Le imprese e il factoring

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le imprese e il factoring"

Transcript

1 Le imprese e il factoring Conoscenza, modalità di utilizzo, valutazione della convenienza e prospettive del factoring nelle imprese italiane Primi risultati dell indagine SDA sulla domanda di factoring Divisione ricerche Claudio Dematté Settembre 2008 Prof. Alessandro Carretta 1 Prof. Alessandro Carretta

2 Le domande di ricerca Cosa pensano le imprese italiane del factoring? Come lo utilizzano e ne valutano la convenienza? Quali sono gli elementi di soddisfazione o insoddisfazione nel rapporto di factoring? Quali sono le prospettive del factoring nei nuovi scenari IAS e Basilea 2? 2

3 Il mercato del factoring Il factoring è uno strumento ampiamente consolidato nell ambito dei sistemi economici e finanziari. A livello mondiale il volume d affari del mercato del factoring è stato pari nel 2007 a quasi miliardi di euro con una crescita del 14,5% rispetto all anno precedente. Il mercato europeo rappresenta il 72% del mercato mondiale. Nell area dell Euro (15 paesi), il volume d affari degli operatori europei del factoring costituisce il 12% dei finanziamenti corporate delle banche europee in essere alla fine del 2007 ed è più o meno pari alla variazione nell anno di tali finanziamenti. AFRICA 1% ASIA 13% AUSTRALASIA 3% AMERICAS 11% EUROPE 72% Fonte: FCI (Factors Chain International), BCE 3

4 Il mercato del factoring L Italia è tra i primi mercati di factoring a livello mondiale. Nel 2007 il volume d affari è stato pari a 122,8 miliardi di euro (dati FCI). Il factoring italiano rappresenta circa l 8% del PIL e riguarda il 10,8% dei crediti commerciali delle imprese e l 11% dei finanziamenti bancari a breve termine. 30,00% 25,00% 20,00% 15,00% 10,00% 5,00% 0,00% Quota italiana in rapporto a Europa e Mondo 18,20% 26,65% 25,78% 24,23% 18,61% 17,43% 14,07% 19,75% 15,54% 14,92% 13,21% 10,94% 10,62% 9,45% Italia/Europa Italia/Mondo 9,00% 8,00% 7,00% 6,00% 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% 1,00% 0,00% Turnover/PIL Fonti: Elaborazioni su dati Banca d Italia, FCI, Istat 4

5 Le indagini empiriche sui rapporti tra factoring e imprese Tra i lavori empirici fin qui condotti, alcune ricerche (Mian e Smith (1992), Smith e Schnucker (1994), e Summers e Wilson (2000)) si focalizzano in particolare sulle politiche di gestione dei crediti commerciali e la struttura organizzativa delle imprese e sulle connessioni di queste variabili con il ricorso al factoring; questi studi utilizzano principalmente dati raccolti attraverso survey (spesso combinati con dati contabili) sulle imprese statunitensi per testare statisticamente alcune ipotesi derivanti dalla teoria. I risultati evidenziano come le imprese che ricorrono al factoring tendono ad essere di piccole dimensioni, in difficoltà finanziarie oppure razionate dal credito bancario, con clientela frazionata e scarso accesso alle informazioni commerciali. Un altro filone analizza la motivazione finanziaria del ricorso al factoring da parte delle imprese: Soufani (2001) studia i risultati di una indagine sulle imprese inglesi per testare alcune ipotesi, dimostrando che gli utilizzatori del factoring tendono ad essere imprese di minori dimensioni, più giovani e in difficoltà finanziarie. Benvenuti e Gallo (2004) analizzano il caso italiano utilizzando dati estratti dalla Centrale Rischi evidenziando che, solitamente, sono le imprese più indebitate e meno liquide quelle che hanno la maggiore probabilità di ricorrere al factoring. La letteratura empirica internazionale sui rapporti tra factoring e imprese presenta alcuni limiti comuni: è volta ad analizzare le caratteristiche delle imprese per identificare le caratteristiche delle imprese più propense all utilizzo del factoring, verificando ipotesi teoriche circa le motivazioni finanziarie e organizzative del ricorso allo strumento; lascia poco spazio all analisi delle modalità di utilizzo e degli effetti del factoring sulle imprese. 5

6 Le indagini empiriche sui rapporti tra factoring e imprese I principali risultati dell indagine sulla domanda di factoring - Assifact 1996 (AF 1996): Il factoring rappresenta principalmente una forma di finanziamento complementare al credito bancario; Il factoring è utile soprattutto per chi vuole affidare ad una società specializzata la gestione ed il controllo del portafoglio clienti; I principali elementi di soddisfazione relativi al factoring riguardano la velocità e sicurezza nei tempi di erogazione dei fondi, la possibilità di cedere il totale del portafoglio clienti, la capacità del factor di gestire i crediti, la garanzia del buon fine e l automatismo nel finanziamento dello sviluppo delle vendite. I principali elementi di insoddisfazione, invece, riguardano il costo (giudicato eccessivo), la mancata accettazione di tutti i debitori ceduti, la mancanza di risparmi nei costi interni di gestione e la carenza nei servizi di garanzia del buon fine dei crediti. Il factoring consente, dal punto di vista finanziario di soddisfare necessità di fondi di natura temporanea, di ottimizzare la programmazione degli incassi e di facilitare la crescita del fatturato; I fondi anticipati dal factor sono utilizzati principalmente per rimborsare i debiti; I debitori ceduti vedono la cessione come un fatto normale di gestione aziendale, ma anche come un sintomo di difficoltà finanziarie del fornitore cedente. 6

7 L indagine SDA Bocconi sulla domanda di factoring Le aree di indagine: Il ricorso al credito commerciale Il ricorso al factoring Aspetti gestionali e finanziari del factoring Il factoring dal punto di vista del debitore ceduto Il factoring nell ottica di Basilea 2 e IAS 7

8 L indagine SDA Bocconi sulla domanda di factoring Il campione Le imprese oggetto di indagine presentano caratteristiche molto variegate; il campione è rappresentativo della composizione della clientela attuale e potenziale del mercato del factoring. Le imprese hanno anzianità assai articolata (dal 1831 al 2007), sono meno giovani rispetto all indagine AF 1996 e dispongono per il 43% di un numero di dipendenti inferiore alle 100 unità (60% nell indagine AF 1996), con un fatturato conseguito principalmente in Italia (88%), che va da un minimo di quasi euro ad un massimo di oltre 30 miliardi di euro. Il 35% delle imprese indagate dichiara di avere un fatturato stagionale. 8

9 L indagine SDA Bocconi sulla domanda di factoring Il campione: ripartizione geografica Le piazze di rilevazione e la numerosità delle imprese per piazza sono state selezionate per rendere il campione rappresentativo dell universo factoring. Nell indagine AF 1996, il campione era equamente suddiviso in 5 regioni: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Lazio e Campania. Il campione: ripartizione geografica Campania 12% Lombardia 42% Nell indagine SDA 2008 sono state aggiunte la Toscana e il Piemonte e si è provveduto a ripartire la numerosità coerentemente con la diffusione del factoring nella piazza di rilevazione (dati Assifact) Lazio 26% Toscana 5% Piemonte 6% Veneto 4% Emilia Romagna 5% 9

10 L indagine SDA Bocconi sulla domanda di factoring Il campione: ripartizione settoriale Le imprese private sono state classificate in 4 macro-settori, di cui tre riferiti a imprese del settore privato*: industria in senso stretto; costruzioni; servizi privati non finanziari, Il campione: ripartizione settoriale AMMINISTRAZIONI CENTRALI 2% AMMINISTRAZIONI LOCALI 3% IMPRESE PUBBLICHE 2% INDUSTRIA IN SENSO STRETTO 37% ed uno costituito da enti del settore pubblico, categoria non inclusa nell indagine AF SERVIZI PRIVATI NON FINANZIARI 49% COSTRUZIONI 7% Anche in questo caso, la ripartizione appare rappresentativa dell universo factoring. *Per la composizione dei macro-settori si è utilizzata la definizione usata nell Indagine sulle imprese industriali e dei servizi di Banca d Italia 10

11 L indagine SDA Bocconi sulla domanda di factoring Il campione: i crediti ceduti Tipo operazione Distribuzione percentuale dei crediti ceduti (media campione) Distribuzione percentuale in Italia 1 (fonte: Assifact) Distribuzione percentuale nel mondo 2 (fonte: FCI) Factoring domestico 92% 90% 89% Factoring internazionale 8% 10% 11% Totale 100% 100% 100% Factoring pro soluto 56% 52% 58% Factoring pro solvendo 44% 48% 42% Totale 100% 100% 100% 1 Ripartizione dell outstanding 2 Ripartizione del turnover 11

12 L indagine SDA Bocconi sulla domanda di factoring La metodologia La rilevazione è stata effettuata attraverso interviste sul campo, sulla base di un questionario, da parte di intervistatori esperti a responsabili e addetti delle funzioni amministrative e finanziarie nonché, occasionalmente e per le imprese di minore dimensione, ai titolari delle imprese o a direttori generali. 12

13 L indagine SDA Bocconi sulla domanda di factoring Agenda: Il ricorso al credito commerciale Il ricorso al factoring Aspetti gestionali e finanziari del factoring Il factoring dal punto di vista del debitore ceduto Il factoring nell ottica di Basilea 2 e IAS Prospettive e conclusioni 13

14 Il ricorso al credito commerciale Il credito commerciale rappresenta principalmente una forma di finanziamento del cliente ed una strategia di espansione delle vendite, contribuendo anche a sincronizzare i flussi in entrata ed in uscita. una forma di finanziamento del cliente 25% Che cosa rappresenta il credito commerciale? (distribuzione percentuale delle risposte) altro 5% non ho opinioni sull argomento 2% una garanzia della qualità del prodotto 7% una strategia di espansione delle vendite 19% uno strumento per instaurare una relazione continuativa con la controparte 15% un modo per sincronizzare i flussi in entrata e in uscita 19% uno strumento per valutare l affidabilità della controparte 10% 14

15 Il ricorso al credito commerciale I termini di pagamento dei crediti e dei debiti 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Clientela domestica Clientela estera Propri debiti commerciali Entro 90 giorni Tra 90 e 120 giorni Tra 120 e 180 giorni Oltre 180 giorni 15

16 Il ricorso al credito commerciale I principali problemi: ritardo negli incassi elevati costi di gestione del rapporto creditizio 40% 35% Secondo Lei, quali sono i principali problemi nell utilizzo del credito commerciale? 39% 30% 25% 20% 18% 22% 17% 15% 10% 4% 5% 0% insolvenza dei clienti elevato ritardo nei pagamenti da parte dei clienti elevati costi di gestione del rapporto creditizio con i clienti difficoltà nel valutare l affidabilità della controparte altro 16

17 Il ricorso al credito commerciale Coerentemente con i risultati di Finaldi Russo e Leva (2004), che analizzano le ragioni del ricorso al debito commerciale, l indagine mette in luce il fatto che il credito commerciale è diffuso sia per ragioni finanziarie sia per l esigenza di sincronizzare i flussi in entrata e in uscita. Lo studio citato, inoltre, dimostra che il meccanismo con cui le imprese con minore facilità di accesso al credito bancario concretizzano il ricorso al debito commerciale è quello del pagamento ritardato, che nell indagine SDA è rappresentato come il principale problema da parte dei fornitori oggetto d indagine. 16,00% 14,00% 12,00% 10,00% 8,00% 6,00% 4,00% 2,00% 0,00% Percentuale di aziende con ritardi di pagamento superiori ai 30 giorni (fonte: D&B, Studio pagamenti Ed. 2008) Italia Europa Dun & Bradstreet redige annualmente un rapporto in cui analizza le abitudini dei pagamenti nei paesi europei. Le ultime rilevazioni dei ritardi di pagamento per l Italia dimostrano come il gap rispetto alla media europea, dopo un lungo periodo di riduzione, sia tornato a crescere. Nel quarto trimestre 2007 in Italia i giorni medi di ritardo nei pagamenti sono stati pari a 13,5 (fonte: D&B, Studio pagamenti Ed. 2008). 17

18 L indagine SDA Bocconi sulla domanda di factoring Agenda: Il ricorso al credito commerciale Il ricorso al factoring Aspetti gestionali e finanziari del factoring Il factoring dal punto di vista del debitore ceduto Il factoring nell ottica di Basilea 2 e IAS Prospettive e conclusioni 18

19 Il factoring visto dalle imprese Il factoring rappresenta una forma di finanziamento complementare al credito bancario e una forma di garanzia del buon fine dei crediti commerciali. È inoltre di rilievo il ruolo del factoring come strumento per gestire professionalmente i crediti. Meno importante è il ruolo attribuito al factoring come forma di finanziamento alternativa al credito bancario, mentre è marginale la convinzione che il factoring sia una forma di recupero dei crediti insoluti o problematici. 19

20 Il factoring visto dalle imprese Confrontando i risultati dell indagine con la precedente indagine AF 1996, appare chiara una maggiore consapevolezza delle componenti assicurative e di servizio del factoring. Che cosa rappresenta il factoring? (distribuzione percentuale delle risposte) Indagine SDA 2008 Indagine AF 1996 una forma di finanziamento alternativa al credito bancario 16% 23% una forma di finanziamento complementare al credito bancario 26% 43% una forma di garanzia del buon fine dei crediti commerciali 25% 14% uno strumento per gestire professionalmente il credito 19% 13% una forma di recupero dei crediti insoluti o problematici 7% 5% altro 6% 1% non ho opinioni sull'argomento 1% 1% 20

21 Il factoring visto dalle imprese Analogamente all indagine AF 1996, l indagine evidenzia delle differenze nel ruolo attribuito al factoring a seconda del fatto che l impresa utilizzi o meno il factoring: nei non utilizzatori e, infatti, è maggiore il ruolo attribuito al factoring come forma di recupero di crediti insoluti o problematici (12% delle risposte contro il 5% negli utilizzatori), in aggiunta al ruolo di finanziamento complementare e garanzia dei crediti. Negli enti pubblici questo aspetto è ulteriormente evidenziato (17% delle risposte); per gli ex clienti il factoring rappresenta principalmente una forma di finanziamento alternativa al credito bancario (31%) e una forma di garanzia del buon fine dei crediti (31%). In generale, si segnala la tendenza, per chi non ricorre attualmente al factoring, a percepire un ruolo maggiore della componente finanziaria dello strumento rispetto alla componente di garanzia e di servizio. 21

22 Il factoring visto dalle imprese 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% Che cosa rappresenta il factoring (distribuzione percentuale delle risposte) Clienti Ex clienti Non utilizzatori 0% una forma di finanziamento alternativa al credito bancario 2. una forma di finanziamento complementare al credito bancario 3. una forma di garanzia del buon fine dei crediti commerciali 4. uno strumento per gestire professionalmente il credito 5. una forma di recupero dei crediti insoluti o problematici 6. altro 7. non ho opinioni in proposito 22

23 Il factoring visto dalle imprese Si notano significative differenze anche nella percezione che le varie categorie di imprese utilizzatrici hanno del factoring: Che cosa rappresenta il factoring? (distribuzione percentuale delle risposte) Clienti più esperti Clienti meno esperti una forma di finanziamento alternativa al credito bancario 9% 23% una forma di finanziamento complementare al credito bancario 24% 24% una forma di garanzia del buon fine dei crediti commerciali 26% 23% uno strumento per gestire professionalmente il credito 26% 16% una forma di recupero dei crediti insoluti o problematici 4% 7% altro 11% 7% non ho opinioni sull'argomento 0% 0% 23

24 Il factoring visto dalle imprese L articolazione delle risposte per classi di fatturato 35% 30% 25% 20% 15% Che cosa rappresenta il factoring (distribuzione percentuale delle risposte per classi di fatturato) < 25 mln tra 25 e 250 mln oltre 250 mln Al crescere delle dimensioni, diminuisce il ruolo del factoring come strumento di finanziamento e si rafforza la percezione della componente di servizio e di garanzia del credito. 10% 5% 0% una forma di finanziamento alternativa al credito bancario 2. una forma di finanziamento complementare al credito bancario 3. una forma di garanzia del buon fine dei crediti commerciali 4. uno strumento per gestire professionalmente il credito 5. una forma di recupero dei crediti insoluti o problematici 6. altro 7. non ho opinioni in proposito Questo risultato è in linea con i risultati dell indagine AF

25 Il factoring visto dalle imprese Che cosa rappresenta il factoring? (distribuzione percentuale delle risposte) Generale Clienti esperti Clienti con uso sistematico del factoring Imprese con credito commerciale più sviluppato uno strumento per gestire professionalmente il credito 19% 26% 25% 27% Le imprese in cui il credito commerciale è più sviluppato, i clienti esperti e quelli che utilizzano sistematicamente il factoring percepiscono maggiormente i benefici a livello di gestione del credito connessi all utilizzo del factoring 25

26 Il factoring visto dalle imprese Il factoring è utile per le imprese che non riescono a riscuotere regolarmente i crediti (58% di assenso) e per quelle che vogliono affidare a società specializzate la gestione e il controllo del portafoglio clienti (53%) ma anche per quelle imprese che non possono accedere al credito bancario (51%). Nelle imprese in cui il credito commerciale è più sviluppato e nei clienti più soddisfatti, emerge la convinzione che il factoring sia uno strumento utile anche per le imprese di piccola dimensione. 26

27 Il factoring visto dalle imprese Il 39% delle imprese ritiene che il factoring sia ancora uno strumento poco conosciuto, in aumento rispetto all indagine precedente (24%), a causa principalmente della scarsa cultura finanziaria delle imprese e dell insufficiente informativa da parte delle banche e delle società di factoring. Rispetto all indagine AF 1996, la percentuale di imprese che vede l inadeguatezza dell offerta del servizio tra le cause della scarsa conoscenza del factoring è significativamente ridotta. 27

28 Il ricorso al factoring Il 68% delle imprese intervistate ricorre al factoring (l 89% delle imprese che dichiarano che il credito commerciale nella loro impresa è più sviluppato che nelle altre imprese). Meno di uno su quattro dei non utilizzatori attuali ha fatto ricorso al factoring in passato. Per gli altri, i motivi di non ricorso (anche in prospettiva) sono essenzialmente legati alla convinzione di non averne bisogno e di non voler rinunciare al contatto diretto con la clientela. 28

29 Il ricorso al factoring Le imprese intervistate presentano una anzianità di utilizzo del factoring piuttosto variegata: quasi il 50% delle imprese utilizzatrici usa il factoring da (o lo ha utilizzato per) oltre 5 anni, mentre il 32% lo utilizza da o lo ha utilizzato per meno di 3 anni. Se l'impresa è (o è stata) cliente di aziende di factoring, per quanti anni ha utilizzato tale strumento? oltre 10 anni 26% 5 10 anni 23% dalla nascita dell'impresa 5% 3 5 anni 14% 1 3 anni 32% Gli ex clienti, generalmente, hanno avuto brevi esperienze di factoring (il 43% lo ha utilizzato per meno di 3 anni), mentre nelle imprese di maggiori dimensioni il factoring è uno strumento radicato nella gestione aziendale: il 50% lo utilizza da (o lo ha utilizzato per) oltre 10 anni. Anche per i clienti che ne fanno un uso non sporadico e per le imprese in cui il credito commerciale è più sviluppato i rapporti di factoring tendono ad avere una durata più lunga. 29

30 Il ricorso al factoring Rispetto all indagine AF 1996, emerge un evoluzione circa la durata dei rapporti: il factoring viene utilizzato per periodi più lunghi e in maniera meno discontinua. 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Se l'impresa è (o è stata) cliente di aziende di factoring, per quanti anni ha utilizzato tale strumento? 32% 37% 14% 26% 27% 23% 26% % SDA 2008 AF % 1% anni anni anni 4. oltre 10 anni 5. dalla nascita dell'impresa 30

31 Il ricorso al factoring Il 45% delle imprese intervistate ha rapporti d affari con una sola società di factoring, mentre il 41% ha rapporti contemporaneamente con un numero variabile da 2 a 4 di factor. Le imprese che mantengono rapporti d affari con più di 4 società di factoring sono il restante 14%, perlopiù composto da imprese di elevate dimensioni. Il 71% dei clienti esperti ha rapporti contemporaneamente con più di una società di factoring, mentre i meno esperti prediligono il rapporto esclusivo con una sola società (57%). 31

32 Il ricorso al factoring I motivi del ricorso al factoring In termini generali, il ricorso al factoring è dovuto principalmente ad esigenze di liquidità (36% delle risposte), al forte sviluppo aziendale (21%) e all esigenza di assicurare i crediti (17%). Rispetto all indagine AF 1996, è diminuita l importanza relativa del razionamento del credito bancario: il ricorso al factoring sembra quindi dovuto più che in passato ad una valutazione interna di convenienza che alla necessità di sostituire il credito bancario. 32

33 Il ricorso al factoring I motivi del ricorso al factoring il ricorso al factoring è stato dovuto: all'esigenza di far gestire i crediti a terzi 10% all'esigenza di assicurare i crediti 17% all'esigenza di recuperare insoluti 6% ad esigenze di liquidità al forte sviluppo aziendale 21% al razionamento del credito bancario 9% 36% In particolare, i clienti che fanno un uso occasionale del factoring hanno un esigenza maggiore di assicurare i crediti rispetto agli altri (30% delle risposte) 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 33

34 Il ricorso al factoring Come le imprese vengono a conoscenza del factoring Il 40% delle imprese intervistate è venuto a conoscenza dello strumento tramite contatto diretto con le società di factoring, mentre il 27% tramite le banche (più importanti per le imprese minori); rispetto all indagine AF 1996, si è ridotta la rilevanza del ruolo delle banche nella promozione del factoring. Solo un 7% dichiara di aver conosciuto il factoring tramite imprese che già lo utilizzavano. Si segnala un 26% (in particolare tra le imprese di maggiori dimensioni) che dichiara di essere venuto a conoscenza del factoring tramite altre fonti, principalmente tramite conoscenza diretta o esperienze passate della persona intervistata. 34

35 Il grado di soddisfazione del rapporto di factoring Il grado di soddisfazione del rapporto di factoring è definito come buono dal 62% delle imprese intervistate; il 15% lo definisce ottimo (7% nell indagine AF 1996) mentre il 20% sufficiente. Solo il 3% delle imprese lo giudica scarso (11% nell indagine AF 1996), anche se tale percentuale aumenta significativamente con riferimento agli ex clienti (14%). Grado di soddisfazione del rapporto di factoring 70% 60% 50% 40% 61% 59% SDA 2008 AF % 20% 10% 0% 23% 20% 15% 11% 7% 3% scarso sufficiente buono ottimo 35

36 Il grado di soddisfazione del rapporto di factoring 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Grado di soddisfazione del rapporto di factoring 72% 50% 39% 19% 9% 7% 4% 0% scarso sufficiente buono ottimo clienti con uso occasionale clienti con uso sistematico I clienti che fanno un uso occasionale del factoring appaiono meno soddisfatti rispetto a quelli che ne fanno un uso sistematico. 36

37 Il grado di soddisfazione del rapporto di factoring 37

38 Il grado di soddisfazione del rapporto di factoring I principali elementi di soddisfazione per segmento di clientela Principali elementi di soddisfazione 38

39 Il grado di soddisfazione del rapporto di factoring I principali elementi di insoddisfazione per segmento di clientela Principali elementi di insoddisfazione 39

40 Il grado di soddisfazione del rapporto di factoring Coloro che ritengono che il factoring costi di più rispetto al credito bancario attribuiscono ciò al fatto che il factoring è un servizio più complesso e ricco (41% circa) e non al fatto che è usato da imprese in difficoltà finanziarie (5%). Si segnalano tuttavia alcune significative differenze tra le opinioni delle diverse categorie di imprese. Motivazione della differenza di costo tra factoring e credito bancario Il factoring è uno strumento più complesso e ricco rispetto al credito bancario Le società di factoring servono abitualmente imprese in difficoltà finanziarie Clienti Ex clienti Non utilizzatori 45% 29% 35% 3% 14% 9% 40

41 Il grado di soddisfazione del rapporto di factoring In ogni caso, la maggioranza delle imprese indagate ritiene che il costo del factoring vada confrontato con il costo medio dei finanziamenti ed il costo di gestione interna del credito commerciale (53%) oppure, ma meno frequentemente, con il costo del credito bancario (33%). Nella precedente indagine, il termine di confronto privilegiato era il costo del credito bancario, con il 56% delle imprese. Coerentemente con l evoluzione delle percezioni sul factoring verso un sistema integrato di finanziamento e servizi emersa dal confronto tra l indagine SDA 2008 e l indagine AF 1996, anche il costo della gestione interna del credito viene considerato maggiormente nella valutazione della convenienza. 41

42 Il grado di soddisfazione del rapporto di factoring Alcuni confronti significativi sulla valutazione della convenienza del factoring Ritiene che il costo del factoring vada confrontato con: Clienti esperti Clienti meno esperti Clienti con uso occasionale Clienti con uso sistematico Il costo del credito bancario 26% 43% 57% 23% Il costo del credito di fornitura 9% 7% 4% 9% Il costo medio dei finanziamenti ed il costo di gestione interna del credito commerciale 56% 43% 28% 63% Altro 9% 7% 11% 5% I clienti più esperti e quelli che fanno un uso sistematico del factoring sono più propensi ad includere nella valutazione del costo del factoring anche un confronto con il costo di gestione interna del credito commerciale. Il 58% dei clienti insoddisfatti dal costo del rapporto di factoring usa come termine di confronto il costo del credito bancario. 42

43 L indagine SDA Bocconi sulla domanda di factoring Agenda: Il ricorso al credito commerciale Il ricorso al factoring Aspetti gestionali e finanziari del factoring Il factoring dal punto di vista del debitore ceduto Il factoring nell ottica di Basilea 2 e IAS Prospettive e conclusioni 43

44 Factoring e gestione d impresa A parere delle imprese indagate, il factoring, dal punto di vista finanziario, consente principalmente di ottimizzare la programmazione degli incassi e, meno di frequente, di risolvere necessità di fondi di natura sia temporanee che croniche. Dal punto di vista finanziario, il factoring consente alla Sua impresa di: facilitare la crescita del fatturato 8% altro 7% risolvere croniche necessità di fondi 19% ottimizzare la programmazione degli incassi 48% risolvere temporanee necessità di fondi 18% 44

45 Factoring e gestione d impresa Rispetto alla precedente indagine, è aumentata la percezione del factoring come strumento per ottimizzare la programmazione degli incassi; inoltre, è maggiore la percentuale di imprese che vedono nel factoring uno strumento indispensabile per risolvere croniche necessità di fondi. 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Dal punto di vista finanziario, il factoring consente all'impresa di: 19% 18% 6% 35% 48% 33% 26% 8% 7% SDA 2008 AF % Risulta invece ampiamente ridotta la percentuale di imprese che ritengono che il factoring soddisfi temporanee necessità di fondi o faciliti la crescita del fatturato. 1. risolvere croniche necessità di fondi 2. risolvere temporanee necessità di fondi 3. ottimizzare la programmazione del fatturato 4. facilitare la crescita del fatturato 5. altro 45

46 Factoring e gestione d impresa Dal punto di vista finanziario, il factoring consente all impresa di: Piccole imprese Medie imprese Grandi imprese risolvere croniche necessità di fondi 31% 15% 12% risolvere temporanee necessità di fondi 26% 18% 6% ottimizzare la programmazione degli incassi 39% 43% 70% facilitare la crescita del fatturato 4% 9% 12% altro 0% 15% 0% Al crescere delle dimensioni aziendali, il factoring assume sempre più il ruolo di strumento di programmazione dei flussi. Lo stesso fenomeno si riscontra per i clienti più esperti e più soddisfatti. 46

47 Factoring e gestione d impresa I fondi derivanti dallo smobilizzo dei crediti ad una società di factoring sono utilizzati principalmente per rimborsare i debiti e, in misura meno frequente, per finanziare lo sviluppo delle vendite (soprattutto nei clienti esperti e nelle imprese di medie dimensioni). Marginale l impiego in titoli o altre attività fruttifere. In particolare, l 82% degli intervistati che considerano il credito commerciale più sviluppato nella loro impresa che nei concorrenti, destina i fondi al rimborso dei debiti. Rispetto al passato è diminuita la percentuale di imprese che utilizza i fondi per investimenti finalizzati alla crescita del fatturato (19% contro 36% dell indagine AF 1996), mentre è aumentata la quota di intervistati che utilizza i fondi smobilizzati per rimborsare i propri debiti verso fornitori o banche. 47

48 Factoring e gestione d impresa Solo poco più di un quinto delle imprese ha ridotto l attività interna di gestione dei crediti commerciali, perché con il factoring si riduce il costo di gestione interna dei crediti (40%) e l azienda si può concentrare sulle vendite (33%). Le restanti imprese non lo hanno fatto più per motivi di politiche aziendali (quasi il 60% delle risposte) o perché i costi non si riducevano (9%). La percentuale di imprese che hanno ridotto l attività di gestione interna sale al 44% per le imprese in cui il credito commerciale è più sviluppato, nelle quali l uso del factoring consente principalmente di concentrarsi sulle vendite (50%). Meno rilevante, ma comunque significativo, l aumento di tale percentuale nei clienti più esperti, più soddisfatti e che fanno un uso non sporadico del factoring (con una quota tra il 28% e il 30%). Al contrario, l 87% delle imprese di piccole dimensioni non ha mai ipotizzato di ridurre l attività interna di gestione del credito. 48

49 Factoring e gestione d impresa Gli effetti del factoring sui comportamenti dei debitori ceduti 60% Gli effetti del factoring sui comportamenti dei debitori ceduti: 50% 48% 40% 36% 34% 36% 30% 27% 26% 27% 25% 20% 21% 10% 8% 7% 0% 3% 3% 0% 0% Tempi medi di incasso Regolarità dei pagamenti Livello di insoluti Peggiora Non cambia Migliora Non c'è relazione con l'uso del factoring Non sa rispondere 49

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli