LABORATORIO DI SIMULAZIONE CIM - A. Manuale descrittivo e di esercizi. Laboratorio CIM

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO DI SIMULAZIONE CIM - A. Manuale descrittivo e di esercizi. Laboratorio CIM"

Transcript

1 LABORATORIO DI SIMULAZIONE CIM - A Manuale descrittivo e di esercizi Laboratorio CIM

2 CIM-A Descrizione e Manuale pratico DL8195 Nastro trasportatore DL8191 Unità di trasporto orizzontale Unità di presa e posizionamento L utente deve leggere tutte le pagine del manuale per una migliore comprensione del contenuto ed un corretto uso del prodotto 2

3 Copyright e osservazioni Questo manuale descrive i vari argomenti affrontabili in relazione alla configurazione del CIM. A causa delle numerose possibilità, non si descriveranno gli argomenti che non si possono o non si devono affrontare. Si é fatta molta attenzione nella redazione di questo manuale ed i disegni, la documentazione e la programmazione sono allineati col sistema in oggetto e rimangono nei limiti di questa apparecchiatura. Il contenuto é stato descritto di modo semplice per permettere un facile uso dell apparecchiatura L utente deve far riferimento a questo manuale prima e durante l uso dell apparecchiatura. La non osservanza di questa regola può risultare in mancanza di conoscenza che può portare a danni sia per l utente che per l apparecchiatura Tutte le specifiche e le caratteristiche del prodotto possono essere cambiate senza preavviso. Il capitolo degli esercizi aiuta a capire e scrivere programmi nel linguaggio LADDER per il controllo delle varie parti del sistema. L utente può scrivere i propri programmi aiutandosi con gli esempi contenuti. Leggere il manuale attentamente e conservarlo in un posto adeguato Non é permesso la riproduzione di questo manuale, in qualsiasi forma, totale o parziale La proprietà intellettuale di questo manuale appartiene alla De Lorenzo 3

4 De Lorenzo De Lorenzo CIM. Questa apparecchiatura é stata accuratamente progettata per dare le basi ai futuri professionali di MECATRONICA. Studiando e approfondendo la teoria ed il funzionamento di questi prodotti si acquista una solida conoscenza nella: Manufattura assistita da Computers Le ricerche della De Lorenzo in questa area di prodotti le consentono di fornire la conoscenza di uno standard industriale. De Lorenzo ha sviluppato un tipo di software che si può utilizzare con svariate combinazioni di hardware, facilitando la realizzazione di una ampia gamma di prodotti. 4

5 Contenuto Pagina No 1 INTRODUZIONE Pag. 6 2 DESCRIZIONI E SPECIFICHE Pag Nastro trasportatore Pag Unità di trasporto orizzontale Pag Unità di presa e posizionamento Pag Sensori e interruttori Pag Sistema Eletro-Pneumatico Pag PLC Pag Messa in esercizio del CIM Pag MANUALE DEGLI ESERCIZI Pag Unità nastro trasportatore Pag Unità di trasporto orizzontale Pag Unità di presa e posizionamento Pag Schema di collegamento connettore Pag. 31 5

6 1. Introduzione Sistema CIM - Automazione Automazione é la tecnologia con la quale un processo o un procedimento é realizzato senza l assistenza dell uomo. Questo processo è realizzato usando un insieme di istruzioni lette da un controllore che le esegue passo a passo. L esecuzione delle istruzioni risulta anche nel movimento degli attuatori elettrici e meccanici che realizzando le loro funzioni attingendo energia da una sorgente, in comune con quella necessaria al processo stesso. Alimentazione Istruzioni di programma Controllo del sistema Processo Manufattura assistita da Computers - CIM La Manufattura assistita da Computers oltre ad utilizzare tutte le capacità funzionali del CAD (progetto mediante computers) e tutte la capacità funzionali del CAM (fabbricazione mediante computers) aggiunge anche funzioni operative tipiche del sistema produttivo. Il sistema CIM ideale utilizza computers e comunicazione per realizzare tutte le funzioni operative e tutti i processi produttivi, partendo dalla ricezione dell ordine e arrivando all invio del prodotto passando per il suo progetto. Il CIM ingloba il CAD ed il CAM come si può notare dallo schema seguente. 6

7 1.2. Introduzione Scopo del CIM Scopo of CAD/CAM Progetto Funzioni Produttive Produzione Controllo di Produzione Pianificazione della Produzione Il concetto del CIM prevede l integrazione di tutte le fasi del sistema di produzione in un sistema computerizzato, che assista guidi e automatizzi tutte le operazioni; in tal modo, attraversando tutta la catena degli eventi, l uscita di un attività alimenta l entrata della successiva, partendo dall ordine arrivando all invio del prodotto minimizzando l utilizzo di personale produttivo. 7

8 1.3. Introduzione CAD Modellazione geometrica Analisi di progetto Revisioni di progetto Disegni del prodotto Progetto Sistema Elettronico Ordini Clienti Ordini di produzione Fatturazione Funzioni Produttive Produzione Controllo Di produzione Pianificazio ne CAM Valutazione costi CAPP Programmazioni (NC) Documentazione. Pianificazione (MRP) CAM Controllo di Processo Monitorazione Processi Inspezioni in Linea Registro produzione Dettagli di un Sistema CIM. 8

9 2. Descrizione e Specifiche 2.1 Nastro trasportatore Sistemi di movimentazione I sistemi di movimentazione costituiscono una famiglia di sistemi di trasporto molto vasta, destinata al trasporto di materie lungo un percorso predefinito, generalmente in grande quantità. Esempi sono costituiti da rulli, nastri, trasportatori a due linee. Possono essere motorizzati o non motorizzati. I trasportatori motorizzati si distinguono dagli altri sistemi motorizzati per il fatto di avere il sistema meccanico inamovibile. I trasportatori non motorizzati possono essere attivati sia da operatori umani, sia per effetto di gravità. Nastri Il nastro trasportatore è un sistema costituito da un nastro ottenuto da un materiale elastico (gomma) rinforzato in modo essere flessibile ma non estensibile. Ad un estremo del sistema è presente un rullo in grado di trasferire il movimento da un motore al nastro. Quest ultimo è inserito in una struttura costituita da rulli disposti per consentire lo scorrimento lungo il percorso. I nastri trasportatori sono diffusi in due forme: - nastri piani per pallets, parti singole - nastri speciali per il trasporto di materiale informe (farina, grano, sabbia, ghiaia.) Il materiale posizionato su nastro viaggia lungo il percorso; nel caso di materiale informe, i rulli ed i supporti conferiscono al nastro una sezione, rispetto alla direzione del moto, a forma di V per contenere i materiali. Nei sistemi automatici di fabbricazione si usano I nastri trasportatori di ciclo chiuso ossia il pezzo da lavorare parte ed arriva allo stesso punto. In questo caso metà del movimento é utilizzato per inviare il pezzo e l altra metà é utilizzata per riceverlo lavorato. Un nastro trasportatore molto conosciuto é quello che movimenta le valigie che arrivano all aeroporto. Meccanismi di trasporto di materiali nella linea di produzione I sistemi di movimentazione nelle linee di produzione automatiche si dividono in sincroni ed asincroni. I meccanismi sincroni sono largamente impiegati nelle catene produttive dove ogni singola parte del processo di lavorazione precede o segue il flusso di lavoro, come per esempio l immersione di pezzi in differenti bagni chimici. In questi meccanismi il tempo rappresenta una variabile importante. Meccanismi continui di trasporto non sono utilizzati quando é necessaria una precisione di registro in una o più stazioni di lavoro, come per esempio processi di foratura. I meccanismi asincroni, specialmente quelli che usano i nastri, si usano per alimentare i posti di lavoro sia inviando un kit da montare sia trasportando il kit trasformato alla stazione successiva. Questi ultimi sono più costosi, ma sono più flessibili e permettono una espansione o riduzione delle quantità a produrre. 9

10 Sistemi di movimentazione lineare: In questi sistemi i pezzi da lavorare sono dislocati linearmente su un nastro trasportatore. Il movimento lineare dei materiali può essere bloccato sfruttando la frizione di contato tra il pezzo ed il nastro, realizzando in tal modo la movimentazione asincrona: determinate soste e quindi operazioni possono essere realizzate in ogni stazione utilizzando fermi a scomparsa o altri sistemi di blocco. Descrizione e Specifiche Sensore Induttivo Sensore Capacitivo Nastro trasportatore Sensore Ottico Motore Il nastro trasportatore della CIM A muove oggetti dal punto iniziale fino all estremità opposta, riproducendo una situazione reale nel campo dei sistemi automatici. Il movimento del pezzo é unidirezionale. 10

11 Il nastro trasportatore si movimenta su due rulli fissati ai due estremi. Il rullo destro é azionato da un motore mediante una cinghia dentata. Il nastro si movimenta in modo continuo. Il motore azionatore è un motore DC a 24. Si riscontrano tre sensori istallati ai lati del nastro. Uno é del tipo induttivo per rivelare il passaggio di pezzi metallici. Il secondo é del tipo capacitivo per rivelare il passaggio di pezzi non metallici Il terzo é del tipo ottico per rivelare la presenza di pezzi L elettronica di controllo di questo meccanismo deve avere 4 segnali. Il numero di segnali di entrata è pari a tre (associati ai sensori) ed il numero di uscite di controllo è pari a uno, ossia il comando motore. (3 input and 1 output). Specifiche Modello: Nastro trasportatore Tipo: Orizzontale piano Lunghezza: 500 mm Larghezza: 51 mm Motore a 24VDC con riduttore Sensori di presenza materiali Capacitivo e Induttivo Sensore di arresto tipo ottico Pezzi da lavorare in plastica e in alluminio Materiale del nastro Nylon Numero necessario di entrate e uscite del PLC - 3 entrate e 1 uscita 11

12 2.2 Unità di trasporto orizzontale Descrizione Specifiche L'unità di trasferimento orizzontale è un attuatore lineare controllato pneumaticamente. Due interruttori magnetici sono stati istallati per monitorare la posizione di fine corsa dell'unità di scorrimento su entrambi i lati. L unità orizzontale trasferisce oggetti metallici dal nastro al punto di lavoro dell unità di presa e posizionamento; si tratta di un cilindro a doppia azione agisce in modalità di trascinamento (rod less). Modello: Unità di scorrimento orizzontale Tipo: Pneumatico. Percorso : 200 mm Pressione operativa: 6 Bar Numero necessario di entrate e uscite del PLC- 2 entrate e 1 uscita Due sensori magnetici collocati in posizione iniziale e finale dell attuatore con tensione di Bobina di 24 VDC Solenoide Unitá di trasferenza orizontale 12

13 2.3 Unità di presa e posizionamento (Pick and Place) Descrizione L Unità di presa e posizionamento è un sistema con movimenti pneumatici e con controllo elettrico delle posizioni di fine corsa. Ci sono tre parti principali nell'unità: 1. Braccio verticale (cilindro Verticale a doppia azione). Braccio orizzontale (cilindro orizzontale di doppia). Pinza angolare (pinza di doppia azione per prendere i pezzi di lavoro). Due interruttori magnetici, per ogni braccio, sono stati istallati per verificare la posizioni di fine corsa degli attuatori. Questa unità trasferisce i pezzi da lavorare dalla alimentazione della unità di trasferimento orizzontale al recipiente di pezzi metallici (box). Specifiche Tipo: attivazione pneumatica Percorso verticale: 80 mm Percorso orizzontale: 150mm Capacità di carico: 0.5Kg Movimento verticale: cilindro a doppia azione con due sensori magnetici di fine corsa, con tensione di bobina 24 V Movimento orizzontale: cilindro a doppia azione con due sensori magnetici di fine corsa, con tensione di bobina 24 V Pinza: pneumatica angolare Pressione operativa: 6 Bar Numero necessario di entrate e uscite del PLC - 4 entrate (sensori) e 3 uscite (elettrovalvole) 13

14 Braccio orizzontale Braccio Verticale Pinza Unitá Orizzontale Modulo delle valvole Questo modulo unisce quattro elettro-valvole, ciascuna costituita da un attuatore elettromeccanico. Ogni bobina è azionata da un uscita del PLC, in relazione a dall applicativo di controllo. Le quattro valvole comandano: 1. Il nastro trasportatore 2. Il braccio orizzontale 3. Il braccio verticale 4. La pinza per la presa dei pezzi 14

15 2.4 Sensori, Interruttori e Sistemi Elettro-Pneumatici Introduzione; i sensori Una larga varietà di apparecchiature è disponibile per collezionare informazioni dal processo di produzione e inviarle al centro di gestione e decisione. In generale, un'apparecchiatura di misura è composta di due parti: un sensore ed un trasduttore. Il sensore rivela la variabile fisica di interesse ed il trasduttore la converte proporzionalmente in forma elettrica. Il segnale quantificato può essere interpretato come il valore misurato. In certi casi il sensore ed il trasduttore sono integrati in un unico dispositivo, come per esempio un interruttore di fine corsa che converte il movimento meccanico in un segnale elettrico. Interruttore di prossimità I sensori di prossimità segnalano la vicinanza di un oggetto senza che ne vengano in contatto. Quelli utilizzati nel CIM sono del tipo induttivo, capacitivo e ottico. Sensore di prossimità induttivo Il sensore di prossimità induttivo incorpora una bobina elettromagnetica che è usata per rivelare la presenza di un oggetto di metallo che altera il suo campo magnetico. Questo tipo di sensore discrimina l'oggetto non-metallico. Teoria di funzionamento Una bobina alimentata crea un campo magnetico sede della rivelazione. Se l alimentazione é fatta con un circuito oscillatore, la frequenza di oscillazione varia in presenza di un oggetto metallico nel campo magnetico Rimosso l oggetto dalla sede del campo, il circuito ritorna alla sua frequenza originale. Il passaggio di ogni oggetto provoca un segnale una variazione interpretabile come segnale. 15

16 Sensore di prossimità capacitivo L effetto capacitivo si manifesta quando abbiamo due piastre metalliche ed un materiale non conduttivo (dielettrico isolante;non metallico) interposto tra di loro, anche esso concorrente alla determinazione del valore della capacità. Sensori di prossimità capacitivi similarmente a quelli induttivi, producono un campo nelle proprie vicinanze. La differenza principale tra i due tipi è che quello capacitivo produce un campo elettrostatico invece di un campo elettromagnetico. I sensori di prossimità capacitivi rivelano possono rilevare sia materiali metallici (simulando una delle piastre) sia materiali non metallici (simulando il dielettrico isolante) come carta, vetro, liquidi ecc.. La superfici di un sensore capacitivo è formata da due elettrodi di metallo concentrici che usano l aria come dielettrico. Quando un oggetto si avvicina alla superficie degli elettrodi provoca il cambiamento della capacità che a sua volta induce un cambiamento della frequenza di un circuito oscillatore, notificando la presenza dell oggetto. In alternativa, il sistema di rilevazione può funzionare nel utilizzando un oscillatore che viene attivato dalla presenza dell oggetto: la capacità cambia valore oltre una certa soglia che permette l innesco delle oscillazioni. Un trigger controlla l ampiezza delle oscillazioni e al superamento di una soglia prefissata, commuta l uscita del sensore, segnalando la presenza. L allontanamento del pezzo provoca la diminuzione dell ampiezza delle oscillazioni, provocando la commutazione dell uscita al valore iniziale. 16

17 Sensore di prossimità ottico/ Sensore fotoelettrico Questo tipo di sensore sfrutta la riflessione della luce per rivelare la presenza dei pezzi. IL sensore digitale senza contatto è costituito da un emettitore (fonte di illuminazione) e ricevitore (cella fotosensibile) del raggio luminoso. Si possono identificare tre tipi: 1) L emettitore opposto al ricevitore con l oggetto tagliando il raggio. 2) L emettitore accanto al ricevitore ed un riflettore opposto ai due con un oggetto tagliando il raggio 3) L emettitore accanto al ricevitore con l oggetto facendo da riflettore Il CIM utilizza il tipo tre 17

18 Pannello di Comando Descrizione Quattro interruttori sono utilizzati per azionare il sistema di CIM. L'utente può avvalersi opportunamente di questi interruttori per azionare il sistema. 1-Interruttore elettrico: Tipo Fungo Questo interruttore consente di interromper l energia elettrica dell intera macchina. 2-Inizio ciclo (verde): Questo interruttore è configurato di modo da iniziare l esecuzione del programma. La pressione di questo pulsante da inizio la funzionamento del CIM, che eseguirà il programma di lavoro caricato nel Logic Module. L utente può configurare questo ingresso come pulsante di avvio di altri piccoli esercizi. 3-Fermata ciclo (rosso): Questo interruttore è configurato per terminare l'esecuzione del programma in un determinato momento. Al momento della sua pressione il CIM fermerà il ciclo nel punto in cui si trova. L utente può configurare questo ingresso come pulsante di stop di altri piccoli esercizi. 4-Interruttore pneumatico: Tipo rotante Consente di eseguire un arresto di emergenza pneumatica: il suo azionamento blocca l approvvigionamento di aria agli attuatori pneumatici. Configurazione degli interruttori 1. Inizio di ciclo: configurazione Normalmente aperta 2. Fermata di ciclo: configurazione Normalmente chiusa 3. Interruzione Elettrica: configurazione Normalmente chiusa 4. Interruzione Pneumatica: configurazione Normalmente aperta 18

19 2-5 Sistemi Elettro-pneumatici: Pneumatica: I circuiti pneumatici hanno avuto por molto tempo una considerevole applicazione nelle più semplici applicazioni meccaniche, ma negl ultimi tempi hanno trovato un ruolo determinante nello sviluppo delle soluzioni per l'automazione. Di seguito si dà una breve descrizione dei componenti utilizzati nel CIM. Valvola Pneumatica: Questo componente pneumatico è utilizzato per indirizzare l aria compressa (forza o segnale pneumatico) al posto e al momento giusto. Si comporta come un interruttore aprendo, chiudendo o commutando il flusso dell aria compressa. La valvola può essere comandata da un segnale di aria compressa o da un segnale elettrico (solenoide). Valvola con un Solenoide : L alimentazione del solenoide causa l azionamento della valvola, che rimane attivata fino a ché il solenoide non viene disattivato. In questo CIM si utilizzano valvole con un solenoide. Valvola con doppio Solenoide : La valvola è azionata con applicazione alternata di tensione ai suoi solenoidi e memorizza la sua ultima posizione anche dopo la rimozione del segnale di controllo, fino al ricevimento del segnale opposto. Attuatore Un attuatore pneumatico è un'apparecchiatura che converte l aria compressa in movimento meccanico. Gli attuatori pneumatici possono essere di due tipi: lineare e rotanti, in accordo con il tipo di movimento sviluppato ossia lineare e angolare: Movimento lineare - Cilindro a doppia azione (azionato bidirezionalmente) - Cilindro ad azione unica (con ritorno per molla) Movimento angolare - Motore ad aria compressa - Tavolo giratorio In questa CIM il modulo unità di trasferimento Orizzontale ed i Bracci dell Unita di presa e posizionamento usano cilindri a doppia azione. Attuatore lineare controllato pneumaticamente (cilindro a doppio effetto). Due porte sono utilizzate alternativamente per fornire (aria compreessa) e scaricare la camera di azionamento del cilindro. Il vantaggio consiste nella possibilità di effettuare lavoro in entrambe le direzioni. Attuatore Rod less a doppio effetto. In questo attuatore la trasmissione di movimento è fatta per mezzo della forza magnetica che il pistone interno, azionante un magnete permanente, fa sul tavolo mobile (slitta) 19

20 esterno. Questo vuole dire che non esiste nessun accoppiamento meccanico tra le parti riducendo cosi le dimensioni totali e mantenendo protetto il cilindro il cui azionamento è pneumatico. Due interruttori magnetici (reed switch) incorporati nel sistema sono utilizzati per verificare le posizioni estreme. Il carico può essere posizionato direttamente sulla superficie (tavolo) esterna che segue il movimento del cilindro. Questo azionamento e utilizzato per realizzare l unità di trasporto orizzontale. Unità di Servizio (FRL): Le funzioni connesse alla preparazione dell aria compressa, come filtrare, regolare e lubrificare per proteggere e garantire il funzionamento dei componenti pneumatici, possono essere realizzate da componenti individuali ma possono anche essere combinate in un'unità spesso chiamata unità di servizio. Le unità di servizio sono connesse a monte del sistema pneumatico. Il dimensionamento usuale è: KPa (6 Bar) nella sezione di alimentazione a 400 KPa (4 bar) nelle sezioni di controllo. 20

21 2.6 Modulo di Logica programmabile PLC: Il modulo di logica programmabile PLC è un'apparecchiatura a stato solido, progettata per compiere le funzioni logiche previste nei controlli industriali. Il modulo PLC agisce in sostituzione totale della logica realizzata a relé, dei contatori, dei temporizzatori e con aumento nella flessibilità e l'affidabilità. Si é ampiamente comprovato che la maggioranza dei problemi riscontrati con i sistemi che usano PLC è dovuta a cause esterne, quali il malfunzionamento di interruttori di fine corsa, di sensori, connessioni, ecc. Ogni PLC riceve segnali e comanda attuatori. Elementi di entrata tipici sono: pulsanti, interruttori di fine corsa, interruttori di prossimità, contatti, sensori, ecc. Gli elementi di comando tipici sono: valvole a solenoide, relé, luci di indicazione, LED, motori, ecc. Il PLC non è un sistema di potenza ma un sistema di controllo, decisione e comando. La potenza elettrica necessaria per alimentare i componenti esterni è ottenuta da un apposito alimentatore esterno alla logica, anche se in generale si utilizza alimentazione pneumatica. Linea 220Vac 50Hz

22 Specifiche Modulo PLC: Modello : Schneider Electric SR3 B261 BD Numero di I/O: 20 Ingressi: 12 (6 entrate digitali e 6 entrate analogiche) Uscite: 8 digitali Nota: Per lo studio particolareggiato di questo PLC ci si riferisca al manuale Schneider Electric. sul sito: Software del PLC: Il software del Modulo PLC è gratuito e può essere scaricato direttamente dalla pagina web della Telemecanique ossia: 22

23 2.7 Messa in esercizio del CIM Attivare la chiave elettrica generale (vicino alla fonte). Alimentare l'unità di servizio (FRL) con aria compressa. Controllare la pressione nel misuratore - valore richiesto è 6 Bar. Premere l interruttore di inizio ciclo (verde) per fornire i 24 VDC al motore che guida l unità nastro trasportatore. Posizionare i pezzi di lavoro sul nastro trasportatore. Il nastro movimenterà i pezzi verso l unita orizzontale e saranno identificati dai tre sensori del nastro; il sensore capacitivo che identificherà il pezzo non metallico e lo lascerà proseguire fino alla fine, ossia sarà scaricata nel magazzino. Il sensore induttivo identificherà i pezzi di metallo; in questa situazione, il programma prevede che la forchetta dell unità orizzontale catturi l oggetto e lo sposti verso l unita Pick and Place. Il sensore ottico installato alla fine del percorso, avviserà il PLC che il pezzo é stato depositato nel suo magazzino e fermerà il nastro trasportatore. L'unità di trasferimento orizzontale azionata dalla sua elettrovalvola trasferirà il pezzo sotto all unità di presa e posizionamento. L unità di presa e posizionamento si sposterà fino ad raggiungere il pezzo e lo bloccherà. Due interruttori magnetici di fine corsa assicurano i movimenti e le posizioni iniziale e finale. Grazie alla pressione pneumatica la pinza è aperta o chiusa con l aiuto della propria elettrovalvola. Nella posizione di scarico il braccio verticale depositerà il pezzo nel magazzino dei pezzi metallici. Varie unità di CIM possono essere programmate facilmente ed essere collegate tra di loro usando Moduli di Logica PLC e così realizzare un complesso sistema di manufattura. 23

24 24 DL CIM-A

25 DL CIM A Per rendere operativo il CIM bisogna scrivere il programma di funzionamento con l ausilio di un PC ed il software della Schneider. Questo software deve essere scaricato nel PLC usando un cavo di connessione tra le due porte RS232 esistenti sia nel PC che nel PLC. Qualsiasi modifica dei cicli di movimento del CIM implica la modifica del Software. Il PLC supervisionerà, in questo modo, tutto il funzionamento del CIM Vediamo adesso le varie parti della programmazione e suggeriamo all utente di utilizzare queste conoscenze per realizzare cicli differenti. 3.1 Unità nastro Trasportatore Manuale degli esercizi Il programmatore deve stabilire l'indirizzo delle entrate e uscite del PLC. L'unità nastro trasportatore ha cinque entrate ed una uscita. Inputs/entrate Entrate Interruttore di Avvio ciclo Interruttore di arresto ciclo Sensore induttivo Sensore capacitivo Sensore Ottico Indirizzo del PLC I 1 I 2 I 3 I 4 I 5 Outputs/uscite Uscite Relé di azionamento del motore del Nastro trasportatore Indirizzo del PLC Q 5 Questa unità può anche essere usata come addestramento base su sensori e motori, valida per qualsiasi sistema di automazione. Il diagramma di flusso seguente ci permette stabilire il ciclo di funzionamento e ci servirà durante lo sviluppo del programma. 25

26 Diagramma di flusso del ciclo del Nastro trasportatore Inizio Alimentare il CIM Il sensore capacitivo é stato attivato? YES NO Verificare la presenza di materiale sul nastro! NO il sensore Induttivo é stato attivato? YES ritrarre l unitá orizzontale Il sensore ottico é stato attivato? NO Verifica la presenza dei pezzi! YES ritrarre l unitá orizzontale YES Il sensore ottico é stato attivato? NO Disattivi il Nastro! Scarica il Pezzo! Verifichi la Presenza Dei pezzi Sul Nastro! Stop 26

27 3.2 Unità di Trasporto orizontale Questa unità è comandata pneumaticamente, e possiede due sensori di fine corsa magnetici. Il pezzo è raccolto dal nastro trasportatore ed posizionato sotto la presa pneumatica. L unità presenta due entrate e un uscita. Entrate/Inputs Inputs Interruttore di avvio ciclo Interruttore di arresto ciclo Sensore magnetico di inizio corsa Sensore magnetico di fine corsa Indirizzo del PLC I 1 I 2 I 6 I B Uscite/Outputs Outputs Indirizzo del PLC Elettrovalvola di movimento orizzontale Q 1 Questo diagramma di flusso può anche essere usato come addestramento base su sensori e attuatori per qualsiasi sistema di automazione. Il diagramma di flusso seguente ci permette stabilire il ciclo di funzionamento e ci servirá de ausilio durante lo sviluppo del programma. 27

28 Diagramma di flusso dell unità di movimentazione orizzontale Inizio Unitá orizzontale in Posizione di presa Il sensore induttivo é stato attivato? No Yes Pezzo sul nastro estendere l unitá Orizzontale ritrarre l unitá orizzontale in posizione di presa YES Il sensore ottico é stato attivato? No 28

29 3.3 Unità di presa e posizionamento Questa unità prende il pezzo e lo posiziona convenientemente (nel nostro caso lo scarica nel magazzino dei pezzi metallici). Questa unità è comandata da tre elettrovalvole che controllano i tre movimenti (salita e discesa, avanti e indietro, presa e scarico) e possiede quattro sensori magnetici di fine corsa. L unità presenta quattro entrate e tre uscite. Entrate/Inputs Inputs Interruttore di Avvio ciclo Interruttore di arresto ciclo Interruttore reed di fine corsa verticale tutto sopra Interruttore reed di fine corsa verticale tutto giù Interruttore reed di fine corsa orizzontale tutto avanti Interruttore reed di fine corsa orizzontale tutto indietro Indirizzo del PLC I 1 I 2 I E I F I D I C Uscite/Outputs Outputs Eletrovalvola del braccio verticale Eletrovalvola del braccio orizzontale Elettrovalvola presa pezzi Indirizzo del PLC Q 3 Q 2 Q 4 Questo diagramma di flusso può anche essere usato come addestramento base su sensori e attuatori per qualsiasi sistema di automazione. Il diagramma di flusso seguente ci permette stabilire il ciclo di funzionamento e ci servirà da ausilio durante lo sviluppo del programma. 29

30 Diagramma di flusso di presa e posizionamento Inizio Il sensore di fine corsa indietro dell attuatore orizzontale è attivato? No Verifica la presenza di pezzi! Yes Discesa del braccio verticale Chiudi Presa Salita del braccio verticale Estendi braccio orizzontale Discesa del braccio vertiale Rilascia la presa (Scarico del pezzo) Ritorno del braccio orizzontale Stop Salita del braccio verticale Questo diagramma di flusso può anche essere usato come addestramento base su fine corsi e attuatori per qualsiasi sistema di automazione. 30

31 DL CIM-A 3.4 Schema di collegamento connettore 31

32 Manutenzione e precauzioni Manutenzione e precauzioni Assicurarsi che tanto l energia elettrica che quella pneumatica siano presenti ed al valore corretto. Provvedere ad un ambiente appropriato libero di polvere e umidità Provvedere alla pulizia della macchina e dell ambiente alla fine del lavoro. Provvedere ad una base solida e libera da vibrazioni per l installazione dell apparecchiatura Fornire un PC-XP con due porte: Com 1 (9 pin) and Com2 (25 pin). Fornire un compressore di min. 50 litri con pressione di lavoro da 6 a 9 Bar Assicurarsi che tutte le connessioni elettriche e pneumatiche siano sicure e stabili. Alla fine del giorno assicurarsi che tutti i moduli siano in posizione di riposo, e togliere l alimentazione. 32

33 DE LORENZO SPA - Printed in Italy - All right reserved DE LORENZO SPA V.le Romagna, Rozzano (MI) Italy Tel Fax Web sites:

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM)

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo di produzione nel quale l'intero processo produttivo è controllato da un computer. Tipicamente, è composto

Dettagli

CIM Computer Integrated Manufacturing

CIM Computer Integrated Manufacturing INDICE CIM IN CONFIGURAZIONE BASE CIM IN CONFIGURAZIONE AVANZATA CIM IN CONFIGURAZIONE COMPLETA DL CIM A DL CIM B DL CIM C DL CIM C DL CIM B DL CIM A Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo

Dettagli

AUTOMAZIONE DI FABBRICA MONITORAGGIO E INTERBLOCCO DELLE PORTE CON GLI INTERRUTTORI DI SICUREZZA INTERFACCIA AS

AUTOMAZIONE DI FABBRICA MONITORAGGIO E INTERBLOCCO DELLE PORTE CON GLI INTERRUTTORI DI SICUREZZA INTERFACCIA AS AUTOMAZIONE DI FABBRICA MONITORAGGIO E INTERBLOCCO DELLE PORTE CON GLI INTERRUTTORI DI SICUREZZA INTERFACCIA AS MONITORAGGIO MECCANICO DELLE PORTE BLOCCO La robusta testina in acciaio garantisce una lunga

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Tekno Simop. Il compito di questa stazione è quello di alimentare la catena produttiva di pezzi grezzi.

Tekno Simop. Il compito di questa stazione è quello di alimentare la catena produttiva di pezzi grezzi. UNI EN ISO 900:2000 Modulo A Stazione di Alimentazione Il compito di questa stazione è quello di alimentare la catena produttiva di pezzi grezzi. I pezzi vengono caricati manualmente all interno della

Dettagli

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA'

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA' PREMESSA In questa lezione analizziamo i concetti generali dell automazione e confrontiamo le diverse tipologie di controllo utilizzabili nei sistemi automatici. Per ogni tipologia si cercherà di evidenziare

Dettagli

39 Il linguaggio grafico a contatti

39 Il linguaggio grafico a contatti 39 Il linguaggio grafico a contatti Diagramma a contatti, ladder, diagramma a scala sono nomi diversi usati per indicare la stessa cosa, il codice grafico per la programmazione dei PLC con il linguaggio

Dettagli

ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994. Specializzazione: Meccanica

ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994. Specializzazione: Meccanica ITIS E. FERMI DESIO AREA DI PROGETTO D.M. 09/03/1994 Specializzazione: Meccanica L area di progetto E nata dalla necessità di contribuire alla formazione dei nuovi profili professionali, indicati dal Ministero

Dettagli

NASTRO TRASPORTATORE ALUNNI:DE CHIARA CARMINE IMPROTA SALVATORE MATERIA TDP CLASSE 5^I CORSO ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1

NASTRO TRASPORTATORE ALUNNI:DE CHIARA CARMINE IMPROTA SALVATORE MATERIA TDP CLASSE 5^I CORSO ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1 NASTRO TRASPORTATORE ALUNNI:DE CHIARA CARMINE IMPROTA SALVATORE MATERIA TDP CLASSE 5^I CORSO ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1 Nastro Trasportatore 2 Schema di potenza 3 Schema funzionale 4 FINECORSA Meritano

Dettagli

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

Attuatore tre punti flottante K274J

Attuatore tre punti flottante K274J 0556IT febbraio 2013 Attuatore tre punti flottante K274J 0032A/2 0064L/0 Installazione L attuatore a tre punti flottante va montato sulle valvole serie K297 in posizione orizzontale o verticale con coperchio

Dettagli

Componenti per l automazione pneumatica

Componenti per l automazione pneumatica Componenti per l automazione pneumatica www.pneumaxspa.com Con il programma "DIDACTIC" Pneumax si propone di realizzare un pacchetto completo di moduli assemblabili su di un banco di simulazione. Il programma

Dettagli

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita.

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. COMANDI PER CICLI Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. Tipologie di comandi per cicli: 1. MANUALI o ARBITRARI : ogni azione della sequenza

Dettagli

PosCon 3D. La nuova dimensione nel rilevamento dei bordi.

PosCon 3D. La nuova dimensione nel rilevamento dei bordi. PosCon 3D La nuova dimensione nel rilevamento dei bordi. Una nuova dimensione. Il PosCon 3D la misura indipendente dalla distanza degli oggetti. L innovativo sensore di bordi PosCon 3D Baumer è il più

Dettagli

AUTOMATION BUILDING. Catalogo_A&B_Allegato 3_1.doc 1/6 10/05/04

AUTOMATION BUILDING. Catalogo_A&B_Allegato 3_1.doc 1/6 10/05/04 AUTOMATION BUILDING A&B Automation Building - Via S.Rocco 7-005 Monza (MI) Telefax +39 39-00300----- cell. 335-68476 www.aandb.it E-mail: info@aandb.it Catalogo_A&B_Allegato 3_.doc /6 0/05/04 Automation

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA

IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA IL CONTROLLO AUTOMATICO: TRASDUTTORI, ATTUATORI CONTROLLO DIGITALE, ON-OFF, DI POTENZA TRASDUTTORI In un sistema di controllo automatico i trasduttori hanno il compito di misurare la grandezza in uscita

Dettagli

AUTOMATION BUILDING. Catalogo_A&B_Allegato 3_3.doc 1/6 10/05/04

AUTOMATION BUILDING. Catalogo_A&B_Allegato 3_3.doc 1/6 10/05/04 AUTOMATION BUILDING 2 2 A&B Automation Building - Via S.Rocco 27-20052 Monza (MI) Telefax +39 39-200300----- cell. 335-684726 www.aandb.it E-mail: info@aandb.it Catalogo_A&B_Allegato 3_3.doc /6 0/05/04

Dettagli

DISPENSA DI PNEUMATICA

DISPENSA DI PNEUMATICA DISENS DI NEUMTIC 1 RESSIONE La pressione è una grandezza fisica derivata dal rapporto tra forza e superficie. L unità di misura internazionale della pressione è il ascal, anche se è più comodo utilizzare

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Corso di Elettronica Organizzato dall associazione no-profit Agorà Lesina (FG)

Corso di Elettronica Organizzato dall associazione no-profit Agorà Lesina (FG) 004 Corso di Elettronica Organizzato dall associazione no-profit Agorà Lesina (FG) Lezione n. Che cos è un interruttore? L interruttore è un dispositivo meccanico che chiude un contatto elettrico (fig.).

Dettagli

COMBITEC Centro di deformazione

COMBITEC Centro di deformazione Centro di deformazione Più potenza e spazio per una nuova prospettiva produttiva L efficiente centro di deformazione COMBITEC apre nuove prospettive per la produzione. In virtù dell elevatissima potenza

Dettagli

PANNELLATRICE/ MAV PANEL BENDER

PANNELLATRICE/ MAV PANEL BENDER M1PN 1 PANNELLATRICE/ MAV PANEL BENDER Composizione Impianto: N 2 Aspi svolgitori folli a cavalletto N 1 Bancale di profilatura (profilo superiore lamiera grecata) N 1 Bancale di profilatura (profilo inferiore-

Dettagli

MODULO PREREQUISITI OBIETTIVI CONTENUTI ORE

MODULO PREREQUISITI OBIETTIVI CONTENUTI ORE 1 POTENZA ED ENERGIA Conoscenze di fisica del primo biennio biennio Lettura di schemi elettrici di potenza e di comando per impianti industriali Uso di internet per ricerca materiali e cataloghi. Concetto

Dettagli

SEGATRICE A NASTRO A DUE COLONNE BROWN SN 650 SEGATRICE A NASTRO SEMIAUTOMATICA IDRAULICA A CONTROLLO NUMERICO

SEGATRICE A NASTRO A DUE COLONNE BROWN SN 650 SEGATRICE A NASTRO SEMIAUTOMATICA IDRAULICA A CONTROLLO NUMERICO IBP SpA SEGATRICE A NASTRO A DUE COLONNE BROWN SN 650 SEGATRICE A NASTRO SEMIAUTOMATICA IDRAULICA A CONTROLLO NUMERICO Segatrice a nastro a due colonne progettata per essere utilizzata principalmente da

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Simbologia pneumatica

Simbologia pneumatica Simbologia pneumatica Fonte/Sorgente di pressione E l alimentazione/alimentatore di ogni circuito pneumatico. È generalmente costituito da un compressore che comprime l aria all interno di un serbatoio.

Dettagli

Elettronica per l'informatica 24/11/03

Elettronica per l'informatica 24/11/03 Contenuto dell unità D 1 Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione, regolatori e filtri Alimentatori

Dettagli

NORME EN81.20 e EN81.50. www.giovenzana.com

NORME EN81.20 e EN81.50. www.giovenzana.com NORME EN81.20 e EN81.50 www.giovenzana.com La nuova EN 81-20 sostituisce EN 81-2 & EN 81-1. Contiene i requisiti per completare l installazione di ascensori per passeggeri e montacarichi indipendenti

Dettagli

Progetto 1: Montaggio, programmazione e messa in servizio di un impianto con Stazione di distribuzione

Progetto 1: Montaggio, programmazione e messa in servizio di un impianto con Stazione di distribuzione Progetto 1: Montaggio, programmazione e messa in servizio di un impianto con Stazione di distribuzione Punteggio (Punti totali sul totale) 16/100 t max 180 min Contesto Lei ha il compito di montare la

Dettagli

DL 2102AL DL 2102ALCC

DL 2102AL DL 2102ALCC DL 2102T01 Pulsante di Emergenza Pulsante di emergenza a fungo di colore rosso per il controllo manuale e la rapida apertura del circuito in caso di emergenza. Pulsante completo di un contatto normalmente

Dettagli

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE

CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE CTR29 MANUALE TECNICO GENERALE A) - Destinazione dell apparecchiatura Quadro elettronico adibito al comando di 1 motore asincrono monofase alimentato a 230 vac destinato all automazione di una tapparella

Dettagli

Il misuratore magnetico di portata. Convertitore MC 308 DS150-1-ITA 1 / 6

Il misuratore magnetico di portata. Convertitore MC 308 DS150-1-ITA 1 / 6 Il misuratore magnetico di portata Convertitore MC 308 DS150-1-ITA 1 / 6 Convertitore MC 308 I convertitori EUROMAG INTERNATIONAL della famiglia MC308 rappresentano le elettroniche standard in grado di

Dettagli

LINEA MIRAGE 600 C d l 20408730000

LINEA MIRAGE 600 C d l 20408730000 Per LINEA linea automatica MIRAGE di taglio 600 si intende un processo lavorativo dove la barra viene caricata manualmente in un magazzino, per poi essere traslata per mezzo di uno spingi barra in una

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Magazzini automatici serie AW

Magazzini automatici serie AW Magazzini automatici serie AW Una singola installazione può essere costituita da uno o più traslo elevatori. La larghezza della corsia centrale può essere realizzata con due diverse larghezze: la corsia

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO NEWSLETTER N2 - I dispositivi elettronici posti a protezione degli operatori E stato indicato nella precedente newsletter che la sicurezza degli operatori in un contesto industriale è affidata a una catena

Dettagli

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI LINEE GUIDA PER IL MONTAGGIO GPL INIEZIONE SEQUENZIALE IN FASE GASSOSA AUTOMOBILI TRASFORMABILI AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE ASPIRATO AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE TURBO AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

Dettagli

KIT RIVELATORI DI GAS

KIT RIVELATORI DI GAS SEZIONE 4 KIT RIVELATORI DI GAS attivato guasto allarme sensore esaurito test Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. MT140-001_sez.4.pdf MT140-001 sez.4 1 INDICE SEZIONE 4 CONTROLLO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. CLASSE IV. Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Domotici

PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. CLASSE IV. Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Domotici PROGRAMMAZIONE DI T.T.I.M. (TECNOLOGIE E TECNICHE DELL'INSTALLAZIONE E DELLA MANUTENZIONE ) CLASSE IV Opzione Manutentore Impianti Elettrici e Domotici 1 0 SICUREZZA Normativa fondamentale sulla sicurezza

Dettagli

www.elenamarchetti.it

www.elenamarchetti.it MACCHINE CHIUDITRICI SCATOLE IN CARTONE CON NASTRO ADESIVO SEMI-AUTOMATICHE Necessitano di un operatore per abbassare le falde superiori delle scatole prima di essere introdotte in macchina. MACCHINE NASTRATRICI

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI

IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI indice ALIMENTATORE TRIFASE ALIMENTATORE CC ALIMENTATORI DL 2102AL DL 2102ALCC MODULI PULSANTE DI EMERGENZA TRE PULSANTI TRE LAMPADE DI SEGNALAZIONE CONTATTORE RELE TERMICO RELE A TEMPO SEZIONATORE SENSORE

Dettagli

B 5000 Sistema di saldatura

B 5000 Sistema di saldatura B 5000 Sistema di saldatura Oggi per dimostrare la propria competenza tecnica e soddisfare le esigenze del mercato, un costruttore di impianti per produzioni in massa di componenti deve conoscere a fondo

Dettagli

Sensori magnetici di prossimità a scomparsa Serie CST-CSV

Sensori magnetici di prossimità a scomparsa Serie CST-CSV Sensori magnetici di prossimità a scomparsa Serie - - Reed - Effetto di Hall S E R I E I finecorsa magnetici a scomparsa / sono sensori di prossimità che hanno la funzione di rilevare la posizione del

Dettagli

Q71A. 230V ac Q71A. CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso

Q71A. 230V ac Q71A. CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso Q71A CENTRALE DI GESTIONE PER CANCELLO BATTENTE Manuale di installazione e uso 230V ac Q71A Centrale di gestione per cancello battente 230Vac ad 1 o 2 ante Programmazione semplificata del ciclo di funzionamento

Dettagli

Sistema di rivelazione fughe gas. contatti del modulo relè opzionale LZY20-R. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44

Sistema di rivelazione fughe gas. contatti del modulo relè opzionale LZY20-R. Descrizione. Centralina di comando. Sonda per gas metano IP44 s 7 682.1 INTELLIGAS Sistema di rivelazione fughe gas per centrali termiche QA..13/A QA..13/A Sistema elettronico per la rivelazione di fughe gas per una o più sonde per il comando di una elettrovalvola

Dettagli

La piegatura tangenziale si afferma.

La piegatura tangenziale si afferma. TruBend Center: La piegatura tangenziale si afferma. Macchine utensili / Utensili elettrici Tecnologia laser / Elettronica Piegatura senza precedenti. Indice Piegatura senza precedenti. 2 Funzioni convincenti.

Dettagli

ACCESSORI Generatore d Impulsi V3.2 Smart PG Bollettino Tecnico

ACCESSORI Generatore d Impulsi V3.2 Smart PG Bollettino Tecnico 03.16 Caratteristiche: 200 impulsi per rotazione del tamburo di misura Per uso con misuratori di gas modello TG05 a TG50, BG4 a BG100 Uni-direzionale Non utilizzabile in aeree ex-proof Applicazione: Componenti:

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE

DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI CAPSULE ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE Sommario Sommario 2 1 - Introduzione 3 1.1 Principio di funzionamento 4 1.2 Caratteristiche tecniche 4 2 Trasporto e imballo 5 2.1 Imballo

Dettagli

TRASDUTTORI di POSIZIONE

TRASDUTTORI di POSIZIONE TRASDUTTORI di POSIZIONE Numerosi trasduttori sono stati messi a punto per il rilievo di posizione, in movimenti sia rettilinei sia rotatori. I potenziometri, rettilinei o circolari selezionano una quota

Dettagli

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS

EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS EPS-XPS PROCESSING MACHINES AND PLANTS La srl progetta, costruisce, collauda ed installa impianti e macchine per la lavorazione dell EPS vantando 20 anni di esperienza nel settore. La continua ricerca

Dettagli

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro.

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro. EcoCRT : trattamento tubi catodi di monitor e televisori Un progetto : Premessa e finalità della macchina La macchina è stata progettata e realizzata per il taglio del tubo catodico (separazione pannello

Dettagli

SALDATRICI A CONTATTO. Quickchange D1Q, D2Q, D3Q Saldatrice a contatto in argentografite

SALDATRICI A CONTATTO. Quickchange D1Q, D2Q, D3Q Saldatrice a contatto in argentografite SALDATRICI A CONTATTO Quickchange D1Q, D2Q, D3Q Saldatrice a contatto in argentografite SALDATRICI A CONTATTO per la tecnica di comando industriale Moduli di processo ad elevata capacità produttiva Le

Dettagli

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI Un esame sistematico dei circuiti completi, anche se limitato a pochi tipi di macchine e di attrezzature, sarebbe estremamente complesso e vasto. Il raggiungimento del

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

Belt Tension System SKF. Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile

Belt Tension System SKF. Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile Belt Tension System SKF Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile Belt Tension System SKF Una soluzione innovativa per trasmissioni a cinghia È risaputo che le cinghie debbono

Dettagli

Stazione di ricarica per il robot Tobor

Stazione di ricarica per il robot Tobor UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dellʼinformazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

DL 2105A SET DI DIAPOSITIVE 4 DL 2105 KIT PER IL MONTAGGIO DI UN MOTORE ASINCRONO 4

DL 2105A SET DI DIAPOSITIVE 4 DL 2105 KIT PER IL MONTAGGIO DI UN MOTORE ASINCRONO 4 INDEX DL 1010B BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE 2 DL 1010D COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO 2 DL 1012Z BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI 2 DL 2106 KIT PER IL MONTAGGIO DI 2 TRASFORMATORI 3 DL 2106A

Dettagli

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270 A: Quadri elettrici OBIETTIVI DEL Conoscere i principali apparecchi di comando, segnalazione e protezione degli impianti elettrici. Conoscere il CAD elettrico. Saper descrivere le caratteristiche degli

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro

Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro Amministrazione Provinciale di Catanzaro Piazza Rossi,1-88100 Catanzaro PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE ISTITUTO SCOLASTICO OGGETTO D INTERVENTO LICEO SCIENTIFICO L. SICILIANI - CATANZARO CODICE MECCANOGRAFICO:

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Sez. K Sistemi e tecnologie ad aria compressa, di ausilio alla produzione SISTEMI DI RAFFREDDAMENTO

Sez. K Sistemi e tecnologie ad aria compressa, di ausilio alla produzione SISTEMI DI RAFFREDDAMENTO BY COOL ART Sez. K Sistemi e tecnologie ad aria compressa, di ausilio alla produzione SISTEMI DI RAFFREDDAMENTO DC COOLING By COOL ART RAFFREDDAMENTO UTENSILI FRIGID-X TM TOOL COOLING SYSTEM Documentazione

Dettagli

CONTRO LE ESPLOSIONI

CONTRO LE ESPLOSIONI DISPOSITIVI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE CONTRO LE ESPLOSIONI ETEA Sicurezza s.r.l. con S.U. CONTROLLO ELETTROSTATICO MESSA A TERRA DELLE AUTOCISTERNE MESSA A TERRA DEI FUSTI MESSA A TERRA DEI BIG-BAG MESSA

Dettagli

PRINCIPI DI TRASDUZIONE

PRINCIPI DI TRASDUZIONE PRINCIPI DI TRASDUZIONE Passiva Trasduzione resistiva Trasduzione capacitiva Trasduzione induttiva Attiva Trasduzione fotovoltaica Trasduzione piezoelettrica Trasduzione elettromagnetica Trasduzione fotoconduttiva

Dettagli

Convogliatori a catena, tapparella, nastro e rulli

Convogliatori a catena, tapparella, nastro e rulli Convogliatori a catena, tapparella, nastro e rulli Sistemi di trasferimento e convogliamento Introduzione e caratteristiche tecniche 5 Convogliatore continuo 6 Esempi di trasporto 7 Componenti 8 Accessori

Dettagli

BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA PERRIS 350 RULLIERE DI CARICO E SCARICO TRONCATRICE MANUALE. qualità e durata nel tempo.

BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA PERRIS 350 RULLIERE DI CARICO E SCARICO TRONCATRICE MANUALE. qualità e durata nel tempo. BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA TRONCATRICE MANUALE RULLIERE DI CARICO E SCARICO qualità e durata nel tempo PERRIS 350 solida e compatta Rulliera di carico Rulliera di scarico con fermobarra Doppio supporto

Dettagli

Installazione del vostro iguard serie LM520

Installazione del vostro iguard serie LM520 Installazione del vostro iguard serie LM520 DECIDERE DOVE INSTALLARE L iguard L iguard si fissa al muro con una piccola occupazione di spazio e può essere installato con facilità dovunque. Se il terminale

Dettagli

file://c:\elearn\web\tempcontent5.html

file://c:\elearn\web\tempcontent5.html Page 1 of 10 GRANDE PUNTO 1.3 Multijet GENERALITA'' - CONTROLLO ELETTRONICO POMPA DI PRESSIONE INIEZIONE DIESEL DESCRIZIONE COMPONENTI CENTRALINA DI INIEZIONE (COMMON RAIL MJD 6F3 MAGNETI MARELLI) E montata

Dettagli

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott.

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. Ermanno Sarti Infortunio L'infortunio è l'evento occorso al lavoratore per causa violenta

Dettagli

2002 ISTITUTO PROFESSIONALE (indirizzo Tecnico per le Industrie Elettriche)

2002 ISTITUTO PROFESSIONALE (indirizzo Tecnico per le Industrie Elettriche) 2002 ISTITUTO PROFESSIONALE (indirizzo Tecnico per le Industrie Elettriche) Tema di SISTEMI, AUTOMAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE Un sistema a nastro trasportatore, azionato da un motore con funzione

Dettagli

FLOWX3 NUOVO F3.60M.S Sensore elettromagnetico ad inserzione. Caratteristiche principali. Applicazioni. Principio di funzionamento

FLOWX3 NUOVO F3.60M.S Sensore elettromagnetico ad inserzione. Caratteristiche principali. Applicazioni. Principio di funzionamento FLOWX3 NUOVO F3.60M.S Sensore elettromagnetico ad inserzione Il nuovo sensore di flusso elettromagnetico ad inserzione FLOWX3 F3.60M.S può essere utilizzato sia su tubi metallici che su tubi in plastica.

Dettagli

Requisiti di sicurezza per i dispositivi di protezione immateriali presenti sulle presse (barriere fotoelettriche)

Requisiti di sicurezza per i dispositivi di protezione immateriali presenti sulle presse (barriere fotoelettriche) Requisiti di sicurezza per i dispositivi di protezione immateriali presenti sulle presse (barriere fotoelettriche) Fig. 1 Lavoro manuale su una pressa con barriera fotoelettrica e riparo fisso laterale.

Dettagli

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI DL 1010B DL 1010D DL 1012Z KIT PER TRASFORMATORI E MOTORI KIT PER IL MONTAGGIO

Dettagli

DISEGNO E DATI TECNICI SOGGETTI A MODIFICHE SENZA PREAVVISO

DISEGNO E DATI TECNICI SOGGETTI A MODIFICHE SENZA PREAVVISO Libretto d istruzioni CLEVER CONTROL & DISPLAY Made in Italy Cod. 31/03/05 DISEGNO E DATI TECNICI SOGGETTI A MODIFICHE SENZA PREAVVISO AVVERTENZE Prima di usare il prodotto leggere attentamente queste

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

1- DESCRIZIONE GENERALE

1- DESCRIZIONE GENERALE PPR REELLEEV VA AC CA AM MPPIIO ON NII A AU UTTO OM MA ATTIIC CO O -- H HEER RO ON N 33000000 1- DESCRIZIONE GENERALE Il sistema di campionatura automatico del seme proposto dalla società francese TPLG

Dettagli

N.B.N. AUTOMAZIONE s.r.l.

N.B.N. AUTOMAZIONE s.r.l. N.B.N. AUTOMAZIONE s.r.l. Automazione per industria www.nbnautomazione.it N.B.N. Automazione S.r.l. Frazione Penna n.154 52028 Terranuova Bracciolini (Arezzo) Telefono: 055/97.05.430 Fax: 055/56.09.099

Dettagli

Il misuratore magnetico di portata. Convertitore MC 308 DS150-1-ITA 1 / 6

Il misuratore magnetico di portata. Convertitore MC 308 DS150-1-ITA 1 / 6 Il misuratore magnetico di portata Convertitore MC 308 DS150-1-ITA 1 / 6 Convertitore MC 308 I convertitori EUROMAG INTERNATIONAL della famiglia MC308 rappresentano le elettroniche standard in grado di

Dettagli

APS 2. Sistema Automatico di Applicazione Polvere APS 2 17. Edizione 05/99

APS 2. Sistema Automatico di Applicazione Polvere APS 2 17. Edizione 05/99 It Sistema Automatico di Applicazione Polvere 17 16 Indice Sistema Automatico di Applicazione................................. 1 1. Campo di applicazione......................................... 1 2. Tipo

Dettagli

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T.

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. BOX A3 TEST 3 20-07-2012 REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. INDICE 1 - PREMESSA...Pag. 3 2 - BOX A3 TEST PER ASCENSORI IDRAULICI...Pag. 3 2.1 FUNZIONAMENTO GENERALE...Pag. 3 2.2 MODALITA DI ESECUZIONE

Dettagli

Manuale Sensore Pressione Differenziale Lynx

Manuale Sensore Pressione Differenziale Lynx Quando la Qualità Conta Sensore Pressione Differenziale Lynx Installazione ed Applicazioni RJG, Inc. 2009 Manuale Sensore Pressione Differenziale Lynx 13 Feb. 2009 Sensore Pressione Differenziale Lynx

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Scegliete il giusto dispositivo

Scegliete il giusto dispositivo Sistemi per la movimentazione del vetro piano e delle lastre di vetro Dispositivi di movimentazione razionali per tutti i settori della lavorazione del vetro piano e delle lastre di vetro handling systems

Dettagli

Unità lineari a cinghia

Unità lineari a cinghia Unità lineari a cinghia Gamma completa di soluzioni per la realizzazione di movimentazioni lineari ad uno o più assi. Soluzioni a cinghia, a vite o a cremagliera Ampia gamma di accessori per realizzazioni

Dettagli

ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90

ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90 ADIR C Centro di lavoro a 3 assi controllati con rotazione del piano di lavoro -90 /0 /+90 26/03/2015 - Pagina 1 di 10 Caratteristiche tecniche Carterizzazioni laterale e posteriore fisse. Anteriore a

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

Bloccaggio per guide lineari

Bloccaggio per guide lineari Bloccaggio per guide lineari Unità di frenatura pneumatica e manuale ERRE.DI. srl Via dei Lavoratori, 15 20092 Cinisello Balsamo (Milano) Tel. 02 66047168 02 66040229 Fax 02 6128041 erredi@erredisrl.it

Dettagli

Lista di controllo revisione generatore neve. ÔÔCompressore Kaeser: pulire il filtro d aspirazione e il materassino filtrante con aria compressa

Lista di controllo revisione generatore neve. ÔÔCompressore Kaeser: pulire il filtro d aspirazione e il materassino filtrante con aria compressa PULIZIA o SOSTITUZIONE Scarico (sfera per chiusura) compressore Scarico (sfera per chiusura) corona ugelli e corona raffredd. aria solo M90/M20 Scarico (sfera per chiusura) gruppo acqua centralizzata solo

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Statale Cigna - Garelli - Baruffi Sede: IPSIA "F. Garelli" Via Bona n 4 12084 Mondovì (CN) tel.

Istituto d Istruzione Superiore Statale Cigna - Garelli - Baruffi Sede: IPSIA F. Garelli Via Bona n 4 12084 Mondovì (CN) tel. Istituto d Istruzione Superiore Statale Cigna - Garelli - Baruffi Sede: IPSIA "F. Garelli" Via Bona n 4 12084 Mondovì (CN) tel. 0174/42611 A. s. 2014 / 15 Corso: MANUTENZIONE ASSISTENZA TECNICA Materia:

Dettagli

Registratore Dati G-Force a 3 assi

Registratore Dati G-Force a 3 assi Manuale d'istruzioni Registratore Dati G-Force a 3 assi Modello VB300 1 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Registratore Dati G-Force VB300. Il Modello VB300 può misurare e registrare urti

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI. Bilancia elettronica. Modello SC600

MANUALE D ISTRUZIONI. Bilancia elettronica. Modello SC600 MANUALE D ISTRUZIONI Bilancia elettronica Modello SC600 Introduzione Congratulazioni per aver scelto la Bilancia elettronica modello SC600 di Extech Instruments. L SC600 è controllato da un microprocessore

Dettagli

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel Compressore con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità Portata effettiva Massima pressione operativa

Dettagli

Finecorsa. H/12 www.traconelectric.com, www.traconelectric.it E-mail: info@traconelectric.it. Finecorsa. Finecorsa LS15 EN 60947-1

Finecorsa. H/12 www.traconelectric.com, www.traconelectric.it E-mail: info@traconelectric.it. Finecorsa. Finecorsa LS15 EN 60947-1 Finecorsa Gli interruttori di fine corsa sono azionati da un dispositivo mobile o da una parte mobile di una qualsiasi apparecchiatura se questa parte raggiunge una posizione definita (es. fine del binario).

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli