Progetti della Ricerca Raccolta dei poster scientifici. Giugno Centro di Didattica dell italiano e delle lingue nella scuola DILS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetti della Ricerca Raccolta dei poster scientifici. Giugno 2015. Centro di Didattica dell italiano e delle lingue nella scuola DILS"

Transcript

1 Progetti della Ricerca Raccolta dei poster scientifici Giugno 2015 Centro di Didattica dell italiano e delle lingue nella scuola DILS

2 TIscrivo2.0 Scrivere a scuola nel terzo millennio Simone Fornara, Luca Cignetti, Silvia Demartini e Sara Giulivi La ricerca, sovvenzionata dal Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica per il triennio (progetto FNS _ Scrivere a scuola nel terzo millennio. della varietà e del vocabolario dell italiano scritto in contesto scolastico ticinese e implicazioni didattiche), completa e approfondisce il lavoro iniziato con il progetto DoRe TIscrivo (FNS DoRe 13DPD3_ La scrittura oggi, tra parlato e lingua mediata dalla rete. Aspetti teoricodescrittivi, diagnosi e interventi didattici). Per questo motivo, si basa sullo stesso corpus di circa 2000 testi di allievi di scuola elementare e media del Canton Ticino raccolto nel triennio Partner Ufficio dell Insegnamento Medio del Canton Ticino Ufficio delle Scuole Comunali del Canton Ticino L obiettivo scientifico generale è di affinare la descrizione linguistica del corpus DFA-TIscrivo per poterne offrire un quadro il più possibile completo e approfondito, base fondamentale anche per le ricadute sul piano della didattica della scrittura. L obiettivo di fondo verrà raggiunto attraverso la concretizzazione di tre obiettivi specifici: 1. prosecuzione e allestimento definitivo del vocabolario (LISSICS), per realizzare una descrizione lessicale dettagliata in termini quantitativi e qualitativi, interrogabile attraverso più entrate diverse, con conseguente pubblicazione in volume dell intero vocabolario; 2. approfondimento dei piani di analisi su due principali livelli (semantico-lessicale e sintattico-testuale); 3. produzione di una serie di strumenti (libri a diffusione internazionale e pubblicazioni a diffusione cantonale) costruiti sull analisi testuale e linguistica di testi esemplari tratti dal corpus DFA-TIscrivo. Si indicheranno quali attività didattiche concrete si possono agganciare alle caratteristiche dei testi stessi, al duplice scopo di prevenire l insorgenza delle difficoltà tipiche e di porre rimedio a esse una volta che sono manifeste. Questo tipo di lavoro trova piena realizzazione con il coinvolgimento di docenti di SE e di SM operanti sul territorio del Canton Ticino, nel contesto di corsi di aggiornamento o di progetti a metà tra aggiornamento e ricerca, legati anche all implementazione del nuovo piano di studi della scuola dell obbligo. L esigenza di indagare più a fondo la composizione scritta dei giovani ticinesi, con lo scopo finale di fornire indicazioni concrete per migliorare la didattica della scrittura e, di conseguenza, le competenze linguistiche di base, nasce dalla volontà di andare oltre le considerazioni comuni che si originano a partire da una prima lettura dei dati statistici di indagini come quelle OCSE PISA sulla capacità di comprensione del testo scritto delle giovani generazioni. Questi dati, infatti, se da un lato indicano che la Svizzera è molto ben posizionata nel quadro internazionale, dall altro mostrano che il Canton Ticino è in netto ritardo rispetto ai cantoni tedescofoni e francofoni. Ciò impone dunque di approfondire l indagine, e in questo senso il poter disporre di un corpus testuale ampio e ben rappresentativo delle capacità di scrittura degli allievi della scuola dell obbligo ticinese, dunque contestualizzato e attuale, appare come un occasione imperdibile, che per di più si combina con l imminente implementazione del nuovo piano di studio della scuola dell obbligo elaborato nell ambito della riforma HarmoS. L esito finale della ricerca permetterà infatti di raggiungere due obiettivi: uno di carattere prevalentemente teorico-scientifico, l altro più legato alla pratica didattica. Il primo consisterà nella descrizione della varietà dell italiano scritto in contesto scolastico ticinese, anche con la predisposizione di uno strumento il vocabolario del corpus che si porrà come un punto di riferimento per ogni indagine futura (analogamente a quanto avvenuto per il LIPSI il Lessico dell Italiano Parlato nella Svizzera Italiana); il secondo consentirà di ancorare gli strumenti didattici rivolti ai docenti della scuola dell obbligo ticinese al quadro linguistico attuale, evitando così il sempre troppo diffuso scollamento tra teoria e pratica, che spesso rende difficile il dialogo tra le due prospettive (scientifica e didattica). Nella tabella, qualche dato generale sul corpus DFA-TIscrivo e sulla composizione del suo vocabolario. Ordine scolastico SE SM Numero istituti Numero classi 48 (24 di III, 24 di IV) 51 (25 di II, 26 di IV) Numero testi Totale testi 1735 Numero parole grafiche Totale parole grafiche Numero lemmi Totale lemmi Fasi di lavoro Attualmente, la ricerca è giunta alla metà del primo anno di lavoro. Nel suo complesso, il progetto si articola in alcune fasi principali che è possibile sintetizzare con riferimento alle singole annualità. Anno I Completamento lemmatizzazione corpus DFA-TIscrivo (corpus SM). Approfondimento analisi tematica (catalogazione titoli e insegnamenti morali inseriti dagli allievi nei loro testi). Completamento dell analisi sintattico-testuale (individuazione tipi di testualità e strategie compositive seguite dagli allievi). Corsi di aggiornamento SE/SM ed elaborazione di strumenti didattici. Anno II Perfezionamento della lemmatizzazione dell intero corpus SE/SM. Completamento dell individuazione e conseguente esame di alcune espressioni figurate e di alcuni lessemi complessi. Approfondimento dell indagine dell uso dei connettivi. Corsi di aggiornamento SE/SM e stesura manuali di riferimento (analisi di testi + indicazioni didattiche). Anno III Allestimento del LISSICS e sua successiva pubblicazione. Individuazione delle più diffuse criticità lessicali nei diversi anni scolastici (con riferimento al LISSICS). Indagine della coerenza e della coesione. Corsi di aggiornamento SE/SM e divulgazione e pubblicazione di strumenti didattici e manuali di riferimento. Per restare sempre aggiornati Cignetti, L., & Demartini, S. (2016). L ortografia. Roma: Carocci (in preparazione). Cignetti, L., & Fornara, S. (2014). Il piacere di scrivere. Guida all italiano del terzo millennio. Roma: Carocci. Cignetti, L., & Fornara, S. (2016). Il testo di sintesi. Roma: Carocci (in preparazione). Demartini, S., & Fornara, S. (2013) (a cura di). La punteggiatura dei bambini. Uso, apprendimento e didattica. Roma: Carocci. Fornara, S., Cignetti, L., Demartini, S., Guaita, M. & Moretti, A. (2015). Costruzione del testo e punteggiatura tra norma, uso e didattica negli elaborati del corpus TIscrivo. Bulletin Suisse de Linguistique Appliquée [Atti del Convegno 2014 dell Associazione Svizzera di Linguistica Applicata (Vals-Asla), Università della Svizzera italiana, Lugano, febbraio 2014]. Fornara, S., Cignetti, L. & Demartini, S. (2015b). Il lessico di TIscrivo. Caratterizzazione del vocabolario e osservazioni in prospettiva didattica [Atti del Workshop SLI-Giscel svoltosi durante il XLVII Congresso Internazionale SLI 2013 Sviluppo della competenza lessicale. Acquisizione, apprendimento, insegnamento, Salerno, 27 settembre 2013]. Simone Fornara Luca Cignetti Silvia Demartini Sara Giulivi

3 ScriBA Promuovere le competenze di scrittura degli studenti in formazione Bachelor presso il DFA-SUPSI Luca Cignetti, Silvia Demartini e Sara Giulivi Prendendo le mosse da una generale situazione di allarme circa le competenze di redazione del testo scritto degli studenti universitari, confermata da numerose ricerche nazionali e internazionali, il progetto si propone di individuare e classificare le diverse occasioni di scrittura degli studenti bachelor del DFA, di analizzare le caratteristiche linguistiche e stilistiche delle tesi di bachelor e di individuare le principali criticità di carattere ortografico, grammaticale e testuale presenti nei testi raccolti. Il tema della qualità e della correttezza degli elaborati scritti degli studenti appare di prioritaria importanza in un percorso di formazione di abilitazione all insegnamento nella scuola primaria, in quanto il futuro docente avrà tra i propri compiti anche l accompagnamento degli allievi nell entrata nel codice scritto e nella didattica della letto-scrittura. I risultati della ricerca, integrandosi con quelli di altri progetti di analisi del testo scritto in contesto didattico attivi e conclusi presso il Centro di competenza DILS del DFA, consentiranno inoltre di fornire una rappresentazione pressoché completa delle varietà di scrittura scolastica del Canton Ticino. Identificazione di tutte le occasioni di scrittura degli studenti di bachelor del DFA e dei tipi e generi testuali di riferimento. Definizione di un quadro rappresentativo delle caratteristiche linguistiche e stilistiche delle tesi di bachelor degli studenti del DFA. Identificazione delle criticità e degli errori più ricorrenti nelle tesi di bachelor degli studenti del DFA. Contribuire alla descrizione delle varietà di lingua scritta in contesto universitario nella Svizzera italiana. Realizzazione di uno strumento di consultazione per migliorare la qualità linguistica e formale di tutti gli elaborati scritti e in particolare delle tesi di bachelor degli studenti del DFA. Durante la formazione presso il DFA agli studenti è richiesta la redazione di numerosi documenti in forma scritta: si tratta testi di diverso tipo, come verifiche formative e sommative, piani di lezione, bilanci delle pratiche professionali dei diversi anni e naturalmente tesi di bachelor. Simili documenti appartengono a tipologie diverse per forma e per finalità e sono valutati secondo criteri difformi, in cui gli aspetti legati alla correttezza linguistica non assumono sempre lo stesso peso. Una prima parte della ricerca prevede di identificare e classificare in base alle loro caratteristiche linguistiche tutti i testi scritti nel corso della formazione bachelor dagli studenti del DFA. Una seconda parte della ricerca riguarda l indagine approfondita delle caratteristiche linguistiche e formali delle tesi di bachelor e presenta ragioni di interesse di carattere sia teorico sia applicativo. Tutti le tesi di bachelor saranno raccolte e una loro selezione sarà analizzata ricorrendo a software di analisi testuale già in uso presso il Centro di competenza DILS, tra cui TreeTagger e T-Lab. L analisi si concentrerà sui diversi livelli linguistici, vale a dire l ortografia, il lessico, la sintassi, l interpunzione, la semantica, la testualità, e non avrà solo un fine descrittivo ma servirà per far emergere le criticità più ricorrenti nella scrittura degli studenti. I risultati di questa seconda parte della ricerca, integrandosi con quelli di altri progetti di analisi del testo scritto in contesto didattico attivi presso il DILS, come il progetto Come scrivono i bambini a scuola e il progetto del Fondo Nazionale Svizzero La scrittura oggi, tra parlato e lingua mediata dalla rete. Aspetti teoricodescrittivi, diagnosi e interventi didattici, consentiranno di avere una rappresentazione pressoché completa delle varietà di scrittura scolastica del Canton Ticino. Partendo dai risultati dell analisi delle difficoltà ortografiche e grammaticali degli studenti, sarà infine possibile realizzare un manuale da impiegare come strumento di consultazione, utile per migliorare la qualità linguistica e formale di tutti gli elaborati scritti e in particolare delle tesi di bachelor degli studenti del DFA. Fasi di lavoro Il progetto ScriBA ha la durata di due anni e prevede le seguenti fasi di lavoro: Anno I Identificazione e catalogazione di tutte le occasioni di scrittura degli studenti del DFA nel corso della formazione bachelor, tramite questionario. Raccolta di tutte le tesi di bachelor del DFA e trasferimento di un campione di testi su piattaforme di analisi informatica (T-Lab, TreeTagger). Prima analisi dei dati e prima identificazione delle criticità ai diversi livelli dell analisi linguistica (lessicale, ortografica, morfologica, sintattica, interpuntiva, testuale). Anno II Perfezionamento delle analisi dei dati e dell identificazione delle criticità ai diversi livelli dell analisi linguistica (lessicale, ortografica, morfologica, sintattica, interpuntiva, testuale). Divulgazione dei risultati (convegni, pubblicazioni). Redazione di un manuale con indicazioni ortografiche e grammaticali per la redazione del testo scritto. Integrazione dei risultati nei corsi di bachelor del DFA ed eventualmente in corsi di formazione continua. Cignetti, L. & Demartini, S. (in preparazione). L ortografia. Roma: Carocci. Cignetti, L. & Fornara, S. (2014). Il piacere di scrivere. Guida all italiano del terzo millennio. Roma: Carocci. Cignetti, L. & Fornara, S. (in preparazione). Il testo di sintesi. Roma: Carocci. Demartini, S. (2010). Assaggi di scrittura giovanile. Criticità linguistiche fra tradizione e innovazione in esercitazioni di studenti. In Corno, D., La tastiera e il calamaio. Come si scrive all Università, studi e ricerche, pp Vercelli: Aracne. Fiorentino, G. (a c. di) (2009). Perché la grammatica? La didattica dell italiano tra scuola e università. Roma: Carocci. Serianni, L. (2013), Leggere, scrivere, argomentare. Roma-Bari: Laterza. Serianni, L. & Benedetti, G. (2009). Scritti sui banchi. L italiano a scuola tra alunni e insegnanti. Roma: Carocci. Stefinlongo, A. (2002). I giovani e la scrittura. Attitudini, bisogni, competenze di scrittura delle nuove generazioni. Roma: Aracne. Luca Cignetti Silvia Demartini Sara Giulivi

4 MICS Ticino Scenari curriculari plurilingui per la valorizzazione di tutte le lingue nelle diverse tappe della formazione Daniela Kappler e Gé Stoks Il progetto MICS Ticino è un progetto di ricerca sull approccio plurilingue nell insegnamento delle lingue al DFA e nelle scuole medie ed è legato a progetti MICS di altre 4 ASP svizzere. Il progetto, in fase di attuazione , si ispira ai principi espressi dalla Divisione della Politica Linguistica della Consiglio d Europa, dalla CDPE e da organi cantonali. Il progetto intende rilevare percorsi didattici all interno del e delle scuole medie in Ticino per quanto concerne la valorizzazione delle lingue, l approccio plurilingue nell insegnamento e la didattica integrata, con l obiettivo di diffondere buone pratiche. Il progetto si sviluppa su diversi fronti, da una parte attraverso l analisi di varie influenze che portano all approccio plurilingue nell insegnamento (ad es. percorsi personali, percorsi formativi come il corso di didattica) su docenti attivi nelle scuole medie ticinesi, utilizzando un questionario online. Dall altro, attraverso la condivisione di approcci e metodologie all interno delle didattiche disciplinari delle lingue del DFA, usando interviste e osservazioni in classe e dei materiali. A questo si aggiunge la raccolta e l analisi di lavori di diploma di studenti in formazione o di lavori di certificazione risultanti da CAS relativi al tema del progetto. I percorsi didattici rilevati verranno poi descritti e presentati in una forma da concordare con i partner del progetto MICS Svizzera (brochures, materiali multimediali). Attualmente si è in piena fase di sviluppo del progetto e non sono presenti risultati da pubblicare. Attualmente si è in piena fase di sviluppo del progetto e non sono presenti discussioni o conclusioni da pubblicare. Quadro di riferimento per le lingue, (2001), Beacco, J.C. et al. (2010), Guida per lo sviluppo di scenari curriculari per l educazione plurilingue ed interculturale. Consiglio d Europa, Divisione delle Politiche linguistiche, Strasburgo. Stoks, G. et al. (2004), Verso un approccio plurilingue nella scuola media in Ticino. Bellinzona: DECS. Daniela Kappler Tel Gé Stoks Tel

5 Impariamo l italmatica con Bea e Leo Progetto di ricerca e formazione continua Silvia Demartini, Simone Fornara e Silvia Sbaragli Il progetto prevede la progettazione e la sperimentazione in sezioni e classi (I ciclo scuola dell obbligo) di percorsi didattici combinati di italiano e matematica. Le attività proposte sono precedute da momenti di riflessione sulla lingua, sui testi e sulle parole (ad esempio su sinonimi, antonimi, iperonimi, nomi collettivi e termini specifici della matematica), e attività di riflessione su aspetti geometrici innestati su sfondi linguistico-narrativi accattivanti e stimolanti (ad esempio filastrocche e narrazioni che hanno come personaggi le figure dello spazio e del piano). Partners I e II Circondario Ufficio delle Scuole Comunali del Canton Ticino L obiettivo è di superare la separazione tra due ambiti del sapere che la didattica tradizionale propone come nettamente distinti: l italiano e la matematica. L intento è di individuare, senza forzature, numerosi e proficui punti di contatto tra le due discipline. In questa prospettiva, il progetto, a partire da solide riflessioni teoriche su entrambe le discipline, vuole porre le basi per la sperimentazione di pratiche didattiche innovative alla SI e alla SE, così che i bambini sin da molto presto si abituino a muoversi concependole come un unico ambito. La proposta si colloca a metà tra ricerca e formazione continua, nella convinzione che la collaborazione tra ricercatori (dimensione teorica e teorico-didattica) e docenti (dimensione pratico-didattica) sia una delle possibilità più fruttuose per migliorare e rinnovare le pratiche d insegnamento. Lo sfondo narrativo e motivazionale alla base del progetto è la storia di Bea e Leo, due bambini che rappresentano due difficoltà particolarmente diffuse tra gli allievi (e non solo). Bea conosce bene l italiano e i significati delle parole, ma trova difficile metterli in relazione con la matematica; Leo, invece, è bravo con la matematica, ma a volte non sa risolvere i problemi perché non conosce il significato di alcune parole e fa fatica a comprendere i testi delle consegne. Se i due decidono di aiutarsi, ecco che, allora, nasce l italmatica, disciplina che entra in classe nel momento in cui italiano e matematica, insegnamenti centrali nel curricolo della scuola dell obbligo ticinese (e non solo), provano a procedere combinandosi tra loro. I molti punti di contatto permettono sia di valorizzare il ruolo degli aspetti linguistici in ambito matematico, sia di favorire il riconoscimento di contenuti matematici nel mondo reale e in quello fantastico. Il progetto si articola in tre anni, nei quali l attenzione è dedicata in proporzioni diverse, ma sempre complementari, agli aspetti di ricerca e di didattica. 1. Il primo anno ( ) è stato dedicato a una prima indagine esplorativa, condotta su tre livelli: analisi della letteratura, raccolta dati, sperimentazione didattica legata in particolare ai lavori di diploma della Formazione Bachelor. 2. Il secondo anno ( ) ha visto entrare nel vivo le attività didattiche, grazie al coinvolgimento nella formazione continua dei docenti SI ed SE (primo ciclo), e alla sperimentazione in classe di itinerari combinati geometria-italiano. 3. Il terzo anno ( ) sarà più specificamente dedicato alla conclusione dei lavori, e, in particolare, alla produzione di materiali scientifici e didattici, alla divulgazione dei risultati e alla valorizzazione degli obiettivi conseguiti. In riferimento alla fase 1 e, soprattutto, alla fase 2 del progetto (ora in corso), è possibile affermare che i percorsi didattici sperimentati dai docenti di SI e di SE durante l anno scolastico mostrano esiti rilevanti a più livelli, tanto per l italiano, quanto per la matematica, ma soprattutto per l italmatica. Sulla base delle indicazioni proposte durante gli incontri di formazione, i docenti hanno individuato uno o più stimoli di partenza da sviluppare con gli allievi. L attenzione si è focalizzata specificamente sull ideazione di attività che combinano geometria e lingua italiana. In particolare, ci si è concentrati sulla possibilità di avviare o di approfondire la riflessione su alcuni aspetti geometrici attraverso attività linguistiche e sfondi narrativi stimolanti; questi, a loro volta, possono trovare nei contenuti e negli strumenti della geometria materiale utile per lavorare in modo nuovo sullo sviluppo delle competenze linguistiche. Descrizioni, filastrocche e narrazioni ben costruite si accompagnano e si sviluppano insieme a percorsi, origami, e addirittura mondi e pianeti geometrici costruiti dai bambini, che giocano in essi liberamente. La tradizionale distinzione didattica tra discipline scientifiche e discipline umanistiche è saldamente radicata nella prassi d insegnamento, dalla scuola dell obbligo sino alla formazione accademica. A ciò consegue il graduale ma crescente rafforzarsi, nella percezione di ognuno, dell impossibilità (quando non dell inutilità) della comunicazione fra i due ambiti. I bambini, guidati da docenti abili e desiderosi di sperimentare, hanno la capacità innata di ristabilire in modo naturale l unitarietà di fondo del sapere. La conoscenza, infatti, ha caratteristiche globali, che si potenziano e si agevolano proprio attraverso il dialogo fra le sue componenti. Senza dimenticare che non c è pensiero matematico che si costruisca a prescindere dal linguaggio e non c è linguaggio che possa esprimersi senza logica. I percorsi didattici svolti dai docenti nelle scuole del I e del II circondario confermano l opportunità di pratiche d insegnamento trasversali, nella prospettiva di incuriosire e di appassionare i bambini a entrambe le discipline, evitando la formazione dei più ricorrenti pregiudizi verso l una o verso l altra. L appuntamento conclusivo di questo secondo anno di attività è il convegno Questo matrimonio s ha da fare. Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio (Locarno, 25 ), che prevede l intervento di esperti accademici di didattica della matematica e di didattica dell italiano, una rappresentazione di teatro matematico di bambini di SI e SE e l allestimento di una mostra didattica presso i locali del DFA. Questa ha l obiettivo di testimoniare dal vivo che cos è accaduto nell ambito dei diversi itinerari italmatici svolti nelle sezioni e nelle classi dei molti docenti che hanno partecipato alla formazione continua legata al progetto A sinistra: bambini di SI giocano nel pianeta dei solidi. A destra: locandina del convegno Locarno. Demartini, S. & Sbaragli, S. (in corso di stampa). Geometria e narrazione alla scuola dell infanzia: un binomio fantastico. In: D Amore, B. & Sbaragli, S. (2015). La didattica della matematica, disciplina per l apprendimento. Bologna: Pitagora. Fornara, S. & Sbaragli, S. (2013) Italmatica. Riflessioni per un insegnamento/apprendimento combinato di italiano e matematica. In: D Amore B. & Sbaragli S. (a cura di). La didattica della matematica come chiave di lettura delle situazioni d aula. Bologna: Pitagora. Fornara, S. & Sbaragli, S. (in corso di stampa). Italmatica. L importanza del dizionario nella risoluzione di problemi matematici. Atti del convegno Giscel, Roma, marzo Fornara, S. & Sbaragli, S. (in corso di stampa). Che problema, queste parole! L uso del dizionario per risolvere problemi di matematica. Vita Scolastica. Giunti Scuola. Silvia Demartini Simone Fornara Silvia Sbaragli

6 Profili di sviluppo nell apprendimento di una L2 Gé Stoks e Daniela Kappler Nel progetto il DFA ha lavorato con il Centro Scientifico per il Plurilinguismo di Friborgo per identificare dei parametri di progressione nell apprendimento del francese lingua straniera in allievi di scuola elementare. Il progetto è supervisionato dall Alta Scuola Pedagogica di San Gallo. Nel progetto si è cercato di individuare le caratteristiche delle progressioni linguistico comunicative nello sviluppo di competenze nella lingua straniera. A questo scopo sono stati sviluppati degli strumenti di rilevamento delle competenze, prima in via cartacea, poi con power point e infine con una sperimentazione digitale, con l obiettivo di creare una piattaforma di testing e valutazione online. Per quanto concerne l aspetto linguistico, in particolare l oralità, e le strategie di apprendimento, dopo l analisi degli obiettivi e dei contenuti sia dei piani di studio (attuali/nuovi) sia dei libri di testo per l insegnamento delle lingue straniere, sono stati creati dei compiti ad hoc per il rilevamento delle competenze. Dopo sperimentazioni in diverse classi, si sono approfonditi l aspetto della langue de classe e - in particolar modo in Ticino - delle pratiche di valutazione e restituzione di un gruppo docente, in modo tale da calibrare ancora meglio lo strumento diagnostico delle progressioni, i relativi compiti e la forma del feedback che da esso scaturisce. Nello specifico ci siamo concentrati sull apprendimento delle straniere nella scuola elementare, francese in Ticino e francese/inglese negli altri cantoni e abbiamo analizzato progressioni nelle competenze orali e nell uso di strategie d apprendimento. Partendo dall approccio metodologico di Berkeley (BEAR Assessment System), sviluppato per valutare le progressioni nelle materie scientifiche, abbiamo elaborato degli strumenti per misurare le progressioni nelle lingue straniere, utilizzando poi diversi dispositivi informatici di testing. Il DFA ha lavorato con alcuni insegnanti di francese nelle scuole elementare in Ticino. Dopo l analisi dei dati, si è riscontrato che un buon numero di strumenti per il rilevamento delle strategie sono idonei. Visti i risultati psicometricamente validi della sperimentazione sulle strategie, il repertorio di compiti è stato ampliato, trasportato su dispositivi informatizzati e testato nelle scuole elementari dei cantoni Passepartout e nella svizzera nordorientale (in particolare nel Canton San Gallo) e nel Vallese. Per quanto riguarda la produzione orale, dopo i risultati del testing effettuato nel secondo semestre del 2013, si è ripartiti cercando di analizzare in modo dettagliato più aspetti linguistici e valutativi possibili -lessico e micro strutture e le sue variabili relative alla langue de classe tramite un questionario per i docenti per monitorarne la progressione. Si cerca infatti poter offrire agli allievi, all interno dei compiti, delle occasioni efficaci di uso della lingua sia in relazione alla langue de classe (ancora poco indagata) sia al libro di testo (Mille Feuilles, Alex et Zoé). La dotazione informatica limitata- delle scuole elementari in Ticino, ha determinato un cambiamento del progetto iniziale: i docenti ticinesi coinvolti, hanno partecipato al questionario sulla langue de classe e ad un intervista sulla pratica valutativa. I risultati dei due survey contribuiscono da una parte alla costruzione di compiti specifici per la langue de classe e dall altra nell elaborazione di un sistema di valutazione e restituzione delle perfomances degli allievi ai docenti: ossia quali aspetti e quali dati sono pertinenti e utili che lo strumento dia ai docenti e a gli allievi e sotto che forma. La ricerca è conclusa e ci si interroga sulle possibili ricadute nella formazione dei docenti e sulla possibilità di svolgere in futuro una sperimentazione concreta con piattaforme digitali. Piani di studio regionali, settore lingue: Plan d Etudes Romand, Lehrplan Passepartout, Lehrplan 21, Bozza del Piano di Studio ticinese. Alderson J.C. (2005), Diagnosing Foreing Language Proficiency. The interface between Learning and Assessment, Continuum. Hill K. (2009), Classroom-based Assessment and the Issue of Continuity between primary and secondary school language programs, In Babel 45/1, Hughes G, Moate J. (2007), Practical Classroom English, Oxford University Press. Kull A., Roderer T. (2014), Sprachlernstrategien in der Primarschule. In Babylonia 2014/1, McKay P. (2006), Assessing Young Language Learners, Cambridge University Press. Wilson M. (2004), Constructing Measures: An Item Response Modeling Approach, Rasch Measurement Transactions. Daniela Kappler Tel Gé Stoks Tel

7 La didattica del testo nella Scuola elementare Progetto di ricerca e formazione continua Simone Fornara, Luca Cignetti e Ivano Crotta Il progetto di ricerca nasce dalla collaborazione tra l Ufficio delle Scuole Comunali (USC) del Canton Ticino e il DFA della SUPSI e si colloca nel contesto di una collaborazione tra le due istituzioni già sperimentata in passato e ancora in corso in altri progetti di didattica dell italiano. Il progetto è collegato alle ricerche del FNS TIscrivo e TIscrivo2.0: esso costituisce infatti un loro approfondimento in chiave di formazione continua. Il corpus di testi raccolti nell ambito del progetto TIscrivo è la base sulla quale si innestano le proposte operative ideate grazie alla collaborazione dei docenti coinvolti. Partner VI Circondario Ufficio delle Scuole Comunali del Canton Ticino 1. Identificazione dei temi fondamentali e delle relative centralità per la didattica della scrittura in lingua italiana nella scuola elementare del Canton Ticino. 2. Ricognizione sulle attività didattiche in uso nelle scuole del circondario (ed eventualmente del Cantone) al fine di valutarne l efficacia in relazione allo sviluppo dei temi fondamentali identificati al punto precedente. 3. Categorizzazione e progettazione di itinerari didattici mirati allo sviluppo delle competenze necessarie relative alle centralità individuate. 4. Ridefinizione degli strumenti di valutazione adeguati alle reali capacità degli studenti, ai tratti dell italiano contemporaneo e coerenti con le indicazioni provenienti dal nuovo piano di studio della scuola dell obbligo e da altre ricerche sul tema della valutazione attive sul territorio su mandato istituzionale. Il progetto, giunto alla sua fase conclusiva, ha previsto sei fasi principali, distribuite sull arco di tre anni accademici di lavoro (2012/ / /15). 1. Analisi di testi scritti da allievi di SE del Canton Ticino e individuazione di alcuni temi linguisticogrammaticali fondamentali. 2. Raccolta dati: ricognizione delle pratiche didattiche in uso nelle classi di scuola elementare del VI Circondario riguardo ai temi individuati. 3. Categorizzazione e revisione delle attività didattiche. 4. Progettazione di nuove attività didattiche. 5. Individuazione di testi reali esemplari per orientare i processi di valutazione dei docenti. 6. Realizzazione di linee guida contenenti i risultati dell intero percorso. In prossimità della conclusione del progetto è possibile affermare che gli obiettivi previsti sono stati in gran parte raggiunti. In particolare, sono stati portati a compimento gli obiettivi 1 e 2, mentre sono attualmente in fase di completamento i restanti due obiettivi. In definitiva, il documento con le linee-guida indicato al punto 6 della si sta configurando come il risultato più rilevante del progetto, che collega e sintetizza tutti gli obiettivi previsti. Si tratta, infatti, di uno strumento che, a partire dall analisi linguistico-testuale di produzioni scritte reali di bambini di Scuola elementare, fornisce ai docenti suggerimenti su come valutare i testi dei loro allievi e su come intervenire su di essi, attraverso pratiche di correzione e revisione testuale il più possibile calibrate sui bisogni del singolo. Attualmente, il documento è in fase di consultazione e di messa alla prova da parte dei quaranta docenti iscritti al corso di Formazione Continua Dal piacere di leggere al piacere di scrivere. Programmare un anno di italiano a partire dai libri, lavorando sulla correzione e sulla revisione del testo scritto. Sotto, una pagina tratta dalla bozza del documento conclusivo del progetto, che presenta un testo di un bambino con la relativa analisi linguistico-testuale.! Codice identificativo Corpus DFA-TIscrivo GR5107 Classe 5a Consegna di scrittura Dopo aver letto e analizzato in classe la favola di Esopo [la scrittura è stata preceduta dalla lettura della favola La lepre e la tartaruga e da una relativa discussione], ti è stato chiesto di pensare a un episodio che hai vissuto o cui hai assistito dal quale hai ricavato un insegnamento. Raccontalo ora in forma scritta (minimo una pagina, massimo due pagine) e spiega che cosa ti ha insegnato. Valutazione generale LIVELLO DI BASE (4) La partita pareggiata Un sabato dovevamo giocare contro il Solduno. Iniziata la partita pensavamo di perderla perché avevamo perso tutte le altre partite. Giocavamo in casa dopo un paio di minuti ci avevano segnato un goal. Così via fino a cinque goal alla fine del primo tempo, il nostro allenatore ci aveva detto che potevamo ancora vincere. All inizio del secondo tempo, dopo cinque minuti eravamo riusciti a fare un goal. Alla fine della partita eravamo riusciti a segnare cinque goal, quindi eravamo riusciti a pareggiare la partita anche se stavamo perdendo cinque a zero. La morale di questo testo insegna a non arrendersi anche se stai perdendo di tanti punti o goal di differenza dall altra squadra. Il testo. In questo testo un bambino riassume una partita di calcio che ha giocato con alcuni amici, descrivendone dettagliatamente le fasi cruciali e traendo da questa esperienza un insegnamento morale. Benché non sia presente nessun errore di ortografia, né errori davvero gravi di sintassi (a parte in un paio di casi), il testo appare poco strutturato e le informazioni sembrano dare seguito più alle emozioni che via via riaffiorano nel bambino piuttosto che apparire come il risultato di una razionale e precisa narrazione della vicenda. Penalizza inoltre la qualità del testo la povertà lessicale, come dimostrano le numerose ripetizioni e insistenze su termini del gioco del calcio (in poco più di 100 parole, viene usato 4 volte partita, 5 volte goal). A livello morfo-sintattico, non sembra invece ancora solida la capacità di gestione della frase complessa a causa di un impreciso uso dei pronomi, l assenza di congiunzioni per unire le proposizioni («Giocavamo in casa dopo un paio di minuti ci avevano segnato un goal»), un impiego di costruzioni marcate non giustificato dal contesto e di evidente matrice orale («Iniziata la partita pensavamo di perderla perché avevamo perso tutte le altre partite») e salti improvvisi da verbi in forma impersonale a verbi in seconda persona (fenomeno anche questo tipico del parlato) che ricadono negativamente sulla coesione del testo («La morale di questo testo insegna a non arrendersi anche se stai perdendo», invece di «se si sta perdendo»). Sono! 34 Ogni docente sa bene che correggere, rivedere e valutare i testi scritti dagli allievi sono alcuni dei nodi cruciali nell insegnamento dell italiano di ogni tempo, ma contemporaneamente sa bene che sono anche tre degli scogli più difficili da superare: i livelli da tenere sotto controllo sono molteplici; gli allievi non hanno voglia; ai docenti sembra di perdere tempo, perché i risultati non sono sempre gratificanti. Tuttavia, qualcosa si può fare, e il progetto ha cercato di dimostrare che il punto di partenza è una rigorosa, seria e aggiornata analisi di ciò che avviene in classe dal punto di vista della composizione scritta, a partire dalla fase di preparazione alla scrittura e fino alla restituzione del testo rivisto e corretto all allievo. Analisi che non può prescindere da una conoscenza approfondita del quadro linguistico dell italiano di oggi. Alla luce di queste considerazioni e in coerenza con le finalità del nuovo piano di studi, il progetto sta portando alla realizzazione di uno strumento di riferimento (il documento linee-guida) che possa orientare l operato dei docenti in tutte le fasi che vengono toccate nel momento in cui si decide di far scrivere un testo in classe, con particolare attenzione alla fase più importante dell intero processo, cioè la revisione, che fino a oggi risulta anche, paradossalmente, la più trascurata a livello didattico. In particolare, la sperimentazione dell ultimo anno costituisce un esempio ben riuscito di come sia necessario ampliare la visione della didattica della scrittura, per non ridurla a un atto isolato in vista di un prodotto finale (il testo). Al contrario, è necessario contestualizzare la richiesta di produrre scrittura in un progetto didatticopedagogico di più ampio respiro, all interno del quale l atto dello scrivere sia solo uno dei tanti momenti da attraversare. In questo senso si sono mossi i docenti coinvolti negli ultimi mesi del percorso: hanno impostato la programmazione di italiano nelle loro classi partendo dalla lettura di libri d autore e dalla discussione in classe (impostata secondo l approccio Dimmi elaborato dallo studioso inglese Aidan Chambers), per poi chiedere agli allievi stessi la composizione di testi, divenuti oggetto di riflessione e revisione continue, in vista della relizzazione di un progetto conclusivo (raccolta di racconti, libri o romanzo di classe, transcodificazione iconica o teatrale). L inserimento della scrittura in un contesto motivante di questo tipo, unitamente all accompagnamento fornito dai contenuti presenti nelle linee-guida, sta portando a un sensibile aumento dell attenzione degli allievi verso la propria scrittura. Cignetti, L., & Fornara, S. (2014). Il piacere di scrivere. Guida all italiano del terzo millennio. Roma: Carocci. Cignetti, L., Crotta, I. & Fornara, S. (in preparazione). La didattica del testo nella Scuola Elementare. Linee-guida. Locarno: DFA-SUPSI. Cignetti, L. (2013). Tre caratteristiche del che polivalente negli scritti degli apprendenti L1 della Svizzera italiana e prime indicazioni didattiche. In: F. Geymonat (a cura di), Linguistica applicata con stile. In traccia di B. Mortara Garavelli. Alessandria: Edizioni dell Orso, pp Cignetti, L. (in stampa). Tracce del parlato nello scritto degli apprendenti L1 del Canton Ticino: la costruzione relativa. In: Atti del XLVI Congresso internazionale di studi della Società Linguistica Italiana (Siena, settembre 2012). Demartini, S. (in stampa). Il ma nella scrittura degli apprendenti. Studi linguistici italiani, II, Demartini, S., & Fornara, S. (2013) (a cura di). La punteggiatura dei bambini. Uso, apprendimento e didattica. Roma: Carocci. Fornara, S., Cignetti, L., Demartini, S., Guaita, M. & Moretti, A. (in stampa). Costruzione del testo e punteggiatura tra norma, uso e didattica negli elaborati del corpus TIscrivo. Bulletin Suisse de Linguistique Appliquée [Atti del Convegno 2014 dell Associazione Svizzera di Linguistica Applicata (Vals-Asla), Università della Svizzera italiana, Lugano, febbraio 2014]. Simone Fornara Luca Cignetti Ivano Crotta

8

9 Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Curriculum minimo di italiano Un percorso per promuovere l italiano come L2 Francesca Antonini, Sabine Christopher e Barbara Somenzi Il progetto mira alla promozione e alla generalizzazione del Curriculum Minimo di Italiano (CMI), un originale applicazione didattica sviluppata da un lavoro del Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica all interno del PNR56. A partire dal CMI è stato realizzato Italiano subito, un corso intensivo di breve durata (28 ore su cinque giornate) per principianti assoluti che si pone come una delle rare iniziative di promozione dello studio della lingua italiana al di fuori dei confini cantonali. Il progetto ha perseguito i seguenti obiettivi: 1. revisione dei materiali didattici relativi al corso Italiano subito curando in particolare la coerenza con i principi pedagogico-didattici adottati a livello nazionale e sviluppando altresì la qualità dei materiali; 2. finalizzazione dei materiali per una diffusione generalizzata nella Svizzera tedesca nel settore secondario I. Il progetto si trova attualmente nella sua fase finale: i materiali sono stati completamente revisionati curandone in particolare la fruibilità per un uso autonomo da parte degli insegnanti. La proficua collaborazione tra il REC e il Laboratorio di cultura visiva del DACD della SUSPI ha permesso di finalizzare tutti i materiali con una veste grafica attrattiva e funzionale, distinguendo materiali per l insegnante (in particolare un navigatore con una presentazione in Powerpoint) e materiali per gli allievi (schede, giochi, poster). Altro materiale è scaricabile dal sito Italiano subito è ora disponibile nella forma definitiva, pronto per la stampa, è già stato richiesto da alcune scuole secondarie della Svizzera tedesca e verrà promosso prossimamente nelle Alte scuole pedagogiche (Zurigo e Berna). Un piano finanziario al quale partecipa la SUPSI e l Osservatorio linguistico della Svizzera italiana prevede il finanziamento per una prima stampa dei materiali in un centinaio di esemplari. Vista la natura prettamente applicativa del progetto, al momento si possono mettere in evidenza alcuni aspetti particolari circa la promozione dell italiano al di fuori dei confini linguistici e alcuni aspetti relativi alla didattica dell italiano come lingua seconda ricavati dalle riflessioni in fase di impostazione dei materiali e dalle sperimentazioni degli stessi compiute nella Svizzera tedesca. Per quanto riguarda la politica delle lingue, si ritiene che Italiano subito possa costituire uno strumento semplice ed efficace per avvicinare i giovani confederati all italiano andando in questo modo a rispondere a un esigenza di conoscenza reciproca ribadita ancora di recente attraverso il concordato HarmoS. Per ciò che attiene invece la didattica dell italiano, il corso si fonda su un approccio plurilingue e comunicativo che mira a valorizzare i repertori e le conoscenze linguistiche già presenti e su una concezione che vede lo studente come soggetto attivo nel processo della costruzione della conoscenza. Il carattere innovativo dei principi didattici e pedagogici su cui è fondato il corso, sommati all impostazione extracurricolare e intensiva (sotto forma di settimana speciale per un totale di circa 28 ore) costituiscono i punti di forza di questo corso che pone l accento sul piacere e il gusto per la lingua italiana, connotando positivamente il suo apprendimento. Francesca Antonini Tel Sabine Christopher Barbara Somenzi

10 Profili di competenze linguistiche professionali per insegnanti di L2 Gé Stoks, Daniela Kappler e Marie-Hélène Tramèr In questo progetto (a.a fino a.a ) abbiamo sviluppato due profili di competenze linguistiche specifiche per insegnanti di lingue seconde, uno per la scuola elementare e uno per la scuola media. Inoltre abbiamo elaborato degli scenari didattici per la formazione iniziale e continua di docenti di lingue seconde. I profili sono disponibili nelle tre lingue nazionali e per i due settori scolastici. I profili sono stati pubblicati sui siti delle Alte scuole pedagogiche nelle tre lingue nazionali, mentre gli scenari didattici previsti sono 6: ossia 2 per ogni lingua di riferimento per e insegnanti per settore. di lingue Profilo di competenze linguistiche specifiche seconde della scuola elementare Profilo di competenze linguistiche specifiche per insegnanti di lingue seconde della scuola elementare Il Profilo costituisce un documento di riferimento per la discussione a livello europeo (Consiglio d Europa) sui requisiti per il profilo professionale dei docenti di lingue. La COHEP ha accettato il presente materiale, sottolineando comunque il carattere non prescrittivo dello stesso. In conclusione i Profili e gli scenari forniscono delle descrizioni di competenze didattiche e linguistiche utili per la preparazione dei corsi in didattica delle lingue seconde così come dei suggerimenti concreti Siccome le esigenze linguistiche per le/gli insegnanti di lingue seconde fino ad ora non venivano determinate sulla base dei bisogni effettivi della pratica professionale, non si poteva garantire che le competenze effettivamente richieste per l insegnamento delle lingue seconde di oggi venissero offerte e valutate nella formazione linguistica. Pertanto sono stati creati questi profili per colmare questa lacuna. Lo scopo dello sviluppo degli scenari è di verificare come i profili, che descrivono le competenze sia linguistiche sia didattiche, possano essere applicati nella formazione iniziale e continua. Responsabili di progetto In collaborazione con Accompagnamento scientifico Sostegno finanziario e personale PH St. Gallen, Institut Fachdidaktik Sprachen Wilfrid Kuster (capoprogetto), Mirjam Egli Cuenat, Peter Klee, Thomas Roderer HEP Vaud Daniela Zappatore Université de Lausanne, Centre de langues Brigitte Forster Vosicki SUPSI DFA Locarno Gé Stoks, Daniela Kappler IFM, Universität e PH Freiburg Peter Lenz Conferenza svizzera delle rettrici e dei rettori delle alte scuole pedagogiche (COHEP) Ufficio Federale della Cultura (UFC) Sulla base di un analisi della letteratura scientifica e di altri progetti in quest ambito in Svizzera e all estero, diverse Alte scuole pedagogiche svizzere hanno stilato un profilo di competenze linguistiche necessarie alla professione, che non solo tiene conto della situazione attuale, ma anche degli sviluppi futuri (HarmoS). Da novembre 2012 al DFA, insieme alla HEP di Losanna, abbiamo effettuato una differenziazione del profilo per gradi scolastici (scuola elementare e scuola media). Abbiamo eseguito anche una validazione del profilo attraverso questionari e incontri con docenti ed esperti (2013). Oltre alla creazione di scenari didattici per la formazione, i profili sono stati paragonati con i profili dei certificati linguistici internazionali (Cambridge/Goethe, ecc). Un esempio di descrittore tratto dal Profilo: Nella lingua seconda, l insegnante è in grado di... Formulare istruzioni scritte in modo che gli allievi possano lavorare autonomamente. a dare consegne semplici per trovare parole conosciute in un testo + b dare istruzioni semplici per organizzare le diverse tappe di un atelier Piani di studio regionali, settore lingue: Plan d Etudes Romand, Lehrplan Passepartout, Lehrplan 21, Bozza del piano di studio ticinese Kelly, M., Grenfell, M. (2004). Europäisches Profil für die Aus- und Weiterbildung von Sprachlehrkräften: ein Referenzrahmen. Internet: >Language teaching and learning) Long, M. (2005). Needs Analysis in Second Language Learning. Cambridge: Cambridge University Press. Newby, D. et al. (2007). Europäisches Portfolio für Lehrpersonen in Ausbildung (PEPELF/EPOSA/EPOSTL). Internet: Passepartout (2009). Katalog von Kompetenzbeschreibungen für die Grundausbildung von Lehrpersonen, die an der obligatorischen Schule Fremdsprachen unterrichten. Internes Arbeitsdokument, Projekt Passepartout. Daniela Kappler Gé Stoks Marie-Hélène Tramèr-Rudolphe

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione

La scuola. che verrà. Idee per una riforma tra continuità e innovazione La scuola che verrà Idee per una riforma tra continuità e innovazione Indice Prefazione 3 Introduzione 4 1. Gestire l eterogeneità 10 Personalizzazione 13 Le forme didattiche 13 La griglia oraria 17 Le

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano Comune di Modena Settore Istruzione Il volume presenta i materiali che documentano tre diverse esperienze, realizzate nelle scuole se- condarie di I grado di Modena nell ambito di azioni e progetti per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T.

Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T. Università per Stranieri di Siena CENTRO F.A.S.T. (Formazione e Aggiornamento anche con Supporto Tecnologico) Via di Pantaneto, 45 - I-53100 Siena Tel. +39.0577.240245 Fax +39.0577.240239 e-mail: fast@unistrasi.it

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli