Lista Civica MOVIMENTO 5 STELLE CADONEGHE PREMESSA AL PROGRAMMA AMMINISTRATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lista Civica MOVIMENTO 5 STELLE CADONEGHE PREMESSA AL PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2014-2019"

Transcript

1 Lista Civica MOVIMENTO 5 STELLE CADONEGHE PREMESSA AL PROGRAMMA AMMINISTRATIVO Noi membri del Movimento Cinque Stelle (M5S), presentiamo un programma amministrativo per il comune di Cadoneghe che si basa su 5 punti cardine: AMBIENTE ACQUA SVILUPPO CONNETTIVITA' TRASPORTI Inoltre sono stati presi come guida per la sua redazione i dodici punti cardine della Carta di Firenze che sono: 1. Acqua pubblica 2. Impianti di depurazione obbligatori nelle abitazioni non collegabili alla rete fognaria 3. Espansione del verde urbano 4. Licenze edilizie solo per demolizioni/ricostruzioni o recupero delle aree industriali dismesse 5. Piano di trasporti pubblici non inquinanti e rete di piste ciclabili cittadine 6. Piano di mobilità per i disabili 7. Connettività internet gratuita per i Cittadini del Comune 8. Creazione di punti pubblici di telelavoro 9. Rifiuti zero 10. Sviluppo delle fonti rinnovabili come fotovoltaico ed eolico 11. Efficienza energetica 12. Favorire le produzioni locali

2 PREMESSA L operato dei portavoce eletti sarà oggetto di costante valutazione da parte del gruppo M5S ed espressione della sua maggioranza. L'obiettivo primario del M5S è quello di cambiare l'attuale concetto di politica che deve mettere al centro dell'attenzione il cittadino e quindi restituire prima di tutto valore e dignità alla persona, una politica che abbia lo scopo di creare benessere per il cittadino, non solo economico, ma che riesca a restituire a ciascuno di noi una propria realizzazione personale e sociale, perchè l attuale recessione economica è la diretta conseguenza di una crisi etica e morale: è il risultato della delega che abbiamo concesso per molti anni a persone sbagliate. Scelte politiche condivise, trasparenti ed oneste sono fondamentali per creare una maggiore responsabilità civica. Una politica né di destra né di sinistra ma fatta di idee. Inoltre il M5S vuole trasformare il comune di Cadoneghe in una cittadina sostenibile principalmente dal punto di vista ambientale. E' per questo che incentiveremo: la salvaguardia idrogeologica, lo sviluppo delle fonti rinnovabili, lo sviluppo delle piste ciclabili, il recupero delle acque piovane per il loro riutilizzo, la sensibilizzazione al risparmio dell'acqua potabile, l'aumento ed il miglioramento del verde pubblico, l'ottimizzazione della raccolta differenziata e soprattutto del riciclo dei rifiuti, le limitazioni alla cementificazione del territorio, l'attenzione al decoro degli edifici esistenti, il miglioramento energetico per gli edifici da ristrutturare e per quelli di nuova costruzione. Il M5S, oltre che sull'ambiente, punta sulla connettività gratuita per i residenti. Noi consideriamo che la connessione Internet debba diventare pubblica anche nel nostro Comune e fondamentalmente gratuita. L'accesso ad Internet tramite i punti di accesso pubblici oltre che favorire l informazione libera permetterà di velocizzare il rapporto tra l amministrazione ed i cittadini ed a questa maggior accessibilità virtuale, noi associamo una maggiore capillarizzazione del trasporto pubblico, che fino ad oggi è mancata sfavorendo gran parte della popolazione di Cadoneghe. Dati i punti principali del nostro programma, siamo consapevoli che per la loro realizzazione sarà necessaria una migliore amministrazione delle risorse. Partendo dalla conoscenza dei mezzi disponibili e perseguendo un'equa ridistribuzione, noi ci impegniamo a non sperperare il denaro pubblico ed a mantenere una politica di bilancio prudenziale ottimizzando i costi. Noi pensiamo che nuove risorse possano essere reperite attraverso una gestione della spesa più parsimoniosa. A tal fine ci impegniamo ad eliminare gli sprechi, a ridurre le eventuali perdite di energia termica ed elettrica delle utenze pubbliche con un conseguente risparmio sulla bolletta; in ambito tasse e tributi ci impegniamo a fare controlli più stringenti anche in collaborazione con gli altri enti preposti affinché valga l idea di pagare meno ma pagare tutti. La programmazione delle spese comunali terrà conto del difficile periodo che il sistema economico-produttivo sta attraversando. Questa crisi sta avendo pesanti effetti sul nostro tessuto sociale, pertanto focalizzeremo la nostra attenzione sull'aumento della disoccupazione, specialmente di quella giovanile. Potenzieremo lo sportello Informalavoro per un maggior sostegno alla ricerca attiva del lavoro, specialmente nei casi di maggiore difficoltà nell inserimento lavorativo. Ci differenzieremo dagli altri gruppi politici poiché voteremo singolarmente le proposte presentate dai partiti o dalle altre liste civiche, non in base al loro colore di appartenenza, ma sull affinità delle idee al presente programma, indipendentemente da chi le presenterà. Il programma è una proposta e quindi verrà integrato con il contributo di tutti quelli che lo vorranno, con decisioni che saranno prese a maggioranza e ci impegneremo per la massima trasparenza. Per realizzare quanto sopra ci sarà uno strumento dedicato sul sito del Comune e, per chi non ha o non usa Internet, una formula alternativa (es. postazioni disponibili presso la biblioteca o il Comune).

3 Lista Civica MOVIMENTO 5 STELLE CADONEGHE PROGRAMMA ELETTORALE TRASPARENZA ED EFFICIENZA AMMINISTRATIVA Lavoreremo per capire come sono stati spesi i soldi dei cittadini, elimineremo il superfluo e gli sprechi (ed esempio estendendo quanto più possibile l'utilizzo di software open source e gratuiti - Linux, Libre Office, ecc. - negli uffici comunali e nelle scuole, in sostituzione di quelli a pagamento). Ridistribuiremo le spese in base a priorità condivise e faremo un resoconto costante e dettagliato alla cittadinanza, sia tramite Internet che con incontri dedicati. All'insegna di una maggior trasparenza della gestione comunale noi proponiamo: partendo dal presupposto che la democrazia diretta è una forma di democrazia in cui non esiste il meccanismo della delega politica, bensì quello della diretta partecipazione dei cittadini alle decisioni riguardanti la collettività, ci impegniamo a modificare lo Statuto ed i Regolamenti Comunali eliminando ad esempio i quorum nei Referendum e, nel caso di tematiche sensibili per la cittadinanza, indicendo Referendum consultivi per l'approvazione definitiva delle delibere; di realizzare l alfabetizzazione informatica di tutti i cittadini che ne facciano richiesta organizzando corsi gratuiti; di migliorare il sito internet del comune, al fine di renderlo di più facile fruizione, creando un forum di discussione, in cui si potrà discutere l'attività comunale. Creeremo inoltre una mailing-list a cui chiunque potrà iscriversi per ricevere tutte le notizie sugli eventi comunali; di pubblicizzare con adeguati mezzi e tempistiche tutti gli eventi di rilevante interesse che riguardano l amministrazione del Comune e di aprire al pubblico, oltre alle riunioni del Consiglio Comunale e delle Commissioni, anche quelle dei Capigruppo incentivando sempre più la partecipazione dei Cittadini alla gestione della cosa pubblica; di pubblicare sul sito del Comune tempestivamente, in forma leggibile e semplificata, con modalità di accesso immediata e di consultazione semplice, tutti i dati relativi al bilancio consuntivo e di previsione del Comune, dell Unione Medio Brenta e delle aziende partecipate e il programma economico triennale con il relativo stato di attuazione; di fare un resoconto costante alla cittadinanza dei lavori e delle decisioni dell amministrazione, attraverso assemblee pubbliche con cadenza almeno semestrale anche per valutare nuove proposte ed idee dei cittadini da portare in Consiglio Comunale; di ridurre a due mandati l'elezione per qualsiasi carica pubblica; di vietare il cumulo delle cariche pubbliche durante uno stesso mandato tranne nei casi in cui sia obbligatoriamente previsto; di vietare l'eleggibilità alle cariche pubbliche per i cittadini che siano stati condannati in via definitiva; di rivedere i processi, le procedure e l'organizzazione dell'amministrazione Comunale al fine di ottimizzare i carichi di lavoro del personale; di introdurre la massima trasparenza nell affidamento delle opere pubbliche e nella fornitura di servizi sia con gare di appalto sia con l affidamento diretto, utilizzando criteri di valutazione del merito e della qualità delle opere eseguite, privilegiando le aziende virtuose e ove possibile locali; di introdurre maggiore trasparenza anche sulle responsabilità e sulle penali nei capitolati. Di pubblicare la valutazione qualitativa delle opere eseguite;

4 di dare maggiore trasparenza ed informazione anche tramite internet alla corresponsione di contributi pubblici o altre agevolazioni economicamente rilevanti; di eliminare, ove possibile, le consulenze esterne utilizzando le competenze dei tecnici comunali; di revisionare in dettaglio tutte le voci di acquisto di prodotti e servizi, lavorando sulla loro ottimizzazione. SCUOLA E CULTURA I nostri obiettivi per incrementare la bontà del servizio scolastico sono: l aumento delle risorse dedicate alla scuola ed alla cultura; la costante tenuta in sicurezza ed in ordine degli edifici scolastici; la costante verifica della qualità del servizio delle mense, utilizzando alimenti a km zero, di stagione e di origine biologica per garantire un minimo impatto ambientale e una corretta educazione alimentare; l incentivazione alla creazione di orti scolastici, anche con il coinvolgimento degli anziani del territorio; la sempre maggiore valorizzazione della biblioteca e l esortazione al recupero bibliotecario di libri usati; la scuola 2.0 (sostegno all uso dei tablet nelle scuole pubbliche); la realizzazione di un progetto di insegnamento, fin dalla prima infanzia, incentrato sul senso di responsabilità e sul rispetto dell'ambiente; l utilizzo degli spazi e delle attrezzature comunali per tutti i cittadini con il pagamento del solo rimborso spese; la spinta alla nascita ed alla crescita di gruppi che supportino la cultura e la diffusione dell informazione sia delle nuove scoperte sia delle riscoperte dei valori e patrimoni culturali della nostra società. TRASPORTI E MOBILITA Il nostro impegno per quanto riguarda i trasporti, consisterà in: la revisione dei percorsi degli autobus con creazione di una linea circolare che colleghi il capolinea del tram di Pontevigodarzere a tutti i quartieri del Comune oltre che alla Zona Industriale; la creazione di un area destinata al bike-sharing (condivisione di biciclette) da collegare al servizio del Comune di Padova; la realizzazione di almeno un area di sosta del car-sharing (condivisione di automobile) collegato al Comune di Padova; l incentivazione del pool-sharing (condivisione di trasporto); l attuazione di uno strumento interattivo che permetta alla cittadinanza di fare segnalazioni e proposte di miglioramento riguardo viabilità e trasporti; l impegno per la costruzione, in collaborazione con gli altri enti coinvolti, del nuovo ponte sul Muson che collegherà Cadoneghe con la stazione ferroviaria di Vigodarzere; la promozione di accordi con le aziende che gestiscono i trasporti urbani ed extra urbani per ottenere un biglietto unico che consenta di raggiungere Padova utilizzando tutti i mezzi. AMBIENTE E TERRITORIO Per la tutela del territorio la nostra politica prevede: la revisione degli strumenti urbanistici finalizzata alla tutela del territorio non urbanizzato tramite: l'azzeramento del consumo di territorio; l'utilizzo del territorio esclusivamente per opere pubbliche di alta priorità, approvate dai cittadini e prive di un sito alternativo per la loro realizzazione; le compensazioni ambientali, che comportano la rinaturalizzazione di pari aree dimesse;

5 il controllo costante e tutte le azioni necessarie per la salvaguardia del territorio dal punto di vista idrogeologico: monitoraggio costante dello stato dei corsi d'acqua che attraversano il territorio comunale, dei loro argini e la tutela della rete scolante, con vincolo delle sezioni e divieto di interramenti; la riconsiderazione di qualsiasi progetto di cementificazione in conflitto con l'eco sostenibilità e la previsione di consultazione della cittadinanza su queste tematiche; la revisione degli strumenti urbanistici finalizzata alla manutenzione del territorio urbanizzato; la sistematica manutenzione del patrimonio comunale, delle strade e dei marciapiedi e la creazione di nuovi dove l assenza di questi ultimi costituisca situazione di pericolo per i cittadini; il censimento immobiliare per la rilevazione degli immobili sfitti e delle aree dismesse o degradate ed il loro recupero anche con incentivi urbanistici e/o fiscali; l estensione e la cura delle piste ciclabili nel rispetto delle caratteristiche morfologiche del territorio; l eliminazione delle barriere architettoniche soprattutto per l accesso agli uffici pubblici; l'ampliamento del verde pubblico, il miglioramento dell'esistente e la cura degli argini dei fiumi quali aree di pregio naturalistiche, con il miglioramento dei percorsi attrezzati e dei sentieri ciclo-pedonali percorribili; l incentivazione alla bonifica dell amianto con utilizzo di tutti i finanziamenti previsti e con stanziamenti specifici; il recupero delle acque piovane per il loro riutilizzo; la salvaguardia delle attività agricole e la conservazione del paesaggio agrario; la continuazione con l'investimento nel progetto Orti Comunali e la creazione di una mappa aggiornata e sempre disponibile per la comunità sullo stato attuale delle zone agricole, così da incentivare lo sfruttamento dei terreni agricoli ed evitare il loro degrado; la promozione di campagne di sensibilizzazione ed informazione sul corretto rapporto e tutela degli animali sia selvatici che domestici. Data la maggiore e costante sensibilità tra uomo ed animale, ed il maggior coinvolgimento degli animali nella nostra vita quotidiana, promuoveremo, sosterremo e incentiveremo iniziative e interventi rivolti alla conservazione degli ecosistemi e degli equilibri ecologici che interessano le popolazioni animali, promuovendo il rispetto degli animali e il principio della corretta convivenza con loro, condannando gli atti di crudeltà, i maltrattamenti e il loro abbandono. Per quanto riguarda la gestione dei rifiuti coinvolgeremo la cittadinanza sulle scelte più opportune come: l ottimizzazione della raccolta della frazione umida dei rifiuti e una sempre maggiore incentivazione al compostaggio domestico; la raccolta differenziata fatta in tutte le scuole, nei centri sportivi, nelle strutture pubbliche, nelle parrocchie, etc.; la spinta in tutte le strutture pubbliche all'utilizzo di materiali e stoviglie riutilizzabili; la dematerializzazione dei documenti negli uffici e nelle scuole e lo sviluppo delle comunicazioni digitali; l'incoraggiamento alla distribuzione di prodotti alla spina e, ove non sia possibile, almeno all utilizzo di imballaggi eco-sostenibili e all'uso di borse multiuso e/o biodegradabili;

6 la proposta di tariffe sui rifiuti a consumo con previsione di riduzioni e sgravi per chi effettua maggiormente la raccolta differenziata e con miglioramento dei controlli, anche con video sorveglianza nelle aree di conferimento; ECONOMIA La nostra politica economica prevede: l'incoraggiamento all'affitto di case sfitte mediante sgravi fiscali; la precedenza alle attività imprenditoriali, industriali, agricole, artigianali e di servizi alle imprese locali, ove possibile, specie per quanto riguarda gli appalti di lavori pubblici; il sostegno urbanistico ed economico per le costruzioni o le ristrutturazioni di fabbricati esistenti almeno in classe energetica B; il monitoraggio delle tariffe e della qualità dei servizi dei rifiuti, dell'acqua e dei trasporti parificandole con gli standard europei secondo il principio: chi inquina paga ; la realizzazione di una tabella pubblica che fornisca ai cittadini le tariffe finali applicate dai gestori presenti nel comune per la fornitura di energia e gas; la creazione di una banca del tempo solidale, per prestare e ricevere su base volontaria aiuti e piccoli servizi nei casi di necessità; tagli agli sprechi e razionalizzazione dei consumi; la spinta ai gruppi di acquisto; l incentivazione alla creazione del mercatino del baratto e dell usato; infine, considerata l importanza dell associazionismo a cui molti cittadini dedicano il proprio tempo ed il contributo delle Associazioni alla crescita, all aggregazione, ed alla solidarietà nel nostro Comune, la concessione di contributi pubblici sarà particolarmente trasparente; verranno concessi contributi e/o altri vantaggi economici esclusivamente alle Associazioni che renderanno pubblico il proprio bilancio; ENERGIA La nostra linea politica si basa sul coniugare sostenibilità ambientale e fabbisogno energetico. Questo ambizioso obbiettivo consentirà al nostro territorio di essere sempre meno dipendente dalle fonti di energia e sempre più autosufficiente. Ci impegneremo affinché il fabbisogno energetico comunale venga ricercato in fonti esclusivamente rinnovabili e sostenibili, in modo da massimizzare i vantaggi sotto diversi aspetti: ambientale, economico e sanitario. Promuoveremo la riqualificazione energetica degli edifici pubblici con obbiettivo di portarli almeno a classe energetica B, con installazione di pannelli termici e fotovoltaici utilizzando tutti i finanziamenti previsti a questo scopo. Per quanto concerne il risparmio energetico la nostra politica prevede: l'elaborazione di un Piano Energetico Comunale o Intercomunale per la riduzione dei consumi energetici dell'amministrazione comunale e per l'utilizzo di fonti rinnovabili; la creazione di una campagna di sensibilizzazione dei cittadini e delle scuole sul tema del risparmio energetico; l'incentivazione al miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici esistenti e nelle nuove costruzioni (sconti su oneri di urbanizzazione, bonus volumetrici, etc.); la graduale sostituzione di tutti i lampioni stradali con lampioni a risparmio energetico ed autosufficienti; l interramento degli elettrodotti. CONNETTIVITA'

7 Per quanto concerne la connessione alla rete Internet la nostra politica prevede: l'impegno nell ottenere una connessione internet per tutti i cittadini di Cadoneghe, ed il miglioramento del servizio nelle aree con peggior copertura; la realizzazione di aree con accesso internet in modalità Wi-Fi, in punti di aggregazione pubblici e negli edifici comunali; l'alfabetizzazione informatica, attraverso serate a tema e corsi gratuiti; ACQUA L'acqua è un bene prezioso, è un diritto dell'umanità ed è necessaria per la vita: essa va quindi tutelata in ogni modo. Quello che ci proponiamo di fare in questo ambito è la promozione di una Cultura di Salvaguardia della risorsa idrica attraverso le seguenti azioni: l'informazione della cittadinanza sui vari aspetti che riguardano l'acqua sul nostro territorio, sia ambientali che gestionali; il contrasto al crescente uso delle acque minerali, con la promozione dell'uso alimentare dell'acqua di acquedotto negli uffici, nelle scuole, etc.; la creazione delle casette dell acqua dalle quale ogni cittadino potrà rifornirsi; la promozione di una campagna di informazione e di sensibilizzazione sul risparmio idrico, con l'uso dei riduttori di flusso realmente efficienti; la previsione di una quota pro-capite gratuita; il rilevamento costante dello stato d'inquinamento dei corsi d'acqua; la sollecitazione del rispetto del referendum del 12 e 13 giugno 2011 per quanto concerne i quesiti sull'acqua. SICUREZZA Per garantire una sicurezza capillare ed efficace e la protezione dei cittadini la nostra politica prevede una ottimizzazione della sinergia tra Polizia Locale e Carabinieri e l'intensificazione dei controlli notturni da parte della Polizia Locale. Lavoreremo inoltre per un continuo miglioramento dell utilizzo dei sistemi di video-sorveglianza. SOCIALE E SPORT Lavoreremo per creare un nuovo spazio di aggregazione e svago principalmente per i giovani ma fruibile anche da tutta la cittadinanza, anche con il coinvolgimento delle associazioni esistenti sul territorio. Promuoveremo eventi che favoriscano l inserimento dei migranti nella vita sociale perché lo scambio culturale possa essere un fattore di arricchimento sociale e culturale del nostro Comune. Per l importante contributo che offrono alla vita sociale e culturale di Cadoneghe ci impegneremo a valorizzare, sostenere e coinvolgere sempre più tutte le Associazioni presenti nel territorio. Incentiveremo la pratica dello sport in tutte le strutture disponibili sul territorio e ci impegneremo per il miglioramento delle stesse e per un loro maggiore sfruttamento. Promuoveremo iniziative per l incoraggiamento dello sport anche in collaborazione con le scuole. Ci impegneremo ad offrire opportunità di praticare sport a tutti i cittadini ed in particolare alle fasce di età più avanzate per una migliore qualità della vita e quale occasione di socializzazione. Giovani: Le politiche giovanili terranno conto sia della vita professionale sia di quella ricreativa dei giovani di Cadoneghe. Potenzieremo e riorganizzeremo i servizi a loro dedicati (tipo Informagiovani) e istituiremo di un fondo finalizzato a promuovere progetti per i giovani. Incentiveremo la creazione di una Banca del Tempo ; ci faremo promotori di eventi, mostre e manifestazioni artistiche autogestite; promuoveremo concorsi musicali per gruppi emergenti.

8 Anziani: Gli anziani sono una preziosa risorsa per la società e meritano una vita ricca di relazioni sociali: ci impegneremo a valorizzarli ed a tutelarli garantendo e potenziando tutti i servizi loro riservati. Promuoveremo sempre più la loro partecipazione alla vita sociale e tramite la prevenzione e la socializzazione, perseguiremo il loro benessere psico-fisico. Chiederemo nelle sedi opportune la collaborazione dell Ulss 16 per il miglioramento e per l aumento dei servizi oggi offerti dal distretto socio-sanitario. Stimoleremo le associazioni del territorio perché nasca un progetto di informazione all'anziano orientato a trasmettergli concetti attuali e di beneficio per la loro vita quotidiana come: l'utilizzo del farmaco generico, l'importanza dell'attività fisica e la socializzazione, la protezione contro truffe, ecc. Organizzeremo, anche con il coinvolgimento dei giovani, corsi di computer ed utilizzo di internet perché possano mantenere al massimo il collegamento con la comunità sotto tutti i punti di vista anche affrontando le nuove sfide della società tecnologica. Avremo una particolare cura e attenzione alle situazione degli anziani soli e in stato di disagio. Creeremo un canale di comunicazione dedicato agli anziani in linea con le loro caratteristiche, in modo da poter promuovere i servizi a loro dedicati garantendo che il maggior numero di persone possibile ne possa venire a conoscenza e di conseguenza usufruirne. Infine promuoveremo progetti mirati a valorizzare la figura dell'anziano come portatore di esperienze significative. Vogliamo raccogliere le storie della nostra comunità e conservarle per le generazioni a venire. Questo ci permetterà anche di valorizzare le nostre tradizioni e di mettere in relazione i giovani con gli anziani. UNIONI E FUSIONI DI COMUNI Potenzieremo e miglioreremo l Unione dei Comuni del Medio Brenta e il processo di integrazione tra Cadoneghe e Vigodarzere. Lavoreremo per l allargamento ad altri comuni al fine di creare nuove sinergie che consentano ulteriori risparmi e miglioramenti nella qualità dei servizi erogati ai cittadini. Porteremo la massima trasparenza anche negli atti e nella gestione di questo ente. Consulteremo la cittadinanza sul progetto di fusione con Padova che a nostro avviso rischia di ridurre il nostro Comune a periferia. Cadoneghe, 28 marzo 2014 Firmato SANDRA MARITZA ESCOBAR Candidata Sindaco DENIS BARETTA SILVANA BRACCO DANILO CAZZOLI ADRIANO CESARO ORESTE CORSINI PATRIZIA DE MARCHI VITO LA CRETA GRAZIELLA LINCETTO

9 NICOLA LONGO RENZA MAVOLO ELISA MONTEVECCHI RAPHAEL RADUZZI TIZIANO RUFFA MASSIMO SCANFERLA OSCAR TEMPORIN

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 progr. Anno legge Titolo della legge articoli commi

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli