Presentazione dell'utilizzo della tecnologia ASP.NET all'interno del progetto Garden of Things

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione dell'utilizzo della tecnologia ASP.NET all'interno del progetto Garden of Things"

Transcript

1 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei 1-16 Documentazione MasterPage Presentazione dell'utilizzo della tecnologia ASP.NET all'interno del progetto Garden of Things

2 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei 2-16 Sommario: Indice generale Sommario:...2 Prefazione:...3 Cosa significa ASP.NET? A cosa serve?...3 Il Web Server Microsoft, IIS...3 Cos'è la MasterPage?...3 Perché si usa?...3 Attributo runat, a cosa serve?...3 Sguardo generale:...4 Struttura...4 Sfondo...4 Elementi costitutivi...5 Header del file...6 Body...7 Menu...9 Tecniche di visualizzazione...9 Struttura del menu...10 Footer...14 Cos'è il Footer?...14 A cosa serve?...14 Struttura del Footer...14 Responsive Web Design...15 Cosa vuol dire?...15 Perché è importante?...15 Nel nostro caso, perché è particolarmente utile?...15 Quali problematiche comporta?...15 Come è possibile realizzarlo?...15 Il RWD nel progetto Garden...16

3 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei 3-16 Prefazione: Cosa significa ASP.NET? A cosa serve? È un insieme di tecnologie commercializzate da Microsoft per lo sviluppo di Web Application e Web Service che è possibile eseguire su un IIS. La sigla sta per Active Server Pages, il.net invece significa che è possibile compilare le applicazioni con un qualsiasi linguaggio supportato dal Framework.NET eseguendole sul CLR (Common Language Runtime). I paradigmi di programmazione da usare sono numerossimi, infatti, i controlli utilizzati, spesso e volentieri simili a quelli già proposti in Windows, possono essere gestori o scatenatori di eventi o semplicemente utilizzati per ricaricare la pagina per sfruttare i metodi POST e GET. È possibile programmare con una vastissima gamma di linguaggi, ma in questo caso è stato scelto C#, già studiato a scuola e linguaggio di punta di Microsoft. Il Web Server Microsoft, IIS IIS (Internet Information Service) è l'applicativo server web che permette l'esecuzione delle applicazioni, come il comune rivale Apache. Il vantaggio è che è estremamente ottimizzato e precompila le pagine da servire al client, rendendo estremamente veloce la loro esecuzione. Cos'è la MasterPage? È una pagina propria di ASP.NET che si comporta come un contenitore per tutte le altre che compongono la web application. Al suo interno contiene due elementi che hanno il compito di inserire all'interno di essa il contenuto della pagina che si intende visualizzare. Perché si usa? Perchè permette di separare il concetto di impaginazione (cioè il layout della pagina in generale, la MasterPage ) e il contenuto (le diverse pagine che andranno a comporre la web application). Attributo runat, a cosa serve? Quando il valore è runat="server", questo attributo specifica che il codice contenuto nell'elemento è eseguibile nel server e non nel client. Questo è obbligatorio per i blocchi di codice lato server.

4 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei 4-16 Sguardo generale: Struttura La MasterPage è strutturata in divisioni ognuna con un proprio ruolo. In alto si trova la barra dei menu, che permettono di navigare all'interno della web application. Appena sotto si trova l'immagine di presentazione del sito, con annesso il logo del progetto. Al centro della pagina si trova il segnaposto per il contenuto delle pagine come accennato in prefazione. Infine in fondo alla pagina si trova il footer. Sfondo Lo sfondo è una fotografia scattata da uno studente che occupa tutta la pagina. <<<completare>>>

5 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei 5-16 Elementi costitutivi Si vuole adesso approfondire la documentazione con riferimenti specifici ai singoli elementi, offrendo inizialmente la struttura gerarchica della pagina. Per ogni elemento della pagina si analizzeranno il ruolo che assume nell'insieme e i diversi stili di formattazione applicati. Si propone ora la struttura della pagina in linguaggio html solamente con i tag relativi agli elementi più significativi, senza entrare per adesso nello specifico di ognuno, dato che verranno analizzati più avanti con una sezione per ognuno a loro dedicata. <head runat="server"> </head> <body> <asp:contentplaceholder id="head" runat="server"> </asp:contentplaceholder> <form id="form1" runat="server"> <div id="menuparent"> <div id="menu"> <div id="all"> <div id="main"> <div id="header"> id="contentplaceholder1" runat="server"> </body> </form> <div id="contentparent"> <div id="footparent"> <div id="foot"> <div id="content"> <asp:contentplaceholder </asp:contentplaceholder>

6 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei 6-16 Header del file <head runat="server"> In questa zona della pagina vengono elencati tutti i link esterni alla pagina e al sito come fogli di stile, font esterni e script (codice da interpretare nel momento in cui la risorsa viene richiesta). Tutte le regole di stile verranno analizzate assieme agli elementi ai quali sono applicate. <meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=utf-8"/> <meta name="viewport" content="initial-scale=1, minimum-scale=1, maximum-scale=1"/> Queste righe servono per dare informazioni aggiuntive al browser o al server. In questo caso le informazioni passate sono la codifica del testo utilizzata (utf-8) e le scale di zoom da applicare alla pagina, all'inizio la scala è 1 e al massimo può essere 1, quindi non è possibile zoommare in alcun senso. <link rel="stylesheet" href="master.css" type="text/css" /> Foglio di stile contenente le regole da applicare agli elementi della pagina che non sono il menù. <title><%: Page.Title %> - Giardino ITT</title> All'interno dei tag title si inserisce il titolo della pagina, ma dato che si tratta di un sito dinamico si vuole visualizzare un titolo diverso per ogni pagina a seconda del contenuto. Ciò è realizzabile tramite VBScript. Basta la stringa che è racchiusa tra le parentesi angolari per adattare il titolo a seconda della pagina richiesta dinamicamente senza preoccuparci di uniformare le stringhe: lo script si preoccupa di assemblare il titolo della pagina, esempio Dati Attuali, con - Giardino ITT, generando un'unica stringa Dati Attuali Giardino ITT. <asp:contentplaceholder id="head" runat="server"> </asp:contentplaceholder> Siamo arrivati ad un aspetto importantissimo della potenza della tecnologia ASP.NET con i tag ContentPlaceHolder: i segnaposto per porzioni di codice scritte sulla pagina che vogliamo visualizzare. In questo caso l'attributo id settato a head indica che in quella posizione della pagina deve essere inserito il codice contenuto nel tag <asp:content ContentPlaceHolderID= head >. Il vantaggio di averlo inserito appena sopra al tag </head> ci permette di sovrascrivere altri possibili metatag, script e regole di stile che si applicheranno esclusivamente alla pagina in questione. </head> Chiusura dell'elemento head, fine delle informazioni aggiuntive e inizio della pagina che è effettivamente visualizzata dall'utente.

7 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei 7-16 Body <body> In questa zona della pagina viene definita la struttura e il contenuto della pagina, non come viene visualizzata, che viene invece definito con i fogli di stile. È stato definito un semplice colore di sfondo, come accennato nello sguardo generale, più precisamente il colore #46a33f, equivalente a <form id="form1" runat="server"> Primo elemento che racchiude anche tutti gli altri è un elemento form che viene usato per identificare la web form che usiamo per interpretare gli script all'interno della pagina, che si vuole ricordare ancora una volta che conterrà tutte le altre, quindi permette di sfruttare le potenzialità degli script in tutte le pagine, non vengono perciò applicati stili particolari. <div id="menuparent"> <div id="menu"> <ul id="nav"> </ul> Divisioni contenenti si trova la struttura del menu, qui non presente perché analizzata in seguito. Si vuol far notare soltanto che, sia per il menu che contiene la barra di navigazione, che per la stessa barra, non vengono utilizzati i tag semantici specifici propri di HTML5 (<menu> e <nav>) per problemi di retro compatibilità con browser obsoleti non aggiornati. <div id="all"> Divisione che ospita tutti i contenuti, eccetto menu e footer, utile per definire stili che devono condividere anche tutti gli elementi. In questo caso vengono definite l'altezza e la larghezza della pagina, entrambe al 100% dell'altezza e della larghezza possibili. Le istruzioni da applicare necessarie sono: width: 100%; e height: 100%; <div id="main"> All'interno di questa divisione invece vengono inseriti tutti gli elementi che non sono né menu né footer. Viene definito che la larghezza massima del suo contenuto deve essere di 1024px, la larghezza minima deve essere di 400px e deve essere alta al 100%. Tutto ciò per fare in modo che rimangano dei bordi ai lati per questione di estetica e funzionalità dell'interfaccia dell'applicazione. Le regole applicate sono: height: 100%; max-width: 1024px; min-width: 400px; <div id="header"> In questo elemento è contenuto, come si evince dall'id, l'header della pagina, cioè immagine

8 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei 8-16 significativa e logo del progetto. Non vi sono applicate regole particolari tranne quella per cui sotto ad una certa risoluzione dello schermo del dispositivo esso viene nascosto, perché risulterebbe di intralcio alla corretta visualizzazione dei contenuti più importanti come i dati riguardanti la serra. <div id="contentparent"> <div id="content"> Questa sovrapposizione di divisioni permette di realizzare uno sfondo semitrasparente senza che i contenuti siano opachi. L'effetto è realizzato con le regole background: rgba(255,255,255,0.8) nel contentparent e opacity:1 nel figlio. <asp:contentplaceholder id="contentplaceholder1" runat="server"> </asp:contentplaceholder> Ecco un altro elemento ContentPlaceHolder, come quello visto in precedenza nel head del file, qui. La differenza è che questo è il segnaposto per il contenuto visibile della nostra pagina assemblata, MasterPage + pagina richiesta dall'utente. Chiusura delle divisioni per i contenuti <div id="footparent"> <div id="foot"> Divisioni contenenti il footer, la prima per posizionarlo e la seconda per centrarlo, ma l'argomento verrà trattato meglio nell'apposita sezione. </form> </body> </html> Chiusura webform e pagina.

9 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei 9-16 Menu Affrontiamo ora il delicato tema del menù che ha coinvolto i nostri periti in macchinose argomentazioni sulla migliore tecnica di visualizzazione e costruzione del menù per la web application. Tecniche di visualizzazione Si è discusso molto per decidere se utilizzare blocchi, alberi di navigazione o menu a tendina. Di seguito saranno analizzati nel dettaglio i pregi e difetti di questi elementi. Blocchi Con questa tecnica si ottengono dei elementi fissi nella pagina, senza effetti particolari se non qualche animazione, per cui ci è sembrata una scelta spartana da applicare ad un menù che deve essere user-friendly per un utente che non deve essere sommerso da effetti grafici, applicabile al nostro sito dato che sarà utilizzato da persone senza particolari esigenze che hanno bisogno di semplicità. Albero di navigazione Con questa tecnica era necessario lasciare dello spazio laterale adibito ad una rappresentazione ad albero delle pagine del sito, organizzata per argomenti e categorie. Ciò occupa spazio e per di più è sconsigliato dai maggiori web designer perché poco adattabile sui device con diverse risoluzioni. Riguardo l'argomento se ne tratterà meglio nella sezione sul responsive design. Tendina (con scorrimento a scomparsa) Questa è la tecnica che si è deciso di utilizzare. La tendina a scomparsa è un buon mix di blocchi, perché mostra solo degli elementi che richiamano alla sezione del sito che si intende navigare ed è molto adattabile al cambiare della risoluzione del device, sempre mantenendo la completezza dell'albero di navigazione. Passando con il mouse sopra alle voci a blocchi scende una tendina con tutte le voci navigabili tramite quella particolare sezione del menu.

10 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei Struttura del menu Ora verrà analizzata la struttura del menu proponendo inizialmente uno sguardo generale su tutto il codice e successivamente elemento per elemento. <div id="menuparent"> <div id="menu"> <ul id="nav"> <li> </li> <li> <ul> </ul> </li> <li> <ul> </ul> </li> <li> <ul> </ul> </li> </ul> <li></li>... <li></li> <li></li>... <li></li> <li></li>... <li></li>

11 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei <div id="menuparent"> Questa prima divisione serve per dare al nostro menu una barra lunga tutta la pagina di colore bianco come sfondo. Le regole applicate sono: width: 100%; height: 25px; background-color: white; position: fixed; <div id="menu"> Questa invece serve per impostare la larghezza massima e minima ai contenuti del menu, per allinearli quindi al resto della pagina con larghezza massima e minima: max-width: 1024px; minwidth: 400px; <ul id="nav"> Ecco l'inizio della struttura vera e propria. Un elenco di elementi non ordinato. Ciò ci permette di aggiungere e rimuovere voci dal menu in maniera semplice e pulita senza complicate operazioni su molti codici, basta aggiungere o togliere un elemento dall'elenco. Con le regole di stile viene semplicemente settato un font così da rendere leggibili i caratteri: font: 70%/1.5 Verdena,Tahoma,sans-serif; Sotto di essa si trova la struttura gerarchica basata su un annidamento di elenchi puntati. Gli elementi del primo vengono visualizzati sulla barra, mentre quelli del secondo livello vengono visualizzati solamente se se passa con il mouse sopra alla voce del menu ad essi associata. <a href="default.aspx"><strong>giardino ITT</strong></a> Primo elemento, non contiene al suo interno un sotto elenco puntato perché il suo compito è solamente quello di riportare il visitatore, ovunque esso si trovi, alla pagina iniziale. <a href="actual_data.aspx"><strong>dati Attuali Serra</strong></a> Questo secondo elemento di primo livello, quindi visualizzato, ci rimanda ad una pagina in cui sono elencate tutte le pagine del sito in cui è possibile trovare dati relativi alla situazione attuale della serra. <a href="#">di tutte le Grandezze e di tutte le centraline</a> Questo elemento, come altri che analizzeremo nei prossimi paragrafi, è un elemento di secondo livello sottostante alla voce Dati Attuali Serra. Permette di visualizzare la pagina con tutti i dati relativi ad ogni Grandezza e ad ogni Centralina in una pratica tabella. <a href="#">di tutte le Grandezze di una specificata centralina</a> Questo elemento permette di visualizzare la pagina con i dati attuali di tutte le Grandezze di una specifica centralina definita dall'utente. <a href="#">valori attuali per centralina e grandezza</a> Questo elemento permette di visualizzare i valori attuali di una centralina e di una grandezza scelta dall'utente. <a href="page2.aspx">ultimi valori per una centralina</a>

12 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei Questo elemento permette di visualizzare gli ultimi valori raccolti di una Centralina scelta dall'utente. <a href="#">ultimi valori per una grandezza</a> Questo elemento permette di visualizzare gli ultimi valori raccolti di una Grandezza scelta dall'utente. <a href="#">valori giornalieri per una grandezza e una centralina</a> Questo elemento permette di visualizzare gli ultimi valori raccolti di una Centralina e di una Grandezza scelta dall'utente. <a href="summarized_data.aspx"><strong>dati Riepilogativi Serra</strong></a> Questo elemento di primo livello permette di visualizzare una pagina in cui sono elencate tutte le sezioni del sito in cui è possible trovare dati medi di un certo periodo che può variare da una giornata ad un anno. <a href="#">riepilogo giornaliero</a> Questo elemento permette di visualizzare i valori medi di una giornata scelta dall'utente. <a href="#">riepilogo mensile</a> Questo elemento permette di visualizzare i valori medi di un mese scelto dall'utente. <a href="#">valori orari</a> Questo elemento permette di visualizzare i valori medi di un'ora scelta dall'utente. <a href="#">valori significativi della settimana</a> Questo elemento permette di visualizzare i valori significativi di una settimana scelta dall'utente. <a href="#">riepilogo settimanale</a> Questo elemento permette di visualizzare i valori medi di una settimana scelta dall'utente. <a href="#">riepilogo annuale</a> Questo elemento permette di visualizzare i valori medi di un anno scelto dall'utente. <a href="#"><strong>informazioni</strong></a> Questo elemento di primo livello permette di visualizzare una schermata da cui è possibile accedere a informazioni riguardanti il progetto e servizi aggiuntivi. <a href="#">progetto</a> Questo elemento permette di visualizzare alcune informazioni generali riguardo il progetto. <a href="#">galleria</a> Questo elemento permette di visualizzare una galleria di immagini <a href="#">contatti</a> Questo elemento permette di visualizzare una pagina con recapiti telefonici e da contattare

13 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei quando si verificano anomalie o guasti oppure per ricevere assistenza e informazioni aggiuntive. <link rel="stylesheet" type="text/css" href="masterstyle/menu-dd.css"/> <script type="text/javascript" src="masterstyle/jquery pack.js"></script> <script type="text/javascript" src="masterstyle/jquery.hoverintent.minified.js"></script> <script type="text/javascript" src="masterstyle/jquery-ddi2.js"></script> Questi riferimenti a fogli di stile e script sono inseriti all'interno dell'elemento head della pagina e contengono tutte le regole di visualizzazione e gli script utilizzati per il menù. Verranno analizzati quando saranno descritti gli elementi su cui sono applicati. Il contenuto di jquery pack.js e di jquery.hoverintent.minified.js sono i framework utilizzati nello script contenuto in jquery-ddi2.js. Lo script è: $(function(){ $("#nav>li").hoverintent( }); function(){$("ul",this).slidedown("slow");}, function(){$("ul",this).css({left:"-1px"}).slideup('fast')}); Senza entrare nel dettaglio del codice, si può leggere che nella prima riga di codice si definisce una funzione, che al passaggio del mouse sopra ad un elemento li, elemento del nostro menu, lo fa scorrere in basso ad una velocità moderata per poi farlo scorrere in alto ad una velocità repentina fino a scomparire, quando il mouse non si trova più sull'elenco sceso o sull'elemento del menu.

14 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei Footer Cos'è il Footer? Il Footer è un elemento presente in fondo alla pagina del nostro sito, nel nostro caso, essendo in fondo al codice della Pagina Master, esso verrà renderizzato in ogni sezione dell'applicazione. A cosa serve? Serve per fornire all'utente che visita il sito informazioni utili riguardo gli ultimi aggiornamenti e i creatori del servizio. Nel nostro caso, vengono forniti l'anno di pubblicazione e l'anno attuale di servizio, per dare all'utente una dimostrazione dell'operato svolto dalla serra. Viene inoltre fornito i nomi delle scuole collaboratrici al progetto con recapiti, più qualche altra informazione legale. Struttura del Footer <div id="footparent"> <div id="foot"> <strong><%: DateTime.Now.Year %> - Giardino ITT</strong> Nella prima divisione viene impostata la larghezza della barra del footer in modo da essere bianca e lunga tutta la pagina, come per il menu. Viene inoltre impostata una posizione fissa, in tal modo non si muove allo scorrere della pagina. Le regole applicate sono le seguenti: width:100%; display: table; background-color: white; position: fixed; left: 0; bottom: 0; Nella seconda divisione viene impostata una larghezza massima ai contenuti, ancora una volta analogamente al menu. Le regole di stile applicate sono: width: 100%; height: 25px; line-height: 25px; vertical-align: middle; text-align: center; font: 70%/1.5 Verdena,Tahoma,sans-serif; display: table-cell;

15 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei Responsive Web Design Cosa vuol dire? Il Responsive Web Design indica una tecnica per realizzare siti in grado di adattarsi graficamente alla risoluzione del dispositivo sul quale vengono visualizzati. Perché è importante? Perché bisogna guardare al futuro, dove le pagine web verranno visualizzate maggiormente su dispositivi mobili che talvolta hanno risoluzioni ridotte e risorse hardware inferiori, senza contare il noto problema italiano della disponibilità della rete, inoltre i dispositivi utilizzati da persone con difficoltà fisiche avranno delle risorse diverse, ad esempio densità di punti inferiore per permettere una maggior precisione in fase di acquisizione di input. Nel nostro caso, perché è particolarmente utile? Perché il personale addetto alla serra può avere necessità di consultare l'applicazione anche fuori casa o fuori dall'ambiente di lavoro. Inoltre, anche all'interno della serra stessa, se si ha bisogno di lavorare e muoversi spesso, ad esempio per controllare il colore delle foglie delle piante, portarsi appresso un computer potrebbe essere faticoso. Quali problematiche comporta? Quando la risoluzione è inferiore, ovviamente non si potrà continuare a visualizzare gli stessi contenuti come su un desktop. Principalmente deve cambiare la dimensione dell'immagine di sfondo e la dimensione del font, alcuni elementi non essenziali possono venire nascosti ed altri necessari possono venire ridimensionati e riposizionati. Si deve cercare il più possibile di equilibrare il rapporto leggibilità/contenuti, rendere leggibili il numero maggiore di contenuti. Come è possibile realizzarlo? Vengono usati dei breakpoint, punti di rottura, che ad una certa risoluzione cambiano il layout della pagina: ad una risoluzione inferiore a 1024px dispone gli elementi in un modo, ad una risoluzione inferiore a 800px li dispone in un altro.

16 Autori: E. Mazzoni, D. Tentoni, G. Tumedei Il RWD nel progetto Garden

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati.

I FORM. L'attributo action contiene l'url del file php a cui devono essere inviati i file per essere elaborati. I FORM Che cosa sono e che caratteristiche hanno Un form contiene molti oggetti che permettono di inserire dati usando la tastiera. Tali dati verranno poi inviati alla pagina php che avrà il compito di

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it TEMPLATE IN MWCMS D A N I E L E U G O L E T T I - G R U P P O M E T A Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it C ONTENTS I template

Dettagli

Le novità di QuarkXPress 10

Le novità di QuarkXPress 10 Le novità di QuarkXPress 10 INDICE Indice Le novità di QuarkXPress 10...3 Motore grafico Xenon...4 Interfaccia utente moderna e ottimizzata...6 Potenziamento della produttività...7 Altre nuove funzionalità...10

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 1) Introduzione Pg 3 2) L area amministratore Pg 3 2.1) ECM Pg 4 2.1.1) Sezione Struttura Pg 5 2.1.2) Sezione Documento Pg 7 2.1.3) Sezione Pubblicazione

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Questo é il link all altra pagina

<a href= page2.html > Questo é il link all altra pagina </a> <a href= page2.html > <img src= lamiaimmagine.jpg/> </a> Tutorial 4 Links, Span e Div È ora di fare sul serio! Che ci crediate o no, se sei arrivato fino a questo punto, ora hai solo bisogno di una cosa in più per fare un sito reale! Al momento hai una pagina

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

GFI Product Manual. Manuale per il client fax

GFI Product Manual. Manuale per il client fax GFI Product Manual Manuale per il client fax http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Le società, i nomi e i dati utilizzati

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft

Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Guida Così si aggiornano i programmi Microsoft Informazione Navigare in Internet in siti di social network oppure in siti web che consentono la condivisione di video è una delle forme più accattivanti

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Guida a QuarkXPress 8.5

Guida a QuarkXPress 8.5 Guida a QuarkXPress 8.5 INDICE Indice Informazioni sulla guida...15 Presupposti...15 Vi serve aiuto?...15 Convenzioni...16 Nota sulle tecnologie usate...16 Interfaccia utente...18 Strumenti...18 Strumenti

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file 1 di 1 Uso del computer e gestione dei file Argomenti trattati: Sistema operativo Microsoft Windows: interfaccia grafica e suoi elementi di base Avvio e chiusura di Windows Le FINESTRE e la loro gestione:

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

ESEMPI DI FORM (da www.html.it)

ESEMPI DI FORM (da www.html.it) ESEMPI DI FORM (da www.html.it) Vediamo, nel particolare, tutti i tag che HTML 4.0 prevede per la creazione di form. Questo tag apre e chiude il modulo e raccoglie il contenuto dello stesso,

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C.

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C. Pag. 1/24 INDICE A. AMMINISTRAZIONE pagina ADMIN Pannello di controllo 2 1. Password 2 2. Cambio lingua 2 3. Menù principale 3 4. Creazione sottomenù 3 5. Impostazione template 4 15. Pagina creata con

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

Micro Focus. Benvenuti nell'assistenza clienti

Micro Focus. Benvenuti nell'assistenza clienti Micro Focus Benvenuti nell'assistenza clienti Contenuti Benvenuti nell'assistenza clienti di Micro Focus... 2 I nostri servizi... 3 Informazioni preliminari... 3 Consegna del prodotto per via elettronica...

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli