Contaminanti persistenti nei prodotti ittici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contaminanti persistenti nei prodotti ittici"

Transcript

1 Contaminanti persistenti nei prodotti ittici ANNAMARIA COLACCI ECCELLENZA CANCEROGENESI AMBIENTALE AGENZIA REGIONALE PREVENZIONE AMBIENTE EMILIA ROMAGNA

2 Benefici del pesce Acidi grassi polinsaturi omega-3 Proteine ad alta qualità Vitamina D iodio

3 Benefici del pesce Consigliato in tutti i regimi dietetici e per una corretta alimentazione American Heart Association Adulti Due volte a settimana, pesce grasso g/settimana

4 Rischi del pesce Metalli pesanti Mercurio/metilmercurio Composti organo alogenati persistenti Policlorurati bifenili non diossina-simili Composti diossina-simili Polibromurati difenili

5 Arsenico (As) Cadmio (Cd) Cromo (Cr) Cobalto (Co) Rame (Cu) Piombo (Pb) Mercurio (Hg) Nickel (Ni) Stagno (Sn) Vanadio (V) Zinco (Zn) Metalli pesanti

6 Influenza dei metalli pesanti sui pesci Accumulo nel cervello Inibizione della secrezione di noradrenalina Stimolazione della secrezione di dopamina nell ipotalamo Disturbo dell equilibrio ormonale dell asse ipotalamo-ipofisario

7 Influenza dei metalli pesanti sui pesci Piombo Disturbo della secrezione di LH Cadmio Altera funzione riproduttiva Diminuzione del peso delle ovaie e arresto del loro sviluppo Zinco Importante a concentrazioni fisiologiche Pericoloso ad alte concentrazioni Rame Sviluppo delle ovaie Effetto controbilanciato dalle metallotionine

8 Influenza dei metalli pesanti sui pesci Mercurio Influenza motilita dello sperma e integrita della membrana spermatica Ruolo protettivo dell albumina

9 Mercurio e Metilmercurio The Madison Declaration on Mercury Pollution (8 Marzo 2007) Mercurio Ricaduta 3 volte più alta di quanto non fosse nell era preindustriale L uso incontrollato nelle piccole miniere d oro Migliaia di siti contaminati Rischio per la salute per 50 milioni di residenti nelle aree circostanti le miniere Contribuisce per più del 10% alle emissioni di mercurio di origine antropica Le emissioni di mercurio nelle Nazioni in via di sviluppo hanno vanificato la diminuzione delle emissioni nei Paesi industrializzati

10 Mercurio e Metilmercurio The Madison Declaration on Mercury Pollution (8 Marzo 2007) Metilmercurio Costituisce un problema di esposizione nelle maggior parte delle aree geografiche Poco si sa del destino nell ecosistema marino L ingestione del pesce contaminato rappresenta la prima via di esposizione Le concentrazioni negli uccelli e mammiferi che si nutrono di pesce stanno raggiungendo livelli tossici Conseguente declino delle specie interessate Recenti evidenze mostrano un rapporto causale diretto tra metilmercurio e patologie cardiovascolari

11 Mercurio e Metilmercurio Multivariate Risk of Incident Coronary Heart Disease (CHD) With Higher Levels of Mercury Exposure Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296:

12 Rischio-beneficio patologia cardiovascolare Multivariate Risk of Incident Coronary Heart Disease (CHD) With Higher Levels of Mercury Exposure Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296:

13 Metilmercurio Danno neurologico in adulti Esposizioni alte da incidenti Prolungata esposizione a pesce con alto contenuto di mercurio 1-2 porzioni/giorno per piu di 10 anni Effetti mitigati dalla contemporanea assunzione di selenio

14 Metilmercurio Deficienze nello sviluppo neuronale del feto Metilmercurio attraversa la placenta I danni del feto correlano con l esposizione della madre Danni da esposizioni elevate ppm mercurio nella baia di Minimata Giappone negli anni ppm, grano contaminato in Iraq nel 1971 (concentrazioni di ppm nei capelli della madre) Esposizioni normali in US ppm in tutti ppm nelle madri che consumano pesce 3 volte al mese o piu Queste esposizioni NON determinano deficienze nello sviluppo neuronale RfD 0.1 mcg/kg/giorno 50 mcg/kg settimana per una donna di 70 kg

15 Concentrazioni metilmercurio in pesci di acqua dolce Specie Concentrazione mercurio (mg/kg) Media Range Note Bottatrice Acqua dolce. Italia settentrionale (Lago di Garda) Pesce gatto 0.05 ND 0.31 Acqua dolce. Regione padanoveneta Persico 0.14 ND 0.31 Acqua dolce. Italia specie autoctona. ubiquitario Luccio Acqua dolce. Italia specie autoctona. Ubiquitario Luccioperca Acqua dolce. Italia specie alloctona da Europa Centrale e Orientale Trota lacustre 0.07 ND 0.68 Acqua dolce. Italia, allevamento o introduzione Asia occidentale. Nord Africa. America Settentrionale Lavarello ND 0.31 Acqua dolce. Italia specie alloctona. Laghi glaciali e di origine vulcanica

16 Concentrazioni metilmercurio in pesci di ambiente marino Specie Concentrazione mercurio (mg/kg) Media Range Note Merluzzo ND 0.42 Marino Aringa 0.04 ND 0.14 Marino Atlantico. Mar Baltico Maccarello (sgombro) reale 0, Marino Mediterraneo orientale Scorfano ND ND 0.03 Marino. Atlantico settentrionale Pollack d Alaska 0.04 ND 0.78 Marino. Pacifico Orientale Salmone ND 0.19 Marino (con riproduzione fluviale). Alcune specie con intero ciclo vitale fluviale Italia specie anadroma. Sardina Marino. Mediterraneo. Atlantico sttentrionale Gambero ND ND 0.05 Marino Pescecane 0,99 ND 4.54 Marino. Cosmopolita Pesce spada 0,98 ND 3.22 Marino. Mediterraneo. Acque temperate e tropicali Tile gibboso Marino. Atlantico nordorientale Tonno 0.38 ND 1.30 Marino. Cosmopolita

17 TABELLA A ( tratta dal Regolamento 3.3 Mercurio Tenori massimi (mg/kg di peso fresco) 1881/2006) Prodotti della pesca (26) e muscolo di pesce (24) (25), escluse 0.05 le specie elencate al punto Il tenore massimo si applica ai crostacei, escluse le carni scure del granchio e quelle della testa e del torace dell'aragosta e di grossi crostacei analoghi (Nephropidae e Palinuridae ). Muscolo dei seguenti pesci (24) (25): rana pescatrice (Lophius species ) pesce lupo (Anarhichas lupus ) palamita (Sarda sarda ) anguilla (Anguilla species ) pesce specchio (Hoplostethus species ) pesce topo (Coryphaenoides rupestris ) ippoglosso (Hippoglossus hippoglossus ) marlin (Makaira species ) rombo del genere Lepidorhombus (Lepidorhombus species ) triglia (Mullus species ) luccio (Esox lucius ) palamita bianca (Orcynopsis unicolor ) cappellano (Trisopterus minutus ) squalo portoghese (Centroscymnus coelolepis ) razze (Raja species ) Scorfano genere Sebastes (S. marinus, S. mentella, S. viviparus ) 1.00 pesce vela del Pacifico (Istiophorus platypterus ) pesce sciabola (Lepidopus caudatus, Aphanopus carbo) pagello (Pagellus species ) squali (tutte le specie) tirsite (Lepidocybium flavobrunneum, Ruvettus pretiosus, Gempylus serpens ) storione (Acipenser species ) pesce spada (Xiphias gladius ) tonno e tonnetto (Thunnus species, Euthynnus species, Katsuwonus pelamis

18 Gli interferenti endocrini Composti chimici che: Mimano l azione degli ormoni naturali Bloccano l azione degli ormoni naturali Interagiscono con i recettori degli ormoni naturali Influenzano il metabolismo degli ormoni naturali Incrementano la sensibilità agli effetti degli ormoni

19

20 Concentrazioni di interferenti endocrini nel prodotto ittico europeo

21 Biosensori per interferenti endocrini Problemi riproduttivi: Intersex in pesci vicino a scarich industriali: Pesci dei grandi laghi esposti a PCB Uccelli e mammiferi che si nutrono pesci Alligatori della Florida dopo sversamento di pesticidi Foche del mar Baltico Pantera della Florida

22 Gli interferenti endocrini Composti chimici che: Mimano l azione degli ormoni naturali Bloccano l azione degli ormoni naturali Interagiscono con i recettori degli ormoni naturali Influenzano il metabolismo degli ormoni naturali Incrementano la sensibilità agli effetti degli ormoni

23 Effetti probabili sull uomo Densità dello sperma umano diminuisce all aumentare dell inquinamento ambientale

24 Effetti possibili sull uomo Sarnia region - Ontario s Chemical Valley Nascite maschi: Canada: 51.2% Sarnia: % %

25 Interferenti Endocrini e Tumori Regione dei Grandi Laghi Popolazioni che si nutrono di pesce: Aumento incidenza tumore della mammella Sviluppo di patologie neuronali Taiwan: Anormalità nello sviluppo dei maschi sino a 6 anni dopo esposizione a PCB Long Island: Tumore mammella incrementa con la vicinanza a siti contaminati da PCB Iowa, NC: Tumore mammella nelle mogli di agricoltori California Agricoltori ispanici, incremento tumore mammella specialmente nelle donne più giovani

26 PCB La loro tossicità dipende da Planarità della molecola Peso molecolare Biotrasformazione Come TCDD i PCB coplanari non orto sostituiti attivano il recettore AhR e la via di trasduzione del segnale che da esso dipende Molti degli effetti avversi legati ai PCB dipendono dall attività dioxin like e la potenza tossica può essere espressa in termini di TEFs relatici a TCDD Dopo esposizione a PCB non coplanari orto sostituiti si osservano un set di effetti tossici non dipendenti dal recettore Ah, tra cui neurotossicità, agonismo/antagonismo con il recettore per gli estrogeni, promozione tumorale

27 PCB WHO

28 PCB TCDD e PCB diossina-simili hanno spesso attività anti-estrogenica che può dipendere da. Repressione dell espressione genica indotta da E2 per interazione del recettore Ah attivato con i EREs Inibizione delle proteine del ciclo cellulare indotte da E2 Effetti dei PCB sul metabolismo di E2 Anche PCB non DL possono avere attività estrogenica o antiestrogenica con meccanismi non totalmente caratterizzati I PCB a peso molecolare più basso sono spesso risultati estrogenici I PCB non DL più frequenti (138, 153, 180) sono anti-estrogenici in MCF7

29 PCB WHO Sono i 12 PCB diossina-simili ricercati negli alimenti secondo Regolamento (CE) n. 1881/2006 della Commissione del 19/12/2006 che definisce i tenori max di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari Limiti espressi come pg TEQ/g grasso Carne suina Pesce e mitili Latte 0.5 pg/g grasso 4 pg/g grasso 3 pg/g grasso

30 PCB mix T4CB PCB 52 PCB 77 PCB 81 T6CB PCB 128 PCB 138 PCB 153 PCB 169 DL 152/99 per il rilevamento dei PCB in sedimenti e mitili DIOXIN-LIKE Limited dioxin-like PCB mix = 1/3-1/2 PCB totali

31 PCB mix PCB 52 estrogenico (++) weak PB-inducer, neurotossico (+++++) abbondante e frequente in pesci e bassi invertebrati PCB 77 (MC-inducer ++), 81 e 169 (MC-inducer+++) mai riscontrati nei mitili PCB 77 estrogenico (++) anti-estrogenico PCB 128 potente mixed-inducer, abbondante e persistente PCB 138 (mixed-inducer) e 153 (PB-inducer) quasi sempre rilevati nei mitili PCB 153 quasi sempre il più abbondante (1/5 PCB tot) PCB 169 anti-estrogenico DL 152/99 per il rilevamento dei PCB in sedimenti e mitili

32 PCB mix T3CB PCB 28 T4CB PCB 52 T6CB PCB 101 PCB 118 T7CB PCB 138 PCB 153 T8CB PCB 180 DIOXIN-LIKE Gruppo storico di sette congeneri per accertamenti di PCB in prodotti alimentari dell industria zootecnica, utilizzati anche per controlli di matrici di natura biologica

33 PCB mix Gruppo storico dei sette per accertamenti di PCB in prodotti alimentari dell industria zootecnica, utilizzati anche per controlli di matrici di natura biologica PCB 28 weak PB-inducer, neurotossico (++++) PCB 52 estrogenico (++) weak PB-inducer (+) neurotossico (+++++) abbondante e frequente in pesci e bassi invertebrati PCB 101 PB-inducer (+++) Attività estrogenica non dimostrata ma prevista da struttura PCB 118 mixed-inducer (MC+++, PB ++) anti-estrogenico PCB 138 mixed-inducer (MC++, PB +++) anti-androgenico PCB 153 PB-inducer (+++) estrogenico (+++) neurotossico (++) PCB 180 PB-inducer (+++) neurotossico (+++)

34 PCB mix ISS 2001 T3CB PCB 28 T4CB PCB 52 T5CB PCB 95 PCB 99 PCB 101 PCB 105 PCB 110 PCB 118 T6CB PCB 138 PCB 146 PCB 149 PCB 151 PCB 153 T7CB PCB 170 PCB 177 PCB 180 PCB 183 PCB 187

35 PCB 95 weak PB-inducer (+) neurotossico (++++) estrogenico (+) PCB 99 estrogenico (++) weak PB-inducer (+++) PCB 105 mixed-inducer (MC++, PB +) neurotossico (+++) anti-estrogenico (++) PCB 110 estrogenico (++) weak PB-inducer (+++) PCB mix ISS 2001 Oltre ai sette presenti nel mix storico sono contemplati: PCB 146? PCB 149? PCB 151? PCB 170 mixed-inducer (MC+, PB ++) PCB 177? PCB 183 weak PB-inducer (+++) PCB 187 weak PB-inducer (+++)

36 PCB Il profilo dei congeneri osservato in atmosfera (maggior fonte di esposizione e di trasporto) differisce in modo marcato da quello associato alla catena alimentare o all uomo Le differenze dipendono da elevata volatilità e elevato metabolismo dei basso clorurati e dei triorto penta e esa-cb Il picco PCB 77/110 è dominante nei campioni di piante e di ortaggi, mentre contribuisce in modo modesto ai PCB in aria. E elevato anche nella dieta italiana (Turrio Baldassarri et al,1995)

37 PCB PCB 138, 153,180 sono quasi sempre riscontrati e quantitativamente dominanti nel tessuto adiposo umano e nel latte materno PCB 138, 153 sono 40-60% dei congeneri totali Anche PCB 28,118,170 sono spesso riscontrati in elevate quantità I congeneri coplanari 77, 126, 169 danno un contributo importante dal punto di vista tossicologico I livelli di PCB totali nel siero non correlano bene con varie patologie quali il tumore mammario Si osservano correlazioni migliori tra PCB 99 (debole estrogeno) e DDE e ca mammario ER+ PCB 118 (anti-estrogeno) e ca mammario ER- Nel caso di congeneri labili è difficile correlare un outcome clinico con i livelli di esposizione passati

38 PCBs Molti congeneri considerati assenti nella catena alimentare non sono valutati in campioni umani, ma sono presenti a livelli elevati nell ambiente, tra questi molti basso clorurati (4, 8, 16, 17, 18, 31, 33, 47, 48, 49, 56, 60, 70 e anche 28, 44, 52, 66, 74, 77) La conferma di esposizioni temporanee a PCB basso clorurati è stata ottenuta nel 1981, dai dati relativi a una esposizione professionale accidentale, che ha evidenziato le differenze nel pattern di PCB serico subito o dopo 30 gg e nei lavoratori esposti in passato

39 PCBs PCB 74 è il solo i cui livelli serici sono aumentati nel tempo, potrebbe derivare da declorurazione di alto clorurati Il pattern di sostituzione 2,3,6 (PCB 110, 84, 91, 136, 95, 149, che sono congeneri prevalenti in pesci tipo tonno) è molto suscettibile al metabolismo da parte dei mammiferi, con formazione di idrossilati ma anche di prodotti metil sulfonati attraverso epossidazione e la via della liasi intestinale I metaboliti metil sulfonati sono persistenti, bioattivi e si accumulano selettivamente in fegato e polmone I pesci hanno attività CYP1A inducibile rapidamente e bassa attività CYP2B/3A, infatti i profili di congeneri osservati sono molto diversi da quelli del latte umano e da quelli ritenuti tipici nella catena alimentare

40 PCB L uomo e altri animali sono esposti in modo intermittente a profili di PBC che non lasciano tracce significative della loro presenza Anche se i congeneri persistenti 118, 153, 138 e 180 restano dominanti nei residui umani adulti, i giovani pesci e i bambini possono riportare congeneri di infrequente riscontro negli adulti Ci sono motivi fisico-chimici e tossicocinetici per i profili distinti di congeneri nelle diverse matrici

41 E possibile definire esattamente il profilo tossicologico? La distribuzione dei congeneri nelle diverse matrici ambientali e alimentari è molto diversa Il bioaccumulo tende a favorire la presenza di congeneri diversi da quelli presenti nelle miscele di origine

42 Valutazione della modulazione trascrizionale del gene CYP1A1 e di PDZK da parte di PCB dioxin-like CYP1A1 Insieme a CYP1B1 e uno degli elementi responsivi della diossina (DRE) pathway dell Aryl hydrocarbon Receptor, (AhR) PDZK Pathway degli estrogeni

43 Suscettibilità indotta da polimorfismi in enzimi dal metabolismo SNP Val CYP1B1 (Saintot et al. Eur. J Cancer Prev. 13, 2004) Coinvolto nella idrossilazione dell estrogeno a 4-idrossiestradiolo (genotossico) Donne esposte in ambiente di vita e di lavoro Incremento rischio tumore alla mammella ORi = 3.26, CI

44 Ipotetica interazione gene-ambiente: the Genetic Risk Factor GRF Esposizione

45 Incremento del rischio per tumore al polmone in portatori di polimorfismi (OR) Esposizione Genotipo GRF No Bassa Media Alta GSTM1 (+) no ND GSTM1 (-) sì ND CYP1A1 ILE no CYP1A1 VAL sì

46 Modello sperimentale Linea cellulare TD47 Linea di adenocarcinoma mammario esprimente una serie di recettori (estrogeni, androgeni, calcitonina, prolattina ) Trattamento Esposizione a PCB mix 18 congeneri e PCB 118 dioxin-like per 4 o 16 ore Valutazione dell espressione Real-time PCR Metodo Delta-Delta CT Variazione dei cicli soglia riferiti a geni di controllo vs i geni identificati nelle cellule in esame

47

48 Polibromurati difenili Br X O Br Y Ritardanti di fiamma Penta-schiume 20% Octa (plastiche) 5% Deca (computer/tv) 75% Tom A. McDonald, M.P.H., Ph.D. OEHHA, California EPA

49 PBDEs: contaminanti ubiquitari Indoor e outdoor Regioni remote dell Artico (trasporto a lunga distanza) Polvere domestica e ufficio Sedimenti di laghi e fiumi Scarichi fognari Alimenti (incluso il pesce da pesca sportiva)

50 Structural Similarity of PBDEs, Their Metabolites and Environmental Derivatives to T4 and PCBs Cl Cl Cl Cl Br O Br C H 3 O O Br Cl Cl Br Br Br Br Br Br 2,2',4,4',5,5'-hexachlorobiphenyl (PCB-153) 2,2',4,4',6-pentabromodiphenylether (PBDE-100) 2-(2',4'-dibromophenoxy)-4,6-dibromoanisol (methoxy-pbde) I O I Br O Br Br O Br HO I Thyroxine (T4) I N H 2 O OH HO Br Br 4-(2',4',6'-tribromophenoxy)-2,6-dibromophenol (hydroxy-pbde) Br Br Br 2,3,4,7,8-pentabromodibenzofuran (PBDF) Tom A. McDonald, M.P.H., Ph.D. OEHHA, California EPA Br

51 Luross et al. (2000)

52 PBDEs nelle uova di gabbiano Grandi laghi mg/g fresh wt. Snake Island Lake Ontario p< t 2 =3.72 y Gull Island Lake Michigan p< t 2 =2.97 y Graphs from M. Alaee (2002)

53 Stern and Ikonomou (2000) PBDEs nei Beluga Canadesi ( )

54 Incremento di PBDE nei residenti americani ng/g lipid Each point represents ~200 people Each point represents ~10 people Sjodin et al. (2003) Collection year

55 Tossicità dei PBDE Interferenza endocrina Effetti sulla tiroide e su estrogeni Effetti sullo sviluppo Cervelli e organi riproduttivi Tumori Studio a lungo termine su Penta in corso Conversione biotica in diossine/furani

56 I livelli di PBDE stanno superando i livelli di PCB EPA-California 7% donne con livelli PBDE più alti dei PCB Stato di New York (2005) PBDEs nei tessuti di un gruppo di 52 persone (mediana 77.3 ng/g, (77.3 ppb); media 339 ppb) Concentrazione nel grasso più alta dei PCB

57 PBDEs e PCBs possono cooperare Stessi effetti su medesimi endpoints Sommnistrazione contemporanea Effetti additivi Alterazioni comportamentali nei topi Effetti sulla tiroide

58 Mangiare pesce e un rischio? Risk of Total Mortality Due to Intake of Fish or Fish Oil in Randomized Clinical Trials Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296:

59 I costituenti attivi: gli omega N-3 polynsatured fatty acids (n-3 PUFA) Eicosapentanoic acid (EPA) Docosahexaenoic acid (DHA) Attivi sulla patologia cardiovascolare Malattia coronarica DHA Protettivo dello sviluppo neuronale

60 Rischio-beneficio patologia cardiovascolare Relationship Between Intake of Fish or Fish Oil and Relative Risks of CHD Death in Prospective Cohort Studies and Randomized Clinical Trials Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296:

61 Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296: Rischio-beneficio patologia cardiovascolare Schema of Potential Dose Responses and Time Courses for Altering Clinical Events of Physiologic Effects of Fish or Fish Oil Intake

62 Rischio-beneficio patologia cardiovascolare Summary of Evidence for Effects of Consumption of Fish or Fish Oil on Cardiovascular Outcomes Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296:

63 EPA + DHA EPA + DHA Selenio Mercurio PCB Diossine mg/porzione mg/100 g ppm ppm ppb Acciughe <0, Pesce gatto di allevamento <0,05 < Merluzzo, Atlantico Fish burger <0, Bastoncini di pesce, surgelati <0, Persico spigola, Golfo Messico Persico spigola, Atlantico Halibut Aringa Atlantico <0, Sgombro Atlantico Sgombro Reale Lampuga Pollock dell'atlantico <0, Salmone, allevamento <0, Salmone, selvaggio <0, Sardine <0, Pescecane Pagro Pesce spada Trota Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296: Tonnetto striato Tonno a pinne gialle

64 EPA + DHA EPA + DHA Selenio Mercurio PCB Diossine mg/porzione mg/100 g ppm ppm ppb Vongole <0, Granchio Aragosta Cozze <0, Ostriche <0, Gamberi <0,

65 Conclusioni 2007 I prodotti ittici costituiscono ottimi biosensori dello stato di inquinamento e riflettono la tipologia e la concentrazione degli inquinanti Il problema del pesce contaminato ha assunto dimensioni globali Tuttavia i dati dimostrano che il beneficio di una dieta moderatamente ricca di pesce supera i rischi che possono derivare dall introduzione di contaminanti E importante un accurato controllo qualitativo e quantitativo del pesce che arriva sul mercato e possibilmente sviluppare strumenti sofisticati per la tracciabilita, qualita e sicurezza del prodotto

66 Rischio-beneficio cardiovascolare/tumore Rischio 55 g/mese di salmone altamente contaminato incrementano il rischio di tumore 1/ (10-5 ) Beneficio 700 mg/giorno (21 g/mese) OMEGA-3 riducono del 20% il rischio di malattia coronarica negli Italiani (1/49) 21 g/mese = 1190 g salmone Bilancio totale 1190 g/mese salmone = 22/ casi tumore = 4500 casi 1190g/mese salmone = 49 casi di malattia coronarica 4500 / 49 = 92 (1 morto tumore : 92 protetti da CAD)

67 EU maximum level PCDD/Fs 4 pg WHO-TEQ/g peso fresco Dioxin-like PCBs + PCDD/Fs 8 pgwho-teq/g peso fresco Tutto il pesce tranne: 12 pgwho-teq/g fresh weight anguilla Sioen et al. 2008

68 TDI/TWI MeHg 1.6 μg/kg pc/s (0.228 μg/kg pc/g) JECFA 2003 Composti diossina-simili 14 pg WHO-TEQ/kg pc/s (2 pg WHO-TEQ/kg pc/g) Scientific Commitee on food 2001 Composti non diossina simili ND Assunzione piu bassa possibile EFSA 2005 Sioen et al. 2008

69 Assunzione nutrienti adolescenti

70 Assunzione nutrienti adulti

71 Assunzione microinquinanti adolescenti

72 Assunzione microinquinanti adulti

73 Conclusioni 2008 I prodotti ittici costituiscono ottimi biosensori dello stato di inquinamento e riflettono la tipologia e la concentrazione degli inquinanti Il problema del pesce contaminato ha assunto dimensioni globali Tuttavia i dati sembrano dimostrare che una dieta moderatamente ricca di pesce non consente una adeguata assunzione di principi attivi o quanto meno non incrementa l apporto nutrizioale di questi principi E importante un accurato controllo qualitativo e quantitativo del pesce che arriva sul mercato e possibilmente sviluppare strumenti sofisticati per la tracciabilita, qualita e sicurezza del prodotto

74 Ambiente Antropico Trattamenti chimici Inquinamento Ambiente Naturale Suolo Microclima Componente Genetica Alimento Stili di Vita Fumo Alcool Esposizioni Professionali Ambientali Componente Genetica

75 1 SNP ogni 1900 basi Circa di SNPs nel genoma Caratteristiche essenziali Largamente presenti nella popolazione Proteine chiave nella cascata di eventi o limitanti il metabolismo Biomarcatori surrogati dell effetto clinico L importanza degli SNPs

76 Genomica nutrizionale o nutrigenomica Delucida le interazioni fra Nutrienti Intermedi metabolici Genoma umano Stabilisce criteri dietetici di alto valore predittivo per Prevenzione malattie Riduzione dei rischi di effetti indesiderati Modificazione di varianti genetiche Disegna regimi dietetici efficaci per la prevenzione e controllo di malattie croniche

Contaminanti persistenti nei prodotti ittici

Contaminanti persistenti nei prodotti ittici Contaminanti persistenti nei prodotti ittici Annamaria Colacci Eccellenza Cancerogenesi Ambientale Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente Emilia Romagna Metalli pesanti Arsenico (As) Cadmio (Cd) Cromo

Dettagli

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI Bologna 14 Settembre 2006 Simonetta Menotta Reparto di Merceologia degli Alimenti di Origine Animale- Istituto Zooprofilattico della Lombardia e Emilia Romagna

Dettagli

Metilmercurio nei prodotti della pesca

Metilmercurio nei prodotti della pesca Gli attuali orientamenti della CE e di alcuni Paesi Terzi sul Metilmercurio nei prodotti della pesca per determinate categorie di persone a maggior rischio Contributi pratici Giorgio Orlandi ASL Modena

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Il Biologico nella Ristorazione Collettiva Sabato 7 novembre 2009 Sala Botticelli Palazzo dei Congressi Roma EUR "SEI CIÒ CHE MANGI":

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura vs selvatico

I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura vs selvatico UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI Dipartimento di Scienze della Vita e dell Ambiente Laboratorio di Analisi Chimica degli Alimenti - Food Toxicology Unit I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura

Dettagli

Il Pesce. Pesce: grassi miracolosi

Il Pesce. Pesce: grassi miracolosi Il Pesce Negli ultimi dieci anni il ruolo protettivo cardiovascolare del consumo di pesce è stato definitivamente stabilito, soprattutto per quel che riguarda la protezione dalla morte improvvisa. L interesse

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE L 320/18 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.12.2011 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2011 DELLA COMMISSIONE del 2 dicembre 2011 che modifica il regolamento (CE) n. 1881/2006 per quanto riguarda i tenori

Dettagli

Contaminanti alimentari: possibili rischi per il bambino

Contaminanti alimentari: possibili rischi per il bambino Contaminanti alimentari: possibili rischi per il bambino Lucio G. Costa Universita` di Parma, Facolta` di Medicina e Chirurgia; Toxicology Program, University of Washington, Seattle GLI ALIMENTI RAPPRESENTANO

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

Contaminanti alimentari: possibili rischi nell infanzia. Lucio G. Costa Facolta` di Medicina e Chirurgia Universita` di Parma

Contaminanti alimentari: possibili rischi nell infanzia. Lucio G. Costa Facolta` di Medicina e Chirurgia Universita` di Parma Contaminanti alimentari: possibili rischi nell infanzia Lucio G. Costa Facolta` di Medicina e Chirurgia Universita` di Parma GLI ALIMENTI RAPPRESENTANO UNA DELLE FONTI PRIMARIE DI ESPOSIZIONE A SOSTANZE

Dettagli

Gli acidi grassi omega-3 sono detti polinsaturi a causa del fatto che la loro catena comprende vari doppi legami.

Gli acidi grassi omega-3 sono detti polinsaturi a causa del fatto che la loro catena comprende vari doppi legami. A cura del Dott Giancarlo Piovaccari Direttore Dipartimento Malattie Cardiovascolari-Rimini Gli Omega-3 (o PUFA n-3) sono una categoria di acidi grassi essenziali (ai quali appartengono anche gli Omega

Dettagli

Omega 3. Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa

Omega 3. Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa Omega 3 Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa Gli Omega 3 Antinfiammatori Naturali Presenza di Omega 3 o 6 Siamo circondati da cibi arricchiti o Functional Foods.. I super

Dettagli

Alcune riflessioni per uno sviluppo sostenibile locale

Alcune riflessioni per uno sviluppo sostenibile locale Alcune riflessioni per uno sviluppo sostenibile locale Ettore Ca pri Direttore Centro di Ricerca per l'agricoltura sostenibile Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza 1 Marzo 2012 WORKSHOP della

Dettagli

Pesce nell Alimentazione

Pesce nell Alimentazione DALL ALIMENTO AL NUTRIENTE: Dal Pesce agli Omega-3 Pesce nell Alimentazione Paolo Pallini UOS Aziendale di Dietetica e Nutrizione Clinica Venezia - Mestre Pesc e = Ω 3! " Sano come un pesce Protezione

Dettagli

Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca

Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca Gli interferenti endocrini nei prodotti della pesca Prof. Michele Amorena Conclusioni? I prodotti ittici costituiscono ottimi biosensori dello stato di d inquinamento e riflettono la tipologia e la concentrazione

Dettagli

S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI)

S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI) MINERAL PET S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI) Esame elaborato per: F. G. Via XX,11 - Mil Tipo Animale Età Peso Gatto - Europeo Nome Jingle 1 Sesso Maschio 4.3 Altezza 0 Informazioni Generali

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE

ALIMENTAZIONE E SALUTE Istituto Arrigo Serpieri BOLOGNA Franco Minardi ALIMENTAZIONE E SALUTE 27 aprile 2013 BOLOGNA Definizione di tumore Cos è il tumore: proliferazione a partire da una cellula Tipi di proliferazione: controllata

Dettagli

Il salva acquisto. Mini guida all acquisto di prodotti ittici

Il salva acquisto. Mini guida all acquisto di prodotti ittici Il salva acquisto Mini guida all acquisto di prodotti ittici Calendario ittico i prodotti ittici di stagione Gennaio:nasello, sardina, sogliola, spigola, triglia Febbraio:nasello, sardina, sgombro, sogliola,

Dettagli

Gli organoclorurati più diffusi sono: -insetticidi (aldrin, clordani, DDT, dieldrin, endrin, eptaclor, esaclorobenzene, taxafene, ecc.

Gli organoclorurati più diffusi sono: -insetticidi (aldrin, clordani, DDT, dieldrin, endrin, eptaclor, esaclorobenzene, taxafene, ecc. La contaminazione da organoclorurati. I risultati delle indagini più recenti sulla valutazione dell esposizione esposizione e sugli effetti sulla salute FRANCESCO DONATO e CLAUDIA ZANI Sezione di Igiene,

Dettagli

KILLER INVISIBILI: Nemici dei Bambini?

KILLER INVISIBILI: Nemici dei Bambini? KILLER INVISIBILI: Nemici dei Bambini? Alberto Mantovani, alberto@iss.it, sito web Interferenti Endocrini : http://www.iss.it/inte/ Dipartimento Ricerca Associazione G.Dossetti: I Valori Cosa chiamiamo

Dettagli

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE

GUIDA PER UNO. stile di vita SALUTARE 1-2 e 8-9 maggio 2010 GUIDA PER UNO stile di vita SALUTARE ATTIVITÁ FISICA QUOTIDIANA Ogni giorno almeno 6 volte a settimana: 30 minuti di PASSEGGIATA Per migliorare lo stile di vita: parcheggiare più

Dettagli

Determinanti ambientali e impatto sulla salute della donna e del bambino

Determinanti ambientali e impatto sulla salute della donna e del bambino Convegno La salute riproduttiva in ambiente di vita e di lavoro Determinanti ambientali e impatto sulla salute della donna e del bambino Cristiana Ivaldi Epidemiologia ambientale Ma cosa si intende per

Dettagli

Diossine e Policlorobifenili

Diossine e Policlorobifenili Diossine e Policlorobifenili Alessandro di Domenico Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità,, Roma 1 POLICLORODIBENZODIOSSINE E POLICLORODIBENZOFURANI (210 CONGENERI)

Dettagli

Endocrine disrupters (EDC)

Endocrine disrupters (EDC) Endocrine disrupters (EDC) Solventi, lubrificanti Bifenili policlorurati (PCB) Bifenili polibromurati (PBB) Diossine Plasticizzanti Bisfenolo A (BPA) Ftalati Pesticidi DDT, metossiclor Fungicidi Vinclozolin

Dettagli

La sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare PRIMO PIANO La sicurezza alimentare in relazione alla presenza di microinquinanti provenienti dai processi di incenerimento dei rifiuti DOTT. DAVIDE ZINGARIELLO Tecnico della Prevenzione nell Ambiente

Dettagli

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze:

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze: 1 La Relazione sui risultati preliminari dei Piani di monitoraggio sugli inquinanti ambientali nell area del Poligono interforze del salto di Quirra, predisposta dall Istituto zooprofilattico della Sardegna

Dettagli

Interferenti endocrini e sicurezza alimentare

Interferenti endocrini e sicurezza alimentare Interferenti endocrini e sicurezza alimentare Alberto Mantovani Francesca Baldi Reparto di Tossicologia Alimentare e Veterinaria Istituto Superiore di Sanità, Roma. Meno le persone sanno di come vengono

Dettagli

I metalli pesanti nella fauna ittica: loro importanza nella sanitàanimale e nella sicurezza alimentare

I metalli pesanti nella fauna ittica: loro importanza nella sanitàanimale e nella sicurezza alimentare I metalli pesanti nella fauna ittica: loro importanza nella sanitàanimale e nella sicurezza alimentare Marco Rizzi Stefania Squadrone S.S. Contaminanti Ambientali - IZSPLV Numerosi elementi inorganici

Dettagli

Esposizione perinatale a mercurio e neurosviluppo nei bambini di 6-9 anni della laguna di Grado e Marano

Esposizione perinatale a mercurio e neurosviluppo nei bambini di 6-9 anni della laguna di Grado e Marano Esposizione perinatale a mercurio e neurosviluppo nei bambini di 6-9 anni della laguna di Grado e Marano Cattedra di Igiene ed Epidemiologia, DSMB, Univ. Udine Jožef Stefan Institute, Ljubljana, Slovenia

Dettagli

Il punto di vista dell Istituto Superiore di Sanità sulle indagini nsui vegetali

Il punto di vista dell Istituto Superiore di Sanità sulle indagini nsui vegetali Il punto di vista dell Istituto Superiore di Sanità sulle indagini nsui vegetali Federica Scaini Istituto Superiore di Sanità Gestione integrata del rischio in un Sito di Interesse Nazionale Brescia 22

Dettagli

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

Fulvio Salati. Fish Disease and Aquaculture Center, IZS of Sardinia, State Veterinary Institute, Oristano, Italy

Fulvio Salati. Fish Disease and Aquaculture Center, IZS of Sardinia, State Veterinary Institute, Oristano, Italy Sicurezza alimentare nei prodotti ittici Fulvio Salati Fish Disease and Aquaculture Center, IZS of Sardinia, State Veterinary Institute, Oristano, Italy Cagliari, 27 maggio 2016 Aspetti qualitativi di

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE

IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE 1. L analisi del rischio ambientale Concetto di rischio Il concetto di rischio si riferisce in modo generale

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Chellini E. et al. Epidemiol Prev 2015; 39(1):28-35 Manuela Orengia - 28 maggio 2015

Chellini E. et al. Epidemiol Prev 2015; 39(1):28-35 Manuela Orengia - 28 maggio 2015 Inquinanti emessi da un impianto di incenerimento di rifiuti speciali nell area di Arezzo: studio preliminare di monitoraggio biologico umano per identificare la possibile tipologia di esposizione residenziale

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento

L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI. Gestazione Allattamento Accrescimento L ALIMENTAZIONE NEI BAMBINI Gestazione Allattamento Accrescimento LARN 1996 GESTAZIONE Il fabbisogno aggiuntivo è in funzione del IMC pre-gravidanza gravidanza. Per un corretto esito della gravidanza,

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Alimentazione e cancro Relatore:dott Emanuela Romagnoli 15 gennaio 2014 Aula Piccolotto Osp S. Maria del Prato FATTORI DI RISCHIO MODIFICABILI NON MODIFICABILI

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

Inquinamento delle Catene Alimentari: criticità e possibili soluzioni (Gianni Tamino)

Inquinamento delle Catene Alimentari: criticità e possibili soluzioni (Gianni Tamino) Inquinamento delle Catene Alimentari: criticità e possibili soluzioni (Gianni Tamino) Catene alimentari Sul nostro pianeta tutta la materia utilizzata dagli organismi viventi viene trasportata e trasformata

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino

Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino Biomonitoraggio di metalli urinari nella popolazione residente nei pressi del termovalorizzatore di Torino Monica Chiusolo 1, Ennio Cadum 1, Martina Gandini 1, Alessandro Alimonti 2, Beatrice Bocca 2,

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Cibi più sicuri (ma non del tutto) /fi

Cibi più sicuri (ma non del tutto) /fi G Per saperne di più Il sito della Autorità europea per la sicurezza alimentare www.efsa. europa.eu/it/ Cibi più sicuri (ma non del tutto) /fi Norme severe e controlli serrati hanno ridotto i casi di contaminazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 29.3.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 91/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 277/2012 DELLA COMMISSIONE del 28 marzo 2012 che modifica gli allegati I e II della direttiva

Dettagli

Contaminanti chimici nel latte materno

Contaminanti chimici nel latte materno XXII Congresso Nazionale ACP Palermo, 7-9 ottobre 2010 Contaminanti chimici nel latte materno Giuseppe Primavera ACP Trinacria Il latte materno è la matrice ideale per monitorare i livelli di POPs nell

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE

CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE Dipartimento della sanità e della socialità LABORATORIO CANTONALE CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE Introduzione e obiettivi della campagna Dal 1996 con frequenza annuale il Laboratorio

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

Le nuove aree agricole indagate

Le nuove aree agricole indagate Caffaro e Brescia I nuovi dati Dott.ssa Geol. Maria Luigia Tedesco Dott. Geol. Enrico Alberico Brescia, 20 Ottobre 2015 Le campagne di indagini precedenti svolte da ARPA 2002 2005 2003 2006 Metodo delle

Dettagli

Expo Milano 2015, un occasione davvero unica per un paese dalla ricca tradizione alimentare come l Italia. Ma cos è veramente expo?

Expo Milano 2015, un occasione davvero unica per un paese dalla ricca tradizione alimentare come l Italia. Ma cos è veramente expo? E tu di che Mercurio sei? Contaminazione alimentare da mercurio, studiare le cause e conoscere gli effetti. Expo 2015 Nutrire il pianeta Expo Milano 2015, un occasione davvero unica per un paese dalla

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie da cancerogeni, mutageni e genotossici Valutazione del rischio per la riproduzione in ambiente di lavoro 1 of 28 A quali agenti è esposto il lavoratore o la lavoratrice?

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione

P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione Signora Dieta Mediterranea: più di 50 anni ma non li dimostra Giovedì 29 Ottobre 2009 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Conferenze Via del Pozzetto,

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

Alterazioni processo infiammatorio

Alterazioni processo infiammatorio Obesità Ipertensione Aterosclerosi Malattie cardiovascolari Alterazioni processo infiammatorio Cancro MAMMELLA, COLON, ENDOMETRIO, PANCREAS, PROSTATA I lipidi influenzano le varie tappe della cancerogenesi

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 CENNI STORICI Cos è EXPO: EXPO = Esposizione Universale EXPO = esposizione a carattere INTERNAZIONALE. Ogni EXPO

Dettagli

OMEGA-life : 1 al giorno per la vita.

OMEGA-life : 1 al giorno per la vita. OMEGA-life : 1 al giorno per la vita. Acidi grassi omega-3 altamente concentrati dal mare. In vendita nelle farmacie e nelle drogherie. 2 Acidi grassi omega-3 grassi di importanza vitale Numerosi studi

Dettagli

ALIMENTAZIONE COME CAUSA O PREVENZIONE DELLA MALATTIA? Carcinoma della mammella Etta Finocchiaro SC Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale Molinette Alba 23 settembre 2009 CA MAMMELLA La prevalenza di

Dettagli

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Il seno preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Disturbi al seno: una guerra che può essere vinta iniziando da una corretta alimentazione In ogni età la donna può presentare, in relazione

Dettagli

Il sistema rapido di allerta e il principio di precauzione

Il sistema rapido di allerta e il principio di precauzione Residui di antibiotici, chemioterapici e inquinanti ambientali negli alimenti. Quando costituiscono un allerta Carlo Cantoni L.D. in Ispezione alimenti origine animale via Corridoni, 41 20122 Milano Il

Dettagli

CoMpoNENTI ANALITICI. Umidità 82,0 %; Proteina grezza 9,6 %; Oli e grassi grezzi 4,5 %; Ceneri grezze 3,0 %; Fibra grezza 0,3 %.

CoMpoNENTI ANALITICI. Umidità 82,0 %; Proteina grezza 9,6 %; Oli e grassi grezzi 4,5 %; Ceneri grezze 3,0 %; Fibra grezza 0,3 %. ALIMENTO COMPLETO MONOPROTEICO PER CANI professional pets Codice Art.: DOGS001 Articolo: ALIMENTO CANE 400 G. CONIGLIO CON CAVOLFIORE Codice EAN: 8033993951549 pz. per cartone: 12 150 g. - 400 g. coniglio

Dettagli

New England Journal of Medicine Nature Medicine, Team di Stanley Hazen della Cleveland Clinic,

New England Journal of Medicine Nature Medicine, Team di Stanley Hazen della Cleveland Clinic, LA FLORA INTESTINALE POTREBBE ESSERE RESPONSABILE DI INFARTI E ICTUS DOVUTI alla produzione di un 'veleno' per le arterie, la molecola Tmao, (ossido di Trimetilammina) che viene prodotta da batteri presenti

Dettagli

MODELLO PER LA STIMA DELL ESPOSIZIONE

MODELLO PER LA STIMA DELL ESPOSIZIONE Progetto di sorveglianza degli effetti sanitari diretti e indiretti dell impianto di trattamento rifiuti (PAIP) di Parma Delibera n. 938/2008 del 15/10/2008 la Giunta provinciale di Parma VIA-AIA: Prescrizioni

Dettagli

EFFETTI CMR E RELATIVI TEST

EFFETTI CMR E RELATIVI TEST Annamaria Colacci 1 Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione umana Biochimica della nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. 2009-2010 Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K VITAMINA D FONTI dieta: necessita

Dettagli

Legislazione Additivi Sostanze indesiderabili Vendita diretta di sostanze alimentari Vendita delle sostanze alimentari composte

Legislazione Additivi Sostanze indesiderabili Vendita diretta di sostanze alimentari Vendita delle sostanze alimentari composte Legislazione A livello nazionale e di Comunità Europea, la legislazione basilare che interessa l'industria per gli alimenti per animali riguarda gli animali di allevamento e si occupa della produzione

Dettagli

COMPOSIZIONE CHIMICA DEL PESCE (g/100 g DI PARTE EDIBILE) Acqua 66-84 Proteine 15-24 Lipidi 0,1-22 Carboidrati < 1 Minerali 1-2 Vitamine <0,5

COMPOSIZIONE CHIMICA DEL PESCE (g/100 g DI PARTE EDIBILE) Acqua 66-84 Proteine 15-24 Lipidi 0,1-22 Carboidrati < 1 Minerali 1-2 Vitamine <0,5 La Lombardia non dispone delle risorse ittiche offerte dall acqua salata, ma la pesca professionale nei suoi grandi laghi prealpini riveste un ruolo molto importante nel sistema economico lombardo, interessando

Dettagli

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Nel passato sono stati molti e forse troppi i soggetti che hanno promosso un educazione

Dettagli

Modelli in vitro per la predizione dei rischi da contaminazioni ambientali

Modelli in vitro per la predizione dei rischi da contaminazioni ambientali Modelli in vitro per la predizione dei rischi da contaminazioni ambientali Monica Vaccari Area Tossicologia Sperimentale CTR Cancerogenesi Ambientale e Valutazione del Rischio CONTAMINANTE AMBIENTALE STIMOLO

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

Cosa sono i grassi o lipidi?

Cosa sono i grassi o lipidi? Cosa sono i grassi o lipidi? Lipidi da LIPOS = grasso Sostanze organiche di diversa natura con una caratteristica comune: sono insolubili in acqua Importanti costituenti dei tessuti vegetali e animali

Dettagli

Dicembre 2008. Indice

Dicembre 2008. Indice Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'ambiente UFAM Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica

Dettagli

DATA inizio e fine BUDGET. Euro 2.454.414,00 01/07/2011 31/03/2015. COORDINATORE PROGETTO Roberta Davoli. CAPOFILA Università di Bologna, DIPROVAL

DATA inizio e fine BUDGET. Euro 2.454.414,00 01/07/2011 31/03/2015. COORDINATORE PROGETTO Roberta Davoli. CAPOFILA Università di Bologna, DIPROVAL SETTORE INTERVENTO: ZOOTECNIA (SUINO) TITOLO PROGETTO: Ricerca avanzata in genomica e innovazioni tecnologiche per la filiera produttiva del suino pesante italiano (HEPIGET) Advanced research in genomics

Dettagli

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA TOSSICITA RIPRODUTTIVA disfunzione indotta da sostanze xenobiotiche che colpiscono i processi di gametogenesi dal loro stadio più precoce all impianto del prodotto del concepimento nell endometrio. La

Dettagli

XXXIX Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Milano, 28-30 Ottobre 2015

XXXIX Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Milano, 28-30 Ottobre 2015 Dipartimento di Scienze Biomediche Sezione di Citomorfologia XXXIX Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Milano, 28-30 Ottobre 2015 STUDIO MULTICENTRICO ITALIANO SULL INTERAZIONE GENI-AMBIENTE

Dettagli

Relazione del Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Reggio Emilia

Relazione del Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Reggio Emilia Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Dipartimento di Sanità Pubblica Inquinamento da Cromo esavalente in un pozzo ad uso irriguo di Puianello Relazione del Dipartimento di Sanità Pubblica dell

Dettagli

carni bianche: vitello, agnello, capretto, suino, coniglio, pollame;

carni bianche: vitello, agnello, capretto, suino, coniglio, pollame; Carne La carne è il risultato di complesse modificazioni biochimiche che si realizzano a carico dei muscoli striati e dei tessuti strettamente connessi di animali da macello, da cortile e selvaggina (sia

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Endocrine Disrupting Chemicals (Sostanze con Attività Endocrine; Interferenti distruttori - Endocrini)

Endocrine Disrupting Chemicals (Sostanze con Attività Endocrine; Interferenti distruttori - Endocrini) Endocrine Disrupting Chemicals (Sostanze con Attività Endocrine; Interferenti distruttori - Endocrini) Alberto Mantovani, Dipartimento di Sanità Alimentare ed Animale Istituto Superiore di Sanità http://progetti.iss.it/inte/

Dettagli

Il pesce a miglio zero

Il pesce a miglio zero Il pesce a miglio zero E A COSTI SOCIALI E AMBIENTALI ZERO Vademecum per un consumo responsabile del pesce Quando l eccellenza del cibo e l emozione, che ne consegue, si misurano dalla capacità di identità

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Dott. Francesco Braccioni LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA E il tumore più frequente nelle donne e quello che provoca più decessi Solo in alcuni paesi

Dettagli

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 RISCHI SANITARI DA FALL OUT RADIOATTIVO Giampiero Tosi Fall

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

L ECOTOSSICOLOGIA. Cosa ricerca l ecotossicologia?

L ECOTOSSICOLOGIA. Cosa ricerca l ecotossicologia? Cosa ricerca l ecotossicologia? L ECOTOSSICOLOGIA Che cosa è l ecotossicologia? L ecotossicologia valuta gli effetti tossici degli agenti chimici e fisici sugli organismi viventi, riuniti in comunità all

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

Effettuare una valutazione tossicologica complessiva della matrice ambientale

Effettuare una valutazione tossicologica complessiva della matrice ambientale Effettuare una valutazione tossicologica complessiva della matrice ambientale valutare l esposizione dell ecosistema nel quale avviene la diffusione/dispersione accumulo/assorbimento degli inquinanti Inquinamento:

Dettagli