2a descrivere i materiali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2a descrivere i materiali"

Transcript

1 2a descrivere i materiali

2 2l descrivere i materiali

3 2m descrivere i materiali

4 2n descrivere i materiali

5 2o descrivere i materiali

6 2p descrivere i materiali

7 2q descrivere i materiali

8 2r descrivere i materiali

9 2s descrivere i materiali

10 2t descrivere i materiali

11 2b descrivere i materiali

12 2c descrivere i materiali

13 2d descrivere i materiali

14 2e descrivere i materiali

15 2f descrivere i materiali

16 2g descrivere i materiali

17 2h descrivere i materiali

18 2i descrivere i materiali

RUBRICA EQF CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE

RUBRICA EQF CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE Possiede conoscenze frammentarie e disorganizzate sulle modalità di produzione, trasformazione e distribuzione BT Possiede conoscenze parziali sulle modalità di produzione, trasformazione e distribuzione

Dettagli

MATRICE COMPETENZE SECONDO BIENNIO LOGISTICA

MATRICE COMPETENZE SECONDO BIENNIO LOGISTICA MATRICE COMPETENZE SECONDO BIENNIO LOGISTICA MACRO COMPETENZA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO DISCIPLINE CONCORRENTI LOGISTICA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Identificare, descrivere e comparare tipologie e funzioni

Dettagli

Studio CERP Questionario per il paziente Centro n Paziente n. Visita 1 DA COMPILARE NEL GIORNO DI INGRESSO NELLO STUDIO.

Studio CERP Questionario per il paziente Centro n Paziente n. Visita 1 DA COMPILARE NEL GIORNO DI INGRESSO NELLO STUDIO. 1 Visita 1 DA COMPILARE NEL GIORNO DI INGRESSO NELLO STUDIO MEDIO nelle ultime 24 ore. La scala descrive l intensità del partendo dal valore zero, corrispondente PEGGIORE nelle ultime 24 ore. La scala

Dettagli

Pianeta. C.S.S. Comunità Socio Sanitaria. Via Taviani, 4b Pozzo d Adda. dal 1984 lavoriamo a sostegno delle persone disabili e delle loro famiglie.

Pianeta. C.S.S. Comunità Socio Sanitaria. Via Taviani, 4b Pozzo d Adda. dal 1984 lavoriamo a sostegno delle persone disabili e delle loro famiglie. dal 1984 lavoriamo a sostegno delle persone disabili e delle loro famiglie. C.S.S. Comunità Socio Sanitaria Pianeta Via Taviani, 4b Pozzo d Adda MI ente a marchio ente a marchio Ente Gestore Modalità di

Dettagli

La visibilità è totale, e si appoggia su una cartografia virtuale di Microsoft (Virtual earth),

La visibilità è totale, e si appoggia su una cartografia virtuale di Microsoft (Virtual earth), . offre all azienda un immediato PLUS. Vengono rappresentati in modo veloce, semplice, ed immediato i dati aziendali in grafica su mappe geografiche. La visibilità è totale, e si appoggia su una cartografia

Dettagli

Allegato e) SCHEDA TIPO DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE INQUADRATO NELLE CATEGORIE. anno. Comune di Saint-Denis. Nome e cognome: Livello di appartenenza:

Allegato e) SCHEDA TIPO DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE INQUADRATO NELLE CATEGORIE. anno. Comune di Saint-Denis. Nome e cognome: Livello di appartenenza: Comune di Saint-Denis Allegato e) SCHEDA TIPO DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE INQUADRATO NELLE CATEGORIE anno 2013 Nome e cognome: Livello di appartenenza: 1 P a g i n a Criterio di valutazione n. 1 VALUTAZIONE

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

VALUTAZIONE DI ISTITUTO INDICATORI E DESCRITTORI. Descrittori di valutazione/livelli di comportamento cognitivo

VALUTAZIONE DI ISTITUTO INDICATORI E DESCRITTORI. Descrittori di valutazione/livelli di comportamento cognitivo GEOGRAFIA CLASSI I E II valutazione Orientamento. N 1 Muoversi nello spazio circostante, riconoscendo gli indicatori topologici usati. Sa muoversi nello spazio-aula, secondo le indicazioni dell insegnante,

Dettagli

Questionario in uscita alunni

Questionario in uscita alunni Programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 Programma Operativo Nazionale: Competenze per lo sviluppo Finanziato con i fondi FSE Annualità 2010-2011 Azione C1 STORIE PICCINE 1-2 - CREATIVI SI DIVENTA Questionario

Dettagli

Titolo notiziario. Volume 1, Numero 1. Questo brano può contenere 175-225 parole.

Titolo notiziario. Volume 1, Numero 1. Questo brano può contenere 175-225 parole. Titolo notiziario Volume 1, Numero 1 Data Titolo brano principale Notizie di rilievo: Notizia 1 Notizia 2 Notizia 3 Descrivere brevemente la notizia. Sommario: Questo brano può contenere 175-225 parole.

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Cl. I

EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Cl. I EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA Cl. I Mettere in atto comportamenti di autonomia,autocontrollo, fiducia di sé. Avvalersi in modo corretto e costruttivo dei Partecipazione a canti orali che comportono Valutazione

Dettagli

GEOGRAFIA I CLASSE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E CONTENUTI

GEOGRAFIA I CLASSE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E CONTENUTI GEOGRAFIA I CLASSE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E CONTENUTI Ambito di competenza: Orientamento - Orientarsi nello spazio vicino, lontano e nella carta geografica - conoscere ed utilizzare i principali strumenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI DIRITTO ED ECONOMIA CLASSE QUINTA INDIRIZZO TECNICO GESTIONE AZIENDALE SEZIONE PROFESSIONALE

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI DIRITTO ED ECONOMIA CLASSE QUINTA INDIRIZZO TECNICO GESTIONE AZIENDALE SEZIONE PROFESSIONALE Modulo 1 I PRINCIPALI CONTRATTI TIPICI PROGRAMMAZIONE MODULARE DI DIRITTO ED ECONOMIA CLASSE QUINTA INDIRIZZO TECNICO GESTIONE AZIENDALE SEZIONE PROFESSIONALE Essere in grado di indicare e rappresentare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CAMPOMAGGIORE VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO CAMPOMAGGIORE VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO CAMPOMAGGIORE VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014/201 Indicatori : Numeri Spazio e figure GRIGLIE DI VALUTAZIONE DISCIPLINARE CLASSI I II III IV V SCUOLA

Dettagli

SCHEDA DI RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA BANDO ASSOCIAZIONISMO/VOLONTARIATO

SCHEDA DI RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA BANDO ASSOCIAZIONISMO/VOLONTARIATO SCHEDA DI RENDICONTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA BANDO ASSOCIAZIONISMO/VOLONTARIATO Denominazione dell'organizzazione Titolare del Progetto (o Capofila): Codice Fiscale: \ Titolo del progetto: Data di avvio

Dettagli

I documenti del SGQ un peso o un supporto?

I documenti del SGQ un peso o un supporto? Metodi e strumenti per il controllo dei processi:certificazione ed accreditamento I documenti del SGQ un peso o un supporto? Relatore:Dott.ssa Maria Rita Cavallo ASL TO 3 Pinerolo documenti L approccio

Dettagli

Zona Colline Metallifere Progetto Pedagogico e Progetto Educativo. Nido. Spazio gioco. Progetto pedagogico Allegato Prog._1

Zona Colline Metallifere Progetto Pedagogico e Progetto Educativo. Nido. Spazio gioco. Progetto pedagogico Allegato Prog._1 Nido Spazio gioco Progetto pedagogico Allegato Prog._1 Valori di riferimento (Breve descrizione dei principi generali ispiratori il servizio per l infanzia, citando la normativa di riferimento in merito

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria (i traguardi sono riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa)

Dettagli

FONDAZIONE ANDI onlus FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE PROGETTI

FONDAZIONE ANDI onlus FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE PROGETTI FONDAZIONE ANDI onlus FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE PROGETTI Il presente formulario costituisce un integrazione al "Bando per il sostegno delle iniziative delle Associazioni" della FONDAZIONE ANDI e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI GEOGRAFIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI GEOGRAFIA 1. ORIENTARSI NELLO SPAZIO CLASSE PRIMA 1.1 Collocare gli oggetti in base alle indicazioni spaziali date 1.2 Muoversi ed effettuare semplici percorsi, seguendo indicazioni,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Luzzatto Dina CLASSE SECONDA ANNO SCOLASTICO. 2012 2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DOCENTE LABITA GIOVANNI GEOGRAFIA

SCUOLA PRIMARIA. Luzzatto Dina CLASSE SECONDA ANNO SCOLASTICO. 2012 2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DOCENTE LABITA GIOVANNI GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA Luzzatto Dina CLASSE SECONDA ANNO SCOLASTICO. 2012 2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DOCENTE LABITA GIOVANNI GEOGRAFIA UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 Orientarsi nello spazio. Conoscere adeguati alla

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA LIVELLI DI VALUTAZIONE MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA LIVELLI DI VALUTAZIONE MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA LIVELLI DI VALUTAZIONE MATEMATICA Matematica classe I 9/10 Sa riconoscere ed utilizzare i numeri naturali in diversi contesti con sicurezza. Padroneggia abilità di calcolo in merito all

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA PROGETTI DI MIGLIORAMENTO AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE NORME UNI EN ISO 9001:2008 Pag. 1 di 5 Indice 1 SCOPO 2 CAMPO APPLICAZIONE 3 RESPONSABILITA' 4 PROCEDURA 4.1 Progetti di miglioramento 4.2 Azioni correttive e preventive Rev. Natura modifica 0 1 2 Prima

Dettagli

Salute per Parma ISTRUZIONI DI CONFIGURAZIONE DELLE AGENDE. GipoWEB in collaborazione con tuotempo e Gipo

Salute per Parma ISTRUZIONI DI CONFIGURAZIONE DELLE AGENDE. GipoWEB in collaborazione con tuotempo e Gipo Salute per Parma ISTRUZIONI DI CONFIGURAZIONE DELLE AGENDE GipoWEB in collaborazione con tuotempo e Gipo COME INSERISCO GLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEL CENTRO? Entrare in Configura, cliccare su Profilo

Dettagli

La funzione e i fabbisogni di monitoraggio nella Regione

La funzione e i fabbisogni di monitoraggio nella Regione PERCHE INVESTIRE NEL MONITORAGGIO La funzione e i fabbisogni di monitoraggio nella Regione A cura di Francesca Zampano Dirigente Servizio Politiche di Benessere Sociale e pari opportunità CONOSCERE PER

Dettagli

PREVEDERE E IMMAGINARE. Uso consapevole ed intelligente delle risorse.

PREVEDERE E IMMAGINARE. Uso consapevole ed intelligente delle risorse. CURRICOLO DI ISTITUTO A.S 2015/2016 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI Riconosce nell ambiente che lo circonda elementi di tipo artificiale. Conosce e utilizza semplici oggetti di uso quotidiano

Dettagli

PROCEDURA QUALITA Gestione Produzione

PROCEDURA QUALITA Gestione Produzione 1.0 Scopo Stabilire le modalità per gestire il processo produttivo degli articoli aziendali. Pag. 1 di 5 PQ07g Ed. 0 Rev. 0 2.0 Campo di applicazione La seguente procedura si applica a tutti i prodotti

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE Pagina 1 di 13 FORMAZIONE PROFESSIONALE MANUALE UTENTE PER L UTILIZZO IN CITRIX DELLE NUOVE FUNZIONALITA DI SALVATAGGIO E LETTURA ALLEGATO DI AUTORIZZAZIONE IN PDF Pagina 2 di 13 INDICE 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO REGIONE BASILICATA. Azienda Sanitaria Locale Di Potenza

SERVIZIO SANITARIO REGIONE BASILICATA. Azienda Sanitaria Locale Di Potenza DISTRIBUZIONE REFERTI ON-LINE Il 15/12/2014 la Regione Basilicata avvierà il servizio di distribuzione referti di laboratorio ON-LINE. Il servizio offre all utente l opportunità di ricevere il proprio

Dettagli

Istruzioni d'uso "Modulo Web PARTNER v. 1.0" Questo modulo permette di dare l accesso ai vostri agenti/partner e caricare chiamate per conto terzi.

Istruzioni d'uso Modulo Web PARTNER v. 1.0 Questo modulo permette di dare l accesso ai vostri agenti/partner e caricare chiamate per conto terzi. Istruzioni d'uso "Modulo Web PARTNER v. 1.0" Questo modulo permette di dare l accesso ai vostri agenti/partner e caricare chiamate per conto terzi. 1. Impostazioni Agenti/Partner per potere accedere via

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DISCIPLINARE DISCIPLINA: INGLESE CLASSE I. Comprendere parole, istruzioni e frasi di uso quotidiano.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DISCIPLINARE DISCIPLINA: INGLESE CLASSE I. Comprendere parole, istruzioni e frasi di uso quotidiano. GRIGLIA DI VALUTAZIONE DISCIPLINARE Nuclei tematici: Ascolto (comprensione orale) Parlato (produzione e interazione orale) Lettura (comprensione scritta) Scrittura (produzione scritta) DISCIPLINA: INGLESE

Dettagli

QUESTIONARIO PROCEDURE RE PER LA GESTIONE DEL CREDITO

QUESTIONARIO PROCEDURE RE PER LA GESTIONE DEL CREDITO QUESTIONARIO PROCEDURE RE PER LA GESTIONE DEL CREDITO NOME DELLA SOCIETA : 1. Ufficio Credito a. Descrivere la struttura dell Ufficio Credito per persone e responsabilità. 2. Livelli Decisionali e Responsabilità

Dettagli

MODALITA COMPILAZIONE OFFERTA

MODALITA COMPILAZIONE OFFERTA Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico MODALITA COMPILAZIONE OFFERTA Sistema Informativo della Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico INDICE 1. DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO...3 2. MODALITA DI COMPILAZIONE

Dettagli

Registro Imprese. I trasferimenti di sede delle società

Registro Imprese. I trasferimenti di sede delle società Registro Imprese I trasferimenti di sede delle società Indice TRASFERIMENTI DI SEDE Trasferimento sede (nello stesso comune) presso un unità locale già esistente 3 Trasferimento sede (nello stesso comune)

Dettagli

-------------+2-------------------+3------------------------+1-----------

-------------+2-------------------+3------------------------+1----------- Allegato 1A 1 anno Il numero (a cura di L. Cerutti) Obiettivo: riconoscere i numeri da 0 a 9 3 5 Obiettivo: addizione e sottrazione 4 6 -------------+2-------------------+3------------------------+1-----------

Dettagli

Sommario. Guida Rapida - PRODUTTORI Pagina 2 di 17

Sommario. Guida Rapida - PRODUTTORI Pagina 2 di 17 1 luglio 2011 Sommario 1 CREARE UNA NUOVA REGISTRAZIONE CRONOLOGICA (CARICO RIFIUTI)... 3 2 COMPILARE UNA SCHEDA SISTRI... 6 3 ASSOCIAZIONE DELLA SCHEDA AL REGISTRO (SCARICO RIFIUTI)...11 4 ANNULLARE UNA

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL ESERCIZIO E DELLO SVILUPPO DEI GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE NAZIONALE.

PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL ESERCIZIO E DELLO SVILUPPO DEI GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE NAZIONALE. Capitolato d oneri - Allegato G PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL ESERCIZIO E DELLO SVILUPPO DEI GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE NAZIONALE Allegato G INVENTARIO DEI BENI Sezione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE ANNUALE di ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA comprende la grammatica del 1a. Riconoscere nella realtà e nelle rappresentazioni le relazioni spaziali tra gli elementi. 1b. Distinguere la figura

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

IL NUOVO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI IL NUOVO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Itis Galilei di Roma - 9 novembre 2009 - SI ARTICOLA IN DUE AREE OPZIONALI DI APPROFONDIMENTO: INFORMATICA TELECOMUNICAZIONI VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE CURRICOLO PROVVISORIO SETTEMBRE 2015 AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE CLASSE: PRIMA-SECONDA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE SPECIFICHE 1. Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale

Dettagli

GEOGRAFIA TURISTICA CLASSI QUINTE TURISTICO PRIMO QUADRIMESTRE

GEOGRAFIA TURISTICA CLASSI QUINTE TURISTICO PRIMO QUADRIMESTRE GEOGRAFIA TURISTICA CLASSI QUINTE TURISTICO PRIMO QUADRIMESTRE Modulo 1: Sviluppo e sottosviluppo Conoscenza dei seguenti termini: Paesi sottosviluppati e in via di sviluppo, periferia del mondo, potenze

Dettagli

Programma Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università

Programma Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Programma Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università 1di 6 TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Rif. Convenzione stipulata in data ) SEZIONE A - DATI ANAGRAFICI TIROCINANTE Cognome

Dettagli

Raccolta di problemi sulla omotetia

Raccolta di problemi sulla omotetia Problemi sulla omotetia. Eserciziario ragionato con soluzioni. - 1 Raccolta di problemi sulla omotetia 1. Il rapporto di omotetia può essere negativo? 2. Il rapporto di omotetia può essere nullo? Motiva

Dettagli

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro La compilazione del Piano delle azioni di miglioramento avviene da parte degli esperti territoriali in collaborazione con le amministrazioni.

Dettagli

SCHEDA DEI PROGETTI DI FORMAZIONE E SERVIZI

SCHEDA DEI PROGETTI DI FORMAZIONE E SERVIZI SCHEDA DEI PROGETTI DI FORMAZIONE E SERVIZI Indice SEZIONE I: IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO...3 SEZIONE II: SOSTENIBILITÀ TECNICO-TERRITORIALE...5 PARTE II.A: DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DELL INTERVENTO...5

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPS ATTIVITÀ SOCIALI - ACCETTAZIONE BENEFICIO MASTER, CORSI E DOTTORATI CERTIFICATI E CONVENZIONATI - MANUALE UTENTE VERS. 2.

SISTEMA INFORMATIVO INPS ATTIVITÀ SOCIALI - ACCETTAZIONE BENEFICIO MASTER, CORSI E DOTTORATI CERTIFICATI E CONVENZIONATI - MANUALE UTENTE VERS. 2. SISTEMA INFORMATIVO INPS ATTIVITÀ SOCIALI - ACCETTAZIONE BENEFICIO MASTER, CORSI E DOTTORATI CERTIFICATI E CONVENZIONATI - MANUALE UTENTE VERS. Pag. 2 SISTEMA INFORMATIVO INPS ATTIVITÀ SOCIALI - ACCETTAZIONE

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE E FRANCESE CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI INGLESE E FRANCESE CLASSE PRIMA CURRICOLO DI INGLESE E FRANCESE CLASSE PRIMA INTERAZIONE ORALE chiaramente e lentamente (esempio: consegne brevi e semplici) menu, un orario ) e in semplici lettere personali. Leggere globalmente testi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino CURRICOLO VERTICALE

Istituto Comprensivo di Pralboino CURRICOLO VERTICALE INGLESE CLASSE 5 a PRIMARIA INDICATORE ASCOLTO (COMPRENSIONE ORALE) TRAGUARDI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO CONTENUTI -L alunno comprende brevi messaggi orali relativi ad ambiti familiari. -Svolge i compiti

Dettagli

Regione Lombardia continua a investire con forza a favore dei cittadini disabili.

Regione Lombardia continua a investire con forza a favore dei cittadini disabili. LAVORO A TE LA SCELTA DIAMO UNA MANO ALLE PERSONE disabili A SCEGLIERE IL LORO FUTURO Regione Lombardia continua a investire con forza a favore dei cittadini disabili. Tra il 2000 e il 2007 sono stati

Dettagli

Patient Details. Section to be completed by the RITAZAREM Participant

Patient Details. Section to be completed by the RITAZAREM Participant EQ5D FORM-MONTH 0 Section to be completed by the RITAZAREM Participant Indicare quale delle seguenti affermazioni descrive meglio il suo stato di salute oggi, segnando con una crocetta (così) una sola

Dettagli

MODULO DI ISTANZA DI MEDIAZIONE SEPARATA PER PERSONE FISICHE

MODULO DI ISTANZA DI MEDIAZIONE SEPARATA PER PERSONE FISICHE MODULO DI ISTANZA DI MEDIAZIONE SEPARATA PER PERSONE FISICHE (Modulo A) Nota: Alla domanda non deve essere allegato alcun incartamento oltre a quelli esplicitamente richiesti nel modulo: eventuale documentazione

Dettagli

GESTIONE SINISTRI DIARIA DA RICOVERO OSPEDALIERO

GESTIONE SINISTRI DIARIA DA RICOVERO OSPEDALIERO 1 di GESTIONE SINISTRI DIARIA DA RICOVERO 1. Campo di applicazione 2 di Il presente manuale descrive ed illustra le modalità operative per il caricamento del sinistro diaria da ricovero ospedaliero sul

Dettagli

GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLE REGISTRAZIONI

GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLE REGISTRAZIONI Titolo INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. DOCUMENTI DI

Dettagli

Anno 1. Definizione di Logica e operazioni logiche

Anno 1. Definizione di Logica e operazioni logiche Anno 1 Definizione di Logica e operazioni logiche 1 Introduzione In questa lezione ci occuperemo di descrivere la definizione di logica matematica e di operazioni logiche. Che cos è la logica matematica?

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Sede di Dalmine (BG) Anno Accademico 2013-2014. Corso di Studi di Fabbricazione

Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Sede di Dalmine (BG) Anno Accademico 2013-2014. Corso di Studi di Fabbricazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Sede di Dalmine (BG) Anno Accademico 2013-2014 Corso di Studi di Fabbricazione Prof. GIANLUCA D URSO PROGETTO D ANNO 2013-2014 Tema del progetto

Dettagli

ARCHIVIO UNITARIO REGIONALE ASSISTITI Specifiche di Sicurezza

ARCHIVIO UNITARIO REGIONALE ASSISTITI Specifiche di Sicurezza Pag. 1 di 5 VERIFICHE E APPROVAZIONI REDAZIONE CONTROLLO AUTORIZZAZIONE VERSIONE APPROVAZIONE EMISSIONE NOME DATA NOME DATA NOME DATA V01 Maurizio LOMBARDO 30/09/2009 Piero TIRAGALLO 30/09/2009 Piero TIRAGALLO

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL ESERCIZIO E DELLO SVILUPPO DEI GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE NAZIONALE.

PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL ESERCIZIO E DELLO SVILUPPO DEI GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE NAZIONALE. PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL ESERCIZIO E DELLO SVILUPPO DEI GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE NAZIONALE Allegato E ISTRUZIONI PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA ECONOMICA, CRITERI

Dettagli

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 1 giugno 2012 - FILA A

MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del 1 giugno 2012 - FILA A MATEMATICA GENERALE - (A-D) Prova d esame del giugno 202 - FILA A Nome e cognome Matricola I Parte OBBLIGATORIA (quesiti preliminari: punto ciascuno). Riportare le soluzioni su questo foglio, mostrando

Dettagli

Company Profile (DA COMPILARE AL COMPUTER e inviare a estero@iride.it)

Company Profile (DA COMPILARE AL COMPUTER e inviare a estero@iride.it) Company Profile (DA COMPILARE AL COMPUTER e inviare a estero@iride.it) 1 INFORMAZIONI GENERALI RAGIONE SOCIALE: PIVA: INDIRIZZO: CAP: CITTA : PROVINCIA: TEL: FAX: Sito web: E-MAIL: PERSONA DI CONTATTO:

Dettagli

DOMANDA DI CANDIDATURA AL PREMIO QUALITA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Seconda edizione 2007/2008 I. Cosa è importante sapere Le amministrazioni che si candidano per la prima volta concorrono per tutte

Dettagli

ESEMPI DI TEST PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE MATEMATICHE PRIMO CICLO Scuola Secondaria di primo grado - Scuola Media

ESEMPI DI TEST PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE MATEMATICHE PRIMO CICLO Scuola Secondaria di primo grado - Scuola Media Allegato 1A 1 anno Il numero (a cura di L. Cerutti) Obiettivo: eseguire le quattro operazioni con i numeri interi 3 + 3 = 6 4-2 = 2 3x2=6 6/2=3 4:2=2 4/2=2 2x2=4 12x (4-2)-20+10:2+6x3-1= 25 2x2-20 +2x

Dettagli

SCHEMA PREVENTIVO DI PROGETTAZIONE PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE

SCHEMA PREVENTIVO DI PROGETTAZIONE PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE SCHEMA PREVENTIVO DI PROGETTAZIONE PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. INTRODUZIONE 2. FINALITA 3. OBIETTIVI MISURABILI 4. MODALITA DI SVOLGIMENTO 5. TEMPI 6. FASE OPERATIVA 7. MONITORAGGIO

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO FONDO PENSIONI BANCA DELLE MARCHE

REGOLAMENTO ATTUATIVO FONDO PENSIONI BANCA DELLE MARCHE REGOLAMENTO ATTUATIVO FONDO PENSIONI BANCA DELLE MARCHE I N D I C E... ARTICOLO 1 - DEFINIZIONI...2 ARTICOLO 2 RAPPORTI TRA DATORI DI LAVORO E FONDO...3 ARTICOLO 3 CONTRIBUZIONE...4 ARTICOLO 3 BIS - MULTICOMPARTO...5

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

IL NUOVO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA IL NUOVO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Itis Galilei di Roma - 9 novembre 2009 - SI ARTICOLA NELLE TRE AREE OPZIONALI DI APPROFONDIMENTO: ELETTRONICA ELETTROTECNICA AUTOMAZIONE VI CONFLUISCONO

Dettagli

Indicatori Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Competenze. L alunno utilizza il colore per differenziare e riconoscere gli oggetti.

Indicatori Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Competenze. L alunno utilizza il colore per differenziare e riconoscere gli oggetti. ARTE E IMMAGINE CLASSE I SCUOLA PRIMARIA Osservare e Esprimersi e L alunno conosce e usa il colore. L alunno riconosce nella realtà e nella rappresentazione: relazioni spaziali, rapporto verticale, orizzontale,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CAVAION CURRICOLO PER LA SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CAVAION CURRICOLO PER LA SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni Interagisce

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a. s. 2015/ 2016

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a. s. 2015/ 2016 Docenti PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Plessi SBRANA- LAMBRUSCHINI- TENUTA Classe V Disciplina LINGUA INGLESE Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a. s. 2015/ 2016 PROGETTAZIONE

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO ISTITUZIONE SCOLASTICA SEDE FREQUENTATA ANNO SCOLASTICO CLASSE FREQUENTATA COGNOME NOME LUOGO DI NASCITA PROVINCIA DATA NASCITA RESIDENZA 1. Caratteristiche della classe

Dettagli

Fascicolo 1. Matematica - Scuola primaria Classe quinta Anno scolastico 2013 2014

Fascicolo 1. Matematica - Scuola primaria Classe quinta Anno scolastico 2013 2014 Griglia di correzione DOMANDE APERTE Fascicolo 1 Matematica - Scuola primaria Classe quinta Anno scolastico 2013 2014 Si ricorda che i dati di tutte le classi (campione e non campione) devono essere trasmessi

Dettagli

Piano di business preliminare

Piano di business preliminare Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica del Prodotto/Servizio

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

INDICE. Introduzione 2 Esempio accorpamento preventivo 3. Corso Accorpamento Preventivo Pag. 1

INDICE. Introduzione 2 Esempio accorpamento preventivo 3. Corso Accorpamento Preventivo Pag. 1 Prodotto da INDICE Introduzione 2 Esempio accorpamento preventivo 3 Corso Accorpamento Preventivo Pag. 1 Capitolo VII Accorpamento Preventivo Introduzione La procedura Genera proposta di aggiornamento

Dettagli

SISTEMA QUALITA PG 04. Edizione 0 08-04-2011 PROCEDURE GESTIONALI. Pagina 1 di 5 1 08/04/2011

SISTEMA QUALITA PG 04. Edizione 0 08-04-2011 PROCEDURE GESTIONALI. Pagina 1 di 5 1 08/04/2011 Pagina 1 di 5 PG-04.1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE PG-04.2 PRINCIPIO PG-04.3 RIFERIMENTI PG-04.4 DEFINIZIONI PG-04.5 PREPARAZIONE QUESTIONARIO PG-04.6 RACCOLTA DATI PG-04.7 CALCOLO ED ESPRESSIONE DEI

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile di Gestione Anagrafiche. Gestione delle Anagrafiche Clienti-Fornitori

Procedura Amministrativo-Contabile di Gestione Anagrafiche. Gestione delle Anagrafiche Clienti-Fornitori Procedura Amministrativo-Contabile di Gestione Anagrafiche Gestione delle Anagrafiche Clienti-Fornitori 1 1. OBIETTIVO... 3 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 4. DEFINIZIONI...

Dettagli

Progetto rating - Griglia di valutazione-

Progetto rating - Griglia di valutazione- Progetto rating - Griglia di valutazione- Indicatore 1 - Caratteristiche dell indice Descrizione sintetica: Organizzazione e struttura dell'indice sufficiente: non parlante buono/ottimo: parlante Peso:

Dettagli

IL RAPPORTO DI PRATICA

IL RAPPORTO DI PRATICA IL RAPPORTO DI PRATICA Preparando dettagliatamente i seguenti compiti, ponete le basi per il vostro esame orale (pratica professionale orale). L esame orale è individuale e si basa sulla vostra formazione

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE ANNUALE ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Esplorare immagini, forme e oggetti presenti uditive, olfattive, gestuali e tattili Riconoscere e distinguere i colori presenti nell ambiente naturale.

Dettagli

Matematica finanziaria

Matematica finanziaria Matematica finanziaria La matematica finanziaria studia le cosiddette operazioni finanziarie Le operazioni finanziarie sono situazioni nelle quali una persona cede denaro in condizioni di certezza e per

Dettagli

Manuale d uso per l inserimento dei dati di bilancio su file

Manuale d uso per l inserimento dei dati di bilancio su file INSERIMENTO DEI DATI DI BILANCIO Per le aziende richiedenti l esonero dal versamento della cauzione a garanzia: dei tributi gravanti sulla produzione e sui consumi (Art 5 del TUA 504/95) e dei diritti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI TECNOLOGIA E INFORMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI TECNOLOGIA E INFORMATICA TRAGUARDI DELLE AL TERMINE della CLASSE I L alunno esplora e interpreta il mondo fatto dall uomo, individua le funzioni di un artefatto e di una semplice macchina, usa oggetti e strumenti coerentemente

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile di Gestione Anagrafiche. Gestione delle Anagrafiche Clienti-Fornitori

Procedura Amministrativo-Contabile di Gestione Anagrafiche. Gestione delle Anagrafiche Clienti-Fornitori Procedura Amministrativo-Contabile di Gestione Anagrafiche Gestione delle Anagrafiche Clienti-Fornitori 1. OBIETTIVO... 3 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 4. DEFINIZIONI...

Dettagli

La Scuola a Monza Anno scolastico 2014/201 /2015

La Scuola a Monza Anno scolastico 2014/201 /2015 2015 2 La Scuola a Monza Anno scolastico 2014/201 /2015 L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza,

Dettagli

QUADERNO RAEE 4. Marzo 2013 GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO

QUADERNO RAEE 4. Marzo 2013 GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO QUADERNO RAEE 4 GUIDA ALLA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO Ai sensi dell Accordo di Programma tra ANCI e CdC RAEE del 28 marzo 2012, modificato il 13 settembre 2012 e il 25 marzo 2013, per la definizione delle

Dettagli

Manuale utilizzo procedura ordini-resi web

Manuale utilizzo procedura ordini-resi web Manuale utilizzo procedura ordini-resi web Dal sito web Landi Renzo spa, Landi srl o Med spa è possibile accedere alla procedura web di inserimento/gestione degli ordini e dei resi. La prima form è quella

Dettagli

TECNOLOGIA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

TECNOLOGIA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA Conosce e utilizza semplici

Dettagli

Sede legale Indirizzo: Cap: Città Provincia

Sede legale Indirizzo: Cap: Città Provincia Modello 3) FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DELLA PROPOSTA PROGETTUALE PER REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO DI SUPPORTO ALLE AZIONI REGIONALI PER LA PREVENZIONE DEI RISCHI DOVUTI AL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO

Dettagli

Manuale di accesso al corso Finalità e struttura della griglia di valutazione economico finanziaria dei brevetti

Manuale di accesso al corso Finalità e struttura della griglia di valutazione economico finanziaria dei brevetti Manuale di accesso al corso Finalità e struttura della griglia di valutazione economico finanziaria dei brevetti 1 Introduzione Finalità e struttura della griglia di valutazione economico finanziaria dei

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE Classe prima

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE Classe prima Classe prima Classe I competenza matematica e SPERIMENTARE CON OGGETTI E MATERIALI competenze di base in scienza e tecnologia competenza digitale Osservare, descrivere elementi della realtà circostante

Dettagli

La Scuola a Monza Anno scolastico 2013/201 /2014

La Scuola a Monza Anno scolastico 2013/201 /2014 2014 3 La Scuola a Monza Anno scolastico 2013/201 /2014 L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza,

Dettagli

La Scuola a Monza Anno scolastico 2012/201 /2013

La Scuola a Monza Anno scolastico 2012/201 /2013 2013 4 La Scuola a Monza Anno scolastico 2012/201 /2013 L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza,

Dettagli

ALLEGATO 4 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 4 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 4 MODELLO DI OFFERTA TECNICA (IN BUSTA B ) 1 PREMESSA L offerta tecnica presentata dal Concorrente deve essere costituita da un documento redatto, pena l esclusione, seguendo le seguenti indicazioni:

Dettagli

Disegno tecnico moda. Laboratorio di Progettazione Tecnologica. Corso di Laurea in Design per la moda. a.a. 2011/12. Prof. arch. Caterina Frettoloso

Disegno tecnico moda. Laboratorio di Progettazione Tecnologica. Corso di Laurea in Design per la moda. a.a. 2011/12. Prof. arch. Caterina Frettoloso Corso di Laurea in Design per la moda Laboratorio di Progettazione Tecnologica caterina.frettoloso@unina2.it 26. 04. 12 1 Disegno tecnico moda Alcune considerazioni I disegni tecnici, o disegni à plat,

Dettagli

Certificati Qualificati. Policy per i certificati qualificati di firma digitale

Certificati Qualificati. Policy per i certificati qualificati di firma digitale Certificati Qualificati Policy per i certificati qualificati di firma Redatto da: Verificato da: Approvato da: Fulvio Parisi Clienti e Servizi Adriano Santoni Resp. Operations Mauro Finizio Amministratore

Dettagli

2. Limite infinito di una funzione in un punto

2. Limite infinito di una funzione in un punto . Limite infinito di una funzione in un punto Consideriamo la funzione: fx ( ) = ( x ) definita in R {}, e quindi il valore di non è calcolabile in x=, che è comunque un punto di accumulazione per il dominio

Dettagli

RE START - UP DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA SELEZIONE

RE START - UP DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA SELEZIONE RE START - UP DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA SELEZIONE La/Il sottoscritta/a: Residente : Comune: Provincia: C.A.P. Telefono: Fax: e-mail: (i dati indicati saranno utilizzati per l invio di comunicazioni sulla

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 13 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA IGIENICO-SANITARIA AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (Pozzallo) 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le

Dettagli

Corso FORMAZIONE PER COMPETENZE

Corso FORMAZIONE PER COMPETENZE Proposta 1 Corso FORMAZIONE PER COMPETENZE PERCORSO DI FORMAZIONE PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE NELLA PROFESSIONALITA DOCENTE PER L INFANZIA European Center of Education 1 PROPOSTA 1 A) Obiettivo del :

Dettagli

Trasformatore di media tensione

Trasformatore di media tensione Informazione tecnica Trasformatore di media tensione Requisiti importanti dei trasformatori di media tensione per SUNNY BOY, SUNNY MINI CENTRAL e SUNNY TRIPOWER Contenuto Il presente documento descrive

Dettagli