Il trasporto sul luogo d impiego delle cartucce di esplosivo e delle micce sarà effettuato separatamente da quello dei detonatori.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il trasporto sul luogo d impiego delle cartucce di esplosivo e delle micce sarà effettuato separatamente da quello dei detonatori."

Transcript

1 O.S.E. n. ORDINE DI SERVIZIO PER L IMPIEGO DEGLI ESPLOSIVI IN CAVA COMPILATO DAL DIRETTORE DELLA CAVA DENOMINATA, REDATTO A NORME DELL ART. 305 DEL D.P.R. 09/04/59, N.128 E SUCCESSIVE MODIFICHE. Cava di in Località del Comune di Provincia di su proprietà Imprenditore: Indirizzo Direttore: Indirizzo Sorvegliante: Indirizzo Minatore (o fuochino): Indirizzo Sostituto minatore: Indirizzo Cava con deposito autorizzato (se si, da chi) La consegna, il prelevamento, il trasporto interno e l impiego in cava degli esplosivi (di I a e di II a categoria) degli accessori detonanti e dei mezzi di accensione nonché dei relais ritardatori, sono regolati dal presente Ordine di Servizio. La cava non è autorizzata al deposito di esplosivo: pertanto ci si impegna a far pervenire in cava l esplosivo, nella quantità autorizzata per volata, in tempestiva coincidenza con la preparazione della volata stessa. L automezzo che trasporta l esplosivo deve attendere la conclusione della fase di preparazione della volata per la restituzione di eventuale eccedenza di esplosivo. In ogni caso l esplosivo che non potrà essere restituito sarà distrutto. L esplosivo di volta in volta al suo arrivo in cava verrà preso in consegna dal sottoscritto o, in sua assenza, dal sorvegliante e consegnato solo al minatore o al sostituto minatore. Il trasporto sul luogo d impiego delle cartucce di esplosivo e delle micce sarà effettuato separatamente da quello dei detonatori. L esplosivo (in quantità non superiore a 5 Kg e n. 50 detonatori) deve essere conservato al massimo fino alla fine del turno di lavoro in una cassetta di legno a 2 comparti, collocata in luogo asciutto e ventilato nel, conosciuto da tutto il personale addetto. Uno dei due comparti è occupato dall esplosivo e l altro dai detonatori e dalle micce. Provincia di -Cesena Rev. 0 del 29/09/2006 Pagina 1 di 6

2 La cassa deve essere sempre chiusa, con una chiave che sarà tenuta dal sottoscritto e, in sua assenza, dal sorvegliante. Nel locale ove è collocata la cassa di deposito degli esplosivi, è vietato accendere fuochi e depositare materiale infiammabile. Gli esplosivi di qualunque tipo allo stato granulare o polverulento, compresa la polvere nera, non verranno versati sciolti nei fori da mina ma saranno confezionati in cartocci con involucro di conveniente resistenza. Per assicurare la miccia alla capsula d innesco saranno usate idonee pinze di sicurezza. Tale operazione verrà effettuata a distanza da quantitativi anche minimi di esplosivo, fuochi o sorgenti di calore. In dipendenza della produzione media mensile, prevista in mc. le volate di mine in un mese saranno in numero di con una frequenza di ed un consumo massimo di esplosivo pari a Kg per volata. Pertanto il consumo totale in un mese non sarà superiore a Kg. La lunghezza massima dei fori da mina sarà di metri con un diametro di e la quantità di esplosivo da brillare per foro non sarà superiore a Kg. Nel circuito di tiro con miccia detonante verranno inseriti n. relais ritardatori, uno ogni mine. Pertanto la carica istantanea non sarà superiore a Kg.. Nella esecuzione dei patarri si osserveranno le seguenti cautele: (si indosseranno caschi di protezione, gli operai presenti in cantiere si ripareranno a distanza di sicurezza). Il brillamento delle mine deve avvenire ad ore prefissate e precisamente dalle ore alle ore e dalle ore alle ore. Si chiede pertanto che l autorizzazione all acquisto ed al trasporto di esplosivo da parte dell autorità competente sia pari al consumo per giornata e cioè a. Saranno impiegati nei lavori di cava esclusivamente l esplosivo, i detonatori, i relais ritardatori e le micce riconosciuti idonei per l impiego minerario dal Ministero delle Attività Produttive. In particolare nella cava si adopera: esplosivo denominato esplosivo denominato Detonatori del tipo Micce del tipo prodotto da prodotto da prodotti da prodotte da Provincia di -Cesena Rev. 0 del 29/09/2006 Pagina 2 di 6

3 Le micce prima del loro impiego saranno accuratamente esaminate per accertarne la integrità e la buona conservazione. Le partite che presentano qualche anormalità, come lacerazione del rivestimento esterno o fuoriuscita del polverino, saranno scartate dall impiego. La miccia avrà una lunghezza complessiva di almeno 1 (uno) metro e dovrà sporgere all infuori del foro non meno di cm 50. Il fuochino può diminuire detta lunghezza a cm. 70, quando si tratta di piccole mine isolate, destinate a ridurre, in dimensione, i grossi blocchi (patarri). Su ogni partita di miccia che gli è affidata, il sottoscritto controllerà la velocità media di propagazione del fuoco, facendone bruciare almeno un metro per ogni partita di 100 metri, riportandone i tempi su un apposito registro, il quale sarà tenuto a disposizione dei funzionari dell'amministrazione Provinciale. Se nella prova il tempo di combustione varia del 5% in più o in meno della media indicata dal fabbricante, la partita di micce sarà senz altro scartata. Quando si procederà allo sparo di volate di mine, la lunghezza delle micce sarà calcolata in modo da poter contare separatamente i colpi e che l addetto all accensione abbia il tempo necessario per mettersi al sicuro. A tale scopo la lunghezza delle micce sarà regolata in modo che tra una mina e l altra intercorra il tempo di almeno due secondi al fine di poterne distinguere e contare i colpi. Il borraggio avrà una lunghezza minima per foro di mt. e verrà eseguito con materiale non combustibile, privo di granelli quarzosi, piritosi e metallici. Il calcatoio per l intasamento sarà. Durante le operazioni di preparazione delle mine, sul luogo di impiego sarà presente solo il minatore che potrà farsi aiutare da. Prima di caricare ed intasare le mine, il minatore avvertirà il sottoscritto (o, in assenza, il sorvegliante) il quale indicherà agli operai i luoghi dove debbono portarsi per non essere colpiti dalle proiezioni del brillamento o anche le esplosioni premature; detti luoghi sono precisamente: ( a distanza di sicurezza). Cinque minuti prima dell accensione delle mine, il minatore segnalerà tale accensione, a mezzo di un primo prolungato segnale acustico. Trascorsi i detti 5 minuti il minatore, dopo essersi accertato che nessuna persona si trovi in posizione di pericolo, darà altro segnale acustico costituito da n.2 prolungati di e quindi procederà all accensione delle mine. Provincia di -Cesena Rev. 0 del 29/09/2006 Pagina 3 di 6

4 L avviso di cessato pericolo sarà dato con un terzo segnale acustico costituito da n.3 prolungati di. Prima di procedere all accensione delle mine, il sottoscritto o in assenza il sorvegliante disporrà a ciascuno estremo della zona pericolosa, e comunque a distanza in linea d aria non inferiore a mt. (metri ) dal punto di accensione, degli operai muniti di segnali rossi (bandiere) per sospendere il transito. Le mine caricate saranno fatte brillare subito dopo il caricamento e in nessun caso saranno abbandonate. La zona esposta a pericolo sarà fatta preventivamente sgomberare. Il minatore si accerterà, contando i colpi, che nessuna mina sia rimasta inesplosa. Quando è sicuro che il brillamento è avvenuto regolarmente lascerà trascorrere 10 minuti dall ultima esplosione e poi consentirà agli operai l accesso al cantiere. Allorché invece abbia accertato o esista il dubbio che una o più mine non siano esplose, avvertirà subito il sottoscritto (o, in assenza il sorvegliante); in tal caso non si dovrà consentire l accesso al cantiere prima che siano trascorsi sessanta minuti dall ultima esplosione. Trascorso detto termine, il minatore, alla presenza ed agli ordini del sottoscritto (o in assenza del sorvegliante), procederà subito a far esplodere le mine mancate. Dopo lo sparo delle mine il sottoscritto (o in sua assenza il sorvegliante) ispezionerà le fronti interessate dai lavori, e farà eseguire ad operai provetti, e in sua presenza, prima di qualsiasi altro tipo di lavoro, un accurato disgaggio di sicurezza ed una diligente ispezione alla fronte di abbattimento per assicurarsi che non vi siano mine inesplose e residui di materiale esplosivo. Il disgaggio di sicurezza sarà effettuato impiegando soltanto barramine di adeguata lunghezza, e ponendosi in posizione tale da non essere investiti dal materiale disgaggiato ed ala massima distanza consentita dall attrezzo. Prima di utilizzare gli esplosivi, il minatore è tenuto a verificarne scrupolosamente lo stato di conservazione, scartando quelle cartucce che presentano gli involucri bagnati o induriti. E vietato l uso delle dinamiti alterate, cioè di quelle che emanano odore acre o vapori rutilanti o che si presentano fortemente trasudate. In tal caso saranno distrutte al più presto da personale idoneo bruciando l esplosivo in piccole quantità all aperto e in luogo isolato e non pietroso e lontano da persone od opere che potrebbero essere danneggiate. Non saranno eseguite mine al piede del fronte di cava, se non contemporaneamente ad altri fori verticali in modo da costituire un unica volata. Provincia di -Cesena Rev. 0 del 29/09/2006 Pagina 4 di 6

5 Non è consentito il brillamento elettrico se non dopo l approvazione di un altro Ordine di Servizio che ne regoli le modalità. Saranno inoltre osservate le seguenti cautele: Il presente Ordine di Servizio si intende valido ed operante entro il perimetro dell area di cava autorizzata dal Comune di. Per quanto non espressamente indicato nel presente Ordine di Servizio si rimanda alle norme di cui al D.P.R. 9 aprile 1959 n Il sottoscritto direttore di cava, il sorvegliante ed il minatore, ognuno per la parte di propria competenza sono responsabili del rispetto del presente Ordine di Servizio. Ogni sei mesi il sottoscritto controllerà l idoneità degli incaricati allo sparo ed eventualmente aggiornerà la preparazione degli stessi. Il minatore Sig. è in possesso dei seguenti requisiti: a) Qualifica, come risulta dalla licenza di fochino n. (o da libretto di lavoro n. ) rilasciata da in data ; b) Titolo di studio ; c) Anni di servizio in lavori di cava o miniere ; d) Attestazioni varie: Il sostituto Sig. è in possesso dei seguenti requisiti: e) Qualifica, come risulta dalla licenza di fochino n. (o da libretto di lavoro n. ) rilasciata da in data ; f) Titolo di studio ; g) Anni di servizio in lavori di cava o miniere ; h) Attestazioni varie: Per presa visione e norma: IL DIRETTORE DELLA CAVA Il SORVEGLIANTE Il MINATORE Il SOSTITUTO MINATORE Provincia di -Cesena Rev. 0 del 29/09/2006 Pagina 5 di 6

6 Allegati: Schema della volata; Copia della licenza di fuochino. Il Sottoscritto, visto il rapporto n., e visti gli atti d ufficio, approva il presente Ordine di Servizio che è valido per anni ( ) e che perde comunque la validità nel caso dovesse essere sostituito anche solo uno dei sopraelencati preposti, compreso il direttore; in tal caso dovrà essere redatto nuovo Ordine di Servizio da sottoporre a nuova approvazione. E obbligatoria la tenuta del registro di carico e scarico degli esplosivi (debitamente vistato dalle Autorità di P.S.) ai sensi dell art. 25 della Legge 18 Aprile 1975, n.110. L inosservanza del presente Ordine di Servizio, in quanto approvato dal sottoscritto, è perseguibile ai sensi dell art. 686 del D.P.R. 09/04/59 n.128 e seguenti modifiche., lì 200_ Provincia di -Cesena Rev. 0 del 29/09/2006 Pagina 6 di 6

ORDINE DI SERVIZIO DEL DIRETTORE RESPONSABILE SULLA CUSTODIA, TRASPORTO E CARICAMENTO DEGLI ESPLOSIVI IN CAVA - PARTE SECONDA -

ORDINE DI SERVIZIO DEL DIRETTORE RESPONSABILE SULLA CUSTODIA, TRASPORTO E CARICAMENTO DEGLI ESPLOSIVI IN CAVA - PARTE SECONDA - ORDINE DI SERVIZIO DEL DIRETTORE RESPONSABILE SULLA CUSTODIA, TRASPORTO E CARICAMENTO DEGLI ESPLOSIVI IN CAVA - PARTE SECONDA - Il sottoscritto.., Direttore Responsabile della cava di 1 denominata 2..

Dettagli

Prefettura di Latina Ufficio Territoriale del Governo AREA I-bts Commissione Tecnica Provinciale per le Sostanze Esplodenti

Prefettura di Latina Ufficio Territoriale del Governo AREA I-bts Commissione Tecnica Provinciale per le Sostanze Esplodenti " ti AREA I-bts ELENCO DEGLI ARGOMENTI COSTITUENTI IL PROGRAMMA DI ESAME PER L'ABILITAZIONE AL MESTIERE DI FOCHINO PER IL BRILLAMENTO DI MINE ESPLOSIVI ESPLOSIVI DETONANTI ESPLOSIVI DEFLAGRANTI POLVERE

Dettagli

BBT PLANIMETRIA DELL OPERA

BBT PLANIMETRIA DELL OPERA BBT PLANIMETRIA DELL OPERA Geologia Profilo Longitudinale Planimetria Geologica Elementi Geometrici delle Opere scavate con Esplosivo Caricamento: Incidenze Indicative Alcuni numeri dello scavo con esplosivo:

Dettagli

MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA

MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA MANUALE CORSO FORMAZIONE FOCHINI: GESTIONE DEGLI ESPLOSIVI IN SICUREZZA AGGIORNAMENTO 2013 p.m. Luciano Selva dott. Giacomo Nardin a cura di Luciano Selva e Giacomo Nardin USO INTERNO p ag 1 5. NORMATIVA

Dettagli

Leonardo Corbo ESAME PER LA LICENZA DI FOCHINO

Leonardo Corbo ESAME PER LA LICENZA DI FOCHINO Leonardo Corbo ESAME PER LA LICENZA DI FOCHINO pirola editore - milano - 1983 INDICE Esplosivi pag. 5 esplosivi detonanti. pag. 5 esplosivi deflagranti. pag. 5 polvere nera. pag. 5 esplosivi per l innescamento.

Dettagli

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da Presentazione Avviso 5/2011 II scadenza Corso di formazione per ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

D.P.R. 19-3-1956 n. 302 TITOLO I

D.P.R. 19-3-1956 n. 302 TITOLO I D.P.R. 19-3-1956 n. 302 Norme di prevenzione degli infortuni sul lavoro integrative di quelle generali emanate con decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547. Pubblicato nel supplemento

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Art. 2. - Valutazione dei rischi di incendio 1. Obbligo del datore

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

Manuale Manutenzione Stufe a Pellet

Manuale Manutenzione Stufe a Pellet Manuale Manutenzione Stufe a Pellet Le stufe prodotte dai F.lli La Cava Sas sono concepite per offrire il massimo rendimento con la minima manutenzione, tuttavia trattandosi di combustibile a base di legno,

Dettagli

D.P.R. 19 marzo 1956, n. 302. D.P.R. 19 marzo 1956, n. 302

D.P.R. 19 marzo 1956, n. 302. D.P.R. 19 marzo 1956, n. 302 D.P.R. 19 marzo 1956, n. 302 Norme di prevenzione degli infortuni sul lavoro integrative di quelle generali emanate con decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547. (Supp. Ord. Gazz.

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività Temporanea

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività Temporanea Da inoltrare per via telematica Spett. S.U.A.P. presso il Comune di 85050 Sarconi PZ SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività Temporanea Accensione Fuochi di Artificio ex art.57 T.U.L.P.S. (d.p.r.

Dettagli

DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 -

DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 - DISCIPLINARE PER L USO IN CONCESSIONE DELLE PALESTRE PROVINCIALI DI PADOVA PER ATTIVITA SPORTIVE IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO ANNO 2014/2015 1 - Finalità Scopo del presente disciplinare è quello di regolamentare

Dettagli

Claudio Giacalone. Dirigente Addetto Comando provinciale Vigili del fuoco di Milano

Claudio Giacalone. Dirigente Addetto Comando provinciale Vigili del fuoco di Milano Antincendio ed emergenze nelle grandi manifestazioni: sicurezza del pubblico e dei lavoratori Claudio Giacalone Dirigente Addetto Comando provinciale Vigili del fuoco di Milano Eventi di spettacolo complessi

Dettagli

LICENZA n 22/2014 I L S I N D A C O

LICENZA n 22/2014 I L S I N D A C O Comune di Alezio Provincia di Lecce A Λ I І I A C Città Messapica BOLLO LICENZA n 22/2014 2014 PER LA ACCENSIONE E GIRANDOLE, SCIE LUMINOSE COLORATE E COLPI SECCHI I L S I N D A C O VISTA la domanda del

Dettagli

SCALDABAGNI A GAS MINI ISTRUZIONI PER L UTENTE IL CLIMA PER OGNI TEMPO

SCALDABAGNI A GAS MINI ISTRUZIONI PER L UTENTE IL CLIMA PER OGNI TEMPO SCALDABAGNI A GAS MINI ISTRUZIONI PER L UTENTE IL CLIMA PER OGNI TEMPO Indice Regole fondamentali di sicurezza Pag. 5 Avvertenze generali 6 Conoscere lo scaldabagno MINI 8 Messa in servizio 9 Regolazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI"

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI COMUNE DI MEZZAGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI" Approvato con delibera di C.C. nr. 18 del 09-06-2015 INDICE art.1 DISPOSIZIONI GENERALI art. 2 CONSEGNA DEL BENE art.3

Dettagli

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO Gentile Cliente la ringraziamo per aver scelto un nostro prodotto e la invitiamo a leggere attentamente quando di seguito riportato -Affidare l installazione

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino

AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino AVVISO VENDITA LOTTO BOSCHIVO Sede IPLA C. Casale 476 Torino L'Istituto per le Piante da Legno e l'ambiente (IPLA S.p.A.), in qualità di comodatario della "Tenuta Millerose" sede dell Istituto di Proprietà

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98)

Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio. (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) Allegato 01 Valutazione del Rischio Incendio (Art.li 18, c. 1, lettera t; 46, c. 2 D.Lgs. 81/2008 e art. 2 D.M. 10/3/98) RISC_INC Rev. 1 Pagina 1 di 12 Sede direzionale / amministrativa NOMINATIVO AZIENDA

Dettagli

Crux TM. Canister mounted stove for outdoor use SWE OPTIMUS CLEVER COOKING SINCE 1899

Crux TM. Canister mounted stove for outdoor use SWE OPTIMUS CLEVER COOKING SINCE 1899 Crux TM Canister mounted stove for outdoor use OIMUS CLEVER COOKING SINCE 1899 Figure [1] Figure [2] O-ring Art. No. 8017867 Figure [3] Figure [4] Figure [5] Figure [6] italiano LA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO

Dettagli

AP05SOL PROIETTORE A LED SOLARE CON BATTERIA E SENSORE DI PRESENZA. Libretto per l Installatore

AP05SOL PROIETTORE A LED SOLARE CON BATTERIA E SENSORE DI PRESENZA. Libretto per l Installatore AP05SOL PROIETTORE A LED SOLARE CON BATTERIA E SENSORE DI PRESENZA Libretto per l Installatore AlcaPower - 930102 - AP05SOL Libretto per l Installatore V1 R0 [13-03-2014] Proprietà ed utilizzo riservati

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

L esercizio degli impianti elettrici

L esercizio degli impianti elettrici L esercizio degli impianti elettrici Dispositivi di protezione individuale (DPI) contro il rischio elettrico I dispositivi di protezione individuale stabiliscono una barriera di sicurezza fra gli operatori

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

Norme per imprese esterne

Norme per imprese esterne LIVELLO: 2 PROCEDURE AZIENDALI Documento n. 97.530.PRO Oggetto: Norme per imprese esterne Pag. 1 di 8 Redatto da: P. Venuto Controllato da: P.Perazzo Approvato da: A Bertilotti Norme per imprese esterne

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

Sede attuale: Impianto in progetto: PROGETTO DEFINITIVO. relativo al TRASFERIMENTO di un IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI METALLICI

Sede attuale: Impianto in progetto: PROGETTO DEFINITIVO. relativo al TRASFERIMENTO di un IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI METALLICI Il Progettista: Dott. iscritto al n. 1023 dell'ordine degli Ingegneri di Vicenza Provincia di Vicenza Comune di Tezze sul Brenta Consulenza tecnica: Per. Ind. Antonio Lovato iscritto al n. 1573 del Collegio

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI 1 di 7 REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI I laboratori dovranno essere lasciati chiusi a chiave. Dispongono di una chiave personale: gli Insegnanti di Scienze l Assistente. Copie della chiavi sono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO IN SICUREZZA DI ASCENSORI, MONTACARICHI E PIATTAFORME ELEVATRICI Emanato con D.R. Rep. n. 16022/2010 prot. n. 7682 del 26/05/2010. Entrato in vigore l'11/06/2010. Regolamento

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

1 - OGGETTO DELL APPALTO

1 - OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO TECNICO Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L Appalto ha ad oggetto il servizio di noleggio di bagni chimici, occorrenti ad AMA S.p.A. durante eventi pubblici quali feste, manifestazioni culturali,

Dettagli

Taglierina elettrica K3952

Taglierina elettrica K3952 Taglierina elettrica K3952 INDICE ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA... 3 INSTALLAZIONE... 4 DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO... 4 SPECIFICHE TECNICHE DELLE TAGLIERINE ELETTRICHE... 4 TRASPORTO... 5 SISTEMAZIONE

Dettagli

COMPONENTI STERILIZZATORE MEBBY MONO

COMPONENTI STERILIZZATORE MEBBY MONO COMPONENTI STERILIZZATORE MEBBY MONO IT 1 - Coperchio 2 - Griglia porta accessori 3 - Supporto biberon 4 - Vano porta biberon 5 - Vaschetta di raccolta dell acqua 7 - Pinza 6 - Piastra riscaldante 8 -

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE

1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO 2. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ELETTROGENO PORTATILE Unione 1. CONSIDERAZIONI GENERALI SUL GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE La seguente scheda mostra le norme di sicurezza che deve seguire l operatore di un GRUPPO ELETTROGENO PORTATILE. Le norme qui di seguito

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO

CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO CITTA DI MONDOVI Provincia di Cuneo DIPARTIMENTO TECNICO APPALTO DI : SERVIZIO ENERGIA GESTIONE CALORE DEGLI EDIFICI DI PROPRIETA O DI COMPETENZA DELLA CITTA DI MONDOVI. PERIODO 2004 2010 (EVENTUALMENTE

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Importato e distribuito da: Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Importato e distribuito da: Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1. MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 Importato e distribuito da: ALL SOLUTIONS S.p.A. Via Fabrizio Guicciardi, 10-00176 Roma Italy Tel. +39 06290880 Fax +39 0621701567 r.a. - www.alsshop.it - info@alsimpianti.it

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME. Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO HD-G088 RILEVATORE GAS CON ALLARME Printed in Hong Kong PA: HD-G8/IT-Aug.2012-V1.0 Rilevatore Gas con Allarme HD-G088 Il rilevatore di Gas con allarme HD-G088 è un dispositivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI art. 1 Nell ambito del Servizio Programmazione Acquisti del Comune di Trieste

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza

COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza COMUNE DI CARTIGLIANO Provincia di Vicenza Reg. N.21 Cartigliano lì, 16/07/2014 Oggetto: ORDINANZA COMUNALE IN MATERIA DI COMBUSTIONE CONTROLLATA SUL LUOGO DI PRODUZIONE DI RESIDUI VEGETALI PREMESSO CHE:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA di PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE TECNICA di PREVENZIONE INCENDI COMUNE di PONTELATONE Provincia di Caserta Permesso di Costruire, in variante allo strumento urbanistico, per la realizzazione di una struttura commerciale nel Comune di Pontelatone alla località Barignano,

Dettagli

Norme di sicurezza ditte esterne. Norme di sicurezza ditte esterne

Norme di sicurezza ditte esterne. Norme di sicurezza ditte esterne Norme di sicurezza ditte esterne Redazione * Verifica QA * Autorizzazione * Revisore QA Pedrinelli Giacomo 10:53:00 Resp. SPP Tonelli Alberto 10:32:00 Resp. Acquisti e Logistica Cozzini Silvia Verifica

Dettagli

LE SOSTANZE PERICOLOSE

LE SOSTANZE PERICOLOSE SICUREZZA NELLA CASE Incontro informativo a cura dei vigili del fuoco L INCENDIO LE SOSTANZE PERICOLOSE IL RISCHIO ELETTRICO IL GAS COMBUSTIBILE ALTRI RISCHI DOMESTICI COSA FARE IN CASO DI LE SOSTANZE

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili.

Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Sicurezza prevenzione incendi nei cantieri edili. Il rischio incendio nei cantieri temporanei e mobili, generati dal fuoco sono normalmente poco considerati. Di fatto è possibile affermare che in quest

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

INDICE. 2. I prodotti di corrispondenza. 3. Spedizioni pacchi e tracciabilità. 4. Gestione dei reclami e/o rimborsi

INDICE. 2. I prodotti di corrispondenza. 3. Spedizioni pacchi e tracciabilità. 4. Gestione dei reclami e/o rimborsi CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. Premessa 2. I prodotti di corrispondenza 3. Spedizioni pacchi e tracciabilità 4. Gestione dei reclami e/o rimborsi 1. Premessa OBIETTIVI E PRINCIPI ISPIRATORI La Carta della

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI

PROCEDURA DI SICUREZZA UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE NEGLI UFFICI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata

Dettagli

QUADRI DI BASSA TENSIONE MANUALE PER LA MESSA IN OPERA, L ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE

QUADRI DI BASSA TENSIONE MANUALE PER LA MESSA IN OPERA, L ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE 1 Febbraio 2005 Rev. 2 QUADRI DI BASSA TENSIONE MANUALE PER LA MESSA IN OPERA, L ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE 1 INDICE 1- Istruzione per la messa in opera 1.1 Ispezione al ricevimento.3 1.2 Immagazzinamento

Dettagli

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE

RISCHI DERIVANTI DALL USO DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE Pagina 1 di 5 INDICE Scopo Riferimenti normativi Campo di applicazione Responsabilità ed aggiornamento Rischi derivanti dall uso di apparecchiature a funzionamento elettrico Cautele e misure di prevenzione

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture ATTI Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture Venerdì 24 giugno In partnership con Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO ex art. 46 D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs. 106/09) e D.M. 10.03.1998 Azienda Sede Legale Sede Operativa Rev. Motivazione Data 00 Emissione 03/01/2005 01

Dettagli

Gestione delle Emergenze negli spazi confinati e coordinamento con il sistema di Soccorso Nazionale

Gestione delle Emergenze negli spazi confinati e coordinamento con il sistema di Soccorso Nazionale Gestione delle Emergenze negli spazi confinati e coordinamento con il sistema di Soccorso Nazionale Relatore: Ing. Alberto Parrino (Comando Prov.le VV.F. Modena) Modena 16/07/2012 Regolamento recante norme

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA RAGIONE SOCIALE O TIMBRO DELL AZIENDA : Responsabile della gestione del registro : DI ISTITUZIONE DEL REGISTRO: REV. REDAZIONE DESCRIZIONE

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE ALLEGATO AL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 10 del

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO 1 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Il presente regolamento dell Associazione Sportiva Dilettantistica Tennis Roma (in seguito anche

Dettagli

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo LA TELEFONATA E L INTERVENTO, QUALUNQUE ESSO SIA, SONO COMPLETAMENTE GRATUITI È molto importante

Dettagli

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI 1. CONSEGNA DEGLI SPAZI ESPOSITIVI Gli spazi espositivi saranno messi a disposizione degli Espositori per l'introduzione e la sistemazione dei

Dettagli

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI PREMESSA NOVITA INTRODOTTE DAL D.P.R. 177/2011 Dr.ssa Tiziana BAGNARA Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro S.Pre.S.A.L. ASL TO3 Ogni anno si registrano in Italia numerosi incidenti

Dettagli

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI)

CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) CENTRO DIREZIONALE COLLEONI AGRATE BRIANZA (MI) PROCEDURE INTEGRATIVE AI PIANI DI COORDINAMENTO DEI SINGOLI PALAZZI DOCUMENTO DESTINATO ALLE AZIENDE Versione Data 2 Novembre 2012 CONTENUTO Procedure Moduli

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

Committente Provincia Regionale di Catania

Committente Provincia Regionale di Catania cantiere sito nel comune di Grammichele e Ramacca Rev. 00 Committente Provincia Regionale di Catania DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

CITTA DI DESENZANO DEL GARDA

CITTA DI DESENZANO DEL GARDA CITTA DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA CORPO DI POLIZIA LOCALE VIA GIOSUÈ CARDUCCI, 2-25015 DESENZANO DEL GARDA TEL. 030 9994103 FAX 030 9994514 030 9912365 E-mail: polizialocale@comune.desenzano.brescia.it

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 08 PAGINA 1 di 3 PROCEDURA H Procedura utilizzo gas compressi Le bombole di gas compresso sono costituite

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DELLA POLIZIA LOCALE DI GRADO, IN POSSESSO DELLA QUALITA Dl AGENTE Dl PUBBLICA SICUREZZA. Approvato con deliberazione

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI ANTINCENDI E DELLA PROTEZIONE CIVILE. Circolare n. 106

MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI ANTINCENDI E DELLA PROTEZIONE CIVILE. Circolare n. 106 MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI ANTINCENDI E DELLA PROTEZIONE CIVILE Circolare n. 106 Ispett. Tecn./Prev. Prot. N. 42418/4121/1 Roma, 05 novembre 1964 OGGETTO: Norme di sicurezza

Dettagli

COMUNE DI PANCHIA Provincia di Trento REGOLAMENTO SERVIZIO DI SPAZZACAMINO

COMUNE DI PANCHIA Provincia di Trento REGOLAMENTO SERVIZIO DI SPAZZACAMINO COMUNE DI PANCHIA Provincia di Trento REGOLAMENTO SERVIZIO DI SPAZZACAMINO Adottato con deliberazione consiliare nr. 290 del 25.01.1985 Modificato con deliberazione consiliare nr. 113 dd. 21.10.2004, nr.

Dettagli

Piano Operativo di Sicurezza

Piano Operativo di Sicurezza MODELLO DI Piano Operativo di Sicurezza POS Modello PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA IMPRESA: INDIRIZZO CANTIERE: OPERA DA REALIZZARE: COMMITTENTE: Il presente piano costituisce la prima edizione. Il presente

Dettagli

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE REQUISITI DI SICUREZZA Generalità Le istruzioni d uso e manutenzione devono essere fornite dal fabbricante/fornitore per un uso corretto dell attrezzatura in termini di sicurezza e durata dello stesso.

Dettagli

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE

APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE 1 APPENDICE 1 AL PEE PIANO di EMERGENZA ESTERNA - INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE ALLERTAMENTO DELLA POPOLAZIONE IN CASO DI EMERGENZA VENGONO MESSE IN EVIDENZA LE ATTIVITÀ DA SVOLGERE DA PARTE DELLA DITTA

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI ANTINCENDI. Circolare N 47

MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI ANTINCENDI. Circolare N 47 MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI ANTINCENDI Circolare N 47 Div SC/AGTI Sez. Prev. Prot. N. SC/37726 Allegati n. 2 Roma, 28 aprile 1950 OGGETTO: Norme di sicurezza per la custodia ed

Dettagli

Il Pericolo Elettrico (corso base) Normativa e documenti di riferimento. Generalità e Prevenzione

Il Pericolo Elettrico (corso base) Normativa e documenti di riferimento. Generalità e Prevenzione Il Pericolo Elettrico (corso base) Rev. 0 del 02/01/2012 Ravenna/Lugo/Faenza Marzo 2015 Normativa e documenti di riferimento D.Lgs. 81/08: Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123,

Dettagli

RADIATORI ELETTRICI Manuale d uso e manutenzione TYROOL V CLAYSTEEL L CLAYSTEEL S MAXIKOTTO 06 FLEXY SLIMMY

RADIATORI ELETTRICI Manuale d uso e manutenzione TYROOL V CLAYSTEEL L CLAYSTEEL S MAXIKOTTO 06 FLEXY SLIMMY RADIATORI ELETTRICI Manuale d uso e manutenzione TYROOL V CLAYSTEEL L CLAYSTEEL S MAXIKOTTO 06 FLEXY SLIMMY Complimenti! Siete ora proprietari di un radiatore elettrico ThermalMatiria I radiatori elettrici

Dettagli

ECOSTAR PIANA PRISMATICA CURVA

ECOSTAR PIANA PRISMATICA CURVA ECOSTAR PIANA PRISMATICA CURVA 2 AVVERTENZA: Nell elenco delle parti è indicato il numero di codice da citare in caso di richiesta componente per ricambio o sostituzione. ECOSTAR ISTRUZIONI D USO Complimenti

Dettagli

RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL

RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL P21 - P22 Sicurgas P21 e P22 è un dispositivo che, mediante una sensibilissima sonda, rivela la presenza di concentrazioni di gas metano (P21) e GPL (P22) in ambienti

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI A DENARO E A MATERIA APPROVATO CON ATTO COMMISSARIALE. NR. 50 DEL 17/06/2004, CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

ORDINANZA N. 23 DEL 02-09-2013

ORDINANZA N. 23 DEL 02-09-2013 Comune di San Giorgio delle Pertiche Provincia di Padova ORDINANZA N. 23 DEL 02-09-2013 Oggetto: Ordinanza relativa a norme di sicurezza da rispettare per impianti a GPL per cottura cibi e bevande durante

Dettagli

AROMA 1500 DIGIT O R Q P T S B D E J. Fig.1 Fig.2 Fig.3. Fig.4 Fig.5 Fig.6. Fig.7 ITALIANO

AROMA 1500 DIGIT O R Q P T S B D E J. Fig.1 Fig.2 Fig.3. Fig.4 Fig.5 Fig.6. Fig.7 ITALIANO AROMA 1500 DIGIT K B D E J L J1 M A O R Q N U V P T S C F G I Fig.1 Fig.2 Fig.3 6 3 Fig.4 Fig.5 Fig.6 Fig.7 LEGENDA A) Coperchio raccoglitore B) Raccoglitore C) Caldaia D) Filtro a disco E) Guarnizione

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO E L INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI PER L USO E L INSTALLAZIONE ASPIRAPOLVERE CENTRALIZZATO ISTRUZIONI PER L USO E L INSTALLAZIONE ZS VV BA IT 0907 INTRODUZIONE Gentile cliente, congratulazioni per l acquisto di questo aspirapolvere centralizzato. Ha scelto un prodotto

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA 62 REGOLAMENTO per la gestione dell autoparco della Provincia Regionale approvato con delibera C.P. n. 21 del 27 febbraio 2013 esecutivo dal 24 marzo 2013 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

Ma come riconoscere, innanzitutto, un botto illegale?

Ma come riconoscere, innanzitutto, un botto illegale? Come ogni anno, dicembre è il periodo dell acquisto ed utilizzo più frequente dei fuochi d'artificio e come sempre la cronaca riporta incidenti, anche mortali, e sequestri ingenti di botti illegali in

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DEGLI AGENTI CONTABILI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.278 del 23 settembre 1996 esecutiva ai sensi di legge e modificato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli