Gli ordini architettonici nell architettura classica e classicistica. Laboratorio di Rilievo Novembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli ordini architettonici nell architettura classica e classicistica. Laboratorio di Rilievo Novembre 2011"

Transcript

1 Gli ordini architettonici nell architettura classica e classicistica Laboratorio di Rilievo Novembre 2011

2 Ordine architettonico = sistema di norme stilistiche e proporzionali per regolare la composizione di elementi che interagiscono fra loro in un intero organico e armonico

3 Due concetti base: MODULO = matrice geometrica scelta e ripetuta COMMODULARITÀ = proporzionalità (in greco sinmetrìa )

4 Si vede solo ciò che si conosce

5 Ordine architettonico una lingua da imparare, da decodificare

6 Analogia con la grammatica

7 Analogia con la musica ordine in greco = rythmòs

8 Perché non conosciamo più questa lingua?

9 Genesi e significato dell Ordine Il sistema degli ordini si sviluppa come risposta ad un esigenza di ordine politico, economico, sociale. I numeri e la geometria, con i loro principi armonici e oggettivi, sembravano garantire un controllo estetico e formale sulla realtà barbarica e sulla natura caotica.

10 Libertà nella pratica costruttiva ed evoluzione delle combinazioni degli elementi L ordine architettonico era un complesso di norme che funzionava da: - quadro di riferimento per la pratica costruttiva - sintesi delle evoluzioni più che verità assolute a cui attenersi.

11 Le grandi metafore nella Genesi dell Ordine La colonna: - pietrificazione formalizzata degli antichi tronchi d albero (tempio: capanne lignee dei progenitori) secondo la metafora naturalistica

12 Le grandi metafore nella Genesi dell Ordine La colonna: - derivazione dei rapporti proporzionali dal corpo umano secondo la metafora antropomorfica Il rapporto proporzionale più antico, quello DORICO, voleva la colonna alta 6 volte il suo diametro di base, come l uomo è alto 6 volte la lunghezza del suo piede.

13

14 anche l Architettura è MIMESIS, imitazione della Natura, sommo scopo dell Arte

15 Una ricerca ed un aspirazione che continuarono a permeare la progettualità degli architetti rinascimentali

16 Trattati di architettura in cui si descrivono o codificano gli ordini VITRUVIO - Dieci libri di Architettura noto come De Architectura (27 a.c. circa) (giunto senza illustrazioni; noto nel medioevo attraverso traduzioni; testo latino ritrovato nel 1414) ALBERTI - De Re Aedificatoria (1485) SERLIO - (1537) VIGNOLA - La Regola delli Cinque Ordini d Architettura (1562) PALLADIO (1570)

17 Gli ordini architettonici nell antica Grecia

18 Sintassi dell ordine architettonico Trabeazione cornicione fregio architrave Parti principali Colonna capitello fusto base Piedistallo (mancante nell ordine classico) cimasa dado basamento (zoccolo) Membri

19 listello, filetto, pianetto o regolo astragalo o tondino ovolo o echino diritto (e rovescio) Elementi (o porzioni / modanature) guscio, cavetto o cimbia Le 8 modanature regolari gola diritta o lesbia (e variante di base) gola rovescia o dorica (e variante di base) scozia (dal greco scòtos, oscurità) o tròchilo toro (dal latino torus, cordone) o bastone

20 Ornamenti Modanature e motivi ornamentali

21 La serie naturale ascendente dei cinque ordini secondo Vitruvio (da Vitruvio Amati, tav.1) 1 Tuscanico 2 Dorico 3 Ionico 4 Corinzio 5 Composito

22 Codice classico Regola classicista Variegata libertà espressiva e flessibilità di combinazioni all interno di un unico linguaggio condiviso e codificato Tendenza dei 3 ordini antichi, nel corso dei secoli, ad omologarsi nelle proporzioni e nelle dimensioni, differenziandosi solo per connotazioni morfologiche e decorative (es.: il dorico) Nel Classicismo dell età moderna standardizzazione delle possibili combinazioni all interno dei 5 ordini inequivocabilmente diversificati per proporzioni e dimensioni, e per caratteristiche decorative Tendenza dei 5 ordini ad assomigliarsi nella struttura compositiva

23 Regola classicista: Attributi specifici di ciascun ordine dal punto di vista EMBLEMATICO- CONCETTUALE: TUSCANICO DORICO IONICO CORINZIO COMPOSITO spoglio e rozzo severo e marziale elegante e femmineo raffinato e virginale sontuoso e regale

24 Proporzionamento degli ordini architettonici I 5 ordini uniformati alla medesima altezza. In questa figura possiamo apprezzare la progressione proporzionale del rapporto modulare, secondo le indicazioni del Vignola.

25 Proporzionamento degli ordini architettonici Possiamo ricordare che in massima: - il piedistallo è alto circa 1/3 della colonna - la trabeazione è alta circa 1/4 - l altezza della colonna varia nei 5 ordini: Tuscanico: 7 diametri Dorico: 8 diametri (o 7 ½) Ionico: 9 diametri Corinzio: 10 diametri (o 9 ½) Composito: 10 diametri (Colonna tuscanica in fig.)

26 Proporzionamento degli ordini architettonici I criteri di proporzionamento consentono di trovare altezze e aggetti delle varie parti della struttura, una volta fissata una sola grandezza caratteristica. Le PROCEDURE di proporzionamento ricavabili dai trattati sono riconducibili a TRE TIPOLOGIE: 1 Procedura delle partizioni successive 2 Procedura dei sottomultipli 3 Procedura metrica decimale (Colonna tuscanica in fig.)

27 1 Procedura delle partizioni successive (Vitruvio, Leonardo, Alberti, Palladio) Ogni dimensione viene ricavata da quelle che precedono, per divisioni successive. Esempio della base attica della colonna ionica in Vitruvio: - Larghezza = 1 diametro e 1/2. Altezza = 1/2 diametro. - Dividere in 3 l altezza. Al plinto dedicare 1/3 inferiore. - Dividere i 2/3 rimanenti in 4 parti. Al toro superiore dedicare 1/4 superiore. - Dividere quel che resta in 2 parti. 1/2 va alla scozia e 1/2 al toro inferiore.

28 2 Procedura dei sottomultipli (Vignola) Il modulo viene diviso in parti più piccole, dette minuti, che funzionano da sottomultipli. Palladio divide il modulo (1 diametro) in 60 minuti. Vignola divide il suo modulo (1/2 diametro, raggio) - in 12 minuti per gli ordini tuscanico e dorico; - in 18 minuti per gli ordini ionico, corinzio e composito. Esempio della base attica della colonna ionica in Vignola: Altezza = 1 modulo. 6 minuti al plinto 3 minuti al toro superiore 4 minuti alla scozia 4 minuti al toro inferiore

29 3 Procedura metrica decimale (Chitham) Si attribuiscono dei valori numerici al modulo, assunto come UNITA di misura, e alle varie parti del modulo. (Si perde qualsiasi rapporto con il disegno ) Esempio della base attica: per il plinto (1/3 del raggio) per il toro superiore per la scozia per il toro inferiore In tutto 0.5 cioè mezzo diametro, mezzo modulo di Vitruvio, 1 modulo di Vignola.

30 La procedura di proporzionamento che ha più senso per chi vuol rilevare e capire l architettura classica è sicuramente quella vitruviana delle partizioni successive, perché costringe a considerare sempre l insieme, e prima le grandi masse e poi quelle minori. (da Migliari 1991)

31 TEORIA / PRATICA Il rigore teorico veniva moderato dalle ragioni della pratica costruttiva. Si applicavano e giustificavano, ad esempio: Deformazioni architettoniche per la correzione prospettica Lo scopo è di far apparire perfetta la costruzione che, per fenomeni prospettico-visuali, non sarebbe risultata tale se le regole dell ordine fossero state rispettate in maniera ferrea.

32 Deformazioni architettoniche su stereobate e trabeazione, per ottenere le relative correzioni ottiche Trabeazione inclinata in avanti per favorire la visione dal basso Nel complesso convergenza dei prospetti verso il centro

33 Deformazione delle colonne esterne Le colonne angolari della fronte del tempio venivano realizzate più grandi rispetto alle altre e sensibilmente più inclinate verso il centro della facciata, per non risultare all apparenza più esili e spinte verso l esterno.

34 La rastremazione del fusto delle colonne: Il fusto si restringe gradualmente a partire da 1/3 dell altezza, fino a misurare i 5/6 del diametro entasi a) b) a) doriche e tuscaniche b) ioniche, corinzie e composite

35 Metodi per rastremare le colonne secondo il Vignola

36 Metodi per rastremare le colonne secondo il Vignola

37 L ORDINE TUSCANICO Si definì in ambiente etrusco ed italico come variante locale dell ordine dorico Venne impiegato soprattutto nell architettura romana Fu ripreso ed elaborato in età rinascimentale, soprattutto dal Cinquecento in poi (noto anche come ordine toscano o rustico) Vitruvio lo considera un ordine secondario, come il Composito

38 L ORDINE TUSCANICO Morfologia: molto simile al DORICO da cui deriva (vedi). Dimensioni: maggiorate. Rapporto entasi altezza della colonna: 1:6 (per Vignola 1:7)

39 L ORDINE DORICO E il più antico tra gli ordini greci Si definì nel Peloponneso, abitata dai Dori Si diffuse già nel VI sec. a.c. in tutta la Grecia continentale e nelle colonie dell Italia meridionale e della Sicilia Fu soggetto ad una continua evoluzione nel tempo per quanto riguarda l aspetto e le proporzioni (per questo fu codificato il tuscanico)

40 L ORDINE DORICO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE sporgente; FREGIO suddiviso in metope e triglifi. COLONNA: CAPITELLO formato da abaco ed echino; FUSTO rastremato verso l alto; BASE mancante nel modello greco, formata da plinto e toro nel modello romano. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:6 nel modello greco antico (per Vignola 1:8)

41 I triglifi del fregio ricordano le tavolette di terracotta che originariamente proteggevano le teste delle travi di legno, impedendo che marcissero, facilitando con le scanalature il defluire dell acqua piovana. Le metope rappresentano le lastre poste a chiusura degli spazi lasciati vuoti dalle teste delle travi. Fig. da Chitham 1987

42 Capitello DORICO e TUSCANICO Nello stesso blocco può essere intagliato il "collarino", che costituisce la parte superiore del fusto della sottostante colonna. Inoltre l'echino e/o i lati dell'abaco possono ricevere una decorazione. Roma, Foro Romano, pertinente all'arco "Partico" di Augusto

43 Es. Dorico Tempio di Poseidon a Paestum

44 Es. Dorico Tempio di Segesta (Sicilia nord-occidentale)

45 Es. Dorico S. Domenico, Noto ( ) Ordine inferiore: Dorico Ordine superiore: Ionico Tempio Canoviano, Possagno (TV) (progetto di Canova)

46 Es. Tuscanico Arena di Verona (I sec. d.c.) Disegno dell ala in un incisione di Scipione Maffei (tutta la facciata monumentale originaria si presentava in questo modo)

47 Es. Tuscanico Mercati di Traiano, Roma (II sec. d.c.) Capitello tuscanico (con collarino) di lesena

48 Es. Tuscanico Tempietto di S. Pietro in Montorio, Roma (Bramante, 1502)

49 Es. Tuscanico Vestibolo della Biblioteca Laurenziana, Firenze (Michelangelo, )

50 Es. Tuscanico Progetti di Palladio barchessa della Villa Badoer (provincia di Rovigo) Palazzo Chiericati, Vicenza Ordine inferiore: Tuscanico Ordine superiore: Ionico

51 Palazzo Farnese di Caprarola, scala elicoidale (Vignola, dal 1559)

52 L ORDINE IONICO Vuole tradurre nelle sue proporzioni ed elementi decorativi, l elemento femminile. Vitruvio giustifica la sua invenzione con la necessità di erigere un tempio adatto ad una dea (Diana). Si definì nelle città greche dell Asia Minore, fondendo elementi greci ed elementi desunti dalle vicine civiltà orientali Si diffuse nelle isole, in Grecia, in Magna Grecia e nell Etruria

53 L ORDINE IONICO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE decorata con dentelli; FREGIO continuo. COLONNA: CAPITELLO formato da abaco molto sottile, tipiche volute ed echino; FUSTO doppiamente rastremato; BASE ionica, formata da plinto, doppia scozia e toro, oppure attica, formata da plinto, toro, scozia e toro. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:7 nel modello greco antico (per Vignola 1:9)

54

55 Tempio di Atena Nike (420 a.c.), acropoli di Atene Es. Ionico

56 Facciata del Tesoro dei Sifni ( a.c.), Delfi (foto del 1900) Si trattava di un tempietto ionico con due cariatidi in sostituzione delle colonne. Oggi è ricostruito con copie dei materiali originali che sono conservati nel Museo di Delfi.

57 Capitello IONICO Nel capitello ionico, tra echino e abaco si inserisce un nastro, chiamato "canale delle volute", che si arrotola poi in due grandi volute che sporgono inferiormente al di sotto dell'echino. O O P P P Pp È P P pa

58 L'inserimento delle volute differenzia le facce in cui queste sono presenti e su cui l'echino rimane visibile, mentre i fianchi sono occupati dal "rocchetto". Esiste tuttavia una variante con volute disposte in obliquo e con quattro facce principali, denominata "a quattro facce". Anche in questo caso il capitello può essere intagliato insieme al "collarino" (con collarino"). Una variante sviluppata in ambiente italico, è caratterizzata da volute che tendono a deformarsi verso il basso e da altri elementi non canonici; spesso a quattro facce: si definisce "italico". Roma, tempio di Portuno ("della Fortuna Virile"), ordine di semicolonne sulle pareti della cella (età repubblicana). La decorazione del capitello ionico era completata in stucco, ancora parzialmente conservato. Capitello ionico di semicolonna

59

60 S. Maria in Trastevere, Roma Capitello ionico figurato di colonna reimpiegato sulle colonne della navata, forse dalle terme di Caracalla. Il capitello ionico presenta una testina al centro dei lati dell'abaco e dei piccoli busti all'occhio delle volute. Da notare anche la fronda vegetale che decora il canale delle volute e prosegue nella spirale delle volute stesse. Capitello ionico a imposta SS. Sergio e Bacco, Costantinopoli (Istanbul, Turchia) Es. Ionico

61 Es. Ionico Resti riassemblati di colonne ioniche, appartenenti al tempio di Afrodite (470 a.c.) nell area archeologica di Metaponto (Basilicata)

62 Es. Ionico Chiostro delle donne, Spedale degli Innocenti, Firenze (progetto del Brunelleschi, 1420 ca.)

63 Es. Ionico La Rotonda (Villa Almerico Capra), Vicenza (Palladio la iniziò nel 1566)

64 Es. Ionico Castle Coole ( ), Irlanda del Nord dettaglio del portico

65 L ORDINE CORINZIO E il più recente degli ordini greci Si sviluppò dalla fine del V sec. a.c., ma i primi esempi di capitelli corinzi che ci sono rimasti risalgono al IV sec. (tempio di Apollo a Bassae) Secondo la tradizione Callimaco ne fu l inventore, ispirato dall offerta votiva depositata sulla tomba di una giovane donna (cesto coperto da lastra, intorno al quale era cresciuta una pianta di acanto) Molto diffuso nell architettura romana e classicista

66 L ORDINE CORINZIO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE decorata con dentelli; FREGIO continuo e variamente decorato. COLONNA: CAPITELLO caratterizzato da foglie stilizzate di acanto e caulicoli, formanti il kalathos (= cesto intrecciato), sovrastato dall abaco; FUSTO doppiamente rastremato; BASE formata da plinto, toro, doppia scozia e toro. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:8 nel modello greco antico o 1:9 (per Vignola 1:10)

67

68

69 Capitello CORINZIO LL L L L Ll L L Lllll

70

71 Lavorazione per blocchi. Il singolo blocco prende il nome di ROCCHIO per i fusti di colonna o di semicolonna. Esempio: Capitello corinzio di colonna, blocco inferiore Roma, Largo Argentina (età repubblicana) Il capitello era intagliato in due blocchi: quello inferiore contraddistinto da due corone di foglie, dietro a cui si intravedono gli steli dei caulicoli.

72 Esempio di utilizzo dell ordine corinzio all interno di un tholos (tempietto a pianta circolare): Epidauro (360 a.c.) Resti delle fondamenta Ipotesi ricostruttiva del tholos

73 Capitello corinzio dal tholos di Epidauro (360 a.c.), musealizzato

74 Monumento di Lisicrate (335 a.c.), Atene Uno dei primi esempi di esterni in stile corinzio

75 Capitelli corinzi di lesene Ara Pacis Augustae (13-9 a.c.), Roma Il monumento è stato ricostruito sulla base di fonti scritte e figurative coeve e degli studi sugli scavi, poco lontano dal Campo Marzio dove si trovava in origine.

76 Interno del pronao Pantheon ( d.c.), Roma

77 Fonte battesimale del patriarca Callisto (730 circa), Cividale del Friuli (l antica Forum Julii) Capitelli corinzi Es. di persistenza dei modelli classici (seppur rielaborati) e di convivenza con l estro decorativo dell alto medioevo in epoca longobarda

78 Capitello corinzio con pulvino Spedale degli Innocenti, Firenze portico esterno (Brunelleschi, dal 1419)

79 Capitello corinzio con dado brunelleschiano (particolare tipo di pulvino cubico) su cui s impostano gli archi a tutto sesto Basilica di San Lorenzo, Firenze (Brunelleschi, dal 1420)

80 Es. Corinzio Portale in pietra Chiesa di S. Maria Novella, Orciano di Pesaro Baccio Pontelli (1432) architetto fiorentino al servizio dei Della Rovere

81 - Altari vasariani lungo le pareti delle navate laterali - Capitelli di lesena Tomba di Michelangelo (sopra modello in gesso) Basilica di Santa Croce, Firenze

82 Philadelphia Merchant's Exchange (Borsa di Philadelphia) (anni 30 del XIX sec.), USA Colonnato corinzio del portico semicircolare

83 L ORDINE COMPOSITO Ordine tipicamente romano, presente già in età augustea, utilizzato soprattutto in età flavia e severiana E chiamato anche trionfale perché utilizzato negli archi di trionfo Nel capitello si ha la caratteristica combinazione di elementi ionici e corinzi Vitruvio in realtà rifiuta di considerarlo un ordine distinto dal Corinzio, in quanto secondo lui non sono gli ornamenti a determinare l ordine, bensì la differenza di modulo proporzionale. E quindi, per lui, un ordine secondario

84 L ORDINE COMPOSITO Morfologia: TRABEAZIONE: CORNICE decorata con dentelli; FREGIO continuo. COLONNA: CAPITELLO caratterizzato da foglie stilizzate di acanto e caulicoli, formanti il kalathos, sovrastato da echino e volute e dall abaco; FUSTO doppiamente rastremato; BASE formata da plinto, toro, doppia scozia e toro. Dimensioni: Rapporto entasi altezza della colonna: 1:8 o 1:9 (per Vignola 1:10)

85

86 Capitello COMPOSITO

87 Es. Composito Arco di Tito, d.c. 4 semicolonne d ordine composito per lato Primo esempio sicuramente datato del suo impiego a Roma

88 Es. Composito Capitello di epoca augustea reimpiegato nel Mausoleo di Santa Costanza (340), Roma

89 Cortile di Palazzo Medici- Riccardi, Firenze Michelozzo ( ) Nei tre livelli dell alzato si succedono tre ordini, evidenziando la destinazione dei locali attigui: - COMPOSITO per il cortile di rappresentanza - CORINZIO per il piano nobile - IONICO per la loggia che da accesso alle stanze di servizio.

90 Es. Composito Palazzo del Capitaniato, Vicenza (Palladio, )

91 Particolare dei capitelli delle semicolonne

92 Es. Composito Finto impianto architettonico negli affreschi di Paolo Veronese (1560 ca.), Villa Barbaro, Maser (TV)

93 Facciata della Chiesa dei Santi Michele e Gaetano ( ), Firenze

94 Gli ordini in architettura Riferimenti bibliografici Gabriele Morolli, Le membra degli ornamenti, Alinea, Firenze 1986 Robert Chitham, Gli ordini classici in architettura, Hoepli, Milano 1987 Riccardo Migliari, Il disegno degli ordini e il rilievo dell architettura classica: Cinque Pezzi Facili, in Disegnare, n. 2, Roma, 1991 Per approfondimenti sugli ordini architettonici antichi cfr.: Giorgio Rocco, Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. I. Il dorico, Liguori editore, Napoli 1994 Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. I. Lo ionico, Liguori editore, Napoli 2003

95 La conoscenza degli ordini per il rilievo (diretto o con sistemi a scansione)

96 Progetto / Rilievo I percorsi

97 Per rilevare e poi restituire il modello occorre saper riconoscere il sistema strutturale e decorativo, nei suoi elementi e rapporti interni

98 La selezione e l ordinamento dei punti da misurare deve seguire le stesse gerarchie che già si trovano incorporate nell edificio (da Migliari 1991)

99

100 Classificazione semantica per sistemi informativi 3D Il processo di segmentazione del modello 3D consiste in: - identificazione dei singoli elementi e della loro terminologia; - identificazione delle relazioni tra loro esistenti; - definizione dei volumi che essi occupano. A. M. Manferdini, F. Remondino, S. Baldissini, M. Gaiani, B. Benedetti, 3D modeling and semantic classification of archaeological finds for management and visualization in 3D archaeological databases, 2008

101 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Opera d Arte società cooperativa, è

Opera d Arte società cooperativa, è LE PROPOSTE DIDATTICHE DI OPERA D ARTE Per la scuola, per i gruppi, per le associazioni, per la terza età, per i singoli, per chiunque voglia consolidare o arricchire le proprie conoscenze sulla storia

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing.

Corso di Laura in Ingegneria Edile Architettura Corso di Architettura Tecnica 2 Prof. Enrico Quagliarini Presentazione a cura dell Ing. I SISTEMI MURARIA DI IN Architrave Tetto inclinato (arco acuto) Arco Chiave Estradosso MURARIA DI IN Concio Intradosso Imposta Freccia o Monta 30 Reni Piedritto Luce o Corda DELLE Tra le volte distinguiamo

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Font BITMAP e Font SCALABILI Informatica Generale (Corso di Studio

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Impiego Appropriato dei font

Impiego Appropriato dei font Impiego Appropriato dei font Quando si vuol comunicare applicando i principi della grafica bisogna prestare attenzione a un considerevole numero di particolari. Se si individuano i dettegli giusti s ottiene,

Dettagli

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti 2014/2015 TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia Arachova / Delfi / Kalambaka / Monasteri Bizantini delle Meteore / Termopili

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

1836. Altari e cappelle dal 1770 al 1779. 1770-1780 (con registrazioni posteriori) Volume cartaceo, cm 21.5x28.5, leg. in cartone, contenente 10

1836. Altari e cappelle dal 1770 al 1779. 1770-1780 (con registrazioni posteriori) Volume cartaceo, cm 21.5x28.5, leg. in cartone, contenente 10 ALTARI E CAPPELLE Inventariazione realizzata da Marzia Comino e Giuliana di Brazzà nel 2005 per conto dell Archivio Storico Diocesano a cura dell Istituto Pio Paschini per la Storia della Chiesa in Friuli

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969 80785696 718753 76 2=1,414213562

Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969 80785696 718753 76 2=1,414213562 mathematica [mentis] rubrica di cultura matematica a cura del CIRPU resp. scient. Prof. Italo Di Feo La radice 2 di Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti 2014/2015 Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia / Arachova Delfi / Kalambaka / Meteore / Salonicco / Filippi / Kavala / Vergina / Termopili

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

LO SPAZIO NELL ARTE. Tra realtà e illusione

LO SPAZIO NELL ARTE. Tra realtà e illusione LO SPAZIO NELL ARTE Tra realtà e illusione Lo studio di sistemi di rappresentazione dello spazio è stato uno dei temi di ricerca più importanti delle arti figurative e un problema molto sentito dagli artisti,

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli