SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA"

Transcript

1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI CUNEO 2) Codice di accreditamento: NZ ) Albo e classe di iscrizione: Albo Regione Piemonte classe 1 CARATTERISTICHE PROGETTO 4) Titolo del progetto: SPAZI DI LIBERTA 5) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): C-05; AMBIENTE; Salvaguardia, tutela, incremento del patrimonio forestale 6) Descrizione del contesto territoriale e/o settoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto: 1. BREVE PRESENTAZIONE DELL ENTE Il presente progetto viene presentato da due comuni del basso Piemonte: e Langhe. Si tratta di due piccoli centri della Langa. SERRAVALLE LANGHE Langhe è un comune di appena 343 abitanti situato nell Alta Langa Esso ha conosciuto negli anni un forte fenomeno di spopolamento,fenomeno che pare essere arrestato nell ultimo periodo (nel corso degli ultimi anni si è assistito ad un lieve incremento della popolazione pari a un + 0,29%). Lo spopolamento dell area ha causato una progressiva chiusura dei negozi di vicinato. Da poco più di un anno l amministrazione,per rispondere alle esigenze della popolazione ha provveduto alla rinascita del locale mercato settimanale. In paese è ancora presente la scuola elementare anche se,dato il basso numero di bambini in età scolare,sembra essere a rischio di chiusura. INDICATORI (riferimento anno 2008) popolazione 343 Territorio sentieri comunali praticabili (km) 5 cadenza manutenzione aree verdi istituzioni scolastiche presenti sul territorio COMUNE DI SERRAVALLE LANGHE 9.09 KMQ Trimestrale Scuola primaria Scuola dell Infanzia strutture ricettive Ristoranti n.3 Bar n.3 Agriturismi n.2 Affittacamere n.3 n turisti n pernottamenti turisti (anno 2008) 297 visite didattiche e iniziative di educazione ambientale iniziative di promozione del territorio (n ) 1 Festa in Fondo al Borgo Festa di San Michele Festa dell Assunta

2 NOVELLO è un paese di mille abitanti situato nel cuore delle Langhe del Barolo. Esso si snoda secondo un disegno lineare sul profilo del suo colle e ha una superficie urbana pari a 0.5 kmq;il restante 96% del suo territorio è destinato ad area agricola e boschiva. Il territorio novellese è attraversato da numerosi corsi d acqua e rii il più importante dei quali è il fiume Tanaro. La scarsa presenza di forme di urbanizzazione ha mantenuto integra la struttura del territorio,solo parzialmente intaccata da infrastrutture antropiche. Analizzando i dati della popolazione si può notare un aumento dei residenti legato alla costante presenza di immigrati sul territorio comunale. A fronte di un aumento pari al 10% della popolazione si assiste a una contrazione delle attività artigianali e industriali che ha portato,negli ultimi tre anni alla perdita di circa 150 posti di lavoro,nonché a una riduzione degli esercizi di vicinato. L unico settore che mostra segnali di ripresa è il comparto turistico e proprio da questo,unitamente alla produzioni di eccellenza della nostra agricoltura,si attende il rilancio dell economia locale INDICATORI ( riferimento anno 2008) popolazione 1016 Territorio sentieri intercomunali praticabili (km) 5,00 sentieri comunali praticabili (km) 6.00 cadenza manutenzione aree verdi Istituzioni scolastiche presenti sul territorio COMUNE DI NOVELLO kmq Trimestrale Scuola primaria Scuola dell Infanzia strutture ricettive Ristoranti n.02 Bar n.01 Agriturismi n.03 Hotel n.02 Affittacamere n.02 n turisti n pernottamenti turisti 1750 visite didattiche e iniziative di educazione ambientale iniziative di promozione del territorio (n ) Iniziative culturali a livello nazionale 1 Nessuna Tre (fiera di S.Lucia,camminata del Solstizio d Estate,festa di S.Michele) 2. CONTESTO TERRITORIALE Il progetto si colloca in due comuni del basso Piemonte, nella zona detta Langa. Questo insieme di colline,la cui altezza media oscilla sui 550 metri,è stretto tra i fiumi Tanaro e Bormida. Il paesaggio agrario, gli abitati rurali, i paesi adagiati sulle colline formano il territorio della Bassa Langa, ricca di vigneti, e dell Alta Langa, terra magica, ricca di aree boschive che si alternano a noccioleti e castagneti. La Langa è terra di grandi tradizioni folkloristiche e di sagre paesane che nel periodo estivo e autunnale animano ogni borgo e si inseguono per ogni collina, attirando e coinvolgendo migliaia di visitatori. Questa è anche terra letteraria: i romanzi di Beppe Fenoglio e di Cesare Pavese trovano su queste colline la loro radice e testimoniano i sentimenti, rudi ma sinceri, della gente di Langa. La Langa è anche culla di una ricca tradizione enogastronomica che ha conquistato, negli ultimi anni, il proscenio internazionale. Queste sono le terre del famosissimo Tartufo bianco d Alba per la cui promozione e tutela è stata creata la Strada del Tartufo Bianco. L elemento che più raffigura queste terre è la vigna. Presente quasi ovunque su queste colline rappresenta non solo il fondamento determinante dell economia locale ma anche il nerbo della cultura di queste zone. Queste vigne producono uve prestigiose da cui nascono vini di eccelsa qualità conosciuti in ogni angolo del mondo. Per valorizzare e proteggere queste vini una legge regionale ha istituito le Enoteche pubbliche quali punto di riferimento per il turista. Accanto alle grandi cattedrali della cultura enoica (tra cui si può citare l Enoteca regionale del Barolo con sede nel castello dei Marchesi Falletti a Barolo) si trovano piccole botteghe del vino votate alla promozione dei

3 prodotti locali e a supportare i turisti nella scoperta di questo affascinante scorcio di Piemonte. Una di queste botteghe si trova a e ha sede nell antica cripta di San Sebastiano (essa è stata istituita nel 1988 con il patrocinio della Regione Piemonte). Un paesaggio unico unito a prodotti enogastronomici di eccellenza e a una qualità della vita a misura d uomo sono i motivi che spingono sempre più turisti a visitare i nostri paesi. Da una ricerca condotta dalla Regione Piemonte con il supporto dell Università degli studi di Torino è emerso che la durata media del soggiorno si limita, nelle nostre zone, ad un week end e che la maggior parte dei turisti veniva per la prima volta in queste aree (scarsa fidelizzazione del soggetto). Le Langhe vengono scelte in primis per motivi di cultura enogastronomica e, solo in secondo ordine per motivi culturali e paesaggistici. Le vacanze in questa zona si caratterizzano per l impronta familiare con scarse presenze di giovani e single. Analizzando la composizione dei flussi turistici se ne desume che essa è composta da persone con alta scolarizzazione e/o con impieghi lavorativi altamente qualificati. I turisti stranieri rappresentano più del 40% dei visitatori totali. La parte maggiore di essi proviene dalla Germania (circa il 14%); tra i mercati emergenti occorre segnalare Svezia e Danimarca. Scendendo più nel dettaglio si può evincere come dopo un trend positivo nel corso del 2007 si sia assistito a una contrazione del mercato turistico (contrazione che sembra confermata dai primi dati relativi al 2008) Questo è il quadro generale in cui si svilupperanno le attività del progetto. Il Comune di è un paese posto nel cuore delle Langhe e si snoda secondo un disegno lineare sul profilo del suo colle; ha una superficie urbana pari a 0,5 km 2 ; il restante 96% del territorio è destinato ad area agricola e boschiva. Il territorio novellese è interessato da numerosi corsi d acqua che lo attraversano sia in direzione sud-nord che in direzione ovest-est. Il corso d acqua più importante è il fiume Tanaro. Nel corso degli anni, grazie all opera dei volontari di servizio civile, si è provveduto a ritracciare e a mappare i sentieri che attraversano il suo territorio, rendendone una parte agibile ai turisti (vedi tabella di sintesi degli indicatori). L opera dei volontari ha permesso di recuperare alcune aree di interesse in prossimità dell abitato (recupero parziale dell area di S.Lucia e della Madonnina), permettendo una loro riscoperta da parte della popolazione locale e dei turisti. La morfologia del paesaggio è caratterizzata dal susseguirsi di versanti collinari che presentano vasti spazi visuali ove la trama dei filari domina incontrastata. Sul territorio è presente una fitta rete di sentieri e strade vicinali che collegano il borgo antico con le frazioni e i paesi vicini. Le aree di pregio ambientale sono due: 1. una connessa al paesaggio fluviale del Tanaro 2. l altra connessa al paesaggio collinare. La scarsa presenza di forme di urbanizzazione ha mantenuto integra la struttura del territorio,solo parzialmente intaccata da infrastrutture antropiche. Analizzando la popolazione si nota un aumento dei residenti negli ultimi anni legato alla presenza di una componente immigrata (circa il 10% della popolazione). Popolazione residente: Saldo ,2% Stranieri residenti Minori presenti nel 2007 Totale minori Minori stranieri Percentuale ,14% I dati relativi ai pernottamenti a evidenziano una contrazione del mercato turistico (contrazione che sembra confermata dai primi dati relativi al 2008) Pernottamenti Quanto sopra ci permette di capire come negli anni si sia assistito ad un aumento del numero di presenze a cui non è corrisposto un egual aumento numero di turisti. Ciò sottolinea la aumentata capacità del territorio non

4 solo di attirare turisti, ma di trattenerli in loco intaccando il fenomeno del pendolarismo enogastronomico mordi e fuggi. Questa tendenza, sottolineata dal crescente aumento di strutture ricettive (vedi tabella),sembra destinata a rallentare. NOVELLO Ristoranti 2 2 Bar 1 1 Agriturismi 1 3 Hotel / 2 Affittacamere / 2 Indicatori Anno 2005 Anno 2008 Popolazione residente Minori / 192 Territorio 11,57 KMQ 11,57 KMQ Sentieri comunali praticabili 9 9 Sentieri comunali praticabili 9 9 Manutenzione aree verdi Trimestrale trimestrale Istituzioni scolastiche presenti sul territorio Scuola primaria Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola dell infanzia Strutture ricettive Ristoranti 2 NOVELLO 2007 Bar 1 Ristoranti 2 Agriturismi 1 Bar 1 Hotel / Agriturismi 3 Affittacamere / Hotel 2 Affittacamere 2 N turisti N pernottamenti Sentieri intercomunali praticabili (km) Edifici di interesse storico artistico Iniziative di promozione del territorio Materiale disponibile informativo 6 5,50 La diminuzione è stata causata da una inidonea programmazione dei lavori Tre (fiera di S.Lucia,festa d Estate, camminata del Solstizio d estate) Cartine del territorio Cartina dei sentieri comunali Depliants Sito Comune di Sito Unione dei Comuni Visite guidate / Quattro Due (fiera di S.Lucia. Camminata del Solstizio d estate) Cartine del territorio Cartina dei sentieri comunali Depliants Sito Comune di Sito Unione dei Comuni SERRAVALLE LANGHE Il Comune di Langhe è classificato montano ed è situato in Langa ad una quota di mt. 762 sul livello del mare. È un classico paese dell alta langa ancora con molti muretti e case in pietra, simbolo dell edilizia locale. Analizzando la popolazione si nota una stabilità demografica relativamente ai residente negli ultimi 10 anni. Popolazione residente: Anno 1997 Anno 2007 Saldo ,29 % Stranieri residenti Anno 1997 Anno

5 Minori presenti nel 2007 Totale minori Minori stranieri Percentuale ,09 % Confrontando il bassissimo aumento della popolazione (solamente 1 persona in 10 anni) non si è verificata la chiusura di esercizi di vicinato presenti nel comune. Il centro storico del comune di Langhe è formato da una Chiesa settecentesca, al palazzo comunale che fu dei Marchesi del Carretto, alla Cappella medioevale di San Michele (Monumento Nazionale dal 1909) che conserva preziosi affreschi. Sono presenti sentieri naturalistici che collegano il concentrico con le frazioni e con i paesi limitrofi passando per i boschi. Attualmente sono in stato di abbandono. Durante le manifestazioni folkloristiche in occasioni di sagre sono inserite serate enogastronomiche, con i prodotti tipici del luogo (raviole al plin, bunet della nonna, torta alla nocciola). Nell Ex Oratorio San Michele negli anni passati sono state allestite mostre di pittura. E stata altresì tenuta una mostra in ricordo del Parroco Don Giovanni Gallesio Parroco del paese per 60 anni, con più di circa visitatori. I dati enunciati nella tabelle sottostanti sottolineano come, negli ultimi anni, ci sia stato un aumento del flusso turistico in quanto sono aumentate le strutture ricettive, pur essendo la popolazione demografica stabile. Langhe Pernottamenti SERRAVALLE LANGHE Ristoranti 3 3 Bar 3 3 Agriturismi 1 2 Hotel 0 0 Affittacamere 1 3 Al fine di erogare un miglior servizio per i turisti è necessario creare dei nuovi spazi e percorsi naturalistici per far conoscere meglio il territorio Il comune di Langhe ha in progetto la realizzazione di una struttura turistico ricettiva a servizio dell impianto sportivo e per la creazione di un circolo volto alla congregazione della popolazione con i turisti. Indicatori Anno 2005 Anno 2008 Popolazione Minori Territorio 9,09 KMQ 9,09 KMQ Numero sentieri (Km) 5 8 Numero sentieri 3 6 praticabili (Km) Istituzioni scolastiche Scuola primaria Scuola primaria presenti sul territorio Scuola dell infanzia Strutture ricettive Ristoranti 3 Bar 3 Agriturismi 1 Hotel 0 Affittacamere 1 Scuola dell infanzia Ristoranti 3 Bar 3 Agriturismi 2 Hotel 0 Affittacamere 3 N turisti N pernottamenti Edifici di interesse 4 4 storico-artistico Numero visite guidate 4 Le visite guidate sono state fatte: 1^ presso l ex oratorio S. Michele Monumento Nazionale dal 1909; 2^ presso la Chiesa parrocchiale Maria Vergine 4 Le visite guidate sono state fatte: 1^ presso l ex oratorio S. Michele Monumento Nazionale dal 1909; 2^ presso la Chiesa parrocchiale Maria Vergine

6 Iniziative di promozione turistica Assunta; 3^ presso la Cappella S. Michele Arcangelo in Loc. Castellera; 4^ presso il lavatoio in Loc. Monastero Festa in Fondo al Borgo Festa di San Michele in frazione Villa Assunta; 3^ presso la Cappella S. Michele Arcangelo in Loc. Castellera; 4^ presso il lavatoio in Loc. Monastero Festa in Fondo al Borgo Festa di San Michele in frazione Villa Festa patronale dell Assunta organizzate dalla Pro-Loco Festa patronale dell Assunta organizzate dalla Pro-Loco Attività didattiche 1 Accompagnamento studenti e Professori della II Facoltà di Architettuta del Politecnico di Torino Sede di Mondovì, della Facoltà di Architettura e Società del Politecnico di Milano e della Facoltà di Ingegneria dell Università Politecnica delle Marche per lo studio Workshop consistente in acquisizione di materiali ed informazioni ed elaborazioni progettuali inerenti la riqualificazione di alcuni siti principali del territorio del Comune di Langhe tra cui la piazza del Municipio, Piazza Ravina, l area del monumento dei caduti, l area del lavatoio del Monastero, l area attrezzata per la sosta dei camper, i percorsi ciclopedonali di collegamento. 3. CONTESTO SETTORIALE La situazione di partenza vede i territori dei due comuni caratterizzati da una ricca presenza di sentieri naturalistici che per mancanza di manutenzione ordinaria e di promozione vengono sfruttati solo per una piccola parte delle loro potenzialità (l utilizzo è limitato a circa il 15% della rete esistente). Lo sviluppo di una decorosa rete permetterà di rilanciare i territori in oggetto attraendo un numero maggiore di turisti con profonde ricadute per la collettività (ricadute che possono essere valutate in un aumento dei posti di lavoro). Altro elemento di criticità è rappresentato dalla scarsa presenza di materiale informativo volto a promuovere la suddetta rete sentieristica. Mentre a è presente una mappa,seppur ormai datata,essa è totalmente assente a. La necessità che emerge è quella di provvedere a una mappatura aggiornata della rete e all elaborazione di una cartina contenente, oltre alle indicazioni topografiche, notizie storiche, botaniche ed enogastronomiche del territorio. SINTESI INDICATORI DI PROGETTO: Indicatori Langhe Mappatura sentieri comunali e Da aggiornare (risale al 2004) Da aggiornare (risalente al intercomunali 2005) Segnaletica sentieri intercomunali Insufficiente (8 Insufficiente paline) (4 paline) Segnaletica sentieri comunali Scarsa (10 paline) Scarsa (1 palina) Manutenzione sentieri Annuale Annuale Aree attrezzate presso sentieri Assenti Assenti Aree verdi praticabili 4 3

7 Manutenzione aree verdi Bimestrale Mensile Attività di promozione sentieri Una Nessuna Eventi culturali 1 1 Opuscoli divulgativi 1 1 Diffusione materiale presso ATL Semestrale Semestrale Aggiornamento del sito comunale Quadrimestrale Trimestrale Mailing list Assente Assente Ufficio stampa Assente Assente Percorsi ginnici all aperto Assenti Assenti Eventi volti alla riscoperta delle aree Assenti assenti verdi Interventi nelle scuole Assenti Assenti Passeggiate didattiche Assenti Annuale Pannelli didattici Assenti Assenti Visite guidate 4 4 NOVELLO Indicatore Situazione partenza Sentieri comunali praticabili (km) 6 Sentieri intercomunali praticabili (km) 5 Manutenzione aree verdi Materiale informativo Trimestrale Depliants,sito internet,cartina dei sentieri SERRAVALLE LANGHE Indicatore Situazione partenza Sentieri comunali praticabili (km) 5 Manutenzione aree verdi Attività didattiche 1 Materiale informativo Trimestrale NESSUNO 4. ANALISI DEI BISOGNI o DOMANDA DI SERVIZI ANALOGHI SINTESI BISOGNI EMERSI dalla descrizione del CONTESTO: Da un analisi del contesto territoriale e a seguito di un sondaggio informale condotto tra la popolazione locale è emerso a) un bisogno di potenziare l offerta turistica incidendo non solo sui canali tradizionali ma stimolando nuovi servizi in grado di attirare nuovi target di visitatori ( si pensi allo sviluppo del turismo didattico,turismo che sta conoscendo negli ultimi anni una notevole crescita) b) la necessità di condurre le famiglie alla riscoperta dei territori in cui vivono e alla riconquista di nuovi spazi di aggregazione,spazi che devono essere aperti a tutti e da tutti fruibili c) il bisogno di stimolare nei ragazzi la curiosità di riscoprire il mondo in cui abitano per diventarne fruitori e,quindi,difensori Il progetto, operando su un triplice livello, vuole essere uno strumento di recupero e rilancio del territorio: 1. Il recupero dei sentieri, la cura ambientale del territorio e la promozione/pubblicizzazione delle risorse presenti risponde al bisogno di attirare nuovi flussi turistici e di rendere maggiormente appetibile il soggiorno in queste paesi nella convinzione che,a fronte di un recesso dell industria manifatturiera della zona,il turismo possa funzionare come volano per l economia locale. 2. Il riappropriarsi di aree verdi e spazi pubblici abbandonati risponde all esigenze di creare spazi aperti in cui la popolazione possa incontrarsi,recuperando il senso di appartenenza ad una comunità che sta scemando in una società sempre più modellata sull individualità 3. La riscoperta del proprio territorio si rivela utile non solo come supporto per il turista che riesce a comprendere appieno la realtà in cui si trova,ma soprattutto come mezzo di integrazione/interazione per tutta la cittadinanza. In questa direzione emerge la necessità di provvedere alla rielaborazione di materiale divulgativo legato alle aree interessate dal progetto e di provvedere alla divulgazione di detto

8 materiale presto le scuole locali al fine di ingenerare nei bambini la curiosità di conoscere e scoprire i segreti e le risorse ambientali del paese in cui vivono Indicatore N.ro di sentieri tracciati e completi di segnaletica,pannelli illustrativi e punti di sosta N.ro di percorsi didattici lungo i sentieri dotati di apposita attrezzatura (pannelli didascalici, fotografie,punti di avvistamento per animali) Quantità di materiale pubblicitario in grado di conquistare l attenzione di nuovi turisti Offerta informativa mediante redazione mailing list e aggiornamento costante sito internet. Attività di divulgazione inerenti le aree interessate dal progetto Situazione partenza NESSUNO NESSUNA NESSUN MATERIALE AGGIORNATO Scarsa Assente Il progetto vuole essere quindi uno strumento di recupero e di rilancio del territorio: il recupero dei sentieri e delle aree di interesse naturalistico e la loro pubblicizzazione risponde al bisogno di attirare nuovi flussi turistici e di rendere maggiormente appetibile il soggiorno in queste aree nella convinzione che,a fronte di un forte recesso della componente industriale,il turismo possa funzionare come volano per il rilancio dell economia locale il riappropriarsi di aree e spazi pubblici risponde al bisogno di ricreare una sorta di agorà moderna in cui tutti possano liberamente incontrarsi e di cui tutti si sentano responsabili demolendo le spinte individualistiche che portano ognuno di noi a chiudersi nel proprio giardino la riscoperta del territorio diventa elemento fondamentale per permettere una forte integrazione di tutta la cittadinanza Il recupero di sentieri e di spazi verdi unito alla creazione di percorsi didattici e alla realizzazione di eventi particolari è mezzo indispensabile per rispondere ad un bisogno che emerge con forza dalle scuole e dalle famiglie ossia fornire una conoscenza del territorio e delle tradizioni ai bambini. Con questa operazione si vuole offrire ai ragazzi delle scuole,in collaborazione col corpo docente,uno strumento per riappropriarsi di spazi e di conoscenze che rischiano di andare perduti. Oltre a ciò il progetto risponde al bisogno di creare socializzazione al di fuori delle aule scolastiche rendendo gli studenti consapevoli delle ricchezze del loro paese. Questo è un passaggio prodromico alla nascita di una profonda coscienza civile che permetterà di trasformare i giovani da abitanti a cittadini. Il progetto,in sintesi,ha una duplice valenza: promozionale in quanto,recuperando e promuovendo il territorio,è destinato ad intercettare nuovi flussi turistici implementando l economia locale. Questo effetto è destinato a portare una ricaduta positiva sull intera popolazione educativo in quanto promuovendo la conoscenza e la presa in carico del proprio ambiente di vita permetterà ai bambini (e di riflesso ai loro genitori) di riaffezionarsi al proprio territorio diventandone non solo semplici fruitori ma veri e propri attori. Si può dire che quanto verrà realizzato costituisce il primo passo per la formazione di cittadini vivi e attivi. 5. OFFERTA DI SERVIZI ANALOGHI In campo turistico sul territorio operano: l ENTE TURSIMO ALBA LANGHE ROERO l UNIONE DEI COMUNI DI LANGA E DEL BAROLO La STRADA DEL BAROLO E DEI GRANDI VINI DI LANGA L ENOTECA REGIONALE DEL BAROLO COMUNITA MONTANA DI BOSSOLASCO PROTEZIONE CIVILE Si tratta di enti sovracomunali che si occupano di promozione del territorio. Rimane un ampio spazio di manovrabilità relativo alla promozione naturalistica del territorio, settore in cui il progetto intende focalizzare la maggior parte delle proprie attenzioni.

9 Il lavoro nei singoli comuni non mancherà di coinvolgere gli enti di cui sopra che verranno sempre attivati nella fase di promozione e di marketing del prodotto al fine di ottenere la massima efficacia economizzando risorse ed energie. 6. DESTINATARI E BENEFICIARI Il progetto intende: potenziare la rete naturalistica presente sul territorio la presenza di sentieri adeguatamente curati permetterà ai ragazzi delle scuole e ai turisti di riscoprire la flora e la fauna locale sviluppare la fruibilità degli spazi pubblici quest ambito di intervento,spesso troppo sottovalutato,intende riscoprire spazi di comunità ove i cittadini possano ritrovarsi e riscoprire i valori del vivere in comunità potenziare l offerta turistica tutte le voci di cui sopra,oltre ad aspetti educativi e sociali,presentano un minimo comune denominatore dato dalla possibilità di implementare la presenza di turisti sul territorio con profonde e positive ricadute per l economia locale Analizzando quanto sopra detto emerge che i destinatari specifici del progetto risultano essere: - i bambini delle scuole materne ed elementari coi quali verrà attivato un percorso didattico ad hoc per scoprire il territorio in cui vivono (saranno coinvolti nel progetto un centinaio di bambini di età compresa tra i 5 e i 10 anni di età) - le famiglie che,spinte dall esperienza dei bimbi,si troveranno guidate nella riscoperta degli spazi pubblici in un processo di ricostituzione delle spirito comunitario (si prevede che saranno coinvolte una settantina di famiglie per un totale di circa 260 persone) In ultima analisi del progetto potrà beneficiare l intera collettività dato che l implementazione del flusso turistico dovrebbe portare ad un aumento del flusso economico coinvolgendo così,in maniera indiretta,gli attori del settore ricettivo e le aziende vitivinicole. Inoltre, ulteriori beneficiarie saranno le associazioni coinvolte direttamente nella realizzazione del progetto che potranno godere di un implementazione delle loro capacità organizzative e progettuali,capacità che potranno spendere in un secondo tempo nell espletamento delle loro funzioni. Il progetto,investendo la collettività nel suo insieme,ha una portata generale e viene a soddisfare le esigenze di diversi stakeholders. In primis si vuole rispondere alla necessità di offrire un supporto didattico alle insegnanti al fine di permettere agli studenti di riscoprire il mondo in cui vivono nella consapevolezza che la piena conoscenza della realtà che ci circonda è mezzo indispensabile alla formazione di una coscienza civica. I ragazzi sono pertanto fruitori diretti delle azioni (si pensi alle passeggiate didattiche sui sentieri resi finalmente agibili e attrezzati),ma,diventeranno essi stessi attori allorché porteranno i genitori e i parenti a riscoprire il nostro piccolo mondo antico. Lo sviluppo di una rete sentieristica funzionale e funzionante permetterà di potenziare nuove potenzialità turistiche in modo da rispondere alle esigenze di un mercato in perenne cambiamento con positive ricadute per il benessere locale. La stessa comunità avrà vantaggio dalla riscoperta delle aree di interesse naturalistico a partire dal presupposto che sia possibile procedere nella ricostruzione del concetto di comunità che la società odierna tende ad annichilire, anche partendo dalla presa in carico di un territorio comune. 7. COSA INTENDE REALIZZARE IL PROGETTO Il presente progetto vuol coordinare in un quadro unico le singole ricchezze del territorio creando legami tra le due aree territoriali e stimolando la voglia di approfondire la conoscenza del territorio nell ottica di una fidelizzazione del flusso turistico. A tale scopo, ad una fase di recupero materiale del patrimonio naturalistico farà seguito un intensa attività di promozione con la sensibilizzazione in primis dei residenti, nell ottica di un potenziamento della capacità di attrattiva turistica e, di conseguenza, di un potenziamento delle attività economiche connesse con questo settore. Oltre al potenziamento dell offerta turistica il presente progetto si pone come obiettivo ulteriore quello di riscoprire lo spirito comunitario rendendo la popolazione locale partecipe di un progetto integrato (progetto in cui vanno a fondersi azione concreta, attività promozionali e attività educative) volto a rendere ogni cittadino attore di un percorso di riscoperta e alla riappropriazione del proprio territorio inteso come bene pubblico

10 7) Obiettivi del progetto: OBIETTIVI GENERALI: Obiettivi generali: Finalità primaria del progetto è il recupero del patrimonio ambientale nonché del ruolo di responsabilità civile dei cittadini nei confronti del proprio territorio al fine di valorizzare e promuovere le risorse locali A tal fine si individuano i seguenti obiettivi specifici: 1. Recuperare e promuovere sentieri che, anche se segnati sulle mappe, a causa dell incuria non sono più praticabili. Tale operazione si connette con il posizionamento di nuova segnaletica e con la realizzazione di aree di sosta e pannelli informativi volti a rendere più attraente il percorso 2. Recuperare aree verdi ove la popolazione locale e i turisti possano ritrovarsi liberamente, spazi di socialità diffusa in cui bambini e adulti possano trovare momenti di svago a contatto con la natura, in una cornice paesaggistica di grande pregio. 3. Favorire l accesso e la fruizione delle aree di interesse del progetto di residenti e turisti con un attenzione particolare ai diversamente abili. Al fine di promuovere in maniera specifica le aree recuperate si organizzeranno inoltre eventi culturali mirati da realizzarsi in loco (concerti,letture di poesie,conversazioni storiche) 4. Potenziare l offerta promozionale al fine di far conoscere la realtà culturale del paese attraverso la creazione di agili depliants stagionali e attraverso la creazione di una mailing list che, unitamente ad un più puntuale aggiornamento del sito comunale, permetteranno di interagire con un maggior numero di persone stimolando l interesse per le attività e le realtà del territorio. Obiettivo correlato è la predisposizione di un ufficio stampa,al fine di monitorare sulla stampa locale e di settore le richieste dei turisti in modo da predisporre attività ed eventi rispondenti ai bisogni emergenti. 5. Promuovere una cultura di rispetto e tutela dell ambiente ambientale coinvolgendo la popolazione locale maggiorenne e minorenne nella riqualificazione delle aree verdi, nell ottica di una gestione diretta del bene pubblico. Sintesi degli obiettivi specifici, descritti attraverso gli indicatori di contesto: Obiettivi specifici 1.Recuperare e promuovere reti di sentieri naturalistici Indicatori di contesto Situazione di partenza Stato di aggiornamento delle mappe dei sentieri comunali Risalente 2005 Risalente 2005 al al Risultati attesi NOVELLO Aggiornare mappe al giugno 2010 Risultati attesi SERRAVALLE LANGHE Aggiornare mappe al giugno 2010 n. ro KM di sentieri intercomunali praticabili e segnalati n.ro KM di sentieri comunali praticabili n.ro aree attrezzate presenti 5 KM Serrvalle Nessuno 6 KM 5 KM Nessuna Serrvalle Nessuna 6 KM (+ 20%) di sentieri intercomunali praticabili e segnalati (KM 6,00 (+ 20%)) 7.8 KM (+ 30%) di sentieri comunali praticabili Sei aree attrezzate dotate di panche e tavoli e di pannelli descrittivi flora e fauna locale Non previsto 6 KM (+20%) di sentieri comunali praticabili Due aree attrezzate dotate di panche e tavoli e di pannelli descrittivi flora e fauna locale

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE ) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI CUNE0 2) Codice di accreditamento: NZ00443 3) Albo e classe di iscrizione: ALBO

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI CARATTERISTICHE PROGETTO ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE Codice di accreditamento: NZ 01704 Albo e classe di iscrizione: Albo nazionale 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Soc. Coop. Istituto Ulisse per lo sviluppo della cultura al lavoro ISVIL 2) Codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli