PIANO DI MIGLIORAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI MIGLIORAMENTO"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA Via Verdi, Badia al Pino (AR) C.F Tel Fax WEB: - Prot.1268/c24 Badia al Pino, 12 marzo 2013 PIANO DI MIGLIORAMENTO Istituto Comprensivo Martiri di Civitella a.s ELABORAZIONE DEL PIANO Il Dirigente Scolastico Iasmina Santini

2 PRIMA SEZIONE: SCENARIO DI RIFERIMENTO Contesto territoriale. L Istituto Comprensivo Martiri di Civitella si trova in Toscana, nella Valdichiana aretina caratterizzata da un sistema industriale che risulta centrale per fattore di produzione e di occupazione con alcune importanti aziende nel campo chimico e manifatturiero. Analisi della situazione L'Istituto Comprensivo del comune di Civitella in Val di Chiana, nato nell'anno scolastico 1999/2000 dalla fusione dei tre ordini di scuola: Materna, Elementare e Media, è distribuito sul territorio in più plessi: plessi n alunni Scuola dell infanzia Oliveto Lo scoiattolo 98 Pieve al Toppo 74 Scuola primaria Ciggiano Gianni Rodari 68 Tegoleto Arcobaleno 249 Scuola secondaria di primo grado Badia al Pino Martiri di Civitella 247 Questo Istituto, così strutturato, riunisce al proprio interno l'intero primo ciclo di istruzione e permette un costruttivo raccordo fra i vari ordini per rendere fattiva la continuità educativa oltre ad un efficace legame con le famiglie e con il territorio. Il contesto territoriale Il nostro Istituto Comprensivo raccoglie le allieve e gli allievi da 3 a 14 anni del Comune di Civitella in Val di Chiana, frammentato in numerosi nuclei abitativi distribuiti in un ampio territorio. La realtà locale presenta un tessuto socioculturale composito e l'attuale comunità di Civitella è il risultato di profondi cambiamenti. La zona, pur essendo ancorata alla tradizione in un corretto equilibrio tra uomo e natura, ha vissuto negli ultimi trent'anni un forte processo di trasformazione economica che ha visto, a fianco del settore agricolo, sorgere e sviluppare un fiorente settore industriale, favorito da una ricca rete di infrastrutture. Fin dagli anni '50-'60 si è avviato il passaggio da un'economia quasi completamente agricola e artigianale ad una industriale, con una forte espansione, registrata nei decenni seguenti, nel settore dell'industria leggera (tessile e non), dei mobili, dell oreficeria. Sono questi, infatti, oltre al settore commerciale ed alla pubblica amministrazione, i comparti in cui risulta occupata la maggior parte dei genitori degli alunni del nostro istituto, come è emerso da una ricerca svolta all interno della Scuola Media dalla quale si possono ricavare altre significative informazioni sulla situazione socio-economica che caratterizza le famiglie degli alunni del nostro Istituto. La maggior parte dei genitori è occupata come lavoratore dipendente (60%), gli autonomi costituiscono il 26%, mentre le casalinghe risultano essere circa il 14%. Il 67% dei lavoratori è dipendente da imprese private, mentre l occupazione nel pubblico impiego assorbe il restante 33%. La qualifica professionale più diffusa è quella di operaio, soprattutto per la componente maschile; le femmine risultano invece in maggioranza fra gli impiegati; solo una piccola parte ricopre ruoli dirigenziali o direttivi. I lavoratori autonomi sono per lo più artigiani o imprenditori. Il settore secondario assorbe la maggior parte degli occupati (55%), il terziario segue con il 41%, mentre il primario comprende ormai solo il 4% degli addetti. Nel settore secondario e primario prevale l occupazione maschile, mentre quella femminile si concentra soprattutto nel terziario.

3 Per quanto riguarda il titolo di studio, si registra una sempre maggiore scolarizzazione, soprattutto se si fanno confronti con i censimenti degli anni passati. Il 54% del campione analizzato (i genitori degli alunni della Scuola Media) è in possesso della licenza media, il 39% di un diploma di scuola superiore, il 5% della licenza elementare ed il 2% di un diploma di laurea. Il costante sviluppo economico del territorio ha fatto sì che il Comune di Civitella sia divenuto, intorno agli anni '80, polo di attrazione di un consistente movimento migratorio, permanente e pendolare, (prevalentemente di italiani provenienti dalle regioni Sicilia, Calabria, Campania). L'immissione di diverse componenti nella popolazione locale va determinando un profondo cambiamento sociale: abitudini, usi, mentalità diverse hanno contribuito allo sviluppo economico ed al passaggio da una società contadina ad una borghese. Significativo l'aumento degli immigrati giunti negli ultimi anni dall'estero: da Paesi europei, slavi, dall'asia, Africa, America meridionale; in genere si tratta di una forma di immigrazione stabile di nuclei familiari che si sono insediati in varie aree del territorio di Civitella. La tabella illustra la costante crescita del numero di alunni stranieri sul totale degli iscritti. anno alunni alunni percentuale anno alunni alunni percentuale scolastico iscritti stranieri scolastico iscritti stranieri 2000/ % 2006/ ,84% 2001/ % 2007/ ,10% 2002/ % 2008/ ,73% 2003/ % 2009/ ,01% 2004/ % 2010/ ,77% 2005/ % Nel territorio sono presenti anche due Scuole Materne paritarie: la Giulia Pecchioli con sede a Badia al Pino, e la S. Marta con sede a Viciomaggio. Nella stessa località ha sede anche una Scuola Elementare paritaria (Istituto Medaglia Miracolosa). Un contesto più ampio Pur operando in un ambito territoriale ristretto, il nostro Istituto Comprensivo, come tutte le istituzioni scolastiche italiane, è chiamato ad affrontare numerosi problemi posti dai cambiamenti epocali che contraddistinguono il mondo di oggi. Lo sviluppo scientifico - tecnologico ed i processi di globalizzazione in atto hanno infatti impresso una forte accelerazione ai mutamenti sociali ed al rapporto stesso tra uomo e natura. La pressione dell uomo sull ambiente sta raggiungendo livelli mai prima sperimentati, con conseguenze difficilmente prevedibili. La ricerca scientifica e la diffusione delle tecnologie nei vari settori produttivi hanno permesso possibilità di intervento sulla natura che, in alcuni casi, si sono rivelate irreversibili. Situazioni locali di crisi e differenze di sviluppo economico, congiunte alle innovazioni nei trasporti e nelle comunicazioni, stanno provocando crescenti flussi migratori, originando fenomeni fra loro contrastanti: la ricerca ed il recupero delle singole identità locali, l incontro e la fusione tra culture, la diffusione di modi di vita standardizzati sul modello occidentale, l accoglienza e l integrazione ma anche reazioni xenofobe e razziste. Lo sviluppo delle conoscenze scientifiche e delle biotecnologie ha aperto nuovi orizzonti per la cura delle malattie ma anche inediti interrogativi etici. La stessa velocità dei cambiamenti in atto mette in discussione la tradizionale organizzazione delle discipline scolastiche, i metodi di insegnamento, i traguardi da raggiungere. I recenti risultati di rilevazioni internazionali (OCSE PISA, ad esempio) hanno sottolineato l urgenza di un potenziamento nella formazione di base degli alunni delle scuole italiane, con particolare riguardo alle materie scientifiche, anche le competenze linguistiche (sia nella lingua

4 madre sia in quelle straniere), però, devono essere rafforzate ed ulteriormente sviluppate, vista l importanza crescente della comunicazione in tutte le sue forme. Oltre alla richiesta di competenze disciplinari di livello più alto, il mondo di oggi e di domani pone sfide sempre più complesse soprattutto in relazione alla vita sociale nel suo insieme. Il tema della definizione di un nuovo tipo di cittadinanza è quanto mai di attualità in tutti i suoi risvolti: partecipazione, responsabilità, diritti, doveri, intercultura sono solo alcune delle parole chiave che si ripetono costantemente nelle analisi più aggiornate degli specialisti. Occorre pertanto, da parte della scuola, un rinnovato sforzo a livello progettuale per offrire strumenti culturali adeguati, volti a colmare gli svantaggi ed a favorire anche i processi d integrazione sociale esterni alla scuola stessa. Risorse e vincoli La normativa In questi ultimi anni la scuola italiana è stata interessata da diversi interventi riformatori, non sempre coerenti fra loro. Si è perciò scelto di individuare come principali riferimenti normativi, cui ispirare il curricolo dell Istituto Comprensivo di Civitella in Val di Chiana, la legge sull Autonomia scolastica (15 marzo 1997, n. 59) ed il testo delle recenti Indicazioni per il curricolo (Settembre 2007). Le strutture L Istituto Comprensivo di Civitella in Val di Chiana, articolato su cinque plessi, è ospitato in edifici differenti per età e tipologia, tutti, comunque, risultano in regole con le più recenti normative sull edilizia scolastica. Le attrezzature Nella Scuola Secondaria di primo grado è operativa una rete locale che serve il Laboratorio d informatica, la Presidenza e gli Uffici della Segreteria. Il laboratorio di informatica della Scuola Secondaria di primo grado è composto da 20 postazioni multimediali collegate in rete, da ogni postazione è possibile l accesso ad Internet. Nella sala riunioni è stata sistemata una Lavagna Interattiva Multimediale; altre due sono state sistemate in altre classi. Una quarta Lavagna Interattiva Multimediale è stata posizionata in una classe del plesso Arcobaleno. L uso di queste attrezzature nella didattica quotidiana è già iniziato, prosegue anche l opera di formazione del personale, sia attraverso iniziative organizzate internamente dall Istituto, sia attraverso la partecipazioni a corsi organizzati dal Ministero o da altri organismi riconosciuti. Nel nuovo plesso Arcobaleno è attivo un laboratorio di informatica composto da 19 postazioni multimediali collegate in rete (wireless). Nell altro plesso della Scuola Primaria è stato allestito un mini laboratorio (10 computer), utilizzati per l insegnamento dell informatica e per le attività didattiche previste dalla normativa. Nella Scuola Secondaria di primo grado sono inoltre presenti aule speciali per l Educazione Musicale / Audiovisivi e per l Educazione Artistica, ed un Laboratorio tecnico-scientifico. Nei plessi della Scuola Primaria, compatibilmente con gli spazi disponibili, sono utilizzate attrezzature didattiche di vario tipo (registratore audio, computer, videoregistratore, macchina fotografica, ecc.).

5 Il rapporto con l Ente locale Già da tempo è in atto una stretta interazione fra Scuola Comune, concretizzatasi attraverso un Protocollo d Intesa, stipulato ogni anno e sottoposto a revisione ed aggiornamento, chiamato Patto per la Scuola, che prevede un organico piano di interazione in rapporto a progetti educativi e finanziamenti, servizi e supporti vari relativi alle seguenti tematiche o attività intraprese dalla scuola: Insegnamento della lingua inglese nella scuola dell infanzia Progetto integrazione alunni stranieri e alunni portatori di handicap Progetto ambiente Laboratori d informatica Tema dei Diritti umani Educazione alla Democrazia Educazione motoria nella scuola dell infanzia e primaria Servizio di accoglienza pre-scuola e post-scuola nella scuola dell infanzia Interventi per la sicurezza degli ambienti scolastici Rapporto Scuola extrascuola attraverso il Centro Aquilone. Rapporti con altri Enti Il nostro Istituto ha stretti rapporti con la Biblioteca comunale con cui collabora nell organizzare attività e manifestazioni di vario tipo: Progetto Lettura, Incontro con l autore, ecc. La Biblioteca, inoltre, ospita uno "scaffale multiculturale" il cui allestimento è curato dal Centro di Documentazione della città di Arezzo, a disposizione della popolazione, di alunni e docenti. Proficui e stimolanti rapporti di collaborazione sono stati realizzati con importanti organizzazioni culturali ed umanitarie: Ucodep, Unicef, Emergency, Centro di Documentazione della città di Arezzo, etc. Da anni è in atto una collaborazione con l Università degli Studi di Perugia ed il Comune, che ha consentito la realizzazione di un giardino fenologico finalizzato al monitoraggio della qualità dell ambiente nel territorio comunale e al progetto di Educazione ambientale. Costanti sono anche i rapporti con le altre scuole del territorio, soprattutto con l Istituto Parificato Riabilitativo Medaglia Miracolosa, da cui provengono molti alunni portatori di handicap iscritti alla Scuola secondaria di primo grado del nostro Istituto.

6 SECONDA SEZIONE: ANALISI PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA - Punti di forza e punti di debolezza. Occorre innanzi tutto analizzare i punti di forza nell istituto, che possono essere considerati motori per il miglioramento della qualità della scuola, e punti di debolezza che richiedono attenta analisi e considerazione per azioni di cambiamento Tra gli elementi di forza dell istituto si rilevano: la grande disponibilità di tutto il personale alle proposte di innovazione, una forte identificazione personale con l Istituzione che si coagula in un voler far bene il proprio lavoro ; la presenza di un DS stabile (dall a.s ) che ha assicurato continuità organizzativa e di direzione; un assenteismo minimo tra i docenti ed il personale ATA e un alta percentuale di docenti e ATA di ruolo, quindi stabili. Punti di forza anche le buone strutture, nuove o ristrutturate recentemente; la presenza di palestre; la collaborazione tra gli ordini di scuola diversi per il progetto continuità e accoglienza, la collaborazione con le famiglie, anche con il supporto dei nonni (prevale la presenza di famiglie tradizionali). La collaborazione e condivisione con gli enti territoriali è ottima, con una presenza continua e costante Tra i fattori di debolezza si segnalano: la scarsa cultura dell autovalutazione affidata esclusivamente ai risultati Invalsi senza invece la rilevazione di qualità percepita o customer satisfaction, la mancanza di definizione dei processi amministrativi e di regolamenti generali dell attività amministrativa, compresa la Carta dei servizi, una certa autoreferenzialità della pratica amministrativa nel campo della trasparenza. Dall analisi sono emersi buoni risultati per quanto riguarda le attività relative all inclusione degli alunni disabili, al recupero, alla progettazione didattica e valutazione degli studenti; le attività di orientamento sono ben strutturate, accettabili ma non eccellenti le attività relative al potenziamento mentre ottima è la cura per l inclusione degli studenti stranieri. In tutte queste aree si intravedono alcuni aspetti che meritano una riflessione in prospettiva di un miglioramento: la definizione di figure con competenze specifiche per le varie attività, una più puntuale strutturazione dei processi di intervento, il ricorso sistematico al confronto e alla collaborazione nella progettazione degli interventi didattici, dei mezzi da usare e degli strumenti di valutazione. Obbiettivi strategici per questo anno: 1. La capacità di sostenere il miglioramento: sono necessari interventi sistematici di autovalutazione a partire dall esperienza già in atto con l esame dell Invalsi (il Team ha rilevato che alcune azioni risultano come iniziative individuali di singoli insegnanti quasi a titolo personale), pertanto è opportuno costituire un nucleo interno di autovalutazione che dia sistematicità alle iniziative di autoriflessione, predisponga strumenti e tecniche di indagine, rielabori i risultati e li porti a conoscenza di tutti i soggetti della scuola, genitori compresi. Una parte importante di questo lavoro riguarderà il proseguimento dell analisi dei risultati delle prove Invalsi e quelli che gli studenti dell Istituto conseguono il primo anno nella secondaria di secondo grado, insieme alla somministrazione di questionari in base al sistema CAF (Common assesment frame work). 2. La progettazione: utilizzare al meglio l istituzione delle funzioni strumentali al fine di costituire gruppi di lavoro, aperti anche ad apporti esterni. I gruppi dovrebbero lavorare a lungo termine, se necessario, per progettare le azioni, creare gli strumenti di intervento, proporre modalità di lavoro, verificare i risultati, rendere conto dei progressi, far conoscere i risultati. Occorre ricorrere in modo sistematico al confronto e alla collaborazione nella progettazione degli interventi didattici, dei mezzi da usare e degli strumenti di valutazione; di approfondire le azioni su cui la scuola intende migliorarsi, che sial inclusione degli stranieri o il potenziamento per il raggiungimento dell eccellenza o la modernizzazione dei servizi e dell azione amministrativa di supporto alla

7 didattica. Emergono chiare tre iniziative di miglioramento (di seguito riportate in ordine di priorità) che si richiamano direttamente ad un unico obiettivo strategico: la diffusione della cultura dell autovalutazione in direzione di una rendicontazione sociale e una maggiore trasparenza dell azione amministrativa che consenta di potenziare tutte le collaborazioni territoriali e con gli stake-holders. La diffusione capillare nella scuola della cultura dell autovalutazione è riconosciuta da tutti, operatori, famiglie, studenti,associazioni ed enti presenti nel territorio, come il motore attraverso il quale progettare e realizzare il miglioramento della qualità del servizio. In questa prospettiva assume particolare importanza la comunicazione interna ed esterna, veicolata attraverso momenti di condivisione e di rendicontazione, anche per mezzo del sito della scuola. 3. L obiettivo strategico potrà essere attuato tramite varie modalità operative, articolate e integrate negli interventi inseriti nel PDM: Miglioramento/potenziamento della comunicazione interna ed esterna, da cui si evince la necessità di accrescere le modalità della diffusione e la tempestività, oltre che la necessità di attivare nuovi strumenti e potenziare l utilizzo di quelli già a disposizione (sito web, circolari, ecc). Ottimizzazione delle scelte didattico-pedagogiche progettate nel POF. Promozione della cultura della valutazione e autovalutazione da parte di alunni, docenti, personale non docente. Recupero per gli alunni: progettare attività di recupero disciplinare da attivare sin dell inizio del II quadrimestre. Potenziamento per gli alunni: progettare attività di potenziamento disciplinare per le eccellenze. Promozione della formazione in servizio dei docenti per il miglioramento del processo di insegnamento nella didattica in generale. Promozione dell aggiornamento della didattica incrementando in modo significativo l uso delle nuove tecnologie. TERZA SEZIONE Azioni previste per questo anno Programmare ed attuare azioni volte all inclusione degli allievi con bisogni educativi speciali, in particolare rispetto alle nuove forme di fabbisogno espressi dagli allievi. SITUAZIONE DI PARTENZA L Istituto è sensibile alle problematiche degli alunni con BES per i quali sono progettati e realizzati percorsi formativi che facilitano la loro integrazione nella realtà non solo scolastica. La funzione strumentale e la commissione Bes sono di supporto all Istituzione nelle fasi di monitoraggio, di progettazione e di verifica. Vengono utilizzati dei format comuni sia per la redazione dei PEI che dei PEP. Tutti i consigli di classe con la presenza di studenti Bes partecipano al completo agli incontri previsti dalla L. 104 con neurospichiatri, psicologi e riabilitatori: sono momenti importanti per condividere la lettura dei bisogni e le linee strategiche da seguire.

8 Sono previsti incontri di programmazione tra docenti di classe e docenti di sostegno per una gestione condivisa delle modalità didattiche e dei percorsi di integrazione e/o personalizzazione dei curricola. AZIONI PRIORITA. Identificare i referenti per il progetto DSA, costruzione dello spazio dedicato nel sito, creazione del gruppo di lavoro allargato ai referenti intercultura, genitori Implementare l'utilizzo dei software di sintesi e di riconoscimento vocale; programmare momenti di condivisione delle problematiche connesse ai DSA con le famiglie (incontri con esperti; confronto con i docenti); potenziare il raccordo tra docenti di sostegno e docenti di classe; affinare gli strumenti per la valutazione finale del PEP per studenti DSA al fine di registrarne progressi, evidenziare le buone prassi, progettare azioni di miglioramento; promuovere attività di arricchimento dell offerta formativa coerenti con i Piani di Studio, che permettano agli studenti di attivarsi in compiti autentici; utilizzare strumenti di osservazione e prove standardizzate per rilevare situazioni di partenza, progressi in itinere. 2.Progettare e realizzare azioni volte all inclusione degli alunni di cittadinanza non italiana, con attenzione al superamento delle barriere linguistiche ed alla presenza di bisogni educativi specifici. SITUAZIONE DI PARTENZA Il numero di studenti non italofoni presenti nelle nostre scuole è piuttosto elevato ed ha indotto il Collegio Docenti a dotarsi di strumenti per rispondere alle diverse esigenze (al momento dell iscrizione, per l acquisizione dell italiano per comunicare e poi per studiare,..), quali: il Protocollo accoglienza e il documento Personalizzare i percorsi Allievi non italofoni Vengono attivati laboratori di italiano L2 tenuto dai docenti della stessa scuola che hanno disponibilità oraria e competenze e un facilitatore linguistico nella persona di Elena Cecchin, con un contratto di prestatore d opera, utilizzando il fondo dedicato all area a forte processo migratorio. In accordo con gli insegnanti di classe si programmano gli interventi che inizialmente hanno lo scopo di mettere in grado gli alunni stranieri di acquisire le prime competenze per saper interagire con adulti e coetanei nell ambiente scolastico e sociale. AZIONI Attivare progetti di intercultura che coinvolgano anche il territorio; sensibilizzare i consigli di classe ad una didattica più attenta alle specificità degli studenti non italofoni; promuovere attività di arricchimento dell offerta formativa coerenti con i Piani di Studio, che permettano agli studenti di attivarsi in compiti autentici; utilizzare strumenti di osservazione e prove standardizzate per rilevare situazioni di partenza, progressi in itinere; promuovere la partecipazione a corsi di corsi di formazione specifica volta all apprendimento delle modalità di insegnamento dell italiano L2

9 3. DEFINIZIONE DI UN PIANO DI MIGLIORAMENTO AMMINISTRATIVO E GESTIONALE Obiettivo: Definire un piano di miglioramento che permetta alle scuole un efficientamento della propria struttura e delle proprie procedure. SITUAZIONE DI PARTENZA La storia dell Istituto è stata segnata dopo la sua costituzione, da un avvicendarsi di due DSGA che adesso è stabile dal Molte procedure non sono standardizzate e non è sempre stato agile reperire la documentazione. Formato da n. 5 plessi di diverse dimensioni e con differenti esigenze, l istituto inizia ora ad attuare un piano di miglioramento gestionale e di razionalizzazione dell utilizzo di fondi volto a ridurre e ottimizzare le spese, in particolare quelle di funzionamento, attraverso specifici articoli del regolamento Interno. L auspicio è che una maggiore procedimentalizzazione dell azione amministrativa si possa tradurre, già a partire dall anno finanziario 2013, in un contenimento delle spese. Gli uffici di segreteria, nelle loro articolazioni interne, hanno già adottato l utilizzo di programmi informatici in osservanza sia delle norme di settore vigenti, oltre che di semplificazione delle procedure amministrative. Occorrerà procedere ad una completa de materializzazione delle comunicazioni interne che adesso assorbono notevoli risorse e tempo con la creazione di mail-list e protocollo informatico. Non essendo presente la Carta dei servizi occorrerà procedere alla sua stesura con un gruppo di lavoro, nonché la creazione di documenti fondamentali da portare all approvazione del Consiglio d Istituto come il regolamento per le gare e gli acquisti. AZIONI Coinvolgere il personale nella condivisione del Progetto d'istituto e delle linee educative d'istituto, individuando le esigenze di ciascuna componente; predisposizione ad inizio di ogni anno scolastico del funzionigramma, con una distribuzione equa delle mansioni; incentivare una maggiore flessibilità per la gestione delle emergenze; portare a compimento la riorganizzazione della gestione-archivio informatico dei documenti e dei modelli; completare la standardizzazione di tutte le procedure; ridurre le spese per acquisto di libri di testo, carta per fotocopie, toner, registri, software e sistemi operativi per reperire risorse per attività didattiche e ridurre la produzione di rifiuti; migliorare la comunicazione interna utilizzando la posta elettronica (ora più agevole dopo aver fornito i plessi di nuovi computer e connessioni per gli indirizzi mail creare mailing list per docenti e genitori; per la Consulta dei genitori e il Consiglio dell Istituzione; implementare l utilizzo del sito per la lettura di documenti, avvisi, comunicazioni, calendari impegni; per reperire la modulistica; per un aggiornamento continuo in merito alle decisioni dei vari organi e organismi della scuola; introdurre le procedure di iscrizione on-line; prevedere momenti di formazione con esperti. REVISIONE DEL PIANO: Giugno 2013 RESPONSABILE: DIRIGENTE SCOLASTICO Iasmina Santini

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 29 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci

RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci RILEVAZIONE COMPETENZE LINGUISTICHE ITALIANO L2 ALUNNI STRANIERI I.C. Leonardo da Vinci di Sorbolo-Mezzani a.s. 2013-2014 PREMESSA Essere alfabetizzati nella nostra lingua costituisce un buon indicatore,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli