DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 7 DEL 20 APRILE 2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 7 DEL 20 APRILE 2010"

Transcript

1 SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 7 DEL 20 APRILE 2010 Oggetto: Approvazione elenco Servizi e Strutture di Assistenza Sociale e della Non Autosufficienza di competenza della SDS e Prima dotazione organica della SDS. L anno DUEMILADIECI e questo giorno VENTI del mese di APRILE alle ore 16,30 nella sala conferenze, si è riunita l Assemblea dei Soci della Società della Salute convocata nelle forme previste dallo Statuto. All inizio della seduta sono rispettivamente presenti ed assenti i signori: COMPONENTI PRESENTI ASSENTI BETTARINI DANIELE SINDACO DEL COMUNE DI BUGGIANO XX BORGIOLI MARCO SINDACO DEL COMUNE DI CHIESINA UZZANESE XX PAPPALARDO ANTONIO SINDACO DEL COMUNE DI LARCIANO XX CHIARAMONTE GIUSEPPE SINDACO DEL COMUNE DI LAMPORECCHIO XX NICCOLAI MASSIMO SINDACO DEL COMUNE DI MASSA E COZZILE XX VANNI RINALDO SINDACO DEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME XX BELLANDI GIUSEPPE SINDACO DEL COMUNE DI MONTECATINI TERME XX CONFORTI FRANCESCO ASSESSORE DEL COMUNE DI PESCIA XX RASPA DESDEMONE ASSESSORE DEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE XX GALLIGANI PIER LUIGI SINDACO DEL COMUNE DI PONTE BUGGIANESE XX FRANCHI RICCARDO SINDACO DEL COMUNE DI UZZANO XX SCARAFUGGI ALESSANDRO DIRETTORE GENERALE AZIENDA USL3 DI PISTOIA XX Sono presenti il Presidente della Consulta del Terzo Settore, Rag. Arnaldo Pieri, e il Presidente del Comitato di Partecipazione, Sig.ra Silvia Prioreschi; Presiede la seduta il Dott. GIUSEPPE BELLANDI nella sua qualità di Presidente. Assiste il Direttore della SdS Dott. Claudio Bartolini incaricato della redazione del presente verbale. 1

2 Accertato il numero legale degli intervenuti, dichiara aperta la seduta ed invita i presenti all esame dell argomento indicato in oggetto. L ASSEMBLEA DEI SOCI Considerato che in data con atto ai rogiti del Segretario Comunale del Comune di Montecatini Terme, registrati in data N Rep i Comuni di Buggiano, Chiesina Uzzanese, Lamporecchio, Larciano, Massa e Cozzile, Monsummano Terme, Montecatini Terme, Pieve a Nievole, Pescia, Ponte Buggianese, Uzzano e l Azienda USL 3 di Pistoia hanno sottoscritto gli atti costitutivi (Statuto e Convenzione) del nuovo Consorzio Società della Salute della Valdinievole; Vista la delibera dell Assemblea dei Soci n. n.1 del 16/02/2010 con la quale il Sindaco del Comune di Montecatini Terme, Dott. Giuseppe Bellandi, è stato eletto Presidente della Società della Salute; Visto il Decreto del Presidente della Società della Salute n. 1 del 22/03/2010 con il quale è stato rinnovato l incarico di Direttore della SDS, al Dott. Claudio Bartolini; Visto l art. 71 bis L.R. 40/2005 e s.m.i. comma 3 lettera c) e d) il quale prevede che la Società della Salute eserciti le funzioni di organizzazione e gestione delle attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e delle altre prestazioni sanitarie a rilevanza sociale di cui all art. 3 septies, comma 3 del decreto delegato, individuate dal piano sanitario e sociale integrato regionale e le funzioni di organizzazione e gestione delle attività di assistenza sociale individuate ai sensi degli indirizzi contenuti piano sanitario e sociale integrato regionale ; Visto inoltre la Delibera di C.R. n. 69/2009 di modifica al PIRS con la quale al punto 3) si dispone che, in attuazione della L.R. 40/2005 e smi art. 142 bis comma 5, nelle more di approvazione del Piano sanitario e sociale sopra citato, l assegnazione alla SdS delle funzioni relative alla non autosufficienza e disabilità; Vista la delibera della Giunta Esecutiva n.4 del 18/03/2010 con la quale è stata prorogata la convenzione con l azienda USL3 per la gestione delle attività di assistenza sociale, delle attività socio- sanitarie ad alta integrazione sanitaria e delle altre prestazioni sanitarie a rilevanza sociale fino al 30/09/2010; Vista la deliberazione della SdS n.4 del 16/02/2010 con la quale l Assemblea dei Soci ha assunto la decisione di procedere alla gestione diretta da parte della SdS delle attività di cui alla L.R. 40/2005 e smi art. 71 bis comma 3 lett. c) Organizzazione e gestione delle attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e delle altre prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, limitatamente alla Non Autosufficienza e Disabilità e delle attività di cui alla lett. d) Organizzazione e gestione delle attività di assistenza sociale ; Visto l art. 7 comma I della Convenzione Conferimenti: personale e servizi ; Considerato che in data 01/03/2010 la Giunta Esecutiva ha deciso di procedere alla costituzione di una Commissione congiunta con il compito di definire gli atti necessari al trasferimento della gestione delle attività suddette; Vista la deliberazione della Giunta Esecutiva n. 4 del 18/03/2010 con la quale è stato deciso che entro la data del 30/04/2010 sarà individuato, per il successivo trasferimento alla SdS in rapporto di 2

3 assegnazione funzionale, tutto il personale sociale, sanitario e amministrativo attualmente impiegato nelle attività di assistenza sociale e della non autosufficienza, tenendo conto dei tempi tecnici necessari; Vista la relazione tecnica predisposta dal Direttore della Società della Salute, allegata al presente provvedimento denominata Allegato C relativa ai criteri utilizzati per l assegnazione del personale interessato; Vista la deliberazione della Giunta Esecutiva n. 6 del 15/04/2010 con la quale sono stati approvati le proposte di elenco Servizi e strutture di assistenza sociale e della Non Autosufficienza di competenza della Sds e la Prima dotazione organica della SDS; Visto l art. 8, commi 1-3 dello Statuto, inerenti le modalità ed il quorum necessari per la validità delle deliberazioni dell Assemblea; Con votazione unanime dei presenti resa in forma palese; Ciò premesso e considerato DELIBERA di approvare l assegnazione alla SDS dei servizi e delle strutture di assistenza sociale e della Non autosufficienza di cui all allegato A, facente parte integrante e sostanziale del presente atto; di approvare la prima dotazione organica della SDS di cui all allegato B ; di stabilire, tenuto conto dei tempi tecnici necessari, la data del entro cui tutto il personale sarà assegnato funzionalmente alla SDS; di stabilire che entro la suddetta data gli enti aderenti al Consorzio dovranno aver predisposto gli atti necessari per le assegnazioni suindicate; di procedere alla modifica della convenzione in essere con l Azienda USL3 alla luce delle nuove decisioni assunte da parte dell Assemblea sulla gestione diretta dei servizi e delle funzioni; di dare atto che il presente provvedimento sarà portato a conoscenza degli Enti che compongono il Consorzio affinché possano procedere con gli atti di propria competenza necessari in tale senso; di dare atto che il presente provvedimento sarà portato a conoscenza degli interessati, del Comitato di Partecipazione e della Consulta del Terzo Settore; di dichiarare, vista l urgenza di provvedere per quanto esplicitato in narrativa, a seguito di votazione separata dell esito UNANIME, l immediata eseguibilità dell atto ai sensi dell art.4 comma 2, dello statuto della SDS della Valdinievole. 3

4 Allegato "A" Servizi e Strutture di Assistenza Sociale e della Non Autosufficienza della SdS strutture Attività /Servizi Area delle responsabilità familari e tutela minorile Interventi economici di sostegno alla genitorialità Servizi di supporto alla domiciliarità Servizi residenziali Area degli interventi a favore della popolazione anziana A.D.O /SERVIZIO DI ASSISTENZA SOCIALE UVM ( Unità di Valutazione Multidimensionale) PUA ( Punto Unico di Accesso) P.I. ( Punti Insieme) Servizi di supporto alla domiciliarità Servizi di prossimità Interventi economici Servizi residenziali e semiresidenziali Area degli interventi a davore delle persone con disabilità Servizi di supporto alla domiciliarità Assistenza all autonomia e alla comunicazione in ambito scolastico Percorsi socio abilitativi Servizi di prossimità Interventi economici Servizi residenziali e semiresidenziali Area degli interventi dei diritti di cittadinanza Interventi ed attività connessi a percorsi di inclusione sociale Interventi di natura economica Servizi di Supporto alla Domiciliarità Interventi a tutela delle donne finalizzato al contrasto della violenza effettuazione della valutazione multidimensionale delle condizioni di bisogno del richiedente; verifica della sussistenza delle condizioni di bisogno per l'attivazione del fondo; individuazione dell indice di gravità del bisogno; definizione del PAP con indicazioni quantitative e temporali relative alle prestazioni sociosanitarie appropriate, domiciliari, semiresidenziali e residenziali; condivisione del PAP con la persona assistita o i suoi familiari; periodica verifica degli obiettivi contenuti nel PAP e procede, nei casi previsti, e rivalutzione eventuale delle condizioni di bisogno funzioni di coordinamento con il compito di monitorare e verificare l'attuazione delle disposizioni previste dagli atti regionali e dalle disposizioni della Sds stessa coordinamento dei punti insieme e dell'uvm gestione integrata delle risorse garanzia dell'integrazione della rete territoriale dei servizi sociali e sanitari accoglienza del bisogno, registrazione della segnalazione, orientamento e informazione del cittadino sulla rete dei servizi territoriali raccolta di tutte le informazioni utili ad orientare la valutazione multidimensionali delle condizioni di bisogno 4

5 ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE LETTI DI CURE INTERMEDIE S.T.D.O.P. ( Servizio Territoriale Dimissioni Ospedaliere Programmate) GOIF ( Gruppo Operativo Interdisciplinare Funzionale) GOM ( Gruppo Operativo Multidisciplinare) Centri Socio Riabilitativi Centro Intermedio assistenza infermieristica domiciliare assistenza nfermieristica ambulatoriale gestione di n. quattro letti di cure intermedie all'interno di due RSA ubicate sul territorio del Comune di Pescia continuità Ospedale territorio valutazione del bisogno socio sanitario segnalazione del bisogno socio sanitario agli operatori dell'ado Predisporre strumenti per la rilevazione del fenomeno e coordinare la raccolta dati; Collaborare alla predisposizione di accordi e protocolli con la Scuola, i Comuni, le Province, nonché con ogni altro soggetto coinvolto per competenza; Curare i rapporti con le commissioni per l'accertamento dell'handicap di cui all'articolo 4 della L. 104/`92; Coordinare le attività di settore del livello zonale distrettuale; Verificare mediante l'analisi e la valutazione dei dati rilevati, il rispetto delle procedure e l'efficacia e l'efficienza degli interventi attuati. Collaborare alla predisposizione di accordi e protocolli con la Scuola, i Comuni, le Province, nonché con ogni altro soggetto coinvolto per competenza Promuovere e curare i rapporti con le associazioni di volontariato e con le associazioni di categoria degli handicappati; Curare la presa in carico della situazione di handicap (entro 30 giorni dalla segnalazione effettuata dalla famiglia, servizi sociali e sanitari, scuola, organismi della rete di protezione) Formulare la diagnosi funzionale e elaborare il Progetto Abilitativo B44Riabilitativo Globale (PARG), i relativi Piani Individuali di Intervento, curandone attivazione, evoluzione e verifica; Trasmettere al GOIF i dati relativi ai PARG attivati per il monitoraggio sui fenomeni dell'handicap; Redigere con cadenze programmate una scheda di valutazione dell'intervento che il responsabile del GOM deve provvedere a comunicare all'interessato o a chi lo rappresenta Strutture diurne dove si svolgono attività a persone con disabilità di tipo psichico, fisico, sensoriale e plurimo di rilevante entità, che hanno concluso il percoso scolastico obbligatorio, le cui gravi disabilità rendono impraticabil ulteriori percorsi scolastici, formativi e lavorativi 4 centri socio riabilitativi a gestione diretta : CSR "Centro Anch'io" di Montecatini Terme n.20 posti; CSR "Antares" di Ponte Buggianese n.15 posti; CSR "Il faro" di Pescia n.15 posti; CSR "Raggio di sole" di Orbignano n.15 posti Struttura diurna dove si svolgono attività a persone con disabilità di tipo psichico, fisico, sensoriale e plurimo di media entità, per persone che non hanno trovato adeguate collocazoni in latri servizi o che ne abbiamo già usufruito senza peò riuscire a trovare in essi risposta alloro bisogno "occupazionale". 1 centro intermedio a gestione diretta : "La bottega" a Buggiano n.10 posti 5

6 DOPO DI NOI RSA e Centri Diurni Anziani Progetto innovativo " provo a vivere da solo". Che rappresenta il primo passo verso un nuovo moedello di iterento, innovativo rispetto alle consuete forme di residenzialità e pù coerente con i bisogni e le apsettative delle persone disabili e dei loro familiari Week and presso 2 strutture : casa Speranza e casa della Spiga Progetto integrativo "stasera esco" con attività effettuate in pomeriggi infrasettimanali in locali appositamente individuati in cui sono realizzate diverse attività dal gioco delle bocce al karaoke fino al corso di ballo latino americano Strutture resienziali e semi residenziali inserite nella rete delle risposte assistenzaili previste per le persone anziane che erogano prestazioni socioa assistenziali e ad integrazione socio sanitaria, destinate ad acogliere temporaneamente e/o permanentemente tali persone 2 RA private : RA S. Giuseppe Pescia 25 posti autosuffienti e RA S.Francesco Montecatini Terme 40 posti per autosufficienti 3 RSA private: RSA Villa Bianca Ponte Buggianese 54 posti non autosufficienti di cui posti convenzionati ASL n.25 ; ASP S. Domenico Pescia 30 posti autosufficienti 30 posti non autosufficienti di cui conenzionati ASL n.10 ; RSA Villa Matilde Pescia 13 posti per persone autosuffienti 35 posti non autosufficienti ASL n.10 2 RSA a gestione diretta : RSA Minghetti Lamporecchio 29 posti per non autosufficienti ; RSA Stella Monsummano Terme n.56 posti per non autosufficienti compresi i moduli comportamentali e motorio 1 Centro Diurno Anziani privato :ASP S. Domenico Pescia n.10 posti Strutture per minori Centro Affidi 4 Centri Diurni Anziani a gestione diretta: CD ATER Pescia n.10 posti; CD Anziani di Monsummamo Terme n.23 posti + 2 posti pomerdiani; CD "Anziani Insieme" di Montecatini Terme n.15 posti; CD Alzheimer c/o RSA Stella di Monsummano Terme n.10 posti Servizio residenziale che accoglie temporaneamente i minori qualora i nuclei famiiari di provenienza sia impossibilitati o incapaci ad assolvere il proprio compito Comunità educativa "la Locomotiva" a gestione diretta di Buggiano per 7 minori + 1 di pronta accoglienza a gestione diretta Comunità educativa "piccoli passi" Privata di Monsummano Terme per 8 minori + 1 di pronta accoglienza e madri e/o gestanti Diffondere la cultura dell affidamento eterofamiliare tra la popolazione residente nell area della Val di Nievole. sensibilizzazione all'accoglienza desitituzionalizzazione / prevenzione alla istituzionalizzazone Sostenere le famiglie affidatarie nel loro percorso di accoglienza Sostenere i nuclei familiari di origine nel superamento delle loro difficoltà. Promuovere il lavoro di rete e l integrazione territoriale Fornire informazioni relative all iter procedurale dell affidamento eterofamiliare di minori stranieri (tempi, modalità di richiesta, ecc.) Offrire ai minori stranieri la possibilità di venir accolti da una famiglia capace di garantirgli i suoi diritti e sostenerlo nel percorso evolutivo mantenendo i rapporti affettivi con i propri familiari e integrandoli con nuovi affetti. 6

7 Allegato B Prima Dotazione Organica della Società della Salute della Valdinievole - personale da conferire da parte dei Soci ai sensi dell art. 7 della Convenzione Istitutiva- QUALIFICA Struttura tecnico organizzativa Collaboratore Amministrativo 9 Funzionario Amministrativo 1 Assistente Amministrativo 2 Amministrativo B3 1 Funzionario servizi sociali Dirigente amministrativo contabile Servizi sanitari della non-autosufficienza Medico coordinatore UVM 1 Infermieri 29 Caposala 3 Responsabile infermieristico 1 UNITA 1 parttime 1 parttime OSS (operatore socio-assistenziale) 2 Servizi sociali della non-autosufficienza e attività socio-assistenziali Assistente Sociale Resp. Servizi Sociali 2 Educatore Professionale 4 Assistente Sociale 13 Educatore Socio-sanitario 2 Operatore Professionale Coord. 1 Collaboratore Prof 1 OSS (operatore socio-assistenziale) 10 Manutentore 1 Autista 1 Totale, di cui 2 part-time 86 7

8 Allegato C Relazione tecnica relativa alla assegnazione funzionale del personale alla SDS. La Delib.n.69/2009 del Consiglio Regionale, coerentemente con l art 142 bis comma 3 della L.R.40/2005 e smi, dispone l assegnazione alle SDS delle funzioni relative alla non autosufficienza e alla disabilità oltre a quelle relative alle attività di assistenza sociale. In particolare al punto 4 dell all.3 della stessa delibera vengono assegnata alle SDS l organizzazione e la gestione delle attività sanitarie e socio-sanitarie nell ambito della non autosufficienza e della disabilità. La L.R. 40/2005 e smi agli art. 71 bis e 71 ter afferma che la SDS gestisce unitariamente per i soggetti aderenti le attività socio-assistenziali e socio-sanitarie territoriali, garantendo soluzioni organizzative sul territorio in grado di assicurare la presa in carico integrata del bisogno sanitario e sociale e la continuità del percorso diagnostico, terapeutico e assistenziale. Di tale indicazione è necessario tener conto nell ambito del passaggio delle funzioni di gestione diretta alla SDS della Valdinievole dei servizi socio-assistenziali e della non autosufficienza da parte dei soci del consorzio. In particolare deve essere garantita la presa in carico complessiva delle dei soggetti, evitando così inutili separazioni nell erogazione delle prestazioni e nella continuità assistenziale. Talune funzioni, quali ad esempio l assistenza domiciliare infermieristica, il servizio delle dimissioni ospedaliere programmate e i letti di cure intermedie sono rivolti a dare risposte fortemente integrate da un punto di vista sociosanitario ai bisogni della popolazione, per cui si ritiene necessario che tali funzioni siano assegnate alla SDS, al fine di non produrre inutili separazioni da parte di due distinti gestori rispetto ad interventi che richiedono invece sempre più unicità di erogazione. In tale ottica i servizi socio-assistenziali, sanitari e socio-sanitari rivolti alla non autosufficienza e alla disabilità presenti sul territorio della SDS della Valdinievole richiedono una gestione unitaria complessiva per cui si ritiene indispensabile che in fase di assegnazione del personale operante in tali servizi sia necessario rispettare due criteri generali, condivisi anche all interno della commissione congiunta SDS/USL: 1) presa in carico socio-sanitaria complessiva da parte della SDS; 2) assegnazione a tempo pieno del personale alla SDS in base alla prevalenza o meno della funzione; L integrazione degli interventi e in particolare le modalità di integrazione tra il personale e le strutture della SDS e il personale e le strutture dell Azienda USL 3 fanno riferimento al Direttore della SDS in quanto titolare anche delle funzioni di Responsabile di Zona, all Ufficio di Direzione della SDS e all Ufficio di Direzione Zonale di cui all art.64 comma 6 della L.R. 40/2005 e smi. Personale della Struttura Tecnico-Organizzativa La dotazione organica di supporto tecnico amministrativo alla SDS si compone di 14 operatori in grado di svolgere le funzioni obbligatorie del consorzio, con una particolare attenzione alla gestione economica e al controllo di gestione, funzioni queste ritenute fondamentali rispetto ai compiti di programmazione che la legge assegna della SDS. Pur svolgendo in parte funzioni assegnate alla SDS non sono stati assegnati: - 2 collaboratori amministrativi al 50% - 1 assistente amministrativo al 20% e 1 al 30% - 1 operatore tecnico al 50% Sono stati invece assegnati 2 collaborativi amministrativi al 70% e al 90% Il restante personale amministrativo svolge funzioni assegnate alla SDS 8

9 Personale sanitario delle attività della non autosufficienza e della disabilità Anche in considerazione della gestione diretta da parte della SdS dei Servizi Sociali, la conseguente assegnazione funzionale del personale sanitario impegnato nei percorsi assistenziali dedicati alla non autosufficienza e alla disabilità deve permettere la gestione unitaria ed integrata dei servizi rivolti alla cittadinanza, a garanzia della continuità assistenziale e della presa in carico dei cittadini. In linea con i criteri adottati per definire le modalità del passaggio (assegnazione funzionale) del personale alla SdS della Valdinievole per quanto attiene all assistenza infermieristica domiciliare si ritiene necessario: mantenere l unitarietà del servizio infermieristico domiciliare, erogato da personale sanitario dipendente in stretta integrazione con personale convenzionato afferente alla Associazioni di Volontariato locali, evitando duplicazioni ed assegnazioni in percentuale ; garantire continuità assistenziale ai cittadini attualmente presi in carico dal servizio infermieristico domiciliare, al fine di mantenere gli assistiti affidati alle cure degli attuali infermieri di riferimento ; conservare le funzioni di coordinamento previste dai percorsi diagnostici terapeutici assistenziali presenti all interno della rete dei servizi, al momento affidate a tre infermieri coordinatori; assicurare funzioni di coordinamento infermieristico trasversale alle diverse strutture funzionali della Zona, in modo da garantire unitarietà ed omogeneità di indirizzo tra i servizi a gestione diretta da parte della SdS con quelli gestiti sia in convenzione sia in forma diretta dall Azienda Usl3 di Pistoia. Nello specifico, questi aspetti sono relativi alla struttura funzionale Assistenza Sanitaria di Comunità che, pur mantenendo la titolarità dell integrazione di tutte le attività di competenza, si trova ad avere al proprio interno personale infermieristico e con qualifica O.S.S. impegnato sia in attività domiciliari rivolte a cittadini prevalentemente non autosufficienti, sia in prestazioni a carattere ambulatoriale e/o occasionale erogate nei confronti di utenti autosufficienti; di conseguenza si è reso necessario procedere con una prima ripartizione del personale, in base alla prevalenza del proprio impegno professionale. Pertanto, dove la prevalenza delle attività è relativa alla non autosufficienza, il personale infermieristico e con qualifica O.S.S viene funzionalmente assegnato alla SdS, mentre dove le prestazioni si evidenziano come prettamente sanitarie a carattere aziendale l assegnazione permane all interno Zona/Azienda. In particolare, il personale destinato all implementazione del Chronic Care Model, rappresentando questo un ambito prettamente sanitario non rivolto in maniera prevalente alla non autosufficienza, rimane assegnato alla linea funzionale di Zona/Azienda. Di conseguenza è stata proposta l assegnazione funzionale alla Società della Salute della Valdinievole di tutto il personale infermieristico e con qualifica O.S.S. attualmente impegnato in attività domiciliari ed ambulatoriali a carattere continuativo e/o ciclico programmato, rivolte a cittadini prevalentemente anziani e non autosufficienti, per le quali è prevista la predisposizione di un piano assistenziale individuale, con esclusione delle risorse infermieristiche ed O.S.S. già definite come necessarie per l implementazione a livello Zonale del Chronic Care Model. Per quanto attiene alle funzioni degli infermieri coordinatori delle tre Aree Distrettuali Omogenee, avendo questi come impegno fondamentale il coordinamento di prestazioni e servizi che seguono, come filiera di produzione, l assistenza infermieristica domiciliare ed 9

10 essendo questa, in gran parte, erogata e rivolta a cittadini non autosufficienti e disabili, si è ritenuto dovessero essere totalmente inserite sulla linea della non autosufficienza. Pertanto, per assicurare le necessarie funzioni di coordinamento all interno di una organizzazione dell assistenza domiciliare suddivisa per i tre ADO e pur continuando a svolgere tutte le funzioni di competenza precedentemente attribuite nell ambito della Zona Distretto, è stata proposta l assegnazione funzionale alla Società della Salute della Valdinievole degli infermieri coordinatori delle tre Aree Distrettuali Omogenee e del Responsabile della UOP di riferimento. Nello specifico: Le unità infermieristiche operanti sulla Zona Distretto della Valdinievole, ad esclusione della prevenzione, sono 95 così suddivise e assegnate: 30 al Servizio Salute Mentale; 4 al Servizio Tossicodipendenze; 1 al Servizio Consultorio; 60 al Servizio Attività sanitarie di comunità; Di queste ultime 36 sono le unità infermieristiche in totale impegnate nei servizi domiciliari, circa il 90% è impegnato sulla non autosufficienza e disabilità per cui si è ritenuto assegnare a tempo pieno 29 infermieri alla SDS, oltre a 1 responsabile infermieristico e 3 infermieri coordinatori. Per quanto riguarda il personale medico si è ritenuto opportuno in questa fase assegnare a tempo pieno alla SDS il solo coordinatore dell Unità di Valutazione Multidimensionale al fine di non frazionare le attività sanitarie di comunità, le cure palliative e l hospice, e altre unità funzionali territoriali, pur in presenza di necessari interventi da parte di ulteriori figure mediche nell ambito delle funzioni assegnate alla SDS. In particolare non sono stati assegnati alla SDS: 3 medici delle attività sanitarie di comunità impegnati al 50% sulle funzioni della SDS 2 geriatri al 50% e al 20% 1 fisiatra al 40% 1 psichiatra al 30% 2 neuropsichiatra infantili al 30% e al 10% 2 psicologi al 30% presa in carico socio-sanitaria complessiva da parte della SDS in presenza anche di gestori diversi. Personale dei servizi socio-assistenziali Per quanto attiene il personale operante nei servizi sociali, in tutto 35 unità, questo è stato assegnato complessivamente alla SDS a tempo pieno in quanto personale già operante in via esclusiva in questi servizi, avendo l Azienda USL da tempo la delega alla gestione dei servizi sociali. Il Direttore della Società della Salute della Valdinievole Claudio Bartolini 10

11 Deliberazione della Assemblea dei Soci n. 7 del 20 Aprile 2010 Il presente verbale, previa lettura, è come appresso approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE IL DIRETTORE Dott. Giuseppe Bellandi Dott. Claudio Bartolini Firmato in originale Firmato in originale PUBBLICAZIONE (Art.124, comma 1,D.Lgs n 267 e art.4 comma 2 Statuto della SdS) Copia della presente deliberazione viene affissa all Albo Pretorio della Società della Salute della Valdinievole, sita in Pescia Piazza XX Settembre, 22 il e vi rimarrà per 15 giorni consecutivi. Il DIRETTORE della SdS Valdinievole Dott. Claudio Bartolini CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Pubblicato all Albo dal al Il DIRETTORE della SdS Valdinievole Dott. Claudio Bartolini Per copia conforme all originale in carta libera per uso amministrativo. Pescia, L Ufficio di Segreteria ESECUTIVITA La presente deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi dell art. 4, comma 2 dello Statuto della Società della Salute della Valdinievole e ai sensi dell art. 134 commi 3 /4 D.lgs.267/2000. Pescia, Il DIRETTORE della SdS Valdinievole Dott. Claudio Bartolini 11

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 17 DEL 21 OTTOBRE 2010

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 17 DEL 21 OTTOBRE 2010 SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 17 DEL 21 OTTOBRE 2010 Oggetto: Adesione al Sistema Informativo Locale Integrato (SILI) da parte della Società della Salute

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473 SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473 DETERMINA DEL DIRETTORE n. 15 del 10.04.2014 Oggetto: Assegnazione dei budget a seguito dell

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473 SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473 DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 13 DEL 31 OTTOBRE 2012 Oggetto: Bilancio Preventivo

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE n 64 del 24/05/2011

DETERMINA DEL DIRETTORE n 64 del 24/05/2011 Società della Salute della Valdinievole Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) cod.fisc.91025730473 Tel. 0572 460475-464 - Fax 0572 460404 emai: segreteriasds@usl3.toscana.it DETERMINA DEL DIRETTORE

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE AZIONI DA REALIZZARE INDICATORI PESO INDICATORI

DESCRIZIONE DELLE AZIONI DA REALIZZARE INDICATORI PESO INDICATORI 2.b.1 - STRUTTURE ORGANIZZATIVE - Unità Funzionale Integrazione Socio-Sanitaria - Settore Assistenza Domiciliare ed Ambulatoriale socio-sanitaria (infermieristica) Responsabile dell Area Funzionale: Dott.ssa

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE n. 30 del 29.03.2011. Oggetto:Liquidazione fattura per Consulenza Legale in favore dell Avv. Stefania Boccaccini.

DETERMINA DEL DIRETTORE n. 30 del 29.03.2011. Oggetto:Liquidazione fattura per Consulenza Legale in favore dell Avv. Stefania Boccaccini. Società della Salute della Valdinievole Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) cod.fisc.91025730473 Tel. 0572 460475-464 - Fax 0572 460404 emai: segreteriasds@usl3.toscana.it DETERMINA DEL DIRETTORE

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE n. 79 del 20/06/2011

DETERMINA DEL DIRETTORE n. 79 del 20/06/2011 Società della Salute della Valdinievole Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) cod.fisc.91025730473 Tel. 0572 460475-464 - Fax 0572 460404 emai: segreteriasds@usl3.toscana.it DETERMINA DEL DIRETTORE

Dettagli

CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia

CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia COPIA CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 179/2010 Oggetto: DEFINIZIONE DELLE QUOTE DI COMPARTECIPAZIONE DEI CITTADINI AI COSTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473 SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Codice Fiscale 91025730473 DETERMINA DEL DIRETTORE n. 06 del 12.02.2015 Oggetto: Lavori di ristrutturazione dei fabbricati

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE n. 57 del 17/05/2011

DETERMINA DEL DIRETTORE n. 57 del 17/05/2011 Società della Salute della Valdinievole Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) cod.fisc.91025730473 Tel. 0572 460475-464 - Fax 0572 460404 emai: segreteriasds@usl3.toscana.it DETERMINA DEL DIRETTORE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 10 DEL 08 GIUGNO 2010

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 10 DEL 08 GIUGNO 2010 SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 10 DEL 08 GIUGNO 2010 Oggetto: Convenzione per l adesione della SDS Valdinievole alla Rete Telematica Regione Toscana (art.

Dettagli

C O M U N E D I S E N I G A L L I A

C O M U N E D I S E N I G A L L I A C O M U N E D I S E N I G A L L I A PROVINCIA DI ANCONA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 153 Seduta del 13/08/2013 OGGETTO: CONTINUITA' SERVIZI ALLA PERSONA 2' SEMESTRE 2013 - ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE n.2 del 17 Febbraio 2010. Oggetto: Sperimentazione dell assegno per l assistenza all anziano non autosufficiente.

DETERMINA DEL DIRETTORE n.2 del 17 Febbraio 2010. Oggetto: Sperimentazione dell assegno per l assistenza all anziano non autosufficiente. Società della Salute della Valdinievole Piazza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) cod.fisc.91025730473 Tel. 0572 460475-464 - Fax 0572 460404 emai: segreteriasds@usl3.toscana.it DETERMINA DEL DIRETTORE

Dettagli

PADOVA 16-17-18 settembre 2010

PADOVA 16-17-18 settembre 2010 PADOVA 16-17-18 settembre 2010 Il percorso Handicap all interno del sistema della disabilità e nel processo della programmazione partecipata degli interventi e servizi della Società della Salute Fiorentina

Dettagli

REGOLAMENTO persone non autosufficienti assicurare prioritariamente la risposta domiciliare Punto Insieme

REGOLAMENTO persone non autosufficienti assicurare prioritariamente la risposta domiciliare Punto Insieme REGOLAMENTO DELL' UNITA' DI VALUTAZIONE MULTIDISCIPLINARE Le prestazioni a carico dell' UVM sono erogate alle persone non autosufficienti, disabili e anziane entro i limiti e secondo le modalità previste

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 10 DEL 22 GIUGNO 2011

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 10 DEL 22 GIUGNO 2011 SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 10 DEL 22 GIUGNO 2011 Oggetto: Accettazione lascito testamentario. Parere regolarità tecnica del presente atti ai sensi

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna Cap. 40027, Via Bacchilega n. 6 Tel. 0542/56911 Fax 56900 E-Mail: urp@mordano.provincia.bologna.it Sito Internet: www.comunemordano.it DELIBERAZIONE N. 16 DEL 05/03/2015

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

Società della Salute Area Pratese ASSEMBLEA DEI SOCI

Società della Salute Area Pratese ASSEMBLEA DEI SOCI Società della Salute Area Pratese ASSEMBLEA DEI SOCI Deliberazione n. 41 del 01.08.2011 OGGETTO: modifica ed integrazione agli attuali requisiti di accesso in RSA Allegati in atti: Ente rappresentato Nome

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI SEDUTA DEL 16 DICEMBRE 2015 Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 87 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME ALL ORIGINALE OGGETTO: ADESIONE ALLA CONVENZIONE

Dettagli

Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N. 70 DEL 20/08/2015

Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N. 70 DEL 20/08/2015 Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA Delibera Numero 35 del 23/12/2005 OGGETTO : APPROVAZIONE LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA ORIGINALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 133delReg.Delib. data 27.05.2015 OGGETTO: Distretto Socio Sanitario 44. Erogazione dei Servizi di

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 3 di Reg. Data 5/1/2009 OGGETTO: Approvazione atto di indirizzo per prosecuzione mesi tre, nelle more dell espletamento della

Dettagli

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Attività di indirizzo e di controllo Art. 3 Principi relativi all organizzazione della SdS Art.

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02012/019 Area Servizi Sociali Servizio Minori FE CITTÀ DI TORINO

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02012/019 Area Servizi Sociali Servizio Minori FE CITTÀ DI TORINO Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02012/019 Area Servizi Sociali Servizio Minori FE 0 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 29 aprile 2014 Convocata la

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 Oggetto: LR 20/ 97, art. 3. Finanziamento di progetti d intervento a favore di persone con disturbo mentale e di persone con disabilità intellettive.

Dettagli

BANDO DISTRETTUALE 2012 LEGGE 162/98

BANDO DISTRETTUALE 2012 LEGGE 162/98 L Ambito Distrettuale di ASOLA, con verbale della Assemblea dei Sindaci in data 26/11/2012, ratificato con Deliberazione di Giunta Comunale dell ente capofila n.192 del 26.11.2012 DISPONE BANDO DISTRETTUALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

Piano Sociale di Zona

Piano Sociale di Zona Piano Sociale di Zona 2010-12 Molfetta-Giovinazzo Protocollo Operativo Istituzione dell équipe integrata, multidisciplinare e multiprofessionale, per l affido familiare e l adozione Organizzazione, Funzioni,

Dettagli

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00 Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO Presenti gli Assessori comunali: MORENO BOLZONI ALBERTO GROSSI GUIDO

Dettagli

Il Dirigente Dr.ssa Anna Bini

Il Dirigente Dr.ssa Anna Bini Deliberazione Esecutivo n. 20 del 30 marzo 2009 Oggetto: Approvazione Convenzione con l Associazione di Volontariato Artemisia per la realizzazione del PROGETTO contro la Violenza, gli abusi ed i maltrattamenti

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI Delibera Numero 25 del 5 novembre 2012 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL PROTOCOLLO DI

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 249 DEL 08-10-2015 OGGETTO: REVISIONE ED APPROVAZIONE DEL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELL'ARCHIVIO COMUNALE.

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Il Direttore Lucetta Tre Re. Deliberazione Giunta n. 15 del 14 novembre 2007

Il Direttore Lucetta Tre Re. Deliberazione Giunta n. 15 del 14 novembre 2007 Deliberazione Giunta n. 15 del 14 novembre 2007 Oggetto: Fase Pilota del progetto regionale di assistenza continuativa a persone non autosufficienti : accordo con Medici di Medicina Generale. presente

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 466 DEL 22/04/2015 OGGETTO: Approvazione "Progetto di Sviluppo delle cure domiciliari

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 202 In data: 18/12/2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: FONDAZIONE CASA DI RIPOSO AMBROSETTI PARAVICINI ONLUS PROGETTO SPERIMENTALE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) - COPIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 85 del 22/05/2012 OGGETTO: APPELLO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA SOCIETA' DELLA SALUTE dell'alta Val di Cecina Comuni di: Volterra Pomarance Castelnuovo VC Montecatini VC Azienda USL 5 di Pisa Deliberazione n.43 del. 17.12.2015 DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA Oggetto:

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE

Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE 1 INDICE...1 CONVENZIONE...1...1 INDICE...2 ART. 1 Costituzione Denominazione Sede Durata...3 ART. 2 Finalità...3 ART. 4 Modalità di gestione...5 ART. 5

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Comune Capofila San Benedetto del Tronto Acquaviva Picena Campofilone Carassai Cossignano Cupra Marittima Grottammare Massignano Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche Montefiore dell Aso Monteprandone

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 29 In data: 13/02/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: FONDAZIONE CASA DI RIPOSO AMBROSETTI PARAVICINI ONLUS - PROGETTO SPERIMENTALE

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di:

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di: Comune Capofila Aalatri PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000 Comuni di: Acuto, Alatri, Anagni, Collepardo, Filettino, Fiuggi, Guarcino, Paliano, Piglio, Serrone, Sgurgola, Torre Cajetani,Trevi nel Lazio,

Dettagli

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza)

COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) COMUNE DI TRECCHINA (Provincia di Potenza) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA NR. 67 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL P.E.G. - PIANO DELLA PERFORMANCE 2013 (28 novembre 2013) L anno DUEMILATREDICI,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA Provincia di Bologna DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 35 del 26/03/2012 OGGETTO: ACCREDITAMENTO SERVIZI SOCIO-SANITARI. APPROVAZIONE LINEE DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DEI CONTRATTI DI SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Cap 42013 Piazza Martiri della Libertà, 1 tel: 0522 998511 fax: 0522 841039 Cod. fisc. e P. IVA 00284720356 Regolamento distrettuale determinante i

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA Delibera Numero 16 del 06/06/2007 OGGETTO: MODIFICHE ALLE MODALITA DI DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI. Sindaco e Assessore delegato 1,62 X. Barbara Di Sciullo

ASSEMBLEA DEI SOCI. Sindaco e Assessore delegato 1,62 X. Barbara Di Sciullo ASSEMBLEA DEI SOCI Deliberazione n. 4 del 09.02.2015 OGGETTO: Progetto Home Care Premium 2014 Linee di indirizzo, accertamento e imputazione di spesa Ente rappresentato Nome e Cognome Carica Quote Presenti

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE COMITATO DEI SINDACI N 26 13.10.2003 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO Provincia di Modena

COMUNE DI SASSUOLO Provincia di Modena COMUNE DI SASSUOLO Provincia di Modena DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Copia N. 143 del 07/06/2004 OGGETTO: PROSECUZIONE PROGETTO PER L'ATTIVAZIONE DI UN PERCORSO DI GRAVIDANZA ASSISTITA PER DONNE

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e Forum Toscano delle Associazioni per i diritti della Famiglia -

Dettagli

COMUNE DI FONTANELICE

COMUNE DI FONTANELICE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI FONTANELICE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 25/05/2015Nr. Prot. 1438 PROROGA CONTRATTO DI SERVIZIO CON ASP CIRCONDARIO

Dettagli

CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE CITTA DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI Riservato Servizio Finanziario Repertorio delle determinazioni Pervenuta in data N di Rep. 237 Restituita in data del 10/7/2015 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

Dettagli

Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 114 DEL 29/07/2014 ATTO DI INDIRIZZO PER ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI PER L`ANNO 2014

Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 114 DEL 29/07/2014 ATTO DI INDIRIZZO PER ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI PER L`ANNO 2014 Città di Imola DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 114 DEL 29/07/2014 OGGETTO : ATTO DI INDIRIZZO PER ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI PER L`ANNO 2014 Il giorno 29/07/2014 alle ore 14:00 nella

Dettagli

COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20020 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org Codice Fiscale 01617320153 Partita IVA 00719540965 CODICE ENTE 10957 COPIA DELIBERAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PRIMO CENSIMENTO DENOMINATO "CONOSCERE CHI HA BISOGNO DI AIUTO" NECESSARIO AL COMPLETAMENTO DATI DEI PIANI DI PROTEZIONE CIVILE E DELLE PROCEDURE DELLA CENTRALE

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE

CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE Ai sensi e per gli effetti: degli artt. 7 e 22 della L.R. 12.05.1995,

Dettagli

Comune di Settimo Milanese Provincia di Milano

Comune di Settimo Milanese Provincia di Milano Comune di Settimo Milanese Provincia di Milano OGGETTO : CONSORZIO PER I SERVIZI ALLA PERSONA DEI COMUNI DEL RHODENSE - INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI DA CONFERIRE - ATTO DI INDIRIZZO- Ufficio SERVIZI SOCIALI

Dettagli

COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 67 del 05-10-15

COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 67 del 05-10-15 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 67 del 05-10-15 Oggetto: ISTITUZIONE AOO (AREA ORGANIZZATIVA OMOGENEA) E NOMINA DEL RESPONSABILE DELLA GESTIONE DOCUMENTALE (DPCM 03/12/2013 E DPCM 13/11/2014)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Coordinatore Settore:

Coordinatore Settore: 4.f.1. - STRUTTURA ORGANIZZATIVA - Area Funzionale tecnico amministrativa Responsabile dell Area Funzionale: Dott. Giovanni Natali Coordinatore Settore: DESCRIZIONE DELLE AZIONI DA REALIZZARE INDICATORI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 46 Seduta del 20/03/2012 All. 1 OGGETTO:

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N. 11 DEL 27.08.2014

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA DEL CONSORZIO N. 11 DEL 27.08.2014 Azienda USL 10 di Firenze - Comuni Zona Socio-Sanitaria del Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax

Dettagli

CITTÀ DI POMEZIA Città Metropolitana di Roma Capitale

CITTÀ DI POMEZIA Città Metropolitana di Roma Capitale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 2015/297 DEL 24/12/2015 Oggetto: AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI DI PERTINENZA DEL SETTORE III- SERVIZI ALLA PERSONA ALLA SOCIO SANITARIA POMEZIA

Dettagli

AREA della DISABILITA

AREA della DISABILITA AREA della DISABILITA la Società della Salute ed i servizi per le persone disabili in Valdinievole Corso per Amministratore di Sostegno 16.06.2012 Alice Martini RUOTA di PRESENTAZIONE ORIGINI una cosa

Dettagli

VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE

VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE COMUNE di CAVENAGO di BRIANZA SERVIZIO SEGRETERIA E DIREZIONE GENERALE VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N. 1 del 13/01/2010 Cod. Ente: 10956 COPIA OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

COMUNE DI SCANDOLARA RIPA D OGLIO Provincia di Cremona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI SCANDOLARA RIPA D OGLIO Provincia di Cremona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI SCANDOLARA RIPA D OGLIO Provincia di Cremona Deliberazione G.C. n. 53 Codice Ente 10796 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA CONVENZIONE DI TIRO- CINIO FORMATIVO

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 13. del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 13. del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 13 del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non OGGETTO: Adozione del Manuale di conservazione della Comunità della Val

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6 ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DI ARTENA, CARPINETO ROMANO, COLLEFERRO, GAVIGNANO, GORGA, LABICO, MONTELANICO, SEGNI, VALMONTONE- XVIIIª COMUNITA MONTANA MONTI LEPINI

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

Comune di Valsamoggia Provincia di Bologna

Comune di Valsamoggia Provincia di Bologna Comune di Valsamoggia Provincia di Bologna DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 73 DEL 14/05/2015 OGGETTO: INDIRIZZI OPERATIVI PER LA FASE DI PRIMA APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013 N. 159 DI RIFORMA

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOGLIONE PROVINCIA DI ASTI

COMUNE DI CASTEL BOGLIONE PROVINCIA DI ASTI COMUNE DI CASTEL BOGLIONE PROVINCIA DI ASTI Deliberazione N. 12 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Programma triennale del fabbisogno del personale anni 2012/2014. Ricognizione annuale

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI Delibera Numero 27 del 8 novembre 2010 OGGETTO: PROGETTO PRESIDIO LA ROSA - MEDICINA

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e il Coordinamento UBI MINOR Coordinamento Associativo per la tutela e

Dettagli

I punti caratterizzanti del programma RAC sono costituiti da: integrazione sociosanitaria; personalizzazione dell intervento;

I punti caratterizzanti del programma RAC sono costituiti da: integrazione sociosanitaria; personalizzazione dell intervento; Allegato alla Delib.G.R. n. 43/ 43 del 6.12.2010 Progetto Potenziamento del programma Ritornare a casa Il presente Progetto viene proposto sulla base di quanto previsto dalle direttive di attuazione al

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Unione Lombarda dei comuni della Ciria Comuni di CORTE DE FRATI GRONTARDO OLMENETA

Unione Lombarda dei comuni della Ciria Comuni di CORTE DE FRATI GRONTARDO OLMENETA Deliberazione n 2 Adunanza del 29/01/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE OGGETTO: FORNITURA PASTI A DOMICILIO A FAVORE DI PERSONE RESIDENTI NEI COMUNI DLL'UNIONE - COOP. S. LUCIA ONLUS

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli