EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED ORACLE DATABASE 11g OLTP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED ORACLE DATABASE 11g OLTP"

Transcript

1 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED ORACLE DATABASE 11g OLTP EMC VSPEX Abstract La presente descrive come progettare risorse virtualizzate per un database Oracle sulla EMC VSPEX Proven Infrastructure for VMware vsphere. Il documento spiega inoltre come dimensionare Oracle su VSPEX, allocare le risorse secondo le best practice e utilizzare tutti i vantaggi offerti da VSPEX. Aprile 2013

2 Copyright 2013 EMC Corporation. Tutti i diritti riservati. Pubblicato negli Stati Uniti. EMC ritiene che le informazioni contenute in questo documento siano accurate al momento della sua data di pubblicazione. Le informazioni sono soggette a modifiche senza preavviso. Le informazioni contenute nella presente documentazione vengono fornite "così come sono". EMC Corporation non riconosce alcuna garanzia di nessun genere inerente le informazioni riportate nella presente pubblicazione, tra cui garanzie implicite di commerciabilità o idoneità ad un determinato scopo. L'utilizzo, la copia e la distribuzione dei prodotti software di EMC descritti in questo documento richiedono una licenza d'uso valida per ciascun software. EMC 2, EMC e il logo EMC sono marchi o marchi registrati di EMC Corporation negli Stati Uniti e in altri Paesi. Tutti gli altri marchi citati nel presente documento appartengono ai rispettivi proprietari. Per la versione più aggiornata del documento sulla conformità normativa per la propria linea di prodotti, visitare la sezione contenente la documentazione tecnica e le avvertenze sul sito web del Supporto Online EMC. Part Number: H

3 Sommario Capitolo 1 Introduzione Scopo della guida Valore per il business Ambito Audience Terminologia Capitolo 2 Prima di cominciare Workflow della documentazione Letture fondamentali Panoramiche delle soluzioni Guida all'implementa-zione per Oracle Database 11g Architettura di VSPEX Proven Backup e ripristino Capitolo 3 Panoramica della soluzione Panoramica Architettura della soluzione Componenti chiave Introduzione EMC VSPEX Oracle Database 11g VMware vsphere VMware vsphere HA VMware vsphere Distributed Resource Scheduler VMware vsphere PowerCLI Serie EMC VNX EMC Virtual Storage Integrator Red Hat Enterprise Linux EMC Unisphere EMC Avamar

4 Sommario EMC Data Domain Capitolo 4 Scelta di un'infrastruttura comprovata VSPEX Introduzione Fase 1: valutazione dell'use case dell'azienda con il qualification worksheet28 Fase 2: definizione delle architetture per le applicazioni Fase 3: scelta della VSPEX Proven Infrastructure più idonea Capitolo 5 Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Panoramica Progettazione della rete Panoramica Best practice per la rete Progettazione del layout dello storage Panoramica Architettura di alto livello Layout dello storage Best practice per lo storage Esempio di layout dello storage in VSPEX Configurazione di FAST Cache per Oracle Panoramica Best practice per FAST Cache Progettazione del livello di virtualizzazione Panoramica Best practice per la virtualizzazione Progettazione dell'implementazione di Oracle Database 11gR Panoramica Configurazione del client Oracle dnfs Automatic Shared Memory Management Abilitazione dell'impostazione HugePages Operazioni di I/O per i file del file system Layout dei file del database per NFS Progettazione del backup e ripristino Panoramica Architettura generale Considerazioni Best practice per il backup e il ripristino Capitolo 6 Metodologia di verifica della soluzione Verifica della soluzione Panoramica

5 Sommario Creazione dell'ambiente di test Popolamento del database di test Implementazione della soluzione Capitolo 7 Documentazione di riferimento White paper Oracle EMC VMware Documentazione del prodotto Oracle EMC VMware Appendice A Qualification worksheet Panoramica del qualification worksheet Stampa del qualification worksheet Appendice B VSPEX Sizing Tool Esempio di VSPEX Oracle qualification worksheet Dimensionamento manuale di un database Oracle Database 11g OLTP virtualizzato per VSPEX Panoramica Procedura di dimensionamento manuale per Oracle

6 Sommario 6

7 Figura Figura 1. Architettura dell'infrastruttura convalidata Figura 2. Infrastruttura comprovata VSPEX Figura 3. Livello di rete: High Availability (VNX) Figura 4. Abilitazione della libreria ODM per il client dnfs Figura 5. Elementi di storage per Oracle Database 11gR Figura 6. Esempio di layout dello storage: Oracle Database 11gR2 per la serie VNX Figura 7. Avamar server e Avamar Plug-in for Oracle Figura 8. Qualification worksheet per EMC VSPEX for Oracle 11g OLTP Figura 9. Versione stampabile del qualification worksheet Figura 10. Visualizzazione del qualification worksheet Figura 11. Esempio di EMC Oracle qualification worksheet Figura 12. Sezione init.ora Parameters del report AWR Figura 13. Query sul limite massimo di sessioni utente Figura 14. Calcolo delle dimensioni del database mediante query SQL Figura 15. Sezione IOStat by Function summary del report AWR Figura 16. Sezione Foreground Wait Event del report AWR Figura 17. Transazioni nella sezione Load Profile del report AWR Figura 18. Esempio di EMC Oracle qualification worksheet

8 Figura 8

9 Tabelle Tabella 1. Terminologia Tabella 2. Processo di implementazione della VSPEX Proven Infrastructure for Oracle Database Tabella 3. Caratteristiche della macchina virtuale di riferimento Tabella 4. Mapping del modello di dimensionamento di Oracle alla macchina virtuale di riferimento VSPEX Tabella 5. Layout dello storage VNX per Oracle Database Tabella 6. Layout dei file del database per NFS Tabella 7. Terminologia del backup di Avamar Tabella 8. Procedura generale di verifica dell'applicazione Tabella 9. Mapping degli utenti dell'applicazione alle macchine virtuali di riferimento VSPEX Tabella 10. RAID type, penalità di scrittura e utilizzo della capacità Tabella 11. IOPS casuali per tipo di unità Tabella 12. Esempio di calcolo dello storage pool Tabella 13. Mapping delle macchine virtuali di riferimento al pool dell'infrastruttura virtuale l (esempio) Tabella 14. Scelta del modello della VSPEX Proven Infrastructure

10 Tabelle 10

11 Capitolo 1 Introduzione Questo capitolo descrive i seguenti argomenti: Scopo della guida Valore per il business Ambito Audience

12 Capitolo 1: Introduzione Scopo della guida Le EMC VSPEX Proven Infrastructure sono ottimizzate per la virtualizzazione delle applicazioni business-critical. VSPEX offre soluzioni modulari integrate con tecnologie che garantiscono implementazioni più rapide, maggiore semplicità, maggiore possibilità di scelta, livelli più elevati di efficienza e rischi ridotti. Grazie a VSPEX, i partner possono progettare e implementare le risorse virtuali richieste per supportare una soluzione di virtualizzazione completamente integrata per un sistema di gestione di database relazionale (RDBMS, Relational Database Management System) Oracle su un'infrastruttura di private cloud VSPEX. L'infrastruttura VSPEX for virtualized Oracle fornisce alle aziende un sistema moderno in grado di ospitare una soluzione di database virtualizzata, scalabile e con un Performance Level costante. Questa soluzione utilizza VMware vsphere con il supporto di uno storage array EMC VNX ed EMC Avamar e Data Domain per il backup. I componenti di elaborazione e di rete, definibili dal vendor, sono distribuiti in modo da fornire ridondanza e sufficiente potenza per gestire le esigenze in termini di elaborazione e di dati dell'ambiente di macchine virtuali. Questa descrive come progettare la VSPEX Proven Infrastructure for virtualized Oracle OLTP Database secondo le best practice e spiega come selezionare la VSPEX Proven Infrastructure giusta utilizzando come guida lo strumento di dimensionamento per EMC VSPEX. Valore per il business Il software DBMS continua a essere il software più utilizzato per gestire i dati in quasi tutti i segmenti commerciali. Nonostante l'aumento delle quote di mercato registrato da altri strumenti di gestione dei dati, tale crescita è destinata a continuare. Se ne prevede anzi un'accelerazione poiché le aziende continuano a diversificare le proprie infrastrutture e tecnologie di supporto e a tendere maggiormente verso configurazioni e appliance hardware e software. Questa VSPEX Proven Infrastructure intende aiutare i partner EMC a comprendere il valore che la serie VNX, i sistemi BRS di EMC e Oracle offrono alle aziende, che spesso dispongono di ambienti IT isolati e in espansione in cui vengono eseguite applicazioni incentrate su server e che devono affrontare problemi sempre maggiori di backup e ripristino di Oracle. Questa soluzione VSPEX è progettata per rispondere alle problematiche poste dal database Oracle dell'azienda cliente e nello stesso tempo consentire una crescita in termini di prestazioni, scalabilità, affidabilità e automazione. Consolidando le applicazioni di database su EMC VNX, i clienti possono realizzare il consolidamento su un'unica piattaforma di storage centralizzata, rendendo possibile una gestione più efficiente della costante crescita dei dati, che rappresenta oggi una reale sfida per le aziende. Questa soluzione è stata dimensionata e comprovata con i sistemi BRS di EMC al fine di: Ridurre le esigenze di storage di backup e i relativi costi del cliente Rispettare le finestre di backup Consentire il ripristino rapido basato su disco 12

13 Capitolo 1: Introduzione Ambito Audience Questa descrive come pianificare e progettare una VSPEX Proven Infrastructure per database Oracle virtualizzati con VMware vsphere. Spiega inoltre come utilizzare lo strumento di dimensionamento disponibile per VSPEX for Oracle, allocare le risorse secondo le best practice e utilizzare tutti i vantaggi offerti da VSPEX. Questa guida è destinata al personale EMC interno e ai partner EMC VSPEX qualificati. La guida presume che i partner VSPEX che intendono implementare la soluzione siano: qualificati da EMC per la vendita, l'installazione e la configurazione della famiglia di sistemi di storage EMC VNX Qualificati per la vendita, installazione e configurazione dei prodotti di rete o server richiesti per le infrastrutture comprovate VSPEX Certificati per la vendita di VSPEX Proven Infrastructure I partner che implementano questa soluzione devono inoltre disporre della preparazione e della formazione tecnica necessarie per installare e configurare: VMware vsphere Red Hat Enterprise Linux 6.x Oracle Database 11g o versione successiva Backup di nuova generazione EMC, che include EMC Avamar ed EMC Data Domain In questa guida vengono forniti riferimenti esterni, ove applicabile. EMC consiglia di acquisire familiarità con tali documenti. Per ulteriori informazioni, consultare il Capitolo 7, Documentazione di riferimento. 13

14 Capitolo 1: Introduzione Terminologia La Tabella 1 riporta la terminologia utilizzata in questa guida. Tabella 1. Termine AWR DNFS DNS FAST VP FQDN FRA IOPS NFS NL-SAS ODM OLTP Oracle EE Oracle SE PowerCLI Macchina virtuale di riferimento SGA Statspack TPS VMDK VMFS Terminologia Definizione Automatic Workload Repository Client Direct NFS Domain Name System Fully Automated Storage Tiering for Virtual Pools (FAST VP) Fully Qualified Domain Name Fast Recovery Area (Oracle) Operazioni di input/output al secondo (IOPS) Network File System Near-Line Serial Attached SCSI Oracle Disk Manager Online Transaction Processing Oracle Enterprise Edition Oracle Standard Edition Interfaccia Windows PowerShell per le API di VMware vsphere e vcloud Rappresenta un'unità di misura per una singola macchina virtuale per quantificare le risorse di elaborazione in una soluzione VSPEX Proven Infrastructure. System Global Area Utility di monitoraggio e generazione di report dei database Oracle Transazioni per secondo Disco della macchina virtuale VMware File system della macchina virtuale VMware 14

15 Capitolo 2 Prima di cominciare Questo capitolo descrive i seguenti argomenti: Workflow della documentazione Letture fondamentali

16 Capitolo 2: Prima di cominciare Workflow della documentazione EMC consiglia di fare riferimento al flusso del processo descritto nella Tabella 2 per la progettazione e l'implementazione della VSPEX Proven Infrastructure for Oracle Database. Tabella 2. Processo di implementazione della VSPEX Proven Infrastructure for Oracle Database Step Azione 1 Utilizzare il VSPEX for virtualized Oracle qualification worksheet (Appendice A: Qualification worksheet) per raccogliere i requisiti del cliente. 2 Utilizzare lo strumento di dimensionamento per VSPEX per determinare la VSPEX Proven Infrastructure for Oracle Database 11g consigliata in base ai requisiti del cliente raccolte nel passaggio 1. Per ulteriori informazioni sullo strumento di dimensionamento per VSPEX, fare riferimento alla relativa sezione nell'emc Business Value Portal. Nota: la prima volta che si accede allo strumento, è necessario effettuare la registrazione. Se lo strumento di dimensionamento per VSPEX non è disponibile, è possibile dimensionare manualmente l'applicazione utilizzando le linee guida per il dimensionamento riportate nell'appendice B: Calcolo dei requisiti di storage di VSPEX per Oracle Database 11g OLTP 4 Per la selezione e l'ordinazione della VSPEX Proven Infrastructure più idonea, fare riferimento al sito dedicato all'infrastruttura informativa per la virtualizzazione. 5 Per l'implementazione e il test della VSPEX Proven Infrastructure for Oracle Database 11g, fare riferimento alla Guida all'implementazione di EMC VSPEX for virtualized Oracle Database 11g OLTP. Letture fondamentali Prima di implementare la soluzione descritta in questo documento, EMC consiglia di leggere i seguenti documenti disponibili nell'area VSPEX dell'emc Community Network o sul sito EMC.com e sul VSPEX Partner Portal. Panoramiche delle soluzioni Guida all'implementazione per Oracle Database 11g Architettura di VSPEX Proven Backup e ripristino Virtualizzazione server EMC VSPEX per aziende midmarket Virtualizzazione server EMC VSPEX per piccole e medie imprese Guida all'implementazione di EMC VSPEX for virtualized Oracle Database 11g OLTP Architettura di riferimento: EMC VSPEX Private Cloud VMware vsphere 5.1 per un massimo di 500 macchine virtuali White paper: EMC Avamar Backup for Oracle Environments White paper: EMC Avamar Backup with Data Domain 16

17 Capitolo 3 Panoramica della soluzione Questo capitolo descrive i seguenti argomenti: Panoramica Architettura della soluzione Componenti chiave

18 Capitolo 3: Panoramica della soluzione Panoramica Questo capitolo offre una panoramica della VSPEX Proven Infrastructure for Oracle Database 11g e delle tecnologie principali utilizzate in questa soluzione. La soluzione descritta in questa include server, storage, componenti di rete e componenti Oracle Database 11g. Architettura della soluzione La soluzione consente alle aziende di implementare in modo rapido e coerente un Oracle Database 11g virtualizzato nella VSPEX Proven Infrastructure. L'architettura di riferimento utilizza le risorse della macchina virtuale di riferimento, in base alle indicazioni sul dimensionamento contenute nella VSPEX Proven Infrastructure, ed è integrata con storage aggiuntivo per i dati delle applicazioni di Oracle Database 11g. Questa può aiutare il personale EMC e i partner EMC VSPEX qualificati a implementare una soluzione Oracle Database 11g semplice, efficiente e flessibile su una VSPEX Proven Infrastrutture per i loro clienti. La Figura 1 illustra l'architettura che caratterizza l'infrastruttura convalidata per un livello Oracle Database 11g su un'infrastruttura VSPEX. Per convalidare questa soluzione, abbiamo 1 : Implementato tutti i server Oracle Database 11g come macchine virtuali su VMware vsphere 5.1. Utilizzato lo strumento di dimensionamento per VSPEX for Oracle Database 11g per stabilire il numero e le risorse di elaborazione dettagliate per ogni database Oracle Database 11g. La Figura 1 mostra le tre opzioni di dimensionamento per Oracle (piccole, medie e grandi dimensioni). Utilizzare gli strumenti di dimensionamento forniti con questa soluzione per dimensionare l'ambiente del cliente e scegliere le opzioni che meglio si adattano alle sue esigenze. Definito il layout dello storage consigliato per Oracle Database 11g e il pool di infrastruttura virtuale negli storage array della serie VNX (mediante lo strumento di dimensionamento per VSPEX). Nota: la versione Oracle minima per questa soluzione è la (o 11gR2). In questo documento viene indicata come 11g. 1 In questo documento, la prima persona plurale si riferisce al team di engineering di EMC Solutions che ha convalidato la soluzione. 18

19 Capitolo 3: Panoramica della soluzione Figura 1. Architettura dell'infrastruttura convalidata Componenti chiave Introduzione Questa sezione offre una panoramica delle principali tecnologie utilizzate in questa soluzione, tra cui: EMC VSPEX Oracle Database 11g VMware vsphere 5.1 VMware vsphere HA vsphere Distributed Resource Scheduler EMC Unisphere VMware vsphere PowerCLI Red Hat Enterprise Linux 6.3 Macchina virtuale di riferimento Modello di database di piccole/medie/grandi dimensioni Serie EMC VNX EMC Virtual Storage Integrator (VSI) 19

20 Capitolo 3: Panoramica della soluzione EMC VSPEX EMC ha collaborato con i provider leader del settore dell'infrastruttura IT per creare una soluzione di virtualizzazione completa in grado di accelerare l'implementazione delle tecnologie di private cloud. Basata su tecnologie all'avanguardia, la soluzione VSPEX garantisce implementazioni più rapide, maggiore semplicità, maggiore possibilità di scelta, livelli più elevati di efficienza e rischi ridotti. La VSPEX Proven Infrastructure, illustrata nella Figura 2, è un sistema virtualizzato modulare convalidato da EMC e fornito dai partner EMC. L'infrastruttura VSPEX include livello di virtualizzazione, server, rete e storage progettati da EMC per offrire prestazioni prevedibili e affidabili. Figura 2. Infrastruttura comprovata VSPEX VSPEX consente di scegliere la rete, i server e le tecnologie di virtualizzazione più adatti all'ambiente del cliente per creare una soluzione di virtualizzazione completa. VSPEX offre un'infrastruttura virtuale alle aziende che desiderano ottenere la semplicità tipica delle converged infrastructure vere e proprie e, al contempo, una maggiore flessibilità dei singoli componenti dello stack. Le soluzioni VSPEX comprovate da EMC sono personalizzate e vendute esclusivamente dai partner di canale EMC. VSPEX offre ai partner di canale maggiori opportunità, un ciclo di vendita più rapido e abilitazione end-to-end. Grazie a una collaborazione più stretta, EMC e i partner di canale possono ora fornire un'infrastruttura in grado di accelerare il passaggio al cloud per un numero ancora maggiore di aziende. 20

21 Macchina virtuale di riferimento Capitolo 3: Panoramica della soluzione Per semplificare la discussione dell'infrastruttura virtuale, la soluzione VSPEX ha definito un carico di lavoro tipico di un'azienda (descritto in questa sezione) come macchina virtuale di riferimento. Per le soluzioni VSPEX, definiamo la macchina virtuale di riferimento come unità di misura di una singola macchina virtuale per qualificare le risorse di elaborazione nell'infrastruttura virtuale VSPEX. La Tabella 3 elenca le caratteristiche della macchina virtuale. Tabella 3. Caratteristica Caratteristiche della macchina virtuale di riferimento Processori virtuali per macchina virtuale 1 Valore RAM per macchina virtuale Capacità di storage disponibile per macchina virtuale Operazioni di I/O al secondo (IOPS) per macchina virtuale Modello di I/O 2 GB 100 GB 25 Casuale Rapporto lettura/scrittura I/O 2:1 21

22 Capitolo 3: Panoramica della soluzione Modello di dimensionamento per VSPEX for virtualized Oracle Il processo di convalida ha incluso test di tipo scale-up. Abbiamo utilizzato per Oracle un modello di dimensionamento di elaborazione che ha semplificato e standardizzato i test di convalida. Questo modello ci ha inoltre consentito di individuare la configurazione richiesta per eseguire un carico di lavoro OLTP di tipo TCP-C con un rapporto tra lettura/scrittura pari a 60:40, con tempi di risposta accettabili. La Tabella 4 mostra come abbiamo mappato il modello di dimensionamento di Oracle alla macchina virtuale di riferimento VSPEX. Tabella 4. Mapping del modello di dimensionamento di Oracle alla macchina virtuale di riferimento VSPEX Modello Oracle Risorse Macchina virtuale di riferimento equivalente Piccole dimensioni: macchina virtuale per massimo 150 utenti Requisiti di elaborazione 2 vcpu 8 GB di memoria Requisiti di storage (file binari del sistema operativo e di Oracle) 100 GB 25 IOPS 4 Medie dimensioni: macchina virtuale per massimo 250 utenti Grandi dimensioni: macchina virtuale per più di 250 utenti Requisiti di elaborazione 4 vcpu 16 GB di memoria Requisiti di storage (file binari del sistema operativo e di Oracle) 100 GB 25 IOPS Requisiti di elaborazione 8 vcpu 32 GB di memoria Requisiti di storage (file binari del sistema operativo e di Oracle) 100 GB 25 IOPS 8 16 Abbiamo calcolato la capacità e i livelli di soglia di I/O dello storage del database separatamente da quelli richiesti per la macchina virtuale di riferimento VSPEX. 22

23 Capitolo 3: Panoramica della soluzione Oracle Database 11g Oracle Database 11g è disponibile in varie edizioni in base alle esigenze di business e IT di un'organizzazione. In questa soluzione verranno considerate le seguenti edizioni: Oracle Database 11g Release 2 Standard Edition (SE) Oracle Database 11g Release 2 Enterprise Edition (EE) Oracle SE è una soluzione di gestione dei dati conveniente e completa, ideale per tutte le aziende. È disponibile su server singoli o in cluster e può essere concesso in licenza sulla base di una capacità massima di quattro socket di processore, indipendentemente dal numero di core. La licenza SE include Oracle RAC (Real Application Clusters) come funzionalità standard, senza alcun costo aggiuntivo. Oracle Database 11g EE offre prestazioni, scalabilità, sicurezza e affidabilità leader del settore su una gamma di server in cluster o singoli con sistema operativo Windows, Linux o UNIX. Supporta funzionalità avanzate, incluse o acquistabili come opzioni a un costo aggiuntivo, che non sono disponibili con Oracle Database 11g SE. Tra queste sono incluse funzionalità di protezione, ad esempio Virtual Private Database, e opzioni per il data warehousing, come il partizionamento e l'analisi avanzata. Oracle Database 11g Release 2 EE estende il modello delle licenze basate sui processori per i processori multi-core e il prezzo viene determinato mediante la seguente formula: (numero di processori) x (numero di core) x (Oracle Processor Core Factor) Ad esempio, due processori da 10 core Intel Xeon E7-2870s (con un Oracle Processor Core Factor di 0,5) vengono concessi in licenza come segue: Oracle Database 11g Release 2 SE: 2 licenze SE in base ai socket di processore Oracle Database 11g Release 2 EE: 2 x 10 x 0,5 = 10 licenze EE L'edizione Oracle Database 11gR2 può incidere sul costo delle licenze nonché sulle dimensioni e sul numero di cluster VMware ESXi che è possibile configurare. Questo influisce sul posizionamento e sulla gestione delle macchine virtuali. Per ulteriori informazioni sulla virtualizzazione e le licenze Oracle basate sui processori, vedere la sezione DRS Host Affinity e licenze Oracle basate sui processori. VMware vsphere 5.1 VMware vsphere 5.1 astrae applicazioni e informazioni dalla complessità dell'infrastruttura sottostante mediante la virtualizzazione completa di server, storage e hardware di rete. Tale trasformazione determina la creazione di macchine virtuali completamente funzionanti che eseguono applicazioni e sistemi operativi incapsulati e isolati proprio come se fossero computer fisici. Questa virtualizzazione delle risorse hardware consente un aumento dei livelli di efficienza grazie al consolidamento di più applicazioni in un numero minore di server fisici. VMware vsphere HA VMware vsphere High Availability (HA) fornisce High Availability facile da usare ed efficiente in termini di costo per le applicazioni eseguite nelle macchine virtuali. In caso di guasto dei server fisici, le macchine virtuali coinvolte vengono automaticamente riavviate su altri server di produzione con capacità spare. HA consente di creare un cluster da più server ESXi o ESX, in modo da poter proteggere le macchine virtuali. In caso di errore di uno degli host del cluster, le macchine virtuali coinvolte vengono riavviate automaticamente su altri host ESXi all'interno dello stesso cluster VMware vsphere. 23

24 Capitolo 3: Panoramica della soluzione VMware vsphere Distributed Resource Scheduler VMware vsphere PowerCLI Serie EMC VNX VMware vsphere Distributed Resource Scheduler (DRS) è un servizio all'infrastruttura eseguito da VMware vcenter Server (vcenter). DRS aggrega le risorse degli host ESXi nei cluster e le distribuisce automaticamente alle macchine virtuali monitorandone l'utilizzo e ottimizzandone in modo continuo la distribuzione alle macchine virtuali su tutti gli host ESXi. DRS può inoltre utilizzare vmotion e Storage vmotion per garantire l'accesso delle macchine virtuali ribilanciando la capacità delle risorse in modo da creare spazio per le macchine virtuali di dimensioni maggiori. VMware consiglia di abilitare il servizio DRS per ottenere rapporti di consolidamento più elevati. VMware vsphere PowerCLI fornisce un'interfaccia Windows PowerShell per gli utenti di vsphere 5.x e versioni successive e di VMware Infrastructure 4.x e versioni successive. VMware vsphere PowerCLI è un potente strumento da riga di comando che consente di automatizzare tutti gli aspetti della gestione di vsphere, tra cui rete, storage, macchina virtuale, sistema operativo guest e altro ancora. PowerCLI è distribuito come snap-in di Windows PowerShell e include 330 cmdlet PowerShell per la gestione e l'automazione di vsphere e vcloud, unitamente a documentazione ed esempi. La famiglia di prodotti EMC VNX è ottimizzata per applicazioni virtuali in grado di offrire innovazione leader del settore e funzionalità di livello enterprise per lo storage di file, blocchi e oggetti in una soluzione scalabile e di facile utilizzo. Questa piattaforma di storage di nuova generazione associa hardware potente e flessibile a un software efficiente, con funzionalità di gestione e protezione avanzate, al fine di soddisfare le complesse esigenze dei clienti di livello enterprise di oggi. La serie VNX è dotata di processori Intel Xeon per una soluzione di storage intelligente in grado di scalare le prestazioni in modo automatico ed efficiente, garantendo al contempo l'integrità e la sicurezza dei dati. Vantaggi per il cliente della serie VNX Unified Storage di nuova generazione, ottimizzato per applicazioni virtualizzate Funzionalità di ottimizzazione della capacità, quali compressione, deduplica, thin provisioning e copie incentrate sull'applicazione High Availability progettata per offrire un'availability del 99,999% Tiering automatizzato con FAST VP (Fully Automated Storage Tiering for Virtual Pools) e FAST Cache ottimizzati per garantire le massime prestazioni di sistema e al tempo stesso il minor costo di storage Gestione semplificata con EMC Unisphere per disporre di un'unica interfaccia di gestione per tutte le esigenze NAS, SAN e di replica Prestazioni fino a tre volte superiori con la più recente tecnologia dei processori multicore Intel Xeon, ottimizzata per Flash Suite software VNX disponibili FAST Suite: ottimizzazione automatica per garantire le massime prestazioni di sistema e al tempo stesso il minor costo di storage. Local Protection Suite: protezione e ridestinazione sicura dei dati. Remote Protection Suite: protezione dei dati da errori localizzati, interruzioni delle attività e guasti irreparabili. 24

25 Capitolo 3: Panoramica della soluzione Application Protection Suite: copie automatizzate delle applicazioni e verifica della conformità. Security and Compliance Suite: protezione dei dati da modifiche, eliminazioni e malware. Pacchetti software disponibili Total Efficiency Pack: include tutte le cinque software suite. Total Protection Pack: include Local Protection Suite, Remote Protection Suite e Application Protection Suite. EMC Virtual Storage Integrator La funzionalità EMC VSI for VMware vsphere Unified Storage Management consente di eseguire il provisioning di datastore NFS (Network File System) su storage NAS e di datastore VMFS (Virtual Machine File System) e volumi RDM (Raw Device Mapping) su storage a blocchi, nonché di eseguire la compressione e la clonazione basate su array di macchine virtuali nei datastore NFS. Le funzioni di clonazione includono Full Clones (copie) e Fast Clones (snapshot) di file VMDK (Virtual Machine Disk). Gli amministratori VMware possono utilizzare questa funzionalità per gestire lo storage NAS e a blocchi negli ambienti VMware utilizzando l'interfaccia utente di vsphere Client. Gli amministratori VMware possono utilizzare lo strumento per: Eseguire il provisioning di nuovo storage NFS, VMFS ed RDM Estendere lo storage NFS e VMFS esistente Eseguire la compressione di macchine virtuali in datastore NFS Eseguire la clonazione di macchine virtuali in datastore NFS Fornire supporto per i Fast Clones, limitatamente allo stesso file system Red Hat Enterprise Linux 6.3 EMC Unisphere EMC Avamar Red Hat Enterprise Linux è una piattaforma versatile per architetture x86 e x86-64, che può essere implementata su sistemi fisici, come guest sui principali hypervisor, o nel cloud. Supporta tutte le architetture hardware leader del settore con compatibilità fra le varie release. Red Hat Enterprise Linux 6.3 include miglioramenti e nuove funzionalità avanzate, in particolare per quanto riguarda strumenti di sviluppo, virtualizzazione, sicurezza, scalabilità, file system e storage. EMC Unisphere è la piattaforma di gestione centrale per la serie VNX, che fornisce una singola vista combinata dei sistemi a file e a blocchi, con tutte le funzionalità e funzioni disponibili tramite un'interfaccia comune. Unisphere è ottimizzato per le applicazioni virtuali e fornisce un'integrazione con VMware leader del settore, con discovery automatica delle macchine virtuali e dei server ESX e mapping end-to-end da virtuale a fisico. Unisphere semplifica inoltre la configurazione di FAST Cache e FAST VP sulle piattaforme VNX. Se si decide di implementare una soluzione di backup, EMC consiglia EMC Avamar. Il sistema e il software di backup con deduplica Avamar eseguono una deduplica a lunghezza variabile a livello del client, riducendo i dati di backup prima di spostarli da una rete all'altra (LAN o WAN). Avamar identifica i segmenti di dati duplicati e invia solo i segmenti univoci in rete all'appliance di backup. In questo modo è possibile ridurre le finestre di backup, diminuire il consumo delle risorse di storage di backup e utilizzare al meglio la larghezza di banda disponibile. 25

26 Capitolo 3: Panoramica della soluzione Caratteristiche di EMC Avamar: Flessibilità nelle opzioni di implementazione. EMC Avamar offre la massima flessibilità nell'implementazione della soluzione, in base agli use case e agli specifici requisiti di ripristino. Avamar è una soluzione di backup e ripristino chiavi in mano che si integra con l'hardware certificato EMC per offrire un'implementazione semplificata. Scalabilità, High Availability e affidabilità. Avamar utilizza un'architettura basata su grid scalabile, che garantisce prestazioni lineari e dimensionamento dello storage tramite la semplice aggiunta di storage node. Gestibilità e supporto. È possibile accedere in modo sicuro ai sistemi Avamar mediante i collegamenti di rete esistenti e integrarli con framework di gestione per l'utilizzo del protocollo SNMP per l'accesso remoto. EMC Data Domain Se si utilizza Avamar per implementare una soluzione di backup e ripristino, è possibile scegliere di indirizzare i backup a un sistema EMC Data Domain anziché all'avamar server. Avamar e Data Domain consentono ai partner di adottare un PBBA (Purpose-Built Backup Appliance) per Exchange Server. Il sistema di storage con funzionalità di deduplica Data Domain esegue la deduplica dei dati in linea in modo che i dati vengano indirizzati al disco già deduplicati. In questo modo, necessitano solo di una frazione dello spazio su disco occupato dal dataset originale. Con Data Domain, è possibile conservare più a lungo i dati di backup e di archivio on-site in modo da poterne eseguire il restore dal disco in modo rapido e affidabile. La software suite Data Domain include le seguenti opzioni: EMC Data Domain Replication Virtual Tape Library (VTL) Data Domain Boost Retention Lock Crittografia Conservazione estesa 26

27 Capitolo 4 Scelta di un'infrastruttura comprovata VSPEX Questo capitolo descrive i seguenti argomenti: Introduzione Fase 1: valutazione dell'use case dell'azienda con il qualification worksheet Fase 2: definizione delle architetture per le applicazioni Fase 3: scelta della VSPEX Proven Infrastructure più idonea

28 Capitolo 4: Scelta di un'infrastruttura comprovata VSPEX Introduzione Questo capitolo descrive come progettare l'emc VSPEX Proven Infrastructure for Oracle e come scegliere la soluzione VSPEX più idonea a soddisfare i requisiti. Di seguito vengono descritte le tre fasi principali necessarie per completare il processo di selezione, che includono: 1. Valutazione del carico di lavoro del database Oracle 11g OLTP dell'azienda utilizzando il VSPEX for virtualized Oracle qualification worksheet, in base ai requisiti di business. Vedere il qualification worksheet nell'appendice B. 2. Definizione dell'infrastruttura, delle risorse dell'applicazione, del sistema e dell'architettura richieste utilizzando lo strumento di dimensionamento per EMC VSPEX per Oracle. 3. Scelta della VSPEX Proven Infrastructure più idonea in base alle indicazioni fornite nelle architetture di riferimento. Per ulteriori informazioni consultare il documento Deploying Oracle Database on EMC VNX Unified Storage disponibile sul sito EMC.com e sul sito del Supporto Online EMC. Fase 1: valutazione dell'use case dell'azienda con il qualification worksheet Prima di scegliere una soluzione di infrastruttura VSPEX, è importante comprendere il carico di lavoro e il dataset reali del cliente in base ai requisiti di business. Per comprendere più a fondo i requisiti di business del cliente per la progettazione dell'infrastruttura VSPEX, EMC consiglia di utilizzare l'emc VSPEX for virtualized Oracle qualification worksheet-strumento di dimensionamento nella valutazione dei requisiti del carico di lavoro per la soluzione VSPEX. La sezione Appendice A: Qualification worksheet fornisce un esempio di tale worksheet. Nel VSPEX for virtualized Oracle qualification worksheet, abbiamo utilizzato alcune semplici domande per comprendere e descrivere i requisiti e le caratteristiche di utilizzo del carico di lavoro del database Oracle OLTP del cliente. 28

29 Fase 2: definizione delle architetture per le applicazioni Capitolo 4: Scelta di un'infrastruttura comprovata VSPEX Per questa soluzione VSPEX Proven Infrastructure è stato definito un esempio di carico di lavoro dell'azienda. Per ulteriori informazioni su una macchina virtuale di riferimento e sulle sue caratteristiche, fare riferimento alla sezione Esempio di VSPEX Oracle qualification worksheet. Dopo aver raccolto le informazioni e popolato il VSPEX for virtualized Oracle qualification worksheet, è possibile utilizzare tali dati per popolare lo strumento di dimensionamento per VSPEX disponibile sull'emc Business Value Portal. Se lo strumento di dimensionamento non è disponibile sul sito web di supporto EMC, utilizzare le istruzioni per il dimensionamento fornite nell'appendice B Dimensionamento manuale di un database Oracle Database 11g OLTP virtualizzato per VSPEX. Fase 3: scelta della VSPEX Proven Infrastructure più idonea Il programma VSPEX ha prodotto molte soluzioni progettate per semplificare l'implementazione di un'infrastruttura virtuale consolidata utilizzando la famiglia di prodotti VMware vsphere ed EMC VNX. Una volta verificata l'architettura delle applicazioni, è possibile selezionare la VSPEX Proven Infrastructure più idonea in base ai risultati calcolati. Per Oracle OLTP, fare riferimento al documento EMC VSPEX Private Cloud VMware vsphere 5.1 per un massimo di 500 macchine virtuali. Al momento di scegliere una VSPEX Proven Infrastructure, EMC consiglia di utilizzare la seguente procedura: 1. Utilizzare lo strumento di dimensionamento per VSPEX for Oracle 11g OLTP per calcolare il numero totale di macchine virtuali di riferimento e il layout dello storage consigliato. Se il portale non è disponibile, utilizzare l'appendice B, che spiega come dimensionare manualmente lo storage per un ambiente. 2. Progettare la capacità delle risorse delle altre applicazioni in base alle esigenze di business. Lo strumento di dimensionamento per VSPEX calcola il numero totale di macchine virtuali di riferimento richieste e i layout dello storage consigliati per Oracle 11g OLTP. 3. Selezionare il vendor della rete, il vendor del software dell'hypervisor e la VSPEX Proven Infrastructure con il numero di macchine virtuali di riferimento richieste. Per ulteriori informazioni, visitare il sito web di EMC VSPEX. 29

30 Capitolo 4: Scelta di un'infrastruttura comprovata VSPEX 30

31 Capitolo 5 Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Questo capitolo descrive i seguenti argomenti: Panoramica Progettazione della rete Progettazione del layout dello storage Configurazione di FAST Cache per Oracle Progettazione del livello di virtualizzazione Progettazione dell'implementazione di Oracle Database 11gR Progettazione del backup e ripristino

32 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Panoramica Questo capitolo descrive la progettazione della soluzione EMC VSPEX for Virtualized Database 11g OLTP e le best practice relative a rete, storage, virtualizzazione, applicazione, backup e ripristino. Il capitolo include e seguenti sezioni: Progettazione della rete Progettazione del layout dello storage Configurazione di FAST Cache per Oracle Progettazione del livello di virtualizzazione Progettazione dell'implementazione di Oracle Database 11gR2 Progettazione del backup e ripristino Progettazione della rete Panoramica I concetti relativi alle reti nel mondo virtuale sono uguali a quelli nel mondo fisico, ma alcuni di essi vengono applicati nel software invece di utilizzare cavi e switch fisici. Benché molte delle best practice applicabili nel mondo fisico siano valide anche nel mondo virtuale, esistono considerazioni aggiuntive relative alla segmentazione del traffico, all'availability e al throughput. La Figura 3 mostra la progettazione High Availability del livello di rete nei sistemi della serie VNX. Le avanzate funzionalità di rete della famiglia VNX forniscono protezione da guasti alla connessione di rete nell'array. Ogni host dell'hypervisor dispone di più connessioni con gli utenti e con le reti di storage Ethernet per garantire protezione contro gli errori di link. Per garantire protezione contro il guasto di qualsiasi componente nella rete, distribuire tali connessioni su più switch Ethernet. Per ulteriori informazioni, consultare la sezione Architettura di VSPEX Proven a pagina 16. Figura 3. Livello di rete: High Availability (VNX) 32

33 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Best practice per la rete In questa VSPEX Proven Infrastructure for virtualized Oracle Database 11g R2, EMC consiglia di prendere in considerazione la ridondanza di rete e le impostazioni avanzate di ESX Server quando si progetta la rete per questa soluzione. Ridondanza di rete Una rete progettata per essere affidabile e dotata di fault tolerance deve poter essere ripristinata rapidamente in modo tale che tutti gli errori siano transitori per le applicazioni in esecuzione. In questa soluzione, la rete include una coppia di switch ridondanti e tutte le subnet dispongono di link ridondanti. Impostazioni avanzate di ESX Server e impostazioni di timeout per NFS Aggregare più connessioni di rete per raggiungere un throughput superiore a quello sostenibile da una singola connessione e per fornire ridondanza in caso di guasto di uno dei link. Ad esempio, nell'ambiente di virtualizzazione VMware, utilizzare due schede NIC fisiche per ogni vswitch ed effettuare l'uplink delle schede NIC fisiche a switch fisici separati. Quando si configurano le impostazioni di NIC Teaming, la best practice consiste nel selezionare no per l'opzione di failback di NIC Teaming. Se nella rete è presente qualche problema intermittente, questo accorgimento evita l'alternanza continua tra le schede NIC ("effetto flipflop"). Al momento dell'impostazione di VMware High Availability (VMware HA), impostare anche i seguenti timeout e opzioni nella scheda delle impostazioni avanzate di ESX Server: NFS.HeartbeatFrequency = 12 NFS.HeartbeatTimeout = 5 NFS.HeartbeatMaxFailures = 10 Per accedere alle opzioni avanzate NFS: 1. Accedere al client VMware vsphere. 2. Selezionare l'host ESXi/ESX. 3. Fare clic sulla scheda Configurazione. 4. Fare clic su Advanced Settings. 5. Selezionare NFS. Configurare il database Oracle 11g in modo da utilizzare le librerie su disco ODM per il client dnfs di Oracle 11g. Si tratta di un'operazione da eseguire una sola volta e, una volta impostata, il database utilizzerà il client Oracle dnfs nativo, ottimizzato per Oracle, anziché il client NFS ospitato dal sistema operativo Abbiamo sostituito la libreria ODM standard con una che supporta il client dnfs. La Figura 4 mostra i comandi che abilitano la libreria ODM per il client dnfs. Figura 4. Abilitazione della libreria ODM per il client dnfs 33

34 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Per altre best practice relative alla progettazione della rete per la VSPEX Proven Infrastructure, fare riferimento alla Guida all'implementazione di EMC VSPEX for Virtualized Oracle Database 11g OLTP. Progettazione del layout dello storage Panoramica Architettura di alto livello Le best practice e le considerazioni di progettazione riportate in questa sezione forniscono linee guida per la pianificazione efficace dello storage per vari requisiti di business negli ambienti Oracle Database 11g R2. La Figura 5 mostra l'architettura generale tra i componenti di Oracle Database 11gR2 e gli elementi di storage convalidati nella VSPEX Proven Infrastructure for Oracle Database 11gR2 su una piattaforma di virtualizzazione VMware vsphere 5.1. Tutti i volumi di Oracle Database 11gR2 sono nello storage NFS (Network File System). Figura 5. Elementi di storage per Oracle Database 11gR2 Layout dello storage Oltre al pool di infrastruttura per le macchine virtuali, EMC consiglia di utilizzare i tre storage pool aggiuntivi in cui memorizzare i dati di Oracle Database 11gR2 per scopi diversi. La Tabella 5 ne fornisce un esempio. Tabella 5. Nome dello storage pool Layout dello storage VNX per Oracle Database RAID type Tipo disco N. di dischi Pool Oracle Data RAID 5 (4+1) Dischi SAS rpm 30 Pool Oracle FRA RAID 6 (6+2) Dischi NL-SAS rpm 8 Pool Oracle Redo RAID 5 (4+1) Dischi SAS rpm 5 34

35 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Best practice per lo storage Prendere in considerazione le seguenti best practice per la progettazione dello storage e del layout nella soluzione VSPEX Proven Infrastructure for virtualized Oracle Database 11gR2. Pool dei dati di Oracle Database 11gR2 Utilizzare dischi SAS con protezione RAID 5 (4+1) per i file system Oracle /data e /temp. Questa combinazione di protezione RAID e tipo di dischi offre un elevato utilizzo della capacità e buone prestazioni di I/O a un costo ridotto e allo stesso tempo garantisce la disponibilità dei dati in caso di guasto di un'unità. Pool dei redo log di Oracle Database 11gR2 In questa soluzione, abbiamo configurato il file system per i redo log nel pool fisico protetto tramite RAID 5 su dischi SAS. Per carichi di lavoro con operazioni di scrittura intensive o per carichi di lavoro in cui i tempi di risposta di lettura casuale rivestono maggiore importanza, occorre considerare un pool separato per i file system di redo su dischi fisicamente separati. Pool FRA di Oracle Database 11gR2 Poiché il backup è caratterizzato da un accesso client relativamente basso e il fattore di progettazione principale è la capacità, per il pool Oracle FRA abbiamo utilizzato unità NL-SAS. Quando si utilizzano unità NL-SAS ad alta capacità, si consiglia di configurare la protezione RAID 6. Personalizzazione EMC consiglia una collaborazione tra l'azienda e i vendor per stimare i requisiti di capacità e IOPS per il layout dello storage. Quando si definisce il layout dello storage, assicurarsi di considerare la crescita futura e di includere la proiezione di crescita nella compilazione dello strumento di dimensionamento per VSPEX. Gli amministratori possono scegliere di creare manualmente i pool per i file system oppure utilizzare la funzione Automated Volume Management di Unisphere. Se si sceglie di definire manualmente le LUN dello storage pool, si consiglia di consultare il documento EMC VNX Unified Best Practices for Performance. Requisiti di prestazioni aggiuntivi per FAST Suite EMC FAST Suite (FAST VP e FAST Cache) fornisce due tecnologie chiave, disponibili sulla serie VNX, che abilitano prestazioni eccezionali in modo automatizzato, quando e dove servono. Per ulteriori informazioni su FAST Suite per le VSPEX Proven Infrastructure, visitare il sito web VSPEX Proven Infrastructure. L'abilitazione di FAST Cache è un'operazione trasparente per Oracle Database 11gR2 e non richiede riconfigurazione o tempo di inattività del database. EMC consiglia di utilizzare FAST Cache solo nello storage pool o nelle LUN che lo richiedono. Se si abilita la tecnologia FAST su Oracle Database 11gR2, i tempi di risposta, il throughput delle operazioni di lettura/scrittura e le latenze miglioreranno l'esperienza utente di Oracle Database 11gR2. 35

36 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Esempio di layout dello storage in VSPEX Questa sezione descrive i layout dello storage VNX nella VSPEX Proven Infrastructure for virtualized Oracle Database 11gR2 basata su private cloud VSPEX. L'esempio segue le best practice e le considerazioni di progettazione discusse in precedenza. La Figura 6 mostra il layout dello storage per un esempio di Oracle Database 11gR2 per la serie VNX. Figura 6. Esempio di layout dello storage: Oracle Database 11gR2 per la serie VNX Nota: questo è solo un esempio di layout dello storage. Per pianificare e progettare i propri layout dello storage per Oracle Database 11gR2 su uno stack VSPEX, seguire le indicazioni fornite dallo strumento di dimensionamento per VSPEX e le best practice riportate in Progettazione del layout dello storage a pagina

37 Configurazione di FAST Cache per Oracle Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Panoramica FAST Cache utilizza unità EFD (Enterprise Flash Drive) per aggiungere un ulteriore livello di cache tra la cache DRAM e le unità disco rotanti, creando così un supporto più veloce per lo storage dei dati utilizzati con maggiore frequenza. FAST Cache è una cache estensibile in lettura/scrittura. Migliora le prestazioni dell'applicazione assicurando che i dati più attivi vengano forniti da flash drive a prestazioni elevate e che possano risiedere su tale supporto più veloce per tutto il tempo necessario. FAST Cache tiene traccia dell'attività dei dati con una granularità di 64 KB e promuove i dati attivi al suo interno copiandoli dagli HDD nelle flash drive assegnate ad esso. Il successivo accesso I/O a tali dati viene gestito dalle flash drive ed effettuato secondo i tempi di risposta delle flash drive, garantendo quindi una latenza molto bassa per i dati. Man mano che diventano obsoleti e meno attivi, i dati vengono scaricati da FAST Cache per essere sostituiti da altri più attivi. L'implementazione di un numero ridotto di flash drive come FAST Cache garantisce un miglioramento delle prestazioni maggiore rispetto a un numero elevato di HDD con short-stroking. FAST Cache è particolarmente adatto per le applicazioni che effettuano frequentemente l'accesso casuale allo storage, come nel caso dei database Oracle OLTP. Inoltre, i database OLTP hanno una posizione di riferimento intrinseca con modelli di I/O variabili. Le applicazioni con queste caratteristiche sono quelle che traggono i maggiori vantaggi dall'implementazione di FAST Cache. L'utilizzo ottimale di FAST Cache si ha quando il dataset di lavoro può essere integrato all'interno di FAST Cache. Best practice per FAST Cache EMC consiglia quanto segue: Abilitare FAST Cache solo su pool/lun che lo richiedono Dimensionare FAST Cache in modo appropriato, in funzione del dataset attivo dell'applicazione Disabilitare FAST Cache su pool/lun in cui risiedono i redo log online di Oracle Non abilitare mai FAST Cache su log di archivio, poiché questi file non vengono mai sovrascritti e raramente vengono letti (a meno che non occorra ripristinare il database) EMC consiglia di abilitare FAST Cache solo per i file di dati di Oracle. I file di archivio e dei redo log di Oracle presentano un carico di lavoro prevedibile costituito principalmente da scritture sequenziali. La cache in scrittura dell'array e gli HDD assegnati sono in grado di gestire in modo efficiente questi tipi di file. L'abilitazione di FAST Cache su di essi non apporta alcun vantaggio né è efficiente in termini di costo. 37

38 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Progettazione del livello di virtualizzazione Panoramica Best practice per la virtualizzazione Oracle Database 11gR2 è pienamente supportato quando viene implementato in un ambiente virtuale con tecnologia VMware vsphere ESXi. Le sezioni seguenti descrivono le best practice e le considerazioni di progettazione per la virtualizzazione di Oracle Database 11gR2. In questa VSPEX Proven Infrastructure for Oracle Database, EMC consiglia di prendere in considerazione l'implementazione delle best practice per la gestione delle seguenti risorse durante la progettazione della virtualizzazione. Risorse di elaborazione Risorse di rete Funzionalità di VMware VMware vcenter Risorse di elaborazione EMC consiglia di implementare le seguenti best practice per le risorse di elaborazione: Abilitare l'hyper-threading. La tecnologia hyper-threading consente a un singolo processore fisico di eseguire più thread indipendenti contemporaneamente. ESXi è progettato per l'utilizzo dell'hyper-threading controllando la posizione dei processori logici sullo stesso core e gestendo in modo intelligente i loro tempi, così da garantire che il carico sia distribuito uniformemente su tutti core fisici del sistema. Utilizzare la virtualizzazione MMU assistita mediante hardware (Intel EPT e AMD RVI) per ridurre l'utilizzo della memoria e velocizzare i carichi di lavoro che obbligano i sistemi operativi guest a modificare troppo frequentemente le tabelle delle pagine. Utilizzare l'architettura informatica NUMA (Non-Uniform Memory Access), in cui l'accesso alla memoria situata più vicino a un particolare processore avviene con un ritardo minore rispetto alla memoria situata a distanza maggiore da tale processore. Assicurarsi che il numero di vcpu in una macchina virtuale sia inferiore o uguale al numero di core in un socket di processore. Allocare la vram in una macchina virtuale in modo che sia minore della memoria locale a cui ha accesso il nodo NUMA (processore). Pianificare la vcpu in modo da utilizzare il minor numero di socket richiesti servendosi del parametro della macchina virtuale numa.vcpu.preferht=true. Installare VMware Tools, che include varie utility che aumentano le prestazioni del sistema operativo guest della macchina virtuale e migliorano la gestione della macchina virtuale. Allocare la vram in modo che sia almeno il doppio delle dimensioni della SGA (System Global Area) di Oracle Configurare le prenotazioni di memoria della macchina virtuale in modo che sia almeno delle stesse dimensioni della SGA di Oracle. 38

39 Risorse di rete Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice EMC consiglia di implementare le seguenti best practice per le risorse di rete: Utilizzare il dispositivo di rete virtuale paravirtualizzata più recente di VMware, attualmente VMXNET Generation 3 (VMXNET3), che supporta 10 GbE. Utilizzare reti vlan per separare il traffico dell'infrastruttura vsphere da quello della macchina virtuale per garantire sicurezza e isolamento. Abilitare e configurare frame Jumbo su tutto lo stack virtuale e fisico per le reti di storage IP e vmotion. Utilizzare un mount NFS in-guest da un client Oracle DNFS all'interno della macchina virtuale anziché VMDK su un datastore NFS. Funzionalità di VMware EMC consiglia di implementare le seguenti funzionalità di VMware: vsphere HA. Questa funzionalità utilizza più host ESXi, configurati come un cluster, per consentire il ripristino rapido da interruzioni dell'attività e offre sistemi High Availability efficienti in termini di costo per le applicazioni eseguite nelle macchine virtuali. vsphere HA protegge le applicazioni da: Guasto del server, riavviando le macchine virtuali su altri server ESXi all'interno del cluster Errore dell'applicazione, monitorando continuamente una macchina virtuale ed effettuandone il reset qualora si verifichi un errore del sistema operativo guest VMware DRS. Questa funzionalità bilancia automaticamente il carico di lavoro tra gli host utilizzando la funzione vmotion durante la migrazione delle macchine virtuali. Quando il carico di lavoro di Oracle Database aumenta, DRS sposta automaticamente una macchina virtuale con risorse insufficienti su un altro host con più risorse disponibili, senza tempo di inattività. Regole DRS Affinity. Questa funzionalità controlla il posizionamento delle macchine virtuali sugli host all'interno di un cluster. DRS fornisce due tipi di regole di affinità: Una regola di affinità VM-Host, che specifica la relazione di affinità tra un gruppo di macchine virtuali e un gruppo di host Una regola di affinità VM-VM, che specifica se particolari macchine virtuali devono essere eseguite sullo stesso host o tenute su host separati DRS Host Affinity e licenze Oracle basate sui processori L'opzione delle licenze Oracle basate sui processori si basa sull'interazione del software con l'hardware. Per Oracle EE, si basa sul numero di core fisici disponibili per il software Oracle installato. Per Oracle SE, si basa sul numero di socket di processore disponibili per il software Oracle installato. Oracle non consente il soft partitioning delle CPU come mezzo per calcolare o limitare il numero di licenze software richiesto per un server fisico. Oracle considera la tecnologia VMware vsphere come soft partitioning. In un ambiente vsphere, è necessario disporre di licenza per tutti gli host in cui sono installati e/o eseguiti i file eseguibili Oracle. 39

40 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Ne consegue che la progettazione e le dimensioni del cluster vsphere ESXi, unitamente al posizionamento e allo spostamento delle macchine virtuali che ospitano i file eseguibili Oracle, sono fattori fondamentali per ridurre al minimo i costi delle licenze Oracle. Quando i requisiti Oracle di un cliente non giustificano un cluster VMware dedicato, il cliente può acquistare la licenza per un sottoinsieme di server all'interno del cluster VMware per Oracle Database 11g EE. In questo caso, utilizzare le regole DRS Host Affinity per limitare lo spostamento delle macchine virtuali all'interno del cluster, anche durante un evento HA. DRS Host Affinity è una tecnologia di clustering e non un meccanismo per il soft o l'hard partitioning all'interno di un determinato server (consultare il documento Understanding Oracle Certification Support and Licensing in VMware Environments). Template di VMware Nella terminologia di VMware, un template è una copia master di una macchina virtuale che può essere utilizzata per creare ed eseguire rapidamente il provisioning di macchine virtuali. Utilizzando un template, è possibile installare un sistema operativo guest in una macchina virtuale con utenti e software configurati e pronti per l'uso con un intervento minimo da parte dell'utente. I template riducono al minimo il tempo di implementazione e automatizzano le attività ripetitive di installazione e configurazione per ogni macchina virtuale richiesta. Le specifiche di personalizzazione archiviate in vcenter semplificano ulteriormente il roll out delle macchine virtuali. Una procedura guidata di implementazione, uno strumento di automazione o uno script possono utilizzare tali template per creare o modificare automaticamente le impostazioni del server, ad esempio nome server, fuso orario e configurazione di rete, prima di creare la nuova macchina virtuale. Effettuare regolarmente il monitoraggio della VSPEX Proven Infrastructure Effettuare regolarmente il monitoraggio delle prestazioni della VSPEX Proven Infrastructure. Il monitoraggio delle prestazioni non si applica solo al livello della macchina virtuale, ma anche al livello dell'hypervisor. Ad esempio, con un hypervisor ESXi, è possibile utilizzare il monitoraggio delle prestazioni all'interno della macchina Oracle Database per garantirne la corrispondenza con quelle previste per la macchina virtuale o per Oracle Database. Allo stesso tempo, al livello dell'hypervisor, è possibile utilizzare esxtop per il monitoraggio delle prestazioni dell'host. 40

41 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Progettazione dell'implementazione di Oracle Database 11gR2 Panoramica Configurazione del client Oracle dnfs Le considerazioni di progettazione per Oracle Database 11gR2 comprendono numerosi aspetti. Le best practice e le considerazioni di progettazione riportate in questa sezione forniscono linee guida da seguire per gli aspetti più comuni e importanti. Abilitare il client Oracle dnfs. Tale client fornisce resilienza e prestazioni su un NFS ospitato dal sistema operativo con la possibilità di eseguire automaticamente il failover su una fabric 10 G Ethernet e di effettuare l'i/o simultaneo che consente di evitare eventuali cache e blocchi dell'ordine di scrittura del sistema operativo. dnfs esegue anche l'i/o asincrono che consente la continuazione dell'elaborazione mentre la richiesta di I/O viene inoltrata ed elaborata. Automatic Shared Memory Management La funzionalità ASMM (Automatic Shared Memory Management) è il metodo standard di gestione dinamica della memoria nei database Oracle 11g, disponibile sin da Oracle Database 10g. Questo metodo è compatibile con HugePages di Linux. EMC consiglia di implementare ASMM per automatizzare la gestione delle seguenti strutture di memoria condivisa: DB_CACHE_SIZE SHARED_POOL_SIZE LARGE_POOL_SIZE JAVA_POOL_SIZE STREAMS_POOL_SIZE Per implementare questa funzionalità, è necessario impostare i seguenti parametri di inizializzazione: SGA_TARGET impostato su un valore diverso da zero STATISTICS_LEVEL=TYPICAL (oppure ALL) Non utilizzare la funzionalità Oracle AMM (Automatic Memory Management) poiché non è compatibile con HugePages. Se si desidera utilizzare HugePages, assicurarsi che entrambi i parametri di inizializzazione MEMORY_TARGET / MEMORY_MAX_TARGET non siano impostati. Per ulteriori informazioni, consultare My Oracle Support, ID nota Abilitazione dell'impostazione HugePages In caso di RAM e SGA di grandi dimensioni, l'impostazione HugePages è fondamentale per ottenere prestazioni più veloci del database Oracle su Linux. Se le SGA combinate del database sono di grandi dimensioni (più di 8 GB), è necessario configurare l'impostazione HugePages. Le dimensioni della SGA sono importanti. Il vantaggi offerti dall'abilitazione dell'impostazione HugePages includono: Aumento delle dimensioni delle pagine e riduzione del numero di pagine Miglioramento delle prestazioni complessive della memoria 41

42 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Assenza di swapping Assenza di operazioni kswapd Operazioni di I/O per i file del file system Layout dei file del database per NFS Impostare FILESYSTEMIO_OPTIONS=SETALL. Questa impostazione abilita sia l'i/o diretto che l'i/o asincrono. Con l'i/o asincrono, l'elaborazione continua mentre la richiesta di I/O viene inoltrata ed elaborata. Direct NFS non dipende dal valore di FILESYSTEMIO_OPTIONS. Direct NFS invia sempre l'i/o asincrono e diretto, poiché non dipende dal supporto del sistema operativo. Tuttavia, è sempre possibile eseguire il fallback al client NFS del sistema operativo in caso di configurazione non corretta. Per precauzione, impostare il parametro filesystemio_options su SETALL se il sistema operativo lo supporta. I file di dati, i file dei redo log online, i file FRA, i file temp e i file di controllo risiedono nei file system NFS. Tali file system sono progettati (in termini di livello RAID e numero di dischi utilizzati) in modo da risultare appropriati per ciascun tipo di file. La Tabella 6 elenca i singoli tipi di file o attività e indica la sede in cui risiedono. Tabella 6. Layout dei file del database per NFS Contenuto Sede File binari del database /u01/app/oracle/ File di dati, file di controllo Redo log online, file di controllo File FRA /u02/app/oracle/oradata/vspex1 /u03/app/oracle/oradata/vspex1 /u05/app/oracle/oradata/vspex1 Progettazione del backup e ripristino Panoramica Le considerazioni di progettazione per il backup di Oracle Database 11gR2 comprendono numerosi aspetti. Le sezioni seguenti descrivono le best practice e le considerazioni di progettazione necessarie per il backup e il ripristino di un database Oracle 11gR2. Architettura generale Avamar Plug-in for Oracle interagisce con Oracle e Oracle RMAN (Recovery Manager) per eseguire il backup di un database Oracle, del tablespace o dei file di dati in un Avamar server o in un sistema Data Domain. Avamar Plug-in for Oracle funge da modulo di backup utilizzando l'avamar server o il sistema Data Domain come storage device. RMAN avvia le operazioni di backup e ripristino. Avamar Plug-in for Oracle interpreta i comandi di backup e ripristino di RMAN e quindi li instrada all'avamar server. L'Avamar server invia i comandi ad Avamar Plug-in for Oracle per eseguire l'attività di backup e restore. La Figura 7 illustra il modo in cui l'avamar server e Avamar Plug-in for Oracle si interfacciano con un database Oracle e RMAN. 42

43 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Figura 7. Avamar server e Avamar Plug-in for Oracle Nota Un'altra opzione disponibile prevede l'utilizzo di EMC Data Domain come destinazione di backup per Avamar. Il client Avamar e i plug-in vengono installati come quando si utilizza Avamar come destinazione di backup. Se VMware vsphere utilizza la protezione a livello di immagine delle macchine virtuali Avamar, le aziende possono eseguire il restore di tali macchine virtuali senza installare un client Avamar in tali host. Gli utenti eseguono il restore di tali host da backup basati su VMware VADP se dispongono di istanze o database. Per il disaster recovery, il ripristino dell'immagine della macchina virtuale consente il ripristino a livello del sistema operativo. Il ripristino a livello di server Oracle viene applicato dopo il restore di tali risorse. L'implementazione della protezione di VSphere a livello di immagine esula dall'ambito di questa guida, ma si tratta di un'opzione praticabile per il restore dei sistemi operativi di base. Considerazioni Quando si progetta una soluzione di backup Avamar, è importante comprendere come si desidera eseguire il backup del database Oracle. I criteri di progettazione critici includono: Tipo di backup. Ad esempio, si desidera eseguire un backup completo o un backup incrementale? Pianificazione del backup. Ad esempio, si desidera eseguire il backup con frequenza quotidiana, settimanale o mensile? 43

44 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Conservazione dei dati di backup. Ad esempio, si desidera conservare i dati per un mese o per un trimestre? Oltre a definire le operazioni di backup, è necessario comprendere la terminologia del backup di Avamar, come descritto nella Tabella 7. Tabella 7. Termine Dataset Terminologia del backup di Avamar Descrizione I dataset di Avamar sono elenchi di directory e file di cui eseguire il backup da un client. L'assegnazione di un dataset a un client o un gruppo consente di salvare le selezioni dei backup. Ogni dataset definisce un elenco di dati di origine, un elenco di esclusione, un elenco di inclusione e le opzioni del plug-in. Pianificazioni Policy di conservazione Gruppi di backup Le pianificazioni sono oggetti riutilizzabili che controllano l'attività di backup del sistema in base a uno degli intervalli supportati. Tali intervalli possono essere quotidiani, settimanali, mensili e on-demand. Le policy di conservazione dei backup consentono di specificare per quanto tempo conservare un backup nel sistema. Le impostazioni di conservazione tipiche includono un periodo di conservazione, una data di fine specifica o nessuna data di fine. Avamar utilizza i gruppi per implementare varie policy che automatizzano i backup e applicano comportamenti del sistema e regole coerenti all'interno di un intero grid o, più spesso, di un gruppo. I membri dei gruppi sono rappresentati da macchine client aggiunte a un particolare gruppo per eseguire backup pianificati basati sulle stesse policy. Best practice per il backup e il ripristino Tenere presenti le seguenti best practice per il backup e il ripristino del database Oracle 11gR2. Risorse di rete Per le risorse di rete, utilizzare: Rete virtuale paravirtualizzata VMware VMXNET Generation 3 (VMXNET3) a 10 GbE. Una vlan per separare la rete dei dati di backup dalla rete del database Oracle. Impostazioni dei parametri di Oracle RMAN Per le impostazioni di Oracle RMAN: Non utilizzare la crittografia o la compressione del database. In questo modo si ridurrà il rapporto di deduplica dei dati per le destinazioni di backup supportate. Utilizzare l'allocazione su più canali per migliorare le prestazioni di backup e restore. Il numero massimo di canali supportati è sei. Quando si esegue il backup dei dati in Data Domain come dispositivo di destinazione, impostare FILEPERSET=1 o MAXOPENFILES=1 nel file di configurazione di RMAN. 44

45 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice Ripristino Flashback del database Avamar Plug-in for Oracle supporta il restore Oracle Flashback del database. Prima di poter utilizzare il tipo di ripristino Flashback, è necessario configurare la FRA. Crosscheck dei backup EMC consiglia di implementare regolarmente un crosscheck di Oracle RMAN al fine di conservare i dataset di backup permanenti. Backup e restore con Oracle RMAN EMC fornisce script RMAN opzionali per eseguire manualmente il backup e il restore dei database Oracle. Per queste operazioni è necessario avere esperienza dei comandi della shell del sistema operativo sul server Oracle con il software Oracle e Oracle RMAN. 45

46 Capitolo 5: Considerazioni sulla progettazione della soluzione e best practice 46

47 Capitolo 6 Metodologia di verifica della soluzione Questo capitolo descrive i seguenti argomenti: Verifica della soluzione Creazione dell'ambiente di test Popolamento del database di test Implementazione della soluzione

48 Capitolo 6: Metodologia di verifica della soluzione Verifica della soluzione Panoramica EMC consiglia di testare la nuova architettura comprovata di supporto per VSPEX for Oracle Database 11gR2 prima di implementarla nell'ambiente di produzione. In questo modo sarà possibile avere conferma che il progetto soddisfa gli obiettivi di prestazioni e capacità richiesti e identificare e ottimizzare potenziali colli di bottiglia prima che abbiano impatto sugli utenti in un'implementazione attiva. Questa sezione fornisce una descrizione riepilogativa della procedura generale che abbiamo eseguito per verificare la soluzione. Prima di verificare le prestazioni di Oracle Database 11gR2 nella VSPEX Proven Infrastructure, assicurarsi di avere implementato Oracle Database 11gR2 nella VSPEX Proven Infrastructure sulla base delle Implementation Guides for Oracle Database 11gR2. La Tabella 8 descrive la procedura generale richiesta prima di implementare in produzione l'ambiente Oracle Database 11gR2. Tabella 8. Procedura generale di verifica dell'applicazione Step Descrizione Step 1 Definire lo scenario di test (come indicato nello strumento di dimensionamento per VSPEX) per simulare uno scenario di carico di lavoro di business comune. Creazione dell'ambiente di test 2 Comprendere le principali metriche dell'ambiente Oracle Database 11gR2 per raggiungere livelli di prestazioni e capacità che soddisfino i requisiti di business. 3 Utilizzare lo strumento di dimensionamento per VSPEX for Oracle Database 11gR2 per stabilire l'architettura e le risorse richieste dall'implementazione della VSPEX Proven Infrastructure. 4 Progettare e realizzare la soluzione Oracle Database 11gR2 sulla VSPEX Proven Infrastructure. 5 Popolare i dati utilizzando uno strumento di test che simuli un ambiente reale. 6 Eseguire i test, analizzare i risultati e ottimizzare l'architettura VSPEX. Fase 1: valutazione dell'use case dell'azienda con il qualification worksheet Sito web di EMC VSPEX Guida all'implementazione per Oracle Database 11gR2 OLTP Utilizzare Swingbench per popolare il database Swingbench per prestazioni campione di Oracle Database 11gR2 Oltre allo scenario di test, è importante comprendere l'obiettivo dei test di Oracle Database 11gR2 per poter decidere più facilmente quali metriche devono essere raccolte e quali livelli di soglia devono essere raggiunti per ogni metrica durante i test di convalida di Oracle Database 11gR2. Per verificare la soluzione VSPEX Oracle Database 11gR2, considerare le seguenti metriche principali: Transazioni al secondo (TPS) Tasso di modifica 48

49 Tempo di attesa medio per l'user I/O Tempo di attesa medio per il Commit Capitolo 6: Metodologia di verifica della soluzione Lo strumento di dimensionamento per VSPEX aiuta a definire le metriche e i livelli di soglia di base per soddisfare i requisiti di business del cliente. Per ulteriori informazioni sullo strumento di dimensionamento per VSPEX, fare riferimento allo strumento di dimensionamento per VSPEX for Oracle Database 11gR2 disponibile nel sito web di EMC VSPEX. Creazione dell'ambiente di test Dopo avere stabilito gli obiettivi dei test, definito le metriche e calcolato i requisiti di capacità per il database, il passaggio successivo consiste nel progettare e creare l'ambiente di test per la soluzione VSPEX Oracle Database 11gR2. Il database di test deve riprodurre quanto più fedelmente possibile l'ambiente di produzione. Prendere in considerazione tutte le funzionalità descritte in precedenza, tra cui il layout dello storage, il bilanciamento del carico di rete e le caratteristiche della rete. Nella soluzione VSPEX Oracle Database 11gR2, abbiamo utilizzato Swingbench per simulare uno scenario Oracle Database 11gR2 comune. Per ulteriori informazioni su Swingbench, visitare il sito web Quando si configura l'ambiente di test, è necessario creare un piano per i server e Oracle Database, oltre che per le macchine necessarie per eseguire il test. Utilizzare una delle macchine come server Swingbench. Il server Swingbench applicherà uno stress sul database simulando un carico di lavoro di transazioni definite dall'utente e invierà le richiesta al database Oracle Database 11gR2. Memorizzare i risultati dei test in un database Oracle. Oltre all'ambiente e allo strumento di test, potrebbe essere necessario utilizzare anche altri strumenti per preparare un ambiente di test completo per Oracle Database 11gR2. Per ulteriori informazioni, consultare l'articolo della Oracle Technology Network (TechNet) (www.oracle.com/technetwork/index.html) sull'argomento. Popolamento del database di test Dopo avere creato l'ambiente di test, definire il tipo di dati da utilizzare. Per questa soluzione, abbiamo applicato un carico di lavoro OLTP simulato eseguendo il dimensionamento degli utenti con lo strumento Swingbench e popolando un database da 500 GB. Abbiamo quindi effettuato l'accesso al database utilizzando sessioni diverse generate dal server Swingbench. Implementazione della soluzione Una volta progettata l'infrastruttura VSPEX, fare riferimento alla Guida all'implementazione di (associata al presente documento) per informazioni su come implementare la soluzione. 49

50 Capitolo 6: Metodologia di verifica della soluzione 50

51 Capitolo 7 Documentazione di riferimento Questa appendice descrive i seguenti argomenti: White paper Documentazione del prodotto

52 Capitolo 7: Documentazione di riferimento White paper Oracle EMC VMware Fare riferimento ai seguenti white paper di Oracle correlati a questa soluzione: Oracle Edition Comparisons Oracle Software Investment Guide Oracle Database Licensing Oracle Processor Core Factor Table Installing and Using Standby Statspack in 11g [ID ] How to Tell if the IO of the Database is Slow [ID articolo ] HugePages on Linux: What It Is... and What It Is Not... [ID ] https://support.oracle.com (richiede il login) Fare riferimento ai seguenti white paper di EMC correlati a questa soluzione: Deploying Oracle Database on EMC VNX Unified Storage EMC Cost-Efficient Infrastructure for Oracle Maximize Operational Efficiency for Oracle RAC with EMC Symmetrix FAST VP (Automated Tiering) and VMware vsphere - An Architectural Overview EMC VNX7500 Scaling Performance for Oracle 11g R2 on VMware vsphere 5.1 Fare riferimento ai seguenti white paper di VMware correlati a questa soluzione: Understanding Oracle Certification Support and Licensing in VMware Environments Oracle Databases on VMware Best Practices Guide Best Practices for running VMware vsphere on NFS Performance Best Practices for VMware vsphere 5.0 Documentazione del prodotto Oracle Fare riferimento alla seguente documentazione del prodotto Oracle correlata a questa soluzione: Oracle Database 11g Documentation Library 11g Release 2 (11.2) Oracle Edition Comparisons Oracle Software Investment Guide Database Licensing Oracle Processor Core Factor Table Understanding Oracle Certification Support and Licensing in VMware Environments 52

53 Capitolo 7: Documentazione di riferimento EMC VMware Fare riferimento alla seguente documentazione del prodotto EMC correlata a questa soluzione: Famiglia VNX Documentazione della serie VNX sul sito del Supporto Online EMC Fare riferimento alla seguente documentazione del prodotto VMware correlata a questa soluzione: Documentazione di VMware vsphere Documentazione di vsphere PowerCLI Best Practices for running VMware vsphere on NFS Performance Best Practices for VMware vsphere 5.0 Oracle Databases on VMware Best Practices Guide Understanding Oracle Certification Support and Licensing in VMware Environments VMware vsphere 5.1 Clustering Deepdive di Duncan Epping e Frank Denneman 53

54 Capitolo 7: Documentazione di riferimento 54

55 Appendice A Qualification worksheet Questa appendice descrive il seguente argomento: Panoramica del qualification worksheet Stampa del qualification worksheet

56 Appendice A: Qualification worksheet Panoramica del qualification worksheet Prima di dimensionare la soluzione VSPEX, raccogliere le informazioni sui database Oracle del cliente utilizzando il qualification worksheet mostrato nella Figura 8. Questo worksheet è idoneo per la qualifica di più database. Figura 8. Qualification worksheet per EMC VSPEX for Oracle 11g OLTP Per ottenere queste informazioni, è possibile utilizzare i report di Oracle Automatic Workload Repository o Statspack, come descritto nella documentazione Oracle Database Performance Tuning Guide 11g Release 2 (11.2) disponibile all'indirizzo: 56

57 Appendice A: Qualification worksheet Stampa del qualification worksheet Al presente documento è allegata una copia standalone dell'emc Oracle qualification worksheet in formato PDF. Per aprire il file, eseguire le operazioni riportate di seguito: 1. Nei menu del PDF, scegliere View->How/Hide -> Navigation Panes -> Attachments come illustrato nella Figura 9. Figura 9. Versione stampabile del qualification worksheet L'allegato viene visualizzato nel pannello di sinistra, come illustrato nella Figura 10. Figura 10. Visualizzazione del qualification worksheet 2. Fare doppio clic sul documento per aprirlo e stamparlo. 57

58 Appendice A: Qualification worksheet 58

59 Appendice B VSPEX Sizing Tool Questa appendice descrive i seguenti argomenti: Esempio di VSPEX Oracle qualification worksheet Dimensionamento manuale di un database Oracle Database 11g OLTP virtualizzato per VSPEX

60 Appendice B: VSPEX Sizing Tool Esempio di VSPEX Oracle qualification worksheet È possibile ottenere le informazioni richieste per popolare l'emc Oracle qualification worksheet per ogni database Oracle dalla AWR (Automatic Workload Repository). AWR e Statspack Repository forniscono ciascuno le statistiche principali sulle prestazioni, il carico e le risorse interne ed esterne del database. Per accedere a questi dati, è possibile utilizzare script standard forniti da Oracle. Le restanti informazioni possono essere fornite dal cliente o ottenute utilizzando le semplici query fornite in questa appendice. Figura 11. Esempio di EMC Oracle qualification worksheet Impostazioni di memoria del database Utilizzare la sezione init.ora Parameters del report AWR per calcolare i valori relativi a SGA (System Global Area) e PGA (Program Global Area), come illustrato nella Figura 12 Figura 12. Sezione init.ora Parameters del report AWR Individuazione del numero di utenti simultanei Molte aziende conoscono il numero di utenti connessi al loro sistema. È tuttavia possibile utilizzare la query SQL riportata nella Figura 13 per avere conferma del numero massimo di utenti che si connettono simultaneamente al database. 60

61 Appendice B: VSPEX Sizing Tool SQL> select SESSIONS_CURRENT, SESSIONS_HIGHWATER from v$license; SESSIONS_CURRENT SESSIONS_HIGHWATER row selected. Figura 13. Query sul limite massimo di sessioni utente Dimensione database Utilizzare le dimensioni dei file di dati e temporanei usati per popolare la colonna Dimensioni DB (MB) e calcolare il totale come riportato nella Figura 14 SQL> select ltrim(to_char(sum(bytes)/(1024*1024))) as Total size (M) from ( select sum(bytes) as bytes from v$datafile union select bytes from v$tempfile); Total size (M) row selected. Figura 14. Calcolo delle dimensioni del database mediante query SQL Individuazione del valore di IOPS dei file di dati e del tasso di modifica per i redo log È possibile ottenere i valori delle colonne IOPS DI LETTURA, IOPS DI SCRITTURA e Tasso di modifica (MB/s) dalla sezione "IOStat by Function summary" del report AWR. La Figura 15 indica queste colonne. Figura 15. Sezione IOStat by Function summary del report AWR 61

62 Appendice B: VSPEX Sizing Tool Individuazione del tempo di user I/O e del tempo di commit I seguenti eventi di attesa Oracle, illustrati nella Figura 16, forniscono le statistiche sui tempi di risposta principali per il database Oracle. Utilizzare db file sequential read per popolare la colonna User I/O. Oracle consiglia che questo valore sia inferiore a 20 ms. Utilizzare log file sync per popolare la colonna Commit. Oracle consiglia che questo valore sia inferiore a 15 ms. Figura 16. Sezione Foreground Wait Event del report AWR Per l'elenco dei tempi di risposta di I/O accettabili tipici, consultare il documento ID in My Oracle Support 2. Transazioni nella sezione Load Profile del report AWR È possibile ottenere il valore utilizzato per popolare la colonna TPS del worksheet dalle transazioni indicate nella sezione Load Profile, come illustrato nella Figura 17. Figura 17. Transazioni nella sezione Load Profile del report AWR 2 Riferimenti: My Oracle Support: How to Tell if the IO of the Database is Slow [ID ] 62

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED ORACLE DATABASE 11g OLTP

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED ORACLE DATABASE 11g OLTP GUIDA ALL'IMPLEMENTAZIONE EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED ORACLE DATABASE 11g OLTP EMC VSPEX Abstract La presente descrive la procedura generale e le best practice richieste per implementare la EMC VSPEX Proven

Dettagli

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 EMC VSPEX Abstract Questa descrive la procedura di progettazione delle risorse virtualized Microsoft SQL Server sulle soluzioni

Dettagli

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 CON MICROSOFT HYPER-V

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 CON MICROSOFT HYPER-V GUIDA ALL'IMPLEMENTAZIONE EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 CON MICROSOFT HYPER-V EMC VSPEX Abstract In questa vengono descritte le procedure generali necessarie per l'implementazione

Dettagli

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 CON MICROSOFT HYPER-V

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 CON MICROSOFT HYPER-V GUIDA ALL'IMPLEMENTAZIONE EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 CON MICROSOFT HYPER-V EMC VSPEX Abstract Questa descrive le procedure richieste per implementare una soluzione Microsoft Exchange

Dettagli

CINQUE MOTIVI PRINCIPALI PER CUI I CLIENTI UTILIZZANO EMC E VMWARE PER VIRTUALIZZARE GLI AMBIENTI ORACLE

CINQUE MOTIVI PRINCIPALI PER CUI I CLIENTI UTILIZZANO EMC E VMWARE PER VIRTUALIZZARE GLI AMBIENTI ORACLE CINQUE MOTIVI PRINCIPALI PER CUI I CLIENTI UTILIZZANO EMC E VMWARE PER VIRTUALIZZARE GLI AMBIENTI ORACLE Sfruttare EMC e VMware per migliorare il ritorno sugli investimenti per Oracle CONCETTI FONDAMENTALI

Dettagli

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center FAMIGLIA EMC VPLEX Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center CONTINUOUS AVAILABILITY E DATA MOBILITY PER APPLICAZIONI MISSION- CRITICAL L'infrastruttura di storage è in evoluzione

Dettagli

Guida essenziale alla virtualizzazione delle applicazioni Microsoft su EMC VSPEX

Guida essenziale alla virtualizzazione delle applicazioni Microsoft su EMC VSPEX Guida essenziale alla virtualizzazione delle applicazioni Microsoft su EMC VSPEX Per le organizzazioni che eseguono applicazioni aziendali Microsoft mission-critical come Microsoft Exchange, Microsoft

Dettagli

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 CON VMWARE VSPHERE

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 CON VMWARE VSPHERE GUIDA ALL'IMPLEMENTAZIONE EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 CON VMWARE VSPHERE EMC VSPEX Abstract Questa fornisce una descrizione generale delle procedure richieste per l'implementazione

Dettagli

SOLUZIONI EMC PER AMBIENTI VIRTUALIZZATI

SOLUZIONI EMC PER AMBIENTI VIRTUALIZZATI ACCELERATING YOUR IT TRANSFORMATION WITH EMC NEXT-GENERATION UNIFIED STORAGE AND BACKUP (ACCELERAZIONE DELLA TRASFORMAZIONE DELL'IT CON LE SOLUZIONI DI BACKUP ED EMC UNIFIED STORAGE DI NUOVA GENERAZIONE)

Dettagli

Data-sheet: Protezione dei dati Symantec Backup Exec 2010 Backup e recupero affidabili progettati per le aziende in crescita

Data-sheet: Protezione dei dati Symantec Backup Exec 2010 Backup e recupero affidabili progettati per le aziende in crescita Backup e recupero affidabili progettati per le aziende in crescita Panoramica offre protezione di backup e recupero leader di mercato per ogni esigenza, dal server al desktop. Protegge facilmente una maggiore

Dettagli

Backup e ripristino per ambienti VMware con Avamar 6.0

Backup e ripristino per ambienti VMware con Avamar 6.0 White paper Backup e ripristino per ambienti VMware con Avamar 6.0 Analisi dettagliata Abstract Con l aumento incalzante degli ambienti virtuali implementati nel cloud delle aziende, è facile notare come

Dettagli

EMC Avamar: soluzioni di backup e ripristino per ambienti VMware

EMC Avamar: soluzioni di backup e ripristino per ambienti VMware EMC Avamar: soluzioni di backup e ripristino per ambienti VMware Tecnologia applicata Abstract In questo white paper sono descritti i componenti degli ambienti VMware vsphere e VMware View e vengono illustrate

Dettagli

VMware vsphere Data Protection

VMware vsphere Data Protection FAQ VMware Panoramica di Advanced D. Che cos'è VMware? R. VMware vsphere Data Advanced è una soluzione di backup e ripristino con funzionalità integrate di replica dei dati di backup. È progettata per

Dettagli

Panoramica delle funzionalita

Panoramica delle funzionalita Panoramica delle funzionalita Edizioni vsphere 4 Gestione su larga scala di applicazioni di produzione critiche DRS / DPM Storage vmotion Host Profiles Distributed Switch DRS / DPM Storage vmotion Prodotti

Dettagli

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SHAREPOINT 2013 EMC VSPEX Abstract Questa descrive la procedura di progettazione delle risorse virtualizzate di Microsoft SharePoint 2013 nella

Dettagli

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 EMC VSPEX Abstract Questa descrive la procedura di progettazione delle risorse virtualizzate di Microsoft Exchange Server 2013

Dettagli

FAMIGLIA EMC RECOVERPOINT

FAMIGLIA EMC RECOVERPOINT FAMIGLIA EMC RECOVERPOINT Soluzione efficiente ed economica per il disaster recovery e la protezione di dati in remoto e in locale Punti essenziali Massima protezione dei dati delle applicazioni e disaster

Dettagli

IBM Tivoli Storage Manager for Virtual Environments

IBM Tivoli Storage Manager for Virtual Environments Scheda tecnica IBM Storage Manager for Virtual Environments Backup senza interruzioni e ripristino immediato: un processo più semplice e lineare Caratteristiche principali Semplificare la gestione del

Dettagli

Novità di vsphere 5.1

Novità di vsphere 5.1 Novità di vsphere 5.1 Argomenti vsphere 5.0 - Riepilogo vsphere 5.1 - Panoramica " Elaborazione, storage, rete - Miglioramenti e funzionalità " Disponibilità, sicurezza, automazione - Miglioramenti e funzionalità

Dettagli

EMC DATA DOMAIN OPERATING SYSTEM

EMC DATA DOMAIN OPERATING SYSTEM EMC DATA DOMAIN OPERATING SYSTEM Accensione di EMC Protection Storage ESSENTIALS Deduplica scalabile ad alta velocità Prestazioni fino a 58,7 TB/h Riduce i requisiti per il backup storage da 10 a 30 volte

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT SQL SERVER 2012 EMC VSPEX Abstract Questa descrive la procedura di progettazione delle risorse virtualizzate di Microsoft SQL Server nella EMC

Dettagli

PERCHÉ SCEGLIERE EMC PER LA GESTIONE DEL CICLO DI VITA RACLE

PERCHÉ SCEGLIERE EMC PER LA GESTIONE DEL CICLO DI VITA RACLE PERCHÉ SCEGLIERE EMC PER LA GESTIONE DEL CICLO DI VITA RACLE PUNTI ESSENZIALI Agilità Nella soluzione AppSync sono integrate le best practice delle tecnologie di replica offerte da EMC e Oracle, che consentono

Dettagli

EMC VSPEX PRIVATE CLOUD

EMC VSPEX PRIVATE CLOUD Guida alla Proven Infrastructure EMC VSPEX PRIVATE CLOUD VMware vsphere 5.5 per un massimo di 1.000 virtual machine Con tecnologia Microsoft Windows Server 2012 R2, Serie EMC VNX e backup EMC Powered EMC

Dettagli

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Relazione preparata sotto contratto con EMC Introduzione EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione pratica del nuovo sistema

Dettagli

EMC VSPEX PRIVATE CLOUD

EMC VSPEX PRIVATE CLOUD Guida alla Proven Infrastructure EMC VSPEX PRIVATE CLOUD VMware vsphere5.5 per un massimo di 100 virtual machine Con Microsoft Windows Server 2012, EMC VNXe e backup EMC Powered EMC VSPEX Abstract Questo

Dettagli

Thinking Fast: il sistema di backup più veloce al mondo ora esegue anche l'archiviazione

Thinking Fast: il sistema di backup più veloce al mondo ora esegue anche l'archiviazione Thinking Fast: il sistema di backup più veloce al mondo ora esegue anche l'archiviazione I sistemi di backup più veloci al mondo Il primo sistema al mondo per la conservazione a lungo termine di backup

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

EMC VSPEX SOLUTION FOR INFRASTRUCTURE AS A SERVICE WITH MICROSOFT SYSTEM CENTER

EMC VSPEX SOLUTION FOR INFRASTRUCTURE AS A SERVICE WITH MICROSOFT SYSTEM CENTER GUIDA ALLA PROGETTAZIONE E ALL'IMPLEMENTAZIONE EMC VSPEX SOLUTION FOR INFRASTRUCTURE AS A SERVICE WITH MICROSOFT SYSTEM CENTER EMC VSPEX Abstract Questa descrive la procedura di progettazione delle risorse

Dettagli

TRASFORMA L'INFRASTRUTTURA DI DATABASE

TRASFORMA L'INFRASTRUTTURA DI DATABASE TRASFORMA L'INFRASTRUTTURA DI DATABASE Database come Oracle e SQL Server richiedono una latenza costantemente bassa e prestazioni di I/O eccezionali per rispondere istantaneamente alle query/transazioni

Dettagli

Solution overview PROTEZIONE VMWARE CON EMC NETWORKER 8.5. White paper

Solution overview PROTEZIONE VMWARE CON EMC NETWORKER 8.5. White paper White paper PROTEZIONE VMWARE CON EMC NETWORKER 8.5 Solution overview Abstract Questo white paper descrive l'integrazione di EMC NetWorker con VMware vcenter, illustrando l'architettura di EMC NetWorker

Dettagli

PANORAMICA DEL PRODOTTO EMC DATA DOMAIN

PANORAMICA DEL PRODOTTO EMC DATA DOMAIN PANORAMICA DEL PRODOTTO EMC DATA DOMAIN Storage con deduplica per backup e archiviazione di nuova generazione PUNTI ESSENZIALI Storage scalabile con funzionalità di deduplica Deduplica in linea ad alta

Dettagli

Licenza di vcloud Suite

Licenza di vcloud Suite vcloud Suite 5.5 Questo documento supporta la versione di ogni prodotto elencato e di tutte le versioni successive finché non è sostituito da una nuova edizione. Per controllare se esistono versioni più

Dettagli

Symantec NetBackup 7.1 Novità e matrice di confronto versioni

Symantec NetBackup 7.1 Novità e matrice di confronto versioni ymantec 7.1 Novità e matrice di confronto versioni ymantec 7 consente ai clienti di standardizzare le operazioni di backup e recupero in ambienti fisici e virtuali con un minor numero di risorse e meno

Dettagli

Backup e ripristino per VMware con i sistemi di storage con funzionalità di deduplicazione EMC Data Domain

Backup e ripristino per VMware con i sistemi di storage con funzionalità di deduplicazione EMC Data Domain sistemi di storage con funzionalità di deduplicazione EMC Data Domain Considerazioni tecniche per la scelta della soluzione Abstract VMware offre vantaggi straordinari, ma può implicare un aumento dei

Dettagli

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013

EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE EMC VSPEX FOR VIRTUALIZED MICROSOFT EXCHANGE 2013 Con tecnologia EMC VNX ed EMC Powered Backup EMC VSPEX Abstract Questa descrive la procedura di progettazione di una soluzione

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Caratteristiche principali La flessibilità e la scalabilità della

Dettagli

FAMIGLIA EMC VNX. Unified Storage di nuova generazione, ottimizzato per applicazioni virtualizzate CARATTERISTICH E PRINCIPALI.

FAMIGLIA EMC VNX. Unified Storage di nuova generazione, ottimizzato per applicazioni virtualizzate CARATTERISTICH E PRINCIPALI. FAMIGLIA EMC VNX Unified Storage di nuova generazione, ottimizzato per applicazioni virtualizzate CARATTERISTICH E PRINCIPALI Unified Storage per i livelli file, blocco e oggetto dello storage L'ottimizzazione

Dettagli

Symantec Backup Exec.cloud

Symantec Backup Exec.cloud Protezione automatica, continua e sicura con il backup dei dati nel cloud o tramite un approccio ibrido che combina il backup on-premise e basato sul cloud. Data-sheet: Symantec.cloud Solo il 21% delle

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

EMC VSPEX END-USER COMPUTING

EMC VSPEX END-USER COMPUTING GUIDA ALL'IMPLEMENTAZIONE EMC VSPEX END-USER COMPUTING VMware Horizon View 6.0 e VMware vsphere per un massimo di 500 desktop virtuali Con tecnologia EMC VNXe3200 ed EMC Data Protection EMC VSPEX Abstract

Dettagli

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE ALLEGATO B5.3 VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE Situazione alla data 30.6.2011 Pag. 1 di 6 AIX Logical Partitions Database L infrastruttura dell ambiente RISC/AIX viene utilizzata come Data Layer; fornisce

Dettagli

EMC VSPEX END-USER COMPUTING

EMC VSPEX END-USER COMPUTING GUIDA ALLA PROGETTAZIONE EMC VSPEX END-USER COMPUTING VMware Horizon View 6.0 e VMware vsphere per un massimo di 500 desktop virtuali Con tecnologia EMC VNXe3200 ed EMC Data Protection EMC VSPEX Abstract

Dettagli

Acceleratore SQL ZD-XL 1.5

Acceleratore SQL ZD-XL 1.5 Acceleratore SQL ZD-XL 1.5 Soluzione di accelerazione hardware e software flash integrata per SQL Server Caratteristiche Supporta ambienti Microsoft Hyper-V e VMware ESXi Accelera SQL Server a livello

Dettagli

FAMIGLIA EMC VNX. Unified storage di nuova generazione, ottimizzato per applicazioni virtualizzate

FAMIGLIA EMC VNX. Unified storage di nuova generazione, ottimizzato per applicazioni virtualizzate FAMIGLIA EMC VNX Unified storage di nuova generazione, ottimizzato per applicazioni virtualizzate Punti essenziali Unified storage per lo storage multiprotocollo a livello di file, blocchi e oggetti Nuove

Dettagli

EMC VSPEX END-USER COMPUTING

EMC VSPEX END-USER COMPUTING GUIDA ALL'IMPLEMENTAZIONE EMC VSPEX END-USER COMPUTING Citrix XenDesktop 7.1 e VMware vsphere per un massimo di 500 desktop virtuali Con tecnologia EMC VNXe3200 ed EMC Powered Backup EMC VSPEX Abstract

Dettagli

Replica indipendente dalla piattaforma per una mobilità dei dati e migrazioni senza interruzioni di livello enterprise

Replica indipendente dalla piattaforma per una mobilità dei dati e migrazioni senza interruzioni di livello enterprise EMC Open Replicator per Symmetrix Replica indipendente dalla piattaforma per una mobilità dei dati e migrazioni senza interruzioni di livello enterprise Panoramica Prestazioni elevate: utilizza il potente

Dettagli

Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20

Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20 Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20 Resoconto commissionato da EMC Corporation Introduzione In breve EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione

Dettagli

Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection

Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection Arcserve UDP è basato su un'architettura unificata di nuova generazione per ambienti fisici e virtuali. La sua ampiezza di funzionalità senza paragoni, la

Dettagli

EMC VSPEX PRIVATE CLOUD

EMC VSPEX PRIVATE CLOUD Proven Infrastructure EMC VSPEX PRIVATE CLOUD Microsoft Windows Server 2012 R2 con Hyper-V per un massimo di 200 virtual machine Con tecnologia EMC VNXe3200 ed EMC Data Protection EMC VSPEX Abstract Questo

Dettagli

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000

USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 VERITAS StorageCentral 1 USO OTTIMALE DI ACTIVE DIRECTORY DI WINDOWS 2000 1. Panoramica di StorageCentral...3 2. StorageCentral riduce il costo totale di proprietà per lo storage di Windows...3 3. Panoramica

Dettagli

Virtualizzazione delle applicazioni business critical

Virtualizzazione delle applicazioni business critical Virtualizzazione delle applicazioni business critical Concetti relativi alla tecnologia e considerazioni aziendali Abstract Più del 75% delle aziende della classifica Fortune 500 ha adottato la virtualizzazione

Dettagli

granulare per ambienti Exchange e Active Directory in un ambiente VMware e Hyper-V.

granulare per ambienti Exchange e Active Directory in un ambiente VMware e Hyper-V. Business Server Funzionalità complete di backup e recupero ideate per le piccole aziende in espansione Panoramica Symantec Backup Exec 2010 per Windows Small Business Server è la soluzione per la protezione

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

EMC VSPEX END-USER COMPUTING

EMC VSPEX END-USER COMPUTING GUIDA ALL'IMPLEMENTAZIONE EMC VSPEX END-USER COMPUTING VMware Horizon View 6.0 e VMware vsphere con EMC XtremIO Con tecnologia EMC Isilon, EMC VNX ed EMC Data Protection EMC VSPEX Abstract Questa descrive

Dettagli

Cost-Effective Storage Solutions for VMware View 4.5 Enabled by EMC Unified Storage

Cost-Effective Storage Solutions for VMware View 4.5 Enabled by EMC Unified Storage Cost-Effective Storage Solutions for VMware View 4.5 Enabled by EMC Unified Storage Short Version EMC Information Infrastructure Solutions Abstract Le infrastrutture desktop virtuali propongono alle organizzazioni

Dettagli

Online Help StruxureWare Data Center Expert

Online Help StruxureWare Data Center Expert Online Help StruxureWare Data Center Expert Version 7.2.7 StruxureWare Data Center ExpertDispositivo virtuale Il server StruxureWare Data Center Expert 7.2 è disponibile come dispositivo virtuale, supportato

Dettagli

Evoluzione nella protezione dei dati verso la Business Continuity

Evoluzione nella protezione dei dati verso la Business Continuity Evoluzione nella protezione dei dati verso la Business Continuity Data Management CSU Marzo 2011 Causes of Unplanned System Downtime Probability 8 High Low 7 6 5 4 3 2 1 0 Downtime Cause User errors Application

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

Client e agenti di Symantec NetBackup 7

Client e agenti di Symantec NetBackup 7 Protezione completa per l'azienda basata sulle informazioni Panoramica Symantec NetBackup offre una selezione semplice ma completa di client e agenti innovativi per ottimizzare le prestazioni e l efficienza

Dettagli

Data-sheet: Backup e recupero Symantec Backup Exec 12.5 per Windows Server Lo standard nella protezione dei dati in ambiente Windows

Data-sheet: Backup e recupero Symantec Backup Exec 12.5 per Windows Server Lo standard nella protezione dei dati in ambiente Windows Lo standard nella protezione dei dati in ambiente Windows Panoramica Symantec 12.5 offre funzioni di backup e recupero per server e desktop, con una protezione completa dei dati per i più recenti ambienti

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC Soluzioni per le PMI Windows Server 2012 e System Center 2012 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente

Dettagli

EMC VSPEX END-USER COMPUTING

EMC VSPEX END-USER COMPUTING Infrastruttura comprovata VSPEX EMC VSPEX END-USER COMPUTING Citrix XenDesktop 5.6 con VMware vsphere 5.1 per un massimo di 250 desktop virtuali Con tecnologia EMC VNXe e backup di nuova generazione EMC

Dettagli

Virtualizzazione. Orazio Battaglia

Virtualizzazione. Orazio Battaglia Virtualizzazione Orazio Battaglia Definizione di virtualizzazione In informatica il termine virtualizzazione si riferisce alla possibilità di astrarre le componenti hardware, cioè fisiche, degli elaboratori

Dettagli

Symantec Protection Suite Enterprise Edition per Gateway Domande frequenti

Symantec Protection Suite Enterprise Edition per Gateway Domande frequenti Domande frequenti 1. Che cos'è? fa parte della famiglia Enterprise delle Symantec Protection Suite. Protection Suite per Gateway salvaguarda i dati riservati e la produttività dei dipendenti creando un

Dettagli

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto di licenza e può

Dettagli

Symantec Network Access Control Starter Edition

Symantec Network Access Control Starter Edition Symantec Network Access Control Starter Edition Conformità degli endpoint semplificata Panoramica Con è facile iniziare a implementare una soluzione di controllo dell accesso alla rete. Questa edizione

Dettagli

Symantec Backup Exec 2012

Symantec Backup Exec 2012 Better backup for all Data-sheet: Backup e recupero di emergenza Panoramica è un prodotto integrato che protegge ambienti virtuali e fisici, semplifica il backup e il recupero di emergenza, e recupera

Dettagli

Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente

Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente 2011 Retrospect, Inc. Portions 1989-2010 EMC Corporation. Tutti i diritti riservati. Guida per l'utente di Retrospect 7.7, prima edizione. L'uso di

Dettagli

EMC VSPEX END-USER COMPUTING

EMC VSPEX END-USER COMPUTING EMC VSPEX END-USER COMPUTING Citrix XenDesktop 7 e VMware vsphere 5.1 per un massimo di 2.000 desktop virtuali Con tecnologia EMC VNX di nuova generazione e backup EMC EMC VSPEX Abstract Questa descrive

Dettagli

NOTE DI RILASCIO. Note di rilascio P/N 302-001-430 REV 01. EMC GeoDrive for Windows Versione 1.3. 17 ottobre 2014

NOTE DI RILASCIO. Note di rilascio P/N 302-001-430 REV 01. EMC GeoDrive for Windows Versione 1.3. 17 ottobre 2014 NOTE DI RILASCIO EMC GeoDrive for Windows Versione 1.3 Note di rilascio P/N 302-001-430 REV 01 17 ottobre 2014 Queste Note di rilascio contengono ulteriori informazioni su questa versione di GeoDrive.

Dettagli

EMC AVAMAR DATA STORE

EMC AVAMAR DATA STORE EMC AVAMAR DATA STORE EMC Avamar Data Store rappresenta il modo più facile e veloce per implementare un Avamar server fisico. Si tratta di una soluzione completamente integrata, scalabile e preconfigurata

Dettagli

CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise

CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise SCHEDA PRODOTTO: CA AppLogic CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise agility made possible CA AppLogic è una piattaforma di cloud computing chiavi in mano che consente ai clienti enterprise

Dettagli

AFFIDATI ALL ESPERIENZA PER AFFRONTARE LE NECESSITÀ DI OGGI E LE SFIDE DI DOMANI

AFFIDATI ALL ESPERIENZA PER AFFRONTARE LE NECESSITÀ DI OGGI E LE SFIDE DI DOMANI AFFIDATI ALL ESPERIENZA PER AFFRONTARE LE NECESSITÀ DI OGGI E LE SFIDE DI DOMANI Le aziende vivono una fase di trasformazione del data center che promette di assicurare benefici per l IT, in termini di

Dettagli

Brochure DATA CENTER. www.novell.com. Novell Cloud Manager. Costruite e gestite ambienti cloud privati. (Finalmente è arrivato il cloud)

Brochure DATA CENTER. www.novell.com. Novell Cloud Manager. Costruite e gestite ambienti cloud privati. (Finalmente è arrivato il cloud) Brochure DATA CENTER Novell Cloud Manager Costruite e gestite ambienti cloud privati (Finalmente è arrivato il cloud) Novell Cloud Manager: il modo più semplice per creare e gestire ambienti cloud WorkloadIQ

Dettagli

Licenza di vcloud Suite

Licenza di vcloud Suite vcloud Suite 5.1 Questo documento supporta la versione di ogni prodotto elencato e di tutte le versioni successive finché non è sostituito da una nuova edizione. Per controllare se esistono versioni più

Dettagli

EMC AVAMAR. Sistema e software di backup con deduplicazione

EMC AVAMAR. Sistema e software di backup con deduplicazione EMC AVAMAR Sistema e software di backup con deduplicazione Panoramica Deduplicazione dei dati all origine, prima del loro trasferimento in rete Soluzione ideale per la protezione di ambienti VMware, uffici

Dettagli

EMC SYMMETRIX VMAX 10K

EMC SYMMETRIX VMAX 10K EMC SYMMETRIX VMAX 10K Potente, affidabile, intelligente ed efficiente MAGGIORE ACCESSIBILITÀ DELLO STORAGE TIER 1 Il sistema di storage EMC Symmetrix VMAX 10K è una nuova classe di storage di livello

Dettagli

EMC VSPEX END-USER COMPUTING

EMC VSPEX END-USER COMPUTING Guida di VSPEX Proven Infrastructure EMC VSPEX END-USER COMPUTING Citrix XenDesktop 7 e Microsoft Hyper-V Server 2012 per un massimo di 2.000 desktop virtuali Con tecnologia EMC VNX di nuova generazione

Dettagli

REALIZZAZIONE SALA CED

REALIZZAZIONE SALA CED REALIZZAZIONE SALA CED CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Realizzazione sala CED 2 Specifiche minime dell intervento 1. REALIZZAZIONE SALA CED L obiettivo dell appalto è realizzare una Server Farm di ultima

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

EMC CLOUDARRAY - GUIDA INTRODUTTIVA DEL PRODOTTO INTRODUZIONE

EMC CLOUDARRAY - GUIDA INTRODUTTIVA DEL PRODOTTO INTRODUZIONE EMC CLOUDARRAY - GUIDA INTRODUTTIVA DEL PRODOTTO INTRODUZIONE Le organizzazioni IT attualmente devono affrontare due problematiche relative al data storage dei dati critici: la crescita esponenziale dei

Dettagli

Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione II Release 2

Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione II Release 2 Oracle University Contact Us: 800 672 253 Oracle Database 11g: Workshop di amministrazione II Release 2 Duration: 5 Days What you will learn Questo corso va oltre le attività di base descritte per il database

Dettagli

EMC UNIFIED INFRASTRUCTURE MANAGER

EMC UNIFIED INFRASTRUCTURE MANAGER EMC UNIFIED INFRASTRUCTURE MANAGER Semplificazione della transizione verso un'infrastruttura private cloud o hybrid cloud su sistemi Vblock Creazione di un singolo ambiente virtualizzato Provisioning come

Dettagli

Novità di VMware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011

Novità di VMware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011 Novità di ware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011 Novità di ware vsphere 5.0 - Rete Indice Introduzione.... 3 Monitoraggio e risoluzione dei problemi

Dettagli

Presentazione. Furaco IT Managing & Consulting

Presentazione. Furaco IT Managing & Consulting www.furaco.it Presentazione Furaco IT Managing & Consulting Furaco IT Managing & Consulting nasce dall attenzione costante alle emergenti tecnologie e dall esperienza decennale nel campo informatico. Furaco

Dettagli

Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud

Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud Panoramica Paese: Italia Settore: ICT Profilo del cliente Telecom Italia è uno dei principali

Dettagli

Data-sheet: Archiviazione Symantec Enterprise Vault Discovery Accelerator Accelerare il processo di e-discovery e semplificare la revisione

Data-sheet: Archiviazione Symantec Enterprise Vault Discovery Accelerator Accelerare il processo di e-discovery e semplificare la revisione Accelerare il processo di e-discovery e semplificare la revisione Panoramica offre a coordinatori IT/legali, investigatori, avvocati, assistenti legali e professionisti delle risorse umane la capacità

Dettagli

Una base per l infrastruttura virtuale dell azienda odierna

Una base per l infrastruttura virtuale dell azienda odierna Una base per l infrastruttura virtuale dell azienda odierna Concetti relativi alla tecnologia e considerazioni aziendali Abstract In questo white paper viene affrontato il discorso relativo all apporto

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xiii. Perché la virtualizzazione...1. Virtualizzazione del desktop: VirtualBox e Player...27

Indice generale. Introduzione...xiii. Perché la virtualizzazione...1. Virtualizzazione del desktop: VirtualBox e Player...27 Indice generale Introduzione...xiii A chi è destinato questo libro... xiii Struttura del libro...xiv Capitolo 1 Capitolo 2 Perché la virtualizzazione...1 Il sistema operativo... 1 Caratteristiche generali

Dettagli

applicazioni aziendali più eseguire e controllare fondamentali per il business grazie a sofisticate funzioni di auto-gestione

applicazioni aziendali più eseguire e controllare fondamentali per il business grazie a sofisticate funzioni di auto-gestione Semplicità e flessibilità con il primo server con tecnologia IBM i5 520 Le piccole e medie imprese desiderano concentrarsi sul proprio business e non sull infrastruttura IT. IBM _` i5 520 offre non solo

Dettagli

MY FIRST SAN IT CONSOLIDATION

MY FIRST SAN IT CONSOLIDATION MY FIRST SAN IT CONSOLIDATION IT Consolidation L approccio HP alla IT Consolidation 2 Cosa si intende per IT Consolidation Con IT Consolidation ci riferiamo alla razionalizzazione delle risorse IT per

Dettagli

Efficienza, crescita, risparmi. Esploriamo il pianeta tecnologia VMware VSphere4

Efficienza, crescita, risparmi. Esploriamo il pianeta tecnologia VMware VSphere4 Efficienza, crescita, risparmi. Esploriamo il pianeta tecnologia VMware VSphere4 La piattaforma di virtualizzazione di nuova generazione L infrastruttura Virtuale permette di allocare alle applicazioni

Dettagli

Una delle cose che si apprezza maggiormente del prodotto è proprio la facilità di gestione e la pulizia dell interfaccia.

Una delle cose che si apprezza maggiormente del prodotto è proprio la facilità di gestione e la pulizia dell interfaccia. Nella breve presentazione che segue vedremo le caratteristiche salienti del prodotto Quick- EDD/Open. Innanzi tutto vediamo di definire ciò che non è: non si tratta di un prodotto per il continuos backup

Dettagli

: solution architects, engineers, e project. managers

: solution architects, engineers, e project. managers 1 Familiarità con HP P4000 (Lefthand) Background tecnico su Vmware vsphere in particolare funzionalità di HA e FT Concetti di business-critical applications e soluzioni di Disaster Recovery Buona conoscenza

Dettagli

Virtualizzazione protetta per le PMI con il ReadyDATA 5200

Virtualizzazione protetta per le PMI con il ReadyDATA 5200 Virtualizzazione protetta per le PMI con il ReadyDATA 5200 White Paper Per la maggior parte delle PMI, l'installazione di una soluzione di virtualizzazione che fornisca scalabilità, affidabilità e protezione

Dettagli