LA DIREZIONE LAVORI DI OPERE PUBBLICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DIREZIONE LAVORI DI OPERE PUBBLICHE"

Transcript

1 Arch. Malossetti Enrico Settore Direzione e Controllo OO.PP. Comune di Ascoli Piceno LA DIREZIONE LAVORI DI OPERE PUBBLICHE D.Lgs. 163/06 D.P.R. 207/10 Anno 2011

2 LA DIREZIONE LAVORI DI OPERE PUBBLICHE Indice Generale L appalto in generale Determinazione del Corrispettivo La Direzione Lavori Gli organi della Direzione Lavori Direzione Lavori e Sicurezza Cantieri Il termine di esecuzione La consegna Lavori Le sospensioni L accettazione dei materiali Gli ordini di servizio Sinistri e Danni di Forza Maggiore Le varianti I lavori in economia Le riserve Il collaudo La contabilità Arch. Malossetti Enrico Settore Direzione e Controllo OO.PP. Comune di Ascoli Piceno 2

3 L Appalto in generale L Appalto in generale È opportuno accennare ai caratteri peculiari del contratto di appalto, al fine di comprendere il ruolo e la funzione svolti dal direttore dei lavori nell ambito dell esecuzione di un opera pubblica. Il contratto di appalto, come è noto, è disciplinato in generale dagli artt ss., cod. civ. Con la sua stipula un soggetto assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un opera o di un servizio verso un corrispettivo in denaro. Quindi, il particolare tipo di prestazione richiesta all appaltatore è l elemento caratterizzante del contratto d appalto. Infatti, è tale soggetto a dover organizzare autonomamente i mezzi necessari per garantire il risultato promesso, assumendosi il rischio della relativa gestione. Com è noto, il contratto di appalto si differenzia nettamente da quello di lavoro subordinato, perché il lavoratore subordinato pone a disposizione del creditore una determinata quantità delle proprie energie lavorative e non assume il rischio del risultato finale. Il debitore, quindi, si pone alle dipendenze dell altra parte che impiega ed indirizza le sue energie lavorative. Si parla, in tal caso, di locatio operarum (locazione di opere), in contrapposizione alla locatio operis (locazione di opera), che riguarda, invece, il contratto di appalto e di lavoro autonomo. In quest ultimo, il debitore si obbliga ugualmente a compiere verso un corrispettivo un opera o un servizio, senza vincolo di subordinazione nei confronti del creditore committente; manca, però, quel necessario elemento della organizzazione di impresa e di prevalenza del capitale sul lavoro proprio che, invece,come sopra accennato, definisce il contratto di appalto. Locatio operarum «locazione di opere». È il contratto con il quale un soggetto si obbliga, verso corrispettivo, a prestare ad un altro soggetto le proprie energie lavorative (lavoro subordinato). Locatio operis «locazione di opera». Si ha quando una persona si obbliga, verso corrispettivo, a fornire ad un'altra persona un determinato risultato della propria attività Pertanto, parlando di locatio operis, occorre distinguere tra i contratti in cui il debitore compie l opera con l impiego di lavoro prevalentemente proprio e quelli in cui organizza, dirige e coordina il lavoro altrui. Nel primo caso ricorre l ipotesi del contratto d opera disciplinato dagli artt ss. cod. civ., nel secondo caso il contratto di appalto. La «locatio operis», e cioè l'obbligazione di compiere un'opera o un servizio, dà luogo, secondo i casi, al contratto di appalto (art c.c.) o a quello di opera (art c.c.). 3

4 L Appalto in generale Art Appalto Nozione L'appalto è il contratto col quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un'opera o di un servizio verso un corrispettivo in danaro. Art Contratto d'opera Quando una persona si obbliga a compiere verso un corrispettivo un'opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente, si applicano le norme di questo Capo, salvo che il rapporto abbia una disciplina particolare nel Libro IV (1655 e seguenti). Ne consegue che l autonomia di cui gode l appaltatore, nella realizzazione del risultato promesso, è elemento fondamentale dell appalto. L appaltatore, normalmente, è un imprenditore. Infatti, di regola, non esegue direttamente l opera o il servizio, ma organizza e gestisce come meglio crede i mezzi e gli uomini necessari alla produzione del risultato. L autonomia, con cui opera l appaltatore, è collegata al rischio della gestione che il medesimo assume su di sé. L opera oggetto del contratto, infatti, passa in proprietà del committente solo una volta portata a termine. Pertanto, se dal lavoro non è derivato il risultato promesso o quest ultimo è stato ottenuto ad un costo più alto di quanto si prevedeva, l appaltatore o non acquisisce il diritto al corrispettivo o l acquisisce restando a suo carico il maggior costo affrontato. In buona sostanza, proprio in virtù di questa autonomia, con il contratto d appalto non viene garantito un utile all impresa. Ciò, ovviamente, facendo salvi i casi specificatamente disciplinati riguardanti le variazioni necessarie al progetto, onerosità, difficoltà o impossibilità sopravvenute nella esecuzione dell opera. Verifica ed accettazione Si aggiunga, poi, che la prestazione del committente sottostà al principio della postnumerazione, in virtù del quale il corrispettivo va corrisposto solo dopo che la prestazione dell appaltatore sia adempiuta, cioè quando l opera è stata realizzata, verificata ed accettata art.1665 del cod.civ. omissis.salvo diversa pattuizione o uso contrario, l'appaltatore ha diritto al pagamento del corrispettivo quando l'opera è accettata dal committente. Non produce accettazione il semplice versamento di acconti, art.1666 del cod.civ. Il pagamento fa presumere l'accettazione della parte di opera pagata; non produce questo effetto il versamento di semplici acconti Di regola, quindi, il committente non ha un interesse concreto nell intromettersi nell esecuzione del contratto tranne il c.d. dovere di cooperazione imposto dagli artt e 1375, cod. civ. di cui si parlerà in seguito. Ciò perché l obbligo di pagare il corrispettivo pattuito si concretizza solo nel momento in cui l operato dell appaltatore sia stato da lui stesso verificato ed accettato. 4

5 L Appalto in generale Ciò non esclude che il committente possa effettuare controlli nel merito durante tutto lo svolgimento dei lavori, al fine di verificarne lo stato. Lo stesso codice civile espressamente gli riconosce la facoltà di compiere, a proprie spese, verifiche in corso d opera art. 1662, cod. civ. Il committente ha diritto di controllare lo svolgimento dei lavori e di verificarne a proprie spese lo stato. Queste, però, non comportano rinuncia alla verifica finale, cosicché, una volta terminata l opera, il committente potrà ancora sollevare qualsiasi obiezione sulla bontà del risultato ai sensi degli artt. 1665, cod. civ. (Verifica e pagamento dell'opera) Altra importante forma di controllo è esercitata dal committente tramite il direttore dei lavori, che sovrintende all intera esecuzione dell opera ed ha la veste di suo rappresentante, ma, solo sul piano delle manifestazioni di volontà di carattere tecnico. La Direzione Lavori nell appalto Pubblico / Privato Negli appalti privati la figura del direttore dei lavori è diversa da quella del direttore dei lavori per conto della Pubblica Amministrazione. In sintesi: - Negli appalti privati, come collaboratore professionale dell imprenditore o rappresentante del committente, ha il dovere di provvedere all esecuzione dell opera da un punto di vista tecnico, organizzando e vigilando sui lavori. - Negli appalti Pubblici, invece, ha solo il compito di controllare la corrispondenza dell opera al contratto, rispondendo dell adempimento di tale obbligo solo verso il committente. L obbligo della Direzione dei Lavori negli appalti pubblici. La figura del direttore dei lavori, relativamente ai rapporti tra privati, è prevista come obbligatoria in quelle circostanze in cui l esecuzione di un opera richieda l intervento di un tecnico, nell interesse della collettività. È questo il caso, ad esempio, della realizzazione di opere in conglomerato cementizio, normale e precompresso ed a struttura metallica, ovvero delle costruzioni in zone sismiche, ovvero ancora degli interventi soggetti a concessione edilizia o al rilascio del certificato di abitabilità. Per l esecuzione di lavori pubblici, affidati in appalto, invece, le Amministrazioni aggiudicatrici sono obbligate ad istituire un ufficio di Direzione dei Lavori costituito da un direttore dei lavori ed eventualmente da assistenti. Dlgs.163/06 Art. 130 (Direzione dei lavori) 1. Per l'esecuzione di lavori pubblici oggetto della presente legge affidati in appalto, le amministrazioni aggiudicatrici sono obbligate ad istituire un ufficio di direzione dei lavori costituito da un direttore dei lavori ed eventualmente da assistenti. 5

6 La Determinazione del Corrispettivo La Determinazione del Corrispettivo Due sono i sistemi principali di determinazione del corrispettivo: 1- a corpo 2- a misura Si tratta di due tipologie contrattuali essenzialmente diverse. Il contratto a corpo rappresenta un patto di assicurazione (Planiol) in cui si ha la certezza della spesa (circ. Di Pietro) indipendentemente dalle quantità utilizzate in fase esecutiva (salvo alcune eccezioni). In questo caso l importo, riferito all esecuzione dell opera nel suo complesso, è fisso ed invariabile. Nel contratto a misura, invece, il costo dell opera e solo presuntivo. Il prezzo dell opera varia in funzione delle quantità effettivamente utilizzate per il suo compimento (siano esse determinate a misura od a corpo). In buona sostanza non si deve mai confondere l unità di misura, della singola quantità (ml.; mc.; A corpo ; cadauna), con la tipologia contrattuale che definisce invece il metodo di determinazione del corrispettivo totale. In definitiva in un appalto a corpo il prezzo è fisso ed invariabile, mentre, nell appalto a misura tale costo può variare, tanto in più quanto in meno, secondo la quantità effettiva delle opere eseguite. Trasformare un appalto a corpo in un lavoro a misura non è possibile proprio in virtù della differente tipologia contrattuale (vedi anche A.V.) Dlgs.163/06 Art. 53 c.4 (Tipologia e oggetto dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture) - Per le prestazioni a corpo, il prezzo convenuto non può essere modificato sulla base della verifica della quantità o della qualità della prestazione. - Per le prestazioni a misura, il prezzo convenuto può variare, in aumento o in diminuzione, secondo la quantità effettiva della prestazione. Il corrispettivo è sempre dovuto anche quando le parti non lo hanno stabilito. Esso è calcolato con riferimento alle tariffe esistenti o agli usi ed in mancanza è definito dal giudice Cod. Civ. Art Determinazione del corrispettivo Se le parti non hanno determinato la misura del corrispettivo né hanno stabilito il modo di determinarla, essa è calcolata con riferimento alle tariffe esistenti o agli usi; in mancanza, è determinata dal giudice. 6

7 La Determinazione del Corrispettivo Il Pagamento del Corrispettivo Il diritto del pagamento al corrispettivo sorge quando l opera è non soltanto ultimata, ma accettata dal committente (Art.1665 cod. civ.). Negli appalti di lavori pubblici l accettazione avviene con il collaudo dell opera. Ovvero con la verifica che essa è stata realizzata correttamente ed in conformità al contratto. In altri termini, è soltanto con l approvazione del collaudo che il credito dell appaltatore diviene certo. Il principio civilistico del pagamento ad opera accettata viene mitigato nei lavori pubblici con la previsione di acconti in corso d opera. Ciò è una facoltà negoziale delle parti ( Salvo diversa pattuizione ) e non un obbligo. Nel caso di lavori pubblici, però, la previsione della corresponsione di acconti è pressoché obbligatoria in ragione di una maggior economicità generale dell appalto oltre ad una maggior garanzia di ultimazione dell opera. Gli acconti, perciò rappresentano mere anticipazioni sul corrispettivo ed hanno la finalità di agevolare l attività dell appaltatore evitandogli un eccessivo ricorso al credito bancario. Art Verifica e pagamento dell'opera Salvo diversa pattuizione o uso contrario, l'appaltatore ha diritto al pagamento del corrispettivo quando l'opera è accettata dal committente. Il pagamento di acconti non incide però sul principio generale che il credito dell appaltatore diviene certo soltanto con il collaudo dell opera. Gli acconti in quanto mere anticipazioni non hanno un carattere definitivo e non implicano l accettazione anche parziale dell opera. Ne consegue che l Amministrazione mantiene inalterato il suo potere di controllo (ordinando demolizioni e rifacimenti) oltre al diritto di rifiutare l opera ove ritenuta affetta da vizi tali da renderla inidonea alle sue finalità. Analoga portata va attribuita alla rata di saldo, il cui pagamento non costituisce presunzione di accettazione dell opera ai sensi dell art.1666 del cod. civ. essendo anch essa nella sostanza un acconto poiché riferita al Collaudo Provvisorio. Infatti l accettazione diviene certa solo con il Collaudo Definitivo. Art Verifica e pagamento di singole partite 2 Il pagamento fa presumere l'accettazione della parte di opera pagata; non produce questo effetto il versamento di semplici acconti. Dlgs. 163/06 Art.141 c.9 (Collaudo dei lavori pubblici Collaudo dei lavori pubblici) Il pagamento della rata di saldo, disposto previa garanzia fideiussoria, deve essere effettuato non oltre il novantesimo giorno dall'emissione del certificato di collaudo provvisorio ovvero del certificato di regolare esecuzione e non costituisce presunzione di accettazione dell'opera, ai sensi dell'articolo 1666, comma 2, del codice civile. Pertanto anche dopo il collaudo provvisorio l Amministrazione conserva il suo potere di rifiutare l approvazione del collaudo e perciò rifiutare l opera ed ordinare un nuovo collaudo. 7

8 La Determinazione del Corrispettivo Dpr. 207/10 art.234 c.3 Finché non è intervenuta l'approvazione degli atti di collaudo, la stazione appaltante ha facoltà di procedere ad un nuovo collaudo. Dlgs. 163/06 Art. 141 (Collaudo dei lavori pubblici) c.3. Per tutti i lavori oggetto del codice è redatto un certificato di collaudo secondo le modalità previste dal regolamento. Il certificato di collaudo ha carattere provvisorio e assume carattere definitivo decorsi due anni dall'emissione del medesimo. Decorso tale termine, il collaudo si intende tacitamente approvato ancorché l'atto formale di approvazione non sia intervenuto entro due mesi dalla scadenza del medesimo termine c.10. Salvo quanto disposto dall'articolo 1669 del codice civile, l'appaltatore risponde per la difformità e i vizi dell'opera, ancorché riconoscibili, purché denunciati dal soggetto appaltante prima che il certificato di collaudo assuma carattere definitivo. Dpr. 207/10 art.229 c.3 ultimo periodo (Certificato di collaudo) Nell'arco di tale biennio l'esecutore è tenuto alla garanzia per le difformità e i vizi dell'opera, indipendentemente dalla intervenuta liquidazione del saldo. Dpr. 207/10 Art Fideiussione a garanzia dell'anticipazione e fideiussione a garanzia dei saldi 3. La fideiussione a garanzia del pagamento della rata di saldo è costituita alle condizioni previste dal comma 1. Il tasso di interesse è applicato per il periodo intercorrente tra la data di emissione del certificato di collaudo e l assunzione del carattere di definitività del medesimo ai sensi dell articolo 141, comma 3, del codice. In tale periodo si effettua quello che è stato definito come la sperimentazione dell opera. Pagamento diretto ai subappaltatori L Amministrazione, nel bando di gara, può indicare che provvederà a corrispondere direttamente al subappaltatore l importo dei lavori eseguiti. In tal caso l appaltatore comunica all Amministrazione la parte dei lavori eseguiti con indicazione dell importo e proposta motivata di pagamento. In caso di contenzioso interviene la novità dispositiva contenuta nell art.170 c.7 del Dpr 207/10. Con ciò si vuol evitare il ricorso, da parte dell appaltatore, a contenziosi effettuati in danno del subappaltatore del tutto pretestuosi. Dlgs 163/06 Art. 118 c.3 Subappalto, attività che non costituiscono subappalto e tutela del lavoro 3. Nel bando di gara la stazione appaltante indica che provvederà a corrispondere direttamente al subappaltatore o al cottimista l'importo dovuto 8

9 La Determinazione del Corrispettivo per le prestazioni dagli stessi eseguite o, in alternativa, che è fatto obbligo agli affidatari di trasmettere, entro venti giorni dalla data di ciascun pagamento effettuato nei loro confronti, copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti da essi affidatari corrisposti al subappaltatore o cottimista, con l'indicazione delle ritenute di garanzia effettuate. Qualora gli affidatari non trasmettano le fatture quietanziate del subappaltatore o del cottimista entro il predetto termine, la stazione appaltante sospende il successivo pagamento a favore degli affidatari. Nel caso di pagamento diretto, gli affidatari comunicano alla stazione appaltante la parte delle prestazioni eseguite dal subappaltatore o dal cottimista, con la specificazione del relativo importo e con proposta motivata di pagamento. Dpr. 207/10 Art c.7 ( Subappalto e cottimo) 7. In caso di mancato rispetto da parte dell esecutore dell obbligo di cui all articolo 118, comma 3, del codice, qualora l esecutore motivi il mancato pagamento con la contestazione della regolarità dei lavori eseguiti dal subappaltatore e sempre che quanto contestato dall esecutore sia accertato dal direttore dei lavori, la stazione appaltante sospende i pagamenti in favore dell esecutore limitatamente alla quota corrispondente alla prestazione oggetto di contestazione nella misura accertata dal direttore dei lavori. Pagamento diretto di contributi e stipendi. Con la stipula del contratto l appaltatore assume delle obbligazioni non solo verso il committente ma anche nei confronti del proprio personale dipendente per il pagamento dei contributi e stipendi. Ciò lo si ricava dall art. 207 c.3 del dpr 207/10 e art.4, 5 e 6 del Dpr 207/06 nonché dalle disposizioni riguardanti il Durc. Ovvero in caso di inadempienza, la stazione appaltante, può sostituirsi all appaltatore per il pagamento di quanto dovuto attuando un intervento sostitutivo nelle forme e modi definiti dall art.4 e 5 del Dpr 207/10. Dpr 207 Art c.3 Cauzione definitiva.le stazioni appaltanti hanno inoltre il diritto di valersi della cauzione per provvedere al pagamento di quanto dovuto dall esecutore per le inadempienze derivanti dalla inosservanza di norme e prescrizioni dei contratti collettivi, delle leggi e dei regolamenti sulla tutela, protezione, assicurazione, assistenza e sicurezza fisica dei lavoratori comunque presenti in cantiere. Dpr 207 Art. 4 c.2. Intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di inadempienza contributiva dell esecutore e del subappaltatore Nelle ipotesi previste dall articolo 6, commi 3 e 4, in caso di ottenimento da parte del responsabile del procedimento del documento unico di regolarità contributiva che segnali un inadempienza contributiva relativa a uno o più soggetti impiegati nell esecuzione del contratto, il medesimo trattiene dal certificato di pagamento l importo corrispondente all inadempienza. Il pagamento di quanto dovuto per le inadempienze accertate mediante il documento unico di regolarità contributiva è disposto dai soggetti di cui 9

10 La Determinazione del Corrispettivo all articolo 3, comma 1, lettera b), direttamente agli enti previdenziali e assicurativi, compresa, nei lavori, la cassa edile. Dpr 207 Art. 5. Intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di inadempienza retributiva dell esecutore e del subappaltatore 1. Per i contratti relativi a lavori, servizi e forniture, in caso di ritardo nel pagamento delle retribuzioni dovute al personale dipendente dell'esecutore o del subappaltatore o dei soggetti titolari di subappalti e cottimi di cui all articolo 118, comma 8, ultimo periodo, del codice, impiegato nell esecuzione del contratto, il responsabile del procedimento invita per iscritto il soggetto inadempiente, ed in ogni caso l esecutore, a provvedervi entro i successivi quindici giorni. Decorso infruttuosamente il suddetto termine e ove non sia stata contestata formalmente e motivatamente la fondatezza della richiesta entro il termine sopra assegnato, i soggetti di cui all articolo 3, comma 1, lettera b), possono pagare anche in corso d opera direttamente ai lavoratori le retribuzioni arretrate detraendo il relativo importo dalle somme dovute all esecutore del contratto ovvero dalle somme dovute al subappaltatore inadempiente nel caso in cui sia previsto il pagamento diretto ai sensi degli articoli 37, comma 11, ultimo periodo e 118, comma 3, primo periodo, del codice. 2. I pagamenti, di cui al comma 1, eseguiti dai soggetti di cui all articolo 3, comma 1, lettera b), sono provati dalle quietanze predisposte a cura del responsabile del procedimento e sottoscritte dagli interessati. 3. Nel caso di formale contestazione delle richieste di cui al comma 1, il responsabile del procedimento provvede all'inoltro delle richieste e delle contestazioni alla direzione provinciale del lavoro per i necessari accertamenti. I termini per il pagamento degli acconti e del saldo Dpr 207/10 Art. 143 Termini di pagamento degli acconti e del saldo 1. Il termine per l'emissione dei certificati di pagamento relativi agli acconti del corrispettivo di appalto non può superare i quarantacinque giorni a decorrere dalla maturazione di ogni stato di avanzamento dei lavori a norma dell'articolo 194. Il termine per disporre il pagamento degli importi dovuti in base al certificato non può superare i trenta giorni a decorrere dalla data di emissione del certificato stesso. 2. Il termine di pagamento della rata di saldo e di svincolo della garanzia fidejussoria non può superare i novanta giorni dall'emissione del certificato di collaudo provvisorio o del certificato di regolare esecuzione ai sensi dell articolo 141, comma 9, del codice. Nel caso l esecutore non abbia preventivamente presentato garanzia fidejussoria, il termine di novanta giorni decorre dalla presentazione della garanzia stessa. 3. I capitolati speciali e i contratti possono stabilire termini inferiori. 10

11 La Determinazione del Corrispettivo Determinazione degli acconti nell appalto a misura ed a corpo Le due tipologie contrattuali, a corpo ed a misura, danno luogo a diversi modi di accertamento e registrazione dei fatti producenti spesa. - Nell appalto a misura verranno annotate nei documenti contabili le quantità delle lavorazioni effettivamente realizzate. - Nell appalto a corpo verranno annotate nei documenti contabili la quota percentuale dell'aliquota relativa alla voce disaggregata della stessa categoria, rilevabile dal contratto, che è stata eseguita. Art.184 Dpr 207/10 Rispetto al previgente art.159 del dpr 554/99 la nuova formulazione definisce un maggior grado di definizione delle quote percentuali ora strutturate in voci disaggregate di varie categorie di lavorazioni In quest ultimo caso la disposizione normativa dell annotazione delle quantità effettivamente eseguite risulterebbe in contrasto con l art. 53 del Codice ovvero Per le prestazioni a corpo, il prezzo convenuto non può essere modificato sulla base della verifica della quantità o della qualità della prestazione. Per le prestazioni a misura, il prezzo convenuto può variare, in aumento o in diminuzione, secondo la quantità effettiva della prestazione.. Tale disposizione è però mitigata dalla previsione contenuta nel comma3 dell art.184 qualora stabilisce che Le progressive quote percentuali delle voci disaggregate eseguite delle varie categorie di lavorazioni sono desunte da valutazioni autonomamente effettuate dal direttore dei lavori, il quale può controllarne l'ordine di grandezza attraverso un riscontro nel computo metrico estimativo dal quale le aliquote sono state dedotte. Tale computo peraltro non fa parte della documentazione contrattuale In realtà nell appalto a corpo le quantità delle lavorazioni eseguite dovranno valutarsi in rapporto alle effettive previsioni esecutive. Ciò in ragione del fatto che le quantità progettuali (computo metrico) potrebbero discostarsi dalla realtà ed indurre il direttore dei lavori ad effettuare delle annotazioni errate. In buona sostanza nell appalto a misura si avrà una valutazione oggettiva delle quantità, effettivamente eseguite, basata sulle norme di misurazione prestabilite, mentre nell appalto a corpo la valutazione delle quantità, effettivamente eseguite, è strettamente soggettiva ovvero è basata su valutazioni autonomamente effettuate dal direttore dei lavori. 11

12 Direzione Lavori e Sicurezza Cantieri La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento prima dell esperimento di gara per l affidamento dei lavori (Art.147 del Reg.). Sia se operi come organo tecnico a sé stante (D.L. esterna), sia se agisca come strumento operativo dell ufficio tecnico direzionale o dello stesso committente (D.L. interna), nei confronti dell appaltatore il direttore dei lavori rappresenta l amministrazione committente. Da ciò il divieto assoluto di intrattenere rapporti professionali con l appaltatore vista la necessità di garantire che il direttore dei lavori vigili sulla corretta esecuzione dell opera nell esclusivo interesse della pubblica amministrazione. Vi è chi ha sottolineato come il direttore dei lavori sia solo un organo tecnico e non un organo decisionale dell amministrazione, nel senso che non è titolare del potere di manifestare la volontà di quest ultima, ma un mero tramite che è tenuto ad eseguirne le disposizioni e a comunicare qualsiasi evenienza al responsabile del procedimento, senza possibilità di assumere decisioni definitive. L obbligazione del direttore dei lavori L obbligazione del direttore dei lavori, sia interno che esterno, avendo per oggetto la prestazione di un opera intellettuale, è un obbligazione di mezzi e non di risultato. Secondo una distinzione tradizionale e ancora seguita in dottrina (non senza dissensi) e in giurisprudenza, la prestazione del direttore dei lavori, appartiene alla categoria delle obbligazioni di mezzi, per distinguerle da quelle di risultato, avendo ad oggetto le prime "solo" un comportamento professionalmente adeguato, le seconde il risultato stesso che il creditore ha diritto di conseguire. L'obbligazione del Direttore dei Lavori sarebbe pertanto quella di porre in essere un comportamento professionalmente adeguato, espressione della diligenza ordinaria, non essendo al contrario tenuto a far conseguire un risultato consistente nell esito finale, giacché solo in parte legata alla prestazione che gli viene richiesta. Ciò in contrapposizione con la prestazione tipica dell appaltatore che è, invece, il compimento dell opera e quindi costituisce un obbligazione di risultato. 12

13 Direzione Lavori e Sicurezza Cantieri Il Responsabile del Procedimento Di fatto il Responsabile del Procedimento è parte integrante dell Ufficio di direzione lavori anche se la normativa lo pone formalmente fuori da tale ambito. Infatti la responsabilità della corretta esecuzione dell opera fa capo al Responsabile del Procedimento, mentre il direttore dei lavori rappresenta solo il suo braccio operativo Art.9 del reg. 1. Le fasi di progettazione, affidamento ed esecuzione di ogni singolo intervento sono eseguite sotto la diretta responsabilità e vigilanza di un responsabile del procedimento, omissis Il responsabile del procedimento deve possedere due requisiti fondamentali: a) titolo di studio e competenza adeguata all intervento da realizzare b) abilitazione all esercizio della professione Tale istituzione è stata altresì confermata per i Lavori Pubblici nonché estesa anche per gli appalti di Forniture e Servizi (Resp. Proc. e Direttore dell Esecuzione) (Nella Relazione al Regolamento dpr 554/99) Il responsabile del procedimento è la figura centrale del nuovo sistema di realizzazione dei lavori pubblici ed egli è il vero dominus, il vero centro unitario di imputazione delle funzioni di scelta, controllo e vigilanza titolare dei compiti di un vero e proprio project manager, sull esempio del modulo organizzativo che più è diffuso all estero. L Appaltatore come esecutore qualificato e sua autonomia L appaltatore è tenuto ad eseguire l opera a regola d arte ed in conformità alle clausole contrattuali. L appaltatore non è un nudus minister, e cioè un mero esecutore materiale, ma un esecutore altamente qualificato ed è tenuto a segnalare all Amministrazione qualsiasi fatto che possa determinare vizi all opera. L appaltatore è perciò tenuto a segnalare tempestivamente gli errori progettuali o l erroneità di un ordine o qualsiasi altra circostanza che può incidere sulla corretta esecuzione dell opera. Solo adottando tale comportamento egli può assumere la veste di nudus minister a meno che non provi che il controllo richiedeva cognizioni tecniche eccedenti i limiti della diligenza dovuta. L Appaltatore, invece, non è esonerato da responsabilità qualora prosegua l esecuzione dell opera nonostante abbia riscontrato che i lavori possano causare danni a terzi o provocare conseguenze penali. Il potere di controllo e di vigilanza del direttore dei lavori non annulla l autonomia dell appaltatore che, salvo patto contrario, rimane tenuto a rispettare, nell esecuzione dell appalto, le regole dell arte, al fine di assicurare un risultato tecnico conforme alle esigenze del committente. 13

14 Direzione Lavori e Sicurezza Cantieri D.M. 145/2000 Art. 4. Condotta dei lavori da parte dell'appaltatore 1. L'appaltatore che non conduce i lavori personalmente deve conferire mandato con rappresentanza a persona fornita dei requisiti d'idoneità tecnici e morali, per l'esercizio delle attività necessarie per la esecuzione dei lavori a norma del contratto. L'appaltatore rimane responsabile dell'operato del suo rappresentante. 2. Il mandato deve essere conferito per atto pubblico ed essere depositato presso l'amministrazione committente, che provvede a dare comunicazione all'ufficio di direzione dei lavori. Il Direttore di Cantiere Diversa è la figura del direttore di cantiere, collaboratore dell appaltatore, che assicura, ai sensi dell art. 6 del Capitolato generale, l organizzazione, la gestione tecnica e la conduzione del cantiere e cura gli interessi dell appaltatore nei confronti della pubblica amministrazione. Art. 6. Disciplina e buon ordine dei cantieri 2. L'appaltatore, tramite il direttore di cantiere assicura l'organizzazione, la gestione tecnica e la conduzione del cantiere. 5. Il direttore dei lavori ha il diritto, previa motivata comunicazione all'appaltatore, di esigere il cambiamento del direttore di cantiere e del personale per indisciplina, incapacità o grave negligenza. 6. L'appaltatore è comunque responsabile dei danni causati dall'imperizia o dalla negligenza di detti soggetti, e risponde nei confronti dell'amministrazione committente per la malafede o la frode dei medesimi nell'impiego dei materiali. Le funzioni del Direttore dei Lavori. L ufficio di direzione lavori Le stazioni appaltanti, prima della gara, istituiscono l Ufficio di direzione lavori conferendogli «il coordinamento, la direzione ed il controllo tecnico-contabile dell esecuzione di ogni singolo intervento» (art. 147, c. 1, reg.). L ufficio è preposto alla direzione ed al controllo tecnico, contabile e amministrativo dell esecuzione dell opera secondo le disposizioni contrattuali. Tale formulazione ha destò qualche perplessità, già in occasione del dpr 554/99, inducendo a ritenere mutata da monocratica a collegiale la natura del soggetto incaricato della direzione dei lavori. Ma appare evidente che l Ufficio di direzione dei lavori deve essere inteso non come organo collegiale, ma come semplice ufficio che svolge la sua attività a supporto del direttore dei lavori, il solo in grado di impegnare la stazione appaltante verso l esterno (ed avente, quindi, natura monocratica.) 14

15 Direzione Lavori e Sicurezza Cantieri Ciò in ragione dell Art.148 del reg. 2. Il direttore dei lavori ha la responsabilità del coordinamento e della supervisione dell'attività di tutto l'ufficio di direzione dei lavori, ed interloquisce in via esclusiva con l appaltatore in merito agli aspetti tecnici ed economici del contratto. I componenti dell Ufficio di direzione lavori sono altresì responsabili delle conseguenze derivate dall'aver ordinato o lasciato eseguire variazioni o addizioni al progetto, senza averne ottenuta regolare autorizzazione, sempre che non derivino da interventi volti ad evitare danni a beni soggetti alla vigente legislazione in materia di beni culturali e ambientali Art.161 c.11 del reg. La composizione dell Ufficio di direzione lavori Le stazioni appaltanti istituisco, prima della gara, un ufficio di direzione lavori, costituito da un direttore dei lavori ed eventualmente, in relazione alla dimensione e alla tipologia e categoria dell intervento, da uno o più assistenti con funzioni di direttore operativo o di ispettore di cantiere. (Art.147) Si ravvisa, quindi, un concetto di proporzionalità fra composizione dell Ufficio e la dimensione e tipologia dell intervento. Le Mansioni del Direttore dei Lavori I compiti Principali del Direttore dei Lavori Al direttore dei lavori sono attribuiti essenzialmente i seguenti compiti e responsabilità: a) Controllare che i lavori siano eseguiti a regola d arte ed in conformità al progetto ed alle condizioni contrattuali b) L accettazione dei materiali dpr 207/10 Art. 148 (Direttore dei lavori) 1. Il direttore dei lavori cura che i lavori cui è preposto siano eseguiti a regola d arte ed in conformità del progetto e del contratto. 3. Il direttore dei lavori ha la specifica responsabilità dell'accettazione dei materiali, sulla base anche del controllo quantitativo e qualitativo degli accertamenti ufficiali delle caratteristiche meccaniche di questi così come previsto dall'articolo 3, comma 2, della legge 5 novembre 1971, e in aderenza alle disposizioni delle norme tecniche per le costruzioni di cui alla legge 5 novembre 1971, n. 1086, alla legge 2 febbraio 1974, n. 64, al d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380, ed al decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 luglio 2004, n. 186, e successive modificazioni. 15

16 Direzione Lavori e Sicurezza Cantieri La regola d arte Per regole dell arte si intendono le norme, i criteri e le cognizioni generali dettati dalla tecnica e le massime di esperienza professionale che costituiscono patrimonio comune di tutti coloro che esercitano una determinata attività e, nell appalto, anche i principi elaborati dalla scienza delle costruzioni (Cianflone Givannini). Esse sono strettamente relative alla natura della singola opera ed alla funzione tipica cui la stessa è normalmente destinata. Le regole dell arte cui l appaltatore è obbligato ad attenersi sono quelle comuni e generalmente seguite in quel determinato luogo e in quella determinata epoca, non quelle eccezionali che implichino l adozione di procedimenti tecnici del tutto speciali o particolarmente dispendiosi. In tema di opere pubbliche, pur in mancanza di una specifica prescrizione contrattuale, i materiali da impiegare nell esecuzione dell opera debbono essere della migliore qualità. (Art.167 c.1 del reg.) Conformità al contratto e sua interpretazione La natura del contratto d appalto impone che la sua interpretazione venga effettuata secondo le regole che disciplinano l interpretazione dei contratti tra privati contenute negli articoli del cod. civ. dal 1362 al Nell interpretare il contratto il direttore dei lavori dovrà ricostruire l effettiva volontà delle parti. e nel caso Disposizione di particolare importanza è la norma contenuta nell art.1370 in base alla quale le clausole contrastanti o dubbie vanno interpretate a favore di chi non ha redatto l atto, ovvero vanno interpretate a favore dell appaltatore. L accettazione dei materiali (Vedi relativo capitolo) Il direttore dei lavori ha la specifica responsabilità dell accettazione dei materiali, sulla base anche dei controlli quantitativi e qualitativi e degli accertamenti ufficiali delle caratteristiche meccaniche che egli può disporre (art. 148, comma 3, reg.). L autonomia decisionale del direttore dei lavori Il direttore dei lavori non può in alcun modo determinare modifiche al progetto e al contratto. Egli è infatti chiamato proprio ad assicurare la corrispondenza dell opera ai patti contrattuali salvo alcune eccezioni: 1- Le variazioni di dettaglio previste dall art. 132, comma 3, primo periodo della legge quadro (le c.d. non varianti). 2- Nei casi di somma urgenza ovvero in quei casi che non consentono alcun indugio (Art. 176 del reg.). Norma che di fatto surroga alle disposizioni che erano contenute nell abrogato art. 342 L. n del 1865, All. F 16

17 Direzione Lavori e Sicurezza Cantieri L obbligazione del direttore dei lavori è un obbligazione di mezzi e non di risultato. Tuttavia, questo non significa che il suo incarico debba ritenersi limitato al riscontro della conformità dell opera al progetto, giacché il direttore dei lavori, come l appaltatore, è tenuto all individuazione e alla correzione di eventuali carenze progettuali che impediscono la buona riuscita del lavoro. In merito agli aspetti tecnici ed economici del contratto, il direttore dei lavori interloquisce in via esclusiva con l appaltatore. Altre mansioni del Direttore dei Lavori Le mansioni del direttore dei lavori sono definite, oltre che dalle fonti normative e dai capitolati generali e speciali, anche dalla prassi amministrativa. Sono state redatte numerose elencazioni dei suoi compiti specifici al fine di definirne il preciso ambito di competenza. Pur tenendo conto della complessità dei compiti del direttore dei lavori e della varietà delle situazioni possibili, possono così elencarsi, senza pretesa di esaustività, le mansioni del direttore dei lavori quali risultano dal complesso normativo vigente : 1. studio di tutti gli elementi progettuali, tecnici, catastali ed amministrativi, con particolare riferimento al capitolato speciale d appalto ed al contratto; 2. verifica del progetto in relazione alla situazione dei suoli, ai tracciamenti ed alla sussistenza di tutti i benestare, concessioni, nulla osta, autorizzazioni preliminari necessari; 3. verifica dei progetti di strutture ed impianti, con particolare riferimento al rispetto della normativa nazionale e comunitaria, alla norme antisismiche, alle norme sulla sicurezza, al contenimento dei consumi energetici, alla eliminazione delle barriere architettoniche ecc., controfirmando, ove previsto dalle norme stesse, i progetti medesimi; 4. redazione del verbale di consegna; 5. verifica della cantierabilità od appaltabilità dell opera. Attività di verifica che dovrebbe produrre una minimizzazione dei rischi di introduzione di varianti e di contenzioso (relazione al regolamento) Art. 54 c. 7. Il rapporto conclusivo del soggetto preposto alla verifica riporta le risultanze dell attività svolta e accerta l avvenuto rilascio da parte del direttore lavori della attestazione, di cui all articolo 106, comma 1. Art Disposizioni preliminari per gli appalti e le concessioni di lavori pubblici 1. L'avvio delle procedure di scelta del contraente presuppone l'avvenuta validazione del progetto di cui all'articolo 55 del regolamento, previa acquisizione da parte del responsabile del procedimento dell'attestazione del direttore dei lavori in merito: a) alla accessibilità delle aree e degli immobili interessati dai lavori secondo le indicazioni risultanti dagli elaborati progettuali; b) alla assenza di impedimenti sopravvenuti rispetto agli accertamenti effettuati prima dell'approvazione del progetto; c) alla conseguente realizzabilità del progetto anche in relazione al terreno, al tracciamento, al sottosuolo ed a quanto altro occorre per l'esecuzione dei lavori. 17

18 Direzione Lavori e Sicurezza Cantieri 6. redazione accurata di tutti i documenti contabili di propria competenza e controllo della corretta tenuta da parte degli assistenti di quelli a loro affidati; 7. Organizzazione e supervisione dell ufficio di direzione lavori Spetta, inoltre, al direttore dei lavori : esercitare personalmente o a mezzo degli assistenti l alta sorveglianza sui lavori, verificando il rispetto del progetto approvato,la corretta esecuzione, la qualità, l idoneità e la corretta messa in opera dei materiali; disporre gli adattamenti richiesti dalle necessità della minuta tecnica, redigendo o facendo redigere dall impresa, su proprie indicazioni, i disegni costruttivi con conseguente assunzione di relative responsabilità; Art.15 c.4 del reg. 4. Al fine di potere effettuare la manutenzione e le eventuali modifiche dell intervento nel suo ciclo di vita utile, gli elaborati del progetto sono aggiornati in conseguenza delle varianti o delle soluzioni esecutive che si siano rese necessarie, a cura dell esecutore e con l approvazione del direttore dei lavori, in modo da rendere disponibili tutte le informazioni sulle modalità di realizzazione dell opera o del lavoro. introdurre le variazioni cosiddette di dettaglio di cui all art.132, comma 3, primo periodo, del d.lgs 163/06; esigere, previa motivata comunicazione, l allontanamento del direttore di cantiere e del personale dell impresa per indisciplina, incapacità o grave negligenza; collaborare con tutti i soggetti aventi causa per la migliore riuscita dei lavori e formulare proposte per la risoluzione di particolari problematiche, sempre nell ambito e nei limiti delle proprie competenze; proporre al responsabile del procedimento eventuali varianti, assestamenti, concordamento nuovi prezzi, perizie e partecipare alle eventuali riunioni con i progettisti; esaminare le variazioni migliorative in diminuzione proposte dall appaltatore; procedere in contraddittorio con l appaltatore alla misura delle opere ed ai controlli tecnici; verificare in corso d opera il rispetto dei tempi esecutivi in relazione al tempo utile complessivo ed assumere i conseguenti provvedimenti in caso negativo; segnalare l insorgenza di ritardi e la maturazione di penali; impartire gli eventuali ordini di servizio all appaltatore sulla base delle necessità del lavoro e delle disposizioni del responsabile del procedimento; accertare periodicamente il possesso e la regolarità da parte dell appaltatore della documentazione prevista dalle leggi vigenti in materia di obblighi nei confronti dei dipendenti; controllare il rispetto della normativa antimafia anche nei rapporti tra appaltatore ed eventuali subappaltatori, nella conservazione ed aggiornamento delle tabelle dei lavori, nella verifica dei contratti, nella corretta sorveglianza del cantiere ecc.; curare la costante verifica di validità del programma di manutenzione, dei manuali d uso e dei manuali di manutenzione disporre le sospensioni e le riprese dei lavori, ai sensi dell art. 158, reg.; redigere il certificato di ultimazione dei lavori; redigere gli eventuali verbali di accertamento di danni di forza 18

19 Direzione Lavori e Sicurezza Cantieri maggiore e relative perizie; redigere i verbali per lavori di urgenza e somma urgenza se a ciò incaricato dal responsabile del procedimento; denunciare eventuali sinistri alle persone o danni alle proprietà e redigerne apposita relazione; provvedere all esecuzione delle prove necessarie per accertare la qualità dei materiali e dei componenti approvvigionati, dopo l approvazione delle campionature; provvedere alle verifiche statiche delle strutture in corso d opera ed alle prove di funzionamento di apparecchiature ed impianti; provvedere tempestivamente alla liquidazione dei lavori, al calcolo eventuale del prezzo chiuso sulla base del cronoprogramma ed alla definizione del saldo nei termini; provvedere al calcolo degli eventuali interessi per ritardato pagamento a favore dell appaltatore; dare comunicazione al responsabile del procedimento delle contestazioni eventualmente insorte con l appaltatore; segnalare al responsabile del procedimento il raggiungimento delle condizioni per il tentativo di accordo bonario; mettere a disposizione del collaudatore tutti i documenti necessari previsti; partecipare alle visite di collaudo ovvero provvedere a redigere il certificato di regolare esecuzione nelle particolari condizioni in cui sia previsto; predisporre entro i termini contrattuali la contabilità finale; redigere, se prevista, la relazione a struttura ultimata; predisporre il certificato di regolare esecuzione; pronunziarsi in merito alle riserve avanzate dall appaltatore. collaborare con il responsabile del procedimento nell affidamento di eventuali lavori in economia. Informare periodicamente responsabile del procedimento sull andamento dei lavori. Art.152 c.1del dpr 207/10 Predisporre quanto necessario per l aggiornamento prezzi art.133 del D.lgs 163/2006 Ordini di servizio Risolta in via definitiva il conflitto di attribuzione in merito all emanazione degli ordini di servizio non più di esclusiva competenza del responsabile del procedimento come da lettura dell art.128 c.2 del dpr 554/99. Condizione questa che era correttamente mitigata dalle disposizioni contenute nell art.18 del dm 145/2000. Ora L ordine di servizio è l atto mediante il quale sono impartite all esecutore tutte le disposizioni e istruzioni da parte del responsabile del procedimento ovvero del direttore dei lavori mentre Nell ambito delle disposizioni di servizio impartite dal responsabile del procedimento al direttore dei lavori resta di competenza di quest ultimo l emanazione di ordini di servizio all esecutore in ordine agli aspetti tecnici ed economici della gestione dell appalto. Inoltre tale atto torna ad essere atto dell'appalto idoneo a ricevere l iscrizione di riserve. 19

20 Direzione Lavori e Sicurezza Cantieri Art Disposizioni e ordini di servizio 1. Il responsabile del procedimento impartisce al direttore dei lavori con disposizione di servizio le istruzioni occorrenti a garantire la regolarità dei lavori, fissa l'ordine da seguirsi nella loro esecuzione, quando questo non sia regolato dal contratto, e stabilisce, in relazione all importanza dei lavori, la periodicità con la quale il direttore dei lavori è tenuto a presentare un rapporto sulle principali attività di cantiere e sull'andamento delle lavorazioni. 2. Nell ambito delle disposizioni di servizio impartite dal responsabile del procedimento al direttore dei lavori resta di competenza di quest ultimo l emanazione di ordini di servizio all esecutore in ordine agli aspetti tecnici ed economici della gestione dell appalto. 3. L ordine di servizio è l atto mediante il quale sono impartite all esecutore tutte le disposizioni e istruzioni da parte del responsabile del procedimento ovvero del direttore dei lavori. L ordine di servizio è redatto in due copie e comunicato all esecutore che lo restituisce firmato per avvenuta conoscenza. Qualora l ordine di servizio sia impartito dal direttore dei lavori, deve essere vistato dal responsabile del procedimento. L esecutore è tenuto ad uniformarsi alle disposizioni contenute negli ordini di servizio, fatte salve le facoltà di iscrivere le proprie riserve. In ogni caso, a pena di decadenza, le riserve sono iscritte nel registro di contabilità all atto della firma immediatamente successiva all ordine di servizio oggetto di riserve. 20

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ (tratto da Linee guida per la qualificazione del procedimento di Lavori Pubblici - IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Le Varianti. Le Varianti

Le Varianti. Le Varianti Le Varianti L attuale regime delle variazioni ed addizioni al contratto di appalto di lavori pubblici è stabilito dall articolo 132 del Dlgs 163/06 e dal Regolamento. Con tale norma che si vuol preservare

Dettagli

Il Termine di Esecuzione Lavori

Il Termine di Esecuzione Lavori Il Termine di Esecuzione Lavori Il carattere non essenziale del termine Di regola negli appalti di lavori pubblici il termine contrattuale di ultimazione non è essenziale (art. 1457 del cod.civ.). Come

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI INDICE SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 12 APRILE 2006, N. 163, RECANTE CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11)

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11) Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207 Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

IL COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO DELL OPERA PUBBLICA

IL COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO DELL OPERA PUBBLICA Antonio Cirafisi Oronzo Passante IL COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO DELL OPERA PUBBLICA ESECUZIONE, VERIFICHE, PROVE, CONTESTAZIONI E RISERVE AGGIORNATO CON LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA LEGGE 12 LUGLIO 2011,

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. Art. 5. D.M. 15 dicembre 1955, n. 22608 «Disciplinare tipo» per il conferimento di incarichi a liberi professionisti per la progettazione e direzione di opere pubbliche SCHEMA DISCIPLINARE TIPO contenente le norme

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

Il direttore dei lavori

Il direttore dei lavori UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Ministero dell Economia e delle Finanze PODIS Progetto Operativo Difesa del Suolo Procedure tecnico-amministrative

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge

Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge Il pagamento diretto ai subappaltatori: dalle risoluzioni dell Autorità alle disposizioni di legge di Matteo Lariccia Sommario: 1. Premessa. La disciplina e i termini dell intervento legislativo, in funzione

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

CONDIZIONI PARTICOLARI CONTRATTI DI APPALTO DI LAVORI SERVIZI FORNITURE CON POSA IN OPERA ITALIA

CONDIZIONI PARTICOLARI CONTRATTI DI APPALTO DI LAVORI SERVIZI FORNITURE CON POSA IN OPERA ITALIA CONDIZIONI PARTICOLARI ITALIA Pagina 1 di 30 Rev. 02 Titolo: CONDIZIONI PARTICOLARI CONTRATTI DI APPALTO DI LAVORI SERVIZI FORNITURE CON POSA IN OPERA ITALIA Il presente documento, in conformità alla nota

Dettagli

TECNICA ED ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

TECNICA ED ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Appunti del corso di TECNICA ED ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Parte I Il Quadro Normativo e Legislativo

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

I SUBAFFIDAMENTI E LA NUOVA LEGGE ANTIMAFIA

I SUBAFFIDAMENTI E LA NUOVA LEGGE ANTIMAFIA I SUBAFFIDAMENTI E LA NUOVA LEGGE ANTIMAFIA Dr. Antonio Triolo Dirigente Ispettorato Lavoro Ragusa* Ispettore Giorgio Brafa Misicoro UOB 2^-Ispettorato Lavoro- Ragusa* * Le considerazioni esposte sono

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

FOCUS REGOLAMENTO D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207

FOCUS REGOLAMENTO D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 FOCUS La normativa precedente a confronto con il nuovo regolamento attuativo del codice dei contratti pubblici Tabella di comparazione Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli