Contaminanti persistenti nei prodotti ittici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contaminanti persistenti nei prodotti ittici"

Transcript

1 Contaminanti persistenti nei prodotti ittici ANNAMARIA COLACCI ECCELLENZA CANCEROGENESI AMBIENTALE AGENZIA REGIONALE PREVENZIONE AMBIENTE EMILIA ROMAGNA

2 Benefici del pesce Acidi grassi polinsaturi omega-3 Proteine ad alta qualità Vitamina D iodio

3 Benefici del pesce Consigliato in tutti i regimi dietetici e per una corretta alimentazione American Heart Association Adulti Due volte a settimana, pesce grasso g/settimana

4 Rischi del pesce Metalli pesanti Mercurio/metilmercurio Composti organo alogenati persistenti Policlorurati bifenili non diossina-simili Composti diossina-simili Polibromurati difenili

5 Arsenico (As) Cadmio (Cd) Cromo (Cr) Cobalto (Co) Rame (Cu) Piombo (Pb) Mercurio (Hg) Nickel (Ni) Stagno (Sn) Vanadio (V) Zinco (Zn) Metalli pesanti

6 Influenza dei metalli pesanti sui pesci Accumulo nel cervello Inibizione della secrezione di noradrenalina Stimolazione della secrezione di dopamina nell ipotalamo Disturbo dell equilibrio ormonale dell asse ipotalamo-ipofisario

7 Influenza dei metalli pesanti sui pesci Piombo Disturbo della secrezione di LH Cadmio Altera funzione riproduttiva Diminuzione del peso delle ovaie e arresto del loro sviluppo Zinco Importante a concentrazioni fisiologiche Pericoloso ad alte concentrazioni Rame Sviluppo delle ovaie Effetto controbilanciato dalle metallotionine

8 Influenza dei metalli pesanti sui pesci Mercurio Influenza motilita dello sperma e integrita della membrana spermatica Ruolo protettivo dell albumina

9 Mercurio e Metilmercurio The Madison Declaration on Mercury Pollution (8 Marzo 2007) Mercurio Ricaduta 3 volte più alta di quanto non fosse nell era preindustriale L uso incontrollato nelle piccole miniere d oro Migliaia di siti contaminati Rischio per la salute per 50 milioni di residenti nelle aree circostanti le miniere Contribuisce per più del 10% alle emissioni di mercurio di origine antropica Le emissioni di mercurio nelle Nazioni in via di sviluppo hanno vanificato la diminuzione delle emissioni nei Paesi industrializzati

10 Mercurio e Metilmercurio The Madison Declaration on Mercury Pollution (8 Marzo 2007) Metilmercurio Costituisce un problema di esposizione nelle maggior parte delle aree geografiche Poco si sa del destino nell ecosistema marino L ingestione del pesce contaminato rappresenta la prima via di esposizione Le concentrazioni negli uccelli e mammiferi che si nutrono di pesce stanno raggiungendo livelli tossici Conseguente declino delle specie interessate Recenti evidenze mostrano un rapporto causale diretto tra metilmercurio e patologie cardiovascolari

11 Mercurio e Metilmercurio Multivariate Risk of Incident Coronary Heart Disease (CHD) With Higher Levels of Mercury Exposure Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296:

12 Rischio-beneficio patologia cardiovascolare Multivariate Risk of Incident Coronary Heart Disease (CHD) With Higher Levels of Mercury Exposure Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296:

13 Metilmercurio Danno neurologico in adulti Esposizioni alte da incidenti Prolungata esposizione a pesce con alto contenuto di mercurio 1-2 porzioni/giorno per piu di 10 anni Effetti mitigati dalla contemporanea assunzione di selenio

14 Metilmercurio Deficienze nello sviluppo neuronale del feto Metilmercurio attraversa la placenta I danni del feto correlano con l esposizione della madre Danni da esposizioni elevate ppm mercurio nella baia di Minimata Giappone negli anni ppm, grano contaminato in Iraq nel 1971 (concentrazioni di ppm nei capelli della madre) Esposizioni normali in US ppm in tutti ppm nelle madri che consumano pesce 3 volte al mese o piu Queste esposizioni NON determinano deficienze nello sviluppo neuronale RfD 0.1 mcg/kg/giorno 50 mcg/kg settimana per una donna di 70 kg

15 Concentrazioni metilmercurio in pesci di acqua dolce Specie Concentrazione mercurio (mg/kg) Media Range Note Bottatrice Acqua dolce. Italia settentrionale (Lago di Garda) Pesce gatto 0.05 ND 0.31 Acqua dolce. Regione padanoveneta Persico 0.14 ND 0.31 Acqua dolce. Italia specie autoctona. ubiquitario Luccio Acqua dolce. Italia specie autoctona. Ubiquitario Luccioperca Acqua dolce. Italia specie alloctona da Europa Centrale e Orientale Trota lacustre 0.07 ND 0.68 Acqua dolce. Italia, allevamento o introduzione Asia occidentale. Nord Africa. America Settentrionale Lavarello ND 0.31 Acqua dolce. Italia specie alloctona. Laghi glaciali e di origine vulcanica

16 Concentrazioni metilmercurio in pesci di ambiente marino Specie Concentrazione mercurio (mg/kg) Media Range Note Merluzzo ND 0.42 Marino Aringa 0.04 ND 0.14 Marino Atlantico. Mar Baltico Maccarello (sgombro) reale 0, Marino Mediterraneo orientale Scorfano ND ND 0.03 Marino. Atlantico settentrionale Pollack d Alaska 0.04 ND 0.78 Marino. Pacifico Orientale Salmone ND 0.19 Marino (con riproduzione fluviale). Alcune specie con intero ciclo vitale fluviale Italia specie anadroma. Sardina Marino. Mediterraneo. Atlantico sttentrionale Gambero ND ND 0.05 Marino Pescecane 0,99 ND 4.54 Marino. Cosmopolita Pesce spada 0,98 ND 3.22 Marino. Mediterraneo. Acque temperate e tropicali Tile gibboso Marino. Atlantico nordorientale Tonno 0.38 ND 1.30 Marino. Cosmopolita

17 TABELLA A ( tratta dal Regolamento 3.3 Mercurio Tenori massimi (mg/kg di peso fresco) 1881/2006) Prodotti della pesca (26) e muscolo di pesce (24) (25), escluse 0.05 le specie elencate al punto Il tenore massimo si applica ai crostacei, escluse le carni scure del granchio e quelle della testa e del torace dell'aragosta e di grossi crostacei analoghi (Nephropidae e Palinuridae ). Muscolo dei seguenti pesci (24) (25): rana pescatrice (Lophius species ) pesce lupo (Anarhichas lupus ) palamita (Sarda sarda ) anguilla (Anguilla species ) pesce specchio (Hoplostethus species ) pesce topo (Coryphaenoides rupestris ) ippoglosso (Hippoglossus hippoglossus ) marlin (Makaira species ) rombo del genere Lepidorhombus (Lepidorhombus species ) triglia (Mullus species ) luccio (Esox lucius ) palamita bianca (Orcynopsis unicolor ) cappellano (Trisopterus minutus ) squalo portoghese (Centroscymnus coelolepis ) razze (Raja species ) Scorfano genere Sebastes (S. marinus, S. mentella, S. viviparus ) 1.00 pesce vela del Pacifico (Istiophorus platypterus ) pesce sciabola (Lepidopus caudatus, Aphanopus carbo) pagello (Pagellus species ) squali (tutte le specie) tirsite (Lepidocybium flavobrunneum, Ruvettus pretiosus, Gempylus serpens ) storione (Acipenser species ) pesce spada (Xiphias gladius ) tonno e tonnetto (Thunnus species, Euthynnus species, Katsuwonus pelamis

18 Gli interferenti endocrini Composti chimici che: Mimano l azione degli ormoni naturali Bloccano l azione degli ormoni naturali Interagiscono con i recettori degli ormoni naturali Influenzano il metabolismo degli ormoni naturali Incrementano la sensibilità agli effetti degli ormoni

19

20 Concentrazioni di interferenti endocrini nel prodotto ittico europeo

21 Biosensori per interferenti endocrini Problemi riproduttivi: Intersex in pesci vicino a scarich industriali: Pesci dei grandi laghi esposti a PCB Uccelli e mammiferi che si nutrono pesci Alligatori della Florida dopo sversamento di pesticidi Foche del mar Baltico Pantera della Florida

22 Gli interferenti endocrini Composti chimici che: Mimano l azione degli ormoni naturali Bloccano l azione degli ormoni naturali Interagiscono con i recettori degli ormoni naturali Influenzano il metabolismo degli ormoni naturali Incrementano la sensibilità agli effetti degli ormoni

23 Effetti probabili sull uomo Densità dello sperma umano diminuisce all aumentare dell inquinamento ambientale

24 Effetti possibili sull uomo Sarnia region - Ontario s Chemical Valley Nascite maschi: Canada: 51.2% Sarnia: % %

25 Interferenti Endocrini e Tumori Regione dei Grandi Laghi Popolazioni che si nutrono di pesce: Aumento incidenza tumore della mammella Sviluppo di patologie neuronali Taiwan: Anormalità nello sviluppo dei maschi sino a 6 anni dopo esposizione a PCB Long Island: Tumore mammella incrementa con la vicinanza a siti contaminati da PCB Iowa, NC: Tumore mammella nelle mogli di agricoltori California Agricoltori ispanici, incremento tumore mammella specialmente nelle donne più giovani

26 PCB La loro tossicità dipende da Planarità della molecola Peso molecolare Biotrasformazione Come TCDD i PCB coplanari non orto sostituiti attivano il recettore AhR e la via di trasduzione del segnale che da esso dipende Molti degli effetti avversi legati ai PCB dipendono dall attività dioxin like e la potenza tossica può essere espressa in termini di TEFs relatici a TCDD Dopo esposizione a PCB non coplanari orto sostituiti si osservano un set di effetti tossici non dipendenti dal recettore Ah, tra cui neurotossicità, agonismo/antagonismo con il recettore per gli estrogeni, promozione tumorale

27 PCB WHO

28 PCB TCDD e PCB diossina-simili hanno spesso attività anti-estrogenica che può dipendere da. Repressione dell espressione genica indotta da E2 per interazione del recettore Ah attivato con i EREs Inibizione delle proteine del ciclo cellulare indotte da E2 Effetti dei PCB sul metabolismo di E2 Anche PCB non DL possono avere attività estrogenica o antiestrogenica con meccanismi non totalmente caratterizzati I PCB a peso molecolare più basso sono spesso risultati estrogenici I PCB non DL più frequenti (138, 153, 180) sono anti-estrogenici in MCF7

29 PCB WHO Sono i 12 PCB diossina-simili ricercati negli alimenti secondo Regolamento (CE) n. 1881/2006 della Commissione del 19/12/2006 che definisce i tenori max di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari Limiti espressi come pg TEQ/g grasso Carne suina Pesce e mitili Latte 0.5 pg/g grasso 4 pg/g grasso 3 pg/g grasso

30 PCB mix T4CB PCB 52 PCB 77 PCB 81 T6CB PCB 128 PCB 138 PCB 153 PCB 169 DL 152/99 per il rilevamento dei PCB in sedimenti e mitili DIOXIN-LIKE Limited dioxin-like PCB mix = 1/3-1/2 PCB totali

31 PCB mix PCB 52 estrogenico (++) weak PB-inducer, neurotossico (+++++) abbondante e frequente in pesci e bassi invertebrati PCB 77 (MC-inducer ++), 81 e 169 (MC-inducer+++) mai riscontrati nei mitili PCB 77 estrogenico (++) anti-estrogenico PCB 128 potente mixed-inducer, abbondante e persistente PCB 138 (mixed-inducer) e 153 (PB-inducer) quasi sempre rilevati nei mitili PCB 153 quasi sempre il più abbondante (1/5 PCB tot) PCB 169 anti-estrogenico DL 152/99 per il rilevamento dei PCB in sedimenti e mitili

32 PCB mix T3CB PCB 28 T4CB PCB 52 T6CB PCB 101 PCB 118 T7CB PCB 138 PCB 153 T8CB PCB 180 DIOXIN-LIKE Gruppo storico di sette congeneri per accertamenti di PCB in prodotti alimentari dell industria zootecnica, utilizzati anche per controlli di matrici di natura biologica

33 PCB mix Gruppo storico dei sette per accertamenti di PCB in prodotti alimentari dell industria zootecnica, utilizzati anche per controlli di matrici di natura biologica PCB 28 weak PB-inducer, neurotossico (++++) PCB 52 estrogenico (++) weak PB-inducer (+) neurotossico (+++++) abbondante e frequente in pesci e bassi invertebrati PCB 101 PB-inducer (+++) Attività estrogenica non dimostrata ma prevista da struttura PCB 118 mixed-inducer (MC+++, PB ++) anti-estrogenico PCB 138 mixed-inducer (MC++, PB +++) anti-androgenico PCB 153 PB-inducer (+++) estrogenico (+++) neurotossico (++) PCB 180 PB-inducer (+++) neurotossico (+++)

34 PCB mix ISS 2001 T3CB PCB 28 T4CB PCB 52 T5CB PCB 95 PCB 99 PCB 101 PCB 105 PCB 110 PCB 118 T6CB PCB 138 PCB 146 PCB 149 PCB 151 PCB 153 T7CB PCB 170 PCB 177 PCB 180 PCB 183 PCB 187

35 PCB 95 weak PB-inducer (+) neurotossico (++++) estrogenico (+) PCB 99 estrogenico (++) weak PB-inducer (+++) PCB 105 mixed-inducer (MC++, PB +) neurotossico (+++) anti-estrogenico (++) PCB 110 estrogenico (++) weak PB-inducer (+++) PCB mix ISS 2001 Oltre ai sette presenti nel mix storico sono contemplati: PCB 146? PCB 149? PCB 151? PCB 170 mixed-inducer (MC+, PB ++) PCB 177? PCB 183 weak PB-inducer (+++) PCB 187 weak PB-inducer (+++)

36 PCB Il profilo dei congeneri osservato in atmosfera (maggior fonte di esposizione e di trasporto) differisce in modo marcato da quello associato alla catena alimentare o all uomo Le differenze dipendono da elevata volatilità e elevato metabolismo dei basso clorurati e dei triorto penta e esa-cb Il picco PCB 77/110 è dominante nei campioni di piante e di ortaggi, mentre contribuisce in modo modesto ai PCB in aria. E elevato anche nella dieta italiana (Turrio Baldassarri et al,1995)

37 PCB PCB 138, 153,180 sono quasi sempre riscontrati e quantitativamente dominanti nel tessuto adiposo umano e nel latte materno PCB 138, 153 sono 40-60% dei congeneri totali Anche PCB 28,118,170 sono spesso riscontrati in elevate quantità I congeneri coplanari 77, 126, 169 danno un contributo importante dal punto di vista tossicologico I livelli di PCB totali nel siero non correlano bene con varie patologie quali il tumore mammario Si osservano correlazioni migliori tra PCB 99 (debole estrogeno) e DDE e ca mammario ER+ PCB 118 (anti-estrogeno) e ca mammario ER- Nel caso di congeneri labili è difficile correlare un outcome clinico con i livelli di esposizione passati

38 PCBs Molti congeneri considerati assenti nella catena alimentare non sono valutati in campioni umani, ma sono presenti a livelli elevati nell ambiente, tra questi molti basso clorurati (4, 8, 16, 17, 18, 31, 33, 47, 48, 49, 56, 60, 70 e anche 28, 44, 52, 66, 74, 77) La conferma di esposizioni temporanee a PCB basso clorurati è stata ottenuta nel 1981, dai dati relativi a una esposizione professionale accidentale, che ha evidenziato le differenze nel pattern di PCB serico subito o dopo 30 gg e nei lavoratori esposti in passato

39 PCBs PCB 74 è il solo i cui livelli serici sono aumentati nel tempo, potrebbe derivare da declorurazione di alto clorurati Il pattern di sostituzione 2,3,6 (PCB 110, 84, 91, 136, 95, 149, che sono congeneri prevalenti in pesci tipo tonno) è molto suscettibile al metabolismo da parte dei mammiferi, con formazione di idrossilati ma anche di prodotti metil sulfonati attraverso epossidazione e la via della liasi intestinale I metaboliti metil sulfonati sono persistenti, bioattivi e si accumulano selettivamente in fegato e polmone I pesci hanno attività CYP1A inducibile rapidamente e bassa attività CYP2B/3A, infatti i profili di congeneri osservati sono molto diversi da quelli del latte umano e da quelli ritenuti tipici nella catena alimentare

40 PCB L uomo e altri animali sono esposti in modo intermittente a profili di PBC che non lasciano tracce significative della loro presenza Anche se i congeneri persistenti 118, 153, 138 e 180 restano dominanti nei residui umani adulti, i giovani pesci e i bambini possono riportare congeneri di infrequente riscontro negli adulti Ci sono motivi fisico-chimici e tossicocinetici per i profili distinti di congeneri nelle diverse matrici

41 E possibile definire esattamente il profilo tossicologico? La distribuzione dei congeneri nelle diverse matrici ambientali e alimentari è molto diversa Il bioaccumulo tende a favorire la presenza di congeneri diversi da quelli presenti nelle miscele di origine

42 Valutazione della modulazione trascrizionale del gene CYP1A1 e di PDZK da parte di PCB dioxin-like CYP1A1 Insieme a CYP1B1 e uno degli elementi responsivi della diossina (DRE) pathway dell Aryl hydrocarbon Receptor, (AhR) PDZK Pathway degli estrogeni

43 Suscettibilità indotta da polimorfismi in enzimi dal metabolismo SNP Val CYP1B1 (Saintot et al. Eur. J Cancer Prev. 13, 2004) Coinvolto nella idrossilazione dell estrogeno a 4-idrossiestradiolo (genotossico) Donne esposte in ambiente di vita e di lavoro Incremento rischio tumore alla mammella ORi = 3.26, CI

44 Ipotetica interazione gene-ambiente: the Genetic Risk Factor GRF Esposizione

45 Incremento del rischio per tumore al polmone in portatori di polimorfismi (OR) Esposizione Genotipo GRF No Bassa Media Alta GSTM1 (+) no ND GSTM1 (-) sì ND CYP1A1 ILE no CYP1A1 VAL sì

46 Modello sperimentale Linea cellulare TD47 Linea di adenocarcinoma mammario esprimente una serie di recettori (estrogeni, androgeni, calcitonina, prolattina ) Trattamento Esposizione a PCB mix 18 congeneri e PCB 118 dioxin-like per 4 o 16 ore Valutazione dell espressione Real-time PCR Metodo Delta-Delta CT Variazione dei cicli soglia riferiti a geni di controllo vs i geni identificati nelle cellule in esame

47

48 Polibromurati difenili Br X O Br Y Ritardanti di fiamma Penta-schiume 20% Octa (plastiche) 5% Deca (computer/tv) 75% Tom A. McDonald, M.P.H., Ph.D. OEHHA, California EPA

49 PBDEs: contaminanti ubiquitari Indoor e outdoor Regioni remote dell Artico (trasporto a lunga distanza) Polvere domestica e ufficio Sedimenti di laghi e fiumi Scarichi fognari Alimenti (incluso il pesce da pesca sportiva)

50 Structural Similarity of PBDEs, Their Metabolites and Environmental Derivatives to T4 and PCBs Cl Cl Cl Cl Br O Br C H 3 O O Br Cl Cl Br Br Br Br Br Br 2,2',4,4',5,5'-hexachlorobiphenyl (PCB-153) 2,2',4,4',6-pentabromodiphenylether (PBDE-100) 2-(2',4'-dibromophenoxy)-4,6-dibromoanisol (methoxy-pbde) I O I Br O Br Br O Br HO I Thyroxine (T4) I N H 2 O OH HO Br Br 4-(2',4',6'-tribromophenoxy)-2,6-dibromophenol (hydroxy-pbde) Br Br Br 2,3,4,7,8-pentabromodibenzofuran (PBDF) Tom A. McDonald, M.P.H., Ph.D. OEHHA, California EPA Br

51 Luross et al. (2000)

52 PBDEs nelle uova di gabbiano Grandi laghi mg/g fresh wt. Snake Island Lake Ontario p< t 2 =3.72 y Gull Island Lake Michigan p< t 2 =2.97 y Graphs from M. Alaee (2002)

53 Stern and Ikonomou (2000) PBDEs nei Beluga Canadesi ( )

54 Incremento di PBDE nei residenti americani ng/g lipid Each point represents ~200 people Each point represents ~10 people Sjodin et al. (2003) Collection year

55 Tossicità dei PBDE Interferenza endocrina Effetti sulla tiroide e su estrogeni Effetti sullo sviluppo Cervelli e organi riproduttivi Tumori Studio a lungo termine su Penta in corso Conversione biotica in diossine/furani

56 I livelli di PBDE stanno superando i livelli di PCB EPA-California 7% donne con livelli PBDE più alti dei PCB Stato di New York (2005) PBDEs nei tessuti di un gruppo di 52 persone (mediana 77.3 ng/g, (77.3 ppb); media 339 ppb) Concentrazione nel grasso più alta dei PCB

57 PBDEs e PCBs possono cooperare Stessi effetti su medesimi endpoints Sommnistrazione contemporanea Effetti additivi Alterazioni comportamentali nei topi Effetti sulla tiroide

58 Mangiare pesce e un rischio? Risk of Total Mortality Due to Intake of Fish or Fish Oil in Randomized Clinical Trials Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296:

59 I costituenti attivi: gli omega N-3 polynsatured fatty acids (n-3 PUFA) Eicosapentanoic acid (EPA) Docosahexaenoic acid (DHA) Attivi sulla patologia cardiovascolare Malattia coronarica DHA Protettivo dello sviluppo neuronale

60 Rischio-beneficio patologia cardiovascolare Relationship Between Intake of Fish or Fish Oil and Relative Risks of CHD Death in Prospective Cohort Studies and Randomized Clinical Trials Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296:

61 Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296: Rischio-beneficio patologia cardiovascolare Schema of Potential Dose Responses and Time Courses for Altering Clinical Events of Physiologic Effects of Fish or Fish Oil Intake

62 Rischio-beneficio patologia cardiovascolare Summary of Evidence for Effects of Consumption of Fish or Fish Oil on Cardiovascular Outcomes Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296:

63 EPA + DHA EPA + DHA Selenio Mercurio PCB Diossine mg/porzione mg/100 g ppm ppm ppb Acciughe <0, Pesce gatto di allevamento <0,05 < Merluzzo, Atlantico Fish burger <0, Bastoncini di pesce, surgelati <0, Persico spigola, Golfo Messico Persico spigola, Atlantico Halibut Aringa Atlantico <0, Sgombro Atlantico Sgombro Reale Lampuga Pollock dell'atlantico <0, Salmone, allevamento <0, Salmone, selvaggio <0, Sardine <0, Pescecane Pagro Pesce spada Trota Mozaffarian, D. et al. JAMA 2006;296: Tonnetto striato Tonno a pinne gialle

64 EPA + DHA EPA + DHA Selenio Mercurio PCB Diossine mg/porzione mg/100 g ppm ppm ppb Vongole <0, Granchio Aragosta Cozze <0, Ostriche <0, Gamberi <0,

65 Conclusioni 2007 I prodotti ittici costituiscono ottimi biosensori dello stato di inquinamento e riflettono la tipologia e la concentrazione degli inquinanti Il problema del pesce contaminato ha assunto dimensioni globali Tuttavia i dati dimostrano che il beneficio di una dieta moderatamente ricca di pesce supera i rischi che possono derivare dall introduzione di contaminanti E importante un accurato controllo qualitativo e quantitativo del pesce che arriva sul mercato e possibilmente sviluppare strumenti sofisticati per la tracciabilita, qualita e sicurezza del prodotto

66 Rischio-beneficio cardiovascolare/tumore Rischio 55 g/mese di salmone altamente contaminato incrementano il rischio di tumore 1/ (10-5 ) Beneficio 700 mg/giorno (21 g/mese) OMEGA-3 riducono del 20% il rischio di malattia coronarica negli Italiani (1/49) 21 g/mese = 1190 g salmone Bilancio totale 1190 g/mese salmone = 22/ casi tumore = 4500 casi 1190g/mese salmone = 49 casi di malattia coronarica 4500 / 49 = 92 (1 morto tumore : 92 protetti da CAD)

67 EU maximum level PCDD/Fs 4 pg WHO-TEQ/g peso fresco Dioxin-like PCBs + PCDD/Fs 8 pgwho-teq/g peso fresco Tutto il pesce tranne: 12 pgwho-teq/g fresh weight anguilla Sioen et al. 2008

68 TDI/TWI MeHg 1.6 μg/kg pc/s (0.228 μg/kg pc/g) JECFA 2003 Composti diossina-simili 14 pg WHO-TEQ/kg pc/s (2 pg WHO-TEQ/kg pc/g) Scientific Commitee on food 2001 Composti non diossina simili ND Assunzione piu bassa possibile EFSA 2005 Sioen et al. 2008

69 Assunzione nutrienti adolescenti

70 Assunzione nutrienti adulti

71 Assunzione microinquinanti adolescenti

72 Assunzione microinquinanti adulti

73 Conclusioni 2008 I prodotti ittici costituiscono ottimi biosensori dello stato di inquinamento e riflettono la tipologia e la concentrazione degli inquinanti Il problema del pesce contaminato ha assunto dimensioni globali Tuttavia i dati sembrano dimostrare che una dieta moderatamente ricca di pesce non consente una adeguata assunzione di principi attivi o quanto meno non incrementa l apporto nutrizioale di questi principi E importante un accurato controllo qualitativo e quantitativo del pesce che arriva sul mercato e possibilmente sviluppare strumenti sofisticati per la tracciabilita, qualita e sicurezza del prodotto

74 Ambiente Antropico Trattamenti chimici Inquinamento Ambiente Naturale Suolo Microclima Componente Genetica Alimento Stili di Vita Fumo Alcool Esposizioni Professionali Ambientali Componente Genetica

75 1 SNP ogni 1900 basi Circa di SNPs nel genoma Caratteristiche essenziali Largamente presenti nella popolazione Proteine chiave nella cascata di eventi o limitanti il metabolismo Biomarcatori surrogati dell effetto clinico L importanza degli SNPs

76 Genomica nutrizionale o nutrigenomica Delucida le interazioni fra Nutrienti Intermedi metabolici Genoma umano Stabilisce criteri dietetici di alto valore predittivo per Prevenzione malattie Riduzione dei rischi di effetti indesiderati Modificazione di varianti genetiche Disegna regimi dietetici efficaci per la prevenzione e controllo di malattie croniche

Metilmercurio nei prodotti della pesca

Metilmercurio nei prodotti della pesca Gli attuali orientamenti della CE e di alcuni Paesi Terzi sul Metilmercurio nei prodotti della pesca per determinate categorie di persone a maggior rischio Contributi pratici Giorgio Orlandi ASL Modena

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

CONOSCI, RIDUCI, PREVIENI GLI INTERFERENTI ENDOCRINI

CONOSCI, RIDUCI, PREVIENI GLI INTERFERENTI ENDOCRINI CONOSCI, RIDUCI, PREVIENI GLI INTERFERENTI ENDOCRINI UN DECALOGO PER IL CITTADINO Presentazione del Ministro dell ambiente L interesse della comunità scientifica riguardo ai possibili effetti sulla salute

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

e i bambini? La maggior vulnerabilità dell'età pediatrica

e i bambini? La maggior vulnerabilità dell'età pediatrica e i bambini? La maggior vulnerabilità dell'età pediatrica Monica Pierattelli Pediatra di Famiglia & Federico Vassanelli 16 anni Possiamo finire così: per l età pediatrica vale tutto quello che abbiamo

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

Biomonitoraggio della popolazione italiana per l esposizione ai metalli: valori di riferimento 1990-2009

Biomonitoraggio della popolazione italiana per l esposizione ai metalli: valori di riferimento 1990-2009 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Biomonitoraggio della popolazione italiana per l esposizione ai metalli: valori di riferimento 1990-2009 Alessandro Alimonti, Beatrice Bocca, Daniela Mattei, Anna Pino Dipartimento

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

A Present for Life. hazardous chemicals in umbilical cord blood

A Present for Life. hazardous chemicals in umbilical cord blood A Present for Life hazardous chemicals in umbilical cord blood Un regalo per la vita Sostanze chimiche pericolose nel sangue del cordone ombelicale settembre 2005 Greenpeace Nederland Jollemanhof 15-17

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli