Comune di Torregrotta Vademecum per i cittadini stranieri Comunitari ed Extracomunitari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Torregrotta Vademecum per i cittadini stranieri Comunitari ed Extracomunitari"

Transcript

1 Comune di Torregrotta Vademecum per i cittadini stranieri Comunitari ed Extracomunitari Realizzato nell ambito del Progetto formativo e di orientamento promosso dall Università degli Studi di Messina, Facoltà di Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali

2 Indice Dal permesso di soggiorno alla cittadinanza Visto di ingresso Il permesso di soggiorno Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo (ex Carta di soggiorno) Carta Blu Idoneità alloggiativa Protezione internazionale Ricongiungimento familiare Carta di soggiorno familiari stranieri di cittadini UE Diritti dei minori stranieri non accompagnati Accordo di integrazione Cittadinanza Italiana Carta di identità e codice fiscale La famiglia, i servizi e gli anziani Salute Iscrizione anagrafica Matrimonio Assegni di maternità Assegni per nuclei familiari numerosi (almeno cinque componenti) Bonus sociale Energia Elettrica e Bonus Gas naturale Fondo sostegno affitti (almeno 5 anni di residenza) Assegno sociale Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale Cittadini Stranieri Non Regolarmente Soggiornanti Studio e Lavoro Diritto allo studio Riconoscimento titoli accademici e professionali Accesso al lavoro Assunzione per i non iscritti alle liste di collocamento (lavoro di natura occasionale) Malattia, gravidanza, infortunio sul lavoro, licenziamento

3 Dal permesso di soggiorno alla cittadinanza Il visto di ingresso Cos è? Il visto è un autorizzazione concessa al cittadino straniero dalla Rappresentanza diplomatico-consolare italiana del luogo di residenza abituale o di origine dello straniero per l ingresso nel territorio della Repubblica Italiana o in quello degli altri Paesi Schengen. Nel 2011 è entrato in vigore il decreto che definisce i 21 tipi di visto d ingresso in base alle motivazioni ed i requisiti per l ottenimento. Chi può richiederlo? L esenzione dall obbligo di richiesta del visto d'ingresso per soggiorni per turismo, missione, affari, invito, gara sportiva e, dal 1 settembre 2010 anche per motivi di studio, purché non superiori a 90 giorni, varia in base agli accordi stipulati fra la Comunità Europea e i vari Paesi Terzi. Tipologie Visti di breve durata, detti visti Schengen uniformi (VSU) e i visti a territorialità limitata (VTL) previsti per soggiorni fino a 90 giorni, calcolato a partire dalla data di primo ingresso nello spazio Schengen. I visti per breve soggiorno possono essere rilasciati per motivi di: affari, cure mediche, gara sportiva, invito, lavoro autonomo, lavoro subordinato, missione, motivi religiosi, studio, trasporto e turismo. Visti di lunga durata o visti nazionali (VN), cioè superiore a 90 giorni. Il visto consente la libera circolazione, anche in attesa del Permesso di soggiorno, per un periodo non superiore a 90 giorni per semestre, nel territorio degli altri Stati membri. I visti per lungo soggiorno possono essere rilasciati solo per: adozione, cure mediche, motivi diplomatici, familiare al seguito, lavoro autonomo, lavoro subordinato, missione, motivi religiosi, reingresso, residenza elettiva, ricongiungimento familiare, studio, vacanze-lavoro. Quando non si può stabilire la destinazione principale del viaggio (per esempio varie tappe in diversi Paesi Schengen), competente al rilascio del visto è la Rappresentanza dello stato Schengen di primo ingresso. I costi (espressi in Euro) Tariffe per tutte le tipologie di visto Schengen uniforme: 60 Visto collettivo (breve durata): per persona Visto nazionale per soggiorni di lunga durata (tipo D): 116 I visti per studio, per titolari di passaporti diplomatici o di servizio, e per familiari di cittadini UE sono gratuiti. I tempi La decisione su una domanda di visto Schengen uniforme è presa entro 15 giorni di calendario dalla data della presentazione della domanda. Il termine massimo per il rilascio di un visto nazionale (o di notifica del provvedimento di diniego) è di 90 giorni dalla richiesta. Lo straniero in possesso di un visto per breve soggiorno (visto uniforme Schengen) non ha alcuna possibilità di prorogare il suo soggiorno oltre alla durata del soggiorno prevista dal visto, salvo nei casi di assoluta e comprovata impossibilità di uscita.

4 La Questura di zona decide se prorogare o meno il soggiorno sul territorio italiano. (Riferimenti normativi: Decreto Ministro Affari Esteri 11/5/2011, Regolamento (CE) n. 539/2001 del Consiglio, Regolamento CE n. 810/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio) Dichiarazione di presenza Chi deve munirsene? Gli stranieri provenienti da Paesi che applicano l'accordo di Schengen che hanno intenzione di soggiornare in Italia per un periodo non superiore a 90 giorni per motivi di visita, affari, turismo e studio. L'inosservanza delle disposizioni previste comporta l'espulsione dello straniero che: ha presentato in ritardo la dichiarazione, salvo forza maggiore; si trattenga nel territorio dello Stato oltre il periodo consentito, pur avendo regolarmente dichiarato la propria presenza. Il prefetto adotta il provvedimento di espulsione dopo aver valutato il singolo caso. Tempi e modalità Gli stranieri devono dichiarare la propria presenza, entro 8 giorni dall'ingresso in Italia, al questore della provincia in cui si trovano, oppure, se sono ospiti di strutture alberghiere, si avvalgono della dichiarazione resa dall'albergatore. Il modulo da compilare è reperibile presso l autorità di frontiera, presso la questura e in rete. (Riferimenti normativi: DLgs 25 luglio 1998, n. 286 e successive modificazioni; dpr 31 agosto 1999, n. 394 e successive modificazioni; legge 28 maggio 2007, n. 68; decreto del ministro dell'interno 26 luglio 2007) Il permesso di soggiorno Chi deve richiederlo? Gli stranieri e gli apolidi che intendono soggiornare per più di tre mesi, devono richiedere il permesso di soggiorno che consente di rimanere in Italia, alle condizioni e nei limiti previsti dalla legge. Tipologie di permessi, tempi e modalità Chi arriva in Italia per la prima volta ha 8 giorni lavorativi dal suo ingresso nel territorio dello Stato per chiedere il permesso di soggiorno. L'interessato deve inoltrare l'istanza di rilascio o di rinnovo del permesso di soggiorno al questore della provincia in cui dimora tramite gli uffici postali utilizzando l'apposito kit a disposizione, oppure rivolgendosi a comuni e patronati abilitati, affinché precompilino l'istanza. Coloro che presentano l'istanza tramite gli uffici postali vengono poi convocati dall'ufficio immigrazione della questura. Tipologie di permessi di soggiorno presentabili tramite uffici postali: affidamento, attesa riacquisto cittadinanza, asilo, famiglia, lavoro autonomo, lavoro subordinato, missione, motivi religiosi, residenza elettiva, ricerca scientifica, apolidia, studio (nei casi in cui il soggiorno è superiore a 3 mesi), permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, della Carta blu UE. Tutte le altre tipologie di permessi di soggiorno devono, invece, essere presentate presso gli Uffici immigrazione delle questure. Nel caso sia richiesto il duplicato del permesso di soggiorno, deve essere esibita, insieme alla ricevuta che attesta il deposito dell'istanza, la denuncia di smarrimento o furto del permesso di soggiorno.

5 Dall'11 dicembre 2006 è stato adottato il permesso di soggiorno elettronico, che consiste in una smart - card, ed è stato attribuito all'istituto poligrafico e zecca dello Stato il compito di produrre e attivare il documento, previa acquisizione dei dati relativi all'identificazione del richiedente da parte delle questure. Per i figli minori di anni quattordici, è previsto il rilascio di una smart-card che costituisce un allegato del titolo di soggiorno del genitore. Periodo di validità La validità del permesso di soggiorno è la stessa del visto d'ingresso: fino a sei mesi per lavoro stagionale e fino a nove mesi per lavoro stagionale nei settori che richiedono tale estensione; fino ad un anno, per la frequenza di un corso per studio o formazione professionale ovviamente documentato; fino a due anni per lavoro autonomo, per lavoro subordinato a tempo indeterminato e per ricongiungimenti familiari. I costi La richiesta di rilascio e di rinnovo del permesso di soggiorno è sottoposta al versamento di un contributo determinato in: 80,00 per i permessi di soggiorno di durata superiore a tre mesi e inferiore o pari ad un anno; 100,00 per i permessi di soggiorno di durata superiore a un anno e inferiore o pari a due anni; 200,00 per il rilascio del permesso di soggiorno per lungo soggiornanti. Non è mai richiesto il versamento del contributo quando: il permesso di soggiorno è rilasciato o rinnovato per asilo, per richiesta asilo, per protezione umanitaria, per protezione sussidiaria; lo straniero o l'apolide sono minori; l'ingresso è per ricevere cure mediche; la stessa esenzione si applica anche agli eventuali accompagnatori; è richiesto l'aggiornamento o la conversione del permesso di soggiorno in corso di validità. Il rinnovo Il rinnovo del permesso di soggiorno è richiesto dallo straniero al questore della provincia in cui dimora, in determinate ipotesi anche tramite gli uffici postali abilitati, almeno 60 giorni prima della scadenza ed è sottoposto alla verifica delle condizioni previste per il rilascio. Nell'attesa del rinnovo di un permesso di soggiorno che consenta di svolgere attività lavorativa, lo straniero può lavorare fino alla eventuale comunicazione, da parte dell'autorità' di pubblica sicurezza. Casi di rifiuto Il permesso di soggiorno o il suo rinnovo sono rifiutati e, se il permesso di soggiorno è stato rilasciato, esso è revocato, quando mancano o vengono a mancare i requisiti richiesti per l'ingresso e il soggiorno nel territorio dello Stato, salvo che ricorrano seri motivi. Il permesso di soggiorno non può, invece, essere rinnovato o prorogato quando risulta che lo straniero ha interrotto il soggiorno in Italia per un periodo continuativo di oltre sei mesi, o, per i permessi di soggiorno di durata almeno biennale, per un periodo continuativo superiore alla metà del periodo di validità del permesso di soggiorno, salvo che detta interruzione sia dipesa dalla necessità di adempiere agli obblighi militari o da altri gravi e comprovati motivi. (Riferimenti normativi: DLgs. 27/07/1998, n. 286 artt. 5, 6, 21, regolamento di attuazione di cui al D.P.R. n. 179 del 14 settembre 2011, legge 28 maggio 2007 n. 68, decreto del ministro dell'economia e delle Finanze del 6 ottobre 2011,

6 recante "Contributo per il rilascio ed il rinnovo del permesso di soggiorno", D.P.R. 31/08/1999, n. 394 artt. 9, 10, 11, 12, 13, 14, 18, 29, legge 30/07/2002, n. 189 art. 2, legge 12/11/2004, n. 271 art. 1-quinquies; D.L. 14/08/2013, n Art. 4) Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo (ex Carta di soggiorno) Cos è? Il Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo è una tipologia di permesso rilasciato a chi risiede in maniera stabile e continuative in uno dei Paesi Membri dell Unione Europea e soddisfi determinati requisiti. Non ha scadenza, ma deve essere aggiornato, infatti non riporta data di scadenza ma la dicitura "illimitata. Il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo è valido come documento di identificazione personale per 5 anni. Chi può chiederlo? Il Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo può essere richiesto dai cittadini stranieri in possesso dei seguenti requisiti: che soggiornano regolarmente in Italia da almeno 5 anni; che sono titolari di un permesso di soggiorno in corso di validità; che possono dimostrare la disponibilità di un reddito non inferiore all importo annuo dell assegno sociale riferito ad una qualsiasi tipologia di contratto (determinato o indeterminato ed anche apprendistato); che hanno superato un test di conoscenza della lingua italiana (in vigore dal 9 dicembre 2010), che non è richiesto in caso in cui il richiedente permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo sia titolare della protezione internazionale. Le assenze dello straniero dal territorio nazionale non interrompono la durata del periodo di 5 anni di possesso di un permesso di soggiorno, a condizione che siano inferiori a 6 mesi consecutivi e non superino complessivamente 10 mesi nel quinquennio, salvo che tale interruzione sia dipesa dalla necessità di adempiere agli obblighi militari, ovvero da altri gravi e comprovati motivi. La domanda va presentata presso gli uffici postali e per l assistenza ci si può recare presso i Patronati o i Comuni che offrono questo servizio. Dall 11 Marzo 2014 è possibile anche ai rifugiati ed ai titolari di protezione sussidiaria richiedere il rilascio del Permesso di soggiorno per Lungo soggiornanti. Il rinnovo Il rinnovo è effettuato a richiesta dall'interessato e corredato di fotografie aggiornate. Alla domanda è necessario allegare: copia del passaporto o documento equipollente, in corso di validità; copia della dichiarazione dei redditi (il reddito deve essere superiore all'importo annuo dell'assegno sociale); per i collaboratori domestici (colf/badanti) esibizione dei bollettini INPS o estratto contributivo analitico rilasciato dall'inps; certificato casellario giudiziale e certificato delle iscrizioni relative ai procedimenti penali; copie delle buste paga relative all'anno in corso; documentazione rilasciata dal Comune di Torregrotta relativa alla residenza e allo stato di famiglia;

7 Costi contributo di 200,00 euro (dal 30 gennaio 2012); 16,00 euro della marca da bollo da apporre sui moduli; 30 euro da corrispondere allo sportello per le spese di spedizione della busta tramite raccomandata; 27,50 euro per il rilascio del titolo di soggiorno in formato elettronico. La richiesta può essere presentata anche per il coniuge non legalmente separato e di età non inferiore ai diciotto anni; figli minori, anche del coniuge o nati fuori dal matrimonio, figli maggiorenni a carico invalidi totalmente. Per ottenere il permesso di soggiorno anche per i familiari, oltre ai documenti elencati sopra, è necessario: avere un reddito sufficiente alla composizione del nucleo familiare. un alloggio idoneo documentato se la domanda è presentata anche per i familiari; avere la certificazione anagrafica che attesti il rapporto familiare. il superamento di un test di conoscenza della lingua italiana, salvo esclusioni previste dalla legge. Il Permesso di soggiorno per Lungo soggiornanti non può essere richiesto: - dai titolari di Permesso di soggiorno per studio o formazione professionale; - dai titolari di Permesso di soggiorno per motivi umanitari; - dai titolari di visti di breve periodo; (Riferimenti normativi: Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286, Testo unico sull immigrazione art. 09) Carta blu U.E. Cos è? Si tratta di un particolare tipo di permesso di soggiorno, che viene rilasciato dal questore allo straniero altamente qualificato a seguito della stipula del contratto di soggiorno per lavoro e della relativa comunicazione alla questura. L interessato deve essere in possesso del titolo di istruzione superiore rilasciato da autorità competente nel Paese dove è stato conseguito, dopo un percorso formativo di almeno 3 anni, concluso con il conseguimento di una qualifica professionale superiore nonché, in caso di professioni regolamentate, degli specifici requisiti previsti per il loro esercizio. Tempi e modalità La Carta Blu UE dura 2 anni, se il rapporto di lavoro è a tempo indeterminato. Se tale rapporto è a tempo determinato, il permesso di soggiorno ha una durata superiore di 3 mesi rispetto alla scadenza del rapporto di lavoro. Per ottenere la carta blu U.E. è necessario che l'interessato svolga prestazioni lavorative retribuite per conto e sotto la direzione o il coordinamento di un'altra persona fisica o giuridica. La domanda di nulla osta al lavoro per i lavoratori altamente qualificati è presentata dal datore di lavoro allo Sportello unico immigrazione della Prefettura che rilascia tale nulla osta, che consentirà all'interessato di ottenere il visto d'ingresso per l'italia. Non occorre il visto d'ingresso per l'italia qualora lo straniero sia già legalmente presente sul territorio nazionale ovvero sia titolare di carta blu U.E.. Al titolare di carta blu UE può essere riconosciuto lo status di soggiornante di lungo periodo con conseguente rilascio del permesso di soggiorno per lungo soggiornanti, in presenza degli specifici requisiti ed alle due seguenti condizioni: di aver soggiornato legalmente ed ininterrottamente per 5 anni nel territorio dell'unione in forza di una carta blu U.E.; di essere in possesso, in Italia, da almeno 2 anni, di un permesso di soggiorno in formato elettronico, recante la dicitura carta blu U.E.. Ai familiari dello

8 straniero titolare di carta blu U.E. e dello status di soggiornante di lungo periodo è rilasciato un permesso di soggiorno biennale per motivi di famiglia. (Riferimenti normativi: decreto legislativo del 28 giugno 2012 n. 108, circolare Ministero dell interno n del 3 agosto Ministero dell interno) Idoneità alloggiativa Il certificato di idoneità dell alloggio ed idoneità dei requisiti igienico sanitari è un documento con il quale si dichiara l idoneità ad ospitare un certo numero di persone in rapporto ai vani di cui è composto, in base ai parametri minimi stabiliti dalla legge ovvero: Mq 29 -> massimo 1 persona Mq 34 -> massimo 2 persone Mq 44 -> massimo 3 persone Mq 61 -> massimo 4 persone Mq 71 -> massimo 5 persone. Questi certificati fanno parte della documentazione richiesta dalla questura o dalla prefettura (a seconda dei procedimenti di competenza) nei casi di richiesta di permesso di soggiorno per lavoro (a seguito di primo ingresso in Italia con visto di lavoro), di regolarizzazioni o emersione lavoro irregolare, di nulla osta al ricongiungimento familiare o richiesta di permesso di soggiorno per motivi di famiglia, di Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo. La domanda si presenta al Comune di residenza. (Riferimenti normativi: DPR 334/2004, L.R.T.96/1996 e dalla D.G.R.T. 700/2005, D.Lgs. 286/98, L.94/2009) Protezione Internazionale Chi può richiederla? Può fare domanda lo straniero che intenda chiedere protezione dallo Stato italiano perché fugge da persecuzioni, torture o dalla guerra, anche se ha fatto ingresso in Italia in modo irregolare ed è privo di documenti, circostanze da motivare nella richiesta. Tempi e modalità Non ci sono termini di tempo per la presentazione della domanda che deve essere presentata presso la Polizia di frontiera o la Questura. Devono essere presentati documenti che comprovino quanto dichiarato, se disponibili (articoli di giornale, foto, documenti ufficiali quali denunce o referti medici, ecc.). La mancanza di prove non è motivo di esclusione dall accesso alla procedura. Se lo straniero è in possesso di passaporto dovrà consegnarlo alla Polizia, con quattro foto e il domicilio eletto (dovrà consegnare quindi la dichiarazione di ospitalità e relativi documenti, contratto d affitto o rogito e documento d identità dell ospitante). In caso il richiedente non possegga il passaporto può essere utile presentare al momento della domanda la carta d identità del proprio paese. Chi non può ottenere protezione? Chi abbia commesso un crimine contro la pace, un crimine di guerra o un crimine contro l umanità; chi abbia commesso un crimine grave di diritto comune al di fuori del paese di accoglimento e prima di esservi ammesso in qualità di rifugiato; chi si sia reso colpevole di azioni contrarie ai fini e ai principi delle Nazioni Unite.

9 Se lo straniero è considerato un pericolo per la sicurezza e l ordine dello Stato la sua domanda non sarà riconosciuta, ma dovrà comunque essere esaminata. Se lo straniero è già stato riconosciuto rifugiato in un altro paese firmatario della convenzione di Ginevra o ha reiterato la medesima domanda dopo aver ottenuto un diniego, la domanda sarà dichiarata inammissibile dalla Commissione territoriale competente. La domanda può essere, inoltre, rigettata per manifesta infondatezza. Motivi di persecuzione Al fine del riconoscimento dello status di rifugiato, gli atti di persecuzione devono essere riconducibili ai motivi di: a) "razza"; b) "religione"; c) "nazionalità"; d) "particolare gruppo sociale"; e) "opinione politica". Il riconoscimento dello status di rifugiato consente: il rilascio di un permesso di soggiorno per asilo politico della durata di 5 anni; il rilascio del titolo di viaggio per rifugiati per potersi recare all estero; il rilascio del tesserino di rifugiato che consente ulteriori rinnovi e pratiche; di fare richiesta di cittadinanza per naturalizzazione dopo soli 5 anni; di ricongiungere la propria famiglia; accesso all occupazione; accesso all istruzione; assistenza sanitaria e sociale. (Riferimenti normativi: decreto legislativo del 19 novembre 2007, n.251 ed il decreto legislativo del 28 gennaio 2008, n.25, e il decreto legislativo 21 febbraio 2014, n.18, Direttive U.E. 2004/83/CE e 2005/85/CE) Ricongiungimento familiare Chi può chiederlo? Lo straniero regolarmente soggiornante nel territorio nazionale, con Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno, non scaduto, per lavoro subordinato o autonomo, famiglia, asilo, protezione sussidiaria, motivi umanitari (prima della conversione in permesso di soggiorno per protezione sussidiaria), studio, motivi religiosi e ricerca scientifica. Chi può essere ricongiunto? Il coniuge non legalmente separato e di età non inferiore a 18 anni. Non si può ricongiungere il coniuge o i genitori se questi siano coniugati con un cittadino straniero regolarmente soggiornante. I figli minori di anni 18, anche del coniuge o nati fuori dal matrimonio, non coniugati, a condizione che l'altro genitore, se esistente, abbia dato il suo consenso (i minori adottati o affidati o sottoposti a tutela sono equiparati ai figli); I figli maggiorenni a carico invalidi al 100%; I genitori a carico se non hanno figli in patria o, se over 65, gli altri figli non possano mantenerli per documentati e gravi motivi di salute; Il genitore naturale.

10 Requisiti obbligatori: Avere un reddito sufficiente (pari all assegno sociale, ovvero 448,5 nella sua misura intera per l anno 2014); si deve tener conto anche di familiari a carico. E possibile integrare il proprio reddito con quello di familiari conviventi. Dimostrare la disponibilità di un alloggio conforme ai requisiti igienico sanitari accertati dai competenti uffici comunali. In caso di ricongiungimento di un solo minore di anni 14 il certificato dell alloggio può essere sostituito dalla dichiarazione di ospitalità del titolare dell appartamento con copia del contratto di locazione/comodato /proprietà, di durata non inferiore a 6 mesi a decorrere dalla richiesta di nulla osta. Inviare la domanda di nulla osta on line sul sito web del Ministero dell Interno. Ricongiungimento familiare (familiare di cittadino italiano e comunitario) I cittadini italiani o comunitari che intendono ricongiungersi con i propri familiari di cittadinanza non comunitaria, o con quelli del proprio coniuge, richiedono il visto d ingresso per motivi familiari direttamente all Ambasciata o al Consolato italiano di residenza del familiare straniero. Sono familiari : il coniuge i discendenti diretti di età inferiore a 21 anni o a carico e quelli del coniuge gli ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge altri familiari o partner non U.E., se a carico o conviventi, possono fare ingresso in Italia con un visto per residenza elettiva (che però non permette il lavoro). (Riferimenti normativi: decreto legislativo n. 160 del 3 ottobre 2008) Carta di soggiorno familiari stranieri di cittadini UE I familiari non U.E. di cittadini italiani o comunitari hanno diritto alla Carta di soggiorno. La Carta si richiede presso la Questura di Messina Ufficio Immigrazione, telefono (Lun-Ven 9/13, Lun-Mar-Gio 15/16:30) ed occorre: apposito modulo marca da bollo ( 16,00) passaporto o documento equivalente, valido visto d'ingresso (se richiesto) documentazione anagrafica attestante il rapporto di parentela richiesta di iscrizione anagrafica del familiare cittadino U.E 4 foto formato tessera. La Carta di soggiorno viene rilasciata dopo 90 giorni dalla richiesta ed ha una validità di 5 anni. Dopo 5 anni di permanenza continuativa, i familiari stranieri di cittadini U.E. possono chiedere la Carta di soggiorno permanente per familiari di cittadini europei, presentando alla questura: modulo carta di soggiorno permanente marca da bollo da 16,00 copia della carta di soggiorno posseduta, oppure attestazione di iscrizione anagrafica da almeno 5 anni o autocertificazione documento d identità in corso di validità.

11 (Riferimenti normativi: DLgs. 30/2007, Circolare del Ministero dell'interno, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del 6 aprile 2007, n.19 Decreto legislativo n. 30, del 6 febbraio 2007.) Diritti dei minori stranieri non accompagnati Introduzione I minori stranieri, anche se entrati irregolarmente in Italia, sono titolari di tutti i diritti sanciti dalla Convenzione di New York sui diritti del fanciullo del 1989, ratificata in Italia. Chi sono? I minori stranieri non accompagnati sono quei minori stranieri che si trovano in Italia privi di assistenza e rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per loro in base a un provvedimento formale responsabili in base alle leggi vigenti nell ordinamento italiano. Il Comitato per i minori stranieri ha affermato che sono da considerarsi accompagnati i minori affidati con provvedimento formale a parenti entro il terzo grado regolari, mentre sono da considerarsi non accompagnati negli altri casi. Ai minori stranieri non accompagnati si applicano le norme previste in generale dalla legge italiana in materia di assistenza e protezione dei minori. Si applicano, tra le altre, le norme riguardanti: il collocamento in luogo sicuro del minore che si trovi in stato di abbandono; la competenza attribuita, come per i minori italiani, all Ente Locale (in genere il Comune); l affidamento del minore temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo a una famiglia o a una comunità; l apertura della tutela per il minore i cui genitori non possano esercitare la potestà. Ogni minore straniero non accompagnato deve essere segnalato: alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni; al Giudice Tutelare, per l apertura della tutela; al Comitato per i minori stranieri, ad eccezione del caso in cui il minore abbia presentato domanda di asilo. Hanno diritto di restare in Italia? L inespellibilità I minori stranieri non possono essere espulsi, tranne che per motivi di ordine pubblico e sicurezza dello Stato (e in questi casi il provvedimento di espulsione è disposto dal Tribunale per i minorenni) e salvo il diritto a seguire il genitore o l affidatario espulsi. Il rimpatrio assistito I minori stranieri non accompagnati (non richiedenti asilo) possono però essere rimpatriati mediante il rimpatrio assistito, che è disposto dal Comitato per i minori stranieri, viene eseguito accompagnando il minore fino al riaffidamento alla famiglia o alle autorità responsabili del paese d origine, e in seguito al rimpatrio viene proposto al minore un progetto di reinserimento (scolastico, lavorativo ecc.). Il rimpatrio non comporta il divieto di reingresso per 10 anni. La richiesta di asilo I minori stranieri non accompagnati che temono di subire persecuzioni nel loro paese, per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza a un determinato gruppo sociale o per le proprie opinioni politiche, hanno diritto di presentare domanda di asilo.

12 Hanno diritto di ottenere un permesso di soggiorno? Tutti i minori stranieri non accompagnati hanno diritto, per il solo fatto di essere minorenni (e quindi in generale inespellibili), di ottenere un permesso di soggiorno per minore età. Il permesso per minore età non consente di lavorare e non può essere convertito in permesso per studio o lavoro, al compimento dei 18 anni. La legge prevede che il minore possa ottenere un permesso per studio o lavoro, al compimento dei 18 anni, nei casi in cui siano soddisfatte determinate condizioni. I minori titolari di permesso per minore età possono convertire questo permesso in un permesso di soggiorno per affidamento se: non vengano rimpatriati per provvedimento del Comitato per i minori stranieri; vengono affidati con affidamento disposto dal Tribunale per i minorenni oppure disposto dai servizi sociali e reso esecutivo dal Giudice Tutelare. Il permesso per affidamento che viene rilasciato in questi casi consente di lavorare e può essere convertito in permesso per studio o lavoro, al compimento dei 18 anni. I minori affidati a un cittadino straniero regolarmente soggiornante e che convivono con l affidatario vengono iscritti nel permesso di soggiorno dell affidatario fino al compimento dei 14 anni, e ricevono un permesso di soggiorno per motivi familiari al compimento dei 14 anni. Il permesso di soggiorno per motivi familiari consente di lavorare e può essere convertito in permesso per studio o lavoro, al compimento dei 18 anni. I minori stranieri non accompagnati che presentano domanda di asilo ricevono un permesso di soggiorno per richiesta di asilo; Il permesso per richiesta di asilo non consente di lavorare, mentre il permesso per asilo e il permesso per motivi umanitari lo consentono; questi tipi di permesso di soggiorno sono rinnovabili anche dopo il compimento dei 18 anni. Quando compiono 18 anni, hanno diritto di restare regolarmente in Italia? I minori stranieri non accompagnati presenti in Italia da 3 anni e che hanno seguito un progetto di integrazione per 2 anni, possono ottenere un permesso per studio, accesso al lavoro, lavoro subordinato o autonomo, al compimento dei 18 anni, soddisfacendo le seguenti condizioni: non hanno ricevuto un provvedimento di rimpatrio da parte del Comitato per i minori stranieri; frequentano corsi di studio, o svolgono attività lavorativa retribuita; hanno la disponibilità di un alloggio. La sussistenza di tali requisiti deve essere dimostrata, con idonea documentazione, dall ente gestore del progetto di integrazione. (Riferimenti normativi: testo Unico 286/98 sull immigrazione e successive modifiche (D.lgs. 113/99, legge 189/2002 ecc.), Legge 184/83 sull adozione e l affidamento e successive modifiche (legge 476/98, legge 149/2001) Codice Civile, Titoli X e XI, Regolamento di attuazione del T.U. 286/98, D.P.R. 394/99, Regolamento del Comitato per i minori stranieri, D.P.C.M. 535/99, Circolare del Ministero dell Interno del , Circolare del Ministero dell Interno del , l art. 25 della legge 189/2002, Linee Guida del Comitato per i minori stranieri del 2003) Accordo di integrazione Tutti gli stranieri di più di 16 anni che chiedono per la prima volta un permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno, devono firmare l accordo di integrazione (a seconda del visto d ingresso) allo

13 Sportello Unico per l'immigrazione della Prefettura o alla Questura. Se minorenni, firmano anche i genitori o gli esercenti la potestà genitoriale. Non deve firmare l accordo chi é affetto da patologie o disabilità, il minore solo, la vittima di tratta. Alla firma dell accordo vengono assegnati 16 crediti; entro 3 mesi lo straniero viene convocato per partecipare ad un corso di educazione civica. Un mese prima della scadenza dell accordo lo Sportello Unico immigrazione verifica il grado di integrazione invitando lo straniero a presentare documentazione per ulteriori crediti. L esito della verifica può essere: l estinzione dell accordo (si è integrato), la proroga dell accordo di un anno (non si è ancora integrato), la revoca del permesso di soggiorno. (Riferimenti normativi: D.P.R. 179/2011, T.U.286/98 e succ. modifiche, art. 4-bis, c.2) La cittadinanza può essere acquisita Cittadinanza italiana Per matrimonio: il richiedente, straniero o apolide, deve essere coniugato con cittadino italiano e risiedere legalmente in Italia da almeno 2 anni dalla celebrazione del matrimonio. Se i coniugi risiedono all'estero, la domanda può essere presentata dopo 3 anni dalla data di matrimonio. Tali termini sono ridotti della metà in presenza di figli nati o adottati dai coniugi. Per trasmissione dai genitori: I figli minori di chi acquista o riacquista la cittadinanza italiana, se convivono con esso, acquistano la cittadinanza italiana, ma, divenuti maggiorenni, possono scegliere di rinunciare alla nazionalità italiana se in possesso di un altra cittadinanza. Al momento della naturalizzazione del genitore, il minore deve convivere con esso in modo stabile e comprovabile con idonea documentazione. Per i nati in Italia (elezione di cittadinanza). Lo straniero nato in Italia, che vi abbia risieduto legalmente senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età, può dichiarare di voler eleggere la cittadinanza italiana entro un anno dalla suddetta data. Tale dichiarazione di volontà deve essere resa dall interessato, all Ufficiale dello Stato Civile del Comune di residenza. (Riferimenti normativi: legge 91 del 1992 art.4, c.2, art.5, art 14, art.12, Regolamento di esecuzione DPR 572/93, D.L.21/6/2013, n. 69, recante Disposizioni urgenti per il rilancio dell economia ) Carta di identità e codice fiscale Carta d'identità Per richiederla occorre essere iscritti all'anagrafe del comune. Non esistono più limiti di età per il rilascio, ma solo una diversa validità temporale a seconda dell'età. Per i cittadini comunitari e non comunitari residenti, la carta d' identità viene rilasciata non valida ai fini dell'espatrio. Si chiede presentando personalmente all Ufficio anagrafe del Comune con 3 foto, se stranieri con il permesso di soggiorno in originale ( o, se scaduto con copia del permesso di soggiorno e ricevuta originale di rinnovo) e passaporto (per i rifugiati, Titolo di viaggio). Se comunitari, con carta d'identità del Paese d origine. Codice fiscale Il codice fiscale può essere richiesto presso l Agenzia delle Entrate, con documento di riconoscimento e, se straniero, passaporto o permesso di soggiorno.

14 La famiglia, i servizi e gli anziani Iscrizione anagrafica Iscrizione anagrafica per i Cittadini Senza Fissa Dimora Coloro che si trovano nella situazione di senza fissa dimora, ma che hanno domicilio nel Comune di Torregrotta possono richiedere iscrizione anagrafica. Iscrizione anagrafica Cittadini U.E. La richiesta di cambio di residenza riguarda tutti coloro che sono iscritti nell'anagrafe di un altro comune italiano, non sono iscritti in Italia, sono stati cancellati per irreperibilità dal comune di Torregrotta o da altro comune italiano. Modalità di richiesta Il cittadino maggiorenne o un componente maggiorenne della famiglia anagrafica (nel caso il cambio riguardi un intero nucleo familiare), entro 20 giorni dal trasferimento nella nuova abitazione, rende all'ufficio Anagrafe una dichiarazione conforme all'esemplare predisposto dall'istat. La dichiarazione comprende: la richiesta su apposito modulo d'iscrizione all'anagrafe del Comune di Torregrotta la richiesta di cambio di luogo di residenza riportato su patente/i di guida e su carta/e di circolazione di tutti i componenti il nucleo familiare che cambiano residenza la firma recante l'assenso di ciascun componente maggiorenne per il quale si richiede l'iscrizione anagrafica, con allegata copia di un documento di identità. Qualora l'abitazione nella quale si intenda effettuare il trasferimento sia residenza di altra persona o altro nucleo familiare, la dichiarazione deve essere sottoscritta anche da tale persona allegando copia del documento di identità dell'ospitante. Iscrizione anagrafica Cittadini non U.E. La richiesta di cambio di residenza che riguarda tutti i cittadini stranieri non appartenenti a Paesi dell'unione Europea consta delle stesse procedure per quanto riguarda i suddetti cittadini U.E.. Ovviamente l'accoglimento dell'istanza sarà, comunque, subordinato all'esito degli accertamenti sulla regolarità del soggiorno (permessi di soggiorno, produzione degli elementi atti a certificare di essere in condizioni assimilabili - avere richiesto il rinnovo ecc.) così come verificato tramite le autorità di Pubblica Sicurezza. (Riferimenti normativi D.L. 9 febbraio 2012, n. 5 convertito in L.4/4/2012, n. 35 (Cambio di residenza in tempo reale) Matrimonio Chi desideri sposarsi in Italia Per le Pubblicazioni di matrimonio occorre prendere un appuntamento presso l ufficio di Stato Civile del Comune. Devono intervenire entrambi gli sposi o persona munita di procura speciale risultante da scrittura privata in originale. In caso di matrimonio con italiano il coniuge straniero non deve presentare il nulla-osta al matrimonio ma un estratto di nascita su modello plurilingue (o

15 legalizzato e tradotto) e un certificato di cittadinanza, residenza e stato libero rilasciato dal Comune di residenza all'estero, il tutto legalizzato e tradotto (salvo esenzioni). I cittadini stranieri che desiderano sposarsi in Italia devono presentare obbligatoriamente il nulla osta al matrimonio rilasciato dall'autorità di Rappresentanza dello Stato di appartenenza in Italia (Consolato o Ambasciata). Il cittadino straniero riconosciuto rifugiato deve presentare: certificato rilasciato dall'alto Commissariato delle Nazioni Unite in Roma, Via Caroncini, n. 19 tel ; copia atto di notorietà con 2 testimoni effettuato presso il Tribunale; documento di viaggio attestante lo stato di rifugiato politico; documento d'identità valido. La trascrizione dell atto di matrimonio Il matrimonio celebrato all estero per avere valore in Italia deve essere trascritto presso il Comune italiano competente. L'atto di matrimonio in originale emesso dall'ufficio dello Stato Civile estero, debitamente legalizzato e tradotto, dovrà essere rimesso, a cura degli interessati, alla Rappresentanza consolare che ne curerà la trasmissione in Italia ai fini della trascrizione nei registri di stato civile del Comune competente. In alternativa si può presentare l atto, debitamente legalizzato e tradotto, direttamente al Comune italiano di appartenenza. Tempi Le pubblicazioni vengono affisse per 8 giorni + 3 per le eventuali opposizioni. Il procedimento di pubblicazioni matrimonio si conclude entro 60 giorni. Costi 1 marca da bollo da Euro 16,00 per l'atto di pubblicazione 1 marca da bollo da Euro 16,00 se uno degli sposi è residente fuori Torregrotta 1 marca da bollo da Euro 16,00 se gli sposi intendono celebrare matrimonio civile o culti acattolici fuori Torregrotta Euro 0,26 per l'eventuale rilascio del Libretto Internazionale di Famiglia (Riferimenti normativi: art. 109 del codice civile, ex art.116 Codice civile, art. 51, comma 1, del DPR 396/ richiesta di pubblicazione, art. 12, comma 11, DPR 396/2000) Assegni di maternità L'assegno di maternità, concesso dal Comune ed erogato dall'inps, è una prestazione monetaria rivolta alle donne che, per lo stesso evento, non abbiano fruito di altra indennità di maternità e con idonee condizioni di reddito può essere chiesto da: le cittadine italiane, le cittadine comunitarie, le cittadine straniere (in possesso del Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo), le cittadine straniere titolari dello status di rifugiato politico e di protezione sussidiaria cittadine non comunitarie in possesso di carta di soggiorno di familiare di cittadino dell'unione o Italiano, della durata di cinque anni.

16 Ulteriori requisiti: che la richiedente sia residente nel territorio dello Stato al momento della nascita del figlio o ricevuto in affidamento preadottivo o in adozione senza affidamento; che il figlio o il minore in affidamento preadottivo o in adozione senza affidamento sia regolarmente soggiornante e residente nel territorio dello Stato; che la domanda sia presentata dalla madre legittima o dalla madre naturale che abbia riconosciuto il figlio, oppure dalla donna che ha ricevuto il minore in affidamento preadottivo o in adozione senza affidamento; che il nucleo familiare della richiedente presenti un Indicatore della Situazione Economica (ISE). Il requisito della situazione economica deve essere posseduto al momento della presentazione della domanda. Dove e quando presentare la domanda La domanda va presentata entro sei mesi dalla nascita del figlio al Comune presso l Ufficio Servizi Sociali. Documentazione necessaria La domanda deve essere compilata su un apposito modulo ritirabile presso l'ufficio Servizi Sociali del Comune, fornendo una Fotocopia di un documento di identità valido: carta d'identità, patente guida, passaporto. Nella domanda deve essere dichiarato l importo ISEE e il codice IBAN per l accredito dell assegno. (Riferimenti normativi: art. 66 della Legge 448 del 23/12/98 e successive modifiche e integrazioni, art. 49 della Legge 23/12/1999, n 488, Art. 10 D.P.C.M. 21/12/2000 n. 452, D.P.C.M. 25/05/2001, N 337, Circolare INPS n. 34 del 17/02/2004) Assegno ai nuclei familiari numerosi Cos è? È un assegno concesso per tredici mensilità in via esclusiva dai Comuni e pagato dall Inps, per le famiglie che hanno figli minori e che dispongono di patrimoni e redditi limitati. Hanno diritto all assegno per il nucleo familiare dei Comuni: i nuclei familiari composti da cittadini italiani e dell Unione europea residenti, da cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo, nonché dai familiari non aventi la cittadinanza di uno stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente; i nuclei familiari composti almeno da un genitore e tre figli minori (appartenenti alla stessa famiglia anagrafica); nuclei familiari con risorse reddituali e patrimoniali non superiori a quelle previste dall indicatore della situazione economica (I.S.E.) valido per l assegno. Modalità La domanda deve essere presentata al Comune di residenza entro il termine perentorio del 31 gennaio dell anno successivo a quello per il quale è richiesto l Assegno al nucleo familiare (ANF). Deve essere accompagnata da una dichiarazione sulla composizione e sulla situazione economica del nucleo familiare (I.S.E.) in corso di validità. Decorrenza e termine del diritto

17 Il diritto decorre dal 1 gennaio dell anno in cui si verificano le condizioni prescritte dalla legge, salvo che il requisito rappresentato dalla presenza di almeno tre figli minori si sia verificato successivamente. In quest ultimo caso decorre dal primo giorno del mese in cui il requisito è stato soddisfatto. Il diritto all assegno cessa: Dal 1 di gennaio dell anno in cui viene a mancare il requisito del reddito oppure dal 1 giorno del mese successivo a quello in cui viene a mancare il requisito relativo alla composizione del nucleo. (Riferimenti normativi: legge n.448 del 23/12/1998, art. 65 e 66, D.LGS n.151 del 26/03/2001, art. 74) Bonus sociale Energia Elettrica e Bonus Gas Naturale Bonus Energia Elettrica Tutti i cittadini italiani e stranieri che si trovano in situazioni di disagio economico o fisico possono richiedere il bonus Bonus sociale Energia Elettrica. Ne possono usufruire: utenti che dispongono di un ISEE di valore inferiore od uguale a euro, per una sola utenza nella casa di residenza con potenza impegnata fino a 3 kw (4,5 Kw se il numero di familiari con stessa residenza supera i 4 componenti); utenti in condizioni di disagio fisico, che versano in gravi condizioni di salute tali da richiedere l utilizzo di apparecchiature elettromedicali necessarie per il loro mantenimento in vita; utenti con quattro o più figli (famiglie numerose) a carico, con ISEE non superiore a euro, per una sola utenza nella casa di residenza con potenza impegnata fino a 4,5 Kw. Quantificazione Per i clienti in stato di disagio economico l'importo annuale varia a seconda del numero dei componenti il nucleo familiare. Per i soggetti in gravi condizioni di salute (disagio fisico) il valore del bonus, varia in base al numero di apparecchiature medico-terapeutiche salvavita utilizzate e al tempo giornaliero del loro utilizzo. Modalità Per accedere al Bonus energetico, i Cittadini nelle suddette condizioni possono recarsi presso gli uffici comunali presentando, in allegato all apposita modulistica, i seguenti documenti: Attestazione ISEE in corso di validità in caso di disagio economico Copia del documento di identità dell intestatario delle bollette Certificazione ASL o Modulo C ( Dichiarazione sostitutiva della certificazione ASL ), in caso di disagio fisico Permesso di soggiorno dell intestatario delle bollette se cittadino straniero Per i casi di disagio economico il bonus e' riconosciuto per un anno e può essere rinnovato per altri 12 mesi. Ciò dietro apposita richiesta da presentarsi in Comune entro il penultimo mese del periodo (annuale) di godimento. (Riferimenti normativi: D.M. (Ministero dello sviluppo economico) del 28/12/07, emesso in ottemperanza alle disposizioni della Finanziaria 2006 (legge 266/05), art.1 comma 375, Delibera AEEG 117/2008 più volte aggiornata.)

18 Bonus Gas Naturale Beneficiari Clienti domestici con indicatore ISEE non superiore a euro ( euro se vi sono 4 o più figli a carico), solo per la fornitura di gas nell'abitazione di residenza, compresi gli utenti che utilizzano impianti di riscaldamento condominiali a gas naturale. Valore bonus Varia a seconda della zona climatica, della tipologia di utilizzo (solo cottura e acqua calda, solo riscaldamento, oppure cottura, acqua calda e riscaldamento insieme), e del numero di residenti nell'abitazione. Come chiederlo Si può presentare domanda al proprio Comune di residenza o presso altro istituto incaricato (come per esempio i CAF). L'erogazione e' analoga a quella del bonus elettrico (vedi sopra). Il Comune trasmette i dati al distributore locale che provvede all'accredito in bolletta. Il Bonus Gas Naturale è cumulabile sia con il bonus elettrico che con la carta acquisti. (Riferimenti normativi: D.l. 248/07 (legge 31/08), art.46, Dl 185/08 (legge 2/09) art.3, e Delibera ARG/GAS 88/09 del 6/7/2009) Fondo Sostegno Affitti Il fondo sostegno affitti è rivolto ai cittadini in condizione economica disagiata i quali hanno difficoltà a pagare gli oneri del contratto di locazione. Destinatari e Requisiti Sono ammessi all erogazione dei contributi i soggetti che alla data della presentazione della domanda sono in possesso dei seguenti requisiti, che vengono valutati con riferimento al nucleo familiare: A) Cittadinanza Cittadinanza italiana Cittadinanza di uno Stato appartenente all Unione Europea, Cittadinanza di uno Stato non appartenente all Unione europea per gli stranieri che siano muniti di permesso di soggiorno o carta di soggiorno B) Residenza Residenza anagrafica nel Comune di Torregrotta, nonché nell alloggio oggetto del contratto di locazione. I cittadini immigrati devono essere residenti da almeno 10 anni nel territorio nazionale ovvero da almeno 5 anni nella medesima Regione. C) Situazione Economica Valore ISE (Indicatore della Situazione Economica ),Valore ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ed incidenza del canone d affitto annuo, al netto degli oneri accessori, sul valore ISE rientranti entro i valori di seguito indicati:

19 FASCIA VALORE ISE EURO VALORE ISEE EURO INCIDENZA CANONE ANNUO SUL VALORE ISE FASCIA A Fino a ,18 Non inferiore al 14% FASCIA B Da ,18 a ,00 Fino a ,00 Non inferiore al 24% I requisiti relativi alla situazione economica sono desunti da valida attestazione ISEE rilasciata dall Inps. Presentazione della domanda La domanda di partecipazione deve essere presentata in forma di dichiarazione sostitutiva, sottoscritta dal titolare di contratto e compilata esclusivamente sui moduli predisposti dal Comune di Torregrotta. Documenti da allegare Al modulo, debitamente sottoscritto, occorre allegare all atto della presentazione della domanda i seguenti documenti: 1. Copia del documento di identità in corso di validità del sottoscrittore la domanda; 2. Copia del codice fiscale del sottoscrittore la domanda; 3. Copia dell atto di separazione omologato o divorzio; 4. Copia contratto di locazione regolarmente registrato; 5. Copia di pagamento tassa di registro annuale riferita all anno 2014; 6. Carta o permesso di soggiorno in corso di validità di tutti i componenti il nucleo familiare; 7. Solo per i cittadini immigrati: Autocertificazione storica di residenza di tutti i componenti il nucleo familiare; (Riferimenti normativi: il fondo previsto dalla Legge 431/1998 (art.11), D.Lgs. n. 109/98 modificato dal D.Lgs. n. 130/2000, nonché dal DPCM n. 221/1999 modificato dal DPCM n. 242/2001, D.Lgs.286/98, così come modificato dalla Legge 30/07/2002. n. 189, D.Lgs. n. 109/98 e successive modifiche ed integrazioni, D.Lgs.n.130/2000, del D.P.C.M. n. 221/99 così come modificato dal D.P.C.M. n. 242/01 e del DPCM del , DPR 445/00, Legge 431/98.) Assegno sociale 2014 L assegno sociale è una prestazione di carattere assistenziale erogato dall INPS che prescinde del tutto dal versamento dei contributi. Spetta ai cittadini che si trovino in condizioni economiche disagiate ed abbiano situazioni reddituali particolari previste dalla legge. A chi spetta? Hanno diritto all assegno sociale i cittadini italiani, comunitari iscritti all anagrafe e i cittadini extracomunitari in possesso del Permesso di soggiorno per Lungo soggiornanti, rifugiati o titolari di protezione sussidiaria, che: hanno compiuto 65 anni e 3 mesi di età; risiedono effettivamente ed abitualmente in Italia; sono sprovvisti di reddito, ovvero non arrivano a totalizzare un reddito annuo di 5.818,93. La verifica del possesso dei requisiti viene fatta annualmente. ( Riferimenti normativi: Legge n. 431/98 art. 11)

20 Salute Iscrizione Al Servizio Sanitario Nazionale - Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale dei Cittadini non U.E. Hanno diritto e devono iscriversi obbligatoriamente al S.S.N. tutti i cittadini stranieri muniti di Permesso per : per lavoro, se disoccupati iscritti nelle liste del Centro per l'impiego, richiesta di asilo, protezione sussidiaria, acquisto di cittadinanza, apolidia, cure mediche, assistenza di minore, motivi di salute, motivi religiosi ( solo se svolge attività lavorativa ), studio (solo se il permesso di soggiorno é rilasciato in conversione al compimento della maggiore età, di un precedente permesso per famiglia), Permesso di soggiorno lungo soggiornanti. Hanno diritto e devono iscriversi obbligatoriamente al S.S.N. anche: gli stranieri in attesa del primo rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato o per motivi familiari i familiari regolarmente soggiornanti a carico degli obbligatoriamente iscritti al S.S.N. i figli minori di cittadini stranieri iscritti i detenuti o internati, semilibertà, forme alternative di pena, in possesso o meno del permesso di soggiorno i genitori ultra 65 di cittadino non U.E. in possesso di permesso di soggiorno per Asilo i genitori ultra 65 precedentemente iscritti a titolo obbligatorio e che richiedono il rinnovo del permesso di soggiorno (Ibidem), con rilascio del permesso precedente al novembre 2008 i minori presenti sul territorio, di qualsiasi nazionalità per i quali non vi è possibilità o risorse per iscrizione obbligatoria o volontaria, devono essere iscritti per un anno, l'iscrizione è rinnovabile fino al compimento del 18 anno di età. Sono esclusi i titolari di permesso di soggiorno per i quali la normativa non consente l'iscrizione al S.S.N. le persone che documentano l'avvenuta presentazione dell'istanza di regolarizzazione, vengono iscritte per 6 mesi, rinnovabili se accertata la mancata risposta. Anche i minori stranieri titolari di un permesso di soggiorno (per minore età, per affidamento, per motivi familiari, per protezione sociale, per richiesta di asilo o per asilo) sono iscritti obbligatoriamente al Servizio Sanitario Nazionale. Durata dell iscrizione L iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale ha la stessa durata del permesso di soggiorno. Per i titolari di permesso di soggiorno per lungo soggiornanti è a tempo indeterminato. Modalità di iscrizione L interessato (o persona da lui delegata per scritto e munito di documento di identità del delegante e delegato) o, in caso di minore, il genitore o chi ne esercita la patria potestà, deve presentare agli sportelli anagrafe sanitaria dell ASL: Permesso di soggiorno valido (originale e fotocopia), nulla osta o richiesta di rinnovo autocertificazione di residenza o dichiarazione di effettiva dimora quale risulta sul permesso di soggiorno documento di identità codice fiscale rilasciato dall'agenzia delle entrate se in attesa del primo permesso per lavoro, ricevuta (originale e fotocopia) della ricevuta postale e del contratto di soggiorno stipulato presso lo Sportello unico per l immigrazione della Prefettura.

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI

I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI : ASPETTI GIURIDICI COMUNE DI BOLOGNA SETTORE COORDINAMENTO SERVIZI SOCIALI SERVIZIO GENITORIALITÀ ED INFANZIA 40122 Bologna Viale Vicini 20 tel. 051/203770 fax 051/203768 Bologna, 26.09.2003 I MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n.394 1, Regolamento recante norme di attuazione del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione

Dettagli

IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI

IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI N. 850 di concerto con il Ministro dell'interno, il Ministro della giustizia, il Ministro dello sviluppo economico, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE

Presentazione. DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici Area AIRE Presentazione Facilitare l accesso ai servizi ai cittadini, sia residenti in Italia che all estero, rappresenta uno degli obiettivi fondamentali dell Amministrazione Pubblica. Esso è ispirato al principio

Dettagli

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE

AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE AIRE: ANAGRAFE ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO LEGGE 470/88 SULL'ISCRIZIONE ALL'AIRE La iscrizione all'aire e' obbligatoria se la durata prevista per il soggiorno all' estero e' superiore ai dodici mesi.

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato. A cura di: Brizida Haznedari

Accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato. A cura di: Brizida Haznedari straniero e lo Stato A cura di: Brizida Haznedari DESTINATARI: Lo straniero, di età superiore ai 16 anni, che per la prima volta presenta la domanda di permesso di soggiorno, di durata non inferiore a

Dettagli

Frequently Asked Questions

Frequently Asked Questions EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE DEI LAVORATORI STRANIERI EXTRACOMUNITARI 2012 Frequently Asked Questions 1. Quando si può presentare la domanda di emersione? La dichiarazione di emersione potrà essere

Dettagli

I certificati anagrafici

I certificati anagrafici I certificati anagrafici I certificati anagrafici sono rilasciati dal Comune di residenza e attestano le risultanze delle iscrizioni nell'anagrafe della popolazione residente (APR) e degli italiani residenti

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa Luglio 2014 Azienda Sanitaria Locale di Brescia DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Direttore: Dr. Fulvio Lonati

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

LA BLUE CARD E GLI ALTRI CASI PARTICOLARI DI INGRESSO AL DI FUORI DELLE QUOTE O CON QUOTE SPECIFICHE

LA BLUE CARD E GLI ALTRI CASI PARTICOLARI DI INGRESSO AL DI FUORI DELLE QUOTE O CON QUOTE SPECIFICHE LA BLUE CARD E GLI ALTRI CASI PARTICOLARI DI INGRESSO AL DI FUORI DELLE QUOTE O CON QUOTE SPECIFICHE Nell ambito delle norme del testo unico sull immigrazione (D.lgs. n. 286/98) dedicate all ingresso ed

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha realizzato il servizio di inoltro Telematico delle domande

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 Prot. N 41920 N. Repertorio 3115/2015 Titolo V Classe 5 Fascicolo Milano, 30 giugno 2015 VISTI gli

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri

Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri 2 Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri Il presente documento 1 è stato predisposto dal progetto La Mobilità Internazionale del Lavoro in collaborazione con il

Dettagli

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione.

5) La richiesta di autorizzazione al lavoro può essere. a) Nominativa o per lista; b) Competenza o per professione; c) Per professione. 1) Cos è il visto? a) È un permesso concesso allo straniero ad entrare nel territorio della Repubblica Italiana o in quello di altre parti contraenti per transito o per soggiorno; b) È una autorizzazione

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI PRESENTI IN TOSCANA

LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI PRESENTI IN TOSCANA Allegato A) ASSESSORATO ALLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

REGOLAMENTO ANAGRAFICO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE (legge 24 Dicembre 1954, n. 1228 D.P.R. 30 Maggio 1989, n. 223)

REGOLAMENTO ANAGRAFICO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE (legge 24 Dicembre 1954, n. 1228 D.P.R. 30 Maggio 1989, n. 223) REGOLAMENTO ANAGRAFICO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE (legge 24 Dicembre 1954, n. 1228 D.P.R. 30 Maggio 1989, n. 223) avvertenze e note illustrative allegato: istruzioni per l ordinamento ecografico e modelli

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito...

Ambasciata d Italia... Domanda di visto per gli Stati Schengen Modulo gratuito... 1. Cognome / (x) 2. Cognome alla nascita (cognome/i precedente/i) / (x) 3. Nome/i / (x) 4. Data di nascita (giorno-mese-anno)... 8. Sesso /...: Maschile/... Femminile/... Ambasciata d Italia... Domanda

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it cnpi@cnpi.it C.F. 80191430588 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E CORSI SINGOLI INDICE TITOLO I - IMMATRICOLAZIONI,

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30

DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30 DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30 Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell'unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli