CAPITOLATO TECNICO 1. PREMESSA ATTIVITÀ E SPECIFICHE DEL SERVIZIO IN OUTSOURCING... 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO TECNICO 1. PREMESSA... 3 2. ATTIVITÀ E SPECIFICHE DEL SERVIZIO IN OUTSOURCING... 3"

Transcript

1 CAPITOLATO TECNICO GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BACK OFFICE PER CONTABILITA TITOLI, REPORTISTICA E ELABORAZIONE SEGNALAZIONI ALLE AUTORITA DI VIGILANZA Sommario 1. PREMESSA ATTIVITÀ E SPECIFICHE DEL SERVIZIO IN OUTSOURCING PROCEDURE ORGANIZZATIVE, AMMINISTRATIVE E INFORMATIVE Sistema informativo dell operatore economico Aspetti procedurali ed operativi connessi all attività di gestione di portafogli delegata Impostazione organizzativa dell operatore economico PROCESSO DI CONFERMA E RICONCILIAZIONE Gestione degli eseguiti Processo di conferma Processo di riconciliazione Conti Processo di valorizzazione del patrimonio e delle quote Valorizzazione dei titoli in portafoglio e cambi Valorizzazione e determinazione del valore dei titoli in portafoglio non quotati o illiquidi Attività di verifica Predisposizione della rendicontazione prevista dalla normativa

2 4.7 Operatività in prodotti derivati Servizio di controllo limiti normativi Rapporti con la banca depositaria Attività di controllo della banca depositaria SERVIZIO DI CONTABILITÀ E AMMINISTRAZIONE Gestione delle anagrafiche e gestione amministrativa dei titoli Ulteriori attività amministrative Contabilizzazione dei movimenti relativi alle sottoscrizioni ed ai rimborsi Calcolo del valore del patrimonio per singolo gestore/comparto Attività propedeutiche alla valorizzazione del patrimonio Determinazione del valore del patrimonio Servizio di calcolo dell imposta sostitutiva FLUSSI DI COMUNICAZIONE Reportistica/Flussi Elaborazioni/Flussi Flussi informativi elaborazioni/estrazioni Verifica periodica degli Organi di controllo Elaborazione del bilancio Elaborazione delle segnalazioni alle autorità di vigilanza Comunicazioni dei dati per la struttura/funzione di risk management Allegato: SCHEMA REP1 foglio Allegato: SCHEMA REP1 foglio Allegato: SCHEMA TRAC Allegato: SCHEMA TRAC Allegato: SCHEMA TRAC Allegato: SCHEMA TRAC

3 1. Premessa Oggetto dell appalto è l affidamento ad un operatore economico del servizio di Back Office per la contabilità titoli, reportistica e elaborazione delle segnalazioni alle Autorità di Vigilanza per fondi pensione per un periodo di 60 (sessanta) mesi, secondo le specifiche di servizio di seguito descritte. I fondi pensione per i quali l operatore economico deve effettuare il servizio sono iscritti all Albo dei fondi pensione della Covip e sono soggetti alla relativa normativa nonché gestiti dal punto di vista amministrativo - contabile da Pensplan Centrum S.p.A. (di seguito Pensplan Centrum ). Si tratta di fondi pensione multicomparto e ogni singolo comparto può avere uno o più gestori di portafoglio. I comparti possono prevedere anche una garanzia di restituzione del capitale. Le informazioni relative ai fondi pensione clienti ed alla loro gestione finanziaria, alla composizione dei singoli comparti ed agli strumenti finanziari utilizzati sono consultabili sul sito nella sezione Conosciamoci e sottosezione I fondi pensione in Regione. La citata documentazione complementare è, altresì, resa disponibile in consultazione presso gli uffici della Committente, previa istanza da presentarsi a mezzo fax al numero alla c.a. del dott. Markus Obermair, responsabile unico del procedimento. Di seguito si fa riferimento al fondo pensione o al fondo intendendosi tutti i fondi pensione oggetto del servizio. 2. Attività e specifiche del Servizio in outsourcing Nello svolgimento dell attività l operatore deve adempiere alla seguenti mansioni: gestione di tutti i movimenti delle operazioni in titoli e dei redditi di capitale connessi (incasso cedole, dividendi, ecc.); tenuta dei rapporti con i gestori di portafoglio finanziari in funzione dello sviluppo amministrativo e contabile; tenuta dei contatti con le banche depositarie per le problematiche relative all operatività specifica; gestione ed aggiornamento delle anagrafiche titoli; creazione di una prima nota contabile predefinita per i diversi addetti contabili (contabilizzazione di scritture generiche, di rettifica, liquidazione dividendi, integrazione cedole su obbligazioni, carico/scarico quote); gestione dei flussi di dati con l info provider (aggiornamento prezzi e cambi), con le banche depositarie titoli e gestori finanziari; valorizzazione dei portafogli; gestione delle operazioni straordinarie sul capitale dei titoli in portafoglio (split, raggruppamenti, aumenti di capitale); controllo della rispondenza delle posizioni titoli con i depositi titoli bancari presso la banca depositaria e banche subdepositarie; produzione della reportistica sulla situazione patrimoniale per Pensplan Centrum, per la struttura/funzione finanza e per la struttura/funzione di risk management del fondo, se esistente, e per i suoi organi (sindaci, responsabile, ),e per le autorità di vigilanza; predisposizione delle segnalazioni alle autorità di vigilanza; 3

4 collaborazione e assistenza agli organi di controllo sia interni che esterni. L operatore economico nello svolgimento dell attività deve mettere a disposizione degli utenti di Pensplan Centrum tutte le informazioni relative all attività svolta e consentire, l accesso in sola lettura, dell applicativo gestionale utilizzato per la contabilizzazione delle operazioni finanziarie (di seguito gestionale o sistema gestionale ). Il sistema gestionale deve consentire a Pensplan Centrum l esportazione dei dati (scritture di prima nota contabile in partita doppia) in formato ASCII, per la produzione di report per il controllo e la quadratura delle risultanze contabili. In particolare dovranno essere assumibili dal sistema informatico di Pensplan Centrum la prima nota contabile giornaliera nella quale saranno contabilizzate singolarmente tutte le operazioni di pertinenza del fondo pensione. L accesso al gestionale deve essere garantito giornalmente e per una pluralità di utenti (almeno cinque), il cui costo deve essere compreso nell offerta. 3. Procedure organizzative, amministrative e informative 3.1 Sistema informativo dell operatore economico Il sistema informativo dell operatore economico deve essere idoneo al rispetto delle norme civili, penali e regolamentari di vigilanza e adeguato alla normativa sulla sicurezza (compliance). Quindi deve essere dotato di procedure di massima sicurezza che consentano di ricostruire analiticamente, per ogni operazione o comportamento operativo posto in essere, le relative modalità, tempi e caratteristiche. Il sistema informativo dell operatore economico deve essere configurato per consentire il controllo di accesso alle informazioni, per impedire l'accesso non autorizzato ai sistemi d'informazione e inoltre deve essere configurato per assicurare la protezione dei servizi in rete e telematici ed essere in grado di rilevare le attività non autorizzate (Access Control). Il sistema informativo deve disporre di unità di salvataggio dei dati (back-up) e di ridondanza (mirroring). Devono essere assicurate l'insieme di misure tecnologiche e organizzative/logistiche atte a ripristinare sistemi, dati e infrastrutture necessarie all erogazione del servizio al fine di garantire l attività a fronte di eventi avversi (business continuity). L operatore economico deve essere dotato di procedure per gestire un evento inatteso e dannoso garantendo il servizio (disaster recovery). 3.2 Aspetti procedurali ed operativi connessi all attività di gestione di portafogli delegata Alla fine di ogni giornata operativa e sulla base degli eseguiti ricevuti dai gestori l operatore economico, previ i dovuti controlli ex post, come di seguito definiti, e spunte, deve raccogliere e rendere effettivi tutti i dati relativi alle operazioni in strumenti finanziari poste in essere dai vari gestori di portafoglio. L operatore economico nell erogazione del servizio deve provvedere a: controllare che siano stati rispettati tutti i limiti previsti nella gestione finanziaria del fondo pensione, i limiti contrattuali e normativi e l operatività sia rientrante nelle deleghe attribuite; verificare la congruenza delle operazioni; richiedere l integrazione dei dati relativi alle operazioni poste in essere dai gestori di portafogli con gli eventuali dati non essenziali mancanti; 4

5 controllare la corretta corrispondenza delle operazioni da contabilizzare con le conferme ricevute dai gestori di portafogli; abbinare le conferme dei gestori di portafogli alle relative transazioni; archiviare la documentazione inerente all operatività. 3.3 Impostazione organizzativa dell operatore economico L operatore economico deve garantire, nel rispetto delle tempistiche previste dalla normativa primaria e secondaria vigente: separazione dei compiti rispetto a quelli dei gestori di portafogli delegati dal fondo pensione; politiche, procedure e sistemi di controllo interno a fronte dell operatività del proprio eventuale front-office; sistema informativo per le funzioni operative e di controllo; procedure di riconciliazione tempestiva tra i gestori di portafogli, l operatore economico e Pensplan Centrum per quanto riguarda l operatività, le posizioni e i risultati; controllo di congruità sulle commissioni dei gestori di portafogli; processo di valorizzazione delle singole posizioni dei gestori di portafogli e processo di valorizzazione dell intero patrimonio del fondo pensione. 4. Processo di conferma e riconciliazione 4.1 Gestione degli eseguiti L operatore economico deve garantire di implementare tutti i flussi telematici con i gestori finanziari del fondo pensione, con la banca depositaria e con Pensplan Centrum. 4.2 Processo di conferma La procedura di ricezione delle conferme deve garantire, quotidianamente, che: gli eseguiti dei gestori di portafogli siano direttamente consegnati all operatore economico; esista un evidenza delle differenze in corso di riconciliazione; le differenze siano indagate e risolte effettivamente da parte dell operatore economico; non permangano eseguiti da riconciliare da più di 5 giorni. 4.3 Processo di riconciliazione Nella procedura di riconciliazione della negoziazione, delle conferme, della rivalutazione e delle posizioni, l operatore economico deve garantire: l appropriatezza dei dati riconciliati (documenti, contabilità sezionale e generale); la frequenza e la correttezza delle riconciliazioni; 5

6 la non esistenza di prassi inusuali e/o particolarmente ritardanti Conti Nella procedura di riconciliazione dei conti correnti liquidità e dei titoli l operatore economico deve garantire: la riconciliazione, con cadenza almeno giornaliera, dei conti correnti liquidità e titoli aperti presso la banca depositaria ed intestati a ciascun comparto e/o fondo pensione gestito; la riconciliazione, tramite spunta, in via automatica o anche manualmente, degli estratti conto inviati dalla banca depositaria; l attivazione, in presenza di discordanze delle dovute verifiche e sistemazioni contabili, nei tempi più brevi possibili e con le modalità previste, mantenendo in evidenza l operato svolto e le relative motivazioni; l archiviazione dei tabulati e dell estratto conto con i quali è stata effettuata la riconciliazione e sui quali risulta l evidenza di tale controllo. 4.4 Processo di valorizzazione del patrimonio e delle quote Nella procedura di valorizzazione l operatore economico deve contare su: una procedura che copra tutti i mercati (regolamentati, OTC) ed i prodotti trattati; una metodologia di valorizzazione di prodotti illiquidi o complessi affidabile (data providers, formule matematiche d'uso per l'utilizzo dell'indice di volatilità, ecc.); fonti dei prezzi di mercato oggettive ed affidabili che non siano soggette a manipolazioni o influenze da parte dei traders e gestori di portafoglio delegati. In particolare per le esposizioni in prodotti Derivati, l operatore economico deve essere professionalmente in grado di procedere ed avere tutti gli strumenti idonei per un processo di rivalutazione conforme alle istruzioni di vigilanza ed al/lo statuto/regolamento/documento sulle politiche di investimento del fondo generando la necessaria reportistica per il fondo pensione e per la struttura/funzione di risk management. L operatore economico quotidianamente deve porre in essere una serie di attività e controlli volti alla valorizzazione del patrimonio. Le principali attività che devono essere poste in essere sono le seguenti: procedere alla corretta valorizzazione dei titoli e delle divise, secondo le modalità previste dalla normativa, dal/lo statuto/regolamento/documento sulle politiche di investimento del fondo e dalla policy del fondo pensione, se esistente; verificare che tutte le operazioni di amministrazione titoli siano correttamente imputate; provvedere alla corretta imputazione e controllo delle commissioni; provvedere alla corretta imputazione degli oneri e dei proventi di competenza del fondo pensione secondo le modalità previste nel/lo statuto/regolamento/documento sulle politiche di investimento dello stesso; verificare l ossequio ai limiti previsti nella gestione finanziaria del fondo pensione. Il valore mobiliare classificato come illiquido è considerato a tutti gli effetti come non quotato ; pertanto valgono le regole specifiche per il reperimento della valorizzazione di tali titoli. Per ciò che riguarda la valorizzazione della curva dei tassi relativa alle divise a termine e in accordo ai criteri indicati da Banca d Italia, l operatore economico utilizza i tassi indicati dalla 6

7 British Bankers Association (rilevati infoprovider quali Bloomberg o Reuters BBAM ore 11 di Londra) Valorizzazione dei titoli in portafoglio e cambi Per l aggiornamento prezzi e cambi giornalmente l operatore economico deve provvedere ad avvalorare il gestionale utilizzando le informazioni recepite dall infoprovider (con un collegamento ISIN e Borsa degli strumenti finanziari) ovvero con le varie divise presenti nel portafoglio del fondo pensione. I dati così aggiornati sono confrontati con i prezzi scaricati da un secondo infoprovider. Il portafoglio viene quindi valorizzato giornalmente Valorizzazione e determinazione del valore dei titoli in portafoglio non quotati o illiquidi Possono verificarsi casi di presenza di titoli non quotati e/o illiquidi nel portafoglio del fondo pensione. Normalmente il fondo pensione tende ad escludere tale possibilità prevedendo esplicitamente nel proprio statuto/regolamento/documento sulle politiche di investimento il divieto di detenere strumenti finanziari non quotati nel portafoglio. Qualora l operatore economico constatasse la presenza di una tale tipologia di titoli, non quotati e/o illiquidi, dovrà comportarsi secondo quanto stabilito dal fondo pensione con riferimento alla valorizzazione di tali titoli. 4.5 Attività di verifica L operatore economico deve: curare la puntualità e la disponibilità dei report necessari per la gestione dell attività amministrativa e di controllo; controllare giornalmente i saldi dei conti, segnalando tempestivamente le eventuali scoperture; verificare la congruità degli interessi e delle spese per tenuta conto addebitati e registrati sull estratto conto nonché le fatture ricevute per commissioni o esecuzione di prestazioni. Tutti i movimenti devono essere sempre supportati da relativa documentazione e autorizzati dal fondo pensione prima di essere contabilizzati; monitorare il rispetto dei limiti di investimento previsti dalle norme e dal/lo statuto/regolamento/documento sulle politiche di investimento; inviare giornalmente i dati operativi debitamente controllati al soggetto incaricato di svolgere la funzione di risk management, in conformità a flussi e formati predeterminati. 4.6 Predisposizione della rendicontazione prevista dalla normativa L operatore economico, in relazione agli obblighi ed alle tempistiche previsti dalla normativa primaria e secondaria di settore, deve fornire dati e documentazione, nonché collaborare con gli uffici preposti, per la redazione di: tabelle per la rendicontazione, bilancio e nota integrativa del fondo; tabelle per le segnalazioni periodiche alle autorità di vigilanza; documentazione per banca depositaria, gestori di portafogli delegati, fondo pensione, Pensplan Centrum, sindaci, revisori, controllo interno ecc... 7

8 L operatore economico deve ottemperare agli obblighi di rendicontazione periodica previsti dal/lo statuto/regolamento/documento sulle politiche di investimento del fondo pensione o dalla normativa vigente. 4.7 Operatività in prodotti derivati E compito dell operatore economico verificare, giornalmente ed ex post, che siano rispettate le norme e gli usi dei mercati regolamentati sui quali si esercitano attività in Derivati. Particolare attenzione deve essere rivolta a tutto ciò che riguarda: margini iniziali (cash); margini di mantenimento (cash); collaterali a garanzia (titoli). L operatore economico ogni mattina deve spuntare gli sbilanci delle posizioni in Derivati con gli estratti conto delle clearing house. In base a questi dati provvede immediatamente a segnalare le eventuali anomalie o discrepanze al gestore finanziario ed al fondo pensione. E compito dell operatore economico per quanto attiene specificatamente ai prodotti derivati provvedere a: recepire quotidianamente gli statement (estratti conti) dei conti margini iniziali e di marginatura che vengono stampati per la verifica dei dati in esso contenuti; verificare la corrispondenza degli ordini inseriti nel gestionale allo statement della clearing house, rilevando eventuali discordanze che sono oggetto di tempestiva segnalazione al gestore finanziario; registrare le operazioni di giroconto tra i vari conti accesi presso la clearing house e i conti di gestione del gestore delegato (marginature precedenti, interessi ecc.); effettuare la spunta dei prezzi della clearing house e di quelli valorizzati precedentemente che devono risultare identici. Le discordanze devono essere indagate, verificate e segnalate, tempestivamente, al gestore finanziario e/o al fondo pensione ed a Pensplan Centrum; effettuare la marginatura dei derivati mediante il gestionale che produce le relative scritture contabili; rilevare la finalità di copertura o di efficiente gestione del derivato concordando flussi comunicazionali con il gestore finanziario. 4.8 Servizio di controllo limiti normativi Giornalmente l operatore economico controlla il rispetto dei: limiti normativi in vigore (D.Lgs. 252/2005, DM 703/1996 o altra normativa di riferimento); limiti statutari/regolamentari; limiti contrattuali. Ogni anomalia riscontrata a livello di comparto è comunicata al fondo pensione, tempestivamente, per le opportune verifiche con i gestori finanziari coinvolti. Nella di segnalazione deve essere dato dettaglio delle operazioni che hanno determinato il superamento dei limiti. 8

9 4.9 Rapporti con la banca depositaria I rapporti tra Pensplan Centrum e la banca depositaria sono descritti in un contratto o apposito SLA stipulati tra il fondo pensione e la stessa banca depositaria nel quale vengono definiti i presidi organizzativi necessari per l espletamento della funzione di depositaria, nonché disciplinati i rapporti reciproci. I rapporti con la banca depositaria hanno per oggetto principalmente le seguenti attività: riconciliazione dei dati contabili afferenti i patrimoni del fondo pensione in gestione; attività di controllo della banca depositaria. In relazione alle citate attività, l operatore economico si impegna a concordare con la banca depositaria l utilizzo di procedure che, in linea con quanto previsto dai relativi contratti o SLA, anche mediante collegamenti telematici, consentano: l invio dei flussi informativi stabiliti con la banca depositaria relativi a tutte le movimentazioni giornaliere poste in essere da ciascun gestore finanziario del fondo pensione; la riconciliazione automatica dei flussi contabili del fondo pensione, al fine di evidenziare gli importi non riconciliati e provvedere alle relative sistemazioni; la riconciliazione degli estratti conto relativi ai conti deposito titoli con la contabilità del fondo pensione, al fine di individuare eventuali rilievi e provvedere alla loro sistemazione. L operatore economico riceve dalla banca depositaria, anche tramite accesso diretto agli applicativi della banca stessa, le contabili inerenti alle operazioni di incasso cedole e dividendi in scadenza, oltre che relative ad eventuali operazioni sul capitale. La banca depositaria mette a disposizione giornalmente all operatore economico, anche tramite accesso diretto agli applicativi della banca stessa in via telematica, le istruzioni di regolamento ricevute dai singoli gestori di portafogli delegati. Inoltre la banca depositaria fornirà, almeno con riferimento alla data di valorizzazione dell attivo netto destinato alle prestazioni, l ammontare degli interessi maturati sui conti e lo scalare informativo Attività di controllo della banca depositaria In relazione agli obblighi previsti dalla normativa vigente in tema di controlli spettanti alla banca depositaria, al fine di consentire l espletamento delle attività richieste, l operatore economico deve trasmettere la documentazione prevista nel contratto o nello SLA ed ogni altra informazione e/o documentazione necessaria allo svolgimento dei compiti attribuiti alla banca depositaria dalla legge. L operatore economico deve comunicare alla banca depositaria i criteri definiti dal fondo pensione per la valorizzazione degli strumenti finanziari, oltre ad ogni variazione alla procedura di calcolo del valore complessivo netto e del valore unitario della quota. 5. Servizio di contabilità e amministrazione 5.1 Gestione delle anagrafiche e gestione amministrativa dei titoli La gestione delle anagrafiche degli strumenti finanziari deve permettere lo svolgimento di tutte le operazioni amministrative e fiscali che si presentino nel corso della durata dell investimento. 9

10 Deve inoltre contenere i dati richiesti dall autorità di vigilanza per l invio delle relative statistiche e segnalazioni periodiche. L operatore economico deve provvedere: alla gestione anagrafica con il relativo aggiornamento degli strumenti finanziari per il corretto svolgimento di tutte le operazioni di compravendita e di amministrazione; alla gestione amministrativa (stacco e contabilizzazione cedole e dividendi, rimborsi, operazioni sul capitale, ecc.); alla gestione della fiscalità (ritenute, verifica dei requisiti e riduzione aliquota). 5.2 Ulteriori attività amministrative L operatore economico preliminarmente, per permettere il calcolo dell attivo netto destinato alle prestazioni (di seguito anche ANDP ) a Pensplan Centrum e per rappresentare giornalmente il valore del patrimonio al fondo pensione, deve procedere mediante l aggiornamento, la manutenzione e la parametrizzazione di aspetti connessi quali ad esempio: tassi bancari dei conti correnti; tassi interbancari; cambi; indici di riferimento; retrocessione commissioni di gestione implicite agli OICR. Ad ogni variazione ovvero ad ogni acquisto di un nuovo OICR vengono aggiornate le date di riferimento e gli altri parametri necessari per il calcolo delle commissioni di gestione implicite da retrocedere al fondo pensione; ratei passivi commissioni di gestione; mastro conti. Ad ogni modifica, in base alle nuove situazioni contabili o finanziarie deve essere effettuato il censimento dei nuovi mastro conti per la registrazione delle operazioni del fondo pensione. I nuovi mastri/mastro conti vanno comunicati via a Pensplan Centrum, entro 2 (due) giorni, dando indicazione della natura del nuovo mastro/mastro conto per permettere la corretta correlazione con il piano dei conti di Pensplan Centrum; censimento nuovi gestori delegati e/o nuovi mandati di gestione. In caso di convenzioni con nuovi gestori delegati o di rilascio di nuovi mandati l operatore economico inserisce e/o aggiorna, tempestivamente, i dati informativi relativi agli stessi; tax reclaim. Previa richiesta del fondo pensione, l operatore economico provvede all attivazione della pratica di Tax reclaim per il rimborso della tassazione subita all estero, mediante la compilazione di speciali moduli delle autorità fiscali estere messi a disposizione da parte della banca depositaria. 5.3 Contabilizzazione dei movimenti relativi alle sottoscrizioni ed ai rimborsi Per una corretta valorizzazione del patrimonio ed il relativo calcolo dell imposta sostitutiva, l operatore economico deve registrare nel gestionale anche le movimentazioni relative all emissione di nuove quote ed all annullamento di quote per rimborsi (prestazioni, commissioni, contribuzione non dovuta, ecc...). A tal fine, con riferimento ad ogni giorno di valorizzazione previsto, Pensplan Centrum provvede ad inviare all operatore economico un prospetto contente il riepilogo della movimentazione delle quote 10

11 per singolo comparto del fondo pensione. Tale prospetto contiene il dettaglio per tipologia delle quote emesse e di quelle annullate. L operatore economico dovrà registrarle nel gestionale. 5.4 Calcolo del valore del patrimonio per singolo gestore/comparto L operatore economico, con riferimento ad ogni giornata operativa di valorizzazione (giorno T) deve calcolare al massimo entro il giorno T+3 il valore del portafoglio titoli, in modo da consentire a Pensplan Centrum di asseverare il patrimonio del fondo pensione con tutte le poste rilevate. Gli eventuali ritardi nel calcolo devono essere comunicati tempestivamente a Pensplan Centrum ed al fondo pensione Attività propedeutiche alla valorizzazione del patrimonio Le attività che l operatore economico deve porre in essere sono sintetizzate di seguito senza pretesa di esaustività: commissioni di gestione. In base alle condizioni stabilite tra fondo pensione e gestori delegati l operatore economico deve calcolare le commissioni di gestione giornaliere con le modalità e i parametri richiesti dalle singole convenzioni relative a ciascun mandato di gestione. Tali commissioni sono registrate, in accordo a quanto specificato nella convenzione di gestione (i.e. mensilmente o trimestralmente), in una voce di debito in attesa del pagamento in favore del gestore delegato; commissioni di over performance. In base alla convenzione tra fondo pensione e gestore delegato l operatore economico deve calcolare le commissioni ed i rispettivi ratei; retrocessione di commissioni di gestione degli OICR. L operatore economico rileva e calcola nel proprio sistema gestionale, per gli OICR presenti in portafoglio comprendenti implicitamente una commissione di gestione, le commissioni da retrocedere al fondo pensione. L operatore economico deve tenere in considerazione l effettivo possesso temporale degli OICR da parte del fondo pensione e registrare per ogni giorno di valorizzazione un credito che potrà essere defalcato, ove previsto, direttamente dalle commissioni di gestione spettanti al gestore o, in alternativa, il gestore delegato provvederà a liquidare gli importi dovuti sui conti correnti di gestione; commissioni di banca depositaria e di clearing. Le commissioni di spettanza della banca depositaria devono essere calcolate sul patrimonio del fondo pensione ad ogni giorno di valorizzazione dell attivo netto destinato alle prestazioni e vengono registrate in una voce di debito che viene saldata al momento dell addebito in conto corrente. Le commissioni di settlement sono invece rilevate e registrate ad ogni movimento di portafoglio; interessi bancari. In base all aggiornamento delle tabelle dei tassi bancari il gestionale calcola quotidianamente gli interessi bancari sia attivi che passivi, per tutti i conti di gestione sia in euro che in divisa. Tali interessi sono liquidati dalla banca depositaria come da accordi stipulati tra il fondo pensione e la banca stessa. eventuali ulteriori attività Determinazione del valore del patrimonio Dopo aver effettuato i calcoli sopra descritti, l operatore economico provvede a determinare il patrimonio finale di ogni singolo gestore finanziario. 11

12 Sono quindi prodotti un prospetto di valorizzazione finanziaria ed un prospetto di calcolo dell imposta sostitutiva, oltre a tutti gli altri report previsti al punto Servizio di calcolo dell imposta sostitutiva Giornalmente l operatore economico deve calcolare il rateo relativo all imposta sostitutiva sul risultato netto maturato dall inizio dell esercizio fino al giorno di valorizzazione, per ogni singolo comparto di investimento del fondo pensione. L aliquota dell imposta sostitutiva sul risultato netto maturato è pari a quanto stabilito dalla normativa di tempo in tempo vigente. Il prospetto predisposto (vedi punto 6.1) deve riportare il calcolo dell imponibile e dell imposta, fornendo dettaglio dei seguenti dati: patrimonio di fine periodo, patrimonio di inizio periodo, voci di variazione relative alle sottoscrizioni e alle prestazioni/rimborsi, voci esenti, voci già assoggettate a tassazione. Le variazioni relative alla parte previdenziale (sottoscrizioni e rimborsi) sono inviate da parte di Pensplan Centrum all operatore economico, a seguito di ogni valorizzazione dell attivo netto destinato alle prestazioni e relativa procedura di assegnazione/disinvestimento quote. 6. Flussi di comunicazione Le comunicazioni tra l operatore economico e Pensplan Centrum devono avvenire in modo protetto e sicuro. In particolare: connessione dati. Si richiede una connessione principale ed una secondaria. La connessione principale è costituita da una linea HDSL con VPN dedicata di almeno 4 Mbit download / 3 Mbit upload protetta da firewall. La connessione principale deve essere assistita, in caso di caduta della linea, da altra di backup ADSL protetta da firewall. La connessione secondaria è costituita da una linea HDSL di backup, protetta da un firewall, verso la sede disaster recovery dell operatore economico, protetta da un firewall; flusso dati. Il flusso dati deve essere sempre garantito 24h/24h. Eventuali cartelle di scambio dati devono essere gestite da policy interne tramite autenticazione Active Directory o FTP; comunicazione informatica. È richiesto l uso della firma digitale ed eventualmente la comunicazione tramite PEC. I telefoni dell operatore economico devono essere, nel rispetto della normativa prevista in materia di privacy, predisposti per poter registrare le telefonate per eventuali controlli di qualità (registrazioni digitali); comunicazione cartacea. È richiesta la firma da parte della persona autorizzata e la trasmissione mediante raccomandata o raccomandata a mano. 6.1 Reportistica/Flussi Elaborazioni/Flussi L operatore economico deve mettere a disposizione di Pensplan Centrum, del fondo pensione e dell autorità di vigilanza la reportistica eseguibile dal gestionale, che deve essere fruibile per accesso diretto al sistema o per richiesta diretta all operatore economico. 12

13 L operatore economico dovrà, poi, provvedere a fornire a Pensplan Centrum, al fondo pensione e all autorità di vigilanza secondo i criteri e struttura di volta in volta richiesti, report appositamente elaborati che assolvessero a particolari e momentanee esigenze. L operatore economico deve, inoltre, produrre dei flussi, report ed elaborazioni da inviare direttamente a parti terze come di seguito indicato: flussi a Banca Depositaria. In ottemperanza a quanto stabilito nel contratto o nello SLA in essere fra Pensplan Centrum ed il fondo pensione, successivamente ad ogni calcolo del valore del patrimonio del fondo pensione, l operatore economico deve spedire per conto di Pensplan Centrum un flusso informatico alla banca depositaria, secondo le modalità stabilite con la stessa banca, per effettuare tutte le verifiche preliminari all asseveramento del valore del patrimonio del fondo pensione. Alla data di valorizzazione dell attivo netto destinato alle prestazioni, ad integrazione del dato riguardante il valore del patrimonio del fondo pensione, l operatore economico deve trasmettere alla banca depositaria gli ulteriori dettagli quali ad esempio ratei attivi, prezzi, dividendi da incassare, ad essa necessari per l effettuazione dei controlli di sua competenza. report al fondo pensione del portafoglio dei gestori finanziari. Settimanalmente l operatore economico deve trasmettere al fondo pensione la composizione giornaliera del patrimonio in formato Microsoft Excel secondo lo schema REP1 allegato al presente Capitolato tecnico; report bilancio di verifica. Il bilancio di verifica deve essere relativo al singolo comparto anche nel caso di presenza di più mandati di gestione. Tutte le voci di spesa e patrimoniali devono quindi essere raggruppate per comparto. Il bilancio di verifica deve essere disponibile alla data richiesta per il range temporale richiesto da Pensplan Centrum (da <data> a <data>). Il report deve essere disponibile anche in versione PDF e in Microsoft Excel. elaborazione report valorizzazione del patrimonio. Il sistema gestionale deve prevedere una funzione per l elaborazione e la stampa del valore del patrimonio. Tale report deve essere disponibile anche in versione PDF. La struttura deve corrispondere a quella stabilita COVIP, prevedendo il dettaglio dei dati fino al livello di mastro conti; elaborazione report imposta sostitutiva. Il sistema gestionale deve prevedere una funzione per la stampa del prospetto di calcolo dell imposta sostitutiva per singolo comparto. Nel report deve essere dettagliata la fiscalità applicata agli strumenti finanziari. Tale report deve essere disponibile anche in versione PDF; riconciliazione titoli. L operatore economico deve fornire un report che riporti la riconciliazione dei titoli tra le risultanze della banca depositaria, quelle contabili e quelle dei singoli gestori delegati. Tale report deve essere fornito anche in versione Microsoft Excel; prospetto composizione del portafoglio. Il sistema gestionale deve prevedere una funzione per la stampa del prospetto di composizione del portafoglio per singolo comparto. Nel report deve essere riportata la lista degli strumenti finanziari presenti in portafoglio, con la relativa quantità, ISIN, costo storico, valore di mercato attuale, la minus/plusvalenza da prezzo, la minus/plusvalenza da cambio. Tali voci non devono essere conguagliate. La lista degli strumenti finanziari deve essere raggruppata per singola tipologia di strumento finanziario (es. titoli di stato Italia, titoli di debito italiani, ecc.) valorizzando per ogni tipologia i totali di ogni importo. In caso di titoli in valuta estera, gli importi vanno convertiti in euro alla data di valorizzazione scelta dall utente Pensplan Centrum. Tale report deve essere disponibile anche in versione PDF e in formato Microsoft Excel; lista ratei attivi. Il sistema gestionale deve prevedere una funzione per la stampa del prospetto relativo ai ratei attivi per singolo comparto. Nel report deve essere riportata la lista di ogni singolo titolo, con la relativa quantità, giorni di maturazione del rateo, giorni base del rateo (durata della cedola), tasso interesse (cedola) e importo del rateo. In caso di titoli in valuta estera, gli importi vanno convertiti in euro alla data di valorizzazione scelta 13

14 dall utente Pensplan Centrum. La lista degli strumenti finanziari deve essere raggruppata per singola tipologia di strumento finanziario (es. titoli di stato Italia, titoli di debito italiani, ecc.) valorizzando per ogni tipologia i totali di ogni importo. In caso di titoli in valuta estera, gli importi vanno convertiti in euro alla data di valorizzazione. Tale report deve essere disponibile anche in versione PDF e in formato Microsoft Excel; dettaglio minus/plusvalenza delle risultanze in valuta estera. Il sistema gestionale deve prevedere una funzione per la stampa delle liste relative alla conversione in euro delle risultanze in valuta estera per singolo comparto. Tale report deve essere suddiviso per le varie tipologie di risultanze: da conti correnti valutari, da impegni, da conti margini, da dividendi e qualsiasi altra conversione in euro. Tale report deve riportare la lista delle singole valute convertite, con l indicazione del cambio del giorno di conversione, l importo in valuta, l importo in euro e la minus/plusvalenza risultante. Tale report deve essere disponibile anche in versione PDF; prospetto di contabilizzazione di tutti i comparti del fondo pensione. L operatore economico deve fornire tale prospetto oppure mettere a disposizione nel gestionale la funzione per la relativa stampa anche in versione PDF. Tale report deve essere scomposto per singolo comparto e ulteriormente per singolo mandato di gestione e contenere almeno le seguenti informazioni: o o o la composizione del portafoglio per singolo mandato di gestione come da prospetto composizione del portafoglio sopra descritto; la lista di tutte le registrazioni contabili in partita doppia del giorno di contabilizzazione di riferimento contenente: numero registrazione, descrizione operazione, singoli sottoconti movimentati, causale, segno dare/avere, importo in euro. Tali registrazioni devono corrispondere a quelle importate nel sistema contabile di Pensplan Centrum tramite lo schema TRAC1 allegato al presente Capitolato Tecnico (vedi flussi informativi elaborazioni/estrazioni punto 6.1.2); il portafoglio titoli per singolo mandato di gestione riportante: singolo titolo, quantità o valore nominale, prezzo medio, quantità totale in portafoglio dello stesso titolo, impegno attivo o passivo, data valuta, controparte Flussi informativi elaborazioni/estrazioni Per il calcolo dell attivo netto destinato alle prestazioni e valore quota di ogni singolo comparto Pensplan Centrum deve importare nel proprio sistema contabile tutte le prime note relative alla gestione finanziaria. Tali scritture contabili sono relative alle singole operazioni in strumenti finanziari, ratei interessi su titoli e interessi bancari, ratei minus/plusvalenze da cambio e da prezzo, ratei commissioni, spese, imposte di bollo, debiti verso i gestori, debiti verso banca depositaria, compravendita titoli, incasso cedole e dividendi, operazioni di pronti contro termine e di prestito titoli, ecc. Estrazione dati contabili. Il sistema gestionale deve prevedere una funzione, utilizzabile da parte di Pensplan Centrum, che permetta l estrazione dei dati contabili per la relativa importazione nel gestionale contabile di Pensplan Centrum. Tale funzione deve permettere la selezione del range di date interessate (da a). Le prime note contabili devono riportare come data registrazione la data di operazione. Nell eventualità di procedura non andata a buon fine per es. errori, i dati devono poter essere estratti più volte (dalla seconda in poi con un eventuale segnalazione). La periodicità di estrazione è a discrezione di Pensplan Centrum. o A tale scopo nel gestionale deve essere predisposta una tabella di correlazione tra il piano dei conti utilizzato nel gestionale e quello del software contabile di Pensplan Centrum. Tale tabella deve essere compilabile dagli utenti di Pensplan Centrum o aggiornata in tempo reale dall operatore economico qualora non fosse possibile fornire la funzione di aggiornamento diretto da parte di Pensplan Centrum. 14

15 o Qualora un conto contabile elementare non risulti correlato in suddetta tabella, durante la procedura di generazione del flusso, l anomalia deve essere segnalata e la procedura si deve bloccare, non permettendo quindi l estrazione del flusso. La segnalazione deve contenere l elenco dei conti non correlati. La stessa procedura deve prevedere di esportare i movimenti contabili generati dal gestionale verso il software contabile di Pensplan Centrum mediante un flusso contenente i dati come previsto dallo schema TRAC1 allegato al presente Capitolato Tecnico. Il flusso di dati generato dal gestionale viene convertito dal software contabile di Pensplan Centrum in un flusso che contiene le prime note contabili in partita doppia. Il flusso convertito viene importato e le scritture contabili con presenza di anomalie o errori vengono bloccate e parcheggiate in un file temporaneo, dove manualmente è possibile effettuare le dovute correzioni o cancellazioni. A tale scopo Pensplan Centrum potrà chiedere chiarimenti all operatore economico, che deve rispondere tempestivamente al fine di non provocare ritardi nel calcolo dell attivo netto destinato alle prestazioni. Oltre ai controlli formali, il software contabile di Pensplan Centrum, in fase d importazione, verifica: quadratura delle scritture, assenza di importi negativi ed esistenza dei conti movimentati sul piano dei conti. Avvenuta l importazione delle scritture contabili, Pensplan Centrum controlla la corrispondenza delle risultanze contabili con il bilancio di verifica prodotto dal gestionale. 6.2 Verifica periodica degli Organi di controllo L operatore economico deve fornire supporto a Pensplan Centrum durante le verifiche periodiche del collegio sindacale/revisori, del controllo interno del fondo, del responsabile del fondo e di altri eventuali organi preposti. L operatore economico deve rendere disponibili i report richiesti (come ad esempio quello di riconciliazione titoli) e garantire la presenza di uno o più addetti per le eventuali spiegazioni richieste dagli organi di controllo nelle riunioni appositamente fissate, presso le sedi dei fondi pensione. 6.3 Elaborazione del bilancio L operatore economico deve assicurare la corretta gestione dei dati in modo da assicurare l efficiente gestione delle procedure amministrative, contabili e fiscali a Pensplan Centrum per la gestione delle attività di chiusura del bilancio. In particolare: chiusure di fine anno. A fine anno l operatore economico effettua le rivalutazioni e svalutazioni come previsto dalla normativa e registra i ratei e risconti. Tali registrazioni devono avvenire con data di contabilizzazione coincidente con la data di fine anno e quindi di valorizzazione del patrimonio e nel rispetto delle tempistiche previste dalla normativa di settore. Le rivalutazioni e le svalutazioni devono essere importate nel software contabile di Pensplan Centrum, con le modalità precedentemente descritte; elaborazione tabelle per la nota integrativa. L operatore economico deve fornire a Pensplan Centrum le tabelle relative alla gestione finanziaria previste dalla normativa in vigore in materia di bilancio e le eventuali ulteriori tabelle previste dal fondo pensione. Il formato deve essere anche in PDF e Microsoft Excel. 15

16 6.4 Elaborazione delle segnalazioni alle autorità di vigilanza L operatore economico produce le segnalazioni per le autorità di vigilanza e, quindi, deve avere una conoscenza sempre aggiornata sia delle regolamentazioni sia degli strumenti e delle prassi più efficaci. Si fa presente che il fondo pensione nella gestione finanziaria utilizza Oicr per i quali dev essere garantito il look through. All operatore economico sono richiesti pertanto i seguenti servizi: elaborazione dei report trimestrali di vigilanza richiesti dalla Covip. Separatamente per ogni comparto e, se previsto per ogni mandato di gestione, l operatore economico deve elaborare le segnalazioni periodiche dei fondi pensione relative alla gestione finanziaria così come richieste dalla Covip. L operatore economico dovrà garantire il pronto adeguamento dei propri sistemi di elaborazione delle segnalazioni periodiche secondo quanto di volta in volta stabilito dalla Covip. Le segnalazioni statistiche sono elaborate con la periodicità prevista dalla Covip e fornite a Pensplan Centrum almeno cinque giorni lavorativi prima della data della scadenza normativa prevista (giorno T) e, comunque, entro le ore 9.00 del mattino del quinto giorno (T-5). L operatore economico deve inoltre elaborare le statistiche richieste dalla Covip relative ai dati di bilancio separatamente per ogni comparto. I dati trimestrali devono essere forniti a Pensplan Centrum tramite apposito file in formato Microsoft Excel strutturati secondo le disposizioni della Covip per la corretta generazione del file d invio. L operatore economico garantisce la fornitura dei dati anche nel caso di eventuali nuove richieste da parte dell autorità di vigilanza, nel rispetto di scadenze e formato come di tempo in tempo richiesti. Controllo della corrispondenza delle singole tavole statistiche richieste al prospetto di valorizzazione, al bilancio di verifica ed alle risultanze del pacchetto contabile dell operatore economico, separatamente per ogni comparto/mandato. In relazione alla data di riferimento delle segnalazioni di vigilanza previste dalla Covip, l operatore economico effettua le seguenti operazioni: o o elaborazione delle singole tavole richieste dalla Covip separatamente per ogni comparto/mandato; controllo e quadratura delle tavole con il bilancio di verifica e il prospetto di valorizzazione al fine di accertare l esattezza dei dati. Devono essere inoltre effettuati controlli di quadratura tra i dati delle singole tavole. Invio della documentazione a Pensplan Centrum. L operatore economico rende disponibile la documentazione prodotta a Pensplan Centrum, con le tempistiche descritte nel presente paragrafo. 6.5 Comunicazioni dei dati per la struttura/funzione di risk management Pensplan Centrum fornisce ai fondi pensione, anche tramite terzi, il servizio di risk management. Per tale servizio l operatore economico deve fornire a Pensplan Centrum (od al terzo incaricato) i dati in formato elettronico. I flussi devono essere standardizzati, in formato txt o csv, inviati su base giornaliera e devono contenere quanto previsto dagli schemi di seguito riportati ed allegati al presente Capitolato Tecnico: Flusso con gli Holdings di portafoglio TRAC2 Flusso con transazioni giornaliere TRAC3 Flusso con NAV dei portafogli (che contiene il controvalore del portafoglio) TRAC4. 16

17 La somma di tutti i titoli dei controvalori all interno del flusso HOLDINGS, TRAC2, (compresa la liquidità) deve essere pari al valore del NAV. Il nome del flusso deve contenere la data alla quale si riferiscono i dati in esso contenuti. 17

18 Allegato: SCHEMA REP1 foglio 1 Data riferim. Mandato di gestione Descrizione Mandato di gestione Classe Val.Quota in Euro Diff.GG prec. Diff.% Diff.% inizio AA Val.Quota in Divisa Diff.GG prec. Diff.% Diff.% inizio AA NAV alla data Num.quote in circ. Valore Quota prec LINEA BILANCIATA LIQUIDITA' 1,75-0,18-9,3 284, , , LINEA BILANCIATA EURIZON , , LINEA BILANCIATA BLACKROCK , LINEA GARANTITA UNIPOL , LINEA GARANTITA LIQUIDITA' , LINEA GARANTITA PIONEER , LINEA ETICA LIQUIDITA' , LINEA ETICA CREDIT SUISSE LINEA DINAMICA LIQUIDITA' , LINEA DINAMICA BLACKROCK 35855,356 43,587 0,12 5, , ,769 18

19 Allegato: SCHEMA REP1 foglio 2 Data riferimento Mandato di gestione Descrizione Mandato di gestione NAV alla data di riferimento LINEA BILANCIATA LIQUIDITA' LINEA BILANCIATA EURIZON LINEA BILANCIATA BLACKROCK , , , LINEA GARANTITA UNIPOL , LINEA GARANTITA LIQUIDITA' LINEA GARANTITA PIONEER , , , LINEA ETICA LIQUIDITA' , LINEA ETICA CREDIT SUISSE LINEA DINAMICA LIQUIDITA' LINEA DINAMICA BLACKROCK , , , ,24 totale patrimonio

20 Allegato: SCHEMA TRAC1 Date: 01/14/13 Time: 16:22:13 WRKDBF - File Field Description Listing File: GIMO200F Movimenti contabili di massa Library: ACG_DATCPP Type: PF Access: *ARRIVAL Nbr. Formats: 1 Max. Rcdlen.: 313 System: AS400CPC Nbr. Fields: 58 Select/Omit?: N A s Based on Key c Fld. From To Fld. Nbr. D Phys. File Fmt. Name Field Name Field Description Nbr. s c Type Pos. Pos. Len. Decs GIMO200F GIMO2 ATG15 Record attivo/sospeso/ann A NRG15 Numero azione di aggiorna P NUG15 Nome utente A TIRCD Tipo movimento A NUREG Num. di registrazione P RIREG Riga registrazione P NRRAT Numero rate per riga movi P DAMOV Data movimento P CONTO Codice conto A DARAV Codice dare-avere A IMPRE Impor. o imponibile P IMPES Imposta P CDIVA Codice assoggettamento IVA A TREGI Tipo registro IVA A NREGI N. registro IVA A CAUSA Codice causale movimento A DESUP Descrizione/descr.supplem A DADOC Data documento P NUDOC Numero documento P CDVAL Codice divisa A CAMBI Cambio P FESCO Indicazione esercizio di A AARIF Anno di riferimento P

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 42030/RU CIRCOLARE N. 10 /D Roma, 25 marzo 2009 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p. c.: Agli Uffici di diretta

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli