Data la complessità che caratterizza detta figura contrattuale, complessità derivante, soprattutto,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Data la complessità che caratterizza detta figura contrattuale, complessità derivante, soprattutto,"

Transcript

1 Le operazioni internazionali assistite da contratto di factoring Oggetto dell intervento sarà un esame in chiave schiettamente operativa di una complessa figura contrattuale: il contratto di factoring. Ne tracceremo i tratti normativi salienti evidenziandone le caratteristiche nonché le possibili funzioni nell ambito di strategie d impresa. L analisi verrà condotta con riferimento a vicende commerciali internazionali cui il predetto contratto può accedere di Francesca Di Bon, avvocato - Al Najjari & Partners Law Firm Si porrà in luce l interdipendenza tra il carattere internazionale dei crediti nascenti dalla transazione e che formeranno oggetto del contratto di factoring e la possibilità di qualificare detto contratto come factoring internazionale, con conseguente applicabilità della normativa convenzionale in materia. L attenzione sarà pertanto rivolta a detta normativa che verrà opportunamente esaminata, verificando se la stessa esaurisca o meno il corpo normativo disciplinante il contratto di factoring internazionale ovvero se lo spazio riservato all applicazione di normative nazionali sia ampio. I risultati dell analisi condotta saranno, quindi, utilizzati al fine di offrire agli operatori un quadro generale dell operazione di factoring che fornisca delle risposte ad alcuni dei quesiti che spesso caratterizzano sia la fase della valutazione dell opportunità economica di addivenire a detto contratto sia la fase di esecuzione dello stesso. Il factoring internazionale: che cos è e a che cosa serve Data la complessità che caratterizza detta figura contrattuale, complessità derivante, soprattutto, dalla pluralità delle tipologie di factoring che si riscontrano nella prassi internazionale, si ritiene essenziale fornire una definizione di massima dell oggetto e delle finalità di tale operazione contrattuale, gestionale e finanziaria 1. Con il contratto di factoring 2 un impresa trasferisce o assume l obbligazione di trasferire la totalità o parte dei propri crediti, solitamente di natura commerciale, non ancora esigibili (pertanto a termine) ad un altra impresa specializzata (factor) che li acquista, a titolo oneroso, e che si obbliga a fornire dei servizi afferenti le varie fasi della gestione dei crediti ceduti: dalla fatturazione alla riscossione. Il factor anticipa all impresa cedente il valore nominale dei crediti ovvero il diverso importo che risultasse effettivamente dovuto dal debitore per effetto di eventuali riduzioni connesse all operazione commerciale sottostante (sconti, abbuoni, restituzioni di merci), decurtato delle commissioni richieste per i servizi prestati, ed, eventualmente, degli interessi convenzionalmente fissati per il periodo intercorrente tra il versamento e la scadenza dei crediti. In relazione all assunzione o meno da parte del factor del rischio d insolvenza del debitore ceduto, si configura una cessione pro soluto (il factor assume il rischio d insolvenza del debitore) e una cessione pro solvendo o facto- 1 Si chiarisce sin d ora - ma con lo specifico proposito, nel corso della trattazione, di fornire dei chiarimenti in merito e di approfondire le varie finalità che il contratto di factoring può assolvere nel contesto di specifiche scelte aziendali - che spesso il ricorso al factoring si giustifica, soprattutto in Italia, per la sua funzione finanziaria, con la conseguenza che, erroneamente, lo stesso assume le vesti di un alternativa al credito bancario. 2 In Italia, il contratto di factoring è disciplinato da un corpus normativo costituito dalla legge n. 52 del 21 febbraio 1991 recante disposizioni in materia di cessione dei crediti d impresa e dagli artt e ss del Codice Civile, in tema di cessione di crediti. Ricordiamo che le condizioni che devono essere soddisfatte affinché la predetta normativa speciale trovi applicazione è che il cedente sia un imprenditore e che il cessionario sia una banca o un intermediario finanziario. L ambito di applicazione della legge in questione è, quindi, meno ampio di quello della disciplina civilistica in quanto ne restano esclusi i crediti che non derivano da contratti stipulati nell esercizio dell impresa - e, quindi, a titolo esemplificativo, i crediti derivanti da prestazioni professionali e i crediti d imposta - ed i casi in cui il cessionario, come già evidenziato, non è un soggetto che esercita professionalmente l attività di acquisto di crediti d impresa. PMI n. 12/

2 ring con rivalsa 3 (il rischio d insolvenza del debitore ceduto resta in capo all impresa cedente e il factor anticipa il valore dei crediti ceduti. Qualora il debitore dovesse dimostrarsi insolvente, il factor agirà in rivalsa verso il cedente). Va precisato, comunque, che a prescindere dalla tipologia della cessione, così come dianzi illustrata, il factor, salva la sussistenza di specifiche clausole contrattuali limitative in tal senso, può disporre liberamente dei crediti ceduti i quali potranno, quindi formare oggetto di contratti di mandato, costituzione in pegno, cessione a terzi. I servizi che il factor generalmente presta, oltre alla corresponsione del valore dei crediti ceduti o ad un anticipo, sono suscettibili di essere strutturati e coniugati in modi diversi per rispondere a varie finalità che possono individuarsi come segue: creditizia/finanziaria: a fronte della cessione dei crediti, il valore degli stessi corrisposto dal factor viene accreditato a scadenza o anticipato immettendo nuove risorse finanziarie nell impresa cedente (trasformazione dei crediti in pronta liquidità); gestionale: ilfactor si occupa della contabilizzazione, del controllo, dell amministrazione e della riscossione dei crediti; assicurativa: nella formula pro soluto. Da un punto di vista prettamente giuridico, quindi, la cessione dei crediti appare momento strumentale fondamentale rispetto alla pluralità di servizi che costituiscono oggetto delle obbligazioni assunte dal factor 4. Da un punto di vista economicogestionale, invece, il ricorso al factoring appare rispondere a una pluralità di problematiche interne all impresa, problematiche che abbracciano sia necessità finanziarie quali la gestione dei flussi di cassa, con particolare riferimento al reperimento di capitale circolante e conseguente ottimizzazione degli indici di bilancio oltre alla riduzione o all annullamento dei costi ed oneri connessi alle dilazioni di pagamento, sia necessità organizzative per quanto attiene ai servizi amministrativi, contabili e di controllo offerti dal factor che sostituiscono analoghe funzioni che dovrebbero essere svolte in azienda e che l azienda non sempre è in grado di gestire senza sopportare costi importanti. Il factor assume, quindi, la veste di un professionista nella gestione dei crediti di fornitura e, in generale, del portafoglio crediti. Le caratteristiche che sono state menzionate in riferimento ai servizi offerti dal factor, che costituiscono oggetto di specifiche obbligazioni derivanti dal contratto, pongono in luce il forte grado di personalizzazione connaturato a tale operazione. In sostanza, il contratto si presta ad essere strutturato in maniera molto varia quanto alle obbligazioni assunte dal factor e concernenti, appunto, i servizi che «circondano» la vicenda rappresentata dalla cessione. La sua natura di contratto di durata si fonda appunto su di un rapporto non occasionale tra le parti. Dati i tratti strutturali del contratto, il ricorso allo stesso tende ad escludersi in riferimento a singole transazioni, inserendosi in un contesto di operazioni più complesse e più durature, appunto. Per chiarire: è più comune che il contratto di factoring acceda ad operazioni, ad esempio di compravendita, che si ripetono nel tempo tra abituali partners commerciali. Il predetto rilievo permette di definire con più precisione la portata operativa di un operazione di factoring che, nella prassi, spesso concerne una massa di crediti. Le varie tipologie di factoring Identificati i tratti salienti del contratto di factoring nonché le principali funzioni che lo stesso può essere chiamato ad assolvere, pare opportuno verificare lo scenario nel quale un operazione di factoring si inserisce fornendo, altresì, alcuni dati del fenomeno. Verranno, inoltre, considerate alcune tipologie contrattuali di factoring. È prassi consolidata tra le imprese vendere con forme di pagamento differito. Si chiede credito ai propri fornitori e si concede credito ai propri clienti. I crediti di fornitura assumono, pertanto, un incidenza molto alta alla quale si accompagna, molto spesso, 3 In termini finanziari, con la cessione pro solvendo viene monetizzato solo temporaneamente il credito; quindi se da un lato si ottiene immediata liquidità dall altro la situazione debitoria complessiva dell impresa resta invariata poiché il credito resta iscritto in bilancio fino all effettivo pagamento. 4 La Corte di Cassazione italiana nella sentenza n.684/2001, ha sottolineato come il nucleo essenziale del contratto sia rappresentato dalla cessione del credito, individuando la causa di detto contratto in uno scambio (trasferimento del credito verso corrispettivo). 24 PMI n. 12/2007

3 una forte dilatazione dei tempi di pagamento. Conseguenza di tale prassi è il generarsi di problemi legati all affidabilità del debitore, all amministrazione della contabilità e al finanziamento delle coperture dei rischi. È quindi spiegabile il perché le imprese italiane ricorrono al factoring per soddisfare la necessità di fondi di natura temporanea e, secondariamente, per ottimizzare la programmazione degli incassi e facilitare la crescita del fatturato. Si aggiunga, inoltre, che i tassi medi che vengono applicati ad operazioni di factoring sono tendenzialmente più contenuti rispetto a quelli di altre forme di finanziamento 5. Il costo di un operazione di factoring può infatti scomporsi nel costo relativo alla corresponsione al factor degli interessi 6 e il costo amministrativo, rappresentato dalla commissione riconosciuta al factor, determinata in base ai servizi offerti e alle caratteristiche dei crediti ceduti (per esempio l importo e la scadenza). Alcuni dati permettono di comprendere l entità del fenomeno: nel primo trimestre del 2007 l outstanding, cioè l ammontare dei crediti acquistati che devono essere incassati, è pari a oltre 33 miliardi di euro mentre il turnover (volume di totale dei crediti ceduti in un arco di tempo) vale oltre 26 miliardi di euro. Il mercato europeo rappresenta il 71% del mercato globale e l Italia si conferma al secondo posto dopo la Gran Bretagna (Italia 11% del mercato mondiale e 15% del mercato europeo) 7. Abbiamo già avuto modo di rilevare - e detta precisazione assumerà chiari contorni quando affronteremo la disciplina giuridica del contratto in esame - come nel factoring la cessione dei crediti rappresenti l elemento caratterizzante. Tuttavia, si sono anche esaminati i servizi che solitamente vengono ricompresi nelle previsioni contrattuali e che vengono a costituire la cornice contrattuale complessiva dell operazione di factoring. Proprio in relazione alla molteplicità dei servizi che il factor offre al cedente, in ambito internazionale, si riscontra una pluralità di tipologie contrattuali di factoring che possono distinguersi in due principali categorie: il conventional factoring (attraverso il quale il factor mette a disposizione del cliente un finanziamento generalmente pari all 80% dei crediti acquistati, trattenendo la differenza a garanzia dell eventuale insolvenza del debitore ceduto) e il new style factoring (che si differenzia dal modello tradizionale perché oltre ai servizi tradizionali offerti il factor ne offre degli ulteriori, quali l organizzazione delle vendite, la consulenza marketing e la selezione della clientela). Di seguito, alcune delle principali forme contrattuali di factoring: Maturity factoring i crediti ceduti vengono pagati al cedente al momento della riscossione, ovvero a diversa scadenza concordata tra le parti. Di regola nel maturity factoring viene offerta ai debitori ceduti un ulteriore dilazione di pagamento. Non notification o undisclosed factoring: i crediti vengono trasferiti al factor senza che la cessione sia resa nota al debitore ceduto. Di regola, in questa tipologia contrattuale, è il cedente ad occuparsi della riscossione delle somme che poi verranno trasferite al factor 8. Factoring aziendale: è un contratto con spiccate funzioni organizzative che vede delle società finalizzate costituite ed operanti in uno specifico gruppo rispetto al quale la società di factoring fornisce il know-how necessario per la gestione delle operazioni di factoring. Factoring indiretto: è un servizio in genere rivolto ad aziende di grandi dimensioni interessate a porre ai propri fornitori una gamma completa di servizi di factoring attraverso una collaborazione con il factor. Export factoring: il factor generalmente offre dei servizi di gestione, garanzia e anticipazione alle imprese che sviluppano all estero la loro attività commerciale. Per questo tipo di ser- 5 Secondo i dati raccolti dalla Banca d Italia nel periodo aprile-giugno 2007 il tasso d interesse medio del factoring è stato del 6,79% per importi fino a euro e del 6,06% per valori superiori. 6 Interessi che sono in genere in linea con i tassi del mercato (Euribor) tenuto anche conto delle caratteristiche della clientela e del rischio delle operazioni. 7 Dati Assifact (associazione cui fanno capo 31 società di factoring che rappresentano il 90% del mercato) riportati su La Repubblica supplemento «Affari e Finanza» del 2 luglio Questa particolare figura di factoring non è particolarmente diffusa nella prassi commerciale internazionale, al factor è infatti sottratta ogni possibilità di gestire i crediti di cui si è reso cessionario. Doveroso è inoltre precisare che al non notification factoring non può essere applicata la Convenzione di Ottawa sul factoring internazionale. PMI n. 12/

4 vizio il factor si occupa in genere dell intera filiera di contabilità generale. Forfaiting: oggetto della cessione sono effetti cambiari emessi da debitori stranieri in cambio dell anticipazione in contanti dell importo dei titoli stessi, dopo aver scontato un tasso d interesse stabilito. La cessione avviene senza rivalsa e per il rischio dovuto alla mancata riscossione il forfaiter richiede che i titoli siano garantiti da un istituto bancario di propria scelta, oppure mediante garanzia in forma di avallo dell obbligazione cambiaria da parte del cedente. Caratteristica del forfaiting è che la cessione ha per oggetto singole operazioni e non concerne cessioni in blocco che avvengono, invece, con il factoring ordinario. Confirming: è un servizio a carattere essenzialmente assicurativo che si utilizza per crediti a breve o medio termine. La società di confirming si impegna nei confronti del venditore a pagare anticipatamente l importo fatturato dietro consegna dei documenti di spedizione e degli effetti cambiari connessi al contratto e l acquirente si assume l onere degli interessi connessi alla dilazione di pagamento ottenuta. Anche il contratto in oggetto si utilizza per singole operazioni 9. La normativa applicabile al factoring internazionale Esamineremo ora il quadro normativo disciplinante il contratto di factoring internazionale. Punto di partenza della nostra analisi è la Convenzione UNIDROIT sul factoring internazionale firmata a Ottawa il 28 maggio 1988, ratificata dall Italia con legge 14 luglio 1993, n La definizione che lo strumento convenzionale offre di contratto di factoring coincide con la definizione generale che si è proposta in esordio: il contratto vede come parti un fornitore (cedente) e un factor (cessionario) ed ha per oggetto la cessione o l impegno alla cessione al factor dei crediti sorti dalla vendita di beni 10 ad eccezione dei beni per uso personale e familiare «bought primarily for their personal, family or household use». In virtù di tale esclusione si deduce che i crediti debbano derivare da operazioni attinenti all attività d impresa, non solo per il fornitore ma anche per l acquirente del bene. Il credito può sorgere anche da un contratto di prestazione di servizi quale ad esempio un contratto di mandato, di trasporto, d opera, di appalto, di somministrazione, di distribuzione. L art. 1 della Convenzione specifica che il factor deve svolgere almeno due delle seguenti funzioni: finanziamento; gestione dei crediti; incasso dei crediti; garanzia contro l eventuale inadempimento del debitore. Richiedendo, altresì che la cessione venga comunicata ai debitori. Una delle principali problematiche che vanno affrontate nell esame della vicenda contrattuale rappresentata dal contratto di factoring internazionale, da una prospettiva normativa, è proprio la determinazione dell internazionalità del contratto medesimo. In altre parole, è opportuno chiedersi quando sia possibile affermare che un operazione di cessione di crediti commerciali possa definirsi factoring internazionale. Nel contratto di factoring, a differenza di altri contratti internazionali, l internazionalità non si definisce in relazione al contratto medesimo ma in base ad un elemento oggettivo 11. L art. 2 della Convenzione di Ottawa stabilisce, infatti, che il contratto di factoring è internazionale quando i crediti ceduti originano da un contratto internazionale di vendita di beni o di prestazione di servizi tra un venditore e un acquirente le cui sedi d affari si trovano in Stati diversi e: a) detti Stati sono Stati contraenti e contraente è anche lo Stato in cui ha sede l impresa di factoring; b) ovvero quando sia il contratto di vendita o di prestazione di servizi che il contratto di factoring 9 Cfr. F. Barzon «Il factoring internazionale e la Convenzione di Ottawa del » in«i nuovi contratti nella prassi civile e commerciale - Figure della contrattazione internazionale». UTET Torino Si ritiene che per vendita debba intendersi «quel contratto in virtù del quale il venditore è obbligato a consegnare i beni, trasferire la proprietà ed eventualmente rilasciare tutti i documenti relativi ad essi, mentre il compratore è obbligato a pagare il prezzo e a prendere in consegna i beni.» Se il contratto non riproduce tale schema negoziale «il contratto non può essere considerato di vendita e i crediti da esso nascenti non possono essere disciplinati dalla Convenzione di Ottawa». Così F. Ferrari «Il factoring internazionale. Commento alla convenzione UNIDROIT sul Factoring Internazionale», Padova, CE- DAM, 1999, pp. XVII In tal senso si veda Franco Ferreri «How to create one Uniform Contract Law» contributo consultabile sul sito (last accessed settembre 2007). 26 PMI n. 12/2007

5 sono disciplinati dalla legge di uno Stato contraente 12. L internazionalità del contratto, quindi, dipende dall internazionalità dei crediti ceduti; è pertanto il carattere internazionale della vicenda contrattuale che ha originato il credito a determinare l internazionalità dello stesso e, conseguentemente del contratto di factoring. Ciò pone chiaramente in luce, come sottolineato da autorevole dottrina 13, la stretta relazione esistente tra la Convenzione di Vienna sulla vendita internazionale di beni mobili e la Convenzione di Ottawa. Quando il credito che successivamente costituirà oggetto di cessione nel contesto di un operazione di factoring originata da un contratto di vendita di beni rientrante nella sfera di applicazione della Convenzione di Vienna anche i criteri dettati dalla Convenzione di Ottawa circa il proprio ambito di applicazione sono soddisfatti 14. Ai fini dell applicabilità di predetta Convenzione, pertanto, non assume alcuna rilevanza il fatto che le parti del contratto di factoring abbiano la sede d affari nel medesimo Stato. Poniamo, quindi l esempio che un azienda italiana A stipuli un contratto di vendita con un azienda Spagnola B e che l azienda italiana A ceda ad un impresa di factoring italiana il proprio credito. A prescindere dal fatto che i due soggetti parti del contratto di factoring abbiano «cittadinanza italiana» il contratto di factoring soddisferà il requisito della internazionalità derivante, come dianzi specificato, dall internazionalità del contratto di vendita dal quale nasce il credito ceduto. Quindi, «la norma di cui all art. 2 lett a) conduce all applicabilità diretta della Convenzione nel senso che quando sussistono i requisiti rationae materie e di internazionalità essa si applica direttamente se tutte le parti hanno la sede d affari in Stati contraenti» 15.Invirtùdi un accordo tra factor e cedente ovvero tra cedente e debitore, l applicazione della Convenzione può essere esclusa ma solo in toto 16. Definito l ambito di applicazione della Convenzione, ci soffermeremo in particolare ad analizzare quelle disposizioni che maggiormente attengono ai rapporti tra il contratto di factoring e la vicenda contrattuale-commerciale dalla quale è sorto il credito oggetto di cessione. La norma dell art. 5 sancisce che oggetto del contratto possa essere anche la cessione di crediti futuri a condizione che detti crediti siano identificabili in base al contratto in modo sufficiente. Non è quindi ammessa la cessione di crediti la cui determinazione rimanga incerta. Norma di notevole rilevanza, con particolare riferimento all oggetto della presente analisi, è l art. 6 che disciplina l opponibilità al factor del divieto di cessione 17 eventualmente previsto dal contratto da cui trae origine il credito (contratto tra fornitore e debitore). La norma prevede che la cessione sia efficace nonostante la presenza del patto, salvo che lo Stato ove ha sede il debitore ceduto abbia espresso la riserva ex art. 18. La soluzione offerta dall art. 6 rappresenta un compromesso tra le varie posizioni espresse in sede di redazione dalle diverse delegazioni nazionali 18. Altra disposizione rilevante ai fini della presente indagine è l art.8 che disciplina gli obblighi del debitore nei confronti del factor. L obbligazione del debitore al pagamento delle somme dovute sussiste in presenza di comunicazione dell avvenuta cessione, comunicazione scritta effettuata o dal cedente o dal factor (dietro potere conferitogli dal cedente) e indicante in modo ragionevole i crediti ceduti (che dovranno essere sorti da contratto stipulato prima o al momento della comu- 12 Per un approfondita analisi delle condizioni di applicabilità della Convenzione si veda Salinger «Special Considerations for International Factoring» in AA.VV. Factoring Practice and Law, London Cfr. F. Ferreri op. cit. 14 Come precisato nel più volte citato contributo di F. Ferreri, la correttezza di detto assunto dipende dalla necessaria coincidenza dei concetti di vendita, di bene e di sede d affari in entrambe le Convenzioni, coincidenza rispetto alla quale non ci pare militino argomentazioni contrarie di natura letterale o sistematica. 15 Così A. Frignani «Il factoring nella prospettiva europea e internazionale» in«factoring e cessione dei crediti dieci anni dopo la legge 52. Atti del Convegno 19 febbraio 2001» consultabile sul sito (last accessed settembre 2007). 16 Art Pactum de non cedendo 18 «I sostenitori della opposta (dell inopponibilità del patto, n.d.r.) opinione facevano osservare che la regola della inopponibilità avrebbe facilitato lo sviluppo del factoring internazionale, che il divieto convenzionale è contenuto nelle condizioni generali di contratto delle grandi imprese (in genere loro fornitori) e che l impedire l accesso la factoring ai piccoli creditori sarebbe stato per loro un grave handicap non comparabile con lo svantaggio che da esso sarebbe derivato ai grandi debitori» così A. Frignani, op. cit. PMI n. 12/

6 nicazione) e la specificazione del factor, nonché se il debitore non sia a conoscenza di un diritto prevalente di un terzo. Essenziale ai fini pratici è la norma dell art. 9 disciplinante il regime delle «difese» o delle eccezioni, utilizzando un espressione più familiare al linguaggio giuridico nazionale, opponibili al factor e nascenti dal contratto dal quale è sorto il credito. Il debitore potrà opporre al factor tutte le difese opponibili al cedentefornitore 19. La mancata individuazione da parte dell art. 9 delle difese o eccezioni opponibili dal debitore al factor, fondate sul contratto di vendita da cui è sorto il credito, fa sì che le stesse dovranno essere individuate in base alla legge nazionale applicabile. Qualora la legge nazionale applicabile fosse la legge italiana il debitore potrebbe opporre al factor le eccezioni riguardanti la validità del rapporto originario (nullità, annullabilità) nonché le eccezioni dirette a far valere l avvenuta estinzione del credito (pagamento prescrizione) 20. Il secondo comma dell art. 9, in tema di compensazione, stabilisce che il debitore può opporre in compensazione al factor tutti i crediti esistenti al momento della comunicazione della cessione e che avrebbe potuto opporre al cedente 21. L art. 10 regola, invece, il diritto del debitore di ripetere il pagamento. Il debitore in caso di inadempimento del contratto di vendita dovrà agire contro il fornitore e non contro il factor. Se però il factor non ha corrisposto alcunché al fornitore o se lo ha fatto pur essendo a conoscenza dell inadempimento del contratto di vendita, il debitore potrà rivolgersi al factor. L art. 11 è norma con valore eminentemente pratico in quanto affronta un caso tipico riscontrabile nella prassi commerciale internazionale nel quale il credito viene ceduto dall esportatore ad un factor nazionale (c.d. export factor) e da questi ad un factor del Paese dell importatore c.d import factor che assumerà il rischio finanziario dell operazione. La norma ha lo scopo di ampliare l ambito di applicazione della Convenzione, stabilendo che le successive cessioni del credito anche nei confronti di factor non aventi sede in uno Stato contraente sono irrilevanti, cioè non escludono appunto l applicazione della Convenzione. In base all esame condotto concernente le disposizioni convenzionali, si è posto in luce il carattere della Convenzione quale disciplina quadro del contratto di factoring internazionale, scopo chiaramente dichiarato nello stesso preambolo 22 del testo UNIDROIT. Se quindi è possibile affermare che la Convenzione rappresenta uno strumento valido per gli operatori, non può tralasciarsi il dato per cui alcuni aspetti concretamente rilevanti della vicenda contrattuale non trovano disciplina: non risulta regolata, ad esempio, la delicata materia della validità del contratto di factoring e, soprattutto, il fondamentale problema concernente l efficacia della cessione nei confronti dei terzi che pertanto resta regolato dalla legge applicabile al contratto e, quindi da soluzioni nazionali che spesso risultano configgenti 23 e che possono tradursi in ostacoli dal punto di vista operativo. Lo spazio che ancora ricoprono le normative nazionali nella disciplina del contratto di factoring internazionale è quindi molto ampia e, come evidenziato, lo è proprio in relazione ad aspetti fondamentali della vicenda contrattuale Questa soluzione è accolta in molti Paesi europei tra cui l Italia, la Francia, il Belgio. 20 Per tale ipostazione nella giurisprudenza italiana, si veda Cass. 99/8485 e Cass. 01/ L Art. 1248, comma 2, c.c. italiano deroga a detto principio. 22 Ove si legge «Recognising therefore the importance of adopting uniform rules to provide a legal framework that will facilitate international factoring, while maintaining a fair balance of interests between the different parties involved in factorig transactions...[...]». 23 Varie sono infatti le soluzioni che vengono offerte dalle normative interne. La soluzione adottata negli USA è quella di accordare la priorità a chi iscrive per primo in pubblici registri, mentre in Italia l art c.c. riconosce prevalenza a chi notifica per primo o alla cessione che è stata prima accettata dal debitore con atto di data certa ancorché essa sia di data posteriore. 24 Doveroso è inoltre menzionare la Convenzione UNCITRAL sulla cessione dei crediti nel commercio internazionale. Un esame comparatistico dei due testi Convenzionali esula dall economia del presente contributo. Basti qui sottolineare che in relazione all ambito di applicazione: «si osserva un rapporto di species a genus: mentre infatti la Convenzione UNI- DROIT disciplina solo il factoring, quella UNCITRAL intende abbracciare tutte le cessioni di credito, quale che sia lo scopo che perseguono o il tipo contrattuale nel quale si iscrivono, e così vi sono incluse le operazioni di securitization, come pure altre forme di finanziamenti internazionali. Ma la maggior ampiezza del contenuto ha dovuto essere pagata con un più esteso rinvio alle norme di diritto internazionale privato». Così A. Frigani, op.cit. 28 PMI n. 12/2007

7 Conclusioni L esame condotto ha posto in luce come il ricorso a quella che abbiamo definito essere oltre ad una particolare figura contrattuale, un supporto gestionale e una tecnica finanziaria (quale il factoring) debba essere valutato da parte dell impresa con attenzione alle proprie caratteristiche strutturali nonché alle esigenze operative di espansione e consolidamento. Il factoring può infatti rappresentare uno strumento particolarmente utile per l azienda 25, nell ambito di complessive strategie d impresa e commerciali, ove lo stesso determini l abbattimento dei costi amministrativi e finanziari che dovrebbero sostenersi come conseguenza di una gestione interna del portafoglio crediti nonché ove l operazione determini un beneficio in termini di utilizzo delle risorse finanziarie realizzate a seguito della cessione dei crediti, quali ad esempio il rimborso dei debiti in essere ovvero il finanziamento dello sviluppo delle vendite. E la predetta valutazione presuppone l effettiva conoscenza della natura complessiva dell operazione di factoring, valutata, pertanto, non solo come opzione di finanziamento alternativo al credito bancario ma, eventualmente come garanzia di più facile accesso al medesimo soprattutto in vista dell entrata in vigore di Basilea 2 con la quale verranno introdotti dei parametri di valutazione dello stato di salute dell impresa più rigorosi 26. Le piccole e medie imprese dovranno quindi rivedere in un ottica sempre più «globale», per usare un espressione quanto mai attuale, le proprie politiche aziendali al fine di rafforzare la struttura d impresa. 25 Si ricordi l intervento della Commissione con la raccomandazione n.96/198 del in tema di ritardo nei pagamenti delle transazioni commerciali ove l istituzione comunitaria richiedeva agli Stati l adozione di iniziative atte a favorire tecniche di recupero dei crediti, quali il factoring; invito cui seguiva la triste constatazione contenuta nel considerando 11 della Direttiva n. 2000/35 per la quale non si rinveniva, in concreto, alcun miglioramento nella situazione dei ritardi. 26 Basilea 2 è il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali delle banche. Essenziale sarà per le imprese che intendono accedere al credito dimostrare di avere un buon rating. Sarà tale valutazione dell impresa, rating appunto, che determinerà la misura ed il costo del credito bancario. Le banche saranno tenute a classificare i propri clienti in base al loro grado di rischiosità che verrà determinato, in estrema sintesi sulla base dell analisi del bilancio, della tipologia di produzione, settore di appartenenza, piani aziendali. Indici positivi di bilancio, quali una buona situazione patrimoniale, una bassa esposizione debitoria, si pongono come requisiti essenziali. Il garantire, quindi, un buon livello patrimoniale sarà fondamentale per assicurarsi un canale privilegiato nei rapporti con gli istituti di credito. PMI n. 12/

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli