Facoltà di Economia. Raccolta di lucidi ad uso didattico. Corso A K: docente Prof. Stefano Santucci Corso L Z: docente Prof.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facoltà di Economia. Raccolta di lucidi ad uso didattico. Corso A K: docente Prof. Stefano Santucci Corso L Z: docente Prof."

Transcript

1 Facoltà di Economia Esercitazioni di Ragioneria Generale ed Applicata (Istituzioni) LA LOGICA DELLA RILEVAZIONE SISTEMATICA Raccolta di lucidi ad uso didattico Corso A K: docente Prof. Stefano Santucci Corso L Z: docente Prof. Letizia Ubbiali a.a. 2004/2005

2 LE OPERAZIONI DI RILEVAZIONE Nelle imprese si attuano numerosi processi di rilevazione. Ciascun processo è caratterizzato da specifici: obiettivi informativi da conseguire; fenomeni oggetto di osservazione; dimensioni (dei fenomeni) da determinare dimensioni qualitative; dimensioni quantitative non monetarie dimensioni quantitative monetarie. metodi e strumenti di rilevazione da impiegare rilevazioni contabili, che si avvalgono dello strumento conto rilevazioni extracontabili, di tipo statistico o matematico 2

3 Un processo di rilevazione contabile attuato da tutte le imprese è la CONTABILITÀ GENERALE (Co.Ge.) La contabilità generale (Co.Ge.) giorno per giorno annota i valori che, a consuntivo, derivano dall intera attività di gestione esterna; al termine di determinati intervalli temporali: aggrega i valori per coordinazioni parziali (guardando all affinità di specie delle operazioni che hanno generato i valori); osserva lo stato dei processi produttivi sequenziali costitutivi delle combinazioni economiche particolari dell azienda per attribuire un valore a quelle non concluse; 3

4 Le rilevazioni contabili di contabilità generale sono effettuate per raggiungere i seguenti obiettivi conoscitivi: quantificare, con riferimento all intervallo temporale considerato, il risultato economico della combinazione generale d azienda; redigere il BILANCIO di ESERCIZIO. Un altro importante processo di rilevazione attuato all interno delle imprese è la CONTABILITA ANALITICA (Co.An.) Oggetto di osservazione e di determinazione quantitativa da parte della contabilità analitica (Co.An.) sono le combinazioni economiche particolari che sono individuabili all interno della combinazione generale d azienda 4

5 Obiettivo: Le principali DIFFERENZE tra Co.Ge. e Co.An. la Co.Ge. si pone l obiettivo di correlare i costi di acquisto dei fattori produttivi ai ricavi di vendita delle produzioni per determinare, al termine di ciascun periodo amministrativo, il risultato economico prodotto dalla complessiva gestione aziendale la Co.An. si pone l obiettivo di correlare i costi di produzione ai ricavi di vendita di ciascuna produzione, per determinare, ad intervalli spesso inferiori al periodo amministrativo, i risultati analitici, particolari di ciascuna produzione Epoca di riferimento: la Co.Ge. produce dati riferiti alla gestione passata la Co.An. produce sia dati riferiti alla gestione passata sia dati aventi carattere previsionale e può avvalersi anche di dati standard 5

6 Oggetto di osservazione: la Co.Ge. osserva continuativamente le operazioni di gestione esterna (che pongono in contatto l impresa con terze economie) la Co.An. osserva continuativamente anche le operazioni di gestione interna, per quantificare l utilizzazione/consumo delle risorse nei diversi processi produttivi attivati dall impresa Classificazione: la Co.Ge. classifica i costi e i ricavi per natura la Co.An. classifica costi e ricavi per destinazione Precisione e tempestività dei dati: la Co.Ge. deve offrire dati veritieri e corretti, più ancora che tempestivi la Co.An. deve offrire dati tempestivi, è accettabile un certo grado di approssimazione, sempre nel rispetto dell attendibilità delle misurazioni 6

7 Utilizzo: la Co.Ge. ha come output finale il bilancio di esercizio, indirizzato soprattutto a soggetti diversi dal management aziendale per poter apprezzare la situazione economica e finanziaria dell impresa la Co.An. offre continuativamente dati alla direzione aziendale per poter decidere, programmare e controllare Metodi e strumenti di rilevazione: la Co.Ge. utilizza lo strumento conto e si basa sul metodo della partita doppia la Co.An. può essere tenuta anche extracontabilmente. Il sistema di Co.An. (strumenti, metodi e tecniche di rilevazione) è flessibile, perché costruito sulle concrete esigenze di ciascuna impresa Obbligatorietà: la Co.Ge. è obbligatoria la Co.An. non è obbligatoria 7

8 Aspetti formali della rilevazione nella Contabilita Generale (Co.Ge.) utilizzo del rilevazione; CONTO come strumento di utilizzo del metodo della PARTITA DOPPIA come metodo di rilevazione; utilizzo di REGISTRI FORMALI di rilevazione (Libro Giornale e Libro degli Inventari). Il conto come strumento di rilevazione: prospetto (generalmente) a due sezioni intestato ad un determinato oggetto di conto e finalizzato ad accogliere tutte le variazioni ad esso relative e correlate allo svolgimento del sistema degli accadimenti OGGETTO di CONTO dare avere 8

9 DARE ed AVERE: denominazioni della sezione sinistra e della sezione destra del conto svincolate da qualsiasi riferimento al loro significato letterale Elementi di terminologia contabile: Accendere un conto iscrivere un valore in una delle due sezioni Addebitare un conto iscrivere un valore nella sezione Dare Accreditare un conto iscrivere un valore nella sezione Avere Variazione mutamento dell importo del conto a seguito dell operazione di rilevazione Totale Dare o Totale Avere Somma delle variazioni di conto iscritte nella sezione Dare o nella sezione Avere Saldo del conto somma algebrica tra il totale degli importi iscritti nella sezione Dare e il totale degli importi iscritti nella sezione Avere 9

10 Saldo DARE prevalenza degli importi iscritti in Dare rispetto a quelli iscritti in Avere Saldo AVERE prevalenza degli importi iscritti in Avere rispetto a quelli iscritti in Dare Saldare o chiudere un conto iscriverne il saldo nella sezione opposta e non utilizzare più il conto stesso Giroconto (G/C) trasferimento del saldo di un conto ad un altro conto Conto UNIFASE (monosezione) conto funzionante in una delle due sezioni (o solo in Dare o solo in Avere) Conto BIFASE (bisezione) conto funzionante in entrambe le due sezioni Conto di GRUPPO Conto di sintesi composto dal saldo di un insieme di più sottoconti analitici 10

11 Lo scambio monetario ed i valori che esso genera (richiamo) Le operazioni di gestione esterna sono essenzialmente costituite da scambi monetari con soggetti terzi rispetto all impresa ed è contraddistinta da una prestazione principale: risorse specifiche: materie prime, merci, servizi di vario genere, lavoro, impianti e macchinari, strumenti finanziari, ecc. risorsa generica: denaro Le condizioni patrimoniali oggetto principale dello scambio possono essere quindi beni o servizi oppure una data quantità di moneta per un certo tempo. Nel primo caso si configura un operazione di compravendita. Nel secondo caso un operazione di finanziamento. controprestazione: monetaria 11

12 Lo scambio monetario genera: valori non numerari: sono i valori attribuiti all oggetto principale dello scambio valori numerari: sono i valori della controprestazione monetaria Nelle operazioni di compravendita si ha la contestuale formazione di un valore numerario e di un valore non numerario. I valori numerari esprimono il numero di unità di moneta che rende possibile lo scambio di beni e servizi. Sono gli strumenti di regolamento degli scambi, quali il denaro contante o i suoi sostituti temporanei (crediti di regolamento per il venditore, debiti di regolamento per l acquirente). I valori non numerari fanno riferimento all oggetto dello scambio. Essi rappresentano il valore monetario attribuito ai beni o servizi scambiati. Sono i costi per l acquirente e i ricavi per il venditore. 12

13 N.B. SOLAMENTE ALCUNI VALORI NON NUMERARI evidenziano un SECONDO SIGNIFICATO che è quello di COMPONENTE NEGATIVO di REDDITO (costo) o POSITIVO di REDDITO (ricavo). In tal senso possiamo distinguere tra componenti di reddito in senso stretto e valori patrimoniali. I primi riguardano fattori produttivi assorbiti, consumati e utilizzati dalla gestione svolta nel periodo amministrativo (componenti negativi di reddito) ovvero beni e servizi prodotti per effetto della gestione relativa al medesimo periodo amministrativo (componenti positivi di reddito). I secondi riguardano elementi patrimoniali che contribuiranno, in virtù del fondamentale principio di competenza economica, allo svolgimento della gestione dei futuri periodi amministrativi (interpretabili anche come investimenti). 13

14 Nelle operazioni di finanziamento in cui oggetto principale è la disponibilità di una data quantità di moneta per un certo tempo: il finanziatore sostiene un uscita di cassa (valore numerario) e, contemporaneamente, vanta un credito di finanziamento nei confronti del finanziato per la restituzione del prestito concesso alla sua scadenza; il finanziato ottiene un entrata di cassa (valore numerario) e, contemporaneamente, ha un debito di finanziamento verso il finanziatore per la restituzione del prestito ottenuto. I crediti ed i debiti di finanziamento sono valori non numerari (patrimoniali) in quanto non sostituiscono temporaneamente la moneta nello scambio, ma la moneta è essa stessa l oggetto dello scambio. 14

15 I valori numerari e i valori non numerari patrimoniali sono accolti nel sottosistema del capitale di funzionamento, mentre i valori non numerari che rappresentano componenti di reddito in senso stretto sono attribuiti al sottosistema del reddito. Il sottosistema dei valori del reddito di esercizio è sintetizzato nel Conto Economico (CE) che offre una rappresentazione diacronica della gestione, accogliendo valori flusso di componenti positivi e negativi di reddito. Il sottosistema dei valori del capitale di funzionamento è sintetizzato nello Stato Patrimoniale (SP) che offre una rappresentazione sincronica della gestione, accogliendo i valori fondo (stock) attribuiti agli elementi patrimoniali all istante terminale del periodo amministrativo. Conto Economico e Stato Patrimoniale sono documenti contabili di sintesi che formano il BILANCIO di ESERCIZIO. 15

16 Momento di formazione dei valori e momento di rilevazione dei valori La distinzione tra momento di formazione dei valori e momento di rilevazione degli stessi discende dalla considerazione che il primo è connesso alla dinamica degli accadimenti, (d azienda e di mercato) mentre il secondo è riconducibile al rilevazione. procedimento proprio della momento di formazione dei valori: coincide con il momento in cui avviene l incontro delle volontà delle parti contraenti ovvero con la conclusione del contratto; momento di rilevazione dei valori: dipende dallo scopo e dall oggetto della rilevazione. Il momento di rilevazione dei valori può non coincidere con il momento di formazione degli stessi. 16

17 Agli effetti propri della rilevazione contabile i valori numerari: sono valori originari in quanto sono immediatamente percepibili ed autonomamente misurabili*; i valori non numerari: sono valori derivati poiché sono misurati da variazioni numerarie. Tra le due tipologie di valori sussiste un rapporto di misurazione in quanto le variazioni originarie sono dette anche misuratrici; le variazioni derivate sono dette anche misurate. Ai fini della determinazione del risultato economico di esercizio e del correlato capitale di funzionamento si individuano due momenti nei quali i valori sono registrati. * parziale eccezione per i valori numerari presunti 17

18 Il primo momento è direttamente connesso allo svolgimento delle operazioni di scambio monetario nel corso del periodo amministrativo: la rilevazione avviene nel momento in cui è avvenuta l esecuzione della prestazione non monetaria dello scambio (consegna dei beni ed esecuzione dei servizi). Il secondo momento nel quale i valori sono registrati trova collocazione temporale in occasione della formazione del bilancio di esercizio e riguarda quelle operazioni e quei processi ancora in corso di svolgimento al termine del periodo amministrativo. Al fine di pervenire alla corretta configurazione del reddito di esercizio e del correlato capitale di funzionamento si rende necessario integrare e rettificare i valori precedentemente rilevati nella Co.Ge. nel corso di svolgimento degli scambi monetari in ossequio al fondamentale principio di competenza economica. Il passaggio dai valori contabili ai valori di bilancio avviene attraverso le scritture di assestamento che svolgono la funzione di integrare e rettificare i valori già rilevati nel corso del periodo amministrativo al fine di determinarne la competenza economica in ragione di esercizio. 18

19 Le diverse accezioni del concetto di «COMPETENZA» (richiamo) Si individuano secondo il contesto in cui tale termine viene utilizzato: la competenza economica; la competenza temporale; la competenza contabile. Competenza economica (principio di correlazione matching principle ): presiede all attribuzione dei componenti positivi e negativi di reddito ai diversi esercizi cui gli stessi pertengono fondandosi sulla generale ed indistinta correlazione tra costi e ricavi. Costi e ricavi sono di competenza economica di un esercizio quando derivano da operazioni e processi già conclusi o in corso di svolgimento alla fine del periodo amministrativo considerato ed hanno esaurito la capacità di contribuire alla formazione di redditi futuri. Allo stesso modo, devono essere attribuiti all esercizio anche quei costi e quei ricavi, che pur competendo ad esercizi precedenti non sono stati agli stessi imputati, l utilità dei fattori cui si connettono non è più impiegabile a favore degli esercizi futuri. 19

20 Competenza temporale ( realization principle ): costituisce la convenzione principale su cui si basa l osservazione contabile delle operazioni di gestione esterna rappresentando il principio logico fondamentale della contabilità generale. Riguarda l individuazione del periodo amministrativo nel quale rilevare i valori originati dalle operazioni connesse agli scambi monetari. I valori devono essere rilevati nel periodo in cui è avvenuta l esecuzione della prestazione non monetaria dello scambio, senza attendere il momento in cui si verificano le relative entrate o uscite di moneta. Competenza contabile: costituisce solamente un criterio operativo, per individuare all interno del periodo amministrativo il momento nel quale procedere alla rilevazione dei valori sulla base dell effettiva disponibilità di una adeguata documentazione che comprovi l avvenuta esecuzione della prestazione non monetaria dello scambio. Le tre accezioni del concetto di «competenza» sono tra loro complementari al fine di pervenire alla corretta configurazione del reddito di esercizio e del connesso capitale di funzionamento. 20

21 Esempio: contratto di compravendita di materie prime con regolamento differito, mediante ricorso al credito di regolamento. La consegna di tali materie prime da parte del fornitore avviene prima della chiusura del periodo amministrativo. L emissione e di conseguentemente il ricevimento del documento che comprova l avvenuto scambio avverrà nel periodo amministrativo successivo. Tali materie prime si trovano in giacenza presso l impresa acquirente alla fine del periodo considerato. Competenza contabile: il costo sostenuto non può essere rilevato per mancanza del relativo documento giustificativo (la fattura non è stata ricevuta). Competenza temporale: il costo sostenuto DEVE essere rilevato in quanto con la consegna delle materie prime da parte del fornitore si è data esecuzione alla prestazione non monetaria dello scambio (le materie prime sono state ricevute). Competenza economica: il costo sostenuto DEVE essere rinviato come rimanenza finale, se quelle materie prime saranno utilizzabili nei processi produttivi futuri idonei a realizzare ricavi (le materie prime sono state consumate). 21

22 Il METODO della PARTITA DOPPIA Consiste nella rilevazione SIMULTANEA ed ANTITETICA dei due aspetti (aspetto numerario ed aspetto non numerario) di osservazione dei fatti connessi allo svolgimento del SISTEMA degli ACCADIMENTI AZIENDALI (operazioni, fatti ed eventi) La rilevazione utilizza quindi due DISTINTE SERIE DI CONTI (conti numerari e conti non numerari) e si attua secondo seguente metodologia: ricerca dell ASPETTO ORIGINARIO di osservazione (aspetto numerario) ed individuazione della sezione del conto da addebitare o accreditare in base a regole contabili convenzionali; individuazione dell ASPETTO DERIVATO connesso (aspetto non numerario) e relativa rilevazione della variazione nella sezione di conto opposta a quella movimentata per il conto numerario. 22

23 TIPOLOGIE di VARIAZIONI NUMEMARIE e NON NUMERARIE (economiche) N.B. il termine economico non deve essere impropriamente interpretato come sinonimo di reddituale!!! VARIAZIONI NUMERARIE ATTIVE rilevazioni di valori nei conti accesi ai valori numerari conseguenti a: ENTRATE di CASSA e/o BANCA; FORMAZIONE e/o INCREMENTO di CREDITI di REGOLAMENTO; ESTINZIONE e/o DIMINUZIONE di DEBITI di REGOLAMENTO. CONVENZIONE DI RILEVAZIONE: ISCRIZIONE di tali variazioni nella SEZIONE DARE dei rispettivi CONTI COROLLARIO: RILEVAZIONE delle variazioni non numerarie ad esse connesse nella SEZIONE AVERE dei rispettivi CONTI 23

24 VARIAZIONI NUMERARIE PASSIVE rilevazioni di valori nei conti accesi ai valori numerari conseguenti a: USCITE di CASSA e/o BANCA; FORMAZIONE e/o INCREMENTO di DEBITI di REGOLAMENTO; DIMINUZIONE e/o ESTINZIONE di CREDITI di REGOLAMENTO. CONVENZIONE DI RILEVAZIONE: ISCRIZIONE di tali variazioni nella SEZIONE AVERE dei rispettivi CONTI COROLLARIO: RILEVAZIONE delle variazioni non numerarie ad esse connesse nella SEZIONE DARE dei rispettivi CONTI PERMUTAZIONI Rilevazioni connesse a fatti di gestione NON OSSERVABILI SIMULTANEAMENTE sotto l aspetto non numerario e numerario, ma solamente come TRASFORMAZIONI di valori non numerari o di valori numerari in valori della STESSA CLASSE ma di SPECIE DIVERSA. 24

25 REGOLE DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA 1. esecuzione delle rilevazioni in modo da realizzare l uguaglianza fra le variazioni iscritte nella sezione DARE e quelle iscritte nella sezione AVERE dei conti movimentati (Teorema fondamentale della P.D.); 2. a seguito dell annotazione nel sistema dei conti il TOTALE DEI TOTALI DARE DEVE SEMPRE ESSERE UGUALE al TOTALE DEI TOTALI AVERE dei conti; 3. il TOTALE di TUTTI i conti a saldo DARE DEVE COINCIDERE con il TOTALE di TUTTI i conti a saldo AVERE; 4. il giroconto del saldo di TUTTI i conti ad un conto SINTETICO GENERALE (Conto Economico e Stato Patrimoniale) comporta la chiusura di TUTTI i conti. 25

26 CARATTERI della RILEVAZIONE Sistematicità: utilizzo del conto come strumento per l annotazione di tutte le variazioni relative ad un determinato oggetto di conto. Ordine cronologico: Rilevazione giorno per giorno delle operazioni nel registro denominato Libro giornale. Conseguente collegamento fra le variazioni dei conti numerari e non numerari (economici) indotte dallo svolgimento delle operazioni contabili. La contabilità generale (Co.Ge.) tenuta con il metodo della partita doppia (P.D.) presuppone la preventiva redazione ed adozione di un PIANO dei CONTI che rappresenta la definizione dei conti che costituiranno il sistema contabile. Il piano dei conti è costituito dall elenco dei conti che, tra loro collegati, formano il Libro mastro. Libro mastro (L.m.): raccolta dei conti analitici secondo la modalità di organizzazione stabilita all interno del piano dei conti 26

27 Articolo contabile scrittura operata in ordine cronologico e nel rispetto di determinate regole formali all interno del Libro giornale (L.g.) Il rispetto di determinate regole formali comporta che nelle scritture contabili effettuate nel Libro giornale occorre indicare: la numerazione progressiva articoli; la data di rilevazione; i numeri di codice dei conti (in considerazione del fatto che le tecniche moderne di rilevazione contabile si avvalgono di procedure di elaborazione elettronica dei dati) movimentati nell articolo; la denominazione dei conti addebitati e dei conti accreditati; una descrizione dell operazione contabilizzata e l annotazione degli estremi del documento giustificativo. 27

28 Tipologie di articoli contabili articolo semplice: iscrizione di un conto in dare e di un conto in avere dare avere Fornitori a Banca articolo composto: iscrizione di un solo conto in una delle due sezioni e di una pluralità di conti nell altra sezione dare avere Fornitori Merci c/acquisti Iva ns. credito 200 articolo complesso: iscrizione di pluralità di conti sia nella sezione dare che nella sezione avere Merci c/acquisti Iva ns. credito 200 Banca 600 Cassa

29 Collegamento tra Libro giornale e Libro mastro Il collegamento che sussiste tra il Libro giornale ed il Libro mastro comporta: l indicazione a Libro giornale dei codici dei conti del Libro mastro in relazione ai conti movimentati dai singoli articoli contabili; l indicazione in ogni conto di mastro del numero progressivo dell articolo contabile corrispondente ad ogni singola variazione. Nelle forme moderne di rilevazione contabile che si avvalgono di procedure di elaborazione elettronica dei dati i riporti a mastro non sono effettuati manualmente uno ad uno, ma sono ottenuti in modo automatico e di conseguenza senza possibilità di errori. Il collegamento fra Libro giornale e Libro mastro è pertanto AUTOMATICO. 29

30 Logica di funzionamento dei conti D A D A Conti Numerari Conti NON Numerari V.N. Attive V.N. Passive Cassa Cassa Costi Ricavi Banca Banca Storni di ricavi Storni di costi Crediti numerari Debiti numerari Crediti numerari Debiti numerari Crediti non numerari Debiti non numerari Conti di Patrimonio Netto Crediti non numerari Debiti non numerari Conti di Patrimonio Netto Legenda: D = Dare A = Avere = Aumento = Diminuzione V.N. = Variazioni Numerarie 30

31 ANALISI delle VARIAZIONI INDOTTE dallo SVOLGIMENTO dei FATTI AMMINISTRATIVI E FONDAMENTALE per l esatta esecuzione delle RILEVAZIONI CONTABILI. Si articola sulle seguenti FASI: 1. individuazione della CAUSA della variazione (preliminare ricerca dell aspetto originario e individuazione dell aspetto derivato); 2. individuazione della NATURA delle variazioni numerarie e/o non numerarie indotte dallo scambio in base al tipo di valori movimentati; 3. individuazione della TIPOLOGIA di variazione numeraria o non numeraria considerata in base alla TAVOLA di SINTESI di appartenenza (Conto Economico e Stato Patrimoniale): ATTIVA/PASSIVA relativamente ai valori attivi e passivi di Stato Patrimoniale; POSITIVA/NEGATIVA relativamente ai componenti di reddito in senso stretto (costi e ricavi) e per i valori di capitale; 31

32 4. individuazione del segno contabile della variazione (DARE/AVERE) in base alle convenzioni di rilevazione; 5. determinazione dell IMPORTO delle singole variazioni; 6. verifica del rispetto del Teorema fondamentale della PARTITA DOPPIA; 7. rilevazione a LIBRO GIORNALE e a LIBRO MASTRO. Fasi della rilevazione: un semplice esempio Acquisto di merci con regolamento differito per ) Individuazione delle variazioni Conseguenze operazione Debiti verso fornitori per acquisto di merci Acquisto di merci Tipo di variazione Numeraria Assimilata Passiva (V.N.A.P) Non numeraria negativa di reddito Oggetto di conto Debiti verso fornitori Merci c/acquisti Sezione Valori Avere Dare

33 2) Rilevazione contabile nel Libro giornale (ordine cronologico) x operazione n. 1 D A Merci c/acquisti Debiti verso fornitori ) Iscrizione nei conti di mastro secondo le regole di rilevazione (ordine sistematico) Merci c/acquisti Debiti verso fornitori Dare Avere Dare Avere (1) (1) La rilevazione dei valori avviene per competenza temporale nel momento in cui è data esecuzione alla prestazione principale del contratto: consegna/spedizione dei beni; effettuazione dei servizi scambiati Si ricorda che per convenzione operativa si procede alla rilevazione dei valori nel momento in cui si dispone di una adeguata documentazione che comprovi l avvenuta esecuzione della prestazione non monetaria dello scambio (competenza contabile). 33

34 Momento di formazione dei valori e conti d ordine (cenni) Il momento di formazione dei valori invece si ha con l incontro tra le volontà dei contraenti, cioè stipulazione del contratto. Le problematiche connesse alla differenziazione temporale fra il momento di formazione e quello di rilevazione dei valori è risolto con l utilizzo di un sistema contabile sussidiario. I valori formati (ma non ancora rilevabili nella contabilità generale) sono rilevati nel sistema contabile sussidiario dei CONTI D ORDINE, in particolare nei conti accesi agli impegni. La funzione dei conti d ordine è quella di rilevare valori che NON INFLUISCONO sulla situazione economica (reddito di esercizio), patrimoniale e finanziaria (capitale di funzionamento) del periodo considerato, ma sono rilevanti per la comprensione del sistema di opportunità e vincoli allo svolgimento della gestione futura. 34

35 Le scritture di assestamento dei valori Le scritture di assestamento svolgono la funzione di integrare e rettificare i valori già rilevati nel corso di svolgimento del periodo amministrativo al fine di determinarne la competenza economica in ragione di esercizio. I valori che sorgono per effetto degli scambi sono rilevati per competenza temporale nel momento in cui è data esecuzione alla prestazione principale del contratto prescindendo da qualsiasi giudizio di competenza economica. Possiamo distinguere le scritture di assestamento nelle seguenti categorie: scritture di integrazione; scritture di rettifica; scritture di ammortamento. Le scritture di integrazione o di imputazione mirano ad attribuire all esercizio componenti positivi o negativi di reddito (CE) non ancora rilevati nelle scritture sistematiche (Co.Ge.), ma che sono di competenza economica, in tutto o in parte, dell esercizio stesso. 35

36 Le scritture di rettifica o di storno hanno lo scopo di rinviare all esercizio o agli esercizi futuri componenti positivi o negativi di reddito (CE) già rilevati nelle scritture sistematiche (Co.Ge.), ma che sono di competenza economica, in tutto o in parte, degli esercizi successivi. Le scritture di ammortamento* sono relative al processo di ammortamento delle immobilizzazioni tecniche (fattori produttivi ad utilità pluriennale) iscritte quali elementi attivi del capitale di funzionamento nello Stato Patrimoniale La quota di ammortamento misura il contributo (l utilità) erogato dal fattore produttivo ad utilità pluriennale all ottenimento delle produzioni dalla cui cessione sono scaturiti i ricavi realizzati nel periodo amministrativo considerato; misura la quota parte del costo del fattore produttivo avente un utilità pluriennale che economicamente si correla ai ricavi realizzati nell esercizio. *dovrebbero rientrare, in realtà, nella più ampia categoria delle scritture di rettifica 36

37 Con le scritture di integrazione o di imputazione si imputano a Conto Economico (quote di) componenti di reddito di competenza dell esercizio attraverso la rilevazione in sede di redazione del bilancio di esercizio di RATEI ATTIVI e PASSIVI, (quote di) FONDI COSTI FUTURI e (quote di) FONDI RISCHI. Con le scritture di rettifica o di storno si stornano dal Conto Economico e si rinviano al futuro (quote di) componenti di reddito di competenza dell esercizio/i futuro/i attraverso la rilevazione in sede di redazione del bilancio di esercizio di RISCONTI ATTIVI e PASSIVI e RIMANENZE di ESERCIZIO. Il rispetto del fondamentale principio della competenza economica in ragione di esercizio avviene considerando (la quota di) costo sostenuto che dovrà essere rinviato in quanto troverà copertura nei futuri ricavi di vendita. Con le scritture di ammortamento si imputano al Conto Economico quote di ammortamento che contabilmente rettificano indirettamente, tramite la creazione di un FONDO di ammortamento il costo sostenuto per fattori produttivi ad utilità pluriennale iscritti quali elementi attivi del capitale di funzionamento nello Stato Patrimoniale. 37

38 Tra le scritture di imputazione* abbiamo volutamente omesso le ipotesi relative alle FATTURE da EMETTERE per beni consegnati o servizi resi, alle FATTURE da RICEVERE per beni ricevuti o servizi ottenuti, agli interessi attivi o passivi da LIQUIDARE in quanto i connessi valori non numerari devono trovare rilevazione sebbene al termine del periodo amministrativo ed in sede di redazione del bilancio di esercizio, sulla base del principio di competenza temporale. acquisti e vendite di beni: i valori relativi si riconnettono a scambi già avvenuti in quanto la consegna è stata effettuata; interessi: lo scambio si considera avvenuto in base al trascorrere del tempo o all impiego della risorsa; prestazioni di servizi: lo scambio si considera avvenuto nel momento in cui il servizio è stato eseguito, reso, erogato; indipendentemente dalla disponibilità di un documento amministrativo che rappresenta la fonte primaria (per convenzione contabile) per la rilevazione in Co.Ge. * da segnalare peraltro una certa identità terminologica 38

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Sede di Fano Corso di Ragioneria Generale e Applicata I PARTE APPLICATA CONTABILITA GENERALE 1 Cosa si studia nel Corso

Dettagli

CONTABILITÀ ECONOMICA

CONTABILITÀ ECONOMICA CONTABILITÀ ECONOMICA PREVISIONE LIQUIDAZIONE RILEVAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI RICLASSIFICAZIONE DEI MOVIMENTI MONETARI IN BASE ALLA CAUSALE ECONOMICA: DI CAPITALE FINANZIARIO E DI REDDITO RILEVAZIONE

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LA CONTABILITA GENERALE D IMPRESAD 1 LA CONTABILITA GENERALE DI IMPRESA SISTEMI DI RILEVAZIONE SISTEMI CONTABILI I sistemi contabili d azienda riguardano l oggetto e l

Dettagli

LA CONTABILITA GENERALE

LA CONTABILITA GENERALE LA CONTABILITA GENERALE 1 LA CONTABILITA GENERALE SISTEMI DI RILEVAZIONE SISTEMI CONTABILI I sistemi contabili d azienda riguardano l oggetto e l estensione delle rilevazioni d azienda. I sistemi contabili

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

La contabilità generale

La contabilità generale La contabilità generale III classe ITC Prof. Luigi Trojano 1 Struttura SIA integrato SIA integrato Sottosistema Contabile raccoglie e coordina le informazioni riguardanti le operazione di gestione interna

Dettagli

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE

DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE 1 CORSO BASE DI CONTABILITA' BILANCIO e DIRITTO TRIBUTARIO 2011 1 MODULO REGOLE BASE DI CONTABILITA DOTT. TOMASELLO GIUSEPPE DOTTORE COMMERCIALISTA CONSULENTE DEL LAVORO REVISORE LEGALE PROGRAMMA La rilevazione

Dettagli

CONTABILITA GENERALE REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI SCRITTURE DI COSTITUZIONE

CONTABILITA GENERALE REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI SCRITTURE DI COSTITUZIONE CONTABILITA GENERALE 15 REGOLE PER LE REGISTRAZIONI CONTABILI E SCRITTURE DI COSTITUZIONE 3 novembre 2006 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 Contabilità Generale

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

I sistemi di rilevazione patrimoniale e reddituale a confronto **

I sistemi di rilevazione patrimoniale e reddituale a confronto ** Corso di Analisi di bilancio. A. A. 2012/2012 Ricerca personale I sistemi di rilevazione patrimoniale e reddituale a confronto ** Salvatore Marcianò **Il Docente non interviene nell elaborazione delle

Dettagli

Corso Base di Formazione per dipendenti e collaboratori di studi professionali Martedì 1 aprile 2014

Corso Base di Formazione per dipendenti e collaboratori di studi professionali Martedì 1 aprile 2014 Corso Base di Formazione per dipendenti e collaboratori di studi professionali Martedì 1 aprile 2014 LA GESTIONE 3 E l insieme delle scelte e delle azioni che si compiono in vista del perseguimento del

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO

IL SISTEMA INFORMATIVO LEZIONE 15 DAL MODELLO DELLE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO AL MODELLO CONTABILE RIPRESA DEL CONCETTO DI SISTEMA AZIENDALE = COMPLESSO DI ELEMENTI MATERIALI E NO CHE DIPENDONO RECIPROCAMENTE GLI UNI DAGLI ALTRI

Dettagli

CICLO DI GESTIONE CICLO DI GESTIONE

CICLO DI GESTIONE CICLO DI GESTIONE CICLO DI GESTIONE CICLO DI GESTIONE Entrate mezzi monetari e simili Entrate mezzi monetari e simili Finanziamenti Investimenti Trasformazioni Disinvestimenti Rimborsi o Remunerazioni Uscite mezzi monetari

Dettagli

LA CONTABILITÀ GENERALE

LA CONTABILITÀ GENERALE LA CONTABILITÀ GENERALE OGGETTO: IL SISTEMA DELLE OPERAZIONI DI GESTIONE SCOPO: 1) DETERMINAZIONE PERIODICA CAPITALE DI FUNZIONAMENTO E REDDITO 2) CONTROLLO CONTINUO MOVIMENTI FINANZIARI ED ECONOMICI STRUMENTO:

Dettagli

IL CONTO: CONCETTO E FUNZIONAMENTO

IL CONTO: CONCETTO E FUNZIONAMENTO LEZIONE IL CONTO: LO STRUMENTO DELLA CONTABILITÀ ECONOMICA PROF. MARCO SORRENTINO Indice 1 IL CONTO: CONCETTO E FUNZIONAMENTO --------------------------------------------------------------------- 3 1.1.

Dettagli

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali

Le rimanenze finali. Nella prima fase si rileverà il costo sospeso nell apposito conto Merci 31.12.2001. Merci a Merci c/rimanenze finali Le rimanenze finali Durante l esercizio le imprese sostengono costi relativi a: l acquisto di materie prime e merci; la trasformazione delle materie prime in prodotti finiti; la gestione e l immagazzinamento

Dettagli

Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA

Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA Capitolo VI. MODELLI DI RAPPRESENTAZIONE DELL ECONOMICITA 1 CONOSCERE PER DECIDERE I soggetti coinvolti nella vita dell azienda hanno il diritto e il dovere di conoscere le condizioni del suo svolgimento,

Dettagli

Economia Aziendale. Lezione 1

Economia Aziendale. Lezione 1 Economia Aziendale Pagina 2 Contenuto didattico Le operazioni di gestione Il sistema delle rilevazioni contabili Lo strumento principale per le rilevazioni contabili: il conto La rilevazione tra sistema

Dettagli

IL CONTO (1 ) + cassa - cassa. Motivi: Ottenimento finanziamento Vendite per contanti Incasso crediti

IL CONTO (1 ) + cassa - cassa. Motivi: Ottenimento finanziamento Vendite per contanti Incasso crediti IL CONTO (1 ) Dare CASSA Avere + cassa - cassa Motivi: ❿ ❿ ❿ Ottenimento finanziamento Vendite per contanti Incasso crediti Motivi: ❿ ❿ ❿ Rimborso finanziamento Acquisti per contanti Pagamento debiti 1

Dettagli

La rilevazione (2) Il conto Il metodo della partita doppia Il sistema del reddito

La rilevazione (2) Il conto Il metodo della partita doppia Il sistema del reddito La rilevazione (2) Il conto Il metodo della partita doppia Il sistema del reddito 1 Approfondiamo la Contabilità Generale Essa: raccoglie quel complesso di rilevazioni concernenti i soli fenomeni di gestione

Dettagli

Contabilità e bilancio (Contabilità Generale & Analitica) Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo

Contabilità e bilancio (Contabilità Generale & Analitica) Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Contabilità e bilancio (Contabilità Generale & Analitica) Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, 21 gennaio 2013 CONTABILITÀ La contabilità Generale (Co.Ge.) è un sistema informativo che tiene

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

RACCORDO CON TEMATICHE I - II E III SOTTOPERIODO I E II SOTTOPERIODO: AZIENDA FATTI DI GESTIONE

RACCORDO CON TEMATICHE I - II E III SOTTOPERIODO I E II SOTTOPERIODO: AZIENDA FATTI DI GESTIONE RACCORDO CON TEMATICHE I - II E III SOTTOPERIODO I E II SOTTOPERIODO: AZIENDA FATTI DI GESTIONE SCHEMA ATTIVITA COMPLESSIVA GRANDEZZE CHE CARATTERIZZANO LA GESTIONE TABELLA A DOPPIA ENTRATA EQUAZIONI EQUILIBRIO

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

Il ciclo di approvvigionamento

Il ciclo di approvvigionamento 1 Il ciclo di approvvigionamento Gli acquisti imponibili Al momento del ricevimento della fattura di acquisto (regolamento a 30 gg.), si ha : V. E. - V. E. + Materie c/acquisti 100 Iva ns. credito 21 Debiti

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Scopo contabilità determinare: Reddito di esercizio Patrimonio di funzionamento Passaggio da valori contabili a valori di bilancio Determinazione della corretta competenza

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA PRINCIPI DIBASE METODO DELLA PARTITA DOPPIA CORSO CONTABILITA GENERALE E DEL PERSONALE I.T.C PIAGGIA VIAREGGIO Non si può gestire un azienda e redigere il bilancio senza tenere una contabilità. La contabilitàgenerale

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

MANIFESTAZIONE NUMERARIA

MANIFESTAZIONE NUMERARIA LA PARTITA DOPPIA Oggetto del corso di contabilità sono le rilevazioni contabili effettuate con il metodo della Partita Doppia applicata al sistema del reddito. I principi su cui si fonda la Partita Doppia

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI

18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI CONTABILITA GENERALE 18 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 17 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La

Dettagli

LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI

LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI LEZIONE N. 2 LA DINAMICA DEI MEZZI FINALITA DELLA DINAMICA DEI MEZZI 1) Evidenziazione delle dinamiche economico-aziendali 2) Rappresentazione della composizione patrimoniale dell impresa 3) Determinazione

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RIFORMA FEDERALISTA E ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI CONTABILITÀ E BILANCIO PUBBLICI Torino, maggio 2013 MASTER in Management delle Aziende Pubbliche e delle Aziende

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 4 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e B) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3)

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

2. SISTEMI CONTABILI 3. METODI CONTABILI

2. SISTEMI CONTABILI 3. METODI CONTABILI 2. SISTEMI CONTABILI 10 Parte prima - Teoria I sistemi di rilevazione che si avvalgono di un insieme di conti, tra loro collegati e costituiti in sistema, assumono la denominazione di «sistemi contabili».

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Le rilevazioni contabili

Le rilevazioni contabili Le rilevazioni contabili Una rilevazione contabile consiste nella raccolta e nella elaborazione dei dati relativi alla gestione, al fine di rappresentarli e interpretarli. Le rilevazioni contabili si concretano

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento sono le scritture di fine periodo che modificano, con operazioni di storno e di integrazione, i «dati grezzi» desunti dalla contabilità generale

Dettagli

DISPENSA SU BILANCIO D ESERCIZIO DINAMICA DEI MEZZI

DISPENSA SU BILANCIO D ESERCIZIO DINAMICA DEI MEZZI CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE CDL IN SCIENZE STATISTICHE ED ECONOMICHE PROF. GIANLUCA GIRONE A.A. 2011/2012 DISPENSA SU BILANCIO D ESERCIZIO DINAMICA DEI MEZZI 1 FINALITA DELLA DINAMICA DEI MEZZI 1) Evidenziazione

Dettagli

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi -

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - 71 - Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - Il Titolo 3 delle uscite è costituito dai rimborsi di prestiti e dalle anticipazioni di cassa. La contrazione di mutui a titolo oneroso

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 ..... Bilancio e contabilità... Armonizzazione contabile degli enti territoriali Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 di Stefano Ranucci

Dettagli

La gestione e la dinamica dei valori. Investimento e disinvestimento, La rappresentazione nel prospetto fonti e impieghi

La gestione e la dinamica dei valori. Investimento e disinvestimento, La rappresentazione nel prospetto fonti e impieghi Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it La

Dettagli

IL METODO CONTABILE PER IL CONTROLLO DEL SISTEMA AZIENDALE

IL METODO CONTABILE PER IL CONTROLLO DEL SISTEMA AZIENDALE IL METODO CONTABILE PER IL CONTROLLO DEL SISTEMA AZIENDALE IL SISTEMA DI VALORI ESPRESSIVI E QUANTIFICATIVI DEI FATTI DI GESTIONE DELLA REALTA AZIENDALE TROVANO UN APPROPRIATA RAPPRESENTAZIONE ATTRAVERSO

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

La gestione e la dinamica dei valori - Il finanziamento - La rappresentazione nel prospetto fonti e impieghi

La gestione e la dinamica dei valori - Il finanziamento - La rappresentazione nel prospetto fonti e impieghi Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it La

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Libro di testo da pag. 147 a pag. 169 + da pag. 216 a 228

Libro di testo da pag. 147 a pag. 169 + da pag. 216 a 228 Libro di testo da pag. 147 a pag. 169 + da pag. 216 a 228 Per affrontare in modo efficace questa unità didattica, prerequisito essenziale è la capacità di saper RICONOSCERE i CONTI FINANZIARI dai CONTI

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA

ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA ATTIVITA DIDATTICA INTEGRATIVA A. A. 2010 / 2011 ECONOMIA AZIENDALE E PRINCIPI DI CONTABILITA 1 IL SISTEMA DEL CAPITALE E DEL RISULTATO ECONOMICO I FATTI DI GESTIONE DELLA REALTA AZIENDALE SONO RAPPRESENTATI

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte)

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) 1 REDDITO flusso di ricchezza che, in un definito arco temporale di vita dell impresa, per effetto della gestione,! incrementa il valore del capitale

Dettagli

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI

CHIUSURA GENERALE DEI CONTI CHIUSURA GENERALE DEI CONTI Una volta effettuate le scritture di assestamento per la determinazione della competenza economica dei costi e dei ricavi, si procede all'epilogo dei conti al "Conto del Risultato

Dettagli

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC Gli acquisti e il loro regolamento Classe III ITC L acquisto dei fattori produttivi Rappresenta un operazione di investimento che genera costi Classificazione dei fattori produttivi pluriennali = beni

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC

Albez edutainment production. Il reddito. Classe III ITC Albez edutainment production Il reddito Classe III ITC Alla fine di questo modulo sarete in grado di: Conoscere la condizione di equilibrio economico di un impresa Conoscere la classificazione dei costi

Dettagli

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE I. SCRITTURE DI COSTITUZIONE Dott. Sacchi Enrica sacchien@yahoo.it 20 ottobre 2011 Ragioneria Generale e Applicata - La contabilità generale 1 Scritture Contabili Come detto, le

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO

INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO INTRODUZIONE ALLA LETTURA E COMPRENSIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PER GIURISTI III INCONTRO LE COMPONENTI DEL REDDITO DI ESERCIZIO - Rilevazioni contabili durante l esercizio, anche dette VARIAZIONI DI

Dettagli

Contabilità e bilancio (Equazione di Bilancio)

Contabilità e bilancio (Equazione di Bilancio) Contabilità e bilancio (Equazione di Bilancio) Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, Febbraio 2015 Equazione di bilancio (Destinazione) (Provenienza) 2 PREMESSA Per costituire e avviare un azienda

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

Capitolo 4 L analisi per flussi

Capitolo 4 L analisi per flussi Capitolo 4 L analisi per flussi Sommario 1. Flussi e fondi di valori. - 2. Rapporto tra flussi e fondi. Esemplificazioni. - 3. La classificazione dei flussi e dei fondi. - 4. I flussi e i fondi nella contabilità

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 09, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

Scritture di costituzione dell azienda. I. scritture di costituzione dell azienda; 2. CONTABILITA GENERALE. Scritture Contabili

Scritture di costituzione dell azienda. I. scritture di costituzione dell azienda; 2. CONTABILITA GENERALE. Scritture Contabili 2. CONTABILITA GENERALE Scritture Contabili Come detto, le scritture contabili possono essere suddivise nei seguenti raggruppamenti: I. SCRITTURE DI COSTITUZIONE Dott. Antonio Rizzuto antonio.rizzuto@uniurb.it

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati

La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati La rilevazione contabile di ratei, risconti, costi e ricavi anticipati Alla data odierna i bilanci approvati nei 120 giorni, entro cioè il 30 aprile, risulteranno essere tutti depositati. Per le società

Dettagli

Capitolo 2 - Appendice A IL PIANO DEI CONTI

Capitolo 2 - Appendice A IL PIANO DEI CONTI Capitolo 2 - Appendice A IL PIANO DEI CONTI a cura di Nicola Pecchiari L insieme di conti utilizzati - il cd. piano dei conti - deve essere definito preliminarmente allo svolgimento delle rilevazioni contabili

Dettagli

2. CONTABILITA GENERALE I. SCRITTURE DI COSTITUZIONE

2. CONTABILITA GENERALE I. SCRITTURE DI COSTITUZIONE 2. CONTABILITA GENERALE I. SCRITTURE DI COSTITUZIONE 1 Scritture Contabili Come detto, le scritture contabili possono essere suddivise nei seguenti raggruppamenti: I. scritture di costituzione dell azienda;

Dettagli

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000.

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000. OPERAZIONE 1 Acquisto di attrezzature per 15.000, IVA 20%, regolamento con assegno bancario; ASPETTO ORIGINARIO: VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA

Dettagli

La liquidazione dell IVA (cenni teorici)

La liquidazione dell IVA (cenni teorici) La liquidazione dell IVA (cenni teorici) L IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) è un imposta indiretta che si applica alle cessioni di beni, alle prestazioni di servizi ed alle importazioni. Sulla base delle

Dettagli

Bilancio: l attivo circolante e le passività

Bilancio: l attivo circolante e le passività Bilancio: l attivo circolante e le passività e il passivo Riferimenti normativi e disposizioni contabili 2424-2424 bis -2426-2427 c.c. - Rappresentazione, definizione, valutazione e informazioni integrative

Dettagli

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità

Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità Il rendiconto finanziario dei flussi di liquidità Dai flussi di CCN ai flussi di liquidità La risorsa finanziaria liquidità è operazionalizzata come nel principio OIC 12, ovvero è da intendere come somma

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI - MILANO

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI - MILANO A.S. 2012/2013 Pagina 1 di 6 Conoscenze Abilità Competenze professionali MODULO 1 L azienda e la sua organizzazione 1. 1. L azienda, il contesto in cui opera, delocalizzazione e globalizzazione dei mercati

Dettagli

INDICE ( 1 ) PARTE PRIMA CONCETTI FONDAMENTALI DELLA RAGIONERIA CAPITOLO I L AZIENDA CAPITOLO II IL CAPITALE O PATRIMONIO

INDICE ( 1 ) PARTE PRIMA CONCETTI FONDAMENTALI DELLA RAGIONERIA CAPITOLO I L AZIENDA CAPITOLO II IL CAPITALE O PATRIMONIO INDICE ( 1 ) PARTE PRIMA CONCETTI FONDAMENTALI DELLA RAGIONERIA CAPITOLO I L AZIENDA 1.1. Analisi del concetto di azienda.... pag. 3 1.2. Azienda e ambiente....» 11 1.3. Tipologie di aziende....» 14 1.4.

Dettagli

CAPITOLO QUARTO L ANALISI PER FLUSSI

CAPITOLO QUARTO L ANALISI PER FLUSSI CAPITOLO QUARTO L ANALISI PER FLUSSI Sommario: 1. Flussi e fondi di valori. - 2. Rapporto tra flussi e fondi. Esemplificazioni. - 3. La classificazione dei flussi e dei fondi. - 4. I flussi e i fondi nella

Dettagli

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI.

TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. TECNICA DI DETERMINAZIONE DEL FLUSSO DI CASSA BASATA SUL CONFRONTO TRA STATI PATRIMONIALI SUCCESSIVI. SP0 SP1 SP2 FCND1 FCND2 Analizziamo le voci che compongono lo Stato Patrimoniale. SP31/12/t0 SP31/12/t1

Dettagli

CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI

CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE A.S. 2014-2015 CLASSE III SEZ. A INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING PROF. ANGELO BITORZOLI MODULO 1. L azienda e la sua organizzazione Unità 1 L azienda, il contesto

Dettagli

Ragioneria Generale ed Applicata

Ragioneria Generale ed Applicata Ragioneria Generale ed Applicata Corso 00-49 Lezione 1 Prof.ssa Anna Paris anna.paris@unisi.it Università degli Studi di Siena Dip. di Studi Aziendali e Giuridici AA. 2014-15 Sommario La gestione e il

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia. Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Economia Metodologie e Determinazioni Quantitative d Azienda II canale (E-O) Simona Arduini Appunti in tema di contabilità A.A. 2003-2004 Appunti di contabilità

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE RIPASSO GENERALE DELLE REGOLE DI PARTITA DOPPIA NON È MATERIALE DIDATTICO DA STUDIARE AI FINI DEL CORSO DI ECONOMIA DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE D'IMPRESA A.A. 2010/2011

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale I RISULTATI ECONOMICI e FINANZIARI tendono a divergere: Corso di Finanza aziendale La dinamica finanziaria Risultato economico: somma algebrica costi e ricavi flussi reddituali comprende poste derivanti

Dettagli

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Dispensa lezione 4 Contabilità Il bilancio d esercizio 4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Abbiamo visto che la gestione di un impresa si compie tramite una serie di operazioni tra loro coordinate.

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE. Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE. Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia 1 ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia 2 IL BILANCIO CONSOLIDATO I metodi di consolidamento 6) LE VARIAZIONI SUCESSIVE AL PRIMO

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2015-2016. Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 5 Reddito e capitale

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2015-2016. Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 5 Reddito e capitale Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2015-2016 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 5 Reddito e capitale 1 Stru%ura del corso Introduzione Economia Aziendale e Ragioneria

Dettagli