ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI GENOVA COMMISSIONE DIPENDENTI SEMINARIO DI STUDIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI GENOVA COMMISSIONE DIPENDENTI SEMINARIO DI STUDIO"

Transcript

1 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI GENOVA COMMISSIONE DIPENDENTI SEMINARIO DI STUDIO Direzione Lavori: panoramica dei principali adempimenti ing. Maurizio Francese Genova, 16 marzo

2 Sommario 1. La figura del direttore dei lavori 2. I profili di responsabilità 3. Adempimenti e obblighi del D.L. 2

3 1. La figura del D.L. Il DL è una figura centrale del processo costruttivo in quanto vengono demandate alle sue competenze tecniche e amministrative le attività di verifica della regolarità e buon andamento dei lavori nel vincolo del rispetto dei tempi e dei patti contrattuali, controllando la conformità delle opere al progetto (obiettivo: qualità, tempi e costi). Negli appalti privati vige la facoltà di nomina ex Art del Codice Civile Il committente ha diritto a controllare lo svolgimento dei lavori e di verificarne a proprie spese lo stato per cui, nel caso specifico, può prevalere la volontà contrattuale di controllo da parte del committente senza obbligo di nomina che, al contrario sussiste solo in specifiche ipotesi quali la realizzazione di strutture, l installazione di cantieri e nel caso di opere di rilevanza urbanistica. 3

4 . Gli appalti pubblici e l obbligatorietà di nomina della D.L. Legge 20 marzo 1865 e R.D. 25 maggio 1895 n. 350 (art.6 del regolamento con cui l ingegnere capo, con ordine di servizio, designava l ufficiale a cui era affidata la direzione dei lavori) Legge 109/94 e DPR 554/99 (artt. 3 e 7 definivano la ripartizione dei compiti e delle funzioni dell ingegnere capo tra RUP e D.L.) DPR 163/06 (art. 130 le Amministrazioni aggiudicatrici sono obbligate ad istituire un ufficio di D.L., salvo amministrazioni di cui all art. 32 comma 1 quanto per gli Enti aggiudicatori di cui all art settori speciali) 4

5 Il nuovo regolamento D.P.R. 207 Il prossimo 9 giugno 2011 entrerà in vigore il nuovo Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207, "Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE", a seguito della pubblicazione sul supplemento ordinario n. 270 alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre Il D.P.R. n. 207/10, che sostituirà il vigente D.P.R. n. 554/1999, racchiude in un unico e corposo articolato anche molte norme che erano disciplinate da provvedimenti specifici (come il DM 145/2000 e il DPR 34/2000): - sarà articolato in 7 parti e avrà complessivamente 359 articoli - in materia di esecuzione dei lavori, il nuovo Regolamento conferma le disposizioni del titolo IX del DPR 554 con modifiche di adeguamento all ordinamento vigente 5

6 La Direzione Lavori nel nuovo D.P.R. 207/11 Titolo VIII Capo I Art. 147 (ex art. 123) : le stazioni appaltanti, prima della gara, istituiscono un ufficio di D.L. costituito da un direttore dei lavori ed eventualmente, in relazione alla dimensione ed alla tipologia e categoria dell intervento, da uno o più assistenti con funzioni di D.O. o di I.C. È il RUP (art. 10 comma 1) che promuove l istituzione dell ufficio D.L. e verifica la sussistenza delle condizioni per un eventuale incarico esterno D.L. Art. 148 comma 2 (ex art. 124): il D.L. ha la responsabilità del coordinamento e della supervisione dell attività di tutto l ufficio della Direzione Lavori Direttore Operativo 1 Direttore Operativo 2 Ispettori di cantiere 6

7 Il direttore dei lavori Art. 148 (ex art. 124) è un organo monocratico anche se si avvale di collaboratori in quanto la funzione richiede l imputabilità a un unico individuo delle responsabilità derivanti dall esercizio della funzione stessa (Del. AVCP n. 156/04) comma 1 cura che i lavori cui è preposto siano eseguiti a regola d arte ed in conformità al progetto ed al contratto comma 2 interloquisce con l appaltatore su aspetti tecnico-economici del contratto comma 3 ha la responsabilità dell accettazione dei materiali sulla base anche del controllo qualitativo e quantitativo degli accertamenti ufficiali delle caratteristiche meccaniche comma 4 verifica la regolarità assistenziale e contributiva da parte dell appaltatore e dei subappaltatori cura l aggiornamento dei programmi di manutenzione e in più: lettera c) segnala al RUP l inosservanza di quanto previsto al comma 4 dell art. 118 del codice contratti (corresponsioni alle imprese subappaltatrici degli oneri di sicurezza senza alcun ribasso) 7

8 Art. 149 (ex art. 125): Il direttore operativo comma 1: collabora con il D.L. nella verifica di singole parti dei lavori comma 2 (principali compiti) - svolge attività di controller in tema di monitoraggio dei lavori, della qualità e dei programmi di costruzione, rilevando difformità rispetto alle previsioni progettuali e proponendo interventi correttivi - dirige lavorazioni specialistiche (ad es. strutturali, fondazionali, impiantistiche) - coordina gli ispettori (in appalti complessi). Rispetto al DPR 554/99 non c è più previsione di collaborazione nella tenuta di libri contabili ma, come detto, una previsione di affidamento di direzione di lavorazioni specialistiche. 8

9 L ispettore di cantiere Art. 150 (ex art. 126) 1. collaborano con il DL nella sorveglianza dei lavori garantendo la presenza in cantiere a tempo pieno in tutte le fasi costruttive. 2. possono svolgere le seguenti attività: -su incarico del D.L., predisposizione atti contabili ed esecuzione misurazioni -verifica documentazione accompagnamento delle forniture -assistenza alle prove di laboratorio -controllo sulla attività dei subappaltatori -assistenza ai collaudi In pratica le funzioni vengono confermate dal nuovo DPR 207 con la possibilità al punto h) di affidare loro l assistenza al CSE. 9

10 Art. 151 (ex art. 127) Sicurezza nei cantieri 1. Le funzioni del coordinatore per l'esecuzione dei lavori previsti dalla vigente normativa sulla sicurezza nei cantieri possono essere svolte dal direttore lavori, qualora sia provvisto dei requisiti previsti dalla normativa stessa. Nell'eventualità che il direttore dei lavori non svolga le funzioni di coordinatore per l'esecuzione dei lavori, le stazioni appaltanti prevedono la presenza di almeno un direttore operativo, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa, che svolga le funzioni di coordinatore per l'esecuzione dei lavori. 2. Per le funzioni del coordinatore per l'esecuzione dei lavori si applica l articolo 92, comma l, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81; il coordinatore per l'esecuzione dei lavori assicura altresì il rispetto delle disposizioni di cui all articolo 131, comma 2, del codice. 10

11 2. I profili di responsabilità del D.L. L attività di D.L. rappresenta una obbligazione di mezzi e non di risultato, volta alla messa in atto, da parte del professionista, della massima diligenza e competenza nell esecuzione del proprio incarico (articoli 1176 e 2236 del C.C.) La giurisprudenza mette altresì in evidenza un ruolo attivo in ordine alla segnalazione e prevenzione di possibili criticità durante la fase costruttiva, per cui sebbene il D.L. presti un opera professionale in esecuzione ad una obbligazione di mezzi e non di risultato, egli deve utilizzare le proprie competenze per assicurare il risultato atteso dal Committente. Il suo comportamento deve quindi essere valutato non con il normale riferimento alla diligenza, bensì alla diligenza in concreto richiesta dall attività Tuttavia, nel contratto di prestazione professionale di natura intellettuale, il conseguimento del risultato non assume carattere di essenzialità ai fini del diritto al compenso. A differenza di incarichi di progettazione, nel caso di incarichi di direzione lavori, risulterebbero pertanto illegittime eventuali clausole contrattuali che condizionino il compenso all ottenimento del risultato richiesto dalla Committenza Eventuali inadempienze contrattuali potrebbero invece essere eccepite in rapporto a violazioni degli obblighi di diligenza professionale nell espletamento delle proprie funzioni (art C.C.), fermo restando che, in caso di significative complessità lavorative, il professionista risponde dei danni solo in caso di dolo o colpa grave (art C.C.) 11

12 Responsabilità del D.L. attività mansioni livelli di responsabilità rif. normativi D.L. coordinamento controllo e verifica dell'esecuzione - contabilità art. 124 DPR 554/99 art. 130 D.Lgs. 163/06 art DPR 554/99 verifica progetto controllo completezza del progetto mancata segnalazione di errori o omissioni rilevanti art. 1176, 2236, 1662 e 1669 C.C. art. 90 D.Lgs. 163/06 conformità urbanistica verifica compatibilità con norme urbanistiche e regolamenti locali inadeguata verifica della conformità urbanistica art. 29 del DPR 380/01 verifica lavorazioni, materiali verifica e segnalazioni anomalie inadeguato controllo esecuzione e qualità materiali art. 124 DPR 554/99 art. 64 DPR 380 NTC 08 e circ. N. 617/09 artt. 1667, 1668, 1669 C.C. esecuzione delle strutture controllo esecuzione e conformità delle strutture previste a progetto mancata verifica lavori e materiali - possibili pericoli per la pubblica incolumità artt. 64, 93 e 94 DPR 380/01 varianti alle opere esecuzioni variante e iter autorizzaztivo mancata attuazione dei passaggi tecnici e amminisstrativi art. 29 del DPR380/01 art. 132 del D.Lgs 163/06 registrazioni contabili redazione SAL - registrazione lavori non eseguiti attestazione totale o parziale non veritiera sullo stato dei lavori - falso ideologico e truffa art. 479 del C.P. art. 316 e 316 bis 12

13 Profili di responsabilità civile nei confronti del Committente Sia per committenze pubbliche che private, i compiti ed i relativi profili di responsabilità rimangono immutati con la differenza del giudizio dei danni eventualmente subiti dall Amministrazione Nel caso di PPAA, le sanzioni derivano dal diretto giudizio della Corte dei Conti, ai sensi dell art. 52 del R.D. n. 1214/34, mentre per una committenza privata la competenza rimane alla magistratura ordinaria Eventuali inosservanze nella diligenza richiesta dall attività di direzione lavori, prescritta dall art del C.C., si risolvono di solito in casi di colpa lieve per cui il professionista risponde, di fatto, soltanto in caso di colpa grave e/o per dolo ai sensi dell art del C.C. 13

14 Profili di responsabilità penale Derivano dall attribuzione di pubblico ufficiale, anche quando sia esterno all Amministrazione, per cui possono configurarsi i seguenti reati: Art. 361 C.P. - per omessa o ritardata denuncia all autorità giudiziaria della notizia di reato Art. 479 C.P. falso ideologico quando abbia attestato negli atti contabili fatti non rispondenti al vero Art. 316 e 316 bis C.P. - truffa e truffa aggravata quando abbia infedelmente contabilizzato le opere facendo percepire all appaltatore un ingiusto profitto Art. 155 comma 2 gli atti contabili, redatti dal D.L., sono atti pubblici, come gli altri atti emessi dal D.L. quali i verbali di consegna lavori, i verbali di sospensione e ripresa lavori, gli ordini di servizio, il verbale di ultimazione dei lavori etc. Ai sensi dell art. 479 del C.P., deve ritenersi atto pubblico qualunque documento formato da un pubblico ufficiale nel esercizio delle sue funzioni, contenente l attestazione di fatti giuridici dei quali l atto è destinato a dare prova. 14

15 3. Adempimenti e obblighi del D.L. Verifiche progettuali preliminari definizione progettuale strutturale e impiantistica conformità contrattuale normativa conformità sicurezza e tutela ambientale Artt del DPR 380/01 e s.m.i. Art. 66 avvenuta denuncia delle opere strutturali in cantiere Supporto al RUP - fase di verifica del progetto strutturale e completezza degli elaborati grafici e delle relazioni (NTC 08, capitolo 10) se DL/progettista - preparazione documentazione per ottenimento titolo edilizio (asseverazione art. 23 DPR 380/01 e s.m.i.) certificazione di collaudo (art. 23 comma 7 DPR 380/01) 15

16 Comunicazioni/verifiche preliminari a carico D.L. Inizio lavori per opere soggette a permesso di costruire Denuncia delle opere strutturali in funzione del grado di sismicità dell area di costruzione, controfirmata dal collaudatore statico v (rammentare il deposito della relazione a strutture ultimate, completa dei certificati di prova sui materiali ed i verbali delle eventuali prove di carico, entro 60 giorni dalla data del completamento) q Verifica della denuncia dell appaltatore agli enti previdenziali, assicurativi, antinfortunistici (posizioni) Verifica acquisizione nullaosta per beni soggetti a tutela architettonica, ambientale e archeologica Legge 10/91 e s.m.i. presentazione progetto e relazione tecnica degli impianti termici D. Lgs. 285/92 D. Lgs. 360/93 D.P.R. 495/92 normativa stradale e verifica delle fasce di rispetto 16

17 Documentazione da tenere a disposizione in cantiere contratto di appalto progetto esecutivo firmato dalle parti Avvenuta denuncia opere strutturali titolo edilizio (permesso di costruire, DIA, altro titolo) Programma esecutivo dei lavori Notifica preliminare trasmessa alla ASL e Direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti Fascicolo tecnico controfirmato dal Responsabile dei lavori Copia del PSC controfirmato dal Responsabile dei lavori Copia dei POS controfirmati per approvazione dal CSE Documenti di designazione delle figure sicurezza e trasmissione di PSC e POS Dichiarazione art. 90 D. Lgs. 81/08 Certificato CCIAA appaltatore ed eventuali lavoratori autonomi Estremi denunce INPS, INAIL, cassa edile e dichiarazione contratto collettivo applicato (DURC aggiornati) Estremi denunce INPS, INAIL, cassa edile e dichiarazione contratto collettivo applicato (DURC aggiornati) Pareri Enti su vincoli beni storici, archeologici e ambientali Nulla osta VVFF Dichiarazione conformità dell impianto di messa a terra e protezione contro le scariche atmosferiche all ufficio competente Verbale di verifica periodica degli impianti Libretti dei ponteggi (calcolo, istruzioni per il carico, schemi con sovraccarico massimo Conformità CE delle macchine di cantiere Documentazione autorizzativa relativa alla i verifica dei limiti inquinamento acustico Piani di lavoro autorizzati per demolizione di materiali contenenti amianto (ASL) Eventuale dichiarazione di garanzia da bonifica di ordigni bellici (Autorità militari) 17

18 Organizzazione cantiere: supervisione del D.L. senza limitazione dell autonomia operativa dell appaltatore - ottimizzazione della logistica di cantiere, studio della viabilità e delle interferenze con la viabilità urbana - posizione dei baraccamenti, degli uffici, dei servizi e delle aree di deposito - punti di allaccio utenze - recinzione e segnaletica controlli sui lavori di scavo e fondazione: il D.L., per mezzo degli assistenti, redige rapporti giornalieri sul giornale dei lavori, prende nota delle lavorazioni eseguite riportando le quantità su brogliaccio e sui libretti delle misure controlli su materiali e strutture: - registrazione dei getti e prelievo dei campioni ai fini accettazione del cls - riprese dei getti ( linee guida per la messa in opera del calcestruzzo strutturale CSLP, Servizio Tecnico Centrale, febbraio 2008) - esecuzione prove di carico su strutture 18

19 L accettazione dei materiali da costruzione Norme di riferimento: DPR 207/10 art. 148 il D.L. ha la specifica responsabilità dell accettazione dei materiali ( omissis.) DPR 380/01 e smi DM approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni Circolare n. 617/2009 istruzioni per l applicazione delle NTC08 Accettazione dei materiali da costruzione obbligo del D.L. (11.1 NTC08) - acquisizione e verifica della documentazione di qualificazione (verificando la conformità alle prescrizioni progettuali ed alle specifichedel CSA) - prove sperimentali di accettazione (per accertare che il prodotto fornito e posto in opera sia realmente conforme) L esito positivo della verifica documentale e dei controlli sperimentali permette al D.L. di accettare lo specifico materiale. Riferimenti norme tecniche NTC 08 CLS 11.2 ACCIAIO 11.3, ACCIAIO per cemento armato ACCIAIO per cemento armato precompresso ACCIAIO per strutturemetalliche e strutturecomposte Prefabbricati in c.a e c.a.p Dispositivi antisismici 11.9 Muratura portante

20 Calcestruzzo - procedure di accettazione del D.L. (NTC08) Prima dell inizio della fornitura, il Direttore dei Lavori dovrà acquisire copia della certificazione del FPC (e la documentazione relativa alle prove di prequalifica eseguite). Successivamente, il Direttore dei Lavori è tenuto a verificare che ogni fornitura in cantiere di calcestruzzo preconfezionato sia accompagnato da documenti di trasporto che indichino gli estremi della certificazione di controllo di produzione in fabbrica e a rifiutare le eventuali forniture non conformi. Controlli di accettazione (paragrafo delle NTC): devono essere eseguiti in corso d opera, a cura del Direttore dei Lavori al momento del getto del componente strutturale per verificare, alla scadenza dei 28 giorni dal getto, la resistenza a compressione caratteristica (Rck o fck) del calcestruzzo. Il Direttore dei Lavori (o un suo tecnico di fiducia) deve procedere al prelievo dei campioni indicando in apposito verbale la data del prelievo, la posizione e le date di getto delle strutture interessate da ciascun prelievo, le sigle identificative dei provini e le rispettive resistenza caratteristiche di progetto. Il Direttore dei Lavori deve poi sottoscrivere la domanda di prove (pena la non validità del certificato) a un Laboratorio Ufficiale riconosciuto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti secondo l articolo 59 DPR n 380/2001 (paragrafo NTC), facendo esplicito riferimento ai dati riportati nel verbale di prelievo che poi dovranno comparire anche nel certificatodi prova. Le prove di resistenza meccanica debbono essere effettuate secondo le norme UNI EN e UNI EN per il confezionamento e la stagionatura dei provini e secondo la UNI EN e 4 per la determinazione della resistenza meccanica, adottando i controlli di tipo A (paragrafo NTC) o di tipo B (paragrafo NTC) obbligatorio per strutture con più di 1500 m3. 20

21 avvio dei lavori controllo avanzamento lavori disponibilità Aree visite periodiche in cantiere Verbale di consegna lavori (parziale, totale, sotto riserve di legge) Compilazione giornale dei lavori, verifica avanzamento con programma esecutivo Brogliaccio di cantiere, allegati di contabilità, redazione libretti delle misure in contraddittorio 21

22 Sospensione dei lavori Ripresa dei lavori Fine lavori e comunicazione redazione e firma del verbale di sospensione redazione e firma del verbale di ripresa Conto finale, relazione sul conto finale, certificato di fine lavori 22

23 Maturazione importo contrattuale SAL lavori non previsti a contratto, variazioni quali/quantitative Fine lavori e comunicazione firma libretto misure, registro di contabilità, sommario del registro, SAL e certificato di pagamento Redazione, firma e approvazione di perizia di variante Conto finale, relazione sul conto finale, certificato di fine lavori 23

24 L accertamento di immediata eseguibilità dell opera come detto, ai sensi dell art. 123, la Stazione Appaltante (RUP) promuove l istituzione dell ufficio di D.L. prima della gara di appalto comma 1 art. 71 del DPR l immediata cantierabilità (di fatto e di diritto) del progetto viene garantita da apposita verifica del D.L. che deve attestare l effettivo stato dei luoghi e l assenza di eventuali sopravvenuti impedimenti (quali ad esempio eventuali ostacoli all accessibilità delle aree di cantiere, le attuali condizioni del terreno e del sottosuolo etc) comma 3 art. 71 del DPR prima della stipula del contratto, il RUP redige e sottoscrive, congiuntamente all Appaltatore, un verbale di attestazione del permanere delle condizioni di cantierabilità così come accertato dal D.L. prima della gara. 24

25 La consegna dei lavori e i termini di eventuale recesso Artt DPR 554 è l operazione, articolata in atti di carattere giuridico e operazioni materiali, mediante la quale l appaltatore viene immesso in possesso dell area di cantiere e con la quale si stabilisce la decorrenza dei termini contrattuali La consegna deve avvenire entro 45 giorni dalla data di stipula del contratto o, nel caso delle Amministrazioni statali, entro 45 giorni dalla data di registrazione del decreto di approvazione alla Corte dei Conti In caso di mancata consegna per inadempienza dell appaltatore, la Stazione Appaltante può, ai sensi dell art. 129 comma 7, risolvere il contratto ed incamerare la cauzione definitiva Viceversa qualora le cause fossero imputabili all Amministrazione, ai sensi dell art. 129 comma 8, l appaltatore potrà formulare istanza di recesso con diritto al rimborso delle spese sostenute nonché un congruo prolungamento dei termini, nel caso tale istanza non fosse accolta; per cui il diritto di recesso per l appaltatore è in realtà solamente una proposta di risoluzione del contratto sottomessa alle volontà dell Amministrazione. Tuttavia, se il ritardo supera la metà del tempo contrattuale, ai sensi dell art. 129 comma 9, l Amministrazione è tenuta ad accettare la proposta di recesso Nel nuovo Regolamento, all art. 153 comma 9 del DPR 207/10, viene stabilito altresì che l amministrazione non può opporsi se è trascorsa la metà del tempo utile contrattuale o comunque sei mesi complessivi 25

26 La procedura di consegna Art. 129 comma 1 è il RUP, indicando i termini, che autorizza il D.L. alla consegna; questi procede tempestivamente, per iscritto, a convocare l appaltatore con ragionevole anticipo, indicando luogo, giorno ed ora in cui sarà effettuata l operazione di consegna (art. 129 comma 3 DPR 554/99, art. 2 del DM 145/00) Nel caso l Appaltatore non si presenti il giorno stabilito, il D.L. fissa una nuova data fermo restando che i termini di ultimazione decorrono dalla prima convocazione (art. 129 comma 7) La consegna dei lavori deve essere effettiva, per cui la Stazione Appaltante ha l obbligo di consegnare l area di cantiere libera da ostacoli e impedimenti, in modo da assicurare all appaltatore una completa disponibilità dei luoghi (attese le disposizioni ved. Art. 71 DPR 554); nel caso il D.L. ritenga conforme lo stato effettivo dei luoghi alle condizioni progettuali, inserisce nel verbale di consegna la dichiarazione di eseguibilità. Delle operazioni di consegna, da svolgersi in contraddittorio, dovrà essere redatto processo verbale (art. 130 DPR554/99), in duplice copia di cui 1 è inviata al RUP che può rilasciarne copia conforme all appaltatore, ove questi lo richieda. Nel caso previsto all art. 129 comma 10 del DPR 554/99, la sospensione della consegna per ragioni non di forza maggiore non può durare oltre 60 giorni; in questo caso nulla può pretendere l Appaltatore in sede risarcitoria se non avanzando una rischiosa istanza di recesso. 26

27 Casistica di consegna dei lavori Consegna frazionata (art. 130 comma 6) condizione essenziale è che sia espressamente stabilita nel Capitolato Speciale di Appalto Quando? Per la natura o l importanza dei lavori, la temporanea indisponibilità delle aree e/o degli immobili, allora la consegna potrà avvenire in modo frazionato mediante la redazione di distinti verbali Ai sensi del comma 6 dell art. 130 del DPR 554/99, il termine di ultimazione dell opera decorrerà a tutti gli effetti dall ultimo verbale di consegna parziale Consegna sotto riserva di legge - ai sensi dell art. 129 comma 1, i lavori, per ragioni di urgenza, i lavori possono essere consegnati subito dopo l aggiudicazione e comunque prima della stipula del contratto. Qualora l Amministrazione non voglia o non possa stipulare il contratto, l Appaltatore potrà avere diritto solamente al pagamento delle spese (valutate ai valori di mercato e non ai prezzi contrattuali) sostenute secondo quanto previsto al comma 4 dell art. 129 del DPR 554/99 27

28 STAZIONE APPALTANTE VERBALE DI CONSEGNA LAVORI (art del DPR 554/99) Oggetto: Lavori di costruzione di CONTRATTO APPALTATORE IMPORTO DEI LAVORI di cui per oneri di sicurezza DIREZIONE DEI LAVORI COORDINATORE SICUREZZA PROGETTAZIONE COORDINATORE SICUREZZA ESECUZIONE DIRETTORE DI CANTIERE Visto: - l art. 129 e l art. 130 del DPR 554/99 - la disposizione con la quale il RUP autorizza il DL alla consegna dei lavori - la nota prot. N. del con la quale il DL ha convocato l impresa per procedere alla consegna dei lavori - che l impresa ha presentato la cauzione definitiva a garanzia (art. 101 del DPR 554/99) e la polizza per danni di esecuzione e responsabilità civile verso terzi con decorrenza dalla firma del presente verbale (art. 103 del DPR 554/99) - che con verbale n. del il RUP, unitamente all appaltatore, ha verificato il permanere delle consdizioni che consentono l immediata esecuzione dei lavori, ai sensi dell art. 71 comma 3 del DPR 554/99 l anno 2011 ( ), il giorno... (...) del mese di...sono convenuti sui luoghi interessati dai lavori: Il legale rappresentante dell Appaltatore Il RUP Gli assistenti D.L. Il direttore dei lavori e quindi, alla presenza continua degli interessati, il sottoscritto direttore dei lavori..., coadiuvato da..., ha proceduto alla consegna dei lavori indicati in oggetto verificando, unitamente all Appaltatore ed in contraddittorio con questi, le immutate condizioni dei luoghi oggetto dei lavori. Inoltre, con la scorta del progetto esecutivo, in tale sede il D.L. aggiunge tutte le spiegazioni richieste dall Appaltatore disponendo gli opportuni accertamenti e tracciamenti, riscontrando in contraddittorio l assenza di persone, cose o altri elementi di impedimento al regolare svolgimento dei lavori. 28

29 IL DL ha altresì richiamato le disposizioni di cui all art. 118 del D.Lgs. 163/06 e smi e ha rammentato all Appaltatore la trasmissione, entro 5 giorni dalla consegna dei lavori e comunque prima dell inizio dei lavori: 1. La documentazione di avvenuta denuncia agli enti previdenziali, assicurativi ed antinfortunistici 2. Il programma esecutivo dei lavori sul quale si esprimerà la DL entro 10 giorni Il sig...., dell Impresa..., in qualità di Procuratore speciale, giusta procura del... n. rep.... notaio dr.... registrata a... atti pubblici il... al n.... serie..., dichiara di essere pienamente edotto di tutte le circostanze di fatto e di luogo inerenti alla esecuzione dei lavori e di tutti gli obblighi assegnati all Impresa dal Capitolato speciale di appalto e di accettare la consegna dei lavori, come sopra effettuata, senza sollevare riserva od eccezione alcuna, restando inteso che dalla data del presente verbale decorre il tempo utile per dare compiuti tutti i lavori, stabilito in giorni... con l art.... del Capitolato speciale di appalto, cosicché l ultimazione dei lavori stessi dovrà avvenire entro il... L Appaltatore si impegna a consegnare alla DL, prima dell inizio dei lavori, l elenco nominativo di tutto il personale presente in cantiere con l indicazione della ditta di appartenenza, segnalando tempestivamente eventuali variazioni. Del che si è redatto il presente verbale in doppio originale, che previa lettura e conferma viene sottoscritto come appresso.... li... L appaltatore Il Responsabile del procedimento Il Direttore dei lavori 29

30 Tempi di esecuzione del contratto Tempi contrattuali: sono definiti nel capitolato di gara e riportati nel cronoprogramma dei lavori (art. 42 del DPR 554/99), elaborato obbligatorio del progetto esecutivo (art. 35 DPR 554/99) e elemento necessario del contratto (art. 110 del DPR 554/99) È uno strumento del tutto astratto quanto invariabile ed è finalizzato all aggiornamento dei prezzi contrattuali attraverso il meccanismo del prezzo chiuso di cui all art. 133 del Codice e quindi solo per questo intento, in via meramente convenzionale, vi si stabilisce l importo dei lavori annuale. L appaltatore dovrà invece redigere, ai sensi dell art. 45 comma 10 del DPR 554/99, il programma esecutivo che dovrà rispettare in termini operativi e che riporta l ammontare presunto dell avanzamento dei lavori alle date contrattualmente stabilite per la liquidazione dei certificati di pagamento. Adempimenti del D.L.: esame del programma, eventuale accettazione (art. 190 DPR 554/99) perche assuma valenza contrattuale. Il D.L. deve garantire il regolare avanzamento dei lavori secondo il programma esecutivo approvato, segnalando prontamente eventuali ritardi al RUP 30

31 Disciplina normativa: La sospensione dei lavori v DM 145/00 - art. 24 v DPR554/99 - art. 133, 114 comma 3 (protrazione sospensione oltre 90 gg), art. 42 comma 3, art. 45 comma 10 (sospensione in relazione al programma dei lavori) q Legittimità della sospensione q i lavori possono essere sospesi dal Committente limitatamente alle sole ipotesi previste dalla legge, mentre in caso di sospensione illegittima l appaltatore potrà richiedere un ristoro calcolato secondo quanto prescritto dall art. 25 comma 2 del DM 145/00 q nel nuovo DPR20//11 art. 158 comma 8 (art. 133 DPR 554/9) nel caso di sospensioni divenute illegittime (es. varianti protratte nel tempo), diventa sufficiente l iscrizione nel verbale di ripresa q art. 141 comma 3 (art. 114 comma 3 del DPR 554/99) riduzione da 90 a 45 gg di sospensione oltre il quale la Stazione appaltante deve disporre il pagamento in acconto relativo agli importi maturati fino alla data di sospensione 31

32 Profili di legittimità e carattere di imprevedibilità Circostanze speciali (ricorrenti) l ordine di sospensione è di competenza del D.L. Avverse condizioni atmosferiche (ovvero in presenza di fatti naturali non prevedibili nel programma di esecuzione e non rientranti nell ambito delle cause di forza maggiore) Cause di forza maggiore (concetto articolato caratterizzato da tratti di imprevedibilità e inevitabilità come quelli ricorrenti tipicamente nei fenomeni naturali distruttivi quali terremoti, frane, inondazioni etc. nonché, ad esempio, negli atti impositivi della pubblica autorità) Redazione di perizia di variante (rientrano le varianti dovute a cause sopravvenute e non imputabili alla stazione appaltante art. 132 comma 1 lettere a), b) c), d) ovvero ovvero dipendenti da fatti non prevedibili al momento della stipula del contratto) Altre circostanze speciali (eventi di carattere obiettivo che impediscono l esecuzione secondo la regola dell arte) Ragioni di pubblico interesse o necessità ordine di sospensione è di competenza del RUP per oggettive esigenze pubblicistiche e sopravvenute - es. evento pubblico non prevedibile da celebrare nelle aree di cantiere) IMPREVEDIBILITA Affinché la sospensione sia legittima, non è sufficiente che l evento sia inquadrabile in una delle suddette ipotesi ma occorre che abbia il carattere di imprevedibilità ovvero per tutte quelle situazioni relativamente alle quali sia da escludere in modo obiettivo la possibilità di prefigurarsi l evento (AVCP det. N. 8/2003) 32

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ (tratto da Linee guida per la qualificazione del procedimento di Lavori Pubblici - IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Le Varianti. Le Varianti

Le Varianti. Le Varianti Le Varianti L attuale regime delle variazioni ed addizioni al contratto di appalto di lavori pubblici è stabilito dall articolo 132 del Dlgs 163/06 e dal Regolamento. Con tale norma che si vuol preservare

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO RELATORE : ING. PAOLO MOLAIONI ING. PIETRO FRATINI 1) LE ORIGINI DELLA VERIFICA DEL

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Il Termine di Esecuzione Lavori

Il Termine di Esecuzione Lavori Il Termine di Esecuzione Lavori Il carattere non essenziale del termine Di regola negli appalti di lavori pubblici il termine contrattuale di ultimazione non è essenziale (art. 1457 del cod.civ.). Come

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Il direttore dei lavori

Il direttore dei lavori UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Economia e delle Finanze PODIS Progetto Operativo Difesa del Suolo Procedure tecnico-amministrative

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO TAVOLO TECNICO DI COORDINAMENTO delle Provincie della Regione Abruzzo (L.R. n. 28/2011, art. 2, comma 4) c/o Direzione Protezione Civile e Ambiente via Salaria Antica Est 27 67100 L Aquila fax 0862.364615

Dettagli

IL COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO DELL OPERA PUBBLICA

IL COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO DELL OPERA PUBBLICA Antonio Cirafisi Oronzo Passante IL COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO DELL OPERA PUBBLICA ESECUZIONE, VERIFICHE, PROVE, CONTESTAZIONI E RISERVE AGGIORNATO CON LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA LEGGE 12 LUGLIO 2011,

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli