1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori"

Transcript

1 1 Criterio 1: Leadership 1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori Nell anno scolastico 2007/2008 cambia la Dirigente del Circolo Didattico. Il suo primo obiettivo di gestione è costruire un POF realmente condiviso, che non sia una dichiarazione di intenti ma un reale quadro di riferimento per il personale e l utenza. Il secondo obiettivo di gestione è portare il Collegio a considerare e definire la valutazione come elemento fondante della circolarità della progettazione didattica e dell organizzazione di sistema, in una prospettiva di trasparenza e rendicontazione. Il D.L. 150 ha supportato il percorso di crescita: la definizione del piano triennale di miglioramento e la sistematica rendicontazione dei percorsi, dei processi e dei risultati diventano punti cardine del lavoro nella scuola. Nel corso dell anno scolastico 2011/2012 si è costituito il Gruppo di auto Valutazione di istituto a seguito della formazione sul modello C.A.F. Il gruppo ha formulato un questionario di indagine volto a definire la gradualità degli aspetti della vision riguardo la relazione, la trasparenza e la comunicazione nella scuola. Il questionario è stato sottoposto al personale e alle componenti rappresentative dei genitori (membri del consiglio e rappresentanti di classe e sezione) Il GAV, alla luce dei dati emersi, formula la vision che sottopone al collegio e al Consiglio Il dimensionamento trasforma il Circolo Didattico in istituto Comprensivo con l annessione della scuola secondaria di primo grado Gobetti ; l annessione della scuola secondaria richiede la ri-scrittura del POF che inizialmente viene riguardato e completato con il contributo dei docenti della scuola secondaria per quanto riguarda gli aspetti caratterizzanti quest ordine di scuola; nel corso dell anno l attenzione è stata rivolta alla trasversalità ed il POF è stato integrato negli aspetti ancora carenti. Il POF adottato nell anno scolastico 2013/14 dal Consiglio di Istituto diventa finalmente il documento autentico dell Istituto Comprensivo. : collegio nell ottica del miglioramento - valutazione dei percorsi didattici - rendicontazione dei percorsi : revisione della vision percezione del collegio della sua partecipazione e responsabilità maggiore coinvolgimento delle figure di riferimento oltre lo staff : documentare la costruzione dei percorsi che portano all aggiornamento del POF utilizzare le riunioni di plesso per condividere e consolidare le scelte

2 2 2007/2008: Una micro commissione individuata in consiglio di circolo elabora le linee di indirizzo che, una volta approvate, saranno la guida per la formulazione del Piano dell Offerta Formativa. Una commissione di lavoro, su delega del Collegio, elabora nel corso dell anno il P.O.F. per il nuovo anno scolastico 2008/ /2009: Il POF elaborato ed approvato dal Collegio dei Docenti, viene adottato dal C.di Circolo ed inserito nel sito della scuola 2009/2010: Per costruire una condivisione autentica del POF abbiamo differito l analisi e l approvazione del POF in diversi momenti: - prima è stata proposta l analisi del Piano inserito nel sito della scuola - in un secondo momento sono state individuate le aree progettuali da esso discendenti In entrambe le fasi l approvazione in sede collegiale è stata preceduta da tempi di riflessione individuale adeguati. In sede di verifica del POF viene preso in esame il D.L. 150 e il collegio entra nell ottica della valutazione e della rendicontazione, nonché del piano di miglioramento triennale 2010/2011: Alla luce della recente normativa e del livello di maturazione del collegio, il POF, sulla base delle stesse linee di indirizzo dettate dal consiglio, viene re-impostato. Il piano è triennale ed alla fine di ogni anno, verrà integrato e/o modificato in alcune parti, sulla base della valutazione sistematica. Al termine dell anno viene steso per la prima volta un documento di rendicontazione presentato al Consiglio di Circolo, inviato all Ente Comunale e inserito nel sito per tutta l utenza. Lo staff di direzione propone, alla scuola primaria, la riflessione sulla valutazione del comportamento e sull insegnamento della storia. Due gruppi di lavoro elaborano le proposte che vengono discusse e approvate con le opportune modifiche in Collegio Docenti 2011/2012: Il Collegio prende atto della valutazione del POF ed inserisce le variazioni proposte a seguito della valutazione finale. L aggiornamento del POF viene presentato in Consiglio di circolo per la conseguente adozione. Coerentemente con il percorso di valutazione intrapreso il collegio approva la partecipazione ad un corso di aggiornamento sulla procedura C.A.F in seguito al quale viene istituito il gruppo (GAV/ gruppo di autovalutazione): In seguito agli incontri di aggiornamento sul CAF si evidenzia nel POF del nostro istituto l assenza della vision, pertanto il GAV stende delle linee generali della vision che vengono sottoposte all attenzione dei docenti, ATA e componente genitori; successivamente la vision della scuola condivisa da docenti, ATA e consiglio di Circolo e approvata da parte del Collegio dei Docenti. 2012/2013: Il dimensionamento porta necessariamente ad una stesura di un POF condiviso anche se elaborato solo dai membri dello staff : - analisi del POF della scuola secondaria di I grado - confronto fra i due POF - revisione e riscrittura del POF da parte dello staff ( agosto 2012 ) - definizione degli aspetti identificativi della scuola secondaria da parte dei docenti della scuola media e della direzione - divulgazione del testo proposto - raccolta delle proposte di modifica e/o integrazione - discussione collegiale - approvazione del testo definitivo - consegna del documento al Commissario Non variano le procedure di verifica messe in atto, pertanto il POF potrà subire variazioni ed integrazioni sostanziali soprattutto per quanto riguarda la scuola secondaria, ancora poco

3 rappresentata al suo interno. Verifica del piano triennale di miglioramento che si conclude. 2013/2014: aggiornamento del POF da parte dello staff (luglio e agosto) - messa in visione e approvazione da parte del Collegio Docenti e del Consiglio di Istituto Punteggio: 50 PLAN 60 DO 70 CHECK 35 ACT 35 3

4 4 Criterio 1: Leadership 1.2 Sviluppare e implementare un sistema di gestione dell organizzazione, delle sue performance e del cambiamento L analisi dei progetti di scuola che da tempo fanno parte della prassi quotidiana a volte subita e non sempre condivisa, nell ottica di definire un progetto di scuola conduce il Collegio, nei primi due anni, ad una lettura critica dei progetti messi in atto, con gli obiettivi di: - eliminare tutte le attività progettuali che non richiedono una progettualità aggiuntiva perché già contenute in ambiti curricolari - eliminare tutte le attività progettuali che non hanno più ricaduta sugli alunni ma che sono sempre riproposti solo perchè storici e scontati - costruire un progetto di scuola dal quale far discendere tutte attività che fanno parte delle nuove aree progettuali - costruire un percorso condiviso e coerente di verifica e valutazione delle attività progettuali Da una prassi di verifica collegiale impostata sulla semplice presentazione di relazioni finali che offrivano un mero resoconto del percorso svolto, si avvia un percorso di verifica che sia reale espressione del concetto di valutazione e di trasparenza dell intero sistema organizzativo. La riduzione del personale docente (3 unità) e non docente (2 collaboratori scolastici) a seguito dei tagli sugli organici, rende necessario adattare l organizzazione del lavoro sia nella distribuzione degli ambiti disciplinari nella scuola primaria, sia dei turni di lavoro dei collaboratori scolastici. Il passaggio a Istituto Comprensivo e il trasloco rende più complesso il lavoro del personale di segreteria che deve riorganizzare sia gli spazi sia la divisione delle mansioni. : segreteria: divisione dei compiti in base alle competenze personali : rivedere la coerenza della progettualità di istituto rispetto alla mission e alla vision reperimento di nuove forme di finanziamento per i progetti (sponsor-contributo genitori) la percezione del coinvolgimento nell organizzazione oraria della scuola primaria lavoro della segreteria : implementare le risorse finanziarie segreteria: definizione di procedure fruibili per tutti riguardo il servizio per l utenza (alunni, famiglie, personale docente); conoscenza degli ambiti di competenza dei colleghi per rendere interscambiabili i ruoli; migliorare il livello di responsabilità delle proprie funzioni

5 5 2009/2010 individuazione delle aree e delle funzioni strumentali connesse (ricerca e coordinamento scuola e territorio integrazione salute e prevenzione) Individuazione referenti di progetto Elezioni funzioni strumentali Giugno 2010: riduzione di due docenti della scuola primaria per l anno scolastico 2010/11 - proposta dello Staff di modularizzazione delle classi IV e V - raccolta di proposte dei docenti, analisi e approvazione del nuovo modello organizzativo Maggio 2010 Analisi del d.l. 150 valutazione delle aree progettuali e delle attività nella prospettiva del piano di miglioramento triennale 2010/2011 Stesura ed approvazione del piano triennale di performance Individuazione e aggiornamento delle figure di sistema (staff di direzione - funzioni strumentali referenti di attività) maggio - previsione dell ulteriore riduzione di altre due unità di personale docente - definizione dei criteri di distribuzione delle risorse in organico - presentazione di una diversa proposta organizzativa e richiesta di presentazione di diversi modelli organizzativi al Collegio - discussione e approvazione del nuovo modello organizzativo - Approvazione delle ri-definite aree progettuali ( miglioramento dei contesti formativi, relazione didattica, valutazione dei percorsi didattici, gestione) precisazione del ruolo, dei compiti e della funzione dei referenti di progetto Verifica annuale Stesura e pubblicazione del primo documento di rendicontazione 2011/2012 Individuazione aree funzioni strumentali Riorganizzazione della ripartizione degli ambiti disciplinari assegnati ai docenti della primaria Verifica dei docenti di ambito scientifico Esame e discussione in sede collegiale a) la razionalizzazione delle risorse, porta ad avere tre docenti come risorse aggiuntive. Due vengono utilizzate sull insegnamento della lingua inglese e uno come potenziamento del metodo di studio. La docente individuata è prossima alla pensione. b) risorse aggiuntive ripartite sulla base delle esigenze e delle richieste dei docenti - un docente sulla lingua inglese ( classi 3^ e 4^) - due docenti di rinforzo sulle classi prime Aggiornamento del POF: - approvazione aree progettuali e referenti di progetto - approvazione aggiornamenti al POF - elezione funzioni strumentali valutazione attività di progetto Stesura del secondo documento di rendicontazione sociale

6 6 2012/2013 dichiarazione degli obiettivi di gestione conferma delle aree progettuali estensione delle attività progettuali indirizzate agli alunni della scuola secondaria modifica delle funzioni strumentali: sostituzione della F.S. sull area del sostegno con la F.S. sulla dispersione estensione degli aspetti della rendicontazione Esplicitazione del ruolo del referente - luglio: trasloco degli uffici - riorganizzazione del lavoro di segreteria con l inserimento di un nuovo Assistente Amministrativo 2013/2014 la riduzione delle risorse finanziarie costringe il Collegio a rivedere le aree e le funzioni strumentali Le FS passano da 4 a 1 su un ambito di primaria necessità: i B.E.S. Ri-definizione delle aree e delle attività ad esse correlate a) risorse aggiuntive: i docenti sono utilizzati sulla base delle competenze per la lingua inglese e della personale posizione lavorativa in rapporto al pensionamento - Pensionamento del DSGA e di un Assistente Amministrativo - passaggio di consegne all assistente amministrativo incaricato - assunzione nuovo assistente amministrativo - riorganizzazione del lavoro del personale e assegnazione di compiti Punteggio 60 PLAN 60 DO 60 CHECK 55 ACT 50

7 7 Criterio 1: Leadership 1.3 Motivare e supportare il personale dell'organizzazione e agire come modello di ruolo La Dirigente nel suo primo anno di gestione rileva la condivisione solo formale delle scelte attuate dal Collegio, che si dimostra omologato ma scarsamente motivato, perché abituato a dover condividere collegialmente le proposte e le scelte di poche persone. Nel quinquennio quindi l obiettivo è stato quello di delineare il progetto di istituto insieme al Collegio, coinvolgendo le figure di sistema e di volta in volta sempre più docenti, al fine di costruire un autentica conoscenza delle proposte, dei percorsi e delle attività, e delle motivazioni che condizionano le scelte conseguenti. Una modalità di lavoro che garantisca quindi una autentica consapevolezza e la maggiore condivisione possibile. Altro aspetto che può sostenere l allargamento della partecipazione, è la gestione delle risorse finanziarie provenienti dal fondo di istituto; tale gestione nell istituto è fondata su due principi chiave: - che non sia erogato a pioggia ma che riconosca solo ed esclusivamente le reali prestazioni aggiuntive del personale - che si debba offrire a tutto il personale l opportunità di partecipare alle attività riconosciute dal fondo. Questa possibilità viene considerata il primo passo per allargare la conoscenza e la condivisione delle proposte a tutto il personale. Nei primi due anni però tale scelta si è rivelata inefficace poiché da parte di molti la partecipazione ai gruppi di lavoro non è stata costruttiva né propositiva, perché vissuta come un dovere e non sostenuta da reali motivazioni ed interesse. Perché il lavoro dei singoli gruppi risulti efficace, si è ravvisata la necessità di porre maggiore attenzione alla formazione degli stessi gruppi, anche in considerazione della presenza, da questo anno scolastico, dei docenti della scuola media ed alla costruzione del progetto dell istituto diventato comprensivo. Non è bastata l individuazione del referente di attività, basata sulle competenze pregresse e sulle motivazioni personali, ma la stessa partecipazione dei componenti viene condizionata dalla loro propensione e dalla condivisione degli obiettivi, ma anche dalla loro personale disponibilità. Di conseguenza il percorso di condivisione e costruzione dei progetti di istituto e delle attività che da essi discendono, subisce una ulteriore trasformazione: - definizione delle aree progettuali e delle attività che da esse discendono (finalità ed obiettivi) - individuazione dei referenti e definizione del loro ruolo - stesura della scheda progettuale e di attività (obiettivi fasi tempi risorse modalità di verifica) con il gruppo di gestione (dirigente e suoi collaboratori, funzioni strumentali, referenti) - messa in visione delle schede - richiesta di partecipazione ai gruppi di lavoro - approvazione in sede collegiale delle schede progetto - monitoraggio del percorso (referente gruppo di gestione) - verifica finale - pubblicazione dei risultati A supporto sia delle attività dei singoli gruppi sia della gestione unitaria, è stato necessario definire procedure che diano linee guida volte a indirizzare e sostenere le figure di sistema e il personale tutto, per realizzare i propri compiti e obiettivi coerentemente con l organizzazione globale. Per quanto riguarda la valutazione di sistema, l indagine precedentemente svolta forniva dati poco rilevanti perché assestati su valori medi di soddisfazione, che non individuavano in modo puntuale aree o ambiti nei quali intervenire per promuovere il miglioramento. L individuazione di una funzione strumentale che coordini il lavoro di un gruppo che ponesse l attenzione su singoli aspetti sui quali centrare l indagine ed il percorso di miglioramento, è stato il primo passo per il lungo percorso volto a portare il Collegio a mettersi in gioco e ad individuare le azioni per modificare il proprio agire, considerando la valutazione una opportunità, non un giudizio di valore.

8 8 La proposta di formazione del personale sul modello CAF è stata immediatamente colta per promuovere la trasformazione della cultura della valutazione che deve essere intesa sia come processo circolare di lavoro, sia come misura della qualità delle scelte di lavoro e di miglioramento. Per favorire la conoscenza e la partecipazione dei docenti della scuola secondaria che è entrata in un Circolo Didattico già strutturato e consolidato, la Dirigente non individua un referente per la scuola secondaria ma coinvolge i professori nella gestione della scuola secondaria supportandoli nella quotidianità, dopo aver posto l attenzione anche sulla sistemazione degli spazi per restituire anche alla struttura dignità di scuola. L analisi delle domande di trasferimento in uscita del personale docente richiede una riflessione sull organizzazione del lavoro del personale e delle richieste non esplicitate dal Collegio La definizione delle procedure - Le condizioni realmente offerte al personale di contribuire alla formulazione delle proposte - Riconoscimento del valore della valutazione di sistema Garantire l applicazione delle procedure la percezione delle modalità di partecipazione del personale Controllare, monitorare e pretendere il rispetto delle procedure anche attraverso l invalidazione dei percorsi messi in campo Scandire e monitorare i tempi e i modi della partecipazione individuale

9 9 Partecipazione dei docenti di tutti gli ordini di scuola alla condivisione del progetto di scuola Offrire delle opportunità di formazione e crescita Partecipazione allargata alla formulazione delle proposte Visibilità dei progetti Contrattazione di istituto Definizione delle procedure: Visite guidate e gite di istruzione Responsabili comunicazioni scuola famiglia Accoglienza: - Passaggio fra ordini di scuola - le iscrizioni - integrazione alunni stranieri - accoglienza neo assunti Sicurezza nei luoghi di lavoro e tutela della salute Modalità di svolgimento delle manifestazioni di scuola aperta Coerentemente con il percorso di autovalutazione (delibera CAF e Vales), per verificare che l agire quotidiano risponda agli obiettivi dichiarati, lo staff e la funzione strumentale sulla valutazione, propone il questionario al personale e alle componenti rappresentative dei genitori (membri del consiglio e rappresentanti di classe e sezione) sul ruolo del dirigente Tabulazione da parte del GAV In seconda istanza, viene proposto il questionario alle famiglie della scuola primaria e agli alunni delle classi terze, quarte e quinte nel quale si raccolgono elementi per la riflessione sulla relazione docenti/alunni e docenti/genitori La tabulazione viene effettuata dal singolo team al quale viene chiesto di formulare una proposta di miglioramento. Gli esiti vengono riportati al GAV Indagine sul percorso di accoglienza dei bambini di tre anni Tabulazione da parte del GAV - Coinvolgimento docenti secondaria - Riunioni informali periodiche presiedute dal Dirigente Scolastico - Nomina referente scuola secondaria - Riunioni strutturate periodiche presiedute dal Dirigente su temi pre definiti - Riunioni strutturate con il personale A.T.A. (collaboratori scolastici Assistenti Amministrativi - Riunioni strutturate alla scuola dell infanzia a inizio anno Punteggio 55 PLAN 70 DO 70 CHECK 50 ACT 30

10 10 Criterio 1: Leadership 1.4 Gestire i rapporti con i politici e gli altri portatori di interesse al fine di assicurare la condivisione delle responsabilità La nostra scuola, nella convinzione autentica del diritto allo studio e al successo formativo di tutti, è sempre attenta alle proposte e agli indirizzi ministeriali. Le trasformazioni non sono vissute come imposizioni ma come logica applicazione di un percorso di crescita e di sviluppo che viene proposto al suo interno, nell ottica di gestire il cambiamento e non di subirlo. Il Circolo Didattico di ieri e l Istituto Comprensivo di oggi hanno sempre lavorato con le scuole del territorio e l Ufficio pubblica Istruzione del Comune. La nostra scuola ha sempre ritenuto importante il confronto e la possibile condivisione dei percorsi fra tutte le scuole del territorio. E risultato produttivo in passato il rapporto con la scuola secondaria per quanto riguarda l accompagnamento degli alunni al passaggio tra i due ordini di scuola: condivisione delle competenze in uscita dalla scuola primaria e passaggio delle informazioni sugli alunni in vista della prevenzione alla dispersione e all insuccesso formativo. Difficoltoso e fallimentare è stato invece il tentativo di costruzione dei curricoli territoriali messo in atto nell anno scolastico 2008/2009. Nel corso del lavoro il personale docente del primo Circolo non si è mostrato particolarmente motivato, quasi subisse la proposta di lavoro unitario, e non ha mai tradotto in prassi quotidiana i curricoli territoriali costruiti insieme. Nel nostro Circolo la riflessione è continuata con i docenti del Centro Studi R. Massa dell Università Milano Bicocca presenti nella scuola per un corso di formazione/aggiornamento sul Collegio; confrontando i curricoli elaborati dal nostro Circolo in prima istanza con quelli territoriali, è emersa da parte dei docenti formatori la valutazione positiva dei nostri ultimi rispetto a quelli territoriali. I docenti hanno quindi ripreso il lavoro interrotto nel tentativo di produrre qualcosa di più alto, completando ed integrando i curricoli con l inserimento e la condivisione dei curricoli della scuola dell infanzia. La pubblicazione dei curricoli nazionali ha reso necessario il confronto con i curricoli di scuola. Il precedente insuccesso e la complessità interna ad ogni istituto con il dimensionamento, costringe i due istituti a rapporti di collaborazione istituzionali e formali; al nostro interno prosegue e si consolida il rapporto con i docenti della scuola secondaria entrati a far parte della nuova istituzione scolastica. Nel corso degli anni sono migliorati i rapporti di collaborazione con l ente Comunale e con i diversi assessorati; in particolare con l assessorato alla Pubblica Istruzione nella definizione del piano del diritto allo studio la scuola partecipa in modo più costruttivo perché ha la possibilità di partecipare in modo attivo alla stesura del piano. Analogamente la collaborazione con le diverse associazioni territoriali e non, si è via via arricchita ed ampliata, dando all utenza maggiori opportunità formative. E garantita l organizzazione e la realizzazione di momenti di incontro fra le figure di sistema e gli enti e i partner individuati, anche attraverso il riconoscimento finanziario di un monte ore aggiuntivo definito nelle schede progettuali. L istituto ha ritenuto utile introdurre il principio della visibilità dei percorsi e dei risultati, istituendo incontri strutturati periodici

11 11 Esperienze formative concordate con l ente comunale Esperienza di analisi e scrittura dei curricoli di istituto- Acquisizione della cultura della rendicontazione- Il rapporto di valutazione per il campione nazionale degli Istituti Comprensivi Definizione di un progetto territoriale in ambito formativo Costruire la verticalità e la trasversalità dei curricoli Ampliamento degli aspetti da considerare nel bilancio sociale Orientamento scolastico Formulare una proposta di collaborazione alla nuova Giunta Comunale volta a costituire un tavolo di lavoro Formalizzare i curricoli verticali Costruire la trasversalità dei curricoli Migliorare le modalità di presentazione del bilancio sociale ai diversi stakeholder Promuovere una riflessione sistematica sul tema della didattica orientativa Attenzione alle trasformazioni in atto nella scuola pubblica: a) valutazione: oggettività, uniformità e leggibilità della valutazione degli esiti; trasparenza e rendicontazione; 2009: la valutazione in decimi la valutazione del comportamento; riflessione collegiale Riforma Brunetta 2010/11: - valutazione degli esiti attraverso le prove INVALSI INTERNE nella scuola primaria - primo bilancio sociale 2011/12:- da INVALSI INTERNE a prove di Circolo allargate alla fascia dei 5 anni della scuola dell infanzia. - Aggiornamento del bilancio sociale - Formazione CAF 2012/13: - da prove di Circolo a prove di Istituto - terzo bilancio sociale 2013/14: - riflessione di Istituto: le prove Invalsi b) curricoli: coerenza, uniformità e trasversalità dei percorsi formativi 2007/08: - gruppi di lavoro misti (infanzia primaria ) riflessione sui curricoli - riflessione collegiale: adozione curricoli di scuola 2008/09 : - costruzione dei curricoli territoriali ; - confronto con le scuole del territorio 2009/10 :- aggiornamento del Collegio Docenti - confronto con la scuola secondaria su curricoli in verticale e sulle abilità in uscita dalla scuola primaria 2010/11 : - curricoli di scuola: il curricolo di scienze - le abilità irrinunciabili in uscita dalla scuola dell infanzia 2011/12:- curricolo di scienze: riflessione 2012/13: - riflessione sulle abilità trasversali - curricolo di scienze di Istituto 2013/14: - confronto fra i curricoli di scuola e le Indicazioni Nazionali - applicazione dei curricoli: programmazione coerente

12 12 c) dematerializzazione degli atti: registro digitale certficazione degli esiti; scuola in chiaro comunicazione telematica 2009/10 : - gruppo di lavoro: studio di un registro digitale - area riservata sito della scuola 2010/11: - uso del registro digitale per tutti i docenti della scuola primaria - formazione mailing list per le comunicazioni 2011/12: - modifica del registro digitale: inserimento griglie di osservazione, valutazione del comportamento, compiti delle vacanze - trasformazione del sito: home page ministeriale 2012/13: - modifica del registro digitale nella scuola primaria - adattamento del registro digitale per la scuola secondaria - informatizzazione delle iscrizioni 2013/14: - pagella elettronica d) scuola digitale: formazione docenti e inserimento LIM 2008/09: - formazione LIM - Assegnazione di una Funzione Strumentale sull area TIC - individuazione livelli di competenza docenti in ambito informatico - primi acquisti LIM (laboratori informatica) 2009/10: - corsi di formazione auto gestiti su quattro livelli (base, word avanzato, power point, LIM) 2010/11: - prosegue la formazione (moovie maker - piano triennale di miglioramento 2011/12: - acquisto quattro LIM (una da rete Abbiategrasso, tre on i fondi del diritto allo studio) 2012/13: - corso di formazione OPPI - acquisto cinque Lim (una donazione Rotare, quattro fondi del diritto allo studio) - accordo di rete acquisto LIM 2013/14: - corso di formazione (da accordo di rete) - integrazione LIM nelle classi e) attenzione alla diversità: B.E.S. alunni in situazione di disabilità: il gruppo dei docenti di sostegno, grazie ad un lavoro progressivo, è un gruppo coeso, ben coordinato, che condivide con i docenti di classe sia la stesura del PEI sia la programmazione degli interventi. Alunni DSA: il Collegio dei Docenti, formato e aggiornato costantemente, elabora il PDP, strumento elaborato e condiviso dal Collegio dei Docenti come strumento di lavoro. Le tecnologie informatiche sono uno strumento di supporto all apprendimento degli alunni. Un corso per gli alunni è stato attivato grazie ai fondi della scuola snodo. Stranieri: l attenzione è sempre stata alta. Alle feste dell intercultura territoriali la scuola ha partecipato fino al La scelta di non proseguire nell esperienza è stata dettata dalla valutazione che l integrazione degli stranieri avviene quotidianamente e pertanto non vada celebrata a momenti dedicati ed eccezionali. Da quest anno è richiesta la stesura del PAI. Il nostro Istituto accoglie questo nuovo compito come un opportunità e una considerazione autentica della diversità e del successo formativo. f) formazione, orientamento scolastico e life long learning Nell Istituto è in corso una riflessione sul significato dell orientamento scolastico. Si sta cercando di elaborare un documento pregnante e condiviso dal quale emerga l azione posta in essere nei tre ordini di scuola, volta ad indicare le strategie e le metodologie finalizzate. L orientamento diventa un percorso tracciato e intenzionale volto a: - migliorare la conoscenza di sé e delle proprie attitudini - riflettere sui propri stili cognitivi - consolidare l autostima -aumentare le esperienze formative e conoscere i percorsi formativi delle scuole superiori - aumentare i l livello di consapevolezza delle proprie scelte - educare alla formazione continua, condizione essenziale per fronteggiare i cambiamenti

13 13 g) rispetto e recupero dei valori universalmente riconosciuti La considerazione della decadenza e dell assenza di valori universalmente riconosciuti (legalità, rispetto dell altro, del mondo in cui viviamo,tutela della salute) costringe la scuola ad intraprendere percorsi formativi esplicitando quello che un tempo faceva parte del bagaglio umano di ciascuno. Condivisione del progetto di scuola con l assessorato alla P.I. del Comune e con i partners Rapporti con le associazioni: - assessorato all ambiente (progetti i fontanili il riciclaggio le energie alternative orti e parchi) - astrofili (interventi sugli alunni ) - Lucart Brescianini Amsa filomondo ( raccolta differenziata) - biblioteca (educazione alla lettura ) - protezione civile (evacuazione informazione al personale e agli alunni falò di S. Antonio inaugurazione della scuola) - vigili ( accompagnamento durante le uscite sul territorio inaugurazione della scuola progetti di ed. stradale) - Avis ( diario scolastico progetto di educazione al volontariato sensibilizzazione degli adulti alla donazione ) - Trezzano basket (educazione motoria) - esperti esterni per ampliamento offerta formativa (L ilopera British School - Associazione nazionale scacchi - associazione bridge chitarra ) - associazioni di solidarietà associazione Arcobaleno - centro Anziani (attività formative con le classi) - associazione genitori (iniziative di supporto alla scuola ) - Rotary club Milano Visconteo:donazione LIM progetto borsa di studio Serate di rendicontazione Inaugurazione dell Istituto Incontri di presentazione (open day progetti di scuola - ampliamento offerta formativa ) Incontri a tema per illustrare i percorsi didattici : opera magica lim Punteggio 90 PLAN 85 DO 90 CHECK 85 ACT 85

14 14 Criterio 2: Politiche e strategie 2.1. Raccogliere informazioni relative ai bisogni presenti e futuri dei portatori di interesse In passato (a.s. 2006/2007) era stata effettuata un indagine molto vasta sulla qualità dell organizzazione scolastica. I risultati della tabulazione non erano stati particolarmente significativi: troppi gli aspetti presi in considerazione e poco significativi gli elementi raccolti e assestati su un livello sufficiente di gradimento dell utenza. Dall indagine non si potevano trarre punti di forza né di debolezza. Da allora si è cercato di modificare l approccio puntando l attenzione su aspetti specifici al fine di individuare criticità e prospettive di miglioramento partendo dai bisogni comunicativi e volti alla formulazione del Piano dell Offerta Formativa. Acquisizione di una cultura della verifica dei processi e dei risultati volta al miglioramento degli stessi Estendere i campi di indagine Monitorare i cambiamenti messi in atto Definizione e programmazione degli aspetti da indagare Colloqui della dirigente con i genitori all atto dell iscrizione Colloqui dei docenti con le famiglie dei nuovi iscritti Colloqui con i docenti in corso d anno su richiesta delle famiglie e dei docenti Assemblee di classe e di sezione Mail della dirigente e della scuola Incontri strutturati e non con i rappresentanti di classe e di sezione Riunioni periodiche di Consiglio di Istituto Punteggio 40 PLAN 60 DO 65 CHECK 15 ACT 10

15 15 Criterio 2: Politiche e strategie 2.2 Sviluppare, rivedere e aggiornare politiche e strategie tenendo in considerazione i bisogni dei portatori di interesse e le risorse disponibili L attenzione ai bisogni formativi degli alunni sia a livello di innalzamento dei livelli di competenza, sia dell arricchimento dell offerta formativa, ha reso necessario rivedere l organizzazione delle risorse umane anche alla luce della riduzione di organico. L attenzione è rivolta anche ai bisogni comunicativi e relazionali delle famiglie e degli alunni, all organizzazione dell orario scolastico e degli incontri con l utenza. Nella scuola dell infanzia: la flessibilità nella distribuzione giornaliera dell orario dei docenti rende possibile la compresenza sulle classi e la divisione dell attività di classe sulle fasce d età Nella scuola primaria: l assegnazione degli ambiti e delle classi ha liberato tre risorse, una sull insegnamento della lingua inglese e due di supporto alle classi prime. Prove strutturate per la rilevazione delle abilità irrinunciabili dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria. Nella scuola secondaria: l organizzazione di attività scolastiche pomeridiane in sostituzione del tempo prolungato. Nella scuola secondaria: prove strutturate per la rilevazione delle abilità irrinunciabili Utilizzo di parte delle ore da recuperare per la riduzione oraria di 5 da parte del personale docente, in attività pomeridiane (spazio compiti, attività di laboratorio, ampliamento dell offerta formativa) per gli alunni della scuola secondaria. Individuazione della Funzione strumentale sulla valutazione e piano triennale di miglioramento degli esiti Attivazione del campus estivo per le scuole dell infanzia e primaria Attivazione dei corsi del sabato Dal modello tradizionale del tempo pieno nella scuola primaria alla verticalizzazione dell ambito scientifico Questionari alle famiglie sulla relazione docenti/alunni Questionari agli alunni di 3, 4 e 5 classe sulla relazione docenti/alunni Questionario rivolto ai rappresentanti di classe/sezione e ai membri del consiglio sul ruolo del DS Monitoraggi: - presentazione della scuola - modalità di accoglienza dei bambini (infanzia e primaria) - comunicazione con l utenza - modalità incontri serali anche con specialisti Punteggio 55 PLAN 65 DO 55 CHECK 60 ACT 40

16 16 Criterio 2: Politiche e strategie 2.3 Implementare le strategie e le politiche nell intera organizzazione Non è stato possibile proseguire l esperienza del campus perché il numero ridotto di iscritti non garantiva la copertura finanziaria. Sono state invece ampliate le proposte di arricchimento dell offerta formativa; nel corso di questo anno scolastico le iscrizioni ai corsi si sono ridotte e il numero di corsi attivati è stato inferiore costringendo anche a riproporli con un aumento del costo di iscrizione. Nel tempo il cedolino unico che ha tolto liquidità al bilancio della scuola e la possibilità di effettuare anticipazioni di cassa, i tempi lunghi di accreditamento dei fondi del diritto allo studio erogati dal Comune, hanno reso necessario il reperimento di sponsorizzazioni e la valutazione dell opportunità di stabilire un tassa d iscrizione. La diversa composizione del personale di segreteria ha complicato e per alcuni aspetti vanificato lo sforzo di migliorare la qualità del servizio, rendendo necessaria la revisione dell organizzazione interna al fine di garantire la tenuta dei livelli raggiunti. L attenzione alla presenza e al ruolo dei genitori che a vario titolo interagiscono e collaborano con la scuola, la necessità di garantire la gestione trasparente e legale delle risorse finanziarie (gestioni fuori bilancio) ha portato a definire compiti, ruoli e possibilità di azione dei rappresentanti di classe e sezione e ad accompagnarli alla costituzione dell associazione dei genitori. Per monitorare i livelli di competenza degli alunni e i progressi utilizzando parametri di riferimento oggettivi e condivisi, la funzione strumentale ha contribuito a costruire nella scuola un percorso consolidato di valutazione interno e la necessità di rendere visibile e verificabile il percorso di recupero delle abilità strumentali. Il livello di consapevolezza raggiunto dal collegio ha creato i presupposti per una lettura attenta e costruttiva delle prove INVALSI e di un potenziamento delle azioni volte a supportare il passaggio degli alunni fra i diversi ordini di scuola. Nei tre ordini di scuola:valutazione degli alunni Esiti delle prove INVALSI Rapporto valutazione e miglioramento INVALSI Coinvolgimento delle rappresentanti di classe e sezioneassociazione genitori attiva e propositiva Nella scuola secondaria:avvio della riflessione collegiale in ambito valutativo (l oggetto, i tempi e le modalità della valutazione) Nella scuola secondaria: esplicitazione di criteri, obiettivi, tempi e modalità di valutazione Pianificazione di incontri strutturati fra i docenti della scuola secondaria sul tema della valutazione delle competenze

17 17 Attivazione dei corsi del sabato dall anno scolastico 2011/2012 Allargamento delle proposte agli adulti e agli alunni della secondaria (nascita del comprensivo) Definizione di protocolli operativi Sviluppo del ruolo del rappresentante di classe e di sezione: riunioni di insediamento (indicazioni e riflessioni sul ruolo e sulle modalità di lavoro) organizzazione delle prove interne (in ingresso, in itinere e in uscita) organizzazione delle modalità di recupero (in orario scolastico ed extra scolastico) definizione dei livelli di competenza in uscita organizzazione di momenti dedicati alla riflessione degli esiti delle prove INVALSI Punteggio 60 PLAN 85 DO 75 CHECK 50 ACT 35

18 18 Criterio 2: Politiche e strategie 2.4 Pianificare, attuare e rivedere le attività per la modernizzazione e l innovazione L attenzione ai cambiamenti ha fatto sì che nelle scuole del vecchio circolo didattico si intraprendessero percorsi di studio e di trasformazione attorno a quattro tematiche: - il passaggio da una programmazione disciplinare ad una programmazione per competenze trasversali e verticali (i curricoli) - la pianificazione degli interventi di miglioramento e la valutazione dei percorsi e dei processi ( il piano triennale e il bilancio sociale) - la formazione e l aggiornamento docente in ambito informatico (dal livello base all uso della LIM) - l informatizzazione della registrazione degli esiti La trasformazione in istituto comprensivo, ha reso necessario consolidare i risultati raggiunti estendendo il campo d azione alla scuola secondaria, anziché continuare nel percorso. Il percorso di lavoro sul tema curricoli Uso consolidato del registro digitale e la formazione sulle TIC del personale docente Bilancio sociale Il rapporto di valutazione per il campione nazionale degli Istituti Comprensivi Rilevazione quantitativa degli alunni BES Avvio di una riflessione relativa ai BES e al PAI Didattica per curricoli Dematerializzazione Rendicontazione Inclusività Esplicitazione della quota del 20% del curricolo locale La programmazione: da una programmazione per ambiti disciplinari alla programmazione per curricoli Utilizzo del registro on line Arricchimento delle aree nel bilancio sociale impostare una riflessione guidata con un gruppo di docenti rappresentativi al fine di fornire adeguati strumenti di lavoro

19 19 Traduzione dei curricoli nella prassi quotidiana di tutti gli ordini di scuola dell istituto (vedi criterio 1.4) Istituzione di un accordo di rete territoriale Nell anno scolastico 2010/2011: primo bilancio sociale piano triennale di miglioramento TIC: dal pc alle LIM formazione progressiva del personale (vedi criterio 1.4) progressivo adeguamento delle strumentazioni informatiche nelle classi e nei plessi Registro informatico Dal 2009 al 2013 predisposizione, uso e adeguamento in itinere di strumenti informatici di registrazione delle valutazioni (vedi criterio 1.4) Punteggio 80 PLAN 90 DO 85 CHECK 80 ACT 75

20 20 Criterio 3: Personale 3.1. Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente in linea con le politiche e le strategie La riduzione di organico imposta per l anno scolastico 2010/2011 dal Ministero ha reso necessario rivedere l assegnazione dei docenti e di conseguenza degli ambiti, nelle classi della scuola primaria. In seguito alla comunicazione da parte del ministero è nato il confronto interno che ha portato negli anni all elaborazione di diverse proposte che sono state approvate dal Consiglio di Circolo. Inizialmente si è mantenuto il rapporto docenti alunni inalterato fino alla terza elementare, modularizzando le classi quarte e quinte in ambito matematico (un docente su due classi) e scientifico (un docente su due classi quarte e su due classi quinte). L ulteriore riduzione di una unità docente e la previsione di una nuova contrazione di organico ha portato alla revisione del modello in atto. Dall anno scolastico 2011/2012 il modello organizzativo è uguale in tutte le classi; la modularizzazione riguarda sempre e solo l ambito matematico scientifico: l insegnante di matematica è assegnato a due classi parallele mentre il docente di scienze è assegnato all intero corso. Dapprima la seconda disciplina da essi insegnata è stata la geografia ma, in considerazione dell elevato impegno a livello di programmazione in verticale e dell inadeguatezza dell insegnamento offerto, si è ritenuto opportuno restituire al docente di ambito linguistico l insegnamento della geografia strettamente collegato allo studio della storia. Il docente di scienze segue in alcune classi anche l insegnamento di una delle educazioni (motoria o immagine). Nell anno scolastico 2012/2013 pensionamenti del personale docente della scuola dell infanzia e l ingresso di numerosi docenti di nuova nomina ha reso necessaria la revisione delle assegnazioni sulle sezioni per garantire la continuità storica della scuola e un adeguato supporto alle docenti nuove Al fine di pianificare ed ottimizzare il lavoro all interno dell istituto, vengono formati i gruppi di lavoro (sottocriterio 1.3), e l assegnazione degli incarichi a tutto il personale è accompagnata dal confronto interno sia a livello sindacale (RSU) sia a livello collegiale. Nell istituto l organizzazione del sistema sicurezza garantisce il rispetto delle norme e le procedure messe in atto per la tutela della salute, l informazione e la formazione del personale ed il monitoraggio degli interventi di manutenzione delle strutture Le attività lavorative sono strutturate nel rispetto del CCNL; ad inizio d anno il collegio dei docenti esamina ed approva la ripartizione del piano delle attività. Il collegio è chiamato a verificare ed a segnalare in corso d anno l eventuale sforamento degli impegni presi. Procedura di accoglienza del personale nuovo La formazione delle figure sensibili La programmazione annuale delle attività La partecipazione del personale alla definizione del piano annuale di attività La verifica della programmazione delle attività annuali finalizzata alla pianificazione dell anno successivo

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

CAPO I - criteri di assegnazione ai plessi del personale collaboratore scolastico.

CAPO I - criteri di assegnazione ai plessi del personale collaboratore scolastico. Oggetto: contrattazione integrativa a livello di Istituzione Scolastica per la determinazione dei criteri riguardanti l assegnazione del personale docente e ATA ai plessi: a.s. 2011/2012. Istituzione Scolastica:

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli