Data la complessità che caratterizza detta figura contrattuale, complessità derivante, soprattutto,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Data la complessità che caratterizza detta figura contrattuale, complessità derivante, soprattutto,"

Transcript

1 Le operazioni internazionali assistite da contratto di factoring Oggetto dell intervento sarà un esame in chiave schiettamente operativa di una complessa figura contrattuale: il contratto di factoring. Ne tracceremo i tratti normativi salienti evidenziandone le caratteristiche nonché le possibili funzioni nell ambito di strategie d impresa. L analisi verrà condotta con riferimento a vicende commerciali internazionali cui il predetto contratto può accedere di Francesca Di Bon, avvocato - Al Najjari & Partners Law Firm Si porrà in luce l interdipendenza tra il carattere internazionale dei crediti nascenti dalla transazione e che formeranno oggetto del contratto di factoring e la possibilità di qualificare detto contratto come factoring internazionale, con conseguente applicabilità della normativa convenzionale in materia. L attenzione sarà pertanto rivolta a detta normativa che verrà opportunamente esaminata, verificando se la stessa esaurisca o meno il corpo normativo disciplinante il contratto di factoring internazionale ovvero se lo spazio riservato all applicazione di normative nazionali sia ampio. I risultati dell analisi condotta saranno, quindi, utilizzati al fine di offrire agli operatori un quadro generale dell operazione di factoring che fornisca delle risposte ad alcuni dei quesiti che spesso caratterizzano sia la fase della valutazione dell opportunità economica di addivenire a detto contratto sia la fase di esecuzione dello stesso. Il factoring internazionale: che cos è e a che cosa serve Data la complessità che caratterizza detta figura contrattuale, complessità derivante, soprattutto, dalla pluralità delle tipologie di factoring che si riscontrano nella prassi internazionale, si ritiene essenziale fornire una definizione di massima dell oggetto e delle finalità di tale operazione contrattuale, gestionale e finanziaria 1. Con il contratto di factoring 2 un impresa trasferisce o assume l obbligazione di trasferire la totalità o parte dei propri crediti, solitamente di natura commerciale, non ancora esigibili (pertanto a termine) ad un altra impresa specializzata (factor) che li acquista, a titolo oneroso, e che si obbliga a fornire dei servizi afferenti le varie fasi della gestione dei crediti ceduti: dalla fatturazione alla riscossione. Il factor anticipa all impresa cedente il valore nominale dei crediti ovvero il diverso importo che risultasse effettivamente dovuto dal debitore per effetto di eventuali riduzioni connesse all operazione commerciale sottostante (sconti, abbuoni, restituzioni di merci), decurtato delle commissioni richieste per i servizi prestati, ed, eventualmente, degli interessi convenzionalmente fissati per il periodo intercorrente tra il versamento e la scadenza dei crediti. In relazione all assunzione o meno da parte del factor del rischio d insolvenza del debitore ceduto, si configura una cessione pro soluto (il factor assume il rischio d insolvenza del debitore) e una cessione pro solvendo o facto- 1 Si chiarisce sin d ora - ma con lo specifico proposito, nel corso della trattazione, di fornire dei chiarimenti in merito e di approfondire le varie finalità che il contratto di factoring può assolvere nel contesto di specifiche scelte aziendali - che spesso il ricorso al factoring si giustifica, soprattutto in Italia, per la sua funzione finanziaria, con la conseguenza che, erroneamente, lo stesso assume le vesti di un alternativa al credito bancario. 2 In Italia, il contratto di factoring è disciplinato da un corpus normativo costituito dalla legge n. 52 del 21 febbraio 1991 recante disposizioni in materia di cessione dei crediti d impresa e dagli artt e ss del Codice Civile, in tema di cessione di crediti. Ricordiamo che le condizioni che devono essere soddisfatte affinché la predetta normativa speciale trovi applicazione è che il cedente sia un imprenditore e che il cessionario sia una banca o un intermediario finanziario. L ambito di applicazione della legge in questione è, quindi, meno ampio di quello della disciplina civilistica in quanto ne restano esclusi i crediti che non derivano da contratti stipulati nell esercizio dell impresa - e, quindi, a titolo esemplificativo, i crediti derivanti da prestazioni professionali e i crediti d imposta - ed i casi in cui il cessionario, come già evidenziato, non è un soggetto che esercita professionalmente l attività di acquisto di crediti d impresa. PMI n. 12/

2 ring con rivalsa 3 (il rischio d insolvenza del debitore ceduto resta in capo all impresa cedente e il factor anticipa il valore dei crediti ceduti. Qualora il debitore dovesse dimostrarsi insolvente, il factor agirà in rivalsa verso il cedente). Va precisato, comunque, che a prescindere dalla tipologia della cessione, così come dianzi illustrata, il factor, salva la sussistenza di specifiche clausole contrattuali limitative in tal senso, può disporre liberamente dei crediti ceduti i quali potranno, quindi formare oggetto di contratti di mandato, costituzione in pegno, cessione a terzi. I servizi che il factor generalmente presta, oltre alla corresponsione del valore dei crediti ceduti o ad un anticipo, sono suscettibili di essere strutturati e coniugati in modi diversi per rispondere a varie finalità che possono individuarsi come segue: creditizia/finanziaria: a fronte della cessione dei crediti, il valore degli stessi corrisposto dal factor viene accreditato a scadenza o anticipato immettendo nuove risorse finanziarie nell impresa cedente (trasformazione dei crediti in pronta liquidità); gestionale: ilfactor si occupa della contabilizzazione, del controllo, dell amministrazione e della riscossione dei crediti; assicurativa: nella formula pro soluto. Da un punto di vista prettamente giuridico, quindi, la cessione dei crediti appare momento strumentale fondamentale rispetto alla pluralità di servizi che costituiscono oggetto delle obbligazioni assunte dal factor 4. Da un punto di vista economicogestionale, invece, il ricorso al factoring appare rispondere a una pluralità di problematiche interne all impresa, problematiche che abbracciano sia necessità finanziarie quali la gestione dei flussi di cassa, con particolare riferimento al reperimento di capitale circolante e conseguente ottimizzazione degli indici di bilancio oltre alla riduzione o all annullamento dei costi ed oneri connessi alle dilazioni di pagamento, sia necessità organizzative per quanto attiene ai servizi amministrativi, contabili e di controllo offerti dal factor che sostituiscono analoghe funzioni che dovrebbero essere svolte in azienda e che l azienda non sempre è in grado di gestire senza sopportare costi importanti. Il factor assume, quindi, la veste di un professionista nella gestione dei crediti di fornitura e, in generale, del portafoglio crediti. Le caratteristiche che sono state menzionate in riferimento ai servizi offerti dal factor, che costituiscono oggetto di specifiche obbligazioni derivanti dal contratto, pongono in luce il forte grado di personalizzazione connaturato a tale operazione. In sostanza, il contratto si presta ad essere strutturato in maniera molto varia quanto alle obbligazioni assunte dal factor e concernenti, appunto, i servizi che «circondano» la vicenda rappresentata dalla cessione. La sua natura di contratto di durata si fonda appunto su di un rapporto non occasionale tra le parti. Dati i tratti strutturali del contratto, il ricorso allo stesso tende ad escludersi in riferimento a singole transazioni, inserendosi in un contesto di operazioni più complesse e più durature, appunto. Per chiarire: è più comune che il contratto di factoring acceda ad operazioni, ad esempio di compravendita, che si ripetono nel tempo tra abituali partners commerciali. Il predetto rilievo permette di definire con più precisione la portata operativa di un operazione di factoring che, nella prassi, spesso concerne una massa di crediti. Le varie tipologie di factoring Identificati i tratti salienti del contratto di factoring nonché le principali funzioni che lo stesso può essere chiamato ad assolvere, pare opportuno verificare lo scenario nel quale un operazione di factoring si inserisce fornendo, altresì, alcuni dati del fenomeno. Verranno, inoltre, considerate alcune tipologie contrattuali di factoring. È prassi consolidata tra le imprese vendere con forme di pagamento differito. Si chiede credito ai propri fornitori e si concede credito ai propri clienti. I crediti di fornitura assumono, pertanto, un incidenza molto alta alla quale si accompagna, molto spesso, 3 In termini finanziari, con la cessione pro solvendo viene monetizzato solo temporaneamente il credito; quindi se da un lato si ottiene immediata liquidità dall altro la situazione debitoria complessiva dell impresa resta invariata poiché il credito resta iscritto in bilancio fino all effettivo pagamento. 4 La Corte di Cassazione italiana nella sentenza n.684/2001, ha sottolineato come il nucleo essenziale del contratto sia rappresentato dalla cessione del credito, individuando la causa di detto contratto in uno scambio (trasferimento del credito verso corrispettivo). 24 PMI n. 12/2007

3 una forte dilatazione dei tempi di pagamento. Conseguenza di tale prassi è il generarsi di problemi legati all affidabilità del debitore, all amministrazione della contabilità e al finanziamento delle coperture dei rischi. È quindi spiegabile il perché le imprese italiane ricorrono al factoring per soddisfare la necessità di fondi di natura temporanea e, secondariamente, per ottimizzare la programmazione degli incassi e facilitare la crescita del fatturato. Si aggiunga, inoltre, che i tassi medi che vengono applicati ad operazioni di factoring sono tendenzialmente più contenuti rispetto a quelli di altre forme di finanziamento 5. Il costo di un operazione di factoring può infatti scomporsi nel costo relativo alla corresponsione al factor degli interessi 6 e il costo amministrativo, rappresentato dalla commissione riconosciuta al factor, determinata in base ai servizi offerti e alle caratteristiche dei crediti ceduti (per esempio l importo e la scadenza). Alcuni dati permettono di comprendere l entità del fenomeno: nel primo trimestre del 2007 l outstanding, cioè l ammontare dei crediti acquistati che devono essere incassati, è pari a oltre 33 miliardi di euro mentre il turnover (volume di totale dei crediti ceduti in un arco di tempo) vale oltre 26 miliardi di euro. Il mercato europeo rappresenta il 71% del mercato globale e l Italia si conferma al secondo posto dopo la Gran Bretagna (Italia 11% del mercato mondiale e 15% del mercato europeo) 7. Abbiamo già avuto modo di rilevare - e detta precisazione assumerà chiari contorni quando affronteremo la disciplina giuridica del contratto in esame - come nel factoring la cessione dei crediti rappresenti l elemento caratterizzante. Tuttavia, si sono anche esaminati i servizi che solitamente vengono ricompresi nelle previsioni contrattuali e che vengono a costituire la cornice contrattuale complessiva dell operazione di factoring. Proprio in relazione alla molteplicità dei servizi che il factor offre al cedente, in ambito internazionale, si riscontra una pluralità di tipologie contrattuali di factoring che possono distinguersi in due principali categorie: il conventional factoring (attraverso il quale il factor mette a disposizione del cliente un finanziamento generalmente pari all 80% dei crediti acquistati, trattenendo la differenza a garanzia dell eventuale insolvenza del debitore ceduto) e il new style factoring (che si differenzia dal modello tradizionale perché oltre ai servizi tradizionali offerti il factor ne offre degli ulteriori, quali l organizzazione delle vendite, la consulenza marketing e la selezione della clientela). Di seguito, alcune delle principali forme contrattuali di factoring: Maturity factoring i crediti ceduti vengono pagati al cedente al momento della riscossione, ovvero a diversa scadenza concordata tra le parti. Di regola nel maturity factoring viene offerta ai debitori ceduti un ulteriore dilazione di pagamento. Non notification o undisclosed factoring: i crediti vengono trasferiti al factor senza che la cessione sia resa nota al debitore ceduto. Di regola, in questa tipologia contrattuale, è il cedente ad occuparsi della riscossione delle somme che poi verranno trasferite al factor 8. Factoring aziendale: è un contratto con spiccate funzioni organizzative che vede delle società finalizzate costituite ed operanti in uno specifico gruppo rispetto al quale la società di factoring fornisce il know-how necessario per la gestione delle operazioni di factoring. Factoring indiretto: è un servizio in genere rivolto ad aziende di grandi dimensioni interessate a porre ai propri fornitori una gamma completa di servizi di factoring attraverso una collaborazione con il factor. Export factoring: il factor generalmente offre dei servizi di gestione, garanzia e anticipazione alle imprese che sviluppano all estero la loro attività commerciale. Per questo tipo di ser- 5 Secondo i dati raccolti dalla Banca d Italia nel periodo aprile-giugno 2007 il tasso d interesse medio del factoring è stato del 6,79% per importi fino a euro e del 6,06% per valori superiori. 6 Interessi che sono in genere in linea con i tassi del mercato (Euribor) tenuto anche conto delle caratteristiche della clientela e del rischio delle operazioni. 7 Dati Assifact (associazione cui fanno capo 31 società di factoring che rappresentano il 90% del mercato) riportati su La Repubblica supplemento «Affari e Finanza» del 2 luglio Questa particolare figura di factoring non è particolarmente diffusa nella prassi commerciale internazionale, al factor è infatti sottratta ogni possibilità di gestire i crediti di cui si è reso cessionario. Doveroso è inoltre precisare che al non notification factoring non può essere applicata la Convenzione di Ottawa sul factoring internazionale. PMI n. 12/

4 vizio il factor si occupa in genere dell intera filiera di contabilità generale. Forfaiting: oggetto della cessione sono effetti cambiari emessi da debitori stranieri in cambio dell anticipazione in contanti dell importo dei titoli stessi, dopo aver scontato un tasso d interesse stabilito. La cessione avviene senza rivalsa e per il rischio dovuto alla mancata riscossione il forfaiter richiede che i titoli siano garantiti da un istituto bancario di propria scelta, oppure mediante garanzia in forma di avallo dell obbligazione cambiaria da parte del cedente. Caratteristica del forfaiting è che la cessione ha per oggetto singole operazioni e non concerne cessioni in blocco che avvengono, invece, con il factoring ordinario. Confirming: è un servizio a carattere essenzialmente assicurativo che si utilizza per crediti a breve o medio termine. La società di confirming si impegna nei confronti del venditore a pagare anticipatamente l importo fatturato dietro consegna dei documenti di spedizione e degli effetti cambiari connessi al contratto e l acquirente si assume l onere degli interessi connessi alla dilazione di pagamento ottenuta. Anche il contratto in oggetto si utilizza per singole operazioni 9. La normativa applicabile al factoring internazionale Esamineremo ora il quadro normativo disciplinante il contratto di factoring internazionale. Punto di partenza della nostra analisi è la Convenzione UNIDROIT sul factoring internazionale firmata a Ottawa il 28 maggio 1988, ratificata dall Italia con legge 14 luglio 1993, n La definizione che lo strumento convenzionale offre di contratto di factoring coincide con la definizione generale che si è proposta in esordio: il contratto vede come parti un fornitore (cedente) e un factor (cessionario) ed ha per oggetto la cessione o l impegno alla cessione al factor dei crediti sorti dalla vendita di beni 10 ad eccezione dei beni per uso personale e familiare «bought primarily for their personal, family or household use». In virtù di tale esclusione si deduce che i crediti debbano derivare da operazioni attinenti all attività d impresa, non solo per il fornitore ma anche per l acquirente del bene. Il credito può sorgere anche da un contratto di prestazione di servizi quale ad esempio un contratto di mandato, di trasporto, d opera, di appalto, di somministrazione, di distribuzione. L art. 1 della Convenzione specifica che il factor deve svolgere almeno due delle seguenti funzioni: finanziamento; gestione dei crediti; incasso dei crediti; garanzia contro l eventuale inadempimento del debitore. Richiedendo, altresì che la cessione venga comunicata ai debitori. Una delle principali problematiche che vanno affrontate nell esame della vicenda contrattuale rappresentata dal contratto di factoring internazionale, da una prospettiva normativa, è proprio la determinazione dell internazionalità del contratto medesimo. In altre parole, è opportuno chiedersi quando sia possibile affermare che un operazione di cessione di crediti commerciali possa definirsi factoring internazionale. Nel contratto di factoring, a differenza di altri contratti internazionali, l internazionalità non si definisce in relazione al contratto medesimo ma in base ad un elemento oggettivo 11. L art. 2 della Convenzione di Ottawa stabilisce, infatti, che il contratto di factoring è internazionale quando i crediti ceduti originano da un contratto internazionale di vendita di beni o di prestazione di servizi tra un venditore e un acquirente le cui sedi d affari si trovano in Stati diversi e: a) detti Stati sono Stati contraenti e contraente è anche lo Stato in cui ha sede l impresa di factoring; b) ovvero quando sia il contratto di vendita o di prestazione di servizi che il contratto di factoring 9 Cfr. F. Barzon «Il factoring internazionale e la Convenzione di Ottawa del » in«i nuovi contratti nella prassi civile e commerciale - Figure della contrattazione internazionale». UTET Torino Si ritiene che per vendita debba intendersi «quel contratto in virtù del quale il venditore è obbligato a consegnare i beni, trasferire la proprietà ed eventualmente rilasciare tutti i documenti relativi ad essi, mentre il compratore è obbligato a pagare il prezzo e a prendere in consegna i beni.» Se il contratto non riproduce tale schema negoziale «il contratto non può essere considerato di vendita e i crediti da esso nascenti non possono essere disciplinati dalla Convenzione di Ottawa». Così F. Ferrari «Il factoring internazionale. Commento alla convenzione UNIDROIT sul Factoring Internazionale», Padova, CE- DAM, 1999, pp. XVII In tal senso si veda Franco Ferreri «How to create one Uniform Contract Law» contributo consultabile sul sito (last accessed settembre 2007). 26 PMI n. 12/2007

5 sono disciplinati dalla legge di uno Stato contraente 12. L internazionalità del contratto, quindi, dipende dall internazionalità dei crediti ceduti; è pertanto il carattere internazionale della vicenda contrattuale che ha originato il credito a determinare l internazionalità dello stesso e, conseguentemente del contratto di factoring. Ciò pone chiaramente in luce, come sottolineato da autorevole dottrina 13, la stretta relazione esistente tra la Convenzione di Vienna sulla vendita internazionale di beni mobili e la Convenzione di Ottawa. Quando il credito che successivamente costituirà oggetto di cessione nel contesto di un operazione di factoring originata da un contratto di vendita di beni rientrante nella sfera di applicazione della Convenzione di Vienna anche i criteri dettati dalla Convenzione di Ottawa circa il proprio ambito di applicazione sono soddisfatti 14. Ai fini dell applicabilità di predetta Convenzione, pertanto, non assume alcuna rilevanza il fatto che le parti del contratto di factoring abbiano la sede d affari nel medesimo Stato. Poniamo, quindi l esempio che un azienda italiana A stipuli un contratto di vendita con un azienda Spagnola B e che l azienda italiana A ceda ad un impresa di factoring italiana il proprio credito. A prescindere dal fatto che i due soggetti parti del contratto di factoring abbiano «cittadinanza italiana» il contratto di factoring soddisferà il requisito della internazionalità derivante, come dianzi specificato, dall internazionalità del contratto di vendita dal quale nasce il credito ceduto. Quindi, «la norma di cui all art. 2 lett a) conduce all applicabilità diretta della Convenzione nel senso che quando sussistono i requisiti rationae materie e di internazionalità essa si applica direttamente se tutte le parti hanno la sede d affari in Stati contraenti» 15.Invirtùdi un accordo tra factor e cedente ovvero tra cedente e debitore, l applicazione della Convenzione può essere esclusa ma solo in toto 16. Definito l ambito di applicazione della Convenzione, ci soffermeremo in particolare ad analizzare quelle disposizioni che maggiormente attengono ai rapporti tra il contratto di factoring e la vicenda contrattuale-commerciale dalla quale è sorto il credito oggetto di cessione. La norma dell art. 5 sancisce che oggetto del contratto possa essere anche la cessione di crediti futuri a condizione che detti crediti siano identificabili in base al contratto in modo sufficiente. Non è quindi ammessa la cessione di crediti la cui determinazione rimanga incerta. Norma di notevole rilevanza, con particolare riferimento all oggetto della presente analisi, è l art. 6 che disciplina l opponibilità al factor del divieto di cessione 17 eventualmente previsto dal contratto da cui trae origine il credito (contratto tra fornitore e debitore). La norma prevede che la cessione sia efficace nonostante la presenza del patto, salvo che lo Stato ove ha sede il debitore ceduto abbia espresso la riserva ex art. 18. La soluzione offerta dall art. 6 rappresenta un compromesso tra le varie posizioni espresse in sede di redazione dalle diverse delegazioni nazionali 18. Altra disposizione rilevante ai fini della presente indagine è l art.8 che disciplina gli obblighi del debitore nei confronti del factor. L obbligazione del debitore al pagamento delle somme dovute sussiste in presenza di comunicazione dell avvenuta cessione, comunicazione scritta effettuata o dal cedente o dal factor (dietro potere conferitogli dal cedente) e indicante in modo ragionevole i crediti ceduti (che dovranno essere sorti da contratto stipulato prima o al momento della comu- 12 Per un approfondita analisi delle condizioni di applicabilità della Convenzione si veda Salinger «Special Considerations for International Factoring» in AA.VV. Factoring Practice and Law, London Cfr. F. Ferreri op. cit. 14 Come precisato nel più volte citato contributo di F. Ferreri, la correttezza di detto assunto dipende dalla necessaria coincidenza dei concetti di vendita, di bene e di sede d affari in entrambe le Convenzioni, coincidenza rispetto alla quale non ci pare militino argomentazioni contrarie di natura letterale o sistematica. 15 Così A. Frignani «Il factoring nella prospettiva europea e internazionale» in«factoring e cessione dei crediti dieci anni dopo la legge 52. Atti del Convegno 19 febbraio 2001» consultabile sul sito (last accessed settembre 2007). 16 Art Pactum de non cedendo 18 «I sostenitori della opposta (dell inopponibilità del patto, n.d.r.) opinione facevano osservare che la regola della inopponibilità avrebbe facilitato lo sviluppo del factoring internazionale, che il divieto convenzionale è contenuto nelle condizioni generali di contratto delle grandi imprese (in genere loro fornitori) e che l impedire l accesso la factoring ai piccoli creditori sarebbe stato per loro un grave handicap non comparabile con lo svantaggio che da esso sarebbe derivato ai grandi debitori» così A. Frignani, op. cit. PMI n. 12/

6 nicazione) e la specificazione del factor, nonché se il debitore non sia a conoscenza di un diritto prevalente di un terzo. Essenziale ai fini pratici è la norma dell art. 9 disciplinante il regime delle «difese» o delle eccezioni, utilizzando un espressione più familiare al linguaggio giuridico nazionale, opponibili al factor e nascenti dal contratto dal quale è sorto il credito. Il debitore potrà opporre al factor tutte le difese opponibili al cedentefornitore 19. La mancata individuazione da parte dell art. 9 delle difese o eccezioni opponibili dal debitore al factor, fondate sul contratto di vendita da cui è sorto il credito, fa sì che le stesse dovranno essere individuate in base alla legge nazionale applicabile. Qualora la legge nazionale applicabile fosse la legge italiana il debitore potrebbe opporre al factor le eccezioni riguardanti la validità del rapporto originario (nullità, annullabilità) nonché le eccezioni dirette a far valere l avvenuta estinzione del credito (pagamento prescrizione) 20. Il secondo comma dell art. 9, in tema di compensazione, stabilisce che il debitore può opporre in compensazione al factor tutti i crediti esistenti al momento della comunicazione della cessione e che avrebbe potuto opporre al cedente 21. L art. 10 regola, invece, il diritto del debitore di ripetere il pagamento. Il debitore in caso di inadempimento del contratto di vendita dovrà agire contro il fornitore e non contro il factor. Se però il factor non ha corrisposto alcunché al fornitore o se lo ha fatto pur essendo a conoscenza dell inadempimento del contratto di vendita, il debitore potrà rivolgersi al factor. L art. 11 è norma con valore eminentemente pratico in quanto affronta un caso tipico riscontrabile nella prassi commerciale internazionale nel quale il credito viene ceduto dall esportatore ad un factor nazionale (c.d. export factor) e da questi ad un factor del Paese dell importatore c.d import factor che assumerà il rischio finanziario dell operazione. La norma ha lo scopo di ampliare l ambito di applicazione della Convenzione, stabilendo che le successive cessioni del credito anche nei confronti di factor non aventi sede in uno Stato contraente sono irrilevanti, cioè non escludono appunto l applicazione della Convenzione. In base all esame condotto concernente le disposizioni convenzionali, si è posto in luce il carattere della Convenzione quale disciplina quadro del contratto di factoring internazionale, scopo chiaramente dichiarato nello stesso preambolo 22 del testo UNIDROIT. Se quindi è possibile affermare che la Convenzione rappresenta uno strumento valido per gli operatori, non può tralasciarsi il dato per cui alcuni aspetti concretamente rilevanti della vicenda contrattuale non trovano disciplina: non risulta regolata, ad esempio, la delicata materia della validità del contratto di factoring e, soprattutto, il fondamentale problema concernente l efficacia della cessione nei confronti dei terzi che pertanto resta regolato dalla legge applicabile al contratto e, quindi da soluzioni nazionali che spesso risultano configgenti 23 e che possono tradursi in ostacoli dal punto di vista operativo. Lo spazio che ancora ricoprono le normative nazionali nella disciplina del contratto di factoring internazionale è quindi molto ampia e, come evidenziato, lo è proprio in relazione ad aspetti fondamentali della vicenda contrattuale Questa soluzione è accolta in molti Paesi europei tra cui l Italia, la Francia, il Belgio. 20 Per tale ipostazione nella giurisprudenza italiana, si veda Cass. 99/8485 e Cass. 01/ L Art. 1248, comma 2, c.c. italiano deroga a detto principio. 22 Ove si legge «Recognising therefore the importance of adopting uniform rules to provide a legal framework that will facilitate international factoring, while maintaining a fair balance of interests between the different parties involved in factorig transactions...[...]». 23 Varie sono infatti le soluzioni che vengono offerte dalle normative interne. La soluzione adottata negli USA è quella di accordare la priorità a chi iscrive per primo in pubblici registri, mentre in Italia l art c.c. riconosce prevalenza a chi notifica per primo o alla cessione che è stata prima accettata dal debitore con atto di data certa ancorché essa sia di data posteriore. 24 Doveroso è inoltre menzionare la Convenzione UNCITRAL sulla cessione dei crediti nel commercio internazionale. Un esame comparatistico dei due testi Convenzionali esula dall economia del presente contributo. Basti qui sottolineare che in relazione all ambito di applicazione: «si osserva un rapporto di species a genus: mentre infatti la Convenzione UNI- DROIT disciplina solo il factoring, quella UNCITRAL intende abbracciare tutte le cessioni di credito, quale che sia lo scopo che perseguono o il tipo contrattuale nel quale si iscrivono, e così vi sono incluse le operazioni di securitization, come pure altre forme di finanziamenti internazionali. Ma la maggior ampiezza del contenuto ha dovuto essere pagata con un più esteso rinvio alle norme di diritto internazionale privato». Così A. Frigani, op.cit. 28 PMI n. 12/2007

7 Conclusioni L esame condotto ha posto in luce come il ricorso a quella che abbiamo definito essere oltre ad una particolare figura contrattuale, un supporto gestionale e una tecnica finanziaria (quale il factoring) debba essere valutato da parte dell impresa con attenzione alle proprie caratteristiche strutturali nonché alle esigenze operative di espansione e consolidamento. Il factoring può infatti rappresentare uno strumento particolarmente utile per l azienda 25, nell ambito di complessive strategie d impresa e commerciali, ove lo stesso determini l abbattimento dei costi amministrativi e finanziari che dovrebbero sostenersi come conseguenza di una gestione interna del portafoglio crediti nonché ove l operazione determini un beneficio in termini di utilizzo delle risorse finanziarie realizzate a seguito della cessione dei crediti, quali ad esempio il rimborso dei debiti in essere ovvero il finanziamento dello sviluppo delle vendite. E la predetta valutazione presuppone l effettiva conoscenza della natura complessiva dell operazione di factoring, valutata, pertanto, non solo come opzione di finanziamento alternativo al credito bancario ma, eventualmente come garanzia di più facile accesso al medesimo soprattutto in vista dell entrata in vigore di Basilea 2 con la quale verranno introdotti dei parametri di valutazione dello stato di salute dell impresa più rigorosi 26. Le piccole e medie imprese dovranno quindi rivedere in un ottica sempre più «globale», per usare un espressione quanto mai attuale, le proprie politiche aziendali al fine di rafforzare la struttura d impresa. 25 Si ricordi l intervento della Commissione con la raccomandazione n.96/198 del in tema di ritardo nei pagamenti delle transazioni commerciali ove l istituzione comunitaria richiedeva agli Stati l adozione di iniziative atte a favorire tecniche di recupero dei crediti, quali il factoring; invito cui seguiva la triste constatazione contenuta nel considerando 11 della Direttiva n. 2000/35 per la quale non si rinveniva, in concreto, alcun miglioramento nella situazione dei ritardi. 26 Basilea 2 è il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali delle banche. Essenziale sarà per le imprese che intendono accedere al credito dimostrare di avere un buon rating. Sarà tale valutazione dell impresa, rating appunto, che determinerà la misura ed il costo del credito bancario. Le banche saranno tenute a classificare i propri clienti in base al loro grado di rischiosità che verrà determinato, in estrema sintesi sulla base dell analisi del bilancio, della tipologia di produzione, settore di appartenenza, piani aziendali. Indici positivi di bilancio, quali una buona situazione patrimoniale, una bassa esposizione debitoria, si pongono come requisiti essenziali. Il garantire, quindi, un buon livello patrimoniale sarà fondamentale per assicurarsi un canale privilegiato nei rapporti con gli istituti di credito. PMI n. 12/

Cos'è. Questi servizi riguardano:

Cos'è. Questi servizi riguardano: UBI FACTOR Cos'è Il factoring è una combinazione di servizi finanziari e di gestione del credito che consentono ad una società di rafforzare sotto il profilo qualitativo e di valorizzare sotto quello finanziario

Dettagli

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 Febbraio 2011 Finanza a supporto della crescita delle PMI Finanza a breve termine La capacità

Dettagli

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE

Capitale di credito PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE PRESENTAZIONE DI EFFETTI SALVO BUON FINE Definizione È una forma di finanziamento basata sulla presentazione all incasso, da parte dell impresa, di crediti in scadenza aventi o meno natura cambiaria e

Dettagli

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni

PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO. Reggio Emilia, 25 marzo 2015. Relatore: Rodolfo Baroni PROTEGGERE ED INCASSARE I CREDITI VERSO L ESTERO Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Relatore: Rodolfo Baroni Export In un contesto domestico con prospettive incerte vendere sui mercati esteri continua ad essere

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012 Università Commerciale Luigi Bocconi 27 Novembre 2012 1 Indice CESSIONE PRO SOLUTO E PRO SOLVENDO: VANTAGGI E CRITICITA La causa del negozio: cessione a titolo oneroso, cessione solutoria, cessione a scopo

Dettagli

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 UBI Factor, da trent anni il protagonista del Factoring in Italia e in Europa Offriamo servizi di Factoring

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

La pianificazione dell equilibrio finanziario

La pianificazione dell equilibrio finanziario La pianificazione dell equilibrio finanziario Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L ottimizzazione della gestione delle fonti di finanziamento richiede l analisi di una metodologia di calcolo del

Dettagli

Il factoring tra finanza e servizi

Il factoring tra finanza e servizi in collaborazione con Factorit spa Il factoring tra finanza e servizi Giuseppe Nardone Resp. Sviluppo Affari e Canali e Distributivi Il factoring: definizione Il factoring è oggi il solo prodotto presente

Dettagli

I contratti di finanziamento: Il Factoring

I contratti di finanziamento: Il Factoring I contratti di finanziamento: Il Factoring Definizione,fonti e disciplina del rapporto pagina 1 Aspetti definitori Il Factoring E un contratto atipico (socialmente tipico) nato per soddisfare una specifica

Dettagli

consulenza alle Imprese a 360

consulenza alle Imprese a 360 consulenza alle Imprese a 360 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare del 15 gennaio 2010 Oggetto: ULTIMI CHIARIMENTI MORATORIA BANCHE L ABI ha di recente fornito importanti chiarimenti in tema di moratoria

Dettagli

Il Factoring, strumento di gestione e finanziamento del circolante

Il Factoring, strumento di gestione e finanziamento del circolante Il Factoring, strumento di gestione e finanziamento del circolante Sarda Factoring S.p.A. Via S. Margherita n. 8 09124 CAGLIARI Tel. 070 668139 Fax 070 660884 www.sardafactoring.it - sardafactoring@tiscali.it

Dettagli

Il momento del pagamento effettuato con mezzi diversi dal contante nel regime IVA di cash accounting.

Il momento del pagamento effettuato con mezzi diversi dal contante nel regime IVA di cash accounting. Il momento del pagamento effettuato con mezzi diversi dal contante nel regime IVA di cash accounting. Data l importanza del momento dell incasso/pagamento per determinare l esigibilità/detraibilità dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa

IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa Le operazioni di factoring rappresentano un prodotto anticiclico utile

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: oltre 8.000 clienti;

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012. Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica

Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012. Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica Circolare N.149 del 25 Ottobre 2012 Certificazione crediti PA. Pronta la piattaforma telematica Certificazione crediti PA: pronta la piattaforma telematica Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Il factoring tra finanza e servizi

Il factoring tra finanza e servizi Il factoring tra finanza e servizi Intervento di Antonio De Martini Firenze, 6 febbraio 2007 Introduzione: il factoring in Italia In Italia la prima società di factoring nasce nel 1963. Il mercato italiano

Dettagli

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988)

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988) UNIDROIT ISTITUTO INTERNAZIONALE PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO ============================================================= CONVENZIONE UNIDROIT sul FACTORING INTERNAZIONALE (Ottawa, 26 maggio

Dettagli

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Il Dirigente Generale

Dettagli

finnova Prodotti e Servizi

finnova Prodotti e Servizi finnova Prodotti e Servizi INDICE 1 Finnova Mission 2. Portafoglio Prodotti & Servizi Portafoglio Prodotti & Servizi 3. Scenario di Riferimento Ritardo di pagamento delle PA Le cause Ritardo di pagamento

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

Esame di Stato - Lo smobilizzo dei crediti. Svolgimento

Esame di Stato - Lo smobilizzo dei crediti. Svolgimento Esame di Stato - Lo smobilizzo dei crediti di Maurizio Belli Proposta di esercitazione di Economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato le operazioni bancarie di impiego a breve termine ed evidenziato

Dettagli

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I nuovi principi contabili nazionali OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti CLAUDIA MEZZABOTTA 1 dicembre 2014 Sala Conferenze Biblioteca Comunale Cernusco

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com Tra i contratti d impresa, il consignment stock agreement, o più semplicemente

Dettagli

Pianificazione & Marketing. Padova, 20 ottobre 2009

Pianificazione & Marketing. Padova, 20 ottobre 2009 Padova, 20 ottobre 2009 Padova, 20 ottobre 2009 La crisi in sintesi Intervento delle autorità di politica economica per cercare di ridurne la portata ampia liquidità al sistema finanziario e tassi ai minimi

Dettagli

OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti

OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti Analisi dei principali contenuti della proposta di integrazione in tema di cancellazione dei crediti del principio contabile

Dettagli

Il leasing e il Factoring

Il leasing e il Factoring Il leasing e il Factoring Il leasing Il leasing è giuridicamente un contratto atipico perché non ricade nelle tipologie previste dalla legislazione. Con il contratto di leasing tradizionale, l azienda

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

Garanzia confidi_sezione breve termine

Garanzia confidi_sezione breve termine Garanzia confidi_sezione breve termine Scheda prodotto DESCRIZIONE PRODOTTO CapitaleSviluppo attraverso il servizio di accesso alla garanzia dei confidi offre alle imprese un importante strumento atto

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

Factoring Tour: Bari

Factoring Tour: Bari Factoring Tour: Bari Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa LA CESSIONE DEI CREDITI IVA E NOVITA IN TEMA DI REVOCATORIA FALLIMENTARE Intervento di Massimo Lupi, avvocato

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

Il prodotto maturity. Factoring around Europe: Italia Espana Brescia, 20-21 settembre 2007

Il prodotto maturity. Factoring around Europe: Italia Espana Brescia, 20-21 settembre 2007 Il prodotto maturity Factoring around Europe: Italia Espana Brescia, 20-21 settembre 2007 Il prodotto maturity: le origini Nella seconda metà degli anni 80, Ifitalia lancia sul mercato italiano il prodotto

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI ACQUISTO DEI CREDITI DI IMPRESA (FACTORING) (Aggiornamento in vigore dal 01/04/2011)

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI ACQUISTO DEI CREDITI DI IMPRESA (FACTORING) (Aggiornamento in vigore dal 01/04/2011) FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI ACQUISTO DEI CREDITI DI IMPRESA (FACTORING) (Aggiornamento in vigore dal 01/04/2011) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca IFIS S.p.A. Sede Legale via Terraglio, 63 30174 Venezia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI PREMESSA Il presente lavoro vuole essere un piccolo riassunto dei principali aspetti che è

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento LE PRINCIPALI FONTI DI FINANZIAMENTO

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento LE PRINCIPALI FONTI DI FINANZIAMENTO AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LE PRINCIPALI FONTI DI FINANZIAMENTO ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

Dettagli

Il factoring internazionale

Il factoring internazionale Il factoring internazionale Internazionale prefazione Le operazioni di factoring sono in misura crescente effettuate con controparti cedenti e debitrici estere per effetto della crescente internazionalizzazione

Dettagli

Circolare N. 157 del 28 Novembre 2014

Circolare N. 157 del 28 Novembre 2014 Circolare N. 157 del 28 Novembre 2014 Dal 12 novembre 2014 tracciabilita assoluta per i pagamenti delle prestazioni di trasporto di merci su strada Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 dicembre 2004 Oggetto: IVA. Territorialità delle cessioni di gas e di energia elettrica. Direttiva 2003/92/CE del Consiglio del 7 ottobre

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

Bilancio - Corso Avanzato

Bilancio - Corso Avanzato Università di Roma Tre - M. TUTINO 101 Università di Roma Tre - M. TUTINO 102 Università di Roma Tre - M. TUTINO 103 Università di Roma Tre - M. TUTINO 104 Università di Roma Tre - M. TUTINO 105 Università

Dettagli

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI

NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI NOTE DI VARIAZIONE IVA NEI CONFRONTI DI DEBITORI IN PROCEDURE CONCORSUALI O PRECONCORSUALI 24 Giugno 2015 Crisi di impresa di Giuliano Buffelli - Professore e Dottore Commercialista Tema di grande interesse

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

Il Factoring e le piccole e medie imprese

Il Factoring e le piccole e medie imprese Il Factoring e le piccole e medie imprese Uno strumento per migliorare le performance aziendali e ridurre i rischi finanziari delle PMI anche in ottica di Basilea 2 Marino Baratti Amministratore Delegato

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

STUDIO MURER COMMERCIALISTI

STUDIO MURER COMMERCIALISTI 1 R E N A T O M U R E R G A B R I E L E G I AM B R U N O R O B E R T A F A Z Z A N A C A R M E N B A T T I S T E L DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI San Donà di Piave, 10 dicembre 2002 Alle Spett.li

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 70/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di interpello - ALFA S.p.a. - Cessione di crediti pro soluto - Deducibilità delle perdite - Articolo

Dettagli

Gli intermediari finanziari non bancari

Gli intermediari finanziari non bancari Gli intermediari finanziari non bancari Intermediari creditizi non bancari A. Leasing B. Factoring C. Credito al consumo Art. 106 e 107 TUB Le società di leasing Elenco generale presso UIC Condizioni per

Dettagli

IL LEASING E IL FACTORING. Nel turismo

IL LEASING E IL FACTORING. Nel turismo IL LEASING E IL FACTORING Nel turismo Il leasing Le imprese turistiche possono entrare in possesso delle immobilizzazioni materiali necessarie attraverso contratto di leasing: l azienda locatrice cede

Dettagli

La prova della cessione intracomunitaria

La prova della cessione intracomunitaria Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 97 31.03.2014 La prova della cessione intracomunitaria Le maggiori difficoltà si rinvengono nelle cessioni con la clausola franco fabbrica Categoria:

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014 News per i Clienti dello studio del 23 Luglio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Moratoria dei finanziamenti alle piccole e medie imprese: proroga al 31 dicembre 2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006 Risoluzione n. 30/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2006 OGGETTO: Istanza di Interpello. Avv. ALFA. Trattamento fiscale applicabile alle spese sostenute da un professionista

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 marzo 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 incentivi all acquisto di auto ecologiche di cui all articolo 1

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

OGGETTO: Iva di cassa : Richiesta di chiarimenti sulle modalità di incasso/pagamento e sui termini in cui considerare esigibile/detraibile l imposta

OGGETTO: Iva di cassa : Richiesta di chiarimenti sulle modalità di incasso/pagamento e sui termini in cui considerare esigibile/detraibile l imposta Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale Via G. A.. Guattani, 13 00161 Roma Tel. 06/44188461 Fax. 06/44188465 E-Mail: polfis@cna.it Sede di Bruxelles B -

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 13, 14, 27 e 28 MAGGIO 2011 FINANZA PUBBLICA FINANZA PUBBLICA E PROGRAMMAZIONE Il leasing pubblico Michelangelo Nigro mnigro@liuc.it 1 L

Dettagli

IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE

IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE IL COUNTERTRADE Barbara Francioni 1 IL COUNTERTRADE Definizione: scambio commerciale in cui l esportatore accetta in pagamento dal paese importatore prodotti che poi rivenderà su altri mercati Sono comprese

Dettagli

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA

IL FACTORING COME SOLUZIONE AD ALCUNE PROBLEMATICHE FINANZIARIE LEGATE AL SETTORE DELLA VENDITA Factoring tour: Brescia - Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa (10 ottobre 2006 ) Giuseppe Masserdotti - Stefana S.p.A. Il factoring come soluzione ad alcune problematiche

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 146 del 01 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi 1 Ottobre 2013, aumento dell IVA dal 21% al 22%: aspetti operativi Gentile cliente, con la presente informativa intendiamo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY PRO SOLUTO 12 ottobre 2015. Informazioni sulla Banca

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY PRO SOLUTO 12 ottobre 2015. Informazioni sulla Banca FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY PRO SOLUTO 12 ottobre 2015 Informazioni sulla Banca Banca Farmafactoring S.p.a. Sede legale e direzione generale: Via Domenichino, n 5 20149 Milano Numero

Dettagli

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e DEL 31.10 10.2013 Oggetto: L.R. n. 18 del 26.07 07.201.2013,, art. 3 e D.L. 185/2008, art. 9, comma 3-bis3 e 3-ter. Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie

Dettagli

TRA. Provincia di Genova. Banca/Istituto di Credito...

TRA. Provincia di Genova. Banca/Istituto di Credito... ALLEGATO Convenzione quadro con gli Istituti di Credito per la concessione di finanziamenti alle Imprese con cessione di credito assistita da attestazione provinciale. TRA Provincia di Genova E Banca/Istituto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FACTORING (OPERAZIONI DI ACQUISTO E GESTIONE DEI CREDITI DI IMPRESA) (Aggiornamento in vigore dal 01/07/2015)

FOGLIO INFORMATIVO FACTORING (OPERAZIONI DI ACQUISTO E GESTIONE DEI CREDITI DI IMPRESA) (Aggiornamento in vigore dal 01/07/2015) INFORMAZIONI SULLA BANCA I crediti si intenderanno ceduti con i privilegi, le garanzie personali e reali e con gli altri accessori, ivi compresi eventuali frutti scaduti, a qualsiasi titolo dovuti (quali

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986.

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986. RISOLUZIONE n. 313/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R.

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli PRIMA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla seconda parte dell'intervento... 1 INTRODUZIONE Da un punto di vista ragionieristico lo Stato

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 15 14.05.2014 La svalutazione dei crediti Disciplina fiscale ed esempi di compilazione del modello Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE Assemblea degli Azionisti 23 aprile 2014 Copyright Datalogic S.p.A. - Tutti i diritti sono riservati RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B. Foglio Informativo n UF01 Aggiornamento n 24 ultimo aggiornamento 02/10/2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli articoli n. 115 e seguenti T.U.B.

Dettagli

TIPOLOGIE CONTRATTUALI

TIPOLOGIE CONTRATTUALI TIPOLOGIE CONTRATTUALI LOCAZIONE CON PATTO DI FUTURA VENDITA LOCAZIONE CON PATTO DI OPZIONE CONTRATTO PRELIMINARE DI VENDITA AD EFFETTI ANTICIPATI VENDITA CON RISERVA DI PROPRIETA VENDITA CON CAMBIALI

Dettagli

Roma, 12 novembre 2008

Roma, 12 novembre 2008 RISOLUZIONE N. 432/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 novembre 2008 OGGETTO: Istanza di interpello ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA SRL - Interpretazione dell art. 17, sesto

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO Pag. 2 Mutuo Impresa MULTIFASCE Pag. 3 Definizione e Beneficiari MULTIFASCE è la nuova linea di credito destinata alle aziende Corporate e Small business

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONFIDI IMPRESE TOSCANE Società Cooperativa di garanzia collettiva dei fidi

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI MUTUI A TASSO VARIABILE PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PROGRAMMATI DEL S.I.I.

GARA A PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI MUTUI A TASSO VARIABILE PER IL FINANZIAMENTO DEGLI INVESTIMENTI PROGRAMMATI DEL S.I.I. Comuni dell Acquedotto Langhe Sud Occidentali S.p.A. Sede: V.le Prof. Gabetti 23/b 12063 DOGLIANI (CN) Capitale Sociale Euro 3.159.565 i.v. Registro imprese di CUNEO C.F.-P.I. 00451940043 Tel. 0173/70343-721423

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

società del gruppo Saipem; la cessione sarà a titolo oneroso e il corrispettivo verrà pagato da SFI mediante l utilizzo di linee di credito messe a disposizione da Efi ( Nuove Linee Efi ); - a partire

Dettagli

DIRITTO PRIVATO. Parte Quarta Obbligazioni CESSIONE DEL CREDITO DELEGAZIONE ESPROMISSIONE ACCOLLO. SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO

DIRITTO PRIVATO. Parte Quarta Obbligazioni CESSIONE DEL CREDITO DELEGAZIONE ESPROMISSIONE ACCOLLO. SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO VINCENZO FRANCESCHELLI SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO - ad uso degli studenti vietata la riproduzione- (Avvertenza- Gli schemi costituiscono una traccia delle lezioni svolte. Possono servire per un

Dettagli