Regolamento Interno Movimento 5 Stelle Ponsacco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Interno Movimento 5 Stelle Ponsacco"

Transcript

1 Pag. 1 PREMESSA Il MoVimento 5 Stelle Ponsacco (M5S Ponsacco) è una libera associazione di cittadini. Si ispira ai principi di onestà, legalità, etica, competenza e trasparenza, impegnandosi per favorire un cambiamento della politica e della pubblica amministrazione, per garantire che essa operi in maniera intelligente e lungimirante per la tutela dei beni comuni. Il M5S Ponsacco non ha e non vuole avere organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità dei cittadini attivisti, il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi. Il non è un partito politico ne si intende che lo diventi in futuro; non effettua apparentamenti con partiti politici (o liste civiche) e rifiuta ogni forma di finanziamento pubblico, basandosi sull autofinanziamento e sui contributi volontari. Promuove e appoggia i punti individuati nel programma Nazionale del MoVimento 5 Stelle, trasferendoli/adeguandoli alle esigenze del territorio del comune sul quale vuole operare: Ponsacco. Ogni proposta o presa di posizione del M5S Ponsacco viene trasmessa esclusivamente tramite i seguenti canali e a seguito di autorizzazione dell assemblea, nelle modalità specificate nel presente regolamento: ufficiale: Blog: Portavoce Possono aderire al M5S Ponsacco tutti i cittadini italiani maggiorenni che non facciano parte, all atto della richiesta di adesione, di partiti politici o associazioni aventi oggetto o finalità in contrasto con quelli del Movimento stesso e riportati nel regolamento nazionale (Non Statuto del M5S, ndr) Sono altresì requisiti fondamentali ed imprescindibili per far parte del gruppo M5S Ponsacco e diventare quindi Attivisti 5 Stelle, i seguenti: Iscrizione al Blog Nazionale MoVimento5stelle.it con inserimento, e certificazione da parte dello Staff Nazionale, di un proprio documento d identità Conoscenza e rispetto dei principi del M5S Rispetto delle Regole di Comportamento del presente Regolamento Interno Partecipazione agli appuntamenti del gruppo ed impegno attivo nelle attività prefissate Iscrizione e partecipazione attiva al Forum Pubblico 5stelleponsacco.forumfree.it (di seguito Forum ) REGOLE INTERNE DI COMPORTAMENTO Gli Attivisti devono tenere comportamenti corretti e rispettosi verso tutti gli altri membri del gruppo e verso gli eventuali Ospiti. Sono da considerarsi Ospiti tutti coloro che a qualsiasi titolo siano presenti alle riunioni pubbliche o private del M5S Ponsacco. Gli ospiti dovranno tenere lo stesso comportamento nei confronti degli attivisti. I rapporti fra gli Attivisti del M5S Ponsacco, devono essere dettati da reciproca fiducia e riconoscimento della buona fede, sia durante gli incontri che in mailing list/web. Gli attivisti del M5S Ponsacco sono rigorosamente tenuti a: usare un linguaggio civile tenere un comportamento tale da non arrecare nessun genere di danno al M5S Ponsacco rispettare i pareri altrui rivolgersi agli altri in maniera educata ascoltare gli altri non interrompere chi sta parlando impegnarsi a collaborare non tiranneggiare sugli altri essere disponibile al compromesso astenersi dai pettegolezzi evitare che problemi e/o relazioni interpersonali influiscano negativamente sul gruppo. Può essere richiamato e/o espulso chiunque violerà il presente Regolamento o che intraprenderà azioni, fisiche e verbali, a danno, fisico e/o morale, del singolo Attivista, dell Ospite o che comunque svolga attività o abbia comportamenti incompatibili con l'appartenenza al MoVimento. La mozione di richiamo e/o la mozione di esclusione di un membro necessita della sottoscrizione di almeno 1/3 degli Attivisti e va presentata all Assemblea Generale, che la discuterà nel corso di un incontro a porte chiuse, appositamente programmato, durante il quale il proponente la mozione ne esporrà pubblicamente le motivazioni. Al trasgressore sarà concesso diritto di replica prima della votazione dalla quale sarà escluso, come anche il propositore della mozione.

2 Pag. 2 ORGANIZZAZIONE Assemblea Generale A cadenza settimanale e più precisamente il lunedì di ogni settimana, eccetto che per diversa disposizione della maggioranza degli Attivisti del gruppo M5S Ponsacco, gli stessi si riuniranno in Assemblea Generale (Attivisti + Ospiti) L assemblea Generale rappresenta l unico organo con poteri decisionali. Sono inoltre previste altre tipologie di incontri: Assemblea Eccezionale (Attivisti + eventuali Invitati. Eccezionalmente svolta a porte chiuse nel caso di particolari argomenti e mozioni). Gruppi di lavoro Meeting e conferenze Eventi vari (raccolta fondi, Volantinaggio, Banchetti informativi, etc.) Ogni assemblea prevede un Ordine del Giorno (di seguito Odg) che specifica quali saranno gli argomenti discussi e in che sequenza verranno affrontati; è stilato dal Moderatore in base ai suggerimenti inviati dagli Attivisti tramite l apposita sezione del Forum Interno del M5S Ponsacco. I punti non risolti dell'odg saranno riproposti nell Odg dell Assemblea successiva e saranno discussi con priorità. Le regole per il corretto svolgimento dell assemblea sono: a) Si prenota l intervento al moderatore e si attende che lo stesso dia la parola b) Chi interviene si presenta con nome, cognome e luogo di provenienza. Questo deve avvenire anche nelle o nel Forum c) Intervenire in maniera propositiva, essenziale e chiara in relazione all argomento in discussione d) La durata degli altri interventi è limitata a 2 minuti per ogni partecipante. e) Chi interviene come relatore (comunque programmato nell Odg) ha un massimo di 15 minuti per l esposizione dell argomento. Al fine di consentire a tutti i partecipanti di poter intervenire si raccomanda una quantità moderata di interventi per ciascun attivista. Decisioni/Votazioni su Forum Interno Il Forum Interno è quella parte del forum (http://5stelleponsacco.forumfree.it) riservata agli Attivisti e non è consultabile agli altri utenti. È lo strumento di dialogo costante tra gli Attivisti. Ha la funzione di: Scambio di informazioni operative e organizzative; Suggerimenti per gli Odg delle Assemblee settimanali; Discussione e votazione (*) a maggioranza degli articoli da pubblicare sul Blog. L'assemblea è l unico organo decisionale del M5S Ponsacco. Si riunisce con lo scopo e di sottoporre agli Attivisti la decisione di una determinata questione che interessa tutto il gruppo e/o obblighi tutti i membri ad un determinato comportamento. Nelle assemblee del M5S viene pertanto adottato il principio maggioritario ( ( * ) 50%+1 dei presenti aventi diritto al voto). La votazione avviene per voto palese. Attivisti e Simpatizzanti Lo è ogni componente del che rispetta i requisiti fondamentali ed imprescindibili sopra descritti e fornisce il proprio impegno a supporto delle attività ed iniziative del gruppo. Gli ospiti che abbiano partecipato ad almeno n 6 Assemblee, anche non consecutive, nell arco di n 2 mesi consecutivi, potranno, previa esibizione della documentazione relativa all iscrizione al Blog Nazionale con inserimento, e certificazione da parte dello Staff Nazionale, di un proprio documento d identità, fare richiesta di divenire attivisti. Fino a quel momento saranno considerati simpatizzanti e potranno presentare progetti, idee, proposte, critiche, suggerimenti, seguire e partecipare alle discussioni del gruppo ma NON POTRANNO VOTARE LE MOZIONI. Inoltre, non riceveranno le credenziali d accesso all area riservata del Forum Interno fintanto ma saranno, comunque, sempre aggiornati sulle iniziative che il M5S Ponsacco proporrà tramite il Forum Pubblico.

3 Pag. 3 Chiunque non si presentasse per 3 riunioni consecutive senza nessuna comunicazione all' oppure per telefono a uno dei responsabili, sarà automaticamente espulso da tutte le attività del M5S Ponsacco. INCARICHI Tutti gli incarichi di seguito descritti saranno affidati dall Assemblea a chi, tra gli Attivisti residenti nel comune di Ponsacco, si sia offerto spontaneamente. L incaricato, salvo dove diversamente indicato, rimane in carica 6 mesi e/o fino alla presentazione di dimissioni( da presentarsi 20gg prima, tempo utile per formare il nuovo responsabile), e/o fino a quando non ne venga richiesta la sostituzione secondo mozione presentata all assemblea. E auspicabile che chiunque tra gli Attivisti, in possesso delle necessarie caratteristiche, partecipi e fornisca il proprio supporto ai sopra descritti profili coadiuvando lo svolgimento delle loro attività. Portavoce/Addetto Stampa Il portavoce del M5S ha il compito di rispondere alla mail ufficiale del M5S Ponsacco e quindi di inviare comunicati all esterno a nome del M5S Ponsacco. Sarà eletto dall'assemblea a maggioranza e avrà il compito di relazionarsi con i media o con altri enti o amministrazioni attraverso la mail ufficiale o di persona, esclusivamente su approvazione preventiva, tramite forum interno o da parte dell assemblea. In casi eccezionali avrà potere decisionale indipendente anche se il suo operato sarà valutato successivamente dall'assemblea a cui relazionerà le motivazioni del suo operato. E tenuto a rispondere alle richieste/domande in merito alle posizioni ufficiali del M5S Ponsacco, provenienti dagli utenti esterni attraverso il forum, il Blog e i Social Networks, su indicazione del relativo responsabile. Responsabile Web: Gestisce i Social Networks (Facebook e Twitter, salvo se altri decisi dall assemblea). Lavora a stretto contatto ed in coordinazione con il Responsabile Blog ed il Responsabile Forum. Ha l obbligo di rendere disponibili le credenziali di accesso dei vari Social Networks e della ufficiale ai Responsabili Web, Blog, Forum e al Portavoce. Indirizza verso il Portavoce tutte le richieste/domande in merito alle posizioni ufficiali del M5S Ponsacco, provenienti da utenti esterni. Responsabile Forum Gestisce il Forum Pubblico e la rubrica dei relativi iscritti. Lavora a stretto contatto ed in coordinazione con il Responsabile Web ed il Responsabile Blog. Ha l obbligo di rendere disponibili le credenziali di accesso al forum ai Responsabili Web, Blog e al Portavoce. Indirizza verso il Portavoce tutte le richieste/domande in merito alle posizioni ufficiali del M5S Ponsacco, provenienti da utenti esterni. Responsabile Blog Coincide con l'intestatario del Blog. Lavora a stretto contatto ed in coordinazione con il Responsabile Web ed il Responsabile Forum. Indirizza verso il Portavoce tutte le richieste/domande in merito alle posizioni ufficiali del M5S Ponsacco, provenienti da utenti esterni. L' intestatario legale del Dominio (ponsacco5stelle.it) in caso di dimissioni o allontanamento anticipato dal M5S Ponsacco (preavviso di 20gg, tempo necessario per formare il nuovo intestatario) ha l obbligo di passare l intestazione ad altro attivista designato con voto di maggioranza. Le credenziali di accesso del blog dovranno in ogni caso essere a disposizione dei responsabili Web, Forum e al Portavoce. Cassiere Conserva e rendiconta regolarmente i fondi del gruppo. Necessita dell autorizzazione dell assemblea per qualsiasi impegno di spesa. Moderatore Il moderatore ha la responsabilità di: Redigere l Odg scaturito dal Forum e farlo rispettare durante l assemblea Verificare il numero di presenti, assenti, non convenuti (assenti senza preavviso), Fare in modo che gli interventi avvengano nei tempi previsti al fine di poter discutere tutti i punti all Odg, dando avvertimenti e togliendo la parola a chi si prolunga eccessivamente (per interventi fuori tema, atteggiamenti scorretti, etc.)

4 Pag. 4 Garantire che tutti i partecipanti rispettino le regole di comportamento del presente Regolamento Richiamare e/o espellere i membri dall Assemblea Il moderatore ha il dovere di mantenere una posizione "neutra" rispetto alle argomentazioni trattate durante le Assemblee, quindi, si astiene dal voto e non può moderare assemblee in cui sono proposte mozioni a suo carico. Il Moderatore rimarrà in carica per un mese. Segretario supporta il moderatore nello svolgimento della propria mansione, quindi: compila e archivia il foglio delle presenze prende nota per documentare le proposte e le decisioni dell'assemblea entro 2 giorni dall Assemblea invia il Verbale sul Forum detiene l archivio dei Verbali delle Assemblee In sua assenza, il segretario verrà sostituito provvisoriamente da un volontario. Relatore Viene di volta in volta delegato da un Gruppo di Lavoro, di cui fa parte, a relazionare all Assemblea per aggiornarla su un tema specifico posto all ordine del giorno. MODIFICA DEL PRESENTE REGOLAMENTO La mozione di modifica del Regolamento necessita della sottoscrizione di almeno 1/3 degli Attivisti e va presentata all Assemblea Generale, che la discuterà nel corso della prima assemblea utile durante la quale il proponente la mozione ne esporrà pubblicamente le motivazioni. Per l approvazione della mozione sarà adottato il principio maggioritario (50%+1 dei presenti aventi diritto al voto). Sono parte integrante del presente regolamento le regole, dettate dal Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo, in merito alle Liste Civiche ed ai Candidati, riportate nell allegato n. 1.

5 Pag. 5 LISTA CIVICA COMUNE DI PONSACCO Allegato 1 N.B. Nel M5S Ponsacco, gli aspiranti candidati ad eventuali Liste da presentare per le elezioni amministrative locali, oltre a rispettare i requisiti minimi previsti nel regolamento nazionale, dovranno essere preventivamente votati ed eletti a maggioranza dagli attivisti (50%+1 dei presenti aventi diritto al voto) del M5S Ponsacco. I Comuni decidono della vita quotidiana di ognuno di noi. Possono avvelenarci con un inceneritore o avviare la raccolta differenziata. Fare parchi per i bambini o porti per gli speculatori. Costruire parcheggi o asili. Privatizzare l'acqua o mantenerla sotto il loro controllo. Dai Comuni si deve ripartire a fare politica con le liste civiche. Le liste che aderiranno ai requisiti avranno la certificazione di trasparenza "beppegrillo.it". Le condizioni necessarie per la presentazione di una lista civica certificata Movimento 5 Stelle sono le seguenti (come verificabile all indirizzo web Crea la tua lista Prima della certificazione la lista si ritiene non certificata e non ha titolo ad usare il logo del MoVimento 5 Stelle. * ATTENZIONE! Per ottenere la certificazione si deve essere residenti nel comune in cui ci si candida Segui le procedure indicate per creare la tua lista Le modalità di svolgimento delle elezioni locali sono regolate dal "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali", Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n Tali modalità variano a seconda del numero di abitanti del comune: il Ministero dell'interno mette a disposizione un vademecum sulle modalità di presentazione pratica delle liste elettorali. 1. Prepara i documenti necessari. I documenti necessari per la presentazione di una lista civica alle elezioni comunali sono: Candidatura alla carica di sindaco e lista dei candidati alla carica di consigliere comunale, Dichiarazione di presentazione della lista, accompagnata dalle firme dei cittadini sottoscrittori. Certificati attestanti che i presentatori della lista sono iscritti nelle liste elettorali del Comune. Dichiarazioni autenticate di accettazione della candidatura per la carica di sindaco e per la candidatura alla carica di consigliere comunale, Certificati attestanti che i candidati sono iscritti nelle liste elettorali di un Comune della Repubblica Modello di contrassegno di lista. A seconda del numero di abitanti per comune, variano: Il numero minimo e massimo di candidati, Il numero minimo di cittadini presentatori necessari. 2. Raccogli le firme per la presentazione. La presentazione di ogni lista deve essere accompagnata dalle firme certificate dei presentatori, il cui numero minimo varia a seconda del numero di abitanti del comune. Salvo per i comuni con popolazione inferiore ai 1000 abitanti, per cui nessuna sottoscrizione è necessaria, i candidati non possono figurare tra i sottoscrittori della lista. Le firme dei sottoscrittori devono essere apportate su appositi moduli riportanti il contrassegno di lista, il nome cognome, luogo e data di nascita di ciascuno dei candidati nonché il nome, cognome, luogo e data di nascita di ognuno dei sottoscrittori. Le firme dei sottoscrittori devono essere autenticate da una delle figure istituzionali previste e secondo le modalità previste dall'art. 21, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n Presenta la candidatura al Comune. La presentazione delle candidature deve essere effettuata, in orario di ufficio, dalle ore 8 del 30 giorno alle ore 12 del 29 giorno antecedente la data della votazione. La commissione elettorale circondariale valuterà che la documentazione sia completa e corretta e comunicherà al sindaco e al Prefetto, nonché ai responsabili della lista, le decisioni in merito a ciascun candidato. Registrati subito al sito delle liste civiche.

6 Pag. 6 Le condizioni per essere inseriti nel sito sono: A. Requisiti All'atto della loro candidatura e nel corso dell'intero mandato elettorale, ogni candidato non dovrà essere iscritto ad alcun partito, movimento politico o lista civica non appartenente a quelle certificate dal Movimento 5 Stelle. Ogni candidato non dovrà avere riportato sentenze di condanna in sede penale, anche non definitive Ogni candidato non dovrà avere assolto in precedenza più di un mandato elettorale, a livello centrale o locale, a prescindere dalla circoscrizione nella quale presenta la propria candidatura Ogni candidato dovrà risiedere nella circoscrizione del Comune per il quale intende avanzare la propria candidatura. Il candidato Sindaco dovrà essere residente nel Comune per il quale intende avanzare la propria candidatura da almeno 5 anni. Non dovrà essere in una posizione che crei conflitto d'interesse con l'incarico per cui presenterà la candidatura ( da valutare) B. Impegni Ogni candidato si impegna a rimettere il mandato elettorale ricevuto, nel caso in cui, nel corso del suo svolgimento perda o si dimostri non abbia posseduto fin dall'origine uno o più dei requisiti minimi sopra descritti. In mancanza, l'intera lista perderà il diritto di qualificare la propria attività con la certificazione del blog. All'atto della propria candidatura, la lista provvederà a pubblicare in Rete, in un apposito ed adeguato spazio web, l'elenco dei componenti ed il loro curriculum vitae, con il proprio programma di governo ed istituirà contemporaneamente un blog aperto a tutti i cittadini che consenta il libero scambio di opinioni e critiche con i componenti della lista civica. La lista non potrà associarsi ad altre liste civiche se non certificate dal blog i cui candidati non abbiano riportato sentenze di condanna in sede penale, anche non definitive. C. Concessione e revoca della certificazione Il blog concede la certificazione alle liste i cui candidati abbiano presentato tutta la documentazione prevista: Certificato penale di ogni candidato Copia di un documento di identità valido di ogni candidato Accettazione delle condizioni da parte di ogni candidato per la presentazione di una lista civica e per la presentazione di una lista regionale Il blog può revocare la certificazione di un singolo candidato o dell'intera lista e quindi rimuoverne le informazioni dal sito nel caso in cui non sussistessero più le suddette condizioni Dopo la verifica della documentazione inviata, il capolista riceverà una con le istruzioni per accedere all'area della propria lista, aggiornarne i contenuti e creare le aree per gli altri candidati Il blog concede la certificazione a una sola lista civica per ogni comune. Non concede alcuna certificazione per liste civiche che si candidano alle elezioni regionali, provinciali o politiche Ogni candidato può richiedere il proprio certificato penale alla Procura della Repubblica presso il Tribunale, presentando la richiesta scritta.

REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO

REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO REGOLAMENTO GRUPPO MOVIMENTO 5 STELLE CASTELFIDARDO Premessa Il presente regolamento definisce le regole di funzionamento del Gruppo Movimento 5 Stelle CASTELFIDARDO (in breve M5S CASTELFIDARDO), ed è

Dettagli

MOVIMENTO 5 STELLE SORESINA

MOVIMENTO 5 STELLE SORESINA MOVIMENTO 5 STELLE SORESINA Regolamento Interno Il MoVimento 5 Stelle Soresina è una libera associazione di cittadini che vuole realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico

Dettagli

Riunione di benvenuto

Riunione di benvenuto Riunione di benvenuto Aspetti generali del MoVimento 5 Stelle princìpi e organizzazione Cos'è il MoVimento 5 Stelle? Presentato al Teatro Smeraldo di Milano, il 4 ottobre 2009 Il M5S e una libera associazione

Dettagli

Come iscriversi al M5S. Gruppi di Lavoro PROSPETTO ORGANIZZATIVO COMUNICAZIONE. Come funzionano le consultazioni via web

Come iscriversi al M5S. Gruppi di Lavoro PROSPETTO ORGANIZZATIVO COMUNICAZIONE. Come funzionano le consultazioni via web Come iscriversi al M5S Gruppi di Lavoro PROSPETTO ORGANIZZATIVO COMUNICAZIONE Come funzionano le consultazioni via web Come iscriversi al M5S Il MoVimento 5 Stelle è una non Associazione. Rappresenta una

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Istituzione della Consulta La Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti

Dettagli

Regolamento cittadino del Movimento 5 Stelle Nichelino

Regolamento cittadino del Movimento 5 Stelle Nichelino Regolamento cittadino del Movimento 5 Stelle Nichelino approvato dall Assemblea il 3 gennaio 2014 Preambolo Il presente documento definisce il funzionamento e la struttura organizzativa e decisionale del

Dettagli

Regolamento di Libera

Regolamento di Libera Regolamento di Libera approvato durante l'assemblea nazionale di Libera Bologna, 22 marzo 2015 ART. 1 - LE ASSEMBLEE DI LIBERA (riferimento artt. 9/10/11 dello Statuto) L Assemblea nazionale è presieduta

Dettagli

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Approvato dall Assemblea provinciale il 13 giugno 2011 1 REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM

REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM 1. Premesse 1.1 Il presente documento, regolamento interno di A.P.A.M., ha la finalità di coordinare le operazioni preparatorie ed elettorali relative alle

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I 1 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE, E DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DEI CIRCOLI DELLA CITTA DI ROMA E DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI Parte

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

Articolo 2 Lo scopo dell ARI Associazione Restauratori d Italia, è quanto previsto e definito all art.3 dello Statuto

Articolo 2 Lo scopo dell ARI Associazione Restauratori d Italia, è quanto previsto e definito all art.3 dello Statuto REGOLAMENTO DELL A.R.I. ASSOCIAZIONE RESTAURATORI D ITALIA Approvato dall assemblea straordinaria dei soci il 16-02-2015. Articolo 1 Il presente Regolamento Interno, redatto dal Consiglio Direttivo ai

Dettagli

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO ART. 1 Costituzione - Denominazione - Sede È costituito un Comitato civico cittadino denominato Centro Storico, di seguito chiamato anche

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI

COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Costituzione, sede e durata Il Comune di Iglesias attiva, ai sensi dell art. 11, dello Statuto, la Consulta

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL Il seguente regolamento contiene le norme attuative per la vita sociale dell ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL. Esso discende dallo statuto,

Dettagli

1. Nell anno 2011 addì 14 del mese di Giugno, in Monza, i sottoscritti signori

1. Nell anno 2011 addì 14 del mese di Giugno, in Monza, i sottoscritti signori 1. Nell anno 2011 addì 14 del mese di Giugno, in Monza, i sottoscritti signori - Arbizzoni Diego; - Arena Fabio; - Calabrese Michele; - Lauria Emanuele; - Moriggi Andrea; - Natale Giuseppe; - Santi Francesca;

Dettagli

CONSULTA DELLA CULTURA

CONSULTA DELLA CULTURA T/360/U14 STATUTO DELLA CONSULTA DELLA CULTURA DEL COMUNE DI GRANAROLO DELL EMILIA ************** Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 14 giugno 2000. Approvato dal Comitato Regionale

Dettagli

Regolamento del Rotary Club di Chivasso

Regolamento del Rotary Club di Chivasso Regolamento del Rotary Club di Chivasso Art. 1 Consiglio direttivo L organo amministrativo di questo club è il Consiglio Direttivo, composto da soci del club, e cioè consiglieri eletti ai sensi dell art.

Dettagli

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 4, 5, 7, 8 dello Statuto regionale del PD Puglia; il regolamento Elettorale dei circoli, delle Unioni cittadine e provinciali.

Dettagli

Regolamento del Forum Comunale Giovani

Regolamento del Forum Comunale Giovani COMUNE DI CASTELVENERE Provincia di Benevento ------ Regolamento del Forum Comunale Giovani 1 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9 - Art. 10 - Art. 11 -

Dettagli

STATUTO GIORNALISTI SPECIALIZZATI ASSOCIATI

STATUTO GIORNALISTI SPECIALIZZATI ASSOCIATI STATUTO ART. 1 La Denominazione E costituita l Associazione apartitica, apolitica e senza scopo di lucro denominata o, più brevemente GSA, di seguito denominata Associazione. L Associazione ha tempo indeterminato

Dettagli

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS Premessa Il Regolamento è un documento interno all'associazione, approvato dal Consiglio Direttivo e da questo modificabile, in ogni momento, con le maggioranze previste

Dettagli

associazione ludica ToRisiKo! RisiKo! Club Ufficiale Torino STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

associazione ludica ToRisiKo! RisiKo! Club Ufficiale Torino STATUTO DELL ASSOCIAZIONE associazione ludica ToRisiKo! RisiKo! Club Ufficiale Torino STATUTO DELL ASSOCIAZIONE I sottoelencati signori: 1. Carmine Loiercio nato a.. il././.., codice fiscale.. 2. Stefano Rondolino nato a.. il././..,

Dettagli

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 30DICEMBRE2014 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE

Dettagli

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ART. 1 ISTITUZIONE La Consulta Giovanile Comunale è istituita dal Comune di Torino di Sangro con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto.

Art. 3 Soci Possono associarsi alla CdV le organizzazioni previste dall art. 3 dello Statuto. REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CASA DEL VOLONTARIATO Art.1 Denominazione e sede La Casa del Volontariato ha sede in Monza via Correggio 59 in un edificio che il Comune di Monza ha dato in comodato

Dettagli

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO

STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO STATUTO DEL FORUM PER LE POLITICHE GIOVANILI DELLA CITTA DI GROSSETO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Grosseto, riconosciuta l importanza di coinvolgere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI INDICE ART. 1 Forum dei Giovani Finalità pag. 3 ART. 2 Principi programmatici pag. 3 ART. 3 Compiti del Forum pag. 3 ART. 4 Pareri pag. 4 ART. 5 Soci

Dettagli

Associazione Culturale La Barchetta REGOLAMENTO INTERNO ASSOCIAZIONE

Associazione Culturale La Barchetta REGOLAMENTO INTERNO ASSOCIAZIONE Associazione Culturale La Barchetta REGOLAMENTO INTERNO ASSOCIAZIONE 1 Sommario 1. Scopo e finalità...3 2. Tesseramento e ammissione...3 2.2 Ammissione...3 2.3 Versamento delle quote sociali...3 2.4 Rinnovo...4

Dettagli

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO INDICE ARTICOLO 1 ISTITUZIONE ARTICOLO 2 - IMPEGNI DELL AMMINISTRAZIONE ARTICOLO 3 - FINALITA DEL FORUM ARTICOLO 4 - AREE DI INTERESSE ARTICOLO 5 COMPETENZE

Dettagli

Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles

Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles Approvato dall Assemblea del Circolo PD di Bruxelles il XXX PREAMBOLO Il presente Regolamento (in prosieguo: "Regolamento PD Bruxelles") ha per scopo

Dettagli

Statuto della Associazione ONG Italiane. (approvato dall Assemblea straordinaria del 19 luglio 2013)

Statuto della Associazione ONG Italiane. (approvato dall Assemblea straordinaria del 19 luglio 2013) Statuto della Associazione ONG Italiane (approvato dall Assemblea straordinaria del 19 luglio 2013) Art. 1 - Denominazione e sede È costituita, con sede in Roma, l Associazione denominata Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con delibera del CdZ4 N.127 del 09/05/2013 Parte prima PRINCIPI GENERALI Art. 1 PREMESSA Il presente regolamento definisce le finalità,

Dettagli

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD REGOLAMENTO DEL ROTARY CLUB LECCE SUD tratto dal Manuale di Procedura 2007 ed approvato dall assemblea dei soci il 19 novembre 2009 Articolo 1 - Definizioni 1. Consiglio:

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione

Dettagli

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione Genitori del 2 Circo lo. Essa ha struttura democratica ed è indipendente da

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SIETAR ITALIA CAPITOLO I Nome, scopo, e domicilio dell associazione 1. Nome ed affiliazioni 1.1 L Associazione SIETAR Italia (associazione culturale per l educazione,

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PANDA ASSASSINO RISIKO! CLUB CITTA DI RAVENNA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PANDA ASSASSINO RISIKO! CLUB CITTA DI RAVENNA SCOPO DELL ASSOCIAZIONE L'associazione è senza fini di lucro ed ha come scopo l organizzazione di incontri tra i Soci per il piacere di giocare insieme a Giochi di Società, in special modo a RisiKo!, il

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PER LE ELEZIONI PRIMARIE STATUTO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PER LE ELEZIONI PRIMARIE STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PER LE ELEZIONI PRIMARIE STATUTO FINALITÀ Art. 1 - L associazione di volontariato Associazione di volontariato per le elezioni primarie, più avanti chiamata per brevità associazione,

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO. Statuto del Forum dei Giovani

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO. Statuto del Forum dei Giovani COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO Statuto del Forum dei Giovani Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.8 del 30/06/2011 Titolo Primo: Istituzione, durata, sede, principi programmatici

Dettagli

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI - COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI 1 INDICE ART. 1 Forum dei Giovani Finalità pag. 4 ART. 2 Principi programmatici pag. 4 ART. 3

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso

CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso CONSULTA PROVINCIALE DEGLI STUDENTI : istruzioni per l uso documento realizzato dal Gruppo di lavoro tematico Informazione/Formazione Rappresentanza Studentesca (CPS di Alessandria, Asti, Biella, Torino)

Dettagli

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Anno 2004-2005 REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

Regolamento interno del Coordinamento delle associazioni di volontariato della provincia di Treviso Testo approvato dall Assemblea del 28 aprile 2007

Regolamento interno del Coordinamento delle associazioni di volontariato della provincia di Treviso Testo approvato dall Assemblea del 28 aprile 2007 Regolamento interno del Coordinamento delle associazioni di volontariato della provincia di Treviso Testo approvato dall Assemblea del 28 aprile 2007 Art. 1 - Soci Ciascun membro del Coordinamento che

Dettagli

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Disposizioni preliminari Art. I Con questo regolamento interno l Associazione Noi dell Enrico Tosi intende darsi un insieme di norme pratiche atte a favorire

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. a) Qualsiasi forma di propaganda partitica nelle sedi ufficiali ed in attività organizzate da Tutti Sub;

REGOLAMENTO GENERALE. a) Qualsiasi forma di propaganda partitica nelle sedi ufficiali ed in attività organizzate da Tutti Sub; REGOLAMENTO GENERALE Aconfessionalità ed apartiticità 1. L Associazione Tutti Sub è aconfessionale ed apartitica: non favorisce né discrimina, direttamente od indirettamente, alcuna confessione o formazione

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Scuola di Studi Giuridici e Monetari - Giacinto Auriti

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Scuola di Studi Giuridici e Monetari - Giacinto Auriti STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Scuola di Studi Giuridici e Monetari - Giacinto Auriti ART. 1 Conforme alle disposizioni in materia di associazioni di promozione sociale, come da Decreto Legge n.460/97, ed alla

Dettagli

ART. 1 Costituzione. ART. 2 Sede. ART. 3 Carattere dell'associazione. ART. 4 Durata dell'associazione. ART. 5 Scopi dell'associazione

ART. 1 Costituzione. ART. 2 Sede. ART. 3 Carattere dell'associazione. ART. 4 Durata dell'associazione. ART. 5 Scopi dell'associazione ART. 1 Costituzione E' costituita l'associazione denominata ASSOCIAZIONE SAMMARINESE PER L'INFORMATICA, brevemente ASI, essa è retta dal presente statuto e dalle vigenti norme di legge in materia. L Associazione

Dettagli

Statuto e Atto Costitutivo di Lista Civica rilegnano

Statuto e Atto Costitutivo di Lista Civica rilegnano Statuto e Atto Costitutivo di Lista Civica rilegnano Art. 1 - DENOMINAZIONE E costituita, ai sensi degli articoli 26, 27 e 28 del Codice Civile, l associazione di partecipazione politica Lista Civica rilegnano

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI (Revisione 2 del 30 giugno 2008) 1. PREMESSA In sintonia con la Legge 10 marzo 2000, n. 62 (articolo 1, comma 4, lettera c) e con il Centro Salesiano don

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed ai sensi degli artt. 36

Dettagli

3 SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE

3 SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE STATUTO Associazione ROSPO Art. 1 DENOMINAZIONE - E' costituita nel rispetto del codice civile e della L. 383/ 2000 l'associazione R.O.S.P.O. (Rivista e Osservatorio Statistico per la Percezione e le Opinioni).

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO

STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente Statuto trovano il loro fondamento giuridico nell'art. 8 del D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000 T.U. sull' Ordinamento

Dettagli

STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C.

STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C. STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C. Associazione Professionale di Consulenti Tecnici di Pianificazione, Coordinatori dell Emergenza ed Istruttori

Dettagli

Linee Guida Comitato Traduzione Letteratura

Linee Guida Comitato Traduzione Letteratura Linee Guida Comitato Traduzione Letteratura Queste linee guida non intendono essere definitive, ma il riflesso di un lavoro in corso: intendono riportare le esperienze acquisite rimanendo aperte a quelle

Dettagli

COPIA CONFORME ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508

COPIA CONFORME ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508 ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13508 Il Consiglio Direttivo dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, riunito in Roma il giorno 23 gennaio 2015, alla presenza

Dettagli

CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO

CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO Art. 1 Istituzione I Comuni di...istituiscono e fondano la CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO La Consulta ha la propria sede istituzionale presso il municipio del Comune,

Dettagli

CASACLIMA NETWORK - SEZIONE FERMO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata

CASACLIMA NETWORK - SEZIONE FERMO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata CASACLIMA NETWORK - SEZIONE FERMO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata Art. 2: Scopo dell associazione Comunicazioni esterne Utilizzo del logo 2.1 Scopo dell associazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PROCEDIMENTO DI CONFERIMENTO DEL TITOLO STUDENTE DELL ANNO LIUC

REGOLAMENTO DEL PROCEDIMENTO DI CONFERIMENTO DEL TITOLO STUDENTE DELL ANNO LIUC REGOLAMENTO DEL PROCEDIMENTO DI CONFERIMENTO DEL TITOLO STUDENTE DELL ANNO LIUC TITOLO I Disposizioni Generali Art.1 Il riconoscimento I titoli di Studente dell anno LIUC sono riconoscimenti conferiti,

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Scuola Secondaria di 1 e 2 Grado

REGOLAMENTO D ISTITUTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Scuola Secondaria di 1 e 2 Grado ISTITUTO SALESIANO - «Beata Vergine di San Luca» Scuole secondarie di primo e di secondo grado - Paritarie Scuola secondaria di primo grado ( D. USR n. 148 del 27-08-2001) Istituto Professionale settore

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Comitato dei Genitori Istituto Comprensivo di Brembate di Sopra

Statuto dell Associazione Culturale Comitato dei Genitori Istituto Comprensivo di Brembate di Sopra Statuto dell Associazione Culturale Comitato dei Genitori Istituto Comprensivo di Brembate di Sopra PREMESSA Il Comitato dei Genitori è uno degli organi che consente la partecipazione dei genitori nella

Dettagli

Articolo 4 L anno sociale, agli effetti giuridici e della amministrazione, inizia con il primo gennaio e termina l ultimo giorno di dicembre.

Articolo 4 L anno sociale, agli effetti giuridici e della amministrazione, inizia con il primo gennaio e termina l ultimo giorno di dicembre. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BACINO AGNO CHIAMPO CONCESSIONARIA DI ACQUE PUBBLICHE PER L ESERCIZIO DELLA PESCA SPORTIVA E DILETTANTISTICA TITOLO I Della Associazione in genere Scopi

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO/ASSOCIAZIONE

STATUTO DEL CIRCOLO/ASSOCIAZIONE STATUTO DEL CIRCOLO/ASSOCIAZIONE ART. 1 - COSTITUZIONE - A norma dell'art. 18 della Costituzione Italiana e degli artt. 36-37-38 dei Codice Civile è costituita l'associazione di promozione sociale... con

Dettagli

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014

REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 REGOLAMENTO AGI NAZIONALE APPROVATO NELL ASSEMBLEA NAZIONALE 18 MAGGIO 2014 Art. 1 Sede (Art. 1 dello Statuto) La Sede può essere trasferita su delibera dell Assemblea Straordinaria. Quando ricorra motivo

Dettagli

COMUNE DI CERVIA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO

COMUNE DI CERVIA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO COMUNE DI CERVIA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO Approvato con atto C.C. n. 52 del 12.11.2012 1 PREMESSA Art. 1 - Obiettivi e finalità Art. 2 - Composizione Art. 3 - Decadenza dell associazione

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE CARICHE SOCIALI

REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE CARICHE SOCIALI REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE CARICHE SOCIALI Art. 1. NORME GENERALI 1. Il presente regolamento è stato approvato dal Consiglio Direttivo dell Associazione in data 12.04.2012 e sottoposto all Assemblea

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

COMITATO COMPRENSORIALE PER IL NO ALL'INCENERITORE DEL CASONE DI SCARLINO - COLLINE METALLIFERE STATUTO

COMITATO COMPRENSORIALE PER IL NO ALL'INCENERITORE DEL CASONE DI SCARLINO - COLLINE METALLIFERE STATUTO COMITATO COMPRENSORIALE PER IL NO ALL'INCENERITORE DEL CASONE DI SCARLINO - COLLINE METALLIFERE STATUTO ART. 1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE, SEDE Ai sensi degli art. 14 e 16 del Codice Civile è costituita

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

Regolamento Assemblea dei Soci

Regolamento Assemblea dei Soci Regolamento Assemblea dei Soci Regolamento Assemblea dei soci - versione 2.0 1 Indice Destinatari del Regolamento... 3 Approvazione del regolamento... 3 Storia delle modifiche apportate... 3 Titolo I -

Dettagli

TRACCIA DI STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO

TRACCIA DI STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO TRACCIA DI STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 - COSTITUZIONE E' costituita l'associazione degli Studenti del Continente Africano in Ferrara, Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale,

Dettagli

Regolamento della Consulta degli Studenti

Regolamento della Consulta degli Studenti Regolamento della Consulta degli Studenti TITOLO I Definizioni Art. 1 Natura, Composizione, Funzioni. 1. La Consulta degli Studenti, di seguito denominata Consulta, è l organo elettivo di rappresentanza

Dettagli

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli)

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) COPIA DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO (Nominato con decreto del Presidente della Repubblica del 22.08.2014) N. 17 del 05.02.2015 (adottata

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ARC.A. - ARCIERI ALPIGNANO

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ARC.A. - ARCIERI ALPIGNANO 1. COSTITUZIONE E' costituita in Alpignano (TO) con sede in via Collegno 31, Parco della Pace, una Associazione Sportiva Dilettantistica per l'esercizio dello sport del Tiro con l'arco, con qualità di

Dettagli

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE delle ASSOCIAZIONI di NEFROPATICI, TRAPIANTATI d ORGANO e di (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS) Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS ART. 1. COSTITUZIONE. Si è costituita con sede in Viale della Rimembranza 35, piano terra Fallo (CH) un associazione che assume la denominazione di Faldus. Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Lo svolgimento dell assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Banca

Dettagli

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 2 del 25/02/2014 Art. 1 - ISTITUZIONE E FINALITA' 1. In attuazione dei principi enunciati nell art. 8 dello

Dettagli

Statuto Associazione ViviAmo Trecase

Statuto Associazione ViviAmo Trecase Statuto Associazione ViviAmo Trecase Capo Primo Principi generali Art. 1 Costituzione e denominazione E' costituita ai sensi degli artt. 36 e seguenti del Codice Civile l'associazione politico-culturale

Dettagli

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Monte Porzio Catone Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI maggio 2005 ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E SEDE CAPO I 1) La consulta delle Associazioni di Monte Porzio Catone è un organismo democratico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DELLA AZIENDA USL DI BOLOGNA ART. 1 - COSTITUZIONE In attuazione del comma 2 dell'art. 14 del D.L.vo 502/92 e dell'art. 16 della L.R. 19/94,

Dettagli

STATUTO DELLA SEZIONE DI MESSINA DEL CNGEI CORPO GIOVANI ESPLORATORI ED ESPLORATRICI D ITALIA

STATUTO DELLA SEZIONE DI MESSINA DEL CNGEI CORPO GIOVANI ESPLORATORI ED ESPLORATRICI D ITALIA STATUTO DELLA SEZIONE DI MESSINA DEL CNGEI CORPO GIOVANI ESPLORATORI ED ESPLORATRICI D ITALIA TITOLO 1- Denominazione, scopo e mezzi dell Associazione Art.1 Denominazione, Sede, Affiliazione, Simboli L

Dettagli

STATUTO ANCI CALABRIA

STATUTO ANCI CALABRIA STATUTO ANCI CALABRIA 1 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1. E'costituita l'associazione Regionale dei Comuni della Calabria nello spirito di unità nazionale e nella peculiare tradizione democratica

Dettagli

STATUTO A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli

STATUTO A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli Via Campostrini 76-37020 Pedemonte (Vr) Tel.: 045/680.16.88 - Fax:045/683.16.84 STATUTO A.I.R.A. Associazione Italiana Rivenditori Autoveicoli A.I.R.A.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli