ISTITUTO TECNICO VOLTA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO VOLTA"

Transcript

1 PROGRAMMA NAZIONALE PER LA PROMOZIONE DELL'ENERGIA SOLARE - MISURA 2 - "IL SOLE A SCUOLA" PROGETTO "RAGGI DI SCUOLE" ISTITUTO TECNICO VOLTA PESCARA pag. n. 1

2 Premessa A seguito dell ammissione al Bando MISURA 2 - "IL SOLE A SCUOLA" l Istituto Tecnico Volta della Provincia di Pescara ha avviato la formazione di un gruppo di lavoro scolastico costituito dalla classe V A Elettronica e Telecomunicazioni e dal Prof. Diego De Leonardis, alle cui attività la società cooperativa edenìa ha garantito il necessario supporto didattico per quanto attiene alle tematiche energetiche. Le attività svolte dal gruppo sono state indirizzate all analisi energetica dell edificio scolastico e alla definizione di interventi di razionalizzazione e risparmio energetico. La diffusione dei risultati di tali attività saranno garantite dall inserimento nel sito della scuola dei materiali prodotti dal gruppo di lavoro. Dopo aver concordato con il Dirigente la classe e il docente che potevano essere coinvolti e le modalità e i tempi dei singoli incontri da svolgersi durante l orario scolastico, è stato avviato il laboratorio. Per lo svolgimento delle attività di laboratorio previste, sono stati effettuati incontri con l insegnante di riferimento e con i ragazzi della classe a partire dal mese di dicembre 2011, come meglio specificato in seguito. Attività svolte durante l anno scolastico Primo incontro di presentazione del progetto Giovedì 1 dicembre 2011, ore Introduzione al progetto Sono stati illustrati metodi ed obiettivi del progetto, ponendo l accento sull importanza dell uso parsimonioso delle risorse energetiche. Si sono illustrate le caratteristiche tecniche dell impianto installato. pag. n. 2

3 Sono state programmate le attività laboratoriali, condividendo metodologie e obiettivi. Sono state fatte inoltre alcune proposte sulla realizzazione del prodotto finale (opuscolo, pieghevole, link sul sito scolastico, ecc.). Si è predisposta la raccolta dei dati dimensionali dell edificio scolastico utili alla definizione dei parametri richiesti per la sua valutazione energetica. Secondo incontro Nel successivo incontro (giovedì 15 dicembre 2011) sono stati analizzati i dati dimensionali raccolti e si sono effettuati i calcoli volumetrici richiesti dall analisi energetica. Si sono inoltre esaminati i dati forniti dalla Provincia di Pescara relativi al consumo di combustibile e di energia elettrica. pag. n. 3

4 Terzo incontro Nel terzo incontro (giovedì 12 gennaio 2012) sono state completate le schede riassuntive relative alla fase 5 e 6 dell analisi energetica e si sono fatte alcune valutazioni. Per quanto riguarda l indice dei consumi di riscaldamento il dato ottenuto è abbastanza buono, ma in fase di analisi delle bollette del gas degli anni precedenti si erano fatte delle considerazioni sull ingente quantità di gas metano utilizzata per il riscaldamento della scuola. La causa di tali consumi era dovuta ad una notevole dispersione nella rete di distribuzione che è stata completamente rinnovata nei mesi scorsi. Si ritiene quindi che il dato sicuramente negli anni prossimi scenderà. Per quanto riguarda l indicatore dei consumi elettrici esso è abbastanza elevato ma con opportuni accorgimenti potrebbe rientrare in una classe di merito sufficiente. Quarto incontro Nell ultimo incontro svoltosi (lunedì 20 gennaio 2012) i ragazzi hanno ultimato l elaborato relativo agli interventi di razionalizzazione e risparmio energetico riferendo e discutendo su quanto avevano prodotto e proponendo in alcuni casi possibili soluzioni migliorative. I ragazzi hanno ideato lo slogan del loro progetto che comparirà sul sito scolastico e che rimanderà alla visione di tutto il materiale prodotto nel laboratorio e sarà veicolo di informazione per tutti gli studenti e i loro genitori. pag. n. 4

5 Per offrire maggiore visibilità ai lavori prodotti, si è concordato infatti di utilizzare il sito scolastico e non la distribuzione cartacea del materiale essendo quest ultima una pratica poco sostenibile. Di seguito lo slogan ideato dai ragazzi: Crisi! Crisi! Crisi! Noi l abbiamo affrontata. Quale arma migliore? Il nostro amato Sole è ancora una volta generatore di vita. Perché non approfittarne? Risultati L attività del laboratorio si è rivelata produttiva per la diffusione delle finalità del bando ovvero la conoscenza dei benefici ambientali ed economici del fotovoltaico e la valenza educativa di azioni pratiche per la sensibilizzazione degli studenti al risparmio energetico. Si è riusciti a stimolare la loro sensibilità verso le tematiche ambientali e della riduzione dei consumi energetici. Gli interventi proposti finalizzati al risparmio dell energia nell edificio scolastico, sono tutte azioni ripercorribili dagli studenti anche in sede domestica. pag. n. 5

6 PROGRAMMA NAZIONALE PER LA PROMOZIONE DELL ENERGIA SOLARE Misura 2 Progetto raggi di scuole ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE VOLTA Pescara Elaborato analisi energetica con le schede riassuntive (fase 5 e fase 6); Interventi di razionalizzazione e risparmio energetico; Immagine del banner cliccabile inserito sul sito della scuola per accedere ai contenuti del progetto. pag. n. 6

7 PARTE PRIMA ANALISI ENERGETICA Utilizzando la guida, gli studenti della V A Elettronica e Telecomunicazioni dell Istituto Tecnico Industriale Volta di Pescara, coadiuvati dal docente della scuola Prof. Diego De Leonardis e dalla edenìa società cooperativa, hanno sviluppato il seguente documento che contiene: Fase 1: RILEVAZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI TERMICI ED ELETTRICI Fase 2: RILEVAZIONE DEI VOLUMI E DELLE SUPERFICI DELL EDIFICIO Fase 3: NORMALIZZAZIONE DEI CONSUMI PER TENER CONTO DELLA POSIZIONE GEOGRAFICA E DELLE ORE DI FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA Fase 4: CALCOLO DELLE EMISSIONI DI CO 2 Fase 5: CALCOLO DELL INDICATORE ENERGETICO PER I CONSUMI DI RISCALDAMENTO Fase 6: CALCOLO DELL INDICATORE ENERGETICO PER I CONSUMI ELETTRICI Fase 7: VERIFICA DEGLI INDICI DEI CONSUMI ENERGETICI pag. n. 7

8 Fase 1: RILEVAZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI TERMICI ED ELETTRICI I consumi elettrici e termici della scuola sono stati rilevati dalle bollette fornite dalla Provincia di Pescara. Tali consumi sono stati rilevati per i tre anni precedenti a quello in cui si è fatta la diagnosi ed è stato individuato il valore medio riportato nelle tabelle seguenti. È necessario precisare che, a causa di una consistente dispersione nella rete di distribuzione interna alla scuola, che è stata solo negli ultimi mesi completamente rinnovata, i consumi di combustibile per il riscaldamento risultano essere molto consistenti. I dati dei consumi annui di energia sono stati registrati sulle tabelle che seguono. Moltiplicando per il fattore correttivo, si ottiene il valore il kwh t. CALCOLO CONSUMI ANNUI MEDI DI COMBUSTIBILE PER RISCALDAMENTO Gas metano m x 9,59 = ,38 kwh t Totale consumo annuo scuola ,38 kwh t CALCOLO CONSUMI ANNUI MEDI DI ENERGIA ELETTRICA Contratto (Contatore) n 1 Totale consumo annuo scuola kwh e kwh e pag. n. 8

9 Fase 2: RILEVAZIONE DEI VOLUMI E DELLE SUPERFICI DELL EDIFICIO I dati sono stati ricavati da piante, prospetti, planimetrie dell edificio e misurando direttamente con metro elettronico le dimensioni dell edificio. La scuola si compone di più edifici: sei palazzine e diversi laboratori distribuiti da corridoi su più livelli (vedi i conteggi e le planimetrie nell allegato 1). VOLUME LORDO RISCALDATO (V) Nel calcolo del volume lordo sono stati inclusi i muri esterni e escluse le parti di edificio non riscaldate. Considerando che la scuola si compone di più edifici, V è la somma delle volumetrie dei singoli edifici. SUPERFICIE LORDA DEI PIANI DELL EDIFICIO (S p ) La superficie lorda dei piani è la somma delle superfici di ciascun piano e comprende le aree ricoperte da muri divisori, ma esclude i muri perimetrali. Dato che la scuola si compone di più edifici la superficie lorda dei piani dell edificio è la somma dei contributi dei singoli edifici (vedi i conteggi e le planimetrie nell allegato 1). SUPERFICIE DISPERDENTE (S d ) La superficie disperdente è data dalla somma delle singole superfici che avvolgono il volume lordo riscaldato V ( pareti perimetrali, tetti, solai di piano terra ). VOLUME LORDO RISCALDATO V = m 3 SUPERFICIE LORDA DEI PIANI DELL EDIFICIO S p = m 2 SUPERFICIE DISPERDENTE S d = m 2 A parità di volume riscaldato di due edifici, quello che ha una maggiore superficie disperdente consuma necessariamente più energia per il riscaldamento. È quindi necessario calcolare il rapporto fra la superficie e il volume per verificare la reale entità dei consumi della scuola. Con le misurazioni svolte è possibile determinare il seguente rapporto tramite una semplice divisione: pag. n. 9

10 SUPERFICIE DISPERDENTE/ VOLUME LORDO RISCALDATO S d / V = 0,54 [1/m] A seconda del valore di S d / V è quindi possibile determinare un fattore di forma per normalizzare i consumi energetici dell edificio. Tale fattore indicato con F f si può determinare dalla seguente tabella: Fattore di forma F f S d / V m 2 / m 3 F f Sino a 0,25 1,1 Da 0,26 a 0,30 1,0 Da 0,31 a 0,40 0,9 Oltre 0,40 0,8 FATTORE DI FORMA F F 0,8 pag. n. 10

11 Fase 3: NORMALIZZARE I CONSUMI PER TENER CONTO DELLA POSIZIONE GEOGRAFICA E DELLE ORE DI FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA Normalizzare i consumi per tener conto della posizione geografica. Per fare un reale confronto dei consumi di riscaldamento occorre tener conto delle caratteristiche climatiche della località in cui è situata la scuola. A tal fine viene utilizzato un fattore di correzione chiamato Gradi Giorno che tiene conto della differenza fra la temperature esterna media e quella interna, nonché dei giorni di riscaldamento della stagione invernale di una determinata località. GRADI GIORNO DELLA LOCALITÀ Pescara 1718 GG Normalizzare tutti i consumi energetici in base alle ore di funzionamento. È altrettanto importante tener conto, questa volta sia per i consumi di energia termica che per quelli di energia elettrica, delle ore di reale funzionamento giornaliero della scuola e dedurre il fattore F h dalla seguente tabella: Ore/giorno F h Sino a 6 1,2 7 1, , ,9 Oltre 11 0,8 Mediamente le ore di funzionamento della scuola sono pari a circa 6 ore/giorno. FATTORE DI NORMALIZZAZIONE ORARIA F h 1,2 pag. n. 11

12 Fase 4: CALCOLARE LE EMISSIONI DI CO 2 Emissioni annue da riscaldamento Per il calcolo delle emissioni prodotte dai consumi energetici da riscaldamento è sufficiente moltiplicare i consumi ottenuti nella precedente fase 1 per il fattore di emissione (che si ritrova in tabella) secondo la seguente formula: KgCO 2 prodotti = (kwh t consumati) x (fattore di emissione) Tipologia di combustibile Fattore di emissione KgCO 2 / kwh gas 0,2010 Gas metano= ,38 KWh KWh x fattore di emissione (0,2010)= ,55 KgCO 2 La stessa metodologia è utilizzata per calcolare le emissioni evitate in seguito ai risparmi di combustibile. EMISSIONI ANNUE DAGLI IMPIANTI ELETTRICI Per il calcolo delle emissioni prodotte dai consumi elettrici è sufficiente moltiplicare i consumi ottenuti nella precedente fase 1 secondo la seguente formula: KgCO 2 prodotti = ( kwh e consumati) x 0,71 KgCO 2 prodotti = x 0,71 = ,41 KgCO 2 pag. n. 12

13 Fase 5: CALCOLARE L INDICATORI ENERGETICO PER I CONSUMI DI RISCALDAMENTO È ora possibile riportare i dati nelle schede riassuntive e calcolare gli indicatori energetici e ambientali che quantificano le prestazioni energetiche dell edificio per il riscaldamento CALCOLO DEGLI INDICATORI ENERGETICI E AMBIENTALI LEGATI AI CONSUMI DI RISCALDAMENTO NOME SCUOLA: "Alessandro Volta" Industriale TIPO SCUOLA: Istituto Tecnico Località: Via A. Volta n. 15, Pescara DATA: 12 gennaio 2012 GAS METANO: m 3 x 9,59 = ,38 kwh t x 0,2010 = ,55 kgco 2t TOTALE CONSUMO ANNUO SCUOLA C tot-cal ,38 kwh t TOTALE EMISSIONI ANNUE SCUOLA E tot-cal ,55 kgco 2 VOLUME LORDO RISCALDATO V m 3 FATTORE DI FORMA Ff 0,8 GRADI GIORNO GG 1718 FATTORE DI NORMALIZZAZIONE ORARIA Fh 1,2 INDICE CONSUMIIC R 10,4 Wh t / m 3 x GG x anno INDICE EMISSIONI IE R = 0,0020 kgco 2 / m 3 x GG x anno pag. n. 13

14 Fase 6: CALCOLARE L INDICATORE ENERGETICO PER I CONSUMI ELETTRICI CALCOLO DELL INDICATORE ENERGETICO DEI CONSUMI ELETTRICI NOME SCUOLA: "Alessandro Volta" Industriale TIPO SCUOLA: Istituto Tecnico Località: Via A. Volta n. 15, Pescara DATA: 12 gennaio 2012 kwh e Contratto (Contatore) n TOTALE CONSUMO ANNUO SCUOLA C tot-el kwh e TOTALE EMISSIONI ANNUE SCUOLA E tot-el = 0,72x C tot-el = ,12 kgco 2 SUPERFICIE LORDA DEI PIANI DELL EDIFICIO S P m 2 FATTORE DI NORMALIZZAZIONE ORARIA Fh 1,2 INDICE CONSUMI IEN R 17,9 kwh e / m 2 x anno INDICE EMISSIONI IEN R = 12,9 kgco 2 / m 2 x anno pag. n. 14

15 Fase 7: VERIFICARE GLI INDICI DEI CONSUMI ENERGETICI È infine possibile valutare gli indici di prestazione energetica trovati per la scuola, confrontandoli con quelli indicati nelle seguenti tabelle: Classi di merito dei consumi specifici di riferimento per riscaldamento 10,4 Wh t / m 3 x GG x anno Wh t / m 3 x GG x anno buono sufficiente insufficiente Medie Secondarie Superiori Minore di 11,5 Da 11,5 a 15,5 Maggiore di 15,5 Classi di merito dei consumi specifici di riferimento per energia elettrica 17,9 kwh e / m 2 x anno KWh e / m 2 x anno Medie, Secondarie Superiori, tranne Ist. Tecn. Ind e Ist. Prof. Ind. Ist. Tecn. Ind. Ist. Prof. Ind. buono sufficiente insufficiente Minore di 9,0 Da 9,0 a 12,0 Maggiore di 12 Minore di 12,5 Da 12,5 a 15,5 Maggiore di 15,5 pag. n. 15

16 Allegato 1 I dati da inserire nella fase 2 dell analisi energetica (Fase 2: RILEVAZIONE DEI VOLUMI E DELLE SUPERFICI DELL EDIFICIO) sono stati ricavati sia da piante, prospetti, e planimetrie esistenti dell edificio, sia effettuando delle misurazioni con il metro elettronico, soprattutto per il rilievo delle altezze degli edifici adibiti ad aule e dei laboratori. La scuola si compone infatti di più edifici: sei palazzine e diversi laboratori distribuiti da corridoi su più livelli. Sono state seguite le indicazioni: VOLUME LORDO RISCALDATO (V) Nel calcolo del volume lordo sono stati inclusi i muri esterni e escluse le parti di edificio non riscaldate. Considerando che la scuola si compone di più edifici, V è la somma delle volumetrie dei singoli edifici. SUPERFICIE LORDA DEI PIANI DELL EDIFICIO (S p ) La superficie lorda dei piani è la somma delle superfici di ciascun piano e comprende le aree ricoperte da muri divisori, ma esclude i muri perimetrali. Dato che la scuola si compone di più edifici la superficie lorda dei piani dell edificio è la somma dei contributi dei singoli edifici (vedi i conteggi e le planimetrie nell allegato 1). SUPERFICIE DISPERDENTE (S d ) La superficie disperdente è data dalla somma delle singole superfici che avvolgono il volume lordo riscaldato V ( pareti perimetrali, tetti, solai di piano terra ). VOLUME LORDO RISCALDATO V = m 3 SUPERFICIE LORDA DEI PIANI DELL EDIFICIO S p = m 2 SUPERFICIE DISPERDENTE S d = m 2 pag. n. 16

17 Nella tabella sono riportate le misurazioni parziali e complessive di tutti gli edifici che compongono la scuola, il riferimento numerico alle zone è riportato sulle planimetrie di seguito inserite. VOLUMI ANDRONI Zona A netta Volume n h1 (m) h2 (m) A lorda (m 2 ) (m 2 ) (m 3 ) 1 3,6 3, ,50 2 3,6 3, ,00 3a 3, ,50 3b 3, ,50 4 3,1 3, ,30 5 3,1 3, ,80 6 2,7 2, ,20 7 2,7 2, , (m 3 )Vtot= 17918,9 VOLUMI ANDRONI (1 piano) Zona A netta Volume n h1 (m) h2 (m) A lorda (m 2 ) (m 2 ) (m 3 ) 1 2,9 2, ,20 2 2,9 2, , , (m 3 )Vtot= 3841,80 VOLUME PALAZZINA TIPO Piano h2 (m) A lorda (m 2 ) A netta (m 2 ) Volume (m 3 ) T 3, ,00 1 2, ,00 2 2, , (m 3 )Vtot= 3534,00 6 x (m 3 )Vtot= 21204,0 pag. n. 17

18 pag. n. 18

19 Crisi! Crisi! Crisi! Noi l abbiamo affrontata. Quale arma migliore? Il nostro amato Sole è ancora una volta generatore di vita. Perché non approfittarne? AZIONI POSSIBILI PER IL RISPARMIO ENERGETICO NELLA SCUOLA Il progetto "Il sole a scuola", finanziato dal Ministero all'ambiente, ha come scopo divulgare presso le scuole medie e superiori concetti quali il risparmio energetico, le energie alternative, la riduzione della CO2. Attraverso la rilevazione dei consumi energetici, termici ed elettrici della scuola, la rilevazione dei volumi e delle superfici degli edifici scolastici, attraverso il calcolo di opportuni indicatori energetici svolti nel corso delle attività di laboratorio, sono stati direttamente sperimentati i concetti di risparmio energetico ed efficienza energetica. Le buone pratiche sperimentate nella scuola possono e devono essere replicate nelle case di tutti. pag. n. 19

20 EVITARE DI TENERE LUCI ACCESE INUTILMENTE Dalla rilevazione della tipologia e del numero degli apparecchi illuminanti di una palazzina tipo della scuola e dal conteggio delle ore di utilizzo si è giunti a determinare il consumo energetico medio annuo. Sono state quindi conteggiate le ore in cui le luci potrebbero essere spente per quantificare il risparmio in termini energetici e di emissioni di CO 2. Le semplici azioni proposte riescono ad ottenere risparmi significativi. pag. n. 20

21 CONSUMI ENERGIA ELETTRICA I.I.S.S. "A. VOLTA" PIANO TERRA 4 PALAZZINA SALA CONFERENE PLAFONIERE 10 NEON 20 TOTALE NEON 64 AULA N 18 PLAFONIERE 4 NEON 8 OGNI PLAFONIERA CONTIENE 2 NEON CORRIDOIO PLAFONIERE 3 NEON 6 OGNI NEON HA UN CONSUMO ENERGETICO DI 36W AULA N 17 PLAFONIERE 4 NEON 8 CONSUMO PIANO TERRA IN WATT 2304 BAGNI PLAFONIERE 2 NEON 2 AULA N 19 PLAFONIERE 6 NEON 12 INGRESSO PLAFONIERE 4 NEON 8 pag. n. 21

22 PRIMO PIANO 4 PALAZZINA AULA N 21 PLAFONIERE 4 NEON 8 TOTALE NEON 58 AULA N 22 PLAFONIERE 4 NEON 8 OGNI PLAFONIERA CONTIENE 2 NEON AULA N 23 PLAFONIERE 4 NEON 8 OGNI NEON HA UN CONSUMO ENERGETICO DI 36W AULA N 24 PLAFONIERE 4 NEON 8 CONSUMO 1 PIANO IN WATT 2088 CORRIDOI PLAFONIERE 5 NEON 10 1 BAGNO PLAFONIERE 3 NEON 3 2 BAGNO PLAFONIERE 3 NEON 3 PIANEROTTOLO SCALE PLAFONIERE 1 NEON 2 AULA N 20 PLAFONIERE 4 NEON 8 pag. n. 22

23 SECONDO PIANO 4 PALAZZINA AULA N 26 AULA N 27 AULA N 28 CORRIDOI AULA N 25 AULA N 29 1 BAGNO 2 BAGNO PIANEROTTOLO SALE PLAFONIERE 4 NEON 8 TOTALE NEON 59 PLAFONIERE 4 NEON 8 OGNI PLAFONIERA CONTIENE 2 NEON PLAFONIERE 4 NEON 8 OGNI NEON HA UN CONSUMO ENERGETICO DI 36W PLAFONIERE 4 NEON 8 CONSUMO 2 PIANO IN WATT 2124 PLAFONIERE 6 NEON 12 PLAFONIERE 4 NEON 8 PLAFONIERE 3 NEON 3 PLAFONIERE 2 NEON 2 PLAFONIERE 1 NEON 2 pag. n. 23

24 CONSUMO ENERGETICO TOTALE 4 PALAZZINA IN WATT 6516 MEDIAMENTE CONSIDERANDO LA STESSA PIANTINA PER LE ALTRE PALAZZINE ABBIAMO UN CONSUMO DI 6,5 KW PER OGNI PALAZZINA UTILIZZO DELL' IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE ORE DI UTILIZZO DELL' IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE: LUNEDì, MERCOLEDì, VENERDì DALLE ORE 8:00-12:50; MARTEDì, GIOVEDì DALLE ORE 8:00-13:45 L'IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE VIENE UTILIZZATO PER 32 ORE SETTIMANALI DI CONSEGUENZA OTTENIAMO UN UTILIZZO ANNUO DI 1088 ORE VALORI ENERGETICI ABBIAMO UN CONSUMO ANNUO DI 6092,8 KW N.B. 5,6 KW X 1088 ORE = 6092,8 KW/H COME POSSIAMO DIMINUIRE I CONSUMI ENERGETICI? pag. n. 24

25 1) SPEGNENDO LA LUCE DELL AULA DURANTE L INTERVALLO OVVERO NON USUFRUIRNE PER 10 MINUTI AL GIORNO. COSI OTTERREMMO UN RISPARMIO ANNUO DI 788,8 W 2) MEDIAMENTE UNA CLASSE NON È IN AULA PER 10 ORE LA SETTIMANA (ATTIVITÀ DI LABORATORIO, PALESTRA), PER CUI SPEGNERE L ILLUMINAZIONE DELL AULA PER QUEL PERIODO DI TEMPO OTTENENDO UN RISPARMIO ANNUO DI 1230 W 3) SI POSSONO DIMINUIRE I CONSUMI ENERGETICI ANCHE EFFETTUANDO UNA PULIZIA PERIODICA DEI CORPI ILLUMINANTI (PLAFONIERE) 4) SI POSSONO DIMINUIRE I CONSUMI ENERGETICI RIPARANDO GLI INFISSI ROTTI E OTTENENDO DI CONSEGUENZA LUCE MEDIANTE IL SOLE SENZA USUFRUIRE DELL IMPIANTO VERO E PROPRIO. METTENDO IN ATTO GLI ACCORGIMENTI SOPRA INDICATI SI OTTIENE UN RISPARMIO ENERGETICO STIMABILE DI CIRCA 2019 KW/H PER CUI AVREMO UN CONSUMO ANNUO DI SOLI 4073,2 KW/h RISPETTO AI 6092 KW/H CALCOLATI PER SINGOLA PALAZZINA CALCOLO EMISSIONI CO 2 = 2019,6 X 0,71 = 1433,91 RISPARMIO DEI KgCO 2 Abbiamo dimostrato come applicando dei semplici comportamenti virtuosi si possano ridurre considerevolmente i consumi energetici e parimenti diminuire le emissioni di CO 2 nell atmosfera. Tutti dobbiamo farci carico, anche in ambiente domestico, di replicare queste azioni per uno stile di vita più sostenibile. pag. n. 25

Analisi dei consumi energetici della scuola e possibili rimedi

Analisi dei consumi energetici della scuola e possibili rimedi Analisi dei consumi energetici della scuola e possibili rimedi ANALISI ENERGETICA E PROPOSTE DI INTERVENTI PER LA RAZIONALIZZAZIONE ED IL RISPARMIO ENERGETICO SEDE I.T.I.S. SEDE L.S.A. LICEO ARTISTICO

Dettagli

PARTE PRIMA: ANALISI ENERGETICA. In particolare l attività è stata organizzata nelle seguenti fasi:

PARTE PRIMA: ANALISI ENERGETICA. In particolare l attività è stata organizzata nelle seguenti fasi: PARTE PRIMA: ANALISI ENERGETICA In particolare l attività è stata organizzata nelle seguenti fasi: Fase 1 : rilevazione dei consumi energetici termici ed elettrici; Fase 2 : rilevazione dei volumi e delle

Dettagli

Benedetta, Giovanna, Giulia e Marika

Benedetta, Giovanna, Giulia e Marika Benedetta, Giovanna, Giulia e Marika Siamo alunne della classe V A del Liceo Scientifico Statale Giovanni Paolo I di Agnone (IS) Oggi chiudiamo il percorso didattico che abbiamo svolto presso l Università

Dettagli

Audit energetici e classi guardiane: a scuola risparmiano tutti!

Audit energetici e classi guardiane: a scuola risparmiano tutti! Audit energetici e classi guardiane: a scuola risparmiano tutti! Gianluca Ruggieri eerg, end-use Efficiency Research Group www.eerg.it Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano - gianluca.ruggieri@polimi.it

Dettagli

Energie nuove per l Italia

Energie nuove per l Italia con le amministrazioni locali per ridurre sprechi e bollette Fare Verde è impegnata da alcuni anni nella promozione di tecnologie e soluzioni per il contenimento dei consumi energetici e la diffusione

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Analisi Energetica Liceo Scientifico Romita

Analisi Energetica Liceo Scientifico Romita Analisi Energetica Liceo Scientifico Romita Dati disponibili sui consumi Gas metano: 30000 m³ che corrisponde a 287700 kwh 57820 kg di CO 2 Energia elettrica 208393 kwh che corrispondono a 148000 kg di

Dettagli

GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI. A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato

GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI. A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato Illuminazione e risparmio energetico a scuola In cosa è consistita l attività? Nell ambito del progetto Green Schools

Dettagli

LEZIONI CON GLI ESPERTI

LEZIONI CON GLI ESPERTI IL SOLE A SCUOLA PREMESSA In riferimento al Programma per la promozione dell energia solare del Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare-misura 2- Il sole a scuola l Istituto Comprensivo

Dettagli

STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA. Provincia Regionale di Catania. Il Project Work

STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA. Provincia Regionale di Catania. Il Project Work STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA Provincia Regionale di Catania Il Project Work PROPOSTE PER IL PROJECT WORK N. TITOLO ATTIVITA Gli studenti effettueranno un

Dettagli

Presentazione del progetto di analisi energetica

Presentazione del progetto di analisi energetica PROVINCIA DELL OGLIASTRA PROGRAMMA NAZIONALE PER LA PROMOZIONE DELL'ENERGIA SOLARE MISURA 2 IL SOLE A SCUOLA Istituto Superiore A. Businco - Jerzu Liceo Scientifico, Linguistico Brocca e Istituto Tecnico

Dettagli

M illumino di meno 2012

M illumino di meno 2012 M illumino di meno 2012 Anche per il corrente anno scolastico la Scuola Media aderisce all iniziativa Mi illumino di meno finalizzata al risparmio energetico. La sostenibilità infatti non è soltanto una

Dettagli

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO Si valuta tramite un indice di prestazione energetica, EPi, definito come: L unità di misura indicata, kwh/(m²

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

ALLEGATO A Descrizione dei percorsi

ALLEGATO A Descrizione dei percorsi ALLEGATO A Descrizione dei percorsi I percorsi proposti si sono differenziati a seconda del livello scolastico, mantenendo lo scopo di sensibilizzare i giovani (e indirettamente le loro famiglie) e di

Dettagli

Presentazione del Progetto. 8 febbraio 2013 classi III e

Presentazione del Progetto. 8 febbraio 2013 classi III e Presentazione del Progetto 8 febbraio 2013 classi III e Presentazione progetto GREEN SCHOOLS COMPETITION 1 Argomenti della presentazione 1. Introduzione sulle fonti di energia nel mercato Italiano 2. C

Dettagli

Energy Performance Day 2014

Energy Performance Day 2014 Energy Performance Day 2014 Incrementare l efficienza energetica in un polo fieristico: un percorso di miglioramento continuo Valutazione, risultati attesi e tempi di rientro Milano 27 novembre 2014 Fiera

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

LA PRESTAZIONE ENERGETICA PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE DELLA SCUOLA : LICEO SCIENTIFICO STATALE FRANCESCO D ASSISI DI ROMA.

LA PRESTAZIONE ENERGETICA PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE DELLA SCUOLA : LICEO SCIENTIFICO STATALE FRANCESCO D ASSISI DI ROMA. Coordinatori : prof. Massimo Giovannetti arch. Silvia Quattrocchi arch. Nicoletta Salvi MODULO ARCHITETTONICO LA PRESTAZIONE ENERGETICA PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE DELLA SCUOLA : LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO

AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO FASE 1a bollette e planimetrie AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO Scheda raccolta dati bollette del gas Inserire nelle caselle della tabella i dati di consumo di m 3 di gas metano per ciascuno dei mesi

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA : LA SOLA STRATEGIA INTELLIGIENTE PER MINIMIZZARE L INQUINAMENTO E MASSIMIZZARE IL RISPARMIO.

EFFICIENZA ENERGETICA : LA SOLA STRATEGIA INTELLIGIENTE PER MINIMIZZARE L INQUINAMENTO E MASSIMIZZARE IL RISPARMIO. EFFICIENZA ENERGETICA : LA SOLA STRATEGIA INTELLIGIENTE PER MINIMIZZARE L INQUINAMENTO E MASSIMIZZARE IL RISPARMIO. Domenico DELLAROLE Responsabile Vendite Italia WIT Italia srl Forum Telecontrollo Reti

Dettagli

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI 5.1. Ambienti didattici 5.2. Aree per attività fisiche 5.3. Laboratori 5.4. Uffici Capitolo 5 - Rev. 02 26/09/2014 - pag. 1 di 5 5.1. AMBIENTI DIDATTICI

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia CONSULTA PER IL PROGETTO SOSTENIBILE E L EFFICIENZA ENERGETICA CORSO DI FORMAZIONE PROGETTO DI QUALITA ED EFFICIENZA ENERGETICA ED AMBIENTALE Lezione del Venerdì 4 Aprile 2008 caso di studio:cooperative

Dettagli

ITALTEC. Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici. Comune di. Scuola Elementare

ITALTEC. Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici. Comune di. Scuola Elementare ITALTEC E N E R G I A S O S T E N I B I L E Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici Comune di Scuola Elementare 2 di 13 Indice 1. La domanda 2. Il risparmio in 3 punti 2.1. Il controllo 2.2.

Dettagli

I.P.I.A. «L.Montini» Campobasso

I.P.I.A. «L.Montini» Campobasso I.P.I.A. «L.Montini» Campobasso 4 Concorso nazionale Schneider Electric«Green Technologies Award, Energia nuova per le scuole» Green Technologies in altri settori domoticomune A.S. 2013-2014 CLASSE VC

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore INTRODUZIONE Il lavoro svolto nel corso dell anno scolastico 2011/2012 da parte del Consiglio Comunale

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI Il foglio Excel AUTODIAGNOSI CONDOMINI E VILLETTE è uno strumento che consente, attraverso le risposte date ad alcune domande relative all impianto di riscaldamento,

Dettagli

Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi

Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi Luigi Guerra, Ufficio Energia di Acer Reggio Emilia Alcuni numeri Il settore civile è

Dettagli

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica.

Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica. FOTOVOLTAICO Che cosa è un impianto fotovoltaico? Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l'energia solare in energia elettrica. E' composto essenzialmente dai moduli fotovoltaici, da un inverter

Dettagli

G.1 - INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN TRE EDIFICI SCOLASTICI PROVINCIALI 2 G

G.1 - INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN TRE EDIFICI SCOLASTICI PROVINCIALI 2 G INDICE G.1 - INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN TRE EDIFICI SCOLASTICI PROVINCIALI pag. 2 G.2 - MODIFICA DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE IN UN EDIFICIO ADIBITO AD UFFICI pag. 2 G.3 - INTERVENTO NELLA

Dettagli

Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI E UTENZE ENERGETICHE

Dettagli

EIE No: 07/086/SI Young Energy People (YEP) ANALISI ENERGETICA

EIE No: 07/086/SI Young Energy People (YEP) ANALISI ENERGETICA EIE No: 07/086/SI2.466265 Young Energy People (YEP) ANALISI ENERGETICA The sole responsibility for the content of this, publication lies with the authors. It does not represent the opinion of the European

Dettagli

Efficienza energetica nelle Convenzioni di Multiservizi Tecnologici: metodiche, dinamiche e monitoraggio

Efficienza energetica nelle Convenzioni di Multiservizi Tecnologici: metodiche, dinamiche e monitoraggio Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Efficienza energetica nelle Convenzioni di Multiservizi Tecnologici: metodiche, dinamiche e monitoraggio Ing. Marco Sbrolli

Dettagli

Audit energetico termico della nostra scuola

Audit energetico termico della nostra scuola Audit energetico termico della nostra scuola Questionario di raccolta dati dell involucro e degli impianti termici del nostro edificio scolastico Il questionario qui riportato è destinato a raccogliere

Dettagli

Relazione di Analisi energetica degli edifici

Relazione di Analisi energetica degli edifici ISTITUTO STATALE D'ISTRUZIONE SUPERIORE "MAURO DEL GIUDICE" Sede associata IPS IA A. Marrone Via Don Luigi Sturzo - 71010 Ischitella (FG) cod. mecc. FGRI013012 tel/fax:0884-996338 Relazione di Analisi

Dettagli

CASE HISTORY Diagnosi Energetica per l Industria Alessandro Vitiello, Direttore Tecnico

CASE HISTORY Diagnosi Energetica per l Industria Alessandro Vitiello, Direttore Tecnico CASE HISTORY Diagnosi Energetica per l Industria Alessandro Vitiello, Direttore Tecnico Workshop Siram - Napoli, 31 marzo 2016 Diagnosi ed efficienza energetica obblighi e opportunità Simav Gestione efficiente

Dettagli

ALL _ Audit energetici. Piano d Azione per l Energia Sostenibile _. comune di CIVATE In raggruppamento con Valmadrera e Malgrate Provincia di Lecco

ALL _ Audit energetici. Piano d Azione per l Energia Sostenibile _. comune di CIVATE In raggruppamento con Valmadrera e Malgrate Provincia di Lecco comune di CIVATE In raggruppamento con Valmadrera e Malgrate Provincia di Lecco PROVINCIA DI LECCO Settore Ambiente FONDAZIONE CARIPLO promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi 2012

Dettagli

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO 1. FASE PRELIMINARE L auditor incaricato provvederà a raccogliere una serie di informazioni preliminari riguardanti il tipo di attività dell azienda, gli edifici del sito

Dettagli

dd Diddi dino & figli s.r.l.

dd Diddi dino & figli s.r.l. SENSIBILIZZAZIONE ENERGETICA ISTITUTO MARCONI PONTEDERA Il progetto offerto dalla Diddi Dino & Figli relativo ad interventi di sensibilizzazione energetica eseguiti durante in biennio 2012 2014 è constato

Dettagli

Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve. Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico

Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve. Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico Analisi della situazione attuale Fra le fonti di spreco energetico all interno della

Dettagli

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Comunicato stampa COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Servono tra i 110 e i 120 milioni di euro per ridurre gli sprechi in campo energetico dei Comuni con meno

Dettagli

pari a 89%. Emissione con fancoil a 2 tubi. Distribuzione poco isolata in montanti in cavedio non riscaldato. Regolazione climatica.

pari a 89%. Emissione con fancoil a 2 tubi. Distribuzione poco isolata in montanti in cavedio non riscaldato. Regolazione climatica. EFFICIENZA ENERGETICA NEL TERZIARIO ESEMPI DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE CASO STUDIO 1: PALAZZINA AD UFFICI Destinazione d'uso: E.2. uffici Località: Milano Volume lordo: 6000 m 3 Anno

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine 4. ENERGIA Introduzione Limitatamente al sistema energetico, il XX secolo è stato caratterizzato da una tendenza di fondo sostanzialmente costante, cioè la fortissima crescita dei consumi energetici, e

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Direttiva certificazione energetica. Carival 22.06.2005 1

Direttiva certificazione energetica. Carival 22.06.2005 1 Carival 22.06.2005 1 Dal 4 gennaio 2003 è in vigore la Direttiva UE del 16 dicembre 2002 che rende obbligatoria la certificazione energetica degli edifici (articolo 7). La Direttiva deve essere trasformata

Dettagli

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014 Risparmiare si può con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico Energy Imperia, 11 luglio 2014 Service COmpany CORE BUSINESS DI AURA ENERGY Nuova mission Nel 2012 Aura Energy, conseguentemente

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

La E.S.Co. Provinciale Tuscia Spa

La E.S.Co. Provinciale Tuscia Spa La E.S.Co. Provinciale Tuscia Spa Società pubblica, costituita con la finalità di realizzare interventi in campo energetico e ambientale in attuazione al Piano Energetico e Ambientale Provinciale. Gli

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

SCUOLE A EMISSIONI ZERO

SCUOLE A EMISSIONI ZERO SCUOLE A EMISSIONI ZERO è un progetto/concorso per promuovere la realizzazione nelle scuole di azioni concrete per la riduzione delle emissioni di gas serra e degli impatti umani sull ambiente. E una grande

Dettagli

POSIZIONE DI AiCARR SUL REGIME TARIFFARIO PER LE POMPE DI CALORE ELETTRICHE

POSIZIONE DI AiCARR SUL REGIME TARIFFARIO PER LE POMPE DI CALORE ELETTRICHE POSIZIONE DI AiCARR SUL REGIME TARIFFARIO PER LE POMPE DI CALORE ELETTRICHE I POSITION PAPER DI AiCARR AiCARR, associazione culturale senza scopo di lucro, crea e promuove cultura e tecnica per il benessere

Dettagli

COMUNE DI BARONISSI. PROVINCIA di SALERNO. Settore Pianificazione e Gestione dello Sviluppo del Territorio e delle OO. PP.

COMUNE DI BARONISSI. PROVINCIA di SALERNO. Settore Pianificazione e Gestione dello Sviluppo del Territorio e delle OO. PP. COMUNE DI BARONISSI PROVINCIA di SALERNO Settore Pianificazione e Gestione dello Sviluppo del Territorio e delle OO. PP. Allegato B: Diagnosi Energetica Edifici scolastici Comune di Baronissi Piano Energetico

Dettagli

UNA CITTA DISERIE A++ Come migliorare l efficienza energetica a scuola e nel Comune di Bagno a Ripoli?

UNA CITTA DISERIE A++ Come migliorare l efficienza energetica a scuola e nel Comune di Bagno a Ripoli? UNA CITTA DISERIE A++ Classi 3B, 3 E LS, 4B LM, 3A LS Istituto Superiore Gobetti- Volta Come migliorare l efficienza energetica a scuola e nel Comune di Bagno a Ripoli? UNA CITTA DISERIE A++ Classi 3B,

Dettagli

CASI ESAMINATI RISPARMI SULLA POTENZA IMPEGNATA: 1,4 MW SUI PICCHI

CASI ESAMINATI RISPARMI SULLA POTENZA IMPEGNATA: 1,4 MW SUI PICCHI Contea Contra Costa CASI ESAMINATI GLI EDIFICI INTELLIGENTI Il concetto edificio intelligente identifica le costruzioni progettate e realizzate in modo da consentire la gestione integrata degli impianti

Dettagli

ALLEGATO 3 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO. 1. Requisiti in capo ai Responsabili ambientali (docenti e studenti)

ALLEGATO 3 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO. 1. Requisiti in capo ai Responsabili ambientali (docenti e studenti) ALLEGATO 3 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO 1. Requisiti in capo ai Responsabili ambientali (docenti e studenti) 1.1 Generale O1 O2 O3 O4 O5 O6 O7 O8 O9 O10 O11 O12 O13 Definizione delle

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

AGGREGAZIO E DEI COMU I DI BRAO E CETO CERVE O CIMBERGO LOSI E IARDO O O SA PIETRO PASPARDO

AGGREGAZIO E DEI COMU I DI BRAO E CETO CERVE O CIMBERGO LOSI E IARDO O O SA PIETRO PASPARDO Comune di Braone Comune di Ceto Comune di Cerveno Comune di Cimbergo Comune di Losine Comune di Niardo Comune di Ono San Pietro Comun di Paspardo PROVI CIA DI BRESCIA AGGREGAZIO E DEI COMU I DI BRAO E

Dettagli

BOLLETTE +35% Attenzione: iva da 20% a 22% per un Comune che consuma 1,6 ML di mc/anno = + 28.000 /anno. Variazione costo totale GAS - AEEG 2009-2013

BOLLETTE +35% Attenzione: iva da 20% a 22% per un Comune che consuma 1,6 ML di mc/anno = + 28.000 /anno. Variazione costo totale GAS - AEEG 2009-2013 Por Fesr 2014-20202020 per l energia. case study: Il progetto Caldaie in Rete gestione e monitoraggio dei consumi negli edifici pubblici Ing. Giovanni Battistini Bologna, 13 novembre 2014 Efficienza Energetica:

Dettagli

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO Comune di Rivarolo del Re ed Uniti (CR) RELAZIONE FINALE - Audit leggeri - Audit di dettaglio - Certificazione energetica - Installazione del sistema

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA FINALIZZATA AL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMMOBILE COMUNALE DENOMINATO PALAZZETTO DELLO SPORT LOTTO N.

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA FINALIZZATA AL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMMOBILE COMUNALE DENOMINATO PALAZZETTO DELLO SPORT LOTTO N. COMUNE DI BARDONECCHIA INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA FINALIZZATA AL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMMOBILE COMUNALE DENOMINATO PALAZZETTO DELLO SPORT LOTTO N. 1 INTERVENTO INDIPENDENTE DA ALTRI

Dettagli

SETTORE AMBIENTE. Struttura di Supporto Provincia di Bergamo. LINEE GUIDA Allegato Energetico al Regolamento Edilizio

SETTORE AMBIENTE. Struttura di Supporto Provincia di Bergamo. LINEE GUIDA Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Struttura di Supporto Provincia di Bergamo LINEE GUIDA Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Ottobre 2011 Assessore all Ambiente: Pietro Romanò Assessore all Innovazione Tecnologica: Roberto Anelli

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA

LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA LE OPPORTUNITÀ DEL CONTO ENERGIA Il fotovoltaico conveniente PERCHÉ IL FOTOVOLTAICO Questione ambientale, il pianeta soffre degli effetti del surriscaldamento (effetto serra)ogni anno vengono immessi in

Dettagli

Risparmio energetico: Legge 10/91. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 50

Risparmio energetico: Legge 10/91. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 50 Risparmio energetico: Legge 10/91 Scolastico 2014-2015 50 INTRODUZIONE Le varie crisi energetiche originatesi negli anni settanta hanno sensibilizzato gli Stati più energivori alla limitazione dell uso

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

In quali casi è possibile e utile intervenire?

In quali casi è possibile e utile intervenire? CASA A ZERO COSTI E possibile far funzionare completamente un edificio a zero costi di gestione? Quali sono gli strumenti e le tecnologie che ci aiutano a realizzare questo obiettivo? In quali casi è possibile

Dettagli

PIANO CASA RISPARMIO ENERGETICO

PIANO CASA RISPARMIO ENERGETICO Normativa La realizzazione degli ampliamenti/ricostruzioni deve avvenire nel rispetto della normativa statale e regionale in materia sostenibilità energetico/ambientale e di bioedilizia. (art. 3, comma

Dettagli

Sistema Informativo Provinciale Provincia Barletta Andria Trani UNA VALIGIA D ENERGIA

Sistema Informativo Provinciale Provincia Barletta Andria Trani UNA VALIGIA D ENERGIA Avv. Roberta Pettinella Staff Program Manager S.I. BAT r.pettinella@infobat.it mob. 380 7692410 Dott. Alessio Caracci alessio.crc@gmail.com fisso 069300412 fax 06 98381236 UNA VALIGIA D ENERGIA Il percorso

Dettagli

Riqualificazione energetica: necessità per il Paese, motore per le aziende e opportunità per i privati.

Riqualificazione energetica: necessità per il Paese, motore per le aziende e opportunità per i privati. In collaborazione con: Riqualificazione energetica: necessità per il Paese, motore per le aziende e opportunità per i privati. Strumenti e modalità di intervento operativi per interventi immediati Comitato

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

PROGETTO DI VIA GIAMBELLINO

PROGETTO DI VIA GIAMBELLINO PROGETTO DI VIA GIAMBELLINO COMUNE DI MILANO DOCUMENTO FINALE 27 Novembre 2008 1. EFFICIENZA ENERGETICA NEL COMPLESSO DI VIA GIAMBELLINO 1.1 INTRODUZIONE Nell ambito della Convenzione stipulata tra Regione

Dettagli

Progetto Risparmio Enegetico. Progetto Risparmio Enegetico

Progetto Risparmio Enegetico. Progetto Risparmio Enegetico Sommario 1.Tempi di riscaldamento 2.Tipologie 3.Installazione 4.Benefici 5.L irraggiamento 6.L Isolamento Termico 7.Dati Lo scopo principale del Pannello Solare Termico è quello di trasformare l energia

Dettagli

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI)

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI) Sommario 1. Canone per attività manutentive e gestionali:...3 1.1. Canone per quota assistenza, gestione e manutenzione impianti di climatizzazione e FER...3 1.2. Canone per quota assistenza, gestione

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.)

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) IL RIFERIMENTO NORMATIVO: DGR 8/5117 del 18.07.07 e s.m. Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione, l ispezione degli

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA

RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Comune di Brusaporto Provincia di Bergamo RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Brusaporto, Ing. Roberto Menga Assessore Urbanistica, Territorio e Protezione Civile Indice Il

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA

RELAZIONE SPECIALISTICA RELAZIONE SPECIALISTICA ANALISI ILLUMINOTECNICA PREMESSA: Il settore dell illuminazione scolastica in ambito pubblico, attualmente, presenta caratteristiche tali da consentire la realizzazione di interventi

Dettagli

Provincia di Modena. Provincia di Bologna. Provincia di Ravenna

Provincia di Modena. Provincia di Bologna. Provincia di Ravenna Provincia di Modena Provincia di Bologna Provincia di Ravenna Struttura partnership Regional co-ordinator Emilia-Romagna Provincia di Modena Co-operating partners Provincia di Bologna Provincia di Ravenna

Dettagli

PIANO DI RISPARMIO ENERGETICO

PIANO DI RISPARMIO ENERGETICO PIANO DI RISPARMIO ENERGETICO AZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LA SOSTENIBILITÀ DEI CONSUMI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LA SOSTENIBILITÀ DEI CONSUMI NELLA PUBBLICA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

RIQUALIFICARE L INVOLUCRO COSTI E BENEFICI. L Associazione Certificatori Energetici ACE

RIQUALIFICARE L INVOLUCRO COSTI E BENEFICI. L Associazione Certificatori Energetici ACE EDILTEK 2012 28/09/2012 RIQUALIFICARE L INVOLUCRO COSTI E BENEFICI Franco De Dionigi L Associazione Certificatori Energetici ACE Associazione nazionale nata nel gennaio 2007 Unico scopo è promuovere la

Dettagli

Nuova Tecnologia Cappotto Attivo

Nuova Tecnologia Cappotto Attivo Nuova Tecnologia Cappotto Attivo Negli edifici di vecchia concezione un elemento particolarmente sentito è l isolamento termico. Una soluzione minimamente invasiva è il così detto "cappotto di un edificio",

Dettagli

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati Le iniziative del PAES Francesco Tutino - Comune di Bologna Settore Ambiente ed Energia -Ufficio Energia

Dettagli

Valvole termostatiche per termosifoni

Valvole termostatiche per termosifoni Valvole termostatiche per termosifoni La valvola termostatica è un dispositivo, che installato sui radiatori (termosifoni), permette di regolare il flusso di acqua calda. In base alla temperatura che si

Dettagli

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE ALLEGATO ENERGETICO 1 0. Premessa... 3 1. Campo di applicazione... 5 2. Categoria A... 6 3. Categoria B... 8 4. Categoria C... 10 5. Categoria D... 10

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI

RELAZIONE DI SINTESI Progetto Sergan INTERREG III A SARDEGNA / CORSICA / TOSCANA Progetto SERGAN Efficienza Energetica RELAZIONE DI SINTESI Analisi Energetica degli Edifici Fabbisogno energetico per l illuminazione ed il riscaldamento

Dettagli

Il Sole: una fonte energetica inesauribile

Il Sole: una fonte energetica inesauribile Il Sole: una fonte energetica inesauribile IL SOLARE TERMICO Pur essendo l Italia il Paese del Sole, questa fonte importante, gratuita, non inquinante e inesauribile è tuttora molto poco sfruttata, soprattutto

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA

DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA Ing. Pascale Virginia studio_ing.pascale@libero.it http://certificazioneenergetica.myblog.it http://impiantifotovoltaici.myblog.it/ http://acustica.myblog.it/

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

PAES. ALL _ audit energetici. Piano d Azione per l Energia Sostenibile. comune di CADREZZATE Provincia di Varese. Gennaio 2013

PAES. ALL _ audit energetici. Piano d Azione per l Energia Sostenibile. comune di CADREZZATE Provincia di Varese. Gennaio 2013 Provincia di Varese FONDAZIONE CARIPLO promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi 2010 PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile ALL _ audit energetici Gennaio 2013 Delibera di

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 47 del 2 aprile 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 53 del 8 maggio 2012 1 Regolamento

Dettagli

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l.

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l. IL PUNTO DI VISTA DELL IMPRESA ESECUTRICE EVOLVE S.r.l. Evolve si occupa di progettare, realizzare e gestire impianti a gas naturale, cogenerazione, biomasse, reti di teleriscaldamento e servizio energia.

Dettagli

Diagnosi energetica degli edifici

Diagnosi energetica degli edifici Diagnosi energetica degli edifici Che fare? Consigli preliminari Prima di qualsiasi intervento rivolto a migliorare l edificio si consiglia di compiere una diagnosi completa delle prestazioni energetiche

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Amministrazione comunale di Rogeno EDIFICIO : Scuola Secondaria INDIRIZZO : Rogeno,Via vecchia Casletto

Dettagli

Il Comune di Cesena: la gestione di 170 edifici pubblici. Ing. Davide Broccoli Pres. Energie per la Città SpA Martedì 15 Novembre 2011

Il Comune di Cesena: la gestione di 170 edifici pubblici. Ing. Davide Broccoli Pres. Energie per la Città SpA Martedì 15 Novembre 2011 Il Comune di Cesena: la gestione di 170 edifici pubblici Ing. Davide Broccoli Pres. Energie per la Città SpA Martedì 15 Novembre 2011 Energie per la Città S.p.A. Società in HOUSE PROVIDING del Comune di

Dettagli