Gli ordini architettonici nell architettura classica e classicistica. Laboratorio di Rilievo Novembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli ordini architettonici nell architettura classica e classicistica. Laboratorio di Rilievo Novembre 2011"

Transcript

1 Gli ordini architettonici nell architettura classica e classicistica Laboratorio di Rilievo Novembre 2011

2 Ordine architettonico = sistema di norme stilistiche e proporzionali per regolare la composizione di elementi che interagiscono fra loro in un intero organico e armonico

3 Due concetti base: MODULO = matrice geometrica scelta e ripetuta COMMODULARITÀ = proporzionalità (in greco sinmetrìa )

4 Si vede solo ciò che si conosce

5 Ordine architettonico una lingua da imparare, da decodificare

6 Analogia con la grammatica

7 Analogia con la musica ordine in greco = rythmòs

8 Perché non conosciamo più questa lingua?

9 Genesi e significato dell Ordine Il sistema degli ordini si sviluppa come risposta ad un esigenza di ordine politico, economico, sociale. I numeri e la geometria, con i loro principi armonici e oggettivi, sembravano garantire un controllo estetico e formale sulla realtà barbarica e sulla natura caotica.

10 Libertà nella pratica costruttiva ed evoluzione delle combinazioni degli elementi L ordine architettonico era un complesso di norme che funzionava da: - quadro di riferimento per la pratica costruttiva - sintesi delle evoluzioni più che verità assolute a cui attenersi.

11 Le grandi metafore nella Genesi dell Ordine La colonna: - pietrificazione formalizzata degli antichi tronchi d albero (tempio: capanne lignee dei progenitori) secondo la metafora naturalistica

12 Le grandi metafore nella Genesi dell Ordine La colonna: - derivazione dei rapporti proporzionali dal corpo umano secondo la metafora antropomorfica Il rapporto proporzionale più antico, quello DORICO, voleva la colonna alta 6 volte il suo diametro di base, come l uomo è alto 6 volte la lunghezza del suo piede.

13

14 anche l Architettura è MIMESIS, imitazione della Natura, sommo scopo dell Arte

15 Una ricerca ed un aspirazione che continuarono a permeare la progettualità degli architetti rinascimentali

16 Trattati di architettura in cui si descrivono o codificano gli ordini VITRUVIO - Dieci libri di Architettura noto come De Architectura (27 a.c. circa) (giunto senza illustrazioni; noto nel medioevo attraverso traduzioni; testo latino ritrovato nel 1414) ALBERTI - De Re Aedificatoria (1485) SERLIO - (1537) VIGNOLA - La Regola delli Cinque Ordini d Architettura (1562) PALLADIO (1570)

17 Gli ordini architettonici nell antica Grecia

18 Sintassi dell ordine architettonico Trabeazione cornicione fregio architrave Parti principali Colonna capitello fusto base Piedistallo (mancante nell ordine classico) cimasa dado basamento (zoccolo) Membri

19 listello, filetto, pianetto o regolo astragalo o tondino ovolo o echino diritto (e rovescio) Elementi (o porzioni / modanature) guscio, cavetto o cimbia Le 8 modanature regolari gola diritta o lesbia (e variante di base) gola rovescia o dorica (e variante di base) scozia (dal greco scòtos, oscurità) o tròchilo toro (dal latino torus, cordone) o bastone

20 Ornamenti Modanature e motivi ornamentali

21 La serie naturale ascendente dei cinque ordini secondo Vitruvio (da Vitruvio Amati, tav.1) 1 Tuscanico 2 Dorico 3 Ionico 4 Corinzio 5 Composito

22 Codice classico Regola classicista Variegata libertà espressiva e flessibilità di combinazioni all interno di un unico linguaggio condiviso e codificato Tendenza dei 3 ordini antichi, nel corso dei secoli, ad omologarsi nelle proporzioni e nelle dimensioni, differenziandosi solo per connotazioni morfologiche e decorative (es.: il dorico) Nel Classicismo dell età moderna standardizzazione delle possibili combinazioni all interno dei 5 ordini inequivocabilmente diversificati per proporzioni e dimensioni, e per caratteristiche decorative Tendenza dei 5 ordini ad assomigliarsi nella struttura compositiva

23 Regola classicista: Attributi specifici di ciascun ordine dal punto di vista EMBLEMATICO- CONCETTUALE: TUSCANICO DORICO IONICO CORINZIO COMPOSITO spoglio e rozzo severo e marziale elegante e femmineo raffinato e virginale sontuoso e regale

24 Proporzionamento degli ordini architettonici I 5 ordini uniformati alla medesima altezza. In questa figura possiamo apprezzare la progressione proporzionale del rapporto modulare, secondo le indicazioni del Vignola.

25 Proporzionamento degli ordini architettonici Possiamo ricordare che in massima: - il piedistallo è alto circa 1/3 della colonna - la trabeazione è alta circa 1/4 - l altezza della colonna varia nei 5 ordini: Tuscanico: 7 diametri Dorico: 8 diametri (o 7 ½) Ionico: 9 diametri Corinzio: 10 diametri (o 9 ½) Composito: 10 diametri (Colonna tuscanica in fig.)

26 Proporzionamento degli ordini architettonici I criteri di proporzionamento consentono di trovare altezze e aggetti delle varie parti della struttura, una volta fissata una sola grandezza caratteristica. Le PROCEDURE di proporzionamento ricavabili dai trattati sono riconducibili a TRE TIPOLOGIE: 1 Procedura delle partizioni successive 2 Procedura dei sottomultipli 3 Procedura metrica decimale (Colonna tuscanica in fig.)

27 1 Procedura delle partizioni successive (Vitruvio, Leonardo, Alberti, Palladio) Ogni dimensione viene ricavata da quelle che precedono, per divisioni successive. Esempio della base attica della colonna ionica in Vitruvio: - Larghezza = 1 diametro e 1/2. Altezza = 1/2 diametro. - Dividere in 3 l altezza. Al plinto dedicare 1/3 inferiore. - Dividere i 2/3 rimanenti in 4 parti. Al toro superiore dedicare 1/4 superiore. - Dividere quel che resta in 2 parti. 1/2 va alla scozia e 1/2 al toro inferiore.

28 2 Procedura dei sottomultipli (Vignola) Il modulo viene diviso in parti più piccole, dette minuti, che funzionano da sottomultipli. Palladio divide il modulo (1 diametro) in 60 minuti. Vignola divide il suo modulo (1/2 diametro, raggio) - in 12 minuti per gli ordini tuscanico e dorico; - in 18 minuti per gli ordini ionico, corinzio e composito. Esempio della base attica della colonna ionica in Vignola: Altezza = 1 modulo. 6 minuti al plinto 3 minuti al toro superiore 4 minuti alla scozia 4 minuti al toro inferiore

29 3 Procedura metrica decimale (Chitham) Si attribuiscono dei valori numerici al modulo, assunto come UNITA di misura, e alle varie parti del modulo. (Si perde qualsiasi rapporto con il disegno ) Esempio della base attica: per il plinto (1/3 del raggio) per il toro superiore per la scozia per il toro inferiore In tutto 0.5 cioè mezzo diametro, mezzo modulo di Vitruvio, 1 modulo di Vignola.

30 La procedura di proporzionamento che ha più senso per chi vuol rilevare e capire l architettura classica è sicuramente quella vitruviana delle partizioni successive, perché costringe a considerare sempre l insieme, e prima le grandi masse e poi quelle minori. (da Migliari 1991)

31 TEORIA / PRATICA Il rigore teorico veniva moderato dalle ragioni della pratica costruttiva. Si applicavano e giustificavano, ad esempio: Deformazioni architettoniche per la correzione prospettica Lo scopo è di far apparire perfetta la costruzione che, per fenomeni prospettico-visuali, non sarebbe risultata tale se le regole dell ordine fossero state rispettate in maniera ferrea.

32 Deformazioni architettoniche su stereobate e trabeazione, per ottenere le relative correzioni ottiche Trabeazione inclinata in avanti per favorire la visione dal basso Nel complesso convergenza dei prospetti verso il centro

33 Deformazione delle colonne esterne Le colonne angolari della fronte del tempio venivano realizzate più grandi rispetto alle altre e sensibilmente più inclinate verso il centro della facciata, per non risultare all apparenza più esili e spinte verso l esterno.

34 La rastremazione del fusto delle colonne: Il fusto si restringe gradualmente a partire da 1/3 dell altezza, fino a misurare i 5/6 del diametro entasi a) b) a) doriche e tuscaniche b) ioniche, corinzie e composite

35 Metodi per rastremare le colonne secondo il Vignola

36 Metodi per rastremare le colonne secondo il Vignola

37 L ORDINE TUSCANICO Si definì in ambiente etrusco ed italico come variante locale dell ordine dorico Venne impiegato soprattutto nell architettura romana Fu ripreso ed elaborato in età rinascimentale, soprattutto dal Cinquecento in poi (noto anche come ordine toscano o rustico) Vitruvio lo considera un ordine secondario, come il Composito

38 L ORDINE TUSCANICO Morfologia: molto simile al DORICO da cui deriva (vedi). Dimensioni: maggiorate. Rapporto entasi altezza della colonna: 1:6 (per Vignola 1:7)

39 L ORDINE DORICO E il più antico tra gli ordini greci Si definì nel Peloponneso, abitata dai Dori Si diffuse già nel VI sec. a.c. in tutta la Grecia continentale e nelle colonie dell Italia meridionale e della Sicilia Fu soggetto ad una continua evoluzione nel tempo per quanto riguarda l aspetto e le proporzioni (per questo fu codificato il tuscanico)

40 L ORDINE DORICO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE sporgente; FREGIO suddiviso in metope e triglifi. COLONNA: CAPITELLO formato da abaco ed echino; FUSTO rastremato verso l alto; BASE mancante nel modello greco, formata da plinto e toro nel modello romano. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:6 nel modello greco antico (per Vignola 1:8)

41 I triglifi del fregio ricordano le tavolette di terracotta che originariamente proteggevano le teste delle travi di legno, impedendo che marcissero, facilitando con le scanalature il defluire dell acqua piovana. Le metope rappresentano le lastre poste a chiusura degli spazi lasciati vuoti dalle teste delle travi. Fig. da Chitham 1987

42 Capitello DORICO e TUSCANICO Nello stesso blocco può essere intagliato il "collarino", che costituisce la parte superiore del fusto della sottostante colonna. Inoltre l'echino e/o i lati dell'abaco possono ricevere una decorazione. Roma, Foro Romano, pertinente all'arco "Partico" di Augusto

43 Es. Dorico Tempio di Poseidon a Paestum

44 Es. Dorico Tempio di Segesta (Sicilia nord-occidentale)

45 Es. Dorico S. Domenico, Noto ( ) Ordine inferiore: Dorico Ordine superiore: Ionico Tempio Canoviano, Possagno (TV) (progetto di Canova)

46 Es. Tuscanico Arena di Verona (I sec. d.c.) Disegno dell ala in un incisione di Scipione Maffei (tutta la facciata monumentale originaria si presentava in questo modo)

47 Es. Tuscanico Mercati di Traiano, Roma (II sec. d.c.) Capitello tuscanico (con collarino) di lesena

48 Es. Tuscanico Tempietto di S. Pietro in Montorio, Roma (Bramante, 1502)

49 Es. Tuscanico Vestibolo della Biblioteca Laurenziana, Firenze (Michelangelo, )

50 Es. Tuscanico Progetti di Palladio barchessa della Villa Badoer (provincia di Rovigo) Palazzo Chiericati, Vicenza Ordine inferiore: Tuscanico Ordine superiore: Ionico

51 Palazzo Farnese di Caprarola, scala elicoidale (Vignola, dal 1559)

52 L ORDINE IONICO Vuole tradurre nelle sue proporzioni ed elementi decorativi, l elemento femminile. Vitruvio giustifica la sua invenzione con la necessità di erigere un tempio adatto ad una dea (Diana). Si definì nelle città greche dell Asia Minore, fondendo elementi greci ed elementi desunti dalle vicine civiltà orientali Si diffuse nelle isole, in Grecia, in Magna Grecia e nell Etruria

53 L ORDINE IONICO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE decorata con dentelli; FREGIO continuo. COLONNA: CAPITELLO formato da abaco molto sottile, tipiche volute ed echino; FUSTO doppiamente rastremato; BASE ionica, formata da plinto, doppia scozia e toro, oppure attica, formata da plinto, toro, scozia e toro. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:7 nel modello greco antico (per Vignola 1:9)

54

55 Tempio di Atena Nike (420 a.c.), acropoli di Atene Es. Ionico

56 Facciata del Tesoro dei Sifni ( a.c.), Delfi (foto del 1900) Si trattava di un tempietto ionico con due cariatidi in sostituzione delle colonne. Oggi è ricostruito con copie dei materiali originali che sono conservati nel Museo di Delfi.

57 Capitello IONICO Nel capitello ionico, tra echino e abaco si inserisce un nastro, chiamato "canale delle volute", che si arrotola poi in due grandi volute che sporgono inferiormente al di sotto dell'echino. O O P P P Pp È P P pa

58 L'inserimento delle volute differenzia le facce in cui queste sono presenti e su cui l'echino rimane visibile, mentre i fianchi sono occupati dal "rocchetto". Esiste tuttavia una variante con volute disposte in obliquo e con quattro facce principali, denominata "a quattro facce". Anche in questo caso il capitello può essere intagliato insieme al "collarino" (con collarino"). Una variante sviluppata in ambiente italico, è caratterizzata da volute che tendono a deformarsi verso il basso e da altri elementi non canonici; spesso a quattro facce: si definisce "italico". Roma, tempio di Portuno ("della Fortuna Virile"), ordine di semicolonne sulle pareti della cella (età repubblicana). La decorazione del capitello ionico era completata in stucco, ancora parzialmente conservato. Capitello ionico di semicolonna

59

60 S. Maria in Trastevere, Roma Capitello ionico figurato di colonna reimpiegato sulle colonne della navata, forse dalle terme di Caracalla. Il capitello ionico presenta una testina al centro dei lati dell'abaco e dei piccoli busti all'occhio delle volute. Da notare anche la fronda vegetale che decora il canale delle volute e prosegue nella spirale delle volute stesse. Capitello ionico a imposta SS. Sergio e Bacco, Costantinopoli (Istanbul, Turchia) Es. Ionico

61 Es. Ionico Resti riassemblati di colonne ioniche, appartenenti al tempio di Afrodite (470 a.c.) nell area archeologica di Metaponto (Basilicata)

62 Es. Ionico Chiostro delle donne, Spedale degli Innocenti, Firenze (progetto del Brunelleschi, 1420 ca.)

63 Es. Ionico La Rotonda (Villa Almerico Capra), Vicenza (Palladio la iniziò nel 1566)

64 Es. Ionico Castle Coole ( ), Irlanda del Nord dettaglio del portico

65 L ORDINE CORINZIO E il più recente degli ordini greci Si sviluppò dalla fine del V sec. a.c., ma i primi esempi di capitelli corinzi che ci sono rimasti risalgono al IV sec. (tempio di Apollo a Bassae) Secondo la tradizione Callimaco ne fu l inventore, ispirato dall offerta votiva depositata sulla tomba di una giovane donna (cesto coperto da lastra, intorno al quale era cresciuta una pianta di acanto) Molto diffuso nell architettura romana e classicista

66 L ORDINE CORINZIO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE decorata con dentelli; FREGIO continuo e variamente decorato. COLONNA: CAPITELLO caratterizzato da foglie stilizzate di acanto e caulicoli, formanti il kalathos (= cesto intrecciato), sovrastato dall abaco; FUSTO doppiamente rastremato; BASE formata da plinto, toro, doppia scozia e toro. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:8 nel modello greco antico o 1:9 (per Vignola 1:10)

67

68

69 Capitello CORINZIO LL L L L Ll L L Lllll

70

71 Lavorazione per blocchi. Il singolo blocco prende il nome di ROCCHIO per i fusti di colonna o di semicolonna. Esempio: Capitello corinzio di colonna, blocco inferiore Roma, Largo Argentina (età repubblicana) Il capitello era intagliato in due blocchi: quello inferiore contraddistinto da due corone di foglie, dietro a cui si intravedono gli steli dei caulicoli.

72 Esempio di utilizzo dell ordine corinzio all interno di un tholos (tempietto a pianta circolare): Epidauro (360 a.c.) Resti delle fondamenta Ipotesi ricostruttiva del tholos

73 Capitello corinzio dal tholos di Epidauro (360 a.c.), musealizzato

74 Monumento di Lisicrate (335 a.c.), Atene Uno dei primi esempi di esterni in stile corinzio

75 Capitelli corinzi di lesene Ara Pacis Augustae (13-9 a.c.), Roma Il monumento è stato ricostruito sulla base di fonti scritte e figurative coeve e degli studi sugli scavi, poco lontano dal Campo Marzio dove si trovava in origine.

76 Interno del pronao Pantheon ( d.c.), Roma

77 Fonte battesimale del patriarca Callisto (730 circa), Cividale del Friuli (l antica Forum Julii) Capitelli corinzi Es. di persistenza dei modelli classici (seppur rielaborati) e di convivenza con l estro decorativo dell alto medioevo in epoca longobarda

78 Capitello corinzio con pulvino Spedale degli Innocenti, Firenze portico esterno (Brunelleschi, dal 1419)

79 Capitello corinzio con dado brunelleschiano (particolare tipo di pulvino cubico) su cui s impostano gli archi a tutto sesto Basilica di San Lorenzo, Firenze (Brunelleschi, dal 1420)

80 Es. Corinzio Portale in pietra Chiesa di S. Maria Novella, Orciano di Pesaro Baccio Pontelli (1432) architetto fiorentino al servizio dei Della Rovere

81 - Altari vasariani lungo le pareti delle navate laterali - Capitelli di lesena Tomba di Michelangelo (sopra modello in gesso) Basilica di Santa Croce, Firenze

82 Philadelphia Merchant's Exchange (Borsa di Philadelphia) (anni 30 del XIX sec.), USA Colonnato corinzio del portico semicircolare

83 L ORDINE COMPOSITO Ordine tipicamente romano, presente già in età augustea, utilizzato soprattutto in età flavia e severiana E chiamato anche trionfale perché utilizzato negli archi di trionfo Nel capitello si ha la caratteristica combinazione di elementi ionici e corinzi Vitruvio in realtà rifiuta di considerarlo un ordine distinto dal Corinzio, in quanto secondo lui non sono gli ornamenti a determinare l ordine, bensì la differenza di modulo proporzionale. E quindi, per lui, un ordine secondario

84 L ORDINE COMPOSITO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE decorata con dentelli; FREGIO continuo. COLONNA: CAPITELLO caratterizzato da foglie stilizzate di acanto e caulicoli, formanti il kalathos, sovrastato da echino e volute e dall abaco; FUSTO doppiamente rastremato; BASE formata da plinto, toro, doppia scozia e toro. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:8 o 1:9 (per Vignola 1:10)

85

86 Capitello COMPOSITO

87 Es. Composito Arco di Tito, d.c. 4 semicolonne d ordine composito per lato Primo esempio sicuramente datato del suo impiego a Roma

88 Es. Composito Capitello di epoca augustea reimpiegato nel Mausoleo di Santa Costanza (340), Roma

89 Cortile di Palazzo Medici- Riccardi, Firenze Michelozzo ( ) Nei tre livelli dell alzato si succedono tre ordini, evidenziando la destinazione dei locali attigui: - COMPOSITO per il cortile di rappresentanza - CORINZIO per il piano nobile - IONICO per la loggia che da accesso alle stanze di servizio.

90 Es. Composito Palazzo del Capitaniato, Vicenza (Palladio, )

91 Particolare dei capitelli delle semicolonne

92 Es. Composito Finto impianto architettonico negli affreschi di Paolo Veronese (1560 ca.), Villa Barbaro, Maser (TV)

93 Facciata della Chiesa dei Santi Michele e Gaetano ( ), Firenze

94 Gli ordini in architettura Riferimenti bibliografici Gabriele Morolli, Le membra degli ornamenti, Alinea, Firenze 1986 Robert Chitham, Gli ordini classici in architettura, Hoepli, Milano 1987 Riccardo Migliari, Il disegno degli ordini e il rilievo dell architettura classica: Cinque Pezzi Facili, in Disegnare, n. 2, Roma, 1991 Per approfondimenti sugli ordini architettonici antichi cfr.: Giorgio Rocco, Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. I. Il dorico, Liguori editore, Napoli 1994 Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. I. Lo ionico, Liguori editore, Napoli 2003

95 La conoscenza degli ordini per il rilievo (diretto o con sistemi a scansione)

96 Progetto / Rilievo I percorsi

97 Per rilevare e poi restituire il modello occorre saper riconoscere il sistema strutturale e decorativo, nei suoi elementi e rapporti interni

98 La selezione e l ordinamento dei punti da misurare deve seguire le stesse gerarchie che già si trovano incorporate nell edificio (da Migliari 1991)

99

100 Classificazione semantica per sistemi informativi 3D Il processo di segmentazione del modello 3D consiste in: - identificazione dei singoli elementi e della loro terminologia; - identificazione delle relazioni tra loro esistenti; - definizione dei volumi che essi occupano. A. M. Manferdini, F. Remondino, S. Baldissini, M. Gaiani, B. Benedetti, 3D modeling and semantic classification of archaeological finds for management and visualization in 3D archaeological databases, 2008

101 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

Gli ordini architettonici nell architettura romana

Gli ordini architettonici nell architettura romana Gli ordini architettonici nell architettura romana L approccio dei Romani agli ordini architettonici e alle loro regole è meno dogmatico e meno denso di implicazioni filosofiche, rispetto a quello degli

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

CONCETTI DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

CONCETTI DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA CONCETTI DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA - LA PROGETTAZIONE ANTICA - a cura di Santori Silvio PROGETTARE Individuare la forma e la sostanza delle strutture materiali in cui l uomo può svolgere le proprie

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

IL REIMPIEGO DI NEL A ROMA

IL REIMPIEGO DI NEL A ROMA IL REIMPIEGO DI ELEMENTI ARCHITETTONICI NEL BATTISTERO LATERANENSE A ROMA di Massimo Baldi Il complesso del Laterano Il battistero, lato strada Il portico di ingresso originale La Storia Fondato in epoca

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

Università Mediterranea di Reggio Calabria - facoltà di architettura - corso di progettazione prof. arch. Rita Simone. arch. Francesca Passalacqua

Università Mediterranea di Reggio Calabria - facoltà di architettura - corso di progettazione prof. arch. Rita Simone. arch. Francesca Passalacqua Università Mediterranea di Reggio Calabria - facoltà di architettura - corso di progettazione I prof. arch. Rita Simone contributi alla composizione Rappresentazione e significato del progetto in architettura

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

ABACO: parte superiore del capitello a forma di tavoletta su cui poggia l architrave o l arco.

ABACO: parte superiore del capitello a forma di tavoletta su cui poggia l architrave o l arco. ABACO: parte superiore del capitello a forma di tavoletta su cui poggia l architrave o l arco. ACANTO: elemento decorativo del capitello corinzio ispirato alle grandi foglie della pianta con lo stesso

Dettagli

Elenco dei reperti SEZIONE INTRODUTTIVA

Elenco dei reperti SEZIONE INTRODUTTIVA Elenco dei reperti SEZIONE INTRODUTTIVA Ricomposizione dell attico dei portici del Foro di Augusto con frammenti originali, calchi in resina e integrazioni in pietra calcarea Cariatide dall attico dei

Dettagli

PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA

PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA ISTITUTODI ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO SCIENTIFICO T. L. CARO CITTADELLA PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA Premessa. Gli obiettivi generali

Dettagli

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof.

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof. Dettaglio del Partenone, Atene La Grecia classica Storia dell arte - prof.ssa Tolosano DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta 480 a. C. I Greci sono sconfitti

Dettagli

CONVENTO DELLA CARITA

CONVENTO DELLA CARITA ATRIO CORINTIO O SIA CONVENTO DELLA CARITA IN VENEZIA di Andrea Palladio La scala a chiocciola più bella del mondo" J. W. Goethe, Viaggio in Italia Andrea Palladio Pseudonimo di Andrea di Pietro della

Dettagli

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34 ndice del volume 1 LE PRME CVLTÀ 1.1 La preistoria TEST ONLNE 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 2 Le tecniche pittoriche primitive 4 Le Grotte di Lascaux 6 1.1.3

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

Arte Greca. PERIODO ARCAICO: (650 480 A.C. VIII VII V SEC. A. C./METÀ)

Arte Greca. PERIODO ARCAICO: (650 480 A.C. VIII VII V SEC. A. C./METÀ) PERIODO ARCAICO: (650 480 A.C. VIII VII V SEC. A. C./METÀ) Arte Greca. Periodo Arcaico. Periodo di eccezionale fervore creativo durante il quale maturano le conquiste precedenti e vengono poste le basi

Dettagli

Lo spazio veniva ritualmente consacrato, separato dall altra terra da una chiusura o da confini (témenos) Vi sorgeva un altare per il sacrificio e

Lo spazio veniva ritualmente consacrato, separato dall altra terra da una chiusura o da confini (témenos) Vi sorgeva un altare per il sacrificio e Architettura greca I luoghi di culto Sebbene atti di culto potessero compiersi ovunque, i Greci considerarono sempre certe località come particolarmente atte al culto degli dei e ad essi più care. Erano

Dettagli

FLORENCE Lucci e Orlandini Design

FLORENCE Lucci e Orlandini Design FLORENCE Lucci e Orlandini Design In un tempo nel quale sempre meno sono le certezze, riacquistano valore la tradizione - come fonte di sicurezza - e la capacità di creare, con freschezza e innovazione

Dettagli

La cappella Pazzi 1429-1461

La cappella Pazzi 1429-1461 La cappella Pazzi 1429-1461 Cappella Pazzi era una aula dietro l altare dove la famiglia del committente aveva il diritto di sepoltura. Si pone accanto alla chiesa come una struttura che non ha bisogno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE CORSO DI STORIA DELL ARCHITETTURA Prof.ssa Irene Giustina Corso di Laurea in Ingegneria Civile V.O. Corso di Laurea

Dettagli

Visti i contenuti generali esposti nelle indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici

Visti i contenuti generali esposti nelle indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici DISCIPLINE PROGETTUALI INDIRIZZO ARCHITETTURA E AMBIENTE Premessa: Visti i contenuti generali esposti nelle indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento per il secondo biennio

Dettagli

Fig. 1 Guesdon, Padova a volo d uccello, 1849

Fig. 1 Guesdon, Padova a volo d uccello, 1849 Fig. 1 Guesdon, Padova a volo d uccello, 1849 Fig. 2 Aree centrali di Padova, Pianta di Giovanni Valle, 1784 Fig. 3 V. Dotto, Pianta di Padova circondata dalle mura vecchie, pubblicata dal Portenari, 1623

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 2 I (anno scolastico 2010/2011) MODULO N 1 Le rappresentazioni grafiche U.D.

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza

Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza Dossier Nella scuola Itinerari Europa Osservatorio Consulenza Per consultare l'archivio della sezione Lo stile prospettico della pittura romana di Emanuela Merluzzi* Quando nel Rinascimento si tradussero

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

STORIA E STORIE, DI PAESAGGI, DI ARCHITETTURE E DI CITTÀ Corso di Storia dell architettura, Anno accademico 2008-09, II semestre

STORIA E STORIE, DI PAESAGGI, DI ARCHITETTURE E DI CITTÀ Corso di Storia dell architettura, Anno accademico 2008-09, II semestre STORIA E STORIE, DI PAESAGGI, DI ARCHITETTURE E DI CITTÀ Corso di Storia dell architettura, Anno accademico 2008-09, II semestre 1. Architettura e città I parte. La Polis, l Urbe, gli incastellamenti Dalla

Dettagli

STORIE DI ARCHITETTURA

STORIE DI ARCHITETTURA Arch. Annalisa Dameri Dipartimento di Casa-Città Facoltà di Architettura II Politecnico di Torino STORIE DI ARCHITETTURA DALL ETÀ ANTICA ALL ETÀ MODERNA Il Pantheon e l antichità classica Indice L ordine

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA STORIA DELL ARTE PRIMO BIENNIO CLASSI PRIME E SECONDE OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' Finalità primaria dell insegnamento

Dettagli

Piano di lavoro annuale

Piano di lavoro annuale Piano di lavoro annuale Primo biennio a.s. 2013/2014 IL PIANO DI LAVORO RAPPRESENTA UNA IMPOSTAZIONE DEL PERCORSO PREVISTO DAL DOCENTE CHE PUÒ ESSERE MODIFICATO, INTEGRATO, PERSONALIZZATO NEL CORSO DELL

Dettagli

LA GRECIA LA GRECIA. Età arcaica (650-480 a.c.) Età classica (480-323 a.c.) Età ellenistica (323-31 a.c.) Storia dell Architettura

LA GRECIA LA GRECIA. Età arcaica (650-480 a.c.) Età classica (480-323 a.c.) Età ellenistica (323-31 a.c.) Storia dell Architettura Storia dell Architettura LA GRECIA Età arcaica (650-480 a.c.) Età classica (480-323 a.c.) 1 Età ellenistica (323-31 a.c.) LA GRECIA 1 Il tempio greco struttura e architettura ordine dorico ordine ionico

Dettagli

Nuovo ampliamento per l Ospedale di Venezia

Nuovo ampliamento per l Ospedale di Venezia Progetti Roberto Gamba Il progetto di un nuovo ospedale per Venezia fu ideato nel 1964 da Le Corbusier; non fu realizzato, ma è rimasto a testimoniare la possibilità di incidere con la nuova architettura

Dettagli

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331 MANESIOMO e RINASCIMENTO Vol II, pp. 322-331 331 XV-XVI XVI Rinascimento Scoperte geografiche e nuovo impulso a commercio ed economia ridanno fiducia nella scienza,, nella ragione e nell esperienza, quindi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 3 M (anno scolastico 2011/2012) MODULO N 1 Storia dell Arte U.D. 1 - Arte preistorica L

Dettagli

L acropoli di Atene con i suoi edifici il Partenone l Eretteo, i Propilei viene considerato l acme della cultura greca. Ovviamente lungi dalla

L acropoli di Atene con i suoi edifici il Partenone l Eretteo, i Propilei viene considerato l acme della cultura greca. Ovviamente lungi dalla Verso il 1300 la prosperità che aveva reso possibile le grandi costruzioni di Micene e Tirinto cominciò a declinare per ragioni non del tutto chiare. Alcuni suppongono l invasione dei Dori abbia determinata

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

Atene Monumenti ed edifici storici

Atene Monumenti ed edifici storici Atene Monumenti ed edifici storici Legenda dei punti riportati sulla mappa A Agorà Akropolis Agorà in greco significa piazza e la piazza nel mondo ellenico era il cuore della città dove si votavano le

Dettagli

Valorizzazione dell area archeologica di Caucana. Santa Croce Camerina (RG) RELAZIONE. Architetti Gaetano Manganello e Francesco Finocchiaro

Valorizzazione dell area archeologica di Caucana. Santa Croce Camerina (RG) RELAZIONE. Architetti Gaetano Manganello e Francesco Finocchiaro Regione Siciliana Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Area Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali Ragusa Valorizzazione

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 Sabato 3 marzo MONTE TESTACCIO Via Zabaglia, 24 / angolo Via Galvani È una collina

Dettagli

ARTE GRECA PERIODIZZAZIONE

ARTE GRECA PERIODIZZAZIONE ARTE GRECA PERIODIZZAZIONE In sintesi, possiamo suddividere l arte greca in tre periodi fondamentali: periodo di formazione periodo di maturazione periodo di diffusione. Il periodo di formazione va dal

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

Corso di Teoria e tecnica delle costruzioni storiche A.A. 2014-2015 Prof.Paolo Faccio

Corso di Teoria e tecnica delle costruzioni storiche A.A. 2014-2015 Prof.Paolo Faccio Corso di Teoria e tecnica delle costruzioni storiche A.A. 2014-2015 Prof.Paolo Faccio Lezione 31 Ottobre 2014 Arch.Elisa Fain Prima parte: tecniche costruttive utilizzate per l edificazione dei templi

Dettagli

Stucchi decorativi Produzione stucchi artistici e decorativi

Stucchi decorativi Produzione stucchi artistici e decorativi Stucchi decorativi Produzione stucchi artistici e decorativi Stucchi Cornici....................5 Angoli....................21 Fregi.....................29 Gusci....................35 Portaluci.................47

Dettagli

Individuazioni delle differenti vocazioni dei caratteri costruttivi in diverse aree culturali. 1. Area elastico-lignea

Individuazioni delle differenti vocazioni dei caratteri costruttivi in diverse aree culturali. 1. Area elastico-lignea Individuazioni delle differenti vocazioni dei caratteri costruttivi in diverse aree culturali 1. Area elastico-lignea La casa tradizionale inglese Hall di Stokesay Castle, Inghilterra 1900 c. Studio di

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

7 MAGGIO 2009 ALA ASSOARCHITETTI

7 MAGGIO 2009 ALA ASSOARCHITETTI 7 MAGGIO 2009 ALA ASSOARCHITETTI PERNOTTAMENTO IN HOTEL 3 STELLE SUPERIOR L'Hotel si trova in centro, nella zona di Piazza Fiume e Via Salaria, a dieci minuti a piedi da Via Veneto e Villa Borghese. I

Dettagli

Manierismo e Barocco nella chiesa dei Santi Medici a Conversano

Manierismo e Barocco nella chiesa dei Santi Medici a Conversano Manierismo e Barocco nella chiesa dei Santi Medici a Conversano Valentina Castagnolo 1 1 Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari, Italy valentina.castagnolo@poliba.it

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Grecia Atene Argolide Delfi

Grecia Atene Argolide Delfi Grecia Atene Argolide Delfi ITIS-ITC di Santhià A.S. 2010/2011 Viaggio di integrazione culturale Il viaggio: Santhià - Ancona Km 548 Tempo previsto 6h + soste 2 Il viaggio: Ancona - Patrasso Partenza da

Dettagli

Acropoli di Atene, essendo la parte più L elevata e più facilmente difendibile della città, risulta abitata fin da epoca preistorica

Acropoli di Atene, essendo la parte più L elevata e più facilmente difendibile della città, risulta abitata fin da epoca preistorica A12 Veduta ITINERARIO 3 L Acropoli di Atene Acropoli di Atene, essendo la parte più L elevata e più facilmente difendibile della città, risulta abitata fin da epoca preistorica e fu anche sede di un palazzo

Dettagli

Dal rinascimento al manierismo

Dal rinascimento al manierismo Dal rinascimento al manierismo Gia da Da Vinci, Bramante, Michelangelo e i grandi del rinascimento si ha un certo superamento della perfezione e dell equilibrio classico caratteristici dell arte e dell

Dettagli

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818 Arte romanica Il romanicoè quella fase dell'arte medievale europea sviluppatasi a partire dalla fine del X secolo fin verso la metà del XII secolo in Francia e nel primo decennio successivo negli altri

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

Anno scolastico 2012 / 2013

Anno scolastico 2012 / 2013 SCUOLA PARITARIA MARIA AUSILIATRICE Via Enrico Alvino, 9 NAPOLI Anno scolastico 2012 / 2013 Disciplina: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Classe: III LICEO SCIENTIFICO Docente: Prof.ssa BRANCA Antonella Libri

Dettagli

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997)

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) Corso di formazione per insegnanti 2 incontro Francesca Piccinini Coordinatrice del sito UNESCO di Modena 22 ottobre 2013 Modena nel

Dettagli

C1 2 C2 C3 S2 1 5 CPT1 9 S1 3 C4 8 CPT2 6 4 7 PIANTA DI RIFERIMENTO INDAGINI 1) Basilica 2) Edificio del Palladio 3) Edificio di A. Selva 4) Edificio di epoche diverse 5) Edificio di epoche diverse 6)

Dettagli

L Architettura a Venezia e Palladio

L Architettura a Venezia e Palladio 120310_Conigliaro, Architettura a Venezia e Palladio Pagina 1 di 6 L Architettura a Venezia e Palladio Negli anni '30 del Cinquecento Venezia vive un periodo di grande fioritura architettonica. Il processo

Dettagli

DISEGNO E STORIA DELL ARTE

DISEGNO E STORIA DELL ARTE DISEGNO E STORIA DELL ARTE Lavori estivi finalizzati al recupero. Anno scolastico 2011/12 prof. Anna Tringali Classi 1 sez. B/A S.A. 1. Ripassa le costruzioni geometriche : triangolo equilatero, pentagono,

Dettagli

L. B. Alberti 1404-1472

L. B. Alberti 1404-1472 Di Alberti ci è giunto un solo disegno architettonico, un edificio termale; nel disegno non viene indicato il luogo né il nome del committente L. B. Alberti 1404-1472 Alberti è la figura più influente

Dettagli

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate

Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate La Venaria Reale Ogni volta, lo stupore della bellezza Paolo Veronese Le quattro Allegorie ritrovate Dall 11 ottobre 2014 all 8 febbraio 2015 Mostra compresa nel percorso di visita Teatro di Storia e Magnificenza

Dettagli

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010:

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: Cercando i riusi 01 Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: 2010: Nicoletta Balistreri SAN SALVATORE A SIRMIONE (BS) UN CIPPO REIMPIEGATO COME BLOCCO NELLA FONDAZIONE

Dettagli

I GRAFFITI DEL PALAZZO ARCIVESCOVILE DI GENOVA Italo Pucci

I GRAFFITI DEL PALAZZO ARCIVESCOVILE DI GENOVA Italo Pucci I GRAFFITI DEL PALAZZO ARCIVESCOVILE DI GENOVA Italo Pucci E controverso se il primitivo Palazzo Arcivescovile si trovasse ove si trova l attuale oppure fosse presso il chiostro di S. Lorenzo in corrispondenza

Dettagli

Tema n. 2 (prova d esame) "Analisi grafica del progetto della chiesa Dives in misericordia di Meier: le leggi aggregative dei principali componenti.

Tema n. 2 (prova d esame) Analisi grafica del progetto della chiesa Dives in misericordia di Meier: le leggi aggregative dei principali componenti. PROVE D ESAME DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE DELLA RAPPRESENTAZIONE E DEL RILIEVO XVIII CICLO tema n. 1 (prova d esame) "Rilievo di una porzione del porticato della piazza Augusto Imperatore.Il candidato

Dettagli

FONTE: www.annazelli.com/ OSPEDALI IN ROMA

FONTE: www.annazelli.com/ OSPEDALI IN ROMA FONTE: www.annazelli.com/ OSPEDALI IN ROMA Complesso di S. Spirito in Saxia, iniziato nel 727 quando il re dei Sassoni istituì la "Schola Saxonum" Complesso di S. Spirito in Saxia il Tiburio Complesso

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE ANCO MARZIO, ROMA INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO STORIA DELL ARTE

LICEO CLASSICO STATALE ANCO MARZIO, ROMA INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO STORIA DELL ARTE INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO Arte dell età paleocristiana: - catacombe di Roma: struttura, temi della pittura, sarcofagi - schema della basilica a Roma (S. Pietro) e Ravenna (S. Apollinare, S.

Dettagli

Le fasi della civiltà greca:

Le fasi della civiltà greca: LA CIVILTA GRECA Le fasi della civiltà greca: L età arcaica (dall VIII sec. A.C.) L età aurea (dalla metà del V sec. A.C.) L età di transizione (IV sec. A.C.) L età ellenistica (dal 306 A.C. al 50 A.C.)

Dettagli

Composizione architettonica: le parti ed il tutto: gerarchia, distribuzione e tettonica delle murature.

Composizione architettonica: le parti ed il tutto: gerarchia, distribuzione e tettonica delle murature. Rudolf Wittkower, Principi compositivi delle ville palladiane, da Principi architettonici nell età dell Umanesimo. Composizione architettonica: le parti ed il tutto: gerarchia, distribuzione e tettonica

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

NUMERINUMERI E FORME. PON DI MATEMATICA a.s. 2009/2010. Docenti tutor: Altamura Maria Valentino Domenica Esperto: Prof. Azzone Antonella.

NUMERINUMERI E FORME. PON DI MATEMATICA a.s. 2009/2010. Docenti tutor: Altamura Maria Valentino Domenica Esperto: Prof. Azzone Antonella. NUMERINUMERI E FORME PON DI MATEMATICA a.s. 2009/2010 Classi IB-IC IC-IE-IFIF Docenti tutor: Altamura Maria Valentino Domenica Esperto: Prof. Azzone Antonella Il grande libro della natura è scritto in

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

I LATERIZI prima parte

I LATERIZI prima parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI prima parte Informazioni storiche

Dettagli

1 FISICA E MATEMATICA

1 FISICA E MATEMATICA DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA Venerdì 14 marzo 2014 Simulazione test di ingresso ai Corsi di Laurea in Architettura Quesiti di Matematica e Fisica, Storia dell Arte e dell Architettura, Disegno e Rappresentazione

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI CLASSE TERZA TURISMO Libro di testo: Itinerario nell arte vol. 1, a cura di Cricco e Di Teodoro. 1) Il problema della creazione artistica. La definizione di arte. 2) Il mondo primitivo e le prime manifestazione

Dettagli

INDICE. San Maurizio... p. 2. Costi attività didattiche...p. 5. Dove sono i musei e i siti p. 5. Il Museo per gli Insegnanti...p.

INDICE. San Maurizio... p. 2. Costi attività didattiche...p. 5. Dove sono i musei e i siti p. 5. Il Museo per gli Insegnanti...p. INDICE San Maurizio....... p. 2 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni e Prenotazioni..... p. 7 Pubblicazioni...... p. 8

Dettagli

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della profilo aziendale i la storia La storia di Toscana Pietra inizia nel 1969 quando dopo anni di esperienza nell estrazione di pietra arenaria e calcarea, il signor Urbano Sercecchi fondò un azienda in grado

Dettagli

Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A.

Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A. Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A. 2012/2013 PROGRAMMA DEL CORSO Il corso si propone di fornire agli studenti

Dettagli

ARCHITETTURA ROMANA. Dalla fondazione alla monarchia (754-509 a.c.) Età repubblicana (509-31 a.c.) Età imperiale (31 a.c.- 476 d.c.

ARCHITETTURA ROMANA. Dalla fondazione alla monarchia (754-509 a.c.) Età repubblicana (509-31 a.c.) Età imperiale (31 a.c.- 476 d.c. Storia dell Architettura I ARCHITETTURA ROMANA Dalla fondazione alla monarchia (754-509 a.c.) Età repubblicana (509-31 a.c.) Età imperiale (31 a.c.- 476 d.c. fine 2 dell Impero romano d Occidente) tempio

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: BOPS080005@ISTRUZIONE.IT PROGRAMMA SVOLTO a.s.

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

PRIMA VERIFICA SCRITTA 26 ottobre 2010 ARGOMENTI

PRIMA VERIFICA SCRITTA 26 ottobre 2010 ARGOMENTI classe 1 D 26 ottobre 2010 classe 1 F 25 ottobre 2010 1.1. Veneri preistoriche e immagini rupestri: arte magico propiziatoria. 7-10 18-19 12-15 1.1. I Cretesi e la città-palazzo. I pilastri di un cortile

Dettagli

C è il tetto a due spioventi: il segno di una tradizione.

C è il tetto a due spioventi: il segno di una tradizione. Huf HausOK.qxp:056-058_CVP23 25-09-2012 15:22 Pagina 70 8 ARCHITETTURA: PREFABBRICATA E DI LUSSO C è il tetto a due spioventi: il segno di una tradizione. Ci sono le facciate trasparenti: il segno di un

Dettagli

Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Docente: Maviglia Caterina Classe: IIDL

Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Docente: Maviglia Caterina Classe: IIDL Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Docente: Maviglia Caterina Classe: IIDL ATTIVITA CONTENUTI PERIODO / DURATA ARTE ROMANA Tipologie architettoniche: Il palazzo, la casa, le insulae LA CITTÀ Milano Romana

Dettagli

Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea

Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea Progressioni numeriche Successione di Fibonacci e sezione aurea Progetto Matematica e Statistica - Progetto Lauree Scientifiche Loredana Caso 1 Successioni numeriche 2 Una successione numerica è una sequenza

Dettagli

I disegni in pianta, sezione e prospetto

I disegni in pianta, sezione e prospetto I disegni in pianta, sezione e prospetto Alcuni disegni tratti da: M. Canciani, I disegni di progetto costruzioni, tipi e analisi, cap.1 il processo geometrico Città Studi edizioni, Novara 2009, ISBN 978-88-251-7331-4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE MIRELLA RAFFAELLI

PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE MIRELLA RAFFAELLI PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE MIRELLA RAFFAELLI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 LICEO GALILEO GALILEI SIENA INTRODUZIONE Il disegno e la storia dell arte, grafico e teorica sono materie

Dettagli