Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti"

Transcript

1 Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti Progetto Europeo Pumas, La mia Scuola va in Classe A UN NUOVO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE Incontro di progettazione partecipata, SCUOLA BATTISTI- 20 ottobre 2014, ore 16: VERBALE RIUNIONE Presenti : Roberto Di Bussolo Federica Del Piccolo Stefano Bassan Vera Piovesan Paola Masuelli Elisa Conchetto Marina Artico Serena Ferretti Pietro Coldel Angela Milanese Arianna Baldan Giuseppe Carrari Tania Arcangeli Comune di Venezia, Direzione Mobilità e Trasporti, Resp. Serv. Mob. Sostenibile Comune di Venezia, Direzione Mobilità e Trasporti, progetto PUMAS Gruppo Pianificatori _Progetto PUMAS Gruppo Pianificatori e Facilitatori_Progetto PUMAS (rappr. Legambiente) Gruppo Facilitatori_Progetto PUMAS Genitore, Scuola elementare Battisti (Consiglio Istituto)- Mestre Genitore, Scuola elementare Battisti (rappresentante genitori)- Mestre

2 Micaela Pinzoni Sabrina Biasetto Sara Bellia Eliana Greco Roberto Sinibaldi Tatiana Nazarenco Marina Rossi Genitore/Docente, Scuola elementare Battisti- Mestre, Europrogettista Genitore/Docente, Scuola elementare Battisti- Mestre Docente REFERENTE PUMAS, Scuola elementare Battisti- Mestre VERBALE: BATTISTI incontro progettazione partecipata 20 ottobre 2014 Apertura dell incontro ore 16:30 Presentazioni e motivo della presenza - ci sono genitori che sono venuti all incontro perché i figli avevano fatto il Safari l anno scorso e sono ancora entusiasti, altri perché l insegnante della classe è coinvolta nel progetto e ha dato rilievo all incontro, altri ancora sono genitori di bambini di prima elementare, non sapevano nulla del pregresso del progetto ma hanno ricevuto l invito e hanno deciso di partecipare. [nota di Paola Masuelli: è interessante il discorso dei genitori di prima e seconda elementare, spesso sono quelli più attenti ai discorsi educativi (vengono dal nido e dalla materna, scuole in cui l obiettivo educativo è preponderante) e in più non hanno ancora abitudini di mobilità consolidate nell andare a scuola. Con loro si dovrebbe chiedere di intervenire alla Direzione Didattica all inizio del primo anno proponendo buone pratiche e aiutando i genitori a svilupparle]. Spiegazione di quanto emerso dai questionari somministrati alla scuola l anno precedente e dall attività di Safari condotta dai bambini. Analisi e condivisione delle principali criticità emerse. Divisione in due gruppi di discussione, uno si occuperà maggiormente del nodo dello spazio di ingresso e uscita da scuola, l altro delle tematiche legate all autonomia e all analisi del funzionamento del Pedibus scolastico. Un piccolo gruppo di bambini, Chiara, Maria Sole, Andrea e Andrej (?), che sono venuti con i genitori inizia a disegnare e a pensare a come arrivare a scuola evitando i ciclisti e a come vorrebbe il cortile interno alla scuola. GRUPPO 1 Formato da: Sinibaldi, Arcangeli, Ferretti, Milanese, Baldan, Pinzoni - referente Tania Arcangeli. 1) NODO INGRESSO/USCITA DA SCUOLA CAUSE/MOTIVAZIONI che generano la criticità: 1) mancanza di educazione da parte di ciclisti e pedoni; 2) mancanza di segnaletica; 3) radici affioranti (sia su Via Dante che su Via Cappuccina) PROPOSTE 1) posa dissuasori di velocità e/o semaforo lampeggiante; 2) presenza di un ausiliario del traffico; 3) porre una panchina lineare per delimitare l area pedonale sull ingresso di Via Dante dalla pista ciclabile, oppure trovare un altro elemento per indurre i ciclisti a rallentare. COSA POSSIAMO FARE? 1) La scuola: programmare corsi di educazione stradale per tutte le classi; 2) Il Comune ascoltare e ragionare sulle nostre proposte;

3 DISCUSSIONE IN PLENARIA: Chiara propone il suo disegno con una passerella per i bambini che evitano così i ciclisti che possono passare indisturbati sotto. I genitori chiedono la posa di dissuasori di velocità o altri elementi per indurre i ciclisti a rallentare, queste proposte saranno al vaglio dell Ufficio Tecnico. Così come la proposta al Settore Politiche Educative di eventualmente promuovere nelle scuole corsi di Educazione Stradale in accordo con la Polizia Urbana. Nella proposta questi corsi vorrebbero essere sia per bambini che per genitori, in modo da aiutare entrambi a superare ansie e desideri di autonomia in modo sereno ed efficace. A oggi è presente (Vigili d Argento) un ausiliario del traffico, ma non sostituito se assente per malattia. RDB: la presenza dei Vigili D Argento è un costo notevole per l Amministrazione (questa Associazione senza scopo di lucro costa più di anno) per questo probabilmente si cercherà di spendere diversamente i fondi, visto che impatta su poche scuole. Comunque è un servizio virtuoso che questo progetto vorrebbe provare a sostituire con alternative magari più autonome: genitore o nonno volontari che si turnano oppure porre una sagoma che risolve problema su pista ciclabile in ingresso e uscita. (Comunque ci vorrebbero dei volontari per piazzarla ogni giorno). Si possono trovare diverse strategie tra amministrazione e comunità scolastica. 2)INCROCIO VIA DANTE/VIA CAVALLOTTI PERICOLOSO CAUSE/MOTIVAZIONI che generano la criticità: 1) problemi di visibilità e non rispetto della segnaletica; 2) mancanza di una segnaletica evidente; 3) la presenza delle chicane di Via Cavallotti fa si che i ciclisti le evitino passando sul marciapiede; 4) l attraversamento pedonale è troppo distante e i pedoni vanno su quello ciclabile. PROPOSTE 1) presenza di un ausiliario del traffico tra Via Cavallotti e Via Piave ; 2) un Vigile che multa ciclisti che hanno comportamenti scorretti (incrocio con semaforo e vanno su marciapiede ad alta velocità facendo slalom fra i bambini COSA POSSIAMO FARE? 3) I Genitori: creare gruppi di bambini per andare a scuola insieme; 4) la Scuola: disporre una bacheca, anche elettronica per far incontrare e conoscere i genitori che abitano vicini e aiutarli a formare dei gruppi; ci deve essere rete di collaborazione delle maestre. DISCUSSIONE IN PLENARIA Il Comune potrebbe segnalare al Comando di Polizia Municipale la necessità di prevedere anche saltuariamente la presenza di un Vigile. Si chiede che si pensino tra le soluzioni tecniche possibili di valutare la posa di dissuasori di velocità per la pista ciclabile e soluzioni che rendano più visibile la zona d ingresso. La segnalazione a terra presente andrebbe bene, ma il rosso su nero non è visibile. Per evitare che i bambini invece invadano la pista ciclabile si potrebbe porre una barriera lineare sul marciapiede. 3) CORTILE SCOLASTICO CAUSE/MOTIVAZIONI che generano la criticità: 1) pavimento dissestato; 2) muri fatiscenti. PROPOSTE 1) panchine intorno agli alberi; 2) realizzazione di un orto; 3) colorare i muri interni al cortile scolastico con l aiuto di writers; 4) utilizzare gli alberi come riferimento per le classi in uscita; 5) addobbare e personalizzare gli alberi per classe;

4 6) utilizzare il cortile come luogo di ritrovo (cinema all aperto; spettacoli ); 7) aggiungere portabici; 8) porre una tettoia lungo il lato delle uscite COSA POSSIAMO FARE? 1) I Genitori possono collaborare all abbellimento del cortile; 2) Le maestre dovranno collaborare accompagnando gli alunni sotto l albero. DISCUSSIONE IN PLENARIA: Maria Sole propone una casetta sull albero, per creare un giardino e dei rifugi socializzanti per bambini nel cortile. Andrea propone tanta terra vera, anche con i vermi dentro, e alberi e casette sugli alberi dove arrampicarsi. Non più mattonelle. Andrej propone una lunga panca Sali e scendi per sdraiarsi comodi in tanti. Rispetto alla proposta della posa di tettoie RDB fa presente che le soluzioni che prevedono le tettoie sono ad alto costo, a fronte di un effetto relativo, pertanto non possono essere prese in considerazione dall Ufficio Tecnico. Il Comune ragionerà sulle soluzioni proposte, sia per quanto riguarda la realizzazione entro dicembre di una piccola opera low-cost con i finanziamenti europei del Progetto PUMAS, sia con l inserimento nel Piano di Mobilità. PM: uno degli obiettivi del Comune sarà quello di iniziare a creare le basi per un dialogo inter-assessorile, visto che le opere proposte riguardano sempre più Settori (Verde, Edilizia,Mobilità, Politiche Educative ).

5 GRUPPO 2 Formato da: Coldel, Rossi, Greco, Artico, Carrari, Conchetto, Biasietto. AUTONOMIA DEI BAMBINI E PEDIBUS: COME ARRIVARE A SCUOLA? CAUSE/MOTIVAZIONI che generano la criticità: 1) È un servizio completamente a carico dei genitori; 2) Ci sono poche fermate, poche tappe; 3) Per alcuni bisogna essere alla fermata alle 7.35 (faticosissimo) mentre se il percorso fosse più lineare per chi arriva da lì basterebbe PROPOSTE 1) accordo/patto con la Scuola: protocolli di comportamento; 2) mettere in contatto i genitori; 3) mettere in sicurezza i passaggi pedonali dove non ci sono semafori; 4) migliorare la pulizia con l intervento di Veritas 5) modificare/migliorare il Pedibus: cambiare nome, tragitti, mezzo di trasporto (forse la bicicletta?) 6) fornire la scuola di armadietti per gli alunni per riporre casco bici e stivali da pioggia 7) implementare gli stalli 8) istituzione del Negozio Amico COSA POSSIAMO FARE? 3) I Genitori: mettere in contatto, creare una rete tra genitori (con una mailing-list, attraverso il passaparola?...); capire perché molte famiglie non partecipano al Pedibus (quali sono le problematiche?) 4) La Scuola potrebbe legare la Didattica al Progetto di Mobilità Sostenibile. DISCUSSIONE IN PLENARIA: Il problema della pulizia delle strade potrebbe essere messo in rete con delle iniziative di sensibilizzazione e azione già presenti come per esempio Puliamo il Mondo promossa da Legambiente. Il problema di via Salettuol (vicolo via Ariosto-via Felisati) è differente poiché è legato alla presenza di tossicodipendenti e quindi di siringhe è un punto molto pericoloso per i bambini. [PROPOSTA di Paola Masuelli: si potrebbe proporre una campagna di comunicazione pensata dai bambini per i tossicodipendenti. Tipo: so che stai male, ma non fare male a me ti lascio qui i riferimenti di dove potresti rivolgerti per provare a stare meglio. E un disegno colorato per tirarti su! Esempio di cittadinanza attiva] Piace molto l idea di un itinerario che passi vicino a dei negozi amici. PM: perché il discorso dei Negozi Amici funzioni bisogna istituire un protocollo d intesa tra tutti i soggetti interessati (Le associazioni dei Commercianti, il Comune, La Scuola (bambini e genitori) in modo da definire il servizio che diventa un abitudine di città). Anche il simbolo, così come tutta la comunicazione, dovrebbe essere chiaro e riconoscibile, unico per tutti. Ci vuole una rete costruita e mantenuta nel tempo. Potrebbe essere interessante proporre un bici-bus, ai bambini il Bike to School è piaciuto molto, per loro venire in bici è una bella avventura. Forse tante famiglie non partecipano perché avendo 2 figli il più piccolo che va alla materna rimane fuori. Si potrebbero includere nel progetto pedibus, incentivandolo anche nella scuola dell infanzia. MASUELLI: ci si aggiornerà a breve, il materiale di quanto ci siamo detti stasera sarà restituito alla scuola in modo che sia consultabile dagli altri genitori. Una piccola cifra, all interno del finanziamento europeo PUMAS, è destinata a piccoli interventi low-cost, verranno valutate la fattibilità degli interventi proposti oggi. Un secondo incontro restituirà alla comunità i ragionamenti fatti dall Ufficio Tecnico.

6 RDB: spiega gli obiettivi a lungo termine del progetto sulla Mobilità Sostenibile: creare collegamento tra comunità scolastica in maniera continuativa. Il Piano che verrà approvato avrà un orizzonte temporale di 10 anni. Le scuole che si impegneranno maggiormente avranno un premio, in modo da non dare più piccoli finanziamenti a pioggia, risultati spesso inefficaci, ma dei finanziamenti mirati alle comunità scolastiche che li faranno rendere. Una sorta di patto tra ente pubblico e comunità scolastica. Sarà necessario avere un gruppo di referenti, una sorta di Task Force scolastica, un gruppo di lavoro composto oltre che dalla Dirigenza Scolastica da 2 insegnanti e 2 genitori. Stiamo lavorando per creare le condizioni che permettano la realizzazione di un Ufficio Mobilità Scolastica con cui le diverse Task Force scolastiche possano dialogare. L Ufficio avrà poi il compito di contattare le diverse Direzioni Comunali coinvolte (Dir Verde pubblico, dell Edilizia scolastica, dei Vigili Urbani) e segnalare il problema. CARRARI Giuseppe (Genitore e rappresentante Consiglio d Istituto): fa notare che queste informazioni relative al Progetto PUMAS non sono state segnalate al Consiglio d Istituto. PM questa è una azione importante a carico della scuola che deve diventare una proposta da inserire nel protocollo d intesa. Nell accordo tra le parti tutti gli organi collegiali si dovranno impegnare a diffondere il piano. I genitori riflettono sull importanza di instaurare un dialogo con Consiglio di Istituto che poi attraverso la sua mailing list diffonda a tutti i rappresentanti di classe le informazioni. RDB fa notare che il Progetto PUMAS era stato fatto inserire nel POF della Scuola. Dal momento in cui c è l inserimento nel POF ci si aspetta anche inserimento nell odg delle riunioni del Consiglio d Istituto. Precisa inoltre che le opere saranno decise da e solo dalla Comunità scolastica, in base alla fattibilità e al costo delle proposte che saranno vagliate dai tecnici. CARRARI Giuseppe - Genitore: si impegna a presentare al prossimo Consiglio il Progetto PUMAS i contenuti e i prossimi passi ed incontri. Il Consiglio sarà a breve primi di Novembre, data da comunicare. Dovrebbe invitare formalmente RDB al Consiglio d Istituto per presentare il progetto PUMAS da questa fase in poi. Provvederà a chiamare tutti i nuovi rappresentanti di classe alla prossima riunione in cui saranno ripresentate le proposte. PM: A breve ci si riunirà con le proposte elaborate dall Ufficio Tecnico. Via mail sarà comunicata la data. Chiusura dell incontro ore 19:00.

7 CASSETTA DEI SUGGERIMENTI: Adulti: togliere le panchine da Piazzale Baiuzza. Servirebbe una pista ciclabile fatta bene in Via Piave (per poter raggiungere la scuola in sicurezza) Il semaforo di Via Cappuccina: il rosso dura troppo a lungo a causa del tram e tutti passano con il rosso, bambini compresi. A causa del tram il semaforo davanti alla scuola ha il rosso che dura troppo e genitori e bambini si trovano a passare con il rosso. Vorrei che le strade fossero più sicure e pulite per i bambini Se avessi un parchetto pulito ci andrei se si mettono dei cestini per la spazzatura alla fermata del tram Sernaglia, così il parco rimane pulito! Bambini: I pericoli sono gli alberi perché le radici degli alberi fanno inciampare i bambini. I pericoli sono le mattonelle perché si può inciampare quando i bambini stanno correndo. I pericoli sono le biciclette. Un altro pericolo è la rampa: i bambini si aggrappano e possono anche cadere e farsi male. Il pericolo in giardino è che vicino alle radici dell albero, soprattutto quello vicino alla rampa, si può inciampare. Un altro problema è il recinto, perché ci sono le schegge. Il problema per me sono le biciclette che passano in mezzo tra bambini e genitori, si potrebbe migliorare. Un problema è la terra dentro il recinto perché fa polvere e non si respira bene. Mi piacerebbe intorno agli alberi aggiungere i fiori, delle aiuole, perché i fiori sono profumati e colorati. Vorrei piantare delle piante profumate come il timo, il rosmarino e pure il basilico. Io vorrei delle porte per giocare a pallone. Mi piacerebbe mettere delle aiuole senza rose, ortiche, ecc Mi piacerebbe mettere un posto sicuro privato per le biciclette. Vorrei cambiare la scuola rendendola più colorata. Mi piacerebbe cambiare il cortile: togliere le mattonelle grigie e mettere l erba, perché cadendo ci possiamo fare male. Io vorrei dei canestri per il basket e disegnare sulle mattonelle un campo da basket. Mi piacerebbe mettere delle bandierine alle finestre con su scritto viva la scuola. Vorrei che la rampa fosse meno ripida e rivestirei la ringhiera di una cosa morbida, toglierei le mattonelle e metterei la terra. Per me bisogna mettere dei fiori o dei sassolini bianchi intorno agli alberi. I bambini della III A: Camilla, Sofia, Giulio, Maicol, Ludovica, Chantal, Anisa, Anastasia, Sveva, Aurora, Tommaso, Marco, Raffaele, Tidiane, Davide, Mattia, Andrea, Chwin, Yucheng

8 LAVORI ED IDEE DEGLI ALUNNI classe 3A

9

Verbale della prima riunione gruppo di lavoro Task force Venezia, 28 novembre 2012, Sala consiliare Municipio di Mestre-Centro, Via Palazzo, 1

Verbale della prima riunione gruppo di lavoro Task force Venezia, 28 novembre 2012, Sala consiliare Municipio di Mestre-Centro, Via Palazzo, 1 Verbale della prima riunione gruppo di lavoro Task force Venezia, 28 novembre 2012, Sala consiliare Municipio di Mestre-Centro, Via Palazzo, 1 PROGETTO EUROPEO PUMAS PIANIFICAZIONE URBANA SOSTENIBILE NELL

Dettagli

CITTÀ AMICA DELL INFANZIA E ADOLESCENZA

CITTÀ AMICA DELL INFANZIA E ADOLESCENZA CITTÀ AMICA DELL INFANZIA E ADOLESCENZA COME RIPENSARE LA CITTÀ - PROGETTARE CON I BAMBINI Il Comitato provinciale UNICEF di Genova in collaborazione con l Ufficio Scolastico Provinciale del MIUR, la direzione

Dettagli

SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA

SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA ELEZIONE DEL 1 Qualora io venissi eletto, intendo proporre le seguenti 1) Abbellire la nostra scuola e costruire altre aule nuove. 2) Mettere più giochi per ragazzi

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti

Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti Progetto Europeo Pumas, La mia Scuola va in Classe A UN NUOVO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE Incontro di progettazione

Dettagli

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada;

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada; Percorso educativo Scuola Primaria BERSANI a.s. 2010-2011 Il VII Circolo Didattico di Forlì, di cui fa parte la scuola primaria Bersani, da almeno 5 anni lavora sulla tematica della mobilità sostenibile,

Dettagli

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI Anno Sc. 2006/ 07 Classe 4^ A Migliorare la scuola (giardino, fontana ) Ambiente a San Vito (verde, traffico, pulizia) Venire a scuola a piedi o in bicicletta

Dettagli

Fondazione Città della Speranza Dipartimento di Pediatria Scuola Elementare Statale: porte aperte per lezioni di Sicurezza ed Educazione Stradale

Fondazione Città della Speranza Dipartimento di Pediatria Scuola Elementare Statale: porte aperte per lezioni di Sicurezza ed Educazione Stradale PROGETTO: Fondazione Città della Speranza Dipartimento di Pediatria Scuola Elementare Statale: porte aperte per lezioni di Sicurezza ed Educazione Stradale Provincia di Padova Assessorato ai Trasporti

Dettagli

Il Comune di Ravenna a-

Il Comune di Ravenna a- "Sicurezza dei pedoni": ecco la risposta di Ravenna LA CAMPAGNA REGIONALE II Comune aderisce a "Nati per Camminare" e il sindaco scrive una lettera che verrà distribuita nelle scuole: "L'auto non deve

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino e l'azienda PROVINCIA DI TORINO Monitoraggio degli spostamenti casa scuola

Dettagli

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015 Convegno internazionale AUTONOMIA È SALUTE PESARO RO. A scuola ci andiamo da soli. un progetto partecipato per l autonomia dei bambini e la mobilità sostenibile arch. Paola Stolfa Roma - 23 novembre 2015

Dettagli

MOBILITA SOSTENIBILE

MOBILITA SOSTENIBILE MOBILITA SOSTENIBILE Itinerario: Andare a scuola senza macchina si può Strategie verso spostamenti in città più ecosostenibili, sociali e salutari Scuola L.Fisogni - Palazzolo Mettere un parcheggio di

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Gianluigi Trento I Piedibus di Bassano SSL-ERATE ESPERIENZE E PERCORSI DI SOSTENIBILITA URBANA Bassano del Grappa 29/04/2014 Che cosa è un Piedibus

Dettagli

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Ecosistema bambino 2009 dati comunali anni 2006-2007 - 2008 2 parte METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE Il ogni anno propone il progetto agli Istituti

Dettagli

Esempi di progetti educativi e didattici per la scuola primaria. Progetto ABICI del Comune di Venezia

Esempi di progetti educativi e didattici per la scuola primaria. Progetto ABICI del Comune di Venezia Esempi di progetti educativi e didattici per la scuola primaria Progetto ABICI del Comune di Venezia Il diritto alla strada di pedoni e ciclisti progetto di mobilità sostenibile È importante far comprendere

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Indice 1. INTRODUZIONE ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 1.1 Cos è il Gioco del Traffico 3 1.2 Perchè partecipare

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie.

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie. ATTIVITÁ E CONTENUTI GENITORI INCONTRO UNICO Incontro - dibattito tra le Istituzioni e i genitori finalizzato a sensibilizzare questi ultimi a comportamenti corretti e al rispetto delle norme del C.d.S..

Dettagli

VADEMECUM. per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi

VADEMECUM. per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi Comune di Caronno Pertusella PIÙ TEMPO ALLE DONNE E MOBILITÀ SOSTENIBILE PER UNA CITTÀ IN ARMONIA VADEMECUM per la sperimentazione del Piedibus per insegnanti a cura di Piera Ciceri e Monica Vercesi L

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

25 Maggio 2012 San Mauro Torinese

25 Maggio 2012 San Mauro Torinese CONOSCERE PER ABITARE: IO PARTECIPO ALLA CITTÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE ESITI PROGETTO PRESENTAZIONE ESITI PROGETTO 25 Maggio 2012 San Mauro Torinese Classe IV B Scuola primaria Giorgio Catti CONOSCERE

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

PROGETTO PERCORSI CASA-SCUOLA. 19 Novembre 2014 - GISday: scoprire il mondo attraverso il GIS

PROGETTO PERCORSI CASA-SCUOLA. 19 Novembre 2014 - GISday: scoprire il mondo attraverso il GIS PROGETTO PERCORSI CASA-SCUOLA 19 Novembre 2014 - GISday: scoprire il mondo attraverso il GIS Introduzione. Il progetto "Percorsi casa - scuola" è un progetto sperimentale per lo studio dell ambiente e

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

Questionario sugli Spostamenti Casa Lavoro

Questionario sugli Spostamenti Casa Lavoro Questionario sugli Spostamenti Casa Lavoro Perché occuparsi di Mobilità Sostenibile? L'azienda, nell'ambito iniziative di miglioramento della qualità ambientale, sta valutando di migliorare l'utilizzo

Dettagli

VERBALE RIUNIONE_bozza

VERBALE RIUNIONE_bozza Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti Progetto Europeo Pumas, La mia Scuola va in Classe A UN NUOVO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE Incontro di progettazione

Dettagli

L'accoglienza presso la Scuola dell infanzia di Via Mercadante 129

L'accoglienza presso la Scuola dell infanzia di Via Mercadante 129 Sezione speciale - L'atrio come spazio educativo L'accoglienza presso la Scuola dell infanzia di Via Mercadante 129 a cura di Enrica Rastello, Direttrice Didattica 1. Presentazione della scuola La scuola

Dettagli

Il viaggio di. Bianchina e Nerina

Il viaggio di. Bianchina e Nerina Il viaggio di Bianchina e Nerina Progetto realizzato da: Chiara Anichini, Giulia Palli. Scuole coinvolte: Istituto Comprensivo Marco Polo: Scuola Primaria C. Guasti, Scuola dell Infanzia Villa Charitas.

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici Costruzione questionario a cura del gruppo di lavoro

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Smart School Mobility

Smart School Mobility Direzione Centrale Cultura e Educazione ITER, Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile Laboratorio Città Sostenibile ITER MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Provincia di Torino

Dettagli

Campagna scuola La mia casa sull albero 2014-15. Marketing Operativo e Comunicazione

Campagna scuola La mia casa sull albero 2014-15. Marketing Operativo e Comunicazione Campagna scuola La mia casa sull albero 2014-15 Marketing Operativo e Comunicazione La Mia Casa sull Albero La mia casa sull albero è un iniziativa di Alleanza rivolta alle scuole primarie, nata in collaborazione

Dettagli

6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE 6 ISTITUTO COMPRENSIVO PADOVA Scuola Primaria Elsa Morante Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Classi coinvolte: 1-2 - 3-4 - 5 Docente che coordina il progetto: Galesso Daniela-

Dettagli

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 33 DEL 28/11/2014 IL SINDACO (Alberto PILLONI) IL SEGRETARIO COMUNALE (DOTT.SSA Valentina MARVALDI) INDICE

Dettagli

Attività VADO A SCUOLA DA SOLO 2005/06

Attività VADO A SCUOLA DA SOLO 2005/06 Attività VADO A SCUOLA DA SOLO 2005/06 Maggio 2006 Nella nostra scuola con VADO A SCUOLA DA SOLO si intendono tre iniziative tra loro coordinate che di seguito vengono spiegate: A - PEDIBUS percorso casa

Dettagli

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO STRADA.. COME VIVERLA IN SICUREZZA EDUCAZIONE STRADALE PER LA SCUOLA MATERNA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COPIA IN PROPRIO UFFICIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MORETTA

Dettagli

L esperienza di Cento Progetto sulla Sicurezza Stradale Amici della Strada

L esperienza di Cento Progetto sulla Sicurezza Stradale Amici della Strada Forum P.A. 17/20 maggio 2010 Roma L esperienza di Cento Progetto sulla Sicurezza Stradale Comune di Cento D.ssa Silva Rossi Ispettore capo Polizia Municipale Cento La fascia di età della scuola primaria,

Dettagli

Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Soggetti Coinvolti Alunni Scuola Primaria delle classi 4^ 5^ dei plessi di San Vito, Ligugnana e Prodolone per un totale di 12 classi e

Dettagli

QUAL E IL TUO MOTIVO?

QUAL E IL TUO MOTIVO? AVVICINARE NUOVE SCUOLE: Perché farlo? QUAL E IL TUO MOTIVO? hai un candidato proveniente da una scuola che non ci conosce c è una famiglia ospitante che abita vicino ad una scuola che sarebbe proprio

Dettagli

AIIDA Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento

AIIDA Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento INDIVIDUARE PER PREVENIRE E INTERVENIRE PROGETTO PER LA PREVENZIONE E VALUTAZIONE PRECOCE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA DELLE DIFFICOLTA

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO - PROGETTO PEDIBUS 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO PROGETTO PEDIBUS

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO - PROGETTO PEDIBUS 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLORBA-POVEGLIANO PROGETTO PEDIBUS PER FARE MOVIMENTO ESPLORARE IL TERRITORIO DIMINUIRE IL TRAFFICO E L INQUINAMENTO INSIEME IN ALLEGRIA BAMBINI PIÙ CONTENTI E SICURI DI SÈ UN BUON ESEMPIO PER TUTTI SVEGLIARSI E ARRIVARE BELLI VISPI A SCUOLA!

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Bimbimbici, una proposta concreta: a scuola in bicicletta

Bimbimbici, una proposta concreta: a scuola in bicicletta Bimbimbici, una proposta concreta: a scuola in bicicletta Fabio Masotti referente FIAB per Bimbimbici Amici Fabio Masotti - Bimbimbici 1 Mobilità Enrico Prevedello Fiab MI 2a/I Intermodalità Massimiliano

Dettagli

LEGAMBIENTE TORINO CIRCOLO ECOPOLIS. Pedibus. azioni per una città a misura dei bambini

LEGAMBIENTE TORINO CIRCOLO ECOPOLIS. Pedibus. azioni per una città a misura dei bambini Pedibus azioni per una città a misura dei bambini Contesto Il progetto si inserisce nella famiglia piu ampia dei progetti che mirano a migliorare la qualità della vita nelle città e si concentra sulla

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE www.fantavolando.it PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE MOTIVAZIONE: La motivazione che sta alla base della realizzazione di un progetto

Dettagli

PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA PROMOZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO

PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA PROMOZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA PROMOZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO CITTA DI PADERNO DUGNANO Report Fase n.1 "Emersione del Bisogno" A cura di ABCittà società cooperativa sociale ONLUS Via Pinamonte

Dettagli

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film:

Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: Tra le varie attività proposte sul tema dell acqua c è stata anche la visione di un film: La prima richiesta fatta ai bambini è stata di indicare quali film conoscevano che raccontassero storie ambientate

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Strade + belle e sicure. Progetto di educazione ambientale/educazione stradale nelle scuole della provincia di Torino

Strade + belle e sicure. Progetto di educazione ambientale/educazione stradale nelle scuole della provincia di Torino Strade + belle e sicure Progetto di educazione ambientale/educazione stradale nelle scuole della provincia di Torino La città brutta e disgregata è incubatrice di violenza, di conflitti, di sofferenze.

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici I Incontro di ascolto in Zona 3 presso Circolo ACLI Milan Noeuva, via Pascoli 4 22 luglio 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici I Incontro di ascolto in Zona 3 presso Circolo ACLI Milan Noeuva, via Pascoli 4 22 luglio 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici I Incontro di ascolto in Zona 3 presso Circolo ACLI Milan Noeuva, via Pascoli 4 22 luglio 2015 All incontro hanno partecipato 40 persone registrate (più alcuni

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

GIULIO VALESINI FUORI CAMPO

GIULIO VALESINI FUORI CAMPO BIKE TO WORK Di Giulio Valesini FUORI CAMPO Se andate a lavoro in bicicletta il comune vi paga. L ha proposto ai suoi cittadini il sindaco di Massarosa. Un paese in provincia di Lucca, che indossa di diritto

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità

PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità Programma delle attività finalizzate alla celebrazione della Giornata Regionale sulla Legalità Finalità L iniziativa promossa dalla Regione Abruzzo è finalizzata

Dettagli

CONTENUTI Lettura di brevi racconti, lettura espressiva, creazione di disegni, brevi recite e animazioni.

CONTENUTI Lettura di brevi racconti, lettura espressiva, creazione di disegni, brevi recite e animazioni. Titolo del progetto: Leggere prima di leggere Scuola: Istituto Pluricomprensivo di Laives- Scuola primaria M. Gandhi - Tutte le classi I e V della scuola primaria Gli alunni, gli insegnanti delle classi

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI Cartella: L esperienza del contare Attività: CONTIAMO I FAGIOLI www.quadernoaquadretti.it Attività testata da Martina Carola (Gruppo di ricerca sulla scuola primaria del Seminario di Didattica della Matematica

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Attività Descrizione Materiali utilizzati

Attività Descrizione Materiali utilizzati Voglio un(a) Prato per giocare: ragazzina, colorata e accogliente Percorso di pianificazione partecipata e comunicativa per la definizione di linee guida per il nuovo Piano Strutturale del Comune di Prato

Dettagli

Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze novembre 2006 SCUOLA PRIMARIA MANZONI

Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze novembre 2006 SCUOLA PRIMARIA MANZONI Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze CITTÀ verde Più natura in città La città di Paderno Dugnano me la immagino con nuovi parchi, con molti alberi e molto

Dettagli

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO Raccolta dei dati sulla mobilità scolastica Gli obiettivi della raccolta dei dati sulla mobilità

Dettagli

IL VALORE DELLA SICUREZZA

IL VALORE DELLA SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO D. ALIGHIERI Via Meucci n 2 tel. 041/437063 fax 041/5746101 Cod. fisc.: 82011960273 SALZANO -VE www.istitutocomprensivosalzano.it PROGETTO IL VALORE DELLA SICUREZZA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

LA SCUOLA SI-CURA SI CURA DI ME!

LA SCUOLA SI-CURA SI CURA DI ME! SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA REATINA PERCORSO DIDATTICO SICUREZZA NELLA SCUOLA LA SCUOLA SI-CURA SI CURA DI ME! Anno scolastico 2014 2015. Il ruolo educativo e formativo della Scuola

Dettagli

L esperienza della. quando Una città è a misura di bambino? Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

L esperienza della. quando Una città è a misura di bambino? Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L esperienza della progettazione partecipata della ludoteca di Cortona ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Luca Signorelli La ludoteca di cortona Lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 16:00 alle 19:00. Luogo

Dettagli

In bici ci piace! Percorso di educazione stradale e alla mobilità sostenibile per la scuola primaria

In bici ci piace! Percorso di educazione stradale e alla mobilità sostenibile per la scuola primaria Ciclobby onlus Via P Borsieri, 4/E 20159 Milano Tel e Fax 02-69311624 wwwciclobbyit segreteria@ciclobbyit amministrazione@ciclobbyit In bici ci piace! Percorso di educazione stradale e alla mobilità sostenibile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO P.O.F. 2013-2014 TITOLO I docenti dell Istituto Comprensivo, in base alle disposizioni dell art. 230

Dettagli

C I T T A DIN I. ( Percorsi educativi per una città vivibile)

C I T T A DIN I. ( Percorsi educativi per una città vivibile) A P P R E N D I S T I C I T T A DIN I ( Percorsi educativi per una città vivibile) Le virtù le acquistiamo esercitando prima le opere.diventiamo giusti facendo cose giuste, temperanti facendo cose temperate,

Dettagli

Linee guida per un Piano di mobilità alternativa

Linee guida per un Piano di mobilità alternativa Linee guida per un Piano di mobilità alternativa Ambito culturale I) Coinvolgere i genitori con una sensibilizzazione ecologica (meno auto e meno inquinamento) e per una maggiore autonomia dei figli (più

Dettagli

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI

PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA SCUOLA LICEO SCIENTIFICO E ARTISTICO A. SERPIERI ISTITUTO PROFESSIONALE L.EINAUDI Il Progetto Il progetto nasce dalla necessità di riflettere e stimolare la coscienza dei ragazzi più giovani, sulle problematiche ambientali: l ambiente naturale e materiale (cioè modificato dai bisogni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Unità di Lavoro su GRUPPO. Direzione Didattica Russo Milano Classe II A docente Giulia Cipolla

Unità di Lavoro su GRUPPO. Direzione Didattica Russo Milano Classe II A docente Giulia Cipolla Unità di Lavoro su GRUPPO Direzione Didattica Russo Milano Classe II A docente Giulia Cipolla MAPPA CONCETTUALE TRIBÙ insieme di CLAN insieme di FAMIGLIE GRUPPO organizzato variabile nel TEMPO SPAZIO generato

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

Progetto di Continuità Educativa Nido Scuola dell Infanzia. Rametto Carletto

Progetto di Continuità Educativa Nido Scuola dell Infanzia. Rametto Carletto Progetto di Continuità Educativa Nido Scuola dell Infanzia Rametto Carletto Anno educativo 2015 2016 Le esperienze sono mattoncini che formano le fondamenta della tua casa dove costruirai non solo i muri,

Dettagli

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016

Con il patrocinio di. Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Con il patrocinio di Proposte didattiche di EDUCAZIONE ALLA SOSTENIBILTA per le Scuole dell Infanzia, A.S. 2015 2016 Gentile insegnante, anche per il presente anno scolastico il Centro di Educazione alla

Dettagli

ADEMPIMENTI DI FINE CORSO

ADEMPIMENTI DI FINE CORSO LA LINGUA COME STRUMENTO DI SCAMBIO a.sc. 2004-05 ADEMPIMENTI DI FINE CORSO SOMMARIO 1. Criteri per le prove di valutazione finale: pag. 2 Proposte test uscita di D.Lorenzetti 2. Scheda di valutazione

Dettagli

Manuale Employee Branding

Manuale Employee Branding Manuale Employee Branding Come coinvolgere i colleghi, per una azione di successo sui social media Luglio 2014 1 Indice 1. A COSA SERVE QUESTO MANUALE... 3 2. INSIEME SUI SOCIAL MEDIA... 3 3. INIZIAMO

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

INSEGNANTE NORMALE. mi devo occupare in prima persona e nella mia attività di alunni disabili

INSEGNANTE NORMALE. mi devo occupare in prima persona e nella mia attività di alunni disabili INSEGNANTE NORMALE mi devo occupare in prima persona e nella mia attività di alunni disabili il mio mestiere è condurre e favorire apprendimento, crescita e autonomia, attraverso opportune mediazioni didattiche,

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli