I contratti di sponsorizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I contratti di sponsorizzazione"

Transcript

1 3URJHWWR5HWLGHJOL6SRUWHOOLSHUOR6YLOXSSR I contratti di sponsorizzazione Vincenzo Caprio 1

2 ,QGLFH $EVWUDFW BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB,QWURGX]LRQH BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 3UHPHVVDPHWRGRORJLFD BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 'HILQL]LRQL BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB Differenza tra promozione, pubblicità e pubbliche relazioni Sponsorizzazione Target, costo-contatto, redemption, costo acquisizione Contratto di sponsorizzazione 10 /HRSSRUWXQLWjGLVSRQVRUL]]D]LRQH BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB,OEXVLQHVVGHOOHVSRQVRUL]]D]LRQL BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB,GULYHUGHOOHSURSRVWHYDQWDJJLSHUODFROOHWWLYLWj BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB &RQWULEXWRDOOHVSHVHFRUUHQWL BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 4XDOLILFD]LRQHHFUHD]LRQHGLDVVHWLVXSSRUWLDGDUHHHVWUXWWXUHSXEEOLFKH BBBBBBBBBBBBBBBBBBB 6WUXWWXUDGHOODVSRQVRUL]]D]LRQH BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 'XUDWDGHOOHRSHUD]LRQL BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB /DSDUWHFLSD]LRQHGLSLVSRQVRUPDLQVSRQVRUVSRQVRUWHFQLFRHSDUWQHUV BBBBBBBBBBBBBBBBBB,OFLFORGLYLWDGHJOLLQWHUYHQWLODYLVLELOLWjUHVLGXDOH BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB,QGDJLQHVXOORVWDWRGLDSSOLFD]LRQHGHOORVWUXPHQWR BBBBBBBB 5HOD]LRQHWUDODIDVHDPPLQLVWUDWLYDHGLOIXQGLQJ BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 7HQGHQ]HLQFRUVRHFDVHVWXGLHV BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB,O&DXVH5HODWHG0DUNHWLQJ BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB /DSLUDPLGHGHOODFRPXQLFD]LRQH BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB &DVHVWXGLHV BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB Allianz Arena Adotta una rotonda Giovani Suoni Palasport Palabarbuto - Palaeldo Mostra O sole mio 29,OYDORUHGLXQDVSRQVRUL]]D]LRQH BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB &RVWRFRQWDWWR BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB,QGDJLQHHPSLULFDLO7URIHRQD]LRQDOH%LUUD0RUHWWL BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 4XDGURQRUPDWLYR BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB /HJJH$UW BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 78(/'/JVQ$UW BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB /HJJH$UW BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 2

3 5HJRODPHQWRFRPXQDOHSHUODGLVFLSOLQDHODJHVWLRQHGHOOHVSRQVRUL]]D]LRQL BBBBBBBBBBBBBBBBBB 3

4 1 Abst rac t Il tema dei contratti di sponsorizzazione, intesi nella specifica dimensione di opportunità di IXQGLQJ per le Pubbliche Amministrazioni, in genere, e per gli Enti Locali, in specie, è stato indagato con l obiettivo specifico di reperire soluzioni in grado di fornire un contributo tangibile alla crescita dell efficacia dello strumento. Il lavoro è stato impostato ponendo al centro le possibilità di miglioramento del processo di pianificazione ed esecuzione del corso di azioni che va dalla ideazione di un possibile intervento di sponsorizzazione, fino alla valutazione dei benefici sulla popolazione residente, passando per la trattativa con sponsor o altre figure professionali. Seguendo, quindi, un approccio orientato alla analisi del percorso di delibera di un intervento da parte degli enti locali, da un lato, ed il processo decisione che induce un azienda ad investire in un operazione di sponsorizzazione, dall altro, si è lavorato, in via rigorosamente induttiva, alla creazione di uno strumento informatico finalizzato a snellire o qualificare i vari momenti di cui si compone un GHDO. 2 Int roduzione La materia che riguarda in senso lato le opportunità innovative di IXQGLQJ per le Pubbliche Amministrazioni Locali (in seguito PAL) vede nei contratti di sp onsorizzazione, e quind i nella p ossibilità d i innescare un sistem a d i PRQH\ IRU YLVLELOLW\, una delle declinazioni più ampie, eterogenee e complesse al tempo stesso. La tematica è ampia in quanto coinvolge una quantità di attori pubblici e privati, e di processi - dalla definizione del progetto/ evento al closing - che raramente si incontrano in altri ambiti aventi ad oggetto la medesima finalità di reperimento di risorse. L eterogeneità è, invece, dovuta alla coesistenza di tre diverse specializzazioni, o meglio, culture. Come si avrà infatti modo di verificare, il perfezionamento di un operazione di sponsorizzazione richiede una sistematica rispondenza ad aspetti appartenenti ad ambiti notoriamente distanti, quali: 4

5 la finanza pubblica, nella previsione delle opportunità di sponsorizzazione e nell allocazione delle entrate ottenibili; il marketing, per le valutazioni strategiche e di merito sulle operazioni; il diritto, per la regolamentazione delle numerose implicazioni che questo genere di rapporti richiede. La FRPSOHVVLWj deriva sia dalla mancanza di un effettivo WUDFN UHFRUG, dovuta alla modesta applicazione dello strumento, sia dalla difficoltà di coordinamento organizzativo - che si concretizza in un impegno congiunto, seppur chiaramente finalizzato ed occasionale -, di tre specializzazioni diverse, che in pochi altri casi risultano così reciprocamente dipendenti. In un tale contesto, affrontare il tema avendo chiaro l obiettivo di arrivare a conclusioni tangibili e replicabili, ha richiesto un attenzione particolare alle premesse, in quanto le diverse pubblicazioni che hanno affrontato l argomento da varie angolazioni e le continue esperienze che conferiscono concretezza e dimostrabilità alle analisi teoriche, hanno richiesto un preliminare sforzo di individuazione delle criticità residuali, ovvero di precise fasi del processo di implementazione di un operazione, sulle quali minori erano state le occasioni di analisi. Tutto ciò ha portato ad adottare un approccio orientato alla descrizione di esempi e di proposte operative, limitando il ricorso a schemi logico/ concettuali. L approfondimento verrà, quindi, eseguito privilegiando l aspetto della ind ivid uazione d ei SRWHQ]LDOL GL FRPXQLFD]LRQH e le form e di UHSHULPHQWR GLUHWWR HG LQGLUHWWR GL VSRQVRU, prestando attenzione ai tanti dettagli che compongono un operazione e che, proprio a causa della eterogeneità delle specializzazioni coinvolte, vengono spesso considerati di minor rilievo. Il processo, nella sua concezione normativa, inizia dalla definizione di un panel di proposte da sottoporre al vaglio degli organi competenti, i quali deliberano se e come dare corso alle operazioni. (E proprio da questo primo passaggio che prende spunto l analisi, essendo emersa, con una certa evidenza, un anomalia strutturale nella fase di VWDUW XS. Richiedere ad uno o più funzionari pubblici di eseguire uno sforzo creativo, di immaginazione e di ottimizzazione del potenziale comunicativo intrinseco nel territorio ed in molte delle attività che il territorio stesso potrebbe 5

6 generare, pone un pesante interrogativo sulla compatibilità delle aspettative al ruolo ed alle esperienze delle figure preposte.) L LWHU realizzativo dell operazione prosegue attraverso la proposta e la selezione dei potenziali sponsor, evidenziando un ulteriore ed ancor più ampia area di approfondimento. L offerta di occasioni di visibilità proposte dalle PAL non può, infatti, considerarsi né strutturata né riconducibile a soluzioni standard. Trattasi di eventi o di progetti di riconversione/ ristrutturazione o di semplici contributi alle spese di gestione, le operazioni vanno analizzate, configurate e proposte possibilmente a gruppi di potenziali sponsor, preselezionati e disponibili a rapide e strutturate valutazioni. Incrociati i due interessi, è stato affrontato il problema della conversione della YLVLELOLWj in YDORUH: la determinazione del corrispettivo ottenibile per l opportunità proposta resta un argomento tutto da approfondire e le esperienze maturate forniscono un contributo solo marginale all inquadramento del problema. La sistematica unicità delle operazioni, ed i diversi contesti nei quali i casi analoghi si concretizzano, portano, infatti, il sistema di determinazione del valore su un numero non sempre identico di variabili. 3 Prem essa m et odologic a L obiettivo di fornire un valore aggiunto tangibile agli operatori e a coloro i quali sono a diverso titolo interessati all argomento è stato, quindi, perseguito adottando un approccio metodologico prevalentemente empirico. Si è, in pratica, inteso evitare di coinvolgere tali operatori nell analisi di principi seguiti da coloro che operano in modo professionale nel settore delle comunicazioni ed adottano criteri specifici per una determinata operazione. Tutto ciò per due motivi : - il marketing e le scelte pubblicitarie/ promozionali appartengono ad un sistema di valutazione ed impostazione delle strategie aziendali talmente complesso che è davvero inopportuno immaginarne un approfondimento, tra l altro finalizzato alla semplice vendita di opportunità di visibilità. Come si diceva nell introduzione, l eterogeneità dell argomento è al tempo stesso una delle caratteristiche che ne 6

7 conferisce una elevata potenzialità, ma è anche il principale rischio alla confusione tra procedure e ruoli, finalità immediate e scenari perseguibili. - i veri fattori chiave che possono incidere in modo decisivo sul successo delle proposte sono le informazioni e le procedure. Per quanto riguarda le LQIRUPD]LRQL, la qualità e quantità dei contatti sul fronte della domanda di sponsorizzazioni, delle esperienze di successo e dei casi applicativi, forniscono un contributo al successo di un iniziativa molto più diretto di quanto non possa avvenire con un ampia descrizione delle possibili combinazioni mercato/ canale distributivo 1. Le SURFHGXUH rappresentano l altro elemento cruciale nel ciclo di vita di un operazione, perché, così come viene evidenziato da più fonti, gli enti locali dovrebbero dedicare ad esse una WDVN dotata di competenze e poteri idonei ad assicurare fluidità e concretezza alle ipotesi proposte. Nel rispetto delle previsioni metodologiche, la struttura della ricerca è stata impostata evitando di scendere nel dettaglio delle ragioni che possono spingere un potenziale investitore ad effettuare o meno l operazione, concentrandosi piuttosto sulla individuazione e classificazione per attributi chiave budget, interesse geografico, settore, target - degli stessi. Parimenti è stata svolta una valutazione comparata di alcuni FDVH VWXGLHV, evidenziando LWHU esecutivi, soggetti coinvolti e risultati, ricercando le motivazioni alla base degli esempi di successo e rintracciando le cause di disguidi o di inefficienze gestionali. 'HILQL]LRQL Si è ritenuto opportuno, in sede introduttiva, proporre alcune definizioni chiave, adottate frequentemente nel gergo del settore, ma soprattutto utilizzate come unità di misura e parametrizzazione degli interventi. Visto che la terminologia vagliata può apparire estremamente scarna, giova precisare che la selezione è stata effettuata acquisendo esclusivamente quei concetti che sono stati poi utilizzati e ripresi nelle successive fasi della relazione e nel software sperimentale, cercando di mantenere l attenzione sulle finalità empiriche del lavoro, a vantaggio di una generale ma più qualificata trattazione del tema. 1 Il riferimento è a Guida operativa alle sponsorizzazioni nelle pubbliche amministrazioni /H VSRQVRUL]]D]LRQL SHUVHWWRULGLLQWHUYHQWR pg. 44 7

8 'LIIHUHQ]DWUDSURPR]LRQHSXEEOLFLWjHSXEEOLFKHUHOD]LRQL In materia di marketing e di comunicazione d impresa, la promozione è identificata come quella serie di attività legate al lavoro indirizzato alla divulgazione/ diffusione di un bene e/ o servizio per far conoscere e, di conseguenza, apprezzare l azienda produttrice dello stesso. La promozione appartiene ad una delle "cinque P" del modello del marketing mix, insieme alle altre quattro variabili: prezzo, prodotto, distribuzione (SODFHPHQW in inglese) e SDFNDJLQJe risulta, di conseguenza, una delle quattro leve decisionali di marketing che le imprese modulano al fine del raggiungimento degli obiettivi di vendita prefissati. La promozione si avvale di diversi strumenti come la pubblicità, il direct marketing, le sponsorizzazioni (VSRQVRUVKLS), le pubbliche relazioni (SXEOLF UHODWLRQV), la vendita personale (ad esempio porta a porta). Le pubbliche relazioni rappresentano il momento più alto nella piramide della comunicazione, in quanto si pongono come obiettivo esclusivo l abbinamento di un marchio, sia esso aziendale sia di prodotto, ad un evento di solito configurato in un ambiente culturale, artistico o sociale. La pubblicità, a differenza degli altri mezzi comunicativi, è uno strumento che utilizza mezzi informativi di massa (televisione, stampa, radio), ponendosi come target un dato numero di destinatari potenziali. Attualmente la pubblicità è lo strumento promozionale più utilizzato e con i budget di spesa più elevati: negli ultimi trent anni in Italia si è assistito ad un trend positivo degli investimenti, che hanno avuto una crescita continua fino ad arrivare nel 2005 a circa dieci miliardi di euro 2. 6SRQVRUL]]D]LRQH Un altro elemento chiave della promozione è la sponsorizzazione, che indica la relazione tra uno sponsor ed un evento, un istituzione, una persona o un bene: lo sponsor interviene finanziariamente o fornendo beni e servizi, in cambio della possibilità d i sfru ttare il p otenziale com u nicativo generato d all op erazione. 2 Fonte: d ati U.P.A (Utenti Pubblicità Associati). 8

9 La sponsorizzazione appartiene e soggiace alla normativa in materia di pubblicità, ma si discosta dalla stessa per alcune peculiari differenze. Il distinguo più evidente tra la sponsorizzazione e la pubblicità tradizionale è data dall'uso indiretto del messaggio pubblicitario: mentre la pubblicità in senso stretto, infatti, aspira a fornire visibilità immediata al prodotto in oggetto, nella sponsorizzazione il messaggio pubblicitario viene inserito in un diverso ed autonomo evento e/ o contesto (competizione sportiva, spettacolo artistico, ecc.), utilizzato per lanciare, valorizzare ed ampliare la comunicazione di un marchio. 7DUJHWFRVWRFRQWDWWRUHGHPSWLRQFRVWRDFTXLVL]LRQH Ogni azienda, sulla base del prodotto/ servizio offerto, prevede delle categorie di utenza con caratteristiche e bisogni ben definiti. Il mercato nella sua totalità è vasto ed altamente eterogeneo e per tale motivo si cerca di suddividerlo in gruppi con caratteristiche comuni. Tale processo, nelle term inologie in u so tra gli operatori, viene d efinito VHJPHQWD]LRQH GHO PHUFDWR, che prevede la suddivisione del pubblico in gruppi di utenti omogenei con caratteristiche comuni, identificate sulla base di diversi criteri: geografici, demografici, socio economici, psicofisici, comportamentali, benefit ricercati, tutti definiti in base alle specificità del prodotto/ servizio da promuovere. Una volta segmentato il mercato, l azienda sceglie l utenza o la classe di pubblico a cui rivolgersi, identificando così il proprio WDUJHWobiettivo. Per alcune classi merceologiche o servizi è possibile adottare la tecnica del GLUHFW PDUNHWLQJ, che viene così definita proprio perchè prevede la quantificazione e la tracciabilità delle proposte. Il GLUHFW PDUNHWLQJ viene spesso usato come esempio per introdurre concetti quali il costo contatto, la redemption ed il costo acquisizione. Il FRVWRFRQWDWWR è il parametro utilizzato sia in sede di budget sia a consuntivo, per valutare l opportunità e l efficacia di una determinata operazione. Tale valore unitario viene calcolato in base a: canale promozionale prescelto; 9

10 l impatto promozionale creato, ad esempio la differenza, dal punto di vista di forza promozionale, esistente tra l invio di una semplice informativa e l invio di una contenente sconti o altri bonus promozionali (il significato del costo contatto, ed il suo utilizzo come strumento di decisione, verrà opportunamente approfondito in seguito, allorquando ne verrà proposta l adozione anche dal lato della parte proponente). La UHGHPSWLRQ, invece, rappresenta la percentuale di risposte pervenute a valle di una campagna promozionale, pubblicitaria o di direct marketing. Il valore è dato dal numero di messaggi promozionali inviati su un dato coefficiente di IHHGEDFN ottenuti. Il FRVWRDFTXLVL]LRQH è identificato come il rapporto tra FRVWRFRQWDWWR e la UHGHPSWLRQ, e rappresenta la spesa promozionale unitaria, ossia il costo unitario sostenuto dall'azienda per l ottenimento del ritorno atteso, espresso, ad esempio, in termini di clienti acquisiti o di maggiori vendite. &RQWUDWWRGLVSRQVRUL]]D]LRQH Il contratto di sponsorizzazione è uno dei più innovativi e versatili strumenti di IXQGLQJE un FRQWUDWWRDWLSLFR, riconducibile alla fattispecie della vasta categoria dei contratti di pubblicità, ed è definito quale contratto finalizzato alla diffusione di un segno distintivo (il più delle volte un marchio) o la denominazione di un prodotto o di un impresa, attraverso l utilizzazione di un evento o di una serie di eventi. Lo sponsor si obbliga ad una prestazione pecuniaria, ovvero alla fornitura di beni e/ o servizi, ottenendo un ritorno in termini di rafforzamento della propria immagine nei confronti del pubblico, nella prospettiva di una maggiore penetrazione nel suo segmento di mercato. Al contempo lo VSRQVHH (soggetto sponsorizzato, nel caso specifico la Pubblica Amministrazione, che si obbliga a fornire, nell ambito delle iniziative destinate al pubblico, prestazioni accessorie alla veicolazione del marchio, del logo o di altri messaggi del soggetto sponsorizzante) consegue un corrispettivo oppure un risparmio di spesa nella realizzazione dello stesso evento in occasione del quale si attua il collegamento con l immagine dello sponsor. 10

11 4 Le opport unit à di sponsorizzazione In molti ambiti che riguardano la Pubblica Amministrazione (P.A.), il rapporto tra rischio - di porre in essere un atto, o costruire un operazione innovativa rispetto alle consuetudini amministrative ed al NQRZ KRZ empirico maturato nell ente - ed il rendimento atteso da tali azioni, è di difficile valutazione. Ciò che invece emerge con una certa chiarezza è che, di fronte ad una disciplina emergente foriera di vantaggi tangibili ed importanti innovazioni, il timore di incorrere in errori amministrativi o di porre in essere atti in qualche modo imperfetti dal punto di vista amministrativo, porta a valutare il potenziale dello strumento, non già partendo dall universo dei rendimenti possibili bensì da esperienze compiute che abbiano, quindi, già superato la prova della fattibilità e della congruenza amministrativa. L indagine ha, infatti, evidenziato che le operazioni e gli interventi compiuti sono stati valutati e progettati intorno alle prescrizioni amministrative che ne hanno limitato il potenziale applicativo.,oexvlqhvvghoohvsrqvrul]]d]lrql Trattare le opportunità di IXQGLQJ come una vera e propria fonte di entrate significa impiegare tempo e risorse, adottare comportamenti finalizzati, dotarsi di strumenti di analisi e fornire un contributo creativo in modo sistematico e non occasionale. Nel mondo anglosassone, storicamente più attento alla comunicazione in genere ed al marketing in specie, il reperimento di fondi è un business a sé stante con un proprio fatturato e tutto ciò che di positivo ne deriva, da una nuova occupazione all indotto che interviene in tutte le fasi del processo, da quella meramente creativa a quella di definizione dei piani di valutazione degli interventi fino a quella di creazione vera e propria degli eventi stessi. A titolo di esempio, si cita la Bertam Sponsorship Strategies che è solo una delle numerosissime aziende operanti nel campo della creazione di eventi e di alleanze tra marchi e tra i più diversi contesti territoriali. Attualmente, la BSS sta lavorando alla creazione di un programma realizzato per lo sviluppo del Golden Gate Bridge District nella città di San Francisco. 11

12 Il senso dell analisi ricade su di una diversa visione delle opportunità emergenti, che sono sempre più generate dalla capacità creativa di professionisti specializzati e meno dal recupero/ imitazione di casi applicati. La sponsorizzazione come mezzo di IXQGLQJ per le P.A. può essere, quindi, interpretata come un vero e proprio business dalle grandi potenzialità, che, come si diceva in precedenza, va ben oltre i confini dei limiti e prescrizioni del contratto di sponsorizzazione e del relativo regolamento comunale, che ne determina limiti e potenzialità. Relativamente alle ORFDWLRQV gli interventi di sponsorizzazione possono essere impostati con una pianificazione attenta e mirata e con modalità contrattuali differenti da quelle predisposte dai contratti di sponsorizzazione creati ad hoc. Gli interventi di sponsorizzazione legati ad eventi e manifestazioni sono molteplici e di diverso genere. In via generale gli eventi possono essere catalogati in quattro macro aree di interesse: 1. cultura; 2. arte/ spettacolo; 3. sport; 4. supporto sociale. Tale distinzione è utile in quanto, a seconda del genere di manifestazione, è possibile sia definire un team di risorse esperte nella pianificazione e nell implementazione di eventi, sia consolidare rapporti continuativi con sponsor interessati a specifiche ORFDWLRQV, tipologie di allestimenti o WDUJHW di spettatori. Per gli eventi legati all area cultura in genere vengono candidate ORFDWLRQV quali musei, palazzi d epoca, teatri, cinema, caffè letterari, ma anche spazi all aperto. Gli allestimenti cambiano a seconda del contesto, pur presentando caratteristiche comuni come palco, spazi espositivi, chioschi, allestimenti audiovisivi. Il target viene individuato in base al genere culturale proposto, raccogliendo comunque un segmento medio-alto, talvolta di nicchia, che segue spesso eventi a tema. Le operazioni rientranti nell area spettacolo hanno, invece, come ORFDWLRQV tipiche, piazze, arene, giardini, strade ma anche spazi interni come musei, teatri, circhi. 12

13 Gli allestimenti possono variare molto a seconda che la manifestazione sia svolta in aree esterne o meno. Il palco, gli impianti audio, di illuminazione e sonori, le attrezzature in genere, sono denominatori comuni per la realizzazione di uno spettacolo. Gli eventi sportivi prevedono ORFDWLRQV dedicate come stadi, campetti, centri polifunzionali, circuiti, strutture sportive in genere sia all aperto che al chiuso. Gli allestimenti delle manifestazioni sportive prevedono spazi espositivi, chioschi e tutte le attrezzature sportive utili per il corretto svolgimento della manifestazione. Il target è sicuramente formato da persone appartenenti a fasce di età più ampie o comunque agli amanti dello sport in generale. La promozione dell evento sportivo deve essere fatta verso circoli ed associazioni sportive, tramite canali dedicati al genere di sport individuato (riviste di settore e canali radio televisivi di sport, ad esempio). Nel caso di manifestazioni sportive, sia occasionali sia cicliche (come i campionati ed i tornei), il ruolo dello sponsor tecnico potenziale assume un valore ancora maggiore. La fornitura del materiale e delle attrezzature necessarie per l esecuzione della performance sportiva rappresentano, di fatto, la voce di costo più significativa e che quindi può essere semplificata con il contributo di aziende produttrici o commerciali del settore.,gulyhughoohsursrvwhydqwdjjlshuodfroohwwlylwj Prima di passare all approfondimento delle possibili macrocategorie di proposte, che potrebbero essere seppur impropriamente - definite driver dei ricavi, è opportuno almeno accennare al diverso impatto che tali interventi hanno sulla collettività. Con una certa frequenza, infatti, partendo dall assioma che lavorare per ottenere maggiori fonti di finanziamento esterne alle PAL è di per sé un comportamento virtuoso, si omette una valutazione propedeutica che dovrebbe distinguere quanto un operazione faccia bene al bilancio comunale e quanto alla collettività. Nel disegno seguente si è cercato di suddividere le diverse finalità per le quali si propone un intervento di sponsorizzazione, correlando i vantaggi tangibili per il bilancio con quelli percepiti dalla cittadinanza. 13

14 Si citano d u e esem p i su tu tti: $GRWWD XQD 5RWRQGD ed,o 5HFXSHUR GL XQ 3DUFR $EEDQGRQDWR. Nel primo caso, il prezzo pagato dallo sponsor per essere presente in una rotonda, un punto cruciale caratterizzato da alto traffico, semplifica i costi di gestione di quella parte di spazio urbano, generando un vantaggio solo ed esclusivamente per il bilancio comunale. La cittadinanza - che magari preferirebbe una composizione floreale invece di un cartellone pubblicitario - in questo caso è soggetto passivo del messaggio pubblicitario, che, tuttavia, consente, con l elevato traffico, un beneficio alle finanze comunali. Vantaggio per la collettività Massimo Nullo Spese correnti Eventi Qualificazione Creazione Asset Nel secondo caso, considerato che nel bilancio previsionale del Comune non vengono reperiti fonti da poter dedicare ad un parco non fruibile dalla cittadinanza per motivi di sicurezza, igiene, manutenzione o altro, la creazione di un operazione di sponsorizzazione, mediante la qualificazione di un asset già esistente, ma non utilizzabile, fa della cittadinanza parte attiva nonché prima beneficiaria dell intervento. &RQWULEXWRDOOHVSHVHFRUUHQWL Le possibilità di offrire ad aziende private occasioni di supporto alle spese correnti di un soggetto pubblico sono molto numerose. Va detto che la struttura del contratto di sponsorizzazione trova nelle forme di recupero dei costi forse la parte predominante del panorama applicativo. Le possibili occasioni di sinergia con aziende private o altri enti pubblici interessati ad abbinare il proprio marchio a quello dell ente 14

15 beneficiario trovano nella modalità dello sponsor tecnico un esempio di agevole comprensione. In un periodo in cui, ad esempio, i Tribunali evidenziano fabbisogni finanziari notevolmente superiori alle fonti disponibili, si sono prodotte numerose ipotesi di supporto, quali ad esempio la fornitura della carta per fotocopie da parte di un produttore leader nel mercato dei fogli A4, che avrebbe rinegoziato il prezzo della carta in cambio di una più evidente visibilità su tutti gli stampati. Questo caso, che è un ipotesi di risparmio di spese correnti, presentava tuttavia una serie di controindicazioni, in quanto lo sponsor, seppur in modo lecito, si sarebbe trovato nella condizione di finanziatore del Ministero di Giustizia, creando le premesse per un possibile conflitto di interessi, qualora l azienda stessa si fosse trovata ad avere rapporti di altra natura, con il Ministero stesso. Di ipotesi come quella citata ve ne sono molteplici, alcune testate con successo, altre non riuscite, e la funzione dell interscambio di competenze ed il supporto fornito dallo strumento informatico intervengono proprio in tal senso. 4XDOLILFD]LRQH H FUHD]LRQH GL DVVHW L VXSSRUWL DG DUHH H VWUXWWXUH SXEEOLFKH La riqualificazione del territorio urbano è un problema di grande attualità, in quanto le P.A. si ritrovano a gestire e sostenere i costi legati a numerose aree e strutture urbane con, in alcuni casi, la necessità di interventi di ammodernamento o di adeguamento funzionale. I processi di riqualificazione di zone urbane, come si diceva in precedenza, talvolta non vengono portati avanti a causa della mancanza di disponibilità di fondi adeguati, privando la cittadinanza di un bene pubblico e favorendo processi di degrado irreversibili di aree e di strutture di pubblica utilità. Tale problema trova la sua semplice soluzione nella sponsorizzazione: la P.A., affidando alcune ORFDWLRQV ad uno o più sponsor, può coprire i costi di gestione e di manutenzione di eventuali lavori. Lo sponsor, in cambio di una visibilità del proprio logo/ marchio associato alla ORFDWLRQ, in maniera permanente o per periodi molto lunghi, assicura la riqualificazione di quelle aree urbane per le quali è possibile applicare tali forme di 15

16 supporto con un conseguente miglioramento, estetico e funzionale, di aree pubbliche spesso trascurate nei Comuni. Generalmente le strutture o aree, che possono beneficiare di tali tipi di supporto, sono: strutture sportive (stadi, campetti, centri sportivi e polifunzionali); edifici storici/ antichi (palazzi, chioschi); infrastrutture (stazioni di treni, metropolitane, funicolari); aree/ locations all aperto (giardini, parchi, slarghi, piazzali). 5 St rut t ura della sponsorizzazione 'XUDWDGHOOHRSHUD]LRQL I diversi interventi di sponsorizzazione, sulla base del Piano Esecutivo di Gestione comunale (PEG), possono essere temporanei e quindi applicabili ad eventi e/ o manifestazioni che si protraggono per periodi brevi o medio-lunghi, oppure permanenti, come nel caso in cui siano legati a ORFDWLRQV o ad aree pubbliche. Le opportunità di sponsorizzazione temporanee, legate a singoli eventi, risultano essere molto più snelle dal punto di vista procedurale ed amministrativo. D altra parte le sponsorizzazioni permanenti permettono interventi di maggiore rilevanza socio-economica con risultati in termini di riqualificazione e di miglioramento urbano. Tra gli interventi di lungo termine, si evidenziano alcune strutture che ben si prestano ad operazioni di grande rilievo, sia finanziario sia sociale: in ambito sportivo, gli stadi, i campetti, i palazzetti dello sport, le piscine, gli autodromi, i centri polifunzionali; in ambito culturale, i musei, i teatri, le biblioteche, i palazzi antichi; nelle aree all aperto, i parchi, i giardini, le piazzole; in tema di infrastrutture, le stazioni, le aree della metropolitana/ funicolari; 16

17 in ambito sociale, i palazzi e le aree in dotazione al Comune, con vincoli di destinazione d uso, le attività sociali. /D SDUWHFLSD]LRQH GL SL VSRQVRU PDLQ VSRQVRU VSRQVRU WHFQLFR H SDUWQHUV Ogni intervento sia temporaneo sia definitivo, a seconda del regolamento del player gestore sponsee, può essere gestito secondo modalità di sponsorizzazione diverse. Si può prevedere, infatti, la sponsorizzazione da parte di: main/ golden sponsor, il quale associa permanentemente il proprio nome alla denominazione dell evento e/ o location ( nome/ logo dello sponsor + nome/ logo dell evento o location ); sponsor tecnici/ Silver, ai quali viene proposta l acquisizione di spazi pubblicitari limitati, mentre l evento e/ o la location mantengono la propria denominazione originale; sponsor SDUWQHUEURQ]H, che acquisiscono una semplice visibilità del marchio durante l evento e/ o la ORFDWLRQ dedicata, senza chiaramente modificare l immagine base dell evento. Il main ed unico sponsor gestisce, in genere, i costi di gestione e di investimento ed ha una grande influenza sulle strategie di veicolazione dell immagine dell intervento. Gli sponsor SDUWQHU tecnici, invece, partecipano agli investimenti ed ai costi organizzativi affiancando, con il proprio logo/ immagine identificativa, l immagine principale, che rimane comunque quella dell evento e/ o ORFDWLRQ sponsorizzato, con una gerarchia ove l importanza dello sponsor SDUWQHU/ tecnico è direttamente proporzionale agli investimenti effettuati ed al conseguente spazio di immagine ottenuto.,oflforglylwdghjollqwhuyhqwlodylvlelolwjuhvlgxdoh Un aspetto di rilievo sicuramente non cruciale nell economia di un operazione di sponsorizzazione, ma che tuttavia è stato oggetto di approfondimento e di verifica da parte degli addetti al settore, è la diversa durata dell effetto promozionale rispetto ai termini contrattuali per quelle ORFDWLRQ che prevedono l acquisizione del nome. 17

18 E il caso ad esempio del PalaTrussardi del PalaEldo, ovvero di strutture che, acquisendo la denominazione dello sponsor, ne divengono di fatto un punto di riferimento anche geografico oltre che sportivo come nel caso in essere. 6 Indagine sullo st at o di applic azione dello st rum ent o Il momento di approfondimento sul livello di applicazione dello strumento in analisi presso le P.A. ha previsto un intervista proposta ad un panel casuale di Comuni di diverse dimensioni. La fisiologica ritrosia a fornire informazioni su dettagli gestionali, in particolare se dalle risposte è possibile definire quasi automaticamente degli indicatori di efficienza, ha reso piuttosto complessa la fase di rilevazione. Tuttavia, il tenore delle risposte alle domande aperte ha evidenziato una sistematica curiosità agli esiti concreti, ai quali una più spinta politica di utilizzo dello strumento potrebbe portare, oltre che una frequente disponibilità all approfondimento del tema, in tutte le sue declinazioni. Il dato meno incoraggiante deriva dalle risorse dedicate all approfondimento del potenziale offerto dalle sponsorizzazioni e dalla confusione con il project financing. In effetti, la contiguità tra i due strumenti e la finalità comune, in vero tale solo a livello teorico, ha richiesto, in più di un caso, interventi preliminari di chiarificazione alle figure intervistate. Il questionario proposto riportato in allegato è la versione finale di una serie di adattamenti che si sono resi opportuni in corso d opera. In seguito si citano alcuni spunti di maggior interesse, emersi in sede di incontro: 1. possibilità di ridurre il contributo per manifestazioni d interesse pubblico, mediante accordi quadro; 2. potenziale dello strumento che talvolta può consentire opere di valore cruciale per il territorio; 18

19 3. l efficacia di un abbinamento territorio/ evento, come occasione di visibilità e volano per l economia locale; 4. presa d atto della mancanza di figure dedicate al tema. 5HOD]LRQHWUDODIDVHDPPLQLVWUDWLYDHGLOIXQGLQJ La fase amministrativa viene risolta nel momento in cui si creano i presupposti giuridici per l attivazione dei contratti, mentre la verifica dell interesse e dell opportunità di un intervento di sponsorizzazione necessita di un ulteriore e più specifico ambito di analisi. Parliamo in questo caso di sponsorizzazioni nel senso classico del termine, mentre è noto che in alcuni casi la ricerca di sponsor da parte dell Ente pubblico si concentra sulla ricerca di inserzionisti che contribuiscano, ad esempio, a sostenere i costi di stampa di una pubblicazione, o sull individuazione di aziende che vogliano acquistare il diritto alla presenza in uno spazio fisico o in un affissione. Uno degli ulteriori aspetti indagati nella ricerca è il miglioramento della qualità della valutazione di un intervento di sponsorizzazione, ovvero la quantificazione del valore percepito dallo sponsor e, quindi, del corrispettivo richiedibile dallo VSRQVHH. Su questo argomento, molte delle multinazionali operanti nel settore delle ricerche di mercato e monitoraggio degli strumenti di comunicazione hanno sviluppato proprie metodologie scientifiche e criteri di valutazione sia dei risultati sia dei costi effettivi delle sponsorizzazioni. Tali valutazioni, che riguardano quasi esclusivamente i passaggi sui principali media - stampa, radio, tv -, sono proposte in genere agli sponsor, per eseguire sia valutazioni di EHQFKPDUN tra le soluzioni alternative sia una verifica di efficacia per interventi singoli. Tra i numerosi strumenti analizzati, la piattaforma SponsorTracking è quella risultata meglio rispondente alla strategia di qualificazione proposta e che ha evidenziato i più ampi margini di integrazione con il software sperimentale. Messa a punto dalla Nielsen Media Research, il tool consente di associare ad un attività di sponsorizzazione un valore in termini di Euro, calcolato utilizzando le tariffe dei listini pubblicitari ufficiali e i fattori di ponderazione mensilmente stimati da Nielsen 19

20 Media Research audience, espressi tramite un coefficiente definito Gross Rating Point o di contatti lordi raggiunti. E inoltre possibile completare ogni singola esposizione del marchio con la sua creatività, da intendersi come i minuti/ secondi di filmato per la Tv o le fotografie per la Stampa dove il marchio è reso visibile. La piattaforma è stata concepita per supportare le aziende nella scelta delle proprie strategie di comunicazione, analizzando in dettaglio l esposizione di un marchio nei confronti della cosiddetta DXGLHQFH indiretta, cioè quella che viene attivata tramite gli organi di informazione. Un criterio analogo potrebbe essere sicuramente adottato anche dalle PAL per valutare un iniziativa di sponsorizzazione e definirne un valore percepito. Quello della valorizzazione rappresenta, infatti, un passo fondamentale per un percorso virtuoso, sia esso compiuto all atto della proposta di un iniziativa, sia inteso quale momento di IHHGEDFN contemporaneo, o H[SRVW, sulle performance dell evento. Questo approccio, inoltre, consentendo di autovalutare i risultati delle iniziative di sponsorizzazione proposte e di stimare il valore di uno VSRQVHH, proprio in termini di veicolo comunicazionale, crea i presupposti per definire un offerta sempre più mirata e per affinare le strategie competitive verso altri media alternativi. Le PAL, per entrare con convinzione nel business delle sponsorizzazioni, dovrebbero infatti affrontare argomenti quali: - la valutazione delle performances; - le affinità del marchio con il contesto comunicazionale che lo rende visibile; - il trattamento del complesso delle esposizioni come una vera e propria campagna ; - l analisi dei legami tra la quantità delle esposizioni del marchio e l andamento variabile della notorietà dello sponsor/ VSRQVHH; - il confronto delle informazioni inerenti alla sponsorizzazione con l attività pubblicitaria generale e specifica a supporto della stessa, effettuata dallo sponsor sui mezzi classici (Banca Dati AdEx). 20

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Oggetto: istanza d interpello ai sensi dell articolo 21 della legge 30 dicembre 1991, n. 413 società: "X.Z.Y. srl Spese di pubblicità e rappresentanza

Oggetto: istanza d interpello ai sensi dell articolo 21 della legge 30 dicembre 1991, n. 413 società: X.Z.Y. srl Spese di pubblicità e rappresentanza R is oluzione 14 novembre 2002, n.356 E - Caus e r elated marketing, AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 novembre 2002 Oggetto: istanza d interpello ai sensi dell

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Aspetti di Marketing Sportivo

Aspetti di Marketing Sportivo Aspetti di Marketing Sportivo Università di Ferrara Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e gestione delle imprese sportive Cesare Mattei Definizione: IL MARKETING E UN INSIEME DI ATTIVITA PROGRAMMATE,

Dettagli

Gestione del rischio operativo

Gestione del rischio operativo Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Gestione del rischio operativo Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ha avviato di recente un programma di lavoro sul rischio operativo. Il controllo

Dettagli

Parco Naturale Regionale delle Serre REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI

Parco Naturale Regionale delle Serre REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI Parco Naturale Regionale delle Serre REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI Approvato con Deliberazione del Commissario straordinario n. 25 del 27/06/2011 1 ART. 1 Premesse 1. Il presente Regolamento

Dettagli

1. Introduzione e struttura della ricerca

1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca 1. Introduzione e struttura della ricerca ABSTRACT Il capitolo introduttivo fornisce l inquadramento generale della ricerca e ne definisce gli obiettivi primari

Dettagli

Roma 22 aprile 2015 Palazzo Confesercenti

Roma 22 aprile 2015 Palazzo Confesercenti Roma 22 aprile 2015 Palazzo Confesercenti Un riferimento strutturato alle attività del lavaggio auto Il car wash in Italia, problematiche e prospettive. Premessa Il mondo dell autolavaggio riveste un importanza

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

I MONDIALI DELLA PALLAVOLO. 27 Giugno 2013

I MONDIALI DELLA PALLAVOLO. 27 Giugno 2013 I MONDIALI DELLA PALLAVOLO 27 Giugno 2013 La pallavolo in Italia 5.000 Società di pallavolo 11,5 milioni affiliate alla FIPAV 340.000000 Appassionati di pallavolo di Atleti Tesserati cui il 28% tra 25

Dettagli

Antenna Europe Direct della Regione Lombardia. europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.it

Antenna Europe Direct della Regione Lombardia. europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.it Antenna Europe Direct della Regione Lombardia europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.it La rete Europe Direct Rete ufficiale dei centri di informazione della Commissione europea.

Dettagli

Research & Strategy Projects & Fund Raising Marketing Technology Education

Research & Strategy Projects & Fund Raising Marketing Technology Education Research & Strategy Projects & Fund Raising Marketing Technology Education Territoria è una società di consulenza specializzata in marketing territoriale e sviluppo locale. Elaboriamo e applichiamo metodologie

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE PER L ANNO 2006

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE PER L ANNO 2006 ALLEGATO A alla Delibera N. 81/08/CONS SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE PER L ANNO 2006 Premessa Di seguito, vengono esposti i principali risultati relativi

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE

PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONE Una grande occasione per promuovere l azienda attraverso i valori del Giro d Italia. EMOZIONE, IMPEGNO, ENTUSIASMO, PASSIONE E GIOCO DI SQUADRA. Queste sono le principali caratteristiche

Dettagli

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a.

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. Corso di Economia e gestione delle imprese II Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. dott. Matteo Rossi Benevento, 04 febbraio 008 Il business plan E un esercizio che rappresenta

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

L applicazione della nuova normativa sui servizi pubblici locali. Un opportunità per creare cultura e innovazione nella gestione dei servizi pubblici.

L applicazione della nuova normativa sui servizi pubblici locali. Un opportunità per creare cultura e innovazione nella gestione dei servizi pubblici. sui servizi pubblici locali Un opportunità per creare cultura e innovazione nella gestione dei servizi pubblici. Un opportunità per creare cultura e innovazione nella gestione dei servizi pubblici. il

Dettagli

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna 3.4.3. Analisi dell efficacia esterna Il marketing strategico In relazione alla dimensione analitica del marketing strategico, la ricerca ha rilevato come Gamma ponga in essere indagini di mercato ad hoc

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

POLO YOUNG INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTUALI PER L INSEDIAMENTO PRESSO L INCUBATORE CULTURALE POLO YOUNG

POLO YOUNG INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTUALI PER L INSEDIAMENTO PRESSO L INCUBATORE CULTURALE POLO YOUNG POLO YOUNG INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTUALI PER L INSEDIAMENTO PRESSO L INCUBATORE CULTURALE POLO YOUNG IL CONTESTO La valorizzazione dei beni e delle attività culturali è un tema di cui si è molto

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it

FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it FULLFARMA Viale Danimarca, zona industriale Battipaglia (SA) Telefono: +39 0828/346473 Email: fullfarma@a4dc.it www.a4dc.it A4 Design @Design_A4 Progetto promosso e curato da A4Design Nata dall intesa

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

Settore Politiche Comunitarie Politiche Culturali AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA SPONSORIZZAZIONE

Settore Politiche Comunitarie Politiche Culturali AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA SPONSORIZZAZIONE Settore Politiche Comunitarie Politiche Culturali AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA SPONSORIZZAZIONE IX EDIZIONE FESTIVAL LE STRADE DEL PAESAGGIO PREMESSO CHE - che Il festival del fumetto

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione

Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione Services- Research - Planning S.r.l. Società di servizi, ricerca e progettazione Face to Face Marketing Comunicazione Eventi - Fundraising Ricerchiamo Location per la promozione della Vostra Causa Vi aiutiamo

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato-

SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato- SCHEDA FEDERAVO n 18 (ultimo aggiornamento gennaio 2010) SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato- Obiettivo Fornire indicazioni operative in tema di sicurezza Premessa 1)

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG82U ATTIVITÀ 70.21.00 PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ 73.11.01 IDEAZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE

STUDIO DI SETTORE UG82U ATTIVITÀ 70.21.00 PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ 73.11.01 IDEAZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE STUDIO DI SETTORE UG82U ATTIVITÀ 70.21.00 PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ 73.11.01 IDEAZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE Aprile 2009 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG82U Studi

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376)

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) Premessa Nell ambito del programma di mandato 2014-2019 La città delle opportunità,

Dettagli

PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE

PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE PARERE SULLA ENERGIA RINNOVABILE Con la presente si intende rispondere al quesito sottoposto all attenzione dello scrivente studio legale in merito alla legittimità o meno del noto Avviso pubblico, con

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Il Mondiale di Pallavolo Femminile 2014

Il Mondiale di Pallavolo Femminile 2014 Il Mondiale di Pallavolo Femminile 2014 La pallavolo in Italia 11,5 milioni Appassionati di pallavolo di cui il 28% tra 25 e 34 anni 5.000 Società di pallavolo affiliate alla FIPAV 340.000 Atleti Tesserati

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

PROFILE. La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione:

PROFILE. La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione: PROFILE La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione: La Kick Off Group nasce con la prospettiva di offrire al mercato il proprio know how, basandosi sull esperienza

Dettagli

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali www.itinerari.conform.it Il corso Gli obiettivi Il percorso formativo Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

Audizione Centri Media

Audizione Centri Media Audizione Centri Media LEVI introduce la riunione dichiarando che si è giunti a questa audizione sull esperienza delle precedenti: tutti gli interventi relativi alla pubblicità hanno citato i centri media

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

È mente RETORICA: persuade, emoziona e coinvolge attraverso un linguaggio naturale, chiaro e diretto. Dona magia alla parola.

È mente RETORICA: persuade, emoziona e coinvolge attraverso un linguaggio naturale, chiaro e diretto. Dona magia alla parola. È mente STRATEGA: elabora strategie di marketing vincenti improntete sull identikit del Cliente. Attraverso indagini di mercato, analisi statistiche e rielaborazioni è alla continua ricerca di soluzioni

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12.1 Strategia integrata e strumenti di coordinamento Nel capitolo precedente abbiamo illustrato alcuni

Dettagli

CONTACTS Tel. +39 02.39 83 10 67 Fax +39 02.87 15 24 35 Fax +39 02.39 83 10 68. info@xeome.it www.xeome.it PALAZZO ANNONI - MILANO - ITALY.

CONTACTS Tel. +39 02.39 83 10 67 Fax +39 02.87 15 24 35 Fax +39 02.39 83 10 68. info@xeome.it www.xeome.it PALAZZO ANNONI - MILANO - ITALY. Testimonial Product Placement Ufficio stampa e PR Advertising e Communication Graphic design Web & Multimedia Gadget Consulenze PALAZZO ANNONI - MILANO - ITALY CONTACTS Tel. +39 02.39 83 10 67 Fax +39

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna

Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in Sardegna Provincia di Olbia Tempio Politiche abitative e Housing Sociale. Olbia, 13-14 Febbraio 2013 Dall analisi dei primi bandi in regionali ad una riflessione sui possibili scenari dell abitare collettivo in

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune REGIONANDO 2001 Parte 1: Anagrafica REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune Titolo del Progetto: Aspetti di qualità della vita nel Comune Amministrazione

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO

INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO SINTESI L Indagine sull associazionismo del volontariato culturale è una

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. del Pratica trattata da: Barbara

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi Profilo dei media in Italia di Emanuele Gabardi Potenzialità dei mezzi (% di penetrazione) Mezzi Base Adulti 14+ Resp. Acq. TV 1 giorno 84 89 Radio 1 giorno 68 59 1 settimana 81 75 Quotidiani 1 giorno

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI Direzione Generale Servizio Affari Internazionali Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale LINEE GUIDA PER

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE PER L ANNO 2007

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE PER L ANNO 2007 SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE PER L ANNO 2007 Premessa Di seguito, vengono esposti i principali risultati relativi al processo che ha condotto alla valutazione

Dettagli

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il.

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. REPERIMENTO UTILIZZO dei mezzi monetari necessari al perseguimento dei fini istituzionali

Dettagli

A CURA DEL DOTT. PIERLUIGI. (estratto dall e-book acquistabile all indirizzo http://www.misterfisco.it/ebook/ebook2.asp?testo=15 )

A CURA DEL DOTT. PIERLUIGI. (estratto dall e-book acquistabile all indirizzo http://www.misterfisco.it/ebook/ebook2.asp?testo=15 ) IL TRATTAMENTO FISCALE DELLA PUBBLICITÀ ON-LINE A CURA DEL DOTT. PIERLUIGI CAPUANO APUANO* (estratto dall e-book acquistabile all indirizzo http://www.misterfisco.it/ebook/ebook2.asp?testo=15 ) Introduzione

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

SARA CRISI PER SPORT E SPETTACOLO?

SARA CRISI PER SPORT E SPETTACOLO? SARA CRISI PER SPORT E SPETTACOLO? Giovanni Palazzi Presidente e Ad di StageUp Giornata degli Studi e delle Ricerche Parma, 28 marzo 2009 Chi è StageUp Descrizione StageUp opera nel mercato del leisure

Dettagli

Prof.ssa Cristina Coscia Politecnico di Torino II Facolta di Architettura. Le strategie per la valorizzazione del patrimonio culturale diffuso

Prof.ssa Cristina Coscia Politecnico di Torino II Facolta di Architettura. Le strategie per la valorizzazione del patrimonio culturale diffuso Prof.ssa Cristina Coscia Politecnico di Torino II Facolta di Architettura Focus 1. Strategie e valorizzazione: le coordinate di riferimento, gli oggetti, i valori e le partnership 2. Livello strategico

Dettagli

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013. Informazioni sulle azioni di comunicazione realizzate

COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013. Informazioni sulle azioni di comunicazione realizzate PRESIDENZA DELLA REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PO FESR SICILIA 2007/2013 SEDUTA 18/19 giugno 2013 Informazioni sulle azioni di comunicazione

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE: AREA COMUNE (INCLUSIVA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE) Processo Sequenza di processo Area di Attività

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi!

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi! Profilo dei media in Italia di Emanuele Gabardi! Potenzialità dei mezzi (% di penetrazione) Mezzi Base Adulti 14+ Resp. Acq. TV 1 giorno 84 89 Radio 1 giorno 68 59 1 settimana 81 75 Quotidiani 1 giorno

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1317 Seduta del 30/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI CAMPAGNA REGIONALE DI COMUNICAZIONE E DI SENSIBILIZZAZIONE IN MATERIA DI RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI CAMPAGNA REGIONALE DI COMUNICAZIONE E DI SENSIBILIZZAZIONE IN MATERIA DI RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA Allegato A AZIONI ATTUATIVE DEL PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI CAMPAGNA REGIONALE DI COMUNICAZIONE E DI SENSIBILIZZAZIONE IN MATERIA DI RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA PIANO DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione La visione della qualità come concetto legato alla capacità di generare valore e soddisfazione per il cliente

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA. Che cos è la pubblicità e come funziona. Antonio Margoni a.margoni@mcs.it

TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA. Che cos è la pubblicità e come funziona. Antonio Margoni a.margoni@mcs.it TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Che cos è la pubblicità e come funziona Novembre 2012 Antonio Margoni a.margoni@mcs.it Che cos è la pubblicità e come funziona Ovvero: l arte di convincere i

Dettagli

publicrelations eventi ditoria nformazione arketing anci ediagrafica omunicazione Rivista ComuniCare Comunicazione Editoria - Anci Rivista

publicrelations eventi ditoria nformazione arketing anci ediagrafica omunicazione Rivista ComuniCare Comunicazione Editoria - Anci Rivista ComuniCare nformazione Società di comunicazione ed organizzazione eventi del mondo ANCI ditoria Comunicazione eventi publicrelations Informazione Editoria - Anci Rivista omunicazione Public Relations Congressi

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE SPONSORIZZAZIONI

REGOLAMENTO SULLE SPONSORIZZAZIONI REGOLAMENTO SULLE SPONSORIZZAZIONI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 28.06.2012 1 COMUNE DI REZZATO Regolamento sulle sponsorizzazioni INDICE Articolo 1 - Definizioni Articolo

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale P.I.T. «Notre patrimoine, l eau, le pain, le village» Leader Plus 2000/2006 COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DEL MUSEO E DELLE MOTO E DEI CICLOMOTORI DEMM Approvato con D.G.C. n. 50 del 18/05/09 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO. Prof. Alberto Pasquale ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO Prof. Alberto Pasquale Programma 1. Elementi di economia e organizzazione aziendale 2. Contabilità e bilancio 3. Finanza aziendale 4. Sistemi di programmazione

Dettagli

Export Development Export Development

Export Development Export Development SERVICE PROFILE 2014 Chi siamo L attuale scenario economico nazionale impone alle imprese la necessità di valutare le opportunità di mercato offerte dai mercati internazionali. Sebbene una strategia commerciale

Dettagli