Roma, 12/12/2000. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma, 12/12/2000. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI. Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI"

Transcript

1 Roma, 12/12/2000 DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI UFF. 1 NORMATIVA AA.GG. Ai Dirigenti Generali LORO SEDI Ai Direttori degli Uffici Centrali e Periferici LORO SEDI Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali LORO SEDI Alla Poste Italiane s.p.a. Divisione Banco Posta Direzione Imprese ed Enti Servizio Marketing e Commercializzazione Pubbliche Amministrazioni Centrali e Locali Viale Europa, R O M A Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati LORO SEDI INFORMATIVA N. 55 Agli Enti di Patronato LORO SEDI OGGETTO: Abolizione dell assegno di conto corrente postale di serie speciale a decorrere dal 1 gennaio 2001 e unificazione al giorno 16 del mese della data di pagamento di tutte le pensioni. Con circolare in corso di zione sulla Gazzetta Ufficiale, la Direzione Generale sta notificando a tutte le Amministrazioni interessate ed ai pensionati la delibera del Consiglio di Amministrazione n. 1273/2000, con la quale è stata disposta, a decorrere dall anno 2001, l unificazione dei pagamenti di tutti i tipi di pensione erogati dall INPDAP e l abolizione dell assegno di c/c postale di serie speciale. Per effetto di quanto stabilito dalla citata delibera, a decorrere dal prossimo mese di gennaio la rata di pensione sarà posta in pagamento, per tutti i pensionati (Statali, EE.LL., etc.), il giorno 16 di ciascun mese, anticipato al primo giorno lavorativo, se festivo, ovvero il giorno che l Agenzia postale stabilirà, per proprie esigenze organizzative: comunque gli assegni di pensione dovranno essere pagati al massimo il giorno 20 del mese. Il pagamento degli arretrati di pensione, a 1

2 qualsiasi titolo dovuti, viene effettuato a decorrere dallo stesso giorno 16 e, qualora l arretrato derivi dalla movimentazione di una partita in pagamento, sarà corrisposto sommato alla rata continuativa. La delibera ha inoltre disposto che il pagamento della rata di pensione possa essere effettuato fino al secondo mese successivo a quello di emissione della rata stessa. Poiché si ha motivo di ritenere che l abolizione dell assegno di c/c postale di serie speciale potrebbe suscitare, soprattutto nella prima fase di applicazione, disorientamento tra gli interessati, abituati a ricevere materialmente il titolo di pagamento, le Sedi provinciali dovranno porre in essere tutte le necessarie iniziative che possono rivelarsi utili per ridurre al minimo gli inconvenienti che dovessero presentarsi, volte a fare in modo che il pensionato, accertato il suo diritto al pagamento della pensione, possa comunque riscuotere le proprie competenze. Al beneficiario sarà inviato un prospetto analitico delle competenze, nel mese di gennaio di ciascun anno, in occasione dell attribuzione della perequazione automatica delle pensioni e destinato a valere fino al mese di dicembre, segnalando, quindi, fin dal mese di gennaio anche l importo della tredicesima mensilità, salvo ad essere ripetuto durante l anno, qualora dovessero intervenire variazioni di carattere generale o individuale. In tal modo, detta procedura viene uniformata a quella già in essere per i titolari di trattamenti di quiescenza che riscuotono i propri emolumenti in conto corrente bancario o postale. L avviso di pagamento sarà comunque sempre inviato agli interessati, qualora il pagamento stesso sia stato disposto con le scelte GESTIONE RATEI o PAGAMENTO UNA TANTUM della procedura Segnalazioni Varie. Si precisa che nulla è stato innovato per quanto riguarda i documenti validi per la riscossione delle rate di pensione; si richiamano anche le norme in materia di snellimento dell attività amministrativa, di cui alle leggi 15 marzo 1997, n. 59, 15 maggio 1997, n. 127 e d.p.r. 20 ottobre 1998, n Si ritiene opportuno sottolineare che, per effetto dell abolizione dell assegno di c/c postale di serie speciale, i beneficiari non avranno più la possibilità di girare l assegno stesso al fine di delegarne l incasso ad altra persona ovvero di versarlo su un conto corrente bancario. Inoltre l abolizione del titolo determina l impossibilità di emettere assegni con la procedura d urgenza (ex art. 12 del d.p.r. 8 luglio 1986, n. 429), per cui il titolare della Sede provinciale Inpdap è autorizzato, in caso di necessità ed urgenza e per motivi di particolare gravità giustamente documentati, a disporre pagamenti tramite mandato diretto tratto sul conto corrente intestato alla gestione di competenza, in essere presso l Istituto bancario cassiere della Sede stessa, ulteriori precisazioni al riguardo saranno fornite dalla competente Direzione Centrale Ragioneria. Nel far presente che i pagamenti di specie sono effettuati da parte dell operatore dell Agenzia postale sulla base del numero d iscrizione, previa identificazione, nei modi consueti, del beneficiario e preventiva verifica di concordanza con i dati trasmessi dall Istituto a Poste Italiane S.p.A. con supporto magnetico e, quindi, con l eliminazione di quello cartaceo, si descrivono le varie fasi della procedura di automazione del pagamento delle pensioni e si trasmettono, al fine di conseguire un corretto ed uniforme comportamento da parte di tutte le Sedi provinciali INPDAP, fac-simile dei modelli che dovranno essere utilizzati: 1) il Centro Emissione Pensioni di Bologna cura l invio di un supporto magnetico unico con cadenza mensile contenenti i dati delle pensioni in pagamento, sia in modalità contanti che in accredito su conto corrente postale e su libretto di risparmio postale, che dovrà pervenire al CNED Poste almeno venti giorni prima della data utile di pagamento; 2) entro il giorno 10 del mese successivo a quello di pagamento Poste Italiane s.p.a. trasmette al Centro Calcolo Pensioni una rendicontazione mensile e analitica delle rate di pensioni pagate nel mese precedente; 2

3 3) l Agenzia postale riepiloga, con appositi elenchi descrittivi inviati alla Sede provinciale INPDAP territorialmente competente, decorso il periodo di due mesi oltre quello di emissione, gli importi delle rate di pensione non pagate (fac-simile modello PENS. N 01); 4) i ratei di pensione non riscossi o erroneamente accreditati sui conti correnti postali, sui libretti di risparmio postale e sui conti correnti bancari sono recuperati direttamente dalle Sedi provinciali con introito sui conti correnti bancari di ciascuna Gestione, in essere presso il rispettivo Istituto bancario cassiere, con contabilizzazione a cura delle Sedi stesse mediante imputazione al capitolo di bilancio corrispondente; identica procedura viene adottata per il recupero di qualunque somma erroneamente o indebitamente corrisposta. Le Sedi provinciali INPDAP provvederanno, quindi, a modificare la modulistica adeguandola alle nuove suindicate modalità di recupero dei ratei di pensione. In tal senso, si sta provvedendo a modificare ed aggiornare il pacchetto applicativo PAG. DOC ; 5) rammentato che la tessera personale di riconoscimento rilasciata ai dipendenti civili e militari dello Stato in attività di servizio e in quiescenza ed ai loro familiari, sulla quale, con apposita annotazione, è indicato il numero di iscrizione della relativa di pensione, è documento valido per la riscossione, nel caso in cui il pensionato sia sprovvisto del detto documento, la Sede dovrà rilasciare all interessato la credenziale per la riscossione della pensione rilasciata ai sensi dell art. 200 del d.p.r. 29/12/1973, n (mod. PENS: 02 allegato) detta credenziale. Si precisa che, nei pagamenti in via continuativa di somme dovute a soggetti non titolari di pensione (ad esempio alimentato/a, pignorante etc..), la Sede deve rilasciare all interessato/a una certificazione, che deve essere presentata al competente Ufficio postale, attestante il diritto del beneficiario alla riscossione. 6) per effetto della impossibilità della girata, qualora il titolare della pensione, temporaneamente impossibilitato a recarsi all Agenzia postale, deleghi l incasso ad altra persona, l Ufficio INPDAP rilascerà a quest ultima, che dovrà presentarsi munita di un documento di riconoscimento valido del pensionato, apposita autorizzazione (redatta secondo il mod. PENS. 03allegato) che, stante l evidente eccezionalità, dovrà avere una limitata validità. Nulla è variato nel caso in cui la delega debba invece valere in via continuativa; si ribadisce quindi che le Sedi provinciali INPDAP, in quest ultima ipotesi, devono disporre, con la massima tempestività apposita variazione in banca dati; 7) per la richiesta di sospensione del pagamento della pensione esigibile presso l Agenzia postale, deve essere utilizzato il mod. PENS. 04; la Sede provinciale INPDAP ne può disporre, fino al giorno anteriore a quello del pagamento, il fermo a mezzo comunicazione scritta (telegramma, fax, ) al competente Ufficio postale, il quale prenderà nota del disposto fermo sulle proprie scritture e darà immediata assicurazione all Ufficio INPDAP richiedente. 8) nel caso di erronea sospensione del pagamento della pensione da parte dell Ufficio INPDAP ovvero dell Agenzia postale, la Sede provinciale ne potrà autorizzare il ripristino utilizzando il mod. PENS. 05. L Ufficio postale trasmette giornalmente alla competente Sede INPDAP l elenco delle rate di pensione per le quali è stata disposta la sospensione dei pagamenti (mod. PENS. 06). Nel caso in cui il pagamento della pensione sia stato localizzato presso un Ufficio postale soppresso, il pagamento medesimo sarà localizzato, a cura dell Ente poste, presso quello più vicino, sulla base del C.A.P. del beneficiario; sarà viceversa localizzato presso l Ufficio principale in base al frazionario della provincia, qualora il pagamento sia stato localizzato presso una Agenzia postale inesistente. Il Centro Emissione Pensioni di Bologna comunicherà tempestivamente l avvenuta rilocalizzazione dei pagamenti alle Sedi provinciali INPDAP interessate, le quali informeranno subito i pensionati ed adotteranno i conseguenti provvedimenti. 3

4 Come è noto, nel caso di pagamento di ratei a seguito del decesso dei titolari delle partite di pensione a più aventi diritto, poiché nel campo riservato all intestazione dell assegno non potevano essere indicate le generalità di tutti i beneficiari, le stesse venivano riportate su un talloncino allegato al titolo, di cui faceva parte a tutti gli effetti. A seguito della smaterializzazione dell assegno di c/c postale di serie speciale, nei casi sopra indicati, al fine di agevolare l esatta individuazione dei beneficiari da parte dell Ufficio postale, nello spazio riservato all intestazione, a decorrere al 1 gennaio 2001, devono risultare i dati per la localizzazione del pagamento, l indirizzo di uno degli eredi (necessario per l invio del prescritto avviso), nonché gli estremi della nota (MOD. PENS 07). con la quale agli eredi viene partecipata l avvenuta liquidazione del rateo insoluto, sulla quale vengono indicate le generalità di tutti gli aventi diritto e che dovrà tassativamente essere esibita a cura degli interessati all Agenzia Postale all atto della riscossione. Si rammenta che ai sensi dell art. 8 del d.p.r 8/7/86, n. 429 gli intestatari di una somma emessa per il pagamento di un rateo successorio che non possono presentarsi personalmente all Ufficio postale pagatore, per quietanzare contestualmente agli altri beneficiari, hanno la facoltà di nominare un proprio rappresentante mediante mandato speciale, anche in via amministrativa, da prodursi direttamente all Ufficio postale medesimo. Con l occasione, si comunica che all atto del pagamento della pensione, l Agenzia postale compila un mandato di pensione composto di due parti: la quietanza, che sarà conservata dalla competente Filiale Poste insieme alla nota contabile, per un periodo di dieci anni per eventuale visione e controllo a termini di legge, e la ricevuta, nella quale saranno evidenziate le varie voci che compongono la rata di pensione, che verrà consegnata al beneficiario a dimostrazione dell avvenuto pagamento (all. fac-simile). Si fa da ultimo presente che nei rapporti con Poste Italiane s.p.a., con la cui intesa la presente informativa viene diramata, chiave identificativa del trattamento pensionistico è il numero di iscrizione della partita di pensione, al quale anche il beneficiario deve fare esclusivo riferimento ai fini del pagamento. Le Sedi provinciali avranno cura di dare la massima diffusione, con i mezzi che riterranno più idonei in sede locale, ai contenuti della presente informativa, interessando, tra l altro le Organizzazioni Sindacali, i Patronati, le Associazioni di categoria e le Amministrazioni Pubbliche. Per gli aspetti di competenza, le illustrate istruzioni sono state predisposte d intesa con la Direzione Centrale del Sistema Informativo. IL DIRIGENTE GENERALE Dr. Luigi Marchione F.to Marchione 4

5 POSTE ITALIANE S.P.A. UFFICIO POSTALE Mod. PENS. 01/INPDAP di Alla Sede Provinciale INPDAP di.. Si trasmette l elenco delle rate di pensioni non pagate, in quanto scadute di validità essendo decorso il periodo di due mesi oltre quello dell emissione: N ISCRIZIONE DI PENSIONE INTESTATARIO IMPORTO RATE NON PAGATE.lì. Da riportare Totale. BOLLO A CALENDARIO IL TITOLARE... 5

6 Mod. PENS. 02/INPDAP SEDE PROVINCIALE INPDAP Credenziale per la riscossione della pensione rilasciata ai sensi dell art. 200 del D.P.R. 29/12/1973, n SI ATTESTA che.l Sig. nat il..a. C.F. rappresentato dal Sig..nat. Il... a C.F., è titolare della partita di pensione iscrizione n. in qualità di... La presente credenziale, rilasciata su esibizione di n... del., deve essere presentata all Ufficio Pagatore all atto di ogni riscossione, e sarà valida fino al lì.. IL DIRETTORE 6

7 Mod. PENS. 03/INPDAP Sede Provinciale.. Ufficio. Prot. N OGGETTO: Pensione iscrizione n.. Delega alla riscossione in caso di temporanea impossibilità dell interessato. Il Sig. (la Sig.ra).., nato/a il Titolare della pensione iscrizione n. DELEGA Il Sig. (la Sig.ra) nato/a a ( ) il codice fiscale abitante a. (.), CAP... a riscuotere in suo nome e vece quanto dovutogli (le) in relazione alla pensione indicata in oggetto. La presente comunicazione è valida per il pagamento della rata di pensione attualmente giacente presso codesto Ufficio pagatore e fino alla rata del mese di dell anno compresa. lì.. IL DIRETTORE N.B. Copia della presente, redatta in duplice copia, deve essere consegnata al competente Ufficio postale all atto del pagamento della pensione. 7

8 Mod. PENS. 04INPDAP All Ufficio Postale Sede Provinciale.. Ufficio. Prot. N OGGETTO: Richiesta di sospensione pagamento pensione. Si prega codesto Ufficio pagatore di provvedere a sospendere per (a) avvenut.. il.il pagamento della pensione iscrizione n. di cui è beneficiario il/la Sig./ra. a decorrere dalla rata... anno IL DIRETTORE..lì a) decesso, nuove nozze, ecc. Ufficio pagatore. per ricevuta 8

9 Mod. PENS. 05/INPDAP All Ufficio Postale Sede Provinciale.. Ufficio. Prot. N OGGETTO: Richiesta di ripristino pagamento pensione. Si prega codesto Ufficio pagatore di ripristinare il pagamento della pensione iscrizione n... di cui è beneficiario il/la Sig./ra... a partire dalla rata anno La pensione è stata a suo tempo sospesa a richiesta di questa Sede dalla rata anno.. d iniziativa di codesto U.P. IL DIRETTORE lì. 9

10 POSTE ITALIANE S.P.A. UFFICO POSTALE di Alla Sede Provinciale INPDAP di.. Mod. PENS. 06/INPDAP Si trasmette l elenco delle pensioni, in pagamento tramite supporto magnetico, sospese direttamente da questo Ufficio o da codesta Sede Provinciale INPDAP (1): N ISCRIZIONE DI PENSIONE INTESTATARIO DECORRENZA SOSPENSIONE IMPORTO RATE NON PAGATE.lì. Da riportare Totale. BOLLO A CALENDARIO IL TITOLARE... (1) Cancellare l ipotesi che non ricorre 10

11 Mod. PENS. 07/INPDAP Sede Provinciale.. Ufficio. Prot. N Al/Alla Sig./ra.... e,p.c. All Ufficio Postale N.. OGGETTO: Pensionato/a.. iscr. n... deceduto/a il.. Si informa che la scrivente ha disposto la liquidazione della somma di... (.. ), quale rateo rimasto insoluto sulla partita di pensione intestato/a al/alla nominato/a in oggetto, che sarà reso esigibile in data.. presso l Ufficio postale n., sito in Via.., previa presentazione di documento di riconoscimento valido. Si indicano, qui di seguito, le generalità degli aventi diritto: COGNOME NOME DATA NASCITA CODICE FISCALE 1). con quietanza propria o del delegato, esig. senza libretto 2).. con quietanza propria o del delegato, esig. senza libretto 3). con quietanza propria o del delegato, esig. senza libretto 4) con quietanza propria o del delegato, esig. senza libretto 5). con quietanza propria o del delegato, esig. senza libretto lì.. IL DIRETTORE N.B. La presente comunicazione deve essere tassativamente esibita all Ufficio pagatore ai fini della riscossione. 11

Roma, 13/12/2007. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. A tutte le Amministrazioni/Enti con personale iscritto all INPDAP

Roma, 13/12/2007. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. A tutte le Amministrazioni/Enti con personale iscritto all INPDAP istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 13/12/2007

Dettagli

Roma, 13/12/2007. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. A tutte le Amministrazioni/Enti con personale iscritto all INPDAP

Roma, 13/12/2007. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. A tutte le Amministrazioni/Enti con personale iscritto all INPDAP istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 13/12/2007

Dettagli

Nota operativa n. 21 e, p.c.

Nota operativa n. 21 e, p.c. Direzione Centrale Previdenza Direzione Centrale Credito, Investimenti e Patrimonio Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Sistemi informativi,

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente.

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente. Inpdap: la procedura per il recupero degli indebiti (Inpdap, Nota Operativa 20.6.2006 n. 39) Sono in arrivo le comunicazioni Inpdap relative alle somme indebitamente percepite dai pensionati. L istituto

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII

DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII N. 152284 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. - Ufficio XII Visto il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, riguardante disposizioni sull amministrazione del patrimonio e sulla

Dettagli

OGGETTO: Pagamento delle pensioni mediante accreditamento sul conto corrente bancario, su conto Banco Posta e su libretto di risparmio postale.

OGGETTO: Pagamento delle pensioni mediante accreditamento sul conto corrente bancario, su conto Banco Posta e su libretto di risparmio postale. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 02/04/2008

Dettagli

CIRCOLARE N. 3/2005. Premessa. PROT. n 14511

CIRCOLARE N. 3/2005. Premessa. PROT. n 14511 CIRCOLARE N. 3/2005 PROT. n 14511 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: Direzione dell Agenzia Modalità di gestione della Convenzione per la riutilizzazione commerciale dei documenti, dei dati e delle informazioni

Dettagli

2244 Capitolo X 452-833

2244 Capitolo X 452-833 2244 Capitolo X 452-833 683. - Circ. 27 giugno 1998 n. 141. Pagamento mensile unificato delle pensioni. Nuove modalità di gestione del pagamento delle pensioni. 1. Pagamento mensile unificato. Con circolare

Dettagli

DOMANDA DI PENSIONE IN TOTALIZZAZIONE ai sensi del D.Lgs. n. 42/06

DOMANDA DI PENSIONE IN TOTALIZZAZIONE ai sensi del D.Lgs. n. 42/06 Associazione di Diritto Privato Via Mantova, 1 00198 - Roma C.F. 80021670585 DOMANDA DI PENSIONE IN TOTALIZZAZIONE ai sensi del D.Lgs. n. 42/06 Il/la sottoscritt / / fiscale (prov. ), Via c.a.p., tel.

Dettagli

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativo Roma, 28/11/2008 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica

istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 30 Marzo 2007 DIREZIONE GENERALE istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica DIRIGENTI GENERALI CENTRALI E COMPARTIMENTALI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI DIRETTORI

Dettagli

CIRCOLARE N. _9_. Alla REGIONE SARDEGNA 09100 CAGLIARI

CIRCOLARE N. _9_. Alla REGIONE SARDEGNA 09100 CAGLIARI CIRCOLARE N. _9_ MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Ispettorato Generale di Finanza Ufficio XIV Prot. n. 0017747 (Rif. prot. entrata n. ) Roma, 18

Dettagli

A) Attribuzione della perequazione automatica in via definitiva per l anno 2000 e in via previsionale per l anno 2001.

A) Attribuzione della perequazione automatica in via definitiva per l anno 2000 e in via previsionale per l anno 2001. Roma, 08/01/2002 Istituto nazionale Di previdenza Per i dipendenti Dell amministrazione Pubblica DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI UFF. 1 NORMATIVA DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COMUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani Oggetto: convenzione disciplinante modalità per la concessione di finanziamenti ai dipendenti da parte di banche ed intermediari finanziari con delegazione convenzionale.

Dettagli

chiede ...nat... il... a...c.f...nat... il... a...c.f...nat... il... a...c.f...nat... il... a...c.f...nat... il... a...c.f...

chiede ...nat... il... a...c.f...nat... il... a...c.f...nat... il... a...c.f...nat... il... a...c.f...nat... il... a...c.f... ALL I.N.P.D.A.P. Via Pacinotti, 3 39100 BOLZANO tramite: UFFICIO PENSIONI PERSONALE INSEGNANTE Via Dodiciville, 2 39100 BOLZANO Il/La sottoscritto/a..., Codice fiscale..., nato/a il... a..., in qualità

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale della Scuola

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale della Scuola C.M. 33 Prot. 143/n/2004 Roma, lì 16 marzo 2004 Alle Direzioni Scolastiche Regionali Loro Sedi Ai Centri Servizi Amministrativi Loro Sedi Alla Sovrintendenza Scolastica della Provincia Autonoma di Alla

Dettagli

Vigilanza sulle Entrate - Capitoli 3402, 3404, 3405, 3629, 3645, 3646 e 3802 del Capo XII Presidenza del Bilancio della Regione Siciliana.

Vigilanza sulle Entrate - Capitoli 3402, 3404, 3405, 3629, 3645, 3646 e 3802 del Capo XII Presidenza del Bilancio della Regione Siciliana. REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 012000826 NUMERO DI PARTITA IVA 02711070827 REGIONE SICILIANA PRESIDENZA Dipartimento Regionale del Personale dei Servizi Generali di Quiescenza Previdenza

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 25. Roma, 23 giugno 2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali

NOTA OPERATIVA N. 25. Roma, 23 giugno 2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio III TFS,TFR, ASV e Previdenza Complementare Roma, 23 giugno 2011 NOTA OPERATIVA N.

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 18. OGGETTO: Accredito pensione INPDAP su conto Banco Posta o libretto di Risparmio Postale.

NOTA OPERATIVA N. 18. OGGETTO: Accredito pensione INPDAP su conto Banco Posta o libretto di Risparmio Postale. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 23/03/2007

Dettagli

REGOLAMENTO ECONOMALE

REGOLAMENTO ECONOMALE REGOLAMENTO ECONOMALE INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 L Economo Art. 3 Attribuzioni Art. 4 - Cassa economale Art. 5 Fondi a disposizione dell Economo Art. 6 Pagamenti a mezzo cassa economale

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli

Roma, 21 aprile 2005 CIRCOLARE N. 12

Roma, 21 aprile 2005 CIRCOLARE N. 12 Roma, 21 aprile 2005 DIREZIONE GENERALE istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica 00142 - Roma Viale Aldo Ballarin, 42 Tel. 0651011 www.inpdap.it Direzione Centrale

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE Approvato con deliberazione consiliare n. 48 del 10 maggio 2000 INDICE Art. 1 Attribuzione

Dettagli

Roma, 12 febbraio 2002

Roma, 12 febbraio 2002 Roma, 12 febbraio 2002 DIREZIONE CENTRALE ENTRATE CONTRIBUTIVE VIA A. BALLARIN 42 00142 ROMA Agli Enti iscritti alla CPDEL, CPS, CPI (tramite gli Uffici Provinciali INPDAP) e.p.c. Alla Segreteria degli

Dettagli

Estratto Circolare RIAFFILIAZIONE DEGLI ORGANISMI DI BASE AL CNSL

Estratto Circolare RIAFFILIAZIONE DEGLI ORGANISMI DI BASE AL CNSL Roma, 13 agosto 2007 Prot.n. 1360 Estratto Circolare OGGETTO: Norme e procedure di affiliazione/riaffiliazione e tesseramento al Centro Nazionale Sportivo Libertas Stagione Sportiva 2007/2008 Anno solare

Dettagli

18 Dic 2007. Prot. N.. Palermo

18 Dic 2007. Prot. N.. Palermo REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 012000826 NUMERO DI PARTITA IVA 02711070827 REGIONE SICILIANA PRESIDENZA Dipartimento Regionale del Personale dei Servizi Generali di Quiescenza Previdenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 agosto 2011 OGGETTO: Imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito con modificazioni

Dettagli

Regolamento per il servizio di Cassa Economale

Regolamento per il servizio di Cassa Economale Azienda di Servizi alla Persona Regolamento per il servizio di Cassa Economale Approvato con Delibera di CdA n. 4 del 27/02/2014 Sede Legale: Via Di Mezzo n. 1 47900 RIMINI Sede Amministrativa: Via Massimo

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE Via O. Zanchini n. 7 FORLI REGOLAMENTO approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 16 luglio 2003 Pagina 1 di 7 TITOLO I ISCRIZIONE ALLA CASSA E ANAGRAFE DELLE AZIENDE

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 30 aprile 2015 Definizione di nuove modalita' di emissione, di natura informatica, degli ordinativi di pagamento da parte dei titolari di contabilita' speciale.

Dettagli

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE 1 CONVENZIONE PER IL DISIMPEGNO DEL SERVIZIO DI CASSA A) Servizio di cassa per il triennio 2011, 2012, 2013. ART. 1 L A.M.T. affida il proprio servizio di cassa, all istituto di credito....operante su

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 41. Roma, 30/11/2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali

NOTA OPERATIVA N. 41. Roma, 30/11/2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio III TFS, TFR, ASV e Previdenza Complementare Roma, 30/11/2011 NOTA OPERATIVA N. 41

Dettagli

Tutti gli interessati Agli Assessorati all Agricoltura delle Regioni e Province Autonome Loro Sedi

Tutti gli interessati Agli Assessorati all Agricoltura delle Regioni e Province Autonome Loro Sedi UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.4453940 Prot. N.AGEA.UMU.2011.186 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma, li 11 FEBBRAIO 2011 Circolare n. 7 A Tutti gli interessati Agli Assessorati

Dettagli

CIRCOLARE N. 15. Roma, 18 marzo 2003. Alle RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO SEDI. Prot. N. 0033360 Allegati: 1. e, per conoscenza,

CIRCOLARE N. 15. Roma, 18 marzo 2003. Alle RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO SEDI. Prot. N. 0033360 Allegati: 1. e, per conoscenza, CIRCOLARE N. 15 DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE DI FINANZA UFFICIO XIV Roma, 18 marzo 2003 Prot. N. 0033360 Allegati: 1 Alle RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO

Dettagli

PRIMA AFFILIAZIONE AL CNSL

PRIMA AFFILIAZIONE AL CNSL Prot. n. 1850 /im Allegati: vari Ai Presidenti Regionali Libertas Ai Presidenti Provinciali Libertas Roma, 18 luglio 2013 e p.c. Al Vice Presidente Nazionale Libertas Ai Consiglieri Nazionali Libertas

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

DOMANDE DI PENSIONE DI VECCHIAIA E DI TRASFORMAZIONE DALLA PENSIONE DI INVALIDITÀ/INABILITÀ IN PENSIONE DI VECCHIAIA

DOMANDE DI PENSIONE DI VECCHIAIA E DI TRASFORMAZIONE DALLA PENSIONE DI INVALIDITÀ/INABILITÀ IN PENSIONE DI VECCHIAIA DOMANDE DI PENSIONE DI VECCHIAIA E DI TRASFORMAZIONE DALLA PENSIONE DI INVALIDITÀ/INABILITÀ IN PENSIONE DI VECCHIAIA ARTT. 14,15 E 21, COMMA 3, DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ ISTITUZIONALI DELLA FONDAZIONE

Dettagli

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Approvato con deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016

Dettagli

Roma, 09/09/2004 CIRCOLARE N. 55. Alla Direzione Centrale per la segreteria del Consiglio di Amministrazione Organi Collegiali e Affari Generali SEDE

Roma, 09/09/2004 CIRCOLARE N. 55. Alla Direzione Centrale per la segreteria del Consiglio di Amministrazione Organi Collegiali e Affari Generali SEDE istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 09/09/2004

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE Art.1 Oggetto REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE (emanato con Decreto del Direttore n. 237 del 05.06.2014, pubblicato in pari data all Albo Ufficiale on-line

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI 1. ANTICIPAZIONI 1.1. Come stabilito dal Dlgs 252/2005, l associato può conseguire un anticipazione sulla sua posizione: I. in qualsiasi momento, per un importo non superiore

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE ALLEGATO A Art. 1 I competenti Uffici periferici del Dipartimento della Pubblica Sicurezza operano le ritenute sulle competenze

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 07 marzo 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 07 marzo 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 marzo 2008 OGGETTO: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 articolo 49, comma 10 Imposta di bollo su assegni bancari o postali

Dettagli

Roma, 29/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 112

Roma, 29/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 112 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Assistenza e Invalidita' Civile Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

RISOLUZIONE N. 160/E

RISOLUZIONE N. 160/E RISOLUZIONE N. 160/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 aprile 2008 Oggetto: Interpello Art.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Riscossione dei compensi dovuti per attività di lavoro autonomo

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE ROMA, DICEMBRE 2001 1 Definizione del ciclo attivo Per ciclo attivo si intende la rilevazione e la registrazione a fini civilistici e fiscali delle entrate dell Agenzia,

Dettagli

Al Comune di Ravenna Area Servizi e Partecipazione dei cittadini U.O Politiche Sociali e Pianificazione Socio Sanitaria Ufficio Politiche di Sostegno

Al Comune di Ravenna Area Servizi e Partecipazione dei cittadini U.O Politiche Sociali e Pianificazione Socio Sanitaria Ufficio Politiche di Sostegno Al Comune di Ravenna Area Servizi e Partecipazione dei cittadini U.O Politiche Sociali e Pianificazione Socio Sanitaria Ufficio Politiche di Sostegno RICHIESTA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN FAVORE

Dettagli

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 I.Ri.Fo.R. - ONLUS Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 CAPO I - BILANCIO DI PREVISIONE Articolo 1 - Principi generali 1. La gestione finanziaria della struttura nazionale e delle strutture

Dettagli

Alla Direzione Centrale per la Difesa Civile e le Politiche di Protezione Civile. Alla Direzione Centrale per l Emergenza e il Soccorso Tecnico

Alla Direzione Centrale per la Difesa Civile e le Politiche di Protezione Civile. Alla Direzione Centrale per l Emergenza e il Soccorso Tecnico Alla Direzione Centrale per la Difesa Civile e le Politiche di Protezione Civile Alla Direzione Centrale per l Emergenza e il Soccorso Tecnico Alla Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza

Dettagli

San Pietro in Cerro, 03/06/2015 Prot. 959 Gent.mi Genitori degli alunni iscritti alle scuole Infanzia Primaria Secondaria di 1 grado

San Pietro in Cerro, 03/06/2015 Prot. 959 Gent.mi Genitori degli alunni iscritti alle scuole Infanzia Primaria Secondaria di 1 grado COMUNE DI SAN PIETRO IN CERRO Provincia di Piacenza via Roma n. 31/2 29010 San Pietro in Cerro (PC) Tel. 0523 836479 - Fax 0523 835322 e-mail: comune.sanpietroincerro@sintranet.it San Pietro in Cerro,

Dettagli

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze CONVENZIONE per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze TRA - L Azienda Regionale per il Diritto allo Studio

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 314 del 25 settembre 2014 Indice

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno Allegato alla delibera camerale n. 145 del 1 ottobre 2013 Regolamento per l utilizzo delle carte di credito Articolo

Dettagli

ALLEGATO A); POSIZIONE ASSICURATIVA INAIL E RELATIVE VOCI DI RISCHIO;

ALLEGATO A); POSIZIONE ASSICURATIVA INAIL E RELATIVE VOCI DI RISCHIO; DIREZIONE GENERALE CENTRALE ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA SERVIZIO AMMINISTRAZIONE E GESTIONE IL RESPONSABILE ROVERSI ELENA TIPO ANNO NUMERO REG. PG/2015/52015 DEL 29/01/2015

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

Roma, 27 dicembre 2005

Roma, 27 dicembre 2005 DIREZIONE GENERALE Roma, 27 dicembre 2005 ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE UFF. I NORMATIVA Uff. II - DENUNCE CONTRIB. E

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 19 luglio 2010 Emendato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1).

Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1). Decreto del Presidente della Repubblica del 25 gennaio 1962, n. 71 (1). Nuove agevolazioni per la riscossione dei titoli di spesa dello Stato (2) (3). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 10 marzo 1962, n.

Dettagli

142691 3/10/2006. Palermo. Prot. N.. Allegati...

142691 3/10/2006. Palermo. Prot. N.. Allegati... REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 012000826 NUMERO DI PARTITA IVA 02711070827 REGIONE SICILIANA PRESIDENZA Dipartimento Regionale del Personale dei Servizi Generali di Quiescenza Previdenza

Dettagli

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE A. ASPETTI GENERALI Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

Prot. N. M D GMIL IV 12 3 /233632 Roma 05.05.2008 PDC: T.COL. OLIVA M. tel.06/517050437

Prot. N. M D GMIL IV 12 3 /233632 Roma 05.05.2008 PDC: T.COL. OLIVA M. tel.06/517050437 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE IV REPARTO - 12ª Divisione Bilancio e Affari Finanziari - Viale dell Esercito, 186 00143 Roma - Palazzo M.llo Messe - Prot. N. M D GMIL

Dettagli

NELLA CITTA DI MILANO. Articolo 1 OGGETTO

NELLA CITTA DI MILANO. Articolo 1 OGGETTO REGOLAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MILANO Articolo OGGETTO. Il presente regolamento è adottato ai sensi dell art. 52 del decreto legislativo n. 446 del 5.2.997 e disciplina l

Dettagli

Tutti gli aspetti connessi all uso e al funzionamento della carta acquisti sono di competenza di Poste Italiane.

Tutti gli aspetti connessi all uso e al funzionamento della carta acquisti sono di competenza di Poste Italiane. Messaggio N. 002881 del 04/02/2009 OGGETTO: Carta acquisti. Ulteriori chiarimenti. 1. Premessa Con i messaggi n. 26673 del 28 novembre 2008 e n. 27260 del 4 dicembre 2008 sono state fornite le prime informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA DELL EDUCATORE CINOFILO PER L ESERCIZIO IN QUALITA DELLA PROFESSIONE

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA DELL EDUCATORE CINOFILO PER L ESERCIZIO IN QUALITA DELLA PROFESSIONE REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA DELL EDUCATORE CINOFILO PER L ESERCIZIO IN QUALITA DELLA PROFESSIONE A) Soggetti interessati Gli Educatori Cinofili iscritti all A.P.N.E.C. hanno il dovere

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a prov. residente a prov. in Via n. cod. fiscale C H I E D E

Il/La sottoscritto/a. nato/a prov. residente a prov. in Via n. cod. fiscale C H I E D E AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI ARCEVIA - SEDE - OGGETTO: FONDO SOCIALE PER IL SOSTEGNO ALLE LOCAZIONI PRIVATE ANNO 2015. Il/La sottoscritto/a nato/a prov. residente a prov. in Via n cod. fiscale C H I E

Dettagli

CIRCOLARE N. 26. Roma, 7 Giugno 2004 UFFICI CENTRALI DEL BILANCIO LORO SEDI. Prot. N. 0070460 Allegati: 2 RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO SEDI

CIRCOLARE N. 26. Roma, 7 Giugno 2004 UFFICI CENTRALI DEL BILANCIO LORO SEDI. Prot. N. 0070460 Allegati: 2 RAGIONERIE PROVINCIALI DELLO STATO LORO SEDI CIRCOLARE N. 26 DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE DI FINANZA UFFICIO XIV Roma, 7 Giugno 2004 Prot. N. 0070460 Allegati: 2 Agli UFFICI CENTRALI DEL BILANCIO LORO SEDI

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che Allegato A CONVENZIONE....... (codice fiscale.. ), di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a., in qualità di.. e.... con sede legale in..... (codice fiscale.... e iscrizione all albo

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Posizione Assicurativa Coordinamento Generale Legale.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Posizione Assicurativa Coordinamento Generale Legale. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Posizione Assicurativa Coordinamento Generale Legale Roma, 01/04/2016 Circolare n. 58 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE

RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE RICHIESTA DI ANTICIPAZIONE DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE Fondo Pensione Aperto Divisione UnipolSai Assicurazioni S.p.A. Via Stalingrado, 45 40128 Bologna www.unipolsai.com www.unipolsai.it RICHIESTA DI

Dettagli

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE Albo Pretorio online n. 621 Registro Pubblicazione Pubblicato il 09/04/2014 SETTORE II RISORSE STRATEGICHE Servizio Economico Finanziario UFFICIO SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE n. 20 DEL 08/04/2014

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI

Servizi provinciali della Motorizzazione Civile LORO SEDI Palermo Prot. n. 99264 del 02 dicembre 2010 Allegati n.1 OGGETTO: Procedure per l espletamento delle attività già di competenza dei soppressi comitati provinciali per l albo degli autotrasportatori di

Dettagli

Modello A - 1: personale docente supplente annuale

Modello A - 1: personale docente supplente annuale Modello A - 1: personale docente supplente annuale Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Denominazione Istituzione scolastica Codice meccanografico Prot. n. : data, / / Oggetto: contratto

Dettagli

APPENDICE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI CONTABILITA :

APPENDICE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI CONTABILITA : COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA APPENDICE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI CONTABILITA : REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI PER L EMISSIONE DI MANDATI INFORMATICI Approvato con deliberazione

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003

DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003 DECRETO 6 AGOSTO 2003 pubblicato sulla g.u. n. 197 del 26 agosto 2003 Nuove procedure per i pagamenti e gli incassi delle amministrazioni statali da effettuarsi in valuta in euro nei Paesi non aderenti

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO. N. 292 Reg. Generale Det. Foggia, 24.01.2007

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO. N. 292 Reg. Generale Det. Foggia, 24.01.2007 PROVINCIA DI FOGGIA Piazz a XX Set t embr e, 20-71100 FOGGIA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Via Paolo Telesforo, 25 - _ 0881/7911 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO N. 292

Dettagli

CIRCOLARE n. 2 del 16 giugno 2008 Direzione Tecnica. Alle AGENZIE. Oggetto: Norme contabili e gestionali

CIRCOLARE n. 2 del 16 giugno 2008 Direzione Tecnica. Alle AGENZIE. Oggetto: Norme contabili e gestionali CIRCOLARE n. 2 del 16 giugno 2008 Direzione Tecnica Alle AGENZIE Oggetto: Norme contabili e gestionali Le presente circolare disciplina le principali disposizioni di carattere contabile e gestionali che

Dettagli

Premessa CIRCOLARE N. 32. Roma, 31 OTTOBRE 2012

Premessa CIRCOLARE N. 32. Roma, 31 OTTOBRE 2012 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER LA FINANZA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI UFFICIO XI CIRCOLARE N. 32 Prot. N. 0088259

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

Circolare Ministeriale 18 settembre 2007, n. 75

Circolare Ministeriale 18 settembre 2007, n. 75 Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio 7 Circolare Ministeriale 18 settembre 2007, n. 75 Prot. n. 4378/P7 Oggetto: Anagrafe nazionale delle scuole paritarie In attuazione

Dettagli

DOMANDA BORSA DI STUDIO

DOMANDA BORSA DI STUDIO DOMANDA BORSA DI STUDIO MOD. 13_8 Rev. 0 Anno scolastico o accademico NOTIZIE RELATIVE AL/LA VETERINARIO/A Veterinario/a (cognome e nome) Nato/a a Prov. il Codice Fiscale Residente in Prov. Via CAP Tel.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA ALLEGATO 1 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CASSA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE STATALI TRA. (denominazione scuola), con sede in.., Via.. n.., C.F. n. più avanti denominata semplicemente

Dettagli

COMUNE DI MONTEFIORINO

COMUNE DI MONTEFIORINO COMUNE DI MONTEFIORINO PROVINCIA DI MODENA C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE CONVENZIONE SERVIZIO " BENE COMUNE - PACCHETTO INTEGRATO" OFFERTO DA POSTE ISTALIANE S.P.A. PER ACCONTI TARES: - PROVVEDIMENTI

Dettagli

Roma, 27 dicembre 2005

Roma, 27 dicembre 2005 DIREZIONE GENERALE Roma, 27 dicembre 2005 ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE UFF. I NORMATIVA Uff. II - DENUNCE CONTRIB. E

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO Il presente documento descrive le attività amministrativo-contabili inerenti la gestione dei pagamenti

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

DOMANDA DI RATE DI PENSIONE MATURATE E NON RISCOSSE

DOMANDA DI RATE DI PENSIONE MATURATE E NON RISCOSSE Direzione Prestazioni Previdenziali Viale Regina Margherita, 206 00198 ROMA Fax 0685446390-0685446557 DOMANDA DI RATE DI PENSIONE MATURATE E NON RISCOSSE Io sottoscritto/a QUADRO A Cognome Nome Nato/a

Dettagli

LA NUOVA NOTIFICAZIONE - ISTRUZIONI

LA NUOVA NOTIFICAZIONE - ISTRUZIONI LA NUOVA NOTIFICAZIONE - ISTRUZIONI Le norme richiamate nel testo, ove non diversamente specificato, si riferiscono al decreto legislativo n. 196/2003. (Codice in materia di protezione dei dati personali).

Dettagli

Direzione centrale prestazioni. Direzione centrale entrate contributive Area interventi a sostegno dell occupazione

Direzione centrale prestazioni. Direzione centrale entrate contributive Area interventi a sostegno dell occupazione Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 30-11-2005 Messaggio n. 39155 OGGETTO: Fondo di solidarietà dei dipendenti delle aziende concessionarie della riscossione dei tributi erariali di cui al D.M.

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni

REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni ISCRITTI ART. 1 Sono iscritti alla Cassa Edile, a norma del vigente Statuto e delle contrattazioni collettive nazionali di riferimento, tutti i lavoratori

Dettagli