PER UN RADICALE RINNOVAMENTO DEGLI ORDINI (DEGLI ARCHITETTI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER UN RADICALE RINNOVAMENTO DEGLI ORDINI (DEGLI ARCHITETTI)"

Transcript

1 PER UN RADICALE RINNOVAMENTO DEGLI ORDINI (DEGLI ARCHITETTI) Un esigenza indilazionabile L esigenza di dar corso ad un profondo sistema di riforme di carattere strutturale per il nostro Paese è parte del dibattito che investe le nostre istituzioni, i nostri enti di governo e le nostre forme organizzative: riforme che ne riguardano gli aspetti economici, culturali ed anche sociali. Lo chiede l Europa, lo richiede il sistema Italia, lo avverte l impegno quotidiano di chi è chiamato a confrontarsi con i mercati, lo segnala l affanno che manifesta l intero spazio della moneta unica all interno del quale la nostra economia sembra in grande difficoltà e, non ultimo, lo impongono i recenti provvedimento governativi. Un processo di ammodernamento e di riforme al quale il mondo delle professioni intellettuali deve partecipare con proposte e contributi in grado di aiutare il rinnovamento dell intero sistema, senza nostalgie conservatrici. Questo proponimento suggerisce di superare quelle posizioni che ritengono possibile procedere con aggiustamenti e correzioni: l impianto normativo attuale del sistema degli Ordini professionali è datato, non rappresenta la loro evoluzione, volontaristicamente anticipata, nei fatti, da alcuni di essi negli ultimi anni. Occorre una trasformazione profonda che lo renda anche normativamente rispondente alle esigenze di una economia dinamica e a quell insieme di profonde trasformazioni culturali e di innovazioni che stanno investendo il mondo della produzione. E in particolare gli architetti devono essere tra coloro che richiedono consapevolmente una radicale riforma dell intero impianto normativo che oggi regola il mondo delle professioni: nessuna inutile difesa dello status quo e nessun tentativo di restare ancorati alla tutela di presunti privilegi. Perché essi non si sentono intoccabili : vogliono, al contrario, cambiare profondamente le cose, restando però nei limiti di un processo di riforme profonde, senza entrare nel campo della deregulation. Guardiamoci attorno L Unione Europea nel riconoscere che l attività dei professionisti è assimilabile al ruolo dell impresa, ha sollecitato più volte l Italia ed in ultimo con la raccomandazione del 7 giugno 2011 ad assumere provvedimenti per: accrescere il ruolo e la funzione della concorrenza, liberandola sia dai vincoli derivanti dai comportamenti intrinseci (ruolo dei professionisti e dei rispettivi Ordini) che da norme e regolamenti generali; promuovere il ruolo dei servizi professionali. L assunzione di tali indirizzi da parte del Governo è avvenuta con i recenti provvedimenti per il rilancio del sistema economico che disegnano un quadro, non ancora completo, ma fortemente integrato con il sistema regolamentare europeo. Giova ricordare che proprio l attuale Presidente del Consiglio sosteneva, pochi mesi or sono, l esigenza di affrontare il tema complesso delle riforme di struttura come uno degli fattori fondamentali per uscire dalla crisi profonda in cui versa oggi il nostro Paese, citando come esempio a tal riguardo l insieme dei provvedimenti assunti, all inizio dell anno, dal governo greco. Ente di Diritto Pubblico istituito con Regio Decreto N 2537/1925 Via Giolitti Torino Tel r.a. Fax C.F

2 Un impegno a tutto campo cui le professioni intellettuali sono chiamate a partecipare, per delineare un ruolo nuovo e diverso del sistema delle loro rappresentanze, che parta dalla constatazione della debolezza funzionale ed organizzativa che attualmente lo contrassegna rispetto ad altri della zona europea. L organizzazione delle professioni libere si presenta oggi in forme tanto articolate da far ritenere opportuno, a questi fini, di ricondurre i ragionamenti alle singole professioni: nel caso degli architetti, quindi, alle professioni tecniche, ignorando le pur legittime esigenze di altre professioni che però hanno, in realtà, profili ed esigenze diversi. I primi passi della riforma hanno espunto dalle competenze ordinistiche la deontologia e hanno introdotto la formazione continua permanente (obbligo sanzionato disciplinarmente), stabilito il libero accesso (fatto salvo l Esame di Stato), indicato il tirocinio come strumento preparatorio di ingresso nella professione, annullato le tariffe minime (per adottare nuovi prezziari che dovranno essere utilizzati come semplice riferimento), introdotto l obbligo della assicurazione a tutela del cliente e liberalizzata la pubblicità informativa; sono inoltre previste le società anche di capitale (e non di soli professionisti). È un disegno non ancora concluso, che tuttavia delinea un quadro di totale superamento dell attuale sistema ordinistico: delle competenze originarie rimane la sola tenuta dell Albo. Non ha alcun valore la riaffermazione, sostenuta da chi ripropone un sistema analogo all attuale, di una maggiore garanzia che la loro presenza offrirebbe all utenza (cioè alla collettività) in un rapporto caratterizzato dalla cosiddetta asimmetria informativa : non è infatti sostenibile che l attività di controllo e di vigilanza dell Ordine stesso sarebbe possa essere elemento di garanzia nei confronti del cliente, che in tal modo sarebbe oggetto di una tutela. In realtà qualunque acquisto di servizi o di prestazioni spesso tanto delicate quanto quelle svolte dall attuale sistema delle professioni protette avviene in un quadro di asimmetria informativa, senza che per questo venga postulata l esistenza di Ordini, che altrimenti dovrebbero crescere indefinitamente. Alla ricerca di un nuovo ruolo Due le strade che si possono percorrere: perseguire una soluzione di tipo anglosassone, con iscrizione obbligatoria (per alcune categorie) ad una delle tante associazioni professionali certificate, in concorrenza tra di loro, da cui deriva allo stesso professionista una patente sulla qualità del proprio operato in relazione alle politiche attuate sull ammissione dei nuovi iscritti, sulle tariffe e sulla applicazione di norme deontologiche. Si tratta di una strada difficilmente perseguibile in Italia, per differenze di impianto giuridico e di cultura, una strada non auspicata da chi scrive intanto per una ragionevole necessità di gradualità della transizione; concepire una soluzione più strutturata, costruita attorno ad un organismo deputato alla conservazione ed all aggiornamento del registro degli iscritti (compito in qualche misura di routine ) e con competenze più marcate e definite. Queste ultime dovrebbero essere volte a: valorizzare la professione, l attività ed il ruolo dei professionisti; sostenere e potenziare le forme di organizzazione delle imprese della professione (le cui dimensioni medie sono oggi incredibilmente basse) e quindi rafforzarle in rapporto al mercato europeo; 2

3 aiutare a costruire ed alimentare reti di collaborazione con altri studi e con altre attività economiche di settori produttivi diversi; promuovere iniziative di apertura verso l estero e la necessaria internazionalizzazione delle imprese della professione locali; favorire il ricorso a incentivi di sostegno economico; stabilire percorsi effettivi di collaborazione con il mondo dell università. La formazione professionale continua assume non soltanto il ruolo strategico di certificazione e valorizzazione della qualità della prestazione professionale, ma diventa altresì il percorso ordinario per l aggiornamento operativo, ai fini del loro posizionamento sul mercato nazionale ed internazionale, delle imprese professionali. Alcune esperienze interessanti sono state maturate anche da lungo tempo soprattutto dagli Ordini maggiori, autonomamente o attraverso istituti o Fondazioni direttamente costituite: si tratta di un patrimonio straordinario di esperimenti e di conoscenze che va valorizzato, divulgato ed esteso. I percorsi di aggiornamento professionale vanno di conseguenza elaborati su base locale, con un opportuno coordinamento nazionale, in un regime di forte cooperazione con il sistema universitario e con gli organismi preposti alla promozione delle altre attività economiche (le Camere di Commercio in primo luogo). È probabile tuttavia che tale novità comporti una inversione di tendenza nella impressionante corsa alle iscrizioni all Albo: gli impegni che ne derivano possono avere un effetto scoraggiante nei confronti delle iscrizioni routinarie. Proprio per questo l Albo professionale non può che diventare un registro che raccoglie i profili e le specializzazioni di ciascun inscritto, ne testimonia il livello professionale e garantisce (annotando le sanzioni eventuali in cui il singolo sia incorso) il profilo deontologico individuale: un elenco aperto, consultabile da chiunque. Si viene così delineando un ruolo dei nuovi organismi più caratterizzato da forme attive di protezione e valorizzazione della professione e delle sue forme societarie, chiamate a cooperare con altri soggetti di natura economica a matrice pubblica (le Camere di Commercio, appunto, le articolazioni dell ICE, ecc.), tanto da far ritenere indispensabile una loro collocazione nell area di competenza del Ministero dello Sviluppo, abbandonando, almeno per gli architetti, la dipendenza dal Ministero della Giustizia. Naturalmente in un quadro così innovativo, il tema della equipotenzialità dei nuovi organismi si pone con tutta evidenza: occorre superare la frammentazione e la disomogeneità che oggi caratterizza gli Ordini degli architetti. Diventando essi strumenti di organizzazione ed offerta di servizi ai propri aderenti, è necessario che essi dispongano di quegli strumenti di natura economica, scientifica e strumentale, che solo ad un sufficiente livello di scala sono disponibili. Diventa quindi obbligatorio strutturarli a livello regionale, affinché possano raggiungere dimensioni sufficienti ed idonee ai nuovi compiti, definendo delle strutture che garantiscano le espressioni delle singole aree provinciali. Il problema nasce dalla estremamente variabile dimensione degli attuali Ordini, rispetto ai compiti dei futuri organismi rappresentativi: sono accettabili quelli che fanno riferimento alle città metropolitane mentre gli altri non raggiungono dimensioni di massa tale da renderli operativi ed efficienti. Una tal soluzione, oltre ad essere coerente con il disegno del Governo teso a ridurre la portata ed i compiti delle attuali Province, costituisce uno snellimento del sistema delle rappresentanze, assicura un maggiore equilibrio nella qualità delle prestazioni offerte e semplifica il rapporto con gli iscritti. Consente inoltre di individuare con 3

4 grande facilità un equilibrato rapporto con i nuovi Istituti deputati a vigilare sul rispetto della deontologia. Per questi il livello regionale sembra quello più opportuno: la tutela del rispetto del codice deontologico potrebbe essere compito che tali organismi svolgono per ambiti di professioni analoghe (ad esempio le professioni tecniche) a garantire interpretazioni e trattamenti omogenei. In ultimo si pone il problema del ruolo del Consiglio Nazionale, cui vanno affidate solo più funzioni di coordinamento, indirizzo e, laddove necessario, di sussidiarietà, ma non più di rappresentanza (posto che mai le abbia avute): perciò anche per il CNA si pone il problema di un radicale alleggerimento dei compiti, delle dimensioni e dei costi gravanti sugli iscritti. Torino, 13 dicembre 2011 Il Consiglio dell Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Torino 4

5 Ordini, buone pratiche e proposte operative per una riforma: l esempio dell Ordine Architetti di Torino. E giunto il momento di ragionare anche su alcuni aspetti che, oltre ad essere di merito, esprimono in modo significativo: - l innovazione introdotta di fatto dagli Ordini - la capacità degli Ordini di essere luoghi attivi, capaci di trasformare le quote che gli iscritti pagano annualmente in servizi professionali e progetti culturali. Se si potesse misurare un coefficiente di efficacia/efficienza della qualità e quantità dei servizi che gli iscritti ricevono a fronte della quota di iscrizione nel caso degli architetti mediamente di 200 euro l anno e confrontarlo fra le diverse realtà territoriali degli Ordini, emergerebbero differenze sensibili fra le varie esperienze. Il confronto potrebbe evidenziare se l organismo in questione sia una struttura utile od una sovrastruttura fine a se stessa; il confronto porterebbe anche alla luce esempi di buone pratiche che possono essere linee guida per una riforma. Ma quali sono quelle che noi consideriamo buone pratiche e servizi innovativi per il sistema ordinistico? Per fare questo non si può far altro che parlare di ciò che si conosce direttamente e quindi dell esperienza condotta in anni di lavoro per tradurre una struttura che per la norma deve semplicemente eseguire operazioni che definiremmo statiche (tenuta dell albo, deontologia professionale), con politiche attive fatte di azioni per erogare servizi e promuovere in senso generale la cultura ed il ruolo del professionista architetto. Come è organizzato e cosa fa l Ordine Architetti di Torino. Sono iscritti all OAT oggi architetti, che eleggono in modo diretto un consiglio di 15 componenti, i quali rimangono in carica per 4 anni: nessun consigliere, neppure il presidente, ha diritto a compensi od emolumenti o gettoni di alcun genere, sono rimborsate esclusivamente le spese di trasferta sostenute nello svolgimento del mandato, che nell anno assommano a poche migliaia di euro per tutto il consiglio. Nell arco degli ultimi 10 anni si è accelerata e completata una trasformazione profonda dell Ordine che, investendo le risorse disponibili, ha incrementato e qualificato la struttura operativa interna e definito un organigramma chiaro. Oggi la struttura consta di 9 dipendenti (un direttore, 4 funzionari, 4 impiegati amministrativi). Per la gestione delle attività di servizio, che sono nel tempo notevolmente cresciute, è stata istituita nel 2002 una Fondazione, anch essa dotata di struttura operativa qualificata in parte derivante dalla struttura di OAT ed in parte autonoma. La Fondazione OAT ha oggi una struttura operativa che si compone di 6 addetti (3 dei quali distaccati da OAT). Alle attività di servizio si sono progressivamente aggiunti progetti culturali, anche con il coinvolgimento di enti terzi: la Fondazione OAT gestisce ora attività che ne consentono un quasi completo autosostentamento. 5

6 Il bilancio di OAT (nel 2010 pari a euro interamente sostenuto dagli iscritti) e quello della Fondazione OAT (nel 2010 pari a Euro, di cui solo una minima parte finanziata da OAT e per il resto sostenuto attraverso le attività a pagamento e le iniziative realizzate anche con sponsorizzazioni esterne) sono perciò investiti in lavoro qualificato per produrre attività e servizi dedicati agli iscritti ed alla professione. Quali sono dunque le attività che OAT e Fondazione OAT conducono a servizio ed a sostegno dei propri iscritti, per diffondere pubblicamente la cultura dell architettura e della città, per rafforzare il ruolo sociale dell'architetto e diffondere la cultura dell'architettura? Attività istituzionale: tenuta dell albo (attraverso un data base on line) tenuta degli elenchi speciali svolgimento dei compiti deontologici rilascio pareri di congruità sulle parcelle professionali rilascio pareri sullo svolgimento della professione Sostegno alla professione - Servizio di consulenze: legali, fiscali, previdenziali, sicurezza (rese sia in forma individuale che attraverso la pubblicazione di faq sul sito internet); - Attività di studio e approfondimento tematico attraverso focus group e gruppi di lavoro per l interpretazione normativa, sviluppo di collaborazione con gli enti per migliorare la pratica professionale, partecipare a consultazioni e proporre emendamenti normativi locali e nazionali; - Attività di conoscenza e sostegno per l individuazione di nuovi scenari per la professione. Servizi - Servizio gratuito di informazione su concorsi di architettura, bandi di gara e concorsi a posti (Europaconcorsi); - Servizio di informazione su ricerca/offerta di collaboratori; - PEC gratuita; - Convenzioni con aziende (riviste e editoria, assicurazioni, abbonamenti a banche dati e servizi telematici, firma digitale, voli aerei, attività sportive, spettacoli, ecc.) Formazione Percorsi formativi di specializzazione e aggiornamento (circa 60 corsi/anno) Servizi informativi Newsletter settimanale Sito internet Rivista trimestrale di approfondimento monografico (TAO magazine) Servizi e progetti culturali (aggiornamento 2011) Qualità dell architettura Festival annuale Architettura in Città 6

7 Premio Architetture Rivelate Premio Architetti & Architetture Viaggi di studio Eventi, incontri, dibattiti Sostenibilità dell ambiente costruito Progetto Smart Building in Torino Smart City (con la Città di Torino) Biennale sul paesaggio Creare Paesaggi (con la Regione Piemonte) Progetto Trasmettere la città sostenibile (con le p.a. dell area metropolitana) Biennale Democrazia (con la Città di Torino) Concorsi Programmazione di concorsi di architettura e assistenza agli enti banditori Tutte queste azioni, immaginate dal Consiglio dell Ordine e da quello della Fondazione OAT con il contributo della struttura interna, dei suoi collaboratori e dei molti colleghi che prestano servizio volontario, nulla hanno a che vedere con l immagine sedentaria, difensiva ed immutabile che è nella mente di coloro che, senza minimamente conoscerlo, immaginano l Ordine così come poteva effettivamente presentarsi all utente non molti anni or sono o come lo disegna tuttora l ordinamento vigente. Quello di Torino invece assomiglia molto di più ad altre più ricche ed efficienti strutture di supporto alle attività economiche esistenti nello scenario ordinamentale italiano. Organismi rappresentativi di interessi generali per i quali anche se la legge impone a determinate categorie una iscrizione obbligatoria, non sono ritenute inutili se erogatrici di servizi efficienti ed apprezzati dai soggetti cui fanno riferimento. L esempio che si può considerare più vicino al modello sviluppato da OAT e verosimilmente dagli Ordini degli architetti italiani di dimensione più grande può essere quello delle Camere di Commercio. Per offrire modelli di gestione adatti a supportare adeguatamente le attività economiche che rappresenta, OAT ha anche adottato sistemi di verifica divenuti di fatto necessari per la buona conduzione di una attività terziaria che voglia essere al passo con i tempi Primo fra gli Ordini Italiani, OAT ha ottenuto sin dal 2004 la certificazione di qualità UNI E ISO 9001 e la mantiene tuttora: il Sistema Qualità riguarda tutte le strutture dell'ordine (uffici, commissioni, Consiglio, consulenti e fornitori) e governa processi organizzativi interni e i servizi agli iscritti: in questo modo l'ordine qualifica la propria organizzazione di ente capace di gestire processi conformi, autocontrollati e realizzati in tempi certi. OAT ha definito e si è dotato di una carta dei servizi che descrive le modalità di erogazione dei servizi OAT ha dal 2010 un Programma triennale per la trasparenza, intesa come accessibilità totale delle informazioni concernenti ogni aspetto dell'organizzazione. Sono infatti pubblici ed accessibili: dati informativi sull'organizzazione e sui procedimenti (organigramma e articolazione degli uffici, elenco dipendenti con indirizzi e mal e pec, regolamento per l'accesso agli atti OAT, regolamento per le forniture 7

8 e l'amministrazione, regolamento per la concessione del patrocinio, ecc.), dati informativi relativi al personale OAT (curricula dirigenti e titolari di posizioni organizzative, tassi di presenza/assenza del personale, premi collegati alla performance ), incarichi, retribuiti e non retribuiti, conferiti ai dipendenti pubblici e a soggetti privati, bilanci amministrativi dell OAT e della Fondazione OAT. il sistema decisionale del consiglio segue anch esso procedure prestabilite per la discussione e la deliberazione; le deliberazioni consiliari avvengono solo previa istruttoria e predisposizione di delibere chiaramente definite nell oggetto, nel contenuto, nelle responsabilità, nella verifica di assegnazione e capienza del capitolo di spesa cui afferiscono. Ciò detto, siamo consapevoli che questo modello operativo non è diffuso a tutte le realtà ordinistiche italiane nel loro complesso o riferite solamente agli Ordini degli architetti. Le ragioni sono molteplici ma senza entrare nel merito delle capacità di iniziativa dei singoli consigli che non sarebbe né dimostrabile né corretto affrontare in questa sede, ci si può limitare ad osservare che, pur con differenze, possono riconoscersi analoghi modelli fra quelli adottati dagli Ordini di più grande dimensione per numero di iscritti. Ciò significa che, la capacità di innovare è almeno proporzionale al maggior bacino di idee sia nelle fasi elettorali sia durante nell espletamento del mandato ed alla conseguente maggiore capienza di bilancio derivante da un elevato numero di iscritti. Questi due fattori coincidenti, necessari ma non sufficienti, pongono le basi per sostenere la formazione di strutture operative capaci ed efficienti che possono erogare servizi all altezza dei tempi e delle richieste degli iscritti. Le conseguenze di queste brevi riflessioni in merito a ciò che noi consideriamo buone pratiche di gestione, determinano alcuni punti del profilo che la proposta di riforma vorremmo ce contenesse ed in particolare: 1. gli Ordini la cui denominazione se necessario potrebbe anche cambiare, benchè siano così definiti in tutto il mondo ed appartengano nella loro conformazione in particolare alla cultura europea devono poter assumere istituzionalmente e sulla base di nuovi regolamenti che ne consentano l estensione, maggiori funzioni almeno pari a quelle di servizio che già assolvono con esperienze condotte autonomamente e potendo così proseguire sulla strada intrapresa; 2. gli Ordini dovranno quindi garantire un livello minimo di prestazioni stabilito dall ordinamento e per farlo, se non dispongono delle risorse umane e materiali necessarie, dovranno avviare un processo di accorpamento tra Ordini viciniori perdendo così la territorialità provinciale per garantire ai propri iscritti un livello soddisfacente di prestazioni e muovendosi progressivamente verso una trasformazione in senso regionale della struttura istituzionale (eventualmente con desk di servizio locali); 3. per favorire tale processo, gli iscritti, senza il vincolo di domicilio oggi ancora imposto dall ordinamento, dovranno poter scegliere l iscrizione presso l Ordine che ritengano più consono alle loro attese, predilezioni, esigenze, previa accettazione dell Ordine ricevente nel rispetto dei soli requisiti minimi di iscrizione; 4. gli ordini favoriti da il processo di accorpamento in un numero sensibilmente inferiore di Ordini Provinciali (modalità punto 1) la possibile libertà di luogo iscrizione per gli architetti (modalità del punto 8

9 3) il sistema elettivo diretto e proporzionale potranno accentuare la loro rappresentatività diretta degli interessi generali della categoria senza tuttavia, mantenendo l iscrizione obbligatoria, poter assumere il carattere sindacale di interessi particolari (per tipo architetti, pianificatori, paesaggisti, conservatori; o per status dipendenti pubblici, privati, liberi professionisti; ); 5. il Consiglio Nazionale privo già oggi di alcun grado di rappresentatività diretta, essendo ente di secondo livello, si dovrà conseguentemente configurare come organismo tecnico al servizio degli ordini locali per il coordinamento e le funzioni armonizzazione delle procedure sul territorio nazionale; 6. da ciò consegue che il ruolo di rappresentanza in sede nazionale assunto oggi inopinatamente dai consigli nazionali, dovrà essere assunto invece da una diverso organismo rappresentato, ad evitare la proliferazione di livelli istituzionali, dall assemblea dei Presidenti degli Ordini locali riunita presso la sede nazionale il cui peso potrà essere proporzionale al numero di iscritti rappresentati. Le buone pratiche sperimentate non solo dall Ordine di Torino possono essere una base seria di discussione che bene si inserisce nei temi all ordine del giorno del periodo storico che viviamo: semplificazione e diminuzione dei centri decisionali; maggiore efficacia della spesa; trasparenza e facilità d accesso; erogazione di servizi all altezza delle mutate esigenze professionali del tempo. Torino, 13 dicembre 2011 Il Consiglio dell Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Torino 9

CARTA DEI SERVIZI ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI MODENA

CARTA DEI SERVIZI ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI MODENA Sommario Presentazione 1. Che cos è la Carta dei Servizi 2. Come contattare l Ordine 3. Finalità

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità Anni 2015-2017 Le novità normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli enti locali la revisione e la

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 (Art. 11, c.8, D.Lgs. n. 150 del 27.10.2009) Approvato con D.C. n.110 del 2/12/2013

Dettagli

Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO PRESO ATTO RICONOSCIUTA CONSIDERATO

Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO PRESO ATTO RICONOSCIUTA CONSIDERATO MOZIONE CONGRESSUALE 60 CONGRESSO NAZIONALE INGEGNERI VENEZIA 2 ottobre 2015 Gli Ingegneri italiani, riuniti nel 60 Congresso Nazionale in Venezia PREMESSO che il Paese deve ancora uscire dalla crisi economica

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI SOCIALI A SOGGETTI TERZI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il Comune di Bari, nell esercizio delle sue funzioni, provvede alla gestione dei servizi sociali, qualificati

Dettagli

NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI

NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI NORME IN MATERIA DI SOSTEGNO ALLA INNOVAZIONE DELLE ATTIVITÀ PROFESSIONALI INTELLETTUALI Art. 1 (Finalità e oggetto della legge) 1. La presente legge, nel rispetto del decreto legislativo 2 febbraio 2006,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1.

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO 2015/2017 (approvato con decreto n. 10 del 29.1. --- PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI NOVARA PER IL TRIENNIO (approvato con decreto n. 10 del 29.1.2015) 1 --- Indice (redatto in conformità alle indicazioni fornite

Dettagli

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA

COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA COMUNITA MONTANA DUE LAGHI CUSIO MOTTARONE E VAL STRONA PROGRAMMA TRIENNALE 2014 2016 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (ai sensi dell art. 11, commi 2 e 8, lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) (come riordinato

Dettagli

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE Regione Piemonte Proposta di legge regionale d iniziativa consiliare Oggetto n. 248 Istituzione dell anagrafe degli eletti Con il presente progetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 6 FRIULI OCCIDENTALE 33170 Pordenone - Via Vecchia Ceramica, 1 - C.P. 232 Tel. 0434/369111 - Fax. 0434/523011 - C.F. / P. Iva 01278420938 PEC: Ass6PN.protgen@certsanita.fvg.it

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Dalla trasparenza all accessibilità totale delle informazioni nella PA. E nella scuola? Modalità e limiti applicativi. Anna Armone

Dalla trasparenza all accessibilità totale delle informazioni nella PA. E nella scuola? Modalità e limiti applicativi. Anna Armone Dalla trasparenza all accessibilità totale delle informazioni nella PA. E nella scuola? Modalità e limiti applicativi Anna Armone Le case della trasparenza Art. 1 l. 241/1990 L attività amministrativa

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015 Indice: Premessa pag. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune pag. 3 2.

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

NOTE SUL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE

NOTE SUL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE NOTE SUL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE febbraio 2010 AMBITO DI INTERVENTO DEL DECRETO DI ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA REVISIONE Il decreto di attuazione della direttiva revisione (2006/43/CE)

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 Sommario 1. Premessa... 3 2. Selezione dei dati da pubblicare... 4 3. Descrizione delle modalità di pubblicazione online dei dati... 8 4.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CAROVIGNO ( P r o v. d i B r i n d i s i ) Via Verdi,1-72012 Carovigno (Br) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

Dettagli

ENTE PROVINCIALE PER IL TURISMO DI SALERNO

ENTE PROVINCIALE PER IL TURISMO DI SALERNO ENTE PROVINCIALE PER IL TURISMO DI SALERNO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA ANNI 2013 2014 2015 PREMESSA Dalle leggi Bassanini ad oggi, la Pubblica Amministrazione è stata interessata da normative

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014/2016

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014/2016 A.S.P. Laura Rodriguez y Laso De Buoi Via Emilia, 36 40068 San Lazzaro di Savena (BO) Tel. 051 6270172 Fax 051 6279067 E-mail asplaurarodriguez@asplaurarodriguez.it PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Dettagli

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016.

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. Indice: Premessa 1. FONTI NORMATIVE 2. STRUMENTI 3. DATI DA PUBBLICARE 4. INIZIATIVE DI

Dettagli

PA online evoluzione normativa

PA online evoluzione normativa PA online evoluzione normativa WEB PA Evoluzione normativa della PA nel web Albo online (legge 69/2009, art. 32) Dal 1 gennaio 2011 è entrato in vigore, dopo un anno di proroga, l art. 32 della L. 69/2009

Dettagli

NORME PER LA PROMOZIONE E LA DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

NORME PER LA PROMOZIONE E LA DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LEGGE REGIONALE 26 luglio 2012, n. 33 NORME PER LA PROMOZIONE E LA DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO la seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA CAPO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB UDINE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014

AUTOMOBILE CLUB UDINE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 AUTOMOBILE CLUB UDINE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 Gennaio 2012 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA, LA LEGALITA E L INTEGRITA DELL AUTOMOBILE CLUB DI UDINE CONSIDERAZIONI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2015/2017 Ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 Rev. 0 del 19 marzo 2015 Regione Calabria INDICE DEI CONTENUTI PREMESSA 1. PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

DELIBERA PER L ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IL CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO

DELIBERA PER L ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IL CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO DELIBERA PER L ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IL CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Considerato che da tempo ha individuato nella formazione continua, professionale e deontologica,

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Regolamento di Organizzazione

Regolamento di Organizzazione A. S. P. CITTA DI SIENA: Azienda Pubblica di Servizi alla Persona (Legge Regione Toscana 3 Agosto 2004 n. 43) Regolamento di Organizzazione Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 110 del 7 Dicembre

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAUNEI ANNI 2014-15-16

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO DI BAUNEI ANNI 2014-15-16 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Località Pedra Niedda TEL. 0782/610820 FAX 0782/610275 nuic863008@istruzione.it www.icsbaunei.nu.it 08040 BAUNEI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013 2015 PREMESSA II presente documento ha l'intento di fornire una visione d'insieme sui compiti istituzionali e sull'organizzazione di questo Comune

Dettagli

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro)

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa p. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune p. 3 2. Il processo

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Comune di Prata di Pordenone Approvato con delibera di Giunta n 9 del 21 gennaio 2014 Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2014-2016 Sottotitoli del catalogo Redatto in conformità

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2013. Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

DIREZIONE VITA E FINANZA. I valori del Prodotto Vita Unipol. Manuale per la qualificazione dei prodotti assicurativi Vita secondo i valori Unipol

DIREZIONE VITA E FINANZA. I valori del Prodotto Vita Unipol. Manuale per la qualificazione dei prodotti assicurativi Vita secondo i valori Unipol DIREZIONE VITA E FINANZA I valori del Prodotto Vita Unipol valori Unipol 1 Indice SEZIONE ASPETTI GENERALI 4 1. OBIETTIVI DEL PROGETTO 4 2. VALORI UNIPOL 5 2.1. VALORE DEL PRODOTTO 5 2.2. EQUITÀ 6 2.3.

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE Premessa I contenuti del Programma triennale della trasparenza pag.3 pag.4 Misure

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità dell azienda è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

Allegato alla delibera n. 75GC/2012 COMUNE DI CORNELIANO D ALBA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

Allegato alla delibera n. 75GC/2012 COMUNE DI CORNELIANO D ALBA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Allegato alla delibera n. 75GC/2012 COMUNE DI CORNELIANO D ALBA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (AI SENSI DELL ARTICOLO

Dettagli

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha RELAZIONE SULLE MODIFICHE APPORTATE AL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE IN APPLICAZIONE DEL D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248. A distanza di poco più

Dettagli

Prima Giornata della Trasparenza

Prima Giornata della Trasparenza Prima Giornata della Trasparenza Il Piano Triennale della Trasparenza e dell Integrità e il suo Stato di Avanzamento 30 Novembre 2011 L accessibilità TOTALE Missione Ente Trasparenza Integrità Buon Andamento

Dettagli

Workshop Raccogliamo la sfida del governo Renzi. SDA Bocconi 20 maggio 2014

Workshop Raccogliamo la sfida del governo Renzi. SDA Bocconi 20 maggio 2014 Workshop Raccogliamo la sfida del governo Renzi SDA Bocconi 20 maggio 2014 Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, insieme al Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Marianna Madia,

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

Il Programma Triennale per la trasparenza e Integrità

Il Programma Triennale per la trasparenza e Integrità Il Programma Triennale per la trasparenza e Integrità Viene emanato il presente Programma triennale per la trasparenza e l integrità così come previsto dal d. lgs. N. 150/2009 e redatto secondo le linee

Dettagli

SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATI SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SCUOLA SUPERIORE DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE La Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze (SSEF) è la Scuola nazionale per la formazione del personale

Dettagli

Trasparenza e integrità

Trasparenza e integrità Trasparenza e integrità In base al D.Lgs.33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della pubbliche amministrazioni e alle

Dettagli

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO Art. 1 E costituito il Movimento per la vita italiano, Federazione dei Movimenti per

Dettagli

RIFORMA DELLE PROFESSIONI PRINCIPI ISPIRATORI

RIFORMA DELLE PROFESSIONI PRINCIPI ISPIRATORI FEDERAZIONE ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI CONSERVATORI TOSCANI AREZZO GROSSETO LIVORNO LUCCA PISTOIA PRATO SIENA FAD formazione a distanza Seminario formativo valido per 4 CFP obbligatori in materia

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA BIBLIOTECHE. Proposte AIB per il Ministro Franceschini [Appunti per l Anno delle Biblioteche]

ASSOCIAZIONE ITALIANA BIBLIOTECHE. Proposte AIB per il Ministro Franceschini [Appunti per l Anno delle Biblioteche] ASSOCIAZIONE ITALIANA BIBLIOTECHE Proposte AIB per il Ministro Franceschini [Appunti per l Anno delle Biblioteche] Roma, 16 aprile 2015 Prot. 108/2015 Premessa L'AIB svolge dal 1930 il ruolo di rappresentanza

Dettagli

Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale. Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011

Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale. Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011 Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011 udita la relazione del Segretario Generale; esaminato l art.3 del d.l. 138/2011, convertito

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11, c. 8, lett. a), D.lgs. n. 150 del 27.10.2009) PREMESSA Il presente documento, redatto ai sensi dell art. 11, c. 8, lettera a), del decreto

Dettagli

COMUNE DI SOLETO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI SOLETO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI SOLETO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014/2016 PREMESSA La recente normativa, nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione, impone agli Enti

Dettagli

COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza) COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 Il principio di Trasparenza deve essere inteso come accessibilità totale, anche attraverso lo strumento

Dettagli

(PROVINCIA DI CATANIA)

(PROVINCIA DI CATANIA) (PROVINCIA DI CATANIA) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella accessibilità delle informazioni sulla organizzazione, degli

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 COMUNE DI GRIZZANA MORANDI PROVINCIA DI BOLOGNA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 15 del 29/1/2014 PREMESSA Sito

Dettagli

Codice di Etica Professionale

Codice di Etica Professionale Codice di Etica Professionale per: Istruttori di Arti Marziali Tecnici di Arti Marziali Vi invitiamo a leggere questo Codice Etico con attenzione e a seguirne i principi nell esercizio della vostra attività

Dettagli

Istituto Comprensivo " E. Mattei"

Istituto Comprensivo  E. Mattei Istituto Comprensivo " E. Mattei" Centro Territoriale Permanente per l 'Istruzione e la Formazione in età adulta Viale Roma, 30 Tel. 0737 84339-787634 /Fax 0737 787634 E-mail: mcic80700n@istruzione.it

Dettagli

Delega al Governo per la istituzione e la regolamentazione della professione intellettuale di ufficiale giudiziario DISEGNO DI LEGGE

Delega al Governo per la istituzione e la regolamentazione della professione intellettuale di ufficiale giudiziario DISEGNO DI LEGGE Legislatura 16º - Disegno di legge N. 749 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BERSELLI e BALBONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 GIUGNO 2008 Delega al Governo per la istituzione e la regolamentazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 16 luglio 2007 N. 25-C/2007 Ill.mi Signori Avvocati via e-mail e via telefax - PRESIDENTI DEI CONSIGLI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ, TRASPARENZA E DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Capo I Definizioni e principi generali Articolo 1 (Definizioni)

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO PROVINCIA DI FIRENZE ALLEGATO A) a PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013-2015 PREMESSA La recente normativa, nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione, impone agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Via Napoli, n.3-00045 GENZANO DI ROMA Tel.06121125600

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

FAQ - AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE CONTINUO Tutte le risposte alle domande più frequenti

FAQ - AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE CONTINUO Tutte le risposte alle domande più frequenti FAQ - AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE CONTINUO Tutte le risposte alle domande più frequenti Le Linee Guida del CNAPPC del 22 gennaio 2014 sono state aggiornate con delibera del 26 novembre 2014 licenziate

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015

Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015 Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CALTANISSETTA TRIENNIO 2015-2017 (Articolo 11, comma 2, D.Lgs.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs 14 marzo 2013 n. 33) Finalità del Piano Con il presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, l ATC di

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016 PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2014-2016 1 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015-2017 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) INTRODUZIONE Il decreto legislativo 14.03.2013 n. 33 avente ad oggetto il Riordino della disciplina

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI

DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI DOCUMENTO INGEGNERI DIPENDENTI ASSEMBLEA PRESIDENTI DEL 7 SETTEMBRE 2010 CONGRESSO NAZIONALE DEGLI ORDINI PROVINCIALI A TORINO GLI INGEGNERI IN ITALIA L evoluzione dell ingegneria negli ultimi decenni,

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR 2012-2014 1 1. PREMESSA L art. 2, comma 138, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 29.01.2015 con Deliberazione di Consiglio Direttivo n.03 Pubblicato

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli