Indice. 1 Il contratto di deposito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1 Il contratto di deposito ---------------------------------------------------------------------------------- 3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE LEZIONE VIII I CONTRATTI (PARTE II) PROF. VALENTINA SCOGNAMIGLIO

2 Indice 1 Il contratto di deposito Deposito irregolare Deposito nei magazzini generali Sequestro convenzionale Contratto di posteggio Il contratto d albergo Il mandato Tipi di mandato Obbligazioni del mandatario Obbligazioni del mandante Estinzione del mandato La spedizione La commissione Il contratto di agenzia Il comodato Il factoring Rapporti tra cedente e cessionario Il contratto di factoring e le norme sulla trasparenza dei servizi finanziari La cessione dei crediti d impresa I contratti bancari di 53

3 1 Il contratto di deposito Il deposito è «il contratto con il quale una parte (depositario) riceve dall altra (depositante) una cosa mobile con l obbligo di custodirla e di restituirla in natura (art. 1766). Oggetto del contratto, dunque, sono le cose mobili. La causa del deposito consiste nell assicurare la custodia della cosa: provvedere cioè alla conservazione materiale di essa, preservandola dai pericoli di sottrazione, distruzione o danneggiamento. L obbligazione di custodire, gravante su una delle parti, costituisce lo scopo esclusivo, o quanto meno preminente, del contratto ed è diretta a soddisfare da sola l interesse contrattuale specifico del depositante-creditore. Al depositano non passa la proprietà né il possesso della cosa depositata e la detiene soltanto, nell interesse del depositate, e non può disporne. Il deposito si presume gratuito, ma tale presunzione è relativa, suscettibile quindi di prova contraria in caso di diversa volontà delle parti. La presunzione di gratuità non sussiste quando il depositario eserciti professionalmente l attività dedotta in contratto. Per quanto riguarda la natura giuridica, il deposito è: a) contratto reale: si perfeziona, infatti, solo con la consegna della cosa al depositario. Non è sempre necessario, comunque, il passaggio materiale del bene da custodire, ma è sufficiente che in capo all accipiens si verifichi una situazione tale da permettere l immediata realizzazione dell interesse perseguito: se la cosa, pertanto, si trova già nelle mani del depositario, basta una traditio cd. consensuale, un accordo cioè che modifichi il titolo del possesso in capo all accipiens, che da quel momento deterrà a titolo di deposito; b) di durata: per il carattere continuativo della prestazione di custodia. Il protrarsi nel tempo dell adempimento, dunque, è condizione del prodursi degli effetti voluti dalle parti e del conseguimento della utilità per cui le stesse giunsero alla conclusione del contratto; c) parzialmente fondato sull intuitus personae: la natura fiduciaria del contratto tra depositante e depositano impedisce a quest ultimo di dare la cosa in deposito (subdeposito) ad un terzo, salvo il caso in cui tale potere gli venga concesso dal depositante (art. 1770); d) a forma libera. La legge non prevede, per il deposito, neanche la forma ad probationem anche se, nella pratica, vengono rilasciati particolari contrassegni che abilitano il possessore al ritiro della merce depositata e che costituiscono, pertanto, dei mezzi di legittimazione. Pur avendo tali 3 di 53

4 documenti una funzione probatoria, viene comunemente riconosciuto che i diritti e gli obblighi delle parti possono essere provati con ogni altro mezzo di prova. Il deposito può essere effettuato da chiunque abbia il possesso o la detenzione della cosa, non importa se sia o meno proprietario; la cosa deve essere restituita al depositante o a chi sia in possesso di un documento di legittimazione alla restituzione e il depositario non può pretendere che questi provi di esserne proprietario (art. 1777). Le principali obbligazioni del depositario sono le seguenti: usare, nella custodia, la diligenza del buon padre di famiglia; ma, se il deposito è gratuito, un eventuale responsabilità per colpa è valutata con minor rigore (art. 1768). non servirsi della cosa depositata (art. 1770) senza il previo consenso del depositante (salvo che si tratti di deposito irregolare). restituire la cosa in ogni momento in cui il depositante la richieda; d altro canto, però, il depositario può domandare in qualunque tempo di essere liberato dall obbligo della custodia, qualora questo diventi gravoso (art.1771). restituire al depositante i frutti della cosa da lui eventualmente percetti (art.1775). Le principali obbligazioni del depositante sono, invece: rimborsare il depositario delle spese fatte per conservare la cosa. Deve trattarsi di spese necessarie o quanto meno opportune. pagare l eventuale compenso pattuito (art. 1781). pagare le spese eventualmente necessarie per la restituzione della cosa (art.1774). ritirare la cosa depositata, a richiesta del depositario (art. 1771) Deposito irregolare Il deposito irregolare ha per oggetto una quantità di danaro o di altre cose fungibili e consumabili (es.: grano) delle quali viene concessa al depositario la facoltà di servirsi (art. 1782). Il depositario acquista, in questo caso, la proprietà delle cose e può disporne, quindi, come crede: anche alienarle e consumarle per i propri bisogni; non è più tenuto a conservarle per restituirle nella loro identità, ma unicamente a restituirne altrettante della stessa specie e qualità. Per 4 di 53

5 tale tipo di deposito debbono osservarsi, in quanto applicabili, le norme relative al mutuo (art e segg.) Deposito nei magazzini generali I magazzini generali sono edifici particolarmente attrezzati per garantire ai depositanti una razionale conservazione delle loro merci, in attesa che siano messe in circolazione o avviate verso i luoghi di consumo. L esercizio dei magazzini generali è soggetto ad autorizzazione e vigilanza dell autorità governativa, e coloro che gestiscono questi magazzini esercitando un pubblico servizio sono obbligati, finché abbiano spazio disponibile, a ricevere in deposito tutte le merci comprese nelle loro tariffe. Il contratto stipulato fra i magazzini generali e coloro che ad essi affidano le merci è un comune contratto di deposito, il quale si distingue da quello ordinario soltanto per la speciale qualità professionale del depositario e per le i seguenti particolarità di disciplina (che comunque non modificano la natura contratto): il deposito, anche nel silenzio delle parti, è a titolo oneroso, in considerazione appunto della qualità professionale del depositario (art. 1767); il deposito nei magazzini generali è sempre deposito regolare: non si determina, quindi, l acquisto della proprietà della merce da parte dell esercente; il magazzino ha l obbligo di predisporre locali adatti ed impianti regolarmente funzionanti per la conservazione delle merci e di mantenerli in tale stato; compete al depositante il diritto di ispezionare le merci depositate, di ritirare i campioni, di compiere le operazioni di manipolazione, di cernita, miscela, travaso o altro, le quali difficilmente possono ritenersi consentite in un comune contratto di deposito (art. 1788); la responsabilità dei magazzini generali è parificata a quella del vettore, essi, infatti, rispondono nei confronti del depositante a meno che non provino che la perdita, il calo o 1 avaria siano dovuti a caso fortuito, alla natura delle merci, ovvero ai vizi di esse o dell imballaggio (art. 1787). A loro carico si pongono, conseguentemente, i danni derivanti da cause ignote; mentre nel deposito ordinario il depositario, di fronte al mancato ritiro delle cose depositate da parte del depositante, può ricorrere soltanto al «deposito liberatorio», i magazzini 5 di 53

6 generali possono pro cedere alla vendita delle merci non ritirate nei termini (art. 1789) con le modalità stabilite dall art. 1515; la manifestazione più tipica della forma di deposito in esame è la possibilità che le merci depositate vengano reiteratamente negoziate o date in pegno (per ottenerne anticipazioni sul valore) senza che le stesse siano rimosse dal luogo di deposito (c.d. circolazione giuridica o documentale delle merci). Il depositario, infatti, può rilasciare, al depositante che ne faccia richiesta, dei titoli rappresentativi delle merci depositate, e precisamente la fede di deposito cui è unita una nota di pegno, emessi «all ordine» e quindi trasferibili mediante «girata». I titoli anzidetti sono denominati titoli di deposito, proprio perché presuppongono e si innestano su un preesistente rapporto di deposito; essi si distinguono, pertanto, dai titoli di trasporto (lettera di vettura, polizza di carico, ed equipollenti), pur avendo analoga natura e struttura Sequestro convenzionale Il sequestro convenzionale è «il contratto con il quale due o più persone affidino ad un terzo (sequestratario) una cosa o una pluralità di cose, rispetto alla quale sia nata tra esse controversia, perché la custodisca e la restituisca a quella a cui spetterà quando la controversia sarà definita». Possono configurarsi, in proposito, due forme contrattuali: la prima riguarda gli oggetti che il sequestratario deve soltanto custodire: in tal caso ci troviamo di fronte ad una figura peculiare di deposito e si applicano le norme che regolano questo contratto; la seconda riguarda le cose che non devono essere soltanto custodite ma anche amministrate: in tal caso si applicano le regole del mandato. Il contratto può avere ad oggetto beni immobili, mobili o anche danaro (per quest ultimo si applicherà la normativa dettata per il deposito irregolare). Essenziale è che intorno alla cosa oggetto del sequestro sia sorta controversia tra le parti affidanti (se questa mancasse, infatti, si avrebbe un semplice deposito fatto da più interessati, regolato dall art. 1772). Gli obblighi, i diritti e i poteri del sequestratario sono determinati dal contratto e, in mancanza, si osservano le norme fissate dagli artt di 53

7 Deve ricordarsi, infine, che l istituto del sequestro convenzionale riceve nella pratica scarsa applicazione, perché per lo più le parti non addivengono ad tale accordo ed è indispensabile ricorrere al sequestro giudiziario Contratto di posteggio Tale contratto è assai frequente nella vita moderna. Esso può assumere due forme: quella del posteggio nelle pubbliche vie, e quella del posteggio in garage. Il primo si esaurisce in una pura attività di custodia e rientra quindi negli schemi del deposito vero e proprio; l altro può avere contenuto più complesso allorché il depositano assuma obblighi ulteriori diretti alla pulitura o ad altre operazioni di manutenzione del veicolo Il contratto d albergo Il contratto d albergo è un contratto mediante il qua1e l albergatore si obbliga, dietro corrispettivo in danaro, ad alloggiare il cliente in uno o più locali dell albergo, convenientemente mobiliati e provvisti di adeguati servizi e, di solito, a fornirgli le bevande ed i cibi richiesti. L obbligazione dell albergatore è dunque di: dare: concessione dell uso di locali verso un corrispettivo; facere: svolgimento di tutte le attività necessarie per consentire al cliente il soggiorno nell albergo e per soddisfarne i bisogni. La custodia delle cose del cliente rappresenta un aspetto rilevante dell obbligo di alloggiamento: la legge, pertanto, regola diffusamente la responsabilità dell albergatore qualora il cliente subisca la sottrazione, la perdita o il deterioramento degli oggetti che ha portato con sé. Si considerano, pertanto, «portate in albergo»: le cose che, durante il tempo nel quale il cliente dispone dell alloggio, trovano in esso o nei locali di pertinenza; le cose di cui, durante il tempo nel quale il cliente dispone dell alloggio, l albergatore, un membro della sua famiglia o un suo ausiliario assumono la custodia fuori dell albergo; 7 di 53

8 le cose di cui, durante un periodo di tempo ragionevole, precedente o successivo a quello in cui il cliente dispone dell alloggio, 1 albergatore, membro della sua famiglia o un suo ausiliario assumono la custodia, sia nell albergo che fuori dell albergo. La responsabilità dell albergatore: per le cose non consegnate: la responsabilità è limitata al valore di quanto sia deteriorato, distrutto o sottratto, fino all equivalente di cento volte il prezzo di locazione dell alloggio per giornata. L albergatore, invece, è illimitatamente responsabile e non può, pertanto, invocare il limite di risarcimento anzidetto quando il deterioramento, la distruzione o la sottrazione delle cose portate dal cliente in albergo sono dovute a colpa, anche «lieve», sua, dei membri della sua famiglia o dei suoi ausiliari. Tale colpa può consistere sia in una negligente organizzazione dell esercizio alberghiero, sia in un singolo ed isolato comportamento (commissivo od omissivo) imprudente o sbadato dell albergatore e assimilati; per le cose consegnate: la responsabilità è illimitata (art. 1784); per le cose che l albergatore aveva l obbligo di accettare e che, invece, ha rifiutato di ricevere in custodia: la responsabilità è egualmente illimitata. Si ricordi che l albergatore ha l obbligo di accettare le carte-valori, il danaro contante e gli oggetti di valore; egli può rifiutarsi di riceverli soltanto se si tratti di oggetti pericolosi o che, tenuto conto della importanza e delle condizioni di gestione dell albergo, abbiano eccessivo o natura ingombrante. Il cliente dopo avere constatato il deterioramento, la distruzione o la sostituzione deve denunziare «il fatto» all albergatore, senza ritardo. Ciò al fine di consentire allo stesso di rimuovere le cause che danno origine al deterioramento delle cose dell albergato, o di svolgere le ricerche che potrebbero portare al recupero delle cose sottratte. All omessa o ingiustificatamente tardiva denuncia, da parte del cliente, è connesso, quale speciale conseguenza sanzionatoria, l esonero di responsabilità dell albergatore, cioè la decadenza del danneggiato dal diritto al risarcimento. La disciplina dianzi delineata si applica agli imprenditori di case di cura, stabilimenti di pubblici spettacoli, stabilimenti balneari, pensioni, trattorie, vagoni letto e simili (art. 1786). La Cassazione ha affermato che mentre per l albergatore sussiste la responsabilità ex recepto per tutte le cose portate dal cliente in albergo per le categorie assimilate di imprenditori 8 di 53

9 tale responsabilità, relativamente alle cose ad essi non consegnate in custodia, deve ritenersi limitata a quelle di cui è opportuno liberarsi per il migliore godimento della prestazione, restando sotto la diretta vigilanza del cliente le altre cose che porta addosso e che non gli recano intralcio. L imprenditore, pertanto, non dovrà rispondere della sottrazione, perdita o deterioramento di tali cose, ove il cliente se ne sia liberato (es. accendino d oro lasciato sul tavolo di una trattoria). 9 di 53

10 2 Il mandato Il mandato è «il contratto con il quale una parte (mandatario) si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dell altra parte (mandante)» (art. 1703). Esso rientra, pertanto, nella categoria della «locatio operis», ma se ne distingue per la particolare attività che forma oggetto dell obbligazione del mandatario: il compimento di atti giuridici. Se il mandante riveste la qualifica di «imprenditore» commerciale, il mandatario può essere definito un suo ausiliario: egli, però a differenza degli institori, dei procuratori e dei commessi è un ausiliario autonomo, in quanto, è vincolato da un rapporto di lavoro subordinato. Il mandato può essere: a) con rappresentanza: in questa ipotesi il mandatario agisce non solo per conto, ma anche in nome del mandante (c.d. «spendita del nome»). Il mandato è in tal caso collegato ad una procura (atto unilaterale che conferisce il relativo potere al mandatario), pertanto gli effetti giuridici si verificano direttamente in capo al mandante; b) senza rappresentanza: in questo caso, invece, il mandatario agisce in nome proprio e acquista i diritti e assume gli obblighi derivanti dal negozio, mentre i terzi non entrano in alcun rapporto col mandante. Qualora il mandato sia conferito con rappresentanza ed abbia per oggetto l acquisto o l alienazione di un bene, il trasferimento del bene avviene direttamente tra il terzo (venditore od acquirente) ed il mandante, in quanto il mandatario agisce «in nome» del mandante medesimo. Il codice civile, in proposito, disciplina soltanto il mandato ad acquistare stabilisce (art. 1706) che: per gli immobili o beni mobili iscritti in pubblici registri, il mandatario che li ha acquistati in nome proprio né diventa proprietario, ma ha l obbligo di ritrasferirli al mandante con un successivo negozio (altrimenti il mandante stesso può chiedere che il giudice attui il trasferimento mediante sentenza costitutiva: art. 2932). per i beni mobili non-registrati, invece, il mandante ha il diritto di rivendicare le cose mobili acquistate per suo conto dal mandatario che ha agito in nome proprio. La stessa disciplina nel silenzio della legge viene ritenuta applicabile alle ipotesi di mandato ad alienare. 10 di 53

11 Caratteri del mandato a) Oggetto del mandato è sempre il compimento di atti giuridici, siano essi negoziali o non negoziali; b) per la conclusione del mandato non sono richieste forme particolari: si richiede la forma scritta, per il mandato che abbia per oggetto il compimento di atti per i quali occorra la forma scritta (es.: trasferimento di beni immobili); c) nelle ipotesi in cui non sia necessaria la forma scritta, il mandato può essere anche tacito, purché si evidenzi un comportamento univoco che valga accettazione da parte del mandatario: d) il mandato si presume oneroso; può essere però anche gratuito, in quanto l onerosità ne è carattere normale, ma non essenziale. La misura del compenso, se non è stata stabilita dalle parti, è determinata con riferimento alle tariffe professionali, o agli usi; in ultima ipotesi è prevista la determinazione da parte dell autorità giudiziaria. 2.1 Tipi di mandato a) Rispetto ai poteri che attribuisce alle parti, il mandato può essere: generale, se riveste globalmente la cura di tutti gli interessi del mandante (anche se relativi ad una data zona). Il mandato generale comprende, però, solo gli atti di ordinaria amministrazione; mentre quelli di amministrazione straordinaria non possono essere compiuti dal mandatario generale qualora non siano espressamente menzionati nel mandato (art. 1708); generico, se riguarda alcuni specifici poteri (es. potere di vendere); specifico, se riguarda specifici poteri relativamente a determinati beni. I poteri del mandatario speciale, però, si estendono anche a tutti gli atti strumentali necessari al compimento di quelli per i quali il mandato è stato conferito. b) Rispetto agli interessi che persegue, il mandato può essere conferito: nell interesse esclusivo del mandante; nell interesse del mandante e del mandatario; nell interesse del mandante e di terzi. c) Rispetto ai soggetti, il mandato può essere: 11 di 53

12 comune. collettivo: conferito da più persone ad un solo mandatario, con unico atto e nell interesse congiuntivo: conferito a più persone destinate ad agire congiuntamente; disgiuntivo: conferito a più mandatari i quali, tuttavia, possono operare separatamente. 2.2 Obbligazioni del mandatario Il mandatario è tenuto ad eseguire quanto il mandato gli prescrive con la diligenza del buon padre di famiglia ; a mandato eseguito, deve darne (senza ritardo) notizia al mandante, e presentare il rendiconto. La sua responsabilità per colpa è valutata con minor rigore qualora il mandato sia gratuito. Il mandatario non risponde verso il mandante delle obbligazioni assunte dai terzi con i quali ha contratto (salvo che non conoscesse o dovesse conoscere la insolvenza del terzo). Il mandatario non può, nell esecuzione del mandato, eccedere i limiti fissati nel contratto: se egli compie un atto che esorbita dal mandato, tale atto resta a suo carico qualora non venga ratificato dal mandante (art. 1711). Il mandatario è tenuto a rendere note al mandante le circostanze sopravvenute, che possano determinare la revoca o la modificazione del mandato. Il mandatario non può farsi sostituire da altri nell esecuzione del mandato, salvo che non sia stato autorizzato dal mandante o che la sostituzione sia resa necessaria dalla natura dell incarico. In caso contrario, egli risponde di persona dell operato del sostituto Obbligazioni del mandante Il mandante è tenuto a : somministrare al mandatario i mezzi necessari per la esecuzione del mandato; rimborsargli le anticipazioni e le spese; pagargli l eventuale compenso; risarcirgli i danni eventualmente subiti a causa dell incarico. 12 di 53

13 2.3 Estinzione del mandato Il mandato si estingue per; scadenza del termine; compimento dell affare da parte de mandatario; morte, interdizione o inabilitazione del mandante o del mandatario (il contratto, infatti, si basa sull «intuitus personae»); rinunzia del mandatario; revoca del mandante (a meno che non si sia stabilita una clausola di irrevocabilità, o il mandato sia stato conferito anche nell interesse dei mandatario o di terzi). 2.4 La spedizione La spedizione è un mandato senza rappresentanza, con cui «una parte (spedizioniere) assume l obbligo di concludere, in nome proprio e per conto del mandante un contratto di trasporto e di compiere le operazioni accessorie» (imballaggio, assicurazione, sdoganamento etc.). Lo spedizioniere è, normalmente, una figura diversa dal vettore, con il quale conclude in nome proprio il contratto di trasporto; egli, però, può anche assumere di persona l esecuzione del trasporto: in tal caso acquista altresì, verso il mandante, la veste di vettore (senza perdere, peraltro, quella di spedizioniere, con diritto alla provvigione). Disciplina: il mandato conferito allo spedizioniere è revocabile finché il contratto di trasporto non sia stato concluso; lo spedizioniere deve osservare le istruzioni del committente, per quanto attiene alla scelta della via, del mezzo e delle modalità del trasporto: in mancanza di istruzioni, deve operare secondo il migliore interesse di quegli. fra le operazioni accessorie dello spedizioniere può rientrare anche la temporanea custodia delle merci affidategli in attesa della conclusione del contratto di trasporto. Tale prestazione è soggetta alla disciplina dettata in tema di deposito: lo spedizioniere, pertanto, risponde della perdita della merce, salvo che provi il fatto a lui non imputabile, verificatosi malgrado l uso della diligenza del buon padre di famiglia. 13 di 53

14 lo spedizioniere non è tenuto ad assicurare le cose spedite. Egli ha diritto alla retribuzione, oltre che a compensi per le prestazioni accessorie eseguite, ed al rimborso delle spese anticipate. 2.5 La commissione La commissione è un mandato senza rappresentanza ed «ha per oggetto l acquisto o la vendita di beni per conto del committente da parte del commissionario che agisce in nome proprio». Per tale contratto il legislatore detta alcune particolari disposizioni, in aggiunta o in deroga alle norme generali sul mandato senza rappresentanza: a)la commissione è sempre onerosa. Il compenso che spetta al commissionario prende il nome di provvigione e, qualora non sia stabilita dalle parti, si determina secondo gli usi del luogo in cui è compiuto l affare (in mancanza, provvede il giudice secondo equità). b) È espressamente prevista la possibilità dell entrata del commissionario come parte nel contratto. Qualora, cioè, la commissione abbia per oggetto l acquisto o la vendita di titoli o merci aventi un prezzo corrente, il commissionario può fornire al prezzo corrente le cose che deve comprare, o può acquistare per sé le cose che deve vendere, salvo in ogni caso il suo diritto alla provvigione. c) Il commissionario può essere assoggettato in virtù di patto o di uso alla clausola dello «star del credere» (art. 1736). In tal caso egli garantisce al committente il regolare adempimento dell obbligazione del terzo ed il buon esito dell affare, ossia risponde con il proprio patrimonio qualora le persone con cui ha concluso il contratto siano inadempienti. In pratica, il commissionario assume la figura e gli obblighi di un fideiussore ed ha diritto ad una maggiore provvigione. 14 di 53

15 3 Il contratto di agenzia Con il contratto di agenzia una parte (agente) assume stabilmente l incarico di promuovere per conto dell altra (preponente), verso retribuzione, la conclusione di contratti in una zona determinata (art. 1742). Nella sua forma tipica, dunque, il contratto di agenzia risulta caratterizzato dallo svolgimento da parte dell agente, a suo rischio e dietro compenso, di un attività economica organizzata ed autonoma, concretantesi in un risultato di lavoro e vincolata al preponente da uno stabile rapporto di collaborazione. Caratteristiche essenziali del contratto sono pertanto: la promozione, verso corrispettivo, della conclusione di affari tra preponente e terzi nell ambito di una zona determinata. L agente assume un obbligo promozionale, che consiste nel «ricercare i singoli contraenti, prendere contatto con loro, prospettare agli stessi la convenienza degli affari, iniziare le trattative, trasmettere al preponente le loro proposte»; la stabilità dell incarico, che secondo la Suprema Corte va intesa come «preordinazione del rapporto, non già ad un singolo o a più affari predeterminati, bensì a tutti gli affari di una certa specie, svolti per un certo tempo (sia pure limitato), nell interesse del preponente e in continuativa coordinazione con l attività del medesimo»; l autonomia dell agente, con gestione dell attività a proprio rischio. Il controllo che il preponente può esercitare sull attività dell agente non può incidere, dunque, sull autonomia di organizzazione dello stesso e sull assunzione del relativo rischio; l assenza del vincolo di subordinazione (indipendenza dell attività dell agente) dall azienda preponente, di cui il rapporto di agenzia costituisce una particolare forma di «organizzazione indiretta». L agente, quindi, è un imprenditore commerciale, «ausiliario autonomo» dell imprenditore preponente, al quale non è vincolato da subordinazione. Egli sopporta i rischi caratteristici dell impresa, potendo lucrare un guadagno soltanto nell ipotesi di spese inferiori alle provvigioni. Il contratto di agenzia, quanto alla natura giuridica, può inquadrarsi tra i contratti di cooperazione nell attività giuridica altrui (l incarico conferito all agente implica l adempimento di 15 di 53

16 una prestazione rivolta a favorire la stipulazione di futuri contratti fra la parte «committente» ed i terzi). Trattasi di un contratto: a prestazioni corrispettive, poiché, a fronte dell obbligo di promuovere gli affari per conto del preponente, si pone quello del pagamento della provvigione; necessariamente oneroso; di durata, in quanto il preponente «solo avvalendosi di una collaborazione non sporadica dell agente può conseguire quei risultati economici connessi ad una capillare introduzione nel mercato dei prodotti» che costituiscono l oggetto della sua attività imprenditoriale. Non è necessario, però, che il requisito di stabilità si manifesti nell esecuzione di un incarico promozionale a lunga scadenza ed è rimessa alle parti la fissazione del termine di durata del rapporto; a forma libera, anche se il 2 comma dell art (come modificato dal D.Lgs. n. 65/1999) dispone che i contratti di agenzia devono essere provati per iscritto ed i contratti medesimi, nella pratica, conformemente alla contrattazione collettiva, vengono stipulati per iscritto. 3.1 Attività dell agente L agente promuove la conclusione dei contratti, ricercando e visitando i probabili clienti, pubblicizzando loro i prodotti, e sollecitando gli stessi alla stipulazione. La pluralità e varietà delle situazioni commerciali di volta in volta connesse ad un rapporto di agenzia può demandare, inoltre, all agente lo svolgimento di ulteriori attività, nell ambito del generico obbligo di collaborazione che lo stesso avente deve osservare. In tale prospettiva, può essere espressamente riconosciuta all agente, nel contratto di agenzia: la facoltà di riscuotere i crediti del preponente (art. 1744); la facoltà di concedere sconti o dilazioni (art. 1744). Sul contratto di agenzia, poi, può innestarsi un mandato con rappresentanza, in virtù del quale l agente potrà concludere i contratti per conto del preponente, riscuotendone i crediti. 3.2 L agente con rappresentanza Il codice riconosce al preponente la possibilità di conferire all agente speciali poteri rappresentativi, in modo da consentirgli anche di concludere e perfezionare quei contratti di cui è 16 di 53

17 stato promotore (art. 1752): si delinea, così, la figura dell agente con rappresentanza o rappresentante di commercio, al quale è dato il potere non l obbligo di concludere contratti in nome e per conto del preponente. Anche se munito di rappresentanza l agente non può sostituirsi al preponente nella determinazione a concludere: nei rapporti interni, invero, la conclusione dell affare è sempre rimessa alla decisione i del preponente e l agente deve ottenere il preventivo assenso di questi prima di esercitare il potere di rappresentanza che gli è stato conferito. Non è necessario che la rappresentanza sia attribuita per iscritto, in quanto il suo conferimento può avvenire anche verbalmente o risultare dal comporta mento del rappresentato. 3.3 Diritto di esclusiva e concorrenza Elemento naturale del rapporto di agenzia è il reciproco diritto di esclusiva: pertanto, in mancanza di patto contrario, il preponente non può valersi contemporaneamente di più agenti «nella stessa zona e per lo stesso ramo di attività»; né, d altra parte, l agente può assumere l incarico di trattare, nella zona assegnatagli e per lo stesso ramo di attività, gli affari di più imprese in concorrenza tra loro (art. 1743). Il preponente può direttamente concludere affari nella zona riservata in esclusiva all agente, ma non può svolgervi abitualmente un attività organizzata che comprometta sensibilmente quella dell agente medesimo. L eventuale patto di non-concorrenza, con cui l agente si impegna a non svolgere determinate attività dopo lo scioglimento del contratto di agenzia, deve essere stipulato per iscritto a pena di nullità. Esso deve essere, inoltre, limitato alla zona, clientela e genere di beni o servizi attribuiti all agente e la sua non può eccedere i due anni successivi alla cessazione del contratto. L art. 23 della legge 29 dicembre 2000, n. 422 (legge comunitaria 2000) la aggiunto un 2 comma all art bis, prevedendo che a decorrere dal 1 giugno 2001 l accettazione del patto di non concorrenza comporta, in occasione della cessazione del rapporto, la corresponsione all agente commerciale di una indennità di natura non provvisionale. L indennità va commisurata alla durata, non superiore a due anni dopo l estinzione del contratto, alla natura del contratto di agenzia e all indennità di fine rapporto. La determinazione della indennità in base a tali parametri è affidata alla contrattazione tra le parti, tenuto conto degli accordi economici nazionali di categoria. 17 di 53

18 3.4 Obblighi dell agente L agente esercita un attività promozionale rivolta alla realizzazione dell interesse del preponente e, quindi, alla conclusione di affari alle migliori condizioni. Pertanto,l agente: nell esecuzione del contratto deve tutelare gli interessi del preponente ed agire con lealtà e buona fede; deve adempiere l incarico affidatogli in conformità delle istruzioni ricevute e fornire al preponente le informazioni riguardanti le condizioni di mercato nella zona assegnatagli e ogni altra informazione utile per valutare la convenienza dei singoli affari. Ogni patto contrario è nullo. deve osservare gli obblighi che incombono al commissionario, ad eccezione di quelli di cui all art. 1736, in quanto non siano esclusi dalla natura del contratto di agenzia. E vietato inserire nel contratto di agenzia la clausola dello «star del credere» con cui l assuntore (l agente) garantiva l adempimento del terzo contraente deve comunicare al preponente la sopravvenienza di eventuali impedimenti che rendano impossibile o comunque difficoltosa la prosecuzione del rapporto di agenzia. 3.5 Obblighi del preponente La legge impone al preponente : di agire con lealtà e buona fede nei rapporti con l agente; di corrispondere all agente un compenso (c.d. provvigione) sugli affari conclusi per effetto del suo intervento; di fornire all agente un estratto dei libri contabili e tutte le informazioni necessarie per verificare l importo delle provvigioni liquidate; di porre a disposizione dell agente la documentazione necessaria relativa ai beni o ai servizi trattati, nonché di fornire ad esso tutte le informazioni necessarie all esecuzione del contratto; di informare l agente, entro un termine ragionevole, dell accettazione, ovvero del rifiuto o della mancata esecuzione di un affare procuratogli; di avvertire l agente, entro un termine ragionevole, non appena preveda che il volume delle operazioni commerciali sarà notevolmente inferiore a quello che l agente medesimo avrebbe potuto normalmente attendersi; 18 di 53

19 di corrispondere all agente, all atto della cessazione del rapporto, l indennità prevista dall art. 1751, alle condizioni e secondo le modalità previste dallo stesso articolo. 3.6 La provvigione La provvigione è il compenso spettante all agente per l attività svolta nell interesse del preponente. (Restano a carico dell agente, salvo patto contrario, le spese affrontate per l espletamento del incarico). Essa viene solitamente determinata in ragione di una percentuale sul valore dell affare o stabilita sotto forma di sovraprezzo sul prezzo minimo, ma può anche consistere in una somma fissa per ogni contratto concluso o per ogni unità di misura della merce che è oggetto della prestazione contrattuale. L agente ha diritto alla provvigione quando l operazione è stata conclusa per effetto del suo intervento. L agente ha diritto alla provvigione anche sugli affari conclusi dopo lo scioglimento del contratto di agenzia, a condizione che: la proposta sia pervenuta al preponente o all agente in data antecedente, ovvero gli affari siano conclusi entro un termine ragionevole dalla data di scioglimento del contratto; la conclusione degli affari stessi sia riconducibile prevalentemente all attività da lui svolta. In tali casi la provvigione è dovuta soltanto all agente precedente, salvo che da specifiche circostanze risulti equo ripartirla tra tutti gli agenti intervenuti. Ai sensi dell art (come modificato dal D.Lgs. n. 65/1999), la provvigione spetta all agente: dal momento e nella misura in cui il preponente ha eseguito o avrebbe dovuto eseguire la prestazione in base al contratto concluso con il terzo (salvo patto contrario); ma, al più tardi ed inderogabilmente, dal momento e nella misura in cui il terzo ha eseguito o avrebbe dovuto eseguire la prestazione qualora il preponente avesse eseguito la prestazione a suo carico. L art. 1748, 2 comma, riconosce inoltre all agente il diritto alle provvigioni c.d. indirette per gli affari conclusi dal preponente, salvo che sia diversamente pattuito: 19 di 53

20 tipo; con terzi che l agente aveva in precedenza acquisiti come clienti per affari dello stesso o appartenenti alla zona o alla categoria o gruppo di clienti riservati a l agente medesimo. 3.7 Lo scioglimento del contratto Il contratto d agenzia può essere: a termine a tempo indeterminato. La forma più naturale e tipica di cessazione del contratto d agenzia a tempo indeterminato è costituita dal recesso. La parte recedente, pertanto, può unilateralmente incidere sullo svolgimento del rapporto, ma a suo carico si pone l obbligo di dare preavviso all altra parte entro un termine stabilito. Il contratto di agenzia a tempo determinato (o a termine) può esaurirsi anche nell arco di pochi mesi. È ipotizzabile la risoluzione per inadempimento, ma non il recesso unilaterale ex art Il contratto di agenzia a tempo determinato, che continui ad essere eseguito dalle parti successivamente alla scadenza del termine, si trasforma in contratto a tempo indeterminato. All atto della cessazione del rapporto di agenzia, il preponente è tenuto a corrispondere all agente un indennità (cd. indennità di clientela), a condizione che: l agente abbia procurato nuovi clienti o abbia sensibilmente sviluppato gli affari con i clienti esistenti ed il preponente riceva ancora sostanziali vantaggi derivanti dagli affari con tali clienti; il pagamento ditale indennità sia equo, tenuto conto di tutte le circostanze del caso ed in particolare delle provvigioni che l agente perde in relazione all incremento di affari da lui promosso. Questa indennità trova la sua giustificazione nel fatto che il preponerue viene a beneficiare dell opera di promozione compiuta dall agente nella zona assegnatagli e rappresenta il corrispettivo dell avviamento commerciale procura logli dall opera dell agente. La concessione dell indennità, pertanto, non priva l agente del diritto all eventuale risarcimento dei danni. 20 di 53

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

il libro si estende sul web

il libro si estende sul web L. BOBBIO - E. GLIOZZI - L. LENTI DIRITTO COMMERCIALE PREPARATI ALL INTERROGAZIONE il libro si estende sul web 2 Modulo A sia la forma specifica di organizzazione di mezzi materiali che caratterizzerebbe

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione.

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. DIRITTO CIVILE Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. Come si definiscono le norme che regolano

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi I CONTRATTI NELL autotrasporto DI merci avv. prof. Maurizio Riguzzi 532 CONTRATTO DI TRASPORTO DELLE MERCI E OBBLIGAZIONI DELLA FILIERA Sommario: 532.0 QUADRO GENERALE 532.1 CONTRATTO DI TRASPORTO DI

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Legge federale di complemento del Codice civile svizzero

Legge federale di complemento del Codice civile svizzero Legge federale di complemento del Codice civile svizzero (Libro quinto: Diritto delle obbligazioni) del 30 marzo 1911 (Stato 1 luglio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto i messaggi

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli