STOP AI DIVIETI PUBBLICITARI! Perché i divieti pubblicitari non risolvono i problemi della società

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STOP AI DIVIETI PUBBLICITARI! Perché i divieti pubblicitari non risolvono i problemi della società"

Transcript

1 STOP AI DIVIETI PUBBLICITARI! Perché i divieti pubblicitari non risolvono i problemi della società SW_werbeverbote_I.indd :08:11 Uhr

2 2 Solo una comunicazione libera garantisce un mercato libero, solo un mercato libero garantisce la democrazia. INDICE I molteplici aspetti positivi della pubblicità 3 e quelli negativi del suo divieto 4 I divieti pubblicitari non sono la soluzione al problema 6 Leggi e regolamentazioni 8 Per ogni evenienza c è la Commissione Svizzera per la Lealtà 10 I promotori 11 Filippo Lombardi, Consigliere agli Stati, PS Pubblicità Svizzera PS Pubblicità Svizzera, l organizzazione mantello della comunicazione commerciale, rivendica condizioni quadro liberali per la comunicazione commerciale e deplora le iniziative atte a vietare la pubblicità. Proprio come dice il proverbio: chi non può picchiare l'asilo picchia la sella. SW_werbeverbote_I.indd :08:11 Uhr

3 3 I MOLTEPLICI ASPETTI POSITIVI DELLA PUBBLICITÀ Sempre più spesso i politici, preoccupati per la salute pubblica, credono di dover risolvere i problemi della società, come ad esempio la dipendenza dal tabacco, dall alcol o dall obesità, con divieti pubblicitari. Nella maggior parte dei casi, tale rimedio si rivela del tutto inutile. I divieti pubblicitari sono poco efficaci, mancano il bersaglio e, purtroppo, causano spesso danni. Che i divieti siano considerati ugualmente rimedi universali dipende certamente dal fatto che è più semplice dire no o esprime- re un divieto che discutere in modo costruttivo. Da un punto di vista imparziale, sono pochi gli aspetti negativi della pubblicità, mentre molti sono quelli positivi. Ed è quello che desideriamo presentare a mezzo di questa pubblicazione. Noi diciamo sì alla pubblicità perché In uno stato di diritto non sussiste alcun ragionevole motivo per limitare o vietare del tutto la pubblicità di un prodotto o di un servizio fintantoché esso può essere acquistato legalmente sul mercato. Sarebbe invero molto più onesto vietare il prodotto o il servizio stesso se ritenuto dannoso per il consumatore. Spesso però manca il coraggio di farlo. I presidenti di: trasmette ai consumatori informazioni importanti su prodotti e servizi, su imprese e organizzazioni offre un valido aiuto all orientamento in un mondo sempre più complesso ed in trasformazione garantisce media liberi ed indipendenti (due pilastri della democrazia) è parte integrante della libertà economica e della libertà d'espressione, imprescindibili diritti di ogni impresa che non possono essere limitati senza un valido motivo rappresenta un importante fattore economico che produce un fatturato annuo superiore ai cinque miliardi di franchi svizzeri. SW_werbeverbote_I.indd 3 La pubblicità in quanto tale è vecchia come l umanità. Da sempre l essere umano cerca di attirare l'attenzione e l'interesse di qualcun altro oppure di conquistare un impiego, dei voti e non da ultimi i sentimenti. Neppure nel regno animale le cose funzionano in modo diverso. In una società come la nostra, basata sulla suddivisione del lavoro, possiamo affermare scherzosamente che abbiamo addirittura affidato la ricerca dell anima gemella al World Wide Web. Non dovremmo tuttavia denigrare i benefici della comunicazione commerciale. Essa ha troppi lati positivi per essere limitata in modo precipitoso. Di questo siamo fermamente convinti. - ASW Alleanza Svizzera delle Agenzie Pubblicitarie, Michael Waldvogel - AWS Pubblicità esterna svizzera, Dr. Daniel Hofer - bsw swiss leading agencies, Nadine Borter - PS Pubblicità Svizzera, Filippo Lombardi, Consigliere agli Stati - SWA Utenti Svizzeri Pubblicità, Roger Harlacher - Stampa Svizzera, Hanspeter Lebrument - VSW Associazione delle società pubblicitarie, Hans-Peter Rohner P. S.: Riconosciamo che la pubblicità non può tutto e che deve osservare regole di lealtà e decenza. A questo scopo è fondamentale il contributo della Commissione Svizzera per la Lealtà che offre i suoi servizi in modo indipendente, incorruttibile ed in modo paritetico dal :08:13 Uhr

4 4 E ALTRETTANTI QUELLI NEGATIVI DEL suo DIVIETO I divieti pubblicitari ostacolano l informazione La pubblicità ci informa dell entrata sul mercato di un nuovo prodotto o di un nuovo servizio; ci spiega quali vantaggi ne ricaviamo; ci permette di confrontare prezzi e prestazioni. In breve, ci indica la strada nella pressoché infinita molteplicità delle offerte, siano esse commerciali, ideali, sociali o politiche. Per questo la comunicazione commerciale è uno strumento di informazione e responsabilizzazione del cittadino. I divieti pubblicitari agiscono esattamente nella direzione opposta. I divieti pubblicitari mettono in pericolo la libertà dei media La pubblicità può essere considerata uno dei pilastri principali della democrazia in quanto grazie ad essa possono essere garantiti media liberi ed indipendenti. Senza pubblicità, giornali e riviste, radio e televisione, internet e manifestazioni dipenderebbero sempre più da sussidi statali per sopravvivere. Le conseguenze? Dipendenza, mancanza di libertà e, addirittura, censura. I divieti pubblicitari mettono direttamente in pericolo l indipendenza e la libertà dei media ed indirettamente anche la nostra democrazia. Roger Harlacher, Direttore Marketing und Verkauf, Zweifel Pomy-Chips AG Per ogni impresa orientata all economia di mercato il pubblicizzare prodotti e servizi senza limitazioni e secondo le proprie idee è da considerate un fattore competitivo decisivo. I divieti pubblicitari limitano inutilmente tale fattore. I divieti pubblicitari contrastano con un economia libera La pubblicità è parte integrante della libertà dell economia che protegge ogni attività privata dalle limitazioni ingiustificate dello stato. La libertà dell economia è, attenzione, un diritto fondamentale svizzero che può essere violato solo se prevale sull interesse pubblico, situazione che accade solo di rado. I divieti pubblicitari contrastano spesso con il diritto costituzionalmente garantito ad un impresa. I divieti pubblicitari distruggono il patrimonio di un marchio Il gustare un buon pezzo di formaggio Appenzeller, uno squisito cioccolato Toblerone o croccanti patatine Zweifel appena sfornate è, come sempre, il miglior argomento per ognuno di questi ottimi prodotti. Ma soltanto una comunicazione continua, attendibile e orientata al cliente li ha resi uno dei venti marchi più forti e quindi più pregiati della Svizzera. Solo la pubblicità riesce a fissare in modo duraturo un marchio nelle menti e nei cuori dei consumatori creando così un valore aggiunto, emozionale e commerciale. I divieti pubblicitari provocano esattamente l opposto: distruggono il patrimonio di un marchio. I divieti pubblicitari ostacolano l innovazione L innovazione può essere considerata il carburante di una sana economia: meno ne giunge sul mercato, più il motore della congiuntura perde colpi. Le imprese vengono motivate ad investire in ricerca e sviluppo solo quando vedono la possibilità di buone rendite, che a loro volta si possono realizzare quando l innovazione può essere divulgata e diffusa sul mercato e, cioè, tramite il marketing e la pubblicità, con un attiva comunicazione ed informazione. I divieti pubblicitari impedirebbero tutto questo. SW_werbeverbote_I.indd :08:14 Uhr

5 5 I divieti pubblicitari minacciano i posti di lavoro In Svizzera il settore pubblicitario offre impiego in modo diretto o indiretto a circa 20'000 persone, tra le quali specialisti di imprese, agenzie e aziende mediatiche, grafici, redattori pubblicitari e fotografi indipendenti, tipografi, programmatori e impiegati di società pubblicitarie e di affissioni, organizzazioni o cinema, che realizzano ogni anno un fatturato che supera i cinque miliardi di franchi svizzeri. Il settore pubblicitario garantisce a centinaia di famiglie i mezzi necessari per vivere e aiuta la comunità I divieti pubblicitari minacciano tali posti di lavoro e avrebbero conseguenze dannose per la nostra economia nazionale. I divieti pubblicitari non sono altro che soluzioni fittizie L integrità, la sicurezza e la salute personali sono di grandissimo valore, non v è dubbio. Le limitazioni e i divieti parziali (per esempio in relazione a razzismo, sessismo e violenza) sono sensati. Purtroppo però oggi i divieti pubblicitari vengono spacciati quali rimedi contro i problemi sociali che causano elevati costi politico-economici, tra cui le dipendenze da fumo e alcol, l indebitamento dei giovani adulti, l obesità o l inquinamento ambientale causato dagli autoveicoli. Riteniamo però che combattere questo tipo di problemi tramite disposizioni e restrizioni pubblicitarie sia del tutto inutile: i divieti pubblicitari corrispondono a soluzioni fittizie, per lo più politiche, che distolgono l attenzione dai problemi reali con l unico effetto di alleggerire la coscienza di chi li ha emanati. I divieti pubblicitari causano spese Chi è favorevole ai divieti pubblicitari dovrebbe essere consapevole del fatto che essi comportano spese aggiuntive. Al momento della loro entrata in vigore essi devono infatti essere sottoposti d ufficio a controlli per evitare inosservanze ed abusi. In caso di trasgressione vengono avviati procedimenti che causano ingenti costi. Fat- tore importante resta che i divieti impediscono al singolo cittadino di pensare ed agire in modo autonomo. Se lo stato giudica positivo questo tipo di atteggiamento la Commissione Svizzera per la Lealtà, che è sostenuta da una fondazione, invita persone ed imprese a tenere gli occhi ben aperti ed a denunciare comportamenti sleali. SW_werbeverbote_I.indd :08:16 Uhr

6 6 I DIVIETI PUBBLICITARI NON SONO LA SOLUZIONE AI PROBLEMI Non v è dubbio che il fumo e l abuso di alcolici siano tra i problemi sociali più pressanti. Le stesse industrie del tabacco e dell alcol riconoscono che proprio i giovani dovrebbero essere protetti nel miglior modo possibile dalle dipendenze. Al fine di raggiungere questo target in modo idoneo, la pubblicità di queste aziende non viene collocata in ambienti frequentati per lo più da bambini ed adolescenti, per esempio in occasione di eventi sportivi. La discussione politica attualmente in corso relativa alla revisione totale della legge sulla prevenzione e sull alcol pone il proprio accento su quali misure debbano essere introdotte proprio per la salvaguardia di questo target. Oltre alle questioni non poco controverse sulla salute, esistono anche ulteriori punti in sospeso ancora da chiarire. In primo luogo c è da chiedersi se il dibattito sui divieti pubblicitari non distolga l attenzione dai problemi reali. La pubblicità è il capro espiatorio Esempio: «Divieto...» Autoregolamentazione... Uno degli esempi di attualità che dimostra come si tenti di risolvere un problema della società complesso attraverso un divieto pubblicitario è l'indebitamento dei giovani. Secondo uno studio della Scuola universitaria professionale Nordwestschweiz (Svizzera Nord occidentale) condotto nel 2007, circa il 38% dei giovani della Svizzera tedesca tra i 18 ed i 24 anni hanno debiti insoluti, situazione senza dubbio preoccupante. Anche qui si pone in modo esemplare la questione se un divieto della pubblicità sul piccolo credito o sui crediti al consumo conduca realmente alla meta e aiuti a ridurre l indebitamento. La realtà è che appena il 4,4% dei giovani posseggono comunemente un piccolo credito, la tendenza è al ribasso. Non c è nulla di cui sorprendersi: dal 2003 in Svizzera vige una delle leggi più severe di tutta Europa sul credito al consumo. I giovani adulti infatti, ottengono un credito solo se dimostrano di essere in grado di poterselo permettere. Da contemplare sono comunque i debiti in aumento nei confronti della propria famiglia, le spese eccessive per vestiti, gioielli e cosmetici e l utilizzo dell e-commerce in modo inadeguato. Un divieto pubblicitario non può quindi essere efficace. Gli stessi centri di consulenza in materia di debiti della Caritas mettono in dubbio che un divieto totale possa aver senso. Bisogna tenere presente che in questo modo l informazione del consumatore non migliorerebbe affatto. Molto più sensate dei divieti o di una costosa burocratizzazione sono le autoregolamentazioni volontarie da parte di associazioni e organizzazioni di settore. Ad esempio, relative all iniziativa «Divieto della pubblicità sul piccolo credito». l'associazione svizzera delle banche di credito e degli istituti di finanziamento (VSKF) ha presentato una proposta per regolamentare autonomamente la pubblicità e vietare alcuni messaggi pubblicitari. In tale contesto uno dei modelli che dimostra come la responsabilità e l iniziativa individuale possano funzionare in modo efficace, lasciando ampio spazio a tutti gli interessati, è quello dalla Commissione Svizzera per la Lealtà nella comunicazione commerciale che ha quasi 50 anni. A livello europeo, la European Advertising Standards Alliance (EASA) vigila affinché la pubblicità sia leale e segua rigide direttive etiche. Svariati settori, come quello tessile, farmaceutico, del tabacco o dell alcol, invece si dichiarano a favore di un autoregolamentazione volontaria per affrontare i problemi sociali. Anche le iniziative EU Pledge, in particolare Swiss Pledge, vanno nella stessa direzione. Attraverso di esse le aziende leader del settore dei generi alimentari e delle bevande, come Coca-Cola, Kellogg, Mars, Nestlé, Unilever o Zweifel, si impegnano a non orientare la pubblicità verso i bambini al di sotto dei 12 anni. In nessun modo la comunicazione commerciale può essere considerata la responsabile del fumo o del consumo di alcolici. Le ragioni della prima sbronza o del primo tiro di sigaretta di un adolescente sono da ricercarsi altrove e non permettono di fare di tutta l erba un fascio. La pubblicità, in questa situazione tragica, è solo l ambasciatrice di una brutta notizia e rappresenta quindi il perfetto capro espiatorio. O come ha detto il pubblicista Karl Lüönd: «Di regola, i divieti pubblicitari non sono nient altro che degli ottimi alibi nel momento in cui lo stato e la società falliscono». Se i politici sono convinti della dannosità del fumo, sarebbe più onesto vietare in modo generale sigarette, sigari e pipe. Ma questo spaventa lo stato perché, ironia della sorte, esso sovvenziona tuttora la coltivazione del tabacco in Svizzera, ma anche perché è troppo grande il pericolo che si sviluppi un mercato nero lucrativo, che molti consumatori vengano spinti direttamente nell illegalità o che, venendo a mancare l imposta sul tabacco, si registrino sensibili perdite nei profitti dell AVS e dell AI. Tale impegno dimostra che l industria è pronta ad assumersi le proprie responsabilità. In tutti gli altri casi, il cittadino maggiorenne potrà decidere da sé. Ne consegue quindi, che i divieti pubblicitari non servono proprio a nulla. Peter Wanner, del Consiglio di Amministrazione AZ Medien, Membro del Consiglio di Amministrazione PS Pubblicità Svizzera Nessuna impresa mediatica, sia del settore cartaceo che elettronico, può esistere senza pubblicità. I divieti pubblicitari mettono direttamente in pericolo l indipendenza e la diversificazione dei media. Le conseguenze potrebbero essere pesanti. SW_werbeverbote_I.indd :08:17 Uhr

7 7 SW_werbeverbote_I.indd :08:20 Uhr

8 8 LEGGI E REGOLAMENTAZIONI Per farvi un idea dei divieti pubblicitari attualmente in vigore, dei dibattiti in corso relativi a possibili ulteriori limitazioni e delle misure di autoregolamentazione dell industria, consultate: Leggi e ordinanze svizzere Legislazione sull alcol (riforma totale) Ufficio federale della sanità pubblica bag.admin.ch Dipartimento federale delle finanze efd.admin.ch Ordinanza sulla pubblicità dei medicamenti (OPuM) Confederazione Svizzera admin.ch Ordinanza sull agricoltura biologica Confederazione Svizzera admin.ch Legge federale sulla prevenzione e sulla promozione della salute (Legge sulla prevenzione) Ufficio federale della sanità pubblica bag.admin.ch Legge federale sulla radiotelevisione Confederazione Svizzera admin.ch Legge federale contro la concorrenza sleale (LCSI) Segreteria di Stato dell economia (SECO) seco.admin.ch La pubblicità e l alcool una panoramica Regia federale degli alcool RFA eav.admin.ch Protezione dei dati e comunicazione commerciale Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT) edoeb.admin.ch Legge federale sulle derrate alimentari e gli oggetti d uso (Legge sulle derrate alimentari, LDerr) Confederazione Svizzera admin.ch Informazioni sulla pubblicità e la sponsorizzazione nella radiotelevisione Ufficio federale delle comunicazioni bakom.admin.ch Direttive europee Direttiva europea sul tabacco (revisione) europa.eu/health/tobacco/policy Libro verde sulle comunicazioni commerciali nel mercato interno eur-lex.europa.eu ICC (International Chamber of Commerce) Direttive in materia di pubblicità e marketing iccwbo.org/policy/marketing/codescentre.com Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle pratiche commerciali sleali eur-lex.europa.eu Iniziativa Aubert «Divieto pubblicitario sul piccolo credito» Parlamento svizzero parlamento.ch Ordinanza sull indicazione dei prezzi (OIP) Segreteria di Stato dell economia (SECO) seco.admin.ch Ordinanza del DATEC concernente le indicazioni dell etichetta Energia per le automobili nuove (OEEA) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni uvek.admin.ch Ruedi Noser, Imprenditore e Consigliere nazionale La pubblicità genera ordini annui per oltre quattro miliardi di franchi ed è da considerarsi per questa ragione un importante fattore economico e politico. Aiuta inoltre a garantire la libertà dei media fondamentali per la nostra democrazia e per la diversità delle opinioni. I divieti pubblicitari sono dunque da mantenersi ad un minimo indispensabile. SW_werbeverbote_I.indd :08:21 Uhr

9 9 Autoregolamentazioni e associazioni European Advertising Standards Alliance (EASA) easa-alliance.org EU Pledge eu-pledge.eu European Alcohol Policy Alliance (EAPA) eurocare.org International Center for Alcohol Policies (ICAP) icap.org SW_werbeverbote_I.indd 9 Commissione Svizzera per la Lealtà lauterkeit.ch/faire-werbung.ch Codice d onore dell Associazione svizzera di Direct Marketing (SDV) sdv-konsumenteninfo.ch/selbstregulierung/ Swiss Pledge swiss-pledge.ch Accordo Swiss Cigarette Commissione Svizzera per la Lealtà Associazione Swiss Cigarette swiss-cigarette.ch Codice di comportamento dell industria farmaceutica scienceindustries, Associazione svizzera del commercio chimico, farmaceutico e biotecnologico sgci.ch Codice di comportamento dell industria dell alcol PS Pubblicità Svizzera/lealtà sw-ps.ch World Federation of Advertiser wfanet.org Troverete una lista completa dei divieti pubblicitari in vigore ed in elaborazione all indirizzo web sw-ps.ch alla voce «Divieti pubblicitari» :08:23 Uhr

10 10 IN OGNI CASO CONTATE SULLA COMMISSIONE SVIZZERA PER LA LEALTÀ Quando la comunicazione commerciale (pubblicità, Public Relations, Direct Marketing, sponsorizzazione) supera i limiti senza curarsi delle regole della lealtà, entra in gioco la Commissione Svizzera per la Lealtà (SLK) che, se necessario anche col sostegno dei media, anziché imporre divieti, dal 1966 cerca di impedire la pubblicità sleale senza conseguenze penali. Gli attori attivi nel settore quali committenti pubblicitari (imprese), media, agenzie pubblicitarie e organizzazioni dei consumatori, sono rappresentate in modo paritetico al fine di assicurare decisioni imparziali, equilibrate e non legate ad interessi di parte. La CSL svolge il proprio compito basandosi sulla legislazione svizzera e sulle direttive della Camera di commercio internazionale (ICC). Negli ultimi 45 anni molte infrazioni sarebbero rimaste impunite se il settore pubblicitario non fosse intervenuto tramite la propria autoregolamentazione: nel 2011 ben più di 400 volte. Questo sta a dimostrazione che i consumatori fanno uso dei propri diritti e che la Commissione Svizzera per la Lealtà dà un contributo sostanziale alla tutela dei consumatori. Commissione Svizzera per la Lealtà : CN Christine Bulliard-Marbach Segretario: Dr. Marc Schwenninger Kappelergasse 14 Casella postale Zurigo Tel Fax lauterkeit.ch Christine Bulliard-Marbach, Consigliera nazionale, Commissione Svizzera per la Lealtà Durante ogni competizione si commettono infrazioni alle regole. I falli di gioco vengono puniti dall arbitro, nell ambito pubblicitario la Commissione Svizzera per la Lealtà e si impegna affinché si competa con strumenti corretti. SW_werbeverbote_I.indd :08:26 Uhr

11 11 I PROMOTORI La presente pubblicazione è stata promossa dalle seguenti personalità e organizzazioni: ASW Alleanza Svizzera delle Agenzie Pubblicitarie Michael Waldvogel Breitestrasse Wallisellen asw.ch AWS Pubblicità esterna svizzera Dr. Daniel Hofer Giesshübelstrasse Zurigo aussenwerbung-schweiz.ch bsw swiss leading agencies Nadine Borter Konradstrasse Zurigo bsw.ch SWA Utenti Svizzeri Pubblicità Roger Harlacher Löwenstrasse 55 Casella postale Zurigo swa-asa.ch Stampa Svizzera Hanspeter Lebrument Konradstrasse 14 Casella postale Zurigo schweizermedien.ch VSW Associazione delle società pubblicitarie Hans-Peter Rohner Avenue Mon-Repos Losanna vsw-assp.ch PS Pubblicità Svizzera Filippo Lombardi Consigliere agli Stati Kappelergasse 14 Casella postale Zurigo sw-ps.ch Frank Bodin, e CEO Euro RSCG Zurigo/Ginevra, Membro del Consiglio di amministrazione PS Pubblicità Svizzera La pubblicità crea marche e ne aumenta costantemente il valore. Solo la pubblicità riesce a fissare in modo persistente una marca nelle menti e nei cuori dei consumatori creando direttamente un valore aggiunto, emozionale e commerciale. I divieti pubblicitari distruggono intenzionalmente questa inestimabile risorsa. SW_werbeverbote_I.indd :08:26 Uhr

12 Organizzazione mantello della comunicazione commerciale Kappelergasse 14 Casella postale Zurigo Tel Fax sw-ps.ch Colophon Responsabile generale Ursula Gamper, PS Pubblicità Svizzera, Zurigo Responsabile Svizzera italiana Maria Luisa Bernini, PS Pubblicità Svizzera, Lugano Consulenza legale Dr. Marc Schwenninger, Dübendorf Progettazione e redazione Thomas Meier, Meier: Kommunikation AG, Zurigo Realizzazione idfx AG, Agenzia pubblicitaria ASW, Wädenswil Campagna «Senza pubblicità» Philippe Skrabal, Direttore creativo esecutivo Wirz Werbung, Zurigo Traduzione Swiss Communication Agency, Lugano Stampa Pression Ferrari, Zurigo PS Pubblicità Svizzera, Zurigo SW_werbeverbote_I.indd :08:27 Uhr

3La pubblicità è il motore dell economia. I. 3Le restrizioni pubblicitarie devono essere. 3La responsabilità individuale e

3La pubblicità è il motore dell economia. I. 3Le restrizioni pubblicitarie devono essere. 3La responsabilità individuale e Prevenzione o censura? I divieti pubblicitari ostacolano la concorrenza dossierpolitica 29 maggio 2015 Numero 7 Restrizioni pubblicitarie Senza pubblicità, nessuna economia di mercato. La comunicazione

Dettagli

Procedura di consultazione riguardante l avamprogetto della nuova legge federale sui prodotti del tabacco (LPTab)

Procedura di consultazione riguardante l avamprogetto della nuova legge federale sui prodotti del tabacco (LPTab) Ufficio federale della sanità pubblica Unità di direzione protezione dei consumatori Schwarzenburgstrasse 165 3003 Berna Tramite e-mail a: dm@bag.admin.ch; tabak@bag.admin.ch Zurigo, Procedura di consultazione

Dettagli

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica 24 agosto 2009 Numero 20 Legge sull aiuto alle scuole universitarie La legge federale sull aiuto alle scuole universitarie

Dettagli

Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili!

Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili! Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili! Argomentario per il mantenimento in vigore della «Comunicazione riguardante gli accordi verticali nel settore del commercio

Dettagli

Il contributo decisivo per una pubblicità corretta. Basi, perizie e attività della Commissione svizzera per la lealtà

Il contributo decisivo per una pubblicità corretta. Basi, perizie e attività della Commissione svizzera per la lealtà Il contributo decisivo per una pubblicità corretta Basi, perizie e attività della Commissione svizzera per la lealtà Sommario «Non è opportuno intervenire a livello legislativo laddove l autoregolamentazione

Dettagli

Legge federale sul commercio di bevande alcoliche (Legge sul commercio dell alcol, LCAlc)

Legge federale sul commercio di bevande alcoliche (Legge sul commercio dell alcol, LCAlc) Legge federale sul commercio di bevande alcoliche (Legge sul commercio dell alcol, LCAlc) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95 capoverso 1, 105 e 118 capoverso

Dettagli

Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili

Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili Consulenti in proprietà intellettuale dal 1882 INDICE - PREMESSA Gli obiettivi di questo ebook - CONTESTO I numeri del fenomeno

Dettagli

IMPORTAZIONI PARALLELE Protezione dei brevetti o concorrenza?

IMPORTAZIONI PARALLELE Protezione dei brevetti o concorrenza? Retroscena Il caso La catena di vendita al dettaglio Jumbo è stata accusata da Kodak di importare direttamente dalla Gran Bretagna pellicole a colori e macchine fotografiche usa e getta brevettate. Kodak

Dettagli

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare 08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare ARGUMENTI PRO ARGOMENTI PRO L AVVOCATO DEGLI ANIMALI

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

CODICE ETICO Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine, Sede Secondaria Italiana

CODICE ETICO Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine, Sede Secondaria Italiana Società Svizzera d Assicurazione contro la Grandine, Sede Secondaria Italiana Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 21 febbraio 2007 PREMESSA Ai tempi della fondazione della Schweizerische

Dettagli

La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica

La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica 6 maggio 201 Numero 8 Politica industriale Dopo lo scoppio della crisi finanziaria, si rincorrono ripetutamente voci che affermano

Dettagli

Organo responsabile per l attestato professionale federale di redattrice di testi pubblicitari / redattore di testi pubblicitari

Organo responsabile per l attestato professionale federale di redattrice di testi pubblicitari / redattore di testi pubblicitari Organo responsabile per l attestato professionale federale di redattrice di testi pubblicitari / redattore di testi pubblicitari REGOLAMENTO D ESAME per l esame federale di professione per redattrice /

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Argomenti della lezione Il codice deontologico della Croce Rossa applicato alle emergenze: Il comportamento con i mass media Il rispetto

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE

Dettagli

Attenzione: necessità d intervento!

Attenzione: necessità d intervento! Attenzione: necessità d intervento! Le disposizioni sulla protezione degli animali devono essere applicate con coerenza La posizione dell animale all interno di un ordinamento giuridico rispecchia sempre

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Punto di critica principale: le nuove disposizioni di dichiarazione

Punto di critica principale: le nuove disposizioni di dichiarazione Comunicata stampa Pacchetto di ordinanze Largo di oltre 2 000 pagine per l applicazione della nuova Legge sulle derrate alimentari l UPSC ha inoltrato una presa di posizione di oltre 70 pagine Nuova valanga

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

PRINCIPI FERRERO SULLA PUBBLICITA E IL MARKETING

PRINCIPI FERRERO SULLA PUBBLICITA E IL MARKETING PRINCIPI FERRERO SULLA PUBBLICITA E IL MARKETING 1 Valori aziendali I valori fondamentali della nostra Azienda sono stati oggetto di revisione e pubblicazione nel 2010, nel nostro primo Rapporto sulla

Dettagli

IL COMITATO GLOBALE PER LA CANNABIS CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI

IL COMITATO GLOBALE PER LA CANNABIS CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI ITALIAN IL COMITATO GLOBALE PER LA CANNABIS CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI MEMBRI:= ROBIN ROOM BENEDIKT FISCHER WAYNE HALL SIMON LENTON PETER REUTER AMANDA FEILDING `lmvofdeq=«=qeb=_b`hibvclrka^qflk=ommu=

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

RACCOMANDAZIONI POLITICHE DELLA CFIG

RACCOMANDAZIONI POLITICHE DELLA CFIG Titel Raccomandazioni politiche della CFIG Estratto dal Rapporto della Commissione federale per l infanzia e la gioventù "CRITICI O MANIPOLATI? I giovani e il consumo consapevole", Berna, ottobre 2014

Dettagli

sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco

sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco sustainable Codice di condotta del settore tessile e della moda tedesco Premessa Le aziende del settore tessile e della moda tedesco professano la propria responsabilità com-merciale a prescindere del

Dettagli

Regolamento d esame. per. l esame professionale superiore di responsabile della comunicazione. del. Pubblicato dall organo responsabile

Regolamento d esame. per. l esame professionale superiore di responsabile della comunicazione. del. Pubblicato dall organo responsabile Regolamento d esame per l esame professionale superiore di responsabile della comunicazione del Pubblicato dall organo responsabile Pubblicità Svizzera PS e Fédération romande de publicité et de communication

Dettagli

12.3983 n Mo. Consiglio nazionale (CPS-N). Applicazione coerente del decreto federale del 29 settembre 2011 concernente il rapporto sull esercito

12.3983 n Mo. Consiglio nazionale (CPS-N). Applicazione coerente del decreto federale del 29 settembre 2011 concernente il rapporto sull esercito Nationalrat Conseil national Consiglio nazionale Cussegl naziunal 12.3983 n Mo. Consiglio nazionale (CPS-N). Applicazione coerente del decreto federale del 29 settembre 2011 concernente il rapporto sull

Dettagli

Domande e risposte. «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte. Votazione popolare federale del 18 maggio 2003. In generale

Domande e risposte. «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte. Votazione popolare federale del 18 maggio 2003. In generale Votazione popolare federale del 18 maggio 2003 Domande e risposte «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte In generale Cosa chiede l iniziativa? Perché il Consiglio federale vuole mantenere il sistema

Dettagli

In dubbio per la libertà

In dubbio per la libertà Otto ragioni contro i divieti di pubblicità In dubbio per la libertà Un argomentario contro i divieti di pubblicità Zurigo, marzo 2005 La «comunicazione»: il capro espiatorio I divieti di pubblicità sono

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE COMITATO DI CONTROLLO DEL CODICE ETICO DENUNCIA DELLE VIOLAZIONI 2 3 3

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015

ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 ELEZIONI COMUNALI 31 maggio 2015 Vademecum della disciplina sulla par condicio e sull emissione dei MAG per le Radio e le Tv locali durante il periodo della campagna elettorale per le elezioni comunali

Dettagli

Progetto della Commissione di redazione per il voto finale

Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Decreto federale che approva e traspone nel diritto svizzero lo scambio di note tra la Svizzera e l Unione europea concernente il recepimento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO SEASTEMA

CODICE DI COMPORTAMENTO SEASTEMA CODICE DI COMPORTAMENTO SEASTEMA SEASTEMA è una società che si occupa di impostazione, progettazione, sviluppo e realizzazione di Sistemi di Automazione integrata nel campo della costruzione navale estesa

Dettagli

Codice Etico ANDI Codice etico Principi generali Norme di condotta Approvazione

Codice Etico ANDI Codice etico Principi generali Norme di condotta Approvazione Codice Etico ANDI Il Codice etico è la carta dei diritti e dei doveri che definisce la responsabilità di ogni associato. Il Codice indirizza gli Associati al rispetto dei valori fondanti della Associazione.

Dettagli

A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico

A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico Disposizioni generali Art. 1 - Il Tecnico Sanitario di Laboratorio

Dettagli

Valutazione della joint venture pianificata tra Swisscom, SRG e Ringier

Valutazione della joint venture pianificata tra Swisscom, SRG e Ringier Polynomics AG Valutazione della joint venture pianificata tra Swisscom, SRG e Ringier Un azienda parastatale con un nuovo modello commerciale per il mercato pubblicitario digitalizzato Patrick Zenhäusern

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO Lezione 16 12 maggio 2010 . IMBUTO PROMOZIONALE informazioni PUBBLICHE RELAZIONI No vendita, ma modificazione atteggiamento,

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE

Dettagli

INTERNATIONAL HOCKEY FEDERATION

INTERNATIONAL HOCKEY FEDERATION INTERNATIONAL HOCKEY FEDERATION NORMATIVA SUGLI EVENTI AUTORIZZATI E NON AUTORIZZATI Versione 2.0 Validità 1 Gennaio 2013 Sommario ARTICOLO 1 NATURA, SCOPO E FINALITA... 3 ARTICOLO 2 OBBLIGHI... 6 ARTICOLO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREANDREACRUCIANI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE INFORMAZIONI

Dettagli

Introduzione 3. Principi etici generali 4. Principi etici di comportamento 4. Norme di comportamento per le relazioni interne ed esterne 6

Introduzione 3. Principi etici generali 4. Principi etici di comportamento 4. Norme di comportamento per le relazioni interne ed esterne 6 Codice etico 1 Indice Introduzione 3 Principi etici generali 4 Principi etici di comportamento 4 Norme di comportamento per le relazioni interne ed esterne 6 Regole per l applicazione e per i casi di violazione

Dettagli

ACCORDO CON GLI ORGANIZZATORI DI MANIFESTAZIONI A FAVORE DI TELETHON

ACCORDO CON GLI ORGANIZZATORI DI MANIFESTAZIONI A FAVORE DI TELETHON ACCORDO CON GLI ORGANIZZATORI DI MANIFESTAZIONI A FAVORE DI TELETHON Introduzione all Accordo Grazie al formidabile lavoro che i volontari compiono di anno in anno, Telethon è diventato un vero e proprio

Dettagli

U N I V E R S I T À T E L E M A T I C A P E G A S O - C O D I C E E T I C O -

U N I V E R S I T À T E L E M A T I C A P E G A S O - C O D I C E E T I C O - U N I V E R S I T À T E L E M A T I C A P E G A S O - C O D I C E E T I C O - PREMESSA Pag. 3 1 IL RISPETTO RECIPROCO Pag. 3 2 FORMAZIONE ED AVANZAMENTO DI CARRIERA Pag. 4 3 SALUTE, SICUREZZA E AMBIENTE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Sfide politiche e voci di autocritica. Studio Swisscanto: casse pensioni svizzere 2007

COMUNICATO STAMPA. Sfide politiche e voci di autocritica. Studio Swisscanto: casse pensioni svizzere 2007 Swisscanto Asset Management SA COMUNICATO STAMPA Studio Swisscanto: casse pensioni svizzere 2007 Sfide politiche e voci di autocritica Zurigo, 26 settembre 2007 - Lo studio di Swisscanto "Casse pensioni

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 230 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori MANCONI, PIERONI, CARELLA, CORTIANA, DE LUCA Athos, RIPAMONTI, SARTO

Dettagli

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri,

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri, 00.050 Messaggio concernente una modifica della legge federale sull assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (nuove prescrizioni in materia di investimenti del Fondo di compensazione dell AVS)

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi dovranno conformarsi sotto tutti gli aspetti al testo

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle zone pubbliche di proprietà

Regolamento per l utilizzo delle zone pubbliche di proprietà Regolamento per l utilizzo delle zone pubbliche di proprietà delle FFS 1 Generalità... 2 1.1 Situazione iniziale, obiettivi... 2 1.2 Campo d applicazione... 2 1.3 Documenti preposti e connessi... 2 1.4

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA

Dettagli

2.7. Concetto di responsabilità, rapporto diritti-doveri

2.7. Concetto di responsabilità, rapporto diritti-doveri 2.7. Concetto di responsabilità, rapporto diritti-doveri Il tema dei diritti trova da sempre un punto di congiunzione con quello dei doveri. La Dichiarazione Universale dei diritti dell uomo, all art.29

Dettagli

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO

Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO Rev. 1 del 10.09.2014 CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE... 1 I. PRINCIPI GENERALI... 2 II. COMPORTAMENTO nella GESTIONE degli AFFARI... 3 A) Rapporti con i clienti.... 3 B) Rapporti con i fornitori....

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica

Associazione Sportiva Dilettantistica Ispirato al codice etico del CONI SOCIETA NAUTICA GRIGNANO Associazione Sportiva Dilettantistica Rev. Oggetto Approvazione Data 00 01 Modello Organizzativo ai sensi del SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. Destinatari...4

Dettagli

Ordinanza dell 11 dicembre 1978 sull indicazione dei prezzi (OIP)

Ordinanza dell 11 dicembre 1978 sull indicazione dei prezzi (OIP) Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Segreteria di Stato dell economia SECO Ordinanza dell 11 dicembre 1978 sull indicazione dei prezzi (OIP) Indicazione dei prezzi

Dettagli

Risanamento? Informativa per i membri dei Consigli di Fondazione del secondo pilastro

Risanamento? Informativa per i membri dei Consigli di Fondazione del secondo pilastro Risanamento? Informativa per i membri dei Consigli di Fondazione del secondo pilastro Colophon Redazione: Aldo Ferrari, Sabino Di Mambro Layout : Carole Lonati, Isabelle Laugery Editore: Sindacato Unia

Dettagli

Associazioni dei pazienti e aziende farmaceutiche insieme sul web

Associazioni dei pazienti e aziende farmaceutiche insieme sul web Associazioni dei pazienti e aziende farmaceutiche insieme sul web Il ruolo delle associazioni dei pazienti è di sostenere gli interessi di specifici gruppi di malati, diffondere tra la comunità scientifica

Dettagli

Terzo ciclo di valutazione. Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera

Terzo ciclo di valutazione. Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera Adozione: 20 giugno 2014 Pubblico Pubblicazione: 4 luglio 2014 Greco RC-III (2014) 14 Terzo ciclo di valutazione Rapporto intermedio di conformità sulla Svizzera «Incriminazioni (STE n. 173 e 191, PDC

Dettagli

La pubblicità è l anima del commercio, dovrebbe quindi sembrare naturale l utilizzo degli strumenti pubblicitari da parte di un libero professionista.

La pubblicità è l anima del commercio, dovrebbe quindi sembrare naturale l utilizzo degli strumenti pubblicitari da parte di un libero professionista. PROFESSIONE E PUBBLICITÀ PROFESSIONALE La pubblicità è l anima del commercio, dovrebbe quindi sembrare naturale l utilizzo degli strumenti pubblicitari da parte di un libero professionista. Tuttavia: >>

Dettagli

Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei)

Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei) 97.417 Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei) Rapporto della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale dell 8 maggio

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

Linee guida per la gestione del rischio nel settore beni culturali

Linee guida per la gestione del rischio nel settore beni culturali Linee guida per la gestione del rischio nel settore beni culturali Conservazione, cura e protezione di beni culturali La conservazione, a favore delle prossime generazioni, dei nostri beni culturali è

Dettagli

Terzo ciclo di valutazione

Terzo ciclo di valutazione INOFFICIAL TRANSLATION / TRADUCTION INOFICIELLE Adozione: 19 giugno 2015 Pubblico Pubblicazione: 17 agosto 2015 Greco RC-III (2015) 6 Rapporto intermedio Terzo ciclo di valutazione Secondo rapporto intermedio

Dettagli

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno.

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. 4. I rapporti con i Dipendenti e con i Collaboratori.

Dettagli

Argomentario Contro 13.079. Dokumentation Documentation Documentazione. Per una cassa malati pubblica. Iniziativa popolare. Biblioteca del Parlamento

Argomentario Contro 13.079. Dokumentation Documentation Documentazione. Per una cassa malati pubblica. Iniziativa popolare. Biblioteca del Parlamento Servetschs dal parlament Argomentario Contro 13.079 Per una cassa malati pubblica. Iniziativa popolare Vo t a z i o n e p o p o l a re d e l 2 8. 0 9. 2 0 1 4 Biblioteca del Parlamento Servizi del Parlamento

Dettagli

GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA

GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA I II III PREMESSA PRINCIPI APPLICAZIONE 1 I. PREMESSA Il Gruppo LVMH ( LVMH ) intende essere il leader indiscusso nel settore dei beni di lusso. Il suo sviluppo e il suo

Dettagli

Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma

Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma Via Orrea, 23 00123 Roma Tel. 063037022 - fax o630436063 Staffetta 4 x 100 misti tutti in gara per la Cittadinanza, Costituzione, Salute e Sicurezza! L importante non

Dettagli

CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia

CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia CODICE ETICO dell Università degli Studi di Brescia (approvato dal Senato Accademico nella seduta del 17 maggio 2011) Preambolo 1. L Università degli Studi di Brescia (d ora innanzi Università) consapevole

Dettagli

La formazione dei capi intermedi (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs)

La formazione dei capi intermedi (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs) La formazione dei capi intermedi (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs) La formazione dedicata alle figure professionali che ricoprono

Dettagli

Maggiore sicurezza e libertà di viaggiare con i passaporti biometrici

Maggiore sicurezza e libertà di viaggiare con i passaporti biometrici Maggiore sicurezza e libertà di viaggiare con i Ovunque nel mondo gli Stati introducono passaporti moderni, che contengono più dati biometrici e possono essere letti dalle macchine. Ciò permette di meglio

Dettagli

Indice. 1. Definizione. 2. Valori. 3. Principi. 4. Doveri comportamentali. 5. Doveri di riservatezza. 6. Doveri di competenza

Indice. 1. Definizione. 2. Valori. 3. Principi. 4. Doveri comportamentali. 5. Doveri di riservatezza. 6. Doveri di competenza Indice 1. Definizione 2. Valori 3. Principi 4. Doveri comportamentali 5. Doveri di riservatezza 6. Doveri di competenza 7. Rapporti con i Clienti 8. Atteggiamento verso i Concorrenti 9. Atteggiamenti da

Dettagli

Rete svizzera per la prevenzione degli abusi sessuali nei confronti dei bambini e degli adolescenti

Rete svizzera per la prevenzione degli abusi sessuali nei confronti dei bambini e degli adolescenti Comunicato stampa Berna, 22 maggio 2007 Embargo: 22 maggio 2007 Unire le forze La piattaforma trilingue www.ditelo.ch è ora attiva! Rete svizzera per la prevenzione degli abusi sessuali nei confronti dei

Dettagli

Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco

Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco Premessa Noi, i giovani d Europa, siamo profondamente preoccupati dall impatto che il fumo e il fumo passivo hanno sull individuo. Tenendo presente che

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE DI PREVIDENZA SSO PER L ANNO 2005

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE DI PREVIDENZA SSO PER L ANNO 2005 RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE DI PREVIDENZA SSO PER L ANNO 2005 RAPPORTO ANNUALE L anno 2005 è stato per il consiglio di fondazione all insegna di discussioni di principio e della pianificazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica

rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica prefazione, del presidente del consiglio di fondazione Siamo lieti di potervi consegnare anche quest anno il rapporto aziendale della PV-PROMEA nella

Dettagli

IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE

IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE IL DIRITTO COMUNITARIO DELL AMBIENTE NELL EVOLUZIONE DEL TRATTATO UE Il Trattato di Roma del 1957 non conteneva alcuna esplicita menzione di competenze comunitarie nel settore ambientale. La crescente

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA PAGINA FACEBOOK COMUNALE

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA PAGINA FACEBOOK COMUNALE Citta di Vico Equense Provincia di Napoli DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA PAGINA FACEBOOK COMUNALE 1 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Principi Art. 3 - Gestione della pagina e pubblicazione degli atti

Dettagli

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ

DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ DOCUMENTO DI INDIRIZZO SULLA COMUNICAZIONE PUBBLICA IN SANITÀ 1. Premessa generale sulla comunicazione in Sanità 1.1 I diritti di salute e informazione La salute è un diritto fondamentale della persona

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Legge sulle borse, LBVM) 954.1 del 24 marzo 1995 (Stato 1 gennaio 2016) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale Contatti Servizi audiovisivi della Commissione Europea http://ec.europa.eu/avservices/home/index_en.cfm. Sito web sull agricoltura biologica della Commissione

Dettagli

Rilevazioni audiovisive

Rilevazioni audiovisive TRASCRIZIONE Nº 47 RADIO 3 SCIENZA ORE 11:30 DATA 14/11/2007 PIETRO GRECO (CONDUTTORE): E' dunque in discussione al Parlamento Europeo una proposta che è quella che gli esperti chiamano di pubblicità diretta

Dettagli

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ GIOVANI E ALCOL Dichiarazione ufficiale adottata a Stoccolma il 21 febbraio 2001 traduzione autorizzata del documento dell Organizzazione Mondiale della Sanità Ufficio

Dettagli

Notiziario settimanale 18-24 settembre 2000. Revoca di delibere comunali e ricorso al Garante. Trasmissione ÒGrande FratelloÓ

Notiziario settimanale 18-24 settembre 2000. Revoca di delibere comunali e ricorso al Garante. Trasmissione ÒGrande FratelloÓ Newsletter Notiziario settimanale Revoca di delibere comunali e ricorso al Garante Trasmissione ÒGrande FratelloÓ Dati trattati dallõarma dei Carabinieri Guardatevi da chi vuole farvi del bene 1 Newsletter

Dettagli

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare Sicurezza dell'alloggio per i pensionati ARGOMENTI PRO 10.060 Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO Argomenti-In breve Iniziativa Sicurezza dell alloggio per i pensionati in breve Occasione

Dettagli

Audizione Centri Media

Audizione Centri Media Audizione Centri Media LEVI introduce la riunione dichiarando che si è giunti a questa audizione sull esperienza delle precedenti: tutti gli interventi relativi alla pubblicità hanno citato i centri media

Dettagli

Commissione federale delle poste PostCom. Guida destinata ai fornitori di servizi postali soggetti all obbligo di notifica

Commissione federale delle poste PostCom. Guida destinata ai fornitori di servizi postali soggetti all obbligo di notifica Commissione federale delle poste PostCom Guida destinata ai fornitori di servizi postali soggetti all obbligo di notifica Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2013 1 INDICE I. Osservazioni generali 1. Panoramica

Dettagli

Modifica - dell ordinanza sul collocamento (OC) - dell ordinanza sugli emolumenti LC (OEm-LC) Commento alle singole disposizioni

Modifica - dell ordinanza sul collocamento (OC) - dell ordinanza sugli emolumenti LC (OEm-LC) Commento alle singole disposizioni - PAVV 23 ottobre 2013 Modifica - dell ordinanza sul collocamento (OC) - dell ordinanza sugli emolumenti LC (OEm-LC) Commento alle singole disposizioni 310/AVV_Revision_MD_Erläuterungen_I Ordinanza sul

Dettagli

Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali. Anna Catasta. Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010

Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali. Anna Catasta. Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010 MICOMUNICO COMUNICAZIONE DI GENERE NELLA PROVINCIA DI MILANO Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali Anna Catasta Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010 1

Dettagli