LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI"

Transcript

1 LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli, Presidente AEEE-Italia 1. LE RAGIONI DELLA PROPOSTA La recente abrogazione del liceo economico e di quello tecnologico restringe l ordinamento liceale italiano a sei licei: classico, scientifico, artistico, musicale e coreutico, linguistico, delle scienze umane, che appartengono quasi totalmente all area umanistica. Lo stesso liceo scientifico, al quale si indirizza una quota crescente dell utenza, è nei fatti un liceo classico con piegatura scientifica, con 2/3 delle ore dedicate a materie umanistiche e solo 1/3 a materie scientifiche. Il liceo economico uscito dalla riforma del 2005 era ricco di contraddizioni. L indirizzo istituzionale presentava carattere liceale, mentre quello aziendale appariva più come liceo operativo. Il profilo culturale era disarticolato e gli OSA non si traducevano in competenze, conoscenze ed abilità. Restano comunque molteplici motivazioni a favore della presenza negli indirizzi liceali non terminali della cultura economica. Le competenze richieste in numerose attività lavorative sono sempre più intensamente connesse con le conoscenze economiche e giuridiche. I problemi del lavoro, del buon funzionamento delle istituzioni, degli impieghi del risparmio occupano attenzione crescente negli organi di informazione e nell attenzione di tutti i cittadini. Nella scuola italiana le scienze economiche, aziendali e giuridiche hanno un ruolo secondario. Anche se le sperimentazioni scolastiche degli ultimi anni hanno introdotto il diritto e l economia nei bienni, l economia politica e il diritto svolgono all interno degli istituti tecnici, commerciali e professionali una funzione ancillare a quella dell economia aziendale, con un carattere prevalentemente tecnico e non teorico generale. In questi corsi l economia politica, la micro e macroeconomia ed il diritto con i loro riferimenti storici, sociali e valoriali fungono da mediatori culturali tra l economia aziendale e le scienze umane. Ma problematiche quali quelle dei mercati e della concorrenza, del diritto internazionale ed europeo, del lavoro e del profitto, delle strategie d impresa, delle banche e della borsa, dei principi costituzionali e del funzionamento degli organi dello stato, dei cambi tra l euro ed il dollaro, del bilancio, dei profitti e delle perdite aziendali sono del tutto assenti nei corsi liceali. E incomprensibile che gli studenti liceali italiani si trovino a digiuno di ogni conoscenza economica, giuridica o sociale. Molti di loro proseguono gli studi universitari proprio nella facoltà di scienze sociali, quali economia, giurisprudenza, economia aziendale, sociologia, statistica, scienze politiche, etc. La situazione italiana costituisce tra l altro un eccezione nel panorama europeo ed internazionale, dove il liceo moderno si dimostra in grado di competere ad armi pari con le scuole superiori scientifiche e classiche. Ad esempio in Francia il Lycée Economico e Sociale è superato per numero di iscritti ai licei solo da quello scientifico. Nel Regno Unito un quarto dei liceali diciottenni frequentano studi economici di business (economia aziendale) o di economics (economia politica). E quindi necessario garantire agli allievi più dotati e motivati alla comprensione della realtà economica e produttiva l opzione di costruire la propria cultura e il proprio futuro professionale, qualunque esso sia, sulle moderne scienze economiche e sociali, intese come una terza area scientifica moderna, distinta da quella classica e da quella scientifica. Le scienze economiche e sociali possono infatti offrire a qualunque giovane una dotazione di competenze duttili e moderne, che l aiuteranno nella lettura della realtà, nelle scelte nell uso delle risorse, nella comprensione delle attività aziendali, nel rispetto delle regole che presiedono la convivenza civile. L economia può costituire un valido raccordo tra umanesimo e scientismo, perché essa è in 1

2 grado di collegare le proprie elaborazioni con l evoluzione storica delle attività umane. In ogni caso l uomo è al centro delle scienze sociali, con tutte le problematicità, le variabilità, le indeterminatezze, gli errori che caratterizzano i nostri comportamenti. Chiunque voglia studiarli dovrà tenere conto di quale idea dell uomo è alla base nello studio delle attività economiche e giuridiche. Le scienze sociali hanno carattere aggregante, tendono a integrare le conoscenze, ad operare un raccordo tra l umanesimo e le scienze naturali, nella comune ricerca del senso della vita e delle cose. Le conoscenze possono così rafforzarsi reciprocamente. 2. L ECONOMIA NEL LICEO SCIENTIFICO Nell attuale contesto di politica scolastica non vi sono per ora spazi per la riproposizione del liceo economico. E invece realistico pensare a delle modalità di diffusione della cultura economica a livello liceale, in particolare nel liceo scientifico. Ripensando ai fondamenti conoscitivi delle scienze economiche, aziendali, giuridiche e sociali essi sono costituiti da una base teorica-logica-filosofica (legata ai paradigmi delle differenti scuole di pensiero economico e giuridico), da una storica-sociale-valoriale (legate alle dinamiche storiche, ai principi, agli orientamenti nel campo dei valori e degli interessi), ad una base quantitativa (per fondare le teorie sul principio della verifica empirica, di verità e di realtà, per calcolare le grandezze e per tenere conto della presenza dell incertezza e del rischio) ed infine di una base operativa (come guida ai comportamenti individuali e professionali). Trai i diversi indirizzi liceali, il liceo scientifico appare come il più prossimo alle basi costitutive delle discipline economiche, per il comune riferimento agli aspetti quantitativi e di calcolo e per il riferimento alle problematiche della società, delle sue dinamiche scientifiche e tecnologiche. Il terreno culturale comune appare più forte nel liceo scientifico rispetto a quello che sarebbe garantito dal liceo classico o dagli altri licei. La modalità tecnica migliore per la realizzazione di questo progetto consiste nella flessibilità oraria del 20% dei curricoli. Altre modalità sono possibili e sono rappresentate in questo documento. La giustificazione di questa proposta culturale risiede nel fatto che le ore di economia generale e di diritto possono apportare al liceo scientifico un dote aggiuntiva di realismo e di modernità. Per realizzare questa ipotesi occorre creare uno spazio per l insegnamento dell economia politica, del diritto e dell economia aziendale. La relazione tra le diverse aree disciplinari può vedere alcune aree disciplinari dello scientifico declinare verso l economia ed il diritto e viceversa. In particolare storia, filosofia e le materie scientifiche possono dare un contributo per la comprensione dell evoluzione storica e filosofica del pensiero economico, del pensiero giuridico e di quello politico. Inoltre il senso del liceo scientifico/economico potrà essere rivolto agli aspetti sociali, valoriali ed operativi, che costituiscono l aspetto caratteristico dell approccio economico alla realtà. A loro volta l economia e il diritto devono prestare forte attenzione nei loro contenuti all evoluzione scientifica e tecnologica muovendosi così verso l impianto del liceo scientifico. Una seconda relazione si può instaurare tra l area matematica e l economia. In questo caso si può prevedere di aggiungere una seconda area matematica, composta da econometria, statistica, calcolo delle probabilità e matematica finanziaria. Mentre il curricolo di matematica generale e di analisi matematica costituisce l approccio matematico teorico, questa seconda area matematica funzionale rafforza la misurabilità dei fenomeni (ad esempio scientifici, economici, demografici, finanziari). La statistica, l econometria e il calcolo probabilistico aiutano a comprendere quando un fenomeno socio-economico appare con una distribuzione di frequenza normale oppure ricade nella categoria dell incertezza non probabilistica, sottolineata dagli studi più recenti. In senso più generale non va sottaciuto che l economia ha saputo tessere rapporti importanti con discipline scientifiche come la fisica (alla quale è debitrice del concetto di equilibrio) e con l analisi matematica (alla quale è debitrice del concetto di massimo vincolato e della determinazione della posizione di ottimo con il calcolo infinitesimale). In ogni caso andranno ridimensionate, per quanto consentito dalla normativa in atto, le ore della cultura classica ed umanistica, in quanto non caratterizzanti un indirizzo liceale piegato sulle moderne scienze sociali. Infine, le recentissime indicazioni nazionali sull obbligo scolastico (agosto 2007), prolungato ai 16 anni all interno dei bienni degli indirizzi oggi esistenti, forniscono un ulteriore chiara indicazione sulla necessità di 2

3 inserire conoscenze e competenze di carattere giuridico-economico anche nei licei che, a tutt oggi sono gli unici a non avere tali insegnamenti presenti nel curricolo. 3. IL QUADRO NORMATIVO Prima di esaminare gli aspetti tecnici che consentono l introduzione di nuove discipline nel curricolo del liceo scientifico, occorre ricordare brevemente la genesi dei cambiamenti proposti. A partire dagli anni 60, l evolversi sempre più rapido della tecnologia applicata al mondo del lavoro e dell impresa ha costretto l ordinamento scolastico ad adeguarsi, soprattutto per quanto riguarda la formazione tecnica e professionale, escludendo quasi totalmente i licei da questi cambiamenti. Ciò è avvenuto con modalità non sempre coerenti e lineari: infatti, a lato di alcune coraggiose innovazioni dei curricoli (riforma degli istituti professionali) e delle indicazioni metodologiche presenti nelle svariate sperimentazioni degli anni 80 e 90 (vedi le linee guida del progetto IGEA, MERCURIO, il progetto Brocca), che hanno interessato tutti gli indirizzi tecnici e professionali e, in misura molto minore, i licei, nel quadro sella secondaria superiore sono stati mantenuti impianti curriculari se non obsoleti, sicuramente carenti rispetto alle nuove esigenze formative e culturali. Nell attesa della riforma della secondaria superiore, molte sperimentazioni sono diventate, di diritto o almeno di fatto ordinamentali, sostituendo o integrando indirizzi largamente superati. L introduzione di elementi di diritto ed economia nel biennio della secondaria superiore data dal 1985, cioè dalla prima riforma dei programmi degli istituti tecnici commerciali, proposta in via sperimentale con il progetto I.G.E.A.. Tale indirizzo, dopo una sperimentazione decennale in tutta Italia, è entrato in ordinamento nell a.s , sostituendo il vecchio indirizzo amministrativo dei tecnici commerciali. In tale indirizzo l insegnamento del diritto e dell economia nel biennio assumeva un duplice valore: non solo propedeutico allo studio delle discipline giuridico-economiche nel triennio, indispensabili per completare le competenze del profilo professionale, ma, prima di tutto, formativo in quanto in grado di fornire allo studente le conoscenze fondamentali di un educazione alla cittadinanza. Le graduali riforme degli Istituti Tecnici e la riforma dei Professionali degli anni 90, riconoscendo la fondamentale valenza formativa di questi insegnamenti, ne hanno esteso l introduzione a tutti i bienni tecnici e professionali. Ancora una volta ne sono stati esclusi i licei classici, scientifici e linguistici, fuorché quelli che hanno utilizzato il progetto Brocca; gli stessi istituti magistrali, ora licei delle scienze psico-pedagogiche prevedono invece la presenza dell insegnamento di diritto ed economia nel biennio. Dai 90 ad oggi, due mancate riforme della secondaria superiore (Berlinguer, Moratti) non hanno impedito alle scuole di sperimentare modifiche curriculari. Infatti, a partire dall a.s , la legge istitutiva dell autonomia scolastica (art. 21 L.59/97) e il relativo regolamento di attuazione (D.P.R. 275/99) consentono a tutte le scuole di modificare la propria offerta formativa, nel rispetto degli indirizzi ordinamentali o autorizzati, utilizzando una quota del monte ore annuale previsto per variare gli insegnamenti già presenti nei curricoli o per inserirne di nuovi, coerentemente con le scelte didattiche della scuola e le esigenze del contesto in cui essa opera. Il D. M. 26 giugno 2000, n. 234 (in GU 25 agosto 2000, n. 198), Regolamento, recante norme in materia di curricoli nell'autonomia delle istituzioni scolastiche, ai sensi dell'art. 8 del D.P.R. 8 marzo 1999, n.275 disciplina la graduale attuazione delle indicazioni normative e, in particolare, fissa regola gli adempimenti per le scuole, al fine di assicurare alle scuole flessibilità organizzativa e didattica secondo i principi dell'autonomia, promuovendo la ridefinizione dei curricoli secondo modalità fondate su obiettivi formativi e competenze e garantendo soluzioni differenziate in relazione ai diversi ordini e gradi di scuola; La quota può essere utilizzata: a. per confermare l'attuale assetto ordinamentale b. per realizzare compensazioni tra le discipline e attività di insegnamento previste dagli attuali programmi c. per introdurre nuove discipline, utilizzando i docenti in servizio nell'istituto 3

4 La quota riservata alle istituzioni scolastiche è stata riaffermata nel recente D.M. n. 47 del 13/06/06 che richiama a sua volta il D.M. 28/12/05 - Quota orario dei curricoli riservata alle istituzioni scolastiche nella misura del 20% (che ha modificato la percentuale prevista dalla precedente normativa, portandola dal 15 al 20% del monte ore annuale di ciascuna disciplina curriculare). Con la Nota 22 giugno 2006 Prot. n. 721/DIP/Segr il Ministero comunica che la quota del 20% dei curricoli, riferita agli ordinamenti vigenti e ai relativi quadri orario, rimessa all'autonomia delle istituzioni scolastiche, deve intendersi applicabile ad ogni ordine e grado di istruzione. Ribadisce la conformità del decreto all'art. 8 del D.P.R. n. 275 dell'8 marzo 1999 e ad integrazione del successivo decreto ministeriale di applicazione n. 234 del 26 giugno GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI NELL AMBITO DELL AUTONOMIA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE In realtà l attuazione pratica della flessibilità dell offerta formativa, al di là delle suggestioni didatticopedagogiche, presenta una serie di problemi applicativi non marginali. Prima di tutto, la rigidità tuttora presente nel sistema scolastico rende piuttosto complessa l introduzione di elementi di variabilità e flessibilità nel quadro orario; questo è ancora sostanzialmente strutturato sul monte ore previsto per ciascuna materia di ciascun indirizzo, per la fondamentale ragione che la disponibilità degli organici è commisurata appunto a tali quadri orari. Infatti, la flessibilità prevista dal regolamento dell autonomia poggiava sulla riforma dell orario di servizio dei docenti, il c.d. organico funzionale che, all interno di parametri ragionevoli e comunque gestiti dal centro (O.M. annuale sugli organici, circ. USR) consentiva alle scuole di impiegare i docenti nella misura o con le modalità più adatte al proprio progetto didattico, adeguandole alle esigenze di una singola classe, di più classi o dell intero istituto. Oggi, di fatto, i margini sono estremamente ristretti, data la necessità di saturare a 18 ore tutte le cattedre. Altro aspetto critico è rappresentato dalla durata dell unità d insegnamento (ora di lezione): la norma prevede che, qualora siano state deliberate sperimentazioni autonome di ordinamento e struttura che comportino la riduzione della durata dell unità oraria di lezione, i docenti completano l orario d obbligo con attività connesse alla sperimentazione o con le altre modalità previste dallo stesso progetto di sperimentazione. L orario di insegnamento, anche con riferimento al completamento dell orario d obbligo, può essere articolato, sulla base della pianificazione annuale delle attività e nelle forme previste dai vigenti ordinamenti, in maniera flessibile su base plurisettimanale, in misura, di norma, non eccedente le quattro ore. Si possono formulare comunque due/tre fondamentali ipotesi di lavoro: a. la c.d. minisperimentazione giuridico-economica b. progetto d autonomia, interno al POF d Istituto, con l utilizzo della quota locale (max. 20%) c. l inserimento di ore aggiuntive di materie economiche con intervento di esperti, pagati con risorse aggiuntive o di sponsor esterni Ipotesi a) Minisperimentazione giuridico-economica Si tratta di un ampliamento del curricolo che prevede l aggiunta della disciplina economia e diritto per 2 ore settimanali per tutto il quinquennio, nel quadro orario ordinamentale del liceo scientifico. Tale opzione esclude altre possibile (p.e. P.N.I.) per cui può essere riconosciuta solo per classi di liceo scientifico tradizionale Occorre un autorizzazione formale della modifica del curricolo per ottenere risorse organiche aggiuntive necessarie all attuazione di un ampliamento dell offerta formativa, rispetto a quello previsto dai relativi vigenti decreti Tale autorizzazione trova un fondamento nel testo unico sulla scuola, Dlgs. 297/94 e nelle circolari applicative 24/91, 198/92, 333/95, che prevedono per tutte le scuole superiori la possibilità di chiedere l autorizzazione per sperimentazioni, limitate nel tempo e nella quantità, relative alle modifiche/integrazioni del quadro orario, introducendo nuove discipline in via sperimentale. Come confermato dalle citate norme sui curricoli, tali 4

5 sperimentazioni sono ancora oggi possibili, in conformità alle norme successive al T.U. del 94, solo se già esistenti e gestite a livello nazionale. Nel liceo scientifico, l introduzione del diritto e dell economia nel biennio è previsto da anni, ed è presente nel sistema informativo del Ministero (SIMPI) secondo la seguente scansione: 2 h in prima 2 h in seconda 2 h in terza 2 h in quarta 2 h in quinta Orario cattedra minimo: 14 h - max. 18. Classe A019 DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE Le scuole sono tenute a comunicare la delibera degli o.o.c.c,. relativa all approvazione di tale sperimentazione, al competente Ufficio Scolastico provinciale, per i necessari adeguamenti dell organico che saranno riconosciuti solo a fronte dell attivazione vera e propria della/delle classi sperimentali. La richiesta deve essere fatta l anno prima di quello in cui s intende avviare la sperimentazione e deve essere presentata nei tempi previsti dalla circolare che annualmente regola la materia. Deve essere ripetuta ogni anno scolastico; l autorizzazione ha validità biennale e decade se non attivata entro due anni. Non si tratta di un opzione particolarmente utilizzata e limitata per quanto riguarda il peso orario delle discipline introdotte, ma che presenta l indubbio vantaggio di poter ottenere l organico necessario direttamente dagli Uffici Scolastici Provinciali. Tale richiesta non è soggetta all autorizzazione, come nel caso dell apertura di nuovi indirizzi, da parte della Provincia, cui va in ogni caso comunicata. Ciò a riprova che si tratta di sperimentazione didattica e non di apertura di un nuovo indirizzo. Ipotesi b) Utilizzo della quota locale (max. 20%) Questa seconda ipotesi consiste, come già detto, nella possibilità di variare il monte ore delle discipline già presenti nel quadro ordinamentale, nella misura max del 20%., per inserire nuove discipline, coerenti al profilo economico. In questo caso la scuola può contare solo sulle proprie forze, cioè sui docenti in servizio nell istituto e sui fondi a disposizione in bilancio In realtà l opzione può essere giocata in diversi modi che rappresentano, a loro volta, opzioni diverse e rappresentano costi diversi per l istituzione scolastica Presenta minori vincoli temporali, dato che può essere inserita nel Piano dell offerta formativa nel momento della sua consueta approvazione annuale e deve essere solo comunicata all USP competente. In ogni caso, occorre un progetto didattico approvato dal Collegio Docenti e dal Consiglio d Istituto, che preveda anche le modalità di recupero delle frazioni/unità orarie dei docenti in coerenza con gli obiettivi didattici. Il progetto dovrebbe essere chiaramente finalizzato e largamente condiviso dal Collegio, nei suoi obiettivi e nelle modalità di realizzazione: è noto infatti che la diminuzione di ore di qualsiasi disciplina, suscita sempre perplessità e resistenze da parte dei docenti che temono la perdita di efficacia dei loro insegnamenti e di riconoscimento professionale. Occorre progettare l inserimento delle nuove discipline apportando una modifica interna del quadro orario che, senza cambiare il monte ore totale previsto per anno di corso, preveda sia la diminuzione della quota oraria assegnata ad alcune delle discipline già presenti nel curricolo del liceo scientifico, sia la corrispondente presenza delle ore attribuite alle nuove materie. Trattandosi di sperimentazione interna può essere inserita in qualsiasi indirizzo liceale, anche in quelli sperimentali. In questo caso il vantaggio è rappresentato dal fatto che l orario curricolare è già più esteso di quello tradizionale e risulta pertanto più semplice procedere a modifiche interne sul monte ore delle diverse materie. La presenza nello stesso Istituto di più indirizzi, per esempio il Tecnico Commerciale insieme al Liceo Scientifico, consente di utilizzare i docenti dell ind. tecnico della classe A019 (discipline giuridicoeconomiche) come docenti sulle classi del Liceo Scientifico. Le ore aggiuntive alle 18 devono essere retribuite con il Fondo per il funzionamento dell istituzione scolastica, a meno che il progetto non preveda anche la 5

6 flessibilità oraria e strutturi l orario in modo tale che non vengano prestate ore aggiuntive da parte dei docenti, pur garantendo insegnamenti aggiuntivi agli studenti. Qui di seguito si presenta una sintesi del progetto formulato dall IIS Cremona-Zappa di Milano, come esempio significativo di modello a costo zero, che prevede l utilizzo sia della variabilità che della flessibilità oraria, da parte di un Istituto che presenta al suo interno due indirizzi: - Liceo scientifico con sperimentazione in Scienze - Istituto tecnico Commerciale indirizzo IGEA OBIETTIVI DEL PROGETTO IIS Cremona-Zappa L obiettivo principale è quello di proporre un offerta formativa che abbini la formazione liceale a carattere scientifico con quella giuridico-economica dell istruzione tecnica commerciale, al fine di formare una figura di diplomato orientato ad un accesso universitario anche di tipo giuridico ed economico. Il curricolo si contraddistingue per la licealità, con un fine non direttamente professionalizzante, organizzato per dare una preparazione rivolta soprattutto a chi intende proseguire gli studi in ambito universitario o parauniversitario. La finalità è quella di attribuire il primato alla dimensione scientifico-teorica del sapere e di valorizzare le potenzialità educative della cultura per dare agli studenti uno spessore culturale e una capacità critica, che li metta in grado di comprendere la realtà e di operare nella stessa in modo significativo.. Un altro obiettivo, non secondario al primo, è quello di consolidare l identità dell IIS Cremona Zappa come istituto unitario, capace di innovazione e di progettualità, in grado di offrire un corso di studi che superi la distinzione tra gli indirizzi specifici liceale e tecnico per un progetto che si distingue, nel panorama scolastico, per la novità, per la risposta a un esigenza reale dell utenza ma anche di quanto viene richiesto a livello europeo per la formazione dell uomo-cittadino del mondo 1. Il terzo obiettivo è quello di sperimentare un percorso formativo che tenga conto delle indicazioni europee, che evidenziano come il titolo di ragioniere conseguito in Italia non abbia alcun corrispondente negli altri paesi della Comunità, dove, per la gestione economico-finanziaria, è necessario un titolo di laurea. S intende quindi sperimentare un percorso che prepari gli studenti all università, pur salvaguardando i loro interessi giuridicoaziendali. Il curricolo quinquennale previsto (Liceo scientifico ad indirizzo economico) dovrebbe consentire agli allievi: - di fruire di un curricolo, che permetta loro di coniugare gli interessi di carattere giuridico-economico con lo studio delle discipline caratterizzanti il liceo scientifico - di ricevere a livello di scuola superiore una formazione di base solida, polivalente come è l istruzione liceale, che permetta loro un eventuale prosecuzione degli studi in una qualsiasi facoltà universitaria (in corsi di laurea breve o lunga) 2 e in particolare quelle di indirizzo giuridico-economico STRUMENTI E MODALITA Il curricolo del liceo scientifico sperimentato da anni nel Liceo dell IIS Cremona - Zappa, prevede già il potenziamento dell orario curricolare di scienze (3 ore in prima, 2 in seconda e un ora rispettivamente in terza, quarta e quinta) e l anticipo di un ora di Disegno e Storia dell arte dalla seconda alla prima; Attualmente il curricolo liceale standard dell IIS Cremona Zappa è così composto: tabella 1. Ore settimanali Materie d'insegnamento I II III IV V Religione - Materia alternativa Memorandum di Lisbona, o in corsi di istruzione e formazione tecnica superiore 6

7 Italiano Latino Storia Filosofia Geografia Inglese Matematica Fisica Scienze**** Disegno***** Educazione fisica TOTALE La sperimentazione di indirizzo economico potrebbe attuarsi con: 1. applicazione nel curricolo liceale di cui sopra - della quota di variabilità reciproca disciplinare (20%) su base annua in modo tale da ricuperare lo spazio orario per inserire le tre discipline caratterizzanti l indirizzo economico: a. il diritto (nel biennio) b. l economia aziendale (nel quinquennio) c. l economia politica e il diritto (nel triennio) 2. utilizzo dell organico docenti dell IIS Cremona Zappa, integrando i docenti dell indirizzo Liceale con quelli del Tecnico-Commerciale, secondo le specificità delle discipline dell indirizzo di liceo economico; 3. applicazione della flessibilità oraria, con riduzione dell unità oraria a 50 minuti e recupero del differenziale di servizio da parte di tutti i docenti, che permette di aggiungere alcune unità di lezione settimanale a costo invariato - rispetto a quelle previste nel curricolo del Liceo Scientifico (un ora in più sia nel biennio sia nel triennio e due in terza), prevedendo: a. nel biennio, un corso per l acquisizione di competenze informatiche di base, teso al conseguimento della certificazione ECDL b. nel triennio, il potenziamento / prosecuzione dello studio del Diritto nell ambito dell insegnamento dell Economia Politica; In tal modo è possibile aggiungere le seguenti discipline: Ore settimanali Materie d'insegnamento I II III IV V DIRITTO ECONOMIA AZIENDALE ECONOMIA POLITICA E DIRITTO (2) 2+(1) 2+(1) INFORMATICA (1) (1) Le unità di lezione da recuperare attraverso il 20% della quota di variabilità, diventano quindi 4 a settimana. Le ore tra parentesi si riferiscono all applicazione della flessibilità oraria che, attraverso il ricupero del monte-ore da parte dei docenti di Diritto / Economia Politica e di Matematica, permette di aggiungere ore di lezione a costo invariato - a quelle previste nel curricolo del Liceo Scientifico. 7

8 Considerando le ore settimanali che è possibile recuperare attraverso il 20%, tenendo conto del criterio che tutte le materie, eccetto Religione, debbano avere almeno due ore, si propone il seguente schema orario: Materie d'insegnamento Ore settimanali I II III IV V Religione - Materia alternativa Italiano Latino Storia Filosofia Geografia Inglese Matematica Fisica Scienze Disegno Educazione fisica INFORMATICA (1) (1) ECONOMIA AZIENDALE DIRITTO 2 2 ECONOMIA POLITICA 1 + (2) 2 + (1) 2 + (1) TOTALE Legenda: In giallo e grassetto sono indicate le ore modificate rispetto al curricolo standard Le ore tra parentesi sono quelle che si recuperano attraverso la flessibilità oraria La compensazione La quota di variabilità reciproca disciplinare (20%) deve essere calcolata sul 20% del monte ore annuo delle singole discipline e tenendo conto delle 33 settimane convenzionali per anno scolastico, il monte ore annuale va calcolato moltiplicando le ore settimanali x 33 (p.e. 5 ore settimanali implicano 5x33=165 ore annue, il cui 20% è 33 ore complessive annue, corrispondenti a un ora la settimana per tutto l anno scolastico). Qualora il 20% non risultasse pari a 33 si deve ricorrere alla compensazione, prevedendo modifiche in corso d anno - dell orario delle classi, che permettano lo svolgimento, in periodi differenti, delle due materie tra le quali ci deve essere compensazione. Nella tabella seguente sono indicate le settimane in cui le discipline curricolari (evidenziate in giallo e grassetto) cedono 1 ora alle nuove discipline; a partire dalla settimana successiva a quella indicata nella prima colonna, l ora viene restituita : CALCOLO 20% BASE ANNUALE Settimane in cui recuperare le rimanenti (cambio orario classi) Materie d'insegnamento I II III IV V I II III IV V Religione Materia alternativa Italiano Latino

9 Storia Filosofia Geografia 13 Inglese Matematica Fisica Scienze**** Disegno***** Educazione fisica Le figure seguenti indicano le curvature del liceo standard e quelle dell indirizzo economico rispetto alle aree: a) linguistico-espressiva (Religione, Ed.Fisica, Italiano, Latino, Inglese) b) storico-sociale e filosofica (Storia, Geografia, Filosofia, Arte) c) scientifica (Matematica, Scienze, Fisica, Informatica) d) economico-giuridica (Diritto, Economia Aziendale e Politica) suddivisione aree liceo standard triennio linguistico-espressiva; 46% storico-socialefilosofica; 23% scientifica; 31% biennio linguistico-espressiva; 53% storico-socialefilosofica; 16% scientifica; 32% suddivisione aree liceo economico triennio linguistico-espressiva; 38% storico-socialefilosofica; 20% scientifica; 26% economico - giuridica; 16% biennio linguistico-espressiva; 46% storico-socialefilosofica; 14% scientifica; 27% economico - giuridica; 14% Ipotesi c) L inserimento di ore aggiuntive di materie economiche con intervento di esperti, pagati con risorse aggiuntive o di sponsor esterni Esperti esterni, associazioni, con finanziamenti da parte di sponsor o dei genitori, possono introdurre lezioni, corsi, moduli di cultura economica, arricchendo l offerta formativa, senza incidere sul quadro orario e gli organici. Si tratta di una mediazione comunque ricca di prospettive a patto che l inserimento di tali attività diventi di fatto curriculare, grazie alla qualità degli interventi, alla loro progettazione in comune con i docenti di area affine e alla loro valorizzazione da parte dei docenti, nel quadro delle proprie discipline. Un esempio limitato, ma senz altro significativo, in tal senso, è costituito dai percorsi di alternanza scuolalavoro, coprogettati con le aziende, che tentano di coniugare lo studio teorico delle scienze economiche con l apprendimento tecnico-pratico attraverso l esperienza lavorativa che, a suo volta, permette allo studente di mettere alla prova ed arricchire le conoscenze e le competenze già acquisite, in particolar modo quelle chiave (trasversali). L esperienza di tali percorsi sta iniziando anche nei licei, scientifici e tecnologici in 9

10 particolare e dimostra la sua validità non solo per il gradimento da parte degli studenti per un modo di apprendere più motivante e coinvolgente, ma anche per la facilitazione all apprendimento teorico di contenuti economici altrimenti estranei al curricolo ( l impresa e la sua organizzazione, il funzionamento del mercato, i problemi della produzione, il ruolo del marketing e della pubblicità, la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, la tutela dell ambiente e della salute dei consumatori, il prelievo fiscale e la spesa pubblica) I diversi modelli suggeriti non hanno pretesa di tassatività, sono proposte tra tante ipotizzabili, per la costruzione di un curricolo liceale curvato sull economia.. I collegi ed i consigli di classe possono pensare quale tra di essi corrisponde meglio alle finalità delle singole istituzioni scolastiche, nel rispetto della loro autonomia. L individuazione del modello di liceo che abbia al suo interno un ruolo significativo per le materie economiche è in ogni caso preliminare per i successivi ragionamenti didattici. Va deciso un monte orario e quali discipline inserire nel piano di studi: economia politica, diritto, economia aziendale, econometria e statistica sono le discipline che presumibilmente dovranno assumere un ruolo di peso, ma, come detto, anche le altre discipline, come storia e filosofia e matematica, potranno contribuire, ciascuna con il proprio peculiare punto di vista, ad arricchire la riflessione sulla scienza grigia, che oggi lo è meno che mai, ma appare sempre più connotata da grandi contrasti di colore e infinite sfumature! 5. L ARTICOLAZIONE DELLA PROPOSTA DIDATTICA L approccio didattico più utile per questa reciprocità di rapporti tra aree disciplinari è quello per competenze. Il Quadro Europeo delle Qualifiche (QEQ - Proposta di raccomandazione al Parlamento europeo del settembre del 2006) sposta decisamente l attenzione dagli input dell apprendimento ai risultati dell apprendimento, declinati in termini di conoscenze, abilità e competenze. Le Conoscenze sono il risultato della assimilazione di informazioni attraverso l apprendimento. Le conoscenze costituiscono il corpo di fatti, principi, teorie e pratiche relativi ad un ambito di studio o di lavoro. Nel QEQ, le conoscenze sono definite come teoriche e/o pratiche. Le Abilità sono la capacità di applicare conoscenze e di utilizzare il know-how (saper fare) per svolgere compiti e risolvere problemi. Nel QEQ, le abilità sono descritte come cognitive (uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) e pratiche (che implicano la destrezza manuale e l utilizzo di metodi, materiali, attrezzature e strumenti). Le Competenze sono infine le capacità dimostrate di utilizzare le conoscenze, le abilità e le attitudini personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale. Esse sono descritte in termini di responsabilità e autonomia. La didattica per competenze è fondata su di un approccio variabile e mobile del sapere. I collegamenti possono essere favoriti tramite la individuazione di competenze economiche, giuridiche, quantitative o di carattere trasversale, ciascuna declinata anche in termini di abilità e di conoscenze. A seconda del modello prescelto si tratta di: individuare il curricolo disciplinare in relazione al monte-ore previsto per le discipline dell area economica individuare i punti di piegatura delle competenze comuni, caratterizzanti il liceo, verso l area delle scienze economiche: un esempio storia che dà spazio al suo interno alla storia economica individuare i punti di piegatura delle competenze economiche verso le competenze che caratterizzano il liceo: ad esempio econometria e statistica che si raccordano con i contenuti del corso di analisi matematica; oppure prevedere nel curricolo di diritto largo spazio alla filosofia del diritto L attività didattica per competenze deve essere organizzata in prestazioni didattiche che ne sviluppino l acquisizione, le prestazioni devono essere osservabili e verificabili. Devono essere introdotti degli indicatori delle competenze, abilità e conoscenza. Il loro ruolo è interessante. Essi infatti consentono di uscire dalla genericità della enunciazione di un obiettivo didattico in quanto fanno capire la profondità con la quale la competenza esercita il proprio dominio, la propria padronanza nei diversi campi del sapere. Questa profondità al termine del liceo scientifico/economico può essere concepita ad un livello alto. Le competenze in uscita da un liceo scientifico declinato sull economia sono quelle scientifiche e umanistiche, poste in relazione con le scienze economiche e giuridiche. Il giovane in uscita da questo liceo è colto, curioso 10

11 della realtà scientifica e della sua evoluzione, si appassiona ai problemi sociali, possiede i fondamenti delle discipline economiche, aziendali e giuridiche. Esso è dotato di capacità logiche, sa apprezzare in modo duttile la dimensione quantitativa dei fenomeni naturali e sociali, sa interpretare la realtà sociale e produttiva. Possiede capacità di orientamento ad un comportamento personale responsabile, essendo capace di delineare definite mete di carattere personale e professionale. Ottobre

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Lo sfondo: tra continuità, discontinuità interventi parziali, assenza di un disegno complessivo di

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE n. 37 Roma, 13 aprile 2010 Prot. n. AOODIP/1228 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

CIRCOLARE n. 37 Roma, 13 aprile 2010 Prot. n. AOODIP/1228 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n. 37 Roma, 13 aprile 2010 Prot. n. AOODIP/1228 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e p.c. al Gabinetto del Ministro SEDE OGGETTO: Dotazioni organiche del personale

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

RAPPORTO DI MONITORAGGIO 2012

RAPPORTO DI MONITORAGGIO 2012 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: LO STATO DELL ARTE RAPPORTO DI MONITORAGGIO 2012 Direzione Generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni La redazione

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni;

(1). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni; D.P.R. 15-3-2010 n. 87 Regolamento recante norme per il riordino degli istituti professionali, a norma dell'articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO IPOTESI PER UN PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEL COMPARTO EDUCATIVO E FORMATIVO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO L opera del maestro non deve consistere nel riempire un sacco ma nell accendere una fiamma

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli