Gli ordini architettonici nell architettura classica e classicistica. Laboratorio di Rilievo Novembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli ordini architettonici nell architettura classica e classicistica. Laboratorio di Rilievo Novembre 2011"

Transcript

1 Gli ordini architettonici nell architettura classica e classicistica Laboratorio di Rilievo Novembre 2011

2 Ordine architettonico = sistema di norme stilistiche e proporzionali per regolare la composizione di elementi che interagiscono fra loro in un intero organico e armonico

3 Due concetti base: MODULO = matrice geometrica scelta e ripetuta COMMODULARITÀ = proporzionalità (in greco sinmetrìa )

4 Si vede solo ciò che si conosce

5 Ordine architettonico una lingua da imparare, da decodificare

6 Analogia con la grammatica

7 Analogia con la musica ordine in greco = rythmòs

8 Perché non conosciamo più questa lingua?

9 Genesi e significato dell Ordine Il sistema degli ordini si sviluppa come risposta ad un esigenza di ordine politico, economico, sociale. I numeri e la geometria, con i loro principi armonici e oggettivi, sembravano garantire un controllo estetico e formale sulla realtà barbarica e sulla natura caotica.

10 Libertà nella pratica costruttiva ed evoluzione delle combinazioni degli elementi L ordine architettonico era un complesso di norme che funzionava da: - quadro di riferimento per la pratica costruttiva - sintesi delle evoluzioni più che verità assolute a cui attenersi.

11 Le grandi metafore nella Genesi dell Ordine La colonna: - pietrificazione formalizzata degli antichi tronchi d albero (tempio: capanne lignee dei progenitori) secondo la metafora naturalistica

12 Le grandi metafore nella Genesi dell Ordine La colonna: - derivazione dei rapporti proporzionali dal corpo umano secondo la metafora antropomorfica Il rapporto proporzionale più antico, quello DORICO, voleva la colonna alta 6 volte il suo diametro di base, come l uomo è alto 6 volte la lunghezza del suo piede.

13

14 anche l Architettura è MIMESIS, imitazione della Natura, sommo scopo dell Arte

15 Una ricerca ed un aspirazione che continuarono a permeare la progettualità degli architetti rinascimentali

16 Trattati di architettura in cui si descrivono o codificano gli ordini VITRUVIO - Dieci libri di Architettura noto come De Architectura (27 a.c. circa) (giunto senza illustrazioni; noto nel medioevo attraverso traduzioni; testo latino ritrovato nel 1414) ALBERTI - De Re Aedificatoria (1485) SERLIO - (1537) VIGNOLA - La Regola delli Cinque Ordini d Architettura (1562) PALLADIO (1570)

17 Gli ordini architettonici nell antica Grecia

18 Sintassi dell ordine architettonico Trabeazione cornicione fregio architrave Parti principali Colonna capitello fusto base Piedistallo (mancante nell ordine classico) cimasa dado basamento (zoccolo) Membri

19 listello, filetto, pianetto o regolo astragalo o tondino ovolo o echino diritto (e rovescio) Elementi (o porzioni / modanature) guscio, cavetto o cimbia Le 8 modanature regolari gola diritta o lesbia (e variante di base) gola rovescia o dorica (e variante di base) scozia (dal greco scòtos, oscurità) o tròchilo toro (dal latino torus, cordone) o bastone

20 Ornamenti Modanature e motivi ornamentali

21 La serie naturale ascendente dei cinque ordini secondo Vitruvio (da Vitruvio Amati, tav.1) 1 Tuscanico 2 Dorico 3 Ionico 4 Corinzio 5 Composito

22 Codice classico Regola classicista Variegata libertà espressiva e flessibilità di combinazioni all interno di un unico linguaggio condiviso e codificato Tendenza dei 3 ordini antichi, nel corso dei secoli, ad omologarsi nelle proporzioni e nelle dimensioni, differenziandosi solo per connotazioni morfologiche e decorative (es.: il dorico) Nel Classicismo dell età moderna standardizzazione delle possibili combinazioni all interno dei 5 ordini inequivocabilmente diversificati per proporzioni e dimensioni, e per caratteristiche decorative Tendenza dei 5 ordini ad assomigliarsi nella struttura compositiva

23 Regola classicista: Attributi specifici di ciascun ordine dal punto di vista EMBLEMATICO- CONCETTUALE: TUSCANICO DORICO IONICO CORINZIO COMPOSITO spoglio e rozzo severo e marziale elegante e femmineo raffinato e virginale sontuoso e regale

24 Proporzionamento degli ordini architettonici I 5 ordini uniformati alla medesima altezza. In questa figura possiamo apprezzare la progressione proporzionale del rapporto modulare, secondo le indicazioni del Vignola.

25 Proporzionamento degli ordini architettonici Possiamo ricordare che in massima: - il piedistallo è alto circa 1/3 della colonna - la trabeazione è alta circa 1/4 - l altezza della colonna varia nei 5 ordini: Tuscanico: 7 diametri Dorico: 8 diametri (o 7 ½) Ionico: 9 diametri Corinzio: 10 diametri (o 9 ½) Composito: 10 diametri (Colonna tuscanica in fig.)

26 Proporzionamento degli ordini architettonici I criteri di proporzionamento consentono di trovare altezze e aggetti delle varie parti della struttura, una volta fissata una sola grandezza caratteristica. Le PROCEDURE di proporzionamento ricavabili dai trattati sono riconducibili a TRE TIPOLOGIE: 1 Procedura delle partizioni successive 2 Procedura dei sottomultipli 3 Procedura metrica decimale (Colonna tuscanica in fig.)

27 1 Procedura delle partizioni successive (Vitruvio, Leonardo, Alberti, Palladio) Ogni dimensione viene ricavata da quelle che precedono, per divisioni successive. Esempio della base attica della colonna ionica in Vitruvio: - Larghezza = 1 diametro e 1/2. Altezza = 1/2 diametro. - Dividere in 3 l altezza. Al plinto dedicare 1/3 inferiore. - Dividere i 2/3 rimanenti in 4 parti. Al toro superiore dedicare 1/4 superiore. - Dividere quel che resta in 2 parti. 1/2 va alla scozia e 1/2 al toro inferiore.

28 2 Procedura dei sottomultipli (Vignola) Il modulo viene diviso in parti più piccole, dette minuti, che funzionano da sottomultipli. Palladio divide il modulo (1 diametro) in 60 minuti. Vignola divide il suo modulo (1/2 diametro, raggio) - in 12 minuti per gli ordini tuscanico e dorico; - in 18 minuti per gli ordini ionico, corinzio e composito. Esempio della base attica della colonna ionica in Vignola: Altezza = 1 modulo. 6 minuti al plinto 3 minuti al toro superiore 4 minuti alla scozia 4 minuti al toro inferiore

29 3 Procedura metrica decimale (Chitham) Si attribuiscono dei valori numerici al modulo, assunto come UNITA di misura, e alle varie parti del modulo. (Si perde qualsiasi rapporto con il disegno ) Esempio della base attica: per il plinto (1/3 del raggio) per il toro superiore per la scozia per il toro inferiore In tutto 0.5 cioè mezzo diametro, mezzo modulo di Vitruvio, 1 modulo di Vignola.

30 La procedura di proporzionamento che ha più senso per chi vuol rilevare e capire l architettura classica è sicuramente quella vitruviana delle partizioni successive, perché costringe a considerare sempre l insieme, e prima le grandi masse e poi quelle minori. (da Migliari 1991)

31 TEORIA / PRATICA Il rigore teorico veniva moderato dalle ragioni della pratica costruttiva. Si applicavano e giustificavano, ad esempio: Deformazioni architettoniche per la correzione prospettica Lo scopo è di far apparire perfetta la costruzione che, per fenomeni prospettico-visuali, non sarebbe risultata tale se le regole dell ordine fossero state rispettate in maniera ferrea.

32 Deformazioni architettoniche su stereobate e trabeazione, per ottenere le relative correzioni ottiche Trabeazione inclinata in avanti per favorire la visione dal basso Nel complesso convergenza dei prospetti verso il centro

33 Deformazione delle colonne esterne Le colonne angolari della fronte del tempio venivano realizzate più grandi rispetto alle altre e sensibilmente più inclinate verso il centro della facciata, per non risultare all apparenza più esili e spinte verso l esterno.

34 La rastremazione del fusto delle colonne: Il fusto si restringe gradualmente a partire da 1/3 dell altezza, fino a misurare i 5/6 del diametro entasi a) b) a) doriche e tuscaniche b) ioniche, corinzie e composite

35 Metodi per rastremare le colonne secondo il Vignola

36 Metodi per rastremare le colonne secondo il Vignola

37 L ORDINE TUSCANICO Si definì in ambiente etrusco ed italico come variante locale dell ordine dorico Venne impiegato soprattutto nell architettura romana Fu ripreso ed elaborato in età rinascimentale, soprattutto dal Cinquecento in poi (noto anche come ordine toscano o rustico) Vitruvio lo considera un ordine secondario, come il Composito

38 L ORDINE TUSCANICO Morfologia: molto simile al DORICO da cui deriva (vedi). Dimensioni: maggiorate. Rapporto entasi altezza della colonna: 1:6 (per Vignola 1:7)

39 L ORDINE DORICO E il più antico tra gli ordini greci Si definì nel Peloponneso, abitata dai Dori Si diffuse già nel VI sec. a.c. in tutta la Grecia continentale e nelle colonie dell Italia meridionale e della Sicilia Fu soggetto ad una continua evoluzione nel tempo per quanto riguarda l aspetto e le proporzioni (per questo fu codificato il tuscanico)

40 L ORDINE DORICO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE sporgente; FREGIO suddiviso in metope e triglifi. COLONNA: CAPITELLO formato da abaco ed echino; FUSTO rastremato verso l alto; BASE mancante nel modello greco, formata da plinto e toro nel modello romano. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:6 nel modello greco antico (per Vignola 1:8)

41 I triglifi del fregio ricordano le tavolette di terracotta che originariamente proteggevano le teste delle travi di legno, impedendo che marcissero, facilitando con le scanalature il defluire dell acqua piovana. Le metope rappresentano le lastre poste a chiusura degli spazi lasciati vuoti dalle teste delle travi. Fig. da Chitham 1987

42 Capitello DORICO e TUSCANICO Nello stesso blocco può essere intagliato il "collarino", che costituisce la parte superiore del fusto della sottostante colonna. Inoltre l'echino e/o i lati dell'abaco possono ricevere una decorazione. Roma, Foro Romano, pertinente all'arco "Partico" di Augusto

43 Es. Dorico Tempio di Poseidon a Paestum

44 Es. Dorico Tempio di Segesta (Sicilia nord-occidentale)

45 Es. Dorico S. Domenico, Noto ( ) Ordine inferiore: Dorico Ordine superiore: Ionico Tempio Canoviano, Possagno (TV) (progetto di Canova)

46 Es. Tuscanico Arena di Verona (I sec. d.c.) Disegno dell ala in un incisione di Scipione Maffei (tutta la facciata monumentale originaria si presentava in questo modo)

47 Es. Tuscanico Mercati di Traiano, Roma (II sec. d.c.) Capitello tuscanico (con collarino) di lesena

48 Es. Tuscanico Tempietto di S. Pietro in Montorio, Roma (Bramante, 1502)

49 Es. Tuscanico Vestibolo della Biblioteca Laurenziana, Firenze (Michelangelo, )

50 Es. Tuscanico Progetti di Palladio barchessa della Villa Badoer (provincia di Rovigo) Palazzo Chiericati, Vicenza Ordine inferiore: Tuscanico Ordine superiore: Ionico

51 Palazzo Farnese di Caprarola, scala elicoidale (Vignola, dal 1559)

52 L ORDINE IONICO Vuole tradurre nelle sue proporzioni ed elementi decorativi, l elemento femminile. Vitruvio giustifica la sua invenzione con la necessità di erigere un tempio adatto ad una dea (Diana). Si definì nelle città greche dell Asia Minore, fondendo elementi greci ed elementi desunti dalle vicine civiltà orientali Si diffuse nelle isole, in Grecia, in Magna Grecia e nell Etruria

53 L ORDINE IONICO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE decorata con dentelli; FREGIO continuo. COLONNA: CAPITELLO formato da abaco molto sottile, tipiche volute ed echino; FUSTO doppiamente rastremato; BASE ionica, formata da plinto, doppia scozia e toro, oppure attica, formata da plinto, toro, scozia e toro. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:7 nel modello greco antico (per Vignola 1:9)

54

55 Tempio di Atena Nike (420 a.c.), acropoli di Atene Es. Ionico

56 Facciata del Tesoro dei Sifni ( a.c.), Delfi (foto del 1900) Si trattava di un tempietto ionico con due cariatidi in sostituzione delle colonne. Oggi è ricostruito con copie dei materiali originali che sono conservati nel Museo di Delfi.

57 Capitello IONICO Nel capitello ionico, tra echino e abaco si inserisce un nastro, chiamato "canale delle volute", che si arrotola poi in due grandi volute che sporgono inferiormente al di sotto dell'echino. O O P P P Pp È P P pa

58 L'inserimento delle volute differenzia le facce in cui queste sono presenti e su cui l'echino rimane visibile, mentre i fianchi sono occupati dal "rocchetto". Esiste tuttavia una variante con volute disposte in obliquo e con quattro facce principali, denominata "a quattro facce". Anche in questo caso il capitello può essere intagliato insieme al "collarino" (con collarino"). Una variante sviluppata in ambiente italico, è caratterizzata da volute che tendono a deformarsi verso il basso e da altri elementi non canonici; spesso a quattro facce: si definisce "italico". Roma, tempio di Portuno ("della Fortuna Virile"), ordine di semicolonne sulle pareti della cella (età repubblicana). La decorazione del capitello ionico era completata in stucco, ancora parzialmente conservato. Capitello ionico di semicolonna

59

60 S. Maria in Trastevere, Roma Capitello ionico figurato di colonna reimpiegato sulle colonne della navata, forse dalle terme di Caracalla. Il capitello ionico presenta una testina al centro dei lati dell'abaco e dei piccoli busti all'occhio delle volute. Da notare anche la fronda vegetale che decora il canale delle volute e prosegue nella spirale delle volute stesse. Capitello ionico a imposta SS. Sergio e Bacco, Costantinopoli (Istanbul, Turchia) Es. Ionico

61 Es. Ionico Resti riassemblati di colonne ioniche, appartenenti al tempio di Afrodite (470 a.c.) nell area archeologica di Metaponto (Basilicata)

62 Es. Ionico Chiostro delle donne, Spedale degli Innocenti, Firenze (progetto del Brunelleschi, 1420 ca.)

63 Es. Ionico La Rotonda (Villa Almerico Capra), Vicenza (Palladio la iniziò nel 1566)

64 Es. Ionico Castle Coole ( ), Irlanda del Nord dettaglio del portico

65 L ORDINE CORINZIO E il più recente degli ordini greci Si sviluppò dalla fine del V sec. a.c., ma i primi esempi di capitelli corinzi che ci sono rimasti risalgono al IV sec. (tempio di Apollo a Bassae) Secondo la tradizione Callimaco ne fu l inventore, ispirato dall offerta votiva depositata sulla tomba di una giovane donna (cesto coperto da lastra, intorno al quale era cresciuta una pianta di acanto) Molto diffuso nell architettura romana e classicista

66 L ORDINE CORINZIO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE decorata con dentelli; FREGIO continuo e variamente decorato. COLONNA: CAPITELLO caratterizzato da foglie stilizzate di acanto e caulicoli, formanti il kalathos (= cesto intrecciato), sovrastato dall abaco; FUSTO doppiamente rastremato; BASE formata da plinto, toro, doppia scozia e toro. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:8 nel modello greco antico o 1:9 (per Vignola 1:10)

67

68

69 Capitello CORINZIO LL L L L Ll L L Lllll

70

71 Lavorazione per blocchi. Il singolo blocco prende il nome di ROCCHIO per i fusti di colonna o di semicolonna. Esempio: Capitello corinzio di colonna, blocco inferiore Roma, Largo Argentina (età repubblicana) Il capitello era intagliato in due blocchi: quello inferiore contraddistinto da due corone di foglie, dietro a cui si intravedono gli steli dei caulicoli.

72 Esempio di utilizzo dell ordine corinzio all interno di un tholos (tempietto a pianta circolare): Epidauro (360 a.c.) Resti delle fondamenta Ipotesi ricostruttiva del tholos

73 Capitello corinzio dal tholos di Epidauro (360 a.c.), musealizzato

74 Monumento di Lisicrate (335 a.c.), Atene Uno dei primi esempi di esterni in stile corinzio

75 Capitelli corinzi di lesene Ara Pacis Augustae (13-9 a.c.), Roma Il monumento è stato ricostruito sulla base di fonti scritte e figurative coeve e degli studi sugli scavi, poco lontano dal Campo Marzio dove si trovava in origine.

76 Interno del pronao Pantheon ( d.c.), Roma

77 Fonte battesimale del patriarca Callisto (730 circa), Cividale del Friuli (l antica Forum Julii) Capitelli corinzi Es. di persistenza dei modelli classici (seppur rielaborati) e di convivenza con l estro decorativo dell alto medioevo in epoca longobarda

78 Capitello corinzio con pulvino Spedale degli Innocenti, Firenze portico esterno (Brunelleschi, dal 1419)

79 Capitello corinzio con dado brunelleschiano (particolare tipo di pulvino cubico) su cui s impostano gli archi a tutto sesto Basilica di San Lorenzo, Firenze (Brunelleschi, dal 1420)

80 Es. Corinzio Portale in pietra Chiesa di S. Maria Novella, Orciano di Pesaro Baccio Pontelli (1432) architetto fiorentino al servizio dei Della Rovere

81 - Altari vasariani lungo le pareti delle navate laterali - Capitelli di lesena Tomba di Michelangelo (sopra modello in gesso) Basilica di Santa Croce, Firenze

82 Philadelphia Merchant's Exchange (Borsa di Philadelphia) (anni 30 del XIX sec.), USA Colonnato corinzio del portico semicircolare

83 L ORDINE COMPOSITO Ordine tipicamente romano, presente già in età augustea, utilizzato soprattutto in età flavia e severiana E chiamato anche trionfale perché utilizzato negli archi di trionfo Nel capitello si ha la caratteristica combinazione di elementi ionici e corinzi Vitruvio in realtà rifiuta di considerarlo un ordine distinto dal Corinzio, in quanto secondo lui non sono gli ornamenti a determinare l ordine, bensì la differenza di modulo proporzionale. E quindi, per lui, un ordine secondario

84 L ORDINE COMPOSITO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE decorata con dentelli; FREGIO continuo. COLONNA: CAPITELLO caratterizzato da foglie stilizzate di acanto e caulicoli, formanti il kalathos, sovrastato da echino e volute e dall abaco; FUSTO doppiamente rastremato; BASE formata da plinto, toro, doppia scozia e toro. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:8 o 1:9 (per Vignola 1:10)

85

86 Capitello COMPOSITO

87 Es. Composito Arco di Tito, d.c. 4 semicolonne d ordine composito per lato Primo esempio sicuramente datato del suo impiego a Roma

88 Es. Composito Capitello di epoca augustea reimpiegato nel Mausoleo di Santa Costanza (340), Roma

89 Cortile di Palazzo Medici- Riccardi, Firenze Michelozzo ( ) Nei tre livelli dell alzato si succedono tre ordini, evidenziando la destinazione dei locali attigui: - COMPOSITO per il cortile di rappresentanza - CORINZIO per il piano nobile - IONICO per la loggia che da accesso alle stanze di servizio.

90 Es. Composito Palazzo del Capitaniato, Vicenza (Palladio, )

91 Particolare dei capitelli delle semicolonne

92 Es. Composito Finto impianto architettonico negli affreschi di Paolo Veronese (1560 ca.), Villa Barbaro, Maser (TV)

93 Facciata della Chiesa dei Santi Michele e Gaetano ( ), Firenze

94 Gli ordini in architettura Riferimenti bibliografici Gabriele Morolli, Le membra degli ornamenti, Alinea, Firenze 1986 Robert Chitham, Gli ordini classici in architettura, Hoepli, Milano 1987 Riccardo Migliari, Il disegno degli ordini e il rilievo dell architettura classica: Cinque Pezzi Facili, in Disegnare, n. 2, Roma, 1991 Per approfondimenti sugli ordini architettonici antichi cfr.: Giorgio Rocco, Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. I. Il dorico, Liguori editore, Napoli 1994 Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. I. Lo ionico, Liguori editore, Napoli 2003

95 La conoscenza degli ordini per il rilievo (diretto o con sistemi a scansione)

96 Progetto / Rilievo I percorsi

97 Per rilevare e poi restituire il modello occorre saper riconoscere il sistema strutturale e decorativo, nei suoi elementi e rapporti interni

98 La selezione e l ordinamento dei punti da misurare deve seguire le stesse gerarchie che già si trovano incorporate nell edificio (da Migliari 1991)

99

100 Classificazione semantica per sistemi informativi 3D Il processo di segmentazione del modello 3D consiste in: - identificazione dei singoli elementi e della loro terminologia; - identificazione delle relazioni tra loro esistenti; - definizione dei volumi che essi occupano. A. M. Manferdini, F. Remondino, S. Baldissini, M. Gaiani, B. Benedetti, 3D modeling and semantic classification of archaeological finds for management and visualization in 3D archaeological databases, 2008

101 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

IL REIMPIEGO DI NEL A ROMA

IL REIMPIEGO DI NEL A ROMA IL REIMPIEGO DI ELEMENTI ARCHITETTONICI NEL BATTISTERO LATERANENSE A ROMA di Massimo Baldi Il complesso del Laterano Il battistero, lato strada Il portico di ingresso originale La Storia Fondato in epoca

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

ABACO: parte superiore del capitello a forma di tavoletta su cui poggia l architrave o l arco.

ABACO: parte superiore del capitello a forma di tavoletta su cui poggia l architrave o l arco. ABACO: parte superiore del capitello a forma di tavoletta su cui poggia l architrave o l arco. ACANTO: elemento decorativo del capitello corinzio ispirato alle grandi foglie della pianta con lo stesso

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA

PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA ISTITUTODI ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO SCIENTIFICO T. L. CARO CITTADELLA PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA Premessa. Gli obiettivi generali

Dettagli

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof.

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof. Dettaglio del Partenone, Atene La Grecia classica Storia dell arte - prof.ssa Tolosano DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta 480 a. C. I Greci sono sconfitti

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

STORIE DI ARCHITETTURA

STORIE DI ARCHITETTURA Arch. Annalisa Dameri Dipartimento di Casa-Città Facoltà di Architettura II Politecnico di Torino STORIE DI ARCHITETTURA DALL ETÀ ANTICA ALL ETÀ MODERNA Il Pantheon e l antichità classica Indice L ordine

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

STORIA E STORIE, DI PAESAGGI, DI ARCHITETTURE E DI CITTÀ Corso di Storia dell architettura, Anno accademico 2008-09, II semestre

STORIA E STORIE, DI PAESAGGI, DI ARCHITETTURE E DI CITTÀ Corso di Storia dell architettura, Anno accademico 2008-09, II semestre STORIA E STORIE, DI PAESAGGI, DI ARCHITETTURE E DI CITTÀ Corso di Storia dell architettura, Anno accademico 2008-09, II semestre 1. Architettura e città I parte. La Polis, l Urbe, gli incastellamenti Dalla

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 2 I (anno scolastico 2010/2011) MODULO N 1 Le rappresentazioni grafiche U.D.

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 3 M (anno scolastico 2011/2012) MODULO N 1 Storia dell Arte U.D. 1 - Arte preistorica L

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818 Arte romanica Il romanicoè quella fase dell'arte medievale europea sviluppatasi a partire dalla fine del X secolo fin verso la metà del XII secolo in Francia e nel primo decennio successivo negli altri

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE ANCO MARZIO, ROMA INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO STORIA DELL ARTE

LICEO CLASSICO STATALE ANCO MARZIO, ROMA INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO STORIA DELL ARTE INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO Arte dell età paleocristiana: - catacombe di Roma: struttura, temi della pittura, sarcofagi - schema della basilica a Roma (S. Pietro) e Ravenna (S. Apollinare, S.

Dettagli

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città Arco nella storia, nella natura Itinerario di visita alla città La visita ad Arco può cominciare, appena superato il ponte sul fiume Sarca, nella piazzetta San Giuseppe, all inizio di via G. Segantini.

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

DISEGNO E STORIA DELL ARTE

DISEGNO E STORIA DELL ARTE DISEGNO E STORIA DELL ARTE Lavori estivi finalizzati al recupero. Anno scolastico 2011/12 prof. Anna Tringali Classi 1 sez. B/A S.A. 1. Ripassa le costruzioni geometriche : triangolo equilatero, pentagono,

Dettagli

Grecia Atene Argolide Delfi

Grecia Atene Argolide Delfi Grecia Atene Argolide Delfi ITIS-ITC di Santhià A.S. 2010/2011 Viaggio di integrazione culturale Il viaggio: Santhià - Ancona Km 548 Tempo previsto 6h + soste 2 Il viaggio: Ancona - Patrasso Partenza da

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

C1 2 C2 C3 S2 1 5 CPT1 9 S1 3 C4 8 CPT2 6 4 7 PIANTA DI RIFERIMENTO INDAGINI 1) Basilica 2) Edificio del Palladio 3) Edificio di A. Selva 4) Edificio di epoche diverse 5) Edificio di epoche diverse 6)

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010:

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: Cercando i riusi 01 Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: 2010: Nicoletta Balistreri SAN SALVATORE A SIRMIONE (BS) UN CIPPO REIMPIEGATO COME BLOCCO NELLA FONDAZIONE

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI CLASSE TERZA TURISMO Libro di testo: Itinerario nell arte vol. 1, a cura di Cricco e Di Teodoro. 1) Il problema della creazione artistica. La definizione di arte. 2) Il mondo primitivo e le prime manifestazione

Dettagli

Acropoli di Atene, essendo la parte più L elevata e più facilmente difendibile della città, risulta abitata fin da epoca preistorica

Acropoli di Atene, essendo la parte più L elevata e più facilmente difendibile della città, risulta abitata fin da epoca preistorica A12 Veduta ITINERARIO 3 L Acropoli di Atene Acropoli di Atene, essendo la parte più L elevata e più facilmente difendibile della città, risulta abitata fin da epoca preistorica e fu anche sede di un palazzo

Dettagli

Abside. Ancòna. Bussola

Abside. Ancòna. Bussola Abside È la terminazione a pianta semicircolare, coperta generalmente da una calotta a quarto di sfera (detto catino absidale), di una parete; talora aperta nello spessore di un muro (come una nicchia)

Dettagli

1 FISICA E MATEMATICA

1 FISICA E MATEMATICA DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA Venerdì 14 marzo 2014 Simulazione test di ingresso ai Corsi di Laurea in Architettura Quesiti di Matematica e Fisica, Storia dell Arte e dell Architettura, Disegno e Rappresentazione

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

PRIMA VERIFICA SCRITTA 26 ottobre 2010 ARGOMENTI

PRIMA VERIFICA SCRITTA 26 ottobre 2010 ARGOMENTI classe 1 D 26 ottobre 2010 classe 1 F 25 ottobre 2010 1.1. Veneri preistoriche e immagini rupestri: arte magico propiziatoria. 7-10 18-19 12-15 1.1. I Cretesi e la città-palazzo. I pilastri di un cortile

Dettagli

ITINERARIO 5 1) Sepolcro a dado

ITINERARIO 5  1) Sepolcro a dado ITINERARIO 5 L ingresso all area archeologica è sul lato destro di via dell Arco di Travertino, a poca distanza dalla via Appia Nuova; nel parco è visibile un tratto di ca 450 metri dell antica via Latina,

Dettagli

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro

Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro Prof.Giuseppe Torchia Il contesto storico L'arte rinascimentale Cosa s'intende per Rinascimento La Prospettiva Corpi proporzionati Luce e ombra : il chiaroscuro IL RINASCIMENTO IL CONTESTO STORICO LUCE

Dettagli

Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura

Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura Elenco dei contratti conto terzi stipulati dall ex Dipartimento di Rilievo, analisi e disegno dell ambiente e dell architettura 2009 ROMA, SCAVO ARCHEOLOGICO TOR VERGATA ROMA, SCAVO ARCHEOLOGICO DELL AREA

Dettagli

I disegni in pianta, sezione e prospetto

I disegni in pianta, sezione e prospetto I disegni in pianta, sezione e prospetto Alcuni disegni tratti da: M. Canciani, I disegni di progetto costruzioni, tipi e analisi, cap.1 il processo geometrico Città Studi edizioni, Novara 2009, ISBN 978-88-251-7331-4

Dettagli

Tema n. 2 (prova d esame) "Analisi grafica del progetto della chiesa Dives in misericordia di Meier: le leggi aggregative dei principali componenti.

Tema n. 2 (prova d esame) Analisi grafica del progetto della chiesa Dives in misericordia di Meier: le leggi aggregative dei principali componenti. PROVE D ESAME DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE DELLA RAPPRESENTAZIONE E DEL RILIEVO XVIII CICLO tema n. 1 (prova d esame) "Rilievo di una porzione del porticato della piazza Augusto Imperatore.Il candidato

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757.

GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. GALLERIA DI ROMA ANTICA, G. P. PANNINI 1757. SI RITROVANO NEI DIPINTI I GRANDI TEMI DELL EPOCA: IL GUSTO PER LA VEDUTA, PER LA DECORAZIONE, PER LA COLLEZIONE DI FRAMMENTI ANTICHI. POSSIAMO IDENTIFICARE

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

L architettura greca arcaica

L architettura greca arcaica L architettura greca arcaica Lezione 7 Appunti a cura di Sandro Caranzano, riservati ai fruitori del corso di archeologia presso l'università Popolare di Torino 2006-2007 Origine del tempio greco: Fu stato

Dettagli

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura San Pietro di Feletto e i suoi dintorni Arte e Cultura Millenaria Pieve di San Pietro La Pieve di San Pietro, eretta intorno all anno Mille, è uno scrigno d arte e di storia. L ampio porticato ed il campanile

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola A.S 2012 2013 OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola Obiettivi didattici del 1 anno 1. Capacità di vedere osservare e comprensione

Dettagli

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE Le aperture praticate nelle facciate degli edifici, sin dall inizio dei tempi, hanno avuto sempre una particolarmente attenzione da parte dei costruttori e progettisti,

Dettagli

StoDeco Elementi classici, contemporanei, personalizzati per una valorizzazione delle facciate. Manuale

StoDeco Elementi classici, contemporanei, personalizzati per una valorizzazione delle facciate. Manuale StoDeco Elementi classici, contemporanei, personalizzati per una valorizzazione delle facciate. Manuale Contenuto StoDeco Elementi architettonici: per esterni ed interni 4-55 Elementi classici StoDeco

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

I CAMPANILI PRIMA DEI LAVORI

I CAMPANILI PRIMA DEI LAVORI I CAMPANILI PRIMA DEI LAVORI Il duomo e il chiostro dei canonici nel contesto dell acropoli eporediese, già luogo del Foro romano e poi sede del potere episcopale, visti dal trecentesco castello sabaudo,

Dettagli

Urbanistica etrusca. Urbanistica etrusca

Urbanistica etrusca. Urbanistica etrusca Urbanistica etrusca Cittàdi Misa (presso attuale Marzabotto BO) e di Spina (presso Comacchio) Misa Misa Urbanistica etrusca Cittàdi Misa (presso attuale Marzabotto BO) e di Spina (presso Comacchio) Misasedime

Dettagli

cd centro documentazione

cd centro documentazione cd centro documentazione Turismo scolastico di puccy paleari / elena pollastri Basilica S. Pietro al Monte Oratorio S. Benedetto sopra Civate ieri nello spazio Viabilità Dov è oggi nel tempo fuori Basilica

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

UN ANTICA ELEGANZA MICHELE LIBERATORI

UN ANTICA ELEGANZA MICHELE LIBERATORI MICHELE LIBERATORI UN ANTICA ELEGANZA UN COMPLESSO DI ORIGINE LONGOBARDA, VICINO AREZZO, è STATO RISTRUTTURATO DALLO STUDIO LIBERATORI&ROMUALDI CON UNA GRANDE ATTENZIONE VERSO IL PASSATO 74 ristrutturare

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

Il cufico in Puglia.

Il cufico in Puglia. Il cufico in Puglia. Un particolare tipo di calligrafia arabica 1 prende il nome dalla città irachena di al-kufah, sede di califfato prima che fosse trasferito a Baghdad. Al contrario del corsivo, detto

Dettagli

Leonardo da Vinci. Canone delle proporzioni di Vitruvio

Leonardo da Vinci. Canone delle proporzioni di Vitruvio Il termine Rinascimento fu coniato da Jacob Burckhard autore del famoso testo La civiltà del Rinascimento in Italia, nel quale lo studioso svizzero indaga sul concetto di rinascenza e di rottura con l

Dettagli

Composizione architettonica: le parti ed il tutto: gerarchia, distribuzione e tettonica delle murature.

Composizione architettonica: le parti ed il tutto: gerarchia, distribuzione e tettonica delle murature. Rudolf Wittkower, Principi compositivi delle ville palladiane, da Principi architettonici nell età dell Umanesimo. Composizione architettonica: le parti ed il tutto: gerarchia, distribuzione e tettonica

Dettagli

Il Partenone di Atene Le sculture delle metope e del fregio

Il Partenone di Atene Le sculture delle metope e del fregio Il Partenone di Atene Le sculture delle metope e del fregio Veduta di Atene nell antichit antichità Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine 12/03/2013 Storia E un tempio greco di ordine dorico dedicato

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

Andrea Palladio (1508-1580)

Andrea Palladio (1508-1580) Andrea Palladio (1508-1580) Nasce a Padova il 30 novembre 1508, figlio di Pietro della Gondola, un artigiano, e di Marta la zoppa. Da qui prende il nome di Andrea di Pietro o Andrea della Gondola. Il nome

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. I maestri veneti del Cinquecento e Il Convito in casa di Simone il fariseo di Paolo Veronese (Verona 1528 Venezia 1588)

Dettagli

1 As - Bs Disegno e Storia dell arte. o dell abitare... Lezione n 8. Alle origini dell arte - Creta - Micene

1 As - Bs Disegno e Storia dell arte. o dell abitare... Lezione n 8. Alle origini dell arte - Creta - Micene Disegno e Storia dell arte o dell abitare... Lezione n 8 Alle origini dell arte - Creta - Micene Modulo di disegno 08 - Proiezioni ortogonali Creta Una vita piena di colore Creta si configura come una

Dettagli

L architettura è il gioco sapiente, rigoroso e magnifico, dei volumi assemblati nella luce. Le Corbusier

L architettura è il gioco sapiente, rigoroso e magnifico, dei volumi assemblati nella luce. Le Corbusier L architettura è il gioco sapiente, rigoroso e magnifico, dei volumi assemblati nella luce. Le Corbusier 5 PASSIONE ED ESPERIENZA: da sempre la nostra filosofia di lavoro. Ad inizio degli anni settanta

Dettagli

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante Esempi di restauro architettonico Francesco Morante L Arco di Tito L Arco di Tito è uno dei primi e più famosi restauri archeologici effettuati in Italia nel XIX secolo. L arco era stato costruito nel

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo Università degli Studi di Roma La Sapienza - CdL in Ingegneria per l Edilizia e il Territorio - Rieti Fondamenti di storia dell architettura - a.a. 2012-2013 - Prof. Arch. Cristiano Marchegiani II. Egeo

Dettagli

Liceo Classico Statale C. Cavour Torino Classe V D

Liceo Classico Statale C. Cavour Torino Classe V D Liceo Classico Statale C. Cavour Torino Classe V D Area forense di Aquileia Docente: Fulvio Segnan Relatrici: Daniela Longo Ilaria Poma Chiara Strippoli GLI SCAVI Cartina topografica di Aquileia Durante

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE S. BOSCARDIN Sede: via Baden Powell, 35-36100 Vicenza - 0444-928688/928488

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE S. BOSCARDIN Sede: via Baden Powell, 35-36100 Vicenza - 0444-928688/928488 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE S. BOSCARDIN Sede: via Baden Powell, 35-36100 Vicenza - 0444-928688/928488 c.f. 80015110242 - c.m. VIIS019008 - e-mail: viis019008@istruzione.it pec: viis019008@pec.istruzione.it

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI La visione diretta delle innumerevoli testimonianze archeologiche che popolano i nostri territori, unita alla

Dettagli

Nuovo Municipio di Camparada (Mi)

Nuovo Municipio di Camparada (Mi) Progetti Roberto Gamba La Brianza, da Monza, si prolunga verso le Prealpi del Comasco e del Lecchese. Il suo nome pare derivi dalle parole celtiche brig e anth, monte e passaggio. Oggi la regione è ricca

Dettagli

Sepolcro di Cartilio Poplicola

Sepolcro di Cartilio Poplicola Sepolcro di Cartilio Poplicola Il sepolcro di Cartilio Poplicola fu eretto tra il 25-20 a.c. Esso poggia su un basamento quadrato rivestito di travertino, una roccia calcarea particolarmente usata a Roma,

Dettagli

Descrizione della Chiesa di Sant Andrea e dei locali annessi

Descrizione della Chiesa di Sant Andrea e dei locali annessi Collana Quaderni dell Ariosto N. 62 Uno casali olim casamentivo. Un laboratorio nel Quadrivio rossettiano Descrizione della Chiesa di Sant Andrea e dei locali annessi Francesco Artosi (trascrizione) i

Dettagli

6. Duomo. 7. Ospedale degli Innocenti. 8. Sacrestia Vecchia e S. Lorenzo. 9. Santa Croce Cappella Pazzi. 10. Rotonda di S. Maria degli Angeli

6. Duomo. 7. Ospedale degli Innocenti. 8. Sacrestia Vecchia e S. Lorenzo. 9. Santa Croce Cappella Pazzi. 10. Rotonda di S. Maria degli Angeli 6. Duomo 7. Ospedale degli Innocenti 8. Sacrestia Vecchia e S. Lorenzo 9. Santa Croce Cappella Pazzi 10. Rotonda di S. Maria degli Angeli 11. S. Spirito 12. Palazzo Pitti 17. Progetto di palazzo Medici

Dettagli

LA COORDINAZIONE MODULARE

LA COORDINAZIONE MODULARE Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Architettura Laurea Specialistica in Ingegneria Edile-Architettura Tecnologia dell Architettura I prof. arch. Sergio Russo Ermolli a.a. 2009-2010 LA COORDINAZIONE

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo

SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo LICEO SCIENTIFICO STATALE A. SCACCHI, BARI DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo Il repertorio presenta

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Nel corso della loro espansione verso il sud dell Italia, tra IV e III secolo a. C., i Romani incontrarono molte città greche che avevano una intensa vita teatrale ed

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole dimensioni su un supporto rigido fino alla sua completa

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI

CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI CARATTERI DEI SISTEMI DI COSTRUZIONE RICORRENTI NELLA PROVINCIA DI NAPOLI Le aree di studio: - area a grande concentrazione urbana (zona di Napoli) 1 - area interna della provincia (zona di Terzigno) -

Dettagli

STORIA DELL AZIENDA TESTO ESEMPIO

STORIA DELL AZIENDA TESTO ESEMPIO STORIA DELL AZIENDA Ragusa Marmi è un azienda fondata agli inizi degli anni 70 come piccola impresa Individuale, negli anni si è ingrandita e trasformata collocandosi tra le medie industrie con un know

Dettagli

L ARCHITETTURA PALEOCRISTIANA E BIZANTINA

L ARCHITETTURA PALEOCRISTIANA E BIZANTINA L ARCHITETTURA PALEOCRISTIANA E BIZANTINA L architettura paleocristiana e bizantina Per architettura paleocristiana si intende l architettura dei primi edifici religiosi dell era cristiana. Essa si sviluppa

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

PALAZZO LANTE. La storia

PALAZZO LANTE. La storia PALAZZO LANTE La storia La piazza dei Caprettari, posta nel Rione VIII S. Eustachio e sul luogo delle antiche Terme di Agrippa (I sec. a.c.), deve il nome al popolare mercato degli abbacchi, poi spostato

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA PROSPETTIVA Indice Indice... 1 -Cenni sulla prospettiva e rispetto delle proporzioni.... 2 Amici del Presepe

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli