Progettazione e Realizzazione di un Modulo di Monitoring per un Sistema di Approvvigionamento Automatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettazione e Realizzazione di un Modulo di Monitoring per un Sistema di Approvvigionamento Automatico"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Tesi di Laurea Progettazione e Realizzazione di un Modulo di Monitoring per un Sistema di Approvvigionamento Automatico Laureando Dario Buffagni Relatore Prof. Federico Bergenti Anno Accademico 2013/2014

2

3

4 INDICE 1 Prefazione 1 2 Origine dei Sistemi di Approvvigionamento La logistica Lo sviluppo di nuove tecnologie Out of Stocks Out of Stock Definizioni Le cause Categorie penalizzate Costi e conseguenze Prodotti maggiormente in out of stock Il tempo perso dal personale Aspettative e scelte del consumatore I costi per i clienti Caratteristiche dei Sistemi di Approvvigionamento Automatico I sistemi a fabbisogno: MRP vs JIT Il metodo MRP Il metodo JIT Componenti dei sistemi di approvvigionamento Stock in real-time Logica di approvvigionamento Limiti e Regole Previsioni di vendita Una classificazione dei sistemi di approvvigionamento i

5 4.3.1 Sistemi di riordinio manuale Sistemi basati sull inventario elettronico Sistemi con logica di riordino Sistemi con previsioni di vendita Sistemi multilivello I vantaggi introdotti Il Sistema di Riordino di Sailing Aretè Stock Management Il sistema RA Il processo di riordino Il Modulo di Monitoraggio I parametri di monitoraggio Le figure beneficiarie La Console di Gestione Punto di vendita Monitoraggio stock e riordino Andamento parametri Out of Stock (frequenza e durata) Calendario di riordino Situazione log del processo di riordino Centrale Distributiva Situazione dei punti vendita Situazione parametro RA nella rete Confronto parametri multi PdV Conclusioni 45 Bibliografia 48

6 ELENCO DELLE FIGURE 3.1 Esempi di una situazioni di OOS Analisi ABC Cause OOS Relazione tra classi di prodotti e mancate vendite Valori di OOS: minimi e massimi Reazioni dei consumatori Strutturazione dei sistemi di riordino Input dell algoritmo di riordino La serie di passi dell algoritmo RA Monitoraggio stock e riordino Andamento dei parametri di monitoraggio Monitoraggio degli Out of Stocks Monitoraggio parametri Log di riordino Log di riordino- tooltip Situazione dei PdV Monitoraggio della situazione dei PdV Andamento dei parametri nella rete Andamento dei parametri: confronto multi-pdv Esempio di report sull andamento dei parametri iii

7

8 1. Prefazione L obiettivo di questa tesi è di presentare dettagliatamente il modulo di monitoraggio che è stato implementato per il sistema di approvvigionamento automatico di Aretè, una suite applicativa multi-tier e Web-Based sviluppata con tecnologia JEE da Sailing s.r.l. [10], azienda informatica con sede a Reggio Emilia che dal 2002 sviluppa applicazioni per il settore retail, utilizzate attualmente da 800 punti di vendita di piccole, medie grandi dimensioni. Pertanto, nel seguito verranno spiegati quali problematiche implica il processo di gestione delle scorte nel settore della grande distribuzione e in cosa consistono i sistemi di approvvigionamento, o replenishment, sviluppati per risolverle; in particolare verrà fatta un introduzione sul sistema sviluppato da Sailing, del quale il modulo di monitoraggio è parte integrante. Il processo di approvvigionamento delle scorte consiste nel far sì che il magazzino di un negozio torni pieno per mantenere un certo livello di servizio (LOS), inviando gli ordini ai fornitori. Nell ambito del commercio al dettaglio, il processo consiste nel calcolo preventivo delle scorte necessarie al punto di vendita (PdV), eseguito da un operatore in modo più o meno sommario, che tiene conto della quantità di merce presente in magazzino e quella disponibile a scaffale. Questo modo di operare può portare facilmente alla generazione di ordini scorretti, in quanto non vengono considerate variabili come lo storico dei dati di vendita (recenti e non), gli articoli in promozione, i precisi tempi di consegna da parte dei fornitori e la previsione della domanda. Tutto ciò produce le cosiddette rotture di stock o Out Of Stock (OOS), cioè quel fenomeno che si verifica quando la giacenza, cioè la quantità di prodotto presente in magazzino, non è sufficiente a soddisfare la domanda, creando un disservizio che porta inevitabilmente alla perdita di incassi da parte del negozio. Negli ultimi anni, la necessità di eliminare, o quantomeno ridurre, questo tipo di situazioni, unito all evoluzione delle tecnologie informatiche, ha portato allo sviluppo di nuove metodologie e sistemi in grado di pianificare al meglio e in modo automatico le risorse in modo da aumentare i ricavi e limitare le perdite. Il modulo di monitoring implementato, è stato progettato per permettere di tenere sotto controllo il corretto funzionamento del sistema. Esso dà la possibilità all utente di controllare i prossimi ordini in agenda, visualizzare quali articoli si trovavano in una situazione di out of stocks in un certo periodo di tempo selezionato dall utente, visualizzare i 1

9 1. PREFAZIONE 2 valori di una serie di Key Performance Indicator (KPI) legati al processo di approvvigionamento automatico (es. numero di articoli riordinabili dal sistema, numero di articoli con previsioni di vendita non aggiornate, numero di articoli in out of stocks, ecc.) e l andamento di tali valori in un arco temporale, presentando valori sempre aggiornati (ogni 30 minuti). Infine permette di consultare lo storico degli ordini di un singolo articolo e di visualizzare i dati associati ad esso che, al momento dell ordine, erano a disposizione del sistema. Nel seguito verrà introdotto il problema dell approvvigionamento. Verranno presentate nel dettaglio le cause che hanno favorito la nascita dei sistemi automatici di riordino e dei vantaggi che essi portano agli esercizi che decidono di adottarli. Verrà spiegato dettagliatamente il fenomeno degli out of stock, come si colloca il riordino all interno del processo di pianificazione, quali tipi di sistemi di approvvigionamento esistono e in quale categoria rientra il sistema di riordino automatico (RA) implementato da Sailing. Verrà fatta un introduzione del sistema implementato da Sailing nella quale verrano indicati quali sono i dati di input di cui necessita e qual è il modello comportamentale che il personale dei negozi deve adottare per utilizzare al meglio il modulo di gestione delle scorte di Areté. Una volta spiegato il funzionamento e il corretto utilizzo del sistema RA, verranno presentate le nuove funzioni di monitoraggio implementate. Saranno sottolineati i vantaggi dell utilizzo di tali funzioni, quali tipo di parametri vengono tenuti sotto controllo e quali sono le figure che traggono più beneficio nell avere a disposizione e nell utilizzare il sistema di monitoraggio, sia dal punto di vista del punto vendita e della centrale distributiva a cui fa riferimento, che dal punto di vista dell assistenza al punto di vendita.

10 2. Origine dei Sistemi di Approvvigionamento Negli ultimi decenni si è assistito allo sviluppo e all espansione del settore della grande distribuzione, diventato ormai un mercato molto competitivo in cui ogni venditore ha cercato di rafforzare la fedeltà dei propri clienti cercando di aumentar sempre più la qualità dei servizi. Tuttavia, ciò ha implicato che si dovesse far fronte a costi di gestione sempre più alti legati al personale, alla logistica dei prodotti, alla gestione dell inventario conseguentemente all aumento del numero di articoli in assortimento e all aumento della domanda da parte dei consumatori e infine dall incapacità di prevederla in modo corretto. Da questa situazione è nata la necessità di adottare sistemi di approvvigionamento automatico, o riordino automatico (RA), in grado di gestire i costi in modo più efficente. Di seguito verrà offerta una panoramica sui fattori che hanno favorito la nascita e l utilizzo di sistemi di approvvigionamento automatico. 2.1 La logistica Fin dalla nascita, il settore della grande distribuzione è stato caratterizzato da elevati costi di mantenimento e scarsi cicli di innovazione tecnologica, il tutto aggravato dall incremento del numero di potenziali consumatori e dalla globalizzazione, ha dato vita a supply chain più lunghe e strutturate e alla nascita di reti per il coordinamento delle varie entità. Per rispondere all esigenza dei consumatori, i distributori hanno adottato una strategia basata sulla varietà dei prodotti e sull investimento in nuovi canali di distribuzione, con negozi di diverso formato (es. minimarket, supermarket, ipermarket) a seconda della loro collocazione e all espansione nei mercati esteri. L aumentare della competitività ha ridotto i benefici di questo tipo di strategia; infatti, in Europa, la percentuale di vendite si è notevolmente ridotta negli ultimi venti anni, tanto che l Italia, per esempio, nel dicembre 2013 ha conseguito il suo peggior risultato dal 1990 [6]. Per queste ragioni i commercianti si sono visti costretti ad una ripianificazione dei propri processi produttivi, andando a diminuire o ad eliminare i costi eccessivi, demandando ad una terza parte il compito di effettuare processi fino a quel momen- 3

11 2. ORIGINE DEI SISTEMI DI APPROVVIGIONAMENTO 4 to svolti internamente all azienda (outsourcing). Dagli studi svolti da Accenture su 63 distributori è emerso come la funzione che si rivela essere più vantaggiosa demandare in outsoursing sia la logistica: i distributori che hanno esternalizzato la funzione logistica (circa un terzo) hanno riscontrato un aumento dei ricavi di circa il 10% annuo. La funzione logistica tratta in maniera organica e sistematica la gestione integrata dell intero ciclo produttivo dell azienda attraverso le sue principali funzioni di gestione dei materiali, di gestione della produzione e di gestione della distribuzione fisica dei prodotti finiti, con l obbiettivo di garantire un elevato livello di servizio ai clienti. Per il perseguimento di tale obiettivo sono necessarie l integrazione dei flussi fisici e dei flussi informativi alle attività operative dell azienda e la flessibilità dei mezzi produttivi e logistici per far fronte al continuo cambiamento della gamma produttiva, conseguente alla variabilità del mercato. Una funzione logistica efficiente permette ai negozi di mantenere la minor quantità possibile di scorte e ha come conseguneza l istituzione di rapporti di collaborazione tra il PdV e il fornitore. Si possono fare alcune considerazioni relative ad un rapporto reciprocamente vantaggioso: se il fornitore si trova vicino al PdV sono ridotti i costi di trasporto e il lead time di fornitura. Per di più l importanza della logistica nella grande distribuzione è basata sulla natura dei prodotti: per esempio molti beni di consumo, come alcuni prodotti alimentari, hanno un prezzo molto economico e i consumatori non badano alla qualità o alla provenienza a fronte del possibile risparmio; i fornitori si impegnano ad inviare al PdV gli ordini sottoforma di piccoli lotti con frequenza elevata, così facendo le scorte di sicurezza sono demandate al fornitore; il PdV garantisce al fornitore livelli minimi di assorbimento; i fornitori devono essere rapidi a rispondere alle esigenze del PdV e a richieste di cambiamenti. L esternalizzazione della funzione logistica e il nuovo tipo di rapporti con i fornitori implicano lo sviluppo dei sistemi informativi per poter gestire in modo appropriato il flusso informativo all interno della supply chain. In questo contesto si avvantaggia l introduzione dei sistemi di riordino automatico che ora possono accedere a tutte le informazioni di cui hanno bisogno (come lo stock in real-time, i dati del fornitore e i giorni di consegna, i giorni di apertura del PdV, ecc.).

12 2. ORIGINE DEI SISTEMI DI APPROVVIGIONAMENTO Lo sviluppo di nuove tecnologie Come verrà spiegato nei prossimi capitoli, è fondamentale avere la conoscenza precisa del contenuto del magazzino per poter prevenire il verificarsi delle rotture di stock. Le tecnologie sviluppate negli ultimi decenni permettono di fare questo: in passato gli operatori di un punto vendita erano costretti personalmente ad effettuare un controllo sulle giacenze di magazzino, per poi compilare un ordine da inviare ai propri fornitori. Oggi è possibile adottare sistemi che sono di supporto e guidano gli operatori in questa attività, come gli Enterprise Resources Planning (ERP). Inoltre, l integrazione con strumenti di riconoscimento automatico come scanner e codici a barre e di comunicazione permette di automatizzare l intero processo di approvvigionamento. Per implementare un sistema di replenishment automatico è necessario l utilizzo di diverse tecnologie, compatibili tra loro e in grado di integrarsi: Eletronic Inventory Systems (EIS): questi sistemi hanno permesso di gestire elettronicamente le quantità dei prodotti in modo digitale e hanno sfruttato e favorito l introduzione di tecnologie di identificazione. Enterprise Resource Planning (ERP): sono sistemi in grado di supportare le attività di pianificazione delle risorse per lo svolgimento dei processi principali del core business. Sono adottati da diversi settori. Electronic Data Interchange (EDI): il termine indica l insieme di tecnologie integrate che costituiscono uno strumento di scambio di messaggi elettronici e documenti computer-to-computer tra aziende al fine di supportare operazioni e rapporti commerciali. Un sistema EDI è costituito principalmente da una rete di comunicazione, un insieme di software per il trattamento dei messaggi e un insieme di protocolli che stabiliscono la struttura e la codifica dei messaggi EDI. Ha origine nei primi sistemi di connessioni interaziondali degli anni 60, in cui vi era già una certo livello di standardizzazione nella comunicazione. Le tecnologie EDI hanno avuto successo fin da subito nel campo dei trasporti e nell industria degli autoveicoli; infatti si è rivelato molto presto vantaggioso per le aziende del settore disporre di un contatto diretto con i propri fornitori. Auto ID technology: sono tecnologie che permettono di estrapolare automaticamente l identità di oggetto. I sistemi di auto identificazione generalmente da un sistema che preve la presenza di un codice identificativo, un etichetta applicata all oggetto, una rete di strumenti in grado di leggere il codice dall etichetta e un database in cui memorizzare i dati relativi ai prodotti. Data warehouse: l aumento delle capacità di storage, di computazione, il miglioramento e la diffusione delle infrastrutture e l aumento degli operatori specializzati nei servizi di trasmissione dati hanno permesso di memorizzare del flusso di dati che attraversa i sistemi dei PDV e per effettuare le

13 2. ORIGINE DEI SISTEMI DI APPROVVIGIONAMENTO 6 elaborazioni necessarie, come per esempio la generazione delle previsioni di vendita. 2.3 Out of Stocks Un prodotto è considerato in out-of-stock quando il cliente non può acquistarlo perché non è presente sullo scaffale, benché solitamente sia disponibile. La disponibilità dei prodotti a scaffale è considerata un Key Performance Indicator (KPI), cioè un indice di monitoraggio dell andamento del processo di riempimento dello scaffale; infatti è di estrema importanza per i commercianti. Gli investimenti e i miglioramenti tecnologici non hanno importanza se il cliente non può comprare i prodotti che desidera perché non presenti sugli scaffali. L incasso di un PdV dipende fortemente dalla presentazione e dalla quantità dei prodotti a scaffare in quanto ciò influenza la rezione dei consumatori. È stato riscontrato che l assenza dei prodotti ricercati dai cliente può causare in loro delusione e frustrazione e i soli investimenti nella logistica e nelle tecnologie non hanno portato miglioramenti dal punto di vista delle rotture di stock. Tra le cause individuate, circa il 70% degli OOS è causato dalle procedure di gestione del magazzino, dai processi di riempimento degli scaffali, dall invio di ordini scorretti e da previsione errate: in sintesi, da una gestione errata del punto vendita. Molti strumenti adottati dai commercanti considerano solo gli aspetti logistici e di trasporto dei prodotti. Ciò che in realtà fa la differenza sono le quantità dei rifornimenti e come i prodotti vengono esposti sugli scaffali, processi supportati dai sistemi di approvvigionamento automatico.

14 3. Out of Stock Si definisce out of stock la mancanza di un prodotto a scaffale che dovrebbe essere disponibile per l acquirente. L out of stock può essere totale, se nell arco della giornata la situazione perdura per tutta l apertura del punto vendita, o parziale altrimenti [3]. Da diversi studi è emerso che, in media, in un punto vendita le situazioni di out of stock si verificano sull 8% degli articoli in assortimento, con tutte le conseguenze che ne derivano. Fig. 3.1: Esempi di una situazioni di OOS. Nel seguito daremo alcune definizioni necessarie per la comprensione dei successivi paragrafi. Inoltre verranno presentate le cause riconosciute che danno vita a questi fenomeni, quali entità della supply chain subiscono gli effetti della presenza di OOS, l impatto che ha il livello di servizio sugli affari dei distributori e su quelli 7

15 3. OUT OF STOCK 8 dei produttori e quali reazioni hanno i consumatori di fronte all assenza del prodotto ricercato o addirittura dello scaffale vuoto. 3.1 Definizioni Di seguito presentiamo un elenco di definizioni che risulteranno necessarie anche per la comprensione dei capitoli che seguiranno. Referenza. Termine che indica un tipo di articolo in vendita nel negozio. Livello di servizio (Level of Service - LOS). È utilizzato per dare una misura alla qualità di un servizio e indica la probabilità di soddisfare la domanda dei consumatori. Sinteticamente può essere descritto come la probabilità attesa che non si verifichi una situazione di out of stock, quindi come la probabilità di non perdere delle vendite. Disponibilità a scaffale (Shelf Availability). È legata alla durata dell OOS e indica la probabilità che un cliente trovi un la referenza sullo scaffale al proprio ingresso nel punto vendita. È calcolata come la differenza tra il 100% di probabilità meno la durata dell OOS. Analisi ABC. È un metodo di classificazione degli articoli in assortimento che consiste nei seguenti passi: 1. ordinamento dei prodotti in base all incidenza sul fatturato; 2. calcolo del rapporto tra l incidenza sul fatturato e il valore totale; 3. calcolo della frequenza relativa cumulata di ogni valore. Ponendo i valori calcolati ai punti 1 e 2 rispettivamente in ordinata e ascissa (Fig. 3.2) si evince che i prodotti possono essere suddivisi nelle seguenti classi: 1. Classe A: contiene i prodotti più venduti (fast mover). 2. Classe B: contiene i prodotti cosiddetti medio vendenti. 3. Classe C: contiene i prodotti cosiddetti basso vendenti (low mover). La suddivisione dei proddotti in categorie (Fig. 3.2) rispetto ai volumi di vendita dimostra che, in media, la classe A contiene il 20% dei prodotti in assortimento, che contribuiscono al 80% del totale delle vendite, la classe B contiene il 35% dei prodotti, che contribuiscono al 15% delle vendite, e la classe C contiene il 45% dei prodotti, che contribuiscono all 5% delle vendite [9]. Ad ogni classe può essere associato un differente livello di servizio. Optimal Shelf Availability (OSA). È la disponibilità dei prodotti a scaffale per il consumatore/acquirente secondo l assortimento programmato, continuativo, o promozionale. La percentuale OSA misura il livello di servizio dallo scaffale al consumatore.

16 3. OUT OF STOCK 9 Durata (OOS duration rate). È il rapporto tra il tempo totale in cui una referenza si trova in OOS e le ore di apertura del PdV nell intero periodo. In una giornata di apertura del PdV, si parla di OOS totale o parziale, rispettivamente se la referenze in questione si trova in OOS per l intera giornata oppure solo per qualche ora poiché il punto vendita ha ricevuto una nuova fornitura. È possibile calcolare la percentuale di OOS per categoria di prodotti [5]: % OOS totali (Daily Rate of Total Stock-out). DRT S = NumReferenze GiorniInOosT otale N umref erenze GiorniConsiderati (3.1) % OOS parziali (Daily Rate of Partial Stock-out), un OOS parziale può essere più o meno grave a seconda dell orario di incidenza. DRP S = NumReferenze GiorniInOosP arziali N umref erenze GiorniConsiderati (3.2) Disservizio complessivo (Daily Rate of Full Stock-out). DRF S = DRT S + DRP S (IncidenzaOraria) Categorie Categorie (3.3) Stock di Sicurezza. Indica la giacenza minima necessaria per porre rimedio agli errori di previsione della domanda e a ritardi nelle consegne. Il calcolo dello stock di sicurezza permette quindi di individuare la scorta di merce ottima per minimizzare l immobilizzazione a magazzino mantenendo però il livello di servizio associato alla classe ABC dell articolo. Generalmente lo stock di sicurezza calcolato al tempo SS(t) è calcolato come funzione dell errore previsionale ERRP sommato al ritardo LT (lead time). SS(t) = f(lt (t)) + f(errp (t)) (3.4) Stock di Presentazione. E la quantità di prodotto che si intende esporre a scaffale. E un parametro stabilito dal punto vendita e può essere soggetto a variazioni, come, per esempio, quando l articolo si trova in promozione e gli si assegna uno spazio più ampio sullo scaffale favorendo una maggiore visibilità. Mancate vendite. Una mancata vendita si verifica ogni volte che un cliente vuole comprare un articolo, ma questo non si trova sullo scaffale nel posto in cui si aspetterebbe che fosse [3]. Una mancata vendita può essere di grande o di piccola entità, a seconda che l articolo che si trova in OOS sia fast mover o low mover. Esistono due indici per misurare le mancate vendite: Unità invendute. È la stima del numero totale di singoli pezzi non venduti a causa dell OOS.

17 3. OUT OF STOCK 10 Mancati incassi. È la stima del totale degli incassi persi a causa dell OOS. È calcolato moltiplicando il numero di unità invendute per il loro prezzo e per il numero di ore in cui si sono trovate in OOS. Fig. 3.2: Analisi ABC 3.2 Le cause Gli OOS possono verificarsi per diversi motivi, recenti analisi hanno dimostrato che il 70-80% delle rotture di stock sono causate dai processi interni al punto vendita: Errore nei processi di riempimento scaffale con referenze attualmente in promozione, che necessitano perciò di maggior spazio a scaffale perché si prevede che vengano vendute in maggior quantità. Mancanza di manodopera in grado di tenere adeguatamente sotto controllo la situazione degli scaffali. Disorganizzazione nel processo di riempimento scaffale: non viene data una priorità agli scaffali che presentano OOS. Incapacità della manodopera di identificare correttamente e in modo preventivo la presenza di OOS.

18 3. OUT OF STOCK 11 Fig. 3.3: Cause OOS. La referenza in OOS è esposta in più punti all interno del PdV e può trovarsi in OOS solo in una delle postazioni assegnate. Il 10-30% degli OOS sono il risultato di mancate consegne dei fornitori o scarso supporto da parte degli stessi. Questi dati sono indicativi dell importanza dei processi interni ai punti vendita e offrono ai distributori l opportunità di migliorare le proprie performance per garantire un adeguato livello di servizio per quanto riguarda la disponibilità a scaffale (Fig. 3.6). 3.3 Categorie penalizzate Il verificarsi di situazioni di out of stock può portare danno simultaneamente alle seguenti categorie: Distributori: l assenza di prodotti a scaffale crea un disservizio che porta il distributore a perdere incassi e la fiducia dei propri clienti delusi. Consumatori: il cliente non trova sullo scaffale il prodotto che cerca e/o di cui ha bisogno; ciò crea in lui frustrazione e può portarlo anche a cambiare negozio. Fornitori: quando il cliente non trova il prodotto desiderato può decidere di acquistarne uno simile, di una marca differente, dando luogo ad una perdita di introiti al fornitore del prodotto a vantaggio della concorrenza. 3.4 Costi e conseguenze A differenza di quello che si potrebbe pensare, gli OOS non hanno come unica conseguenza le mancate vendite e le perdite economiche che queste generano, ma queste sono solo una parte del problema. I costi complessivi comprendono costi strategici e operazonali e hanno effetti sia sui distributori che sui fornitori. La presenza di OOS ha ripercussioni su:

19 3. OUT OF STOCK 12 Qualità dei servizi. Un OOS sottolinea il fallimento dei servizi offerti dai distributori e causa una perdita di fedeltà verso il negozio e/o il suo brand e causa un aumento delle spese economiche dei clienti. Gestione delle operazioni e della supply chain. Un OOS altera le informazioni a disposizione sull inventario necessarie per poter procedere al riordino della merce e per la sistemazione degli scaffali causando rallentamanti nella produttività, in quanto si rendono necessarie oprazioni di controllo. Marketing e previsioni di vendita. Un OOS altera le previsioni di vendita: se una referenza è in OOS si sottostimerà erroneamente le previsioni di vendita che la riguardano Prodotti maggiormente in out of stock L analisi dei dati vendita ha dimostrato che i prodotti che solo il 20% dei prodotti in vendita di PdV contribuisce all 80% delle sue vendite. Questo dato porta a chiedersi che relazione ci sia tra la velocità con cui un prodotto è venduto e la presenza di OOS che queste possono generare. Nell ambito di una ricerca condotta dall University of Colorado nel 2008 si sono analizzate le vendite di alcuni PdV per 12 settimane e si sono suddivise le referenze in tre categorie. La prima categoria comprende gli articoli soggetti ad una grande domanda da parte dei clienti ( presenti in 70 carelli in una settimana), la seconda categoria comprende gli articoli in promozione e la terza categoria comprende i restanti articoli, cioè quelli non in promozione e che raggiungono le stesse quantità di vendita della prima categoria. Il grafico in Fig. 3.4 mostra come le referenze soggette ad una grande domanda ( classe A), sebbene costituiscano circa il 3% dell assortimento di un PdV, contruibuiscono al 17% delle vendite totali. Fig. 3.4: Relazione tra classi di prodotti e mancate vendite. La relazione tra i movimenti dei prodotti e le mancate vendite ha effetti sulle previsioni di vendita, sull inventario e sulla disposizione dei prodotti a scaffale. Ciò suggerisce come sia necessario trattare in modo specifico, durante l attività di riordino, i prodotti con un alto tasso di vendita rispetto a quelli con un tasso basso,

20 3. OUT OF STOCK 13 poiché essi sono più soggetti al rischio di OOS. Si rende così necessaria un analisi ABC sui prodotti in assortimento per agire in modo mirato per ogni articolo, a seconda della classe di appartenenza Il tempo perso dal personale Il Food Marketing Institute, associazione che svolge programmi sulla sicurezza alimentare, educazione, ricerca e relazioni industriali, ha stimato che per una spesa media di $27.34, il 40% dei clienti incontrerà almeno un OOS (costituito da una lista di almeno 10 articoli), presumendo che solo uno su 10 contatterà un addetto del PdV [3]. Se si considera un PdV con vendite settimanali che si aggirano attorno ai $ , in cui ogni dipendente guadagna in media $18,00 l ora, si può stimare che un addetto impiegi in media sei minuti per cercare un prodotto richiesto dal cliente. In piccoli punti vendita, in cui le vendite settimanali ricoprono il 20% di quelle dei PdV più grandi e in cui la spesa media dei consumatori è all incirca la metà, un addetto impiega in media 4 minuti per controllare un possibile stockout su richiesta del cliente [3]. Risulta perciò evidente come questi controlli saltuari, uniti ad eventuali controlli programmati, hanno un costo importante, in termini di tempo, nella giornata lavoratovia all interno di un negozio. Inoltre bisogna ricordare come questo tipo di attività non porta costi diretti di manodopera e che, nonostante ciò, il tempo speso per svolgerle potrebbe essere utilizzato in modo più produttivo. 3.5 Aspettative e scelte del consumatore Capire come reagiscono i consumatori alla presenza di stockout è il punto di partenza per i distributori per migliorare i propri processi di riempimento dello scaffale. Dagli studi svolti da INDICOD-ECR, organismo che cura la diffusione in Italia di tecniche, in caso di disservizio per la mancanza di prodotto a scaffale, il 9% degli acquirenti/consumatori non compra nulla, il 16-17% cambia formato o rimanda l acquisto, il 21% cambia negozio e il 37% cambia la marca del prodotto (Fig. 3.6). Lo studio sottolinea come i consumatori facciano un acquisto sostitutivo, comprando un prodotto simile a quello ricercato, nel 69% dei casi mentre nel restante 31% decidono di cambiare negozio o non comprare nulla. Al verificarsi di nuovi OOS quest ultima percentuale aumenta progressivamente, raggiungendo il 50% al verificarsi del secondo OOS e il 70% al verificarsi del terzo OOS. Questi dati costituiscono un indicatore di come il disservizio creato dagli OOS porti i clienti a compiere scelte molto dannose per il PdV, a favore della concorrenza. L OOS è molto sensibile sia alle caratteristiche della categoria dei prodotti, sia ai modelli d acquisto e di consumo. Prodotti che inducono una regolarità dei consumi, con scadenza bassa e di bassa complessità producono un OOS basso, di

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Il Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) è uno approccio di gestione a disposizione delle imprese che ha lo scopo di

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

L OSA: dai punti vendita all intera supply chain. Giuseppe Cuffaro Vice Presidente Coop Italia Non Food, Direttore Logistica Coop Italia

L OSA: dai punti vendita all intera supply chain. Giuseppe Cuffaro Vice Presidente Coop Italia Non Food, Direttore Logistica Coop Italia L OSA: dai punti vendita all intera supply chain Giuseppe Cuffaro Vice Presidente Coop Italia Non Food, Direttore Logistica Coop Italia Segrate (MI) - 24 Settembre 2008 Il comportamento del consumatore

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007

Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007 Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007 Premessa La gestione delle scorte di magazzino comporta, per molte aziende, scelte di fondamentale importanza, che possono avere riflessi positivi sia

Dettagli

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani Corso di LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani MODELLI DI GESTIONE DELLE SCORTE DIEM Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna 1/28 Scorte Le scorte possono essere

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

La conoscenza dello stock nel punto di vendita : perché?

La conoscenza dello stock nel punto di vendita : perché? I ndice Sailing Aretè Stock Management 1. Premessa 1. La conoscenza dello stock : perché? 2. La conoscenza dello stock : come ottenerla? 2. Fattori e tecnologie abilitanti 1. Quali tecnologie abbiamo oggi

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

Allocazione delle scorte nelle reti distributive. Quantità di prodotti. supply chain management Pianificazione

Allocazione delle scorte nelle reti distributive. Quantità di prodotti. supply chain management Pianificazione Fabrizio Dallari, Damiano Milanato - Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo Aprile 2013 44 Lo stock disponibile presso i depositi centrali delle reti logistiche è spesso insufficiente

Dettagli

More Riordino Automatico

More Riordino Automatico Roberta Monari More Riordino Automatico La soluzione di Di.Tech per il riordino automatico da punto vendita LA SODDISFAZIONE DEL CONSUMATORE La disponibilità di prodotto a scaffale è una delle variabili

Dettagli

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese SAP Business One è la soluzione di gestione aziendale completa, accessibile e di facile implementazione. Pensata specificatamente per le piccole e medie imprese, ne assicura la crescita aiutandole a incrementare

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra

Dettagli

OSA DAY. I KPI standard di ECR Italia per una Supply Chain Zero Difetti. Pietro Pedone. 24 Settembre 2008 ACHIEVEGLOBAL (ITALIA)

OSA DAY. I KPI standard di ECR Italia per una Supply Chain Zero Difetti. Pietro Pedone. 24 Settembre 2008 ACHIEVEGLOBAL (ITALIA) I KPI standard di ECR Italia per una Supply Chain Zero Difetti ACHIEVEGLOBAL (ITALIA) via Rombon,11-20134 Milano tel. +39 02 210951.1 fax +39 02 210951.21 Pietro Pedone OSA DAY 24 Settembre 2008 Contenuti

Dettagli

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl Wireless Logistics Aton Group Logistica Automatizzare il magazzino Perché? Per ottimizzare Ottimizzare le scorte, gli spazi, i percorsi di prelievo Per garantire il proprio cliente Per aumentare l efficienza

Dettagli

L ANALISI ABC PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO

L ANALISI ABC PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO L ANALISI ABC PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO È noto che la gestione del magazzino è uno dei costi nascosti più difficili da analizzare e, soprattutto, da contenere. Le nuove tecniche hanno, però, permesso

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

La Pianificazione dei Fabbisogni

La Pianificazione dei Fabbisogni 1 La Pianificazione dei Fabbisogni Le tecniche di Gestione a Fabbisogno in contrapposizione alle tecniche di Gestione a Scorta La Tecnica del Material Requirement Planning o MRP: i dati d ingresso le fasi

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

Progetto S.A.M. Strategic Assets Management

Progetto S.A.M. Strategic Assets Management Progetto S.A.M. Strategic Assets Management Gestione Strategica delle Scorte Synergic S.r.l. - Via Amola, 12-40050 Bologna Tel 051 320011 - Fax 0515880448 www.synergic.it cell.348/1315671 2007 Synergic

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Il software per le Ortopedie & Sanitarie

Il software per le Ortopedie & Sanitarie Il software per le Ortopedie & Sanitarie L introduzione in azienda di un software applicativo, che si pone come obiettivo la informatizzazione completa di tutti gli aspetti legati all attività dell azienda,

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

Inventario di magazzino in Wingesfar

Inventario di magazzino in Wingesfar Istruzioni per le farmacie Dicembre 2009 Premessa... 2 1. Gestione dell inventario: consultazione, inserimento, duplicazione ed eliminazione... 2 2. Opzioni e criteri di valorizzazione... 3 2.1 Opzioni

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. ALGORTIMO DI WAGNER-WHITIN

ESERCITAZIONE 1. ALGORTIMO DI WAGNER-WHITIN ESERCITAZIONE 1. ALGORTIMO DI WAGNER-WHITIN Alla base di questo algoritmo (e di quasi tutte le tecniche di lot sizing) si sono molte ipotesi, tra le quali le seguenti: 1. La domanda è assunta nota in ciascun

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Il caso FrescoMagic s.r.l.

Il caso FrescoMagic s.r.l. LE TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE SCORTE Il caso FrescoMagic s.r.l. Le scorte servono a fronteggiare in ogni momento improvvise esigenze di produzione e di vendita Rilevano importanza perché

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo http://progest.unibg.it 1 Perché detenere le scorte Per coprire i picchi di domanda Per coprire il tempo e la distanza

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Applicazioni per Centri Assistenza

Applicazioni per Centri Assistenza Applicazioni per Centri Assistenza SOLUZIONI GESTIONALI PER LE AZIENDE //TDAINFORMATICA/ ERP/ CENTRO ASSISTENZA TECNICA INTRODUZIONE GESTIONE DEGLI INTERVENTI TREND TNG CENTRO ASSISTENZA TECNICA: LO STRUMENTO

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso SIOS

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso SIOS Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso SIOS Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.4 Le opportunità per le imprese derivanti

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

punto cassa e retail operations gestione fiscale gestione commerciale CRM acquisti amministrazione e controllo business intelligence

punto cassa e retail operations gestione fiscale gestione commerciale CRM acquisti amministrazione e controllo business intelligence 2 Pensate per ottimizzare l'efficienza di tutti i processi di vendita, garantendo al Cliente finale un'ottima esperienza d'acquisto, le soluzioni DMSQL Retail integrano le funzionalità di front e back-office,

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

Just-In-Time: la definizione

Just-In-Time: la definizione 1 Just In Time Definizione e concetti generali Produzione a flusso continuo Vantaggi della flessibilità degli impianti e della riduzione del set-up Le relazioni con i fornitori Relazioni con i sistemi

Dettagli

JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE

JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE Modulo di Gestione Magazzino www.kisar.it JUNAK3 - SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE Il Sistema di Gestione Aziendale JUNAK3 è una piattaforma realizzata in ambiente Windows,

Dettagli

Gli indicatori per la Qualità. a cura di Gianfilippo Macchi

Gli indicatori per la Qualità. a cura di Gianfilippo Macchi Gli indicatori per la Qualità 1 La UNI ISO 9001: 2008 recita 8.2.3. Monitoraggio e misurazione dei processi L organizzazione deve adottare adeguati metodi per misurare e monitorare i processi del SGQ.

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Le scorte

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma Le scorte dell Università degli Studi di Parma Le scorte La funzione delle scorte Le scorte sono un insieme di merci accumulate in attesa di un utilizzo futuro. Specializzazione geografica di una unità operativa

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI. Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager

L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI. Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager Nestlé Waters ItalIa Numeri chiave (Actual 2007) Fatturato: 907 m Export in più di 100 paesi Litri:

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA.

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. 1. Studio di caso Strategie di Distribuzione La Modern Book Distribution, Inc. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. Serve le principali catene di vendita

Dettagli

ERP PER AZIENDE AUTOMOTIVE

ERP PER AZIENDE AUTOMOTIVE ERP PER AZIENDE AUTOMOTIVE Per oltre 15 anni SINFO si è focalizzata sull offerta di software per la distribuzione e la logistica. I rapporti di collaborazione con alcuni tra i maggiori distributori del

Dettagli

Capitolo 9 Gestione delle scorte. Introduzione

Capitolo 9 Gestione delle scorte. Introduzione Capitolo 9 Gestione delle scorte Introduzione 1 Salvo rare eccezioni, le scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti sono una presenza invitabile in ogni tipo di processo e in ogni rete di

Dettagli

Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte

Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte Perché formarsi sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che nella Pubblica

Dettagli

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO!

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! I N F I N I T Y P R O J E C T PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! L avvento del web 2.0 ha modificato radicalmente il modo di pensare e sviluppare i processi aziendali. Velocità, precisione, aggiornamento continuo

Dettagli

IBS Enterprise Electro Edition. Solution overview

IBS Enterprise Electro Edition. Solution overview Solution overview IBS Enterprise e la Distribution Excellence IBS, player riconosciuto a livello internazionale per la fornitura di software, servizi e nuove filosofie di avanguardia per la distribuzione,

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

Le funzioni dei moduli

Le funzioni dei moduli SellShop applicativo modulare per catene di punti vendita SellShop nasce dalla più che decennale esperienza di SetUp nella realizzazione di programmi applicativi per la gestione della distribuzione, utilizzati

Dettagli

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane L importanza delle risorse umane per il successo delle strategie aziendali Il mondo delle imprese in questi ultimi anni sta rivolgendo

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato.

SimplERP in sintesi. Open Source SimplERP è un progetto Open Source. Il software è pubblicato sotto licenza AGPL ed AGPL + Uso Privato. SimplERP in sintesi SimplERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Le soluzioni Axioma per l'industria Le soluzioni di Axioma per l'industria rispondono alle esigenze di tutte le aree funzionali dell azienda industriale.

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm.

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm. 1 APACHE V4 è la soluzione ERP (Enterprise Resource Planning) di MBM Italia per le aziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra

Dettagli

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1 La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto La disponibilità del prodotto 1 Linea guida Importanza della disponibilità del prodotto Fattori influenzanti il livello ottimo della disponibilità

Dettagli

Software STUDIO FAST FATTURE. Modifiche apportate con l aggiornamento versione 3.24.00

Software STUDIO FAST FATTURE. Modifiche apportate con l aggiornamento versione 3.24.00 Software STUDIO FAST FATTURE Modifiche apportate con l aggiornamento versione 3.24.00 Giugno 2013 Gestione ddt (modulo fatture) Propone causale predefinita se specificata nel tipo documento. In fase di

Dettagli

Il benchmark sulla Supply Chain in Italia

Il benchmark sulla Supply Chain in Italia Il benchmark sulla Supply Chain in Italia Glossario 1 Advanced Planning System (APS) Gli APS sono motori di pianificazione (software) molto potenti che consentono elevate prestazioni al processo di pianificazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Teseo 7 Trade. Una configurabilità ottimale dei flussi logistici. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it

Teseo 7 Trade. Una configurabilità ottimale dei flussi logistici. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it Teseo 7 Trade Una configurabilità ottimale dei flussi logistici ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it tel. (+39) 055 91971 fax. (+39) 055 9197515 e mail: commerciale@centrosistemi.it Che cos

Dettagli

SEMPLIFICA RISPARMIA COLLABORA CONDIVIDI GESTISCI

SEMPLIFICA RISPARMIA COLLABORA CONDIVIDI GESTISCI SEMPLIFICA RISPARMIA COLLABORA CONDIVIDI GESTISCI Il mondo sta cambiando Internet e web 2.0 Da luogo di gestione dei dati a spazio virtuale,per: Condividere Collaborare Comunicare Socializzare Partecipare

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

La distinta base per l mrp

La distinta base per l mrp Gestione della produzione industriale La distinta base per l mrp mrp - prospettiva storica MRP II Manufacturing Resource Planning mrp material requirements planning UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA ERP-

Dettagli

SC JOHNSON MILANO, 25 FEBBRAIO 2009

SC JOHNSON MILANO, 25 FEBBRAIO 2009 IL CATALOGO ELETTRONICO: SC JOHNSON BUSINESS CASE MILANO, 25 FEBBRAIO 2009 Cinzia Cau Data Synch Project Super User AGENDA 1. LA SCELTA DEL CATALOGO ELETTRONICO 2. L EVOLUZIONE DEL PROCESSO 3. COME E MIGLIORATO

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

LibrERP in sintesi. www.didotech.com. Completa

LibrERP in sintesi. www.didotech.com. Completa LibrERP in sintesi LibrERP è una suite completa di applicazioni aziendali dedicate alla gestione delle vendite, dei clienti, dei progetti, del magazzino, della produzione, della contabilità e delle risorse

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

Reparto di pianificazione aziendale Organizzazione dei processi di business e pianificazione dei lavori logistici

Reparto di pianificazione aziendale Organizzazione dei processi di business e pianificazione dei lavori logistici Reparto di pianificazione aziendale Organizzazione dei processi di business e pianificazione dei lavori logistici Fraunhofer IML in Italia La nostra autocomprensione Prodotti, mercati ed esigenze dei clienti

Dettagli

Risposte alle domande frequenti

Risposte alle domande frequenti Risposte alle domande frequenti 1. Gli articoli possono essere classificati per taglia e colore? 2. E necessario creare una codifica degli articoli prima di inserire i movimenti? 3. Posso inserire gli

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli

Gestione delle scorte

Gestione delle scorte Magazzini 1 Introduzione Sistemi di gestione delle scorte gestione a fabbisogno dei materiali gestione a scorta dei materiali sistemi a PERIODO MULTIPLO modello a Quantità Fissa modello a Tempo Fisso ulteriori

Dettagli

Relatore: Ing. Luca Scaramelli

Relatore: Ing. Luca Scaramelli Convegno A.R.E. Rimini 2009 L acquisto e la gestione del farmaco Governare il post-gara: magazzini farmaceutici interaziendali e problematiche relative alla gestione logistica efficiente del contratto

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La programmazione delle Scorte Obiettivo

La programmazione delle Scorte Obiettivo La programmazione delle Scorte Obiettivo (Emilio Barella - Project Manager Supply Chain - Heinz Italia - Milano) (Luigi E. Luce Amministratore Delegato - Delta Software srl - Milano) L' Extended Supply

Dettagli

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE Domande di analisi e ripasso 1. Distinguete quali materiali possono essere a domanda dipendente e a domanda indipendente in un ristorante McDonald s, in un produttore

Dettagli

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema)

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Logistica Giovanni Righini Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Anno accademico 2010-11 Definizione La logistica è la disciplina che studia come organizzare

Dettagli

Tentata Vendita Raccolta ordini Rifatturazione

Tentata Vendita Raccolta ordini Rifatturazione Plurimpresa Mobile La soluzione software specifica per Tentata Vendita Raccolta ordini Rifatturazione Prima Parte: Introduzione Plurimpresa Mobile Pagina 2 di 12 PREMESSA La diminuzione sempre più crescente

Dettagli

I KPI: Il punto nave logistico

I KPI: Il punto nave logistico I KPI: Il punto nave logistico Global Logistics & Manufacturing 12 Novembre 2014 Gabriele Costetti Knowledge Manager Stima e realtà: un po di storia 1707 Il disastro delle Isole Scilly: 4 navi da guerra

Dettagli