Oggetto: Anno scolastico disposizioni di servizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Anno scolastico 2012-2013 disposizioni di servizio"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione Università e Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO di Tolmezzo Via Cesare Battisti, 10 - tel. 0433/ fax n Cod. Fiscale TOLMEZZO (UD) Circolare n. 53 del 08 ottobre 2012 A TUTTO IL PERSONALE A.T.A. LORO SEDE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO Oggetto: Anno scolastico disposizioni di servizio Si trasmettono le disposizioni generali comuni, desunti dalla vigente normativa, le quali influiscono sul funzionamento delle scuole e si pongono come elementi essenziali per l'efficacia e la qualità del servizio. Calendario Scolastico Le lezioni hanno avuto inizio mercoledì 12 settembre 2012 con le modalità deliberate dagli OO. CC. Le lezioni termineranno: scuole primarie: - venerdì 7 giugno 2013 scuola dell infanzia: - venerdì 28 giugno 2013 Giorni di sospensione delle lezioni: come da Cronogramma di Istituto. la lettura della presente da parte di tutto il personale A.T.A. in servizio dvrà essere assicurata mediante apposizione della firma per presa visione sugli elenchi allegati. Aspetti Organizzativi Accoglienza, assistenza, vigilanza alunni, ingresso/uscita, ricreazione, mensa Per assicurare l accoglienza e la vigilanza degli alunni: ai collaboratori scolastici compete la sorveglianza degli alunni durante la ricreazione, l accoglienza del pubblico nonché il controllo di tutti gli estranei che entrano a scuola. Inoltre i collaboratori scolastici, che prestano servizio nei plessi dove è attivato il servizio di pre accoglienza, accolgono gli alunni e li sorvegliano nei periodi immediatamente antecedenti e successivi all orario delle attività didattiche. Un ulteriore disposizione è che deve essere garantita la presenza del personale in aula, nel momento di consegna della sezione/classe da un docente all altro, poiché le situazioni di maggior criticità si presentano proprio in tale occasione. Questo prevede un attenta organizzazione, utilizzando anche eventuali momentanee presenze dei collaboratori scolastici, al fine di non lasciare scoperta la sorveglianza di competenza. Ciò permetterà di evitare disagi all utenza, ma anche di tutelare il docente per culpa in vigilando con possibili ripercussioni penali e/o disciplinari.

2 Sembra utile richiamare che, tenuto conto delle norme di diritto civile e penale, esistono delle responsabilità generali in ordine all abbandono di minore. Dopo dieci minuti dall inizio delle lezioni, le porte dell edificio scolastico dovranno essere chiuse a cura dei collaboratori scolastici. Il genitore che accompagna l'alunno può suonare al campanello e fare in modo che il collaboratore scolastico accompagni l'alunno all'aula della classe frequentata, firmando l'apposito modulo. Nell'edificio scolastico prima dell'inizio delle lezioni potranno entrare soltanto gli alunni che beneficiano della pre-accoglienza. Qualora gli alunni debbano posticipare l ingresso o lasciare la scuola prima della fine delle lezioni, i genitori faranno domanda scritta motivando la richiesta; il docente di classe/sezione valuterà in merito all assenso per tale richiesta. Nel caso di accoglimento del permesso di uscita anticipata gli alunni vanno consegnati dai docenti o dai collaboratori direttamente ai genitori o a persone maggiorenni espressamente delegate, per iscritto, dagli stessi. I collaboratori scolastici saranno informati di eventuali permessi concessi agli alunni in modo da far accedere il genitore alla scuola. Locali scolastici I collaboratori scolastici cureranno l ordine, la pulizia dei locali scolastici, degli spazi adibiti a ricreazione ad ogni fine intervallo e si assicureranno della chiusura delle porte d ingresso al termine delle attività didattiche. Provvederanno, altresì, all'apertura e alla chiusura degli accessi alle palestre e alla sorveglianza sui locali scolastici. Gli stessi effettueranno, in vari momenti della giornata, opportuni controlli dei servizi igienici e provvederanno all'eventuale pulizia degli stessi, dei corridoi, dell'atrio e delle scale, in modo particolare subito dopo la ricreazione I collaboratori scolastici provvederanno ogni mattina, prima dell'arrivo dei bambini, a controllare gli spazi esterni (cortile, marciapiedi, parco, ecc.) ed a rimuovere carte, foglie, oggetti vari.... Poiché le palestre vengono concesse in uso ad Enti, Associazioni Sportive, ecc., sarà cura dei collaboratori scolastici verificare eventuali carenze igieniche, deposito materiali in posti non consentiti, ecc. e riferire il tutto all'insegnante fiduciario il quale ne darà comunicazione scritta alla dirigenza. Al mattino, gli alunni che arrivano con lo scuolabus, devono essere accolti, quando scendono, alla porta d ingresso /cancello del cortile ed accompagnati all interno dell edificio scolastico. Apparecchi telefonici utilizzo cellulare Vanno effettuate solo telefonate collegate all'esigenza del servizio scolastico dal coordinatore del Plesso e//o dai referenti di progetto delle stesse va tenuta annotazione su apposito REGISTRO DEL TELEFONO Sono da evitare chiamate a carattere personale, se non motivate da gravi e improrogabili esigenze. In tale caso i costi sono da addebitare alla persona che ha utilizzato il servizio. Anche in quest'ultima procedura va fatta annotazione sul registro predisposto. I soldi raccolti per le telefonate di carattere personale saranno consegnati cumulativamente, scuola per scuola, in segreteria alla fine di ogni anno scolastico. L utilizzo del telefono cellulare, durante l orario di servizio, non è consentito, salvo motivi assolutamente eccezionali. Apparecchi fotocopiatori L'uso del fotocopiatore va programmato sulla settimana, in particolare, la prenotazione delle fotocopie didattiche deve essere effettuata il giorno precedente all utilizzo, per dare modo, al personale addetto, di organizzare il lavoro. Per facilitare il controllo il coordinatore della scuola e/o il personale A.T.A. aggiorna il REGISTRO DELLE FOTOCOPIE da cui risulti il numero delle copie effettuate da ciascun docente. Si raccomanda il rispetto di tali disposizioni, onde consentire il necessario controllo ai fini della durata degli apparecchi, del consumo del toner e della carta, in modo da evitare inutili sprechi. La predisposizione del materiale fotostatico sarà curato esclusivamente dai collaboratori scolastici i quali opereranno programmando il loro impegno. Si ricorda, inoltre, che la L. 633/91, e l'attuale modifica ed integrazione sui diritti d'autore, vieta la riproduzione non autorizzata, totale e/o parziale dei testi in commercio, secondo un limite massimo fissato al 15% del volume. L'art. 68 precisa che è VIETATA "ogni utilizzazione in concorrenza con i diritti di utilizzazione economica spettanti all'autore", stabilendo, inoltre, che ogni riproduzione abusiva è penalmente perseguibile. E', dunque, assolutamente vietata la fotocopia di libri, schede o altro materiale, senza previa autorizzazione dell'associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle opere e delle stampe.

3 Si fa presente che la norma in questione è applicabile anche al materiale audiovisivo ed informatico. Si rammenta, infine, che è vietata la riproduzione di atti personali e che per la riproduzione di atti d'ufficio, anche di interesse personale, è necessario rivolgersi all'ufficio di Segreteria (vedi Legge 241/1990). Ingresso personale non scolastico Durante il normale orario delle lezioni e al di fuori dell orario di ricevimento della segreteria è fatto divieto di ingresso ad estranei se non muniti di autorizzazione scritta rilasciata dallo scrivente. Il docente collaboratore è pregato di controllare che tale disposizione sia affissa alla porta di ingresso della propria scuola. Il personale specializzato o gli addetti comunali, inviati per lavori di ripristino e di manutenzione che non rivestano carattere di assoluta necessità ed urgenza, devono effettuare le loro prestazioni in orario non coincidente con quello delle lezioni. I collaboratori scolastici sono tenuti a dare immediata comunicazione all ufficio di segreteria dell ingresso nei locali di personale addetto ai lavori. Emergenza Le istruzioni contenute nel piano di emergenza, a suo tempo elaborato ed inviato, conservano validità permanente fino all invio di nuove indicazioni da parte dello scrivente. Divieto di fumo E fatto divieto assoluto di fumare in tutti i locali interni ed esterni della scuola. Mensa In base a quanto stabilito dal C.C.N.L. 2006/09, il personale collaboratore scolastico è tenuto all ordinaria vigilanza e all assistenza necessaria durante il pasto nelle mense scolastiche. Rapporti con i docenti I coll.scolastici sono tenuti a collaborare con i docenti durante l attività scolastica. Infortuni ed Assicurazione (mod. 12 a 12 b 12 c ) Sarà cura del personale designato attuare il piano dei rischi predisposto per ogni sede scolastica da parte del personale incaricato. Si sottolinea l importanza di un costante controllo e vigilanza nella scelta e nell utilizzo delle attrezzature e del materiale didattico, nonché degli strumenti/attrezzi/materiali che ogni alunno introduce nella scuola, il cui uso potrebbe essere di danno a se stesso, agli altri allievi ed anche agli stessi docenti. Si invitano le SS.LL ad esercitare la massima sorveglianza, a non lasciare mai incustoditi gli alunni ed a non permettere giochi che possano risultare pericolosi o creare situazioni di pregiudizio per l incolumità degli stessi. Si ricorda alle SS.LL. che la presenza, al momento dell incidente, dell insegnante o degli insegnanti e del personale scolastico addetto alla vigilanza, non è condizione sufficiente per sollevare dalla responsabilità lo stesso e gli stessi, in quanto le condizioni necessarie a rendere non responsabile il personale sono: - la presenza al fatto - il suo accadere in modo imprevedibile ed improvviso - la predisposizione di tutte le azioni per garantire la sicurezza e l incolumità degli alunni - l impossibilità di un intervento tempestivo. Si fa presente inoltre che esiste una culpa in vigilando che è dei docenti e del personale scolastico a cui sono affidati i minori ed una culpa in educando che riguarda i genitori degli stessi.

4 In caso di infortunio degli alunni, l insegnante ed il personale addetto alla vigilanza è tenuto a: 1. contattare i Genitori per un adeguata informazione sull evento, tramite telefonata che verrà registrata modulo e conservato, dal coordinatore, agli atti della scuola. Nell eventualità che la famiglia ritenga di non venire a scuola, le SS.LL indicheranno la risposta nel testo della telefonata; 2. contattare l Ufficio di Segreteria per gli accertamenti del caso. Tenuto presente l art. 593 del C.P. omissione di soccorso, si raccomanda in caso di incidenti a scuola di procedere con molta attenzione e buon senso. Qualora, ad insindacabile giudizio delle SS.LL., l incidente richieda l immediato trasporto al pronto Soccorso, si provvederà come segue: - chiamare il avvertire la famiglia ( qualora la famiglia non abbia dato disposizioni contrarie e/o non sia reperibile: registrare tutto) - informare subito dell intervento richiesto gli Uffici di dirigenza. - seguire l alunno (se possibile). Si raccomanda che, per qualsiasi infortunio, la denuncia del fatto, redatta sugli appositi modelli dell assicurazione, sia accompagnata dal certificato medico e da una relazione ampiamente descrittiva dei fatti, e sia presentata nel termine di 3 giorni dall evento in segreteria affinché i modelli possano pervenire all'assicurazione entro i termini fissati da quest ultima Per quanto riguarda i certificato rilasciato dal Pronto Soccorso è necessario che si raccomandi al genitore di accertarsi che sullo stesso venga riportata l indicazione della prognosi. Si chiarisce comunque che ogni infortunio verificatosi nella scuola va tempestivamente comunicato allo scrivente nel giorno in cui avviene, anche a mezzo telefono, al fine di assumere e predisporre gli opportuni interventi. Si ricorda che l'assicurazione regionale copre gli infortuni degli allievi della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria di 1 grado, durante l'orario delle lezioni, in tutte le attività deliberate e inserite nel P.O.F. e nel tragitto da e per la scuola. La scuola, assunta la delibera da parte del Consiglio di Istituto, ha un'ulteriore assicurazione "integrativa" facoltativa a pagamento da parte delle famiglie, per i rischi connessi all'attività scolastica, soprattutto durante le uscite didattiche, viaggi d istruzione e per la copertura della responsabilità civile contro terzi.. Nel caso di infortunio sul lavoro dei docenti e/o del personale A.T.A., l'infortunato è tenuto a darne immediata comunicazione all'ufficio di segreteria, che gestirà la pratica. Trattamento dati sensibili Il Decreto Lgs n. 196/2003 disciplina la circolazione dei dati personali e dei dati sensibili. I dati sensibili ( la salute, la religione, le idee politiche, ecc.) sono particolarmente protetti sia penalmente che civilmente. Le SS.LL., pertanto, non daranno informazioni che riguardino i dati personali (indirizzi, numeri di telefono, professione ) ad alcuno e custodiranno con particolare cura i dati sensibili, evitando in assoluto di citare in sezione/classe problemi di salute, religione e situazione familiare dei minori e dei loro congiunti. Le SS.LL. avranno cura di non lasciare sulla scrivania o sul tavolo di lavoro materiale che contenga dati personali o sensibili. Assenze Personale docente/non docente: ferie, permessi, malattie ed aspettative ( da Art.13 a Art. 19 del CCNL 2007) Il CCNL 2006/09 fissa le tipologie delle assenze per il personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato e determinato: a) Ferie e Festività (Artt. 13, 14 e 19 CCNL 2007): (mod. n.1 ATA) Sono godute in ciascun anno scolastico e in prevalenza nei periodi di sospensione delle attività didattiche (1 lug./31 ago.). Per il personale con meno di 3 anni di servizio, spettano nella misura di 30 giorni; per quello con oltre 3 anni, nella misura di 32 giorni.

5 Al personale ATA l Amministrazione può rinviare la fruizione di parte delle ferie per esigenze di servizio, nei termini previsti dal CCNL. Le ferie comunque devono essere fruite entro il 30 aprile dell anno successivo alla maturazione. A tutto il personale che ha maturato il diritto, sono attribuite 4 giornate di riposo (Festività - art. 14) da aggiungere ai giorni di ferie, in ragione di una ogni trimestre, calcolate per anno scolastico e che pertanto debbono essere fruite inderogabilmente entro il 31 agosto. E altresì considerato giorno festivo, ma non incluso nelle ferie, la ricorrenza del Santo Patrono della località in cui il dipendente presta servizio, purché ricadente in giorno lavorativo. Tutto il personale ATA poiché svolge l orario giornaliero di h.7.12 articolato su 5 giorni sett.li durante tutto l anno: ai sensi degli art.13 e 19 del CCNL , ha diritto, nell anno scolastico a 26 giorni di ferie e 4 festività soppresse. Il personale in par-time verticale ha diritto alle ferie e le festività soppresse in proporzione al servizio. Visto l art. 5 della L.135/2012, dove è fatto divieto di monetizzazione per ferie anche in caso di contratti scaduti o terminati, il personale ATA con contratto a tempo determinato fino al 30 giugno è tenuto ad usufruire delle ferie durante la sospensione dell attività didattica (Natale, Pasqua, dall 11 al 13 febbraio, ecc.) mentre il personale con contratto a tempo indeterminato è auspicabile ne usufruisca ugualmente onde evitare la richiesta di pagamento e la fruizione durante l attività didattica tenuto conto che per l assenza per ferie non è consentita la sostituzione con supplenza. Le ferie estive, nei plessi con più di una persona in servizio, devono essere organizzate in modo da garantire la presenza di almeno una unità nei mesi di luglio ed agosto, esclusa la settimana di ferragosto. Nella sede centrale sarà assicurato il servizio, con personale ridotto, anche in tale settimana. b) - Permessi (retribuiti /non retribuiti brevi Artt. 15 e 16 CCNL/2007) Permessi retribuiti/non retribuiti mod. n. 3 e 4 ATA: sulla base di un idonea documentazione sono concessi permessi per i seguenti casi nel corso dell'anno scolastico: partecipazione a concorsi o esami, comprensivi di quelli eventualmente richiesti per il viaggio: 8 giorni; (non retribuiti per il personale a tempo determinato); lutti per perdita del coniuge, parenti entro il 2 grado, soggetto componente la famiglia anagrafica o convivente stabile o di affini di 1 grado: 3 giorni per evento; al dipendente a.t.i. per particolari motivi personali o familiari, debitamente documentati: 3 giorni; con la precisazione che trova applicazione la nuova disciplina di cui all art.71, comma 4, del d.l. n.112 del 2008; per altri motivi previsti dalla normativa specifica (matrimonio, donazione sangue, L.1204/71, ecc...) per il tempo definito dalle disposizioni vigenti. Permessi per coloro che assistono le persone con handicap in situazione di gravità:l art.33, comma 3 della L.104, alle persone legittimate, permette di fruire di 3 giorni di permesso mensile. I permessi retribuiti vanno sempre documentati. 1.2 Permessi brevi : mod. n. 5 ATA - compatibilmente con le esigenze di servizio e possibilità di sostituzione, possono essere concessi, a domanda scritta su apposito modulo, per particolari esigenze personali, adeguatamente motivate, permessi brevi di durata non superiore alla metà dell orario giornaliero di servizio fino ad un massimo di tre ore per il personale ATA. Il totale dei permessi concessi, nell anno scolastico, non può superare l orario settimanale di 36 ore Essi vanno recuperati entro 2 mesi dalla fruizione. Per il personale ATA le ore di permesso breve vanno recuperate previo accordo con il Direttore s.g.a., in base alle esigenze di servizio entro 2 mesi dalla fruizione. Per il personale collaboratore scolastico che svolge il servizio in 7ore e 12 minuti giornalieri, le ore saranno recuperate dopo lo stacco di mezz ora. Nel caso di impossibilità di recupero, per motivi imputabili al personale ATA, l amministrazione provvederà a recuperare sullo stipendio una somma pari alla retribuzione spettante per il numero di ore non recuperate. I permessi brevi possono essere autorizzati solamente se non richiedono oneri per l Amministrazione. La domanda va presentata almeno cinque giorni prima, salvo casi eccezionali.

6 I cambi turno: mod. n. 8 ATA - vanno concordati con i colleghi e comunicati per iscritto al Direttore S.g.a. Recupero/Riposi compensativi (art.54 CCNL 2007): mod. 6 - Le ore di straordinario devono essere concordate con il Direttore S.g.a. e autorizzate dal Dirigente, l eventuale recupero è accordato se compatibile con le esigenze di servizio. In caso di mancato recupero delle ore di straordinario le stesse saranno retribuite a carico del Fondo d Istituto. c) Malattia (Artt. 17/19 CCNL 2007) mod. n.2 ATA Personale a tempo indeterminato: spetta al dipendente la conservazione del posto nel caso di assenze per malattia nel triennio, mentre la retribuzione avrà il seguente scaglionamento: primi 9 mesi, per malattie superiori a quindici giorni, compete l intera retribuzione con la seguente precisazione di cui all art.71 comma 1 D.L.112/08: nei primi 10 giorni di assenza è corrisposto il trattamento economico fondamentale con esclusione di ogni indennità o emolumento, comunque denominati, aventi carattere fisso e continuativo, nonché di ogni altro trattamento economico ed accessorio la norma prevede la trattenuta per ogni episodio di assenza, anche di un solo giorno, e per i primi 10 giorni se l assenza si protrae per più di 10 giorni. 3 mesi successivi retribuzione al 90% restanti 6 mesi retribuzione al 50%. In caso di gravi patologie, che richiedano terapie temporaneamente e/o parzialmente invalidanti o di ricovero ospedaliero o di "day hospital", i giorni di assenza sono esclusi dal computo di assenza per malattia e la retribuzione verrà liquidata per intero. Personale a tempo determinato fino al termine dell anno scolastico o delle attività didattiche ha diritto alla conservazione del posto per 9 mesi in un triennio, così retribuito: - 1 mese: intera retribuzione. Il trattamento economico sarà corrisposto nel rispetto della normativa di cui al comma 1 art.71 del D.L.112/08-2 e 3 mese: 50% - restante periodo: senza retribuzione Il personale ATA nominato su brevi supplenze: assenza per malattia, nei limiti della durata del contratto, hanno diritto alla conservazione del posto per un periodo non superiore a 30 gg annuali, retribuiti al 50% L assenza per malattia, salvo comprovato impedimento, deve essere comunicata telefonicamente all'ufficio di segreteria con tempestività e, comunque, dalle ore 7.30 alle ore L adempimento è previsto anche per il personale ATA con turno di servizio pomeridiano. Nelle comunicazioni telefoniche si dovrà accennare, se si è in grado di farlo, anche alla durata presumibile dell'assenza e si dovrà indicare l'indirizzo di reperibilità, se diverso da quello della residenza abituale (per consentire la visita fiscale fin dal primo giorno). Sui campanelli, inoltre, deve essere apposto il cognome del dipendente accanto a quello del marito o altra persona convivente. Per le visite fiscali si ricorda che il campanello deve funzionare; l'eventuale campanello rotto non giustifica l'assenza del personale per le stesse. Appena in grado di comunicare la prognosi indicata dal medico, il dipendente renderà nota la durata della malattia in Segreteria. Ciò per consentire le sostituzioni. Il certificato medico va richiesto al proprio medico in formato telematico. In caso di prolungamento di malattia si dovrà fornire nuova comunicazione e nuova certificazione medica. Il modello di comunicazione dell assenza per malattia deve essere recapitato in segreteria entro il secondo giorno dall inizio della malattia mediante raccomandata con ricevuta di ritorno o personalmente e che le stesse contengano i dati personali, l indirizzo, la data di inizio e termine dell assenza. Il controllo della malattia sarà disposto fin dal 1 giorno di assenza. Le fasce di reperibilità per i controlli, previste dal C.C.N.L., sono fissate : dalle ore 9.00 alle ore di ogni giorno (feriale o festivo) dalle ore alle ore di ogni giorno (feriale o festivo)

7 Qualora, per motivi documentabili legati alla propria malattia, il personale debba allontanarsi dal proprio domicilio, in orario di reperibilità per il controllo, è tenuto a darne preventiva comunicazione alla segreteria della scuola con l indicazione della diversa fascia oraria di reperibilità. Si invita il personale ad osservare scrupolosamente le indicazioni su ripartite per permettere all amministrazione di organizzare l attività in maniera da non recare detrimento alla funzionalità e all offerta di servizi sia per consentire l effettuazione dei prescritti controlli. 1.2 Le assenze per visite specialistiche, terapie e accertamenti diagnostici possono essere giustificate da: a) assenze brevi, soggette a recupero ( Art.16 CCNL 2007); b) permessi per documentati motivi personali; (art.15 CCNL 2007); c) assenza per malattia giustificata mediante certificazione medica; (art.17 e 19 CCNL 2007); d) ferie.(art.13 e 19 CCNL 2007). Si precisa che, se l assenza per effettuare visite specialistiche, cure o esami diagnostici ricorrendone i presupposti è imputata a malattia, si applica il nuovo regime sia per quanto concerne le modalità di certificazione, sia per quanto riguarda la retribuzione. d) Aspettative: per famiglia personale studio e di lavoro (art. 18 CCNL 2007) mod. N. 11 (Circ.19 Docenti) Le richieste devono pervenire allo scrivente con congruo anticipo rispetto al periodo richiesto; devono essere documentate e preventivamente autorizzate dallo scrivente, quindi inviate alla Ragioneria provinciale dello Stato per i visti di competenza ed alla Direzione provinciale del Tesoro per le trattenute da applicare. Nuove disposizioni in materia sono contenute nella L. 53/2000 e successive integrazioni sui congedi parentali e sulla formazione. Assemblee Sindacali Sciopero mod. 4-6 (Circ.n.19 Docenti) Al fine di permettere allo scrivente un attenta lettura dello stato di ogni scuola in caso di: assemblee sindacali sciopero Si invitano le SS.LL. a compilare la comunicazione di adesione o non adesione (obbligatorio per l'assemblea). Mentre per lo sciopero è d obbligo comunicare entro le 8 solamente la presa visione. L adesione deve essere dichiarata il giorno stesso. Chi aderirà allo sciopero dovrà far pervenire comunicazione scritta individuale ai fini degli adempimenti amministrativi, entro due giorni dall effettuazione dello sciopero. Sarà cura dell ufficio di segreteria segnalare alle SS.LL. l indizione delle assemblee o la proclamazione degli scioperi, non appena ricevuta comunicazione da parte delle OO.SS.. Sostituzione collaboratori scolastici assenti nella prima ora del mattino: - Nelle sedi con più di un collaboratore scolastico. Il collaboratore scolastico assente, prima di avvertire la segreteria dell assenza dovrà avvertire il collega di cambiare turno in modo di permettere alla segreteria di organizzare il servizio del pomeriggio. Nell eventualità che l assente sia impossibilitato, eccezionalmente, ad avvertire il collega dovrà contattare il docente, coordinatore di sede, in modo di assicurare la preaccoglienza degli alunni da parte di un docente. - Nelle sedi con un solo collaboratore scolastico avvertire il docente coordinatore e poi la segreteria. Esercizio di attività incompatibili con la funzione ATA. Il personale ATA non può esercitare attività commerciale, industriale o professionale, può accettare o mantenere impieghi alle dipendenze di privati o accettare cariche in società costituite a fini di lucro, tranne che si tratti di cariche in società od enti per i quali la nomina è riservata allo Stato. Tale divieto non si applica nel caso di personale nei cui confronti sia stata disposta la trasformazione del rapporto di lavoro a temo parziale per la metà dell orario settimanale ordinario. Tale personale è tuttavia tenuto a comunicare lo svolgimento dell attività extrascolastica, a pena di decadenza dell impiego.

8 Orario personale ATA La segreteria funziona dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle ore 17,00 L orario di tutto il personale ATA è di 7 ore e 12 minuti giornaliere dal lunedì al venerdì, tenuto conto che le lezioni si svolgono dal lunedì al venerdì con sabato libero. La pausa, di almeno 30 minuti, è prevista qualora l orario giornaliero superi le 7 ore e 12 minuti, può essere richiesta dopo 6 ore di lavoro se per motivi di salute o altra giustificazione è opportuno pranzare, nel qual caso l ora e i dodici minuti sarà completata dopo i 30 minuti della pausa medesima richiesta. I recuperi di permessi orari non effettuati nella stessa giornata comporta la pausa di 30 minuti dopo 6 ore continuative di servizio. Il personale che presta servizio presso le sedi sprovviste di orologio marcatempo, è tenuto alla compilazione del cartellino presenze e deve consegnare lo stesso entro i primi 5 giorni del mese successivo. Considerato che il cartellino cartaceo è un documento a tutti gli effetti e pertanto quanto scritto fa prova fino a querela di falso, si raccomanda di non apportare cancellature o sbanchettare per apportare eventuali correzioni poichè deve rimanere leggibile quanto corretto. Orario Uffici Segreteria Si rende necessario, per permettere al personale amministrativo di concentrarsi e lavorare con serenità, regolamentare l accesso del pubblico e del personale dipendente. L ufficio si renderà disponibile per le necessità del personale: Direttore dei servizi generali ed amministrativi LUNEDI, MERCOLEDI E GIOVEDI dalle ore 10,30 alle ore 11,30(nei primi giorni e negli ultimi giorni di scuola solo previo appuntamento) Assistenti amministrativi Per utenza interna: dalle ore 7,45 alle ore 8.30 dal lunedì al venerdì Per utenza esterna: dalle ore alle ore dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore lunedì, giovedì e venerdì. L eventuale accesso agli uffici di segreteria, oltre l orario sopra indicato, sarà consentito solo in casi eccezionali e previo accordo con il Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi. Le telefonate saranno ricevute dalla segreteria durante l orario di ricevimento di cui sopra e al mattino fino alle ore 8,30. Si raccomanda il rispetto dell orario e la non coincidenza con quello di lezione, al fine di non gravare sui colleghi, di salvaguardare il diritto/dovere di vigilanza sugli alunni e non intralciare i lavori della Segreteria. L accoglienza pomeridiana del pubblico nelle giornate di lunedì, giovedì e venerdì sarà sospesa durante le vacanze di natale e a partire dalla seconda settimana di luglio fino a tutto agosto. Il Commissario straordinario ha decretato inoltre le seguenti chiusure degli uffici, e quindi anche di tutte le scuole dell Istituto Comprensivo: lunedì 5 novembre i prefestivi del 24 e 31 dicembre 2012 e 16 agosto. Per tali giornate tutto il personale usufruirà di ferie La festività del Santo Patrono ricadente in giorno lavorativo deve essere usufruita in tale giornata, mentre se rientra in giorno festivo non è usufruibile.

9 Orario di Ricevimento del Dirigente Scolastico LUNEDI, MERCOLEDì e VENERDÌ dalle ore 10,00 alle ore 12,00 (gli altri giorni previo appuntamento) Eventuali modifiche ed integrazioni, alle su indicate disposizioni e raccomandazioni, saranno comunicate tempestivamente alle SS.LL. Ringrazio per la collaborazione, per altro sempre dimostrata, ed auguro a tutti un sereno e proficuo lavoro. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. ssa Tiziana D Agaro Allegati: Per permettere un immediata consultazione si invia la modulistica necessaria agli adempimenti previsti nella circolare, l utilizzazione di moduli diversi non sarà accolta - mod. 1 richiesta ferie e festività soppresse personale ATA; - mod. 2 comunicazione assenza malattia personale ATA; - mod. 3 richiesta permesso non retribuito personale ATA; - mod. 4 richiesta permesso retribuito personale ATA; - mod. 5 richiesta permesso breve personale ATA; - mod. 6 recuperi/riposi compensativi personale ATA; - mod.. 7 registro segnalazione intensificazione lavoro e/o attività exta orario ATA; - mod. 8 comunicazione cambio turno personale ATA REGISTRO DELLE MANCATE TIMBRATURE PER IL PERSONALE ATA (nelle sedi fornite il cartellino Elettronico)

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni LICEO GINNASIO STATALE G. d Annunzio Distretto Scolastico n 12 Via Venezia,41 65121 PESCARA - Codice Scuola PEPC010009 Fax : 085-298198 Tel. 085-4210351 - Segreteria C.F. 80005590684 E-MAIL : pepc010009@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 di Lalla, Orizzonte scuola 23.2.2015 Scade il 15 marzo la domanda per la richiesta di part time. I requisiti e le modalità

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione) 1. Il presente Contratto

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO N. 6 DEL 18 Gennaio 2007. Con preghiera di massima diffusione

ORDINE DI SERVIZIO N. 6 DEL 18 Gennaio 2007. Con preghiera di massima diffusione DIVISIONE II U.P.T.A. e.p.c. Ai Capi Divisione Ai Capi Ufficio Ai Capi Settore Ai Segretari Amministrativi dei Dipartimenti Ai Responsabili dei Laboratori Ai Responsabili delle Biblioteche Ai Presidi di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995)

I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995) I permessi retribuiti (art. 19 del CCNL del 6 luglio 1995) Comparto Regioni e Autonomie locali Luglio 2013 INDICE Introduzione... 2 Permesso per lutto... 4 Permesso per matrimonio... 11 Permesso per concorsi

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME Parte Prima- LA REGOLAMENTAZIONE Premessa Il rapporto di lavoro a tempo parziale viene convenzionalmente definito come attività lavorativa a carattere

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

guida ai diritti dall A alla Z

guida ai diritti dall A alla Z FUNZIONE PUBBLIC A FRIULI VENEZIA GIULIA COMPARTO MINISTERI guida ai diritti dall A alla Z a cura della segreteria regionale Fp Cgil Fvg - novembre 2010 Comparto ministeriali SOMMARIO A -----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI Roma, 14 giugno 2007 ------------------------------- UFFICIO AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE Area IV Reparto XIII Prot. n. 34212

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING (VIA SCROCCAROCCO,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL 16.2.1999 A seguito del parere favorevole espresso in data

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici Sintesi operative Paghe e contributi La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici a cura di Massimiliano Tavella Dottore commercialista - Cultore della materia presso la

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

DI ESSERE SANI. sommario:

DI ESSERE SANI. sommario: CUB SCUOLA Corso Marconi 34, 10125 Torino Tel/fax 011.655897 e-mail: scuola@cubpiemonte.org http://www.cubpiemonte.org FAR FINTA DI ESSERE SANI Antivirus da usare in caso di assenze per malattia e permessi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli