PUBBLICITA ATL E BELOW-THE-LINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PUBBLICITA ATL E BELOW-THE-LINE"

Transcript

1 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 1 PUBBLICITA ATL E BELOW-THE-LINE Lezione 2

2 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 2 Brindisi alla pubblicità

3 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 3 Agenda Gli investimenti in pubblicità in Italia Pubblicità above e below-the-line Strumenti di BTL Il Packaging Il materiale promozionale Punto Vendita

4 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 4 GLI INVESTIMENTI IN PUBBLICITÀ

5 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 5 Gli investimenti in pubblicità Abbiamo visto che la pubblicità è quella forma di comunicazione a pagamento che avviene tramite mass media La pubblicità è sicuramente la forma di comunicazione più importante per le aziende commerciali Oltre alla pubblicità ci sono altri strumenti di comunicazione per l azienda: Direct (posta, , telefono) Sponsorizzazioni Eventi PR Packaging e punto vendita Ecc.

6 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 6 L advertising Gli addetti ai lavori distinguono: Pubblicità o ATL (above-the-line) la comunicazione a pagamento sui mass media Below-the-line (BTL) tutte le altre forme di comunicazione: Promozioni Direct PR/Eventi Sponsorizzazioni Internet non tabellare

7 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 7 La Pubblicità ATL è lo strumento di comunicazione di marketing per eccellenza In Italia, di tutti gli investimenti in comunicazione, la pubblicità assorbe il 47% del totale

8 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 8 Investimenti in ATL e BTL Totale investimenti in comunicazione in Europa (stima 2011): milioni di : ATL: 8,762 milioni di (47%) BTL: 9,880 milioni di (53%): PR Market research Direct & specialist (include la folderistica) Sponsorship and events non esistono fonti ufficiali in merito; sino a ca 4 anni fa UPA diramava dati al riguardo ma vista la l impossibilità di valutare il comparto BTL è stata abbandonata. Altra precisazione, riguarda l impossibilità di splittare la spesa per le singole voci. Stima MEC su dati Groupm a livello Europa

9 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 9 Trend investimenti ATL-BTL Secondo le stime condotte da Upa sulla spesa pubblicitaria delle aziende italiane, più del 50% viene allocato in altre iniziative di comunicazione quali: Direct response, Promozioni, Relazioni pubbliche, Sponsorizzazioni e Internet (non ADV). Il trend degli ultimi anni mostra una leggerissima tendenza alla crescita del below TOTALE INVESTIMENTI IN COMUNICAZIONE secondo UPA SUDDIVISIONE INVESTIMENTI BELOW THE LINE NEL % 50% 49,9% 50,6% 51,2% stima Above the line (+ Internet) Below the line TOTALE ANNO Fonte: UPA a Settembre 2008 (Valori in milioni di euro)

10 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 10 Advertising ATL La pubblicità Above-The-Line, o ATL è sinomino di pubblicità, così come la intendiamo abitualmente: quella pubblicata sui media. La pubblicità è quindi quella che si trova in: Televisione Stampa Quotidiana Periodica Affissione Radio Internet

11 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 11 PUBBLICITÀ IN CIFRE 2011 TOTALE ANNO ITALIA Investimenti pubblicitari in Italia Le prime 30 aziende per investimento pubblicitario nel TELECOM ITALIA FERRERO FIAT VODAFONE PROCTER & GAMBLE WIND L ORÉAL VOLKSWAGEN PEUGEOT - CITROEN UNILEVER BARILLA BOLTON RECKITT BENCKISER ENI PERFETTI FORD GENERAL MOTORS NESTLÉ DANONE SC JOHNSON SKY RENAULT LVMH KRAFT ENEL TOYOTA NISSAN MANETTI - ROBERTS H3G FATER Fonte: elaborazioni UPA su dati NMR ADEX

12 IN CIFRE Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 12 Investimenti per mezzo Andamento investimenti pubblicitari per mezzo, anno 2011 milioni quota % var % su 2010 Quotidiani a pagamento ,3% -5,8% Quotidiani free press 44 0,5% -42,9% Totale Quotidiani ,8% -7,7% Periodici ,0% -3,7% Tv generalista ,2% -3,3% Tv satellitari 365 4,6% 0,2% Totale televisione ,8% -3,1% Radio 434 5,4% -7,8% Affissione 117 1,5% -12% Cinema 47 0,6% -25,4% Internet Display 636 7,9% 12,3% Totale ,0% -3,5% Al momento viene stimata da nielsen solo la voce display per internet. Si ritiene che l intero fatturato di internet raddoppi se considerato anche il search, il che porterebbe la sua quota a oltre il 15%. Fonte: elaborazioni UPA su dati NMR ADEX

13 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella 13 Romagnoli Ma affronteremo i media più avanti

14 14 Parliamo invece oggi del Below-the-line

15 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 15 MA COSA È IL BTL?

16 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 16 BTL Abbiamo vesto che per below-the-line si intendono diversi strumenti di comunicazione d impresa. Lasciando perdere gli Eventi, le Sponsorizzazioni e le PR (che hanno diverse specificità come strumenti di comunicazione) ci concentriamo oggi sul BTL che riguarda: Il packaging di prodotto Il punto vendita Il materiale promozionale ed informativo Il direct (mail)

17 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 17 Il packaging

18 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 18 Packaging: definizione Il Packaging può essere inteso come processo e come oggetto Kotler lo definisce come l insieme delle attività volte a progettare e realizzare il contenitore o l involucro del prodotto Packaging = confezione

19 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 19 Packaging: definizione Il Packaging è anche inteso come una delle caratteristiche del prodotto necessarie alla produzione del mix composito di benefici funzionali e simbolici ricercati dall acquirente consumatore (Lambin) Il packaging è parte integrante del sistema prodotto con doppia natura: Oggettuale (protegge il prodotto, ne esalta le caratteristiche e lo mostra nella luce migliore) Comunicativa (si rivolge al consumetore e comunica con lui)

20 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 20 Packaging e Brand Image La confezione svolge un ruolo fondamentale nella comunicazione di marca poiché contribuisce in modo significativo allo sviluppo della Brand Image Nella fase di consumo il Packaging garantisce più di ogni altro medium la vicinanza tra la marca e il fruitore attraverso la realizzazione di una vera e propria esperienza della Brand

21 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 21 Packaging: i valori Materialità e immaterialità sono le due dimensioni complementari a fondamento del valore funzionale e simbolico della confezione Il valore del packaging può essere di diversi tipi: Valore pratico Valore ideale Valore referenziale Valore emozionale

22 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 22 Valore pratico del Packaging Attiene alle funzionalità fisico-tecniche della confezione: Trasportabilità Richiudibilità Conservabilità Facilità d uso Ingombro Tale funzionalità dipende dalle caratteristiche tangibili relativamente la forma, materia, volumi e organizzazione delle diverse parti La valorizzazione di tipo pratico riguarda anche la funzione comunicativa del packaging: Identificabilità Distinguibilità (nel punto vendita e nei luoghi di consumo) Completezza delle informazioni sulle modalità di impiego del prodotto Suscita una risposta psicologica cognitiva di tipo razionale (es. acquisizione di informazioni sul prodotto)

23 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 23 Valore ideale del Packaging Concerne in sostanza la funzione comunicativa della confezione Dipende dal contesto comunicazionale di marketing costruito intorno al prodotto e dall immagine di marca Stimola una risposta psicologica affettiva da parte del fruitore e attiene all immagine desiderata di sé, agli stili di vita cui si aspira. Importante nelle confezioni di beni caratterizzati da una forte valenza evocativa (lusso, profumeria, design )

24 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 24 Valore ideale creato dalla pubblicità

25 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 25 Valore referenziale del Packaging Anche in questo caso la creazione di valore per il cliente deriva dalla funzione comunicativa svolta dalla confezione che, attraverso specifici contenuti informativi, consente di: Garantire un dato livello di qualità Valutare costi e benefici Rapportare qualità/prezzo ed Esaminare in dettaglio gli attributi del prodotto Stimola una risposta psicologica di tipo razionale

26 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 26 Valore emozionale del Packaging La funzione comunicativa del packaging può essere anche volta ad una valorizzazione emozionale su dimensioni come l auto-gratificazione (edonismo) Ludicità Stimolazione della curiosità Eccitazione Rilassamento

27 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 27 I valori del packaging Valore pratico Caratteristiche fisico-tecniche Comunicazione pratica Risposta razionale: identifico, quantifico il prodotto Valore ideale Caratteristiche comunicative Risposta psicologica affettiva: aspirazionalità Valore referenziale Valore emozionale Caratteristiche comunicative Risposta razionale: valutazione qualità prodotto, costi/benefici Caratteristiche comunicative Risposta emotiva: La confezione stessa diverte, eccita, rilassa

28 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 28 Struttura del Packaging Considerando la dimensione materiale, il packaging è analizzabile in quattro forme o livelli: Il packaging primario: l involucro a diretto contatto con il contenuto il package secondario: avvolge la confezione primaria fornendo una protezione ulteriore e potenziando la comunicazione (es. scatola)

29 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 29 Struttura del Packaging Il package terziario o imballaggio, costituito da tutti i materiali per ragioni logistiche (il cartone) Imballaggio display: consiste nel contenitore utilizzato per l esposizione del prodotto nel punto di vendita

30 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 30 Packaging Componenti di comunicazione del Packaging: Forma Colore Dimensione Materia Grafica (lettering e stile) Segni iconici, ecc.

31 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 31 Struttura comunicativa del Packaging ELEMENTI VERBALI SUPERFICIE COMUNICANTE ELEMENTI ICONICI NOMI INFORMATIVI TESTI ENFATICI INDICAZIONI DI LEGGE LETTERING SFONDO IMMAGINI nome azienda istruzioni e consigli d'uso novità codice a barre logotipo a tinta unita rappresentazione del prodotto nome di linea ingredienti e componenti frasi pubblicitarie date di produzione e di scadenza testi funzionali con motivo decorativo immagini secondarie indicazioni settore indicazioni nutrizionali testi fidelizzatori pesi e misure testi persuasivi trasparente immagini informative e grafici nome di prodotto storia dell'azienda annunci promozionali stabilimento e produttore variante di prodotto informazione di servizio

32 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 32 Struttura comunicativa del Packaging LA FORMA CONTENITORE IL MATERIALE ingombro/size impression resistenza maneggevolezza e immagazzinaggio riciclabilità pulizia piacevolezza tattile, visiva, olfattiva, uditiva servizio porzionamento

33 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 33 Nome azienda logo Esempi Nome linea Testi informativi Nome prodotto Testi persuasivi Rappresentazione del prodotto

34 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 34 retro Colori distintivi del prodotto Testi persuasivi Nome prodotto linea Testi informativi

35 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 35 lati Nome prodotto Ingredienti e componenti Consigli per il consumo Informazioni nutrizionali Testi informativi Numero verde Stabilimento e produttore

36 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 36 lati Descrizione prodotto scadenza Nome prodotto peso Istruzioni per aprire la confezione Codice a barre Rappresentazione prodotto Nome prodotto

37 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 37 Lo sviluppo del Packaging La confezione, insieme alla marca, è il più stabile degli aspetti comunicazionali legati al prodotto e svolge un azione di comunicazione continuativa al fine di: Attrarre il consumatore Rappresentare il brand Richiamare la pubblicità o particolari promozioni Raccontare il prodotto Fidelizzare, ecc.

38 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 38 Packaging e distributore La gestione del Packaging negli ultimi tempi è infatti emersa come un attività strategica del marketing management Non solo per l impresa produttrice ma anche per il distributore e il retailer

39 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 39 Packaging Design Le motivazioni alla base dei programmi di Packaging Design sono diverse: Pressione competitiva Evoluzione o modifica della domanda finale e del mercato obiettivo Riposizionamento della marca L introduzione di un nuovo prodotto o estensioni di linea La necessità di rivitalizzare un prodotto maturo L utilizzo di nuovi canali di distribuzione innovazione nei metodi distributivi o nelle tecniche di trasporto Disponibilità di nuovi materiali e/o tecniche di confezionamento Il cambiamento delle disposizioni di legge

40 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 40 Piano di Packaging Fasi del piano di Packaging: Analisi situazionale (e della concorrenza) Generazione di un concept per la confenzione Definizione del packaging brief (background, strategia di marketing, target, descrizione degli aspetti tecnici e degli impianti comunicativi del package, timing, budget, ecc.) Progettazione e costruzione di prototipi Valutazione tecnica e analisi economica Test di visibilità (individuazione della confezione), funzionalità (utilizzo) e percezione (valutazione estetica) Produzione e commercializzazione Controllo della costumer satisfation

41 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 41 Analisi competitiva/situazionale

42 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 42 Analisi situazionale

43 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 43 Analisi situazionale

44 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 44 Analisi situazionale

45 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 45 Analisi situazionale

46 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 46 Analisi situazionale

47 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 47 Analisi situazionale

48 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 48 Piano di Packaging Aree aziendali coinvolte: Ricerca e sviluppo Acquisti Produzione Marketing Ufficio legale Fornitori dei materiali per la confezione Distributori Agenzie di pubblicità e specializzate

49 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 49 Piano di Packaging Aaron Brody, Packaging Innovation as a Marketing Tool,

50 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 50 Esempi di strutture packaging BTL per prodotti Package - esempi da esposizione TIM Card Limited Edition e profili standard TIM Card associate ai prodotti SIM card Internet Pack TIM Biblet Pack TIM Telecom Italia Cubovision, Modem Adsl, telefoni

51 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 51 Ricerca sul packaging

52 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 52 IL MATERIALE BTL SUL PUNTO VENDITA Locandine, folder, brochure, adesivi, stand, ecc.

53 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 53 Il BTL sul punto vendita Si tratta di merchandising, materiale stampato su vari supporti, che serve per segnalare, informare e promuovere i prodotti ed i servizi offerti

54 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 54 Il lancio del nuovo ipad

55 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 55

56 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 56 ESEMPI

57 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 57

58 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 58 Retro flyer Locandina 50 x 70

59 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 59 Operazione Cubomusica Backlight

60 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 60 Operazione Cubomusica Display

61 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 61 Operazione Cubomusica Display

62 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 62 Etichette prezzo

63 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 63 IL BTL PER EVENTI E DIRECT

64 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 64 Volantone

65

66

67 Lo stand

68

69 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 69 GRAZIE PER L ATTENZIONE Fonti: Alberto Pastore, Maria Vernuccio - Impresa e Comunicazione , APOGEO Alberto Pastore, Maria Vernuccio Il ruolo del packaging e consumo, congresso internazionale Le Tendenze del Marketing, 2003

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

INFO@OOPS.MI.IT WWW.OOPS.MI.IT

INFO@OOPS.MI.IT WWW.OOPS.MI.IT INFO@OOPS.MI.IT WWW.OOPS.MI.IT sommario advertising 3 below the line 11 promozioni 18 packaging 21 sommario p.o.p. 31 illustrazioni 37 chi siamo 45 contattaci 46 2 advertising I lavori contenuti nella

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO

MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO MANUALE DI CORRETTO UTILIZZO DEL MARCHIO BORMIO IL MARCHIO COLORI ISTITUZIONALI PANT. COOL GRAY 6 CVP CMYK: 0-0-0-31 RGB: 196-197-198 PANTONE 485 CVP CMYK: 0-95-100-0 RGB: 227-34-25 MARCHIO IN BIANCO/NERO

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

La Fiera di successo Una Guida per gli espositori.

La Fiera di successo Una Guida per gli espositori. La Fiera di successo Una Guida per gli espositori. Pagina 5 Introduzione Indice Indice LA PREPARAZIONE DELLA FIERA Pagina GLI OBIETTIVI DI PARTECIPAZIONE Definite gli obiettivi prima di agire! 4 LA PIANIFICAZIONE

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico

Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico Il Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication è un percorso formativo post-laurea

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale

L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Catering fieristico e Banqueting per ogni evento di business L immagine gustativa della tua azienda Divisione Catering Aziendale Credo che un buon cibo, preparato con ingredienti di qualità e un equilibrato

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Indice: Capitolo 1: Tendenze in atto nel settore moda nell era della globalizzazione... 6

Indice: Capitolo 1: Tendenze in atto nel settore moda nell era della globalizzazione... 6 Indice: Premessa... 4 Capitolo 1: Tendenze in atto nel settore moda nell era della globalizzazione... 6 1.1 L abbigliamento nell economia globale: prima e dopo l Accordo Multifibre... 7 1.1.1 Breve storia

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA.

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. In che cosa consiste il nostro format? Il cono è l attore protagonista di tutte le formule Konopizza diventando un ottimo contenitore

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time NOVITÀ 2013! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM 7 Aziende: Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time > Nicola Aliperti Global It Project Manager Marketing

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita

TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita TERMINI E CONDIZIONI DI ADESIONE ALL INIZIATIVA: LEITZ ICON Campagna Soddisfazione Garantita Iniziativa promossa da Esselte Srl, con sede legale in Gorgonzola, Via Milano 35, 20064 (MI), P.IVA 00894090158,

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 La gestione del portale e la promozione on-line Nicola Grassetto Time2marketing Srl Bibione Online Cos è oggi Bibione.com Operatori presenti 5 Strutture open air

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione SKY on DEMAND Guida all attivazione e navigazione . Il Nuovo Sky On Demand: dettagli 1/2 Che cosa è il nuovo Sky On Demand Il nuovo Sky On Demand è il Servizio che consente di accedere ad un intera videoteca

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

1. Soggetto promotore ENI S.pA., sede legale in Piazzale Enrico Mattei n.1, 00144 Roma (di seguito eni o Promotore ).

1. Soggetto promotore ENI S.pA., sede legale in Piazzale Enrico Mattei n.1, 00144 Roma (di seguito eni o Promotore ). REGOLAMENTO Concorso 10 anni di pieni 1. Soggetto promotore ENI S.pA., sede legale in Piazzale Enrico Mattei n.1, 00144 Roma (di seguito eni o Promotore ). 2. Denominazione 10 anni di pieni 3. Ambito territoriale

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO

IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO business professional IL PROGRAMMA PER GESTIRE IL TUO CENTRO ESTETICO www.igrandisoft.it La I Grandi Soft è nata nel 1995 e ha sviluppato l attività su tutto il territorio nazionale. All interno della

Dettagli

Nuovi processi di vendita attraverso l utilizzo delle ICT

Nuovi processi di vendita attraverso l utilizzo delle ICT Nuovi processi di vendita attraverso l utilizzo delle ICT Laura Cavallaro Osservatorio Mobile Marketing & Service School of Management del Politecnico di Milano Con il patrocinio di Pordenone, 10 Giugno

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Allegato A alla Delibera n. 551/12/CONS AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI INDAGINE CONOSCITIVA SUL SETTORE DELLA RACCOLTA PUBBLICITARIA INDICE PREMESSA 1 CAPITOLO 1. Il funzionamento del settore

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa IL MAGGIO DEI LIBRI Premessa Fino al 2010 esistevano in Italia due iniziative a carattere nazionale per la promozione del libro e dell a lettura, del tutto distinte per patrocinatore, soggetto promotore,

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei

La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei La center multi service srl è una società europea che dal 1998 opera nel settore dei meetings e congressi, nella comunicazione integrata e nei rapporti business to business. I settori di azione spaziano

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito

- MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito Pagina 1 di 13 - MZ GROUP - Standard di prodotto e servizio fornito SOMMARIO MZ GROUP pag. 3 MZ CONGRESSI S.RL. pag. 4 PIANIFICAZIONE 1. Scelta della sede congressuale pag. 5 2. Gestione pratica ECM (Educazione

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

GLOSSARIO DI MARKETING

GLOSSARIO DI MARKETING GLOSSARIO DI MARKETING 121 (ONE TO ONE, 1TO1, ONE 2 ONE) Principio di marketing secondo il quale ogni cliente va considerato in modo unico e speciale, e si concretizza nella personalizzazione sul singolo

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli