PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 dell ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO G. GARIBALDI e del XIII CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 dell ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO G. GARIBALDI e del XIII CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO G. GARIBALDI- SETTEVILLE - RMIC8AH005 Via Todini, Setteville di Guidonia (Roma) - Distretto 33 Telefax PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 dell ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO G. GARIBALDI e del XIII CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE..Tutte le realtà e le fantasie possono prendere forma solo attraverso la scrittura, nella quale esteriorità e interiorità, mondo e io, esperienza e fantasia appaiono composte della stessa materia verbale Italo Calvino Lezioni americane DIRIGENTE SCOLASTICO Giovanni Rosso 1

2 INDICE Premessa pag 3 Le sedi dell Istituto Comprensivo G. Garibaldi pag 4 Dati informativi pag 4 Risorse del nostro Istituto pag 4 Il territorio pag 5 Le risorse pag 5 Bisogni formativi degli alunni pag 6 Risposte concrete della pag 6 Finalità del POF pag 6 Competenze da sviluppare pag 7 Il XIII Centro Territoriale Permanente (CTP) pag 8 Organigramma dell Istituto pag 9 Il Consiglio d Istituto pag 9 Figure funzionali al perseguimento delle scelte formative e loro competenze pag 10 L orario scolastico: ingresso e uscita alunni pag 11 Orario di ricevimento presidenza e segreteria pag 12 Tempo Scuola Secondaria 1 Grado: discipline di studio e relativo monte ore pag 13 Tempo Scuola Primaria: discipline di studio e relativo monte ore pag 14 Progetti curriculari ed extracurriculari: macroaree pag 15 Progetti attuati per l a.s pag 16 Piano delle attività esterne a.s. 2014/2015 pag 22 Carta dei Servizi pag 26 Patto di corresponsabilità educativa pag 30 2

3 PREMESSA Il P.O.F., Piano dell Offerta Formativa, è il documento costitutivo dell identità culturale e progettuale della nostra Scuola, contiene le scelte educative e didattiche, l organizzazione del lavoro, le risorse a disposizione della, i progetti specifici elaborati al fine di offrire un opportunità formativa coerente alla richiesta delle famiglie sia in ambito che extra. In questo modo l Istituto Comprensivo G. Garibaldi intende rendere manifesto e il più possibile trasparente il proprio operato e gli obiettivi che si prefigge. Il P.O.F. si configura come strumento flessibile e dinamico, soggetto a verifica ed a revisioni per un evoluzione della Scuola come ambiente d apprendimento stimolante e di sviluppo per gli allievi; mira alla creazione di una rete di cooperazione fra le diverse realtà istituzionali, culturali, socio-economiche operanti sul territorio. Esso comprende e riconosce le diverse opzioni metodologiche, anche di gruppi minoritari, e valorizza le diverse professionalità. Il P.O.F. è quindi strumento operativo per: realizzare la MISSIONE deliberata dal Consiglio di Istituto portare tutti gli allievi ad un livello base di istruzione così come stimolare a livelli di eccellenza chi già è bravo ; promuovere la formazione dell uomo e del cittadino; offrire occasioni di sviluppo della personalità; favorire l acquisizione di conoscenze e competenze fondamentali specifiche in rapporto con il mondo esterno. 3

4 Le sedi dell Istituto Comprensivo G. Garibaldi Costituitosi nell anno scolastico 2000/2001, l Istituto Comprensivo G. Garibaldi di Setteville di Guidonia è ospitato in tre plessi: dell infanzia - primaria Via Todini, 56 tel/fax: 0774/ secondaria di 1 grado Via Todini, s.n.c. tel/fax: 0774/ / dell infanzia Via Tito Livio tel/fax: 0774/ dell infanzia tempo ridotto 7 sezioni 166 alunni tempo normale 3 sezioni 70 alunni primaria tempo 28h 16 classi 310 alunni tempo pieno 15 classi 314 alunni sezioni 96 alunni secondaria di 1 grado tempo 30h classi 390 alunni Dati informativi istituzionale: Sito dell Istituto: C.F. Istituto: Codice IBAN Istituto: IT44 M Risorse del nostro Istituto Il nostro Istituto è dotato di: N 3 laboratori di informatica di cui uno nella Scuola Primaria e due nella Scuola Secondaria di 1 Grado (con il contributo della Fondazione Roma) N 42 lavagne interattive multimediali (L.I.M.) N 1 forno per lavorazione ceramica presso il plesso della Scuola Primaria N 1 teatro presso il plesso della Scuola Primaria N 1 palestra presso il plesso della Scuola Primaria Spazi mensa 4

5 Presidenza e uffici di segreteria. Biblioteche ( una presso la primaria ed una presso la secondaria) Il territorio L Istituto opera su un territorio in continua trasformazione e in notevole espansione edilizia. L utenza proviene prevalentemente da: Setteville, il nucleo più antico, insediatosi verso la metà degli anni 60; Setteville nord - Marco Simone, zone che si sono formate dagli anni 90 costituite da famiglie trasferitesi in gran parte da Roma. Nel territorio è elevata la presenza di famiglie extracomunitarie. C è un elevato pendolarismo verso Roma e Tivoli. Le risorse Il territorio vede la presenza di diverse risorse sia culturali che legate al mondo produttivo. Risorse culturali Reperti archeologici e museo della Cornicolana Biblioteca comunale Palestra comunale Palestra privata Piscina UPTER Centro anziani Campo sportivo in comune con Case Rosse Locali parrocchiali Una multisala cinematografica Risorse legate al mondo della produzione Caseificio Centro Agroalimentare Romano Aziende agricole Zona industriale 5

6 Bisogni formativi degli alunni In questo contesto territoriale sono stati rilevati i seguenti bisogni formativi: Essere ascoltati in relazione al proprio vissuto e desideri. Essere valorizzati. Avere punti di riferimento autorevoli. Essere guidati verso l autonomia. Lavorare in gruppo. Stabilire relazioni costruttive con coetanei e adulti. Fruire di tempi più distesi a e a casa. Risposte concrete della Motivare gli alunni con diversi strumenti. Guidarli all autonomia affidando loro dei compiti di responsabilità. Promuovere momenti di ascolto. Creare una relazione di empatia/fiducia. Considerare l accoglienza fondante nei diversi livelli di scolarità e fasce di età, da parte di tutto il personale della. Promuovere attività culturali pomeridiane. Finalità del POF Il Piano dell Offerta Formativa del nostro Istituto intende raggiungere le seguenti finalità: 1. Promuovere attività curriculari ed extracurriculari adeguate ai bisogni degli alunni. 2. Assicurare con il Curricolo verticale di Istituto, un formativo di continuità tra i tre ordini si. 3. Favorire un percorso di accoglienza di alunni e famiglie. 4. Promuovere, in sinergia con le famiglie e gli altri sistemi formativi, l autonomia e la responsabilità 5. Valorizzare il potenziale creativo delle alunne e degli alunni. 6

7 Competenze da sviluppare Sensoriale Percettiva Progettuale Relazionale Sociale Emotivo Affettiva COMPETENZA Cognitiva Comunicativa Espressiva 7

8 Il XIII Centro Territoriale Permanente (CTP) CHE COS E IL CTP: il Centro Territoriale Permanente per l istruzione e la formazione in età adulta è il luogo in cui si garantisce il diritto all apprendimento durante tutto l arco della vita e in cui si creano i presupposti di promozione sociale e di esercizio della cittadinanza attiva. Il XIII CTP è l istituzione scolastica statale preposta alle attività formative per gli adulti e gli stranieri, ed è in stretta collaborazione con il Comune di Guidonia, le strutture socio-sanitarie, e gli enti/associazioni operanti nel territorio. L offerta formativa del XIII CTP per l Istruzione e la Formazione in età adulta, in orario pomeridiano, prevede: 1. Corsi di Licenza di secondaria di 1 grado per persone dai 15 anni in su, senza limiti di età (n. 3 corsi: A-B-C); 2. Corsi di Alfabetizzazione per stranieri (n. 8 corsi); 3. Corsi di Lingua italiana come L2 per stranieri (Livello base e avanzato): - Livello A2 (richiesti per il permesso di soggiorno, D.M. 04/06/2010 Accordo Integrazione) n. 3 corsi (A: donne; B-B1: uomini); - Livello B1/B2 in fase di organizzazione (situazione al ); 4. Corsi di preparazione agli Esami di Certificazione linguistica dell Università degli stranieri di Perugia: sessione (esami in sede); 5. Corsi modulari di Inglese (n. 2 corsi Liv. Elementary e n.2 corsi Liv. Preintermediate); 6. Corsi modulari di Informatica (n. 2 corsi Info1 e n.1 corso Info2); 7. Corsi Madrelingua Inglese, in fase di organizzazione, probabilmente 2 (situazione al ); 8. Corsi Madrelingua Spagnolo, in fase di organizzazione, probabilmente 2 (situazione al ); 9. Corso di Decoupage, in fase di organizzazione (situazione al ). Il XIII CTP è sede di: Svolgimento del TEST A2 di Lingua Italiana per il rilascio del permesso di soggiorno CE per immigrati di lungo periodo (D.M. 04/06/10) Esami CELI (Ente Certificazione dell Università degli Stranieri di Perugia); Esami TRINITY per la lingua Inglese. 8

9 Organigramma dell Istituto DIRIGENTE SCOLASTICO Giovanni Rosso COLLABORATORI e FUNZIONI STRUMENTALI N. 1 collaboratore vicario Volpe Domenica Francesca N. 1 secondo collaboratore Renzi Anna N. 7 funzioni strumentali: POF Ciccotti Cesare, Orientamento-Continuità Muraca Rosa Anna Informatica Panno Maria Assunta, Quattrin Enrico Handicap Bartone Biancamaria, Mengoni Ivan CTP Compagnoni M. Antonietta/Di Brino Angela COLLEGIO dei DOCENTI N. 145 docenti docenti dell infanzia n. 23 (18+5 sostegno) docenti primaria n. 71 (52+19 sostegno) docenti secondaria di 1 grado n. 43 (31+12 sostegno) docenti CTP n. 8 PERSONALE ATA DSGA Lasala Teresa Assistenti amministrativi 8 Collaboratori scolastici 17 CTP Assistente amministrativo 1 Collaboratori scolastici 2 Il Consiglio d Istituto CONSIGLIO D ISTITUTO (triennio 2012/ /2015) Componente genitori: Tancorre Marilisa (presidente), Romeo Luciano (vicepresidente), Caloni Alessandro, Cantarelli Maria, Li Donni Maria, Montani Alessia, Santomaggio Fabrizio, Sgamma Raffaella. Componente docenti: Colonna Laura, D Alessio Guglielmina, Forconi Angela, Muraca Rosa Anna, Perfetti Nicoletta, Pilotti Marina, Volpe Domenica Francesca. Componente A.T.A.: Cipollone Adriana, Lasala Teresa. Dirigente Scolastico: Rosso Giovanni. 9

10 Figure funzionali al perseguimento delle scelte formative e loro competenze Dirigente Scolastico Docente collaboratore vicario Segreteria e personale ausiliario Consiglio d Istituto Collegio dei docenti Consigli di intersezione, di interclasse e di classe Gestione e organizzazione di tutta la vita della Collabora con la dirigenza e ne fa le veci in caso di assenza Ausilio tecnico e amministrativo per la progettazione e l espletamento delle attività Organo collegiale elettivo composto da rappresentanti dei genitori, dei docenti e del personale ATA, indirizza l'attività didattica e gestionale della Programmazione educativa e didattica della Gestione educativa e didattica della classe, nonché dei rapporti con le famiglie Commissioni di lavoro GLH d Istituto GLH operativo Le Funzioni strumentali ai sensi dell art. 30 del CCNL2002/2005 Coordinamento della progettazione, organizzazione e realizzazione delle attività educative e didattiche Programmazione e organizzazione delle attività relative al sostegno degli alunni portatori di handicap Attuazione del di integrazione degli alunni portatori di handicap Area 1 - Realizzazione e gestione del POF Area 2 - Tecnologia e multimedialità Area 3 - Handicap, disagio, intercultura Area 4 - Orientamento, formazione progetti Area 5 - Gestione e organizzazione del XIII Centro Territoriale Permanente 10

11 L orario scolastico: ingresso e uscita alunni INGRESSO dell infanzia: 8,00/8,45 USCITA dell infanzia: Tempo Ridotto 25h: tutti i giorni ore 13,00 (sabato libero) Tempo Normale 40h: tutti i giorni ore 16,00 (sabato libero) primaria: 8,00 primaria: Tempo 28h: uscita ore giorno a settimana alle ore (sabato libero) Tempo pieno (40h): tutti i giorni ore (sabato libero) secondaria di 1 grado: 8,00 secondaria di 1 grado: Tempo 30h: tutti i giorni ore 14,00 (sabato libero) Per venire incontro ai bisogni delle famiglie, il Comune di Guidonia Montecelio ha organizzato, per l utenza che ne faccia richiesta, un servizio di pre - inter - post per i bambini della dell infanzia e primaria. Pre- dalle ore 7.15 alle ore 8.15 Inter- dalle ore alle ore Post- dalle ore alle ore La coop. Valcomino, assegnataria del servizio, gestisce l eventuale seconda ora di inter e post, a richiesta dei genitori. Il Comune di Guidonia offre il servizio di Scuolabus e il servizio mensa. 11

12 Orario di ricevimento presidenza e segreteria Il Dirigente Scolastico riceverà su appuntamento da richiedere attraverso una all indirizzo La Segreteria riceve: lunedì, dalle ore alle ore martedì, dalle ore alle ore mercoledì, dalle ore alle ore giovedì, dalle ore alle ore per gli utenti del C.T.P., presso la sede della secondaria di 1 grado, anche giovedì, dalle ore alle ore

13 Tempo Scuola Secondaria di Primo Grado: discipline di studio e relativo monte ore DISCIPLINE ORARIO SETTIMANALE CLASSE I Tempo Scuola 30 ore ORARIO SETTIMANALE CLASSE II ORARIO SETTIMANALE CLASSI III ORARIO ANNUALE Italiano, storia, geografia Matematica, scienze Tecnologia Inglese Seconda lingua straniera Arte e Immagine Scienze motorie e sportive Musica Religione cattolica Approfondimento materie letterarie Totale ore

14 Tempo Scuola Primaria: discipline di studio e relativo monte ore DISCIPLINE ORARIO SETTIMANALE CLASSE I Tempo 28h ORARIO SETTIMANALE CLASSE II ORARIO SETTIMANALE CLASSI III, IV, V ORARIO ANNUALE Italiano /198 Storia e Cittadinanza e Costituzione Geografia Matematica /198 Scienze Tecnologia Inglese Musica Arte e Immagine Educazione Fisica Religione Mensa Totale ore /924 Tempo pieno (40h) Italiano 9/10 8/9 8/9 330/297/264 Storia e Cittadinanza e Costituzione Geografia /66 Matematica 8/9 8/9 8/9 297/264 Scienze Tecnologia Inglese Musica Arte e Immagine Educazione Fisica Religione Mensa Totale ore /

15 PROGETTI CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI Accoglienza, Sviluppo integrazione e ed potenziamento inclusione Educazione ai diversi tipi di linguaggio MACROAREE Recupero e potenziamento ed inclusione Educazione ambientale 15

16 PROGETTI ATTUATI PER L A.S Progetti presentati da personale interno e in orario per gli alunni Titolo Educazione sentimentale Insieme a me, insieme a te Titolo I m an English pixel Viviamo la musica Torneo di pallavolo Campionati studenteschi ACCOGLIENZA, INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE curric./ext racurric. classi classi V primaria (MAX 6) sez. E-H-L dell infanzia progettista/ docente Colonna Bartone durata 6 incontri da 1h30 a classe. Incontro preliminare 2h con genitori. 1h a settim./classe da dicembre alla 1 settimana di aprile (16/18 settimane) EDUCAZIONE AI DIVERSI TIPI DI LINGUAGGIO curric./ext racurric. classi classi IV e V primaria (MAX 12) classi III A- B primaria classi secondaria di 1 grado classi di secondaria di 1 grado progettista/ docente Marini I.- Panno Speggiorin Borgomastro Guidarelli Borgomastro Guidarelli durata da novembre a maggio 1h settimanale a classe (26 settimane) al totale 45h marzo-maggio 2015 classi I 20h classi II 14h classi III 32h ore a classe 9h+2h 16h-18h ore a classe 22h (dic) x2 docenti 19h (gen) x2 docenti 45h tra le due classi classi I 4/6h+2h f classi II 4h+2hf classi III 10h+2hf --- ore complessiv e MAX 54h+2h (9h a classe aderente) MAX 16h/18h x 3classi ore complessiv e 38h/44h a classe aderente 45h classi I 20h classi II 14h classi III 32h senza accedere al Fondo d Istituto 16

17 RECUPERO E POTENZIAMENTO Titolo Recupero e potenziame nto Gare di matematica Corso di Alfabetizzaz ione curric./ext racurric. classi tutte le classi primaria classi V alunni stranieri della secondaria di 1 grado progettista/ docente docenti di ciascuna classe docenti di matematica di ciascuna classe Antonelli, Citti/ Antonelli, Citti, Cristiano, Quattrin durata tutto l anno scolastico dal al circa - durante le ore di lezione 4 gruppi da 10h ore a classe 1h a classe x tutto l a. scolastic o h a gruppo ore complessiv e senza accedere al Fondo d Istituto senza accedere al Fondo d Istituto 40h EDUCAZIONE AMBIENTALE Titolo Pensa con le mani. Come migliorare il proprio ambiente scolastico attraverso le 3 R, riducoriusoriciclo. curric./ext racurric. classi classe III A secondaria di 1 grado progettista/ docente Battista, Comunale/ Battista, Comunale, Fabbri durata dal al ore a classe circa 21h per la realizzaz ione ore complessiv e 7h di progettazion e. realizzazion e senza accedere al Fondo d Istituto Progetti presentati da personale interno e in orario extra per gli alunni Titolo Giochiamo a fare gli attori EDUCAZIONE AI DIVERSI TIPI DI LINGUAGGIO curric./ext racurric. extracurric olare classi gruppo di alunni classi V primaria progettista/ docente Auriemma- Tulimieri-Di Giovanni durata 60h (periodo 08-01/05-06) ore a classe 60h (per un gruppo di alunni classi V) ore complessiv e MAX 60 / docente 17

18 Titolo Gare di matematica Lettere e numeri Trinity College Trinity College curric./ext racurric. extracurr. extracurr. extracurr. extracurr. RECUPERO E POTENZIAMENTO classi alunni classi secondaria di 1 grado (4 a classe = 76 alunni) alunni di 5 anni sez. M- N-O-P infanzia Tito Livio (30 ca.) alunni classi V primaria (gruppi di max 20 alunni) alunni classi III secondaria 1 grado (gruppi di max 20 alunni) progettista/ docente Sarra/Fabbri, Iasimone, Sarra Dembech referente Marini I. /docenti esterni referente Ciaccia /docenti esterni durata dal al circa gennaio-maggio 20h 20h ad alunno (periodo dicembre maggio) 30h ad alunno (periodo dicembre maggio) ore a classe 6 ore ad alunno (4 lezioni di 1h30 ) + eventual i gare e finali 20h (per il gruppo di alunni) 20h (per gruppo di alunni classi V) 30h (per gruppo di alunni classi III) ore complessiv e 12h lezioni + eventuali gare +3h materiali +5h Seraphicum +15h organ. 20h MAX 20h a gruppo (costo a carico famiglie) MAX 30h a gruppo (costo a carico famiglie) Recupero di italiano Recupero di matematica extracurr. extracurr. alunni classi secondaria 1 grado 4 alunni a classe della secondaria 1 grado Quattrin/ Quattrin, Velletrani Liuzzo, Quattrociocc hi, Segatori 20h 11h30 ad alunno 20h (per gruppo di alunni in totale 2 gruppi) 11h30 (per gruppo di alunni in totale 6 gruppi) 40h 69h 18

19 Progetti provenienti da Enti esterni e in orario per gli alunni Titolo Eureka! Funziona F.I.L.O.S. Frutta nelle scuole Sport e salute Scuolambie nte curric./ext racurric. - Tutoraggio per l orientame nto scelta superiore classi III B-C-D-E, IV B-E, tutte le V primaria classi III secondaria di 1 grado tutte le classi della primaria III B-C-D-E, IV A-F, tutte le V primaria Classi V primaria aderenti progettista/ docente Federmecca nica, Unindustria, MIUR - referente Panno Maria Assunta A.N.P., TivoliForma, Giunti O.S., Regione Lazio - referente Muraca Rosa Anna (F. St.) Ministero Pol. Agric., Alimentari, Forestali - MIUR referente Forconi A. Comune di Guidonia Montecelio, CONI, Madrenatura SRL Ass. Amici dell Inviolat a onlus durata da novembre a marzo tutto l anno scolastico tutto l anno scolastico ore a classe 6-8 settiman e (min 20h) lezioni di 2h 8h ore complessiv e senza accedere al Fondo d Istituto senza accedere al Fondo d Istituto senza accedere al Fondo d Istituto senza accedere al Fondo d Istituto 100,00 ogni 2/4 classi aderenti Progetti presentati da personale esterno e approvati in Consiglio d Istituto Titolo Lo sportello di ascolto a ACCOGLIENZA, INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE curric./ext racurric. --- classi destinatari: alunni, genitori, docenti progettista/ docente Dott.ssa Ramasco durata a.s (incontri su appuntamento) ore a classe --- ore complessiv e Gratuito (senza accedere al Fondo d Istituto) 19

20 Supporto psicologico Titolo minivolley Laboratori di danza educativa per la primaria Educazione musicale per la dell infanzia Cheerful English Progetto di educazione motoria Mousikè: a tutta musica --- destinatari: alunni, genitori, docenti di primaria e secondaria di 1 grado Associazion e Aliseo a.s EDUCAZIONE AI DIVERSI TIPI DI LINGUAGGIO curric./ext racurric. classi I B-G, II D- E, III C-E, IV A-B, V A di primaria (sorteggio) II A-B, III A, V C di primaria (sorteggio) sezioni della dell infanzia aderenti sezioni della dell infanzia aderenti sezioni della dell infanzia aderenti primaria progettista/ docente A.S.D. Roma 3 V.B.C. (Santostasi)/ allenatori federali Bartoli, Filippella Citterich Istituto di Pedagogia Linguistica DEA Plus A.S.D. Fair Play/insegna nti laureati in Scienze Motorie International Music Institute/refe rente Perfetti/doce nte Aschi Claudia durata a.s da novembre a maggio 17 incontri di 45 con cadenza settimanale ottobre-maggio ottobre-maggio gennaio-maggio ore a classe 1h a settiman a 1h al mese 17 incontri di 45 con cadenza settiman ale 2 incontri di 45 a settiman a 1h a settiman a 1h a settiman a A condizione del finanziamen to del Comune di Guidonia- M.Celio ore complessiv e Gratuito (senza accedere al Fondo d Istituto) Gratuito (senza accedere al Fondo d Istituto) Costo a carico famiglie 33,00 l ora da dividere tra alunni costo a carico famiglie 11,00 mensili 1,50 ad alunno a lezione( 1,2 5 per ciascun fratello) A pagamento per le famiglie ( 8,00 al mese sconti per fratelli) 20

21 Voci a colori A con il pianoforte Teatro nella primaria Roma Fun Maratona di Roma: La maratona va a extracurric olare extracurric olare --- alunni classi III, IV, V primaria e tutte le classi secondaria di 1 grado alunni classi IV, V primaria e tutte le classi secondaria di 1 grado alunni classi II A-F primaria alunni, genitori, docenti International Music Institute/refe rente Perfetti/doce nte Aschi Claudia Lombardi Daniele Iacopini Annamaria referente Guidarelli Susanna novembremaggio dicembremaggio (30h a gruppo di alunni) gennaio-maggio (20h) gara incontri da 1h30 Lezioni di 1h con 2/3 alunni 20h --- A pagamento per le famiglie costo a carico famiglie 25,00 l ora da dividere tra alunni costo a carico famiglie 40,00 ad alunno Costo per famiglie iscrizione alla gara ( 8,00 di cui 3,00 devolute alla ) 21

22 Piano delle attività esterne a.s. 2014/2015 Le proposte di attività esterne, formulate dai docenti e concordate con i rappresentanti dei genitori nel corso dei consigli di intersezione, interclasse e classe, saranno realizzate, tutte o in parte, in relazione alla effettiva adesione da parte dei genitori. Le iniziative proposte rappresentano un'esperienza di socializzazione al di fuori dell'ambiente scolastico, inoltre favoriscono l arricchimento delle conoscenze attraverso il contatto con altre realtà ed il consolidamento della lingua straniera. SCUOLA DELL INFANZIA sezioni meta durata periodo Tito Livio M-N-O-P Setteville A-B-C-D-E-F-G- H-I-L - Spettacolo di Natale Tutto è Pronto a - Uscite sul territorio - Babbo Natale a - Spettacolo teatrale a Petia e la volpe Mezza Dicembre 2014 Febbraio 2015 Dicembre 2014 Marzo - aprile 2015 Setteville B - Uscita sul territorio: 1. sala museale presso la chiesa di Setteville 2. biblioteca comunale a Setteville Mezza Febbraio - maggio 2015 Setteville F- G - Uscita sul territorio di Guidonia - Museo della Polizia di Stato Roma Mezza Febbraio - maggio 2015 Setteville I- L - Uscita sul territorio di Guidonia - Visita presso le caserme delle forze dell ordine - Museo Planetario di Roma - Laboratori didattici presso i musei di Roma Mezza Febbraio - maggio

23 SCUOLA PRIMARIA classi meta durata periodo Prime A - B C- D- E-F-G - Fattoria didattica Roma e provincia - Visita alla centrale del latte di Roma - Teatro dei burattini a - Teatro Imperiale di Guidona o al Sistina di Roma intera mezza febbraiomaggio 2015 Seconde B-E-C-D - Rappresentazione didattica al teatro San Carlino con laboratorio - Teatro dei burattini a - Parco avventura, Carsoli - Uscite sul territorio di Guidonia teatro Imperiale o aeroporto dell aeronautica mezza intera febbraiomaggio 2015 Seconde A-F - Visita presso la biblioteca comunale di Setteville - Uscite sul territorio di Guidonia - Teatro dei burattini a - Museo del giocattolo Zagarolo - Monti Prenestini - Centrale del latte di Roma I intera mezza febbraiomaggio 2015 Terze A-B-C-D- E-F - Spettacolo teatrale in inglese a - Percorso didattico, villaggio preistorico Antiquitates vicino Viterbo - Spettacolo teatrale o mostra a Roma - Uscite sul territorio di Guidonia intera mezza febbraiomaggio 2015 Quarte A-F C-D- B-E - Spettacolo teatrale in lingua inglese Robin Hood a - Visita di carattere storico-artistico, scientifico e naturalistico a Roma - Uscite sul territorio di Guidonia Febbraio - maggio

24 Quinte A-F - Spettacolo teatrale in lingua inglese a - Uscite sul territorio di Guidonia - Le bellezze storiche della città di Roma - Campo di carattere naturalistico,archeologico o scientifico di tre giorni. Mezza Intera Febbraio - marzo 2015 Quinte C-D - Spettacolo teatrale in lingua inglese a - Uscite sul territorio di Guidonia - Visita dei monumenti della città di Roma Mezza Intera Febbraio - marzo 2015 Quinte B-E - Spettacolo teatrale in lingua inglese a - Visita presso un museo a Roma - Uscite sul territorio di Guidonia - Visita naturalistica e archeologica della città di Roma attraversando il fiume Tevere con il battello - Visita a Villa D Est di Tivoli e Villa Adriana Mezza Intera Febbraio - marzo 2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO classi meta durata periodo Prime Campo sportivo Villa Adriana a cena con l Imperatore Percorso nella villa con approfondimenti su vari aspetti dell arte culinaria romana o Palazzo Massimo tessere di storia o Il mosaico romano:osservazione e sperimentazione Cinecittà (il costo della visita è di 13 euro) Catacombe Lingua inglese: le classi 1A e 1C assisteranno allo spettacolo "Laurel & Hardy in the haunted house" e le altri classi prime allo spettacolo "The Addams 3 giorni Mezza Mezza Intera Mezza fino a dicembre Febbraio Marzo Febbraio- 24

25 Seconde Family". Gli spettacoli saranno tenuti nel teatro della primaria Roma medievale Bracciano: a seguire partecipazione al laboratorio sull'affresco, in alternativa al laboratorio, visita al Museo storico dell'aeronautica militare di Vigna di Valle. Accadueo a Tor Vergata- Associazione Il Globetto Body World -Spazio eventi Tirso a Roma Museo Scienza e Tecnica a Bagnoli (Na) Campo culturale naturalistico Lingua inglese: spettacolo "The Addams Family". Gli spettacoli saranno tenuti nel teatro della primaria Galleria Borghese La Roma del Potere Mostra di Escher ( Chiostro del Bramante) Body World -Spazio eventi Tirso a Roma Museo Scienza e Tecnica a Bagnoli (Na) Intera 3 giorni Mezza Intera maggio Febbraio Marzo Terze Campo culturale possibilmente all estero Percorso storico-naturalistico nella valle dell Aniene Villa Doria Pamphili 1849: sulle tracce dei garibaldini e soldati francesi Museo storico della liberazione di via Tasso e/o Fosse Ardeatine Ghetto ebraico (forse anche Sinagoga) Roma Internazionale (FAO) I numeri: mostra a Palazzo Esposizioni Body World-Spazio eventi Tirso a Roma Mostra di Escher ( Chiostro del Bramante) Museo della Scienza e Tecnica a Bagnoli (Na) 4-5 giorni Mezza Mezza Intera Febbraio Maggio 25

26 PRINCIPI FONDAMENTALI L'istituto Comprensivo G. Garibaldi Carta dei servizi considera finalità generali del proprio operare i principi espressi negli artt. 3, 21, 33, 34 della Costituzione Italiana ; fa propri e realizza i principi fondamentali enunciati nella Carta dei Servizi della emanata con DPCM 7 giugno 1995 N ) UGUAGLIANZA Assicura pertanto uguaglianza di trattamento nell'erogazione del servizio scolastico, senza alcuna discriminazione per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche e socio-economiche. Per evitare qualunque discriminazione, nel P.O.F. è previsto quanto segue: a) nella formazione delle classi il criterio fondamentale è improntato al massimo di eterogeneità. Durante l'attività didattica possono essere formati gruppi omogenei per livello ma mai per altre caratteristiche come sesso, razza, religione, inoltre le attività tendono all'attuazione delle pari opportunità fra maschi e femmine. b) L'eventuale inserimento di alunni stranieri avviene nel rispetto della loro cultura d'origine in un'ottica di pluralismo culturale. c) Sono programmate attività alternative alla religione cattolica nel rispetto della libera scelta dei genitori. d) La si fa carico dei bisogni e delle difficoltà degli alunni attraverso interventi individualizzati, progetti di recupero e di sostegno, consulenze specialistiche degli operatori socio-sanitari, valorizzazione dei progetti di educazione della salute. 2) IMPARZIALITA' La si impegna ad agire secondo criteri di imparzialità verso gli alunni, nel massimo rispetto di ogni opinione e sistema culturale. Gli operatori scolastici agiscono secondo criteri di obiettività ed equità nell'espletamento delle funzioni richieste. 3) REGOLARITA' La in collaborazione con gli Enti locali garantisce la regolarità e la continuità dei servizi. In particolare l'utenza sarà informata sul calendario scolastico, sull'orario delle lezioni, sull'orario di servizio dei personale, sull'assegnazione dei docenti alle classi/sezioni e degli ambiti disciplinari, sull'orario di ricevimento dei docenti, sui servizi minimi garantiti in caso di sciopero. 26

27 4) ACCOGLIENZA ED INTEGRAZIONE La si impegna, con opportuni ed adeguati atteggiamenti ed azioni di tutti gli operatori del servizio, a favorire l accoglienza non soltanto nella fase di ingresso delle classi iniziali, ma nel rapporto quotidiano di lavoro scolastico. Il personale della si impegna a rendere l'ambiente scolastico il più sereno possibile, cercando di favorire negli alunni il superamento di situazioni di disagio. Sono stati elaborati progetti d'accoglienza per favorire e migliorare l'inserimento e la permanenza degli alunni a. 5) DIRITTO DI SCELTA, OBBLIGO SCOLASTICO, FREQUENZA L'utente ha facoltà di scelta fra le istituzioni scolastiche dello stesso tipo, nei limiti di capienza obiettiva di ciascuna di esse. La fornisce indicazioni per garantire all'utenza un'informazione chiara e completa dei servizi scolastici. L obbligo scolastico e la regolarità della frequenza sono assicurati con interventi di prevenzione e controllo dell evasione scolastica da parte di tutte le istituzioni coinvolte, che attuano tra di loro forme di collaborazione funzionale ed organiche. Particolare rilevanza hanno le attività di orientamento da svolgersi in particolare negli ultimi anni della dell'obbligo. 6) PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA E TRASPARENZA Tramite gli organismi competenti la si impegna a favorire, nell ambito delle normative vigenti, la più larga partecipazione. Al fine di promuovere ogni forma di partecipazione dell utenza, si garantisce la massima semplificazione delle procedure ed una informazione completa e trasparente. In ottemperanza alla Legge 7 agosto 1990 N 241, tutti i documenti scolastici sono disponibili per la visione dei diretti interessati che ne facciano richiesta oppure attraverso la pubblicazione all'albo. Il P.O.F. e il Regolamento d'istituto definiscono i criteri per il buon funzionamento del servizio scolastico. Sul versante educativo-didattico il personale docente, valutata la situazione iniziale di ogni classe, imposta la programmazione educativo-didattica, ne verifica in itinere la validità, adeguandola alle necessità degli alunni. L'utenza ha la possibilità di segnalare disservizi, problemi, e/o di formulare proposte. 7) LIBERTA' DI INSEGNAMENTO ED AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE Viene garantita la libertà di insegnamento dei docenti, non vincolato ad ideologie di varia natura, nei limiti delle norme ed in funzione del diritto dell'alunno all'apprendimento. Nell'ambito della libertà d'insegnamento, i docenti si avvalgono di diversi contenuti e delle metodologie più idonee per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il Collegio dei Docenti ritiene di fondamentale importanza che la programmazione delle attività didattiche, pur nel rispetto della libertà di insegnamento del singolo docente e della libertà di apprendimento dei discenti, abbia carattere collegiale. 27

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a?

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 4 4 1a) In che misura valuta l'impegno di suo/sua figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 1% 4 1 B 1b)

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 )

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 ) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M.ANGIOY" Via Principessa Mafalda sn 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; C.F. 80004330900 e-mail SSTF010007@istruzione.it www.itiangioy.sassari.it Anno Scolastico

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 Comun.n. O g g e t t o 1. Convenzione per l'acquisto abbonamento annuale ATAF con sconto 2. Desiderata a.s. 2013/14 3. Orario funzionamento classi dal 11.09.13 al 14.09.13

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE Gentili genitori entro il 28 febbraio dovete provvedere alla iscrizione dei Vostri figli alla classe successiva. Al momento della iscrizione le famiglie sono chiamate a versare alcune tasse ministeriali

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli