LEGGE REGIONALE 23 GENNAIO 1998, N. 7 REGOLAMENTO DI SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGGE REGIONALE 23 GENNAIO 1998, N. 7 REGOLAMENTO DI SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.)"

Transcript

1 PROVINCIA DI LIVORNO LEGGE REGIONALE 23 GENNAIO 1998, N. 7 REGOLAMENTO DI SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.) Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 753/ Modificato ed integrato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 116/ In vigore dal maggio 1998 (Le modifiche ed integrazioni sono evidenziate con il carattere grassetto)

2 SOMMARIO Articolo 1 Finalità 3 Articolo 2 Ambito del servizio 3 Articolo. 3 Inquadramento ed organizzazione delle GAV 3 Articolo 4 Ufficio delle G.A.V. 3 Articolo 5 Comando delle G.A.V. 4 Articolo 6 Raggruppamenti territoriali 4 Articolo 7 Indirizzi operativi e direttive 4 Articolo 8 Copertura assicurativa e tutela giuridica delle GAV 5 Articolo 9 Uniforme e contrassegni delle GAV 5 Articolo 10 Tesserino G.A.V. 6 Articolo 11 Uniforme G.A.V. 6 Articolo 12 Il foglio di servizio delle GAV 7 Articolo 13 Denunce penali e relazioni di servizio delle GAV 7 Articolo 14 Mezzi in dotazione alle GAV Uso e Conservazione 8 Articolo 15 Emergenze Ambientali e Protezione Civile 9 Articolo 16 Finanziamenti 9 2

3 Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento disciplina l espletamento del servizio di vigilanza ambientale di cui all art. 14, comma 1, lett. A) della Legge , n. 142, mediante l impiego del Corpo di Polizia Provinciale integrato dall attività delle Guardie Ambientali Volontarie, secondo la normativa introdotta nell ordinamento con L.R , n. 7. Articolo 2 Ambito del servizio Il servizio è svolto nell ambito territoriale della provincia per favorire e garantire l applicazione delle normative in materia di protezione dell ambiente terrestre, marino (e lacustre), della flora e della fauna, anche in riferimento alla tutela degli animali di affezione; esso è escluso, per specifiche funzioni e competenze, previste dalla Legge (art. 4, comma 3) in quelle parti del territorio provinciale, nel quale sono competenti gli Enti parchi regionali. Articolo. 3 Inquadramento ed organizzazione delle GAV La Provincia provvede a stipulare apposite convenzioni con le Associazioni di protezione ambientali che operano nell ambito della tutela della natura e, tramite la Polizia Provinciale, ad effettuare un censimento dei gruppi già organizzati, nell ambito del volontariato, impegnati in attività di protezione e di vigilanza dell ambiente, della tutela della fauna e della flora, negli ambiti terrestri, marini, lacustri e fluviali. Provvede inoltre a raccogliere le istanze di singoli cittadini già in possesso della qualifica di guardia volontaria ai sensi delle leggi sulla caccia e sulla pesca che intendono aderire alle GAV. La Provincia provvede, con atto a parte, a modificare ed integrare il regolamento del corpo di Polizia Provinciale con norme che consentano la piena integrazione del servizio delle GAV con quello svolto dagli appartenenti al corpo, in ottemperanza a quanto disposto dall art. 4, comma 2, lett. C) L.R. 7/98. L organizzazione del servizio delle GAV si articola in due momenti distinti ma integrati tra loro: a) Servizi svolti da GAV organizzati in gruppi e appartenenti ad associazioni che opereranno in convenzione di seguito denominate GAV Convenzionate. b) Servizi svolti da GAV direttamente organizzati dalla Polizia Provinciale di seguito denominate GAV Coordinate. Articolo 4 Ufficio delle G.A.V. Presso il Comando di Polizia Provinciale, è costituito l ufficio del Servizio di Guardie Ambientali Volontarie affidato alla direzione di un ufficiale del corpo responsabile di servizio organizzativo semplice. 3

4 Lo status di G.A.V. si acquisisce nei modi di cui all art. 2 della L.R. 7/98, mediante automatica iscrizione in apposito registro, tenuto dall ufficiale predetto, a seguito di nomina a G.A.V., rilasciata dal Dirigente della competente struttura organizzativa della Provincia unitamente al tesserino di riconoscimento. Articolo 5 Comando delle G.A.V. La Provincia provvede ad affidare l incarico di comando delle GAV ad un ufficiale della Polizia Provinciale, provvede inoltre a nominare un responsabile tra i volontari GAV coordinati, valutando ai fini dell attribuzione dell incarico prioritariamente, i titoli ed il rendimento ottenuto ai corsi di formazione ed aggiornamento svolti. Per la nomina del responsabile GAV coordinate, la Provincia acquisisce il parere del Comando della P.P. Il Dirigente del Settore su proposta del comando, provvede alla nomina di GAV coordinate capogruppo in ragione di uno ogni 5 operatori. Nel proporre i nominativi deve essere tenuto conto dello stato di servizio nonché del rendimento ai corsi di formazione e di aggiornamento di coloro che si candidano al ruolo di capogruppo. Articolo 6 Raggruppamenti territoriali Il servizio è organizzato secondo i seguenti raggruppamenti territoriali costituiti in conformità con la struttura decentrata della Polizia Provinciale. 1) Distaccamento Nord, comprende i comuni di Livorno; Collesalvetti; Rosignano; Capraia. 2) Distaccamento Centro, comprende i comuni di Cecina; Bibbona; Castagneto; Sassetta. 3) - Distaccamento Sud, comprende i comuni di Piombino; San Vincenzo; Campiglia; Suvereto. 4) Distaccamento Elba, comprendente i comuni di Portoferraio; Marciana; Marciana Marina; Campo nell Elba; Rio Elba; Rio Marina; Porto Azzurro; Capoliveri. 5) Distaccamento speciale per i problemi inerenti la tutela del mare, nelle acque prospicienti il territorio della provincia, dei fiumi e dei laghi con base a Livorno. Articolo 7 Indirizzi operativi e direttive La Giunta Provinciale fissa gli obbiettivi in merito ai campi di intervento della Polizia Provinciale e stabilisce nel contempo le priorità operative. L impiego delle GAV deve essere indirizzato al raggiungimento degli obbiettivi fissati. Il Dirigente del Settore competente esercita il controllo dell operato della Polizia Provinciale e sull impiego delle GAV. L Ufficiale responsabile del comando delle GAV riferisce al Dirigente, con relazione trimestrale circa i risultati del servizio, in relazione alle direttive ricevute. 4

5 Presso l ufficio GAV del comando ha sede il Comitato di coordinamento provinciale delle GAV; esso è costituito dai responsabili GAV dei distaccamenti territoriali, dai responsabili delle GAV coordinate, nonché da rappresentanti delle GAV convenzionate ed è presieduto dall ufficiale della P.P. incaricato del comando delle GAV. Compito del Coordinamento Provinciale è quello di formulare proposte operative tese al raggiungimento degli obbiettivi indicati dalla Giunta Provinciale, nonché quello di aggiornarsi sulle leggi al fine di migliorarne la conoscenza e diffonderla agli operatori GAV. Il Comitato di coordinamento dovrà provvedere a produrre materiale didattico, atto a diffondere la conoscenza della legislazione ambientale da utilizzare, in ambiti scolastici dei vari ordini e gradi della Provincia. Per tali produzioni, il comitato potrà avvalersi degli strumenti informatici e degli altri mezzi tecnici messi a disposizione della Provincia. La diffusione del materiale didattico prodotto potrà avvenire anche attraverso la rete telematica Internet, od altri mezzi di diffusione individuati dalla Provincia. La Provincia attiva un numero verde presso il comando P.P. Articolo 8 Copertura assicurativa e tutela giuridica delle GAV La Provincia provvede a fornire alle GAV idonea copertura assicurativa per infortuni, responsabilità civile verso terzi ed assistenza legale connessa con l attività di servizio. Articolo 9 Uniforme e contrassegni delle GAV La Provincia provvede alla fornitura dell uniforme alle GAV coordinate: essa si compone di una tuta da campagna (giacca più due pantaloni); due berretti di cui uno in pelle dello stesso colore della tuta, con ricamato in giallo sul fronte la scritta Provincia di Livorno G.A.V. ; un paio di stivali anfibi, una cintura, un cinturone, due maglioni e due magliette estive. Le GAV coordinate portano sull uniforme i seguenti segnali distintivi: a) il coordinatore provinciale: sulla spallina della tuta e sul pettorale anteriore sinistro della giacca tre stelle a otto punte; b) - i vice coordinatori sulla spallina della tuta o sul pettorale sinistro della giacca n. 2 stelle a otto punte; - Il capogruppo responsabile del distaccamento territoriale: sulla spallina della tuta e sul pettorale anteriore sinistro della giacca n. 1 stella a otto punte ; c) le GAV con anzianità di servizio di almeno cinque anni portano sulle spalline dell uniforme due barre rosse; se con anzianità di servizio di tre anni, una barra rossa. 5

6 d) Le GAV coordinate portano sulla manica destra dell uniforme il simbolo della protezione civile e sulla spalla sinistra il simbolo della Provincia di Livorno con la scritta Provincia di Livorno GAV. Le GAV convenzionate, operanti in gruppi appartenenti alle associazioni, portano sulla spalla sinistra il simbolo della associazione ambientale cui appartengono. Le mostrine delle GAV sono composte dello stemma della Regione Toscana su sfondo verde bordato d oro. Articolo 10 Tesserino G.A.V. Le GAV coordinate sono dotate di apposito tesserino di riconoscimento analogo a quello della P.P. e predisposto dalla Provincia recante la scritta Provincia di Livorno GAV indicante le generalità e la qualifica di Pubblico Ufficiale attestante i poteri di accertamento previsti dall art. 13 della L. 689/81. Le GAV convenzionate sono dotate di apposito tesserino come da modello regionale. L acquisizione dello status di G.A.V. provinciale nei di cui all art. 2 della L.R. n. 7/98, comporta l osservanza degli obblighi previsti dalla L.R. 7/98, dal presente regolamento e dalle disposizioni generali impartite dall Amministrazione Provinciale. Articolo 11 Uniforme G.A.V. Le G.A.V., durante il servizio, indossano l uniforme prescritta dal presente regolamento; non è consentito indossare vestiario visibile che possa modificare sostanzialmente l uniforme; nel momento in cui procedono al controllo dei cittadini hanno l obbligo di qualificarsi, mostrando il tesserino di riconoscimento. Tale comportamento deve essere rispettato anche se in uniforme. In casi eccezionali e per risolvere situazioni particolari, quando direttamente disposto da un ufficiale della P.P., le GAV possono operare in abiti civili. Tali operazioni devono risultare nel foglio di servizio, e devono essere sottoscritti dall ufficiale della P.P. che lo dispone. E vietato portare l uniforme fuori dall orario di servizio, salvo che per cerimonie o riunioni ufficiali; in tal caso le GAV sono considerate in attività a tutti gli effetti. L uniforme delle GAV coordinate resta di proprietà della Provincia, questa deve essere riconsegnata alla stessa qualora la GAV coordinata cessi dal servizio per qualsiasi motivo. Le GAV coordinate sono tenute a conservare in buono stato l uniforme e la dotazione assegnatagli. I coordinatori sono tenuti a vigilare sul decoro e sulla tenuta delle uniformi riferendo all ufficiale coordinatore della P.P. ogni inadempienza. 6

7 Articolo 12 Il foglio di servizio delle GAV Il servizio delle GAV coordinate è preventivamente determinato dall ufficiale della P.P. addetto al coordinamento; esso ha cadenza settimanale. I gruppi facenti capo ai distaccamenti territoriali formano il foglio di servizio nelle sedi dei distaccamenti, coordinandosi con i servizi della P.P. Per il distaccamento speciale a tutela delle acque il servizio viene compilato presso il distaccamento di Livorno. Per fini di cui sopra le GAV coordinate comunicano preventivamente all ufficio GAV presso il comando la loro disponibilità settimanale. Le associazioni trasmettono preventivamente la disponibilità delle GAV loro iscritte all ufficio GAV. L ordine di servizio deve essere rispettato, tenendo presente che eventuali fatti accaduti al di fuori di esso, salvo casi imprevedibili e contingenti, da segnalare tempestivamente alla P.P., verranno considerati come fatti estranei al servizio. Di ogni eventuale variazione dell ordine di servizio, deve essere compilato apposito modulo sottoscritto dall ufficiale od agente della P.P. e conservato agli atti del comando. Articolo 13 Denunce penali e relazioni di servizio delle GAV La Provincia provvede a fornire a tutte le GAV i blocchetti (predisposti) per i verbali, questi saranno autocalcanti e numerati. Provvede inoltre a fornire tutto il materiale cartaceo necessario per il servizio. Le GAV saranno responsabili della conservazione e dell uso di detto materiale. Gli originali dei verbali contestati devono essere consegnati al distaccamento o al comando della P.P. senza ritardo; di tale consegna viene preso nota in apposito registro tenuto a cura dell ufficiale della P.P. addetto, la nota sul registro deve essere controfirmata da almeno uno dei verbalizzati. Nel caso in cui le GAV operino sequestri ai sensi dell art. 13 della L. 689/81, le cose sequestrate dovranno essere consegnate al distaccamento di P.P. competente per territorio. L ufficiale responsabile o l agente delegato provvede a rilasciare ricevuta mediante timbratura sulla copia del verbale di sequestro. Le GAV operanti presso le associazioni possono tenere un loro archivio di tutti gli atti da loro compilati. Nel caso in cui le GAV accertino o contestino fatti di rilevanza penale sono tenute a procedere ai sensi dell art. 331 del Codice di Procedura Penale. Sono fatte salve, le diverse procedure previste dalle leggi speciali. 7

8 Articolo 14 Mezzi in dotazione alle GAV Uso e Conservazione La Provincia provvederà a fornire i veicoli alle GAV coordinate secondo le necessità di servizio e le disponibilità di bilancio. Tale richiesta sarà formalizzata all ufficiale responsabile del coordinamento GAV. Per il servizio delle GAV operanti nelle associazioni convenzionate, provvederanno le stesse attingendo dai fondi connessi alla convenzione. Tutte le GAV durante il servizio o per fini attinenti allo stesso, possono essere trasportate sui mezzi in dotazione alla P.P. Gli appartenenti alla P.P. possono condurre i mezzi in dotazione alle GAV. Le GAV munite di adeguata patente di guida, possono condurre i mezzi assegnati al loro servizio. Nel caso in cui le GAV coordinate si trovino ad operare con propri mezzi, ciò dovrà risultare dal foglio di servizio, nel quale sarà indicata la targa. Per tale uso del mezzo privato, la Provincia nel caso di GAV coordinate provvederà a rimborsare il consumo del carburante nella misura prevista dalla vigente normativa; di tali rimborsi dovrà essere tenuta apposita documentazione a cura dell ufficio GAV presso il comando. Le GAV operanti nelle associazioni provvederanno per loro conto tramite i contributi annessi alle convenzioni. In casi particolari e contingenti le GAV operanti nel settore della tutela delle acque possono essere autorizzate dalla P.P. alla conduzione dei mezzi nautici in dotazione. Le GAV coordinate che intenderanno operare sui mezzi nautici dovranno possedere i necessari requisiti, comprovati con attestati o brevetti, che saranno depositati presso l ufficio GAV del comando. Analoga disposizione dovrà essere rispettata per altri eventuali settori d intervento speciali, per operare nei quali è prevista specifica abilitazione o brevetto. Le GAV coordinate sono tenute a conservare con la massima cura tutte le dotazioni loro assegnate. La P.P. e i coordinatori GAV sono tenuti a riferire al comando della P.P. ogni inadempienza. Eventuali danni causati ai mezzi di servizio in uso alle GAV e di proprietà della Provincia, devono essere tempestivamente comunicati al comando P.P. La Provincia fornisce alle GAV apparati radio ricetrasmittenti collegate con il ponte radio della P.P.; la quantità di tali apparati sarà fornita in relazione alle necessità rilevate dallo staff di comando ed in ragione delle disponibilità di bilancio. L uso di tali apparati da parte delle GAV dovrà essere conforme alle disposizioni della P.P., nelle comunicazioni dovrà essere tenuto un linguaggio breve e conciso, chi chiama dovrà prima identificarsi con la propria sigla (le sigle verranno assegnate con tabulato specifico identificativo) chi risponde dovrà pronunciare: avanti per.(sigla di chi riceve). Il superiore gerarchico chiude la conversazione. Nel caso di conversazione tra pari grado questa è chiusa da chi ha chiamato. 8

9 Il comando o gli ufficiali possono inserirsi nelle conversazioni, quando il caso lo richiede, in tal caso questi pronunciano: break seguito dalla sigla. Articolo 15 Emergenze Ambientali e Protezione Civile Nei casi di emergenza ambientale, la Provincia può allertare le GAV coordinate unitamente al proprio personale e porle a disposizione delle autorità competenti. A tale scopo l ufficiale della P.P. e il responsabile provinciale GAV coordinate trasmettono al Dipartimento della Protezione Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, la scheda informativa di cui al D.P.R. di attuazione dell art. 18 della Legge 225/92 e della Legge 266/91 indicando tra l altro i settori di possibile utilizzazione specialistica. Il comitato di coordinamento GAV, prevede ad organizzare periodici corsi di aggiornamento e addestramento. Il responsabile provinciale GAV coordinate può provvedere alle richieste di concessione di contributi finalizzati al potenziamento delle attrezzature e al miglioramento della preparazione tecnica, da indirizzare al Dipartimento della Protezione Civile secondo le modalità di cui all art. 2 del D.P.R. 613/94. Tutta l organizzazione GAV della provincia partecipa all attuazione del piano provinciale per la prevenzione e la protezione dei boschi dagli incendi. Articolo 16 Finanziamenti Per il finanziamento delle attività delle GAV, nel bilancio generale della provincia è istituito un apposito capitolo di spesa, dove le entrate sono costituite da finanziamenti propri della provincia, finanziamenti finalizzati della Regione, nonché da entrate relative ai proventi delle sanzioni amministrative. Nel caso in cui l impiego delle GAV coordinate comporti spese di trasporto, vitto ed alloggio, queste saranno rimborsate dalla Provincia, nei limiti e nelle condizioni previste per il personale dipendente, previa presentazione della documentazione fiscale nonchè della specifica autorizzazione del Comandante della Polizia Provinciale Formattazione del testo coordinato con successive modifiche ed integrazioni a cura della Segreteria Generale Ultima revisione

Provincia di Grosseto

Provincia di Grosseto Provincia di Grosseto Determinazione Dirigenziale N 1706 del 05/12/02 Disciplinare per l organizzazione e lo svolgimento del servizio di vigilanza volontari delle Guardie Ambientali Volontarie (GAV) coordinate.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA REGOLAMENTO SERVIZIO DI VIGILANZA AMBIENTALE SVOLTO DA GUARDIE VOLONTARIE

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA REGOLAMENTO SERVIZIO DI VIGILANZA AMBIENTALE SVOLTO DA GUARDIE VOLONTARIE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LUCCA REGOLAMENTO SERVIZIO DI VIGILANZA AMBIENTALE SVOLTO DA GUARDIE VOLONTARIE Delibera Consiglio Provinciale n. 3 del 25 gennaio 2006 Articolo 1 - Premessa Il presente

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI AVELLINO. REGOLAMENTO del SERVIZIO DI VIGILANZA AMBIENTALE SVOLTO DA GUARDIE VOLONTARIE AMBIENTALI _G.A.V.

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI AVELLINO. REGOLAMENTO del SERVIZIO DI VIGILANZA AMBIENTALE SVOLTO DA GUARDIE VOLONTARIE AMBIENTALI _G.A.V. AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI AVELLINO REGOLAMENTO del SERVIZIO DI VIGILANZA AMBIENTALE SVOLTO DA GUARDIE VOLONTARIE AMBIENTALI _G.A.V. Art. 1 Finalità Il presente regolamento viene adottato dalla Provincia

Dettagli

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.)

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.) Allegato alla Delibera n.02 del 18.07.2013 REGOLAMENTO NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (G.A.V.) Art. 1 Costituzione e Finalità Il presente regolamento è adottato

Dettagli

L.R. 23 gennaio 1998, n. 7

L.R. 23 gennaio 1998, n. 7 L.R. 23 gennaio 1998, n. 7 Istituzione del servizio volontario di vigilanza ambientale. Art. 01 - Istituzione e finalità del Servizio Volontario di Vigilanza Ambientale 1. La Regione Toscana riconosce,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE CAPO I ORGANIZZAZIONE DEL CORPO ART. 1 ORGANO DI GOVERNO Il presidente della Provincia, nell esercizio della funzione di indirizzo politico

Dettagli

G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org

G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org G.E.Z.A GUARDIE AMBIENTALI DEL MEDITERRANEO www.associazionegeza.altervista.org presidenzageza@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO ART. 1 Direzione Nazionale E costituita la Direzione Nazionale delle (GEZA)

Dettagli

REGOLAMENTO N. 2 DEL 5 LUGLIO 2007 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

REGOLAMENTO N. 2 DEL 5 LUGLIO 2007 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE NB: il regolamento tiene conto dell errata corrige pubblicata sul BURC n.44 del 6 agosto 2007 REGOLAMENTO N. 2 DEL 5 LUGLIO 2007 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l art. 121, 4 comma della Costituzione;

Dettagli

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Testo approvato con delibera Consiliare n. 81 del 12.5.03 Art. 1 SERVIZIO DI VIGILANZA VOLONTARIA 1. L'Amministrazione Provinciale di Firenze

Dettagli

Doc: REGGVV_006/QTXTSRCOLD/CAF pag. 1

Doc: REGGVV_006/QTXTSRCOLD/CAF pag. 1 REGOLAMENTO DI SERVIZIO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE FAUNISTICO-VENATORIE ED ITTICHE DELLA PROVINCIA DI TREVISO ART. 1 COSTITUZIONE 1. E' istituito il Coordinamento Provinciale delle Guardie Volontarie,

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CALDERARA DI RENO. REGOLAMENTO INTERNO Approvato dall Assemblea de Soci in data../../2008

ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CALDERARA DI RENO. REGOLAMENTO INTERNO Approvato dall Assemblea de Soci in data../../2008 ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CALDERARA DI RENO REGOLAMENTO INTERNO Approvato dall Assemblea de Soci in data../../2008 DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 Ai sensi dell art. n. 12 e seguenti del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna

Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna Art. 1 Competenze del Corpo forestale della Regione Sardegna Le funzioni del Corpo forestale e di vigilanza

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il servizio di vigilanza venatoria volontaria

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il servizio di vigilanza venatoria volontaria PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il servizio di vigilanza venatoria volontaria Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale: n. 10 del 22/02/2010 Aggiornato con deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 88 del 24.10.2005 In vigore dal 22/11/2005 ART.1

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 30 OTTOBRE 2009. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 30 OTTOBRE 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 30 OTTOBRE 2009 4º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 228 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

"Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica"..

Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica.. LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, N. 9 "Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica".. (BURL n. 9, 1º suppl. ord. del 01 Marzo 2005 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2005-02-28;9 Art.

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA. REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA

PROVINCIA DI RAVENNA. REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO per la disciplina del coordinamento DELLA VIGILANZA VOLONTARIA FAUNISTICO-VENATORIA, ITTICA Art.1 Principi generali 1. La Provincia di Ravenna, allo scopo di realizzare

Dettagli

Regolamento per il servizio di Vigilanza Ittica Volontaria Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale n.

Regolamento per il servizio di Vigilanza Ittica Volontaria Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE Regolamento per il servizio di Vigilanza Ittica Volontaria Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 28 del 26/07/2012 Aggiornato con deliberazione Consiglio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, n. 9 «Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica». (B.U. 1 marzo 2005, n. 9, 1º suppl. ord.).

LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, n. 9 «Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica». (B.U. 1 marzo 2005, n. 9, 1º suppl. ord.). LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, n. 9 «Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica». (B.U. 1 marzo 2005, n. 9, 1º suppl. ord.). Art. 1. Finalità del servizio volontario di vigilanza

Dettagli

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale.

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale. ALLEGATO A CARATTERISTICHE DELLE UNIFORMI, DEI DISTINTIVI DI GRADO E DI RICONOSCIMENTO DEL PERSONALE, DEL MATERIALE E DEGLI STRUMENTI OPERATIVI NONCHÉ DEI MEZZI IN DOTAZIONE AGLI APPARTENENTI AI CORPI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE DELLE DIVISE E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AL PERSONALE AVENTE DIRITTO

REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE DELLE DIVISE E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AL PERSONALE AVENTE DIRITTO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE DELLE DIVISE E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE AL PERSONALE AVENTE DIRITTO Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 182/11.11.2008

Dettagli

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LIVORNO DISCIPLINARE A VALORE REGOLAMENTARE: COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 241/19.12.2008 In vigore

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003)

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003) REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 9 del 28/1/2003) Art. 1. Costituzione del Gruppo Comunale di Protezione Civile. E costituito

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 14/31.01.2002 Modificato con deliberazione

Dettagli

PROVINCIA DI GROSSETO

PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO GENERALE della Vigilanza Volontaria G.A.V. G.G.V.V. G.I.V. 1 TITOLO 1 Capo I Principi generali Articolo Pagina 1 Finalità 4 2 Amministrazione e Coordinamento delle Guardie

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) Regolamento per i Volontari in servizio sostitutivo di leva nella Polizia Municipale (Art. 46 Legge 27/12/1997, n. 449) Approvato con deliberazione

Dettagli

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AUSILIARIO VOLONTARIO - Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 01.03.2013 - Modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI PERUGIA PERUSIA

COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI PERUGIA PERUSIA COMUNE DI PERUGIA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI PERUGIA PERUSIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE - Approvato

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3

Art. 1. Art. 2. Art. 3 1 ATTO DI ORGANIZZAZIONE RELATIVO ALLA SCUOLA REGIONALE DI POLIZIA LOCALE ED ALL OSSERVATORIO REGIONALE DI POLIZIA LOCALE DI CUI ALLA L.R. 2 AGOSTO 1997, N. 83 (Approvato con DGR n. 883 del 10.10.2001

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

Provincia di Cremona. Regolamento del servizio di guardie provinciali per la vigilanza faunistico venatoria e ittica volontaria

Provincia di Cremona. Regolamento del servizio di guardie provinciali per la vigilanza faunistico venatoria e ittica volontaria Provincia di Cremona Regolamento del servizio di guardie provinciali per la vigilanza faunistico venatoria e ittica volontaria INDICE Art. 1 - Disposizioni generali Art. 2 - Servizio di Vigilanza Ittica

Dettagli

Azienda USL 6 di Livorno Dipartimento di Prevenzione DI COSA CI OCCUPIAMO?

Azienda USL 6 di Livorno Dipartimento di Prevenzione DI COSA CI OCCUPIAMO? Azienda USL 6 di Livorno Dipartimento di Prevenzione UNITA FUNZIONALE VETERINARIA E SICUREZZA ALIMENTARE DI COSA CI OCCUPIAMO? Ambito igiene degli alimenti e sicurezza alimentare Controllo igienico sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1

REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1 REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1 (Approvato con deliberazione dell Ufficio di presidenza 28 luglio 2010, n. 66) TESTO VIGENTE Il testo qui riportato, coordinato con le modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE I SINGOLI ARTICOLI DEL REGOLAMENTO SONO STATI APPROVATI CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 155 DEL 2/10/2003 IL REGOLAMENTO

Dettagli

E.N.D.A.S. Taranto Socialpoint Sava

E.N.D.A.S. Taranto Socialpoint Sava E.N.D.A.S. Taranto Socialpoint Sava La Guardia Ecologica Volontaria La L.R. n. 10/2003 Istituzione del servizio volontario di vigilanza ecologica riconosce la funzione del volontariato ambientale e ne

Dettagli

L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso

L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO NAZIONALE PIONIERI COLLANA MANUALI E NORMATIVE N. 1 Edizione 2008 versione 5.1 Introduzione Il Regolamento illustra la composizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 68/27.06.2013 In vigore dal 1 agosto 2013 SOMMARIO Articolo 1 - Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE 13 REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 222/48316 P.G. NELLA SEDUTA DEL 15/12/1997 Art. 1 E costituito presso il Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA PRESSO IL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI MONDOLFO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA PRESSO IL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI MONDOLFO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA PRESSO IL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI MONDOLFO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - (Finalità e definizioni) 1. Il presente regolamento

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli

Comune di Nola Provincia di Napoli Comune di Nola Provincia di Napoli Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1. Finalità 1. Il Comune di Nola, in virtù proprie competenze statuarie ed al fine di concorrere alla

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL GRUPPO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL GRUPPO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNI DI QUINCINETTO, TAVAGNASCO, QUASSOLO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL GRUPPO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del consiglio comunale n ::50 del 23/12/2010

Dettagli

COMUNE DI ARRONE PER LA FORMAZIONE DELL ALBO DEI VOLONTARI DEL COMUNE DI ARRONE

COMUNE DI ARRONE PER LA FORMAZIONE DELL ALBO DEI VOLONTARI DEL COMUNE DI ARRONE COMUNE DI ARRONE AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELL ALBO DEI VOLONTARI DEL COMUNE DI ARRONE 1 Descrizione delle attività di volontariato da svolgersi Il Comune di Arrone area Ufficio Tecnico, intende

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE per il Coordinamento e il riconoscimento delle GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (GAV) GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE (GGVV)

REGOLAMENTO PROVINCIALE per il Coordinamento e il riconoscimento delle GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (GAV) GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE (GGVV) SETTORE POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO PROVINCIALE per il Coordinamento e il riconoscimento delle GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE (GAV) GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE (GGVV) e per il riconoscimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli

CITTÀ DI AFRAGOLA Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario

CITTÀ DI AFRAGOLA Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario Regolamento per l istituzione della figura di Ispettore Ambientale Comunale volontario (approvato con Delibera di Consiglio Comunale n [ ] del [ ]) Art. 1. Finalità 1. Il Comune di Afragola, in virtù proprie

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLE AUTOVETTURE E DEI CICLOMOTORI DI SERVIZIO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA Capo I Autovetture e ciclomotori di servizio dell Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA ART. 1 FINALITA

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA ART. 1 FINALITA Allegato alla deliberazione del Consiglio Provinciale N. 14 in data 29 maggio 2007 REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELL ATTIVITA DI VIGILANZA VOLONTARIA ITTICO-VENATORIA E FAUNISTICA ART. 1 FINALITA L

Dettagli

PARCO MONTE BARRO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA

PARCO MONTE BARRO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA PARCO MONTE BARRO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA parere della Comunità del Parco: delibera n. 11 del 21 marzo 2012 approvazione del Consiglio di Gestione: delibera n. 15 del

Dettagli

Divisa Operativa ABBIGLIAMENTO

Divisa Operativa ABBIGLIAMENTO Divisa Operativa ABBIGLIAMENTO Basco Colore Nero Giacca con 4 tasche a toppa sul davanti con pattella e chiusura tramite velcro. Spalline porta tubolari. Chiusura con bottoni automatici. Colore Verde Caccia

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO Protezione civile

PROVINCIA DI LIVORNO Protezione civile PROVINCIA DI LIVORNO COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DISCIPLINARE Premessa Le attività di protezione civile, così come definite dall art. 1 della Legge 24 febbraio 1992,

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI CORSI D ISTRUZIONE PER CONDUTTORI DI CANI DA TRACCIA PER IL RECUPERO DI UNGULATI SELVATICI FERITI.

DISCIPLINARE PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI CORSI D ISTRUZIONE PER CONDUTTORI DI CANI DA TRACCIA PER IL RECUPERO DI UNGULATI SELVATICI FERITI. DISCIPLINARE PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI CORSI D ISTRUZIONE PER CONDUTTORI DI CANI DA TRACCIA PER IL RECUPERO DI UNGULATI SELVATICI FERITI. 1 Art. 1 (Glossario) 1. Nel presente disciplinare

Dettagli

Allegato sub A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 29.06.2005. Il Segretario Comunale Dott. Sandro Zampaglione

Allegato sub A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 29.06.2005. Il Segretario Comunale Dott. Sandro Zampaglione Allegato sub A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 29.06.2005. Il Segretario Comunale Dott. Sandro Zampaglione INDICE TITOLO I: SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Articolo 1 - Istituzione del

Dettagli

- Regolamento - Gruppo Volontari di Protezione Civile del Comune di Gradoli Comune di Gradoli Provincia di Viterbo Regione Lazio

- Regolamento - Gruppo Volontari di Protezione Civile del Comune di Gradoli Comune di Gradoli Provincia di Viterbo Regione Lazio 1 2013 - Regolamento - Gruppo Volontari di Protezione Civile del Comune di Gradoli Comune di Gradoli Provincia di Viterbo Regione Lazio Prot. Coordinatore: Antonuzzi Jacopo Protezione Civile di Gradoli

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE del Comune di Molteno

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE del Comune di Molteno REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE del Comune di Molteno Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9, del 19 febbraio 2008 Art. 1. Costituzione del Gruppo Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE GUARDIE ITTICHE VOLONTARIE (GIV) DEL CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA VALLE D AOSTA.

REGOLAMENTO PER LE GUARDIE ITTICHE VOLONTARIE (GIV) DEL CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA VALLE D AOSTA. CONSORZIO REGIONALE PER LA TUTELA, L INCREMENTO E L ESERCIZIO DELLA PESCA -VALLE D AOSTA COMITÉ RÉGIONAL POUR LA PROTECTION, L EXPANSION ET LA PRATIQUE DE LA PÊCHE -VALLÉE D AOSTE REGOLAMENTO PER LE GUARDIE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Udita la relazione del Sindaco, dalla quale si evince la necessità di costituire il Gruppo Comunale di volontariato per fornire un contributo in termini di esperienza e di peculiarità

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto

CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER I PUBBLICI SPETTACOLI E PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUGLI SPETTACOLI E I TRATTENIMENTI PUBBLICI ART. 1

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE ARCI PESCA FISA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ED AMBIENTE FEDERATA ARCI CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE APPROVATO DAL CONSIGLIO NAZIONALE ARCI PESCA FISA IN DATA 16/17 GIUGNO

Dettagli

2) Guaine (controspalline) Da utilizzarsi unicamente con camicia, impermeabile, giaccone e giubbotti impermeabili.

2) Guaine (controspalline) Da utilizzarsi unicamente con camicia, impermeabile, giaccone e giubbotti impermeabili. Allegato C Segni identificativi del grado ed accessori sull uniforme Sezione prima. Segni identificativi del grado 1) Spalline Le spalline sono realizzate nel medesimo tessuto e colore dei capi di vestiario

Dettagli

COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine

COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it medaglia d'oro al valore civile C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli

COMUNE DI VEROLENGO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI VEROLENGO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VEROLENGO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con DCC n. 56 del 28.11.2011 INDICE Art. 1: Costituzione ed ammissione Art. 2: Addestramento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E POLIZIA AMMINISTRATIVA DELL UNIONE DEI COMUNI STURA ORBA E LEIRA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E POLIZIA AMMINISTRATIVA DELL UNIONE DEI COMUNI STURA ORBA E LEIRA UNIONE DEI COMUNI STURA, ORBA E LEIRA SERVIZIO ASSOCIATO POLIZIA LOCALE COMUNI DI: Campo Ligure, Masone, Rossiglione, Mele e Tiglieto Via Convento n 8 16013 Campo Ligure (GE) tel. 010/9269679 fax 010/9237301

Dettagli

COMUNE DI GALLO MATESE PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI GALLO MATESE PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE LA DISCIPLINA DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE pagina 1 I N D I C E Art. 1: Costituzione ed ammissione Art. 2: Addestramento e specializzazione Art. 3:

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE. (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08.

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE. (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08. COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08.2010) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE INDICE INDICE...1 Articolo 1 - Denominazione e sede...2 Articolo 2 Durata...2 Articolo 3 Finalità ed attività...2 Articolo 4 Requisiti dei volontari...3 Articolo 5 Diritti dei volontari...3 Articolo 6

Dettagli

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE - Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO - Art. 2 COMPITI DEL SERVIZIO - Art. 3 ORGANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

COMUNE DI CASTROVILLARI. Regolamento comunale di servizio volontario Nonno Vigile

COMUNE DI CASTROVILLARI. Regolamento comunale di servizio volontario Nonno Vigile COMUNE DI CASTROVILLARI Regolamento comunale di servizio volontario del Nonno Vigile Approvato con deliberazione Commissario Straordinario (con i poteri del Consiglio) n.2 del 24 Luglio 2014 Art.1 Premessa

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DEL DIRETTORE DI CASA LIVORNO E PROVINCIA SPA CASALP

AVVISO PER LA SELEZIONE DEL DIRETTORE DI CASA LIVORNO E PROVINCIA SPA CASALP AVVISO PER LA SELEZIONE DEL DIRETTORE DI CASA LIVORNO E PROVINCIA SPA CASALP Vista la Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 22 del 20/11/2011 si rende pubblico il presente avviso finalizzato

Dettagli

5. Procedura di nomina della guardia zoofila e approvazione nomina. 8. Revoca del provvedimento di nomina di Guardia Zoofila Regionale (G.Z.R.

5. Procedura di nomina della guardia zoofila e approvazione nomina. 8. Revoca del provvedimento di nomina di Guardia Zoofila Regionale (G.Z.R. Allegato alla Delib.G.R. n. 10/16 del 26.2.2016 LINEE GUIDA PER LA NOMINA, IL RINNOVO, LA REVOCA E L IMPIEGO DELLE GUARDIE ZOOFILE REGIONALI G.Z.R. (ai sensi dell art. 18 lett. c della L.R. 18 maggio 1994

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO Approvazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 09 in data 22/02/2013 Pubblicazione Pubblicato all

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per i volontari in servizio sostitutivo di leva nella Polizia Municipale. approvato

Dettagli

Per la costituzione ed il funzionamento. del Gruppo Comunale dei Volontari. di Protezione Civile del Comune di PREONE

Per la costituzione ed il funzionamento. del Gruppo Comunale dei Volontari. di Protezione Civile del Comune di PREONE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Preone Provincia di Udine REGOLAMENTO Per la costituzione ed il funzionamento del Gruppo Comunale dei Volontari di Protezione Civile del Comune di PREONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DOTAZIONE DEL VESTIARIO E DEGLI ACCESSORI PER C.U.P.M.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DOTAZIONE DEL VESTIARIO E DEGLI ACCESSORI PER C.U.P.M. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DOTAZIONE DEL VESTIARIO E DEGLI ACCESSORI PER C.U.P.M. 1 Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina la tipologia e la frequenza di dotazione del vestiario

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTO per la costituzione e il funzionamento del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile del Comune di Premariacco

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O COMUNE DI VENZONE UDINE PROVINCIA DI ************************************************************************************************ R E G O L A M E N T O PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO

Dettagli

Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Regolamento per l uso degli automezzi di servizio dell Ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Art. 1 (Principi generali) 1. L Ente Parco disciplina l utilizzazione degli automezzi in dotazione in sintonia

Dettagli

Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti. C.1 Rifiuti

Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti. C.1 Rifiuti Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti C.1 Rifiuti Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti C.1.1 Quadro conoscitivo Il monitoraggio della gestione

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE N. 313 REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione G.C. n. mecc. 2006 00591/028 del 31 gennaio 2006) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Ambito di applicazione Articolo

Dettagli

Gruppo Volontari di Protezione Civile di Albinea REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 10 GIUGNO 2011

Gruppo Volontari di Protezione Civile di Albinea REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 10 GIUGNO 2011 Gruppo Volontari di Protezione Civile di Albinea REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 10 GIUGNO 2011 Parte prima : il perché del regolamento interno I presupposti per l adesione

Dettagli

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ;

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ; CONVENZIONE FRA I COMUNI DI BIBBIANO, CAMPEGINE, CANOSSA, CAVRIAGO, GATTATICO,, MONTECCHIO EMILIA, SAN POLO D ENZA, SANT ILARIO D ENZA, UNIONE VAL D ENZA PER IL TRASFERIMENTO E LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Settore Protezione Civile, Pubblica Incolumita e Volontariato Ufficio Programmazione e Volontariato di Protezione Civile

Settore Protezione Civile, Pubblica Incolumita e Volontariato Ufficio Programmazione e Volontariato di Protezione Civile Settore Protezione Civile, Pubblica Incolumita e Volontariato Ufficio Programmazione e Volontariato di Protezione Civile REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO

Dettagli

Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane

Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane Settore Gestione e Organizzazione Risorse Umane REGOLAMENTO PER L USO DEI VEICOLI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L USO DEI VEICOLI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Art. 1 1. Il presente regolamento

Dettagli

DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF

DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF DIREZIONE NAZIONALE DELIBERA Disposizioni di base in ordine al Vestiario dei Soci della ANVVF La Direzione Nazionale, riunitasi presso la sede nazionale a Roma, il giorno 17 giugno 2011, viste le proposte

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLE GUARDIE VENATORIE VOLONTARIE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Approvato con delibera C.P. n. 51 del 07/05/1998 Art.1 Servizio di vigilanza volontaria La Provincia di Arezzo

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V.

CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO DI GARA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ANTINCENDIO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO V. CERVELLO 1 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO PAG. 3 ART. 2PRESCRIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO per il funzionamento del Gruppo di Protezione Civile del Comune di Rive d'arcano

REGOLAMENTO INTERNO per il funzionamento del Gruppo di Protezione Civile del Comune di Rive d'arcano GRUPPO COMUNALE PROTEZIONE CIVILE DI RIVE D ARCANO via Pasc n. 7 frazione di Pozzalis 33030 Rive d Arcano (UDINE) Tel. 0432.809205 Fax 0432.809842 REGOLAMENTO INTERNO per il funzionamento del Gruppo di

Dettagli

COMUNE DI CASTELLEONE. P r o v i n c i a d i C r e m o n a REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE INTERCOMUNALE DI CASTELLEONE ED ASSOCIATI

COMUNE DI CASTELLEONE. P r o v i n c i a d i C r e m o n a REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE INTERCOMUNALE DI CASTELLEONE ED ASSOCIATI COMUNE DI CASTELLEONE P r o v i n c i a d i C r e m o n a REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE INTERCOMUNALE DI CASTELLEONE ED ASSOCIATI Approvato con delibera del Consiglio Comunale N. 3 in data 28

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. Pag. 1/11

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. Pag. 1/11 COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 1 Supplemento

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA. Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007

REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA. Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007 REGOLAMENTO SULL ATTIVITÀ DELL UNITÀ OPERATIVA VIGILANZA IDRAULICA Approvato con delibera G.P. n. 84 del 26/02/2007 Indice Indice... 2 Premessa... 3 Art. 1... 3 Art. 2... 4 Art. 3... 4 Art. 4... 4 Art.

Dettagli

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa IL SINDACO

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa IL SINDACO COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa IL SINDACO Vista la delibera del Consiglio Comunale n. 17 del 08.03.2013 con la quale si approva il Regolamento per l'istituzione e la gestione dei gruppi

Dettagli