PUBBLICITA ATL E BELOW-THE-LINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PUBBLICITA ATL E BELOW-THE-LINE"

Transcript

1 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 1 PUBBLICITA ATL E BELOW-THE-LINE Lezione 2

2 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 2 Brindisi alla pubblicità

3 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 3 Agenda Gli investimenti in pubblicità in Italia Pubblicità above e below-the-line Strumenti di BTL Il Packaging Il materiale promozionale Punto Vendita

4 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 4 GLI INVESTIMENTI IN PUBBLICITÀ

5 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 5 Gli investimenti in pubblicità Abbiamo visto che la pubblicità è quella forma di comunicazione a pagamento che avviene tramite mass media La pubblicità è sicuramente la forma di comunicazione più importante per le aziende commerciali Oltre alla pubblicità ci sono altri strumenti di comunicazione per l azienda: Direct (posta, , telefono) Sponsorizzazioni Eventi PR Packaging e punto vendita Ecc.

6 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 6 L advertising Gli addetti ai lavori distinguono: Pubblicità o ATL (above-the-line) la comunicazione a pagamento sui mass media Below-the-line (BTL) tutte le altre forme di comunicazione: Promozioni Direct PR/Eventi Sponsorizzazioni Internet non tabellare

7 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 7 La Pubblicità ATL è lo strumento di comunicazione di marketing per eccellenza In Italia, di tutti gli investimenti in comunicazione, la pubblicità assorbe il 47% del totale

8 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 8 Investimenti in ATL e BTL Totale investimenti in comunicazione in Europa (stima 2011): milioni di : ATL: 8,762 milioni di (47%) BTL: 9,880 milioni di (53%): PR Market research Direct & specialist (include la folderistica) Sponsorship and events non esistono fonti ufficiali in merito; sino a ca 4 anni fa UPA diramava dati al riguardo ma vista la l impossibilità di valutare il comparto BTL è stata abbandonata. Altra precisazione, riguarda l impossibilità di splittare la spesa per le singole voci. Stima MEC su dati Groupm a livello Europa

9 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 9 Trend investimenti ATL-BTL Secondo le stime condotte da Upa sulla spesa pubblicitaria delle aziende italiane, più del 50% viene allocato in altre iniziative di comunicazione quali: Direct response, Promozioni, Relazioni pubbliche, Sponsorizzazioni e Internet (non ADV). Il trend degli ultimi anni mostra una leggerissima tendenza alla crescita del below TOTALE INVESTIMENTI IN COMUNICAZIONE secondo UPA SUDDIVISIONE INVESTIMENTI BELOW THE LINE NEL % 50% 49,9% 50,6% 51,2% stima Above the line (+ Internet) Below the line TOTALE ANNO Fonte: UPA a Settembre 2008 (Valori in milioni di euro)

10 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 10 Advertising ATL La pubblicità Above-The-Line, o ATL è sinomino di pubblicità, così come la intendiamo abitualmente: quella pubblicata sui media. La pubblicità è quindi quella che si trova in: Televisione Stampa Quotidiana Periodica Affissione Radio Internet

11 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 11 PUBBLICITÀ IN CIFRE 2011 TOTALE ANNO ITALIA Investimenti pubblicitari in Italia Le prime 30 aziende per investimento pubblicitario nel TELECOM ITALIA FERRERO FIAT VODAFONE PROCTER & GAMBLE WIND L ORÉAL VOLKSWAGEN PEUGEOT - CITROEN UNILEVER BARILLA BOLTON RECKITT BENCKISER ENI PERFETTI FORD GENERAL MOTORS NESTLÉ DANONE SC JOHNSON SKY RENAULT LVMH KRAFT ENEL TOYOTA NISSAN MANETTI - ROBERTS H3G FATER Fonte: elaborazioni UPA su dati NMR ADEX

12 IN CIFRE Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 12 Investimenti per mezzo Andamento investimenti pubblicitari per mezzo, anno 2011 milioni quota % var % su 2010 Quotidiani a pagamento ,3% -5,8% Quotidiani free press 44 0,5% -42,9% Totale Quotidiani ,8% -7,7% Periodici ,0% -3,7% Tv generalista ,2% -3,3% Tv satellitari 365 4,6% 0,2% Totale televisione ,8% -3,1% Radio 434 5,4% -7,8% Affissione 117 1,5% -12% Cinema 47 0,6% -25,4% Internet Display 636 7,9% 12,3% Totale ,0% -3,5% Al momento viene stimata da nielsen solo la voce display per internet. Si ritiene che l intero fatturato di internet raddoppi se considerato anche il search, il che porterebbe la sua quota a oltre il 15%. Fonte: elaborazioni UPA su dati NMR ADEX

13 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella 13 Romagnoli Ma affronteremo i media più avanti

14 14 Parliamo invece oggi del Below-the-line

15 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 15 MA COSA È IL BTL?

16 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 16 BTL Abbiamo vesto che per below-the-line si intendono diversi strumenti di comunicazione d impresa. Lasciando perdere gli Eventi, le Sponsorizzazioni e le PR (che hanno diverse specificità come strumenti di comunicazione) ci concentriamo oggi sul BTL che riguarda: Il packaging di prodotto Il punto vendita Il materiale promozionale ed informativo Il direct (mail)

17 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 17 Il packaging

18 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 18 Packaging: definizione Il Packaging può essere inteso come processo e come oggetto Kotler lo definisce come l insieme delle attività volte a progettare e realizzare il contenitore o l involucro del prodotto Packaging = confezione

19 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 19 Packaging: definizione Il Packaging è anche inteso come una delle caratteristiche del prodotto necessarie alla produzione del mix composito di benefici funzionali e simbolici ricercati dall acquirente consumatore (Lambin) Il packaging è parte integrante del sistema prodotto con doppia natura: Oggettuale (protegge il prodotto, ne esalta le caratteristiche e lo mostra nella luce migliore) Comunicativa (si rivolge al consumetore e comunica con lui)

20 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 20 Packaging e Brand Image La confezione svolge un ruolo fondamentale nella comunicazione di marca poiché contribuisce in modo significativo allo sviluppo della Brand Image Nella fase di consumo il Packaging garantisce più di ogni altro medium la vicinanza tra la marca e il fruitore attraverso la realizzazione di una vera e propria esperienza della Brand

21 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 21 Packaging: i valori Materialità e immaterialità sono le due dimensioni complementari a fondamento del valore funzionale e simbolico della confezione Il valore del packaging può essere di diversi tipi: Valore pratico Valore ideale Valore referenziale Valore emozionale

22 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 22 Valore pratico del Packaging Attiene alle funzionalità fisico-tecniche della confezione: Trasportabilità Richiudibilità Conservabilità Facilità d uso Ingombro Tale funzionalità dipende dalle caratteristiche tangibili relativamente la forma, materia, volumi e organizzazione delle diverse parti La valorizzazione di tipo pratico riguarda anche la funzione comunicativa del packaging: Identificabilità Distinguibilità (nel punto vendita e nei luoghi di consumo) Completezza delle informazioni sulle modalità di impiego del prodotto Suscita una risposta psicologica cognitiva di tipo razionale (es. acquisizione di informazioni sul prodotto)

23 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 23 Valore ideale del Packaging Concerne in sostanza la funzione comunicativa della confezione Dipende dal contesto comunicazionale di marketing costruito intorno al prodotto e dall immagine di marca Stimola una risposta psicologica affettiva da parte del fruitore e attiene all immagine desiderata di sé, agli stili di vita cui si aspira. Importante nelle confezioni di beni caratterizzati da una forte valenza evocativa (lusso, profumeria, design )

24 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 24 Valore ideale creato dalla pubblicità

25 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 25 Valore referenziale del Packaging Anche in questo caso la creazione di valore per il cliente deriva dalla funzione comunicativa svolta dalla confezione che, attraverso specifici contenuti informativi, consente di: Garantire un dato livello di qualità Valutare costi e benefici Rapportare qualità/prezzo ed Esaminare in dettaglio gli attributi del prodotto Stimola una risposta psicologica di tipo razionale

26 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 26 Valore emozionale del Packaging La funzione comunicativa del packaging può essere anche volta ad una valorizzazione emozionale su dimensioni come l auto-gratificazione (edonismo) Ludicità Stimolazione della curiosità Eccitazione Rilassamento

27 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 27 I valori del packaging Valore pratico Caratteristiche fisico-tecniche Comunicazione pratica Risposta razionale: identifico, quantifico il prodotto Valore ideale Caratteristiche comunicative Risposta psicologica affettiva: aspirazionalità Valore referenziale Valore emozionale Caratteristiche comunicative Risposta razionale: valutazione qualità prodotto, costi/benefici Caratteristiche comunicative Risposta emotiva: La confezione stessa diverte, eccita, rilassa

28 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 28 Struttura del Packaging Considerando la dimensione materiale, il packaging è analizzabile in quattro forme o livelli: Il packaging primario: l involucro a diretto contatto con il contenuto il package secondario: avvolge la confezione primaria fornendo una protezione ulteriore e potenziando la comunicazione (es. scatola)

29 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 29 Struttura del Packaging Il package terziario o imballaggio, costituito da tutti i materiali per ragioni logistiche (il cartone) Imballaggio display: consiste nel contenitore utilizzato per l esposizione del prodotto nel punto di vendita

30 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 30 Packaging Componenti di comunicazione del Packaging: Forma Colore Dimensione Materia Grafica (lettering e stile) Segni iconici, ecc.

31 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 31 Struttura comunicativa del Packaging ELEMENTI VERBALI SUPERFICIE COMUNICANTE ELEMENTI ICONICI NOMI INFORMATIVI TESTI ENFATICI INDICAZIONI DI LEGGE LETTERING SFONDO IMMAGINI nome azienda istruzioni e consigli d'uso novità codice a barre logotipo a tinta unita rappresentazione del prodotto nome di linea ingredienti e componenti frasi pubblicitarie date di produzione e di scadenza testi funzionali con motivo decorativo immagini secondarie indicazioni settore indicazioni nutrizionali testi fidelizzatori pesi e misure testi persuasivi trasparente immagini informative e grafici nome di prodotto storia dell'azienda annunci promozionali stabilimento e produttore variante di prodotto informazione di servizio

32 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 32 Struttura comunicativa del Packaging LA FORMA CONTENITORE IL MATERIALE ingombro/size impression resistenza maneggevolezza e immagazzinaggio riciclabilità pulizia piacevolezza tattile, visiva, olfattiva, uditiva servizio porzionamento

33 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 33 Nome azienda logo Esempi Nome linea Testi informativi Nome prodotto Testi persuasivi Rappresentazione del prodotto

34 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 34 retro Colori distintivi del prodotto Testi persuasivi Nome prodotto linea Testi informativi

35 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 35 lati Nome prodotto Ingredienti e componenti Consigli per il consumo Informazioni nutrizionali Testi informativi Numero verde Stabilimento e produttore

36 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 36 lati Descrizione prodotto scadenza Nome prodotto peso Istruzioni per aprire la confezione Codice a barre Rappresentazione prodotto Nome prodotto

37 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 37 Lo sviluppo del Packaging La confezione, insieme alla marca, è il più stabile degli aspetti comunicazionali legati al prodotto e svolge un azione di comunicazione continuativa al fine di: Attrarre il consumatore Rappresentare il brand Richiamare la pubblicità o particolari promozioni Raccontare il prodotto Fidelizzare, ecc.

38 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 38 Packaging e distributore La gestione del Packaging negli ultimi tempi è infatti emersa come un attività strategica del marketing management Non solo per l impresa produttrice ma anche per il distributore e il retailer

39 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 39 Packaging Design Le motivazioni alla base dei programmi di Packaging Design sono diverse: Pressione competitiva Evoluzione o modifica della domanda finale e del mercato obiettivo Riposizionamento della marca L introduzione di un nuovo prodotto o estensioni di linea La necessità di rivitalizzare un prodotto maturo L utilizzo di nuovi canali di distribuzione innovazione nei metodi distributivi o nelle tecniche di trasporto Disponibilità di nuovi materiali e/o tecniche di confezionamento Il cambiamento delle disposizioni di legge

40 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 40 Piano di Packaging Fasi del piano di Packaging: Analisi situazionale (e della concorrenza) Generazione di un concept per la confenzione Definizione del packaging brief (background, strategia di marketing, target, descrizione degli aspetti tecnici e degli impianti comunicativi del package, timing, budget, ecc.) Progettazione e costruzione di prototipi Valutazione tecnica e analisi economica Test di visibilità (individuazione della confezione), funzionalità (utilizzo) e percezione (valutazione estetica) Produzione e commercializzazione Controllo della costumer satisfation

41 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 41 Analisi competitiva/situazionale

42 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 42 Analisi situazionale

43 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 43 Analisi situazionale

44 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 44 Analisi situazionale

45 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 45 Analisi situazionale

46 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 46 Analisi situazionale

47 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 47 Analisi situazionale

48 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 48 Piano di Packaging Aree aziendali coinvolte: Ricerca e sviluppo Acquisti Produzione Marketing Ufficio legale Fornitori dei materiali per la confezione Distributori Agenzie di pubblicità e specializzate

49 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 49 Piano di Packaging Aaron Brody, Packaging Innovation as a Marketing Tool,

50 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 50 Esempi di strutture packaging BTL per prodotti Package - esempi da esposizione TIM Card Limited Edition e profili standard TIM Card associate ai prodotti SIM card Internet Pack TIM Biblet Pack TIM Telecom Italia Cubovision, Modem Adsl, telefoni

51 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 51 Ricerca sul packaging

52 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 52 IL MATERIALE BTL SUL PUNTO VENDITA Locandine, folder, brochure, adesivi, stand, ecc.

53 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 53 Il BTL sul punto vendita Si tratta di merchandising, materiale stampato su vari supporti, che serve per segnalare, informare e promuovere i prodotti ed i servizi offerti

54 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 54 Il lancio del nuovo ipad

55 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 55

56 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 56 ESEMPI

57 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 57

58 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 58 Retro flyer Locandina 50 x 70

59 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 59 Operazione Cubomusica Backlight

60 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 60 Operazione Cubomusica Display

61 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 61 Operazione Cubomusica Display

62 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 62 Etichette prezzo

63 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 63 IL BTL PER EVENTI E DIRECT

64 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 64 Volantone

65

66

67 Lo stand

68

69 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 69 GRAZIE PER L ATTENZIONE Fonti: Alberto Pastore, Maria Vernuccio - Impresa e Comunicazione , APOGEO Alberto Pastore, Maria Vernuccio Il ruolo del packaging e consumo, congresso internazionale Le Tendenze del Marketing, 2003

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE Stella Romagnoli LUMSA - Pianificazione e Controllo della Comunicazione 1 PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE Stella Romagnoli LM59 LUMSA 2014-2015 Stella Romagnoli LUMSA - Pianificazione e

Dettagli

Comunicare Domani. Gli investimenti pubblicitari nel 2013

Comunicare Domani. Gli investimenti pubblicitari nel 2013 Comunicare Domani Gli investimenti pubblicitari nel 2013 1 2 Per le nostre previsioni, partiamo come sempre dalle evidenze che le agenzie associate conferiscono al gruppo di lavoro del Centro Studi AssoCom;

Dettagli

Il communication mix: packaging

Il communication mix: packaging TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE AZIENDALE Il communication mix: packaging Laura Gavinelli laura.gavinelli@unimc.it Facoltà di Economia Università degli Studi di Macerata Packaging: definizioni a confronto

Dettagli

SINTESI DEGLI INVESTIMENTI

SINTESI DEGLI INVESTIMENTI SINTESI DEGLI INVESTIMENTI FEBBRAIO 2015 OmnicomMediaGroup n n Tutte le tipologie: Sintesi degli investimenti Netti 2014 2015 Var.% TOTALE PUBBLICITA' (x.000) 901.874 867.310-3,8 TV ¹ 599.486 577.511-3,7

Dettagli

Marketing internazionale

Marketing internazionale A.A. 2007-2008 Marketing internazionale Dott.ssa Vania Vigolo Lezione 23 NB. Una precisazione PURAMENTE FORMALE: nella numerazione delle lezioni sulle slide sono passata dalla lezione 20 alla 21 senza

Dettagli

Media Monthly Report Gennaio 2010

Media Monthly Report Gennaio 2010 Media Monthly Report Gennaio 2010 Media Monthly Report Gennaio 2010 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet Clicca qui

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO Lezione 16 12 maggio 2010 . IMBUTO PROMOZIONALE informazioni PUBBLICHE RELAZIONI No vendita, ma modificazione atteggiamento,

Dettagli

Media Monthly Report. Maggio 2010

Media Monthly Report. Maggio 2010 Media Monthly Report Maggio 2010 Media Monthly Report Maggio 2010 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet Clicca qui

Dettagli

IL BUDGET DI COMUNICAZIONE

IL BUDGET DI COMUNICAZIONE Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 1 IL BUDGET DI COMUNICAZIONE Lezione 10 Teoria e Tecnica della Comunicazione Pubblicitaria Stella Romagnoli 2 Il budget di comunicazione

Dettagli

Media Monthly Report. Giugno 2009

Media Monthly Report. Giugno 2009 Media Monthly Report Giugno 2009 Media Monthly Report Giugno 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet News dal mondo

Dettagli

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE STRATEGIE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero 1 STRUTTURA DEL PIANO DI MARKETING SOMMARIO ANALISI SCELTE STRATEGICHE PROGRAMMI OPERATIVI CONTO ECONOMICO CONTROLLI Prof. Giancarlo Ferrero 2 LA SEGMENTAZIONE

Dettagli

I 100 top spender pubblicitari italiani in rete

I 100 top spender pubblicitari italiani in rete Aprile 2005 I 100 top spender pubblicitari italiani in rete Ottimizzazione, visibilità e popolarità dei loro siti web Solo un quarto dei siti dei top spender pubblicitari italiani raggiunge livelli adeguati

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Media Monthly Report. Aprile 2010

Media Monthly Report. Aprile 2010 Media Monthly Report Aprile 2010 Media Monthly Report Aprile 2010 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet Clicca qui

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

Global Communication DOVE NASCONO LE IDEE

Global Communication DOVE NASCONO LE IDEE Global Communication DOVE NASCONO LE IDEE Global Communication opera nel settore della comunicazione integrata. Le specializzazioni acquisite nei mercati italiani ed esteri, nel settore del marketing

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Piano di marketing & ricerche di mercato

Piano di marketing & ricerche di mercato Piano di marketing & ricerche di mercato Roma, giugno 2004 Piano di marketing (1/6) ANALITICO STRATEGICO ANALISI DI SETTORE E DELLA CONCORRENZA ANALISI DEL SETTORE E DELL IMPRESA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Il prodotto percepito è il risultato di un processo dinamico d identificazione del prodotto nelle sue componenti e prestazioni valutato in base:

Il prodotto percepito è il risultato di un processo dinamico d identificazione del prodotto nelle sue componenti e prestazioni valutato in base: Capitolo 9 Il prodotto Il prodotto Il prodotto Per il consumatore è la soluzione a un problema specifico Per il produttore è un insieme i di attributi ti tangibili e intangibili che caratterizzano l offerta

Dettagli

Media Monthly Report Luglio 2009

Media Monthly Report Luglio 2009 Media Monthly Report Luglio 2009 Media Monthly Report Luglio 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet News dal mondo

Dettagli

Cap.14 La forza vendita. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.14 La forza vendita. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.14 La forza vendita Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 15 Il direct marketing La forza vendita L attività di vendita personale

Dettagli

Glossario di Marketing

Glossario di Marketing Viale Atlantici, 65/a - 82100 Benevento Tel: +39.0824.334189 Fax: +39.06.23318693 www. info@ www. Glossario di Marketing Advertising O pubblicità. E il termine che indica le forme e i servizi di comunicazione

Dettagli

Lezione 14: introduzione al 2 modulo La comunicazione IN azienda Stella Romagnoli

Lezione 14: introduzione al 2 modulo La comunicazione IN azienda Stella Romagnoli Lezione 14: introduzione al 2 modulo La comunicazione IN azienda Stella Romagnoli La comunicazione in azienda Gli strumenti di comunicazione complessi: Co-branding e co-marketing Valorizzazione delle sponsorizzazioni

Dettagli

Decisioni di Comunicazione

Decisioni di Comunicazione Corso di MARKETING A.A. 2006/2007 Decisioni di Comunicazione Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Benevento, 13 Novembre 2006 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE In un ottica di marketing la comunicazione

Dettagli

Comunicazione commerciale

Comunicazione commerciale Comunicazione commerciale Università di Urbino La comunicazione commerciale Definizione Marca Pubblicità Direct marketing Promozione delle vendite Sponsorizzazioni Fiere e mostre Relazioni pubbliche di

Dettagli

SOLUTIONS POSITIV MENTE COMMUNICATION

SOLUTIONS POSITIV MENTE COMMUNICATION SOLUTIONS POSITIV @ MENTE M A R K E T I N G COMMUNICATION SIAMO un gruppo della modernità professionale del Marketing, della Comunicazione e della Tecnologia che fonda le sue radici nella cooperazione

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

LA STORIA NEL FUTURO Cosmesi italiana: Competere nel mercato internazionale

LA STORIA NEL FUTURO Cosmesi italiana: Competere nel mercato internazionale LA STORIA NEL FUTURO Cosmesi italiana: Competere nel mercato internazionale Relatore: Dott. Alberto Pollini- Direttore Commerciale e Marketing Mirato S.p.A. CHI E MIRATO Mirato è uno dei principali protagonisti

Dettagli

Analisi del mercato dei prodotti per bambini

Analisi del mercato dei prodotti per bambini Analisi del mercato dei prodotti per bambini Gli investimenti pubblicitari: categoria Giocattoli Andamento % Categoria Giocattoli I semestre 2011 vs 2010 25.000 20.000 15.000 10.000 5.000 0 +11,6% gen

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

Testata: IL SOLE 24 ORE La pubblicità batte un colpo. Data: 10 LUGLIO 2015 PAG. 17

Testata: IL SOLE 24 ORE La pubblicità batte un colpo. Data: 10 LUGLIO 2015 PAG. 17 Testata: IL SOLE 24 ORE La pubblicità batte un colpo Data: 10 LUGLIO 2015 PAG. 17 TESTATA: ITALIA OGGI Pubblicità, maggio su del 2,6% DATA: 10 LUGLIO 2015 Fonte primaonline.it 09 luglio 2015 18:15 Il presidente

Dettagli

Un AGENZIA PUBBLICITARIA è un azienda che produce un servizio.

Un AGENZIA PUBBLICITARIA è un azienda che produce un servizio. Fare la pubblicità Un AGENZIA PUBBLICITARIA è un azienda che produce un servizio. All Agenzia si rivolge un azienda, cioè un BRAND, che ha bisogno di comunicare al mercato: un riposizionamento, il lancio

Dettagli

Pacchetti All Inclusive LowCost per rinnovare la comunicazione aziendale in modo intelligente e conveniente

Pacchetti All Inclusive LowCost per rinnovare la comunicazione aziendale in modo intelligente e conveniente Pacchetti All Inclusive LowCost per rinnovare la comunicazione aziendale in modo intelligente e conveniente Un anno senza pensieri Servizio tutto compreso Pacchetti di comunicazione con servizi All Inclusive

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

di Antonio Ferrandina

di Antonio Ferrandina COME SI SCRIVE IL MARKETING PLAN (PARTE IV) di Antonio Ferrandina Marketing e vendite >> Marketing e management Sommario Il product - mix...3 La politica di prodotto on line...5 La marca...6 La politica

Dettagli

Advertising Sinonimo di "Pubblicità". Altri sinonimi, non più utilizzati attualmente, sono: reclame e propaganda.

Advertising Sinonimo di Pubblicità. Altri sinonimi, non più utilizzati attualmente, sono: reclame e propaganda. Above the line Espressione inglese che definisce tutte le attività di comunicazione veicolate attraverso i media classici, ad esempio TV, radio, stampa, affissioni. Advertising Sinonimo di "Pubblicità".

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli

Parte prima Marketing & valore

Parte prima Marketing & valore Indice Introduzione Guida all utilizzo del volume pag. XV» XXIII Parte prima Marketing & valore 1. La bussola e il motore del marketing 1.1. Il ruolo del marketing 1.2. Che cos è il marketing? 1.3. In

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

.grafica. .multimedia. .eventi. .altri servizi

.grafica. .multimedia. .eventi. .altri servizi .grafica.multimedia.eventi.altri servizi La nostra professione nasce da una grande passione per il mondo della grafica e della comunicazione: ascoltare, pensare, ricercare e creare sono piacevoli e insostituibili

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE Stella Romagnoli LUMSA - Pianificazione e Controllo della Comunicazione 1 PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE Stella Romagnoli LM59 LUMSA 2014-2015 romagnolimedia.com Stella Romagnoli LUMSA

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

importanza progetto elaborazione utilizzo totale regionale 800,00 480,00 320,00 1.600,00 nazionale 1.700,00 880,00 620,00 3.200,00

importanza progetto elaborazione utilizzo totale regionale 800,00 480,00 320,00 1.600,00 nazionale 1.700,00 880,00 620,00 3.200,00 Tariffe Logo aziendale - Logo di prodotto (simbolo + scritte) Consegnato su pellicola, stamponi o CD nazionale 1.700,00 880,00 620,00 3.200,00 internazionale 2.700,00 1.660,00 1.140,00 5.500,00 Stampanti

Dettagli

La Comunicazione di Marketing. Capitolo 7

La Comunicazione di Marketing. Capitolo 7 Capitolo 7 1. Gli Obiettivi principali della comunicazione di Marketing 2. Le diverse attività di Comunicazione (Communication mix) 3. La pubblicità: pianificazione e strategia 4. La promozione 5. Le relazioni

Dettagli

Comunicazione Integrata di Marketing

Comunicazione Integrata di Marketing Corso di MARKETING A.A. 2011/2012 Comunicazione Integrata di Marketing Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Benevento, 9 Gennaio 2012 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE In un ottica di marketing la

Dettagli

La raccolta pubblicitaria

La raccolta pubblicitaria La raccolta pubblicitaria Il settore della comunicazione pubblicitaria comprende due ambiti di attività: 1) Above the line, che corrisponde al settore della raccolta pubblicitaria realizzata attraverso

Dettagli

Lezione 16: co-marketing e co-branding Stella Romagnoli

Lezione 16: co-marketing e co-branding Stella Romagnoli Lezione 16: co-marketing e co-branding Una definizione da Wikipedia: Il termine co-marketing (abbreviativo della definizione inglese cooperative marketing) chiamato anche marketing partnership oppure partnership

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO DISCIPLINA: TECNICHE DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO IL PROGRAMMA SVOLTO PER LA PARTE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT TESI DI LAUREA IN MARKETING STRATEGICO LE NUOVE FRONTIERE DELLA COMUNICAZIONE ON-LINE:

Dettagli

marketing AWARDS REGOLAMENTO Premi all Eccellenza nel Marketing in Edilizia e Architettura (Architecture &Construction Marketing Excellence Awards)

marketing AWARDS REGOLAMENTO Premi all Eccellenza nel Marketing in Edilizia e Architettura (Architecture &Construction Marketing Excellence Awards) marketing AWARDS REGOLAMENTO 2011 Premi all Eccellenza nel Marketing in Edilizia e Architettura (Architecture &Construction Marketing Excellence Awards) MARKETING AWARDS 2011 Premi all eccellenza nel

Dettagli

Lezione 15 30 APRILE 2010

Lezione 15 30 APRILE 2010 Lezione 15 30 APRILE 2010 Concetti visti Differenziazione Posizionamento su concorrenza e su valore per il cliente (attributo, beneficio, occasione d uso, categoria di utilizzatori, dissociazione) Unique

Dettagli

Naming Il nome giusto per un brand vincente

Naming Il nome giusto per un brand vincente Naming Il nome giusto per un brand vincente Salone della Proprietà Industriale Centro Congressi Palacassa Fiera di Parma Parma, 24 settembre 2012 Relatore: Gianluca Billo - Nomen Italia Nomen Italia 2012

Dettagli

Pubblicità e Comunicazione in tempo di crisi

Pubblicità e Comunicazione in tempo di crisi www.admetastuo.com Pubblicità e Comunicazione in tempo crisi Pacchetti All Inclusive LowCost La carica giusta a prezzi contenuti www.admetastuo.com Piccoli investimenti per gran risultati Decato a professionisti,

Dettagli

leonardogatti pubblicità & comunicazione

leonardogatti pubblicità & comunicazione leonardogatti pubblicità & comunicazione Sempre al vostro fianco. chi siamo Leonardo Gatti & Partner: sempre al vostro fianco. Siamo un gruppo di professionisti che operano nel mondo pubblicitario e del

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 11 Advertising Cos è la pubblicità Storicamente

Dettagli

Istituto di Formazione per la Moda

Istituto di Formazione per la Moda Istituto di Formazione per la Moda Istituto di Formazione per la Moda Accademia del Lusso è l istituto italiano specializzato nella formazione di figure professionali per i principali settori della moda:

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL POSIZIONAMENTO. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL POSIZIONAMENTO 1 Il processo di creazione del valore Analisi per l identificazione del valore La pianificazione del processo e delle attività Progettazione del valore Produzione del valore Comunicazione

Dettagli

COMUNICHIAMO OVUNQUE. www.multycontact.it

COMUNICHIAMO OVUNQUE. www.multycontact.it COMUNICHIAMO OVUNQUE. www.multycontact.it 2 Profilo & Vision Multy Contact è un agenzia che fornisce prodotti e servizi di comunicazione. Offre consulenza, strategie e creatività per realizzare ogni tipo

Dettagli

Il verbo TO MARKET, da cui esso deriva, significa ʺcommercializzareʺ o anche ʺintrodurre sul mercatoʺ.

Il verbo TO MARKET, da cui esso deriva, significa ʺcommercializzareʺ o anche ʺintrodurre sul mercatoʺ. IL MARKETING Il Marketing Ma cosa vuol dire esattamente? Il verbo TO MARKET, da cui esso deriva, significa ʺcommercializzareʺ o anche ʺintrodurre sul mercatoʺ. Ciò significa che il marketing deve essere

Dettagli

Il communication mix: punto vendita, fiere

Il communication mix: punto vendita, fiere TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE AZIENDALE Il communication mix: punto vendita, fiere Laura Gavinelli laura.gavinelli@unimc.it Facoltà di Economia Università degli Studi di Macerata 1. Il punto vendita

Dettagli

Gli argomenti. Imparare a comunicare, imparare a crescere. di Raffaele Pastore

Gli argomenti. Imparare a comunicare, imparare a crescere. di Raffaele Pastore Gli argomenti Imparare a comunicare, imparare a crescere. 1 1 di Raffaele Pastore L obiettivo di questo breve saggio è quello di mettere in contatto due mondi per certi versi vicinissimi, se non in parte

Dettagli

TRADE MARKETING AND CATEGORY MANAGEMENT Prof. Sandro Castaldo Prof. Marco Rindone

TRADE MARKETING AND CATEGORY MANAGEMENT Prof. Sandro Castaldo Prof. Marco Rindone TRADE MARKETING AND CATEGORY MANAGEMENT Prof. Sandro Castaldo Prof. Marco Rindone Federica Ciccone (1729474) Riccardo Esposito (1536564) Linda Grisanti (1521889) Luciano Latina (1495423) Alessandro Norrito

Dettagli

Il marketing operativo

Il marketing operativo MARKETING OPERATIVO Il marketing operativo Definiti gli obiettivi (mercato, fornitori, intermediari, ecc) e la direzione per raggiungerli, la parte operativa del marketing si preoccupa materialmente di

Dettagli

L'Emozione e la Regola

L'Emozione e la Regola L'Emozione e la Regola Corso di Art Direction e Comunicazione Visiva Obiettivi specifici Un corso teorico-pratico con l obiettivo di formare esperti di immagine. Trasmetterà le nozioni per decodificare

Dettagli

www.emanuelataglienti.eu emanuela taglienti

www.emanuelataglienti.eu emanuela taglienti www.emanuelataglienti.eu emanuela taglienti emanuela taglienti mybook ifica? unisci i puntini > cosa significa? unisci i puntini > cosa significa? unisci i puntini > cosa significa? unisci i puntini >

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

SOLUZIONI STAMPA WEB DESIGN

SOLUZIONI STAMPA WEB DESIGN s.a.s. PROGETTAZIONE GRAFICA Parma: 43036 Fidenza - Via Cardano, 13 s.n.c. Tel. +39 0524.84289 - Tel. e Fax +39 0524.525544 info@graficamalvisi.it - www.graficamalvisi.it SOLUZIONI STAMPA WEB DESIGN PROGETTAZIONE

Dettagli

POSIZIONAMENTO. La strategia di posizionamento è rivolta a costruire intorno al prodotto connotati di distintività di immagine e di beneficio offerto.

POSIZIONAMENTO. La strategia di posizionamento è rivolta a costruire intorno al prodotto connotati di distintività di immagine e di beneficio offerto. POSIZIONAMENTO L'impresa deve offrire un sistema di prodotto: - rispondente alle attese del target ( beneficio offerto) - distinto da quello dei concorrenti ( superiorità del beneficio) - con immagine

Dettagli

IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA

IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA Pag. 1 Direzione Comunicazione IL BUSINESS PLAN IL PIANO PER LO SVILUPPO DELL IMPRESA 1 Pag. 2 Il business plan È un documento organizzato. Il Business plan è il quadro di riferimento dei manager. Per

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DI ACQUISTO DEL CONSUMATORE

IL COMPORTAMENTO DI ACQUISTO DEL CONSUMATORE IL COMPORTAMENTO DI ACQUISTO DEL CONSUMATORE Il comportamento di acquisto del consumatore fa riferimento agli acquisti effettuati dai consumatori finali, individui e nuclei famigliari, che acquistano beni

Dettagli

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità 1 2 Intangibilità Inseparabilità Contestualità Variabilità Deperibilità 3 I servizi, a differenza dei beni fisici, non sono visibili e valutabili qualitativamente prima del processo di erogazione; non

Dettagli

Aspetti di Marketing Sportivo

Aspetti di Marketing Sportivo Aspetti di Marketing Sportivo Università di Ferrara Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e gestione delle imprese sportive Cesare Mattei Definizione: IL MARKETING E UN INSIEME DI ATTIVITA PROGRAMMATE,

Dettagli

Aiutiamo le aziende a comprendere l innovazione, interpretare i segnali di mercato, adottare modelli vincenti di business e competere attraverso la

Aiutiamo le aziende a comprendere l innovazione, interpretare i segnali di mercato, adottare modelli vincenti di business e competere attraverso la Aiutiamo le aziende a comprendere l innovazione, interpretare i segnali di mercato, adottare modelli vincenti di business e competere attraverso la comunicazione. ADV srl - edizione dicembre 2010 Siamo

Dettagli

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student LA PUBBLICITA NEL MARKETING A cura di Francesco Paolone, PhD student Indice Cenni sulla pubblicità Aspetti legali Modello promozionale Pubblicità come parte integrante del marketing mix Componenti di una

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 30 Comunicazione esterna. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 30 Comunicazione esterna. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing e Direzione d Impresa Lezione 30 Comunicazione esterna Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Quale messaggio diffondere? Generazione e valutazione del messaggio Posizionamento

Dettagli

Media Monthly Report. Marzo 2010

Media Monthly Report. Marzo 2010 Media Monthly Report Marzo 2010 Media Monthly Report Marzo 2010 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet Clicca qui per

Dettagli

IL PROCESSO DI ELABORAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO PRODOTTO

IL PROCESSO DI ELABORAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO PRODOTTO IL PROCESSO DI ELABORAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO PRODOTTO A cura di: Riccardo Ciccioli Mauro Petralia Eugenio Prete Caterina Ranciaro Dayana Piccoli ChongYang Ye 1 ORGANIZZARSI PER L INNOVAZIONE E nella

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

PROGETTO COMUNICAZIONE. Viale XX Settembre 45 95129 Catania 095.505133 366 5643788 eventi@telethoncatania.it ww.telethoncatania.it ww.ipressnews.

PROGETTO COMUNICAZIONE. Viale XX Settembre 45 95129 Catania 095.505133 366 5643788 eventi@telethoncatania.it ww.telethoncatania.it ww.ipressnews. PROGETTO COMUNICAZIONE Viale XX Settembre 45 95129 Catania 095.505133 366 5643788 eventi@telethoncatania.it ww.telethoncatania.it ww.ipressnews.it Quando: 9-10-11 Maggio 2014 Dove: Centro storico di Catania

Dettagli

Marketing Operativo: Comunicazione

Marketing Operativo: Comunicazione Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Comunicazione Dott. Mario Liguori 1 Processo di comunicazione Emittente Codifica Decodifica Ricevente Messaggio

Dettagli

Fratelli Carli, innovazione e amore per la tradizione

Fratelli Carli, innovazione e amore per la tradizione Customer case study / Food and Beverage Fratelli Carli, innovazione e amore per la tradizione Fratelli Carli, l azienda che dal 1911 produce e vende olio d oliva e prodotti derivati, comunica il restyling

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management CONCESSIONARIE DI PUBBLICITA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management DEFINIZIONI DEL SETTORE Il settore delle «concessionarie di pubblicità» si occupa della vendita di spazi

Dettagli

Eventi che emozionano

Eventi che emozionano Eventi che emozionano 1 Premessa: l emozione Comunicare con emozione Un cambiamento nello stato psicofisico che spinge ad agire (Broccoli 2013) 2 L evento 3 Premessa: l evento Avvenimento programmato di

Dettagli

Web e New Media. Comunicare trasmettendo valore. API - Baveno, 24/11/11

Web e New Media. Comunicare trasmettendo valore. API - Baveno, 24/11/11 API - Baveno, 24/11/11 2? Comunicazione Tempi duri anche per la 3 Sì, ma... 4 Investimento pubblicitario nazionale Variazione % misurata sul periodo Gen-Sett 2011 vs. 2010 Totale pubblicità -3,3 Cards

Dettagli

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Obiettivi : l obiettivo del corso è con rifornire alla piccola e media impresa un insieme di strumenti teorici

Dettagli

IL MARKETING IN FARMACIA

IL MARKETING IN FARMACIA IL MARKETING IN FARMACIA 1 IL MARKETING IN FARMACIA Tutte le farmacie erano imprese commerciali: che non dovevano attirare clientela in quanto la loro area di competenza era (ed è) già definita per legge;

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli