Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti"

Transcript

1 Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti Progetto Europeo Pumas, La mia Scuola va in Classe A UN NUOVO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE Incontro di progettazione partecipata, SCUOLA BATTISTI- 20 ottobre 2014, ore 16: VERBALE RIUNIONE Presenti : Roberto Di Bussolo Federica Del Piccolo Stefano Bassan Vera Piovesan Paola Masuelli Elisa Conchetto Marina Artico Serena Ferretti Pietro Coldel Angela Milanese Arianna Baldan Giuseppe Carrari Tania Arcangeli Comune di Venezia, Direzione Mobilità e Trasporti, Resp. Serv. Mob. Sostenibile Comune di Venezia, Direzione Mobilità e Trasporti, progetto PUMAS Gruppo Pianificatori _Progetto PUMAS Gruppo Pianificatori e Facilitatori_Progetto PUMAS (rappr. Legambiente) Gruppo Facilitatori_Progetto PUMAS Genitore, Scuola elementare Battisti (Consiglio Istituto)- Mestre Genitore, Scuola elementare Battisti (rappresentante genitori)- Mestre

2 Micaela Pinzoni Sabrina Biasetto Sara Bellia Eliana Greco Roberto Sinibaldi Tatiana Nazarenco Marina Rossi Genitore/Docente, Scuola elementare Battisti- Mestre, Europrogettista Genitore/Docente, Scuola elementare Battisti- Mestre Docente REFERENTE PUMAS, Scuola elementare Battisti- Mestre VERBALE: BATTISTI incontro progettazione partecipata 20 ottobre 2014 Apertura dell incontro ore 16:30 Presentazioni e motivo della presenza - ci sono genitori che sono venuti all incontro perché i figli avevano fatto il Safari l anno scorso e sono ancora entusiasti, altri perché l insegnante della classe è coinvolta nel progetto e ha dato rilievo all incontro, altri ancora sono genitori di bambini di prima elementare, non sapevano nulla del pregresso del progetto ma hanno ricevuto l invito e hanno deciso di partecipare. [nota di Paola Masuelli: è interessante il discorso dei genitori di prima e seconda elementare, spesso sono quelli più attenti ai discorsi educativi (vengono dal nido e dalla materna, scuole in cui l obiettivo educativo è preponderante) e in più non hanno ancora abitudini di mobilità consolidate nell andare a scuola. Con loro si dovrebbe chiedere di intervenire alla Direzione Didattica all inizio del primo anno proponendo buone pratiche e aiutando i genitori a svilupparle]. Spiegazione di quanto emerso dai questionari somministrati alla scuola l anno precedente e dall attività di Safari condotta dai bambini. Analisi e condivisione delle principali criticità emerse. Divisione in due gruppi di discussione, uno si occuperà maggiormente del nodo dello spazio di ingresso e uscita da scuola, l altro delle tematiche legate all autonomia e all analisi del funzionamento del Pedibus scolastico. Un piccolo gruppo di bambini, Chiara, Maria Sole, Andrea e Andrej (?), che sono venuti con i genitori inizia a disegnare e a pensare a come arrivare a scuola evitando i ciclisti e a come vorrebbe il cortile interno alla scuola. GRUPPO 1 Formato da: Sinibaldi, Arcangeli, Ferretti, Milanese, Baldan, Pinzoni - referente Tania Arcangeli. 1) NODO INGRESSO/USCITA DA SCUOLA CAUSE/MOTIVAZIONI che generano la criticità: 1) mancanza di educazione da parte di ciclisti e pedoni; 2) mancanza di segnaletica; 3) radici affioranti (sia su Via Dante che su Via Cappuccina) PROPOSTE 1) posa dissuasori di velocità e/o semaforo lampeggiante; 2) presenza di un ausiliario del traffico; 3) porre una panchina lineare per delimitare l area pedonale sull ingresso di Via Dante dalla pista ciclabile, oppure trovare un altro elemento per indurre i ciclisti a rallentare. COSA POSSIAMO FARE? 1) La scuola: programmare corsi di educazione stradale per tutte le classi; 2) Il Comune ascoltare e ragionare sulle nostre proposte;

3 DISCUSSIONE IN PLENARIA: Chiara propone il suo disegno con una passerella per i bambini che evitano così i ciclisti che possono passare indisturbati sotto. I genitori chiedono la posa di dissuasori di velocità o altri elementi per indurre i ciclisti a rallentare, queste proposte saranno al vaglio dell Ufficio Tecnico. Così come la proposta al Settore Politiche Educative di eventualmente promuovere nelle scuole corsi di Educazione Stradale in accordo con la Polizia Urbana. Nella proposta questi corsi vorrebbero essere sia per bambini che per genitori, in modo da aiutare entrambi a superare ansie e desideri di autonomia in modo sereno ed efficace. A oggi è presente (Vigili d Argento) un ausiliario del traffico, ma non sostituito se assente per malattia. RDB: la presenza dei Vigili D Argento è un costo notevole per l Amministrazione (questa Associazione senza scopo di lucro costa più di anno) per questo probabilmente si cercherà di spendere diversamente i fondi, visto che impatta su poche scuole. Comunque è un servizio virtuoso che questo progetto vorrebbe provare a sostituire con alternative magari più autonome: genitore o nonno volontari che si turnano oppure porre una sagoma che risolve problema su pista ciclabile in ingresso e uscita. (Comunque ci vorrebbero dei volontari per piazzarla ogni giorno). Si possono trovare diverse strategie tra amministrazione e comunità scolastica. 2)INCROCIO VIA DANTE/VIA CAVALLOTTI PERICOLOSO CAUSE/MOTIVAZIONI che generano la criticità: 1) problemi di visibilità e non rispetto della segnaletica; 2) mancanza di una segnaletica evidente; 3) la presenza delle chicane di Via Cavallotti fa si che i ciclisti le evitino passando sul marciapiede; 4) l attraversamento pedonale è troppo distante e i pedoni vanno su quello ciclabile. PROPOSTE 1) presenza di un ausiliario del traffico tra Via Cavallotti e Via Piave ; 2) un Vigile che multa ciclisti che hanno comportamenti scorretti (incrocio con semaforo e vanno su marciapiede ad alta velocità facendo slalom fra i bambini COSA POSSIAMO FARE? 3) I Genitori: creare gruppi di bambini per andare a scuola insieme; 4) la Scuola: disporre una bacheca, anche elettronica per far incontrare e conoscere i genitori che abitano vicini e aiutarli a formare dei gruppi; ci deve essere rete di collaborazione delle maestre. DISCUSSIONE IN PLENARIA Il Comune potrebbe segnalare al Comando di Polizia Municipale la necessità di prevedere anche saltuariamente la presenza di un Vigile. Si chiede che si pensino tra le soluzioni tecniche possibili di valutare la posa di dissuasori di velocità per la pista ciclabile e soluzioni che rendano più visibile la zona d ingresso. La segnalazione a terra presente andrebbe bene, ma il rosso su nero non è visibile. Per evitare che i bambini invece invadano la pista ciclabile si potrebbe porre una barriera lineare sul marciapiede. 3) CORTILE SCOLASTICO CAUSE/MOTIVAZIONI che generano la criticità: 1) pavimento dissestato; 2) muri fatiscenti. PROPOSTE 1) panchine intorno agli alberi; 2) realizzazione di un orto; 3) colorare i muri interni al cortile scolastico con l aiuto di writers; 4) utilizzare gli alberi come riferimento per le classi in uscita; 5) addobbare e personalizzare gli alberi per classe;

4 6) utilizzare il cortile come luogo di ritrovo (cinema all aperto; spettacoli ); 7) aggiungere portabici; 8) porre una tettoia lungo il lato delle uscite COSA POSSIAMO FARE? 1) I Genitori possono collaborare all abbellimento del cortile; 2) Le maestre dovranno collaborare accompagnando gli alunni sotto l albero. DISCUSSIONE IN PLENARIA: Maria Sole propone una casetta sull albero, per creare un giardino e dei rifugi socializzanti per bambini nel cortile. Andrea propone tanta terra vera, anche con i vermi dentro, e alberi e casette sugli alberi dove arrampicarsi. Non più mattonelle. Andrej propone una lunga panca Sali e scendi per sdraiarsi comodi in tanti. Rispetto alla proposta della posa di tettoie RDB fa presente che le soluzioni che prevedono le tettoie sono ad alto costo, a fronte di un effetto relativo, pertanto non possono essere prese in considerazione dall Ufficio Tecnico. Il Comune ragionerà sulle soluzioni proposte, sia per quanto riguarda la realizzazione entro dicembre di una piccola opera low-cost con i finanziamenti europei del Progetto PUMAS, sia con l inserimento nel Piano di Mobilità. PM: uno degli obiettivi del Comune sarà quello di iniziare a creare le basi per un dialogo inter-assessorile, visto che le opere proposte riguardano sempre più Settori (Verde, Edilizia,Mobilità, Politiche Educative ).

5 GRUPPO 2 Formato da: Coldel, Rossi, Greco, Artico, Carrari, Conchetto, Biasietto. AUTONOMIA DEI BAMBINI E PEDIBUS: COME ARRIVARE A SCUOLA? CAUSE/MOTIVAZIONI che generano la criticità: 1) È un servizio completamente a carico dei genitori; 2) Ci sono poche fermate, poche tappe; 3) Per alcuni bisogna essere alla fermata alle 7.35 (faticosissimo) mentre se il percorso fosse più lineare per chi arriva da lì basterebbe PROPOSTE 1) accordo/patto con la Scuola: protocolli di comportamento; 2) mettere in contatto i genitori; 3) mettere in sicurezza i passaggi pedonali dove non ci sono semafori; 4) migliorare la pulizia con l intervento di Veritas 5) modificare/migliorare il Pedibus: cambiare nome, tragitti, mezzo di trasporto (forse la bicicletta?) 6) fornire la scuola di armadietti per gli alunni per riporre casco bici e stivali da pioggia 7) implementare gli stalli 8) istituzione del Negozio Amico COSA POSSIAMO FARE? 3) I Genitori: mettere in contatto, creare una rete tra genitori (con una mailing-list, attraverso il passaparola?...); capire perché molte famiglie non partecipano al Pedibus (quali sono le problematiche?) 4) La Scuola potrebbe legare la Didattica al Progetto di Mobilità Sostenibile. DISCUSSIONE IN PLENARIA: Il problema della pulizia delle strade potrebbe essere messo in rete con delle iniziative di sensibilizzazione e azione già presenti come per esempio Puliamo il Mondo promossa da Legambiente. Il problema di via Salettuol (vicolo via Ariosto-via Felisati) è differente poiché è legato alla presenza di tossicodipendenti e quindi di siringhe è un punto molto pericoloso per i bambini. [PROPOSTA di Paola Masuelli: si potrebbe proporre una campagna di comunicazione pensata dai bambini per i tossicodipendenti. Tipo: so che stai male, ma non fare male a me ti lascio qui i riferimenti di dove potresti rivolgerti per provare a stare meglio. E un disegno colorato per tirarti su! Esempio di cittadinanza attiva] Piace molto l idea di un itinerario che passi vicino a dei negozi amici. PM: perché il discorso dei Negozi Amici funzioni bisogna istituire un protocollo d intesa tra tutti i soggetti interessati (Le associazioni dei Commercianti, il Comune, La Scuola (bambini e genitori) in modo da definire il servizio che diventa un abitudine di città). Anche il simbolo, così come tutta la comunicazione, dovrebbe essere chiaro e riconoscibile, unico per tutti. Ci vuole una rete costruita e mantenuta nel tempo. Potrebbe essere interessante proporre un bici-bus, ai bambini il Bike to School è piaciuto molto, per loro venire in bici è una bella avventura. Forse tante famiglie non partecipano perché avendo 2 figli il più piccolo che va alla materna rimane fuori. Si potrebbero includere nel progetto pedibus, incentivandolo anche nella scuola dell infanzia. MASUELLI: ci si aggiornerà a breve, il materiale di quanto ci siamo detti stasera sarà restituito alla scuola in modo che sia consultabile dagli altri genitori. Una piccola cifra, all interno del finanziamento europeo PUMAS, è destinata a piccoli interventi low-cost, verranno valutate la fattibilità degli interventi proposti oggi. Un secondo incontro restituirà alla comunità i ragionamenti fatti dall Ufficio Tecnico.

6 RDB: spiega gli obiettivi a lungo termine del progetto sulla Mobilità Sostenibile: creare collegamento tra comunità scolastica in maniera continuativa. Il Piano che verrà approvato avrà un orizzonte temporale di 10 anni. Le scuole che si impegneranno maggiormente avranno un premio, in modo da non dare più piccoli finanziamenti a pioggia, risultati spesso inefficaci, ma dei finanziamenti mirati alle comunità scolastiche che li faranno rendere. Una sorta di patto tra ente pubblico e comunità scolastica. Sarà necessario avere un gruppo di referenti, una sorta di Task Force scolastica, un gruppo di lavoro composto oltre che dalla Dirigenza Scolastica da 2 insegnanti e 2 genitori. Stiamo lavorando per creare le condizioni che permettano la realizzazione di un Ufficio Mobilità Scolastica con cui le diverse Task Force scolastiche possano dialogare. L Ufficio avrà poi il compito di contattare le diverse Direzioni Comunali coinvolte (Dir Verde pubblico, dell Edilizia scolastica, dei Vigili Urbani) e segnalare il problema. CARRARI Giuseppe (Genitore e rappresentante Consiglio d Istituto): fa notare che queste informazioni relative al Progetto PUMAS non sono state segnalate al Consiglio d Istituto. PM questa è una azione importante a carico della scuola che deve diventare una proposta da inserire nel protocollo d intesa. Nell accordo tra le parti tutti gli organi collegiali si dovranno impegnare a diffondere il piano. I genitori riflettono sull importanza di instaurare un dialogo con Consiglio di Istituto che poi attraverso la sua mailing list diffonda a tutti i rappresentanti di classe le informazioni. RDB fa notare che il Progetto PUMAS era stato fatto inserire nel POF della Scuola. Dal momento in cui c è l inserimento nel POF ci si aspetta anche inserimento nell odg delle riunioni del Consiglio d Istituto. Precisa inoltre che le opere saranno decise da e solo dalla Comunità scolastica, in base alla fattibilità e al costo delle proposte che saranno vagliate dai tecnici. CARRARI Giuseppe - Genitore: si impegna a presentare al prossimo Consiglio il Progetto PUMAS i contenuti e i prossimi passi ed incontri. Il Consiglio sarà a breve primi di Novembre, data da comunicare. Dovrebbe invitare formalmente RDB al Consiglio d Istituto per presentare il progetto PUMAS da questa fase in poi. Provvederà a chiamare tutti i nuovi rappresentanti di classe alla prossima riunione in cui saranno ripresentate le proposte. PM: A breve ci si riunirà con le proposte elaborate dall Ufficio Tecnico. Via mail sarà comunicata la data. Chiusura dell incontro ore 19:00.

7 CASSETTA DEI SUGGERIMENTI: Adulti: togliere le panchine da Piazzale Baiuzza. Servirebbe una pista ciclabile fatta bene in Via Piave (per poter raggiungere la scuola in sicurezza) Il semaforo di Via Cappuccina: il rosso dura troppo a lungo a causa del tram e tutti passano con il rosso, bambini compresi. A causa del tram il semaforo davanti alla scuola ha il rosso che dura troppo e genitori e bambini si trovano a passare con il rosso. Vorrei che le strade fossero più sicure e pulite per i bambini Se avessi un parchetto pulito ci andrei se si mettono dei cestini per la spazzatura alla fermata del tram Sernaglia, così il parco rimane pulito! Bambini: I pericoli sono gli alberi perché le radici degli alberi fanno inciampare i bambini. I pericoli sono le mattonelle perché si può inciampare quando i bambini stanno correndo. I pericoli sono le biciclette. Un altro pericolo è la rampa: i bambini si aggrappano e possono anche cadere e farsi male. Il pericolo in giardino è che vicino alle radici dell albero, soprattutto quello vicino alla rampa, si può inciampare. Un altro problema è il recinto, perché ci sono le schegge. Il problema per me sono le biciclette che passano in mezzo tra bambini e genitori, si potrebbe migliorare. Un problema è la terra dentro il recinto perché fa polvere e non si respira bene. Mi piacerebbe intorno agli alberi aggiungere i fiori, delle aiuole, perché i fiori sono profumati e colorati. Vorrei piantare delle piante profumate come il timo, il rosmarino e pure il basilico. Io vorrei delle porte per giocare a pallone. Mi piacerebbe mettere delle aiuole senza rose, ortiche, ecc Mi piacerebbe mettere un posto sicuro privato per le biciclette. Vorrei cambiare la scuola rendendola più colorata. Mi piacerebbe cambiare il cortile: togliere le mattonelle grigie e mettere l erba, perché cadendo ci possiamo fare male. Io vorrei dei canestri per il basket e disegnare sulle mattonelle un campo da basket. Mi piacerebbe mettere delle bandierine alle finestre con su scritto viva la scuola. Vorrei che la rampa fosse meno ripida e rivestirei la ringhiera di una cosa morbida, toglierei le mattonelle e metterei la terra. Per me bisogna mettere dei fiori o dei sassolini bianchi intorno agli alberi. I bambini della III A: Camilla, Sofia, Giulio, Maicol, Ludovica, Chantal, Anisa, Anastasia, Sveva, Aurora, Tommaso, Marco, Raffaele, Tidiane, Davide, Mattia, Andrea, Chwin, Yucheng

8 LAVORI ED IDEE DEGLI ALUNNI classe 3A

9

Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti

Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti Direzione Politiche Territoriali Direzione Mobilità e Trasporti Progetto Europeo Pumas, La mia Scuola va in Classe A UN NUOVO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE Incontro di progettazione

Dettagli

Verbale della prima riunione gruppo di lavoro Task force Venezia, 28 novembre 2012, Sala consiliare Municipio di Mestre-Centro, Via Palazzo, 1

Verbale della prima riunione gruppo di lavoro Task force Venezia, 28 novembre 2012, Sala consiliare Municipio di Mestre-Centro, Via Palazzo, 1 Verbale della prima riunione gruppo di lavoro Task force Venezia, 28 novembre 2012, Sala consiliare Municipio di Mestre-Centro, Via Palazzo, 1 PROGETTO EUROPEO PUMAS PIANIFICAZIONE URBANA SOSTENIBILE NELL

Dettagli

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino e l'azienda PROVINCIA DI TORINO Monitoraggio degli spostamenti casa scuola

Dettagli

Fondazione Città della Speranza Dipartimento di Pediatria Scuola Elementare Statale: porte aperte per lezioni di Sicurezza ed Educazione Stradale

Fondazione Città della Speranza Dipartimento di Pediatria Scuola Elementare Statale: porte aperte per lezioni di Sicurezza ed Educazione Stradale PROGETTO: Fondazione Città della Speranza Dipartimento di Pediatria Scuola Elementare Statale: porte aperte per lezioni di Sicurezza ed Educazione Stradale Provincia di Padova Assessorato ai Trasporti

Dettagli

Tavolo: VERDE URBANO

Tavolo: VERDE URBANO Contributi dai cittadini Tavolo: VERDE URBANO 24 0 5 Più verde in città a) Preservare e Aumentare il Verde comune in città. b) Se un albero va tagliato per qualunque motivo automaticamente se ne pianta

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO

A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO Il progetto A SCUOLA CON GLI AMICI PERCORSI SICURI A PIEDI E IN BICI A MILANO (finanziato con Fondi Legge 285/97) Soggetto proponente Comune di Milano Enti Attuatori Arciragazzi e MeglioMilano in collaborazione

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

Smart School Mobility

Smart School Mobility Direzione Centrale Cultura e Educazione ITER, Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile Laboratorio Città Sostenibile ITER MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Provincia di Torino

Dettagli

Oggetto: verso una città sostenibile dei bambini e delle bambine strade per bambini, strade per tutti

Oggetto: verso una città sostenibile dei bambini e delle bambine strade per bambini, strade per tutti Alla cortese attenzione - del Sindaco, la d.ssa Annamaria Morelli - dell Assessore alla cultura e pubblica istruzione, la d.ssa Perlita Serra - e.p.c. al dirigente scolastico, la d.ssa Daniela Carminati

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici Costruzione questionario a cura del gruppo di lavoro

Dettagli

scuola secondaria di primo grado.

scuola secondaria di primo grado. Progetto di Educazione Stradale rivolto alle scuole : dell infanzia; primaria; scuola secondaria di primo grado. 1 PREMESSA La legge n. 53/03 riconosce alla Scuola Primaria il compito di promuovere lo

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO RAGAZZI IN GAMBA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO +MOVIMENTO TV = OK! SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO Laboratorio sperimentale per la ricerca di una maggiore consapevolezza e conoscenza

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore PROGETTO PIEDIBUS Io vado a piedibus ad Arcore PREMESSA Il progetto vuole inserirsi nella famiglia dei progetti che mirano a migliorare la qualità della vita nelle nostre città attraverso la mobilità sostenibile

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

In bici ci piace! Percorso di educazione stradale e alla mobilità sostenibile per la scuola primaria

In bici ci piace! Percorso di educazione stradale e alla mobilità sostenibile per la scuola primaria Ciclobby onlus Via P Borsieri, 4/E 20159 Milano Tel e Fax 02-69311624 wwwciclobbyit segreteria@ciclobbyit amministrazione@ciclobbyit In bici ci piace! Percorso di educazione stradale e alla mobilità sostenibile

Dettagli

PROGETTO. Metodologia

PROGETTO. Metodologia Il plesso della scuola dell infanzia statale Aquilone, appartenente all Istituto Comprensivo S. Lucia di Bergamo si trova in una zona verde e tranquilla di un quartiere ai margini della città. La scuola,

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

TOTALE 2010 STATO AVANZAMENTO ATTIVITA' E SEGNALAZIONI

TOTALE 2010 STATO AVANZAMENTO ATTIVITA' E SEGNALAZIONI Miglioramento del Parco di Via Magenta. Chiesto un tavolo con panca. Risposta Assessore ai Lavori Pubblici. Entro febbraio ottenuta la messa in opera. 1 Segnalazione di buche in numerose vie del Quartiere

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30.

Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30. COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30. Il giorno 27 febbraio 2012, alle ore 9.30, presso la sala

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI

PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI 1 PREMESSE OBIETTIVI ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI CONVOLTI PERCORSI PIEDIBUS REGOLAMENTO ALLEGATO 2 PREMESSE Il piedibus è un autobus

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA PROMOZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO

PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA PROMOZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA PROMOZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO CITTA DI PADERNO DUGNANO Report Fase n.1 "Emersione del Bisogno" A cura di ABCittà società cooperativa sociale ONLUS Via Pinamonte

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO. Miglioramento continuo

PIANO DI MIGLIORAMENTO. Miglioramento continuo PIANO DI MIGLIORAMENTO Miglioramento continuo Scuola Sec. Primo grado Materdona-Moro Di Mesagne (BR) BRMM06500N RESPONSABILE : Anna Maria Pagano GRUPPO DI MIGLIORAMENTO: Agnese Gallo Roberto Guadalupi

Dettagli

Il bambino come parametro di una migliore qualità di vita delle città.

Il bambino come parametro di una migliore qualità di vita delle città. Presentation at the Governing Sustainable Cities Conference 4-5 November 2004, Fano, Italy Il bambino come parametro di una migliore qualità di vita delle città. Il laboratorio Città dei bambini, nato

Dettagli

Progetto cofinziato dall Unione Europea. I Forum tematico. Progetto I.MO.S.M.I.D. Documento di lavoro REPORT. Martedì 26 luglio 2011.

Progetto cofinziato dall Unione Europea. I Forum tematico. Progetto I.MO.S.M.I.D. Documento di lavoro REPORT. Martedì 26 luglio 2011. Progetto cofinziato dall Unione Europea I Forum tematico Progetto I.MO.S.M.I.D. Documento di lavoro REPORT Martedì 26 luglio 2011 Correggio I partecipanti L agenda dell incontro Simone Aristarchi Comune

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Sicuri e indipendenti upi Ufficio prevenzione infortuni Percorsi a misura di bambino, educazione stradale, pattugliatori scolastici, conducenti attenti e responsabili e

Dettagli

normativa in materia di

normativa in materia di Proposte di modifica normativa in materia di mobilità ciclistica Ing. Enrico Chiarini Coordinatore Area Tecnica FIAB Ing. Enrico Chiarini Proposte di modifica normativa in materia di mobilità ciclistica

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

A SCUOLA DA SOLI. Progetto di educazione alla mobilità sostenibile I risultati del questionario

A SCUOLA DA SOLI. Progetto di educazione alla mobilità sostenibile I risultati del questionario A SCUOLA DA SOLI Progetto di educazione alla mobilità sostenibile I risultati del questionario Il questionario A Scuola Da Soli è stato distribuito durante l'anno scolastico 2003/2004 agli studenti di

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013. Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013

Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013. Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013 Prot. n. 17968 Treviso, 8 febbraio 2013 Concorso La scuola va in città: - CO 2 + Allegria, a.s. 2012/2013 La mobilità nelle città è un tema cruciale che si è imposto con forza all attenzione dell opinione

Dettagli

PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO

PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO RELAZIONE TECNICA PROGETTO DI UN NUOVO PERCORSO CICLABILE E PEDONALE IN VIA VITTORIO VENETO A BOLZANO A cura dell Ufficio Mobilità del Comune di Bolzano Ripartizione 5. Pianificazione e Sviluppo del 1.

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Trasformiamo il cortile!

Trasformiamo il cortile! Trasformiamo il cortile! Laboratorio interdiscipinare per il miglioramento degli spazi esterni della Scuola Media Alessandro Antonelli di Torino Anno Scolastico 2014/2015 3. RIFLETTERE SULLE PROPRIE ESIGENZE

Dettagli

INTERVENTI DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO e MOBILITÀ CICLISTICA

INTERVENTI DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO e MOBILITÀ CICLISTICA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE INTERVENTI DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO e MOBILITÀ CICLISTICA Visione d insieme Nelle aree residenziali con poco traffico lo spazio

Dettagli

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA REALIZZATO DA Comune di Padova Settore Ambiente Informambiente CAPO SETTORE Patrizio Mazzetto A CURA DI Antonella

Dettagli

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea Giovedì pomeriggio ci siamo recati in biblioteca per fare una ricerca sull'illuminismo. Cercavamo un libro abbastanza antico, non trovandolo la bibliotecaria ci ha portati nell'archivio e ci ha dato un

Dettagli

Stefania Elibani ADULTI E BAMBINI IN CITTA : EMOZIONI, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITA

Stefania Elibani ADULTI E BAMBINI IN CITTA : EMOZIONI, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITA Stefania Elibani ADULTI E BAMBINI IN CITTA : EMOZIONI, CONSAPEVOLEZZA E RESPONSABILITA Nel titolo di questa giornata, Bambini e bambine nella loro città, si usa un aggettivo possessivo che suona improprio;

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

Comune di Udine LUDOTECA

Comune di Udine LUDOTECA Comune di Udine LUDOTECA RISULTATI QUESTIONARI CARTACEI Riposte: 53 8.a Può motivare la sua risposta? Buona alternativa alla giornata (domenica) che molti passano nei negozi C'è molto poco per i

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data)

REGOLAMENTO 10.1.11. no PROTOCOLLO (data) definitivo (scheda basata sulla Relazione Finale) validata dal status scheda proponente Valdarno Inferiore - Società della salute PROPONENTE con i Comuni di San Miniato e Santa Croce PROVINCIA PI sull

Dettagli

PROGETTO PERCORSI CASA-SCUOLA. 19 Novembre 2014 - GISday: scoprire il mondo attraverso il GIS

PROGETTO PERCORSI CASA-SCUOLA. 19 Novembre 2014 - GISday: scoprire il mondo attraverso il GIS PROGETTO PERCORSI CASA-SCUOLA 19 Novembre 2014 - GISday: scoprire il mondo attraverso il GIS Introduzione. Il progetto "Percorsi casa - scuola" è un progetto sperimentale per lo studio dell ambiente e

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

Il MANIFESTO per una mobilità sicura, sostenibile ed autonoma sui percorsi casa-scuola

Il MANIFESTO per una mobilità sicura, sostenibile ed autonoma sui percorsi casa-scuola Il MANIFESTO per una mobilità sicura, sostenibile ed autonoma sui percorsi casa-scuola Politiche educative per la mobilità sostenibile: la ciclabilità Dott.ssa Sara Cavazzoni Arch. Laura Degl Incerti Tocci

Dettagli

100in1giorno M I L A N O 2 0 1 5 KIT INIZIATIVE

100in1giorno M I L A N O 2 0 1 5 KIT INIZIATIVE KIT INIZIATIVE Grazie! Per aver contribuito a portare nei parchi, strade e piazze di Milano la prima edizione italiana di 100in1giorno, proponendo un iniziativa che renderà la città un po più simile a

Dettagli

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Comune di Lanciano Assessorato urbanistica settore IV programmazione urbanistica Progetto messa in sicurezza SP82 VIA per Treglio, incrocio Quartiere S.Rita

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis

Revisori Massimo Infunti Domenico De Leonardis Autori Liyana Adjarova, Energy Agency of Plovdiv (BGR) Ina Karova, Energy Agency of Plovdiv (IT) Ioanna Lepinioti, impronta di Massimo Infunti (IT) Billy Carslaw, Camera di Commercio di Birmingham (UK)

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

Il giorno 30 gennaio si è riunito il Comitato Genitori della Scuola S. T. Fabbri per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:

Il giorno 30 gennaio si è riunito il Comitato Genitori della Scuola S. T. Fabbri per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno: VERBALE Riunione Comitato Genitori in data 30 Gennaio 2012 Il giorno 30 gennaio si è riunito il Comitato Genitori della Scuola S. T. Fabbri per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno: -

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA DI VERDELLINO E ZINGONIA

SCUOLE DELL INFANZIA DI VERDELLINO E ZINGONIA SCUOLE DELL INFANZIA DI VERDELLINO E ZINGONIA Scuola Il bambino sperimenta elementari norme di sicurezza all interno dell ambito scolastico. Il bambino rispetta elementari norme di sicurezza all interno

Dettagli

Esploriamo i social network insieme ai figli

Esploriamo i social network insieme ai figli Esploriamo i social network insieme ai figli Perché fare un viaggio sul pianeta Google Map? Ci sono tre buone ragioni 1. Stimoli il senso dell orientamento nei bambini! La tua via, il tuo parchetto, la

Dettagli

Il progetto. Una casa indipendente: dall alto posso vedere la. città, guardare le stelle. e toccare il cielo...

Il progetto. Una casa indipendente: dall alto posso vedere la. città, guardare le stelle. e toccare il cielo... Il progetto La Residenza I Giardini di Lodi, è composta da 2 edifici, di diverse altezze, con un numero massimo di 5 piani, escluso il piano terreno, che formano un complesso a gradoni con grandi terrazze

Dettagli

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi

FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi FIORI PER DIRE E RACCONTARE Documentazione del percorso Sezioni Balene verdi UN DISEGNO PER DIRE Terza tappa Il percorso Fiori per dire e raccontare prende avvio dal dono di un fiore che ogni bambino della

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO NORD VIA GINO MORETTI 79-63074 SAN BENEDETTO DEL TRONTO C.F. 91038880448 C.M. APIC833003

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO NORD VIA GINO MORETTI 79-63074 SAN BENEDETTO DEL TRONTO C.F. 91038880448 C.M. APIC833003 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO NORD VIA GINO MORETTI 79-63074 SAN BENEDETTO DEL TRONTO C.F. 91038880448 C.M. APIC833003 Prot. n.. San Benedetto del Tronto. SEZIONE DESCRIZIONE MACRO AREA e campo di indagine

Dettagli

ECOSISTEMA BAMBINO 2010 Buone pratiche per l infanzia e l ambiente

ECOSISTEMA BAMBINO 2010 Buone pratiche per l infanzia e l ambiente ECOSISTEMA BAMBINO 2010 Buone pratiche per l infanzia e l ambiente I bambini si muovono in città La mobilità dalla parte dei più giovani Progetti e iniziative, a piedi e in bicicletta tante buone pratiche

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9.

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9. Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 2 Casa delle Associazioni, via Miramare 9 16 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della zona 2 ha avuto

Dettagli

TRASPORTO PRIVATO - DIFFUSIONE E USO VEICOLI

TRASPORTO PRIVATO - DIFFUSIONE E USO VEICOLI TRASPORTO PRIVATO - DIFFUSIONE E USO VEICOLI TASSO DI MOTORIZZAZIONE Il tasso di motorizzazione rappresenta una stima della diffusione dei mezzi a motore nel territorio e quindi della necessità di disporre

Dettagli

SCHEDE DI ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLA SCUOLA PRIMARIA

SCHEDE DI ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLA SCUOLA PRIMARIA SCHEDE DI ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Introduzione Marco Passigato e Lidia Merlin Gruppo scuola Amici della Bicicletta di Verona per una Città Possibile

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BANDO SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE A PARTIRE DAI PLESSI SCOLASTICI PROGRAMMA

PRESENTAZIONE DEL BANDO SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE A PARTIRE DAI PLESSI SCOLASTICI PROGRAMMA PRESENTAZIONE DEL BANDO SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE A PARTIRE DAI PLESSI SCOLASTICI PROGRAMMA Introduce: Roberto Ronco, Assessore all Ambiente Francesca Di Ciccio Il Bando Eleonora Vincelli - Il SIQUA Elena

Dettagli

Manuale per i Volontari Angeli del Bello INDICE

Manuale per i Volontari Angeli del Bello INDICE Manuale per i Volontari Angeli del Bello INDICE PRIMA DI TUTTO, GRAZIE... 2 CHI SIAMO... 2 VOLLI, SEMPRE VOLLI, FORTISSIMAMENTE VOLLI... 2 ANGELO A CHI?... 2 NON BASTA FARE IL BENE, BISOGNA ANCHE FARLO

Dettagli

Corsi di formazione. Assicurazione Contatto diretto con i livelli alti del. comune

Corsi di formazione. Assicurazione Contatto diretto con i livelli alti del. comune Verbale incontro 15 maggio 2015 INTERVISTA AD ALTRI COMUNI Al termine dell incontro pubblico del 15 maggio, i cittadini sono stati chiamati ad esprime le loro osservazioni riguardo gli strumenti di collaborazione,

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo Incontro di ascolto in Zona 5 ARCI Conca Fallata 15 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo Incontro di ascolto in Zona 5 ARCI Conca Fallata 15 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo Incontro di ascolto in Zona 5 ARCI Conca Fallata 15 settembre 2015 All incontro hanno preso parte 31 persone, di cui 15 donne e 16 uomini, tutti molto coinvolti

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

FATTORI CHE OSTACOLANO O PROMUOVONO L ANDARE A SCUOLA A PIEDI E IN BICICLETTA: RISULTATI FORMATIVI DEL NON-MOTORIZED TRAVEL STUDY

FATTORI CHE OSTACOLANO O PROMUOVONO L ANDARE A SCUOLA A PIEDI E IN BICICLETTA: RISULTATI FORMATIVI DEL NON-MOTORIZED TRAVEL STUDY FATTORI CHE OSTACOLANO O PROMUOVONO L ANDARE A SCUOLA A PIEDI E IN BICICLETTA: RISULTATI FORMATIVI DEL NON-MOTORIZED TRAVEL STUDY K. N. Ahlport, L. Linnan, A. Vaughn, K. R. Evenson, D. S. Ward Traduzione

Dettagli

IL MOVIMENTO DEGLI ANZIANI

IL MOVIMENTO DEGLI ANZIANI IL MOVIMENTO DEGLI ANZIANI Cursus est certus aetatis L età procede con passo costante (Catone il Vecchio, De Senectute X, 33) 2 Contesto La popolazione anziana è una parte importante della popolazione

Dettagli

Che cos è il Piano dell Offerta Formativa (POF)

Che cos è il Piano dell Offerta Formativa (POF) Che cos è il Piano dell Offerta Formativa (POF) DEFINIZIONE COME NASCE Documento fondamentale dell Istituto Comprensivo: lo identifica dal punto di vista culturale e progettuale, ne esplicita la progettazione

Dettagli

I.P. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura.

I.P. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura. Iniziativa di comunicazione istituzionale Direzione tutela e risanamento ambientale programmazione e gestione rifiuti Direzione

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ SAN FELICE SAN LAZZARO VIALE MILANO

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ SAN FELICE SAN LAZZARO VIALE MILANO TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ SAN FELICE SAN LAZZARO VIALE MILANO INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. ad ARCORE. 23/01/2009 pag. 1/13

PROGETTO PIEDIBUS. ad ARCORE. 23/01/2009 pag. 1/13 PROGETTO PIEDIBUS ad ARCORE 23/01/2009 pag. 1/13 INDICE del CONTENUTO 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI DEL PROGETTO 3. COS E E COME FUNZIONA IL PIEDIBUS 4. ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI COINVOLTI 5. LINEE GUIDA E

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

TREVISOCULTURECITY TREVISOBUSINESSCITY TREVISOGREENCITY PROGRAMMA INTEGRATO DI COMPETITIVITÀ TERRITORIALE PEDONALIZZAZIONE DEL CENTRO STORICO

TREVISOCULTURECITY TREVISOBUSINESSCITY TREVISOGREENCITY PROGRAMMA INTEGRATO DI COMPETITIVITÀ TERRITORIALE PEDONALIZZAZIONE DEL CENTRO STORICO Città di MOBILITÀ SICUREZZA AMBIENTE CULTURA TURISMO SPETTACOLO TERRITORIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE PROGRAMMA INTEGRATO DI COMPETITIVITÀ TERRITORIALE DEL CENTRO STORICO PROCESSO PARTECIPATO TREVISO COMMUNITY

Dettagli

INDAGINE SUGLI SPOSTAMENTI CASA - SCUOLA. Progetto pilota 1 In bici o a piedi, io vado a scuola. Piano Territoriale degli Orari

INDAGINE SUGLI SPOSTAMENTI CASA - SCUOLA. Progetto pilota 1 In bici o a piedi, io vado a scuola. Piano Territoriale degli Orari Piano Territoriale degli Orari Progetto pilota In bici o a piedi, io vado a scuola INDAGINE SUGLI SPOSTAMENTI CASA - SCUOLA Risultati Anno scolastico - A cura di ABCittà s.c.s. INDICE > PREMESSA _. IL

Dettagli

Premessa. Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1. Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3

Premessa. Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1. Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3 Indice Premessa Sintesi dei risultati dell indagine pag. 1 Scheda metodologica e composizione del campione pag. 3 L utilizzo delle bicicletta nella Città di Torino pag. 6 Bicicletta in Città gruppi a confronto

Dettagli

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Gianluigi Trento I Piedibus di Bassano SSL-ERATE ESPERIENZE E PERCORSI DI SOSTENIBILITA URBANA Bassano del Grappa 29/04/2014 Che cosa è un Piedibus

Dettagli

CHAMP Indagine sulla conflittualità in strada

CHAMP Indagine sulla conflittualità in strada CHAMP Indagine sulla conflittualità in strada Risultati del sondaggio sulla conflittualità tra pedoni e ciclisti a Bolzano Bolzano, 20 dicembre 2013 Ökoinstitut Südtirol / Alto Adige Talfergasse 2, I-39100

Dettagli

Trieste per tutti. Mobilità sostenibile 2011-2016

Trieste per tutti. Mobilità sostenibile 2011-2016 Trieste per tutti. Mobilità sostenibile 2011-2016 L obiettivo: Questo documento è un contributo per cambiare il modo di muoversi a Trieste. Vogliamo che la mobilità in città sia per tutti, sia sostenibile

Dettagli