DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO G. di Vittorio Via A. Capitini, UMBERTIDE e Fax 075/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO G. di Vittorio Via A. Capitini,2-06019 UMBERTIDE e Fax 075/9413374"

Transcript

1 DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO G. di Vittorio Via A. Capitini, UMBERTIDE e Fax 075/ Ordine di servizio n.1 Circ. n. 15/2012 Umbertide, 17/09/2012 * ALBO DI OGNI PLESSO SCOLASTICO E NEL SITO WEB DELLA SCUOLA - Al Personale docente e ATA del Circolo(Ass. amm. E coll. scol.) Al D.S.G.A Dott.ssa Luigina Sorchi Ai Responsabili alla sicurezza di plesso Ai Docenti Coordinatori di plesso LORO SEDI Oggetto: ORDINE DI SERVIZIO con obbligo di affissione all albo di ogni plesso scolastico: vigilanza scolastica; uscite didattiche, divieto uso cellulari, assenze per malattia alunni e personale Nell augurare a ciascuno di Voi un sereno e proficuo lavoro, ringrazio per la professionalità, la responsabilità e la collaborazione dimostrata da tutti Voi per organizzare al meglio l ambiente scolastico e l organizzazione didattica per questo nuovo anno scolastico. Colgo l occasione anche per ricordare alcune regole fondamentali della nostra scuola, desunte dal Regolamento interno di Circolo e da quanto stabilito dalle normative vigenti in merito alla Vigilanza degli alunni che se conosciute e rispettate da tutti, contribuiranno ad assicurare a questa comunità scolastica un servizio scolastico efficiente ed attento allo star bene a scuola per gli alunni e il personale scolastico. A garanzia della legittimità delle attività scolastiche, pertanto, tutto il personale, per quanto di competenza, è tenuto al rigoroso rispetto di quanto segue: REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI ALUNNI 1. Tutto il personale è tenuto al rigoroso rispetto dell orario di servizio. 2. Ogni insegnante, secondo quanto previsto anche dal C.C.N.L., è tenuto a trovarsi a scuola almeno 5 minuti prima dell inizio delle lezioni;accoglie gli alunni della sua classe e cura l ordinato ingresso nell aula. 3. Anche per le responsabilità connesse alla vigilanza, i bambini non vanno mai lasciati soli. 4. La sorveglianza degli alunni deve essere garantita nella maniera più ampia, in particolar modo: a. durante lo svolgimento delle attività didattiche; b. l inizio e la fine delle lezioni; c. durante i cambi di turno tra i docenti; d. durante l intervallo/ricreazione; e. dall ingresso dell edificio fino al raggiungimento dell aula; f. durante il tragitto aula - uscita dall edificio- consegna degli alunni alle famiglie o trasporto scolastico al termine delle lezioni; g. nel periodo di interscuola: mensa e dopo-mensa;

2 h. in riguardo ai minori bisognosi di soccorso ; i. durante il tragitto aula laboratori-palestra-giardino scolastico; j. durante le uscite didattiche/visite guidate/viaggi d istruzione. 5. L insegnante è responsabile della sicurezza degli alunni affidategli, pertanto deve esercitare su di loro costante vigilanza per evitare che procurino danni a se stessi, agli altri e alle cose. Nel contempo l insegnante dovrà mettere in atto le strategie opportune per lo sviluppo dell autonomia personale, in collaborazione con il personale non docente. 6. In caso di ritardo, impedimento o di momentanea assenza di un insegnante, i colleghi presenti nel plesso e i collaboratori scolastici collaborano temporaneamente alla sorveglianza degli alunni rimasti senza custodia. 7. Il docente che, durante l espletamento dell attività didattica debba, non per futili motivi, assentarsi temporaneamente dalla classe, prima di allontanarsi dalla scolaresca deve incaricare un collaboratore scolastico di vigilare sugli alunni sino al suo ritorno. Qualsiasi difficoltà in merito va immediatamente segnalata al Dirigente Scolastico o ai suoi collaboratori. 8. Massima attenzione e vigilanza da parte degli insegnanti e di tutto il personale dovrà essere tenuto durante l intervallo mattutino per la colazione e durante quello del dopo pranzo, specialmente se questi intervalli avvengono nelle aree esterne intorno alla scuola; tali attività non devono costituire un momento di disattenzione dell insegnante, in qualsiasi forma (scambio di opinioni con colleghi, sosta alla macchina del caffè, telefonata, formazione di crocchi di insegnanti e conseguente perdita di vista dei bambini,ecc ). Durante questi periodi accertarsi sempre della chiusura degli accessi della scuola o dei cortili che immettono nella strada. 9. Ogni insegnante è responsabile dell incolumità personale degli alunni della propria classe o sezione, del gruppo di alunni comunque affidati alla sua tutela (laboratori,classi aperte, divisione della classe per assenza del titolare,ecc.). 10. Tutti i collaboratori scolastici sono impegnati a cooperare tra loro e con gli insegnanti nei compiti di sorveglianza sugli alunni, in particolare i collaboratori scolastici vigileranno gli alunni ai servizi igienici, nel transito dei corridoi,negli spostamenti dalle aule ai laboratori, negli spazi comuni e in qualsiasi altra occasione si renda necessario. 11. Tutto il personale scolastico è coinvolto nel compito di sorveglianza degli alunni in modo particolare quando il minore,per qualsiasi motivo, non possa contare sull insegnante per la tutela della propria incolumità. 12. Nessun estraneo,genitori compresi, può entrare nelle aule durante le ore di lezione, salvo che sia stato invitato dall insegnante per motivi didattici. 13. Al mattino gli alunni entrano in classe solo dopo l arrivo del docente. 14. I collaboratori scolastici sono responsabili della vigilanza degli alunni i cui genitori hanno fatto richiesta a questa direzione del servizio di pre e post scuola e pertanto sarà cura del personale di segreteria fornire ai collaboratori scolastici dei plessi interessati gli elenchi degli alunni con relative richieste orarie di anticipo e posticipo; i collaboratori scolastici hanno inoltre la sorveglianza degli alunni fino all arrivo dei docenti. Ogni plesso dovrà stabilire opportuni e idonei spazi e modalità per l accoglienza dei bambini per l eventuale anticipo/posticipo dell orario scolastico, da comunicare in forma scritta al Dirigente scolastico. 15. La stessa attenzione, le SS.LL., dovranno avere all uscita degli alunni che andranno a casa per il pranzo e/o al termine delle lezioni giornaliere (rientri e tempo pieno). 16. Il tempo dovuto all assistenza degli alunni durante l uscita, da parte del personale docente, così come anche richiamato da numerose sentenze amministrative, si potrebbe

3 quantificare ragionevolmente in cinque minuti: il tempo necessario per accertarsi che tutti gli alunni abbiano lasciato i cortili esterni della scuola, saliti negli scuola bus e varcato il relativo cancello d ingresso. 17. Ogni volta che i Docenti accompagnano fuori gli alunni, per colazione, dopo il pranzo o al termine delle lezioni devono sempre precedere gli stessi e fare in modo che l uscita avvenga con ordine, senza che ci siano le fughe o sorpassi e comunque dopo la sistemazione della classe, che dovrà essere lasciata in ordine. Tutti i docenti e i collaboratori scolastici sono tenuti ad educare gli alunni al rispetto degli arredi, dei materiali didattici e delle attrezzature scolastiche e a tenere in ordine le classi e gli spazi scolastici. 18. E illegittimo per i docenti rifiutarsi di sostituire, con compiti di vigilanza, i colleghi in sciopero. 19. L eventuale interruzione giornaliera (per motivi non di salute) della presenza a scuola di un alunno dovrà sempre e comunque essere autorizzata dai docenti e, se per un periodo prolungato, dal Dirigente Scolastico. 20. È fatto divieto agli alunni di tornare a casa da soli. 21. Se si dovesse verificare il caso di un alunno quotidianamente prelevato da un genitore e che lo stesso genitore si dovesse attardare, si riportano le seguenti indicazioni: a) Nessun alunno potrà rimanere fuori della classe senza che il docente si sia garantito una continuata vigilanza. b) Cercare di rintracciare per telefono il genitore od un parente (utilizzando l apparecchio telefonico della scuola ) e vigilare fino alla riconsegna ai genitori o a un adulto con delega scritta dei genitori. c) In caso di grave ritardo contattare la direzione. d) Se comunque il fatto si ripetesse con una certa frequenza e dimostrasse negligenza da parte dei genitori, deve essere immediatamente informato il Dirigente Scolastico, che provvederà a prendere i dovuti contatti con la famiglia ed eventualmente con il servizio sociale territoriale. Si conferma infine che nessun docente o persona di servizio alla scuola è autorizzato ad accompagnare di persona il bambino a casa, ma è obbligato ad accertarsi che non venga lasciato da solo a scuola o nel piazzale della stessa e questo perché INDIPENDENTEMENTE dalla qualifica di insegnante o Collaboratore Scolastico, qualsiasi persona MAGGIORENNE, ha l obbligo di VIGILANZA sui minori (questo è ormai acquisito dalla giurisprudenza in materia). USCITE DIDATTICHE/viaggi di istruzione /campi scuola Ogni qualvolta si effettueranno uscite con mezzi di trasporto dovrà esserne data anticipata comunicazione alle famiglie; per i sopralluoghi nell ambiente circostante occorre accertarsi che tutti i genitori abbiano dato l autorizzazione per le uscite nel territorio; si dovrà comunque informare sempre la coordinatrice di plesso. Il regime della responsabilità del docente durante lo svolgimento dell uscita didattica/ viaggio di istruzione/campo scuola non è diverso da quello applicabile nelle normali situazioni di attività scolastica svolta all'interno della classe o dell'edificio scolastico o all'esterno. DIVIETO USO CELLULARI- telefoni- PC- Posta A tutto il personale docente e ATA, tranne per motivate esigenze di servizio, è vietato l uso dei cellulari durante l orario di lavoro; in particolare durante lo svolgimento delle lezioni.

4 È vietato altresì l uso dei telefoni della scuola per usi personali ( sia per chiamare che per ricevere) e comunque le chiamate non devono protrarsi per più di qualche minuto; l uso dei computer della scuola e internet è consentito solo a fini didattici, per funzioni amministrative e organizzative. È vietato l utilizzo dell indirizzo della scuola per ricevere posta personale di qualsiasi genere, non attinente al servizio. Il coordinatore di plesso e/o il responsabile dei laboratori di informatica,il DSGA qualora ravvisino comportamenti non corretti ne daranno informazione al dirigente scolastico. ASSENZE DEGLI ALUNNI Gli alunni, che per qualsiasi motivo si assentino dalla scuola dovranno essere giustificati per iscritto dai genitori o da chi ne fa le veci; per le assenze causate da malattia non è più consentito esigere per l alunno il certificato medico anche oltre i 5 giorni di assenza. ASSENZE PER MALATTIA, RITARDI DEL PERSONALE ATA E DOCENTI Tutto il personale, in particolare il personale docente, è tenuto a comunicare tempestivamente alla segreteria( ufficio personale) l eventuale assenza per malattia (7.45 circa), dal momento che la normativa prevede che le nomine dei supplenti si effettuino dalle 7.45 alle 9.00 ( questo vale anche per i docenti del turno pomeridiano). Inoltre, secondo il plesso di appartenenza, si avrà cura di darne comunicazione ai colleghi della propria sezione o classe e\o alla coordinatrice di plesso, per attivare possibili cambi di turno. Accertarsi che pervenga agli uffici di segreteria la relativa certificazione medica e l apposito modulo di richiesta. In caso di ritardo il personale docente dovrà darne immediata comunicazione ai colleghi e all ins. coordinatore di plesso, che provvederanno ad assicurare vigilanza degli alunni, il personale ATA ne darà comunicazione al DSGA. Il ritardo sull orario di lavoro, disciplinato dall art. 54 del CC.NL del 2007, comporta l obbligo del recupero. CIRCOLARI E COMUNICAZIONI ESTERNE. Le circolari vengono raccolte, dal coordinatore di plesso, in appositi registri e le comunicazioni esterne in apposito spazio all interno di ogni plesso. Tutto il personale scolastico è tenuto alla loro lettura. Le circolari si danno per lette e conosciute da tutto il personale, che comunque dovrà apporre ad ogni comunicazione la firma di presa visione. Si ribadisce il dovere dei docenti e di tutto il personale scolastico di tenersi quotidianamente aggiornato sia per le circolari interne che per le comunicazioni esterne presenti nell'istituto. La loro ignoranza non può in nessun caso attribuirsi a deficienze di sorta dell'istituto. Le circolari interne fatte girare nelle classi, debbono avere priorità assoluta rispetto a qualsiasi attività didattica: il docente è tenuto all'immediata collaborazione con il personale collaboratore scolastico incaricato a tal fine. Situazioni non riportate nel presente Estratto. In questi casi sono fatte salve le norme attualmente in vigore in materia scolastica. LA PRESENTE COMUNICAZIONE HA CARATTERE DI ORDINE DI SERVIZIO E DOVRA ESSERE FIRMATA DA TUTTO IL PERSONALE. I coordinatori di plesso avranno cura di consegnare al Dirigente scolastico le firme del personale docente e ATA e il DSGA quelle relative al personale di segreteria entro il 24 settembre Si precisa che:

5 LA NON OSSERVANZA DEGLI ORDINI DI SERVIZIO COMPORTA L ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA DEL SINGOLO OPERATORE INADEMPIENTE E LE SANZIONI QUALORA PREVISTE DALLA LEGGE VIGENTE. Buon lavoro a tutti! IL DIRIGENTE SCOLASTICO F.to Dott.ssa Angela Monaldi

6 DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO G. di Vittorio Via A. Capitini, UMBERTIDE e Fax 075/ Ordine di servizio n.2 Circ. n. 16/2012 Umbertide, 17/09/2012 *ALBO DI OGNI PLESSO SCOLASTICO E NEL SITO WEB Della Scuola Al Personale docente e ATA del Circolo(Ass. amm. E coll. scol.) Al D.S.G.A Dott.ssa Luigina Sorchi Ai Responsabili alla sicurezza di plesso Ai Docenti Coordinatori di plesso LORO SEDI e p.c agli addetti al servizio mensa della Coop. C.I.R -Umbertide Oggetto: ORDINE DI SERVIZIO- Sicurezza e Privacy con obbligo di affissione albo di ogni plesso SICUREZZA Personalmente ritengo che le norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e in particolare nella scuola, prima ancora di essere un obbligo di legge, rappresentano un opportunità per promuovere la cultura della sicurezza e della prevenzione, trasferibile in ogni ambiente di vita e di lavoro e un occasione per coinvolgere in modo attivo e consapevole tutte le componenti scolastiche, in sinergia anche con tutti gli enti territoriali preposti. L obiettivo da perseguire è creare una scuola sicura e promuovere una diffusa cultura di prevenzione ai rischi in tutti i casi di emergenze, in modo che ognuno sappia rispondere in modo adeguato. In ottemperanza alla normativa vigente in materia di sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro, a tutto il personale scolastico ed esterno operante nelle scuole di questa Istituzione scolastica, è fatto obbligo: del rispetto delle indicazioni in merito alle procedure e ai comportamenti connessi agli adempimenti richiesti dalla normativa vigente in materia di sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro ; della tempestività nel segnalare situazioni di pericolo; della diligenza nella informazione agli alunni, specialmente sui comportamenti da tenere in caso di pericolo.

7 Inoltre: 1- E vietato l accesso a scuola a personale esterno non autorizzato da questa Direzione; 2- E vietato introdurre a scuola qualsiasi macchinario, attrezzature e materiale di qualsiasi genere non espressamente autorizzato e giudicato idoneo, secondo la normativa in materia di sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro, dal Dirigente scolastico e dal Responsabile del Servizio di Protezione e Prevenzione di questa istituzione; 3- La disposizione dei banchi e della cattedra all interno delle aule e dei laboratori deve essere tale da non intralciare il corretto esodo dai locali medesimi; 4- Il posizionamento degli zainetti durante la permanenza in aula e nei laboratori deve essere tale da non intralciare le vie di esodo dai locali; 5- Aerare il locale fotocopie prima, durante e dopo l uso delle fotocopiatrici e non sostarvi per lunghi periodi; 6- Nella movimentazione manuale dei carichi il personale femminile può movimentare ciascuno al massimo 20 Kg e il personale maschile Kg 25. Se il carico è maggiore o poco maneggevole è obbligatorio chiedere ausilio di altro personale; 7- Gli operatori al videoterminale ogni 2 ore di utilizzo continuo del medesimo devono effettuare un quarto d ora di pausa dallo stesso; 8- Tutte le aule i laboratori e gli uffici devono essere aerati almeno un quarto d ora ogni 2 ore; 9- Vestiario, scarpe devono essere idonee al servizio e di utilizzare i D.P.I. quando necessario; 10- Tutto il personale scolastico dovrà attenersi al rispetto delle fondamentali norme igieniche e verificare il rispetto di tali norme da parte degli alunni; 11- E fatto divieto assoluto di fumo all interno degli edifici scolastici. All'ingresso della scuola deve essere affisso un apposito cartello di divieto; 12- Non fare usare agli alunni apparecchi elettrici (fon, fornellini, pistole per colla a caldo ecc.). 13- Prima di far usare o toccare qualsiasi tipo di sostanza (alimenti,vegetali\piccoli animali ) durante le attività laboratoriali accertarsi che tali sostanze non siano tossiche e\o che gli alunni non siano allergici. 14- Fare molta attenzione nell uso di oggetti a punta e taglienti che comunque non devono mai rimanere incustoditi. 15- Si ricorda poi che per poter aerare le aule circa ogni due ore e/o i laboratori dei singoli plessi durante le attività didattiche, è NECESSARIO avere cura di aprire gli infissi evitando che rimangono semiaperti con il rischio da parte degli alunni di colpire gli spigoli. 16- Si ricorda inoltre che sopra gli armadi non debba essere posto alcunché con il rischio di cadere. 17- Accertarsi sempre che scaffali, armadi e mobiletti siano fissati al muro. 18- Evitare di appendere quadri alle pareti se questi sono muniti di vetro. 19- Ricordo a tutti i collaboratori scolastici e/o a tutto il personale esterno di aver ben cura di chiudere sottochiave negli appositi armadietti e/o locali i detersivi e comunque tutti i materiali utilizzati nelle pulizie. 20- Scale portatili Le scale portatili devono seguire le indicazioni impartite dalla norme UNI EN 131 ossia: si deve salire sulla scala fino ad una altezza tale da consentire al lavoratore di disporre in qualsiasi momento di un appoggio o di una presa sicura; la scala deve sporgere di almeno un metro oltre il livello di accesso a meno altri dispositivi garantiscono una presa sicura; non ci si deve esporre lateralmente per svolgere il lavoro; non si deve salire e scendere dalla scala con oggetti che pregiudicano la presa sicura; scegliere una scala con una corretta altezza: non troppo alta per un lavoro troppo in basso, non troppo bassa per un lavoro troppo in alto;

8 la scala a pioli consente una salita per il superamento del dislivello e un breve posizionamento della persona in altezza; la scala a gradini consente una salita per il superamento del dislivello e un breve posizionamento della persona in altezza con un maggiore comfort rispetto a quella a pioli, proprio per la maggiore grandezza del gradino rispetto al piolo. Prima di iniziare qualsiasi attività è necessario controllare quanto segue: nessun elemento della scala deve essere mancante; la scala e i suoi elementi non devono presentare segni di deterioramento; alla base dei montanti devono essere correttamente inseriti i piedini di gomma o di plastica antislittamento. Segnalare al DSGA eventuali problematiche. I Responsabili alla sicurezza e i docenti coordinatori di ogni plesso, il DSGA per quanto riguarda il personale di segreteria ed ATA sono pregati di: - verificare che le disposizioni del Rapporto di verifica di conformità legislativa stilato dal RSPP siano state rispettate e comunicare alla dirigenza eventuali problematiche; - accertarsi che tutto il personale, anche esterno, prenda visione e firmi per presa visione questo documento; - vigili e faccia osservare quanto sopra, segnalando le eventuali irregolarità. PRIVACY E fondamentale il rispetto, nelle modalità e nelle forme previste dalla Legge e l applicazione del Decreto Legislativo n. 165/2001 (legge sulla Privacy). Il personale di segreteria, il personale docente ed ATA, deve prendere conoscenza sia come diretti interessati, sia in qualità di incaricati del trattamento dati, ai sensi del D.LGS. 196/2003 sulla privacy, dei compiti che gli sono affidati, e di essere a conoscenza di quanto stabilito dal Codice in materia di dati personali con l impegno di adottare tutte le misure necessarie all attuazione delle norme in esso descritte. Situazioni non riportate nel presente Estratto. In questi casi sono fatte salve le norme attualmente in vigore in materia scolastica. LA PRESENTE COMUNICAZIONE HA CARATTERE DI ORDINE DI SERVIZIO E DOVRA ESSERE FIRMATA DA TUTTO IL PERSONALE. I coordinatori di plesso avranno cura di consegnare al Dirigente scolastico le firme del personale docente e ATA e il DSGA quelle relative al personale di segreteria entro il 24 settembre Si precisa che: LA NON OSSERVANZA DEGLI ORDINI DI SERVIZIO COMPORTA L ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA DEL SINGOLO OPERATORE INADEMPIENTE E LE SANZIONI QUALORA PREVISTE DALLA LEGGE VIGENTE. IL DIRIGENTE SCOLASTICO F.to Dott.ssa Angela Monaldi

9 cc/

REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA ENTRATA ED ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI Il personale docente deve trovarsi sul luogo di lavoro almeno 5 minuti prima dell'orario

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA ISTITUTO COMPRENSIVO ROVIGO 1 Via della Costituzione, 6 45100 ROVIGO Tel. 0425/30600 Fax 0425/30726 Codice Fiscale 93027540298 Cod. Mecc. ROIC82000Q - e-mail: roic82000q@istruzione.it Sito web: www.icrovigo1.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Via del Poggio,30-01018 Valentano (VT) 0761/422558 e-mail vtic80100@istruzione.it

Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Via del Poggio,30-01018 Valentano (VT) 0761/422558 e-mail vtic80100@istruzione.it MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Via del Poggio,30-01018 Valentano (VT) 0761/422558 e-mail

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

Prot. 2860/A7a Napoli, 29.08.2013 CIRCOLARE N 4. Oggetto: Disposizioni per l a. s. 2013/2014 per il personale DOCENTE e ATA.

Prot. 2860/A7a Napoli, 29.08.2013 CIRCOLARE N 4. Oggetto: Disposizioni per l a. s. 2013/2014 per il personale DOCENTE e ATA. Prot. 2860/A7a Napoli, 29.08.2013 CIRCOLARE N 4 Al personale docente Al personale ATA Alle RSU d Istituto All ALBO Oggetto: Disposizioni per l a. s. 2013/2014 per il personale DOCENTE e ATA. Nell augurare

Dettagli

1. creare nella nostra comunità scolastica un ambiente accogliente sereno ed ordinato;

1. creare nella nostra comunità scolastica un ambiente accogliente sereno ed ordinato; REGOLAMENTO D ISTITUTO (in fase di revisione) Il presente regolamento è stato deliberato dal Consiglio di Istituto ed è vincolante per tutte le componenti scolastiche; contiene le regole perché il complesso

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA, DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Via Capo Sperone 50 00122 - Roma 065662275 fax 065662340 rmps010004@istruzione.it

Dettagli

ADEMPIMENTI CONNESSI ALLO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' DIDATTICA

ADEMPIMENTI CONNESSI ALLO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Belgioioso Via F.lli Cervi, 4 27011 Belgioioso : 0382969143 : 0382960367 Uffici: pvic814003@istruzione.it sms.adanegri.belg@libero.it

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo via Cittadini n. 1-20157 Milano Tel. 02/3575716/8 fax 02/39001523 E mail: paolofrisimi@tin.it - Sito web:www.ipsfrisi.it REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

Dettagli

1 Istituto Comprensivo A. MORO P.VIRGILIO MARONE Francavilla Fontana (BR)

1 Istituto Comprensivo A. MORO P.VIRGILIO MARONE Francavilla Fontana (BR) 1 1 Istituto Comprensivo A. MORO P.VIRGILIO MARONE Francavilla Fontana (BR) Via Oratorio della Morte, 2-4 C.M. BRIC83100D C.F. 91071300742 tel: 0831/841857 fax: 0831/099021 Scuola Secondaria di 1 grado

Dettagli

Prot. n. 4696/A1/A2 Zelo Buon Persico, 30.11.2011

Prot. n. 4696/A1/A2 Zelo Buon Persico, 30.11.2011 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZELO BUON PERSICO via f.lli Cervi, 1-26839 Zelo Buon Persico (Lodi) - tel. fax 02 / 90659917 indirizzo internet www.iczelobp.it - e mail ic.zelobp@tiscali.it Prot. n. 4696/A1/A2

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "Galileo Ferraris" REGOLAMENTO INTERNO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Galileo Ferraris REGOLAMENTO INTERNO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "Galileo Ferraris" REGOLAMENTO INTERNO Parte I - Alunni ART. 1 FINALITA Il fine della scuola è quello di favorire la formazione e lo sviluppo delle attitudini dei giovani

Dettagli

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi Capo 3. Funzionamento delle scuole Art.22. Premesse a) Il processo di realizzazione dell autonomia deve essere inteso come l acquisizione graduale, da parte di tutti i plessi dell Istituto, di responsabilità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 12. Prot. n. 4643/A32 Bologna, 17.09.2012

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 12. Prot. n. 4643/A32 Bologna, 17.09.2012 Prot. n. 4643/A32 Bologna, 17.09.2012 -A tutto il personale dell'i.c. Loro sedi -All albo informatico Oggetto: norme di funzionamento generale Con la presente circolare si evidenziano le norme di funzionamento

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena per la Grafica ed il Sistema Moda Corsi Professionali Regionali di Grafica e Moda

Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena per la Grafica ed il Sistema Moda Corsi Professionali Regionali di Grafica e Moda REGOLAMENTO DI ISTITUTO INDICE ART. 1 FINALITA ART. 2 TEMPI 1. Orario di ingresso 2. Ritardi 3. Uscite anticipate 4. Uscite temporanee dall aula 5. Variazioni orario giornaliero 6. Assenze alunni ART.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.G. BOSCO CAMPOBELLO DI LICATA REGOLAMENTO INTERNO A.S. 2012/2013

DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.G. BOSCO CAMPOBELLO DI LICATA REGOLAMENTO INTERNO A.S. 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.G. BOSCO CAMPOBELLO DI LICATA REGOLAMENTO INTERNO A.S. 2012/2013 Il presente regolamento si ispira alla seguente visione della scuola: La scuola è una comunità di dialogo,

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE SALVATORE QUASIMODO Via Volta 25-20013 MAGENTA Tel. 02/9794892 Fax 02/9784834

LICEO CLASSICO STATALE SALVATORE QUASIMODO Via Volta 25-20013 MAGENTA Tel. 02/9794892 Fax 02/9784834 Estratto del Regolamento d Istituto TITOLO VI ALUNNI PREMESSA Lo Statuto degli Studenti, entrato in vigore col DPR 24/06/1998 n.249, introduce importanti garanzie riguardanti la vita all'interno della

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DI SORVEGLIANZA SUGLI ALUNNI

REGOLAMENTO INTERNO DI SORVEGLIANZA SUGLI ALUNNI ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO D. ALIGHIERI DI NOCERA UMBRA Scuola Primaria FULVIO SBARRETTI Casebasse ANNO SCOLASTICO 2013 2014 REGOLAMENTO INTERNO DI SORVEGLIANZA SUGLI ALUNNI Indice 1) Durante lo svolgimento

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

Padova, 22.09.2012. Agli alunni dell Istituto. Ai genitori degli alunni. Ai docenti dell Istituto. Al personale ATA dell Istituto

Padova, 22.09.2012. Agli alunni dell Istituto. Ai genitori degli alunni. Ai docenti dell Istituto. Al personale ATA dell Istituto ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE(Ec/S o c ) LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Via del Santo, n. 57-35123 PADOVA tel.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Cellatica Collebeato Viale Risorgimento, 23 25060 Cellatica (BS) Tel: 030.2770188-0302774730 - Fax: 030.2525792 C. F.

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO

REGOLAMENTO D'ISTITUTO 5. 6. Istituto Comprensivo di CASELETTE Strada Contessa, 90 10040 Caselette (TO) Istituto Comprensivo tel. 011/9688866 di Caselette fax 011/9687724 Strada Contessa, 90 e-mail: 10040 segreteria@iccaselette.it

Dettagli

COLLABORATORI SCOLASTICI

COLLABORATORI SCOLASTICI COLLABORATORI SCOLASTICI La vita della scuola si esplica attraverso la responsabile collaborazione tra tutte le componenti nell esercizio delle rispettive competenze. Stili di comportamento improntati

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE

LICEO SCIENTIFICO STATALE Bari, 16.09.2015 CIRCOLARE N 19 Al Personale Docente e A.T.A. Al DSGA Agli Alunni e Genitori All Albo Oggetto: Direttiva vigilanza e sicurezza. Disposizioni organizzative sulla vigilanza degli alunni Loro

Dettagli

Per opportuna conoscenza si invia la circolare in oggetto, affinché tutto il personale segua le disposizioni in essa contenute.

Per opportuna conoscenza si invia la circolare in oggetto, affinché tutto il personale segua le disposizioni in essa contenute. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ANTONIO ZANELLI Sezione Tecnica Agraria (Produzioni e trasformazioni Gestione ambiente e territorio) Sezione Tecnica Chimica, materiali e biotecnologie sanitarie Sezione

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 7 OTTOBRE 2014 PREMESSO CHE: la Scuola ha l obbligo della sorveglianza degli allievi per tutto il tempo in cui gli

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Art. 1 ENTRATA RITARDI USCITE - ACCESSO a) Gli alunni della scuola dell infanzia potranno entrare dalle ore 7,45 su richiesta motivata della famiglia e con permesso firmato dal Dirigente.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA ELEMENTARE e MEDIA STATALE PISACANE e POERIO. Via Pisacane, 9 20129 Milano Tel. 02.88448870 Fax. 02.

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA ELEMENTARE e MEDIA STATALE PISACANE e POERIO. Via Pisacane, 9 20129 Milano Tel. 02.88448870 Fax. 02. ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA ELEMENTARE e MEDIA STATALE PISACANE e POERIO Via Pisacane, 9 20129 Milano Tel. 02.88448870 Fax. 02. 88448882 Elementare: Pisacane-Poerio Cod. Mecc. MIEE8B7001D Media: Locatelli-Oriani

Dettagli

REGOLAMENTO DI CIRCOLO

REGOLAMENTO DI CIRCOLO REGOLAMENTO DI CIRCOLO Il presente regolamento raccoglie le più importanti decisioni riguardanti l assetto organizzativo del Circolo, tutte le componenti ( genitori, alunni, personale docente, personale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6 Guida all Emergenza per il personale della scuola Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole 1 Definizione

Dettagli

Regolamento utilizzo Laboratori di Informatica

Regolamento utilizzo Laboratori di Informatica Allegato K-4 Regolamento utilizzo Laboratori di Informatica Art.1 Premessa L istituto promuove la piena e completa fruizione dei laboratori informatici da parte degli studenti e dei docenti. Tale utilizzo

Dettagli

ITCG ArgentiA REGOLE DI COMPORTAMENTO

ITCG ArgentiA REGOLE DI COMPORTAMENTO 1) ORARIO DI LEZIONE ITCG ArgentiA REGOLE DI COMPORTAMENTO Questo è l orario delle attività didattiche fin qui seguito, fatte salve eventuali nuove disposizioni. Orario Primo Quadrimestre Secondo Quadrimestre

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola)

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola) Sicurezza. Energia. Ambiente Guida all Emergenza ( per tutto il personale interno alla scuola) Consigli pratici e norme di comportamento in caso di emergenza Terremoto o Incendio nelle scuole (Agg. Settembre

Dettagli

SCUOLA INFANZIA COLLODI. F.lli GRIMM REDECESIO

SCUOLA INFANZIA COLLODI. F.lli GRIMM REDECESIO REGOLAMENTO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO SABIN SCUOLA INFANZIA COLLODI F.lli GRIMM REDECESIO ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 1 1. CALENDARIO SCOLASTICO Il calendario scolastico è fissato dalla Regione. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 - 1 - INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

Art. 1 Entrata degli alunni 1. Entrata degli alunni 1. Entrata degli alunni

Art. 1 Entrata degli alunni 1. Entrata degli alunni 1. Entrata degli alunni Pag. 1 di 10 Il presente regolamento integra il regolamento d istituto per la parte relativa alla vigilanza e ne diventa parte integrante, a far data dal giorno successivo della approvazione da parte del

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Redatto il 05. 10. 2011 dal Servizio di Prevenzione e Protezione della Scuola Definizione

Dettagli

Prot. n. 829/A12 Rende, 23 febbraio 2012 D E C R E T A

Prot. n. 829/A12 Rende, 23 febbraio 2012 D E C R E T A Prot. n. 829/A12 Rende, 23 febbraio 2012 LA DIRIGENTE SCOLASTICA Visto il D.P.R. n. 275/99; Visto il D.L.vo n. 165/2001; Visto il T.U. delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative

Dettagli

PARTE SETTIMA REGOLAMENTO DI SICUREZZA. Art. 1 NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI SICUREZZA

PARTE SETTIMA REGOLAMENTO DI SICUREZZA. Art. 1 NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI SICUREZZA PARTE SETTIMA REGOLAMENTO DI SICUREZZA Art. 1 NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI SICUREZZA E obbligatorio tenere un comportamento corretto e astenersi dal compiere atti che possano disturbare l attività altrui

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola)

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola) Guida all Emergenza ( per tutto il personale interno alla scuola) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole (Agg. Novembre 2012) A cura dello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO Via Palona, 11/B 41014 CASTELVETRO DI MODENA (MO)

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO Via Palona, 11/B 41014 CASTELVETRO DI MODENA (MO) ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO Via Palona, 11/B 41014 CASTELVETRO DI MODENA (MO) Prot. n. 4051 /A 01 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il CCNL; VISTO il Piano dell offerta formativa deliberato dal Consiglio

Dettagli

Documento sulla sicurezza

Documento sulla sicurezza Sede direzione: Via Rosso di S. Secondo, 1-90135 Palermo Direzione 091/403197 Segreteria 091/409294 091/401406 C.F. 80013720828 C.M. PAEE017009 www.deamicispa.govi.it e-mail paee017009@istruzione.it -

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE COLASANTO ANDRIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE COLASANTO ANDRIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE COLASANTO ANDRIA prot. n. 3151 c41 Andria, 1 settembre 2011 CIRCOLARE N 1 Anno Scolastico 2011/12 - ORDINE DI SERVIZIO Ai docenti dell IPSSSP Colasanto di Andria

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI CAPO I : OSSERVAZIONI PRELIMINARI Art.1. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori

Dettagli

Prot.n. 3292 /C1 Salerno, 7 ottobre 2014 PROPOSTA PIANO DI LAVORO - ORDINE DI SERVIZIO PERSONALE COLLABORATORE SCOLASTICO A.S.

Prot.n. 3292 /C1 Salerno, 7 ottobre 2014 PROPOSTA PIANO DI LAVORO - ORDINE DI SERVIZIO PERSONALE COLLABORATORE SCOLASTICO A.S. LICEO CLASSICO STATALE "T. TASSO" - 84122 SALERNO Piazza S. Francesco, 1 - Tel. 089/225424, fax: 089/225598 e-mail:sapc12000x@pec.istruzione.it sito web:www.liceotassosalerno.gov.it Prot.n. 3292 /C1 Salerno,

Dettagli

MANSIONARIO COLLABORATORI SCOLASTICI

MANSIONARIO COLLABORATORI SCOLASTICI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) C. F. 90016560923 Cod. Min. CAIC82000T Tel. 0781/854078 Fax 0781/855471

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTREZZATO. Via G.Marconi, 35-25030 Castrezzato (BS) C.M. BSIC86300C. Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTREZZATO. Via G.Marconi, 35-25030 Castrezzato (BS) C.M. BSIC86300C. Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTREZZATO Via G.Marconi, 35-25030 Castrezzato (BS) C.M. BSIC86300C. Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Regolamento Interno (D.P.R. 275/1999 D.I. 44/2001) approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA I S T I T U T O C O M P R E N S I V O VIA GIOLITTI 20022 CASTANO PRIMO (MI) Tel. 0331/880344 Fax 0331/877311 REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art. 1 - Frequenza scolastica La frequenza degli alunni è

Dettagli

Regolamento per il Personale ATA ASSISTENTI AMMINISTRATIVI

Regolamento per il Personale ATA ASSISTENTI AMMINISTRATIVI Chimica, Materiali e Biotecnologie Grafica e Comunicazione Trasporti e Logistica Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Scuol@2.0 Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06135 Perugia Centralino

Dettagli

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza 1. Applicabilità. Il presente regolamento interno viene predisposto dall OMCeO di Monza e Brianza al fine di regolarizzare lo svolgimento

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. A.S. 2013/2014 A.S. 2014/2015

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO DELLE SCUOLE DELL'INFANZIA Premessa La scuola dell infanzia è il luogo dell apprendimento e della socializzazione, l ambiente in cui i bambini sviluppano le capacità di interazione con la realtà

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO dell ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO ai sensi del Decreto legislativo 16 aprile 1994 n. 297 articolo 10 comma 3 lettere a ed e

REGOLAMENTO INTERNO dell ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO ai sensi del Decreto legislativo 16 aprile 1994 n. 297 articolo 10 comma 3 lettere a ed e Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Istituto Onnicomprensivo annesso al Convitto Nazionale C. Colombo Scuola primaria - scuole secondarie di I grado liceo scientifico Sede (uffici e scuole):

Dettagli

SCUOLE PRIMARIE REDECESIO RODARI (MILANO 2)

SCUOLE PRIMARIE REDECESIO RODARI (MILANO 2) REGOLAMENTO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO SABIN SCUOLE PRIMARIE REDECESIO RODARI (MILANO 2) ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 1 REGOLAMENTO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO SABIN Scuola primaria Rodari Scuola primaria

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI PREMESSO CHE: la Scuola ha l obbligo della sorveglianza degli allievi per tutto il tempo in cui gli stessi sono ad essa affidati; l attività di vigilanza viene

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei Laboratori di Informatica

Regolamento per l utilizzo dei Laboratori di Informatica ISTITUTO SUPERIORE DI TRESCORE BALNEARIO Lorenzo Lotto Istituto Tecnico Commerciale Istituto Professionale per i servizi Commerciali, Turistici e Sociali Via dell'albarotto - 24069 TRESCORE BALNEARIO (Bg)

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto di Istruzione Superiore Guglielmo Oberdan Istruzione Liceale - Istruzione Tecnica Economica viale Merisio n. 14-24047 TREVIGLIO (BG)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA DEL PERSONALE

PIANO DELLE ATTIVITA DEL PERSONALE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CANNETO SULL OGLIO VIA FERRANTE APORTI N. 5 46013 CANNETO SULL OGLIO (MN) -------------------------------------------------------- 0376/70171 0376/724087 iccanneto@virgilio.it codice

Dettagli

04 15/01/14 Inserimento cartella personale 03 15/10/13 Cambio intestazione 02 2/05/09 III edizione

04 15/01/14 Inserimento cartella personale 03 15/10/13 Cambio intestazione 02 2/05/09 III edizione I.S. PRU04 Pag. 1 di 9 Procedura GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. RESPONSABILITA 5. MODALITA OPERATIVE 6. MODULISTICA APPLICABILE REV. DATA MOTIVAZIONE

Dettagli

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini SEDE CENTRALE di via XXV aprile n 86 Centro Scolastico Vigili del fuoco Ala sud Arezzo Veduta aerea Ingresso

Dettagli

REGOLAMENTOD'ISTITUTO

REGOLAMENTOD'ISTITUTO Istituto Comprensivo G. PHILIPPONE REGOLAMENTOD'ISTITUTO Anno scolastico 2014/2015 Disposizioni per gli alunni Art. 1 - Gli alunni entrano all orario prefissato e sono accolti dai docenti, supportati dal

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 87010 SAN SOSTI (CS)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 87010 SAN SOSTI (CS) Prot.n. 2143/B10 Al Dirigente Scolastico - Sede - OGGETTO : Proposta piano di lavoro a.s. 2011/12 inerente alle prestazioni dell orario di lavoro e l attribuzione degli incarichi di natura organizzativa.-

Dettagli

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria.

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PERIODO: ANNI 2013 E 2014

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole

Guida all Emergenza. ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole Guida all Emergenza ( per il personale docente) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole (Agg. Novembre 2012) A cura dello Studio Tecnico Si.En.A.

Dettagli

La sicurezza a scuola

La sicurezza a scuola La sicurezza a scuola dal dglv 626/94 al Dglv 81/08 Testo unico salute e sicurezza La valutazione dei rischi I principali fattori di rischio nell ambiente scolastico Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA N. 39 Parma, 10/10/2012

COMUNICAZIONE INTERNA N. 39 Parma, 10/10/2012 DIREZIONE DIDATTICA DI VIA F.LLI BANDIERA Via F.lli Bandiera n. 4/a 43125 PARMA Tel. 0521/984604 - Fax 0521/1910846 - E-mail corazza@scuole.pr.it C.F. n.. 92144100341 - Cod. Min.: PREE020007 COMUNICAZIONE

Dettagli

JANNUZZI MONS. DI DONNA

JANNUZZI MONS. DI DONNA Prot. n. 5137/A23 del 21/11/2014 REGOLAMENTO SULLA SICUREZZA E PREVENZIONE Informazioni al personale in applicazione dell art. 36 del D.Lgs. 81/08 PRESENTAZIONE Anche nella scuola, come negli altri luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI LABORATORI INFORMATICI

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI LABORATORI INFORMATICI ISTITUTO TECNICO STATALE " ATERNO - MANTHONE' " Pescara REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI LABORATORI INFORMATICI Regole generali 1. L'accesso ai Laboratorio Informatici è subordinato all'accettazione incondizionata

Dettagli

COMUNICATO N. 2 AI DOCENTI DI TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA TUTTI I PLESSI AL SITO D ISTITUTO

COMUNICATO N. 2 AI DOCENTI DI TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA TUTTI I PLESSI AL SITO D ISTITUTO COMUNICATO N. 2 AI DOCENTI DI TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA TUTTI I PLESSI AL SITO D ISTITUTO AL DSGA AL PERSONALE ATA ALL ALBO DI TUTTI I PLESSI Oggetto: Sicurezza nelle scuole. Norme di comportamento Con

Dettagli

Scuola secondaria Statale ITCeG L. Einaudi Documento di valutazione dei rischi per la maternità Revisione n 3 del 16-09-2010

Scuola secondaria Statale ITCeG L. Einaudi Documento di valutazione dei rischi per la maternità Revisione n 3 del 16-09-2010 1/9 Azienda : (D.lgs 151/01) Il presente documento è finalizzato ad identificare la presenza di fattori di rischio per le lavoratrici madri e per individuare le misure di prevenzione e le procedure necessarie

Dettagli

Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola

Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola Manuale delle procedure per la sicurezza a scuola MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi dell art.30 del d.lgs. 81/08 come modificato dal d.lgs. 106/09 Nti Questo

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO

Il DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA IV CIRCOLO OLBIA Via Vignola, 54 07026 Olbia - SS - Tel. 0789 51.602 - Fax 0789 57.205 Sito web: http://www.dd4olbia.it e-mail: ssee05200q@istruzione.it Codice Fiscale: 91003170908

Dettagli

Istituto Comprensivo Luigi Valli di Narni Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente E.D.A.

Istituto Comprensivo Luigi Valli di Narni Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente E.D.A. 1 Indice Premessa...3 Tipologia degli interventi...3 Iscrizioni...3 Accoglienza...4 Ore di ricevimento...4 Costi a carico dell'utenza...4 Frequenza delle lezioni...4 Certificazioni rilasciate...4 Smarrimenti

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Scuola primaria G.Leopardi Via Crivelli a.s. 2012/13

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Scuola primaria G.Leopardi Via Crivelli a.s. 2012/13 PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Scuola primaria G.Leopardi Via Crivelli a.s. 2012/13 IL REFERENTE DEL S.P.P. Corato Patrizia Assegnazione incarichi per emergenza Emanazione ordine di evacuazione e

Dettagli

Prot. 139 Nocera Inferiore 20/01/2014

Prot. 139 Nocera Inferiore 20/01/2014 Scuola Secondaria I grado Solimena De Lorenzo Via Nola N. 1 Nocera Inferiore 84014 (SA) 0815176356-Fax 081-3615856 e-mail: samm12100a@istruzione.it e-mail certificata: samm12100a@pec.istruzione.it Sito

Dettagli

DIRETTIVA DIRIGENZIALE OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. -

DIRETTIVA DIRIGENZIALE OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. - DISTRETTO SCOLASTICO N. 27 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO G. Rodari 80024 CARDITO (NA) - Via Prampolini - Tel. 081 8313317 Cod.Fiscale: 80103720639-Cod.Meccanog. NAEE 118005 e-mail naee118005@istruzione.it

Dettagli

Label English for young students. UNI EN ISO 9001 Certificato n. 521

Label English for young students. UNI EN ISO 9001 Certificato n. 521 UNI EN ISO 9001 Certificato n. 521 Label English for young students Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MEDIGLIA Via Europa, 4 20060 Mediglia (Milano)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

VADEMECUM DEL DOCENTE

VADEMECUM DEL DOCENTE Istituto di Istruzione Superiore S. Ceccato P.le Collodi, 1 36075 Montecchio Maggiore (VI) VADEMECUM DEL DOCENTE Assemblee di classe: Sono autorizzate dal Dirigente Scolastico compilando l apposita modulistica

Dettagli

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione:

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO E USO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA

REGOLAMENTO DI ACCESSO E USO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA REGOLAMENTO DI ACCESSO E USO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA FINALITA Il laboratorio di Informatica è una risorsa didattica e formativa indirizzata a tutte quelle materie che ne prevedano l uso. In esso

Dettagli

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ

PIANO ANNUALE delle ATTIVITÀ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Sermide Via Zambelli, 2 46028 Sermide (MN) Tel. 0386 61101 Fax. 0386 960476 email: mnic82200r@istruzione.it - info@icsermide.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO 2012/2013

PIANO DI LAVORO 2012/2013 MINISTERO DELL ISTRUZIONE UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO SCOLASTICO STATALE ISTITUTO COMPRENSIVO ORSA MAGGIORE 00144 Roma Via dell Orsa Maggiore, 112 Municipio

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI IN TUTTI I LOCALI SCOLASTICI E obbligo per tutto il personale: attenersi e far attenere gli alunni alle disposizioni ai fini della prevenzione e protezione individuale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO)

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) INDICAZIONI GENERALI 1. Modifiche strutturali, modifiche e/o manutenzione

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA Allegato 02 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli