SOMMARIO. Programma Marco Polo: invito a presentare proposte 2. Programma Gioventù in azione: invito a presentare proposte 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO. Programma Marco Polo: invito a presentare proposte 2. Programma Gioventù in azione: invito a presentare proposte 3"

Transcript

1 SOMMARIO AGEVOLAZIONI Programma Marco Polo: invito a presentare proposte 2 Programma Gioventù in azione: invito a presentare proposte 3 Nuova disciplina dei contratti di programma 5 Subentro in agricoltura - D.Lgs. 185/2000: adottate le nuove modalità 8 Incentivi per il trasporto marittimo: fissate le percentuali di contributo 9 Incentivi per l autotrasporto: acquisto di veicoli pesanti 10 POR 2000/2006 Mis. 1.10B Sviluppo di attività economiche non agricole 11 Norme regionali in materia di condizionalità: modifiche 12 NORMATIVA COMUNITARIA Assicurazione della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli 12 Repressione dell inquinamento provocato dalle navi 13 Igiene dei prodotti alimentari 14 Medicinali veterinari: esenzione dall obbligo di prescrizione 14 Realizzata per GAL SERRE CALABRESI da EUROPROJECT

2 AGEVOLAZIONI Programma Marco Polo: invito a presentare proposte Nella GUUE C 31 del 5/02/2008 è stato pubblicato un invito a presentare proposte nell'ambito del programma Marco Polo. L'invito riguarda tutte le azioni del programma: azioni di trasferimento fra modi azioni riguardanti le autostrade del mare azioni di riduzione del traffico azioni catalizzatrici azioni comuni di apprendimento Per tutte le azioni, eccetto quelle di apprendimento finanziabili al 50%, il cofinanziamento comunitario non supera il 35% dei costi ammessi. Per l'invito in questione è disponibile un budget di circa 59 milioni di euro. Le proposte devono essere presentate entro il 7 aprile 2008 al seguente recapito: European Commission Executive Agency for Competitiveness and Innovation - EACI21 Ref.: Marco Polo II Programme Call 2008 Courrier Central Avenue du Bourget 1 B-1049 Brussels Per informazioni è possibile contattare l'helpdesk European Commission - Marco Polo Help Desk Directorate-General for Energy and Transport Directorate G Unit G2 Ref.: Call for Proposals 2008 Rue de Mot/De Motstraat 28 B-1049 Brussels posta elettronica: telefono: fax:

3 Programma Gioventù in azione: invito a presentare proposte Nella GUUE C 38 del 12/02/2008 è stato pubblicato un invito a presentare proposte nell'ambito del programma Gioventù in azione. In particolare l'invito riguarda l'azione Gioventù nel mondo - cooperazione con paesi diversi dai paesi limitrofi alla UE - azione 3.2. I progetti finanziabili devono promuovere la cooperazione nel settore della gioventù tra paesi del programma e paesi partner diversi dai paesi limitrofi all'unione europea perseguendo i seguenti obiettivi: promuovere lo scambio di esperienze e di buone pratiche nel settore della gioventù e dell'istruzione non formale, contribuire allo sviluppo delle politiche giovanili, del lavoro nel settore della gioventù e del volontariato e contribuire al potenziamento delle capacità delle organizzazioni/strutture giovanili e delle loro competenze d'inquadramento, sviluppare partenariati e reti durevoli fra organizzazioni giovanili. Le proposte devono esser incentrate su uno dei temi seguenti: rafforzamento della società civile, della cittadinanza e della democrazia, lotta contro il razzismo e la xenofobia, dialogo interetnico e interreligioso, ricomposizione post-conflitto e ricostruzione, ruolo attivo delle donne nella società, diritti delle minoranze. Le proposte devono essere presentate da organizzazioni a scopo non lucrativo, da organizzazioni non governative o da enti pubblici locali e regionali. I progetti devono prevedere la partecipazione di partner di almeno quattro paesi diversi comprendenti almeno due paesi del programma, di cui almeno uno Stato membro dell'unione europea, e due paesi partner. Per l'invito in oggetto sono a disposizione circa euro per un finanziamento a progetto non superiore all'80% del totale delle spese ammissibili. La sovvenzione massima sarà di euro. I progetti devono iniziare tra il 1 novembre 2008 e il 31 dicembre 2008 con una durata compresa tra 6 e 12 mesi. Le domande devono essere inviate all'agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura (EACEA) entro e non oltre il 15 aprile Per ulteriori ragguagli e domande in merito al programma è inoltre possibile rivolgersi ai seguenti recapiti: direttamente alla Commissione europea, all'indirizzo: Direzione Generale Istruzione e Cultura 3

4 (DG EAC) Unità D2: Gioventù: programmi Unità D1: Gioventù: politiche B 1049 Bruxelles Tel: Fax: Sito web: oppure alla: Agenzia esecutiva Istruzione, mezzi audiovisivi e cultura Youth Department Rue Colonel Bourg 139B-1140 Bruxelles Tel: Fax: Sito web: all'agenzia nazionale competente, in Italia al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Dipartimento delle Politiche Sociali e Previdenziali Direzione Generale per il volontariato, associazionismo sociale e le politiche giovanili Agenzia Nazionale Italiana Gioventù Via Fornovo 8 Pal. A I Roma Tel: (39) Fax: (39) oppure al Coordinamento Nazionale Eurodesk Italy Via 29 Novembre, 49 I Cagliari Tél.: N. Verde: Fax Website: 4

5 Nuova disciplina dei contratti di programma Il Ministero dello Sviluppo economico ha reso disponibile sul proprio sito il decreto 24 gennaio 2008 che disciplina i criteri, le condizioni e le modalità per l'accesso ai contratti di programma. Si viene a così a delineare la nuova base giuridica come disposto dall'art. 8 bis della legge 127/2007, che prevede l'adozione di due decreti per disciplinare da una parte le agevolazioni a valere sulla legge 488/92 e dall'altra la concessione delle agevolazioni per la programmazione negoziata. In sede di prima applicazione si è deciso di disciplinare le sole attività di carattere industriale mentre gli altri settori, in particolare la filiera agricola e il settore turistico alberghiero nonché i contratti di localizzazione, verranno regolati con successivi decreti. La proposta di contratto di programma può essere presentata da una impresa di qualsiasi dimensione (soggetto proponente) anche insieme ad altre imprese (soggetti beneficiari) per realizzare i progetti di investimento industriale. Tali progetti consistono in un'iniziativa imprenditoriale, eventualmente realizzata da diverse imprese, finalizzata alla produzione di beni e/o servizi attraverso la attuazione di più programmi di investimenti e eventualmente di sviluppo sperimentale. L'importo complessivo delle spese del progetto industriale non deve essere inferiore ai 40 milioni di euro, in tale ambito il programma di investimento produttivo non può essere inferiore a 25 milioni di euro. Qualora il programma di investimento produttivo sia composto da più programmi questi devono avere un costo ammissibile riferito al singolo programma non inferiore a 1,5 milioni di euro. Per quanto riguarda la procedura, il soggetto proponente trasmette all'agenzia nazionale per l'attrazione d'investimenti e lo sviluppo di impresa un'istanza di accesso corredata dalla descrizione del progetto industriale. A seguito di verifica formale della sussistenza delle condizioni di ammissibilità, l'agenzia ne dà comunicazione al soggetto proponente e al Ministero nonché alle Regioni interessate dall'investimento. Successivamente l'agenzia procede ad una più dettagliata verifica delle condizioni di ammissibilità, della praticabilità e fattibilità del progetto industriale. Nel caso di valutazione positiva il Ministero autorizza l'agenzia alla successiva fase di valutazione e viene stabilito un termine per l'impresa per la presentazione della documentazione progettuale. La proposta di 5

6 contratto viene inviata dall'impresa anche al Ministero e alle Regioni interessate che possono anche porre il veto sull'iniziativa. Al termine di queste consultazioni e al termine dell'istruttoria, il Ministero propone al CIPE l'approvazione del contratto di programma. Possono accedere alle agevolazioni le imprese operanti nelle sezioni C e D del codice Istat 2002, con eccezione delle imprese della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, e le imprese operanti nel settore della produzione e distribuzione di energia elettrica e di calore della sezione E (limitatamente agli impianti alimentati da fonti rinnovabili o che concorrono all'incremento dell'efficienza energetica e al risparmio energetico) nonché alcune imprese di servizi. Sono inoltre escluse le imprese operanti nel sottore siderurgico, delle fibre sintetiche, delle costruzioni navali e dell'industria carbonifera. Le grandi imprese possono accedere solo per investimenti localizzati nelle zone 87,3,c e 87,3,a. Nelle restanti zone del territorio nazionale i progetti possono essere proposti solo da PMI. I progetti di investimento industriale si compongono di programmi di investimento produttivo e eventualmente di ricerca industriale e sviluppo sperimentale. I programmi di investimento e i programmi di sviluppo sperimentale devono essere strettamente connessi e funzionali tra di loro in relazione al processo di produzione dei prodotti finali. Per entrambe le modalità di investimento le agevolazioni possono consistere in un contributo in conto impianti o in un contributo in conto interessi o in una combinazione di entrambe le tipologie; il contributo in conto interessi è concesso in relazione ad un finanziamento bancario ordinario stipulato a tasso di mercato e destinato alla copertura finanziaria del programma: il contributo è determinato nelle misura massima dell'80% del tasso europeo di riferimento. Il progetto industriale può prevedere anche la realizzazione di funzionali opere infrastrutturali materiali o immateriali, a totale carico delle risorse pubbliche. Programmi di investimento industriale: tali programmi riguardano interventi volti alla realizzazione di nuove unità produttive, all'ampliamento di unità produttive esistenti, alla diversificazione della produzione in nuovi prodotti aggiuntivi, ad un cambiamento fondamentale nel processo di produzione 6

7 le spese ammissibili devono essere riferite all'acquisto e costruzione di immobilizzazioni necessarie alle finalità del programma e devono essere relative a suolo aziendale e sue sistemazioni, opere murarie, infrastrutture specifiche aziendali, impianti, macchinari ed attrezzature varie, programmi informatici, brevetti, licenze ecc. Per le PMI sono ammesse anche le spese per studi di fattibilità e consulenze le agevolazioni sono concesse sulla base della carta degli aiuti a finalità regionale nelle zone zone 87,3,c e 87,3,a e nella misura del 7,5% ESL e 15% ESL rispettivamente per le medie e le piccole imprese nel restante territorio nazionale Programmi di ricerca industriale e sviluppo sperimentale: i programmi di sviluppo sperimentale possono prevedere anche attività non preponderanti di ricerca industriale e possono essere realizzati congiuntamente dalle imprese ammissibili e da università e centri di ricerca pubblici e privati tali interventi possono essere realizzati in tutto il territorio nazionale le agevolazioni sono concesse nella misura del 50% ESL per la ricerca industriale e del 25% ESL per lo sviluppo sperimentale; tali percentuali sono maggiorate fino a 10 punti per le medie imprese e 20 per le piccole l'intensità di aiuto è stabilita per ogni singolo partecipante in misura corrispondente alle attività svolte le spese devono riguardare il personale, gli strumenti e le attrezzature, i fabbricati, i servizi di consulenza, l'acquisizione di risultati di ricerca, brevetti e diritti di licenza, le spese generali in misura non superiore al 30% delle spese di personale La nuova disciplina diventerà operativa dopo che sarà stato pubblicato in GURI il decreto che ha istituito il regime di aiuto per la concessione di agevolazioni a favore di programmi di investimento in ricerca, sviluppo e innovazione già autorizzato dalla Commissione europea e su cui si basa di fatto la disciplina del contratto di programma per quando riguarda la ricerca. 7

8 Subentro in agricoltura - D.Lgs. 185/2000: adottate le nuove modalità A seguito del trasferimento di competenze di risorse per l'imprenditorialità giovanile in agricoltura da Sviluppo Italia all'ismea, quest'ultima ha messo a disposizione sul proprio sito (alla fine di gennaio) un provvedimento relativo alle nuove modalità (in adeguamento ai regolamenti 70/2001 e 1857/2006) per la concessione delle agevolazioni per il subentro in agricoltura disposte dal D.Lgs. 185/2000 titolo I capo III. I nuovi criteri avrebbero dovuto essere operativi dal 1 febbraio Successivamente, all inizio del mese di febbraio, sul sito dell'ismea, è stata pubblicata una nuova versione delle modalità per la concessione delle agevolazioni. Possono presentare istanza i giovani imprenditori agricoli, anche in forma societaria, che subentrino ad un parente entro il terzo grado nella conduzione dell'azienda e che presentino un progetto di sviluppo o consolidamento nei settori della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. Il progetto, per un costo complessivo non superiore a euro, deve riguardare almeno uno dei seguenti obiettivi: riduzione dei costi di produzione miglioramento e riconversione della produzione miglioramento della qualità tutela e miglioramento dell'ambiente naturale o delle condizioni di igiene o del benessere degli animali. Le agevolazioni consistono in un contributo in conto capitale, un finanziamento agevolato, assistenza tecnica e premio di primo insediamento. Per gli investimenti nel settore della produzione agricola il contributo può arrivare fino al 60% dei costi nelle zone svantaggiate o al 50% nelle altre zone, mentre per gli investimenti nel settore della trasformazione e commercializzazione l'agevolazione non può superare il 50% dei costi nelle aree 87,3,a e il 40% nelle altre zone. Nella nuova versione, in particolare, sono stati aggiunti nel testo delle disposizioni i riferimenti espliciti al de minimis per gli interventi in materia di agriturismo, in quanto nella versione precedente ciò non risultava chiaramente dal dispositivo. Sono inoltre stati modificati i requisiti soggettivi in merito alla localizzazione e residenza dei richiedenti: sono stati eliminati per il subentrante e il cedente e per 8

9 l'azienda agricola e sostituiti con la richiesta che l'agricoltore che subentra abbia almeno una unità operativa nei territori ammissibili alle agevolazioni. E' stato inserito l'obbligo di terminare l'investimento entro 5 anni dall'insediamento. La nuova versione presenta un elenco ampliato dei casi in cui non è possibile concedere aiuti: non solo nel caso di fabbricazione di prodotti di imitazione o di sostituzione del latte o dei prodotti lattiero-caseari, ma neppure per acquisto di diritti di produzione, animali e piante annuali o per impianto di piante annuali. Per quanto riguarda gli aiuti per l'assistenza tecnica, sono state specificate le modalità e i requisiti per la fruizione del servizio. L'ISMEA comunica che il regolamento entra in vigore il 18 febbraio La modulistica e il regolamento sono disponibili sul sito. Per informazioni è possibile rivolgersi all'ismea - Via Cornelio Celso Roma oppure consultare il sito Incentivi per il trasporto marittimo: fissate le percentuali di contributo Nella GURI n. 23 del 28/01/2008 è stato pubblicato il decreto 8 gennaio con cui il Ministero dei Trasporti ha fissato le misure percentuali dell'ecobonus istituito con legge 265/02 a favore degli autotrasportatori che utilizzano le vie del mare (di cui abbiamo dato notizia nella Newsletter di Gennaio). Per le rotte esistenti i contributi sono fissati nelle misure seguenti da calcolarsi sulla tariffa corrisposta al vettore marittimo: rotte nazionali da 80 a 1599 da 1600 viaggi da 80 a 1599 da 1600 viaggi viaggi effettuati effettuati dal viaggi annui dal annui dal dal 1/01/07 al 1/01/07 al 23/11/07 fino 23/11/07 fino 22/11/07 22/11/07 al 2009 al 2009 Genova-Napoli 20% 25% 20% 25% restanti rotte 20% 25% 28% 30% rotte comunitarie da 80 a 1599 viaggi da 1600 viaggi effettuati effettuati dal 2007 al 2009 dal 2007 al 2009 Genova/Algeciras, Barcellona 10% 12,50% 9

10 Livorno/Tarragona, Valencia 15% 18,50% restanti rotte 20% 25% Ricordiamo che i soggetti beneficiari si impegnano a mantenere lo stesso volume di traffico trasferito, in termini di viaggi e tonnellate trasportate, per tre anni successivi rispetto al triennio per il quale si richiede il contributo, pena la revoca degli incentivi. Inoltre devono essere effettuati in un anno almeno 80 viaggi su ogni tratta, per ognuno degli anni relativi al triennio di riferimento. I moduli sono disponibili nel sito del Ministero dei Trasporti. Incentivi per l autotrasporto: acquisto di veicoli pesanti Nell'ambito della gestione del Fondo per le misure d'accompagnamento della riforma dell'autotrasporto di merci, è stato adottato con DPR 273/2007 (in GURI n. 36 del 12/02/2008) un regolamento recante le modalità di concessione di incentivi per l'acquisto di veicoli di ultima generazione Euro 5 o superiore che diventeranno obbligatori dal 1 ottobre I veicoli in oggetto devono essere adibiti al trasporto di merci, avere massa complessiva pari o superiore a 11,5 tonnellate ed essere acquistati nel biennio 2007/2008. Il Ministero intende agevolare le imprese di autotrasporto concedendo un contributo in percentuale sui sovraccosti per l'acquisto di un euro 5 rispetto ad un euro 4 quantificabili in euro. Le imprese di autotrasporto, in forma singola o di raggruppamento di imprese, possono ottenere un contributo in conto capitale pari a euro per ogni nuovo veicolo se PMI (40% dei sovraccosti) o euro per le altre imprese (30% dei sovraccosti), nelle zone rientranti nelle aree 87,3,a del paese tali limiti sono elevati a per le piccole e medie (50% dei sovraccosti) e per le altre (40% dei sovraccosti). La modulistica, i criteri di accesso all'agevolazione e le modalità di erogazione saranno adottati con apposito decreto ministeriale. La misura è gestita dal Ministero dei trasporti. 10

11 POR 2000/2006 Mis. 1.10B Sviluppo di attività economiche non agricole La Regione ha adottato, con decreto 16 gennaio 2008, un bando a valere sulla misura 1.10 B del POR per la concessione di contributi in de minimis alle imprese operanti nel settore della ospitalità diffusa e dell'imprenditorialità verde (BUR n. 4 parte III del 25/01/2008). Possono presentare domanda le piccole e medie imprese con sede operativa in uno dei comuni compresi nella Rete ecologica regionale (RER), in forma singola o associata. Le agevolazioni in conto capitale per l'acquisto di immobilizzazioni e servizi reali sono concesse nel rispetto del regime de minimis, nella misura massima del 60% delle spese ammesse. Le iniziative devono riguardare la creazione di nuove attività imprenditoriali o l'ammodernamento/ristrutturazione di attività in essere nei seguenti settori: Imprenditorialità verde: interventi per il recupero e la valorizzazione delle botteghe artigiane tradizionali nei centri storici e/o nelle ZTO (legno, ceramica, oreficeria, ferro battuto, rame, pietra, marmo, vetro, tessitura, ricamo, abbigliamento) animazione ambientale, turistica e promocommercializzazione (guida, accompagnatore naturalistico, interprete naturalistico, animatore ed educatore ambientale, creazione di iniziative consortili e di filiera, reti di promozione e gestione dell'offerta e della ricettività turistica ad ambientale) attività sportive ecocompatibili Ospitalità diffusa interventi per la creazione e il rafforzamento di sistemi di ospitalità diffusa fino ad otto posti letto ricettività e ristorazione tipica ecocompatibile Sono ammesse le spese, complessivamente non inferiori a euro, per progettazioni, fabbricati, opere murarie, impianti, macchinari ed attrezzature, servizi reali finalizzati al commercio elettronico. Le domande devono essere presentate al Dipartimento Politiche dell'ambiente, Località Corvo, Viale Isonzo, Catanzaro entro il 25 febbraio

12 Norme regionali in materia di condizionalità: modifiche Con deliberazione n. 876 del 24/12/2007 (BURC n. 3 del 01/02/2008) sono state approvate le disposizioni regionali in materia di applicazione del regime di condizionalità dei pagamenti diretti della PAC, comprendenti sia i Criteri di Gestione Obbligatori sia le Buone Condizioni Agronomiche e Ambientali. Delle Linee nazionali abbiamo già dato notizia nella Newsletter di Novembre NORMATIVA COMUNITARIA Assicurazione della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli DECRETO LEGISLATIVO 6 Novembre 2007, n Attuazione della direttiva 2005/14/CE che modifica le direttive 72/166/CEE, 84/5/CEE, 88/357/CEE, 90/232/CEE e 2000/26/CE sull'assicurazione della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli (GURI n. 261 del 9/11/07, Supplemento Ordinario n. 228). Il decreto dà attuazione alla normativa comunitaria che ha aggiornato il sistema della r.c.auto, in considerazione della necessità improrogabile di un consolidamento del mercato unico delle assicurazioni di autoveicoli a livello del mercato comune, obiettivo rilevante dell'azione comunitaria nel settore dei servizi finanziari. La direttiva ha aggiornato gli importi minimi di copertura assicurativa garantiti dagli Stati membri alle vittime di incidenti stradali, incrementandoli fino a euro per vittima e euro per sinistro. Essa ha inoltre previsto una clausola di revisione periodica dell'importo e ha soppresso la facoltà in precedenza concessa agli Stati membri di autorizzare franchigie imputabili alla vittima in caso di danni alle cose provocati da veicoli non assicurati. La direttiva ha poi introdotto il diritto del contraente di esigere in qualsiasi momento un'attestazione relativa ai sinistri provocati o all'assenza di sinistri, per ciò che riguarda il veicolo coperto da contratto, almeno durante gli ultimi cinque anni del rapporto contrattuale, ottenendo tale attestato entro quindici giorni dalla richiesta. Sempre nell'ottica di assicurare la massima tutela alle vittime di incidenti automobilistici, infine, il provvedimento che viene attuato è volto a porre fine alla pratica delle imprese 12

13 assicurative di fissare franchigie alla parte lesa. Nella trattazione del tema, viene rivolta attenzione anche al sistema degli indennizzi per incidenti caratterizzati da elementi di extraterritorialità. Repressione dell inquinamento provocato dalle navi DECRETO LEGISLATIVO 6 Novembre 2007, n Attuazione della direttiva 2005/35/CE relativa all'inquinamento provocato dalle navi e conseguenti sanzioni (GURI n.261 del 9/11/07, Supplemento Ordinario n. 228). Partendo dalle varie norme degli Stati membri in materia, la direttiva 2005/35/CE - cui il decreto in oggetto provvede a dare applicazione - ha introdotto una coerente normativa comunitaria a difesa dell'ambiente dall'inquinamento provocato dalle navi. Tale disciplina crea le garanzie affinché ai responsabili di scarichi illeciti siano comminate sanzioni penali e amministrative adeguate, efficaci, proporzionate e dissuasive. Tale direttiva, infatti, armonizza le pratiche seguite dagli Stati membri in questo delicato settore, anche grazie al sostegno prestato dalle dettagliate disposizioni fissate dalla decisione quadro 2005/667/GAI, volta a rafforzare il quadro penale per la repressione dell'inquinamento provocato dalle navi nelle acque della Comunità. La politica comunitaria sulla sicurezza marittima mira a garantire un elevato livello di sicurezza e di protezione dell'ambiente e si basa sul presupposto che ogni parte coinvolta nel trasporto di merci per mare deve essere in grado di garantire che le navi utilizzate nelle acque comunitarie siano conformi alla normativa applicabile in materia. La direttiva, posta a protezione dell'ambiente marino e volta ad aumentare la sicurezza marittima, si applica a tutti gli scarichi di sostanze inquinanti provenienti da qualsiasi nave, a prescindere dalla bandiera, con la sola esclusione delle navi militari e di quelle gestite esclusivamente per servizi statali e non commerciali. Affinché si possa ritenere che gli scarichi violino le norme in oggetto, è necessario che essi sino effettuati intenzionalmente, temerariamente o per grave e manifesta negligenza. 13

14 Igiene dei prodotti alimentari DECRETO LEGISLATIVO 6 Novembre 2007, n Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore (GURI n. 261 del 9/11/07, Supplemento Ordinario n. 228). La direttiva 2004/41/CE, cui il decreto in oggetto provvede a dare attuazione, viene segnalata per avere apportato significativi emendamenti alla precedente normativa in materia di igiene nella produzione di alimenti destinati al consumo umano, abrogando alcuni provvedimenti e rifondendo in un unico testo normativo le norme superstiti. In particolare, ben sedici direttive che essa ha abrogato riguardavano la produzione, gli scambi intracomunitari e l'importazione dai paesi terzi delle carni animali di origine bovina, suina, ovina, dei volatili da cortile, dei conigli e della selvaggina. Queste contenevano norme da considerare obsolete e non più rispondenti alle attuali esigenze sanitarie della Comunità, negli ultimi anni fortemente segnate dalla preoccupante diffusione di malattie quali l'influenza aviaria o la BSE. Sono state mantenute in vita soltanto alcune disposizioni, ritenute ancora necessarie in particolare per quanto riguarda le importazioni dai paesi terzi delle carni animali. Medicinali veterinari: esenzione dall obbligo di prescrizione MINISTERO DELLA SALUTE - DECRETO 31 Ottobre Recepimento della direttiva 2006/130/CE, che attua la direttiva 2001/82/CE, concernente la fissazione dei criteri per l'esenzione dall'obbligo della prescrizione veterinaria vigente per taluni medicinali destinati ad animali da produzione alimentare (GURI n 272 del 22/11/07, pag. 9). Il decreto recepisce una serie di criteri che, qualora siano tutti soddisfatti, comportano la concessione di deroghe all'obbligo della prescrizione veterinaria in vigore per alcuni animali da produzione alimentare. Tali criteri sono di seguito elencati: a) la somministrazione dei medicinali veterinari deve essere limitata a preparati che non richiedono alcuna competenza particolare per l'utilizzo; 14

15 b) il medicinale, anche se non somministrato correttamente, non deve presentare alcun rischio diretto o indiretto per gli animali trattati, la persona che lo somministra o l'ambiente; c) il riassunto delle caratteristiche del medicinale non deve contenere alcuna avvertenza riguardo a possibili gravi effetti collaterali derivati dall'utilizzo corretto; d) il medicinale, o qualsiasi altro medicinale contenente la medesima sostanza attiva non devono essere stati, in precedenza, oggetto di frequenti segnalazioni di gravi effetti collaterali; e) il riassunto delle caratteristiche non deve contenere controindicazioni connesse con altri medicinali veterinari utilizzati comunemente senza prescrizione; f) il medicinale non deve richiedere condizioni di conservazione particolari; g) non deve esistere alcun rischio per la sicurezza dei consumatori in riferimento ai residui presenti nei prodotti alimentari ottenuti da animali trattati, nemmeno in caso di utilizzo scorretto dei medicinali; h) non deve esistere alcun rischio per la salute umana o animale in riferimento allo sviluppo di resistenze a sostanze antimicrobiche o antielmintiche, nemmeno in caso di uso scorretto dei medicinali contenenti tali sostanze. 15

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Breve guida agli aiuti di Stato

Breve guida agli aiuti di Stato Breve guida agli aiuti di Stato Indice Lazioeuropa Temi e approfondimenti Breve guida agli aiuti di Stato Introduzione 3 1. Definizione di aiuto di Stato 5 1.1 Il principio dell investitore privato 8 2.

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni Decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 - Regolamento recante le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività produttive nelle aree depresse

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio Regolamento per la concessione del marchio del Parco nazionale del Vesuvio Delibera del Consiglio direttivo 26 maggio 1998, n. 54 Ai sensi del D.P.R. 5 giugno 1995, istitutivo del Parco nazionale del Vesuvio,

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche REGIONE ABRUZZO DIREZIONE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Servizio Investimenti Pubblici Politiche Turistiche POR FESR ABRUZZO 2007 2013 BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Gioventù in Azione Guida al Programma

Gioventù in Azione Guida al Programma Gioventù in Azione Guida al Programma Valida dal 1 gennaio 2013 Sommario INTRODUZIONE... 1 SEZIONE A INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA GIOVENTÙ IN AZIONE... 3 1. Quali sono gli obiettivi, le priorità

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

DIPARTIMENTO ATTIVITA' ECONOMICO-PRODUTllVE, FORMAZIONE-LAVORO AWISO PUBBLICO

DIPARTIMENTO ATTIVITA' ECONOMICO-PRODUTllVE, FORMAZIONE-LAVORO AWISO PUBBLICO Roma Capitale Dipartimento Attività - Eco nomico _ Produtti v ~, Form

Dettagli

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge 447/95 LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico. (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 30 ottobre 1995, n. 254) Art. 1. Finalità della legge. 1. La presente legge stabilisce

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

UFFICIO VI. Il sistema di agevolazioni alla ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

UFFICIO VI. Il sistema di agevolazioni alla ricerca industriale e sviluppo sperimentale. UFFICIO VI Il sistema di agevolazioni alla ricerca industriale e sviluppo sperimentale. Il FIRST (Fondo Investimenti Ricerca Scientifica e Tecnologica) e il FAR (Fondo Agevolazioni alla Ricerca). Stato

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46, che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI ATTUATORI DI TIROCINI EXTRACURRICULARI, ANCHE IN MOBILITÀ INTERREGIONALE ATTRAVERSO L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE SICILIANA

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Servizio IV Interventi di Sviluppo rurale

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli