CASA DI CACCIA

CAMPING CASA DI CACCIA A. RECEPTION F. TELEFONI PUBBLICI B. MARKET BAZAR EDICOLA G. BAR - RISTORANTE - PIZZERIA C. AMBULATORIO MEDICO E. TV H. DOCCE FREDDE ROULOTTE TENDE E CAMPER D. SERVIZI HANDICAP J. SERVIZI IGIENICI - DOCCE

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DELLA VIGILANZA DEGLI ALUNNI a.s. 2015/16

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DELLA VIGILANZA DEGLI ALUNNI a.s. 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Antonio Genovesi SAIC87700C Via Domenico Amato, 2 c.a.p. 84099 SAN CIPRIANO PICENTINO (SA) Tel.e Fax 089861753 e.mail : saic87700c@istruzione.it www.icsanciprianopicentino.gov.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli