IL MODELLO DI BUSINESS DI BANCA IFIS E IL MERCATO DEL FACTORING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MODELLO DI BUSINESS DI BANCA IFIS E IL MERCATO DEL FACTORING"

Transcript

1 UNIVERSITÀ CARLO CATTANEO - LIUC SCUOLA DI ECONOMIA e MANAGEMENT Corso di Laurea Magistrale in Economia Aziendale, indirizzo Banche, Mercati e Finanza d Impresa IL MODELLO DI BUSINESS DI BANCA IFIS E IL MERCATO DEL FACTORING Tutor: Nicola Colavito Paper di: Emanuele Antonino Poletti Alessio Teruggi Emanuele Micaela Zanzi Anno Accademico

2 INDICE INDICE PREMESSA BANCA IFIS E IL SUO MODELLO DI BUSINESS IL FACTORING COS E IL FACTORING? CARATTERISTICHE DISTINTIVE DEL FACTORING TIPOLOGIE DI FACTORING I COSTI DEL FACTORING ANALISI DEL MERCATO DEL FACTORING E ANALISI DEI DATI DI BANCA IFIS MERCATO DEL FACTORING MONDIALE MERCATO FACTORING ITALIANO MERCATO DEL FACTORING DI BANCA IFIS BANCA IFIS: IL FUNDING ATTRAVERSO I TITOLI DI STATO NOT PERFORMING LOANS CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA

3 PREMESSA Il paper nasce dal desiderio di meglio analizzare il funzionamento di un intermediario finanziario. Più nello specifico, si è scelto di approfondire il modello di business di Banca IFIS, istituto di credito specializzato nella riscossione di crediti commerciali tramite la tecnica del factoring, ma che recentemente ha attirato l attenzione su di sé per le politiche di investimento riguardanti il proprio portafoglio di Titoli di Stato. Il caso di Banca IFIS è un argomento eclettico, che ci permette di analizzare più nel dettaglio il bilancio e il funzionamento di un intermediario finanziario e nello stesso tempo di parlare di factoring in una fase come questa di credit crunch. L elaborato si divide quindi in più parti. La prima parte prevede la presentazione di Banca IFIS e del suo modello di business, cui segue un analisi dei principali indicatori di bilancio. Prima di analizzare la divisione factoring di Banca IFIS, è presente un breve inquadramento teorico dello strumento ed un analisi del mercato, sia a livello internazionale che nazionale. Il focus dell analisi si sposta quindi su due altre importanti aree di business. Per prima, abbiamo analizzato il Portafoglio Titoli di Banca IFIS, in quanto principale driver della crescita negli ultimi anni. In secondo luogo, abbiamo scelto di fare un breve cenno riguardante i Not Performing Loans ovvero i crediti deteriorati che rappresentano oggi più che mai una vera e propria opportunità di business con importanti tassi di crescita. I player esteri hanno ultimamente mostrato interesse nei portafogli Not Performing italiani, interesse crescente legato ai volumi dei crediti potenzialmente cedibili, complice anche la diminuzione del rischio Paese che ha catturato l attenzione degli operatori internazionali. Al fine di svolgere un analisi più puntuale di Banca IFIS, ci siamo avvalsi della collaborazione dell Ufficio Investor Relator, nella persona Dottoressa Pamela Simonotto, che ha prontamente risposto ai nostri quesiti mettendoci in contatto con il Dottor Gabriele Giubilato, tesoriere del Gruppo, e con i diversi uffici delle aree di business. 3

4 BANCA IFIS E IL SUO MODELLO DI BUSINESS Il gruppo Banca IFIS è, in Italia, l unico operatore indipendente specializzato nella filiera del credito commerciale, del credito finanziario di difficile esigibilità e del credito fiscale. La società nasce nel 1983 a Genova grazie al suo fondatore Sebastien Egon Fürstenberg, attuale presidente e azionista di riferimento. Nel 2002 la società inizia ad esercitare attività bancaria e viene ammessa al mercato telematico azionario. Aderisce inoltre a Factor Chain International, assumendo sin da subito un ruolo primario nel contesto europeo grazie al suo modello di business peculiare ed al ruolo di operatore indipendente. Nel 2004 si quota sul segmento STAR di Borsa Italiana. Nel 2006 acquisisce Fidis Faktoring Polka, operatore polacco specializzato nel factoring, per l indotto della produzione locale del gruppo Fiat, penetrando così nel mercato polacco. Nel 2008 diversifica la propria raccolta attraverso rendimax, il conto deposito online ad alto rendimento. Nel 2010 viene sottoscritto un aumento di capitale di 50 milioni di Euro per sostenere gli impieghi e lo sviluppo delle attività del gruppo, oltre che per rafforzare il Core Tier 1, come imposto dalle Autorità di vigilanza competenti. Nel 2011 riceve l autorizzazione da Banca d Italia per l OPA su Toscana Finanza, dedicata all acquisizione pro- soluto e gestione dei crediti di difficile esigibilità; avvia inoltre una Joint Venture in India. Infine, nel 2013 nascono contomax, nuovo conto corrente crowd di Banca IFIS, e Credi Impresa Futuro, nuovo marchio dedicato al supporto del credito commerciale delle PMI che operano nel mercato domestico. Le principali aree di business del gruppo sono: supporto alle PMI nella gestione del credito commerciale attraverso il marchio Banca IFIS ; supporto alle imprese che hanno intrapreso un percorso di sviluppo all estero mediante il marchio Banca IFIS International ; supporto ai grandi fornitori delle ASL nella gestione dei propri crediti attraverso Banca IFIS Pharma ; acquisizione e gestione di crediti finanziari non performing (NPL) attraverso lo specifico know how dell area NPL; supporto alle attività connesse al settore dei crediti fiscali. Per meglio analizzare la realtà di Banca IFIS e la sua crescita negli ultimi anni, si è deciso di prendere in considerazione alcuni importanti indici di Bilancio, nel periodo tra il 2006 e il

5 In particolare, abbiamo preso in considerazione: ROE: Return On Equity: È un indice di redditività del capitale proprio. Esprime in massima sintesi i risultati economici dell azienda. E calcolato come rapporto tra l utile netto e la media ponderata del capitale proprio, sovrapprezzi e riserve, escluse le riserve da valutazione.; ROA: Return On Asset: E un indice di bilancio che misura la redditività del capitale investito. Tale indice viene calcolato come rapporto tra utile dell operatività corrente al lordo delle imposte e totale dell'attivo; ROCA: Return On Core Assets: E un indicatore della redditività delle attività dedicate al core business. Viene calcolato come rapporto tra utile lordo diminuito delle rendite nette dei titoli di debito e il totale dell'attivo esclusi i titoli di debito; COST/INCOME RATIO: Rapporto tra i costi operativi e il margine d intermediazione. È uno dei principali indicatori dell efficienza gestionale della banca: minore è il valore espresso da tale indicatore, maggiore sarà l efficienza della banca; CREDITI IN SOFFERNZA NETTI/CREDITI VERSO CLIENTELA: E il rapporto tra i crediti in sofferenza (esposizioni verso un soggetto in stato di insolvenza) e il totale tra crediti in essere ad una determinata data; CORE TIER 1: ll Core Tier 1 è uno dei principali coefficienti patrimoniali, che vengono considerati per misurare la solidità di ogni banca. Si tratta del capitale primario di un istituto: è formato dalle azioni, dalle riserve di bilancio provenienti da utili non distribuiti al netto delle imposte. Più il Core Tier 1 è elevato, più la banca è solida. Negli stress test dell Autorità Bancaria Europea (EBA) la soglia minima era del 5%, ora la UE ha chiesto di portarla all 8%. I dati a dicembre 2012 sono i seguenti: INDICE ROE ROA ROCA Cost/Income Ratio Crediti in sofferenza netti/crediti verso clientela Core Tier 1 VALORE 35,60% 1,50% 1% 27,90% 5% 12,92% Considerando invece gli indici negli ultimi anni, si può osservare il percorso di crescita di Banca IFIS. 5

6 ROE 40,00% 35,00% 30,00% 25,00% 20,00% 15,00% 10,00% Il presente grafico sottolinea la netta crescita del Return on Equity evidenziando come questo sia stato trascinato dall aumento dell utile negli anni considerati o dalla diminuzione dell equity. Banca IFIS tra il 2010 e il 2011 però aumenta il capitale sociale, cha da diventa Euro. Questo dovrebbe essere penalizzante a livello di ROE poiché aumentando il denominatore il ROE dovrebbe essere inferiore. Il ROE è quindi aumentato perché è aumentato l utile. Tale aumento può essere però dovuto ad un aumento del margine d interesse, un relativo aumento del margine di intermediazione o un aumento delle voci che stanno tra il margine d intermediazione e l utile (o diminuzione costi). Cerchiamo quindi di analizzare l andamento del margine d interesse e d intermediazione negli anni considerati ,00 L'evoluzione della marginalità , , , , ,00 Margine d'interesse Margine d'intermediazion e

7 Il grafico relativo alla marginalità mostra come questa si sia evoluta negli ultimi sette anni, sia in termini di margine d interesse sia in termini di margine d intermediazione. Il margine d interesse differisce dal margine d intermediazione nella misura in cui in quest ultimo sono comprese tra le altre voci anche le commissioni nette. Si può notare come, fino al 2011, il margine d intermediazione aumenti, mentre il margine d interesse rimanga quasi costante. Si può quindi dedurre in quegli anni siano aumentate notevolmente le commissioni, mentre gli interessi siano rimasti sostanzialmente invariati. Dal 2011 in poi, però, si noti che la differenza tra margine d interesse e il margine d intermediazione rimane costante. L aumento che si registra quindi tra il 2011 e il 2012 in termini di margine d intermediazione è dovuto ad un aumento degli interessi netti, e quindi del margine d interesse. Proprio nel 2011 Banca IFIS inizia ad avere in portafoglio Titoli di Stato. Cerchiamo ora di capire se l aumento del margine d interesse sia da collegarsi alla presenza dei Government Bond. 2,50% ROA vs ROCA 2,30% 2,10% 1,90% 1,70% 1,50% ROA ROCA 1,30% 1,10% 0,90% Il grafico evidenzia l andamento del ROCA e del ROA nel periodo considerato. Se fino al 2008 il ROCA aumenta, dal 2009 in poi diminuisce, fino a scendere sotto l 1%. Dallo scoppio della crisi in poi, la redditività creata dalle attività Core di Banca IFIS sembrerebbe sempre più diminuita. Se consideriamo però il ROA, questo dal 2009 al 2011 si mantiene costante e, nell ultimo anno, vede un importante aumento. Questi andamenti spiegano cosa è accaduto in Banca IFIS. Se dal 2008 in poi la redditività delle attività core è diminuita, la redditività complessiva della Banca si è mantenuta costante (ed è persino aumentata recentemente) grazie alle attività non core, prima tra tutte l investimento in Titoli di Stato, presenti in portafoglio dal 2011, anno in cui è iniziata l esplosione del ROA. E stato quindi questo investimento che ha permesso di compensare la decrescita delle altre attività. 7

8 COST/INCOME RATIO 45,00% 43,00% 41,00% 39,00% 37,00% 35,00% 33,00% 31,00% 29,00% 27,00% 25,00% Il rapporto tra costi operativi e margine d intermediazione dal 2010 in poi, nonostante il periodo di crisi, è diminuito. Per analizzare meglio le motivazioni di questo andamento, è utile inserire e commentare altri due grafici, che mostrano l andamento delle due componenti che creano il rapporto Costi Operativi Margine di intermediazione Come si evince da grafici, entrambe le componenti del Cost/Income Ratio sono aumentate nel periodo considerato. Il rapporto dovrebbe quindi mantenersi costante. E così è fino al Dal 2011 in poi, però, il rapporto diminuisce in modo considerevole. Tale andamento è dovuto ad un aumento del margine di intermediazione (che è il denominatore del rapporto) in modo più che proporzionale rispetto ai costi operativi (il numeratore del rapporto). 8

9 6,00% Sofferenze Nette/Crediti verso la Clientela 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% 1,00% 0,00% Il grafico mostra che le sofferenze costituiscono una parte sempre più preponderante dei crediti verso clientela. E questo un trend in linea con quello del mercato, che mostra un deciso aumento negli ultimi anni. Rispetto però al rapporto medio crediti in sofferenza netti/crediti verso clientela delle banche italiane, Banca IFIS presenta una percentuale decisamente inferiore. Se infatti la media di mercato a dicembre 2012 era del 13,3% 1, si può affermare Banca IFIS con il suo 5% abbia una qualità del credito migliore del mercato. 14,00% 13,00% 12,00% CORE TIER 1 11,00% 10,00% COR TIER 1 9,00% 8,00% Dati ABI Associazione Bancaria Italiana. 9

10 Il Core Tier 1 ha subito grandi variazioni nel periodo considerato. Se fino al 2009 è in costante diminuzione, tra il 2011 e il 2012 vede un importante aumento. L aumento tra il 2011 e il 2012 è dovuto all ingente utile di periodo, che ha incrementato il Core Tier 1. In linea generale, possiamo affermare che un aumento del Core Tier 1 sia dovuto ad una delle seguenti azioni: Aumento di capitale; Incremento dell Equity per effetto degli utili; Acquisto di protezione, tramite strumenti derivati quali CDS per diminuire il Risk Weighting di un singolo asset; Aumento del rating di un singolo asset, in modo da diminuire il capitale assorbito; Deleveraging: dismissione di parte dell attivo al fine di diminuire i RWA. In base alle informazioni in nostro possesso, quelle che abbiamo ricavato dai bilanci, non si può affermare con certezza quale delle azioni può aver influito sul Core Tier 1 di Banca IFIS. 10

11 IL FACTORING COS E il FACTORING? Il factoring è una tecnica finanziaria basata sulla cessione dei crediti commerciali da parte di un impresa. E un rapporto di carattere continuativo tra l impresa (cedente) e una società di factoring, ovvero un operatore specializzato (factor). L impresa si impegna a cedere una parte significativa dei propri crediti al factor, che, dietro un corrispettivo consistente in una commissione, finanzia l impresa attraverso il pagamento dei crediti prima della relativa scadenza. Il factoring prevede allo stesso tempo un servizio gestionale dei crediti, affiancando così l azienda nelle funzioni contabili, amministrative e finanziarie. Schema 1: Il Factoring L operazione di factoring si avvia con la valutazione del portafoglio crediti dell impresa da parte del factor. L analisi dei crediti è sia di carattere quantitativo sia di carattere qualitativo. L analisi quantitativa si pone l obiettivo di identificare il valore della quota dei crediti ceduti rispetto all ammontare complessivo di quelli detenuti dal cliente. L analisi qualitativa invece vuole indagare la tipologia, il rischio associato, l importo e la durata dei crediti. Durata e importo medio dei crediti commerciali sono due fattori critici da prendere in considerazione. La durata sottolinea come scadenze prolungate siano sintomo di una scarsa forza contrattuale dell impresa e/o una difficoltà finanziaria del cedente. L importo unitario dei crediti invece, se di ammontare ridotto, potrebbe far risultare l operazione di factoring antieconomica per le parti. Viene inoltre accertata la regolarità dei crediti del cedente, verificando l esistenza del rapporto commerciale sottostante, l assenza di controversie in corso tra le parti e valutando i rischi connessi al singolo debitore o al segmento dei debitori individuati. Effettuate le analisi di cui sopra, è il factor ad indicare i crediti accettati in cessione, definendo un plafond globale, a carattere rotativo, riconosciuto all azienda. 11

12 La cessione dei crediti può avvenire con due diverse tipologie, pro soluto e pro solvendo. Il factoring pro soluto prevede che sia il factor ad assumere completamente il rischio connesso all insolvenza del debitore. Nel factoring pro solvendo, il factor si rivale sul cedente, che si assume il rischio d insolvenza del debitore. I principali indicatori utilizzati per analizzare nel dettaglio l attività di un operatore sono: Turnover, ovvero il flusso lordo dei crediti ceduti dalla clientela alla società di factoring in un determinato intervallo di tempo (ad esempio un anno); L Outstanding, che rappresenta l importo dei crediti acquistati dal factor in essere ad una determinata data. Si tratta di un dato contabile di consistenza riferito alla data di chiusura dell esercizio, riscontrabile direttamente in bilancio quale principale posta dell attivo del factor. Per quanto riguarda i servizi di carattere gestionale e assicurativo offerti dall operatore, essi sono: Amministrazione, gestione e incasso dei crediti; Assistenza legale nella fase di recupero crediti; Valutazione dell affidabilità della clientela; Garanzia del buon fine dell operazione. Il servizio del factoring è offerto da società specializzate divisibili in factor bancari e factor finalizzati, da intermediari finanziari non bancari pluriprodotto e dalle banche. 12

13 FACTORING COMPONENTE di SERVIZI COMPONENTE FINANZIARIA SERVIZI GESTIONALI SERVIZI ASSICURATIVI Anticipazione su crediti Informazioni sui Debitori Gestione Portafoglio Crediti Contabilizzazione Riscossione Recupero Garanzia da insolvenza Scherma 2: I servizi del factoring CARATTERISTICHE DISTINTIVE DEL FACTORING Il factoring rappresenta uno strumento di copertura del fabbisogno finanziario di breve periodo di un impresa. Rispetto all articolata offerta disponibile sul mercato, esso si caratterizza per la rilevante componente di servizi al suo interno. La componente finanziaria del factoring consiste nello smobilizzo anticipato di crediti commerciali, che consente all impresa di accrescere il proprio livello di liquidità a fronte del costo finanziario da sostenersi per l anticipo concesso. Attraverso la tipologia del factoring pro soluto, il factoring non risulta essere solo una tecnica finanziaria e un servizio gestionale, ma anche uno strumento di gestione del rischio di credito per le imprese. In un rapporto di factoring esiste inoltre la possibilità di cedere crediti futuri derivanti da contratti di fornitura previsti ma non ancora completati. A differenza di altri strumenti di anticipo crediti, infatti, il factoring prevede una relazione duratura tra factor e cedente e tra 13

14 factor e debitori ceduti. Nel tempo il factor può raccogliere informazioni relative ai crediti ceduti e ai relativi debitori, contribuendo a ridurre il rischio dell operazione di cessione e costituendo così un servizio autonomo. Un elemento caratterizzante del factoring è sicuramente l approccio consulenziale nei confronti del cedente, che includono informazioni riguardanti l ingresso in nuovi possibili mercati e l affidabilità del singolo cliente, anche nella fase antecedente alla cessione del credito. Ricorrendo al servizio factoring in modo continuativo, il cedente può così esternalizzare classi di operazioni e fasi del processo produttivo legate alla gestione commerciale che richiedono un elevato grado di know- how e specializzazione, non sempre disponibili all interno dell impresa. Si deduce quindi che esistano delle imprese maggiormente propense all utilizzo del factoring. Le imprese più adatte sono: Imprese di recente costituzione; Imprese in fase di espansione; Imprese con grande componente di stagionalità; Imprese in cui la gestione del capitale circolante costituisce un aspetto strategico dell attività (per esempio, le imprese Cash Absorber); Imprese sane ma dotate di requisiti patrimoniali e finanziari inadeguati rispetto al giro d affari. TIPOLOGIE DI FACTORING In base all importanza del servizio finanziario e alle tipologie di servizi offerti, si possono individuare diverse tipologie di Factoring: Il Factoring completo, o Full Factoring, prevede che la società di factoring acquisti i crediti commerciali del cedente pro soluto su base continuativa, quando essi sorgono in relazione all attività commerciale del cliente, amministrandoli e controllandoli fino a scadenza; L International Factoring è il termine utilizzato per indicare operazioni in cui il creditore cedente e il debitore ceduto appartengano a due Paesi differenti. A sua volta, il factoring internazionale può essere: o Factoring all esportazione: quando il factor acquista i crediti dei fornitori nazionali (esportatori) verso gli acquirenti esteri; o Factoring all importazione: quando il factor acquista i crediti dei fornitori esteri (importatori) verso gli acquirenti nazionali. 14

15 Questo tipo di factoring prevede una gamma maggiore di servizi accessori, volti a semplificare alcuni problemi legati alla collocazione all estero del debitore/creditore. Tra gli altri, vengono offerti servizi relativi alle seguenti criticità: o Maggiori rischi dell operazione, primo fra tutti il rischio cambio; o Adempimento degli obblighi valutari imposti eventualmente dalle normative nazionali; o Diversità di trattamento giuridico concernente il trasferimento dei crediti; o Profitti contabili e fiscali. Nelle operazioni di International Factoring sono previsti quattro soggetti: le due controparti commerciali, domiciliate in Paesi diversi, un factor interno e uno esterno. L operazione di factoring viene così sdoppiata in due operazioni di factoring domestico e conclusa attraverso rapporti reciproci tra i factor, che normalmente fanno parte della medesima catena internazionale. Schema 3: Il factoring Internazionale La figura sopra riportata è un esempio di factoring all esportazione. In questo caso, il factor interno acquista dal fornitore i crediti che questi vanta nei confronti del cliente estero e li cede al factor estero. Il factor interno conclude il contratto di factoring con il fornitore e inizia a concedere anticipazioni sui crediti. Il factor estero approva i crediti e li gestisce fino all incasso, quando provvederà a trasferire la relativa disponibilità al factor interno. 15

16 I COSTI DEL FACTORING E ora utile fare un breve approfondimento riguardante i costi che il cedente deve sostenere per usufruire del servizio di factoring. Il factoring, a differenza di altri prodotti, comporta il pagamento di due tipi di costi: Costo finanziario: relativo all anticipazione del credito; o Interessi su anticipi, calcolati dal momento della concessione fino al saldo del credito. Costo amministrativo (commissione di factoring): relativo alla gestione e, nel caso del pro soluto, all assicurazione dei crediti; o Commissione factoring, in relazione alla durata, all importo medio delle fatture e al rischio. Per il factoring pro soluto la commissione sarà maggiore del factoring pro solvendo in quanto comprende una componente assicurativa per il cedente e espone il factor ad un maggior rischio; o Costi di istruttoria, in quota fissa all inizio del rapporto; o Costi connessi alla gestione delle fatture, costo unitario da moltiplicare per il numero complessivo dei documenti ceduti. La valutazione dei costi e dei benefici complessivi dell operazione di factoring impatta direttamente sulle variabili reddituali, finanziarie e gestionali dell impresa che lo utilizza. I costi tradizionali di gestione dei crediti vengono sostituiti esternalizzando le attività di amministrazione e controllo dei crediti, affidandole interamente al factor. Solo un permanente outsourcing di queste operazioni può realizzare un effettiva sostituzione dei costi fissi con i costi variabili con implicazioni sulla leva operativa aziendale. Inoltre l utilizzo del factoring consente all impresa cedente di rendere più equilibrata la propria struttura del passivo, diversificando le fonti di finanziamento e riducendo l esposizione verso l indebitamento tradizionale. 16

17 ANALISI DEL MERCATO DEL FACTORING E ANALISI DEI DATI DI BANCA IFIS MERCATO DEL FACTORING MONDIALE 2 Il Factoring è una tecnica finanziaria utilizzata a livello globale. Fin da quando è stato inventato, il factoring è stata una tecnica che ha riscosso parecchio successo, permettendo di smobilizzare crediti e garantire l esigibilità degli stessi. Negli ultimi anni, come mostra il grafico sottostante il trend positivo, è assolutamente confermato. Trend Turnover mondiale , ,00 +28,42% +22,24% +5,82% ,00 +14,78% +1,84% - 3,10% , , Il mercato mondiale ha fatto registrare un importante crescita negli ultimi anni: se si esclude il 2009, anno in cui il dato è influenzato dal momento di crisi che il mondo stava attraversando, negli ultimi sei anni il turnover mondiale è in costante crescita. Si evidenziano a tal proposito il +22,24% del 2011 e il +5,82% del Tutti i grafici nella presente sezione riportano dati in milioni di Euro 17

18 Trend Turnover internazionale ,00 +28,35% , ,00 +36,53% , ,00 +20,16% +22,10% - 7,465% +34,27% , , In questo grafico si vuole far notare, coma la crescita a livello mondiale sia trascinata in modo significativo dall aumento del Factoring internazionale. Ad esclusione del 2009, anno in cui inevitabilmente anche le esportazioni hanno risentito della crisi, il turnover generato dal factoring internazionale è sempre cresciuto a doppia cifra anno su anno. Anche in questo caso, evidenziamo il +35,53% nel 2011 e il +28,35% nel Tornando a guardare il fenomeno nella sua completezza, a livello globale, è possibile analizzare il contributo di ogni continente al fenomeno in termini di turnover. Infatti, il seguente grafico mostra il trend del turnover degli ultimi sette anni suddiviso per continenti ,00 Turnover per continente , , , , , ,00 Americas Europa Africa Asia Oceania

19 E possibile notare l assoluto predominio dell Europa, continente in cui la tecnica del Factoring viene molto utilizzata, anche se, soprattutto negli ultimi tre anni, si registra una costante crescita dell Asia trascinata, come vedremo, soprattutto dalla Cina. L'evoluzione dei principali attori negli ultimi 7 anni 100% 90% 80% 2,95% 5,83% 10,82% 13,01% 22,73% 24,81% 21,70% 30,63% 34,19% % 60% 50% 40% 30% 20% 10% 25,23% 24,02% 21,15% 20,60% 21,50% 19,61% 18,09% 26,56% 24,78% 22,54% 19,54% 18,55% 51,24% 50,62% 36,99% 37,81% 33,28% 30,00% 28,97% Cina Italy Francia Uk Totale 0% A tal proposito, il 2011 diventa un anno cruciale in termini di player. Per la prima volta, infatti, non sono più Regno Unito, Italia e Francia i primi tre attori a livello globale, ma s inserisce prepotentemente al primo posto la Cina, con un turnover pari a quasi 275miliardi di Euro ed un +78% rispetto al E importante notare inoltre che i primi quattro player in termini di turnover (Cina, Italia, Francia e UK, i player riportati nel grafico) complessivamente sono responsabili del 50% del turnover mondiale. 19

20 MERCATO FACTORING ITALIANO 3 Analizzato il fenomeno a livello macro, cerchiamo ora di approfondire l andamento del mercato del factoring rispetto al nostro Paese. 25,00% Variazione % Turnover 20,00% 15,00% 10,00% 5,00% 0,00% +22,24% +21,87% +16,60% +6,58% +5,82% +3,82% Italy Europa TOTAL WORLD Con riferimento al mercato italiano, che rappresenta l 8,53% del mercato mondiale e il 14% di quello europeo, nell ultimo anno si è registrato un rallentamento in termini di Turnover. Infatti il mercato, che nel 2011 cresceva del 21,87%, nel 2012 subisce un forte ridimensionamento, facendo registrare un +3,82%. Tale calo è maggiormente evidente se si paragona il trend italiano a quello europeo e mondiale negli ultimi due anni. Infatti, se nel 2011 la crescita del Turnover in Italia era in linea con quella mondiale e addirittura superiore a quella europea, nel 2012 lo scenario si modifica evidenziando che, oltre al rallentamento generale, la crescita italiana risulta inferiore sia a quella europea che a quella mondiale, con un turnover complessivo pari a circa 182 miliardi. 3 I grafici della presente sezione riportano dati in milioni di Euro 20

21 ,00 Turnover italiano a settembre , , , , ,00 set- 08 set- 09 set- 10 set- 11 set- 12 set- 13 Considerando i dati di Turnover al 30 settembre, dall anno 2008 all anno 2013, si può notare come il factoring abbia visto una forte crescita tra gli anni Outstanding Italiano , , , , , , ,00 mar- 08 mar- 09 mar- 10 mar- 11 mar- 12 mar- 13 Contemporaneamente, considerando l andamento dell Outstanding da inizio 2008 a settembre 2013 su base trimestrale, si può notare come ogni anno venga registrato un picco massimo nel mese di dicembre e di giugno. E possibile che in questi mesi vengano effettuate delle operazioni di importo maggiore in vista della chiusura dell esercizio e della stesura del bilancio, in quanto vi sono aziende interessate a mantenere predeterminati standard di rotazione crediti, di indici di 4 Abbiamo creato il grafico utilizzando i dati di settembre e non quelli di dicembre, sicuramente più significativi, in modo da poter utilizzare i dati anche dell anno 2013, e quindi avere un analisi più aggiornata. 21

22 liquidità e di incidenza del capitale circolante sul totale attivo. A questo fine le imprese cedono dei crediti a titolo definitivo in occasione delle semestrali e in chiusura d esercizio. Dal grafico si evidenzia inoltre come il trend sia comunque rialzista, a testimonianza di un sempre maggiore utilizzo del factoring da parte delle aziende negli ultimi anni. Analizzando più nel dettaglio i dati italiani, possiamo ulteriormente distinguerli per factoring pro soluto e pro solvendo , ,00 Pro Soluto e Pro Solvendo Pro Soluto Pro Solvendo , , , , , Considerando invece l outstanding diviso in operazioni pro soluto e pro solvendo, è possibile notare come, a partire dal 2008, anno in cui è scoppiata la crisi economico- finanziaria che stiamo vivendo, le operazioni pro solvendo si siano sostanzialmente mantenute stabili, mentre le operazioni pro soluto abbiano subito un importante aumento, andando a contribuire in maniera preponderante alla crescita del turnover complessivo. Questo fenomeno può essere spiegato cercando di analizzare le esigenze delle imprese in un periodo di crisi. In un periodo di recessione, infatti, le imprese tendono a cedere crediti per un importo maggiore e compreranno garanzia sui crediti ceduti: sarà quindi preferito il factoring pro soluto al pro solvendo. Analizziamo adesso l andamento del factoring in funzione della tipologia d intermediario finanziario che eroga il servizio. 22

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli