STOP AI DIVIETI PUBBLICITARI! Perché i divieti pubblicitari non risolvono i problemi della società

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STOP AI DIVIETI PUBBLICITARI! Perché i divieti pubblicitari non risolvono i problemi della società"

Transcript

1 STOP AI DIVIETI PUBBLICITARI! Perché i divieti pubblicitari non risolvono i problemi della società SW_werbeverbote_I.indd :08:11 Uhr

2 2 Solo una comunicazione libera garantisce un mercato libero, solo un mercato libero garantisce la democrazia. INDICE I molteplici aspetti positivi della pubblicità 3 e quelli negativi del suo divieto 4 I divieti pubblicitari non sono la soluzione al problema 6 Leggi e regolamentazioni 8 Per ogni evenienza c è la Commissione Svizzera per la Lealtà 10 I promotori 11 Filippo Lombardi, Consigliere agli Stati, PS Pubblicità Svizzera PS Pubblicità Svizzera, l organizzazione mantello della comunicazione commerciale, rivendica condizioni quadro liberali per la comunicazione commerciale e deplora le iniziative atte a vietare la pubblicità. Proprio come dice il proverbio: chi non può picchiare l'asilo picchia la sella. SW_werbeverbote_I.indd :08:11 Uhr

3 3 I MOLTEPLICI ASPETTI POSITIVI DELLA PUBBLICITÀ Sempre più spesso i politici, preoccupati per la salute pubblica, credono di dover risolvere i problemi della società, come ad esempio la dipendenza dal tabacco, dall alcol o dall obesità, con divieti pubblicitari. Nella maggior parte dei casi, tale rimedio si rivela del tutto inutile. I divieti pubblicitari sono poco efficaci, mancano il bersaglio e, purtroppo, causano spesso danni. Che i divieti siano considerati ugualmente rimedi universali dipende certamente dal fatto che è più semplice dire no o esprime- re un divieto che discutere in modo costruttivo. Da un punto di vista imparziale, sono pochi gli aspetti negativi della pubblicità, mentre molti sono quelli positivi. Ed è quello che desideriamo presentare a mezzo di questa pubblicazione. Noi diciamo sì alla pubblicità perché In uno stato di diritto non sussiste alcun ragionevole motivo per limitare o vietare del tutto la pubblicità di un prodotto o di un servizio fintantoché esso può essere acquistato legalmente sul mercato. Sarebbe invero molto più onesto vietare il prodotto o il servizio stesso se ritenuto dannoso per il consumatore. Spesso però manca il coraggio di farlo. I presidenti di: trasmette ai consumatori informazioni importanti su prodotti e servizi, su imprese e organizzazioni offre un valido aiuto all orientamento in un mondo sempre più complesso ed in trasformazione garantisce media liberi ed indipendenti (due pilastri della democrazia) è parte integrante della libertà economica e della libertà d'espressione, imprescindibili diritti di ogni impresa che non possono essere limitati senza un valido motivo rappresenta un importante fattore economico che produce un fatturato annuo superiore ai cinque miliardi di franchi svizzeri. SW_werbeverbote_I.indd 3 La pubblicità in quanto tale è vecchia come l umanità. Da sempre l essere umano cerca di attirare l'attenzione e l'interesse di qualcun altro oppure di conquistare un impiego, dei voti e non da ultimi i sentimenti. Neppure nel regno animale le cose funzionano in modo diverso. In una società come la nostra, basata sulla suddivisione del lavoro, possiamo affermare scherzosamente che abbiamo addirittura affidato la ricerca dell anima gemella al World Wide Web. Non dovremmo tuttavia denigrare i benefici della comunicazione commerciale. Essa ha troppi lati positivi per essere limitata in modo precipitoso. Di questo siamo fermamente convinti. - ASW Alleanza Svizzera delle Agenzie Pubblicitarie, Michael Waldvogel - AWS Pubblicità esterna svizzera, Dr. Daniel Hofer - bsw swiss leading agencies, Nadine Borter - PS Pubblicità Svizzera, Filippo Lombardi, Consigliere agli Stati - SWA Utenti Svizzeri Pubblicità, Roger Harlacher - Stampa Svizzera, Hanspeter Lebrument - VSW Associazione delle società pubblicitarie, Hans-Peter Rohner P. S.: Riconosciamo che la pubblicità non può tutto e che deve osservare regole di lealtà e decenza. A questo scopo è fondamentale il contributo della Commissione Svizzera per la Lealtà che offre i suoi servizi in modo indipendente, incorruttibile ed in modo paritetico dal :08:13 Uhr

4 4 E ALTRETTANTI QUELLI NEGATIVI DEL suo DIVIETO I divieti pubblicitari ostacolano l informazione La pubblicità ci informa dell entrata sul mercato di un nuovo prodotto o di un nuovo servizio; ci spiega quali vantaggi ne ricaviamo; ci permette di confrontare prezzi e prestazioni. In breve, ci indica la strada nella pressoché infinita molteplicità delle offerte, siano esse commerciali, ideali, sociali o politiche. Per questo la comunicazione commerciale è uno strumento di informazione e responsabilizzazione del cittadino. I divieti pubblicitari agiscono esattamente nella direzione opposta. I divieti pubblicitari mettono in pericolo la libertà dei media La pubblicità può essere considerata uno dei pilastri principali della democrazia in quanto grazie ad essa possono essere garantiti media liberi ed indipendenti. Senza pubblicità, giornali e riviste, radio e televisione, internet e manifestazioni dipenderebbero sempre più da sussidi statali per sopravvivere. Le conseguenze? Dipendenza, mancanza di libertà e, addirittura, censura. I divieti pubblicitari mettono direttamente in pericolo l indipendenza e la libertà dei media ed indirettamente anche la nostra democrazia. Roger Harlacher, Direttore Marketing und Verkauf, Zweifel Pomy-Chips AG Per ogni impresa orientata all economia di mercato il pubblicizzare prodotti e servizi senza limitazioni e secondo le proprie idee è da considerate un fattore competitivo decisivo. I divieti pubblicitari limitano inutilmente tale fattore. I divieti pubblicitari contrastano con un economia libera La pubblicità è parte integrante della libertà dell economia che protegge ogni attività privata dalle limitazioni ingiustificate dello stato. La libertà dell economia è, attenzione, un diritto fondamentale svizzero che può essere violato solo se prevale sull interesse pubblico, situazione che accade solo di rado. I divieti pubblicitari contrastano spesso con il diritto costituzionalmente garantito ad un impresa. I divieti pubblicitari distruggono il patrimonio di un marchio Il gustare un buon pezzo di formaggio Appenzeller, uno squisito cioccolato Toblerone o croccanti patatine Zweifel appena sfornate è, come sempre, il miglior argomento per ognuno di questi ottimi prodotti. Ma soltanto una comunicazione continua, attendibile e orientata al cliente li ha resi uno dei venti marchi più forti e quindi più pregiati della Svizzera. Solo la pubblicità riesce a fissare in modo duraturo un marchio nelle menti e nei cuori dei consumatori creando così un valore aggiunto, emozionale e commerciale. I divieti pubblicitari provocano esattamente l opposto: distruggono il patrimonio di un marchio. I divieti pubblicitari ostacolano l innovazione L innovazione può essere considerata il carburante di una sana economia: meno ne giunge sul mercato, più il motore della congiuntura perde colpi. Le imprese vengono motivate ad investire in ricerca e sviluppo solo quando vedono la possibilità di buone rendite, che a loro volta si possono realizzare quando l innovazione può essere divulgata e diffusa sul mercato e, cioè, tramite il marketing e la pubblicità, con un attiva comunicazione ed informazione. I divieti pubblicitari impedirebbero tutto questo. SW_werbeverbote_I.indd :08:14 Uhr

5 5 I divieti pubblicitari minacciano i posti di lavoro In Svizzera il settore pubblicitario offre impiego in modo diretto o indiretto a circa 20'000 persone, tra le quali specialisti di imprese, agenzie e aziende mediatiche, grafici, redattori pubblicitari e fotografi indipendenti, tipografi, programmatori e impiegati di società pubblicitarie e di affissioni, organizzazioni o cinema, che realizzano ogni anno un fatturato che supera i cinque miliardi di franchi svizzeri. Il settore pubblicitario garantisce a centinaia di famiglie i mezzi necessari per vivere e aiuta la comunità I divieti pubblicitari minacciano tali posti di lavoro e avrebbero conseguenze dannose per la nostra economia nazionale. I divieti pubblicitari non sono altro che soluzioni fittizie L integrità, la sicurezza e la salute personali sono di grandissimo valore, non v è dubbio. Le limitazioni e i divieti parziali (per esempio in relazione a razzismo, sessismo e violenza) sono sensati. Purtroppo però oggi i divieti pubblicitari vengono spacciati quali rimedi contro i problemi sociali che causano elevati costi politico-economici, tra cui le dipendenze da fumo e alcol, l indebitamento dei giovani adulti, l obesità o l inquinamento ambientale causato dagli autoveicoli. Riteniamo però che combattere questo tipo di problemi tramite disposizioni e restrizioni pubblicitarie sia del tutto inutile: i divieti pubblicitari corrispondono a soluzioni fittizie, per lo più politiche, che distolgono l attenzione dai problemi reali con l unico effetto di alleggerire la coscienza di chi li ha emanati. I divieti pubblicitari causano spese Chi è favorevole ai divieti pubblicitari dovrebbe essere consapevole del fatto che essi comportano spese aggiuntive. Al momento della loro entrata in vigore essi devono infatti essere sottoposti d ufficio a controlli per evitare inosservanze ed abusi. In caso di trasgressione vengono avviati procedimenti che causano ingenti costi. Fat- tore importante resta che i divieti impediscono al singolo cittadino di pensare ed agire in modo autonomo. Se lo stato giudica positivo questo tipo di atteggiamento la Commissione Svizzera per la Lealtà, che è sostenuta da una fondazione, invita persone ed imprese a tenere gli occhi ben aperti ed a denunciare comportamenti sleali. SW_werbeverbote_I.indd :08:16 Uhr

6 6 I DIVIETI PUBBLICITARI NON SONO LA SOLUZIONE AI PROBLEMI Non v è dubbio che il fumo e l abuso di alcolici siano tra i problemi sociali più pressanti. Le stesse industrie del tabacco e dell alcol riconoscono che proprio i giovani dovrebbero essere protetti nel miglior modo possibile dalle dipendenze. Al fine di raggiungere questo target in modo idoneo, la pubblicità di queste aziende non viene collocata in ambienti frequentati per lo più da bambini ed adolescenti, per esempio in occasione di eventi sportivi. La discussione politica attualmente in corso relativa alla revisione totale della legge sulla prevenzione e sull alcol pone il proprio accento su quali misure debbano essere introdotte proprio per la salvaguardia di questo target. Oltre alle questioni non poco controverse sulla salute, esistono anche ulteriori punti in sospeso ancora da chiarire. In primo luogo c è da chiedersi se il dibattito sui divieti pubblicitari non distolga l attenzione dai problemi reali. La pubblicità è il capro espiatorio Esempio: «Divieto...» Autoregolamentazione... Uno degli esempi di attualità che dimostra come si tenti di risolvere un problema della società complesso attraverso un divieto pubblicitario è l'indebitamento dei giovani. Secondo uno studio della Scuola universitaria professionale Nordwestschweiz (Svizzera Nord occidentale) condotto nel 2007, circa il 38% dei giovani della Svizzera tedesca tra i 18 ed i 24 anni hanno debiti insoluti, situazione senza dubbio preoccupante. Anche qui si pone in modo esemplare la questione se un divieto della pubblicità sul piccolo credito o sui crediti al consumo conduca realmente alla meta e aiuti a ridurre l indebitamento. La realtà è che appena il 4,4% dei giovani posseggono comunemente un piccolo credito, la tendenza è al ribasso. Non c è nulla di cui sorprendersi: dal 2003 in Svizzera vige una delle leggi più severe di tutta Europa sul credito al consumo. I giovani adulti infatti, ottengono un credito solo se dimostrano di essere in grado di poterselo permettere. Da contemplare sono comunque i debiti in aumento nei confronti della propria famiglia, le spese eccessive per vestiti, gioielli e cosmetici e l utilizzo dell e-commerce in modo inadeguato. Un divieto pubblicitario non può quindi essere efficace. Gli stessi centri di consulenza in materia di debiti della Caritas mettono in dubbio che un divieto totale possa aver senso. Bisogna tenere presente che in questo modo l informazione del consumatore non migliorerebbe affatto. Molto più sensate dei divieti o di una costosa burocratizzazione sono le autoregolamentazioni volontarie da parte di associazioni e organizzazioni di settore. Ad esempio, relative all iniziativa «Divieto della pubblicità sul piccolo credito». l'associazione svizzera delle banche di credito e degli istituti di finanziamento (VSKF) ha presentato una proposta per regolamentare autonomamente la pubblicità e vietare alcuni messaggi pubblicitari. In tale contesto uno dei modelli che dimostra come la responsabilità e l iniziativa individuale possano funzionare in modo efficace, lasciando ampio spazio a tutti gli interessati, è quello dalla Commissione Svizzera per la Lealtà nella comunicazione commerciale che ha quasi 50 anni. A livello europeo, la European Advertising Standards Alliance (EASA) vigila affinché la pubblicità sia leale e segua rigide direttive etiche. Svariati settori, come quello tessile, farmaceutico, del tabacco o dell alcol, invece si dichiarano a favore di un autoregolamentazione volontaria per affrontare i problemi sociali. Anche le iniziative EU Pledge, in particolare Swiss Pledge, vanno nella stessa direzione. Attraverso di esse le aziende leader del settore dei generi alimentari e delle bevande, come Coca-Cola, Kellogg, Mars, Nestlé, Unilever o Zweifel, si impegnano a non orientare la pubblicità verso i bambini al di sotto dei 12 anni. In nessun modo la comunicazione commerciale può essere considerata la responsabile del fumo o del consumo di alcolici. Le ragioni della prima sbronza o del primo tiro di sigaretta di un adolescente sono da ricercarsi altrove e non permettono di fare di tutta l erba un fascio. La pubblicità, in questa situazione tragica, è solo l ambasciatrice di una brutta notizia e rappresenta quindi il perfetto capro espiatorio. O come ha detto il pubblicista Karl Lüönd: «Di regola, i divieti pubblicitari non sono nient altro che degli ottimi alibi nel momento in cui lo stato e la società falliscono». Se i politici sono convinti della dannosità del fumo, sarebbe più onesto vietare in modo generale sigarette, sigari e pipe. Ma questo spaventa lo stato perché, ironia della sorte, esso sovvenziona tuttora la coltivazione del tabacco in Svizzera, ma anche perché è troppo grande il pericolo che si sviluppi un mercato nero lucrativo, che molti consumatori vengano spinti direttamente nell illegalità o che, venendo a mancare l imposta sul tabacco, si registrino sensibili perdite nei profitti dell AVS e dell AI. Tale impegno dimostra che l industria è pronta ad assumersi le proprie responsabilità. In tutti gli altri casi, il cittadino maggiorenne potrà decidere da sé. Ne consegue quindi, che i divieti pubblicitari non servono proprio a nulla. Peter Wanner, del Consiglio di Amministrazione AZ Medien, Membro del Consiglio di Amministrazione PS Pubblicità Svizzera Nessuna impresa mediatica, sia del settore cartaceo che elettronico, può esistere senza pubblicità. I divieti pubblicitari mettono direttamente in pericolo l indipendenza e la diversificazione dei media. Le conseguenze potrebbero essere pesanti. SW_werbeverbote_I.indd :08:17 Uhr

7 7 SW_werbeverbote_I.indd :08:20 Uhr

8 8 LEGGI E REGOLAMENTAZIONI Per farvi un idea dei divieti pubblicitari attualmente in vigore, dei dibattiti in corso relativi a possibili ulteriori limitazioni e delle misure di autoregolamentazione dell industria, consultate: Leggi e ordinanze svizzere Legislazione sull alcol (riforma totale) Ufficio federale della sanità pubblica bag.admin.ch Dipartimento federale delle finanze efd.admin.ch Ordinanza sulla pubblicità dei medicamenti (OPuM) Confederazione Svizzera admin.ch Ordinanza sull agricoltura biologica Confederazione Svizzera admin.ch Legge federale sulla prevenzione e sulla promozione della salute (Legge sulla prevenzione) Ufficio federale della sanità pubblica bag.admin.ch Legge federale sulla radiotelevisione Confederazione Svizzera admin.ch Legge federale contro la concorrenza sleale (LCSI) Segreteria di Stato dell economia (SECO) seco.admin.ch La pubblicità e l alcool una panoramica Regia federale degli alcool RFA eav.admin.ch Protezione dei dati e comunicazione commerciale Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (IFPDT) edoeb.admin.ch Legge federale sulle derrate alimentari e gli oggetti d uso (Legge sulle derrate alimentari, LDerr) Confederazione Svizzera admin.ch Informazioni sulla pubblicità e la sponsorizzazione nella radiotelevisione Ufficio federale delle comunicazioni bakom.admin.ch Direttive europee Direttiva europea sul tabacco (revisione) europa.eu/health/tobacco/policy Libro verde sulle comunicazioni commerciali nel mercato interno eur-lex.europa.eu ICC (International Chamber of Commerce) Direttive in materia di pubblicità e marketing iccwbo.org/policy/marketing/codescentre.com Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle pratiche commerciali sleali eur-lex.europa.eu Iniziativa Aubert «Divieto pubblicitario sul piccolo credito» Parlamento svizzero parlamento.ch Ordinanza sull indicazione dei prezzi (OIP) Segreteria di Stato dell economia (SECO) seco.admin.ch Ordinanza del DATEC concernente le indicazioni dell etichetta Energia per le automobili nuove (OEEA) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni uvek.admin.ch Ruedi Noser, Imprenditore e Consigliere nazionale La pubblicità genera ordini annui per oltre quattro miliardi di franchi ed è da considerarsi per questa ragione un importante fattore economico e politico. Aiuta inoltre a garantire la libertà dei media fondamentali per la nostra democrazia e per la diversità delle opinioni. I divieti pubblicitari sono dunque da mantenersi ad un minimo indispensabile. SW_werbeverbote_I.indd :08:21 Uhr

9 9 Autoregolamentazioni e associazioni European Advertising Standards Alliance (EASA) easa-alliance.org EU Pledge eu-pledge.eu European Alcohol Policy Alliance (EAPA) eurocare.org International Center for Alcohol Policies (ICAP) icap.org SW_werbeverbote_I.indd 9 Commissione Svizzera per la Lealtà lauterkeit.ch/faire-werbung.ch Codice d onore dell Associazione svizzera di Direct Marketing (SDV) sdv-konsumenteninfo.ch/selbstregulierung/ Swiss Pledge swiss-pledge.ch Accordo Swiss Cigarette Commissione Svizzera per la Lealtà Associazione Swiss Cigarette swiss-cigarette.ch Codice di comportamento dell industria farmaceutica scienceindustries, Associazione svizzera del commercio chimico, farmaceutico e biotecnologico sgci.ch Codice di comportamento dell industria dell alcol PS Pubblicità Svizzera/lealtà sw-ps.ch World Federation of Advertiser wfanet.org Troverete una lista completa dei divieti pubblicitari in vigore ed in elaborazione all indirizzo web sw-ps.ch alla voce «Divieti pubblicitari» :08:23 Uhr

10 10 IN OGNI CASO CONTATE SULLA COMMISSIONE SVIZZERA PER LA LEALTÀ Quando la comunicazione commerciale (pubblicità, Public Relations, Direct Marketing, sponsorizzazione) supera i limiti senza curarsi delle regole della lealtà, entra in gioco la Commissione Svizzera per la Lealtà (SLK) che, se necessario anche col sostegno dei media, anziché imporre divieti, dal 1966 cerca di impedire la pubblicità sleale senza conseguenze penali. Gli attori attivi nel settore quali committenti pubblicitari (imprese), media, agenzie pubblicitarie e organizzazioni dei consumatori, sono rappresentate in modo paritetico al fine di assicurare decisioni imparziali, equilibrate e non legate ad interessi di parte. La CSL svolge il proprio compito basandosi sulla legislazione svizzera e sulle direttive della Camera di commercio internazionale (ICC). Negli ultimi 45 anni molte infrazioni sarebbero rimaste impunite se il settore pubblicitario non fosse intervenuto tramite la propria autoregolamentazione: nel 2011 ben più di 400 volte. Questo sta a dimostrazione che i consumatori fanno uso dei propri diritti e che la Commissione Svizzera per la Lealtà dà un contributo sostanziale alla tutela dei consumatori. Commissione Svizzera per la Lealtà : CN Christine Bulliard-Marbach Segretario: Dr. Marc Schwenninger Kappelergasse 14 Casella postale Zurigo Tel Fax lauterkeit.ch Christine Bulliard-Marbach, Consigliera nazionale, Commissione Svizzera per la Lealtà Durante ogni competizione si commettono infrazioni alle regole. I falli di gioco vengono puniti dall arbitro, nell ambito pubblicitario la Commissione Svizzera per la Lealtà e si impegna affinché si competa con strumenti corretti. SW_werbeverbote_I.indd :08:26 Uhr

11 11 I PROMOTORI La presente pubblicazione è stata promossa dalle seguenti personalità e organizzazioni: ASW Alleanza Svizzera delle Agenzie Pubblicitarie Michael Waldvogel Breitestrasse Wallisellen asw.ch AWS Pubblicità esterna svizzera Dr. Daniel Hofer Giesshübelstrasse Zurigo aussenwerbung-schweiz.ch bsw swiss leading agencies Nadine Borter Konradstrasse Zurigo bsw.ch SWA Utenti Svizzeri Pubblicità Roger Harlacher Löwenstrasse 55 Casella postale Zurigo swa-asa.ch Stampa Svizzera Hanspeter Lebrument Konradstrasse 14 Casella postale Zurigo schweizermedien.ch VSW Associazione delle società pubblicitarie Hans-Peter Rohner Avenue Mon-Repos Losanna vsw-assp.ch PS Pubblicità Svizzera Filippo Lombardi Consigliere agli Stati Kappelergasse 14 Casella postale Zurigo sw-ps.ch Frank Bodin, e CEO Euro RSCG Zurigo/Ginevra, Membro del Consiglio di amministrazione PS Pubblicità Svizzera La pubblicità crea marche e ne aumenta costantemente il valore. Solo la pubblicità riesce a fissare in modo persistente una marca nelle menti e nei cuori dei consumatori creando direttamente un valore aggiunto, emozionale e commerciale. I divieti pubblicitari distruggono intenzionalmente questa inestimabile risorsa. SW_werbeverbote_I.indd :08:26 Uhr

12 Organizzazione mantello della comunicazione commerciale Kappelergasse 14 Casella postale Zurigo Tel Fax sw-ps.ch Colophon Responsabile generale Ursula Gamper, PS Pubblicità Svizzera, Zurigo Responsabile Svizzera italiana Maria Luisa Bernini, PS Pubblicità Svizzera, Lugano Consulenza legale Dr. Marc Schwenninger, Dübendorf Progettazione e redazione Thomas Meier, Meier: Kommunikation AG, Zurigo Realizzazione idfx AG, Agenzia pubblicitaria ASW, Wädenswil Campagna «Senza pubblicità» Philippe Skrabal, Direttore creativo esecutivo Wirz Werbung, Zurigo Traduzione Swiss Communication Agency, Lugano Stampa Pression Ferrari, Zurigo PS Pubblicità Svizzera, Zurigo SW_werbeverbote_I.indd :08:27 Uhr

Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili

Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili Consulenti in proprietà intellettuale dal 1882 INDICE - PREMESSA Gli obiettivi di questo ebook - CONTESTO I numeri del fenomeno

Dettagli

IMPORTAZIONI PARALLELE Protezione dei brevetti o concorrenza?

IMPORTAZIONI PARALLELE Protezione dei brevetti o concorrenza? Retroscena Il caso La catena di vendita al dettaglio Jumbo è stata accusata da Kodak di importare direttamente dalla Gran Bretagna pellicole a colori e macchine fotografiche usa e getta brevettate. Kodak

Dettagli

rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica

rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica prefazione, del presidente del consiglio di fondazione Siamo lieti di potervi consegnare anche quest anno il rapporto aziendale della PV-PROMEA nella

Dettagli

3La pubblicità è il motore dell economia. I. 3Le restrizioni pubblicitarie devono essere. 3La responsabilità individuale e

3La pubblicità è il motore dell economia. I. 3Le restrizioni pubblicitarie devono essere. 3La responsabilità individuale e Prevenzione o censura? I divieti pubblicitari ostacolano la concorrenza dossierpolitica 29 maggio 2015 Numero 7 Restrizioni pubblicitarie Senza pubblicità, nessuna economia di mercato. La comunicazione

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Procedura di consultazione riguardante l avamprogetto della nuova legge federale sui prodotti del tabacco (LPTab)

Procedura di consultazione riguardante l avamprogetto della nuova legge federale sui prodotti del tabacco (LPTab) Ufficio federale della sanità pubblica Unità di direzione protezione dei consumatori Schwarzenburgstrasse 165 3003 Berna Tramite e-mail a: dm@bag.admin.ch; tabak@bag.admin.ch Zurigo, Procedura di consultazione

Dettagli

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014

N O W L G E F O R E D. Waste Watcher - Knowledge for Expo. Expo Milano Ottobre 2014 K N O W L E D G E F O R Waste Watcher - Knowledge for Expo Expo Milano Ottobre 2014 Waste Watcher 2014 / Knowledge for Expo L osservatorio sullo spreco domestico Waste Watcher è promosso da Last Minute

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

proposta di legge n. 348

proposta di legge n. 348 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 348 a iniziativa del Consigliere Sciapichetti presentata in data 11 luglio 2013 DISCIPLINA DELLE SALE DA GIOCO, LOTTA ALLE SCOMMESSE E AL GIOCO

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

20 Novembre 2014. Giornata Mondiale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza. In viaggio alla scoperta dei diritti delle bambine e dei bambini

20 Novembre 2014. Giornata Mondiale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza. In viaggio alla scoperta dei diritti delle bambine e dei bambini 20 Novembre 2014 Giornata Mondiale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza In viaggio alla scoperta dei diritti delle bambine e dei bambini 1989 1997 Diritto

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Argomenti della lezione Il codice deontologico della Croce Rossa applicato alle emergenze: Il comportamento con i mass media Il rispetto

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.GUERRINOSTYLE.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE

Dettagli

Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili!

Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili! Il settore svizzero dell automobile ha bisogno della Comunicazione Automobili! Argomentario per il mantenimento in vigore della «Comunicazione riguardante gli accordi verticali nel settore del commercio

Dettagli

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Nel giudicare l equità del trasferimento di risorse implicito nel finanziamento pubblico degli atenei va considerato

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

12.3983 n Mo. Consiglio nazionale (CPS-N). Applicazione coerente del decreto federale del 29 settembre 2011 concernente il rapporto sull esercito

12.3983 n Mo. Consiglio nazionale (CPS-N). Applicazione coerente del decreto federale del 29 settembre 2011 concernente il rapporto sull esercito Nationalrat Conseil national Consiglio nazionale Cussegl naziunal 12.3983 n Mo. Consiglio nazionale (CPS-N). Applicazione coerente del decreto federale del 29 settembre 2011 concernente il rapporto sull

Dettagli

Audizione Centri Media

Audizione Centri Media Audizione Centri Media LEVI introduce la riunione dichiarando che si è giunti a questa audizione sull esperienza delle precedenti: tutti gli interventi relativi alla pubblicità hanno citato i centri media

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco

Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco Premessa Noi, i giovani d Europa, siamo profondamente preoccupati dall impatto che il fumo e il fumo passivo hanno sull individuo. Tenendo presente che

Dettagli

RACCOMANDAZIONI POLITICHE DELLA CFIG

RACCOMANDAZIONI POLITICHE DELLA CFIG Titel Raccomandazioni politiche della CFIG Estratto dal Rapporto della Commissione federale per l infanzia e la gioventù "CRITICI O MANIPOLATI? I giovani e il consumo consapevole", Berna, ottobre 2014

Dettagli

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA,

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE, LA FORMAZIONE INTEGRATA, LA FORMAZIONE CONTINUA DI SERGIO TREVISANATO * * Segretario Regionale Formazione Lavoro - Regione Veneto Sergio Trevisanato

Dettagli

Svolge un attività indipendente? Consigli per accertare lo stato di indipendente

Svolge un attività indipendente? Consigli per accertare lo stato di indipendente Svolge un attività indipendente? Consigli per accertare lo stato di indipendente Non è sempre facile riconoscere a prima vista un attività indipendente Ha intenzione di mettersi in proprio? Assegna dei

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE DI PREVIDENZA SSO PER L ANNO 2005

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE DI PREVIDENZA SSO PER L ANNO 2005 RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE DI PREVIDENZA SSO PER L ANNO 2005 RAPPORTO ANNUALE L anno 2005 è stato per il consiglio di fondazione all insegna di discussioni di principio e della pianificazione

Dettagli

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica 24 agosto 2009 Numero 20 Legge sull aiuto alle scuole universitarie La legge federale sull aiuto alle scuole universitarie

Dettagli

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it Codice

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Strategia? La parola strategia è una di quelle che oggi si sentono più spesso sulla bocca di tutti, managers, consulenti, guru, ecc. Oggi è necessario avere una strategia, per essere più competitivi, per

Dettagli

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA Sommario: 1. Premessa. 2. Il modo di scelta per l affidamento del servizio. 3. I requisiti generali. 4. Le regole particolari per la partecipazione alle gare de quibus.

Dettagli

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di 1 Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di Milano a partecipare a questa GIORNATA INFORMATIVA dell Europa in provincia [?], e di congratularmi con

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. http://softwarelibero.it

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. <simo@softwarelibero.it> http://softwarelibero.it I brevetti software Una minaccia per il Software Libero Simo Sorce http://softwarelibero.it Perchè i brevetti sulle idee sono dannosi per lo sviluppo e la libera impresa Coypright

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare Sicurezza dell'alloggio per i pensionati ARGOMENTI PRO 10.060 Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO Argomenti-In breve Iniziativa Sicurezza dell alloggio per i pensionati in breve Occasione

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREANDREACRUCIANI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

- Sehr geehrte Damen und Herren - Mesdames, Messieurs - Gentili Signore, egregi Signori, - benvenuti alla conferenza stampa sul bilancio della Posta

- Sehr geehrte Damen und Herren - Mesdames, Messieurs - Gentili Signore, egregi Signori, - benvenuti alla conferenza stampa sul bilancio della Posta Intervento di Peter Hasler Presidente del Consiglio di amministrazione, La Posta Svizzera SA Conferenza stampa sul bilancio, 13 marzo 2014 FA FEDE IL TESTO EFFETTIVAMENTE PRONUNCIATO Lucido 1 Abbiamo posto

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport

Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport Codice di autoregolamentazione dell informazione sportiva denominato Codice media e sport PREAMBOLO Le emittenti televisive e radiofoniche e i fornitori di contenuti firmatari o aderenti alle associazioni

Dettagli

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE La promozione di un ristorante La promozione interna Si tratta delle strategie di vendita rivolte al cliente che è già «entrato» nel locale: Elaborazione di nuove proposte

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Può colpire anche voi

Può colpire anche voi Stop al Mobbing Può colpire anche voi Il mobbing può colpire chiunque: si può esserne vittima, spettatore passivo o complice involontario. Cos è il mobbing? Come evitare che si verifichino casi di mobbing?

Dettagli

Rilevazioni audiovisive

Rilevazioni audiovisive TRASCRIZIONE Nº 47 RADIO 3 SCIENZA ORE 11:30 DATA 14/11/2007 PIETRO GRECO (CONDUTTORE): E' dunque in discussione al Parlamento Europeo una proposta che è quella che gli esperti chiamano di pubblicità diretta

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Corporate Social Responsibility

Corporate Social Responsibility Corporate Social Responsibility Prof. Gianluca Colombo Professore Ordinario di Economia aziendale, all Università Svizzera Italiana e all Università degli Studi dell Insubria. MBCF. Il panorama delle imprese

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

Evoluzione della comunicazione pubblica

Evoluzione della comunicazione pubblica INTERVENTO DELLA PROF.SSA ELENA ESPOSITO DOCENTE DI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITA DI MO.RE Evoluzione della comunicazione pubblica RELAZIONE PRESENTATA IN OCCASIONE DEL CONVEGNO, PROMOSSO DALLA

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

Domande e risposte. «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte. Votazione popolare federale del 18 maggio 2003. In generale

Domande e risposte. «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte. Votazione popolare federale del 18 maggio 2003. In generale Votazione popolare federale del 18 maggio 2003 Domande e risposte «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte In generale Cosa chiede l iniziativa? Perché il Consiglio federale vuole mantenere il sistema

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

European Payment Index 2014. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2014. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2014 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Modulo 1 : Sviluppo dell Autostima Comunicazione Efficace Gestione delle emozioni Pensiero Positivo. www.oep3.com

Modulo 1 : Sviluppo dell Autostima Comunicazione Efficace Gestione delle emozioni Pensiero Positivo. www.oep3.com OEP3 - Orientamento Energetico Psicofisico Mi giudico Mi preoccupo Osservo i problemi Do potere alle situazioni Mi accetto Mi fido Cerco le soluzioni Do potere a me stesso Voglio aver ragione Voglio essere

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE

Dettagli

CODICE DI MARKETING DI JÄGERMEISTER

CODICE DI MARKETING DI JÄGERMEISTER CODICE DI MARKETING DI JÄGERMEISTER PREAMBOLO I liquori rappresentano una risorsa culturale e il loro consumo è una tradizione secolare: ogni giorno in tutto il mondo milioni di adulti ne fanno un uso

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici FoRAGS FORUM REGIONALE ASSOCIAZIONI GENITORI SCUOLA Rimettere

Dettagli

Legge federale sul commercio di bevande alcoliche (Legge sul commercio dell alcol, LCAlc)

Legge federale sul commercio di bevande alcoliche (Legge sul commercio dell alcol, LCAlc) Legge federale sul commercio di bevande alcoliche (Legge sul commercio dell alcol, LCAlc) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95 capoverso 1, 105 e 118 capoverso

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri,

00.050. del 5 giugno 2000. Onorevoli presidenti e consiglieri, 00.050 Messaggio concernente una modifica della legge federale sull assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (nuove prescrizioni in materia di investimenti del Fondo di compensazione dell AVS)

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CONSIGLIO D EUROPA 7^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Rodi, 13 15 maggio 1992 CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA Introduzione Interesse centrale del Codice Definizione del fair play

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Il primo approccio: la fase dell ingaggio

Il primo approccio: la fase dell ingaggio FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Diritto Pubblico 27100 PAVIA Viale Golgi, 19 La relazione terapeutica col paziente sovrappeso obeso: Il

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

Testo adottato dalla Conferenza Generale dell UNESCO nel corso della sua 32ª sessione svoltasi a Parigi e conclusasi il 17 ottobre 2003

Testo adottato dalla Conferenza Generale dell UNESCO nel corso della sua 32ª sessione svoltasi a Parigi e conclusasi il 17 ottobre 2003 CARTA SULLA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO DIGITALE Testo adottato dalla Conferenza Generale dell UNESCO nel corso della sua 32ª sessione svoltasi a Parigi e conclusasi il 17 ottobre 2003 Traduzione non

Dettagli

Rete svizzera per la prevenzione degli abusi sessuali nei confronti dei bambini e degli adolescenti

Rete svizzera per la prevenzione degli abusi sessuali nei confronti dei bambini e degli adolescenti Comunicato stampa Berna, 22 maggio 2007 Embargo: 22 maggio 2007 Unire le forze La piattaforma trilingue www.ditelo.ch è ora attiva! Rete svizzera per la prevenzione degli abusi sessuali nei confronti dei

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CULTURA AZIENDALE RITENIAMO CHE UNA FORTE CULTURA AZIENDALE COSTITUISCA UN ENORME VANTAGGIO CONCORRENZIALE. QUANDO PARLO DELLA CULTURA DELLA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

ACCORDO CON GLI ORGANIZZATORI DI MANIFESTAZIONI A FAVORE DI TELETHON

ACCORDO CON GLI ORGANIZZATORI DI MANIFESTAZIONI A FAVORE DI TELETHON ACCORDO CON GLI ORGANIZZATORI DI MANIFESTAZIONI A FAVORE DI TELETHON Introduzione all Accordo Grazie al formidabile lavoro che i volontari compiono di anno in anno, Telethon è diventato un vero e proprio

Dettagli

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno.

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. 4. I rapporti con i Dipendenti e con i Collaboratori.

Dettagli

Basi del Processo Decisionale con il Consenso

Basi del Processo Decisionale con il Consenso Basi del Processo Decisionale con il Consenso Questo documento è pensato per servire come introduzione al processo decisionale basato sul consenso per le comunità che stanno provando sul campo le proposte

Dettagli

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen PRUEBA DE ACCESO A LA 2012 Italiano BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR Examen Criterios de Corrección y Calificación Quest'esame ha due opzioni. Deve rispondere solo

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Per vivere serve coraggio

Per vivere serve coraggio Per vivere serve coraggio «Il successo non è mai definitivo, così come non lo sono le sconfitte. Ciò che conta è il coraggio di andare avanti.» La Suva è al vostro fianco Molti lavoratori sono esposti

Dettagli

Analisi e tecniche di gestione dei conflitti Metodi per facilitare le relazioni umane sul lavoro

Analisi e tecniche di gestione dei conflitti Metodi per facilitare le relazioni umane sul lavoro LAVORO Analisi e tecniche di gestione dei conflitti Daniela Piegai LAVORO Daniela Piegai Analisi e tecniche di gestione dei conflitti Metodi per facilitare le relazioni umane sul lavoro Analisi e tecniche

Dettagli

Punto di critica principale: le nuove disposizioni di dichiarazione

Punto di critica principale: le nuove disposizioni di dichiarazione Comunicata stampa Pacchetto di ordinanze Largo di oltre 2 000 pagine per l applicazione della nuova Legge sulle derrate alimentari l UPSC ha inoltrato una presa di posizione di oltre 70 pagine Nuova valanga

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE INFORMAZIONI

Dettagli

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante

Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante Publication: Key4Biz Tlc: la Ue pronta a rimuovere almeno un terzo dei mercati soggetti a regole exante La Reding ribadisce la necessità di un'authority europea e di un'agenzia Ue per lo spettro. La liberalizzazione

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

È fondamentale liberalizzare la società

È fondamentale liberalizzare la società È fondamentale liberalizzare la società NEL NOSTRO PAESE SI È PARLATO E SI PARLA ANCORA DI LIBERALIZZAZIONI. TUTTAVIA, CIÒ AVVIE- NE SOLO IN CAMPO ECONOMICO E CON RISULTATI POCO SODDISFACENTI. INFATTI,

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO (ricerca di mercato condotta da GPF e ISPO) 15 dicembre 2005 Mezzogiorno d Italia 2004 1/18 SCOPO DELL INDAGINE Analizzare presso la Business Community

Dettagli