LA COMUNICAZIONE NELLA P.A. MARKETING NELLA P.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA COMUNICAZIONE NELLA P.A. MARKETING NELLA P.A."

Transcript

1 LA COMUNICAZIONE NELLA P.A. MARKETING NELLA P.A. Cristiana Simonetti - Rita Lunardini - Monica Solaini INDICE Introduzione... 3 Un po di storia... 3 La strada verso il Cambiamento della P.A La Comunicazione nella P.A Modi e forme di comunicazione... 7 l. 7 giugno 2000 n Tipi di comunicazione... 9 Marketing nella Pubblica Amministrazione Marketing Management Analisi del marketing Conclusione ALLEGATO 1 - Il cittadino, obiettivo del nostro lavoro - Strategie di conquista del cittadino: il marketing relazionale Sintesi del progetto Approfondimenti Obiettivi Azioni Risultati Destinatari Verifica impatto sui cittadini Riduzione dei costi Sviluppo Professionale... 22

2 Cambiamenti organizzativi Cambiamenti tecnologici Modalità di realizzazione Punti di forza Criticità Trasferimento dell'esperienza ALLEGATO Allegati... 28

3 Introduzione Il termine comunicare è storicamente collegato alla parola comune, che deriva dal verbo latino communicare ( condividere, rendere comune ), a sua volta correlato alla parola latina communis ( comune ). Quando comunichiamo, incrementiamo la nostra conoscenza condivisa, cioè il senso comune, la precondizione essenziale per l esistenza di qualsiasi comunità. L ambito più importante nel quale questa scienza deve trovare maggior interesse è, appunto, nella Pubblica Amministrazione in quanto è lì che vengono gestiti interessi personali economici e non, delle persone appartenenti alla comunità. La materia scienza della comunicazione ha quindi un ruolo importante nella pubblica amministrazione in quanto gli operatori che operano nei vari uffici, a contatto con il pubblico, hanno fini importanti da raggiungere: quello di capire la psicologia dell interlocutore che hanno davanti; quello di capire la richiesta/bisogno che viene esternato; dare una risposta adeguata e soddisfacente, possibilmente con la partecipazione diretta della persona; proporre delle soluzioni anche alternative a quella paventata dal cittadino ( conoscendo i limiti politici ed economici dell Ente). Il tutto in una chiave di serenità e spirito di collaborazione. In questi ultimi anni molto è stato fatto per l aggiornamento del personale delle pubbliche amministrazioni, e molto può essere ancora fatto, ma da sondaggi effettuati, il risultato pare sia stato di un miglior contatto dell impiegato pubblico verso il cittadino ed una maggior preparazione nonostante la poca soddisfazione dello stesso per un problema politico/economico a livello nazionale. Un po di storia Il compito principale di una P.A. è quello di servire il cittadino e, per farlo, deve avere con questo un rapporto diretto e costante; la storia, però ci insegna che così non è mai stato per lo meno fino agli anni 90. Gli anni 90 sono stati caratterizzati da un ondata di riforme che hanno investito la P.A. nel suo complesso. Ad essere riformati, sono stati gran parte degli elementi che compongono il sistema amministrativo: funzioni, procedure, organizzazioni, personale.

4 Una riforma ampia e consistente che ha cercato e sta ancora cercando di dare un volto nuovo alla P.A., aprendola al pubblico (nuovi sistemi di comunicazione), al confronto, allo scambio (introducendo il sistema del marketing) favorendo quanto più possibile l interazione, la collaborazione e la partecipazione del cittadino alle scelte ed alla vita pubblica. Lo Stato, infatti, all inizio degli anni 90 si trovava di fronte ad una popolazione sfiduciata e delusa, che non credeva più nel ruolo e nel valore delle istituzioni, per questo era necessario che l Amministrazione cambiasse aspetto, che si aprisse ai cittadini, per mostrare che non c era niente che gli fosse impedito. Con la Legge 7 agosto 1990 n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi il principio di trasparenza dell azione e dell organizzazione delle amministrazioni pubbliche, diventa uno dei principi cardine del nostro sistema amministrativo, insieme a quelli di partecipazione, semplicità, autonomia e responsabilità. Principi questi che permettono al cittadino di partecipare all elaborazione degli atti amministrativi; principi che cercano di rendere più semplici le procedure, gli atti e anche i linguaggi della P.A., al fine di promuovere e facilitare le relazioni con l utenza; principi che individuano specifiche competenze e responsabilità, in modo da sapere dove e a chi rivolgersi per avere risposte, per fare richieste, per esporre lamentele, etc... Il segreto, che fino a quel momento era stata la regola, ora diventa un eccezione da far valere solo in particolari momenti e per particolari situazioni. Con l affermarsi del principio della trasparenza si profila un nuovo modo di organizzare le P.A., basato sul consenso e sulla partecipazione dei cittadini, nonché sul controllo che essi possono esercitare sugli atti di loro interesse. La Legge 241/90 riconosce ai cittadini la possibilità di prendere visione e ottenere copia, su richiesta, degli atti amministrativi che li riguardano, individua la figura del responsabile del procedimento, stabilisce l obbligo di comunicazione dell avvio del procedimento, l obbligo di concluderlo entro i tempi stabiliti e l obbligo generalizzato di motivazione dei provvedimenti. Tuttavia nella Legge 241/90 permangono ancora alcuni limiti: l accesso è consentito solo a chi ne abbia interesse, la richiesta deve essere motivata, l Amministrazione può rifiutare l accesso al fine di tutelare interessi pubblici o privati considerati preminenti, rispetto all interesse pubblico alla trasparenza (possibilità questa che a volte può essere usata impropriamente dall amministrazione in modo da continuare a tenere nascoste informazioni che invece dovrebbero essere pubbliche). Al contrario la Legge 8 giugno 1990 n. 142 Ordinamento delle Autonomie Locali non prevede limitazione al diritto di accesso agli atti, né facendo riferimento agli interessi che dovrebbero giustificare la richiesta, né richiedendo motivazioni.

5 La strada verso il Cambiamento della P.A. In questo senso la Legge 142 costituisce un fondamentale punto di riferimento, poiché definisce i contenuti degli istituti di partecipazione in ambito locale, prevedendo che i Comuni valorizzino e promuovano organismi di partecipazione dei cittadini all amministrazione locale, riconoscendo quindi il ruolo centrale del diritto di accesso, sia all informazione e alla documentazione che ai servizi e alle strutture pubbliche. Un amministrazione aperta, che offre ai cittadini la possibilità di prendere visione liberamente agli atti che lo interessano è oltretutto un amministrazione che riesce sicuramente a lavorare in modo più snello e rapido e quindi ad offrire servizi maggiori agli utenti. Ecco allora che la trasparenza, la pubblicità, l apertura diventano elementi importanti non soltanto per il cittadino ma anche per l Amministrazione stessa, che da questo nuovo modo di lavorare non può trarre che benefici. Con D.lgs 29/1993: le amministrazioni cominciano ad aprirsi. Le leggi e i decreti successivi alla 241/90, in modo particolare D.lgs. 29/93 e la legge 59/97, individuano, al fine di dare attuazione a quanto in essa sancito, adeguati strumenti operativi ai principi di uguaglianza, imparzialità, trasparenza, pubblicità degli atti e ai criteri di efficienza, efficacia ed economicità. Ecco allora emergere gli uffici URP, gli sportelli polifunzionali, l informatizzazione deli uffici, la riorganizzazione dei carichi di lavoro e del profilo professionale del dipendente pubblico in particolare, con il D.lgs. febbraio 1993 n. 29 è sancito l obbligo per le amministrazioni pubbliche di istituire gli uffici relazioni con il pubblico, ai quali sono ricondotte 3 funzioni fondamentali: Servizio all utenza per i diritti di partecipazione; Informazione all utenza relativa agli atti e allo stato dei procedimenti; Ricerca ed analisi finalizzate alla formulazione di proposte alla propria amministrazione sugli aspetti organizzativi dei rapporti con l utenza. Con l introduzione del principio di sussidiarità, la legge 59/97 evoca la creazione di nuovi rapporti di collaborazione tra amministrazioni e soggetti esterni all amministrazione, il che fa emergere la comunicazione come elemento strategico del cambiamento. La tendenza, innescata dalla legislazione degli anni 90 si muove quindi nel senso di un apertura della P.A. caratterizzata da uno scambio diretto con i cittadini, da realizzarsi attraverso reali e solidi processi di comunicazione.

6 La Comunicazione nella P.A. C è bisogno di comunicare. Il tema della comunicazione è oggi di grande attualità ed è oggetto di analisi, di confronto e discussione nei più svariati ambienti. Si parla molto di tecniche di comunicazione che dovrebbero permetterci di parlare meglio con gli altri, di farci capire, di raggiungere l obiettivo che perseguiamo attraverso quel processo di comunicazione ma che, soprattutto, dovrebbero insegnare ad ascoltare l altro. Spesso la comunicazione non è efficace, perché ci limitiamo a sentire ciò che l altro dice, ma non lo ascoltiamo, non facciamo nostro il suo pensiero, le sue idee, le sue esigenze, le sue proposte; si rischia così di restare spesso insoddisfatti dal confronto con l interlocutore, semplicemente perché l uno, non ha prestato attenzione all altro. Una soluzione del genere, anche se negativa, può realizzarsi nei rapporti interpersonali, ma non è più accettabile in quelli pubblici. E necessario che in ogni forma di contatto tra la P.A. e i cittadini si realizzi una vera comunicazione, caratterizzata da un rapporto circolare in cui uno trasmette, l altro risponde e viceversa. La comunicazione pubblica deve essere intesa come strumento finalizzato a ridurre le distanze tra amministrazione e cittadino, creando nuovi rapporti e forme di relazione; che tiene conto delle particolarità e delle esigenze del territorio, cercando di interpretarle e soddisfarle quanto più possibile; che si modella in base alle caratteristiche della popolazione e del singolo ente cui questa si rivolge; che stimola il cambiamento attraverso nuove e continue proposte; che semplifica i linguaggi, gli iter amministrativi, la modulistica; che promuove i servizi; ecc... Con la comunicazione si cerca di creare un amministrazione che opera con i cittadini per il loro interesse. Un amministrazione che dialoga con l utente crea una sorta di complicità e favorisce la partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica. Il cittadino così esce dal suo ruolo passivo di amministrato, per contribuire attivamente alla risoluzione dei problemi, mettendo a disposizione dell amministrazione le sue idee, competenze, energie, capacità che, unite a quelle degli altri cittadini e alle risorse organizzative, umane e finanziarie dell amministrazione, garantiscono non solo il soddisfacimento delle esigenze del soggetto, ma anche la soluzione dei problemi di interesse generale.

7 Lo strumento più efficace per stimolare questo contributo dei cittadini è appunto la comunicazione, attraverso la quale l amministrazione mette in comune, con i cittadini, la percezione di un problema e ne ricerca la soluzione, fino ad arrivare ad individuare comportamenti che siano conformi all interesse generale. La comunicazione pubblica è una nuova disciplina che si prefigge obiettivi diversi quali: la comunicazione sociale, la comunicazione politica, la comunicazione istituzionale. Quest ultima è quella attivata dalla P.A. ed ha lo scopo di creare un sistema di comunicazione tra amministrazione e cittadini, che garantisca la pubblicità e la comprensione degli atti amministrativi e assicuri un informazione tale da poter soddisfare i bisogni, le esigenze e le richieste degli utenti. Modi e forme di comunicazione Tutto quanto sopra, si realizza attraverso modalità e forme di comunicazione particolari, a seconda dei casi e delle esigenze. Si parla di : Comunicazione regolativa o di certezza. E la comunicazione relativa agli atti formali: certificazioni, verbalizzazioni, notificazioni, raccolte ufficiali, affissioni ed albi, registri, ecc.. ovvero alla trasmissione di documenti riguardanti le attività istituzionali, le norme, i programmi, ecc. Comunicazione di servizio. Consiste nel fornire ai destinatari informazioni sull attività dell amministrazione, sul funzionamento dei servizi, sui programmi futuri, sul funzionamento e sugli orari degli uffici. Attraverso questa forma di comunicazione l amministrazione non offre soltanto informazioni ma integra il servizio stesso offrendo maggiori agevolazioni al cittadino. E ovvio che, perché tale funzione possa essere svolta al meglio, le informazioni fornite debbano essere precise, aggiornate, complete, ma anche comprensibili a tutti gli utenti, indipendentemente dallo status sociale e dal livello culturale. Comunicazione di immagine o persuasiva. Il suo obiettivo prioritario non è quello di fornire un utilità ai cittadini, ma all amministrazione stessa, mostrando immagine positiva e coerente di questa, al fine di poter ottenere approvazione ed appoggio. Comunicazione di innovazione. Rappresenta la forma più ampia di comunicazione all interno della P.A. E grazie a questa che si attua l incontro, lo scambio, l interazione fra cittadini e P.A. In questo caso fonte e destinatario della comunicazione possono essere alternativamente amministrazione ed utente, mettendo in comune le rispettive visioni del mondo, tenendo conto l uno della visione dell altro, modificando di conseguenza, laddove necessario, i propri comportamenti. Attraverso questo rapporto

8 con l utente l amministrazione non solo eroga il servizio, ma trae utili suggerimenti per migliorarlo e divenire sempre più efficiente. Comunicazione di cittadinanza o amministrativa. Tale comunicazione mira a coinvolgere il cittadino in modo attivo nella realizzazione di obiettivi, che riguardano un problema di interesse generale. Grazie a questa forma di comunicazione, le amministrazioni riescono a convincere i cittadini ad unirsi, per realizzare un determinato obiettivo o per eliminare un problema. In questo modo i soggetti pubblici o privati partecipano direttamente all attività amministrativa. l. 7 giugno 2000 n. 150 Con la legge 7 giugno 2000 n. 150, che porta il nome di Franco Frattini, esponente del Polo, e di Antonio Di Risceglie, esponente dell Ulivo, relativa alla Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione della pubblica amministrazione, il percorso iniziato dieci anni prima, con le leggi 142/90 e 241/90, trova uno sbocco compiuto ed univoco. La comunicazione non è più vista come un attività aggiuntiva e marginale, ma diviene un obbligo istituzionale delle amministrazioni, le quali devono considerarla una funzione al pari delle altre funzioni tradizionali. La legge attribuisce ad ogni ente il compito di riorganizzarsi per lavorare nei modi e nelle forme più consone alle proprie disponibilità, alle proprie esigenze, alla propria realtà territoriale. Cerca di far capire alle amministrazioni che è necessario ascoltare con attenzione i cittadini e allacciare solidi rapporti di fiducia con loro. La legge 150 individua nell art. 2 due tipologie fondamentali di comunicazione: Comunicazione istituzionale non pubblicitaria: è una comunicazione relativa a leggi, norme, attività istituzionali e loro funzionamento, accesso ai servizi, attività d interesse pubblico e sociale, situazione dei procedimenti, ecc. Comunicazione istituzionale a carattere pubblicitario: riguarda pubblicità, distribuzioni o vendite promozionali, affissioni, organizzazione di manifesti, partecipazioni a rassegne specialistiche, fiere e congressi. Tali attività si realizzano attraverso l utilizzazione di strumentazione grafico editoriali, strutture informatiche, funzioni di sportello, reti civiche, iniziative di comunicazione integrata e sistemi telematici multimediali. L art. n. 6 della legge n.150 individua una distinzione delle strutture attraverso cui realizzare gli obiettivi stabiliti: le attività d informazione saranno realizzate attraverso il portavoce e l ufficio stampa, quelle di comunicazione attraverso gli uffici relazioni con il pubblico quali gli sportelli per il cittadino, gli sportelli unici della P.A., gli sportelli polifunzionali e gli sportelli per le imprese.

9 Ciascun amministrazione sarà poi libera di organizzare le strutture ed i servizi finalizzati alle attività di informazione e comunicazione nell ambito del proprio ordinamento degli uffici e del personale. Una legge importante quindi, che apre la strada a profondi cambiamenti nel modo di intendere e vedere la P.A., ricca di innovazioni sia in riferimento alle strutture e all organizzazione del lavoro, sia alle competenze e alla professionalità degli addetti ai lavori. La comunicazione delle istituzioni è vista come un processo che deve informare i cittadini su tutto ciò che è per loro importante, ma deve anche costruire un dialogo con loro, che gli permetta di instaurare un rapporto di scambio diretto. Ecco allora emergere una prima distinzione tra il concetto di informazione e quello di comunicazione fortemente sottolineato nella legge n.150 laddove individua specifiche e distinte strutture preposte allo svolgimento di tale attività. In realtà però, questa distinzione non è così netta come può sembrare, o, se lo è, non riguarda tanto le attività di informazione e di comunicazione, quanto, piuttosto i destinatari e i soggetti individuati per il loro esercizio. Il termine IN-FORMARE significa DARE FORMA, informando io permetto a qualcuno di dare forma a qualcosa che probabilmente gli risulta sconosciuto, incomprensibile, quindi gli offro la possibilità di dare un ordine alla realtà e al mondo in cui lo circonda. Comunicando invece, metto in comune con altri qualcosa che conosco, lo condivido, di conseguenza non cerco tanto di dare forma alla realtà, quanto piuttosto, di darle un significato in base alla visione che altri, con me, hanno di essa. Lo scopo dell informare è quello di offrire informazioni che riducano la complessità della realtà, mentre quello della comunicazione è di dare una certa visione del mondo, al fine di indurre determinati comportamenti che influiscano sulla realtà nel senso desiderato dalla fonte della comunicazione. E evidente che, nell informare il rapporto che si crea è unidirezionale, dalla fonte al destinatario, mentre nella comunicazione tutti i soggetti coinvolti sono attivi attraverso uno scambio e un dialogo diretti, che permettono agli individui coinvolti di agire alternativamente come fonti e come destinatari. Tipi di comunicazione La legge 150, prevede due tipi di comunicazione: comunicazione esterna, rivolta ai cittadini e ai massmedia e comunicazione interna, rivolta agli enti. Due forme di comunicazione molto importanti e, anche se ben distinte l una dall altra, comunque strettamente collegate, in quanto per realizzare un efficace comunicazione esterna è necessaria una

10 comunicazione interna valida e completa così come quest ultima, per migliorare, ha bisogno delle informazioni provenienti dall esterno. Per comunicazione interna si intende la comunicazione che si instaura tra i vari uffici di uno stesso ente e tra i vari enti al fine di favorire una collaborazione e uno scambio reciproci tra questi in modo da offrire al cittadino-utente informazioni sempre più aggiornate e veritiere. Il fine dell attività di ogni ufficio deve essere sempre quello di soddisfare gli interessi del cittadino, per questo la logica della separazione delle competenze e il segreto d ufficio, dominanti all interno delle P.A., non hanno alcun senso, al contrario è necessario sviluppare un modello flessibile e orientato alla cooperazione, in cui la comunicazione non costituisca un evento sporadico o casuale, ma sia una costante dell attività dell ufficio al pari delle altre funzioni da questo svolte. La comunicazione interna non rappresenta quindi una semplice trasmissione di informazioni, il cui contenuto è determinato per legge, ma un momento fondamentale di raccordo, in grado di migliorare il rapporto tra uffici. Tale forma di comunicazione si realizza attraverso strumenti di varia natura come circolari, bollettini, conferenze, riunioni, affissioni in bacheca, posta elettronica, Intranet. Si tratta di strumenti che, sfruttando la tecnologia o il rapporto diretto, cercano di mettere in contatto e far comunicare le varie articolazioni del complesso apparato organizzativo della P.A. Ovviamente, per realizzare tutto questo, occorre promuovere processi di modificazione e cambiamento nell organizzazione degli enti. E fondamentale agire sulla mentalità e i comportamenti dei funzionari e dei dirigenti, stimolando flussi comunicativi costanti e favorendo lo scambio di esperienze e conoscenze, e per far questo è necessario personale competente, in grado di gestire tale complessa attività. Già dai principi enunciati dalla legge e con il Regolamento è sottolineata l importanza di un adeguata formazione degli addetti alle attività di comunicazione, di tutti gli addetti, dai dirigenti fino al più semplice dei funzionari, ciò al fine di svolgere un attività di comunicazione quanto più efficace e rispondente alle necessità del cittadino, possibile. A nulla servirebbero infatti tutte le leggi e le innovazioni apportate al lavoro delle P.A., se dietro non ci fossero persone motivate e formate a comunicare con la gente, ad ascoltarla, a capirla, a rispondergli con competenza e cortesia. Questo perché la comunicazione non sia più considerata come qualcosa di aggiuntivo e residuale rispetto all attività della P.A., ma come un attività fondamentale e necessaria per l azione amministrativa.

11 Con la direttiva sulle attività di comunicazione si è cercato di dare risposta ai problemi interpretativi ed applicativi della Legge 150/2000, fornendo alle P.A. gli indirizzi di coordinamento, organizzazione e monitoraggio delle strutture, degli strumenti e delle attività previste dalla normativa in materia di informazione e comunicazione pubblica. La direttiva ribadisce l importanza della comunicazione interna come presupposto della comunicazione esterna; infatti, come succitato, è solo attraverso il collegamento con gli uffici interni, che gli URP e gli Uffici Stampa possono divulgare le informazioni, che dovranno essere complete, chiare ed attendibili e per far ciò è necessario che tutti gli operatori a tutti i livelli, parlino lo stesso linguaggio e si muovano seguendo uno stesso percorso amministrativo. A questo riguardo, la direttiva considera fondamentali gli strumenti della comunicazione on-line come Internet ed Intranet, che consentano un collegamento rapido, diretto e diffuso. La direttiva, inoltre, sottolinea la necessità di un coordinamento tra i segmenti di comunicazione (Portavoce, Ufficio Stampa, URP) che le amministrazioni potranno istituire attraverso un apposita struttura con funzioni di programmazione, indirizzo e raccordo delle attività da realizzare. C è però, un anomalia, la direttiva pone in risalto l importanza di questo collegamento, ma non impone niente; ciascuna amministrazione potrà istituire al suo interno una struttura di collegamento senza prevedere nessun obbligo o sanzione per le amministrazioni non ottemperanti. Una particolare struttura di raccordo è stata invece individuata dalla funzione pubblica e denominata struttura dimissione, con il compito di : Integrare le proprie attività di informazione e comunicazione (URP, Ufficio Stampa, Internet) coordinandole con l Ufficio del Portavoce; Supportare le amministrazioni nell attuazione delle norme e dei progetti di comunicazione pubblica integrata; Monitorare l attivazione di strutture di comunicazione integrata presso le amministrazioni, nonché fornire consulenza alle amministrazioni anche per l attività di formazione, limitatamente al settore della comunicazione. E poi ribadito il nuovo ruolo degli URP e l importanza della formazione del coinvolgimento del personale nella riorganizzazione delle attività, al fine di costruire una nuova identità dell amministrazione e sviluppare un senso di appartenenza di dimensione del lavoro pubblico. Marketing nella Pubblica Amministrazione Come abbiamo detto inizialmente la comunicazione ed il marketing sono argomenti strettamente legati e consequenziali.

12 Iniziato negli anni 70 negli Stati Uniti, è stato attuato dall Italia verso la metà degli anni 90, a seguito della diversa situazione politico-sociale attuale. Infatti i primi studi articolati sulla peculiarità della gestione dei servizi e della loro vendita si fanno risalire a Richard Normann che nel 1972, pubblica un libro intitolato il marketing dei servizi. Ancora oggi lo schema di Normann è un punto di riferimento di fondamentale importanza per chi opera nei servizi e per chi ne studia le problematiche. In questo caso ci si riferisce ad un servizio pubblico intendendo la prestazione di un attività rilevante, dal punto di vista economico e sociale, erogata a favore dei cittadini considerati singolarmente, per gruppi, associazioni o nella loro totalità. La prima norma che vede il cittadino partecipe al procedimento amministrativo risale al 1990 con la Legge 241 al cap. III ed al cap. V con l accesso agli atti amministrativi ed il 22/02/1994 una Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri, definisce i Principi sull erogazione dei servizi Pubblici. Della Carta dei Servizi se ne parlerà poi con la L. 273/95 e con il D.Lvo. n. 286 del 99, ma già con D.Lvo n. 29/93 si parla di istituzione di Uffici per le Relazioni con il Pubblico, finchè nel 1994 una Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri (pubblicata sulla G.U. n. 261),istituisce e regola il funzionamento dell U.R.P. Le funzioni di quest ultimo vengono rafforzate dal Parlamento con la L. 150 del 2000, segue poi il DPR 422/2001 e la Direttiva del Ministro Frattini sulla attività di comunicazione nel Le ricerche di marketing contribuiscono a definire bisogni, aspettative, punti di vista dei cittadini ed elettori che collaborano alle definizioni delle strategie di partiti e singoli uomini politici. Sono tecniche di analisi approfondite sull orientamento dei cittadini.il rapporto tra Amministrazione Pubblica e utenti entra nell ottica dello scambio e conduce le organizzazioni pubbliche all adozione di un orientamento alla soddisfazione dei cittadini-clienti. Affinché lo scambio sia possibile è necessario che sussistano 5 condizioni: Esistano due parti (potenzialmente interessare a trattare) In condizione di comunicare Con qualcosa di valore l uno per l altra Libere di accettare o rifiutare lo scambio In condizione di trasferire il valore l una all altra. Il valore è un parametro soggettivo, che è attribuito ad una offerta (prodotto/servizio) o ad un comportamento di risposta in misura della sua capacità di soddisfare i propri bisogni. Il concetto di marketing caratterizza il comportamento delle organizzazioni che decidono di gestire questo procedo di

13 scambio in modo consapevole e professionale e che puntano a costruire una relazione di reciproca fiducia e collaborazione, con tutte le parti che intervengono nel processo fino a consolidare questo sistema di marketing. Il concetto di marketing esige che la maggior parte dello sforzo sia dedicata a scoprire i bisogni di un pubblico interesse, ben definito, e cercare poi risorse umane, finanziarie e servizi per soddisfarlo. Il marketing management è il processo di analisi, pianificazione, attuazione e controllo di marketing che ha come obbiettivo la soddisfazione di tutte le parti coinvolte nello scambio. Marketing Management I passi operativi del processo di marketing menagement si articolano in: analisi delle opportunità di mercato ricerca e selezione dei mercati obiettivo (raccolta delle informazioni) sviluppo delle strategie di marketing pianificazione operativa di marketing realizzazione e controllo delle attività operative di marketing (verifica della correttezza delle strategie). I risultati delle attività di controllo, alimentano la successiva fase di analisi che darà via al nuovo ciclo di pianificazione teso alla soddisfazione dei bisogni del cliente ( nell ottica della custimer satisfaction). Ne deriva che il marketing è un mezzo indispensabile per permettere al cittadino di partecipare alla vita attiva della pubblica amministrazione in quanto attiva leve che lo mettono in grado di conoscere i sistemi per denunciare i propri bisogni alla macchina pubblica. E, come nelle altre democrazie occidentali, partiti e leader politici definiscono le loro azioni anche in relazione a quanto le analisi di marketing gli consentono di capire in merito agli orientamenti di cittadini ed elettori su problemi generali e di singole questioni (traffico, educazione, ordine pubblico ecc ) Infatti le ricerche di marketing possono servire alla P.A. per conoscere l orientamento delle persone riguardo alle misure da adottare per risolvere bisogni relativi all istruzione, al traffico, alla cultura, al lavoro, alla sicurezza e alla semplificazione delle procedure amministrative che accompagnano il cittadino fin dalla semplice richiesta di certificati, risparmiandogli tempo, denaro (con le autocertificazioni) e inutili giri di labirinti fra gli uffici. Questo scopo del marketing sembra accettabile privatamente ed anche in una dimensione pubblicasociale in quanto questa filosofia reintegra la sovranità del consumatore/cittadino/elettore determinando un mix del prodotto della società e l uso delle risorse nazionali e locali.

14 Così, anche al di fuori delle istituzioni politiche, la P.A. ha utilizzato la logica dell analisi del marketing come mezzo per perseguire mete istituzionali e favorire la penetrazione del proprio prodotto e dei servizi erogati. Il prodotto è tipicamente più difficile da trattare nell area sociale. Ad es. per cause altruistiche (beneficenza, donazione di sangue), o cause sociali di miglioramento ( diritti civili, alloggi per gli anziani, ambiente migliore). In questo caso, il marketing sociale deve associare l obiettivo pubblico con il mutamento accettabile della cittadinanza che può derivare da un cambiamento di valori, di credenze, di interessi. Analisi del marketing L analisi di marketing, riferito al prodotto sociale, si deve considerare o come i vantaggi sociali vengono aumentati in relazione ai costi da sostenere o i costi ridotti in relazione ai vantaggi o cercare un mix di prodotto. Promozione, luogo e prezzo che aumenterà sicuramente vantaggi e diminuirà i costi. Il punto principale è che il marketing sociale, per poter essere accettato anche dal cittadino non interessato a quel tipo di servizio, richiede un attenta riflessione sul modo in cui le soluzioni fattibili, soddisfacenti e convenienti di un bisogno o problema percepito da una determinata categorie (sfrattati, invalidi ecc ) vengono presentate all elettore/cittadino o acquirente potenziale. Per lo svolgimento di queste analisi di marketing, sorgono all interno dell organismo pubblico, delle unità di ricerca che hanno il compito di raccogliere diversi tipi di informazione. Controllare l ambiente economico, politico, tecnologico, culturale e le influenze competitive per gli sviluppi riguardanti le politiche sociali e gli obiettivi dell Ente. Ovviamente il marketing non è riferito solo al prodotto sociale, che ne è bensì un settore di tutto il governare della P.A., ma è riferito anche ai bisogni della città e per la quale, per ogni città, nella sua individualità, è necessario studiare. Per questa ragione è necessario suddividere l utenza in segmenti dove le variabili sono: Geografiche (regione, dimensione del centro urbano, clima ecc.); Demografiche (età, sesso, numero membri in famiglia, caratteristiche del nucleo familiare); Economiche (reddito, istruzione, religione ecc.); Psicologiche (personalità, stile di vita, stadio di consapevolezza, frequenza di fruizione). Inoltre: la natura e la sua estensione;

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico Allegato parte integrante - 1 Direzione Organizzazione Sistemi informativi Telematica Servizio Comunicazione educazione alla sostenibilità e strumenti di partecipazione Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000 REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA Ai sensi della legge 150/2000 Art 1. Principi generali La Provincia di Forlì - Cesena, attraverso

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Uffici Stampa - Leggi Regolamenti Direttive DIRETTIVA SULLE ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. A tutti i Ministeri

Uffici Stampa - Leggi Regolamenti Direttive DIRETTIVA SULLE ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. A tutti i Ministeri Uffici Stampa - Leggi Regolamenti Direttive DIRETTIVA SULLE ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto - Uffici del personale e dell'organizzazione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese

Comune di San Giuliano Milanese Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO (Art. 8 c.2 della Legge n 150/00) Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*)

CODICE DI COMPORTAMENTO. per lavorare e vivere meglio. A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) CODICE DI COMPORTAMENTO per lavorare e vivere meglio A cura dei Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing Area Comparto e Dirigenza (*) PREMESSA: Elementi di grande importanza negli ambienti di lavoro

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

STRATEGIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA A.A. 2007 2008

STRATEGIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA A.A. 2007 2008 STRATEGIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA A.A. 2007 2008 Programma modulo II: Studenti che non hanno sostenuto l esame di Teoria e tecniche della comunicazione pubblica II nel corso di laurea triennale:

Dettagli

tribunale di napoli carta dei servizi

tribunale di napoli carta dei servizi tribunale di napoli carta dei servizi indice Il progetto regionale e la Carta dei servizi 3 1. INTRODUZIONE ALLA CARTA DEI SERVIZI 4 1.1. Cos è la Carta 4 1.2. Metodo di lavoro 5 1.3. Le norme ed i principi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 COMUNE DI BORORE Provincia di Nuoro PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 (Art. 11, comma 2, del D. Lgs. 27.10.2009, n. 150) Allegato alla Deliberazione Giunta Comunale

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

Comune di Parma. La rilevazione della CS tramite emoticon

Comune di Parma. La rilevazione della CS tramite emoticon Comune di Parma La rilevazione della CS tramite emoticon Gli emoticon come strumento per conoscere la soddisfazione dei cittadini Il Comune di Parma ha cominciato ad occuparsi di Customer Satisfaction

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI SCAFATI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI SCAFATI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI SCAFATI (U.R.P. INFORMAGIOVANI - RELAZIONI ESTERNE-CERIMONIALE ) (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 73 del 20.09.2002 ) Art. 1. (Principi

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

TABELLE DEGLI STANDARD

TABELLE DEGLI STANDARD TABELLE DEGLI STANDARD Accessibilità ai servizi capillarità 106 Uffici Territoriali, oltre 5500 sportelli telematici collegati al PRA Utilizzo effettivo Accessibilità virtuale ed interattività Con l adozione

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Allegato alla delibera di G.P. n. del PROVINCIA DI PESARO E URBINO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ED ORGANIZZATIVA DEI DIPENDENTI DEI LIVELLI IVI COMPRESI GLI INCARICATI DI P.O. E

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Carta dei Servizi Scolastici. ITI Buonarroti Trento

Carta dei Servizi Scolastici. ITI Buonarroti Trento Carta dei Servizi Scolastici ITI Buonarroti Trento PREMESSA La Carta dei Servizi dell I.T.I. Buonarroti è il documento che riassume i principi ispiratori delle attività della scuola e rende esplicite tali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI SIAMAGGIORE PROVINCIA DI ORISTANO Via San Costantino, n. 2 09070 Siamaggiore 0783 34411 0783 3441220 protocollo@comune.siamaggiore.or.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE

C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE dell Unità C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE LA CREAZIONE DELL URP DEL COMUNE DI MODICA 1. Intro L introduzione degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Relazione tecnica relativa al Servizio per l affido familiare

Relazione tecnica relativa al Servizio per l affido familiare Relazione tecnica relativa al Servizio per l affido familiare 1.1 Informazioni generali Denominazione intervento: servizio integrato per l affido. 1.2 Soggetto titolare ed enti coinvolti Comuni dell ambito

Dettagli

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI November 4, 2015 Autore: Centro per le Famiglie (Allegato alla DD n. 2969 del 14/12/2015) SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 A. FINALITA...2

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo documento descrive le responsabilità della Direzione. Responsabilità che si esplicano nel comunicare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Direzione Scuola e Politiche Giovanili Settore Gestione Servizi per l Infanzia e le Scuole dell Obbligo Via di Francia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995)

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) La Carta dei servizi è il documento, espressione dell autonomia progettuale della scuola, che definisce e rende noti all utenza le finalità,

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO!

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! La Cooperativa Sociale Centro Progetti educativi, in un ottica di Responsabilità Sociale d Impresa, promuove il proprio progetto intitolato Affari

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale Percorso formativo nell ambito del progetto Educazione alla legalità Attività formative di accompagnamento in attuazione della l.r. 2/ 2011: Azioni orientate verso l educazione alla legalità Comunicare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

Appendice 2 Alcuni casi di eccellenza nella Pubblica Amministrazione. Premessa

Appendice 2 Alcuni casi di eccellenza nella Pubblica Amministrazione. Premessa Appendice 2 Appendice 2 Alcuni casi di eccellenza nella Pubblica Amministrazione di rilievo per il progetto di riorganizzazione del Comune di Montecatini Terme Premessa Nella ormai vasta letteratura che

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli