Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012"

Transcript

1 Università Commerciale Luigi Bocconi 27 Novembre

2 Indice CESSIONE PRO SOLUTO E PRO SOLVENDO: VANTAGGI E CRITICITA La causa del negozio: cessione a titolo oneroso, cessione solutoria, cessione a scopo di garanzia Cessione del credito e mandato irrevocabile all incasso Il contratto di factoring Rapporti tra cedente e cessionario Efficacia nei confronti del debitore ceduto e dei terzi Acquisto diretto dei crediti verso la P.A. e loro gestione

3 Cessione del credito: la causa del negozio La cessione del credito è disciplinata in via generale dall art e seguenti del Codice Civile e ha ad effetto la sostituzione di un nuovo creditore rispetto al precedente senza modificare gli altri elementi dell obbligazione. Può essere a titolo gratuito o oneroso ma necessita di un titolo idoneo affinchè possa essere considerato valido il trasferimento del credito. Cessione a titolo gratuito Atto di liberalità: se non modico, necessario l atto pubblico Cessione a titolo oneroso E previsto un corrispettivo: è la classica vendita del credito 1

4 Tipologie di cessione del credito La cessione del credito può avere finalità diverse dal semplice acquisto di uno o più crediti in cambio di denaro : 1. CESSIONE SOLUTORIA : quando la cessione è destinata all estinzione di un obbligazione Flussi finanziari precedente. attesi In tal caso l obbligazione precedente si estingue con la riscossione del credito. La differenza più importante con la cessione del credito semplice è che l eventuale surplus realizzato dal credito, nella cessione solutoria, DOVRA ESSERE RESTITUITO, nella vendita del credito, NO 2. CESSIONE A SCOPO DI GARANZIA: quando il debitore cede un proprio credito per garantire l adempimento di un obbligazione. Si distingue dalla precedente figura in quanto l obbligazione garantita non muta la propria esigibilità che ne resta indipendente dall esito del pagamento del credito ceduto. In tutti i casi, si verifica comunque, l EFFETTO TRASLATIVO DEL CREDITO CEDUTO. 2

5 CESSIONE DEL CREDITO E MANDATO IRREVOCABILE ALL INCASSO Le due tipologie negoziali, pur utilizzate, specie nella prassi bancaria, per gli stessi scopi, hanno natura ben distinta Flussi finanziari attesi Flussi finanziari attesi CESSIONE DEL CREDITO Trasferimento immediato del credito ad cessionario, A quali e quante tipologie di benefici ci si riferisce? unico legittimato a pretendere la prestazione dal debitore ceduto Efficacia normativa della soddisfazione a scopo di garanzia (es. nella cessione solutoria, il debito garantito cessa nel momento del soddifacimento del debito ceduto MANDATO IRREVOCABILE ALL NCASSO Conferimento al mandatario della sola legittimazione alla riscossione del credito: TITOLARE DEL MEDESIMO RESTA LA MANDANTE Realizzazione della garanzia in maniera traslata : l incasso dal terzo è solo una previsione di soddisfazione del debito garantito dal mandato. 3

6 IL FACTORING QUALI BENEFICI Il Factoring è una figura giuridica tipicamente anglosassone importata in Italia ufficialmente con la Legge n. 52 del 21 febbraio E nata per gestire masse di crediti (e non singoli crediti comeflussi nel Codice finanziari Civile) attesi e quindi destinata ad aziende che abbiano un volume di crediti il cui incasso può essere gestito da terzi (pro solvendo), oppure sia opportuno attualizzarne il flusso finanziario (pro soluto). Flussi finanziari attesi A quali I e crediti quante devono tipologie derivare di benefici dall esercizio si riferisce? dell impresa del CARATTERISTICHE cedente. I cedenti devono essere imprese commerciali. I PRINCIPALI cessionari, Intermediari finanziari. Per la prima volta si parla di cessione di massa. BENEFICI DIRETTI La disciplina dell opponibilità verso i terzi si semplifica: il pagamento in presenza di contratto di factoring è opponibile agli aventi causa del cedente, al creditore del cedente, al fallimento del cedente. LIMITI Inopponibilità delle garanzie reali (necessità dell annotazione). Regime fiscale tipico delle imprese. Operazione limitata ai due soli soggetti: cedente e cessionario. 4

7 RAPPORTI TRA CEDENTE E CESSIONARIO I rapporti tra cedente e cessionario variano se la cessione a titolo oneroso è PRO SOLUTO oppure PRO SOLVENDO Flussi finanziari attesi Flussi finanziari attesi A quali Il e cedente quante tipologie è tenuto di a benefici garantire ci si il NOMEN riferisce? VERUM e cioè l esistenza del credito e tale esistenza diviene garanzia accessoria della cessione medesima in caso CESSIONE PRO di inesistenza parziale o totale del credito. SOLUTO Non vi è alcuna garanzia della solvibilità del debitore ceduto. CESSIONE PRO SOLVENDO Il cedente garantisce anche la solvibilità del debitore ceduto (NOMEN BONUM), per cui, in caso di insolvenza, risponde il cedente. Non sempre le due figure sono così distinte: vi possono essere forme di cessione pro soluto che contengano garanzie anche indirettamente. 5

8 EFFICACIA NEI CONFRONTI DEL DEBITORE CEDUTO E DEI TERZI Il contratto di cessione del credito si perfeziona con il consenso delle due parti interessate: il cedente e i cessionario. Per essere valido ed efficace tra le parti non abbisogna di alcun altra manifestazione. Peraltro, se non è necessario il consenso del debitore ceduto perché il contratto sia perfetto, è pur vero che quest ultimo deve averne conoscenza: se infatti così non fosse, sarebbe liberato se pagasse al cedente, creditore originario. Pertanto, affinchè la cessione abbia efficacia nei confronti anche di quest ultimo occorre che gli venga notificata, anche se non è necessaria la sua accettazione. Quest ultimo, quindi sarà liberato soltanto al pagamento al cessionario, ma potrà opporgli tutte le eccezioni che poteva opporre al cedente. Al fine di rendere opponibile a tutti i terzi, la cessione dovrà essere notificata (o accettata) con atto avente data certa. Ma il Legislatore ha ammesso, negli anni, alcune importanti eccezioni nei seguenti ambiti: NORMATIVA SUL FACTORING: L. N. 52 DEL ECCEZIONI NORMATIVA SULLE CARTOLARIZZAZIONI: L. N. 130 DEL 30 APRILE 1999 CREDITI VANTATI VERSO LA P.A.: R.D. N DEL 18 NOVEMBRE

9 ACQUISTO DIRETTO DEI CREDITI VERSO LA P.A. E LORO GESTIONE Fino all emanazione del D.Lgs 12 aprile 2006 n.163 (Codice dei contratti pubblici), la principale differenza tra le discipline che regolavano la cessione dei crediti vantati verso al Pubblica Amministrazione con le regole del Codice Civile (Artt e ss.) risiedeva principalmente nell opponibilità della cessione per la quale il Legislatore ha disposto alcune deroghe fondamentali al fine di tutelare l interesse pubblico rappresentato nell attività medesima della P.A. Pertanto l ordinamento pubblicistico (riportato principalmente nel R.D del 18 novembre 1923) tendeva a limitare la libertà di cessione del creditore cedente sulla base delle seguenti regole: Il perfezionamento della cessione dovrà essere a mezzo di atto pubblico o scrittura privata autenticata da notaio, portanti l indicazione del titolo e dell oggetto del credito. PECULIARITA DELLA CESSIONE VERSO LA P.A. La notifica di tale atto di cessione è OBBLIGATORIA, non può riguardare crediti per cui l ordine di pagamento sia già stato emesso e l atto deve contenere crediti verso un unica Amministrazione. È necessaria l adesione della Pubblica Amministrazione perché possa considerarsi perfezionata la cessione e sia a quest ultima opponibile. 7

10 ACQUISTO DIRETTO DEI CREDITI VERSO LA P.A. E LORO GESTIONE Con l avvento del Codice dei contratti pubblici sono state recepite le eccezioni successivamente introdotte dal legislatore alle peculiarità ora richiamate e contenute nelle varie disposizioni del citato R.D. n. 2440, che avevano portato a delle deroghe importanti. Sono state nel tempo introdotte almeno due specifiche figure dove l adesione della P.A. non è più elemento necessario per il perfezionamento della cessione e si può tornare alla disciplina codicistica o più generalmente privatistica. Vediamo dove: La L. n. 549/1995, in tema di CESSIONE DI CREDITI DI IMPOSTA, specifica la non necessità dell adesione della P.A. per il perfezionamento della cessione medesima. ECCEZIONI ALLE PECULIARIITA La L. n. 109/1994, in tema di CESSIONE DI CREDITI AVENTI AD OGGETTO LAVORI PUBBLICI, richiama espressamente (art. 26) le disposizioni contenute dalla L. 52/1991 sul Factoring. 8

11 ACQUISTO DIRETTO DEI CREDITI VERSO LA P.A. E LORO GESTIONE D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 (Codice dei contratti pubblici) L art. 117 del D.Lgs. 163/2006 prevede che: 1. Le disposizioni di cui alla legge 21 febbraio 1991, n. 52, sono estese ai crediti verso le stazioni appaltanti derivanti da contratti di servizi, forniture e lavori di cui al presente codice, ivi compresi i concorsi di progettazione e gli incarichi di progettazione. Le cessioni di crediti possono essere effettuate a banche o intermediari finanziari disciplinati dalle leggi in materia bancaria e creditizia, il cui oggetto sociale preveda l esercizio dell attività di acquisto di crediti di impresa. 2. Ai fini dell opponibilità alle stazioni appaltanti che sono amministrazioni pubbliche, le cessioni di crediti devono essere stipulate mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata e devono essere notificate alle amministrazioni debitrici. 3. Le cessioni di crediti da corrispettivo di appalto, concessione, concorso di progettazione, sono efficaci e opponibili alle stazioni appaltanti che sono amministrazioni pubbliche qualora queste non le rifiutino con comunicazione da notificarsi al cedente e al cessionario entro quarantacinque giorni dalla notifica della cessione. 4. Le amministrazioni pubbliche, nel contratto stipulato o in atto separato contestuale, possono preventivamente accettare la cessione da parte dell'esecutore di tutti o di parte dei crediti che devono venire a maturazione. 5. In ogni caso l amministrazione cui è stata notificata la cessione può opporre al cessionario tutte le eccezioni opponibili al cedente in base al contratto relativo a lavori, servizi, forniture, progettazione, con questo stipulato. 9

12 ACQUISTO DIRETTO DEI CREDITI VERSO LA P.A. E LORO GESTIONE Come si potrà notare, la disciplina normativa prevista dall art. 117 del Codice dei contratti pubblici riprende quanto già disposto sul tema dall art. 26, V comma, della L. 109/1994, nonché dall art. 115 del D.P.R. 554/1999 (Regolamento di attuazione della Legge Merloni). Già queste disposizioni avevano minato la forte limitazione nella cessione dei crediti verso le stazioni appaltanti, dovuta all adesione da parte dell amministrazione ceduta quale condizione di efficacia ed opponibilità, limitazione che il Legislatore aveva imposto al fine di garantire il superiore interesse del puntuale ed esatto adempimento degli obblighi contrattuali. Il legislatore del 2006 sostanzialmente ripropone la disciplina previgente introdotta dalla Legge Merloni, permettendo quindi la cessione dei crediti verso la P.A. a specifiche condizioni espressamente previste. D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 (Codice dei contratti pubblici) Ma l importante novità del Codice del 2006 è data dal fatto che tale impostazione, fino a quel momento limitata ai soli contratti d appalto dei lavori, è stata esplicitamente estesa ai crediti verso le stazioni appaltanti derivanti da contratti di servizi e forniture. La formulazione dell art. 117 ha pertanto consentito di raggiungere un uniformità di disciplina in materia di cedibilità dei crediti da corrispettivo di appalto, in coerenza con i principi già contenuti nelle direttive 2004/14/CE e 2004/18/CE, e permettendo di allargare gli orizzonti di cedibilità di tali crediti, anche attraverso operazioni strutturate di cartolarizzazione. 10

13 Grazie per l attenzione NON PERFORMING LOANS SPA Intermediario Finanziario iscritto nell Elenco Speciale ex Art. 107 T.U.B. Sede: Corso Magenta, 42, MILANO Centralino: Fax:

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

Factoring Tour: Bari

Factoring Tour: Bari Factoring Tour: Bari Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa LA CESSIONE DEI CREDITI IVA E NOVITA IN TEMA DI REVOCATORIA FALLIMENTARE Intervento di Massimo Lupi, avvocato

Dettagli

Ottobre 2015. Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale

Ottobre 2015. Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale Ottobre 2015 Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale Umberto Mauro e Chiara Borrazzo, Norton Rose Fulbright Studio Legale La disciplina della cessione dei crediti vantati

Dettagli

I contratti di finanziamento: Il Factoring

I contratti di finanziamento: Il Factoring I contratti di finanziamento: Il Factoring Definizione,fonti e disciplina del rapporto pagina 1 Aspetti definitori Il Factoring E un contratto atipico (socialmente tipico) nato per soddisfare una specifica

Dettagli

INDICE - SOMMARIO LA CAUSA DI GARANZIA E LA CESSIONE DEL CREDITO CAPITOLO I

INDICE - SOMMARIO LA CAUSA DI GARANZIA E LA CESSIONE DEL CREDITO CAPITOLO I INDICE - SOMMARIO CAPITOLO I LA CAUSA DI GARANZIA E LA CESSIONE DEL CREDITO 1. Introduzione. La cessione del credito in garanzia rientra tra le garanzie reali atipiche e si inserisce in un trend sovranazionale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Gli autori... Premessa. Cessione del credito e potere pubblico...

INDICE SOMMARIO. Gli autori... Premessa. Cessione del credito e potere pubblico... SOMMARIO Gli autori... Premessa. Cessione del credito e potere pubblico... XIII XV CAPITOLO 1 IL CONTRATTO DI CESSIONE DEL CREDITO di SONIA CALDARELLI 1. La cessione del credito: considerazioni preliminari...

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011 PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Deliberazione n. 752 del 02.12.2011 Premessa Le seguenti disposizioni procedurali riguardano la certificazione dei crediti prevista

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a Circ. n. 10 del 22 gennaio 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: COMPENSAZIONE E CESSIONE DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Procedura di certificazione degli stessi 1.

Dettagli

Cos'è. Questi servizi riguardano:

Cos'è. Questi servizi riguardano: UBI FACTOR Cos'è Il factoring è una combinazione di servizi finanziari e di gestione del credito che consentono ad una società di rafforzare sotto il profilo qualitativo e di valorizzare sotto quello finanziario

Dettagli

DIRITTO PRIVATO. Parte Quarta Obbligazioni CESSIONE DEL CREDITO DELEGAZIONE ESPROMISSIONE ACCOLLO. SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO

DIRITTO PRIVATO. Parte Quarta Obbligazioni CESSIONE DEL CREDITO DELEGAZIONE ESPROMISSIONE ACCOLLO. SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO VINCENZO FRANCESCHELLI SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO - ad uso degli studenti vietata la riproduzione- (Avvertenza- Gli schemi costituiscono una traccia delle lezioni svolte. Possono servire per un

Dettagli

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO

PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO PROCEDURA DI CERTIFICAZIONE DEL CREDITO FINALIZZATA ALLA CESSIONE PRO-SOLUTO Premessa 1) Istanza di certificazione del credito 2) Avvio della procedura di certificazione 3) Certificazione del credito 4)

Dettagli

Le perdite su crediti

Le perdite su crediti Il bilancio 2013 : novità e criticità Le perdite su crediti dott. Paolo Farinella Commissione Principi Contabili ODCEC Milano Milano 28 febbraio 2014 sede corso Europa 11 0. Introduzione Sintesi argomenti

Dettagli

Prof. Sergio FOA - Supervisore progetto OPLAB

Prof. Sergio FOA - Supervisore progetto OPLAB OGGETTO: COMUNITÀ MONTANA XXX Lavori di infrastrutture dell itinerario turistico ambientale della Valle di Edifici Polifunzionali Cessione del credito da contratto di appalto da parte della WWW s.r.l.

Dettagli

Convenzione per la concessione di finanziamenti alle imprese con cessione di credito assistita da attestazione comunale

Convenzione per la concessione di finanziamenti alle imprese con cessione di credito assistita da attestazione comunale Convenzione per la concessione di finanziamenti alle imprese con cessione di credito assistita da attestazione comunale CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI SOTTO FORMA DI ANTICIPAZIONE FATTORIZZATA

Dettagli

TRA. Provincia di Genova. Banca/Istituto di Credito...

TRA. Provincia di Genova. Banca/Istituto di Credito... ALLEGATO Convenzione quadro con gli Istituti di Credito per la concessione di finanziamenti alle Imprese con cessione di credito assistita da attestazione provinciale. TRA Provincia di Genova E Banca/Istituto

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

Implicazioni con la previdenza complementare. Anna Ilaria Orlando 23/10/2009 1

Implicazioni con la previdenza complementare. Anna Ilaria Orlando 23/10/2009 1 Implicazioni con la previdenza complementare 1 Cos è la cessione del quinto dello stipendio? La cessione del quinto dello stipendio è una forma di prestito garantito a tasso fisso, svincolato da particolari

Dettagli

Innovazione della P.A. e opzioni strategiche di collaborazione

Innovazione della P.A. e opzioni strategiche di collaborazione Innovazione della P.A. e opzioni strategiche di collaborazione La cessione del corrispettivo dell appalto Art. 115 D.P.R. 554/1999 1. Ai sensi dell articolo 26, comma 5, della Legge, le cessioni di crediti

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore al Bilancio, Programmazione economico finanziaria e Partecipazione

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore al Bilancio, Programmazione economico finanziaria e Partecipazione OGGETTO: Definizione di nuove modalità di pagamento per fornitori di beni e servizi del sistema sanitario regionale a partire dall anno 2009 e autorizzazione alla definizione di accordi transattivi tra

Dettagli

Palermo 14 Febbraio 2013 APPROCCIO AL RISCHIO E PRODOTTI OFFERTI

Palermo 14 Febbraio 2013 APPROCCIO AL RISCHIO E PRODOTTI OFFERTI Palermo 14 Febbraio 2013 APPROCCIO AL RISCHIO E PRODOTTI OFFERTI 1 Agenda 1. Banca IFIS ed il modello di business Approccio al rischio di credito Milestones La valutazione del rischio Il Sistema di Internal

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING)

FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) FOGLIO INFORMATIVO operazioni di locazione finanziaria (LEASING) GARANZIE Informazioni sulla società di leasing HYPO VORARLBERG LEASING S.p.A. è un intermediario finanziario con sede in: 39100 Bolzano

Dettagli

Reverse Factoring PA. Roma, Maggio 2012. Il prodotto che facilita lo smobilizzo dei crediti vantati. Amministrazione locale e centrale

Reverse Factoring PA. Roma, Maggio 2012. Il prodotto che facilita lo smobilizzo dei crediti vantati. Amministrazione locale e centrale Reverse Factoring PA Il prodotto che facilita lo smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese italiane nei confronti della Pubblica Amministrazione locale e centrale Roma, Maggio 2012 Versione: 1.0 BancoPosta

Dettagli

Soluzioni finanziarie per le farmacie

Soluzioni finanziarie per le farmacie dal 1985 Soluzioni finanziarie per le farmacie Maggio 2010 SIFIN S.r.l. SOCIETA DI INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA e-mail: info@sifinitalia.it www.sifinitalia.it via C. Battisti, 10 40123 Bologna tel: 051.238126-fax:

Dettagli

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI

LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI 1 LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI BANCARI La Legge 130/1999 ha introdotto in Italia la disciplina della cartolarizzazione dei crediti bancari, più nota come securitization, mutuandola dal sistema bancario

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

LA CESSIONE DEL CREDITO INDICE

LA CESSIONE DEL CREDITO INDICE AVV. EUGENIO TAMBORLINI LA CESSIONE DEL CREDITO INDICE PARTE PRIMA LA DISCIPLINA DI BASE DELLA CESSIONE DEL CREDITO. 1. Definizione 2. Caratteri del contratto 3. Disciplina 3.1 La notifica 3.2 Le garanzie

Dettagli

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario Commercial Paper Definizione e presentazione dello strumento finanziario L accensione di una commercial paper ( polizza di credito commerciale) consente ad un impresa di ottenere un finanziamento da un

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

Sifin S.r.l. dal 1985. Soluzioni finanziarie per le farmacie

Sifin S.r.l. dal 1985. Soluzioni finanziarie per le farmacie Sifin S.r.l. dal 1985 Soluzioni finanziarie per le farmacie Ottobre 2008 1 La nostra storia Sifin Srl è una società di factoring regolarmente iscritta nel registro degli Intermediari Finanziari (ex art.

Dettagli

il Comune di Legnano (di seguito Comune ) con sede in Legnano, Piazza San Magno 9 20025 20122 Legnano C.F./P.I. 00807960158 rappresentato da

il Comune di Legnano (di seguito Comune ) con sede in Legnano, Piazza San Magno 9 20025 20122 Legnano C.F./P.I. 00807960158 rappresentato da ALLEGATO E SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI LEGNANO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

ESERCITAZIONI DI DIRITTO PRIVATO. Applicazione delle regole in materia di contratti: casi e materiali

ESERCITAZIONI DI DIRITTO PRIVATO. Applicazione delle regole in materia di contratti: casi e materiali ESERCITAZIONI DI DIRITTO PRIVATO Applicazione delle regole in materia di contratti: casi e materiali INTRODUZIONE Le esercitazioni affiancano alla descrizione generica di alcuni istituti contrattuali (contratti

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Con la presente scrittura tra il Comune di Nuoro (qui di seguito l Ente ) con sede in...- Codice fiscale... rappresentata dal...

Con la presente scrittura tra il Comune di Nuoro (qui di seguito l Ente ) con sede in...- Codice fiscale... rappresentata dal... CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI NUORO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI AUTORIZZATI Con la presente

Dettagli

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO 1. Definizioni Nell ambito delle presenti Condizioni di Finanziamento, ciascuno dei seguenti termini, quando viene scritto con l iniziale maiuscola, sia al singolare che al

Dettagli

Agenzia Mobilita Metropolitana Torino Consorzio tra Enti Locali ESTRATTO DAL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Agenzia Mobilita Metropolitana Torino Consorzio tra Enti Locali ESTRATTO DAL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE Agenzia Mobilita Metropolitana Torino Consorzio tra Enti Locali ESTRATTO DAL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE N. 5/2010 OGGETTO: Notifica atto di cessione di crediti a scopo di

Dettagli

OPERAZIONI DI CESSIONE PRO SOLVENDO DEI CREDITI D IMPRESA CONTRO CORRISPETTIVO E DEI SERVIZI CONNESSI AI SENSI DELLA LEGGE 52/91 E ARTT. 1260 E SEGG.

OPERAZIONI DI CESSIONE PRO SOLVENDO DEI CREDITI D IMPRESA CONTRO CORRISPETTIVO E DEI SERVIZI CONNESSI AI SENSI DELLA LEGGE 52/91 E ARTT. 1260 E SEGG. FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI CESSIONE PRO SOLVENDO DEI CREDITI D IMPRESA CONTRO CORRISPETTIVO E DEI SERVIZI CONNESSI AI SENSI DELLA LEGGE 52/91 E ARTT. 1260 E SEGG. DEL COD. CIV. Sezione I - Informazioni

Dettagli

Presentazione dei servizi

Presentazione dei servizi Presentazione dei servizi «Attività di assistenza all azienda per la gestione dei crediti e dei debiti» Il GRUPPO CONFINANCE Il GRUPPO CONFINANCE riunisce professionisti specializzati nelle operazioni

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 Premessa In relazione alle richieste di chiarimenti pervenute in merito alle modalità applicative

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 marzo 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 incentivi all acquisto di auto ecologiche di cui all articolo 1

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi Capitolo Primo LA CESSIONE DI CREDITO E LA SUCCESSIONE DEL CESSIONARIO NEL DIRITTO CEDUTO 1. La cessione del credito nella sistematica del codice

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/2007. N. pagine complessive: 7 - L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente

CIRCOLARE N. 9/2007. N. pagine complessive: 7 - L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente PROT. n. 49267 ENTE EMITTENTE: CIRCOLARE N. 9/2007 Direzione dell Agenzia OGGETTO: Articolo 8 del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, Portabilità del mutuo;

Dettagli

IL FACTORING. essenzialmente un servizio di gestione crediti, il cui importo sarà accreditato al cliente solo dopo la data di scadenza degli stessi.

IL FACTORING. essenzialmente un servizio di gestione crediti, il cui importo sarà accreditato al cliente solo dopo la data di scadenza degli stessi. IL FACTORING Il factoring è il contratto per mezzo del quale un soggetto, detto factor, acquista da un impresa, che accorda dilazioni di pagamento alla sua clientela, la globalità o una parte dei suoi

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia 29/7/2009). INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: l Italia sta attraversando nel suo complesso una fase di profonda crisi economica, quale conseguenza anche della crisi dei mercati finanziari che ha colpito tutti i paesi

Dettagli

CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 26 marzo 2008, n. 26/E

CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 26 marzo 2008, n. 26/E CIRCOLARE - AGENZIA ENTRATE - 26 marzo 2008, n. 26/E OGGETTO: Cessione gratuita di beni diversi dalle derrate alimentari e dai prodotti farmaceutici alle ONLUS. Art 13, comma 3, del decreto legislativo

Dettagli

Il factoring internazionale

Il factoring internazionale Il factoring internazionale Internazionale prefazione Le operazioni di factoring sono in misura crescente effettuate con controparti cedenti e debitrici estere per effetto della crescente internazionalizzazione

Dettagli

il Comune di Calatafimi Segesta (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal

il Comune di Calatafimi Segesta (di seguito denominato Ente ) con sede in... - Codice fiscale..., rappresentata dal Allegato A CONVENZIONE-TIPO PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014

Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014 Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014 Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con Decreto 24.09.2014,

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

RISOLUZIONE N.278/E. Con istanza di interpello presentata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N.278/E. Con istanza di interpello presentata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N.278/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,04 luglio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - trattamento fiscale del contratto

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento

Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Cessione 5 Linee Guida per la gestione dei contratti di finanziamento con cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Premessa Le presenti Linee Guida forniscono indicazioni operative

Dettagli

CONVEGNO TELEMATICO. La piattaforma elettronica di dialogo tra banche e notai. Il progetto mutui connect e le surroghe 9 ottobre 2013

CONVEGNO TELEMATICO. La piattaforma elettronica di dialogo tra banche e notai. Il progetto mutui connect e le surroghe 9 ottobre 2013 CONVEGNO TELEMATICO La piattaforma elettronica di dialogo tra banche e notai. Il progetto mutui connect e le surroghe 9 ottobre 2013 Cenni generali sulla surroga nel testo unico bancario GEA ARCELLA Notaio

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani

Provincia Regionale di Trapani Provincia Regionale di Trapani CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA DI TRAPANI ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE DI BANCHE OD INTERMEDIARI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Pagina 1 di 5 FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010 NOTA BENE: le parti evidenziate in giallo sono state

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

Serie FI0820. Condizioni praticate dal 01/09/2015

Serie FI0820. Condizioni praticate dal 01/09/2015 Foglio Informativo del Servizio/Prodotto SERVIZIO ANTICIPI SU FATTURE DOCUMENTI COMMERCIALI ITALIA con la garanzia del Fondo Di Garanzia per le PMI (legge 662/96 art. 2, comma 100, lettera a ) INFORMAZIONI

Dettagli

Legge 30 aprile 1999, n. 130. " Disposizioni sulla cartolarizzazione dei crediti "

Legge 30 aprile 1999, n. 130.  Disposizioni sulla cartolarizzazione dei crediti Legge 30 aprile 1999, n. 130 " Disposizioni sulla cartolarizzazione dei crediti " pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 111 del 14 maggio 1999 Art. 1. (Ambito di applicazione e definizioni) 1. La presente

Dettagli

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 Febbraio 2011 Finanza a supporto della crescita delle PMI Finanza a breve termine La capacità

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

Bilancio - Corso Avanzato

Bilancio - Corso Avanzato Università di Roma Tre - M. TUTINO 101 Università di Roma Tre - M. TUTINO 102 Università di Roma Tre - M. TUTINO 103 Università di Roma Tre - M. TUTINO 104 Università di Roma Tre - M. TUTINO 105 Università

Dettagli

ATTO DI CESSIONE DI CREDITI TRA

ATTO DI CESSIONE DI CREDITI TRA NUMERO PRATICA/IMPIANTO) (modello da utilizzare in caso di doppia cessione contestuale) Scrittura privata da valersi ad ogni effetto di legge e da conservarsi agli atti del Notaio che ne autenticherà le

Dettagli

ANTICIPI SU CREDITI E FATTURE COMMERCIALI

ANTICIPI SU CREDITI E FATTURE COMMERCIALI Pag. 1 / 5 Foglio Informativo ANTICIPI SU CREDITI E FATTURE COMMERCIALI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde 800.41.41.41 (e-mail

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO DIREZIONE TESORO OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA DI PALERMO ATTRAVERSO LA CESSIONE PRO SOLUTO DEI CREDITI A FAVORE

Dettagli

Allegato A alla D.G.C. n. 125 del 03.11.2010

Allegato A alla D.G.C. n. 125 del 03.11.2010 Allegato A alla D.G.C. n. 125 del 03.11.2010 Procedura di certificazione del credito finalizzata alla cessione pro-soluto (Art. 9, comma 3-bis del D.L. 29 novembre 2008, n. 185, art. 9, convertito con

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 15 del 24 ottobre 2014 Crediti commerciali certificati

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA 16 maggio 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il trasferimento d azienda e di ramo d azienda A) La nozione di trasferimento d azienda (art. 2112,

Dettagli

ALLEGATO "B" - LINEE GUIDA DI FINANZIAMENTO 1

ALLEGATO B - LINEE GUIDA DI FINANZIAMENTO 1 ALLEGATO "B" - LINEE GUIDA DI FINANZIAMENTO 1 LINEE GUIDA RELATIVE ALLE PREVISIONI CONTRATTUALI, OBBLIGAZIONI E IMPEGNI CHE LA BANCA DOVRÀ OBBLIGATORIAMENTE INSERIRE IN OGNI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

Cessione in garanzia dei crediti del GSE e mandato all incasso: osservazioni e riflessioni

Cessione in garanzia dei crediti del GSE e mandato all incasso: osservazioni e riflessioni CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 1-2012/C Cessione in garanzia dei crediti del GSE e mandato all incasso: osservazioni e riflessioni Approvato dalla Commissione Studi Civilistici del 18 aprile

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. RIFLESSI SULLE SEGNALAZIONI DI CENTRALE DEI RISCHI E DI VIGILANZA.

LE OPERAZIONI DI FINANZIAMENTO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. RIFLESSI SULLE SEGNALAZIONI DI CENTRALE DEI RISCHI E DI VIGILANZA. Nella presente tavola sono riportati i nominativi di tutti i soggetti che hanno partecipato alla consultazione e che hanno acconsentito alla relativa divulgazione. Hanno risposto alla consultazione: -

Dettagli

1. INTERVENTO DELLA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI E DI FINLOMBARDA

1. INTERVENTO DELLA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI E DI FINLOMBARDA LINEE GUIDA RELATIVE ALLE PREVISIONI CONTRATTUALI, OBBLIGAZIONI E IMPEGNI CHE LA BANCA DOVRÀ OBBLIGATORIAMENTE INSERIRE IN OGNI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CHE VERRÀ SOTTOSCRITTO CON I BENEFICIARI 1. INTERVENTO

Dettagli

Oggetto: Pagamenti delle P.A. - Cessione del credito - C.M. n.29 dell`8 ottobre 2009

Oggetto: Pagamenti delle P.A. - Cessione del credito - C.M. n.29 dell`8 ottobre 2009 Oggetto: Pagamenti delle P.A. - Cessione del credito - C.M. n.29 dell`8 ottobre 2009 L`accettazione espressa della cessione del credito, da parte delle Amministrazioni debitrici, libera definitivamente

Dettagli

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROVINCIA DI COMO C O P I A DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 591 DEL 24/05/2012 SETTORE Edilizia Scolastica e fabbricati OGGETTO: LAVORI DI RIFACIMENTO IMPIANTO DI RISCALDAMENTO PALAZZINA VECCHIA- RIFACIMENTO

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI

CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO DELL'ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Con la presente scrittura tra Il Comune di Sesto San Giovanni (qui di seguito il Comune ) con sede in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti

OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti Analisi dei principali contenuti della proposta di integrazione in tema di cancellazione dei crediti del principio contabile

Dettagli

Il frazionamento del mutuo e della ipoteca a garanzia

Il frazionamento del mutuo e della ipoteca a garanzia Il presente contributo trae spunto dalla Circolare dell Agenzia del Territorio n. 5 del 28 luglio 2008, alla luce delle recenti disposizioni introdotte dall articolo 8 del decreto legge 31 gennaio 2007,

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Pianificazione & Marketing. Padova, 20 ottobre 2009

Pianificazione & Marketing. Padova, 20 ottobre 2009 Padova, 20 ottobre 2009 Padova, 20 ottobre 2009 La crisi in sintesi Intervento delle autorità di politica economica per cercare di ridurne la portata ampia liquidità al sistema finanziario e tassi ai minimi

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

Il leasing e il Factoring

Il leasing e il Factoring Il leasing e il Factoring Il leasing Il leasing è giuridicamente un contratto atipico perché non ricade nelle tipologie previste dalla legislazione. Con il contratto di leasing tradizionale, l azienda

Dettagli

Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE

Tra le parti PAT. Enti strumentali (.) le Banche/intermediari finanziari aderenti (..) PREMESSO CHE SCHEMA DI PROTOCOLLO PER IL SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DEI FORNITORI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E DEI SUOI ENTI STRUMENTALI ATTRAVERSO LA CESSIONE, PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO, DEI CREDITI

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI. La nozione di azienda

CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI. La nozione di azienda CESSIONE D AZIENDA ASPETTI CIVILISTICI La nozione di azienda Art. 2555: complesso di beni organizzati dall'imprenditore per l'esercizio dell'impresa (Art. 2082: è imprenditore colui che esercita in forma

Dettagli

Decisione N. 546 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 546 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A.

OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A. Informativa per la clientela di studio N. 157 del 29.10.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La compensazione dei crediti con la P.A. Il Mef ha previsto particolari modalità di compensazione nel

Dettagli

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PRELIEVO, CARICO, TRASPORTO IN REGIME ADR (SE PREVISTO DALLE NORME), CONFERIMENTO AD IMPIANTO AUTORIZZATO PER RECUPERO E/O SMALTIMENTO DEI RIFIUTI PRODOTTI PRESSO

Dettagli

C O M U N E D I C O L L E P A S S O

C O M U N E D I C O L L E P A S S O C O M U N E D I C O L L E P A S S O Provincia di Lecce IV Settore Urbanistica Lavori Pubblici Assetto del territorio Edilizia Piazza Dante 25 73040 Collepasso (Le) Tel. 0833 346836 Fax 0833 349000 E-mail:

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

Garanzie del creditore

Garanzie del creditore Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre GARANZIE DEL CREDITORE 799 Garanzie del creditore SOMMARIO Sez. 1 - Fideiussione... 5909 A. Conclusione della fideiussione... 5914 B. Funzionamento... 5965 C. Estinzione...

Dettagli