Regolamento Convitto annesso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Convitto annesso"

Transcript

1 I.P.S.E.O.A. Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e dell Ospitalità Alberghiera C/da Ponticelli s.n.c Melfi (PZ) Tel fax C.F ( Foto by Antonino) Regolamento Convitto annesso

2 Regolamento PREMESSA L Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e dell Ospitalità Alberghiera di Melfi è dotato di un Convitto che è parte integrante dell Istituto al quale è annesso secondo l art. 20 della Legge n Il Dirigente scolastico dell Istituto sovrintende anche all andamento educativo e disciplinare del Convitto, e il Collegio degli Educatori cura l organizzazione e la programmazione educativa inserita nel Piano dell Offerta Formativa. L Amministrazione del Convitto spetta al Consiglio d Istituto e alla Giunta Esecutiva per le rispettive competenze, assicurando che la relativa contabilità sia separata da quella della scuola e che tutte le entrate, ordinarie e straordinarie, con destinazione specifica, siano spese per l organizzazione delle attività educative, per migliorare l efficienza dei servizi e l accoglienza dei locali. Il Convitto, avendo finalità di sussidio educativo, formativo e scolastico, ospita gli studenti della scuola in possesso dei requisiti richiesti, per la durata dell intero anno scolastico, assicurando un ambiente idoneo alla loro crescita e svolgendo attività finalizzate alla loro formazione educativa e professionale, come stabilito nel Piano dell Offerta Formativa dell Istituto. Ammissione al Convitto Potranno usufruire del servizio tutti gli studenti dell Istituto che ne facciano richiesta, indipendentemente dalla classe frequentata. A partire dal secondo anno per l ammissione si darà precedenza ai ragazzi già iscritti l anno precedente. I genitori che desiderano iscrivere i propri figli a tempo pieno (Convitto) o a tempo parziale (Semiconvitto) dovranno inoltrare domanda su appositi moduli da consegnare alla Segreteria dell Istituto all atto della domanda di iscrizione di frequenza della scuola, insieme alla ricevuta di un versamento, a titolo cauzionale, di 100,00 (cento) per il semiconvitto, e di 150,00 (centocinquanta) per il convitto, per gli iscritti privi di attestato comunale e per quelli provenienti da fuori Regione. Per gli iscritti residenti nella Regione Basilicata e con attestato del Comune di residenza, la quota da versare come cauzione è di 100 (cento) per i convittori ed 50,00 (cinquanta) per i semiconvittori.

3 L Ammissione è concessa, in base alle richieste, entro il 30 giugno di ogni anno a tutti coloro che ne hanno i requisiti, valutati dal Dirigente scolastico, compatibilmente con l organico del personale educativo. Richieste presentate oltre tale data saranno accettate solo se non comportano aumento dell organico. Nel caso in cui le domande siano superiori ai posti disponibili, verrà stilata una graduatoria in base, nell ordine, ai seguenti criteri: Il 10% dei posti disponibili viene riservato ad alunni diversamente abili in possesso di tutte le autonomie certificate dal medico curante. Distanza del domicilio dall ubicazione dell Istituzione scolastica. Reddito familiare. Profitto scolastico per gli alunni frequentanti le classi successive alla prima. Gli studenti che si iscrivono alla prima classe non devono aver superato il 17 anno di età alla data del 31 dicembre successivo alla presentazione dell iscrizione. Anche coloro che provengono da altri Istituti e si iscrivono alla classe seconda non devono aver superato il 17 anno. Tutti i convittori e i semiconvittori saranno riconfermati per l anno successivo a condizione che: 1. Non siano incorsi in un provvedimento disciplinare che comporti l allontanamento definitivo dal Convitto; 2. Abbiano ottenuto parere favorevole dal Collegio degli Educatori, presieduto dal Dirigente scolastico, in merito al comportamento tenuto l anno precedente; 3. Abbiano ottenuto l ammissione alla classe successiva. I convittori che non hanno superato l anno scolastico precedente potranno essere riammessi solo con il parere favorevole del Collegio degli Educatori, sulla base di elementi che valutino l idoneità dell ambiente convittuale per la personalità del ragazzo o particolari problemi di salute che abbiano concorso all insuccesso scolastico. Regolamento interno

4 I convittori e i semiconvittori vengono affidati agli Educatori che svolgeranno una vigilanza continuativa e li seguiranno nella formazione scolastica ed educativa, curando anche i rapporti con gli insegnanti dell Istituto. Ogni convittore dovrà impegnarsi, nel corso dell anno scolastico, almeno in una delle attività tra quelle proposte dal Collegio degli Educatori e inserite nel POF, secondo le preferenze personali. A fine anno gli Educatori redigeranno una relazione valutativa che passeranno ai CdC di appartenenza del singolo alunno. Il Dirigente scolastico, sentito il parere degli Educatori, informa con nota scritta le famiglie sul profitto e sul comportamento di convittori e semiconvittori, qualora se ne presenti la necessità. Gli Educatori manterranno contatti frequenti con le famiglie per concordare sugli interventi educativi utili per la formazione e la crescita pisco-fisica dei ragazzi. Alla fine di ogni quadrimestre Il collegio degli Educatori redigerà una scheda valutativa per ogni convittore che sintetizzerà il comportamento del ragazzo ed eventuali sanzioni disciplinari. Ogni convittore e semiconvittore deve: Seguire le istruzioni del personale educativo ed agevolare il lavoro del personale ausiliario Mantenere un contegno decoroso sia all interno sia all esterno del Convitto. Avere massimo riguardo dei locali, utilizzare materiale e suppellettili messi a sua disposizione con la dovuta cura, essendo responsabile di tutto ciò che è in dotazione. Rimborsare le spese per riparazioni o sostituzioni del materiale danneggiato e per danni arrecati alla struttura. I danni arrecati alla struttura e agli arredi dovranno essere rimborsati dai genitori dopo che la scuola avrà comunicato l entità della spesa da rimborsare tramite versamento sul c/c della scuola, in caso di mancato versamento la somma da rimborsare sarà trattenuta sulla cauzione versata all atto dell iscrizione. Nel caso in cui la somma sia superiore alla cauzione e in assenza di rimborso dei danni, l anno scolastico successivo l alunno non sarà ammesso al Convitto. Saranno effettuati controlli periodici dei beni mobili e immobili da parte degli Educatori che ne sono gli affidatari. Attendere con cura ai propri doveri e rispettare l orario interno.

5 Osservare una corretta alimentazione consumando con regolarità tutti i pasti, evitando di consumare, per una corretta alimentazione, eccessive quantità di spuntini al di fuori degli orari stabiliti. Partecipare con impegno a tutte le attività educative programmate. Attendere allo studio con serietà e impegno. Gli Educatori, sentiti gli insegnanti delle relative classi, potranno decidere, nel caso di profitto insufficiente, di prolungare l orario da dedicare allo studio per tutti quei ragazzi che ne mostrino la necessità, anche nelle ore previste per attività ricreative o di libera uscita. Deve versare una cauzione, nell ammontare stabilito dal Consiglio d Istituto, per ripagare eventuali danni prodotti. Tale cauzione verrà restituita, nel caso non sia stata utilizzata, quando il convittore non usufruirà più del servizio. Deve versare le quote stabilite dal Consiglio d Istituto, per il convitto e per il semiconvitto, entro le scadenze previste. Nel caso di morosità sarà impedito all alunno di usufruire ulteriormente del servizio convittuale. Informazioni e norme generali Gli alunni che si ritireranno dal Convitto o dal semiconvitto non avranno diritto al rimborso della quota già versata.

6 Il convitto è dotato di servizio di infermeria in orario antimeridiano, e di servizio medico. Qualora il convittore avesse necessità di particolari cure sanitarie o di ricovero ospedaliero, sarà data tempestiva notizia alle famiglie che dovranno attivarsi per la loro assistenza indipendentemente dalla loro provenienza. Le eventuali spese mediche sono a carico delle famiglie. I genitori, all inizio dell anno, dovrà comunicare agli Educatori eventuali allergie o intolleranze a farmaci o cibi. Il Convitto non è dotato di una sezione femminile, ma accoglie semiconvittrici che potranno accedere ai servizi a partire dalla prima colazione fino al termine della cena (ore 20,00). Al di fuori di tale orario, e per i trasferimenti delle stesse dal loro luogo di domicilio al Convitto e viceversa, non vi è alcuna responsabilità da parte della scuola e del personale educativo. Il convitto è in funzione dal lunedì o giorno post festivo al venerdì o giorno prefestivo. Il lunedì, o il giorno post festivo, ogni Convittore deve trovarsi in Convitto prima delle ore 8,00, dando comunicazione del loro rientro, entro le ore 9,00, al personale educativo. I convittori che arrivano con un ritardo superiore a un ora, e comunque prima delle ore 16,00, saranno ammessi solo se accompagnati dai genitori. In caso di assenza, anche di un solo giorno, è obbligatoria la giustificazione da parte dei genitori o di chi esercita la patria potestà. L uscita infrasettimanale dal Convitto sarà consentita solo con permessi firmati dal Dirigente scolastico o se prelevati dai genitori. In caso di assenza arbitraria dalla scuola e dal Convitto il convittore o semiconvittore sarà sospeso e allontanato dallo stesso, previa informazione alla famiglia, per giorni 5 (cinque). In caso di recidiva si procederà all allontanamento definitivo. In caso di interruzione delle attività didattiche o convittuali, a causa di forza maggiore, i convittori dovranno far rientro a casa autonomamente, previa informazione alle famiglie.

7 Nei locali del convitto, e in tutta l area di pertinenza, è assolutamente vietato fumare. Non è consentito allontanarsi dal Convitto senza l autorizzazione degli Educatori. Non è consentita la permanenza nelle camere durante l orario delle lezioni scolastiche. Non è consentito introdursi nelle stanze degli altri convittori, soprattutto in loro assenza. A tal riguardo il personale educativo non risponde della sparizione di oggetti personali e di denaro, ciò non esime dal cercare eventuali colpevoli che, eventualmente scoperti, saranno puniti a seconda della gravità dell atto. I convittori dovranno lasciare la stanza in ordine e con gli effetti personali chiusi nei propri armadietti. Il personale del Convitto non risponderà di eventuali oggetti lasciati incustoditi e perduti. I convittori dovranno rispettare le norme stabilite dal presente regolamento, gli orari interni e le eventuali loro variazioni stabilite motivatamente dagli Educatori. Orario interno Ore 6,30: sveglia Ore 6,30 7,30: pulizie personali e riassetto della camera Ore 7,30 7,50: prima colazione

8 Ore 7,55: trasferimento a scuola Ore 14,00: pranzo Ore 15,30 17,30: studio, attività programmate Ore 17,30 19,00: libera uscita Ore 19,00: cena Ore 20,00 22,00: studio,attività programmate, televisione, musica Ore 22,00 22,30: pulizie personali Ore 22,30: luci spente e silenzio Libera uscita All atto dell iscrizione o all inizio dell anno scolastico, i genitori, o chi ne esercita la patria potestà, autorizzeranno con domanda redatta su apposito modello la libera uscita dei propri figli, anche se minorenni, dal lunedì al giovedì, dalle ore 17,30 alle ore 19,00, e il rientro a casa al termine delle lezioni scolastiche il venerdì, i giorni prefestivi o i giorni feriali liberi da impegni scolastici. Tale autorizzazione sarà corredata da una esplicita dichiarazione con cui si libera l Istituto e gli Educatori da ogni responsabilità circa la sorveglianza dei ragazzi durante la libera uscita e nel periodo di tempo che intercorre dalla fine delle lezioni al ritorno a casa. I convittori che non usufruiranno del permesso di libera uscita e che resteranno quindi in Convitto, saranno sempre sotto la vigilanza degli educatori.

9 Sanzioni disciplinari Ai convittori e semiconvittori che mancano ai propri doveri e offendono dentro e fuori il Convitto l ordine, il decoro e la moralità sono applicate, secondo la gravità della mancanza, le seguenti sanzioni disciplinari: 1. Avvertimento verbale : occasionale mancanza ai doveri scolastici, casi di negligenza e occasionale inadempienza delle regole della vita convittuale. 2. Comunicazione scritta ai genitori : reiterata mancanza ai doveri scolastici, negligenze ed inadempienze abituali, assenze ingiustificate al rientro da casa dopo i giorni festivi. 3. Privazione della libera uscita : ripetuti richiami di cui al punto Sospensione temporanea dal Convitto : gravi trasgressioni e fatti che turbino il regolare andamento della vita convittuale, o dopo aver raggiunto 5 note scritte. 5. Allontanamento definitivo dal Convitto : fatti e trasgressioni particolarmente gravi, o dopo la seconda sospensione. Le sanzioni di cui ai punti sono adottate dagli Educatori, quelle relative al punto 4 sono adottate dal Dirigente scolastico, le sanzioni relative al punto 5 sono adottate dalla Giunta esecutiva integrata da un rappresentante degli Educatori, in funzione di Commissione di disciplina. Per le sanzioni relative ai punti saranno informate le famiglie con comunicazione del Dirigente scolastico, per quelle relative ai punti 1 2 le informazioni alle famiglie saranno comunicate informalmente dagli Educatori. Tutte le sanzioni verranno annotate sul registro del Convitto. Al rientro dopo la sospensione il convittore dovrà essere accompagnato da uno dei genitori che conferirà con il Dirigente scolastico. I provvedimenti disciplinari relativi al Convitto non interferiscono con l obbligo della frequenza scolastica, viceversa i provvedimenti disciplinari scolastici comportano automaticamente anche la sospensione dal Convitto.

10 N.B. : All atto dell iscrizione o il primo giorno di scuola verrà consegnata copia del presente regolamento ai genitori o a chi esercita la patria potestà, che firmeranno una ricevuta scritta. E fatto obbligo ai convittori, ai semiconvittori e alle loro famiglie di prenderne visione e di rispettarlo scrupolosamente nel corso dell anno scolastico. Approvato dal Consiglio d Istituto con delibera n. 1 del 17/01/2011 DIRIGENTE SCOLASTICO IL

REGOLAMENTO DEL CONVITTO ANNESSO ALL I.P.S.S.A.R.T G VARNELLI DI CINGOLI

REGOLAMENTO DEL CONVITTO ANNESSO ALL I.P.S.S.A.R.T G VARNELLI DI CINGOLI I.P.S.S.A.R.T. Girolamo Varnelli Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri, della Ristorazione e Turistici 62011 CINGOLI (MC) BALCONE DELLE MARCHE Via G. Mazzini, 2 - Tel. 0733 603866-603095

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI LONATE POZZOLO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 30/03/2016, divenuta esecutiva in data 29/04/2016

Dettagli

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI Premessa: nelle situazioni in cui un allievo manca di rispetto ai docenti, al personale e ai compagni, vengono richieste scuse immediate e contemporaneamente viene

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA , 20060 (MI) - Segreteria: 029566167 e Fax 029567005 -Fax Fax REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art.1. La scuola in collaborazione con le famiglie, svolge un azione educativa volta a dotare gli alunni

Dettagli

CONVITTO PER SORDI DI ROMA

CONVITTO PER SORDI DI ROMA CONVITTO PER SORDI DI ROMA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 00166 ROMA - Vico lo del Casale Lumbroso, 129 06/66180021 fax 06/66180297 RMVC060009@istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera Consiglio comunale n.36 del 29/09/2009 così come modificato con deliberazione di C.C. n.48 del 29/09/2014 SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA CITTA DI TRAVAGLIATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO R E G O L A M E N T O C O M U N A L E P E R I L T R A S P O R T O S C O L A S T I C O Adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 09/07/2007 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica www.comune.bottanuco.bg.it Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 40 del 29.9.2005 e modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 1) Sono ammissibili al doposcuola, tutti gli allievi che frequentano

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Parte istituzionale Art. 1 OFFERTA FORMATIVA A novembre - dicembre, ogni Scuola programma attraverso la Commissione POF dell istituto, il Piano dell offerta formativa per l a.s.

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO Centro Territoriale Permanente per l Educazione e la Formazione in età adulta Via San Giovanni Bosco, 5-23014 DELEBIO (SO) tel.

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI, LE MODALITA DI PROGRAMMAZIONE E DI INTERVENTO IN MATERIA DI TRASPORTO E REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio dell Unione N. 21 del 30/04/2013 CAP.

Dettagli

Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA anno 2007 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 I servizi di trasporto e mensa scolastica nella fascia di istruzione dalla

Dettagli

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Deliberazione di Consiglio Comunale 31 25.09.2002 Approvazione Deliberazione di Consiglio Comunale 14 29.06.2005 Modifica Deliberazione di Consiglio

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale;

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art. 1 Funzionamento della scuola - La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; - L orario

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 1.ORARIO SCOLASTICO L orario delle lezioni è il seguente: CORZANO LONGHENA Entrata dalle ore 8.05 alle 9.00 Entrata

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO "MARCO EMILIO LEPIDO" Via Premuda 34 - REGGIO EMILIA Tel. e Fax. 0522/301282-0522/300221 E-mail: segretlep@tin.it (segreteria) - Sito internet: www.iclepido.gov.it Scuola Secondaria

Dettagli

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I

R E G O L A M E N T O A S S E N Z E, R I T A R D I E U S C I T E A N T I C I P A T E D E G L I A L U N N I ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GONNESA Via Dettori, 10-09010 Gonnesa -CI Tel. e Fax 0781/45018 Codice Fiscale 90016590920- cod. meccanografico CAIC81400E e-mail caic81400e@istruzione.it CAIC81400E@Pec.istruzione.it

Dettagli

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI

APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI APPLICAZIONE DELLO STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI E IRROGAZIONE DELLE SANZIONI DOVERI MANCANZE SANZIONI ORGANI COMPETENTI Ritardo oltre i 5 minuti senza giustificazione Rispetto dell orario

Dettagli

CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia. Servizio Istruzione. Regolamento mensa scolastica 1

CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia. Servizio Istruzione. Regolamento mensa scolastica 1 CITTÁ DI TRAVAGLIATO Provincia di Brescia Servizio Istruzione Regolamento mensa scolastica 1 ART. 1 GESTIONE La mensa scolastica è gestita dal Comune di Travagliato in collaborazione con la Direzione Didattica.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BASCHI PROVINCIA DI TERNI REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA (Approvato con delibera consiliare n. 50 del 30.09.2010) TITOLO I Norme Generali TITOLO II Trasporto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

COMUNE DI SENORBI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO

COMUNE DI SENORBI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI SENORBI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con deliberazione C.C. n. 29 del 29.05.2003 1 INDICE ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO.. Pag. 3 ART. 2 BENEFICIARI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONVITTO "COLLEGE FARINA"

REGOLAMENTO DEL CONVITTO COLLEGE FARINA REGOLAMENTO DEL CONVITTO "COLLEGE FARINA" ASIAGO COLLEGE ANTONIO FARINA Il convitto "College Antonio Farina" è un'istituzione educativa offerta agli studenti dell'istituto Superiore "Mario Rigoni Stern"

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

Comune di Rovello Porro Prov. di Como

Comune di Rovello Porro Prov. di Como Comune di Rovello Porro Prov. di Como REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA 1. Oggetto del Regolamento e finalità del servizio. Le norme del presente Regolamento si applicano al servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VIAGGI D ISTRUZIONE E DELLE VISITE GUIDATE

REGOLAMENTO DEI VIAGGI D ISTRUZIONE E DELLE VISITE GUIDATE REGOLAMENTO DEI VIAGGI D ISTRUZIONE E DELLE VISITE GUIDATE FINALITA DEI VIAGGI D ISTRUZIONE Art.1 La scuola riconosce la valenza formativa dei viaggi di istruzione e delle visite guidate. Le visite guidate

Dettagli

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 40 del 25.11.2013 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento

MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento 2 CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA JACOPO TOMADINI UDINE MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento anno accademico 2013/2014 emanato con decreto del direttore n. 131 del 16/10/2013

Dettagli

Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.)

Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.) Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.) Premessa Il rispetto di norme, regole e principi garantisce la civile convivenza e contribuisce a valorizzare, attraverso il dialogo ed il

Dettagli

Convitto Nazionale Statale T. Tasso

Convitto Nazionale Statale T. Tasso Convitto Nazionale Statale T. Tasso Largo Abate Conforti, 22 84121 Salerno Scuole Statali annesse: Infanzia Primaria Secondaria di I grado Liceo/Ginnasio Liceo Linguistico Tel. e Fax: 089.231947 sito web:

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12)

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) 1 «Jacopo Barozzi» REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) Art. 1 FINALITA I viaggi di istruzione devono scaturire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER IL DIRITTOALLO STUDIO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina gli interventi del Comune

Dettagli

COMUNE DI MONTELANICO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTELANICO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTELANICO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 22 dell 8/10/2013 1 INDICE TITOLO I CONTENUTI E FINALITA DEL

Dettagli

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione del C.C. n.43 del 28.11.2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

LICEO SCIENZE UMANE e LINGUISTICO TOMMASO GULLÌ" Scienze Umane S.U. Opzione Economico Sociale - Linguistico www.magistralegulli.

LICEO SCIENZE UMANE e LINGUISTICO TOMMASO GULLÌ Scienze Umane S.U. Opzione Economico Sociale - Linguistico www.magistralegulli. LICEO SCIENZE UMANE e LINGUISTICO TOMMASO GULLÌ" Scienze Umane S.U. Opzione Economico Sociale - Linguistico www.magistralegulli.it - rcpm04000t@istruzione.it - rcpm04000t@pec.istruzione.it Corso Vittorio

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari ***** REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO SPESE DI VIAGGIO

COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari ***** REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO SPESE DI VIAGGIO COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari ***** REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO SPESE DI VIAGGIO Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 13 del 26.06.2003 IL Sindaco Dr.sa Vaquer Maria Efisia

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Via Natta, 11 20151 MILANO C.F. 80122590151 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Il presente regolamento di Disciplina è stato

Dettagli

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA REGOLAMENTO UTILIZZO STRUTTURE SPORTIVE COMUNALI Approvato con Delibera di Giunta Comunale n 19 del 7.03.2006. 1 SOMMARIO Art. 1 Finalità. Pag.3 Art. 2 Titolari delle concessioni temporanee.. Pag. 3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 09.04.2013 Pagina 1 SOMMARIO ART. 1 OGGETTO 3 ART. 2 MODALITA DI ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO 3 ART. 3 UTENTI

Dettagli

SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Comune di CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 65 del 30 settembre 2009) 1 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento,

Dettagli

Circolare n. 61 del 26 ottobre 2012 Oggetto: REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE. Ai docenti Agli studenti e ai sigg. genitori

Circolare n. 61 del 26 ottobre 2012 Oggetto: REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE. Ai docenti Agli studenti e ai sigg. genitori Circolare n. 61 del 26 ottobre 2012 Oggetto: REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE. Ai docenti Agli studenti e ai sigg. genitori Comunico che il Consiglio di Istituto nella seduta del 23 ottobre scorso, ha

Dettagli

a) strumenti musicali e loro accessori destinati alla didattica ordinaria e alle produzioni;

a) strumenti musicali e loro accessori destinati alla didattica ordinaria e alle produzioni; REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI E DELLE APPARECCHIATURE MUSICALI DI PROPRIETA DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. PIERLUIGI DA PALESTRINA DI CAGLIARI, (art. 14, comma 4 del D.P.R. 28 febbraio

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA INDICE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 MODALITA DI GESTIONE ART. 3 SERVIZIO A DOMANDA INDIVIDUALE ART. 4 CRITERI

Dettagli

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Ai Sigg. Genitori della Scuola Primaria Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Si portano a conoscenza dei genitori degli alunni iscritti alla Scuola Primaria

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 43 bis DEL 30/11/2006 REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 IL SERVIZIO CIVICO L Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI ROGENO. Provincia di Lecco

COMUNE DI ROGENO. Provincia di Lecco COMUNE DI ROGENO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CAMPO DA BEACH VOLLEY/BEACH TENNIS 1 Le presenti norme disciplinano la gestione e l uso del campo da Beach Volley/Beach tennis di Viale

Dettagli

REGOLAMENTO PER USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE Approvato dal Consiglio d Istituto del 29 aprile 2015 con delibera n.

REGOLAMENTO PER USCITE DIDATTICHE, VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE Approvato dal Consiglio d Istituto del 29 aprile 2015 con delibera n. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SALÒ VIA MONTESSORI, 4 25087 SALÒ (BS) C.F. 96034960177 tel. 0365 41700 fax 0365 521296 posta elettronica: bsic8ac00b@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO SCOLASTICO REGOLAMENTO COMUNALE n. 7 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO SCOLASTICO SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO ART 1. OGGETTO 1. La presente normativa definisce le modalità di erogazione del servizio di trasporto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas con annesso Istituto Comprensivo Statale Giovanni Verga (D. A. n. 806 del 06-03-2012) R A M A C C A ( C T ) REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE, VISITE

Dettagli

Regolamento per il servizio di refezione scolastica

Regolamento per il servizio di refezione scolastica Regolamento per il servizio di refezione scolastica Approvato con deliberazione di C.C. n. 24 del 26.06.2003 Modificato con deliberazione di C.C. n. 10 del 16.03.2004-1 - Indice pag. ART. 1 - FINALITA...3

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 IN DATA 18/06/2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI TITOLO II TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO PER LE ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO PER LE ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO PER LE ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE Sommario Art. 1 Base legale e scopo... 3 Art. 2 Definizione dei servizi offerti... 3 Art. 3 Organizzazione... 3 Art. 4 Condizioni e requisiti

Dettagli

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto Comprensivo Statale E. Fermi Via E. Fermi 400 21044 Cavaria con Premezzo (Va) Tel: 0331/212640-216284 Fax: 0331/217400 Sedi : scuole dell infanzia, primarie e secondarie 1 grado di Albizzate e

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica

COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento Comunale della Mensa Scolastica Art. 1 Finalità Il servizio di mensa scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze stabilite dalla legislazione

Dettagli

CONVITTI INPDAP e CONVENZIONATI ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della Pubblica Amministrazione

CONVITTI INPDAP e CONVENZIONATI ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della Pubblica Amministrazione Istituto Nazionale di Previdenza dei Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Credito e Welfare CONVITTI INPDAP e CONVENZIONATI ANNO SCOLASTICO 2011 / 2012 Per i figli e gli orfani dei

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO.

VIGILANZA ALUNNI ORGANIZZAZIONE ENTRATA ED USCITA DEGLI ALUNNI, CAMBIO ORA, INTERVALLO. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale A.Moro di SERIATE Corso Roma, 37 24068 SERIATE (BG) Tel. 035.295297 Fax 035.4240539 @-mail: bgic876002@istruzione.it

Dettagli

COMUNE di ISOLA RIZZA

COMUNE di ISOLA RIZZA COMUNE di ISOLA RIZZA REGOLAMENTO COMUNALE DEL VOLONTARIATO INDIVIDUALE Allegato alla delibera di C.C. n. 71 dell 1.12.2014 Articolo 1- FINALITA E DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA 1. Il Comune di Isola Rizza,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA COMUNE DI VILLA GUARDIA Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ED ASSISTENZA ALLA MENSA PER L ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLA GUARDIA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438

ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 REGOLAMENTO D'ISTITUTO Premessa La Scuola è una comunità organizzata

Dettagli

ACCOGLIENZA NUOVA OSPITE

ACCOGLIENZA NUOVA OSPITE CASA DI SECONDA ACCOGLIENZA DI CARPI Via Puccini, n. 17-19 ACCOGLIENZA NUOVA OSPITE Agape di Mamma Nina Ramo ONLUS della Pia Fondazione Casa della Divina Provvidenza, Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto

Dettagli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli istituti scolastici superiori di secondo grado della

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO COMUNE DI CASTENASO Provincia di Bologna Area Servizi alla Persona Servizi Sociali REGOLAMENTO PER LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI,

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI, REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI, IN SITUAZIONI DI DIFFICOLTA Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DELLE MENSE SCOLASTICHE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 30.09.2010 Art. 1- FINALITA E istituito, presso il Comune di Torre de Passeri, il servizio

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO. Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE P. GOBETTI - A. DE GASPERI Largo Centro Studi 12/14, Morciano di Romagna (RN) Tel.: 0541-988397 - Fax: 0541-987770 - E-MAIL: segreteria@isissmorciano.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

COMUNE DI VILLANOVA DI CAMPOSAMPIERO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ALBO DEI VOLONTARI

COMUNE DI VILLANOVA DI CAMPOSAMPIERO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ALBO DEI VOLONTARI COMUNE DI VILLANOVA DI CAMPOSAMPIERO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ALBO DEI VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 18.03.2016 1 REGOLAMENTO DISCIPLINANTE

Dettagli

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Il rispetto delle regole si rende necessario anche all esterno della scuola, in particolare durante le uscite scolastiche che costituiscono per gli

Dettagli

REGOLAMENTO. Il Convittore: rende conto al Dirigente e agli Educatori del suo comportamento disciplinare e scolastico;

REGOLAMENTO. Il Convittore: rende conto al Dirigente e agli Educatori del suo comportamento disciplinare e scolastico; REGOLAMENTO L Educandato è un Istituzione deputata alla promozione educativa, culturale,ricreativa e al perseguimento del benessere psicofisico del Discente. Per favorire queste finalità, è indispensabile

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

Istituto Comprensivo Pascoli-Alvaro. Corso Garibaldi,122 89048 - Siderno (R.C.)

Istituto Comprensivo Pascoli-Alvaro. Corso Garibaldi,122 89048 - Siderno (R.C.) Istituto Comprensivo Pascoli-Alvaro Corso Garibaldi,122 89048 - Siderno (R.C.) Tel. e fax 0964 388396 cod. mecc RCIC86600B e-mail: rcic86600b@istruzione.it REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE VISITE GUIDATE

Dettagli

REGOLAMENTO. Per l utilizzo della Casa Provinciale per Ferie mons. L. Faidutti di Bagni di Lusnizza

REGOLAMENTO. Per l utilizzo della Casa Provinciale per Ferie mons. L. Faidutti di Bagni di Lusnizza REGOLAMENTO Per l utilizzo della Casa Provinciale per Ferie mons. L. Faidutti di Bagni di Lusnizza APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 26 DEL 10 LUGLIO 2010 Art. 1 - La Provincia di Gorizia mette

Dettagli

TIPOLOGIA DI VIAGGI I viaggi di istruzione comprendono diverse iniziative che si possono così sintetizzare:

TIPOLOGIA DI VIAGGI I viaggi di istruzione comprendono diverse iniziative che si possono così sintetizzare: Alleg.N.8 - Viaggi d istruzione e visite guidate I viaggi di istruzione e le visite guidate sono iniziative didattico-culturali finalizzate ad integrare la normale attività della scuola sia sul piano della

Dettagli

I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano. Allegato n 9

I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano. Allegato n 9 I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano Allegato n 9 Regolamento delle visite guidate, visite aziendali, stages, viaggi di istruzione, gemellaggi e scambi culturali o connessi allo svolgimento di attività sportive

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO VITA QUOTIDIANA A SCUOLA Lo Statuto degli Studenti definisce i diritti e i doveri degli studenti per garantire una serena convivenza scolastica. Il presente regolamento elaborato

Dettagli

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE

Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE Comune di Rovigo Assessorato Pari Opportunità Commissione per le Pari Opportunità CARTA SERVIZI CASA RIFUGIO CENTRO ANTIVIOLENZA DEL POLESINE LA CASA RIFUGIO Finalità La Casa Rifugio è una struttura nella

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di consiglio comunale n 33 del 08.08.2007 INDICE Art. 1 Oggetto del servizio Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO. Allegato alla deliberazione C.C. n. 34 del 26/06/2008

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO. Allegato alla deliberazione C.C. n. 34 del 26/06/2008 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO Allegato alla deliberazione C.C. n. 34 del 26/06/2008 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA DI GESTIONE ART. 4 AREA DI UTENZA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA Articolo 1 Finalità. 1. Il presente Regolamento disciplina l erogazione delle prestazioni assistenziali di cui all art. 3, comma 2

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI

REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Prot. 6037 del 20/11/2014 REGOLAMENTO DISCIPLINA ALUNNI Estremi approvazione: Collegio dei Docenti: Delibera n 5 del 11/11/2014 Consiglio di Istituto: Delibera n 7 del 18/11/2014 Pag. 1 Premessa Ai sensi

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento

MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA JACOPO TOMADINI UDINE MANIFESTO DEGLI STUDI seconda parte - iscrizioni e funzionamento anno accademico 2014/2015 emanato con decreto del direttore n. 1 del 7/11/2014 corsi

Dettagli