La Newsletter IL CAPITALE UMANO. Editoriale. In questo numero parleremo di: Gennaio 2015 Numero 2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Newsletter IL CAPITALE UMANO. Editoriale. In questo numero parleremo di: Gennaio 2015 Numero 2"

Transcript

1 La Newsletter Gennaio 2015 Numero 2 Editoriale FATTI ED AVVENIMENTI DELL ULTIMO PERIODO Intesa Sanpaolo Group Services IL CAPITALE UMANO Chi è Carmelo Orlanduccio? Mah, in verità non lo sapevo nemmeno io, non l avevo mai sentito nominare prima. E non l ho mai saputo fino al giorno in cui, mentre ero in lista di attesa per un intervento ad una importante convention, intervento che, in verità, mi era stato gentilmente richiesto pochi minuti prima, e la cosa mi aveva lusingato, ascoltai un invitato che al microfono si presentò come impiegato nel settore assicurativo. Mentre lo seguivo, nella mia mente balenò un lampo, concretizzai il contenuto del mio imminente intervento, le sue parole funsero da musa ispiratrice e, destino crudele, il coordinatore del tavolo, finito il suo discorso, chiamò proprio me a parlare. A quel punto improvvisai, parlai a braccio, però le sue parole, la sua persona e la sua professione aprirono un varco tra le mie idee, in quel momento assai confuse, e parlai del CAPITALE UMANO. Per chi si chiede cos è il Capitale Umano, i periti assicurativi ecco il richiamo al relatore che mi ha preceduto - chiamano così il valore di una persona valutato secondo specifici parametri quali l aspettativa di vita, la sua potenzialità di guadagno, la quantità e la qualità del suoi legami affettivi ecc. e Capitale Umano è anche il titolo di un bellissimo film di Paolo Virzì uscito nel corso del 2014, di cui consiglio la visione. In questo numero parleremo di: Parma, chiuso lo sportello interno Parma, bebè in ufficio Napoli, carenze di organico Napoli, a rischio la Direzione Recupero Crediti Eliano Lodesani nuovo AD Brasov sotto la lente Moncalieri ritmi di lavoro intensi Contact Unit nuove fascie orarie Roma, arretrato nelle pratiche di successione Anche il Sud reclama nuove assunzioni DSI, 50 nuove assunzioni Control Unit scissione parziale a ISP Alluvione a Parma DO, cambia il processo di concessione dei mutui ipotecari WAR ROOM all EXPO SGA una professionalità da non perdere ISGS 8000 addetti nessuna eccedenza Napoli, Control Unit in Capogruppo? SGA riduzione degli organici Treviso, chiude il Polo Registrazioni telefoniche accordo sulle modalità per il riascolto 1

2 Lo scorso 19 gennaio, nel Gruppo Intesa Sanpaolo, ha preso avvio il Nuovo Modello di Servizio. ISP ha diviso la sua Banca dei Territori in tre filiere retail, personal ed imprese - coordinate da 380 nuove aree commerciali. Il piano d impresa targato Carlo Messina, infatti, prevede che i ricavi per 5 milioni di clienti (dormienti) raddoppino entro il 2017 con una crescita media annua della BdT pari al 4,5%. Tassello fondamentale del progetto è il potenziamento della multicanalità, progetto nell ambito del quale ISGS ricopre un ruolo strategico che fa sì che ISP oggi sia la prima banca multicanale in Italia. «Le persone sono il nostro asset chiave, e ogni persona ha il proprio piano di impresa da conseguire», aveva dichiarato qualche settimana prima l AD del Gruppo. Eh sì, è proprio così, il famoso Capitale Umano diviene asset strategico per il successo di qualsiasi operazione, societaria, commerciale, associativa e fa bene il top manager a valorizzarne l importanza. Nulla può sostituirsi al capitale umano nel raggiungimento di un obiettivo, nel riuscire a centrare un target. Guai perciò a sottovalutarlo, a disprezzarlo, a non riconoscergli dignità e centralità, a non valorizzare il suo spessore e la sua professionalità. Eppure in questi giorni numerose sono le perplessità che si elevano dai suoi collaboratori che, causa il nuovo modello di servizio, lamentano un carosello di trasferimenti e cambiamenti di mansioni, una situa- zione insostenibile per carichi e ritmi di lavoro per cronica carenza di organici, un cambiamento massivo di comportamenti, attitudini, consuetudini, processi lavorativi, uno svilimento professionale e relazionale di colleghi e clientela ex small business delle filiali retail, la percezione che ad un lavoro di squadra ora si privilegi di più la prestazione individuale a scapito della coesione e di un migliore clima aziendale. Non c è alcun dubbio, la persona è il vero valore aggiunto di ogni Piano Industriale. Saprà l AD Carlo Messina vincere la sfida che i colleghi gli pongono, saprà valorizzare al meglio il suo Capitale Umano? Ce lo auguriamo tutti per il bene dell Azienda, per il bene del personale, per il bene della clientela. Ah dimenticavo! Finito il mio intervento, sceso dal palco dove avevo parlato, mentre mi dirigevo verso il fondo della sala, improvvisamente fui generosamente abbracciato da un sorridente e robusto signore che con spontaneità e generosità si congratulò con me. Un abbraccio fraterno con una persona che non conoscevo, ma che il quel momento sentivo come un fratello. Riconobbi in lui il relatore che mi aveva preceduto. Ma tu chi sei? gli chiesi. Come chi sono? Sono Carmelo Orlanduccio mi disse quasi sorpreso ed in quello scambio di battute, in quei sorrisi che si incrociavano, in quella stretta così forte e così sincera riconobbi tutto il vero valore del Capitale Umano Armando Della Bella giornalista iscritto all Ordine Parma, chiuso lo sportello interno Nello specifico focus dedicato a ISGS svoltosi nell ambito dell incontro di trimestrale svoltosi a Parma il 4 settembre u.s., la delegazione sindacale ha lamentato l assenza di un gestore presso lo sportello interno nei giorni di apertura previsti, ha denunciato l impossibilità di avvalersi, presso alcuni uffici interni dell autocertificazione valida per un giorno di malattia ed, infine, ha segnalato come ormai da tempo la pulizia dei locali interni lasci molto a desiderare. L Azienda non solo ha confermato la volontà di non volersi più avvalere della collaborazione di un gestore di sportello a Parma ma ha anche chiuso il servizio cassa a partire dal 6 dicembre u.s. 2

3 Parma, bebè in ufficio Il Polo di Parma di ISGS lamenta una scarsa attenzione da parte dei vertici aziendali, cioè denuncia l assenza di nuovi investimenti sia in termini umani che di servizi. I colleghi si chiedono quale potrà essere il loro futuro se non saranno effettuate nuove assunzioni. Inoltre come sarà possibile avere colleghi motivati se le richieste sindacali quale ad esempio quella relativa all asilo nido aziendale - sono continuamente negate, o se vengono tolti alcuni servizi interni, quali ad esempio lo sportello cassa interno Napoli, carenze di organico Il Polo di Napoli, a novembre 2014 segnala che, in ambito DSI, ai progetti in corso di esecuzione finalizzati all adeguamento alle nuove norme comunitarie, si sono aggiunte altre attività straordinarie legate alla fusione delle banche dei territori aggravando così lo stress dei lavoratori impegnati in queste lavorazioni. Inoltre il Polo segnala che nel prossimo periodo sono previste nuove uscite per esodo senza che a queste poi pare facciano seguito nuove immissioni. L andamento degli organici di ISGS a Napoli, dal 2010 ad oggi, ha visto infatti una riduzione di circa 160 unità pari ad una contrazione del 26% della forza lavoro. Napoli, a rischio la Direzione Recupero Crediti Il Polo di Napoli denuncia la presenza nel sito di una carenza organizzativa e funzionale caratterizzata da un lato da aree che si sovrappongono e dall altro da funzioni frammentate e non coordinate. In primis lamenta la mancata sostituzione di cinque colleghi passati al nucleo mutui, tre dei quali trasferiti, senza sostituzione, dall Help Desk Operativo laddove vi sono colleghi che da tempo attendono un cambio mansione negato per mancanza di sostituzione. Si temono analoghe modalità per il settore estero specialistico che, ritenuto da sempre centro di eccellenza in ISGS, è stato però più volte smantellato e riorganizzato. Inoltre non sono altrettanto chiare sia l evoluzione che avrà la Direzione Recupero Crediti vista anche la situazione di estrema emergenza in cui versano i colleghi del presidio di Salerno, sia la presenza di personale esterno nell Ufficio Contenzioso di Napoli. Non ben definite infine appaiono anche le funzioni legate alla sicurezza le cui attività risultano frammentate anche nei poli tecnico ed immobiliare 3

4 Eliano Lodesani nuovo AD Il Consiglio di Amministrazione di Intesa Sanpaolo Group Services, nella seduta del 5 giugno 2014, ha deliberato la nomina di Eliano Omar Lodesani ad Amministratore Delegato e Direttore Generale di ISGS Brasov sotto la lente Il Polo di Napoli deplora il trasferimento di una parte delle attività inerenti relative ai pignoramenti verso il polo di Brasov. Considera questa iniziativa l epilogo di una programmazione e di una organizzazione del lavoro miopi in quanto non hanno considerato gli effetti della chiusura dei poli e denuncia la continua sottrazione di attività alle strutture di ISGS allocate nel meridione. I colleghi precisano che lo stillicidio è iniziato con la fuoriuscita, senza sostituzione, di risorse verso la rete commerciale avviando così un processo che ha portato, da un lato, al depauperamento di ISGS e dall altro ad un sovraccarico lavorativo per i colleghi. L Azienda sollecitata a fornire risposte chiare ed esaurienti chiarisce che si trattava di gestire una fase straordinaria di lavoro derivante dai tempi massimi di lavorazione previsti dal Dl 132/2014 sulla riforma del processo civile. La riforma introduce, dal prossimo 6 dicembre, un termine massimo di 15 giorni per il deposito dei pignoramenti. Entro quella data l Azienda doveva perciò allinearsi alla nuova tempistica di legge per non incorrere in sanzioni e spese, oltre all esigenza di mantenere un livello di servizio adeguato. E solo per questi motivi, fermo restando la volontà di non ricorrere a services esterni, che l Azienda ha spostato l attività di pignoramenti a Brasov. Moncalieri ritmi di lavoro intensi Il Polo di Moncalieri segnala ai vertici aziendali che, come già accade per i vari progetti in corso - integrazioni, riordini, EXPO, ecc - anche per la multicanalità le scadenze dei vari passaggi hanno determinato un aggravio delle prestazioni lavorative, realizzando di fatto la presenza costante dei colleghi sul luogo di lavoro. A tal proposito le OO.SS. hanno richiesto all Azienda maggiori informazioni circa la pianificazione complessiva del progetto e i relativi impegni in termini di risorse e programmazione temporale. Inoltre ritengono assolutamente necessario che siano rispettate le attuali normative aziendali in materia di riposi compensativi, prestazioni straordinarie, reperibilità, interventi in loco, ecc. Se da un lato le stesse comprendono l importanza del progetto e delle sue ricadute in termini anche occupazionali, dall altro ribadiscono l assoluta necessità di trovare un giusto equilibrio fra lavoro, normative di legge e vita privata Il colleghi di Napoli considerano irricevibile la risposta aziendale perché obbiettano non potevano essere ignorare le ricadute sulla struttura napoletana della chiusura di due poli preposti alla lavorazione dei pignoramenti e si chiedono se, in realtà, ci sia stata una volontà nel creare picchi di lavoro che, osservano, in realtà potevano essere ridistribuiti sugli altri poli di ISGS. Non comprendono poi come, paradossalmente, alla struttura di Napoli sia stato chiesto di creare una task-force per lavorare gli accertamenti bancari - anch essi in emergenza - e poi la struttura stessa debba poi cedere lavoro all estero 4

5 Contact Unit nuove fascie orarie La pianificazione oraria della Contact Unit era composta da nove turni da 7ore e 12minuti (per il polo di Bologna 7ore e 30minuti) ai quali si aggiungevano diversi orari part-time. Dal 23 settembre 2014 sono stati inseriti due nuovi turni, in aggiunta a quelli già esistenti, che permettono una migliore pianificazione delle risorse in base alle attività telefoniche svolte dalla CU. Le due nuove fasce orarie sono la prima dal lunedì al sabato, dalle ore 9.00 alle ore e la seconda è l introduzione di un nuovo turno settimanale previsto dalle ore 7.50 alle ore Roma, arretrato nelle pratiche di successione In data 27 novembre 2014 l Azienda ha comunicato il ricorso ad un service esterno, per la durata di 3/4 mesi, al fine di recuperare gli arretrati relativi alle attività di gestione delle successioni, oggi svolta nella Direzione Operations di Roma. Le OO.SS. hanno denunciato le difficoltà che devono affrontare i colleghi delle DO per i continui cambiamenti organizzativi e operativi. Infine è stato richiesto che i colleghi di Roma siano messi nelle condizioni di poter tornare a una fase ordinaria di lavoro, anche tramite la necessaria formazione e addestramento Anche il Sud reclama nuove assunzioni Il Polo di Napoli, in data 17 novembre 2014, chiede che, nell ambito delle assunzioni dei TD previste dai recenti accordi e nell ambito delle annunciate 50 assunzioni destinate alla DSI, ci sia particolare attenzione alle politiche occupazionali del mezzogiorno nell ottica di concorrere così alla ripresa economica nazionale. Inoltre conferma l opinione che la temporanea assegnazione di quota parte del lavoro di Napoli al polo di Brasov sia derivata dalla progressiva chiusura dei poli di ISGS e da una miope programmazione aziendale. Prende comunque atto che l Azienda e le delegazioni trattanti hanno affrontato la questione rasserenando così l ambiente di lavoro con l introduzione di limite temporale di tre mesi ( ) alla cessazione della extra lavorazione, scadenza che sarà ovviamente oggetto di attento monitoraggio. Infine, in coincidenza delle festività natalizie, segnala alcuni problemi sulla sicurezza dei colleghi presenti nella rete commerciale e denuncia superficialità e disorganizzazione nella gestione degli accorpamenti di filiale, in parte dovuti anche ad una mancanza di autorevolezza nei confronti della clientela che impone la propria volontà condizionando i tempi di realizzazione. DSI, 50 nuove assunzioni A novembre 2014, l Azienda ha comunicato l assunzione, in DSI, di circa cinquanta apprendisti, in possesso di particolari professionalità finalizzate alle attività specialistiche informatiche legate ai progetti di multicanalità e digitalizzazione presenti nel Piano d Impresa. Queste assunzioni riguardano le strutture di Torino e di Milano e si aggiungono ad ulteriori assunzioni di informatici di skill senior. Nell apprezzamento del positivo riavvio delle assunzioni, il tavolo sindacale ha richiesto che si proceda ad assunzioni anche in altre realtà territoriali in particolare nel mezzogiorno 5

6 Control Unit scissione parziale a ISP La necessità di interpretare un ruolo maggiormente proattivo nei confronti della clientela secondo l Azienda porta a specializzare la CU come «filiale on line», avente a disposizione gli stessi strumenti presenti in filiale per svolgere e rafforzare un ruolo più attivo nella relazione commerciale con il cliente e la promozione, consulenza e collocamento dei prodotti al servizio di ISP e della BdT. A tal proposito è prevista la scissione parziale a ISP del ramo d azienda di ISGS costituito dalle sale della CU di Torino e di Milano. Le risorse interessate dalla procedura saranno complessivamente circa 250. L efficacia giuridica dell operazione avverrà entro il primo trimestre del 2015 Alluvione a Parma Lunedì 13 ottobre Parma è stata colpita dall alluvione. La zona più colpita è stata quella in cui ha sede l unità produttiva di ISGS, quartiere in cui risiedono anche tanti colleghi. Le rappresentanze sindacali del Polo segnalano, con rammarico, che la capogruppo ha adottato un protocollo normativo che non riconosce alcun permesso retribuito ai colleghi che, a seguito dei danni subiti, hanno dovuto assentarsi dal lavoro. Il ragionamento addotto è quello per cui, essendo la sede di lavoro agibile e raggiungibile pur con difficoltà, l assenza è sì giustificata ma la copertura è a carico del lavoratore attraverso l utilizzo di qualsiasi tipologia di permesso. Per contro, l unica nota positiva è stata la partenza, fra i colleghi, di una raccolta fondi, ticket pasto e contanti per consegnare, al punto di raccolta delle Piccole Figlie, panini e acqua preparati dalle dipendenti della Camst con lo scopo di sostentare i volontari che hanno aiutato a spalare fango, nelle zone in difficoltà 6

7 DO, cambia il processo di concessione dei mutui ipotecari In ISGS è stato rivisto il processo per la concessione dei mutui ipotecari a privati in carico alla Direzione Operations. In sostanza le filiali autonome ora completano tutto il processo fino alle fasi di post delibera mentre le filiali cosiddette non autonome completano il processo fino alla fase di istruttoria. Il seguito della pratica è seguito dal Servizio Crediti delle Direzioni Regionali sino alla fase di post delibera. La Direzione Operations ora si occupa di gestire amministrativamente il posto delibera per entrambi i processi WAR ROOM all EXPO Intesa Sanpaolo sarà presente con una filiale autonome e con tutti i servizi bancari, alla manifestazione EXPO 2015 che si svolgerà a Milano dal 1 maggio 2015 al 31 ottobre Per l occasione ISGS costituirà una task forse composta da diciotto colleghi appartenenti all Help Desk Tecnologico. Questi colleghi opereranno in una war room e in filiale con due persone al giorno, una per ciascun turno, con turni di 7,12 ore al giorno su cinque giorni la settimana. Sarà comunque garantita una copertura complessiva di sette giorni alla settimana, dalle ore 9,30 alle ore 23 SGA una professionalità da non perdere Con nota datata 2 dicembre 2014 il Polo di Napoli, onde valorizzare la realtà locale, chiede il riconoscimento delle aree altamente professionalizzate presenti in ISGS quali, ad esempio, il recupero crediti, il contenzioso, l immobiliare etc. etc. E ormai cosa nota che il recupero crediti sia divenuto strategico per il conto economico della Banca dato che le sofferenze hanno superato il costo del personale, ed è quindi lecito aspettarsi la valorizzazione delle strutture e delle figure professionali, nonché il recupero delle professionalità dei colleghi della SGA che vantano un esperienza ultradecennale nel settore, esperienza che non può andare dispersa 7

8 ISGS 8000 addetti nessuna eccedenza In un incontro tenutosi il 31 luglio 2014, l Azienda ha dichiarato che ISGS è considerata la macchina operativa del Gruppo e che il piano industriale e l innovazione, che quest ultimo prevede, passano attraverso ISGS. Pur in presenza di un calo di transazioni, ISGS non presenta eccedenze di personale e, anche grazie alla multicanalità e ai nuovi progetti in fase di sviluppo, riesce a occupare tutti gli oltre addetti. In merito alle recenti scelte organizzative ha comunicato che a Potenza e a Cosenza la lavorazione del recupero crediti è a regime e che, nell ambito del progetto di rafforzamento della CU, il sito di Lecce sarà a regime entro la fine del Le OO.SS. hanno espresso disagio e contrarietà per i continui cambiamenti di lavorazioni che sono arrivati, in qualche caso, anche a tre lavorazioni in 18 mesi. Inoltre una forte criticità è rappresentata dal fatto come sia difficile se non impossibile ottenere un trasferimento da ISGS a BdT. L Azienda ha dichiarato che le barriere gestionali sono imputabili alla difficoltà di incrociare le esigenze delle filiali con quelle di ISGS e alla scarsità di richieste di ingresso in ISGS Napoli, Control Unit in Capogruppo? In un recente incontro (18 dicembre 2014) i colleghi del Polo di Napoli hanno espresso la ferma richiesta che l Azienda preveda, nell ambito del piano di assunzioni in fase di attuazione, il rafforzamento degli organici nelle strutture ISGS del Polo. Hanno inoltre espresso il loro disappunto per la recente assunzione in DSI di oltre 50 colleghi assegnati esclusivamente ai poli di Milano e Torino. Hanno anche evidenziato che nessuna delle 90 assunzioni ex TD in BdT saranno assegnate al Banco di Napoli intravvedendo così una possibile discriminazione nei confronti del mezzogiorno. Il mancato ripianamento degli organici determina tensioni, ritmi di lavoro ormai insostenibili in assenza di adeguata formazione e addestramento che espone i colleghi ad un alto rischio di errore. Sono state inoltre espresse perplessità sulla gestione sia del settore recupero crediti sia della SGA S.p.A. anche alla luce della recente costituzione della Capital Light Bank. Sempre nel corso dell incontro sono state rese note alla delegazione aziendale alcune criticità in essere presso la CU che si sono evidenziate con il passaggio delle sale di Torino e Milano alla BdT: In particolare ci si è riferiti al cambio turni, alla gestione delle code e al riconoscimento delle professionalità in essere. L Azienda ha precisato che poiché la CU di Napoli è considerata un eccellenza, non è da escludere, nel corso del 2015, un suo passaggio in BdT 8

9 SGA riduzione degli organici La SGA è una società del BdN che opera nel recupero crediti in convenzione. Ha in carico 58 risorse di ISGS distaccate che operano su diversi presidi di Napoli (32), Avellino (26), Bari, Brindisi, Cagliari, Cosenza, Pescara e Sassari. E in corso una progressiva cessazione del mandato entro fine anno 2014 che da fine settembre 2014 inizierà con la chiusura di Cagliari (3), Sassari (2) e Cosenza (4). Le persone saranno reimpiegate nell ufficio recupero crediti di ISGS o in Banca dei Territori e non ci creeranno eccedenze di personale. Purtroppo sia a Sassari che a Cagliari non esistono strutture del recupero crediti di ISGS. Le attività proseguiranno con il passaggio delle pratiche e delle relative consegne fino alla fine del mese di marzo 2015 (Moncalieri o Milano) mediante la generazione a sistema del codice temporaneo, reso visibile allo scopo per 15 minuti a beneficio del solo tecnico incaricato di mettere a disposizione le telefonate per il riascolto. Ogni generazione della chiave temporanea ed il conseguente accesso saranno censiti in un apposito registro informatico. Tale registro è visionabile su richiesta da parte delle RSA o delle segreterie sindacali. Il riascolto prevede la partecipazione dell interessato informato sulle motivazioni (o di persona da questi appositamente delegata) presso la sede di appartenenza, secondo le modalità e le tutele contenute nell Accordo Quadro 1 febbraio 2011 integrato dal Verbale di Accordo. Treviso, chiude il Polo Il polo ISGS di Treviso (19 risorse) ha cessato l attività di CU, è passato in ISP dedicato all analisi dei clienti a rischio elevato (antiriciclaggio). L esigenza è nata dal fatto che è aumentato il numero della clientela soggetta a tali controlli. I distacchi sono stati attuati dal 1 ottobre 2014 fino a fine anno 2014 con successivo passaggio dei rapporti di lavoro da ISGS ad ISP dall inizio dell anno Ai colleghi del polo è stata erogata un apposita formazione Contatti Registrazioni telefoniche accordo sulle modalità per il riascolto In data 17 luglio 2014 le OO.SS. hanno riscontrato la piena rispondenza, ai sensi e per gli effetti dell art. 4 della Legge 20 maggio 1970 n. 300, degli apprestamenti tecnologici illustrati dall Azienda in apposite schede con i contenuti dell accordo quadro 1 febbraio L Azienda si è impegnata a non utilizzare i dati e le informazioni ottenute a seguito del riascolto per fini ed effetti diversi da quelli esplicitati nell accordo quadro. La redazione rimane a disposizione per ogni eventuale dubbio, suggerimento, domanda e proposte di miglioramento vogliate comunicarci. Per contattarci potete utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica: Si è stabilito che la generazione del codice temporaneo per l ascolto è effettuata presso la sede di Milano o di Moncalieri da persona diversa da quella che poi effettua il riascolto e in locali differenti. L accesso alle registrazioni avviene per il tramite di una cabina di regia 9

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014 Progetto Multicanalità Integrata Contact Unit Milano, 17 luglio 2014 La nostra formula per il successo Piano d Impresa 2014-2017 1 Solida e sostenibile creazione e distribuzione di valore Aumento della

Dettagli

NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti

NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti Nella giornata di ieri l Azienda ha fornito ulteriori aggiornamenti sulle sperimentazioni in corso del Nuovo Modello di Servizio delle Imprese e del Retail.

Dettagli

SCISSIONE PARZIALE DEL RAMO CREDITO AL CONSUMO DA NEOS FINANCE S.P.A. A INTESA SANPAOLO PERSONAL FINANCE S.P.A. Milano, 21 febbraio 2013

SCISSIONE PARZIALE DEL RAMO CREDITO AL CONSUMO DA NEOS FINANCE S.P.A. A INTESA SANPAOLO PERSONAL FINANCE S.P.A. Milano, 21 febbraio 2013 SCISSIONE PARZIALE DEL RAMO CREDITO AL CONSUMO DA NEOS FINANCE S.P.A. A INTESA SANPAOLO PERSONAL FINANCE S.P.A. Milano, 21 febbraio 2013 1 CONTESTO DI MERCATO E POSIZIONAMENTO DI NEOS FINANCE E ISPF Il

Dettagli

PROV. MILANO ACCORDO QUADRO. Premesso:

PROV. MILANO ACCORDO QUADRO. Premesso: ACCORDO QUADRO Premesso: o che coerentemente con quanto previsto dal piano industriale 2006-2009 al fine di proseguire e dare ulteriore impulso alla costante crescita conseguita negli ultimi anni, il Gruppo

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI!

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI! FERIE NO! FERIE. SI! Veniamo a conoscenza che i Responsabili OGGI stanno obbligando le proprie risorse a pianificare entro fine anno il residuo ferie arretrato. Gli stessi Responsabili IERI hanno negato

Dettagli

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE RIALLINEAMENTO ALLA NORMATIVA CONTRATTUALE NAZIONALE Ad integrazione e specifica di quanto rappresentato nella nota trasmessa a codesto Dipartimento in data 29 aprile 2014,

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio.

Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio. Carta dei Servizi Articolo 1 Soluzioni HR Servizi al tuo Servizio. Articolo 1 Srl Soluzioni HR - Aut. Min. Lav. Prot. N. 1118 del 26/11/04 CARTA DEI SERVIZI INDICE Presentazione di Articolo 1 Srl Carta

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO

ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO ASILI NIDO QUELLO CHE IL COMUNE NON DICE CONFERENZA STAMPA FP CGIL ROMA E LAZIO 31 agosto 2010 Investire sui servizi all infanzia non è questione che riguarda le politiche familiari, e neppure èsolo questione

Dettagli

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011 Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA Oggetto:- Apertura conflitto di lavoro a livello Nazionale.- Ormai da tempo si denota una preoccupante indifferenza

Dettagli

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N.

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N. DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DEL PERSONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA (Concertato con la Delegazione sindacale dell

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI

REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI REGOLE IN MATERIA DI INQUADRAMENTI Emittente: Direzione Centrale Risorse Umane Destinatari: Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Group Services Banche della Divisione Banca dei Territori con l esclusione di

Dettagli

EXPO 2015 PRESENZA ISP

EXPO 2015 PRESENZA ISP EXPO 2015 PRESENZA ISP Presentazione alle OO.SS. Milano 11 novembre 2014 1 EXPO 2015 Un evento unico che incarna un nuovo concept di Expo: tematico, sostenibile, tecnologico e incentrato sul visitatore.

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 13.03.2012 I N D I C E ART. 1 - FINALITA' DEL

Dettagli

Verbale di Accordo. Capitalia S.p.A., Banca di Roma S.p.A., Banco di Sicilia S.p.A, Bipop Carire S.p.A e Capitalia Informatica S.p.A.

Verbale di Accordo. Capitalia S.p.A., Banca di Roma S.p.A., Banco di Sicilia S.p.A, Bipop Carire S.p.A e Capitalia Informatica S.p.A. Verbale di Accordo Il giorno 30 dicembre 2004 tra Capitalia S.p.A., Banca di Roma S.p.A., Banco di Sicilia S.p.A, Bipop Carire S.p.A e Capitalia Informatica S.p.A. e - le Segreterie Nazionali - le Segreterie

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DELLA BANCA DEPOSITARIA DEL FONDO PENSIONE FONDOPOSTE

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DELLA BANCA DEPOSITARIA DEL FONDO PENSIONE FONDOPOSTE QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DELLA BANCA DEPOSITARIA DEL FONDO PENSIONE FONDOPOSTE Il presente questionario costituisce parte integrante della richiesta pubblica di offerta per il servizio di banca depositaria

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana

La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana La sicurezza e salute sui luoghi di lavoro in Regione Toscana Consultazione e partecipazione degli RLS D.Lgs. 626/94 Ruolo RLS Introduce novità per la tutela del lavoratore che ha adesso anche maggiori

Dettagli

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale MEGAS. NET S.P.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale (adottato ai sensi dell'art. 18, secondo comma, D.L. 112/2008, convertito con Legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE La qualità del servizio passa attraverso la qualità delle persone 1. Lo scenario In presenza di una concorrenza

Dettagli

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici La nostra azienda, oltre a produrre, distribuire e installare i propri software presso la clientela, eroga a favore di quest ultima una serie di servizi

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

tra in relazione: si conviene quanto segue:

tra in relazione: si conviene quanto segue: Addì 26 giugno 2009, in Roma tra Alitalia - CAI e le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl-TA in relazione: ai confronti avviati nel trimestre in corso ed alle questioni emerse

Dettagli

FAQ per i datori di lavoro

FAQ per i datori di lavoro FAQ per i datori di lavoro - Perché io, imprenditore, dovrei aspettarmi aiuto da un istituzione come l ufficio AI? L ufficio AI si impegna a mantenere o reinserire nel mondo del lavoro le persone diversamente

Dettagli

VERBALE DI INCONTRO. L Azienda premette che:

VERBALE DI INCONTRO. L Azienda premette che: VERBALE DI INCONTRO L Azienda premette che: il collocamento di prodotti e servizi offerti alla clientela richiede processi di formazione e aggiornamento continuo per le figure di rete commerciale, a tale

Dettagli

Strumenti di lavoro n.6

Strumenti di lavoro n.6 1 Strumenti di lavoro n.6 a cura della FISAC-CGIL in UniCredit Focalizzazione su alcuni aspetti specifici legati alle Intese 28.06.2014 relative al Piano Strategico 2018 del Gruppo UniCredit - perimetro

Dettagli

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE 1 PREMESSA Il presente codice disciplina le procedure di ricerca, selezione ed inserimento di personale, che sono demandate alla Direzione Generale,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Pag.1 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Approvato con Delibera di CdA n. xx del xx.xx.xxxx Pag.2 Ciò nonostante le persone sono l'unico elemento nell'azienda avente l'intrinseco potere di

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Il rappresentante dei lavoratori e la nuova comunicazione INAIL. Dott. CdL Paolo Stern

Il rappresentante dei lavoratori e la nuova comunicazione INAIL. Dott. CdL Paolo Stern Il rappresentante dei lavoratori e la nuova comunicazione INAIL Dott. CdL Paolo Stern Il percorso normativo Art. 2 Salute = diritto inviolabile della persona Art. 46 Partecipazione attiva dei lavoratori

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona All. 1 alla delibera di C.C. n. del REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE DI VOLONTARIATO

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Protocollo 18 ottobre 2010

Protocollo 18 ottobre 2010 Protocollo 18 ottobre 2010 Canali evoluti di Capogruppo (incontro del 2 dicembre 2010 sugli orari dei nuovi ingressi presso Contact Center e Cu.Re.) Milano, dicembre 2010 Protocollo 18 ottobre 2010: nuovi

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE PMI IN PARTICOLARE Dott. Bernardino Bottalico Corporate Finance Manager www.fabfinance.eu info@fabfinance.eu +39 080 4421007 PREMESSA

Dettagli

Proposta di distribuzione di un dividendo straordinario da prelevare dalle riserve disponibili; deliberazioni inerenti e conseguenti.

Proposta di distribuzione di un dividendo straordinario da prelevare dalle riserve disponibili; deliberazioni inerenti e conseguenti. Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla proposta all ordine del giorno della Assemblea ordinaria degli azionisti IPI S.p.A. (Art.3 - DM 5 novembre 1998 n 437) O o o o O Proposta di distribuzione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO PRESENTAZIONE OPERATORE CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO La Cooperativa Sociale Conedia è stata costituita a maggio 2011, come emanazione dell Associazione F.L.E.G. Formazione Lavoro e Gioventù. Ha come oggetto

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Formazione Obbligatoria IVASS: da necessità ad opportunità

Formazione Obbligatoria IVASS: da necessità ad opportunità Formazione Obbligatoria IVASS: da necessità ad opportunità Parliamo di noi 124 anni di storia al servizio del territorio Attenzione ai bisogni della clientela Connotazione Locale Professionalità del Personale

Dettagli

UIL Credito Esattorie e Assicurazioni RSA DI ROMA DI BANCA FIDEURAM

UIL Credito Esattorie e Assicurazioni RSA DI ROMA DI BANCA FIDEURAM NUMERO 1 - ANNO 1 Gennaio 2006 Supplemento di Bankooonote AUT.TRIB.TORINO n 3697/86 PERIODICO DI INFORMAZIONE a cura della UILCA/UIL Roma di Banca Fideuram. Comunicazione Sindacale, stampato in proprio

Dettagli

Verbale di accordo. tra. premesso che:

Verbale di accordo. tra. premesso che: Verbale di accordo In Padova, in data 28 maggio 2014 tra Cassa di Risparmio del Veneto S.p.A. e le OO.SS. di Cassa di Risparmio del Veneto premesso che: - il d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, rubricato Codice

Dettagli

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE

1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE 1. BILANCIO CONSUNTIVO AL 31.12.2003 DELLA GESTIONE AMMINISTRATIVA DI PREVIAMBIENTE Il bilancio consuntivo al 31/12/03 di Previambiente è stato redatto con l ausilio tecnico del Collegio dei Revisori Contabili

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI e DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizioni di Ivrea-Pinerolo-Torino

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI e DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizioni di Ivrea-Pinerolo-Torino Torino, 7 marzo 2008 NOTIZIARIO 8/2008 S O M M A R I O ANTIRICICLAGGIO GLI ADEMPIMENTI ED I FAC-SIMILI DI INFORMATIVA ALLA CLIENTELA Documentazione di supporto a cura del Consiglio Nazionale. IL BILANCIO

Dettagli

DELIBERA N. 211 della GIUNTA CAMERALE N 24 del 22/12/2015

DELIBERA N. 211 della GIUNTA CAMERALE N 24 del 22/12/2015 DELIBERA N. 211 della GIUNTA CAMERALE N 24 del 22/12/2015 OGGETTO: Asseverazione ed Autorizzazione - Azienda Speciale Fermo Promuove - Proroga contratto di somministrazione lavoro a tempo determinato.

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

STRUTTURE DI SEDE CENTRALE. Interventi di razionalizzazione e ristrutturazione e situazione attuale

STRUTTURE DI SEDE CENTRALE. Interventi di razionalizzazione e ristrutturazione e situazione attuale STRUTTUR DI SD CNTRAL *** Interventi i razionalizzazione e ristrutturazione e situazione attuale Incontro con le OO.SS. Torino, 6 maggio 2005 Piano 2003-2005 Interventi: Integrazione i Carine Finanziaria

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org JOB RECRUITMENT www.puntoservice.org CHI SIAMO CERCHIAMO Punto Service è operatore leader in Italia nel settore dei servizi alla persona, dedicati in particolare alla terza età ed all infanzia, con un

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2014/2015. In questa presentazione del Piano industriale 2014/2015 è omessa la parte di

PIANO INDUSTRIALE 2014/2015. In questa presentazione del Piano industriale 2014/2015 è omessa la parte di PIANO INDUSTRIALE 2014/2015 In questa presentazione del Piano industriale 2014/2015 è omessa la parte di introduzione. Tale scelta è imposta da motivi di sintesi perché in realtà le premesse relative alla

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. E' presente il Direttore di Leggo. Premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. E' presente il Direttore di Leggo. Premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 24 ottobre 2011 nella sede della Fieg in Roma si sono incontrati il rappresentante della Soc. Leggo S.p.a., assistita dalla Fieg, e il CdR di LEGGO assistito dalla FNSI e dalle Associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMUNE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI ISTRUZIONE PUBBLICA E ASILI NIDO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMUNE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI ISTRUZIONE PUBBLICA E ASILI NIDO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMUNE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE DI ISTRUZIONE PUBBLICA E ASILI NIDO (Approvato con delibera Giunta Comunale di Scarlino n.

Dettagli

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Valutare i comportamenti organizzativi: perché e finalità del processo 1 Il comportamento organizzativo

Dettagli

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE INDICE Premessa art. 1 Ambito di applicazione art. 2 Pari opportunità e protezione dati personali art. 3 Categorie protette art. 4 Tipologie di contratti art. 5

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 aprile 2010, in Siena tra Banca CR Firenze S.p.A. (di seguito CRF) Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito BMPS) e le sottoscritte Organizzazioni Sindacali premesso

Dettagli

TELELAVORO IN POSTE ITALIANE

TELELAVORO IN POSTE ITALIANE Telelavoro in Poste Italiane 1 TELELAVORO IN POSTE ITALIANE 10 novembre 2008 Telelavoro Customer Services 2 Il Il risultati Employee Satisfaction Index 2008 nel CS Focus sul Telelavoro ESI Customer Services

Dettagli

TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL

TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

Rendiconto annuale sull attività di gestione dei reclami

Rendiconto annuale sull attività di gestione dei reclami Rendiconto annuale sull attività di gestione dei reclami Anno 2014 Indice 1. Introduzione pag. 3 2. Assetto organizzativo/procedurale dell Ufficio Reclami pag. 4 3. Reclami pervenuti nell esercizio 2014

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2473 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Disposizioni per l inquadramento di soggetti incaricati di funzione dirigenziale

Dettagli

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 Protocollo d intesa Costituzione di un Centro regio nale per la promozione e lo sviluppo dell auto

Dettagli

tutto ciò premesso si conviene che: Articolo 1 Articolo 2

tutto ciò premesso si conviene che: Articolo 1 Articolo 2 Protocollo per le Relazioni sindacali del Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara In Milano, il giorno 24 aprile 2002 le seguenti Società: facenti parte del Gruppo bancario Popolare di Verona - Banca

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE PIEMONTE A.S.L. 1 TORINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO via Alassio, n. 36/E 10126 TORINO Tel. 011.5663800 - Fax

Dettagli

Ricerca e Innovazione nelle imprese. Misure di sostegno immediato alle attività innovative e di ricerca delle imprese

Ricerca e Innovazione nelle imprese. Misure di sostegno immediato alle attività innovative e di ricerca delle imprese Ricerca e Innovazione nelle imprese Misure di sostegno immediato alle attività innovative e di ricerca delle imprese OBIETTIVI DELL INTERVENTO Rafforzare la ripresa economica con azioni qualificate per

Dettagli

ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE. Il giorno 24 gennaio 2007. In Padova PREMESSO CHE

ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE. Il giorno 24 gennaio 2007. In Padova PREMESSO CHE ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE Il giorno 24 gennaio 2007 In Padova Tra la S.P.A. e le Segreterie degli Organi di coordinamento delle RR.SS.AA. PREMESSO CHE nelle riunioni

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE. La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali

AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE. La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali GUIDA AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali Il rischio dell Italia è di città straordinariamente belle ma città del passato. La sfida è

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Newsletter per i datori di lavoro

Newsletter per i datori di lavoro PROVINCIA DI PERUGIA Ufficio Specialistico L. 68 / 99 Newsletter per i datori di lavoro La Danza di Henry Matisse (1909-1910) Anno 1 n. 0 aprile 2013 Via Palermo 106, Perugia Tel. 075 3681959 Fax 075 3681703

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia

Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia Art. 1 SFERA DI APPLICAZIONE Il Contratto Integrativo deve essere applicato a tutti i Dipendenti di tutte le sedi di ALTRAN

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI SOMMARIO INTRODUZIONE. 1. PRINCIPI GENERALI 2. REGOLE GENERALI

Dettagli