PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo Via Belforte del Chienti ROMA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo Via Belforte del Chienti ROMA"

Transcript

1 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo Via Belforte del Chienti ROMA Anno Scolastico 2013/2014 Approvato in data 17/10/2013 dal Collegio dei Docenti e in data 11/11/2013 dal Consiglio d Istituto

2 INDICE 2

3 3

4 4 COSA È IL POF Il Piano dell Offerta Formativa è la presentazione di tutte le attività della scuola: è il progetto educativo e formativo che presentiamo ai genitori e agli studenti. Attraverso il POF si dà attuazione all'autonomia della scuola, ossia la possibilità di compiere delle scelte autonome, in ordine agli aspetti didattici ed organizzativi, nel rispetto delle direttive ministeriali. Il POF nasce dal confronto e dalla collaborazione tra la scuola, la famiglia e le molteplici risorse esistenti sul territorio: enti locali, associazioni formative, culturali e professionali, società sportive, gruppi di volontariato, allo scopo di realizzare in modo congiunto un progetto educativo ricco e articolato. Così inteso, il POF si configura come un articolato dispositivo di mezzi, di opportunità e di risorse per raggiungere l obiettivo prioritario del successo scolastico dei nostri alunni.

5 Presentazione dell Istituto comprensivo 5 L Istituto Comprensivo Via Belforte del Chienti nasce a seguito dell attuazione delle norme sul dimensionamento, che hanno previsto l aggregazione in un unica realtà istituzionale la scuola dell infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. La nuova realtà istituzionale si compone delle seguenti sedi:

6 6

7 ORGANIGRAMMA DI ISTITUTO L organigramma è la struttura organizzativa della scuola concepita per un suo migliore e corretto funzionamento. In esso sono individuate le figure dello staff, che coadiuvano il dirigente scolastico nelle molteplici attività della scuola. 7

8 IDENTITA PEDAGOGICA DELL ISTITUTO L Istituto comprensivo è un ambiente che accoglie le identità dei diversi segmenti scolastici: scuola dell infanzia, scuola primaria e scuola secondaria di I grado, che continuano a funzionare distintamente secondo le loro caratteristiche, ma sono inserite in un percorso educativo-didattico meglio predisposto e armonizzato. 8 La coesistenza dei tre ordini scolastici ha comportato una profonda riflessione sull assetto della nuova scuola, che non deve essere intesa come l affiancamento di una all altra o, peggio ancora, la sovrapposizione di una realtà scolastica sulle altre. Vi sono delle specificità, modi di essere, metodologie di lavoro e storie che non possono scomparire con una sorta di taglia e incolla. La nuova realtà organizzativa è invece l occasione di una riflessione dal basso, tra genitori, insegnanti e realtà del territorio per valorizzare e migliorare insieme la scuola, consolidando una responsabilità comune di tutte le figure coinvolte nel percorso educativo. L istituzione del comprensivo, inoltre, impone una verticalizzazione del curricolo, vale a dire lo sviluppo di una reale continuità, seppure con una collaborativa gradualità, delle originarie proposte didattiche. La struttura del curricolo dell istituto comprensivo è incentrata in tre ambiti: In altre parole, con la nascita dell istituto comprensivo si sono create le condizioni per affermare una scuola unitaria di base che prenda in carico i bambini dall'età di tre anni e li guidi fino al termine del primo ciclo di istruzione.

9 SCUOLA DELL INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA PALATUCCI La scuola si trova in via Pollenza Roma tel Ospita nell anno in corso 17 classi di scuola primaria e 4 sezioni dell infanzia. È dotata di un ampia palestra con pavimento in parquet, spogliatoi maschili e femminili con docce e bagni; laboratorio scientifico con forno per la cottura della ceramica; biblioteca attrezzata anche con lavagna multimediale; laboratorio teatrale; laboratorio multimediale con tredici postazioni per gli alunni e postazione docente completamente rinnovate, LIM e proiettore; aula musica. L edificio è circondato da ampi spazi per attività ludico-ricreative. È attivo un servizio mensa per gli alunni dell infanzia e della primaria. Le 4 aule della scuola dell infanzia si trovano al piano terra, da dove è possibile accedere facilmente al giardino allestito con giochi e ad un cortile interno, con fondo in sabbia, nel quale i bambini possono giocare. Nella Scuola primaria vengono garantiti i seguenti orari di funzionamento: Tempo pieno a 40 ore: 8, dal lunedì al venerdì. Tempo a 35 ore: classe IID 8,30 15,30 dal lunedì al venerdì. Tempo a 31 ore: classi IV C e V C mart., giov. e ven ; lun. e merc Tempo a 28 ore: classe III C lun., mart., merc. e ven. 8,30 13,30; giov. 8,30 16,30. Nella Scuola dell infanzia vengono garantiti i seguenti orari di funzionamento: Tempo pieno: 40 h settimanali per 5 giorni dalle ore 8.00 alle ore nelle sezioni A B Tempo normale: 25 h settimanali per 5 giorni nelle sezioni C - D con ingresso : ore 8.00 uscita: dalle ore alle ore

10 10 Laboratorio teatrale Laboratorio multimediale Palestra Aula musica Biblioteca Laboratorio scientifico: forno per la ceramica

11 11 Sabbiera Aula infanzia

12 SCUOLA DELL INFANZIA MONTEMONACO 12 La scuola si trova in via Montemonaco Roma - tel/fax Immerso in un parco verde con pini e alberi da frutta, il plesso di Montemonaco accoglie tre sezioni di Scuola per l Infanzia. Il giardino comprende due zone attrezzate con giochi, un cortile asfaltato, sul quale vengono disegnati percorsi, varie aiuole coltivate a fiori e ad orto. Internamente ogni aula è luminosa e spaziosa, dotata di spogliatoio e ampio bagno della sezione. Le tre aule affacciano sia sul vasto salone, dove vengono svolte attività particolari che richiedono grandi spazi, come attività motoria e teatrale, sia sul giardino, avendo ognuna un uscita di sicurezza indipendente. Le aule sono strutturate con angoli didattici per le comunicazioni sociali, per la lettura, uno spazio grafico-pittorico, l angolo della scatola azzurra e l angolo della casa con cucina e travestimenti. Altri spazi del plesso sono la cucina con l aula mensa, una piccola biblioteca, ed una stanza per il corpo docente. Viene garantito funzionamento: il seguente orario di Tempo pieno 40 h settimanali per 5 giorni dalle ore 8.00 alle ore per tutte le sezioni.

13 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO La scuola media è nata con il nucleo storico del quartiere, poi dal 1 settembre 2000, con la fusione delle SMS Amendola, SMS Spina e della succursale della SMS Nervi, è dedicata nel 2003 al grande regista Federico Fellini. In seguito al dimensionamento del 2012 è divenuta Istituto Comprensivo con la Scuola dell Infanzia e la Scuola Primaria. 13 La scuola sorge in un ampio spazio alberato ed è la sede della Dirigente Scolastica e del Direttore Amministrativo. Nei suoi locali sono presenti la Segreteria Didattica, quella Amministrativa e quella del Personale. due piani. Le aule riservate all insegnamento sono 15, suddivise in Altri spazi sono riservati ai laboratori e ad aule speciali: artistica, informatica, biblioteca, scientifica, teatro multimediale, musica, palestra, sostegno. Questi spazi, strutture e dotazioni della scuola creano la possibilità di un ampia Offerta Formativa per gli alunni. In ogni classe è presente un computer, la metà di esse è dotata di LIM (la nuova lavagna multimediale con relativo proiettore). Le aule dei laboratori e le aule speciali, con le relative strutture, con le risorse e le attrezzature specifiche rivestono un importanza strategica fondamentale per raggiungere gli obiettivi didattici e formativi. Negli ultimi tempi si è puntato ad avere una diffusa presenza di strumenti multimediali (realizzati attraverso progetti ministeriali e la formazione specifica dei docenti). La scuola, e tutte le aule, sono state cablate per il collegamento ad internet, offrendo l opportunità di connettersi al mondo esterno. Il fiore all occhiello della scuola è la Sala Teatro con la cabina di regia e trasmissione. Questa ampia sala, dotata di palcoscenico e di impianto luce, può ospitare rappresentazioni teatrali; l ampio schermo e l impianto audio possono trasmettere film e video di alta qualità. L ammodernamento della biblioteca con mobilio idoneo, postazione computer, la catalogazione informatizzata e l adesione al Progetto Rete di Biblioteche offre un ambiente confortevole alla lettura ed alla ricerca per tutti gli alunni.

14 ANALISI DEL CONTESTO TERRITORIALE L Istituto Belforte del Chienti è inserito nel territorio del IV Municipio, ex V Municipio, realtà territoriale diversificata a causa dell enorme sviluppo urbano degli ultimi decenni, che ha profondamente modificato la configurazione dell intera area. Il territorio si estende sui seguenti quartieri: Tiburtino, Pietralata, Collatino, Ponte Mammolo, San Basilio e sulle seguenti zone: Settecamini, Tor Cervara, Tor Sapienza ed Acqua Vergine. I confini del territorio sono a nord la via Nomentana, a est il comune di Guidonia Montecelio, a sud il fiume Aniene, l'autostrada A24 e la ferrovia Roma-Pescara, a ovest la ferrovia Roma-Firenze. 14 Dal punto di vista urbanistico, il Municipio è stato interessato sin dal dopoguerra da intense trasformazioni ed è caratterizzato dalla presenza di un tessuto socioeconomico medio e mediobasso in continua espansione, caratterizzato da attività di tipo impiegatizio, artigianale o di piccole e medie imprese. Attualmente la composizione socio-demografica del territorio scolastico si presenta piuttosto variegata, in quanto l utenza proviene da quartieri popolari di vecchio insediamento (Casal Tidei, San Cleto, San Basilio) e da quartieri residenziali recenti,

15 abitati prevalentemente da giovani famiglie (Torraccia e Casal Monastero). 15 Nelle zone limitrofe all istituto sono presenti il complesso penitenziario di Rebibbia, diversi centri di accoglienza per rifugiati politici e per migranti, di case-famiglia per donne e minori in situazione di disagio e campi nomadi attrezzati. La presenza degli stranieri residenti sul territorio municipale è quasi raddoppiata in meno di un decennio. I nuclei più numerosi sono rappresentati dai cittadini romeni e quelli albanesi; su tale flusso si è innestato, più recentemente, quello di gruppi extracomunitari, provenienti dal mondo arabo, da quello asiatico ed anche dal Sud America. L offerta formativa della scuola, quindi, è orientata ad una utenza assai varia, da una parte famiglie di estrazione impiegatizia ed una più di origine popolare. La ricca composizione del territorio ha come conseguenza la formazione di classi eterogenee, dove gli alunni presentano motivazioni ed esigenze formative estremamente diversificate e legate al contesto socio culturale di provenienza. La scuola ha già individuato da tempo ed ha creato gli strumenti per venire incontro a quegli alunni in situazioni di svantaggio e di disagio socio-culturale. Da sempre l Istituto ha accolto alunni provenienti da diverse etnie e talvolta ragazzi fortemente disagiati ed emarginati in ambito sociale, rendendo loro possibile rompere l isolamento e combattere sul nascere fenomeni di emarginazione socio - culturale. Nel contempo l istituto ha offerto l opportunità, attraverso un proficuo rapporto con i genitori, di approfondire e sviluppare le capacità e l autonomia degli alunni con un già consolidato bagaglio culturale. Infine l Istituto è impegnato con tutte le sue risorse e la professionalità di docenti di sostegno e docenti disciplinari nell accoglienza e nella integrazione di alunni con disabilità e bisogni educativi speciali.

16 Il territorio in cui la scuola opera è caratterizzato da un intenso associazionismo di piccole dimensioni e da questo punto di vista offre in generale un panorama sufficientemente variegato di opportunità e di servizi. Le palestre delle scuole ospitano una vasta gamma di attività sportive a costi contenuti, rivolte sia ai ragazzi che, nella fascia serale, agli adulti. Le famiglie usufruiscono anche delle attività proposte da diverse società sportive dislocate in molte zone. Nell area sono presenti associazioni che offrono percorsi di musica, di danza, di inglese. Molto significativa è la presenza a San Basilio del centro culturale Aldo Fabrizi, luogo ricreativo e di aggregazione, dedicato alla partecipazione attiva dei cittadini alla vita culturale e sociale del quartiere e che collabora attivamente con l istituto per la realizzazione di esperienze didattiche e formative. Gli istituti scolastici della zona offrono all utenza la possibilità di accedere alle proprie biblioteche per i servizi di lettura, ricerca e prestito, promuovendo così il piacere della lettura sin dalla più tenera età. Anche le Parrocchie contribuiscono ad arricchire le proposte educative rivolte alle famiglie, a bambini e giovani, per le attività formative (scoutismo), di intrattenimento e solidarietà, oltre che religiose. Molti di tali servizi sono rivolti in particolare ai ceti meno abbienti e socialmente più fragili, perché gratuiti o a costi contenuti. Opportunità di tipo culturale più elevato sono, però, ancora deficitarie ed i cittadini sono costretti a spostarsi nelle zone limitrofe con numerose difficoltà di viabilità e trasporto per usufruire di cinema, teatri e librerie. Restano insufficienti, rispetto ai bisogni, le risposte alle problematiche psicopedagogiche e sociali delle famiglie e al disagio giovanile sempre più diffuso, che si caratterizza anche con l'insuccesso e la dispersione scolastica. 16 Nel territorio la scuola rappresenta una fondamentale fonte di arricchimento culturale per i ragazzi e l ambiente privilegiato per l apprendimento dei valori e degli atteggiamenti etico educativi alla base della convivenza civile e democratica, specialmente in momenti, come quelli attuali, in cui le famiglie sono spesso

17 disorientate di fronte ai continui cambiamenti della società e vivono difficoltà sociali, economiche e di instabilità lavorativa. L istituzione scolastica è quindi chiamata a far fronte ai nuovi bisogni dell utenza, a pianificare e realizzare interventi mirati in un ottica di condivisione con la famiglia ed il territorio, così da costituire una relazione sinergica di fiducia tra tutte le agenzie formative. 17 ASSOCIAZIONE DEI GENITORI Genitori e famiglie debbono essere soggetti presenti ed attivi nella scuola e nel contesto territoriale, per realizzare una offerta formativa, educativa e didattica che si arricchisca delle proposte, delle iniziative e dell'impegno fattivo e responsabile delle famiglie. Con queste finalità è nata nel 1998 l Associazione dei Genitori del 141 Circolo Didattico, fondata dai genitori delle scuole di Giovanni Palatucci e Montemonaco (attualmente Istituto Comprensivo Via Belforte del Chienti ), San Cleto e Podere Rosa (ora Istituto Comprensivo Via N. M. Nicolai ) e Antonio Nuzzo (Istituto Comprensivo Via Casal Bianco ). La formulazione dello statuto associativo, così come la mission che ne caratterizza le azioni e ne anima la progettazione, è frutto di un intenso lavoro di comunicazione, confronto e condivisione tra genitori e personale della scuola tutta. Le motivazioni fondamentali, che hanno sostenuto i genitori nella ricerca di tale strumento associativo per gestire un dialogo costruttivo e un impegno cooperativo con l'istituzione scolastica, l'ente locale e il territorio, risiedono nella convinzione che genitori e famiglie debbano essere soggetti presenti ed attivi nella scuola e nel contesto territoriale, per realizzare una offerta formativa, educativa e didattica che si arricchisca delle proposte, delle iniziative e dell'impegno fattivo e responsabile delle famiglie. È una associazione non a scopo di lucro, che raggiunge le sue finalità creando sinergie cittadine attraverso una rete di rapporti con soggetti pubblici e privati: coprogetta e co-realizza azioni di natura educativa, formativa e sociale con Istituzioni Scolastiche, Enti Locali e diverse altre strutture di promozione sociale. L Associazione dei Genitori opera, a tutt oggi, in maniera permanente presso le scuole dell Istituto Comprensivo Via Belforte del Chienti e dell Istituto Comprensivo Via N. M. Nicolai, nelle cui sedi reimpiega ogni anno i fondi attivi

18 residui del bilancio per il sostegno alle attività, alle strutture, ai laboratori, nel rispetto delle esigenze espresse da ciascuna istituzione scolastica. 18 IL CURRICOLO Il quadro di riferimento della progettazione del curricolo verticale è rappresentato delle Indicazioni per il Curricolo della Scuola di base, testo di riferimento, entrato in vigore con il decreto ministeriale n. 254 del 16 Novembre 2012 (G.U. n. 30 del 5 Febbraio 2013), che sostituisce sia le Indicazioni nazionali del 2004 che le Indicazioni per il curricolo del Sulla base delle indicazioni, l Istituto comprensivo Belforte del Chienti, attraverso il concorso dei suoi tre ordini scolastici, si prefigge la piena valorizzazione delle potenzialità degli alunni negli studi, nel lavoro e nella consapevolezza responsabile di cittadino. Gli obiettivi formativi, le strategie metodologiche, le proposte progettuali, le scelte organizzative, le conoscenze, le abilità e le competenze verranno utilizzate per la realizzazione del personale progetto di vita di ogni singolo alunno. Alla realizzazione di tali scopi scuola si impegna a porre al centro della sua azione istituzionale l alunno e il suo itinerario di formazione, al fine di realizzare le seguenti finalità:

19 Questo percorso richiede un impegno sistematico rivolto sia all attività didattica del mattino che il necessario studio personale pomeridiano. 19 SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell'infanzia concorre, nel rispetto della primaria responsabilità educativa dei genitori, all'educazione e alla formazione integrale delle bambine e dei bambini, puntando allo sviluppo delle seguenti finalità. Nell'esercizio dell'autonomia delle istituzioni scolastiche sotto attuate opportune forme di coordinamento didattico, per assicurare il raccordo in continuità con il complesso dei servizi all'infanzia e con la scuola primaria. Nell'organizzazione delle attività grande attenzione viene posta alla cura dei seguenti fattori di qualità: un ambiente educativo accogliente, curato, nella sezione, negli spazi esterni, nei laboratori, negli ambienti di vita comune tempo disteso, che consente al bambino di vivere con serenità la propria giornata. equilibrata integrazione di momenti di cura, di relazione, di apprendimento. attenzione alla funzione di regolazione dei ritmi della giornata da parte delle routine (l'ingresso, il pasto, la cura del corpo, il riposo, ecc.).

20 20 SCUOLA PRIMARIA La scuola primaria sostiene lo sviluppo integrale del bambino, nelle sue dimensioni cognitiva, emotiva, sociale, artisticoespressiva, corporea, ma anche l acquisizione e delle conoscenze e delle abilità di base necessarie alla convivenza sociale. Accogliendo e valorizzando le diversità individuali, la scuola primaria promuove il successo formativo di tutti gli alunni e la ricerca delle strategie e dei percorsi atti a valorizzare vocazioni e potenzialità di ciascuno. COMPETENZE IN USCITA SCUOLA PRIMARIA dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Italiano ASSE DEI LINGUAGGI Ascolta, legge e comprende testi di vario tipo, ne individua il senso globale e le informazioni principali, utilizzando strategie di lettura adeguate agli scopi, esprime giudizi personali. Scrive testi corretti nell ortografia, chiari e coerenti; rielabora testi parafrasandoli, completandoli, trasformandoli. Padroneggia e applica in diverse situazioni le conoscenze fondamentali relative all organizzazione logico-sintattica della frase semplice, alle parti del discorso e ai principali connettivi Lingua Inglese Comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive sia oralmente sia per iscritto in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono ai bisogni immediati. Interagisce nel gioco; comunica in modo comprensibile in scambi di informazioni semplici e di routine.

21 Arte ed immagine 21 Utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi, rielaborando in modo creativo le immagini con molteplici tecniche, materiali e strumenti. Conosce i principali beni artistico-culturali presenti nel proprio territorio e manifesta sensibilità e rispetto per la loro salvaguardia. Musica Esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro fonte. Esegue con la voce, il corpo e gli strumenti combinazioni timbriche, ritmiche e melodiche, e semplici brani vocali e strumentali. Ascolta, interpreta e descrive brani musicali di diverso genere. ASSE MATEMATICO Matematica Si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di ricorrere a una calcolatrice. Descrive, denomina e classifica forme e figure del piano e dello spazio, in base a caratteristiche geometriche; determina misure, progetta e costruisce modelli concreti di vario tipo. Riesce a risolvere facili problemi in tutti gli ambiti di contenuto, controllando sia il processo risolutivo, sia i risultati; descrive il procedimento seguito e riconosce strategie di soluzione diverse dalla propria. ASSE SCIENTIFICO-TECNOLOGICO Scienze Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: osserva e descrive lo svolgersi dei fatti, formula domande, propone e realizza semplici esperimenti, espone in forma chiara ciò che ha sperimentato, utilizzando un linguaggio appropriato. Riconosce le principali caratteristiche e i modi di vivere di organismi animali e vegetali.

22 Ha consapevolezza della struttura e dello sviluppo del proprio corpo, ne riconosce e descrive il funzionamento, utilizzando modelli intuitivi ed ha cura della sua salute. Ha atteggiamenti di cura verso l ambiente scolastico che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il valore dell ambiente sociale e naturale. 22 Tecnologia Riconosce e identifica nell ambiente che lo circonda elementi e fenomeni di tipo artificiale. Conosce e utilizza semplici oggetti e strumenti di uso quotidiano ed è in grado di descriverne la funzione principale e la struttura e di spiegarne il funzionamento. Sa ricavare informazioni leggendo etichette, volantini o altra documentazione tecnica e commerciale e si orienta tra i diversi mezzi di comunicazione. Storia ASSE STORICO-GEOGRAFICO Riconosce ed esplora le tracce storiche presenti nel territorio, comprendendo l importanza del patrimonio artistico e culturale. Usa la linea del tempo e le carte geo-storiche per organizzare informazioni, conoscenze, periodi e individuare successioni, contemporaneità, durate, periodizzazioni. Comprende avvenimenti, fatti e fenomeni delle società e delle civiltà che hanno caratterizzato la storia dell umanità, con apertura e confronto con la contemporaneità. Geografia Si orienta nello spazio circostante e sulle carte di diverso tipo, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali e ricavando informazioni geografiche da una pluralità di fonti. Individua le caratteristiche fisiche ed antropiche che connotano i paesaggi, con particolare attenzione a quelli italiani, e coglie analogie e differenze con quelli europei e di altri continenti.

23 Educazione fisica Utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed esprimere i propri stati d animo, anche attraverso la drammatizzazione e le esperienze ritmico-musicali e coreutiche. 23 Sperimenta diverse gestualità tecniche e una pluralità di esperienze che permettono di maturare competenze di gioco-sport. Agisce rispettando i criteri base di sicurezza per sé e per gli altri, sia nel movimento sia nell uso degli attrezzi, e comprende il valore delle regole e l importanza di rispettarle. ATTIVITA ALTERNATIVA ALL I.R.C. Gli alunni che non si avvalgono dell insegnamento della religione cattolica partecipano ad attività didattiche organizzate specificatamente per loro o a quelle organizzate per alunni di altre classi parallele. Per la Scuola Primaria è stato formulato il Progetto Chi legge non è mai solo!, tenendo conto delle finalità educative e formative dell Istituto, del Piano dell Offerta Formativa e della realtà socio-culturale del territorio, che ha come finalità lo sviluppo della consapevolezza dei valori e della convivenza civile: amicizia, solidarietà, lealtà, giustizia, confronto con l altro. Attraverso la lettura di storie, fiabe, poesie gli alunni saranno invitati all analisi dei legami, degli affetti, dei valori, delle diverse abitudini sociali e culturali. Scuola Secondaria di primo gradoi genitori all atto dell iscrizione esprimono la facoltà di avvalersi o non avvalersi dell insegnamento della religione cattolica (art. 9 della legge 25 marzo 1985 in accordo con la Santa sede) Inoltre il protocollo. N del 15/10/2013 fornisce le indicazioni operative per le attività alternative all insegnamento della Religione Cattolica nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di I e II grado. Coloro che non intendono avvalersi dell insegnamento della Religione Cattolica possono frequentare e formarsi in attività didattiche ed educative con l assistenza di personale docente. L attività di studio e di ricerca in gruppo o individuale scaturisce dagli interessi ed esigenze mostrati dagli alunni e dalle competenze degli insegnanti. Pur non essendovi una valutazione specifica le ore di frequenza sono obbligatorie e concorrono al giudizio complessivo in sede del Consiglio di classe.

24 MONTE ORE DISCIPLINE SCUOLA PRIMARIA Il Regolamento in materia di autonomia scolastica (DPR n. 275/99) prevede che le scuole sperimentino concretamente l autonomia didattica e di ricerca, definendo il curricolo di scuola e, di conseguenza, le quote orarie riservate alle diverse discipline, in modo autonomo e flessibile sulla base delle reali esigenze formative degli alunni. Sulla base di queste indicazioni, il collegio dei docenti ha deliberato le seguenti articolazioni orarie CLASSE CON TEMPO SCUOLA DI 28 ORE su 5 giorni settimanali, di cui 4 con uscita alle ore 13,30 ed uno alle ore 16,30 DISCIPLINE CLASSE I ORE CLASSE II ORE ITALIANO MATEMATICA SCIENZE STORIA GEOGRAFIA LINGUA INGLESE RELIGIONE/ALTERNATIVA MUSICA EDUCAZIONE FISICA TECNOLOGIA ARTE E IMMAGINE MENSA E DOPO MENSA TOTALE ORE CLASSE III-IV-V ORE DISCIPLINE 2 CLASSE CON TEMPO SCUOLA DI 31 ORE, su 5 giorni settimanali, di cui 3 con orario fino alle 13,30 e due con orario fino alle 16,30 CLASSE I ORE CLASSE II ORE ITALIANO MATEMATICA SCIENZE STORIA GEOGRAFIA LINGUA INGLESE RELIGIONE/ALTERNATIVA CLASSE III-IV-V ORE

25 MUSICA EDUCAZIONE FISICA TECNOLOGIA ARTE E IMMAGINE MENSA E DOPO MENSA TOTALE ORE CLASSE CON TEMPO SCUOLA DI 35 ORE su 5 giorni settimanali con orario fino alle 15,30 DISCIPLINE CLASSE I ORE CLASSE II ORE ITALIANO MATEMATICA SCIENZE STORIA GEOGRAFIA INGLESE RELIGIONE/ALTERNATIVA MUSICA CORPO MOVIMENTO SPORT TECNOLOGIA ARTE MENSA E DOPO MENSA TOTALE ORE CLASSE III-IV-V ORE 3. CLASSE CON TEMPO SCUOLA DI 40 ORE su 5 giorni settimanali con orario fino alle 16,30 DISCIPLINE CLASSE I ORE CLASSE II ORE ITALIANO MATEMATICA SCIENZE STORIA GEOGRAFIA LINGUA INGLESE RELIGIONE/ALTERNATIVA MUSICA EDUCAZIONE FISICA TECNOLOGIA ARTE E IMMAGINE MENSA E DOPO MENSA TOTALE ORE CLASSE III-IV-V ORE

26 COMPETENZE IN USCITA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 26 La scuola secondaria di primo grado, attraverso le discipline di studio, assicura ad ogni allievo il consolidamento delle padronanze strumentali (lettura, scrittura, matematica, ) e della capacità di apprendere, oltre ad un adeguato livello di conoscenze e di competenze, che costituiscono la base su cui costruire il percorso scolastico successivo. La scuola secondaria punta alla crescita delle capacità autonome di studio e al rafforzamento delle attitudini all'interazione sociale; sviluppa progressivamente le competenze e le capacità di scelta corrispondenti alle attitudini e vocazioni degli allievi; fornisce strumenti adeguati alla prosecuzione delle attività di istruzione e di formazione; aiuta ad orientarsi per la successiva scelta di istruzione e formazione. ASSE DEI LINGUAGGI Italiano Padroneggia gli strumenti espressivi e argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti. Legge, comprende e interpreta testi scritti di vario tipo. Produce testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi. Lingua inglese/francese Utilizza la lingua inglese per i principali scopi comunicativi ed operativi. Utilizza la lingua francese-spagnola per i principali scopi comunicativi ed operativi. Arte e immagine Utilizza gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario. Musica Utilizza gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio musicale. ASSE MATEMATICO Utilizza le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica. Confronta ed analizza figure geometriche, individuando invarianti e relazioni.

27 Individua le strategie appropriate per la soluzione dei problemi. Analizza dati e li interpreta sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico. 27 ASSE SCIENTIFICO-TECNOLOGICO Osserva, descrive e analizza fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconosce nelle varie forme i concetti di sistema e di complessità. Analizza qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall esperienza. E consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate. ASSE STORICO-GEOGRAFICO Comprende il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto tra aree geografiche e culturali. Colloca l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell ambiente. Riconosce le caratteristiche essenziali del sistema socio-economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio.

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT)

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) La Scuola Primaria di Valchiusa è situata in una zona verdeggiante meglio conosciuta come Valchiusa e occupa parte della sede centrale dell Istituto

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa

Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo. Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo Piano dell offerta formativa Istituto Comprensivo Poggiomarino1-Capoluogo I PROGETTI DIDATTICI INDIRIZZI GENERALI DELLA SCUOLA LE STRUTTURE IL CURRICOLO P.O.F

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado Cerreto Sannita - San Lorenzello PROGETTO CONTINUITA EDUCATIVA REGOLIAMOCI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PREMESSA

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA L educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità in relazione con l ambiente, gli altri e gli

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ Creare le condizioni ed i presupposti per un sereno passaggio dei bambini dalla Scuola dell Infanzia alla scuola primaria, con particolare

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

Scuola Primaria Rilevazione delle competenze classe PRIMA

Scuola Primaria Rilevazione delle competenze classe PRIMA Scuola Primaria Rilevazione delle competenze classe PRIMA ITALIANO Voto Descrittori Formula scambi comunicativi con compagni e docenti attraverso messaggi semplici e pertinenti. Esprime in modo chiaro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO 1. L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA La scuola dell infanzia per bambini dai 3 ai 6 anni di età non è obbligatoria, ma è di fondamentale importanza per la promozione di competenze essenziali, quali:

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA ALLEGATO 2 PTOF 2016/2019 SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICE ACCOGLIENZA CONTINUITÀ SI/SP LINGUA INGLESE ATTIVITA MOTORIA EDUCAZIONE MUSICALE LABORATORIO TEATRALE 1 ACCOGLIENZA Integrazione

Dettagli

Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa )

Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa ) APPENDICE E Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa ) NORME GENERALI Le iscrizioni alle scuole dell infanzia

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE Docente Responsabile: Prof. Marco Carnevale A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 2 ALBINO BERNARDINI SINISCOLA PROGETTO POTENZIAMENTO

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua

ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO. EccoCi Qua ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASEO EccoCi Qua PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA Linee essenziali Valori, obiettivi e piano d azione IC TOMMASEO - SECONDARIA UNA SCELTA DI CONTINUITÀ La

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.

Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764. E-Mail: dd25aprile.137circol@libero. Istituto Comprensivo Via F. BORROMEO VIA F. BORROMEO, 53/57-00168 ROMA TEL./FAX 066281239-066145764 E-Mail: dd25aprile.137circol@libero.it Progetto a.s.2013/2014 Funzioni Strumentali Area 3 CONTINUITA

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

CENTRO LAVORO E ARTE

CENTRO LAVORO E ARTE LIBERA ASSOCIAZIONE PRO-HANDICAPPATI Via 4 novembre 7 Lodi Vecchio Tel :0371 464188 e mail info@centrolavoroearte.it CENTRO LAVORO E ARTE Modulo A 1. SCHEMA GENERALE DEL CENTRO 2. TIPOLOGIA D UTENZA 3.

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area EUCAZIONE CITTADINANZA COSTITUZIONE

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA Plesso CESARE BATTISTI ARNATE Plesso ALESSANDRO MANZONI MADONNA IN CAMPAGNA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSE 4^ ITALIANO l allievo prende la parola negli scambi comunicativi dimostrando di aver colto l

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16

PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 PROGETTI DI AMPLEMENTO DELL'OFFERTA DIDATTICA a.s. 2015-16 Progetto Descrizione Destinatari Valorizzazione della matematica Coinvolge tutto L Istituto; in particolare vede coinvolte le classi V^ della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d'esame

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d'esame ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SERMIDE Via Zambelli, 2 46028 Sermide (Mn) Tel. 0386/61101 Fax. 0386/960476 e-mail istitutocompsermide@virgilio.it Reg. cert. Il Dirigente scolastico e il Presidente della

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Ore 8.00-16.00 dal lunedì al venerdì PRESENTAZIONE

Ore 8.00-16.00 dal lunedì al venerdì PRESENTAZIONE Scuola dell infanzia borgoamico borgo San Giacomo Via Roncisvalle 17 60027 OSIMO (AN) TEL. 071/7231551 Ore 8.00-16.00 dal lunedì al venerdì PRESENTAZIONE Il bambino è fatto di cento Il bambino ha cento

Dettagli

Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Prot. 3235/C14 del 24.10.2011 PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO INTEGRARE ATTIVANDO PERCORSI INTERCULTURALI E VALORIZZARE DIVERSITA ATTRAVERSO PERCORSI EDUCATIVI DATI STATISTICI Totale alunni:

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

Finalità del percorso scolastico

Finalità del percorso scolastico Finalità del percorso scolastico Mettere ciascuno in condizione di raggiungere la piena realizzazione di sé, di acquisire la cultura e i valori necessari per vivere da cittadini responsabili; nessuno deve

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli