ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI GENOVA COMMISSIONE DIPENDENTI SEMINARIO DI STUDIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI GENOVA COMMISSIONE DIPENDENTI SEMINARIO DI STUDIO"

Transcript

1 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI GENOVA COMMISSIONE DIPENDENTI SEMINARIO DI STUDIO Direzione Lavori: panoramica dei principali adempimenti ing. Maurizio Francese Genova, 16 marzo

2 Sommario 1. La figura del direttore dei lavori 2. I profili di responsabilità 3. Adempimenti e obblighi del D.L. 2

3 1. La figura del D.L. Il DL è una figura centrale del processo costruttivo in quanto vengono demandate alle sue competenze tecniche e amministrative le attività di verifica della regolarità e buon andamento dei lavori nel vincolo del rispetto dei tempi e dei patti contrattuali, controllando la conformità delle opere al progetto (obiettivo: qualità, tempi e costi). Negli appalti privati vige la facoltà di nomina ex Art del Codice Civile Il committente ha diritto a controllare lo svolgimento dei lavori e di verificarne a proprie spese lo stato per cui, nel caso specifico, può prevalere la volontà contrattuale di controllo da parte del committente senza obbligo di nomina che, al contrario sussiste solo in specifiche ipotesi quali la realizzazione di strutture, l installazione di cantieri e nel caso di opere di rilevanza urbanistica. 3

4 . Gli appalti pubblici e l obbligatorietà di nomina della D.L. Legge 20 marzo 1865 e R.D. 25 maggio 1895 n. 350 (art.6 del regolamento con cui l ingegnere capo, con ordine di servizio, designava l ufficiale a cui era affidata la direzione dei lavori) Legge 109/94 e DPR 554/99 (artt. 3 e 7 definivano la ripartizione dei compiti e delle funzioni dell ingegnere capo tra RUP e D.L.) DPR 163/06 (art. 130 le Amministrazioni aggiudicatrici sono obbligate ad istituire un ufficio di D.L., salvo amministrazioni di cui all art. 32 comma 1 quanto per gli Enti aggiudicatori di cui all art settori speciali) 4

5 Il nuovo regolamento D.P.R. 207 Il prossimo 9 giugno 2011 entrerà in vigore il nuovo Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207, "Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE", a seguito della pubblicazione sul supplemento ordinario n. 270 alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre Il D.P.R. n. 207/10, che sostituirà il vigente D.P.R. n. 554/1999, racchiude in un unico e corposo articolato anche molte norme che erano disciplinate da provvedimenti specifici (come il DM 145/2000 e il DPR 34/2000): - sarà articolato in 7 parti e avrà complessivamente 359 articoli - in materia di esecuzione dei lavori, il nuovo Regolamento conferma le disposizioni del titolo IX del DPR 554 con modifiche di adeguamento all ordinamento vigente 5

6 La Direzione Lavori nel nuovo D.P.R. 207/11 Titolo VIII Capo I Art. 147 (ex art. 123) : le stazioni appaltanti, prima della gara, istituiscono un ufficio di D.L. costituito da un direttore dei lavori ed eventualmente, in relazione alla dimensione ed alla tipologia e categoria dell intervento, da uno o più assistenti con funzioni di D.O. o di I.C. È il RUP (art. 10 comma 1) che promuove l istituzione dell ufficio D.L. e verifica la sussistenza delle condizioni per un eventuale incarico esterno D.L. Art. 148 comma 2 (ex art. 124): il D.L. ha la responsabilità del coordinamento e della supervisione dell attività di tutto l ufficio della Direzione Lavori Direttore Operativo 1 Direttore Operativo 2 Ispettori di cantiere 6

7 Il direttore dei lavori Art. 148 (ex art. 124) è un organo monocratico anche se si avvale di collaboratori in quanto la funzione richiede l imputabilità a un unico individuo delle responsabilità derivanti dall esercizio della funzione stessa (Del. AVCP n. 156/04) comma 1 cura che i lavori cui è preposto siano eseguiti a regola d arte ed in conformità al progetto ed al contratto comma 2 interloquisce con l appaltatore su aspetti tecnico-economici del contratto comma 3 ha la responsabilità dell accettazione dei materiali sulla base anche del controllo qualitativo e quantitativo degli accertamenti ufficiali delle caratteristiche meccaniche comma 4 verifica la regolarità assistenziale e contributiva da parte dell appaltatore e dei subappaltatori cura l aggiornamento dei programmi di manutenzione e in più: lettera c) segnala al RUP l inosservanza di quanto previsto al comma 4 dell art. 118 del codice contratti (corresponsioni alle imprese subappaltatrici degli oneri di sicurezza senza alcun ribasso) 7

8 Art. 149 (ex art. 125): Il direttore operativo comma 1: collabora con il D.L. nella verifica di singole parti dei lavori comma 2 (principali compiti) - svolge attività di controller in tema di monitoraggio dei lavori, della qualità e dei programmi di costruzione, rilevando difformità rispetto alle previsioni progettuali e proponendo interventi correttivi - dirige lavorazioni specialistiche (ad es. strutturali, fondazionali, impiantistiche) - coordina gli ispettori (in appalti complessi). Rispetto al DPR 554/99 non c è più previsione di collaborazione nella tenuta di libri contabili ma, come detto, una previsione di affidamento di direzione di lavorazioni specialistiche. 8

9 L ispettore di cantiere Art. 150 (ex art. 126) 1. collaborano con il DL nella sorveglianza dei lavori garantendo la presenza in cantiere a tempo pieno in tutte le fasi costruttive. 2. possono svolgere le seguenti attività: -su incarico del D.L., predisposizione atti contabili ed esecuzione misurazioni -verifica documentazione accompagnamento delle forniture -assistenza alle prove di laboratorio -controllo sulla attività dei subappaltatori -assistenza ai collaudi In pratica le funzioni vengono confermate dal nuovo DPR 207 con la possibilità al punto h) di affidare loro l assistenza al CSE. 9

10 Art. 151 (ex art. 127) Sicurezza nei cantieri 1. Le funzioni del coordinatore per l'esecuzione dei lavori previsti dalla vigente normativa sulla sicurezza nei cantieri possono essere svolte dal direttore lavori, qualora sia provvisto dei requisiti previsti dalla normativa stessa. Nell'eventualità che il direttore dei lavori non svolga le funzioni di coordinatore per l'esecuzione dei lavori, le stazioni appaltanti prevedono la presenza di almeno un direttore operativo, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa, che svolga le funzioni di coordinatore per l'esecuzione dei lavori. 2. Per le funzioni del coordinatore per l'esecuzione dei lavori si applica l articolo 92, comma l, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81; il coordinatore per l'esecuzione dei lavori assicura altresì il rispetto delle disposizioni di cui all articolo 131, comma 2, del codice. 10

11 2. I profili di responsabilità del D.L. L attività di D.L. rappresenta una obbligazione di mezzi e non di risultato, volta alla messa in atto, da parte del professionista, della massima diligenza e competenza nell esecuzione del proprio incarico (articoli 1176 e 2236 del C.C.) La giurisprudenza mette altresì in evidenza un ruolo attivo in ordine alla segnalazione e prevenzione di possibili criticità durante la fase costruttiva, per cui sebbene il D.L. presti un opera professionale in esecuzione ad una obbligazione di mezzi e non di risultato, egli deve utilizzare le proprie competenze per assicurare il risultato atteso dal Committente. Il suo comportamento deve quindi essere valutato non con il normale riferimento alla diligenza, bensì alla diligenza in concreto richiesta dall attività Tuttavia, nel contratto di prestazione professionale di natura intellettuale, il conseguimento del risultato non assume carattere di essenzialità ai fini del diritto al compenso. A differenza di incarichi di progettazione, nel caso di incarichi di direzione lavori, risulterebbero pertanto illegittime eventuali clausole contrattuali che condizionino il compenso all ottenimento del risultato richiesto dalla Committenza Eventuali inadempienze contrattuali potrebbero invece essere eccepite in rapporto a violazioni degli obblighi di diligenza professionale nell espletamento delle proprie funzioni (art C.C.), fermo restando che, in caso di significative complessità lavorative, il professionista risponde dei danni solo in caso di dolo o colpa grave (art C.C.) 11

12 Responsabilità del D.L. attività mansioni livelli di responsabilità rif. normativi D.L. coordinamento controllo e verifica dell'esecuzione - contabilità art. 124 DPR 554/99 art. 130 D.Lgs. 163/06 art DPR 554/99 verifica progetto controllo completezza del progetto mancata segnalazione di errori o omissioni rilevanti art. 1176, 2236, 1662 e 1669 C.C. art. 90 D.Lgs. 163/06 conformità urbanistica verifica compatibilità con norme urbanistiche e regolamenti locali inadeguata verifica della conformità urbanistica art. 29 del DPR 380/01 verifica lavorazioni, materiali verifica e segnalazioni anomalie inadeguato controllo esecuzione e qualità materiali art. 124 DPR 554/99 art. 64 DPR 380 NTC 08 e circ. N. 617/09 artt. 1667, 1668, 1669 C.C. esecuzione delle strutture controllo esecuzione e conformità delle strutture previste a progetto mancata verifica lavori e materiali - possibili pericoli per la pubblica incolumità artt. 64, 93 e 94 DPR 380/01 varianti alle opere esecuzioni variante e iter autorizzaztivo mancata attuazione dei passaggi tecnici e amminisstrativi art. 29 del DPR380/01 art. 132 del D.Lgs 163/06 registrazioni contabili redazione SAL - registrazione lavori non eseguiti attestazione totale o parziale non veritiera sullo stato dei lavori - falso ideologico e truffa art. 479 del C.P. art. 316 e 316 bis 12

13 Profili di responsabilità civile nei confronti del Committente Sia per committenze pubbliche che private, i compiti ed i relativi profili di responsabilità rimangono immutati con la differenza del giudizio dei danni eventualmente subiti dall Amministrazione Nel caso di PPAA, le sanzioni derivano dal diretto giudizio della Corte dei Conti, ai sensi dell art. 52 del R.D. n. 1214/34, mentre per una committenza privata la competenza rimane alla magistratura ordinaria Eventuali inosservanze nella diligenza richiesta dall attività di direzione lavori, prescritta dall art del C.C., si risolvono di solito in casi di colpa lieve per cui il professionista risponde, di fatto, soltanto in caso di colpa grave e/o per dolo ai sensi dell art del C.C. 13

14 Profili di responsabilità penale Derivano dall attribuzione di pubblico ufficiale, anche quando sia esterno all Amministrazione, per cui possono configurarsi i seguenti reati: Art. 361 C.P. - per omessa o ritardata denuncia all autorità giudiziaria della notizia di reato Art. 479 C.P. falso ideologico quando abbia attestato negli atti contabili fatti non rispondenti al vero Art. 316 e 316 bis C.P. - truffa e truffa aggravata quando abbia infedelmente contabilizzato le opere facendo percepire all appaltatore un ingiusto profitto Art. 155 comma 2 gli atti contabili, redatti dal D.L., sono atti pubblici, come gli altri atti emessi dal D.L. quali i verbali di consegna lavori, i verbali di sospensione e ripresa lavori, gli ordini di servizio, il verbale di ultimazione dei lavori etc. Ai sensi dell art. 479 del C.P., deve ritenersi atto pubblico qualunque documento formato da un pubblico ufficiale nel esercizio delle sue funzioni, contenente l attestazione di fatti giuridici dei quali l atto è destinato a dare prova. 14

15 3. Adempimenti e obblighi del D.L. Verifiche progettuali preliminari definizione progettuale strutturale e impiantistica conformità contrattuale normativa conformità sicurezza e tutela ambientale Artt del DPR 380/01 e s.m.i. Art. 66 avvenuta denuncia delle opere strutturali in cantiere Supporto al RUP - fase di verifica del progetto strutturale e completezza degli elaborati grafici e delle relazioni (NTC 08, capitolo 10) se DL/progettista - preparazione documentazione per ottenimento titolo edilizio (asseverazione art. 23 DPR 380/01 e s.m.i.) certificazione di collaudo (art. 23 comma 7 DPR 380/01) 15

16 Comunicazioni/verifiche preliminari a carico D.L. Inizio lavori per opere soggette a permesso di costruire Denuncia delle opere strutturali in funzione del grado di sismicità dell area di costruzione, controfirmata dal collaudatore statico v (rammentare il deposito della relazione a strutture ultimate, completa dei certificati di prova sui materiali ed i verbali delle eventuali prove di carico, entro 60 giorni dalla data del completamento) q Verifica della denuncia dell appaltatore agli enti previdenziali, assicurativi, antinfortunistici (posizioni) Verifica acquisizione nullaosta per beni soggetti a tutela architettonica, ambientale e archeologica Legge 10/91 e s.m.i. presentazione progetto e relazione tecnica degli impianti termici D. Lgs. 285/92 D. Lgs. 360/93 D.P.R. 495/92 normativa stradale e verifica delle fasce di rispetto 16

17 Documentazione da tenere a disposizione in cantiere contratto di appalto progetto esecutivo firmato dalle parti Avvenuta denuncia opere strutturali titolo edilizio (permesso di costruire, DIA, altro titolo) Programma esecutivo dei lavori Notifica preliminare trasmessa alla ASL e Direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti Fascicolo tecnico controfirmato dal Responsabile dei lavori Copia del PSC controfirmato dal Responsabile dei lavori Copia dei POS controfirmati per approvazione dal CSE Documenti di designazione delle figure sicurezza e trasmissione di PSC e POS Dichiarazione art. 90 D. Lgs. 81/08 Certificato CCIAA appaltatore ed eventuali lavoratori autonomi Estremi denunce INPS, INAIL, cassa edile e dichiarazione contratto collettivo applicato (DURC aggiornati) Estremi denunce INPS, INAIL, cassa edile e dichiarazione contratto collettivo applicato (DURC aggiornati) Pareri Enti su vincoli beni storici, archeologici e ambientali Nulla osta VVFF Dichiarazione conformità dell impianto di messa a terra e protezione contro le scariche atmosferiche all ufficio competente Verbale di verifica periodica degli impianti Libretti dei ponteggi (calcolo, istruzioni per il carico, schemi con sovraccarico massimo Conformità CE delle macchine di cantiere Documentazione autorizzativa relativa alla i verifica dei limiti inquinamento acustico Piani di lavoro autorizzati per demolizione di materiali contenenti amianto (ASL) Eventuale dichiarazione di garanzia da bonifica di ordigni bellici (Autorità militari) 17

18 Organizzazione cantiere: supervisione del D.L. senza limitazione dell autonomia operativa dell appaltatore - ottimizzazione della logistica di cantiere, studio della viabilità e delle interferenze con la viabilità urbana - posizione dei baraccamenti, degli uffici, dei servizi e delle aree di deposito - punti di allaccio utenze - recinzione e segnaletica controlli sui lavori di scavo e fondazione: il D.L., per mezzo degli assistenti, redige rapporti giornalieri sul giornale dei lavori, prende nota delle lavorazioni eseguite riportando le quantità su brogliaccio e sui libretti delle misure controlli su materiali e strutture: - registrazione dei getti e prelievo dei campioni ai fini accettazione del cls - riprese dei getti ( linee guida per la messa in opera del calcestruzzo strutturale CSLP, Servizio Tecnico Centrale, febbraio 2008) - esecuzione prove di carico su strutture 18

19 L accettazione dei materiali da costruzione Norme di riferimento: DPR 207/10 art. 148 il D.L. ha la specifica responsabilità dell accettazione dei materiali ( omissis.) DPR 380/01 e smi DM approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni Circolare n. 617/2009 istruzioni per l applicazione delle NTC08 Accettazione dei materiali da costruzione obbligo del D.L. (11.1 NTC08) - acquisizione e verifica della documentazione di qualificazione (verificando la conformità alle prescrizioni progettuali ed alle specifichedel CSA) - prove sperimentali di accettazione (per accertare che il prodotto fornito e posto in opera sia realmente conforme) L esito positivo della verifica documentale e dei controlli sperimentali permette al D.L. di accettare lo specifico materiale. Riferimenti norme tecniche NTC 08 CLS 11.2 ACCIAIO 11.3, ACCIAIO per cemento armato ACCIAIO per cemento armato precompresso ACCIAIO per strutturemetalliche e strutturecomposte Prefabbricati in c.a e c.a.p Dispositivi antisismici 11.9 Muratura portante

20 Calcestruzzo - procedure di accettazione del D.L. (NTC08) Prima dell inizio della fornitura, il Direttore dei Lavori dovrà acquisire copia della certificazione del FPC (e la documentazione relativa alle prove di prequalifica eseguite). Successivamente, il Direttore dei Lavori è tenuto a verificare che ogni fornitura in cantiere di calcestruzzo preconfezionato sia accompagnato da documenti di trasporto che indichino gli estremi della certificazione di controllo di produzione in fabbrica e a rifiutare le eventuali forniture non conformi. Controlli di accettazione (paragrafo delle NTC): devono essere eseguiti in corso d opera, a cura del Direttore dei Lavori al momento del getto del componente strutturale per verificare, alla scadenza dei 28 giorni dal getto, la resistenza a compressione caratteristica (Rck o fck) del calcestruzzo. Il Direttore dei Lavori (o un suo tecnico di fiducia) deve procedere al prelievo dei campioni indicando in apposito verbale la data del prelievo, la posizione e le date di getto delle strutture interessate da ciascun prelievo, le sigle identificative dei provini e le rispettive resistenza caratteristiche di progetto. Il Direttore dei Lavori deve poi sottoscrivere la domanda di prove (pena la non validità del certificato) a un Laboratorio Ufficiale riconosciuto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti secondo l articolo 59 DPR n 380/2001 (paragrafo NTC), facendo esplicito riferimento ai dati riportati nel verbale di prelievo che poi dovranno comparire anche nel certificatodi prova. Le prove di resistenza meccanica debbono essere effettuate secondo le norme UNI EN e UNI EN per il confezionamento e la stagionatura dei provini e secondo la UNI EN e 4 per la determinazione della resistenza meccanica, adottando i controlli di tipo A (paragrafo NTC) o di tipo B (paragrafo NTC) obbligatorio per strutture con più di 1500 m3. 20

21 avvio dei lavori controllo avanzamento lavori disponibilità Aree visite periodiche in cantiere Verbale di consegna lavori (parziale, totale, sotto riserve di legge) Compilazione giornale dei lavori, verifica avanzamento con programma esecutivo Brogliaccio di cantiere, allegati di contabilità, redazione libretti delle misure in contraddittorio 21

22 Sospensione dei lavori Ripresa dei lavori Fine lavori e comunicazione redazione e firma del verbale di sospensione redazione e firma del verbale di ripresa Conto finale, relazione sul conto finale, certificato di fine lavori 22

23 Maturazione importo contrattuale SAL lavori non previsti a contratto, variazioni quali/quantitative Fine lavori e comunicazione firma libretto misure, registro di contabilità, sommario del registro, SAL e certificato di pagamento Redazione, firma e approvazione di perizia di variante Conto finale, relazione sul conto finale, certificato di fine lavori 23

24 L accertamento di immediata eseguibilità dell opera come detto, ai sensi dell art. 123, la Stazione Appaltante (RUP) promuove l istituzione dell ufficio di D.L. prima della gara di appalto comma 1 art. 71 del DPR l immediata cantierabilità (di fatto e di diritto) del progetto viene garantita da apposita verifica del D.L. che deve attestare l effettivo stato dei luoghi e l assenza di eventuali sopravvenuti impedimenti (quali ad esempio eventuali ostacoli all accessibilità delle aree di cantiere, le attuali condizioni del terreno e del sottosuolo etc) comma 3 art. 71 del DPR prima della stipula del contratto, il RUP redige e sottoscrive, congiuntamente all Appaltatore, un verbale di attestazione del permanere delle condizioni di cantierabilità così come accertato dal D.L. prima della gara. 24

25 La consegna dei lavori e i termini di eventuale recesso Artt DPR 554 è l operazione, articolata in atti di carattere giuridico e operazioni materiali, mediante la quale l appaltatore viene immesso in possesso dell area di cantiere e con la quale si stabilisce la decorrenza dei termini contrattuali La consegna deve avvenire entro 45 giorni dalla data di stipula del contratto o, nel caso delle Amministrazioni statali, entro 45 giorni dalla data di registrazione del decreto di approvazione alla Corte dei Conti In caso di mancata consegna per inadempienza dell appaltatore, la Stazione Appaltante può, ai sensi dell art. 129 comma 7, risolvere il contratto ed incamerare la cauzione definitiva Viceversa qualora le cause fossero imputabili all Amministrazione, ai sensi dell art. 129 comma 8, l appaltatore potrà formulare istanza di recesso con diritto al rimborso delle spese sostenute nonché un congruo prolungamento dei termini, nel caso tale istanza non fosse accolta; per cui il diritto di recesso per l appaltatore è in realtà solamente una proposta di risoluzione del contratto sottomessa alle volontà dell Amministrazione. Tuttavia, se il ritardo supera la metà del tempo contrattuale, ai sensi dell art. 129 comma 9, l Amministrazione è tenuta ad accettare la proposta di recesso Nel nuovo Regolamento, all art. 153 comma 9 del DPR 207/10, viene stabilito altresì che l amministrazione non può opporsi se è trascorsa la metà del tempo utile contrattuale o comunque sei mesi complessivi 25

26 La procedura di consegna Art. 129 comma 1 è il RUP, indicando i termini, che autorizza il D.L. alla consegna; questi procede tempestivamente, per iscritto, a convocare l appaltatore con ragionevole anticipo, indicando luogo, giorno ed ora in cui sarà effettuata l operazione di consegna (art. 129 comma 3 DPR 554/99, art. 2 del DM 145/00) Nel caso l Appaltatore non si presenti il giorno stabilito, il D.L. fissa una nuova data fermo restando che i termini di ultimazione decorrono dalla prima convocazione (art. 129 comma 7) La consegna dei lavori deve essere effettiva, per cui la Stazione Appaltante ha l obbligo di consegnare l area di cantiere libera da ostacoli e impedimenti, in modo da assicurare all appaltatore una completa disponibilità dei luoghi (attese le disposizioni ved. Art. 71 DPR 554); nel caso il D.L. ritenga conforme lo stato effettivo dei luoghi alle condizioni progettuali, inserisce nel verbale di consegna la dichiarazione di eseguibilità. Delle operazioni di consegna, da svolgersi in contraddittorio, dovrà essere redatto processo verbale (art. 130 DPR554/99), in duplice copia di cui 1 è inviata al RUP che può rilasciarne copia conforme all appaltatore, ove questi lo richieda. Nel caso previsto all art. 129 comma 10 del DPR 554/99, la sospensione della consegna per ragioni non di forza maggiore non può durare oltre 60 giorni; in questo caso nulla può pretendere l Appaltatore in sede risarcitoria se non avanzando una rischiosa istanza di recesso. 26

27 Casistica di consegna dei lavori Consegna frazionata (art. 130 comma 6) condizione essenziale è che sia espressamente stabilita nel Capitolato Speciale di Appalto Quando? Per la natura o l importanza dei lavori, la temporanea indisponibilità delle aree e/o degli immobili, allora la consegna potrà avvenire in modo frazionato mediante la redazione di distinti verbali Ai sensi del comma 6 dell art. 130 del DPR 554/99, il termine di ultimazione dell opera decorrerà a tutti gli effetti dall ultimo verbale di consegna parziale Consegna sotto riserva di legge - ai sensi dell art. 129 comma 1, i lavori, per ragioni di urgenza, i lavori possono essere consegnati subito dopo l aggiudicazione e comunque prima della stipula del contratto. Qualora l Amministrazione non voglia o non possa stipulare il contratto, l Appaltatore potrà avere diritto solamente al pagamento delle spese (valutate ai valori di mercato e non ai prezzi contrattuali) sostenute secondo quanto previsto al comma 4 dell art. 129 del DPR 554/99 27

28 STAZIONE APPALTANTE VERBALE DI CONSEGNA LAVORI (art del DPR 554/99) Oggetto: Lavori di costruzione di CONTRATTO APPALTATORE IMPORTO DEI LAVORI di cui per oneri di sicurezza DIREZIONE DEI LAVORI COORDINATORE SICUREZZA PROGETTAZIONE COORDINATORE SICUREZZA ESECUZIONE DIRETTORE DI CANTIERE Visto: - l art. 129 e l art. 130 del DPR 554/99 - la disposizione con la quale il RUP autorizza il DL alla consegna dei lavori - la nota prot. N. del con la quale il DL ha convocato l impresa per procedere alla consegna dei lavori - che l impresa ha presentato la cauzione definitiva a garanzia (art. 101 del DPR 554/99) e la polizza per danni di esecuzione e responsabilità civile verso terzi con decorrenza dalla firma del presente verbale (art. 103 del DPR 554/99) - che con verbale n. del il RUP, unitamente all appaltatore, ha verificato il permanere delle consdizioni che consentono l immediata esecuzione dei lavori, ai sensi dell art. 71 comma 3 del DPR 554/99 l anno 2011 ( ), il giorno... (...) del mese di...sono convenuti sui luoghi interessati dai lavori: Il legale rappresentante dell Appaltatore Il RUP Gli assistenti D.L. Il direttore dei lavori e quindi, alla presenza continua degli interessati, il sottoscritto direttore dei lavori..., coadiuvato da..., ha proceduto alla consegna dei lavori indicati in oggetto verificando, unitamente all Appaltatore ed in contraddittorio con questi, le immutate condizioni dei luoghi oggetto dei lavori. Inoltre, con la scorta del progetto esecutivo, in tale sede il D.L. aggiunge tutte le spiegazioni richieste dall Appaltatore disponendo gli opportuni accertamenti e tracciamenti, riscontrando in contraddittorio l assenza di persone, cose o altri elementi di impedimento al regolare svolgimento dei lavori. 28

29 IL DL ha altresì richiamato le disposizioni di cui all art. 118 del D.Lgs. 163/06 e smi e ha rammentato all Appaltatore la trasmissione, entro 5 giorni dalla consegna dei lavori e comunque prima dell inizio dei lavori: 1. La documentazione di avvenuta denuncia agli enti previdenziali, assicurativi ed antinfortunistici 2. Il programma esecutivo dei lavori sul quale si esprimerà la DL entro 10 giorni Il sig...., dell Impresa..., in qualità di Procuratore speciale, giusta procura del... n. rep.... notaio dr.... registrata a... atti pubblici il... al n.... serie..., dichiara di essere pienamente edotto di tutte le circostanze di fatto e di luogo inerenti alla esecuzione dei lavori e di tutti gli obblighi assegnati all Impresa dal Capitolato speciale di appalto e di accettare la consegna dei lavori, come sopra effettuata, senza sollevare riserva od eccezione alcuna, restando inteso che dalla data del presente verbale decorre il tempo utile per dare compiuti tutti i lavori, stabilito in giorni... con l art.... del Capitolato speciale di appalto, cosicché l ultimazione dei lavori stessi dovrà avvenire entro il... L Appaltatore si impegna a consegnare alla DL, prima dell inizio dei lavori, l elenco nominativo di tutto il personale presente in cantiere con l indicazione della ditta di appartenenza, segnalando tempestivamente eventuali variazioni. Del che si è redatto il presente verbale in doppio originale, che previa lettura e conferma viene sottoscritto come appresso.... li... L appaltatore Il Responsabile del procedimento Il Direttore dei lavori 29

30 Tempi di esecuzione del contratto Tempi contrattuali: sono definiti nel capitolato di gara e riportati nel cronoprogramma dei lavori (art. 42 del DPR 554/99), elaborato obbligatorio del progetto esecutivo (art. 35 DPR 554/99) e elemento necessario del contratto (art. 110 del DPR 554/99) È uno strumento del tutto astratto quanto invariabile ed è finalizzato all aggiornamento dei prezzi contrattuali attraverso il meccanismo del prezzo chiuso di cui all art. 133 del Codice e quindi solo per questo intento, in via meramente convenzionale, vi si stabilisce l importo dei lavori annuale. L appaltatore dovrà invece redigere, ai sensi dell art. 45 comma 10 del DPR 554/99, il programma esecutivo che dovrà rispettare in termini operativi e che riporta l ammontare presunto dell avanzamento dei lavori alle date contrattualmente stabilite per la liquidazione dei certificati di pagamento. Adempimenti del D.L.: esame del programma, eventuale accettazione (art. 190 DPR 554/99) perche assuma valenza contrattuale. Il D.L. deve garantire il regolare avanzamento dei lavori secondo il programma esecutivo approvato, segnalando prontamente eventuali ritardi al RUP 30

31 Disciplina normativa: La sospensione dei lavori v DM 145/00 - art. 24 v DPR554/99 - art. 133, 114 comma 3 (protrazione sospensione oltre 90 gg), art. 42 comma 3, art. 45 comma 10 (sospensione in relazione al programma dei lavori) q Legittimità della sospensione q i lavori possono essere sospesi dal Committente limitatamente alle sole ipotesi previste dalla legge, mentre in caso di sospensione illegittima l appaltatore potrà richiedere un ristoro calcolato secondo quanto prescritto dall art. 25 comma 2 del DM 145/00 q nel nuovo DPR20//11 art. 158 comma 8 (art. 133 DPR 554/9) nel caso di sospensioni divenute illegittime (es. varianti protratte nel tempo), diventa sufficiente l iscrizione nel verbale di ripresa q art. 141 comma 3 (art. 114 comma 3 del DPR 554/99) riduzione da 90 a 45 gg di sospensione oltre il quale la Stazione appaltante deve disporre il pagamento in acconto relativo agli importi maturati fino alla data di sospensione 31

32 Profili di legittimità e carattere di imprevedibilità Circostanze speciali (ricorrenti) l ordine di sospensione è di competenza del D.L. Avverse condizioni atmosferiche (ovvero in presenza di fatti naturali non prevedibili nel programma di esecuzione e non rientranti nell ambito delle cause di forza maggiore) Cause di forza maggiore (concetto articolato caratterizzato da tratti di imprevedibilità e inevitabilità come quelli ricorrenti tipicamente nei fenomeni naturali distruttivi quali terremoti, frane, inondazioni etc. nonché, ad esempio, negli atti impositivi della pubblica autorità) Redazione di perizia di variante (rientrano le varianti dovute a cause sopravvenute e non imputabili alla stazione appaltante art. 132 comma 1 lettere a), b) c), d) ovvero ovvero dipendenti da fatti non prevedibili al momento della stipula del contratto) Altre circostanze speciali (eventi di carattere obiettivo che impediscono l esecuzione secondo la regola dell arte) Ragioni di pubblico interesse o necessità ordine di sospensione è di competenza del RUP per oggettive esigenze pubblicistiche e sopravvenute - es. evento pubblico non prevedibile da celebrare nelle aree di cantiere) IMPREVEDIBILITA Affinché la sospensione sia legittima, non è sufficiente che l evento sia inquadrabile in una delle suddette ipotesi ma occorre che abbia il carattere di imprevedibilità ovvero per tutte quelle situazioni relativamente alle quali sia da escludere in modo obiettivo la possibilità di prefigurarsi l evento (AVCP det. N. 8/2003) 32

Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche

Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche Direzione dei lavori e collaudo di opere pubbliche Ing. Francesco Pecorella Evoluzione tecnologica e normativa in materia di lavori pubblici dal D.M. 29.05.1895 alla Legge Merloni (11.02.94 n. 109) 05.07.2005

Dettagli

Prof. Ing. Paolo Pizzo

Prof. Ing. Paolo Pizzo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

CORSO BREVE. Le riserve e la definizione bonaria delle controversie

CORSO BREVE. Le riserve e la definizione bonaria delle controversie Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI Progetto, approvazione, affidamento dott. ing. Orazio

Dettagli

La direzione dei lavori

La direzione dei lavori APPALTI PUBBLICI: L APPROFONDIMENTO Definizioni, compiti e responsabilità alla luce del DLgs 12 aprile, n. 163 - Codice dei Contratti La direzione dei lavori Francesco Musci * e Roberto Scaravaglione **

Dettagli

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di opere e provviste occorrenti per la realizzazione di N 1 Impianto Fotovoltaico Collegato Alla

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 85 del 12/07/2012 COMUNE DI VILLASOR P R O V I N C I A D I C A G L I A R I REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI CUI ALL ART 92 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE DI CUI ALL'ART. 18 - COMMA 1 - LEGGE 11.02.1994, N. 109

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE DI CUI ALL'ART. 18 - COMMA 1 - LEGGE 11.02.1994, N. 109 REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE DI CUI ALL'ART. 18 - COMMA 1 - LEGGE 11.02.1994, N. 109 INDICE PREMESSA 2 Capo I - Disposizioni generali 2 Art. 1.1- Oggetto del

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO INTERNO PER PROGETTAZIONE O ATTI DI PIANIFICAZIONE (Art.18, commi 1 e 2, Legge 11 febbraio 1994

Dettagli

La normativa sui Lavori Pubblici. Relatore: Ing. Stefano Boninsegna

La normativa sui Lavori Pubblici. Relatore: Ing. Stefano Boninsegna La normativa sui Lavori Pubblici Settembre 2014 Relatore: Ing. Stefano Boninsegna Il Codice degli appalti (ex Legge Merloni) Scopo: disciplina il processo attuativo che porta alla realizzazione di un opera

Dettagli

IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario. Milano, 9 giugno 2011. Ing. Luciano Brusaferro

IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario. Milano, 9 giugno 2011. Ing. Luciano Brusaferro Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 Ing. Luciano Brusaferro 1 RIFERIMENTI LEGISLATIVI Codice Contratti Pubblici D. Lgs. 12 Aprile 2006

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A

S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Allegato 5 DISCIPLINARE DI INCARICO PROFESSIONALE DI COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI EX D.LGS. 81/2008 E S.M.I. PER LE OPERE DI RIORDINO

Dettagli

PROFESSIONI dalla a alla Z VADEMECUM

PROFESSIONI dalla a alla Z VADEMECUM PROFESSIONI dalla a alla Z Renzo Busonera VADEMECUM del direttore dei lavori Aspetti tecnici, operativi e procedurali in riferimento al Codice dei contratti pubblici, NTC, e Testo Unico di sicurezza sul

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE EDILIZIE RELATIVE AD IMMOBILI CIVILI DI PROPRIETA CONDOMINIALE CONTRATTO DI APPALTO

Dettagli

Il Responsabile Unico del Procedimento e la direzione dei lavori Il ruolo di project manager svolto dal Responsabile Unico nel corso dell intero

Il Responsabile Unico del Procedimento e la direzione dei lavori Il ruolo di project manager svolto dal Responsabile Unico nel corso dell intero Il Responsabile Unico del Procedimento e la direzione dei lavori Il ruolo di project manager svolto dal Responsabile Unico nel corso dell intero Procedimento, assume in fase esecutiva una connotazione

Dettagli

Capitolo 5. LA CONSEGNA DEI LAVORI

Capitolo 5. LA CONSEGNA DEI LAVORI Capitolo 5. LA CONSEGNA DEI LAVORI 5.1- L inizio dei lavori a seguito della loro consegna all appaltatore. 5.2- Il caso della non avvenuta consegna nei termini per colpa dell appaltatore. Facoltà dell

Dettagli

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO SCHEMA DI CONTRATTO N. Rep.... LAVORI PER LA NUOVA PAVIMENTAZIONE IN CALCESTRUZZO STAMPATO COME ESISTENTE NEL CORTILE INTERNO DELLA SEDE DI PIAZZA CARDINAL FERRARI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO

Dettagli

Schema di Contratto d appalto per Lavori pubblici ai sensi del D. Lgs. 163/06 e s.s.m.

Schema di Contratto d appalto per Lavori pubblici ai sensi del D. Lgs. 163/06 e s.s.m. Schema di Contratto d appalto per Lavori pubblici ai sensi del D. Lgs. 163/06 e s.s.m. INDICE ARTICOLO 1...3 (Premesse)...3 ARTICOLO 2...3 (Oggetto dell appalto)...3 ARTICOLO 3...3 (Corrispettivo dell

Dettagli

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

L ufficio della direzione dei lavori. dott. ing. Antonino Ughettini

L ufficio della direzione dei lavori. dott. ing. Antonino Ughettini L ufficio della direzione dei lavori dott. ing. Antonino Ughettini La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento per la direzione,

Dettagli

COMUNE DI MARINA DI GIOIOSA JONICA (89046 Provincia di R.C.)

COMUNE DI MARINA DI GIOIOSA JONICA (89046 Provincia di R.C.) COMUNE DI MARINA DI GIOIOSA JONICA (89046 Provincia di R.C.) Via F.lli Rosselli 17 Tel 0964.415178 fax 0964.416743 UFFICIO LAVORI PUBBLICI DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PROGETTAZIONE

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Rep. n. CONTRATTO DI APPALTO del servizio quinquennale di assicurazione globale fabbricati relativamente agli immobili gestiti

Dettagli

FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO

FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO L Impresa con sede legale in Via n C.F. n. P. I.V.A. nella persona del legale rappresentate nato a il, in appresso per brevità denominata APPALTATORE E L Impresa

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO DEI LAVORI DI RIFACIMENTO RECINZIONE METALLICA INTERNA CAMPO DI REPUBBLICA ITALIANA

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO DEI LAVORI DI RIFACIMENTO RECINZIONE METALLICA INTERNA CAMPO DI REPUBBLICA ITALIANA SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO DEI LAVORI DI RIFACIMENTO RECINZIONE METALLICA INTERNA CAMPO DI CALCIO COMUNALE. REPUBBLICA ITALIANA L anno duemilaotto (2010) il giorno ( ) del mese di In Gonzaga, presso la

Dettagli

IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI

IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI Oggetto del collaudo Il collaudo rappresenta l atto conclusivo della realizzazione di un opera pubblica, mediante il quale viene verificato e certificato che l opera pubblica

Dettagli

COMUNE DI ARDEA. (Prov. di Roma) REP 5156 VARIANTE SUPPLETIVA IN CORSO D OPERA CONTRATTO PER I LAVORI DI RECUPERO STRUTTURA DISMESSA

COMUNE DI ARDEA. (Prov. di Roma) REP 5156 VARIANTE SUPPLETIVA IN CORSO D OPERA CONTRATTO PER I LAVORI DI RECUPERO STRUTTURA DISMESSA COMUNE DI ARDEA (Prov. di Roma) REP 5156 VARIANTE SUPPLETIVA IN CORSO D OPERA CONTRATTO PER I LAVORI DI RECUPERO STRUTTURA DISMESSA VECCHIO DEPURATORE PER REALIZZAZIONE PRESIDIO ASL. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI CUP : E47H08000780002 CIG : 5820909E0D

CAPITOLATO D ONERI CUP : E47H08000780002 CIG : 5820909E0D CAPITOLATO D ONERI affidamento del servizio di direzione lavori, misurazione e contabilità, assistenza al collaudo, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori di realizzazione del LAVORI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Dott., Ufficiale Rogante. per La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze con sede in Piazza

Dott., Ufficiale Rogante. per La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze con sede in Piazza 1 CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemila il del mese di, in Firenze nella sede della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, dinanzi a me Dott., Ufficiale Rogante delegato alla stipulazione

Dettagli

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002

Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002 Risoluzione n. 97/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 marzo 2002 Oggetto: Interpello./2001 Articolo11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Ministero della Difesa Direzione generale del Demanio

Dettagli

La realizzazione dei lavori

La realizzazione dei lavori 131 Nel caso di lavori da aggiudicare con il criterio del prezzo più basso, di importo pari o inferiore alla soglia comunitaria, se il bando prevede l esclusione automatica delle offerte anomale e il numero

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO

AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO AZIENDA TERRITORIALE DI EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA CONTRATTO DI APPALTO mediante scrittura privata per l affidamento del servizio triennale di brokeraggio assicurativo a favore dell

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI CONTRATTO tra il Sig... codice fiscale... residente in... proprietario di (*)...di cui dispone dei libero uso, sito in... e il Sig... residente in... nella qualifica di... dell impresa... codice fiscale...

Dettagli

A.V.T. s.p.a. AZIENDA VARESINA TRASPORTI

A.V.T. s.p.a. AZIENDA VARESINA TRASPORTI A.V.T. s.p.a. AZIENDA VARESINA TRASPORTI SCHEMA DI DISCIPLINARE D' INCARICO PER I SERVIZI DI PROGETTAZIONE PRELIMINARE, DEFINITIVA, ESECUTIVA, COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E DI

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza Rep. N. in data Contratto di appalto per lavori relativi ad interventi di adeguamento alle norme di prevenzione incendi e potenziamento uscite di sicurezza della

Dettagli

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI RIMINI

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI RIMINI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI RIMINI L'anno 201_ ( ) il giorno del mese di TRA Anthea S.r.l. via della Lontra 30, 47923 (RN), di seguito per brevità

Dettagli

Le riserve nell esecuzione dei lavori pubblici

Le riserve nell esecuzione dei lavori pubblici Diesse Electra Spa Via Industriale, 42 25016 - Ghedi (BS) Assopadana C.l.a.a.i. Via Lecco, 5 25125 - Brescia Le riserve nell esecuzione dei lavori pubblici Ghedi febbraio Marzo 2011 Premesse Diverse forme

Dettagli

Appalti pubblici di lavori e di servizi. Progettazione e DL

Appalti pubblici di lavori e di servizi. Progettazione e DL Appalti pubblici di lavori e di servizi. Progettazione e DL Normativa, procedure, soggetti e fasi di realizzazione di un opera pubblica: il ruolo dell architetto progettista e direttore dei lavori Obiettivi

Dettagli

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ. Regolamento degli incentivi per la progettazione e la gestione interna di lavori pubblici e strumenti urbanistici (Approvato con deliberazione n. 3/GM del 5.1.2012) PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

Le varianti in corso d opera negli appalti di lavori pubblici. competenze

Le varianti in corso d opera negli appalti di lavori pubblici. competenze Le varianti in corso d opera negli appalti di lavori pubblici Presupposti, procedure e competenze Castelgomberto 7 dicembre 2012 Roberto Travaglini Confindustria Vicenza Art. 114 D. Lgs. 163/2006 (Varianti

Dettagli

DPR n.207/ 2010 Regolamento di esecuzione e attuazione del codice dei contratti pubblici Le principali novità in materia di esecuzione lavori

DPR n.207/ 2010 Regolamento di esecuzione e attuazione del codice dei contratti pubblici Le principali novità in materia di esecuzione lavori Etica Pubblica nel Sud: migliorare la performance, accrescere la trasparenza attraverso le nuove tecnologie DPR n.207/ 2010 Regolamento di esecuzione e attuazione del codice dei contratti pubblici Le principali

Dettagli

CONTRATTO APPALTO LAVORI EDILI PRIVATI

CONTRATTO APPALTO LAVORI EDILI PRIVATI Ai Termini di legge Ristruttura Semplice si riserva tutti i diritti sul presente modello con divieto di riproduzione senza autorizzazione Via Mons. Razzoli 84-54028 - Villafranca in Lunigiana (MS) Tel.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Regione Lazio NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE D.Lgs. 81/08: PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER I COMMITTENTI DI OPERE EDILI Azienda

Dettagli

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO A l l e g a t o C C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO Capitolato d oneri per l aggiudicazione del servizio di brokeraggio

Dettagli

RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE

RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (art. 200 del Regolamento di cui al D.P.R. 5 ottobre 2010 n. 207) LAVORI:... IMPRESA:... CONTRATTO:... ISTITUTO SCOLASTICO... (Provincia

Dettagli

L anno.. addì. del mese di.. nella Residenza Municipale, TRA

L anno.. addì. del mese di.. nella Residenza Municipale, TRA Repertorio n SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: incarico per la Direzione dei Lavori, misure e contabilità, Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, per prestazione inerente i lavori di difesa

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA GROTTE

COMUNE DI CASTELLANA GROTTE COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari SETTORE VI LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE N. 44 del 07/04/2015 Raccolta Ufficiale N. 381 Del 25/05/2015 OGGETTO: Realizzazione di un ascensore all immobile

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO Provincia Regionale di Catania Ufficio Provveditorato-Economato (codice fiscale 00397470873) SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ART.

Dettagli

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L.

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. Convegno APPALTO INTEGRATO, PROJECT FINANCING, DIALOGO COMPETITIVO, RUOLO DEL RUP: L evoluzione della normativa sugli appalti pubblici e il punto

Dettagli

Evoluzione del settore delle costruzioni

Evoluzione del settore delle costruzioni Il Progetto normativo Evoluzione del settore delle costruzioni Nell ultimo ventennio profonde mutazioni della struttura del processo edilizio dovute a: evoluzione del quadro normativo (naz. ed intern.)

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO INCARICO DI ESPLETAMENTO DEGLI ADEMPIMENTI OBBLIGATORI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL PERSONALE E DEI COLLABORATORI PER IL PERIODO 1/1/2012-31/12/2013 CIG Z990278489 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 -

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

CONTABILITA DEI LAVORI

CONTABILITA DEI LAVORI CONTABILITA DEI LAVORI E un attività che viene svolta, nel processo di realizzazione di ogni opera, in due fasi ben distinte e con due diverse finalità: In fase preventiva: all atto della redazione del

Dettagli

Approvato con deliberazione di G.C. n. 4 del 07/01/2015

Approvato con deliberazione di G.C. n. 4 del 07/01/2015 Approvato con deliberazione di G.C. n. 4 del 07/01/2015 Regolamento comunale recante norme per la ripartizione del fondo per la progettazione e l innovazione di cui all'art. 93, comma 7 bis e ss., del

Dettagli

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Obblighieadempimenti TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Il Committente Privato in edilizia obblighi ed adempimenti Il Committente Privato è il soggetto fondamentale per garantire regolarità

Dettagli

R E L A Z I O N E Con le deliberazioni di G.C. n. 366 dell 11/3/92, n. 1397 del 4/8/92, n. 1390 dell 1/9/93, esecutive a sensi di legge, era stato

R E L A Z I O N E Con le deliberazioni di G.C. n. 366 dell 11/3/92, n. 1397 del 4/8/92, n. 1390 dell 1/9/93, esecutive a sensi di legge, era stato R E L A Z I O N E Con le deliberazioni di G.C. n. 366 dell 11/3/92, n. 1397 del 4/8/92, n. 1390 dell 1/9/93, esecutive a sensi di legge, era stato approvato, cosiccome aggiornato, il progetto esecutivo

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO TRA. la società AFC Torino SpA con sede legale in Torino, Corso Peschiera n. 193,

SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO TRA. la società AFC Torino SpA con sede legale in Torino, Corso Peschiera n. 193, SCHEMA DI CONTRATTO DI APPALTO TRA la società AFC Torino SpA con sede legale in Torino, Corso Peschiera n. 193, codice fiscale e Partita IVA 07019070015, in persona del suo legale rappresentante, nato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA DI BRINDISI C O N T R A T T O FORNITURA E POSA IN OPERA DI BARRIERA METALLICA DEL TIPO

REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA DI BRINDISI C O N T R A T T O FORNITURA E POSA IN OPERA DI BARRIERA METALLICA DEL TIPO REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA DI BRINDISI C O N T R A T T O FORNITURA E POSA IN OPERA DI BARRIERA METALLICA DEL TIPO GUARD-RAIL ANNO 2009 - CUP: I57H09000540003 - CIG: 3328390251. REP. N. =========================================

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 30 NOVEMBRE 2011 D.R. REP. 187/11 PROT. 4678 DEL 01 MARZO 2011 STRUTTURA COMPETENTE RIPARTIZIONE SERVIZIO TECNICO ENTRATA IN VIGORE 1 MARZO 2011 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

Dettagli

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia.

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei lavori in economia Sono eseguiti in economia, nel rispetto delle norme contenute nel presente regolamento, e con riferimento

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART.

SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART. GARA EUROPEA PER LA FORNITURA DI SUTURATRICI MECCANICHE PER CHIRURGIA APERTA E SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART. 3 COMMA 1 lettera a) L.R. 19/2007 CAPITOLATO

Dettagli

EPAP ENTE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PLURICATEGORIALE. COD. FISC. 97149120582 VIA DEL TRITONE 169 00187 ROMA - Tel. 06/6964530 - fax 06/6964555

EPAP ENTE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PLURICATEGORIALE. COD. FISC. 97149120582 VIA DEL TRITONE 169 00187 ROMA - Tel. 06/6964530 - fax 06/6964555 EPAP ENTE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PLURICATEGORIALE COD. FISC. 97149120582 VIA DEL TRITONE 169 00187 ROMA - Tel. 06/6964530 - fax 06/6964555 Ufficio Economato e Logistica BANDO DI GARA mediante procedura

Dettagli

ALLEGATO 1. Affidamento del servizio di smaltimento rifiuti CIG [ZF811840FE] Capitolato tecnico

ALLEGATO 1. Affidamento del servizio di smaltimento rifiuti CIG [ZF811840FE] Capitolato tecnico ALLEGATO 1 Affidamento del servizio di smaltimento rifiuti CIG [ZF811840FE] Capitolato tecnico Art. 1 (Ambito applicativo) Il presente documento ha valore di disciplina generale ed è a corredo dell offerta

Dettagli

COMUNE DI CHIOPRIS VISCONE

COMUNE DI CHIOPRIS VISCONE COMUNE DI CHIOPRIS VISCONE Provincia di Udine AREA TECNICA AMMINISTRATIVA BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA" CUP I51B07000100002 - CIG 01633608ED ---------------------------------------------- OGGETTO:

Dettagli

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino ART.1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il Comune di San

Dettagli

ISTITUTO DEI CIECHI FRANCESCO CAVAZZA Via Castiglione n. 71 40124 Bologna E-mail: istituto@cavazza.it P.E.C.: istitutocavazza@pec.

ISTITUTO DEI CIECHI FRANCESCO CAVAZZA Via Castiglione n. 71 40124 Bologna E-mail: istituto@cavazza.it P.E.C.: istitutocavazza@pec. ISTITUTO DEI CIECHI FRANCESCO CAVAZZA Via Castiglione n. 71 40124 Bologna E-mail: istituto@cavazza.it P.E.C.: istitutocavazza@pec.it BANDO DI GARA PER APPALTO INTEGRATO PER LA RISTRUTTURAZIONE COMPRENSIVA

Dettagli

COMUNE DI CADEO. Provincia di Piacenza Via Emilia n. 149 29010 Roveleto di Cadeo

COMUNE DI CADEO. Provincia di Piacenza Via Emilia n. 149 29010 Roveleto di Cadeo 1 COMUNE DI CADEO Provincia di Piacenza Via Emilia n. 149 29010 Roveleto di Cadeo (schema tipo)(*) DISCIPLINARE D INCARICO PROFESSIONALE ATTINENTE LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA per la realizzazione

Dettagli

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica 14 Ottobre 2009 T.U. SALUTE E SICUREZZA (D.LGS. 81/2008): prime analisi e commenti

Dettagli

CONTRATTO DI APPALTO DI LAVORI Tra le seguenti parti: - "FARNESIANA CONSORZIO COOPERATIVO, con sede legale in Piacenza, Largo Erfurt, n. 7, C.F.

CONTRATTO DI APPALTO DI LAVORI Tra le seguenti parti: - FARNESIANA CONSORZIO COOPERATIVO, con sede legale in Piacenza, Largo Erfurt, n. 7, C.F. CONTRATTO DI APPALTO DI LAVORI Tra le seguenti parti: - "FARNESIANA CONSORZIO COOPERATIVO, con sede legale in Piacenza, Largo Erfurt, n. 7, C.F. e Partita IVA n. 01586500330, in persona (del Presidente

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato U.O. Economato SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER IL COMUNE DI RIMINI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il Responsabile (Dott.

Dettagli

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce)

Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Unione dei Comuni del Nord Salento (Provincia di Lecce) Città di Campi Salentina di Guagnano di Novoli di Surbo di Trepuzzi REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA (ART. 33

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari Allo Sportello Unico Edilizia Privata del Comune di Pula C.so Vittorio Emanuele n. 28 09010 Pula (CA) OGGETTO: DENUNCIA DI INIZIO DELL ATTIVITA, ai sensi degli articoli 2, 3 e 4 della Legge Regionale 23

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO. (Provincia di Roma)

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO. (Provincia di Roma) Repertorio n. REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TREVIGNANO ROMANO (Provincia di Roma) CONTRATTO D APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SOCIALE E DOMICILIARE DESTINATO AI MINORI, DISABILI, ANZIANI RESIDENTI NEL

Dettagli

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO AFFIDAMENTO Servizio di somministrazione lavoro temporaneo Capitolato prestazionale - Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art.

Dettagli

C O M U N E D I P R A T O REPERTORIO N. APPALTO DEI LAVORI DI: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA DEL MERCATO NUOVO A PRATO. REPUBBLICA ITALIANA L anno. (.

C O M U N E D I P R A T O REPERTORIO N. APPALTO DEI LAVORI DI: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA DEL MERCATO NUOVO A PRATO. REPUBBLICA ITALIANA L anno. (. C O M U N E D I P R A T O REPERTORIO N. APPALTO DEI LAVORI DI: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA DEL MERCATO NUOVO A PRATO. REPUBBLICA ITALIANA L anno. (.) e questo giorno del mese di.. in Prato, in una sala

Dettagli

COMUNE DI ACCADIA. (Provincia di Foggia)

COMUNE DI ACCADIA. (Provincia di Foggia) COMUNE DI ACCADIA (Provincia di Foggia) PROGETTO PER LA DOTAZIONE DI IMPIANTO DI VODEOSORVEGLIANZA E FORNITURE ARREDI PER GLI IMMOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE DENOMINATI "CASONE PADULI" E "CASONE DIFESA".

Dettagli

Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE)

Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE) UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE) 0835 587327 Fax 0835 581208 Capitolato

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

AUTORITÀ PORTUALE DI TRIESTE

AUTORITÀ PORTUALE DI TRIESTE AUTORITÀ PORTUALE DI TRIESTE CAPITOLATO D ONERI OGGETTO: Progetto APT n. 1784 Affidamento dell incarico professionale per l assistenza al direttore dei lavori, la misura e la contabilità, il coordinamento

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale di consulenza

Dettagli

Procedura per gli ordini relativi a lavori, forniture e servizi

Procedura per gli ordini relativi a lavori, forniture e servizi Procedura per gli ordini relativi a lavori, forniture e servizi Aggiornamento: 30 settembre 2013 le parte modificate rispetto alla precedente versione della procedura vengono evidenziate 1) Per tutti gli

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Servizio Lavori Pubblici Difesa del Suolo Assetto del Territorio

PROVINCIA DI SIENA Servizio Lavori Pubblici Difesa del Suolo Assetto del Territorio PROVINCIA DI SIENA Servizio Lavori Pubblici Difesa del Suolo Assetto del Territorio Provincia di Siena (C.F. 80001130527 P.I. 00166340521) Ing. Federico Cometti P.I. 01731850515 con sede in Bucine ( Arezzo)

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA GROTTE

COMUNE DI CASTELLANA GROTTE COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari SETTORE VI LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE N. 29 del 10/03/2015 Raccolta Ufficiale N. 285 Del 21/04/2015 OGGETTO: Realizzazione di un ascensore all immobile

Dettagli

DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI

DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI FINANZIATO DALL U.P.I. ALL INTERNO DEL PROGRAMMA AZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli